Indice, ringraziamenti presentazione di Raffaele

Commenti

Transcript

Indice, ringraziamenti presentazione di Raffaele
Gennaro Aprea
DONNE, MOTORI E FORNELLI
(s)cronache di un povero amante
INDICE
Pag.
Introduzione
Prologo
La collezione delle automobiline giocattolo
La Willys Overland
La Fiat 1100 A
Intermezzo 1 - Il periodo della guerra
Il battesimo del volo
La bicicletta
I primi motori…ni, la Vespa e l’elogio del popò
L’amore crescente per le automobili ed i motori: la Millemiglia
La Lancia Augusta
La Balilla Trimarce Spider
4 Luglio 1948
La Patente
La Fiat 500 B Giardiniera di legno
La Fiat 1400
La Austin Somerset e l’Imperiale
La partenza da Roma
La Lambretta
La Fiat 1100 Giardinetta
La Delahaye
La Citroën Traction Avant
La Fiat 500 C
Il primo viaggio all’estero
Intermezzo 2
La partenza per la Nigeria
La Ford Consul, La Hillman Minx ed il Kombi Volkswagen
Fiat Nuova 500, la prima macchina comprata con i miei soldi
Intermezzo 3 – Cucinare per il piacere degli amici e per conquistare simpaticamente una donna
La Innocenti 950 Spider
La Lancia Fulvia 1° Serie
Lungo viaggio verso l’Oriente
La Lancia Flavia convertibile
La Fiat 128
Le avventure degli amici
- La Mitsubishi Pajero
- La BMW 730i
Appendice – Le ricette
- Filetto flambé
- Pasta e fagioli alla napoletana
- Il Ragù alla napoletana
- L’insalata di rinforzo
- Le alici in tortiera
- Il pomodoro turco-napoletano (o romano)
- Fusilli internazionali
- La Genovese
- Le pizzelle ed i panzerottini fritti
- Cake al formaggio caprino e zucchine
- Cake au chocolat fondant
Postfazione
1
4
5
6
8
10
22
24
27
31
33
35
37
38
40
42
44
47
49
51
53
54
56
60
63
64
66
70
76
78
89
93
101
104
108
108
110
112
113
114
116
117
118
119
120
121
122
123
123
125
I
RINGRAZIAMENTI
Desidero ringraziare innanzi tutto le fanciulle e le signore (con le relative avventure), vere o
inventate da me, che mi hanno ispirato e che hanno “partecipato” indirettamente alla stesura di
questo libretto di memorie. Erano e sono tutte belle e, anche quelle meno attraenti, avevano un
fascino al quale non ho saputo resistere.
In secondo luogo devo ricordare la collaborazione di amici ed amiche che mi hanno dato un aiuto
concreto nell’incitarmi a continuare a scrivere e proseguire nell’opera quando mi ero impigrito
dimenticandomi di aprire più spesso il file del PC sul quale ho scritto il libro, Laura Caimi
Albertini, Matilde Mancini, mia cugina Paola Pisanti, Francesco Agnello, Mario Colasurdo, mio
cugino argentino Hermes Pinnel, Sergio Romano, Giorgio Salvatores e tutti gli altri cui avevo
accennato la mia intenzione di scrivere questo tipo di memorie romanzate. Un grazie particolare a
Luigi Lazzaretti, ottimo collega di lavoro, che mi ha dato anche alcuni pareri tecnici; il quasi Dottor
Lorenzo Origoni (oggi ormai laureato brillantemente) che mi ha aiutato a trovare su Internet ed
inserire numerose foto difficilmente disponibili, così come Vittorio Venino della rivista “Ruote
Classiche” che mi ha fornito le referenze dei vecchi numeri ove apparivano le foto di alcune auto
che ho inserito nel libro e le relative caratteristiche tecniche mancanti per le loro didascalie.
Un grazie speciale a Carmen Di Napoli, giovane amica con la quale avevo scritto a quattro mani il
secondo libro che riguardava argomenti della mia professione. Carmen, di quasi due generazioni più
giovane rispetto a me, ha avuto la pazienza di leggere molte pagine, anche le più scabrose e di
dirmi, proprio perché donna di altra generazione, se era logico mantenere alcuni dettagli “delicati”.
II
PRESENTAZIONE DI
RAFFAELE LAURENZI1
Un artista della vita
“E’ una passione giovanile, vedrai che poi gli passa”…Si dice sempre così, perché di solito è così
che funziona: la vita ci mette alla prova, il tempo corrode illusioni e speranze, i rimpianti fiaccano
l’entusiasmo e ci ritroviamo improvvisamente senza interessi.
Gennaro Aprea si è ribellato a questa logica. Forse per la sua origine napoletana, forse perché ha
avuto un’infanzia invidiabile (benché attraversata dalla guerra), o forse perché non ha mai smesso
di coltivare le sue passioni, fatto sta che egli ha saputo conservare, ben oltre i 70 anni, un giovanile
entusiasmo, che travasa interamente, con simpatica ironia e sano scetticismo, in questo libro di
ricordi.
Non è una biografia, è piuttosto un diario scritto a posteriori di cui non è lui il protagonista. I
protagonisti veri sono le passioni che lo hanno accompagnato e stimolato tutta la vita: le automobili,
le belle donne e la buona cucina. Gennaro Aprea ha saputo fonderle e gustarle come solo un
intenditore sa fare. I suoi ricordi non ci svelano storie inedite, ma storie che tutti noi abbiamo già
vissuto o che avremmo voluto vivere.
E qui sta il bello, perché il suo racconto costringe il lettore a ricordare a sua volta. Fatalmente
riaffiorano persone, cose, episodi ed emozioni che spesso egli ha rimosso, cancellati – assieme alle
antiche passioni – da un tran-tran noioso e pressante che non gli ha mai lasciato il tempo di
abbandonarsi a sé stesso.
Mentre Aprea ricorda e racconta, senza falsi pudori, le sue “prime volte che…”, il lettore è costretto
a fare altrettanto, a ricordare, come lui fa’, la sua prima automobilina pagata 20 centesimi (di lira),
le sue prime palpitazioni per una fanciulla, la sua prima “500”…Tutto questo su uno sfondo di un
contesto storico e sociale che accomuna tutti coloro che, per ragioni anagrafiche, hanno vissuto anni
difficili, eppure felici.
III
1
Direttore di “RUOTE CLASSICHE”, il più autorevole mensile dell’Editoriale Domus sulle auto del passato.

Documenti analoghi