Realizzato grazie al contributo della Comunità Europea

Commenti

Transcript

Realizzato grazie al contributo della Comunità Europea
Realizzato grazie al contributo della Comunità Europea
I.I.S.S. “L. DA VINCI”
FASANO
ITALY
IES PESET
ALEIXANDRE
Paterna
Spagna
BARKING ABBEY
COMPREHENSIVE SCHOOL
London
United Kingdom
DOLLARD COLLEGE
CZ Winschoten
The Netherlands
HANGÖ GYMNASIUM
Skolgatan Hangö
Finland
Cultural Heritage and National Identity
Comenius 2011-2013
The theme of our project was ' Cultural Heritage and National Identity.' Our students
explored their own and each other's background from different points of view. Knowing
yourself is knowing others. Awareness of one's own background made it easier to
communicate with people from other cultures and thus goes against racial
discrimination and general xenophobia. The students dived into various aspects of their
own socio-economic and cultural history and shared this with their partners. This way
the students gained a lot of knowledge about all the partner schools involved. Originally
we had planned to cover 4 Fields of study for the schools to focus on. However at the
first teachers' conference we realized this might be impractical and therefore settled on
3 FOS. These were : Local History, Drama, Art & Architecture. Each partner school chose
one or more of these Fields to focus on during the actual mobility while addressing the
larger theme mentioned above. Each visit resulted in a variety of end products (video of
local history, documentary and drama performances, slides, pictures and art work.)
These results have been uploaded to EST.
The project was successful in achieving the following:
Development of open minded pupils through intercultural dialogue
Pupils have developed awareness of other European landscapes, cultures and traditions.
Teachers have successfully collaborated together and exchanged skills and expertise.
This has been a fantastic opportunity for our own professional development and a
unique chance for personal growth.
Pupils have benefitted from an international education from specialist staff across link
schools (drama, history, art, film making.)
Pupils developed confidence and intercultural sensitivities as a result of staying in host
partners' homes. They have also learnt to foster respect for others' cultures, norms and
values especially if/when they may be different from their own.
It built on each school's European dimension within and around the school curriculum.
This has further increased pupils' motivation to improve their foreign language skills.
They have come to realize that foreign languages are a practical tool for everyday living
and communication, not merely a subject to study at school.
Pupils have learnt non-verbal methods of communication through drama lessons. It has
increased their confidence in expressing themselves in a creative way in front of others.
Several students who were at first reticent to share openly ended up giving great
performances! Students were constantly being challenged to try new things, especailly
subjects which are not in their formal school curriculum. This opened up their 'comfort
zones' and enhanced their experience of school. New relationships were formed between
teachers and students, even those from the same country.
Teaching skills have developed across the participating schools Teachers gained an
insight into different teaching styles and techniques. Schools also gained an insight into
the structure, efficiency and organization of other schools. One Dutch History teacher
has since been applying practices from Italian history lessons with his own students back
in Winschoten. Art teachers are more aware now of each others' specialisms and have
now got a variety of approaches when presenting and discussing art works with their
students. Italian and Spanish students have learnt in a CLIL environment.
On one hand this has familiarized them with issues that are relevant in all of Europe
today and given them an awareness for their European partners but on the other hand is
has also made them appreciate their own national values and identity. Finally it has
helped them find their common values and points of views about different aspects.
The positive effects of this experience has had a broader ripple effect within the
community, as it involved families directly. Parents became aware of their own style of
child rearing through conversations with their guests.
-
NETHERLANDS
“Dollard College” - Dr J H Hommesplein 2 - 9671 CZ Winschoten
from 21/02/2012
MUTINATI
ZIZZI
FASANO
GALIULO
PATRONELLI
DITANO
CURLO
PALMISANO
until 25/02/2012
CATERINA
FLAVIANO
ANTONELLA
FILOMENA
FEDERICA
RAMON
LUCIA
GABRIELLA
COORDINATOR
TEACHER
STUDENT
STUDENT
STUDENT
STUDENT
STUDENT
STUDENT
Exchange program Winschoten NL
19 – 24 February 2012
Sunday
19\2
Monday
20\2
Students
Arrivals
8.30-9.30 Official reception at
school by the headmaster
9.30-10.00 Coffee break
10.00-11.00 Ice breaker in
aula
11.00-12.00 General
introduction of the FOS in
aula
12.00-12.45 Lunch in aula
12.45-14.30 Start of the FOS
Thuesday
8.20- 11.30 Excursion
21\2
Westerbork
12.00 Lunch in Groningen
13.00-14.00 Visiting
Groninger Museum (De Ploeg)
14.00-17.00 Sightseeing
Groningen
17.00 Return Winschoten
Wednesday 8.20-14.00 FOS
22\2
15.00-16.00 Clinic Ice skating
Kardinge Groningen
16.30-18.00 Quick meal in
Groningen
18.00 Pathe Cinema
Thursday
8.20-14.00 FOS
23\2
15.00-19.00
Shopping and preparing
recepies at home
19.00-21.00 Diner with
students, teachers and
parents\families
in student canteen
Friday
Departures
24\2
Teachers
Arrivals
8.20-9.30 Official meeting at school
9.30-10.00 Coffee break
10.00-11.00 Ice breaker in aula
11.00-12.00 General introduction
of the FOS in aula
12.00-12.45 Lunch in aula
12.45-14.30 Start of the FOS
19.00 Diner in Winschoten
8.20- 11.30 Excursion Westerbork
12.00 Lunch in Groningen
13.00-14.00 Visiting Groninger
Museum
14.00-17.00 Sightseeing Groningen
18.00 Diner in Winschoten
8.20-14.00 FOS
15.00-16.00 Clinic Ice skating
Kardinge Groningen
16.30-18.00 Quick meal in
Groningen
18.00 Pathe Cinema
8.20-14.00 FOS
14.30-16.00
Teachers conference
19.00-21.00 Diner with students,
teachers and parents
in student canteen
Departures
ITALY
I.I.S.S. “ L. DA VINCI” - FASANO
dal 22/04/2012 al 28/04/2012
L’I.I.S.S. „L. da Vinci“ ha ospitato 23 alunni e 11 docenti stranieri ad Aprile 2012.
Sono stati ospitati dai paesi partners 21 alunni e 9 docenti nel biennio Comenius dell‘ IISS da Vinci di cui 17
liceali e 4 dell‘Ist. Professionale.
UK
F
M
F
M
FIN
F
F
M
M
F
SP
M
F
F
F
F
F
F
F
NL
F
M
M
F
M
F
BROOKE THOMAS 98
KYEL LUCKTUNG 98
MOLLY BURTON 97
RYAN DANIEL 98
FEDERICA SIBILIO 97
STEFANO SALATINO 97
FEDERICA LATORRE 97
DE CAROLIS MAIRA 94
ISABELL KINDSTEDT 96
IANINA FABRITIUS 95
KRISTIAN HAGGROTH
MARIUS KRAUFVELIN 94
REBECCA SANDBERG 95
FEDERICA VINCI 95
SCIANARO ERMINIA 96
GIOVANNI ZIZZI 96
RAMON DITANO 95
FURLEO ANGELA 95
JORGE MODOLELL
LYDIA CUESTA 96
SHAURI FERNANDEZ 96
ALBA PARIS 96
PATRICIA JIMENEZ, 97
MIRIAM MORATALLA 96
ALEJANDRO SANCHO 97
ANDREA SORIANO 96
DE CAROLIS 94
MICCOLIS FRANCESCA 96
PALMISANO 95
GALEOTA ILENIA 95
ANNESE FEDERICA 94
LUANA MANDRIOTA 93
GIUSEPPE PEZZOLLA 93
ANTONIA SIBILIO 93
MELISSA GREVEN 95
RICK ELZER 95
ELIAS BRUL 94
RIXT VELDKAMP 94
HENDRY WILTJIER 95
ELLA HEKKELMANN 95
FEDERICA PATRONELLI 96
RAMON DITANO 95
LUCIA CURLO 95
FILOMENA GALIULO 96
GIANNI LEPORE 96
ANTONELLA FASANO 96
Exchange program Fasano ITALY
dal 22/04/2012 al 28/04/2012
Domenica
22/04/2012
ARRIVI
Lunedì
23
8:30/09.50 Ice breakers - In Auditorium
09:50 /13.00 -FOS
13.00 /15.00 Pausa Pranzo
15.00/16.30 – FOS 16.30/19.00 Visita di Alberobello
Cena in famiglia
Martedì
24
08:30 /12.30 - FOS
12.30/13.30 pausa pranzo
13.30 /15.00 FOS
15.00 fine dei lavori
Cena in famiglia
Mercoledì
25
8:30 raduno presso il liceo
Visita di Lecce
colazione a sacco
Al ritorno visita di Ostuni
17.30 rientro previsto
Cena in famiglia
Giovedì
26
Venerdì
27
Sabato 28
08.30/10.30 FOS
10.30 /12.30 -Presentazione risultati FOS in auditorium – Ingresso libero anche al
pubblico –
12.30 rientro per gli studenti nelle famigliePomeriggio liberi - (ZOO)
16.00 - riunione prof (sala riservata )
20.00 Cena
PARTENZE
OLANDA - FINLANDIA – GRAN BRETAGNA
PARTENZE
SPAGNA
SPAIN
DR- PESET ALEIXANDRE SECONDARY SCHOOL-PATERNA
From 01/10/2012
until 06/10/2012
ZIZZI
FLAVIANO
teacher
GARGANO
ANGELA
teacher
GUARINI
ROSA ANNA
SCIANARO
ERMINIA
student
GALEOTA
ILENIA
student
FURLEO SEMERARO
ANGELA
student
MICCOLIS
FRANCESCA
student
LEPORE
GIANNI
student
ZIZZI
GIOVANNI
student
administrative
Exchange program Spain
From 01/10/2012
until 06/10/2012
MONDAY 1ST OCT.
9:30 – 14:30: OCEANOGRAFIC, VALENCIA (Finland and U.K)
Lunch for teachers
Restaurant Arco Iris, Paterna
Lunch for students
Home
Free afternoon
TUESDAY 2nd.OCT
8:00-8:30: Welcome and Break Ice activity
8:30 – 10:30: FOS
10:30 -11:00: Coffee Break
11:00 -13:30: FOS (Art) or
11:00 – 11:30: FOS (Local History)/ 12:00 Archaeological Museum
Lunch for students Home
15‟15: Trip to San José ´Caves, Vall d´Uxo
WEDNESDAY 3rd.th OCT.
Students have to be at school at 9:30
10:00 – 13:00- Valencia Tour
13:00 – 14:00 – Free time to buy Souvenirs
Lunch
Picnic in Malvarrossa Beach
15:30 -17:00: Volley-Beach or Games.
THURSDAY 4th OCT.
8:00 – 10:30: FOS
10:30 -11:00: Coffee Break
11:00 -14:00: FOS (Local History)
11:00 – 11:30: FOS (Art) / 12:00 Archaeological Museum
Lunch for students
19:00 – 22:00
students
FRIDAY 5th OCT.
Italian group 9:00- School
10:00 – Touristic Bus , Valencia
Lunch for students 14: 30 - At home
Free time
Home and free afternoon
Farewell cocktail at school with the families and
UNITED KINGDOM
Barking Abbey Comprehensive School- Ilford London
from 27/01/2013
until 01/02/2013
ZIZZI FLAVIANO
TEACHER
FUMAROLA MARIA
TEACHER
FEDERICA LATORRE
STUDENT
STEFANO SALATINO
STUDENT
FEDERICA SIBILIO
STUDENT
ISMAILI MARIGLEN
STUDENT
CHERUBINI GRAZIANO
STUDENT
EXCHANGE PROGRAM UNITED KINGDOM
from 27/01/2013
Monday
Tuesday
until 01/02/2013
Wednesday
Thursday
Friday
PICK UP
FROM HOTEL:
TBC
PICK UP
FROM HOTEL
TO SCHOOL
:7.30AM
PICK UP FROM
HOTEL TO
SCHOOL:7.30AM
PICK UP FROM HOTEL TO
UPNEY STATION:7.20AM
PICK UP FROM HOTEL
TO SCHOOL:7.45AM
All students and
staff meeting
Drama 1
8.20am.
P1 – Workshops start
Art: tbc DSI* Rooms
TBC
Drama: tbc GEN TV
STUDIO
TIMES TBC
Upney @ 8am
AM- complete
work/finalise
presentations,
performances and put up
gallery.
Departures
P1 -Meeting
MLL + dance +
music
P2 – Go to
lessons with
partners.
Teachers have
school tour
Break
P3- Team
building
Speed bonding –
Drama 1
P4 – Canteen
Lunch. Until
12.45pm
1pm – depart for
London –
Woodbridge
Road Gate.
P5 –London
visit
Students back at
school by 6pm
with 2
Staff Evening
P2 – Continue with
workshops
Drama: TV STUDIO
LH:
MORNING – Whitechapel area.
AFTERNOON – Docklands
Museum
LIBRARY BOOKED
FOR LH LESSON 1- 4
Back at school by 4pm latest
(Y11 parents‟ evening starts
3.30pm)
TV STUDIO BOOKED
FOR DRAMA 1-4
All students
meet in school
canteen with
luggage.
Some groups
visit London
with their own
students.
.
BREAK
P3 – Continue in
workshops
Art: Rooms
Drama: TV STUDIO
LH: As above
P4 – Continue in
workshops
Art: Rooms
Drama: TV STUDIO
LUNCH
P5 – Continue with
workshops
LH: Interview
Muslim students
LIBRARY
.
LEAVE SCHOOL :
3PM
LEAVE HOTEL:
6.45PM ROMFORD.
MEET AT 7.15PM
„COSMOS‟
6 lessons need cover.
Staff Evening Meal: Guest
teachers have free evening. Stay
on in London after Field visits if
they would like. BA staff back
for parents‟ evening with
students
P1 – RTO, MNA
P2 – RTO, GEN,
P3 – CHA, AWO, DSI
P4 – AWO, CHA, DSI *,
GEN *
Italy –
Woodbridge
Gate, 7am
Spain – Upney
Station, 8am
1PM – lunch
1.45PM-3.30PM –
Teachers Conference VC
ROOM, MNA + guest
teachers
4.30 PM – Drama
Rehearsals in the Hall.
Art work set up.
Documentary ready for
screening.
6PM - Presentations +
Celebration Party with
parents and students. In
School Hall.
All staff at Celebration
Party.
Finland – Upney
Station, 8am
The Netherlands
– depart on
Saturday from
Upney at 9am
FINLAND
HANGO GYMNASIUM - HANGO
from 21/04/2013 until 27/04/2013
MUTINATI CATERINA
TEACHER
ZIZZI FLAVIANO
TEACHER
DI TANO RAMON
STUDENT
D‟ALESSANDRO FRANCESCA
STUDENT
GIANNOCCARO LUCREZIA
STUDENT
D‟ONOFRIO ANNA MARIA
STUDENT
Exchange program FINLAND
Hanko 21.4.2013 -27.4,2013
Sunday 21.4. 2013 Arrivals
Monday 22.4
8.30
Welcoming words from Headmaster/Coordinator Ice breakers in Hangethesalen
9.30
Work on FOS - -Landscape and Architecture: in the Arts class - Drama in Hangethe
-Local History in Medön and in the Computer room
12.05 Lunch at school
12.40 Work in FoS-groups continues
14.00 Field trip to Lappvik-Skogby-Ekenäs
14.15-14.45 stop in Lappohja
15.45-17.00 Tammisaari –guided tour -visit to 2 art museums
Back around 17.30
Tuesday 23.4
8.30
Work on FoS
12.05
Lunch at school
12.40 Work on FoS until 14.15
14.15-15.15 Guided tour of Hanko
Wednesday 24.4
8.00
Whole-day trip to Fiskars and Rosala Viking village - stop in Fiskars
9.00-10.00 -Ferry from Kasnäs to Rosala 12.00 - Lunch in Rosala Viking Village-Back around 18.30
Thursday 25.4
8.30
Finishing FoS-products
12.05
Lunch
Free time with host families
17.00
Final presentations in Hangethe
Friday
9.00 Teachers‟ conference
Students have day with host families
18.30 Finishing party at Smörmagasinet
MATERIALE AUDIOVISIVO
4 DVD EUROPEI, 4 CD NAZIONALI
Themes: Landscape – Drama - Local history - EBOOK –(visibili sul sito web della scuola)
ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO
L‟attività di alunni e docenti è stata così organizzata:
1. Composizione dei gruppi di lavoro con inserimento di personale interno ed esterno alla scuola.
2. Ricerca dei materiali da internet, dalla biblioteca o attraverso interviste. Produzione di
elaborati.
3. Studio e prove delle interpretazioni teatrali - Assemblaggio del lavoro in formato elettronico,
comprese le interviste.
4. Durante tutte le mobilità: attività teatrali, composizione di manufatti artigianali, elaborati
artistici, studio e assemblaggio delle tematiche trattate su Local history- produzione di un lavoro
comune su formato elettronico- Manifestazione teatrale e mostra finale.
5. Monitoraggio e disseminazione.
6. Inserimento delle produzioni nazionali o Europee sui siti delle varie scuole.
web sites:
http://www.leonardodavincifasano.com/
http://www.dollardcollege.nl/Home.html
http://www.barkingabbeyschool.co.uk/
http://www.hanko.fi/sv/kontaktuppgifter
http://iespesetaleixandre.edu.gva.es
PROGETTO COMENIUS 2012/2013
I MEETING (OLANDA) Dollard College – Winschoten 21-25 febbraio 2012
“Non vogliate negar l’esperienza, di retroal sol, del
mondo sanza gente. Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti, ma per
seguirvirtute e canoscenza”. Queste sono le parole
che Ulisse rivolge ai compagni con i quali
s’imbarca,in quello che Dante nel XXVI canto
dell’Inferno definisce il “folle volo” ovvero un
viaggio oltre le Colonne d’Ercole cheper gli uomini
dell’epoca di Dante, rappresentavano i confini del
mondo. Per questo immenso desiderio di conoscenza,
nell’immaginario dell’uomo moderno, la figura di
Ulisse è il simbolo della ricerca del sapere e di colui
che instancabilmente cerca nuove strade. Questa
voglia di conoscere nuove culture, nuovi amici, nuovi
luoghi ha accompagnato ben sei ragazzi e due professori dell’IISS “Leonardo da Vinci” in un viaggio
sicuramente indimenticabile in Olanda. Infatti, dal 21 al 25 febbraio scorso una delegazione dell’istituto
composta dal sottoscritto, Lucia Curlo, Antonella Fasano, Gabriella Palmisano, Federica Patronelli e
Filomena Galiulo e dai proff. Caterina Mutinati e Flavio Zizzi si è recata nei Paesi Bassi assieme ad altre
delegazioni provenienti dal Regno Unito, Spagna e Finlandia per il primo meeting del Progetto Comenius del
biennio 2012-2013, ospiti di studenti olandesi del Dollard College, scuola di circa 700 studenti a Winschoten.
La nostra avventura in Olanda è iniziata nella città di Groninger. Nella tarda mattinata di martedì 21
febbraio, abbiamo raggiunto il gruppo di studenti già all’opera da un giorno e dopo le presentazioni di rito e
un pranzo veloce siamo stati accompagnati alla visita del museo della città. Museo che anche se non ben
conosciuto come altri musei olandesi ha la reputazione di uno dei più belli della nazione. È molto particolare
nella sua struttura profondamente modernista, costituito da 3 tre padiglioni principali progettati da Philippe
Starck, Coop Himmelblau e da un italiano: Alessandro Mendini. Tornati a Winischoten siamo stati accolti
dalle famiglie e catapultati nella realtà familiare olandese, ovviamente diversa dalla nostra ma che
comunque ci ha messo a nostro agio. La mattina seguente tutti a scuola e cosa che è saltata subito all’occhio
di noi studenti e dei nostri prof… le tante biciclette degli studenti. Biciclette che almeno nei primi giorni
hanno rappresentato un “pericolo” per noi italiani abituati alle auto. Entrati nell’istituto ci siamo ritrovati in
una scuola coloratissima e a misura dei giovani. Abbiamo così iniziato a svolgere le attività nei FOS (Fields of
Study). Infatti, a differenza di quanto accade in semplici gemellaggi, gran parte dell’esperienza del
Comenius consiste nel collaborare in gruppi multiculturali per produrre lavori. I gruppi erano tre: Local
History, Racism and Discrimination in cui a bbiamo avuto occasione di conoscere la storia locale e discutere
sul tema della razzismo e delle discriminazioni con occhio di riguardo per il periodo della Seconda Guerra
mondiale in Olanda; Architecture and Housing un gruppo di studio in cui abbiamo conosciuto le opere
architettoniche e artistiche dei Paesi partner e in cui si è potuta esprimere la creatività degli studenti
riproducendo immagini delle case dei vari studenti; ultimo gruppo ma non per importanza, quello di teatro
(Drama) in cui si è potuto esprimere il talento nel recitare insito in studenti e professori, guidati dal
simpaticissimo e inimitabile prof. olandese Rob. I lavori prodotti sono poi stati presentati nella serata
conclusiva di giovedì. Dopo una cena con tutte le famiglie in cui sono state condivise le tradizioni culinarie
dei vari Paesi dalle cupcakes inglesi alla pizza italiana passando per piatti olandesi. La serata presentata dal
simpaticissimo Rik Elzer è stata caratterizzata in particolare dallo spettacolo del gruppo di teatro sul tema
della discriminazione. È stata questa l’ultima serata in Olanda per tutti gli studenti, tranne che per noi
italiani, tornati in Italia un giorno dopo. Non sono mancati, ovviamente, momenti di svago come un
pomeriggio alla pista di pattinaggio sul ghiaccio, una serata al cinema, una giornata passata a passeggiare
per le strade olandesi e anche una serata in discoteca… Sabato anche per noi arrivato il momento dei saluti.
Unico momento non bello del breve ma intenso “folle volo”. È stata tuttavia certamente una grandissima
occasione in cui, superando le inevitabili diffidenze iniziali siamo riusciti a realizzare gli obiettivi
fondamentali del progetto: conoscere, confrontarci, fare nuove amicizie, anche con competenze linguistiche
magari imperfette ma che hanno dato vita a reali esperienze comunicative. A nome di tutto il gruppo non mi
resta che dire “bedankt” ovvero grazie a Rik, Elias, Julia, Melissa, Maartje, Rixt, alla vulcanica prof.
Mutinati e all’instancabile e insostituibile prof Zizzi. Ramon Ditano
PROGETTO COMENIUS 2012/2013
II MEETING (ITALIA)
IISS "L. Da Vinci" - Fasano
22-27 aprile 2012
Parliamo del secondo meeting che ha avuto come
scenario l’Italia, Paese tanto “ambito” dai partner di
questo progetto. Infatti, il nostro istituto “Leonardo
da Vinci” ha ospitato trenta ragazzi e dieci professori
per lavorare insieme sul tema “National Identity and
Cultural Heritage”, tema comune per tutti i meeting
che si svolgeranno nel biennio 2012- 2013 e che vede
coinvolte cinque nazioni: Italia, Olanda, Spagna,
Inghilterra e Finlandia. L’idea di questo progetto è
quella di far conoscere a noi studenti lo scenario culturale nostro e dei nostri partner. I lavori sono iniziati
lunedì 22 aprile secondo le modalità stabilite, dopo aver rotto il ghiaccio tra i vari studenti con una
presentazione interamente progettata e realizzata da noi ragazzi con l’indispensabile apporto e la nota
maestria della prof.ssa Caterina Mutinati. I gruppi di lavoro (FOS: fields of study ) sono stati tre: Drama,
laboratorio teatrale, in cui noi ragazzi abbiamo potuto esprimere la nostra vena artistica sul palcoscenico;
Art, un laboratorio di arte in cui ciascuna delle delegazioni ha portato delle foto relative agli interni
domestici, una raccolta multimediale sui principali architetti e una serie di disegni realizzati dagli studenti e
ispirati ai grandi paesaggisti di ciascun Paese partner; Local History , gruppo in cui gli studenti hanno avuto
modo di discutere sulla tematica della discriminazione, immigrazione e integrazione. Infatti, la Puglia è
sempre stata scenario di grandi flussi migratori in particolare dall’Albania, basti pensare allo sbarco del
Vlora a Bari, nel 1991. Non si è trattato, tuttavia, di una semplice ricerca di informazioni, ma è stata data
l’opportunità a studenti e docenti di ascoltare esperienze reali di due immigrati. Un giovane angolano che
vive qui a Fasano per poter studiare e per poi tornare nella sua terra natale per aiutarla a crescere e un
albanese giunto in Italia e residente quida moltissimi anni che, grazie alla sua caparbietà, è riuscito a
costruire la sua famiglia nel nostro territorio. Si sa che, comunque, in questi progetti la parola d’ordine oltre
che a “conoscenza” è “divertimento”. Il programma ha permesso ai ragazzi stranieri di conoscere e
apprezzare il patrimonio culturale della nostra terra: passando dal verde della macchia mediterranea con
una visita ai trulli di Alberobello, proseguendo per la Città Bianca, giungendo nel Salento a Lecce e per
concludersi obbligatoriamente sulla nostra amata costa. Immancabile, sicuramente, la visita allo “ZooSafari”
e il divertimento sulle attrazioni di “Fasanolandia“. Per quanto riguarda i ragazzi da noi ospitati,
inizialmente eravamo tutti convinti di incontrare gente più fredda e diffidente, tranne per gli olandesi
conosciuti nello scorso meeting . Tuttavia, ci siamo ricreduti molto presto e abbiamo potuto vivere al meglio
questa esperienza. I nostri nuovi amici, infatti, si sono subito inseriti ed adattati ai “tipici atteggiamenti” e
all’ospitalità mediterranea… in fondo presso i nostri progenitori Greci, si sa, l’ospitalità era sacra! E dopo la
giornata di giovedì in cui sono stati presentati i lavori realizzati dai vari gruppi e la serata conclusiva,
perfettamente organizzata, come tutte le belle esperienze, anche questa è giunta al termine. Infatti tra
saluti, abbracci, lacrime… venerdì 27, dopo solo pochi giorni passati insieme,i nostri partner ci hanno
lasciato a malincuore, con l’augurio e la speranza di potersi incontrare ancora… magari in estate!
Ringraziamenti doverosi vanno ai nostri proff. Caterina Mutinati, Flavio Zizzi, Angela Gargano, Eugenia
Baccaro e Daniela Bianco che, ancora una volta, con tanta pazienza, voglia di fare e di mettercela tutta,
anche in momenti di inevitabile difficoltà ci sono stati vicino, permettendo al meglio la riuscita di questo
meeting! Ramon Ditano
PROGETTO COMENIUS 2012/2013
V MEETING (FINLANDIA) Hango Gymnasium – Hango 21 - 26 aprile 2013
Diario di viaggio una prof. in trasferta
Si dice ci siano luoghi che ci portiamo dentro da sempre,
come facessero parte di una sorta di geografia
sentimentale molto personale, diversa a seconda degli
individui. E poi ci sono luoghi che attivano dei richiami
ancestrali che, senza scomodare troppo Jung, ci riportano
alle origini. Succede con i luoghi dalle caratteristiche
“estreme”, come l’Africa, per esempio. E può succedere
per posti come la Finlandia.
La Finlandia che abbiamo sperimentato noi è la
celebrazione del silenzio, come valore archetipale. E’ la
prima cosa che colpisce, il silenzio.
E’il silenzio delle foreste e di paesaggi di rarefatta
bellezza. E’ il silenzio dei laghi e dei mari che faticano a liberarsi dal ghiaccio e lasciarsi andare
definitivamente alla primavera. E’ il silenzio della piccola scuola dove siamo stati. E’ il silenzio della baita di
legno dalla quale i nostri colleghi ci hanno fatto assistere ad un tramonto senza uguali, con un sole che per
miracolo squarciava il grigio freddo per smaterializzarsi lento sul ghiaccio del mare.
E’ il silenzio della gente che è un silenzio del non detto, perchè a volte le parole non dicono, mentre i gesti,
gli occhi e i fatti sì.
Questo è il popolo del concreto, del fatto, della parola data e mantenuta, dell’impegno. E’ il popolo che ti
accoglie con quell’istintivo senso di protezione come solo sanno fare nelle regioni di frontiera: un pasto
caldo e un tetto per l’ospite che arriva da lontano c’è e ci sarà sempre. L’ospite si sente immediatamente a
casa e da quel momento è perso per sempre perché è che lì vuole tornare.
La Finlandia è un luogo per fisici forti. Sono quattro chiacchiere al freddo gelido dopo una sauna bollente, in
mano una birra ghiacciata.
La Finlandia è una società in cui la parità tra i generi è assoluta e le donne sanno far tutto e tutto possono
fare: anche governare.
Ma, soprattutto, la Finlandia è al primo posto per quanto riguarda l’istruzione, come mostrano chiaramente i
rilevamenti annuali sulle competenze in uscita dei liceali europei.
E’ questo l’aspetto, tra i tanti, che abbiamo cercato di approfondire, per capire le ragioni di tale successo.
La Scuola Finlandese
Johan Nillson è un giovane professore di storia. Giovane e di ruolo. Da un paio d’anni ha ottenuto l’esonero
dall’insegnamento per fare il Counsellor nella sua scuola. Capitiamo seduti vicino, a cena. Accomunati dalla
passione per il nostro lavoro, entriamo subito in sintonia e, come spesso capita ai prof., si finisce per parlare
di scuola. La nostra chiacchierata finisce per diventare una vera e propria intervista, alla quale lui si
sottopone molto volentieri e che riporto qui di seguito. Chissà, forse ci aiuterà a capire.
La Finlandia è sempre ai primi posti nella classifica della scuola. Secondo te perché?
Guarda, in realtà non abbiamo chissà quali trucchi. La nostra scuola si basa su un sistema di insegnamento
molto tradizionale. A scuola c’è sempre un’atmosfera tranquilla, gli studenti sono responsabili perchè qui i
progressi dell’apprendimento sono un fattore d’orgoglio per lo studente. Cioè imparare cose nuove è un
elemento di grande prestigio. In effetti, non è difficile fare il professore, qui da noi. Inoltre, la formazione
dei docenti è molto buona.
Cioè? Qual è la formazione dei docenti?
Innanzitutto occorre la laurea e poi un paio di anni di specializzazione e di tirocinio. Poi, durante la vita
lavorativa, siamo obbligati a fare 3 giorni di aggiornamento all’anno (gratuiti).
Ma qui da voi i professori di che considerazione godono? Cioè il loro ruolo viene riconosciuto?
L'insegnamento è un lavoro socialmente "glamourous"?
Certamente. C’è un rispetto notevole verso la nostra categoria.
Quanto guadagna un professore?
All’inizio della carriera circa 2500 euro al mese. Dopo circa 10 anni, 4500 euro al mese.
Sai una cosa? Nella prossima vita voglio rinascere professoressa finlandese.
Ti sembra tanto? Forse perchè qui la vita costa di più.
Facciamo degli esempi. Quanto paghi le bollette? Per esempio il riscaldamento?
Qui il riscaldamento viene fornito da un sistema centrale comunale. Io pago circa 200 euro al mese, che
includono anche la spalatura quotidiana della neve non solo dalle strade ma anche del vialetto di casa. Si
diventa poco produttivi sul lavoro se ogni mattina per sei mesi l'anno uno si deve spalare la neve per uscire
di casa, allora ci pensa il comune.
Facciamo un altro esempio. Un professore riesce ad avere una casa di proprietà e mantenere una
famiglia col suo solo stipendio?
Sì, ci riesce, anche pagando un mutuo per la casa. Magari riesce a mettere poco da parte, ma diciamo che
ce la fa.
Confermo. Voglio rinascere professoressa Finlandese. Qual è il vostro monte ore obbligatorio?
20 ore settimanali di 45 minuti. Poi abbiamo 10 settimane di ferie estive, 2 settimane a natale e 1 settimana
a febbraio. (faccio un rapido calcolo: sono 13 settimane. Mica male)
Inoltre, è possibile chiedere altri giorni di ferie, senza limiti, ma senza stipendio.
Com’è organizzata una giornata-tipo dello studente?
La giornata inizia alle 8. Ma non per tutti gli studenti. Qui ogni studente ha il suo piano di studio individuale,
che comprende alcune materie obbligatorie (finlandese, matematica, ecc.) e altre facoltative. Inoltre,
l’insegnamento funziona per corsi e crediti. Ogni corso ha una durata variabile. Gli esami di stato si tengono
a marzo, perciò da marzo fino alla fine delle lezioni (giugno) la scuola si svuota un po’.
E questo sistema dei piani studio individuali funziona?
A quanto pare sì, anche se ci sono dei lati negativi. Per esempio, dopo il primo anno comune a tutti, gli
studenti non sono sempre in grado di capire cosa vogliono e che tipologia di piano di studio crearsi. Qui
entra in ballo il Counsellor, che, dopo alcuni colloqui, cerca di orientare lo studente indeciso verso la scelta
migliore per lui. In piccole scuole questo funziona, ma in scuole più grandi può essere un po’ più complicato.
Inoltre, gli insegnanti delle materie a scelta non possono mai sapere quanti corsi della loro disciplina
potranno essere avviati, perchè ciò dipenderà dalle scelte degli studenti.
Comunque qui i corsi partono anche con due soli studenti.
Quanti studenti ci sono al massimo in una classe, pardon, in un corso?
Il numero può variare da due a 20, di solito.
Faresti un altro lavoro?
Assolutamente no. Mi piace il mio.
Alla luce di queste quattro chiacchiere, la faccenda si può riassumere così:
La formazione dei docenti è del tutto simile alla nostra.
La grande differenza sta nell’organizzazione dei piani di studio, comuni in Italia e individuali in Finlandia. Le
ore sono di 45 minuti e non 60. I professori godono di prestigio sociale e sono ben retribuiti. Da parte degli
studenti c’è un approccio molto serio allo studio.
Morale? Talmente semplice da sembrare scontata: le cose funzionano se ognuno fa la sua parte e la
professionalità viene riconosciuta. prof.ssa Caterina Mutinati
REALIZZATO
DA
I.I.S.S. “L. DA VINCI” di FASANO BR
ITALY
COMENIUS 2011-2013

Documenti analoghi