sercóm de sta calmi

Commenti

Transcript

sercóm de sta calmi
1
SERCÓM DE STA CALMI
di Velise Bonfante
Scena: Una sala o un soggiorno.
Personaggi: Beatrice - moglie
Arturo - marito
Lorenzo/a - figlio/a
*****
Arturo) (Entra) Naróm a fa le spese. (Alla moglie fuori) Set pronta Beatrice, möet che l’è tarde.
Catóm i negòse seràcc se te spètet amó ‘n po. (Prende le chiavi dell’auto con un grosso
portachiavi - con noncuranza e ben visibile, le infila in tasca) L’è ‘n pès che me so pronto.
Beatrice) En minüt e so pronta apó me. (Entra abbottonandosi un golfino, le resta in mano un
bottone) Me s’è destacàt el butù, spèta en momènt che ‘l tache (prende ago e filo e lo ricuce)
pòde mia ‘ndà ‘n giro sensa butù.
Arturo) Ghet pròpe de tacàl adès?
Beatrice) Fo en de ‘n minüt Arturo, ansi, za che ghe som, sarà mèi fermàs apó en merceria a tö ‘l ref
négher che l’è quasi finìt.
Arturo) Che ‘n fet del ref négher?
Beatrice) Come che ‘n fo del ref négher!? Per cùzer le ròbe negre
Arturo) Pòdet mia doprà un alter culur? Ghet pròpe de doprà ‘l fil négher?
Beatrice) Se pöl mia doprà en alter culùr, con de un alter culùr se vèt la cuzidüra diversa.
Arturo) Bisogna pròpe ‘naga encö a tö sto fil?
Beatrice) L’è ‘n momènt, se fermóm en minüt en merceria, l’è apó sö la strada.
Arturo) I conòse i tò minücc Beatrice, j-è compagn de chèi del barbér.
Beatrice) Va be Arturo, faróm sensa fermàs, volarà dì che ‘ndaró me aposta en paés dumà matina a
tö ‘l ref négher.
Arturo) Sta mia mitìla zo tant spèsa per en pó de fil négher.
Beatrice) Me la mète mia zo spèsa, l’è che ‘l fil négher l’è finìt, el me ocor, pòde mia fa sensa.
Arturo) Se pöl mia doprà un alter fil?
Beatrice) Nò se pöl mia, e pò (alzando la voce) quante ólte ghet cuzìt te? Cosa vöt sai te de fil e mia
fil? Se t’ho dit che me ócor el fil négher, l’è perchè me ócor el fil négher!
Arturo) Te par el caso de rispundìm isé mal Beatrice?!
Beatrice) Scüsa, vulìe mia rispundìt mal Arturo, se vèt che so ‘n pó nervusa.
Arturo) Sercóm de sta calmi Beatrice.
Beatrice) (Contando mentalmente fino a 10 con le dita, al pubblico) Sercóm de sta calmi Arturo!
Arturo) L’è mei che te nàghet del dutùr a fat dà en vargòt de calmà, te se tròp agitada. (Al pubblico)
Vardì se chesto l’è ‘l modo de rispónder al so òm .(Legge il biglietto.) Ela chèsta la lista de
la roba de comprà?
Beatrice) Sé.
Arturo) El ris?! Che ‘n fet del ris che i la mangia nüsü en chèsta casa?
2
Beatrice) Me ‘l mange el ris e apó i tò fiöi i la mangia quan che ghèl prepare, se pöl mia sta sensa
ris en de ‘na casa.
Arturo) La farina zalda?! Che ‘n fet de la farina zalda? Te la fe mai la polenta!
Beatrice) (Spiegando pazientemente) Fo mai la polenta perchè g’ho mia la farina zalda, te vedaré
che quan che g’ho la farina zalda faró la polenta.
Arturo) La maionese?! Pòdet mia fala te la maionese? Chèla fada en casa l’è pö buna.
Beatrice) El só che l’è pö buna, e de sòlit la fo me quan g’ho tèmp, però en tübèt de maionese l’è
sèmper bèl vighèl en casa en de na prèsia.
Arturo) Ghe n’è mia de prèsie söl mangià. E po’: cosa la comprèt a fa, se te la fe te, la maionese?
Beatrice) E va be, scancèla la maionese da la lista, faróm sensa comprala.
Arturo) La custodia per el telecomando? Che ‘n fet de la custodia per el telecomando?
Beatrice) Vöi cambiala, chèla che gh’è adès l’è töta róta, col tèmp la s’è sbregàda.
Arturo) La s’è sbregàda perchè la sèrf a nient.
Beatrice) Come la sèrf a nient. Se ‘l telecomando el va en tera, senza custodia el se romp.
Arturo) El telecomando l’è vècc, quan che ‘l sarà rot el sbatóm vià e ‘n comprom giü nöf.
Beatrice) Perchè vöt compral nöf quan che chèsto el va amó be.
Arturo) Adès el va be, ma l’è vècc, el dürarà amó poch.
Beatrice) Entant ghe compróm la custodia.
Arturo) La custodia la compróm mia, parle al vènt me? T’ho dit che j-è töcc sólcc sbatìcc vià.
Beatrice) (Alzando la voce) E va be, sèmper a fa polemiche sö töt. Faróm senza compràla se te
rincrès i solcc, dai nóm che adès so pronta.
Arturo) A me, me rincrès mia i sólcc! (Offeso) I sólcc i m’è mai rincrisìcc, t’ho sèmper contentàt en
töt e per töt. Bèla riconoscensa. Beatrice, te par el modo de rispondìm chèsto?
Beatrice) En che modo t’hói rispundìt Arturo?
Arturo) Mal, te me rispóndet sèmper mal Beatrice.
Beatrice) Scüsa, vulìe mia, se vèt che ‘ncö so ’n pó nervusa.
Arturo) Atèr fat che nervùsa, sercóm de sta calmi, sercóm de das na bèla calmada (mentre Beatrice
mentalmente conta fino a dieci sulle dita, prosegue) se te ve avanti isé, te ris-cèt l’ulcera.
Beatrice) Sét pronto?
Arturo) L’è ‘n pèz che me so pronto (guardandosi attorno) endo èle le ciàf de la machina?
Beatrice) Èle mia lé, al sò post?
Arturo) No, le gh’è mia al sò post se nò le vedarés. Garó tancc difècc, ma la vista ghe l’ho buna.
Beatrice) E sé che j-è tacade a ‘n portaciàf gròs.
Arturo) Apunto, se garés de vidìle.
Beatrice) Ghe l’ho mès aposta gròs, isé j-è pö ‘n vista. Come mai le gh’è mia? J-è sèmper stade ché
le ciàf. Chi g’ha dopràt la machina per ültim?
Arturo) Me nò, l’è du dé che vo a pè.
Beatrice) Me l’ho dopràda ger dopmesdé per ‘na al supermercat.
Arturo) E alura te j-e pèrse te, l’è culpa tò. Endó èle le ciaf Beatrice? Endó j-ét postade?
3
Beatrice) (Inizia a cercare) Forse j-aró lasade en de la borsèta (rovescia il contenuto della borsetta,
cerca nelle varie tasche, ripetendo ogni tanto: “Sant’Antonio de la barba bianca fam troà
chèl che me manca” al marito) Dam ‘na ma a cercà le ciàf Arturo.
Arturo) (Seduto in bella vista girandosi tranquillo i pollici) Me?! Endó le serche le tò ciaf? Me, la
machina l’ho mia dopràda e sarés gna ‘ndo sercàle cara mia.
Beatrice) (Rifà i movimenti) So vignìda dènter, g’ho postàt la bursa e la posta, forse j-è ‘nsèma a le
bolète de la luce (apre i vari cassetti) pó g’ho mès via la spesa (cerca dappertutto). Forse j-è
burlade zo ché dedré (lo sposta a fatica, al marito) Arturo, dam ‘na ma per piazér a spostàl.
Arturo) (Alzandosi annoiato) Te set pròpe buna de fa niènt de sula, ma se no ‘l pésa niènt sto
mobilèt.
Beatrice) Dam ‘na ma lostès a spostàl, per piazèr.
Arturo) Endó èla la tò forsa, apena ne la lengua? El pesa gnènt, varda Beatrice, quasi quasi me ‘l
sposte apena con de ‘na ma.
Beatrice) (Alzando la voce) E alura spòstel e móchela lé de fa tante polemiche!
Arturo) Me te dó ‘na ma e te?! (Offeso) Chèsta l’è la riconoscensa che se g’ha quan se àida le
persune. Gna grasie i te dis. Te par el modo de rispondìm chèsto? De rispondèr isé, a me che
so ‘l tò òm... che so ‘l tò amore...
Beatrice) Scüsa Arturo, sarà perchè so ‘n pó nervùsa.
Arturo) Ultimamente, ater fat che nervüsa, se pöl gna parlàt ensema! Sercóm de sta calmi e sérca de
dat na bèla calmada Beatrice, se pöl mia ‘nda avanti isé.
Beatrice) (Guardando dietro) Le gh’è mia le ciàf lé dedré.
Arturo) Visto, te le spostàt per niènt. Te me fat laurà pròpe per niènt. (Rimettono a posto il
mobiletto) Le ciàf le g’ha de saltà föra! Le sarà mia sparìde! El j-arà mia mangiàde el luf! Se
pöl saì che fì che le g’ha fat!? (Severo) Te j-aré mia pèrse, per caso, Beatrice!
Beatrice) Scüza Arturo, fam pensà, la machina èla nel garage?
Arturo) Sé, l’è ‘n garage.
Beatrice) Alura, se so vignida a casa co’ la machina, so vignida a casa apó co’ le ciàf. Te par?
Arturo) Giusto Beatrice.
Beatrice) Vo a véder se per caso j-è restade en sö la machina.
Arturo) (Rimasto solo) A ólte la me preocupa la me Beatrice, sèmper nervusa, la g’ha pö la
memoria de ‘na ólta, (indicando il mobiletto) la g’ha pèrs le fórse, la se ‘n ràbia per gnènt.
Sarà l’età. Me tocarà portà pazienza, tanta paziensa, i dis töcc che la menopausa l’è ‘n bröt
periodo per le fómne. Se vèt che l’è vera.
Beatrice) (Rientrando) La machina l’è serada a ciàf, ciò significa che le ciàf j-è riade ché e le g’ha
de èser che ‘n casa per fórsa.
Arturo) (Molto paziente) Pröa a concentràt Beatrice. Pensa a ‘ndó te j-e lasade.
Beatrice) Ché, so sicüra, (indicando il luogo) ché, le pòste semper ché, só pö che sicüra.
Arturo) G’het vardàt be dapertöt? Come fom adès sensa ciàf?
Beatrice) Però ghìe sö l’altra giachèta, forse le ciàf j-è restade en chèle gajòfe. Fam ‘na a véder se
per caso... no se sa mai (esce).
Lorenzo) (Entra canticchiando) Ciao bubà, cosa g’het? Te me pàret preocupàt.
Arturo) Ciao Lorenzo, g’ho gnènt, cioè, so ‘n pó preocupàt per la tò mama.
4
Lorenzo) La mama? Endó èla la mama?
Arturo) L’è de là. La g’ha pèrs le ciàf de la machina e l’è dre a sercàle.
Lorenzo) Le ciàf de la machina?
Arturo) Pròpe. E adès, come faróm mai sensa ciàf.
Lorenzo) La machina l’è ‘n garàge, l’ho vista me ‘n minüt fa quan che g’ho mès dènt la moto. Se
gh’è la machina gh’è apó le ciaf.
Arturo) Speróm che te gàbet rezù.
Lorenzo) Bubà, me ocorarés en pó de solcc, me ‘mprestareset mia, per piazèr sènto euro?
Arturo) De fan?
Lorenzo) I me ocór, g’ho de ‘ndà en de ‘n posto con dei me amici, te volaré mia che faghe bröta
figüra en giro.
Arturo) No, no, per carità, spèta (nel prendere il portafogli si accorge delle chiavi) tòh... ohhh
(meravigliato) varda chèl che g’ho troàt (estrae le chiavi)!
Beatrice) “Sant’Antonio de la...” (Entrando vede le chiavi) le ciàf... menomal... le ciàf de la
machina! Endó j-et troàde Arturo? Ghe j-eret te Lorenzo?
Lorenzo) No, el ghe j-a el bubà en gajòfa.
Beatrice) (Alzando la voce) Te gherèt le ciàf de la machina en gajofa e te ghe dit che la machina te
le mia dopràda.
Lorenzo) Mama, sta mia ‘nrabiàt per gnènt, ormai le ciàf j-è saltade föra. Sérca de sta calma.
Arturo) E menomàl che j-è saltade föra!
Beatrice) E garés mia de ‘nrabiàm! E varda ché e varda là e sposta i mòbii e vöda töcc i casècc... e
lü el ghe j-ha en gajofa (imitandolo girando i pollici) “Sarés gna ‘ndó sercàle le ciàf” ghéret
póra a vardàt en gajofa Arturo! El par gna lü chèl del fato. Che set dré a pensà se pöl saìl?
Arturo) Sie dré a domandam, cioè, volarés pròpe saì chi che m’ha mès en gajòa le ciàf?! Chi che s’è
permitìt de mitiméle en gajofa!
Beatrice) (Inalberandosi) G’ho gnamó capìt, scüsa né Arturo, ma set dre a tiràm per el cül?
Arturo) Me permetarés mai Beatrice! E te l’è mèi che te dàghet öna calmada, varda me, ciapa
esempio da me, me so semper calmo, tranquillo, me ‘nràbie mai.
Lorenzo) Mama, el g’ha rezù ‘l bubà, ultimamente te me pàret tròp nervusa. Sérca de sta calma.
Beatrice) Me so nervùsa e garés de sta calma! (Alzando gli occhi al cielo) Signùr, Te domande
poch, però te preghe, sta mia mandàm la calma, mendèm la pazienza de Giobbe!
fine
CERCHIAMO DI RESTARE CALMI
TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO
di Velise Bonfante
Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali.
Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).
5
Scena: Una sala o un soggiorno.
Personaggi: Beatrice - moglie
Arturo - marito
Lorenzo/a - figlio/a
*****
Arturo) (Entra) Andremo a fare le spese. (Alla moglie fuori) Sei pronta Beatrice, muoviti che è
tardi. Troveremo i negozi chiusi se aspetti ancora un po’. (Prende le chiavi dell’auto con un
grosso portachiavi - con noncuranza e ben visibile, le infila in tasca) È un pezzo che io sono
pronto.
Beatrice) Un minuto e sono pronta anch’io. (Entra abbottonandosi un golfino, le resta in mano un
bottone) Mi si è staccato un bottone, aspetta un momento che lo riattacco (prende ago e filo
e lo ricuce) non posso andare in giro senza un bottone.
Arturo) Devi proprio riattaccarlo adesso?
Beatrice) Faccio in un minuto Arturo, anzi, già che ci siamo, sarà meglio fermarsi anche in
merceria a prendere il filo nero che è quasi finito.
Arturo) Che ne fai del filo nero?
Beatrice) Come che ne faccio del filo nero?! Per cucire le cose nere.
Arturo) Non puoi usare un altro colore? Devi proprio usare il filo nero?
Beatrice) Non si può usare un altro colore, con un altro colore si vede la cucitura diversa.
Arturo) Bisogna proprio andare oggi a prendere questo filo?
Beatrice) È un attimo, ci fermiamo un minuto in merceria, è anche sulla strada.
Arturo) Li conosco i tuoi minuti Beatrice, sono come quelli del barbiere.
Beatrice) Va bene Arturo, faremo senza fermarci, vorrà dire che andrò io apposta in paese domani
mattina a comperare il filo nero.
Arturo) Non farla tanto lunga per un poco di filo nero.
Beatrice) Non la faccio tanto lunga, è che il filo nero è finito, mi serve, non posso farne a meno.
Arturo) Non si può usare un altro filo?
Beatrice) No, non si può, inoltre (alzando la voce) quante volte hai cucito tu? Cosa vuoi sapere di
filo e non filo
Arturo) Ti pare il caso di rispondermi così male Beatrice?!
Beatrice) Scusa, non volevo risponderti male Arturo, si vede che sono un po’ nervosa.
Arturo) Cerchiamo di stare calmi Beatrice.
Beatrice) (Conta mentalmente fino a 10 con le dita, al pubblico) Cerchiamo di stare calmi Arturo.
Arturo) È meglio che tu vada dal dottore a farti dare qualcosa per calmarti, sei troppo agitata. (Al
pubblico) Ma guarda se questo è il modo di rispondere a suo marito. (Legge il biglietto.) È
questa la lista della roba da comperare?
Beatrice) Sì.
Arturo) Il riso! Che ne fai del riso che non lo mangia nessuno in questa casa?
Beatrice) Io mangio il riso e anche i tuoi figli lo mangiano quando glielo preparo, non si può restare
senza riso in casa.
Arturo) La farina gialla?! Che ne fai della farina gialla? Non la fai mai la polenta!
6
Beatrice) (Spiegando pazientemente) Non faccio mai la polenta perché non ho la farina gialla,
vedrai che quando avrò la farina gialla farò la polenta.
Arturo) La maionese?! Non puoi farla tu la maionese? Quella fatta in casa è più buona.
Beatrice) Lo so che è più buona e di solito la faccio io quando ho tempo, però un tubetto di
maionese è sempre bello averlo in casa se dovesse servire in fretta.
Arturo) Non ci dovrebbe essere della fretta sul mangiare. Inoltre, perché la compri se la puoi fare tu
la maionese?
Beatrice) E va bene, cancelliamo la maionese dalla lista, faremo senza comperarla.
Arturo) La custodia per il telecomando? Che ne fai della custodia per il telecomando?
Beatrice) Voglio cambiarla, quella che c’è ora è tutta rotta, col tempo si è rotta.
Arturo) Si è rotta perché non serve a niente.
Beatrice) Come non serve a niente. Se il telecomando va in terra senza custodia si rompe.
Arturo) Il telecomando è vecchio, quando sarà rotto lo buttiamo via e ne comperiamo una nuovo.
Beatrice) Perchè vuoi comperarlo nuovo quando questo va ancora bene.
Arturo)Ora va bene, ma è vecchio, durerà ancora poco.
Beatrice) nel frattempo gli comperiamo la custodia.
Arturo) La custodia non la comperiamo, parlo al vento io? Ti ho detto che sono soldi buttati via.
Beatrice) (Alzando la voce) E va bene, sempre a far polemiche su tutto. Faremo senza comperarla se
ti rincrescono i soldi, dai andiamo che ora sono pronta.
Arturo) A me non rincrescono i soldi. (Offeso) I soldi non me li sono mai fatti rincrescere, ti ho
sempre accontentato in tutto e per tutto. Bella riconoscenza Beatrice, ti pare il modo di
rispondermi questo?
Beatrice) In che modo ti ho risposto Arturo?
Arturo) Male, tu mi rispondi sempre male Beatrice.
Beatrice) Scusa, non volevo, si vede che oggi sono un poco nervosa.
Arturo) Altro che nervosa (mentre Beatrice mentalmente conta fino a dieci sulle dita, prosegue) se
vai avanti così rischi l’ulcera.
Beatrice) Sei pronto?
Arturo) È da un pezzo che io sono pronto (guardandosi attorno) dove sono le chiavi della
macchina?
Beatrice) Non sono lì, al loro posto?
Arturo) No, se fossero al loro posto le vedrei. Avrò tanti difetti ma ho la vista buona.
Beatrice) E sì che sono attaccate ad un grosso portachiavi.
Arturo) Appunto, si dovrebbero vedere.
Beatrice) L’ho messo apposta grosso, così si vede. Come mai non ci sono? Sono sempre stata qui le
chiavi. Chi a usato la macchina per ultimo?
Arturo) Io no. Sono due giorni che vado a piedi.
Beatrice) Io l’ho usata ieri pomeriggio per andare al supermercato.
Arturo) Allora le hai perse tu, la colpa è tua. Dove sono le chiavi Beatrice? Dove le hai appoggiate?
7
Beatrice) (Inizia a cercare) Forse le avrò lasciate nella borsetta (rovescia il contenuto della
borsetta, cerca nelle varie tasche, ripetendo ogni tanto: “Sant’Antonio della barba bianca
fammi trovare ciò che mi manca” al marito) Dammi una mano a cercare le chiavi Arturo.
Arturo) (Seduto in bella vista girandosi tranquillo i pollici) Io?! Dove le cerco le tue chiavi? Io, la
macchina non l’ho usata e non saprei dove cercarle cara mia.
Beatrice) (Rifà i movimenti) So venuta dentro, ho appoggiato la borsa e la posta, forse sono assieme
alle bollette della luce (apre i vari cassetti) poi ho messo via la spesa (cerca dappertutto).
Forse sono cadute qui dietro (lo sposta a fatica, al marito) Arturo, dammi una mano per
piacere a spostarlo.
Arturo) (Alzandosi annoiato) Non sei proprio capace di far niente da sola, ma se non pesa niente
questo mobiletto.
Beatrice) Dammi lo stesso una mano a spostarlo, per favore.
Arturo) Dov’è la tua forza, solo nella lingua? Non pesa niente, guarda Beatrice, quasi quasi io lo
sposto solo con una mano.
Beatrice) (Alzando la voce) E allora spostalo e smettila di fare tante polemiche.
Arturo) Io ti do una mano e tu?! Ti pare questo il modo di rispondere a tuo marito? (Offeso) Questa
è la riconoscenza che si ha quando si aiutano le persone. Nemmeno grazie ti dicono.
Rispondere così, a me, a tuo marito, al tuo amore.
Beatrice) Scusa Arturo, sarà perchè sono un poco nervosa.
Arturo) Ultimamente, altro che nervosa, non ti si può parlare insieme, Cerchiamo di restare calmi e
di darci una bella calmata Beatrice, non si può andare avanti così.
Beatrice) (Guardando dietro) Non ci sono le chiavi qui dietro.
Arturo) Visto, lo hai spostato per niente. Mi hai fatto lavorare per niente. (Rimettono a posto il
mobiletto) Le chiavi devono saltare fuori. Non saranno sparite! Non le avrà mangiate il lupo!
Si può sapere che fine hanno fatto? (Severo) Non le avrai perse, per caso, Beatrice!
Beatrice) Scusa Arturo, fammi pensare, la macchina è in garage?
Arturo) Sì, è in garage.
Beatrice) Allora, se sono venuta a casa con la macchina, sono venuta anche con le chiavi. Ti pare?
Arturo) Giusto Beatrice.
Beatrice) Vado a vedere se per caso sono rimaste sulla macchina.
Arturo) (Rimasto solo) A volte mi preoccupa la mia Beatrice, sempre nervosa, non ha più la
memoria di una volta, (indicando il mobiletto) ha perso le forze, si arrabbia per nulla. Sarà
l’età. Mi toccherà portare pazienza, dicono tutti che la menopausa è un brutto periodo per le
donne. Si vede che è vero.
Beatrice) (Rientrando) La macchina è chiusa a chiave, ciò significa che le chiavi sono arrivate fino
qui e devono per forza essere qui in casa.
Arturo) (Molto paziente) Prova a concentrarti Beatrice. Pensa a dove le hai lasciate.
Beatrice) Qui, sono sicura, (indicando il luogo) li appoggio sempre qui, sono più che sicura.
Arturo) Hai guardato bene dappertutto? Come faremo ora senza chiavi?
Beatrice) Però avevo addosso l’altra giacchetta, forse le chiavi sono rimaste in quelle tasche. Fammi
andare a vedere se per caso… non si sa mai (esce).
Lorenzo) (Entra canticchiando) Ciao papà, cosa hai? Mi sembri preoccupato.
8
Arturo) Ciao Lorenzo, non ho niente, cioè, sono un po’ preoccupato per la tua mamma.
Lorenzo) La mamma? Dov’è la mamma?
Arturo) È di là. Ha perso le chiavi della macchina e le sta cercando.
Lorenzo) Le chiavi della macchina?
Arturo) Proprio. E ora, come faremo senza chiavi?
Lorenzo) La macchina è in garage, l’ho vista io un minuto fa quando ho messo dentro la moto. Se
c’è la macchina ci sono anche le chiavi.
Arturo) Speriamo che tu abbia ragione.
Lorenzo) Papà, mi servirebbero un po’ di soldi, non mi presteresti per favore, cento euro?
Arturo) Che ne fai?
Lorenzo) Mi servono, devo andare in un posto con i miei amici, non vorrai che faccia brutte figure
in giro.
Arturo) No, no, per carità, aspetta (nel prendere il portafogli si accorge delle chiavi) toh... ohhh
(meravigliato) guarda quello che ho trovato (estrae le chiavi)!
Beatrice) “Sant’Antonio della...” (Entrando vede le chiavi) le chiavi... menomale... le chiavi della
macchina! Dove le hai trovate Arturo? Le avevi tu Lorenzo?
Lorenzo) No, le aveva papà nella tasca.
Beatrice) (Alzando la voce) Avevi le chiavi della macchina in tasca e hai detto che la macchina non
l’hai usata.
Lorenzo) Mamma, non arrabbiarti per niente, ormai le chiavi sono saltate fuori. Cerca di stare
calma.
Arturo) E menomale che sono saltate fuori.
Beatrice) E non dovrei arrabbiarmi! E guarda qui e guarda là e sposta i mobilie vuota tutti i
cassetti… e lui le ha in tasca (imitandolo girando i pollici) “Non saprei nemmeno dove
cercarle” avevi paura a guardarti in tasca Arturo! Non sembra nemmeno lui quello del fatto.
Che stai pensando, si può sapere?
Arturo) Stavo domandandomi, cioè, vorrei proprio sapere chi me le ha messe in tasca queste chiavi.
Chi si è permesso di mettermele in tasca.
Beatrice) (Inalberandosi) Non ho capito, scusa Arturo, ma stai prendendo in giro?
Arturo) Non mi permetterei mai Beatrice! E tu è meglio che ti dia una calmata, guarda me, prendi
esempio da me, io sono sempre calmo, tranquillo, non mi arrabbio mai.
Lorenzo) Mamma, ha ragione papà, ultimamente mi sembri troppo nervosa. Cerca di stare calma.
Beatrice) Io sono nervosa e dovrei stare calma! (Alzando gli occhi al cielo) Signore, Ti domando
poco, pero ti prego, non mandarmi la calma, mandami la pazienza di Giobbe!

Documenti analoghi