il massaggio: un momento di cura e intimità tra mamma

Commenti

Transcript

il massaggio: un momento di cura e intimità tra mamma
IL MASSAGGIO: UN MOMENTO DI CURA E INTIMITÀ
TRA MAMMA E BAMBINO
L’importanza del massaggio
Per il corpo:
• migliora la circolazione sanguigna e linfatica
• allevia il fastidio delle coliche
• aiuta in caso di stitichezza
Per la mente:
• aiuta a rilassarsi e a dormire meglio
• aiuta a prendere coscienza del proprio corpo
• trasmette al piccolo sicurezza e tranquillità
• attraverso il contatto fisico, stabilisce una comunicazione armoniosa tra mamma e bambino
Di cosa hai bisogno
1. Un ambiente confortevole
La stanza deve avere una temperatura di circa 23°. Assicuratevi di avere le mani calde prima di iniziare.
2. Nessuna fretta
Il massaggio non va praticato in modo frettoloso, per renderlo piacevole anche la mamma deve essere
rilassata. Ricordate, non a stomaco pieno!
3. I prodotti giusti
Ideale l’olio, facilmente stendibile e che forma sulla pelle un velo non occlusivo, permettendo la normale
traspirazione della pelle, nel rispetto del film idrolipidico fisiologico. Scegliere prodotti ad azione lenitiva
e emolliente, ottimi quelli contenenti olio di mandorle dolci e olio di oliva per una maggiore idratazione.
ATTENZIONE! I massaggi vanno evitati quando il piccolo ha la febbre o un eczema.
Il massaggio nel primo anno di vita
Nel primo mese di vita, il bebè ama il massaggio sulla schiena, dall’alto verso il basso. Nel massaggio
alla schiena bisogna stare però attenti a non lavorare mai sulla spina dorsale ma ai due lati.
Fino a un anno di vita, il massaggio deve essere una carezza avvolgente su torso, gambe e braccia, praticato
con tutto il palmo delle mani. Per i piedini, invece, vanno utilizzati i pollici, partendo dal tallone e salendo
fino alle dita.
ATTENZIONE! Spesso i bebè non amano il solletico, quindi: tocco delicato ma fermo!
Il menù dei massaggi
BIOENERGETICO DOLCE
Questo massaggio nasce negli anni ‘50 dal lavoro della pediatra e ostetrica statunitense Eva Reich
ed è chiamato anche butterfly massage per via del contatto leggero come quello di una farfalla attraverso
cui si articola. Lo scopo del massaggio è l’interazione fisiologica tra madre e bambino, il tentativo di
creare un contatto, in primis fisico, e prevenire l’insorgere di barriere emotive.
Prevede un contatto su tutto il corpo del bambino seguendo le direttrici alto/basso, interno/estremità
attraverso tre tipi di movimento:
• Leggero sfioramento prolungato con le dita lungo tutto il corpo.
Le mani devono essere quasi del tutto aperte, come a voler coprire la maggior superficie possibile.
• Movimento circolare dei polpastrelli di tutte le dita a tracciare dei cerchi sul corpo del piccolo.
• Vibrazioni costanti e leggere accompagnano il massaggio per tutta la sua durata.
SHANTALA
Diffuso in Europa dall’ostetrico e ginecologo francese Frédérick Leboyer, noto precursore del cosiddetto
parto dolce, è un massaggio tipico della regione del Kerala, nell’India meridionale.
Il massaggio shantala segue i principi della Medicina Ayurveda e viene tramandato di generazione
in generazione. Va eseguito preferibilmente al mattino presto o all’ora del tramonto, i momenti
più tranquilli della giornata.
È un massaggio che coinvolge tutto il corpo, e si effettua mettendo il bambino a pancia in giù su una
superficie che sia il più possibile morbida e confortevole oppure sulle gambe della mamma strofinando
i palmi delle mani che devono aderire bene alla cute del bambino.
IAIM
Viene ideato negli anni ‘70 ad opera di Vimala McClure, guru del massaggio infantile e fondatrice dell’IAIM
(International Association of Infant Massage). Ecco cosa diceva sul massaggio:
“Congiungi il tuo cuore a quello del tuo bambino. Toccalo usando le mani, gli occhi, il cuore.
Lascialo interagire con il mondo che vive e respira.”
Il massaggio IAIM, più che una tecnica è un sistema organico, la somma di pratiche provenienti
da tutto il mondo e da diverse epoche:
• il massaggio indiano
• lo yoga
• la riflessologia plantare
• I principi del massaggio svedese elaborati da Per Henric Ling all’inizio dell’800.
Il massaggio si articola in più fasi, ognuna adatta alle esigenze del piccolo, e padroneggiarle tutte
richiede un training approfondito.