Progetto Scuole

Commenti

Transcript

Progetto Scuole
Progetto Scuole
Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Gennaio 2016 18:42
Progetto Scuola AIPC
Il progetto scuole è nato per sensibilizzare le Direzioni Didattiche e conseguentemente gli
insegnanti delle scuole elementari, in particolar modo coloro che operano nell'area scientifica,
affinchè inseriscano nella programmazione alcune ore dedicate alla conoscenza e, ove
possibile, alla coltivazione delle piante carnivore.
A chi si rivolge
Nato nel 2005 il progetto scuole, ideato in seno all’associazione, è nato per far conoscere ai
ragazzi delle scuole elementari e non solo, con l’aiuto e l’assistenza degli insegnanti e delle
Direzioni Didattiche nonché dei volontari AIPC, il mondo vegetale, attraverso l’affascinante
gruppo delle piante carnivore.
Insegnanti e perché no, anche i genitori a casa, assumono l’importante ruolo di educare i
giovani a capire ed amare il mondo naturale instillando loro la consapevolezza della
salvaguardia della natura
Perché proprio le piante carnivore?
Beh, soprattutto perché sono le piante beniamine di tutti noi soci dell’Associazione! E poi per la
facilità con cui è possibile far seguire al bambino lo svolgersi del ciclo
semina-germoglio-crescita di piante come Drosera capensis; e ancora perché sono piante
interessantissime dal punto di vista evolutivo: piante “normali” diventate carnivore nel corso di
centinaia di migliaia di anni, in risposta a variazioni climatiche e ambientali che hanno portato a
carenze nutritive nel terreno: niente da assorbire tramite le radici ma milioni di insetti disponibili!
Le prime piante proto-carnivore hanno dunque trovato la soluzione utilizzando ciò che era più
1/5
Progetto Scuole
Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Gennaio 2016 18:42
abbondante, specializzandosi nel modificare gradualmente le foglie in trappole e giungendo fino
alle forme attuali con meccanismi a volte molto complessi; di fronte alla famosa Dionaea
muscipula
intenta a catturare una mosca, nessuno può restare indifferente!
E’ interessante notare che questi processi evolutivi sono ancora in corso, esistono infatti alcuni
esempi di piante che, sebbene non siano ancora definibili completamente carnivore, sembrano
seriamente intenzionate a diventarlo in un futuro più o meno prossimo.
Come si articola il progetto?
E' possibile, a discrezione degli insegnanti preposti, all'interno della scuola, organizzare due tipi
di incontri:
* una lezione informativa da parte dei Volontari, con esposizione di piante, foto, eventuale
materiale cartaceo;
* una lezione pratica in cuiI bambini avranno l‘opportunità, a scuola e con l‘aiuto del socio
volontario e degli insegnanti, di seminare alcuni semi di piante carnivore. Ogni ragazzo porterà
poi a casa il vasetto già seminato, con le istruzioni per far germogliare e crescere le piante,
coinvolgendo cosi’ anche i genitori. Gli verranno fornite le conoscenze necessarie per far
nascere e curare le future piantine.
Concordando tempi e modi con la Scuola, si portanno svolgere entrambe oppure una
solamente.
Cosa può fare AIPC?
AIPC può chiedere ai propri soci di mettersi innanzitutto in contatto con la Direzione Didattica a
loro più vicina, magari tramite la conoscenza di un insegnante o perché il proprio bambino
frequenta quella scuola.
Il socio volontario farà quindi da tramite con il gruppo interno all’associazione il quale coordinerà
il progetto, e infine, con l’aiuto degli insegnanti, si occuperà di svolgere una lezione
teorico-manuale ai bambini delle classi interessate.
Tutto questo si fonda sulla disponibilità dei soci che possono in questo modo contribuire alla
coltivazione e diffusione di queste meravigliose piante offrendo la propria conoscenza ed
esperienza e,se lo ritengano opportuno, portare in visione ai bambini qualche pianta della
propria collezione.
Potranno anche avvalersi di una presentazione su cd da proiettare ai bambini, in modo da
avere una base su cui sviluppare una sorta di lezione teorica per meglio spiegare la particolarità
delle piante. Questa potrà essere offerta in una lezione a parte o fornita all'insegnante per
tempo, in modo da preparare i bimbi all'argomento.
Passaggi di un Progetto Scuola
2/5
Progetto Scuole
Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Gennaio 2016 18:42
1. Contattare il gruppo AIPC Progetto Scuole tramite e-mail
2. Fornire al Gruppo Progetto Scuole l'indirizzo o i dati della sede scolastica presso cui si
desidera operare, così che AIPC possa inviare la proposta ufficiale.
3. Stabilire quanto tempo si ha a disposizione e cosa si pensa di fare con la classe (visione di
piante, presentazione con diapositive/CD o altro materiale proprio, semina di drosere o altre
attività pratiche, ecc.), anche e soprattutto con la collaborazione dell’insegnante preposto al
progetto.
4. Attendere la conferma da parte di AIPC dell'adesione al progetto da parte della scuola.
5. Comunicare ad AIPC/Gruppo Progetto Scuole qualsiasi altra variante del progetto proposta
individualmente, al fine di creare una certa uniformità degli interventi sotto l'egida
dell'Associazione, compatibilmente con la disponibilità personale.
6. Al termine del progetto, ritirare presso la Direzione Didattica interessata una dichiarazione di
avvenuto svolgimento dell'esperienza da far pervenire all'Associazione.
Note
1. I progetti sono gratuiti per le scuole: in nessun caso i Volontari potranno accettare somme di
denaro dalla scuola, nessun contributo è loro dovuto. L'unica piccola spesa per la scuola è
quella legata all'acquisto dei materiali di coltivazione (torba, sabbia di quarzo, vasetti). Se si
presentassero altre spese, dovranno essere concordate con la scuola e il Tesoriere
dell'associazione.
2. Eventuali richieste di materiale cartaceo e/o multimediale (di proprietà di AIPC) fatte dalle
scuole ai Volontari devono essere reindirizzate all'Associazione. I Soci che volessero proporre o
offrire materiale proprio sono invitati a parlarne prima col Gruppo Progetto Scuole.
3. E' fondamentale portare a termine ogni progetto approvato, mantenendo tutti gli impegni
presi.
4. E' consigliato proporre, come punto centrale del progetto, la semina delle piante, allo scopo
di lasciare una traccia tangibile dell'esperienza nelle classi e di dare inizio a un effettivo
coinvolgimento degli alunni.
5. All'interno del Consiglio Direttivo si valuteranno proposte e costi per poter lasciare alle scuole
coinvolte materiale promozionale o gadget dell'Associazione.
Ovviamente è richiesta massima serietà da parte di chiunque aderisca al progetto; il Socio
dovrà ricordare di rappresentare un'Associazione, per cui sono essenziali esperienza e
motivazione, ma anche cautela nei termini da usare con i bambini, evitando, per esempio,
atteggiamenti e linguaggio non adatti.
Si potranno valutare linee guida, laddove richieste, per impostare gli incontri.
I progetti eventualmente avviati potranno venir citati nelle news sul sito o nel magazine.
3/5
Progetto Scuole
Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Gennaio 2016 18:42
Alcuni dei progetti che AIPC, grazie ai suoi volontari, ha seguito fino ad oggi:
Cardano al Campo (VA), Scuola Elementare "A. Manzoni" (novembre 2015)
San Gervasio Bresciano (BS), Scuola Elementare "S.M. Adrianò" (maggio 2010)
Milzano (BS), Scuola dell'infanzia "L'arcobaleno sul mondo" (luglio 2009)
Brescia, Scuola Elementare "Melzi" (giugno 2009)
Cizzago (BS), Scuola Elementare, 2^ Classe (giugno 2008)
Salzano (VE), Scuola Elementare, 3^ Classe (1^ parte)
Salzano (VE), Scuola Elementare, 3^ Classe (2^ parte)
4/5
Progetto Scuole
Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Gennaio 2016 18:42
5/5

Documenti analoghi

Sarracenia

Sarracenia rizoma decentrato, tenendo l’apice vegetativo il più lontano possibile dal bordo del vaso. Moltiplicazione. Facili da impollinare, producono abbondanti semi che germinano in 4-8 settimane, dopo str...

Dettagli

Drosera

Drosera Facile per seme: seminare in primavera-estate sul composto descritto in precedenza spargendo i semi sulla superficie senza coprirli. Mantenerli alla luce e alla temperatura di 20° C finché non nasc...

Dettagli

Utricularia

Utricularia Per coltivarle si può usare un composto di torba mista a sabbia o perlite. I vasi più usati sono quelli di plastica. Si possono innaffiare mettendo l’acqua, sempre piovana o distillata, direttament...

Dettagli