N. 1 gennaio 2012 “

Commenti

Transcript

N. 1 gennaio 2012 “
N. 1 gennaio 2012
VERSIONE SEMPLIFICATA
“
Prenotazione presso la Segreteria del circolo entro il 24
gennaio 2012 con 1°acconto di euro 400 a persona,
Programma:
Mercoledì 21 Marzo: Partenza dall’Italia per L’Avana con
voli di linea Air Europa. Arrivo all'aeroporto Jose’ Marti’
dell’ Havana. Assistenza e trasferimento all’Hotel
Occidental Miramar. Cena e pernottamento.
Giovedì 22 Marzo: Prima colazione in albergo. Visita
della città e del suo Centro storico dichiarato dall’Unesco
Patrimonio dell’Umanità Rientro in albergo. Cena e
pernottamento.
Venerdì 23 Marzo: Prima colazione in albergo. Pranzo e
cena liberi. Intera giornata a disposizione per relax, visite
facoltative del centro di l’Avana.
Sabato 24 Marzo: Prima colazione in albergo. Partenza
per la città di Trinidad, durante il tragitto sosta alla Finca
Campesina e visita della citta’ di Cienfuegos con pranzo
incluso. Nel pomeriggio visita del Jardin Botanico di
Cienfuegos e arrivo a Trinidad. Sistemazione all’Hotel Brisas
Trinidad del Mar. Cena e pernottamento.
Domenica 25 Marzo: Prima colazione in albergo. Visita
della città di Trinidad, la città- museo, piena di fascino ha
conservato intatte le sue case, le strade e le piazze come
erano secoli fa; è stata dichiarata dall’UNESCO città
Patrimonio
dell’Umanità.
Cocktail
nel
locale
“Canchánchara”. Visita al Museo, ed alla piazza Mayor.
Dopo il pranzo, pomeriggio a disposizione. Cena e
pernottamento
Lunedì 26 Marzo: Prima colazione in Hotel e partenza
alla volta di Camaguey. Visita di Manaca Iznaga ed al
centro della Valle de Los Ingenios, zona famosa per la
coltivazione delle canne da zucchero. Durante il tragitto
breve sosta a Sancti Spiritus. Dopo pranzo prosecuzione
in pullman per Camaguey: percorso a piedi per la città.
Visita alla Piazza de San Juan de Dios ed alla omonima
Chiesa. Sistemazione al Grand Hotel di Camaguey. Cena
e pernottamento.
Martedì 27 Marzo: Prima colazione in Hotel e partenza in
Bus alla volta di Santiago de Cuba. Durante il tragitto
breve sosta per la visita di Bayamo la seconda cittadina
più antica dell’Isola. Pranzo in ristorante. Arrivo a
Santiago e prima visita panoramica della città più
importante di Cuba dopo l’Havana. Sistemazione nelle
camere riservate dell’Hotel Melia’ Santiago de Cuba,
cena e pernottamento.
Mercoledì 28 Marzo: Visita della città di Santiago: l'unica
che possa fregiarsi del titolo ufficiale di "Città eroe della
Repubblica di Cuba", Pranzo in loco. Cena e
pernottamento in hotel.
Giovedì 29 Marzo: Prima colazione in albergo e partenza
in Pullman alla volta di Santa Clara con sosta e pranzo a
Ciego de Avila, Arrivo in serata a Santa Clara
sistemazione
all’Hotel Los
Caneyes, cena e
pernottamento.
Continua a Pagina 2
Da pag. 1
Venerdì 30 marzo: Prima colazione in albergo. Visita
della città di Santa Clara: Piazza della Rivoluzione dove
si trova il Mausoleo “Comandante Ernesto Che Guevara”,
enorme complesso scultoreo, inaugurato in occasione del
ventesimo anniversario della sua morte; visita al treno
blindato ed alla piazza Leoncio Vidal. Dopo il pranzo
trasferimento all’aeroporto Jose Marti dell’Havana e
partenza con volo di linea Air Europa per il rientro In
Italia.
Quota individuale di partecipazione €.1.270,00
comprendente: trasporto aereo con voli di linea Air Europa da
Roma//Milano classe economy - Franchigia bagaglio kg 23, e 10
kg di bagaglio a mano - Trasferimenti in bus privato sull’isola di
Cuba - Assistenza e guida parlante italiano durante il tour Visite ed escursioni come da programma - Pernottamenti e pasti
come da programma - Una bevanda durante i pasti inclusi
La quota non comprende:
Assicurazione annullamento/infortunio/ bagaglio . 40,00
Tessera Turistica
. 25,00
Tasse aeroportuali (soggette a riconferma)
. 360,00
tasse di uscita da cuba circa cuc (moneta turistica di Cuba) 25,00 da
pagare in loco
pasti non menzionati, mance, extra in genere e tutto quanto non
espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.
Possibilità facoltativa di prolungare il soggiorno
mare: Dal 30 marzo a 04 Aprile 2012
alla mostra allestita a Codroipo – Palazzo Manin
www.villamanin-eventi.it
Partenza dal Parcheggio Campo Rugby (lato biglietterie) alle
ore 8.30
Inizio visita alla Mostra alle ore 10.45
Pranzo a San Daniele del Friuli: prosciutto di San Daniele,
tartine con lardo di colonnata, sottolio misti, funghi misti
sottolio, Formaggi misti, Biscottini caffè.
La quota di partecipazione è fissata in €. 53,00.= comprendente:
viaggio in pullman, ingresso, prevendita e guida alla
mostra, pranzo.
Iscrizioni fino ad esaurimento dei posti presso la
Segreteria dell’Intercral Organizzazione Circolo Personale BNL
In Comitato permanente INTERCRAL, in occasione
dell’allestimento della Mostra che si tiene a Conegliano –
Via XX Settembre a “PALAZZO SARCINELLI”,
14 e 15 gennaio 2012 – CAVIALE E LENTICCHIE
di Giulio Scarnicci e Renzo Tarabusi
Compagnia “Tarvisium Teatro” di Treviso
21 e 22 gennaio 2012 - IL VERO AMICO
di Carlo Goldoni
Compagnia “Rinascita” di Treviso
28 e 29 gennaio 2012 – AMORE E BATICORE
di Loredana Cont
Compagnia “Teatro Instabile di Selvazzano”
4 e 5 febbraio 2012 –
VILLA RELAX….PER 7
di Antonella Caniato
Compagnia “Costretti Oltreconfine” Conegliano
11 e 12 febbraio – NON E’ VERO…MA CI CREDO
di Peppino De Filippo
Compagnia “Eleonora Duse” Treviso
18 e 19 febbraio– EL SCONTRIN DEA FORTUNA
di Antonella Zucchini
Compagnia “Le Tradizioni” Giavera del M.
Orario spettacoli :
sabato ore 21.00 – domenica ore 16.30
Abbonamenti : Interi € 40,00
Soci CRAL € 30,00
Ingresso singolo Intero € 8,00 Soci CRAL € 6,00
Per informazioni e prenotazioni 0422-404701 presso la
Segreteria entro il giorno 21 gennaio.
organizza, in collaborazione con l’ASSOCIAZIONE
DIPENDENTI IMPRESA, alcune visite guidate
nei seguenti orari: ore 10,00 / 10,30 / 11,00 / 11,30.
La durata del percorso è di ca. 1 ora e 15 minuti.
Dopo la mostra, per chi lo desidera, alle ore 13,00 è
possibile pranzare presso il Ristorante “ La cucina de
Giorgio”, in Via Caronelli, 5 - che dista ca. 250 mt. dalla
sede della mostra.
Verrà data priorità dell’ultimo o penultimo orario di visita a
chi parteciperà al pranzo.
Il costo di partecipazione è:
• SOLO MOSTRA: € 13,00
• MOSTRA E PRANZO: € 43,00
Le adesioni dovranno pervenire entro e non oltre
il 5 febbraio, alla Segreteria del Circolo
di Maria Carla Pellegrini
Guardo dalla finestra lo scorcio di cielo e il verde attorno
alla casa che non mi appartiene totalmente. Anche se
l’ambiente conosciuto m’è familiare esso non fa parte dei
miei ricordi personali, non lo potrei definire ostile perché
in questo momento rappresenta la mia ancora di salvezza
e pur non amandolo l’accetto come si accetta una mano
amica mentre stai per naufragare.
Lo sguardo svaga in un alternarsi di sprazzi di sole e
spruzzate di pioggia in questa primavera ancora fredda: il
pino muove la cima alternativamente all’alitare del vento
trasversale, le piante di salvia e di rosmarino irrigidite si
sostengono l’un l’altra in un unico abbraccio.
La zona dove vivo attualmente è periferica rispetto al
centro della città, la laterale di via Terraglio è una stradina
stretta e lunga, con abitazioni da entrambi i lati profonda
trecento metri dalla strada principale.
La casa che appartiene a mio marito e nella quale
abitavano i suoi genitori è un luogo tranquillo poiché la
stradina finisce dove s’apre il suo cancello carraio.
Tutt’intorno giardini e abitazioni unifamiliari, il latrato di
qualche cane e lo scorrere furtivo di molti gatti attratti
dallo spazio all’aperto della proprietà, null’altro disturba
il silenzio nell’intersecarsi di stradine e vicoli percorsi
dalle auto dei locali abitanti.
Alla sera il silenzio è profondo, i rumori della grande
arteria s’ammorbidiscono nella bruma notturna, giunge a
tratti solo il suono dei decolli e degli atterraggi degli aerei
del vicino aeroporto di S. Giuseppe, poi i velivoli
s’allontanano nel cielo e tutto tace.
Ora
la mia mente allontana le immagini attuali
sostituendole con altre nelle quali ama rifugiarsi e
vorrebbe indugiarvi a lungo poiché la visione è allettante
ma i volti spariscono e ne appaiono altri a ricordarmi
momenti felici e non, poi s’allontanano senza darmi il
tempo di spiacermi dell’avvenuto fatto. Che strano penso
dentro di me, non ho voluto ricordare eppure gli
accadimenti mi sono apparsi davanti senza che il mio
animo fosse disposto ad accettarli. La mente ruota libera,
i pensieri, le immagini si sovrappongono lasciandomi
stupita, incerta se continuare o meno.
Perché oggi? Mi dico e non trovo la risposta. La mente
tutta presa dai ricordi nasconde dietro lo sguardo
tranquillo e sereno la determinazione a continuare.
Improvvisamente davanti m’appare il volto di mio padre
che sorride alla mia immagine, la stessa espressione
fissa della foto che sta sul cassettone in camera mia e
dietro al suo tutti gli altri appartenenti alla mia famiglia,
immagini statiche e in movimento, volti senza tempo
fermati inesorabilmente dalla sparizione da questa terra.
Oggi non ne ho voglia, perché proprio oggi? Ripeto
dentro di me, lasciandomi cullare dai ricordi cerco la
giustificazione senza trovarla.
In questo luogo c’è troppo silenzio, ad ogni scricchiolio della
casa sobbalzo, non sono abituata all’isolamento, qui non
abita nessuno oltre a noi, eppure in fondo il silenzio è la
condizione che preferisco, mi permette di pensare, di
riflettere, di superare le tensioni, di trovare la serenità.
Mio marito sorride quando dico che ho paura a stare qui da
sola, finché c’è lui non mi pongo il problema, appena se ne
va per qualche impegno sono attanagliata dal terrore della
solitudine. Qui non potrei stare a lungo mi dico
ossessivamente ma so che per il momento non mi posso
allontanare e cerco inutilmente il lato positivo del vivere
serenamente l’ambiente.
Il prato oggi è stato tagliato, l’erba appena cresciuta
aveva creato delle aree d’erbe fitte contrapposte ad altre
diradate. In certi punti le zolle sono sollevate: c’è tanta
vita là sotto mi dico a sostegno della mia solitudine,
anche il becchettare dei merli in cerca di vermi mi
rassicura, vorrei fosse sempre giorno da permettere la
visione aperta dell’ambiente in cui sono costretta a vivere.
Di notte il silenzio s’ingigantisce a dismisura, lo
scricchiolio d’una porta m’impone il controllo immediato
del luogo da cui proviene: “Vai a vedere ho sentito un
rumore …” – dico a mio marito e lo convinco ad alzarsi io
ho troppa paura per farlo. “Non c’è niente, dormi …” – mi
risponde di rimando e torna a dormire. Io rimango sveglia
a lungo ed alla fine mi riaddormento facendo lugubri
sogni.
di Giorgio Faletti
Il suo nome è Silvano Masoero ma tutti lo chiamano Silver. Ha più di
sessant'anni, è un ex pugile e un pregiudicato. Il suo errore lo ha
pagato, eppure Silver non sa perdonarsi: è tutta una vita che continua
a farci i conti. Era un ottimo peso medio, oggi è il magazziniere di una
squadra di calcio di serie B. Una squadra speciale però, per due
motivi: perché sta ai vertici della classifica e sta per
disputare la partita che potrebbe valere il salto in
serie A; e poi perché il suo capitano, il grande
campione di provincia, il Grinta è il figlio di Silver. La
sua rivincita. Ci sono, in questo libro, tracce delle
innumerevoli «vite» del suo autore: le immagini
potenti del Faletti paroliere, la comicità folgorante dei
suoi
sketch
televisivi,
la
capacità
di
immedesimazione dell'attore... E c'è, naturalmente,
tutta la maestria del Faletti scrittore, capace di
costruire un romanzo teso e ricco di colpi di scena come il migliore dei
suoi thriller, e insieme sorprendentemente intimo, profondo, pieno di
umanità vera.
di Andrea Camilleri
Un romanzo ironico e irriverente che ha
l’andamento di un giallo, basato su un
avvenimento storico reale. Uno scandalo nella
Sicilia del 1901. L’avvocato Matteo Teresi
scopre che nel suo paese esiste una setta
segretissima. Composta da preti e da alcuni notabili, la «setta degli
angeli» organizzava esercizi spirituali per vergini devote o giovani
donne in procinto di maritarsi per prepararle alla vita coniugale.
Camilleri imbastisce su una traccia storica la trama del romanzo protagonista l’avvocato-giornalista Teresi - che ha l’andamento di un
giallo, illuminato dalla consueta ironia dello scrittore e da un sarcasmo
irriverente.
Per la conclusione dell’edizione 2011 delle Manifestazioni
Interaziendali il Comitato Permanente Intercral organizza
la tradizionale cena conclusiva aperta alla partecipazione
di tutti i soci dei CRAL aderenti.
La serata avrà luogo
500 gr bigoli (bucati o spaghetti), 6 acciughe salate, cipolla,
prezzemolo, sale, pepe.
In una casseruola rosolare in un bicchiere di olio due cipolle,
unire le acciughe dissalate e diliscate e finire la cottura, quindi
unire il prezzemolo. Mescolare con un cucchiaio di legno fino
a quando le acciughe si sono disfatte, dare una spruzzata di
pepe e ritirare dal fuoco. Cuocere i bigoli in abbondante
acqua salata, scolarli e condirli con la salsa di acciughe.
300 gr. riso, 300 gr. finocchi, 60 gr. burro, 70 gr. parmigiano
cipolla, brodo, sale, noce moscata.
Privare delle foglie esterne e verdi i finocchi, lavarli, asciugarli
e tagliarli a pezzetti. In una casseruola con metà burro, fare
appassire una cipolla tritata; unire i finocchi, salarli e spruzzarli
di noce moscata. Lasciare insaporire per una decina di minuti,
versare il riso, insaporire e coprire con un filo di brodo
bollente. Cuocere per 18 minuti aggiungendo il brodo caldo
man mano che si asciuga. Prima di servire controllare la
salatura. Incorporare il burro rimasto e il parmigiano.
300 gr. radicchio rosso, 100 gr. lardo o pancetta, aceto, sale
e pepe.
Lavare il radicchio, sgocciolarlo, tagliarlo a pezzi nel senso
della lunghezza, quindi metterlo in un’insalatiera. In una
casseruola soffriggere il lardo o la pancetta, pepare e
innaffiare con due cucchiai di aceto. Ritirare la casseruola dal
fuoco dopo due minuti e versare il soffritto sul radicchio
quando è quasi freddo. Mescolare e servire.
500 gr di farina bianca, 50 gr di burro, 50 gr di zucchero, 15
gr di lievito di birra, 1 uovo, latte e sale.
Versate la farina a fontana sulla spianatoia e mescolate lo
zucchero, fate la conca ed incorporate il burro ammorbidito
poi l’albume montato a neve, il lievito sciolto in poco latte
tiepido ed un pizzico di sale. Lavorate il composto
amalgamando poco latte, quanto basta per ottenere una
pasta consistente. Coprite la pasta con un canovaccio e
lasciatela lievitare per un paio d’ore. Dividete la pasta in
quattro o cinque panetti di forma allungata, che disporrete
sulla placca del forno imburrata, lasciando spazio sufficiente
tra l’uno e l’altro; lasciate lievitare per circa un’ora e mezzo.
Fate cuocere in forno caldo a fuoco abbastanza vivace per
dieci - quindici minuti. La pasta dovrà colorirsi leggermente
senza fare la crosta. A cottura ultimata, lasciate raffreddare e
riposare per almeno due giorni. Quindi affettate i dolci come
se si trattasse di un salame. Le fettine dovranno essere molto
sottili e sbieche. Le farete biscottare lievemente in forno caldo.
alle ore 20.00 presso il ristorante della discoteca
di Spresiano per degustare il seguente menù
Gran Buffet di Antipasti
Lasagnette al radicchio e Casatella
Risotto all’ananas e Speck
Galletto alla diavola
Filetto di manzo al sale
Patate Sabbiose - Piselli alla Francese
Radicchio crudo
Dessert - Caffè
Al termine della cena, per chi lo
desidera, sarà possibile l’accesso
gratuito alla discoteca.
La quota di partecipazione a persona è di €. 25,00.=
comprensiva dell’ingresso in discoteca. Prenotazioni
presso la Segreteria entro il giorno 21 gennaio.
Sono ancora disponibili alcuni posti per la visita guidata
alla Mostra a Casa dei Carraresi
In programma per
La quota di partecipazione è fissata in €. 18,00.=
comprendente ingresso, diritti prenotazione, guida alla
mostra e guardaroba (obbligatorio).
ECCEZIONALE VENDITA DI FINE STAGIONE
H E R M O "OUTLET"
CON SCONTI DAI PREZZI DI FABBRICA
CAMICIE – PANTALONI – MAGLIERIA
UOMO E DONNA
presso la Sede CIRCOLO UNICREDIT TREVISO
via Baracca, 14 - Treviso
LUNEDÌ 16 E MARTEDÌ 17 GENNAIO 2012
CON ORARIO 10 – 13 E 15 - 19