Documento del 15 maggio

Commenti

Transcript

Documento del 15 maggio
DOCUMENTO DI CLASSE
Classe 5G
Liceo Linguistico Autonomo
ANNO SCOLASTICO 2012/2013
La coordinatrice della classe
Prof.ssa Isabelle Gonnot
1
2
INDICE
Elenco docenti della classe
p.4
Elenco studenti della classe
p.5
PARTE PRIMA
Descrizione della scuola e del contesto ambientale
p.6
PARTE SECONDA
Finalità e obiettivi generali
p.8
PARTE TERZA
Criteri e strumenti di valutazione
p.9
PARTE QUARTA
Storia e profilo della classe
p.13
Approfondimenti personali
p.15
Simulazioni prove d'esame
p.16
PROGRAMMI SVOLTI
p.18
Italiano
p.19
Latino
p.24
Storia
p.27
Ed.fisica
p.30
Inglese
p.31
Tedesco seconda lingua
p.33
Francese terza lingua
p.35
Matematica
p.40
Filosofia
p.42
Scienze
p.44
Religione
p.46
Appendice A
p.47
Appendice B
p.48
Appendice C
p.49
Appendice D
p.52
Appendice E
p.54
Appendice F
p.55
Appendice G
p.56
3
ELENCO DOCENTI DELLA CLASSE 5 GLA
COGNOME
BOSCARINI
NOME
Piera
MATERIA
D’INSEGNAMENTO
FIRMA
RELIGIONE
CHIAPPARINO Agnese Teresa
ITALIANO
IAZZETTA
Virginia Natalia
STORIA
CHIAPPARINO Agnese Teresa
LATINO
VIVIANI
Elisa
1° LINGUA - INGLESE
MARION
Mila
CONVERSAZIONE
INGLESE
RIOLFO
Claudia
2° LINGUA – TEDESCO
NICKEL
Helga
CONVERSAZIONE
TEDESCO
GONNOT
Isabelle
3° LINGUA – FRANCESE
COSTANTINI
Isabelle
CONVERSAZIONE
FRANCESE
MATTIOLI
Dario
FILOSOFIA
CECCHIN
Francesca
MATEMATICA
GIORDANO
Cosimina
SCIENZE SPERIMENTALI
BALSAMO
Claudia
EDUCAZIONE FISICA
4
ELENCO STUDENTI DELLA CLASSE 5 GLA
COGNOME
NOME
1
BORDIGNON
Giorgia Andrea
2
CAON
Elena
3
DALLA ROSA
Beatrice
4
DE MARTIN
Valentina
5
FACCHIN
Angela Rita
6
FORNER
Sofia
7
GIRARDI
Annalisa
8
GOLLA
Sara
9
HASANI
Loredana
10
LIEVORE
Rachele
11
PICCOLOTTO
Sofia
12
POZZOBON
Andrea
13
SALVALAGGIO
Alessandra
14
SEMENCENCO
Victor
15
TAVERNARO
Greta
16
TREVISAN
Eleonora
17
VIALETTO
Margherita
18
ZAMPERONI
Valentina
FIRMA RAPPRESENTANTI DI CLASSE
5
PARTE PRIMA
Descrizione della scuola e del contesto ambientale (territorio e sue caratteristiche)
Introduzione
L'Istituto ha cominciato ad operare a Montebelluna nell'anno scolastico 1966/67 come sezione staccata
dell'Istituto magistrale "Duca degli Abruzzi" di Treviso. Nell'anno scolastico successivo (1967/68) ha ottenuto
l'autonomia da Treviso; gli organi collegiali hanno quindi scelto la denominazione "Angela Veronese" in omaggio
ad una poetessa locale del XVIII secolo.
L’Istituto vanta una lunga storia di innovazione e sperimentazione didattica. Dopo aver avviato il nuovo corso
quinquennale del Liceo Psico-Pedagogico, in sostituzione delle vecchie magistrali, ha iniziato la sperimentazione
del nuovo Indirizzo Linguistico Brocca.
Con l’introduzione della legge sull’Autonomia delle Istituzioni scolastiche (1999) l’Istituto ha avviato tre nuovi
indirizzi, i cui programmi sono stati progettati dagli insegnanti stessi, tenendo conto delle esperienze di
sperimentazione: il Liceo Linguistico Autonomo, il Liceo delle Scienze Sociali e il Liceo delle Scienze Umane. I tre
indirizzi sono ormai tutti a regime.
L’Istituto ha sempre investito per offrire agli studenti attrezzature tecnologiche aggiornate, e il corpo insegnante si
contraddistingue per il notevole livello di conoscenza e uso delle nuove tecnologie.
Contesto socio economico
La scuola si colloca in un territorio particolarmente ricco sotto il profilo artigianale e industriale, che però vive in
questo momento tutte le difficoltà e le contraddizioni in cui si dibatte l’intero Paese. Settori industriali (tessile,
calzature, eccetera) che per anni hanno conosciuto una crescita continua e apparentemente senza limiti sono ora
messi in crisi dal fenomeno della delocalizzazione e dalla concorrenza internazionale, basata su bassi costi del
lavoro.
Questo momento di passaggio rappresenta una sfida importante per il sistema dell’istruzione superiore. La
riconversione produttiva del nostro territorio e dell’intero Paese non potrà prescindere, infatti, da consistenti
investimenti privati e pubblici in ricerca e sviluppo e da un generale innalzamento dei livelli culturali dei giovani
che si immettono sul mercato del lavoro.
Da questo punto di vista, la scelta delle famiglie di investire su una scolarità di alto livello, aperta a tutte le facoltà
universitarie, non appare frutto di una moda passeggera: un alto livello di istruzione, infatti, garantisce la
necessaria flessibilità per inserirsi in un mercato del lavoro in veloce cambiamento, i cui bisogni, negli 8-10 anni
che trascorrono tra l’iscrizione di uno studente al primo anno di corso e l’inserimento effettivo al termine degli
studi universitari o postdiploma, sono difficili da prevedere. L’Istituto Veronese ha dunque saputo “intercettare”
negli ultimi anni una domanda presente nel territorio di una scuola di tipo liceale, in grado di fornire la
preparazione di base necessaria all’accesso universitario.
A questo proposito, sulla base degli ultimi dati emersi dall’indagine Pisa (Programme for International Student
Assessment) relativi all’anno 2003, il basso livello di competenze raggiunto dagli studenti italiani nei confronti
internazionali risulta in realtà da una media tra tutti i tipi di scuola. Se si analizzano separatamente i dati relativi ai
Licei, specie del Nord Est, si scopre che gli studenti italiani conseguono obiettivi che non hanno nulla da invidiare
a quelli degli studenti finlandesi o coreani, che risultano essere i più brillanti.
Naturalmente la scuola deve impegnarsi a corrispondere alle aspettative di alti livelli di preparazione e di qualità
della formazione impartita insiti nella propria qualificazione liceale.
Coerentemente con questa visione, l’Istituto si sta impegnando anche nel campo della formazione post-diploma,
ed ha già organizzato due corsi IFTS (Formazione Tecnico Professionale Superiore Integrata), uno per la
preparazione della figura professionale di Webmaster (2002) e uno per la preparazione della figura professionale
di Officer for Immigration (2003-2004).
Bacino di utenza
Il bacino di utenza è molto vasto (con un raggio di circa 40 km), e interessa studenti provenienti da 4 province
(Treviso, Belluno, Padova, Vicenza).
Nella sua organizzazione e negli orari la scuola deve ovviamente tenere conto di questa circostanza.
6
Attività culturali integrative
Per valorizzare maggiormente l’offerta educativa e formativa l’Istituto ha attivato le seguenti attività:
• Stages curriculari per le classi quarte del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo delle Scienze Sociali;
• Scambi culturali con scuole estere e soggiorni linguistici (in particolare per l’indirizzo Linguistico);
• Attività di recupero (sportelli pomeridiani o corsi di recupero);
• Viaggi e visite guidate;
• Spettacoli teatrali;
• Conferenze di letteratura e filosofia, anche in lingua straniera;
• Incontri e attività collegate all’orientamento post-diploma;
• Giornale di Istituto “Scripta Manent”;
• Tg degli studenti
• Partecipazione a giornate di dibattito e approfondimento;
• Corsi d’eccellenza pomeridiani, anche mirati alla preparazione dei test d’ingresso all’Unversità;
• Certificazioni ECDL;
• Certificazioni linguistiche.
Gli edifici della scuola sono aperti nel pomeriggio sino alle ore 18 e per gli studenti è contemplato l’accesso a
tutte le attrezzature che la scuola possiede – computer, Internet, posta elettronica, strumenti audiovisivi, ecc. –
perché possano attuare lavori di ricerca e di approfondimento.
7
PARTE SECONDA
Finalità e obiettivi generali (il riferimento è il Piano dell’Offerta Formativa)
Il sistema educativo di istruzione e formazione di cui l’Istituto Superiore Angela Veronese di Montebelluna fa
parte è finalizzato alla crescita e alla valorizzazione della persona umana, nel rispetto dei ritmi dell’età evolutiva,
delle differenze e dell’identità di ciascuno, nel quadro della cooperazione tra scuola e genitori, in coerenza con le
disposizioni in materia di autonomia e secondo i principi sanciti dalla Costituzione e dalla Dichiarazione
universale dei diritti dell’uomo.
L'Istituto Angela Veronese considera l'alunno al centro dell'organizzazione e delle finalità dell'attività didattica e
formativa, e mira al raggiungimento di standard elevati di formazione e di comportamento, costruendo relazioni
positive e sviluppando il senso di responsabilità e di cittadinanza.
Si propone, inoltre, di formare menti aperte e critiche, che sappiano padroneggiare i processi decisionali, che
siano in grado di leggere e interpretare la realtà, di comprenderne i cambiamenti, di orientarsi in essa secondo
ragione, intrecciando saperi e valori che caratterizzano la nostra storia e la nostra democrazia, inseriti in un
contesto europeo e mondiale.
Alla fine del corso di studi, quindi, lo studente deve possedere, soprattutto nei settori disciplinari caratterizzanti
l'indirizzo seguito, conoscenze, competenze e metodologie adeguate per poter:



affrontare positivamente percorsi universitari o di specializzazione post-diploma;
gestire positivamente i cambiamenti del mondo del lavoro;
essere capace di sviluppare, anche in modo autonomo, ulteriori competenze richieste
sociale e tecnologica.
dall'innovazione
Questa è dunque la “missione” dell’Istituto, che assicura a tutti pari opportunità nel raggiungimento di elevati livelli
culturali e nello sviluppo delle conoscenze, delle capacità e delle competenze, generali e di settore, coerenti con
le attitudini e le scelte personali.
CAPACITÀ E COMPETENZE
Ferma restando la specificità di ogni singolo indirizzo, l'Istituto intende valorizzare le seguenti capacità e
competenze comuni e trasversali, rispettivamente nel biennio e nel triennio:
BIENNIO:









Competenza di lettura e comprensione di testi;
Capacità di capire istruzioni anche lunghe e complesse sia orali che scritte;
Uso efficace della lingua, sia scritta che parlata;
Conoscenza dei linguaggi specifici delle singole discipline;
Sviluppo di un metodo di studio efficace ed autonomo;
Capacità di organizzare i contenuti, anche con costruzione di mappe concettuali;
Sviluppo di capacità logiche (causa-effetto, pertinenza, coerenza)
Sviluppo dell’autonomia personale relativamente ai diritti e doveri degli studenti (consegne, materiali,
giustificazioni);
Abitudine alla lettura.
TRIENNIO:








Consolidamento delle capacità logiche;
Capacità di collegare i contenuti di discipline diverse;
Acquisizione di metodi, procedure e contenuti finalizzati ad un’adeguata interpretazione dei contenuti delle
varie discipline;
Sviluppo delle capacità di rielaborazione personale e autonoma e di capacità critiche;
Capacità di reperire e selezionare informazioni, qualunque sia la loro provenienza;
Capacità di autovalutazione e attivazione di strategie per l’autoapprendimento continuo;
Assumere atteggiamenti di collaborazione attiva e propositiva, di flessibilità e di accettazione del
cambiamento;
Diventare cittadini dotati degli strumenti necessari per vivere nella società italiana ed europea.
Il quadro generale del curricolo del Liceo Linguistico Autonomo è riportato in appendice A.
8
PARTE TERZA
Criteri e strumenti di valutazione
La valutazione è l’insieme di operazioni e procedimenti che hanno come scopo l’accertamento dell’efficacia
dell’attività didattica e del raggiungimento degli obiettivi programmati; consente quindi la verifica e il controllo
della validità del processo di apprendimento/insegnamento.
I seguenti indicatori vengono utilizzati come base per la costruzione e la valutazione delle prove di verifica:
•
USO DELLA LINGUA E DEL LINGUAGGIO SPECIFICO
•
CONTENUTI (Informazioni, regole e principi)
•
COMPETENZE nella comprensione, analisi, sintesi, comparazione e correlazione di concetti nello
specifico ambito disciplinare
•
COMPETENZE nell’applicazione di procedure e nel trasferire i paradigmi propri delle varie discipline in
campi disciplinari diversi
•
AUTONOMIA DI GIUDIZIO originalità, creatività, elaborazione critica
La fase della misurazione, che avviene in occasione delle singole prove, va naturalmente tenuta distinta da quella
della valutazione, che ha luogo in occasione degli scrutini quadrimestrali. La valutazione delle singole discipline,
infatti, viene perfezionata dal Consiglio di classe, nella prospettiva di assicurare all'allievo una valutazione
complessiva che valorizzi la persona.
Nella valutazione quadrimestrale, sono stati utilizzati indicatori per verificare il grado di acquisizione delle
seguenti competenze e capacità:
1
CAPACITA’ NELL’ USO
DELLA LINGUA E DEL
LINGUAGGIO SPECIFICO
2
CAPACITA’ DI
ACQUISIRE
CONTENUTI
Informazioni, regole
e principi
3
COMPETENZE
nella
comprensione,
analisi, sintesi,
comparazione e
correlazione di
concetti nello
specifico ambito
disciplinare
4
COMPETENZE
nel trasferire i
paradigmi propri
delle varie
discipline in campi
disciplinari diversi
5
CAPACITA’ DI
AUTONOMIA DI
GIUDIZIO originalità,
creatività,
elaborazione critica
Per ogni livello o indicatore di competenza è stato previsto, in relazione ai punteggi ottenuti nelle singole verifiche
disciplinari, l’attribuzione di un voto da 1 a 10. Il quadro di riferimento specifico per l’attribuzione del voto è quello
emerso nella programmazione disciplinare.
La media dei voti riportati, integrata da un giudizio generale sulla partecipazione all’attività scolastica e al
dialogo educativo, ha costituito la VALUTAZIONE quadrimestrale o finale che, di norma, non sarà inferiore a 3
9
TABELLA 1
Votazioni gravemente insufficienti per tutti gli indicatori accompagnate da un sostanziale
disinteresse per la disciplina.
Votazioni gravemente insufficienti per la maggior parte degli indicatori
Votazioni insufficienti per la maggior parte degli indicatori con al massimo una votazione di grave
insufficienza in presenza, comunque, di un atteggiamento positivo nei confronti della disciplina.
Votazioni sufficienti per quasi tutti gli indicatori.
Votazioni pienamente sufficienti per tutti gli indicatori unite a capacità di analisi e sintesi e di
correlazione e comparazione, da apprezzabili e appropriate capacità di transfert e tentativi accettabili
di autonomia di giudizio.
Votazioni buone per la maggior parte degli indicatori accompagnate da apprezzabili e adeguate
capacità di analisi, sintesi, comparazione e correlazione, apprezzabili e appropriate capacità di
transfert e discreta autonomia di giudizio.
Votazioni ottime per quasi tutti gli indicatori accompagnate da una coerente e apprezzabile
autonomia di giudizio.
Votazioni ottime per tutti gli indicatori accompagnate da spiccate capacità di analisi e di sintesi, di
comparazione e correlazione, da buone e pertinenti capacità di transfert e da buona autonomia di
giudizio, valorizzata da coerenza logica, appropriate argomentazioni e originalità.
3
4
5
6
7
8
9
10
Valutazione del comportamento
Studente
Classe
Rispetto per
l'organizzazione
scolastica
Rispetto per
l'attività
scolastica
Poco
Spesso
Sempre
Mai
Talvolta
Sempre
Abbastanza
Del tutto
Per niente
Frequenta regolarmente le lezioni
Rispetta l’orario delle lezioni e delle attività
extrascolastiche
Giustifica tempestivamente le assenze e i ritardi
Segue con attenzione e partecipa attivamente alle
lezioni
Svolge con diligenza il lavoro assegnato, segue
indicazioni e consegne
Si impegna per migliorare il proprio
apprendimento, porta il materiale necessario
Collabora con i compagni
Rispetto per
l'altro da sé
Utilizza correttamente ambienti, attrezzature
scolastiche ed extrascolastiche, materiale altrui;
mantiene l'ordine negli spazi che frequenta
Rispetta gli altri e e loro opinioni
Usa un linguaggio corretto e si rivolge
educatamente a docenti e non docenti
10
Sulla base di quanto sopra indicato, si è proceduto ad individuare i criteri di valutazione, che di seguito si
riportano, da adottare nelle simulazioni delle prove d’esame.
Prima prova
Per la valutazione degli elaborati previsti per la prima prova dell’esame di stato si suggerisce la
valutazione riportata in appendice B.
griglia di
Seconda prova
I criteri di valutazione della seconda prova scritta e la relativa griglia da allegare a ciascuna prova sono riportati in
appendice C e D.
Terza prova
A norma di legge, la terza prova scritta, a carattere pluridisciplinare, è intesa ad accertare le conoscenze, le
competenze e le capacità acquisite dal candidato, nonché le capacità di utilizzare e integrare conoscenze e
competenze relative alle materie dell’ultimo anno di corso, anche ai fini di una produzione scritta, orale o pratica
(D.M. 390, art. 1, 18 settembre 1998).
Nella costruzione della terza prova si sono tenuti in considerazione i seguenti criteri:
•
•
•
•
Determinare il numero di parole e/o righe massime necessarie per la risposta;
Evitare formulazioni suscettibili di interpretazioni ambigue;
Evitare domande la cui la risposta errata o la non risposta condizioni la validità della risposta al quesito
successivo;
Valutare bene il tempo necessario ad uno studente di media capacità per concludere la prova.
Nelle classi del Liceo Linguistico le lingua straniere devono necessariamente trovare posto nella Terza Prova; lo
studente non potrà però più scegliere la lingua già scelta nella seconda prova.
Nelle simulazioni, a discrezione del Consiglio di Classe, la lingua straniera nella terza prova potrà essere a scelta
dello studente (che non potrà più scegliere, però, la lingua già scelta in una precedente simulazione) o scelta dal
Consiglio di Classe, che avrà cura di scegliere le diverse lingue a rotazione.
Nella valutazione delle simulazioni di terza prova si sono tenuti presenti i seguenti criteri:
•
•
Valutare le risposte date ad ogni disciplina con un punteggio in quindicesimi secondo la griglia allegata in
appendice E e calcolare la media;
Integrare il voto in considerazione di particolari attributi della prova.
Colloquio
Vengono indicati i seguenti criteri per la valutazione del colloquio (Art. 4, comma 5 del Regolamento sulla
disciplina degli esami di Stato):
Il colloquio tende ad accertare:
•
•
•
•
padronanza della lingua;
capacità di utilizzare le conoscenze acquisite;
capacità di collegare nell’argomentazione le conoscenze acquisite;
capacità di discutere e di approfondire i diversi argomenti.
Il colloquio si svolge su argomenti di interesse pluridisciplinare attinenti ai programmi e al lavoro didattico
dell’ultimo anno di corso.
11
Alla luce di quanto sopra esposto, i criteri adottati per la valutazione del colloquio devono essere:
•
•
•
•
•
Padronanza della lingua;
Capacità di esposizione e argomentazione;
Livello di utilizzazione delle conoscenze;
Capacità di operare collegamenti;
Originalità ed elaborazione critica.
La relativa griglia di valutazione è riportata in appendice F.
In appendice G sono riportate, infine, le tabelle di conversione tra valutazioni espresse in decimi, in quindicesimi
e in trentesimi.
12
PARTE QUARTA
Storia e profilo della classe
La classe V G, composta da 18 allievi, ha iniziato il suo percorso scolastico nell’anno 2008-2009, nell’indirizzo
Liceo Linguistico Autonomo.
Storia della classe
In prima, il gruppo era costituito da 23 studenti (in realtà erano 24 iscritti, ma un’alunna si è trasferita all’inizio
dell’anno scolastico), tutti promossi alla fine dell’anno.
Dei 23 alunni, due non sono stati ammessi alla fine della seconda, poi, all’inizio della terza un’alunna si è
trasferita in un altro corso del nostro Istituto, ed un’altra ha cambiato scuola . Invece un’alunna ripetente di terza,
proveniente di un altro corso del nostro liceo linguistico, ha raggiunto il gruppo dei 19 alunni rimasti.
Alla fine dell’anno scolastico, dei 20 alunni che avevano frequentato la terza, uno non ha superato l’anno.
In quarta, ai 19 alunni rimasti si è aggiunto, per tutto l’anno scolastico, uno studente paraguaiano nel quadro di
Intercultura.
Alla fine della quarta un’alunna non è stata ammessa portando il numero di studenti a 18 in quinta.
Per quanto riguarda la continuità didattica, nel quinquennio si sono registrati vari avvicendamenti di docenti e, in
particolare, in italiano, latino, storia ed inglese. Gli alunni hanno incontrato difficoltà davanti a metodi di
insegnamento diversi, ma hanno saputo affrontare il cambiamento con spirito di adattamento, soprattutto all’inizio
della terza.
In particolare:
Nel biennio:
La classe ha goduto di una continuità didattica tra il primo e il secondo anno soltanto in inglese, tedesco
(compresi gli insegnanti di conversazione) e diritto ed economia. In tutte le altre materie l’insegnante è cambiato
(italiano, latino, storia, matematica, scienze ed informatica).
Nel triennio:
C’è stata la continuità didattica per un anno in italiano, latino e storia, poi il docente è cambiato ogni anno in
queste materie (eccetto per storia, l’ insegnante di quarta è rimasta in quinta).
In inglese, l’insegnante è cambiato ogni anno; e l’insegnante di conversazione è cambiato in terza, poi in quarta e
in quinta è tornata l’insegnante del biennio.
In alcune materie come matematica, scienze, tedesco e francese è rimasto lo stesso docente per tutto il triennio.
Non c’è stata la continuità, invece, per l’insegnante di conversazione in tedesco e francese.
In filosofia l’insegnante è cambiato in quarta, ma è rimasto lo stesso in quinta.
Solo due insegnanti hanno accompagnato la classe per tutto il quinquennio, quelli di religione ed educazione
fisica.
Attività para ed extra-scolastiche
La classe ha svolto, nel corso del quinquennio, numerose attività para ed extra-scolastiche, che hanno
notevolmente contribuito alla crescita umana e culturale del gruppo.
Particolarmente significativi sono stati i due scambi culturali a cui il gruppo ha partecipato: uno scambio culturale
con l’ “Ostsee-Gymnasium” di Timmendorfer Strand (Germania) nel corso del terzo anno e un secondo scambio
culturale, in quarta, con il Cégep di Trois-Rivières di lingua francese à Trois-Rivières, Québec (Canada).
Le finalità di queste attività, previste dal POF, sono coerenti con gli obiettivi educativi e didattici del Liceo
Linguistico Autonomo.
Non sono mancate altre attività significative, che si riportano nel modo più completo possibile:
13
CLASSE
A.S.
I
2008-09
II
2009-10
ATTIVITA’
-
Visita al Museo di Montebelluna (per un laboratorio didattico sull'antica Roma);
Visita a Bolzano, Museo archeologico e mercatini di Natale
Laboratorio di invito alla lettura
Uscita al Palaghiaccio di Feltre
Uscita a Bolca (VR) (fossili)
Intervento di educazione alimentare
Intervento di educazione stradale
Partecipazione alla corsa campestre (per alcuni studenti)
Attività “Il giornale in classe”
-
Incontro di prevenzione al tabagismo
Incontro sul tema “Alcool e giovani”
Partecipazione ad una mattinata di atletica con le altre classi seconde
Partecipazione all’attività Certamen di latino (per alcuni alunni)
Partecipazione ad una rappresentazione dello spettacolo musicale “Fame” in inglese a
Treviso
Viaggio d’istruzione a Roma (3 notti)
Partecipazione alla corsa campestre (per alcuni alunni)
Incontro per “Intercultura”
Attività “Il giornale in classe”
Partecipazione a Matematica senza frontiere
-
III
2010-11
-
IV
2011-12
-
Scambio culturale con il ginnasio “Ostsee-Gymnasium” di Timmendorfer Strand,
Germania, della durata di 10 giorni (più 9 giorni di ospitalità)
Incontro con gli operatori dell’Ulss di Montebelluna su “Educazione alla sessualità e
all’affettività”
Partecipazione al torneo di pallavolo
Partecipazione allo spettacolo musicale sulla Shoah
Incontro con l’AGEIDO
Partecipazione all'attività del giornalino Scripta manent (per alcuni alunni)
Certificazione di lingua tedesca B1 (per alcuni alunni)
Partecipazione alla corsa campestre (per alcuni alunni).
Partecipazione a Matematica senza frontiere
Scambio culturale con il Cégep Trois-Rivières di Trois-Rivières, Québec, Canada della
durata di 15 giorni (più 14 giorni di ospitalità)
Incontro con i detenuti del carcere di Padova
Visione di uno spettacolo teatrale in lingua francese, “L’Avare” di Molière, a Treviso
Certificazione di lingua inglese, First Certificate, (per alcuni alunni)
Conferenza in lingua inglese da un docente dell’Università Cà Foscari
Partecipazione al corso di avvio al giornalismo (per alcuni alunni)
Partecipazione alla corsa campestre (per alcuni alunni)
Alphatest (per alcuni alunni)
14
V
-
2012-13
-
Visita guidata al Museo “Guggenheim” di Venezia
Incontro con un esperto dell’Ulss sulla donazione di organi, nell’ambito del “Progetto di
Educazione alla salute”
Nell’ambito del Progetto di “Orientamento in uscita”, visita al Job-orienta di Verona e
all’Università di Padova
Partecipazione ad una rappresentazione teatrale in francese “Kabaret” a Treviso
Viaggio d’istruzione a Praga (4 notti)
Visita al convento delle suore carmelitane di clausura di Venezia
Incontro “Fenomeni mafiosi nel Nord Italia” con Don Luigi Tellin
Conferenza di filosofia “La democrazia e la crisi” tenuta dal prof. L.V. Tarca
Partecipazione alla corsa campestre (per alcuni alunni)
Incontro con alcuni detenuti nel carcere di Padova
Corso di cinese (per alcuni alunni)
Corso di fisica (per alcuni alunni)
Corso di preparazione ai quesiti di logica per i test di ammissione universitari (per
alcuni alunni)
Partecipazione all'attività del giornalino Scripta manent (per alcuni alunni)
Partecipazione ai Giochi matematici (per alcuni alunni)
Partecipazione al corso di avvio al giornalismo (per alcuni alunni)
Alphatest (per alcuni alunni)
Nell’ambito del Progetto di “Orientamento in uscita”, incontro con l’Ufficio per l’impiego
(per alcuni alunni)
Profilo della classe
La classe si presenta oggi come un gruppo relativamente compatto con rapporti interpersonali buoni. Gli scambi
e la presenza dell’alunno paraguaiano per un anno hanno contribuito ad unire la classe nel triennio ed a
permettere più facilmente agli studenti che tendevano ad isolarsi a socializzare con il resto della classe.
Il comportamento è adeguato nei confronti dei docenti e delle altre figure operanti all’interno dell’Istituto.
L’attenzione e l’interesse per le attività proposte sono andati sempre migliorando anche se alcuni studenti fanno
fatica a partecipare in modo spontaneo. Anche l’impegno e l’applicazione sono cresciuti soprattutto nell’ultimo
anno per alcuni studenti.
La preparazione raggiunta è discreta o buona per un gruppo di alunni mentre per altri l’impegno più settoriale ed
una tendenza ad affrontare lo studio in modo scolastico e non abbastanza critico e personale, hanno portato ad
un profitto globalmente sufficiente. Per alcuni alunni permangono delle difficoltà nell’esposizione scritta e/o
orale, nonostante la loro volontà di miglioramento.
Le esperienze degli scambi culturali all’estero (Germania e Canada) e, in generale, le attività integrative e extra
curricolari sono state affrontate con senso di responsabilità e serietà e hanno contribuito alla maturazione degli
alunni stessi e ad un miglioramento nel profitto delle lingue straniere. Da notare che in queste occasioni alcuni
studenti hanno collaborato in modo efficace nell’organizzazione delle attività nell’interesse della classe.
Approfondimenti personali
Ogni studente ha realizzato, nel corso del quinto anno, un approfondimento personale di carattere
pluridisciplinare, con il quale intende aprire il colloquio d’esame.
Il lavoro è stato gestito tenendo conto dell'Ordinanza Ministeriale 40, 8 aprile 2009 che, in relazione alla
conduzione del colloquio, fa esplicito riferimento all’eventuale presentazione, da parte degli studenti, di argomenti
introdotti “mediante la proposta di un testo, di un documento, di un progetto o di altra questione di cui il candidato
individua le componenti culturali, discutendole”. A tale proposito, il corpo docente ha garantito agli alunni il
sostegno e la guida richiesti nel corso di lavoro di ricerca, invitandoli ad utilizzare nel modo migliore il tempo a
loro disposizione e ad organizzare l’esposizione in modo coerente e coeso, nonché con chiarezza e proprietà di
linguaggio. Nel contempo, però, il Consiglio di Classe vuole sottolineare la caratteristica personale
dell’approfondimento, nel corso del quale gli studenti hanno effettuato una ricerca comparata con strumenti
diversi (libri di testo, lavoro di ricerca in biblioteca, internet).
Di tale lavoro, agli studenti vengono richieste in forma cartacea, come stabilito dal Consiglio di Classe, la mappa
concettuale, la bibliografia e la motivazione del progetto lasciando la facoltà di presentare il proprio
approfondimento, in circa 15 minuti, con gli strumenti che riterranno opportuni.
La documentazione richiesta verrà consegnata, come stabilito dalla normativa sugli Esami di Stato, il giorno della
prima prova scritta.
15
I temi scelti dagli studenti per gli approfondimenti sono i seguenti:
1
Bordignon Giorgia
Andrea
Distopia: controllo sulle masse
2
Caon Elena
Le manifestazioni nel’68
3
Dalla Rosa Beatrice
Capitalismo in Cina
4
De Martin Valentina
La visione del mondo dei non vedenti
5
Facchin Angela Rita
I manifesti nella società di massa
6
Forner Sofia
Quando la droga diventa un rifugio
7
Girardi Annalisa
Eurocentrismo e civiltà perdute
8
Golla Sara
Il concetto di follia
9
Hasani Loredana
Il cinema come finestra su un’altra dimensione
10
Lievore Rachele
Il crimine nella storia della letteratura
11
Piccolotto Sofia
La solitudine come necessità
12
Pozzobon Andrea
Venuto al mondo
13
Salvalaggio Alessandra
Biotecnologie: gli ogm
14
Semencenco Victor
Il Superuomo in Delitto e castigo
15
Tavernaro Greta
Il ruolo delle scrittrici (nella letteratura)
16
Trevisan Eleonora
Città segrete in Russia
17
Vialetto Margherita
Parigi, lo sviluppo sociale di una metropoli (1880-1920)
18
Zamperoni Valentina
Suites di Bach: ascolto ed analisi
Simulazioni prove d'esame
Nel corso dell’anno scolastico, sono state svolte varie simulazioni d'esame: due simulazioni della prima prova
scritta, una per ciascuna lingua di seconda prova e due simulazioni di terza prova.
In un fascicolo a parte, sono state raccolte le tracce delle due simulazioni di terza prova assegnate mentre il
resto della documentazione relativa agli elaborati degli allievi è disponibile in segreteria.
Prima prova scritta
Gli studenti, nel corso di tutto l’anno, hanno attuato una costante attività di preparazione alle diverse tipologie
della prima prova d’esame. La prima simulazione d'esame si è svolta il 5/12/2012 e la seconda il 30/04/13. Sono
state corrette e valutate secondo il documento allegato (appendice B).
16
Seconda prova scritta
Gli studenti hanno iniziato ad esercitarsi sulla tipologia di prove previste dall’Esame di Stato già nel secondo
quadrimestre della classe quarta (per la prima e la seconda lingua straniera).
Nella seconda meta del mese di aprile e all’inizio del mese di maggio di quest’anno, è stata proposta agli studenti
una simulazione di cinque ore per ogni lingua straniera: il 15/4/13 per l’inglese, il 20/4/13 per il tedesco e il 3/5/13
per il francese. Tali prove sono state corrette e valutate secondo il documento allegato (appendice C e D).
Terza prova
Nel corso dell’anno sono state svolte due simulazioni di terza prova, concordate tra i docenti del Consiglio di
Classe, una nel primo quadrimestre e una nel secondo: l’ 11/12/12 e l’ 8/5/13.
La tipologia scelta è stata la B, perché più adatta al lavoro didattico svolto e quindi alle capacità e competenze
degli studenti. Le discipline coinvolte sono state: le tre lingue straniere, storia, scienze, filosofia, educazione
motoria, matematica e latino. Alla prima simulazione è stata assegnata una durata di tre ore, mentre alla seconda
sono state assegnate tre ore e mezza. In entrambi i casi sono stati proposti due quesiti per materia.
Per quanto riguarda la valutazione della terza prova, le simulazioni effettuate sono state valutate secondo il
documento allegato (appendice E).
17
18
MATERIA: ITALIANO
INSEGNANTE: PROF.SSA CHIAPPARINO AGNESE TERESA
Testo in adozione: Luperini R, Cataldi P, Marchiani L, Marchese F, Donnarumma R, La scrittura e
l’interpretazione, Palumbo Editore
CONOSCENZE
- Conoscenza della vita degli autori trattati in relazione alle loro opere
- Conoscenza del pensiero degli autori trattati
- Conoscenza del contesto storico in cui si collocano
- Conoscenza delle principali correnti letterarie
COMPETENZE E CAPACITA'
- Saper leggere i testi per una comprensione di base del loro significato
- Saper individuare le tematiche
- Saper analizzare le tecniche utilizzate
- Saper collocare il testo all’interno di una rete di confronti riguardanti
a) altre opere dello stesso autore o di altri autori, sia coevi, sia di epoche diverse
b) il contesto storico-culturale
- Saper costruire un discorso orale in forma corretta argomentando secondo i criteri della consapevolezza,
organicità, pertinenza
- Saper produrre testi scritti rispondenti alle varie tipologie previste dall'esame di Stato
CONTENUTI
DANTE
Lettura, parafrasi, analisi e commento dei seguenti canti del “Paradiso”: I, III, VI, XI, .XII, XVII,
XXXIII
L’ETA’ DEL ROMANTICISMO
Il Romanticismo europeo e italiano. Quadro storico-sociale.
ALESSANDRO MANZONI
La vita, il pensiero, le opere
Lettura e analisi de
-
Il cinque maggio
La Pentecoste
Realtà e invenzione: il problema del vero poetico (da “Lettre a Monsieur Chauvet)
Coro dell’atto IV (da “Adelchi”)
GIACOMO LEOPARDI, il vago, l’indefinito e l’arido vero.
La vita, il pensiero, le opere
Lettura e analisi di alcuni passi tratti dallo ”Zibaldone”:
-
La teoria del piacere;
La natura e la civiltà;
Sul materialismo
Dai “Canti”:
-
L’infinito;
La sera del dì di festa;
A Silvia;
La quiete dopo latempesta;
Il sabato del villaggio;
19
-
Canto notturno di un pastore errante dell’Asia;
La ginestra o il fiore del deserto (vv.1-185; 202-235; 296-317).
Dalle “Operette morali”:
-
Dialogo della Natura e di un Islandese;
Dialogo di Cristoforo Colombo e di Pietro Gutierrez
Dialogo di Tristano e di un amico
L’ETA’ DEL POSITIVISMO
La situazione politica e sociale in Italia e in Europa dalla metà dell’Ottocento all’inizio del Novecento.
La Scapigliatura fra disagio e protesta
Emilio Praga:
-
Preludio, da “Penombre”
Igino Ugo Tarchetti
- Attrazione e repulsione per Fosca, da “Fosca”, capp. XXXII - XXXIII
Scrittori europei nell'età del Naturalismo
Gustave Flaubert (Cenni): Lettura di
-
I comizi agricoli (da “Madame Bovary”)
Emile Zola (Cenni): Lettura di
-
L’inizio dell’ “Ammazzatoio” (da “L'assommoir”)
Fiodor Dostoievskij (Cenni): Lettura di:
-
La confessione di Raskolnikov (da “Delitto e castigo”)
Scrittori italiani nell'età del Verismo.
GIOVANNI VERGA
La vita, il pensiero, le opere
Verga teorico del Verismo.
Lettura e analisi di:
- Lettera prefazione all’Amante di Gramigna
- La Prefazione a “I Malavoglia”
Le novelle. Lettura e analisi di:
-
Nedda
Rosso Malpelo da “Vita dei campi”;
La lupa da “Vita dei campi”;
La roba da “Novelle rusticane”;
Libertà da “Novelle rusticane”;
“I Malavoglia”: presentazione dei principali nuclei concettuali
Lettura e analisi di:
-
Mana, compare Alfio e le stelle che <<ammiccavano>> più forte;
La rivoluzione per il dazio della pece;
L’inizio dei <<Malavoglia>>
L’addio di ‘Ntoni
“Mastro Don Gesualdo” presentazione dei principali nuclei concettuali
Lettura e analisi di:
- La giornata di Gesualdo
- La morte di Gesualdo
20
IL DECADENTISMO
La crisi delle certezze e il simbolismo
Il modello del Simbolismo francese
Charles Baudelaire (cenni). Lettura di:
-
L’albratros da “Les fleurs du mal”
Corrispondenze da “Les fleurs du mal”
Paul Verlaine (cenni). Lettura di:
-
Languore da “Poesie”
Arthur Rimbaud (cenni). Lettura di:
-
Vocali da “Poesie”
GIOVANNI PASCOLI
La vita, il pensiero, le opere
Lettura e analisi di:
-
Il fanciullino da “Il fanciullino”
Lavandaie, X agosto, L’assiuolo, Temporale, Novembre, Il lampo da “Myricae”
Digitale purpurea, da “Poemetti”
Italy da “Poemetti”
Il gelsomino notturno, da “Canti di Castelvecchio”
La grande proletaria si è mossa
GABRIELE D’ANNUNZIO
La vita, il pensiero, le opere
Estetismo, superomismo e panismo. La costruzione di un mito di massa
Lettura e analisi di:
-
Ritratto di un esteta: Andrea Sperelli da “Il piacere”
La conclusione del romanzo da “Il piacere”
Ippolita la <<Nemica>> da “Trionfo della morte”
La sera fiesolana, La pioggia nel pineto, Meriggio, I pastori da “Alcyone”
IL PRIMO NOVECENTO
La malattia nella narrativa del primo Novecento
La distruzione del romanzo tradizionale
LUIGI PIRANDELLO
La vita, il pensiero, le opere
Vitalismo, relativismo conoscitivo e umorismo
Lettura e analisi di:
- La <<forma>> e la <<vita>> da “L’umorismo”
- La differenza tra umorismo e comicità da “L’umorismo”
Le novelle. Lettura e analisi di:
-
Il treno ha fischiato da “Novelle per un anno”
C’è qualcuno che ride da “Novelle per un anno”
“Il fu Mattia Pascal”: presentazione dei principali nuclei concettuali
Lettura e analisi di:
-
Adriano Meis e la sua ombra;
L’ultima pagina del romanzo: Pascol porta i fiori alla propria tomba;
Lo <<strappo nel cielo di carta>>;
<<Mi vidi, in quell’istante, attore d’una tragedia>>
“Uno, nessuno e centomila” : presentazione dei principali nuclei concettuali
Lettura e analisi di:
-
<<La vita non conclude>> da Uno, nessuno e centomila
21
Il teatro: periodo grottesco, <<teatro nel teatro>> e pirandellismo
ITALO SVEVO
La vita, il pensiero, le opere
La figura dell’inetto
“Una vita”: presentazione dei principali temi
Lettura e analisi di:
-
Macario e Alfonso: le ali del gabbiano e il cervello dell’intellettuale
“Senilità” : presentazione dei principali temi
Lettura e analisi di:
-
Inettitudine e “senilità”
“La coscienza di Zeno”: presentazione dei principali temi e delle tecniche narrative
Lettura e analisi di:
-
Lo schiaffo del padre
La proposta di matrimonio
La vita è una malattia
La salute di Augusta
LA POESIA DEL NOVECENTO IN ITALIA
Crepuscolari Vociani e futuristi: il concetto di “avanguardia”, il ruolo del poeta
SERGIO CORAZZINI (Cenni). Lettura di:
- Desolazione del povero poeta sentimentale (da “Piccolo mondo inutile”)
GUIDO GOZZANO (Cenni). Lettura di:
-
La signorina Felicita, vv.1-90 (48) (da “Colloqui”)
CAMILLO SBARBARO (Cenni). Lettura di:
-
<<Taci, anima stanca di godere>>
DINO CAMPANA (Cenni). Lettura di:
-
L’invetriata
ALDO PALAZZESCHI (Cenni). Lettura di:
-
Lasciatemi divertire (da “L’incendiario”)
Chi sono? (da “Poemi”)
FILIPPO TOMMASI MARINETTI (Cenni). Lettura di:
-
Manifesto del Futurismo
Bandiera bianca – Fucilare immediatamente (da Zang tumb Tuuum”)
I seguenti argomenti dovrebbero essere affrontati dopo il 15
maggio e potrebbero subire variazioni:
UMBERTO SABA
La vita, il pensiero, le opere
Lettura e analisi da “Il Canzoniere” di:
-
A mia moglie
Città vecchia
Amai
GIUSEPPE UNGARETTI
La vita, il pensiero, le opere
22
Lettura e analisi da “L’allegria” di:
- Mattina
- Soldati
- Natale
- Veglia
- Sono una creatura
- San Martino del Carso
- I fiumi
Lettura e analisi da “Il dolore” di:
-
Non gridate più
EUGENIO MONTALE
La vita, il pensiero, le opere
Lettura e analisi da “Ossi di seppia”:
-
I limoni
Non chiederci la parola
Meriggiare pallido e assorto
Spesso il male di vivere ho incontrato
Lettura e analisi da: “Le occasioni”:
-
La casa dei doganieri
SALVATORE QUASIMODO
La vita, il pensiero, le opere
Lettura e analisi da “Acque e terra”:
-
Ed è subito sera
Alle fronde dei salici
23
MATERIA: LATINO
INSEGNANTE: PROF.SSA CHIAPPARINO AGNESE TERESA
Testo in adozione: A. Diotti - S. Dossi - F. Signoracci, Millennium 3, SEI, Torino
CONOSCENZE
- Conoscenza delle principali strutture morfosintattiche della lingua latina
- Conoscenza, secondo nuclei essenziali, di vita e opere degli autori
- Conoscenza di eventi e dinamiche relativi alla storia romana dal I al V secolo
COMPETENZE E CAPACITA'
- Saper scomporre il testo nelle sue parti
- Saper utilizzare le strutture morfologiche e sintattiche della lingua latina ai fini di un'analisi del testo
- Saper collocare storicamente i testi proposti
- Saper mettere in relazione il testo e contesto
- Saper individuare attraverso i testi le tematiche e il pensiero specifici di ogni autore proposto
- Saper collocare il pensiero di un autore nel suo contesto storico e confrontarlo con altri appartenenti allo
stesso genere o a generi diversi
- Saper confrontare l'atteggiamento degli autori di età imperiale con quello degli autori di età repubblicana
- Saper cogliere gli spunti tuttora attuali presenti negli autori latini
CONTENUTI
La prima età imperiale: da Tiberio a Nerone
Profilo storico – sociale
La cultura tra assolutismo e fine del mecenatismo
Fedro e la favola in poesia
L'autore, l'opera, lo stile
Lettura, traduzione ed analisi di:
Lupus et agnus (I, 1)
Vacca et capella, ovi set leo (I,5)
Vulpes et ciconiam(I, 26)
De vulpe et uva(IV,3)
Tiberius Caesar ad atriensem (II,5)
Mulier vidua et miles (Appendix Perottina 13)
Lucio Anneo Seneca
L'autore, l'opera, lo stile
Lettura in traduzione ed analisi di:
La clemenza si addice ai potenti (De clementia, I, 5, 2-5)
Il sapiente e la politica (De tranquillitate animi 4)
L’uomo, fragile creatura (Naturales quaestiones, VI, 2)
Cotidie morimur (Epistulae morales ad Lucilium 24,20-23)
Lettura, analisi, traduzione e commento di:
De ira III,36
De brevitate vitae:3, 1-5.
Epistulae morales ad Lucilium 47,1-6)
Letture di approfondimento:
La filosofia dell'interiorità in Seneca
Il principe e i valori della politica
Contro il tempo che scorre
Seneca, il Cristianesimo e San Paolo
24
Marco Anneo Lucano e l’epica antitradizionale
L'autore, l'opera, lo stile
Lettura in traduzione ed analisi di:
Un macabro sortilegio (Pharsalia, VI,642-694; 750-774)
Una tremenda profezia (Pharsalia, VI, 775-821)
Il romanzo dalla Grecia a Roma
Petronio
L'autore, l'opera, lo stile
Lettura in traduzione ed analisi di:
I personaggi del Satyricon: Trimalcione (27-28 passim)
I personaggi del Satyricon: Fortunata (37-38)
I discorsi dei convitati (Satyricon, 41,9-12; 42; 43, 1-7)
Streghe e lupi mannari (Satyricon , 62-64,1)
Lettura, analisi, traduzione e commento di:
Satyricon, 111,1-5; 111,6-13;
Letture di approfondimento:
L'incombere della morte nel Satyricon di Petronio
Il Satyricon trova dei modelli nella tradizione letteraria?
L'amore secondo Petronio
L’età imperiale: dai Flavi agli Antonini
Profilo storico – sociale
La ripresa culturale sotto gli imperatori adottivi
Scienza e tecnica a Roma
Plinio il Vecchio
L'autore, l'opera, lo stile
Lettura in traduzione ed analisi di:
L’antropologia di Plinio: il dolore dell’uomo (Naturalis istoria, VII, 1-5)
MARCO FABIO QUINTILIANO TRA RETORICA E PEDAGOGIA
L'autore, l'opera, lo stile
Lettura in traduzione ed analisi di:
Quintiliano, il maestro (I, 3, 6-18)
E’ meglio educare in casa o alla scuola pubblica? (I, 2, 1-8)
Il giudizio sia solo del maestro (Institutio oratoria, ; II, 2, 9-10; 15)
La poesia epica (X, 1, 85-88; 90)
Un difficile giudizio su Seneca (X, 1, 125-131)
Lettura, analisi, traduzione e commento di:
Institutio oratoria, II, 2, 1-4; II, 2, 5-8;
Institutio oratoria, I, 10, 34-37
Letture di approfondimento:
La scuola a Roma
L’epigramma dalla Grecia a Roma
PUBLIO CORNELIO TACITO, ARTISTA DELLA STORIA
L'autore, l'opera, lo stile
25
Lettura in traduzione ed analisi di:
Eloquenza, repubblica e principato (Dialogus de oratoribus, 36, 1-6)
La morte di Agricola (Agricola, 42,3-4; 43)
Il proemio: l’argomento e l’incorrupta fides (Historiae, I, 1)
Il proemio: <<Affronto un’epoca atroce>> (Historiae, I, 2-3)
Gli imperatori negli Annales: Augusto (Annales, I, 9-10)
Gli imperatori negli Annales: Tiberio (Annales, VI, 50-51)
Gli imperatori negli Annales: Nerone (Annales, XVI,4; 6,1-2)
La morte di Seneca (Annales XV, 62 -64)
La morte di Petronio (Annales, XVI, 18-19)
L’incendio di Roma (Annales, XV, 38, 4-7; XV, 39; XV,40; XV,42)
Lettura, analisi, traduzione e commento di:
Germania, I; IV; XX
Annales, XV, 1-3; 44,1-3; XV, 44, 4-5
Letture di approfondimento:
Le cause della corruzione dell’eloquenza
Il problema della successione
Tacito e i cristiani
APULEIO TRA ROMANZO E MAGIA
L'autore, l'opera, lo stile
Lettura in traduzione ed analisi di:
Dentificio o veleno? (Apologia, 6-7)
Il testamento di Pudentilla (Apologia, 100)
Lucio si presenta (Metamorphoson libri, XI)
C’era una volta...: la favola di Amore e Psiche (Metamorphoson libri, IV, 28 – 35 con riassunti)
Lettura, analisi, traduzione e commento di:
Metamorphoson libri, III, 24 -25
Letture di approfondimento:
Apuleio e la filosofia
I due romanzi della letteratura latina: un confronto
Apuleio tra magia e misteri
Amore e Psiche nel cuore del romanzo
La tarda età imperiale e l’espansione della civiltà cristiana
L’apologetica (cenni)
La letteratura cristiana del IV-V secolo (cenni)
I padri della Chiesa
GIROLAMO
L'autore, l'opera, lo stile
Lettura in traduzione ed analisi di:
Ciceronianus es, non Christianus ( Epistulae, 22,30)
AURELIO AGOSTINO
L'autore, l'opera, lo stile
Lettura, analisi, traduzione e commento di:
Confessiones, XI, 14, 17; 28, 37
Letture di approfondimento:
Il rapporto tra autori cristiani e classici pagani
Agostino tra fede e ragione
26
MATERIA: STORIA
INSEGNANTE: PROF.SSA IAZZETTA VIRGINIA
Competenze e capacità
Acquisire le conoscenze fondamentali dei fatti e dei processi storici analizzati.
Saper mettere a confronto istituzioni, situazioni, fenomeni storici diversi, sapendo cogliere differenze e
analogie.
Distinguere i diversi aspetti di un evento storico complesso (politici, sociali, culturali, economici, religiosi) e
le relazioni che intercorrono tra essi.
Consolidare l’uso del linguaggio tecnico specifico.
Perseguire l’impegno da parte di ognuno nella rielaborazione personale, nella riflessione critica, nella
capacità di scelta rispetto alle diverse proposte e alle diverse visioni del mondo e dell’organizzazione sociale.
Acquisire la consapevolezza che conoscere la storia significa conoscere l’uomo nella sua individualità e
nella sua socialità..
Ampliare, saper collegare e approfondire; mettere in gerarchia i contenuti dati.
Saper comunicare in modo costruttivo.
Testo adottato A.Giardina,G.Sabbatucci, V.Vidotto, Profili storici , Edizioni Laterza,voll.2b, 3a e 3b.
Contenuti
I problemi dell’unificazione
L’Italia nel 1861
I problemi dell’Italia Unita: Destra e sinistra a confronto
I problemi economici e sociali dell’unificazione
La politica della Destra, lo stato accentrato, il mezzogiorni, il brigantaggio
Il completamento dell’Unità
L’Europa delle grandi potenze(1850-1890)
La lotta per l’egemonia continentale
La Francia del secondo impero e la guerra di Crimea
Il declino dell’impero asburgico e l’ascesa della Prussia
La guerra franco-prussiana
La Germania imperiale
L’Inghilterra vittoriana (sintesi)
I nuovi mondi: Stati Uniti e Giappone
Sviluppo economico negli Stati Uniti
La guerra di secessione
La Cina, il Giappone e la penetrazione occidentale
Il colonialismo, l’imperialismo e il mondo extraeuropeo.
La nuova fase del colonialismo: l’imperialismo
Colonizzatori e colonizzati (sintesi)
L’espansione in Africa e in Asia
L’Italia liberale
La Sinistra al potere; crisi agraria e sviluppo industriale
La politica estera: la Triplice alleanza e l’espansione coloniale
La democrazia autoritaria di F.Crispi
Il I governo Giolitti
Il ritorno di Crispi, la sconfitta di Adua
Sintesi delle seguenti unità didattiche:
la seconda rivoluzione industriale;
la società di massa (in particolare la questione femminile)
imperialismo e rivoluzione nei continenti extraeuropei
27
L’Europa tra due secoli
Le nuove alleanze
La “belle epoque” e le sue contraddizioni
Imperialismo e riforme in Gran Bretagna (sintesi)
La Germania Guglielmina
La Russia tra rivoluzione e autocrazia
La rivoluzione del 1905
Verso la I guerra mondiale
L’Italia giolittiana
La crisi di fine secolo; la svolta liberale
La legislazione sociale, lo sviluppo industriale, la questione meridionale
I governi Giolitti e le riforme
Il giolittismo e i critici
La politica estera e la guerra di Libia
Verso la crisi del sistema giolittiano
La Prima Guerra Mondiale
Le cause del conflitto e le forze politiche europee
1914: il fallimento della guerra lampo
L’Italia dalla neutralità all’intervento
La guerra delle trincee, la mobilitazione, il fronte interno (sintesi)
La svolta del 1917
Dalla caduta del fronte russo alla fine della guerra (1917)
I trattati di pace e la nuova carta d’Europa
La società delle Nazioni, i Quattordici punti” di Wilson
La rivoluzione russa
La rivoluzione di febbraio
La rivoluzione d’ottobre
Lenin alla guida dello Stato sovietico
Da Lenin a Stalin
L’eredità della Grande Guerra
Le conseguenze economiche
Il biennio rosso in Italia
La repubblica di Weimar; la crisi della Ruhr
La ricerca della distensione in Europa
Il dopoguerra in Italia e l’avvento del fascismo
Le difficoltà economiche e sociale della ricostruzione
La vittoria mutilata e la questione di Fiume
Le agitazioni sociali e le elezioni del ‘19
L’agonia dello stato liberale
L’ascesa del Fascismo; dalla marcia su Roma all’Aventino
La costruzione del regime
La propaganda fascista
Letture
Il biennio rosso in Italia
Discorsi alla Camera di G.Matteotti e B.Mussolini
Gli Stati Uniti e la crisi del ’29
Il nuovo ruolo degli Stati Uniti e gli anni prima della crisi
La crisi del 1929
Roosvelt e il “ New deal”
28
L’età dei totalitarismi
La crisi della repubblica di Weimar
Hitler e la nascita del nazionalsocialismo
Il nazismo al potere, il terzo Reich
L’ideologia nazista e l’antisemitismo
Il contagio autoritario (sintesi)
Lo stalinismo
La guerra in Spagna
L’Europa verso la catasrofe
Il regime fascista in Italia
Il consolidamento del potere e il controllo della società
La politica interna ed economica
I rapporti tra Chiesa e fascismo
La politica estera, l’impresa etiopica; le leggi razziali
La fascistizzazione della società
L’Italia antifascista
Il tramonto del colonialismo
Il declino degli impero coloniali
L’impero britannico e l’India
La seconda guerra mondiale
Le origini e le responsabilità
Le fasi del conflitto
Dalla guerra europea al conflitto mondiale
La controffensiva alleata
1943: l’anno della svolta
La caduta del Fascismo; la Resistenza nell’Italia divisa
La vittoria degli alleati e la fine del “Terzo Reich”
La sconfitta del Giappone e la bomba atomica
La guerra dei civili e lo sterminio degli ebrei
Il mondo diviso
Le conseguenze della II guerra mondiale; la conferenza di Yalta
Le nazioni Unite e il nuovo ordine economico
Argomenti trattati dopo il 15 maggio.
La guerra fredda e la divisione dell’Europa
Il sistema bipolare; l’antagonismo tra Usa e Urss
Gli Stati Uniti e l’Europa occidentale negli anni della ricostruzione
La decolonizzazione in Asia e Africa e il Terzo Mondo
I caratteri generali della decolonizzazione
L’economia neocoloniale dei paesi africoasiatici
L’emancipazione dell’Asia e dell’Africa nera; i paesi del Maghreb
29
MATERIA: EDUCAZIONE FISICA
INSEGNANTE: PROF.SSA BALSAMO CLAUDIA
CONOSCENZE
contenuti operativi:
Potenziamento cardio-circolatorio con particolare riferimento alla corsa di
resistenza (corsa lenta e continua, interval training), corsa campestre.
Andature e esercizi a corpo libero di potenziamento, equilibrio, mobilità e
coordinazione ), mantenimento e perfezionamento della mobilità articolare
e del tono muscolare .
Realizzazione di esercizi-giochi con caratteristiche educative psicomotorie
finalizzate.
Autonomia e rielaborazione delle capacità apprese: gestione completa di
partite di pallavolo, giochi con la palla e la pallina o giochi popolari ;
esecuzione di combinazioni ginnico musicali o di danze pop su musiche
contemporanee.
Sport di squadra: applicazione dei fondamentali individuali e semplici
azioni di pallavolo.
Tecniche di riequilibrio naturale: rilassamento psicofisico (training
autogeno a livello corporeo.
Schemi motori di base: camminare (esercizi di perfezionamento), correre
(andature di perfezionamento del gesto, esercizi di stretching pre e dopo
corsa), lanciare (esercizi e giochi di perfezionamento).
I giochi della prima infanzia: “sasso o albero”, “palla prigioniera” o “ palla
avvelenata” , “uno contro tutti”, o altri giochi popolari
contenuti teorici:
Lo sviluppo psicomotorio: : le capacità senso percettive, lo schema
corporeo, le capacità condizionali e coordinative lo sviluppo psicomotorio
e la strutturazione dello schema motorio, gli schemi motori di base, le
tappe dell’apprendimento motorio .
Lo schema motorio di base e il loro sviluppo
Le qualità motorie di base
Come curare una forma fisica sana
Testo di riferimento : Del Nista, Parker, tasselli “Praticamente sport” ediz. D'Anna
30
MATERIA: INGLESE
INSEGNANTE: PROF.SSA VIVIANI ELISA
ESPERTA DI MADRELINGUA: PROF.SSA MARION MILA
PROGRAMMA SVOLTO
LETTERATURA
The Modernist Years 1900-1952. Historical and social background.
The Fashion for Experimentation.
James Joyce: life and works.
Comprensione, analisi ed interpretazione delle short storiesEveline e The Dead tratte dalla
raccolta Dubliners.
Comprensione, analisi ed interpretazione dei seguenti brani tratti da Ulysses:
Extract from chapter 13 Nausicaa
Molly’s Monologue
Virginia Woolf: life and works.
Comprensione, analisi ed interpretazione delbranoFiveHundred a Year, tratto da A Room of
One’s Own:
Comprensione, analisi ed interpretazione dei seguenti brani tratti da MrsDalloway:
What a Morning!e What an Extraordinary Night!
The War Poets. WWI. Wilfred Owen.
Comprensione, analisi ed interpretazione di Dulce et Decorum Est.
Thomas Stearns Eliot: life and works.
Comprensione, analisi ed interpretazione dei brani tratti dall’opera The Waste Land:
The Burial of the Dead.
What the Thunder Said.
The Contemporary Age. Historical and social background. 1950 to present.
Comprensione, analisi ed interpretazione di alcuni brani tratti da Waiting for Godot di Samuel
Beckett.Drama of the Absurd.
Contemporary novel.
Comprensione, analisi ed interpretazione dei brani Room 101 e The ChestnutTreeCafétratti da
1984 di George Orwell.
Dystopiannovel.
NeverLet Me Go film e romanzo di KazuoIshiguro.
Comprensione, analisi ed interpretazione dei braniA Racy Attack e Majdanektratti da Black
Dogs eKate’sDisappearance, Ways of Grievinge A Sense of Losstratti da The Child in Timedi
IanMcEwan.
The Thatcher Years.
Contemporary poetry.
Comprensione, analisi ed interpretazione diFuneral Blues, Epitaph on a
Tyrant,MuséedesBeauxArts di W. H. Auden.
Comprensione, analisi ed interpretazione di Daddy di SylviaPlath.Ted Hughes:cenni.
Post-Colonial Literature. Literatures in English.
Comprensione, analisi ed interpretazione dell’incipit di Midnight’sChildren di Salman Rushdie.
Nel corso dell’anno scolastico gli allievi hanno letto in lingua originale una a scelta tra le
seguenti opere letterarie:
J.D. Salinger,The Catcher in the Rye
R. Carver,Cathedral (collection of short stories)
J. McInerney,Bright Lights, Big City
A. Huxley, Brave New World
Ian McEwan, On Chesil Beach
31
ATTUALITA’ (articoli e/o video tratti dalla stampa inglese o americana)
in collaborazione con la prof.ssa Mila Marion, esperta madrelingua
The US President Election; Obama/Romney debate (video)
The USA and its Institutions
Celebrating Women: Anna Politkovskaja, Rosalind Franklin, Doris Lessing
The Spread Gets its Share of the Political Campaign, articolo da Il Sole24Ore gennaio 2013
Italy Election: Nation in Dramatic Situation, BBC video febbraio 2013
Italy: Lost in Stagnation, articolo dal Financial Times aprile 2013
Girlfriend in a Coma, film di A. Piras (tratto dal saggio GoodItaly, BadItaly di Bill Emmott),
2012
32
MATERIA: TEDESCO SECONDA LINGUA
INSEGNANTE: PROF.SSA RIOLFO CLAUDIA
ESPERTA DI MADRELINGUA: PROF.SSA NICKEL HELGA
Testo adottato:
Martinelli Stelzer, Leitfaden durch die deutsche Literatur, ed. Bulgarini Innocenti
U.D. - Modulo - Percorso Formativo
Recupero della lettura assegnata per il periodo estivo Hödon von Horvath Jugend
ohne Gott, con discussione delle tematiche emerse, svolto soprattutto nelle ore di
compresenza, con conseguente visione del film Die Welle, e analisi dei punti in
comune.
Periodo
ore
Settembre e ottobre
7
ottobre
3
ottobre
5
novembre
7
Franz Kafka, Brief an den Vater ( estratto fornito in fotocopia)
Tematica: senso di colpa dell’autore che si sente pigro e incapace nei confronti del
padre dinamico e gran lavoratore. Senso di perdita dei valori paterni, che non
vengono più sentiti come tali.
dicembre
4
Franz Kafka, Hochzeitvorbereitungen auf dem Lande, Gibs auf (pag. 324 – 325)
Tematica: utilizzo dei simboli per spiegare gli ostacoli che impediscono a Franz la
realizzazione di una “vita normale”.
dicembre
2
Franz Kafka, Vor dem Gesetz (pag. 327 - 328)
Tematica: “il possessore della legge” vuole avvicinarsi all’uomo e l’uomo vuole
avvicinarsi alla legge, ma il tentativo fallisce. Informazioni essenziali sulla vita
dell’autore.
gennaio
4
Bertold Brecht, Leben des Galilei (pag. 343 e Bild 1 e Bild 23 fornito in fotocopia)
Tematica: la ritrattazione delle teorie copernicane a confronto con l’esilio di Brecht
all’avvento del nazionalsocialismo. Il teatro come forma di conoscenza e riflessione:
il Verfremdungseffekt. Informazioni essenziali sulla vita dell’autore.
Nelle ore di compresenza sono state analizzate alcune scene di Dreigroschenoper
quale esempio di V-effekt.
Ultima settimana di
gennaio prima di
febbraio
8
Thomas Mann die Buddenbrooks, riassunto dell’opera e conoscenza dell’importanza
nei secoli della città di Lubecca, sua ascesa e decadenza.
Tematica: lenta ma costante perdita dei valori borghesi attraverso quattro
generazioni; la forza distruttrice della musica. Contrasto tra nord e sud, contrasto tra
l’interesse per gli affari e l’arte. La vita di Thomas Mann
Thomas Mann Tonio Kröger, analisi delle pagine del testo in adozione (289 – 293)
Tematica: la sensibilità del personaggio principale in contrapposizione ai valori
borghesi del padre e alla sanità del compagno di classe Hans Hansen.
Thomas Mann, Tod in Venedig, (pagg. 297 – 299 testo in adozione)
Tematica: concetto di bellezza realizzata nel giovane Tadzio, che inseguita con
passione porta alla distruzione. Considerazioni sull’artista genio innato e dell’artista
che si è costruito con il lavoro e il duro studio. Forza devastante dell’arte. Visione di
alcune scene dall’omonimo film di Luchino Visconti durante le ore di compresenza.
33
U.D. - Modulo - Percorso Formativo
Bertold Brecht Poesie, Der Krieg der kommen wird, Mein bruder war ein Flieger
(pag. 355 – 356)
Tematica: critica alla guerra
Periodo
ore
seconda settimana di
febbraio
2
marzo
2
Bernhard Schilnk Der Vorleser (pagine scelte fornite in fotocopia)
Tematica: riflessione su quanto successo durante la seconda guerra mondiale
Durante le ore di compresenza analisi di alcune scene tratte dall’omonimo film.
marzo
3
Wolfgang Borchert, Das Brot, (pag. 377 – 378)
Tematica: l’immediato secondo dopoguerra nella vita quotidiana di due anziani sposi.
aprile
3
Modulo di ripassso della storia tedesca dal 1945 al 1990
(lezione frontale e fotocopie) Durante l’ora di compresenza scene scelte tratte da un
video con le tappe significative della storia tedesca dal ’45 al ’90.
aprile
4
Brussig Thomas Am kürzeren Ende der Sonnenallee (pagine scelte fornite in
fotocopia)
Tematica: Come il protagonista si immagina sia avvenuta la divisione dei settori a
Berlino.
aprile
2
maggio
3
Heinrich Böll, über mich selbst, (fornito in fotocopia)
Tematica: la storia della Germania legata ad avvenimenti della vita personale
dell’autore.
Reiner Kunze, Sechsjähriger, Menschenbild, Ordnung (pag.448, 449, 450)
Tematica: Aspetti di vita nella DDR
METODOLOGIA
Nell’affrontare i brani tratti dalle opere letterarie sopra riportate si è proceduto in linea di massima nel seguente modo:
in classe veniva letto il brano senza dare informazioni sulla vita dell’autore o della sua opera, queste venivano poi
recuperate in un secondo momento. Attraverso domande specifiche, l’insegnante verificava la comprensione del
contenuto, la correttezza dell’espressione linguistica e forniva sinonimi. Veniva poi richiesto di preparare un riassunto
del brano letto, quindi si passava a lavori di gruppo per una maggiore analisi della pagina presa in considerazione. In
plenum venivano messi a confronto i lavori dei singoli gruppi e dalla discussione emergevano le tematiche portanti del
brano letto.
Nei momenti di verifica orale agli alunni veniva chiesto di partire dal riassunto per arrivare a trattare le tematiche
emerse e collocarle sia nell’opera dell’autore che nel periodo storico a cui appartengono. Dove possibile si facevano
anche dei brevi confronti con le altre letterature presenti nel curricolo.
Alcuni dei contenuti trattati sono stati chiesti nelle simulazioni di terza prova; in questo caso, all’alunno veniva chiesto
di saper esporre in modo sintetico (in uno spazio, a seconda del caso, di 10 o massimo 15 righe) la tematica portante del
brano letto.
34
MATERIA: FRANCESE TERZA LINGUA
INSEGNANTE: PROF.SSA GONNOT ISABELLE
ESPERTA DI MADRELINGUA: PROF.SSA COSTANTINI ISABELLE
1) Completamento del programma di lingua
Testo in adozione: Francofolie 2 Livre de l’élève et Cahier d’exercices di R. Boutégège, CIDEB.
All’inizio dell’anno scolastico ho sviluppato un ripasso (congiuntivo presente, pronomi possessivi, pronomi personali
accoppiati, si ipotetico, passato remoto) e ho completato il programma di lingua svolgendo gli argomenti del testo delle
Unità 1, 2 e 3 del Percorso 1 con lo studio delle rispettive funzioni comunicative, del lessico e delle strutture
grammaticali ed alcuni argomenti del Percorso 2. Ho anche usato materiale fotocopiato in completamento.
L’integrazione grammaticale ha riguardato i seguenti argomenti: participio presente, gerundio, pronomi relativi
composti, proposizioni temporali, i verbi e le costruzioni impersonali, gli aggettivi e i pronomi indefiniti, i pronomi
dimostrativi neutri, il futur dans le passé, c’est/il est, n’importe quoi/quel/lequel/qui, i pronomi interrogativi, l’aggettivo
indefinito e l’avverbio tout, l’espressione della causa, dello scopo, i connettori logici, esprimere la condizione, la
concessione/opposizione, la conseguenza.
2) Preparazione alle prove d’esame e esercitazioni
Per affrontare i testi di civiltà e letterari proposti agli Esami di Stato è stata fatta una preparazione per:
comprendere testi di varia tipologia (informativo, argomentativo, descrittivo e narrativo), ricavare le informazioni,
inferire, comprendere un discorso argomentativo, collegare temporalmente e logicamente, comprendere i punti di vista,
rispondere ai quesiti relativi al testo rielaborando linguisticamente le risposte, ampliare il bagaglio lessicale, rivedere,
rafforzare, approfondire la grammatica e la sintassi.
3) Letteratura
Per affrontare il programma di letteratura è stata fatta l’introduzione all’analisi del testo letterario e analisi di testi
significativi della produzione letteraria in lingua francese dell’ottocento appartenenti a diversi generi e di norma inseriti
nel sistema letterario e socio-culturale di riferimento.
L'approccio alla letteratura francese inizia e si conclude nel corso dell'ultimo anno; i tempi sono dunque molto ristretti,
ma si è cercato di affrontare in modo significativo l’evoluzione del sistema letterario di questo secolo.
Si tiene a precisare che la scelta di alcuni autori e di alcuni testi rispetto ad altri, risponde all’esigenza di trovare dei fili
conduttori comuni sia a livello tematico che di sperimentazione formale.
Fili conduttori significativi:
1. il tema dell’amore
2. la natura
3. il tempo, il ricordo
4. l’angoscia esistenziale
5. il viaggio
6. il ruolo e la funzione dell’artista
7. il rapporto tra arte e realtà
Il programma si articola nell’arco dell’Ottocento, ma per un più consapevole approccio alla poesia romantica ho
ritenuto necessario proporre agli studenti la lettura di alcune poesie del XVI secolo, del cosiddetto periodo classico. Il
romanticismo, infatti, si definisce anche come superamento e opposizione al classicismo.
Prima di affrontare il testo letterario è stata fatta una riflessione sulla lettura, le tecniche di lettura e le specificità del
testo poetico :
• Lettura globale e lettura analitica, con esercitazioni.
• Il genere poetico.
Testo in adozione: Kaléidoscope, Littérature et civilisation, vol C di G.F. Bonini e M-C Jamet, Valmartina.
Letture sul contesto storico:
- De Napoléon à la Révolution de 48 pp. 12 a 19, 22- 23.
- De Napoléon III à la IIIème République
• Le Second Empire pp. 114-115.
• La Commune de Paris p. 117.
• La Troisième République p. 119-120.
35
AMBITI
AUTORI
La poesia classica
P. de Ronsard
OPERE (choix de textes)
TEMATICHE
Odes :
« Mignonne,
allons voir… » fotocopia
La rosa e la donna a confronto. Il tema
antico del “carpe diem”.
Sonnets pour Hélène :
« Quand vous serez bien
vieille... » fotocopia
Vecchiaia e giovinezza . L’invito a
cogliere i frutti della giovinezza.
Lettura:
- Ronsard “le prince des poètes” : vita, opere principali, amori e tematiche.
Romanticismo
M.me de Staël
(una corrente europea)
Romanticismo
De l’Allemagne:
« La poésie classique et la
poésie romantique» p. 90-91
Due poetiche a confronto e in
opposizione.
R.de
Chateaubriand
René:
« L’étrange blessure »
p. 26-27
A. de Lamartine
Méditations poétiques :
« Le lac » p. 32-33
Riflessioni del poeta sul tema
dell’amore, della natura e della fuga del
tempo.
V. Hugo
Les Contemplations :
« Demain, dès l’aube »
p. 58
Tema del ricordo, del tempo che non
tornerà più.
Préface de Cromwell
(extrait) p. 55-56
“Le mal du siècle” (il male di vivere) .
La ricerca del “repos”nella solitudine e
nella natura.
Il pellegrinaggio del poeta alla tomba
della figlia.
Il « drame romantique », la critica delle
tre unità.
Les Rayons et les Ombres
« Peuples ! écoutez le
poète ! »
(extrait) p. 94
Il ruolo del poeta.
Les Orientales
« Clair de lune » p.59
Il fascino per l’Oriente, la critica
dell’arbitrario.
Letture:
- Le préromantisme français, le concept de “romantisme” pp.91-92.
- Chateaubriand: sa vie et son oeuvre pp. 24, 26,27 e 28 ; Les Mémoires d’Outre-tombe pp. 25 e 30.
- Le précurseur du Romantisme p. 31.
- Lamartine : sa vie et son oeuvre p.35.
- Les thèmes de la poésie romantique pp. 43-44.
- Le théâtre classique. Les règles des trois unités (fotocopia).
- Le théâtre romantique. La bataille d’Hernani p. 45.
- Victor Hugo : sa vie et son oeuvre pp.57-58.
- Victor Hugo : poète lyrique pp.59-60 ; Les Orientales, Les Contemplations.
- L’engagement politique de deux écrivains romantiques : Lamartine et Hugo p. 95.
- Romantisme et littérature pp. 96-97-98.
36
Realismo
H. de Balzac
Lettre à Mme Hanska
p. 71-72
La Comédie Humaine, articulazione
generale dell’opera.
Avant-Propos à la Comédie
Humaine (extraits) fotocopia
Le nuove tendenze del romanzo. La
mimesi del reale .
Eugénie Grandet :
(choix de textes)
« Je n’ai plus mon or » p. 7374
« La mort de Grandet » copia
L’affresco della società. Il ruolo del
denaro.
Il concetto di “tipo”.
Le Père Goriot :
I meccanismi della corruzione della
società.
Il successo professionale
Il rapporto padre-figlie.
(choix de textes) :
« Le portrait de Vautrin »
p. 76 a 78
« Je veux mes filles ! » copia
G. Flaubert
Madame Bovary
Realismo, mediocrità del quotidiano,
« Maternité » fotocopia
noia, desiderio di fuga.
« J’ai un amant » p. 128 a 130 Il “Bovarismo”.
Letture:
- Balzac: La Comédie Humaine p.70.
- Le génie de Balzac : sa vie et son œuvre pp.78,79 e 80.
- Flaubert : sa vie et son œuvre, il realismo, il bovarismo pp. 127,128 e 131.
- Flaubert et l’art pp. 140-141.
Visione intégrale del film Madame Bovary di Claude Chabrol in lingua originale.
Naturalismo
E. Zola
L’Assommoir:
la préface
Rapporto tra scienza e romanzo.
fotocopia Il romanzo sperimentale
Razza ambiente, momento storico.
L’Assommoir
Il mondo operaio della seconda metà
«Une existence impossible » dell’800 a Parigi.
p. 143-144
Au Bonheur des Dames
La nascità dei “grands magasins”
(deux extraits)
fotocopia parigini. Le tecniche di vendita
moderne.
Le roman expérimental
Rapporto tra scienza e romanzo.
(extrait)
fotocopia
La guerra franco-prussiana, la figura
G. de Maupassant Boule de suif
(lettura integrale della novella) della “fille publique” nell’800,
l’osservazione della società “bien
pensante” e conformista borghese.
Letture:
- Zola naturaliste: sa vie et son œuvre, « Les Rougon-Macquart » pp.146-147.
- L’affaire Dreyfus p. 120, la lettre de Zola « J’accuse » p.121.
- Le naturalisme, un mouvement littéraire pp. 142, 151, 152 e 153.
- Maupassant : sa vie et son oeuvre pp.149-150.
- Les sources du naturalisme. La doctrine littéraire. La modernité de Zola. (fotocopia)
37
Lettura integrale durante l’estate della novella di G. de Maupassant Boule de suif.
Verso il
decadentismo e il
simbolismo
C. Baudelaire
Les Fleurs du mal:
« Correspondances » p. 175
«L ‘Albatros » fotocopia
« Spleen » p. 167
« Invitation au voyage »
p. 170-171
La poetica simbolista.
Il ruolo del poeta. L’angoscia
esistenziale. Lo spleen. La ricerca
dell’ailleurs, dell’idéal.
La concezione dell’arte.
Le Spleen de Paris
Liberazione del linguaggio poetico.
« Le joujou du pauvre » copia Ispirazione alla vita quotidiana. I
« Enivrez-vous » p. 169
paradisi artificiali. Estraneità al mondo.
« L’Etranger » p. 172
Letture:
- Baudelaire, Spleen et idéal pp. 166-167-168 ; « Hors de ce monde » : un itinéraire spirituel pp. 169 a 172.
- Baudelaire, le poète maudit et génial, sa vie et son oeuvre pp.173-174.
- La poétique de Baudelaire et les influences pp. 175 a 177.
4) Attività e argomenti trattati nell’ora di compresenza:
Civilisation Française :
• La chanson francophone :
Edith Piaf et ses chansons ( dans le film La Môme )
• Les fêtes :
- Saint-Nicolas et le Père Fouettard
- Noël en France et en Italie
• Le théâtre
Spectacle musical en langue française « Kabaret » : la préparation, le spectacle à Treviso, la critique
• Films (en langue française) :
- La Môme d’Olivier Dahan, 2007
- La bataille d'Alger de Gillo Pontecorvo, 1966
• La littérature - La poésie :
- Les calligrammes de Guillaume Apollinaire
- Un extrait de Carnet de Voyage d' Elisabeth Sauer ( « Le 25 décembre, avant le petit déjeuner »)
- Un extrait de La grande maison de Mohammed Dib ( « Leçon de morale » )
• L'histoire de la France :
La colonisation – la guerre d'Algérie : les témoignages dans la littérature et le cinéma
• L’actualité :
- Le site Yahoo.fr : tout sur l’actualité française et du monde – les rubriques
- Faire des recherches sur des sujets d’actualité
- Le clonage
- L'utilisation des sigles en Français
- Les prospectives qui s'offrent aux jeunes après le lycée : activités à partir de la lecture de l’article
« Mon bac, j'en fais quoi ? »
Divers :
• la technique du résumé pour maîtriser le texte ; esercitazioni ;
• des mots pour écrire une poésie ;
• la réalisation d'un calligramme ;
• savoir parler d'un film, commenter un arrêt sur image.
Les arguments soulevés ont amené la classe à la lecture et à l’analyse de textes choisis. L’utilisation d’internet, les
nombreux documents authentiques tels que des morceaux musicaux, chansons, clips, extraits de films, les témoignages
personnels de l’intervenante, ont servi de support pour permettre aux élèves d’approfondir et de favoriser la
mémorisation des connaissances , de les stimuler à s’exprimer et de participer à des discussions sur tous les sujets
abordés .
38
5) Considerazioni sulla seconda e la terza prova:
Seconda prova:
•
Per il questionario durante l’anno scolastico ho richiesto alle alunne di rispondere in modo completo,
rielaborando le risposte con un lessico proprio, e, quando era necessario, di spiegare il significato delle
espressioni in modo chiaro e personale precisando il loro uso nel testo.
•
Per il riassunto ho richiesto di mettere in evidenza la struttura del testo rispettandone l’equilibrio e di utilizzare
lessico e strutture diverse da quelle del testo. In riferimento alla lunghezza, tenendo conto della tradizione in
francese, ho indicato circa 10/12 righe di foglio protocollo in modo di poter valutare correttamente l’aspetto
linguistico e di equilibrare questa parte della prova con le altre due.
•
Per la produzione le alunne sono state invitate a scrivere un testo articolato e coerente con introduzione e
conclusione, cercando di illustrare con esempi presi nella letteratura, nell’arte o altri ambiti interdisciplinari,
anche più personali, quanto sviluppato nella produzione. In riferimento alla lunghezza di questa produzione ho
indicato circa 300 parole.
Terza prova:
Ho cercato nelle verifiche di letteratura e nelle simulazioni di terza prova di proporre quesiti formulati in modo
articolato e chiaro e che richiedevano una capacità di sintesi, una riflessione ed una rielaborazione personale dei
contenuti assimilati. E’ importante tener conto, nel formulare i quesiti, della lunghezza della risposta (massimo 10
righe) e della complessità della prova stessa.
39
MATERIA: MATEMATICA
INSEGNANTE: PROF.SSA CECCHIN FRANCESCA
- Testo adottato: Bergamini-Trifone- Barozzi “Corso base verde di matematica- seconda edizione” vol 4–
Zanichelli
- Testo classe 4^ per il recupero dei prerequisiti: Bergamini- Trifone-Barozzi “Fondamenti di calcolo
algebrico e geometria analitica” moduli S+L – Zanichelli
OBIETTIVI DIDATTICI (previsti dal curricolo comune predisposto dal Dipartimento di Matematica)
1. Cogliere analogie strutturali e individuare strutture fondamentali
1.1 Acquisire capacità di induzione e deduzione nella risoluzione dei quesiti proposti
2.
Affrontare situazioni problematiche di varia natura avvalendosi di modelli matematici atti alla loro
rappresentazione
2.1 Acquisire tecniche e strumenti di calcolo utili per operare anche in altre discipline
3.
Utilizzare consapevolmente le tecniche e le procedure di calcolo studiate
3.1 Comprendere il senso dei formalismi matematici introdotti
3.2 Abituarsi ad impostare i problemi nei termini rigorosi della notazione matematica
4. Acquisire e utilizzare un linguaggio specifico rigoroso
5. Saper analizzare una serie di dati traendone informazioni significative.
CONTENUTI DISCIPLINARI E OBIETTIVI DIDATTICI SPECIFICI RAGGIUNTI
N.B.: La trattazione delle conoscenze teoriche è stata svolta ai fini della loro applicazione negli esercizi
relativi, quindi non è stata particolarmente approfondita dal punto di vista qualitativo e sono state omesse le
dimostrazioni dei teoremi.
Moduli
e unità didattiche
RECUPERO DEI
PREREQUISITI
(vol 3 modulo S)
Conoscenze
•
Disequazioni di 1° e 2° grado
intere e frazionarie.
Disequazioni di grado superiore al
secondo.
Sistemi di disequazioni.
• Concetto di funzione. Ripasso delle
principali funzioni studiate negli anni
precedenti: retta, parabola. Principali
funzioni goniometriche (seno, coseno,
tangente).
• Ripasso di funzione esponenziale e
funzione logaritmo.
• Risoluzione di equazioni e
disequazioni con i valori assoluti.
Competenze minime
Tempi
indicativi
•
Saper risolvere disequazioni di 1°
grado e di grado superiore intere e
fratte.
Saper risolvere sistemi di
disequazioni.
• Saper tracciare correttamente il
grafico delle funzioni goniometriche,
nonchè delle altre semplici funzioni
trattate nel corso degli anni
precedenti.
• Conoscere le proprietà delle funzioni
esponenziali e logaritmiche e saperle
rappresentare.
• Risolvere semplici equazioni e
disequazioni esponenziali e
logaritmiche.
• Saper risolvere semplici equazioni e
disequazioni con i valori assoluti.
Settembreottobre
(10 ore)
40
Capitolo 12 (vol 4)
• Generalità sulle funzioni,
LE FUNZIONI E LE
determinazione del dominio,
LORO PROPRIETA’ classificazione delle funzioni,
studio del segno.
Funzioni definite per casi.
• Trasformazioni geometriche di funzioni
(Grafico di y =f(x-a), y =f(x) +b,
y =-f(x), y =f(-x), y = f(x) , y = f ( x ) ).
•
Cenni sulle funzioni inverse e sulla
composizione di funzioni.
• Funzioni pari e dispari.
Capitolo 13
I LIMITI
Capitolo 14
LE FUNZIONI
CONTINUE E IL
CALCOLO DEI
LIMITI
•
Approccio intuitivo al concetto di
limite.
• Definizioni di limite nei vari casi.
• Le operazioni sui limiti.
• Le forme indeterminate.
• Le funzioni continue.
I punti di discontinuità di una funzione.
• Asintoti verticali, orizzontali e obliqui.
•
Studiare le proprietà di una funzione:
dominio, segno, parità, disparità.
• Tracciare grafici di funzioni utilizzando
le trasformazioni geometriche a
partire dalla conoscenza del grafico di
funzioni note.
• Eseguire la composizione di funzioni.
• Riconoscere alcune proprietà delle
funzioni a partire dal grafico: dominio,
codominio, intervalli di positività,
parità o disparità.
•
•
•
•
•
Capitolo 15
• La derivata di una funzione.
•
LA DERIVATA DI
Significato geometrico della derivata. •
•
UNA FUNZIONE E I
Punti di non derivabilità.
• Le derivate fondamentali (escluse
TEOREMI DEL
dimostrazioni).
CALCOLO
• Teoremi sul calcolo delle derivate
DIFFERENZIALE
(somma, prodotto, potenza e
quoziente di funzioni derivabili,
derivata delle funzioni composte)
(escluse dimostrazioni).
• Calcolo di derivate di funzioni.
Derivate di ordine superiore al primo.
• Equazione della retta tangente ad una
curva in un suo punto.
• Il teorema di De L’Hospital.
Capitolo 16
LO STUDIO DELLE
FUNZIONI
•
Le funzioni crescenti e decrescenti e
le derivate.
• I massimi, i minimi e i flessi.
• Lo studio di una funzione.
Possedere il concetto di limite.
Determinare i limiti di una funzione a
partire dal suo grafico.
Saper calcolare limiti.
Saper risolvere alcuni casi di
indeterminazione.
Determinare gli asintoti di una
funzione.
Riconoscere i punti di discontinuità di
una funzione.
Possedere il concetto di derivata.
Saper calcolare derivate di funzioni.
Saper determinare l'equazione della
retta tangente ad una curva in un suo
punto.
ottobrenovembredicembre
(26 ore)
dicembremarzo
(30 ore)
marzoaprile
(16 ore)
•
Saper ricavare le caratteristiche di
una funzione a partire dal grafico.
• Saper impostare e portare
correttamente a termine lo studio di
semplici funzioni: determinazione del
dominio, eventuali simmetrie,
intersezioni con gli assi cartesiani,
studio del segno della funzione, limiti
ed eventuali asintoti, punti di
discontinuità, ricerca dei punti di
massimo e minimo relativi e assoluti e
dei flessi orizzontali mediante lo
studio della derivata prima,
determinazione della concavità e dei
flessi mediante lo studio della derivata
seconda.
maggiogiugno
(12 ore)
TOT. 94h
41
MATERIA: FILOSOFIA
INSEGNANTE: PROF. MATTIOLI DARIO
Testo adottato: Cioffi, I filosofi e le idee, vol. 3a L’Ottocento e il primo Novecento, vol. 3b Il Novecento e il
dibattito contemporaneo, Bruno Mondadori, Milano, 2005
OBIETTIVI DIDATTICI
Competenze acquisite al termine del quinto anno
 Analizzare un testo.
 Saper confrontare i diversi pensatori in merito alle tematiche affrontate.
 Usare il lessico filosofico in modo appropriato.
 La contestualizzazione storico-culturale dei filosofi e delle tematiche trattate.
 Individuare i nessi tra alcuni filosofi presi in esame e le problematiche odierne.
 Affrontare una riflessione personale in modo argomentato
Le conoscenze e le competenze acquisite risultano nel complesso discrete e in alcuni casi anche molto
buone. La classe ha lavorato con impegno e ha dimostrato nel corso dell’anno di conoscere e saper
distinguere le diverse teorie filosofiche studiate, tuttavia per alcune studentesse sono presenti ancora
difficoltà nella capacità di strutturazione ed esposizione logico argomentativa dei contenuti. Nel complesso la
classe è in grado comunque di analizzare i problemi filosofici e le soluzioni elaborate dagli autori,
confrontando i diversi filosofi sulle tematiche affrontate in classe e facendo corretti collegamenti
interdisciplinari e su tematiche specifiche individuando i nessi tra determinati concetti filosofici e le
problematiche odierne. L’acquisizione delle competenze di rielaborazione personale delle teorie filosofiche
non è omogenea per tutta la classe.
METODI
Per illustrare i contenuti disciplinari e favorire l’acquisizione degli obiettivi didattici, si è utilizzata la lezione
frontale, la lezione dialogata cercando di contestualizzare gli argomenti. Si è cercato di problematizzare i
contenuti mostrando attualità e limiti delle diverse elaborazioni filosofiche e la connessione con le tematiche
di altre discipline. Lettura guidata di passi o brani relativi ai contenuti svolti. Lavori individuali di riflessione e
rielaborazione di alcune tematiche e la costruzione individuale di lezioni di approfondimento in power point.
AZIONI PER LE COMPETENZE EUROPEE
Nel corso dell’anno scolastico è stato svolto un elaborato di approfondimento e attualizzazione sulle
tematiche della filosofia di Schopenhaeur.
Sono stati letti e analizzati criticamente in classe diversi testi tratti dalle opere di Marx, Nietzsche.
Sono state preparate e realizzate da parte degli studenti lezioni in power point su autori e tematiche
connesse al programma svolto, i contenuti sono stati tratti dal manuale e da materiale ricercato dagli
studenti.
PROGRAMMA SVOLTO
Si precisa che per lo studio dei diversi pensatori e tematiche si è fatto uso sia del manuale in adozione sia di
materiale e dispense integrative o alternative ai libri di testo e dell’uso di dvd e filmati tratti da internet, sul
pensiero di alcuni filosofi, in particolare su Marx e Nietzsche. Riferimenti dai testi in adozione, letture di brani
tratti da Carlo Sini (a cura di) Le parole dei filosofi, Mondadori 2003. Per la dialettica hegeliana e i capisaldi
della filosofia di Hegel sono state fornite mappe concettuali e fotocopie integrative dei contenuti presenti nel
manuale in adozione. Per il pensiero di Nietzsche è stato utilizzato oltre al manuale anche Gilles Deleuze,
Nietzsche, SE 1997, e si sono letti alcuni passi tratti da La Gaia Scienza, Così parlò Zarathustra, Genealogia
della morale. Per lo studio di Freud e degli autori svolti dopo il 15 Maggio sono state utilizzate, in aggiunta al
testo, mappe concettuali e delle brevi dispense di sintesi fornite dal docente.
Lavori di approfondimento sviluppati dagli studenti
Il concetto di Lavoro: pensare l’uomo nella società industriale;
Il Positivismo: caratteri generali, Comte, Bentham, J. Stuart Mill;
Progresso: le contraddizioni di una categoria del moderno;
Crisi: fine delle certezze e nuove prospettive;
Tempo: coscienza, memoria, destino dell’uomo
La follia nell’era della scienza: la nascita della psichiatria e Cesare Lombroso
42
U.D. - Modulo - Percorso Formativo
I capisaldi della filosofia di Hegel volume 3a
Caratteri della filosofia hegeliana (paragrafo 1, pag. 78): Ragione e realtà,
Spirito e storia, Progresso e conflitto. La dialettica;
L’assoluto e la dialettica (paragrafo 2 pag. 82): il concetto hegeliano di
assoluto, il movimento dialettico dell’assoluto.
Schopenhauer volume 3a pp. 47 - 54
Il mondo come volontà e rappresentazione
Il mondo come volontà
La liberazione nell’arte
La redenzione morale.
Marx volume 3°.
Feuerbach: Critica della religione e antropologia; la religione come
alienazione; il progetto di un umanesimo naturalistico pp. 220-224, lettura del
brano di Feuerbach a pag. 248.e del brano di Marx sulle 11 Tesi su
Feuerbach a pag. 257.
Il giovane Marx: filosofia ed emancipazione pp. 225-230:
Filosofia come critica; La critica della filosofia hegeliana; Filosofia,
proletariato e rivoluzione; Lavoro, alienazione, riappropriazione. Lettura dei
brani di Marx a pag. 255 e pag. 250.
Concezione Materialistica della storia pp. 231-238:
La critica dell’ideologia; Ideologia e rapporti di produzione; Materialismo
storico e lotta di classe; Il programma comunista.
L’analisi della società capitalista pp. 239-244.
Lettura di alcuni passi, forniti dal docente, tratti dal Manifesto del partito
comunista.
Nietzsche volume 3a
Arte e filosofia: la concezione tragica, capitolo 1, pp. 335-339.
Lettura di alcuni passi tratti dalla Nascita della tragedia.
La fase illuministica, capitolo 3, pp. 343-346:
Dall’arte alla scienza; Le illusioni della metafisica e della morale; La Gaia
Scienza. Lettura di alcuni passi tratti da Umano troppo umano e Gaia
Scienza
Le parole chiave della filosofia di Nietzsche, capitolo 4, pp. 346-351:
La morte di Dio; Il superuomo; L’eterno ritorno; La volontà di potenza. Lettura
dell’aforisma 343 della Gaia Scienza. Lettura dei brani 4 e 5 a pp. 365 e 367.
La critica della morale e della religione, capitolo 5, pp. 351-353. Lettura di
alcuni passi tratti dalla Genealogia della morale.
Bergson e lo Spiritualismo volume 3a
Tempo spazializzato e tempo vissuto; Materia e memoria; L’evoluzione
creatrice; Istinto intelligenza e intuizione, pp. 472-477
Freud e la Psicoanalisi volume 3a
Dagli studi sull’isteria alla scoperta dell’inconscio, capitolo 1;
La psicoanalisi come terapia e l’interpretazione dei sogni, capitolo 4;
La scoperta della sessualità infantile, capitolo 2;
La struttura della personalità, capitolo 3;
Il disagio della civiltà, capitolo 5: analisi dei temi di Totem e tabù, Il disagio
della civiltà, e i concetti di Eros e Thanatos. Per quest’ultima parte il docente
ha fornito una breve dispensa integrativa, in aggiunta al materiale del
manuale.
Argomenti svolti dopo il 15 Maggio contenuti tratti dal manuale e da materiale
fornito dal docente.
Hannah Arendt
La filosofia pratica; La critica al totalitarismo e la banalità del male.
la Scuola di Francoforte volume 3b, pp. 167-170
la teoria critica della società tra marxismo e psicoanalisi; Horkheimer e
Adorno, la Dialettica dell’illuminismo; Marcuse, una critica della società
contemporanea, Eros e civiltà; Il destino dell’arte nella cultura di massa,
Adorno e Benjamin.
Periodo
ore
Settembre
4
Settembre/Ottobre
7
Ottobre/Dicembre
15
Gennaio/Marzo
17
Marzo/Aprile
6
Maggio
8
Maggio
43
MATERIA: SCIENZE
INSEGNANTE: PROF.SSA GIORDANO COSIMINA
TESTO ADOTTATO: H.Curtis, N.Sue Barnes “ Invito alla Biologia “ – Zanichelli –
OBIETTIVI DISCIPLINARI:
CONOSCENZE
• Conoscere i meccanismi di divisione cellulare
• Conoscere i meccanismi alla base dell’ereditarietà dei caratteri
• Conoscere il meccanismo di duplicazione del DNA e della sintesi proteica
• Conoscere la regolazione genica delle cellule procariote ed eucariote
• Conoscere le tecnologie del DNA ricombinante e le applicazioni delle biotecnologie
• Conoscere le varie teorie evolutive e le basi genetiche dell’evoluzione
COMPETENZE E CAPACITA’
• Comprendere e descrivere i meccanismi della trasmissione dei caratteri ereditari.
• Comprendere e descrivere la struttura del DNA e le sue relazioni con le strutture e le funzioni degli organismi
viventi.
• Comprendere e descrivere, attraverso l’acquisizione di semplici conoscenze, le tecniche di manipolazione del
DNA per capire e discutere le implicazioni scientifiche e bioetiche che l’ingegneria genetica può prospettare.
• Comprendere e descrivere i principali fenomeni evolutivi alla luce delle conoscenze acquisite di biologia
molecolare.
• Saper attuare sintesi ordinate su lunghi percorsi.
• Trasmettere in forma chiara e appropriata le informazioni biologiche acquisite.
CONTENUTI DISCIPLINARI
Mitosi e duplicazione cellulare.
Divisione cellulare nei procarioti e negli eucarioti.Ciclo cellulare. Fattori che influenzano la divisione cellulare. Mitosi:
profase, metafase, anafase, telofase, citodieresi. Mitosi e cancro.
Meiosi e riproduzione sessuata.
Aploide e diploide. Fasi della meiosi: meiosi I e II. Crossing-over. Meiosi e riproduzione sessuata. La meiosi nella specie
umana. Errori nel processo meiotico. Alcune malattie genetiche umane.
Mendel e i primi studi di genetica.
Il concetto di gene. Il metodo sperimentale di Mendel. Legge della segregazione e sue conseguenze. Quadrato di
Punnett e test cross. Legge dell’assortimento indipendente. Alcune malattie genetiche umane autosomiche.
Sviluppi della genetica classica
Mutazioni. Dominanza incompleta e codominanza. Alleli multipli (gruppi sanguigni ABO).Interazioni geniche, eredità
poligeniche, pleiotropia. Conferma delle teorie di Mendel ed esistenza concreta del gene. Determinazione del sesso,
geni portati dai cromosomi sessuali. Malattie genetiche umane legate al sesso.
Basi chimiche dell’ereditarietà.
Natura del DNA, esperimenti con i batteriofagi ed ulteriori conferme del ruolo del DNA. Il modello di Watson e Crick.
Duplicazione del DNA e frammenti di Okazaki.
Codice genetico e sintesi proteica.
Geni e proteine. Dal DNA alla proteina: il ruolo dell’RNA. Trascrizione e RNA messaggero. Il codice genetico,
decifrazione del codice. Sintesi proteica: RNA ribosomiale, RNA di trasporto e traduzione.
44
Regolazione dell’espressione genica.
Il cromosoma procariote. Regolazione dell’espressione genica nei procarioti: l’operone.
Il cromosoma eucariote: struttura, condensazione e regolazione dell’espressione genica, classi di DNA, introni ed
esoni. Trascrizione ed elaborazione dell’mRNA negli eucarioti. Regolazione della trascrizione mediante proteine di
legame, regolazione della maturazione dell’RNA mediante splicing, regolazione a livello di traduzione.
Tecnologia del DNA ricombinante: enzimi e vettori.
Plasmidi e coniugazione, plasmide F e R. Virus: struttura dei virus, virus come vettori, trasduzione batterica e
trasformazione, virus a DNA e RNA, trasposoni. Tecnologia del DNA ricombinante: enzimi di restrizione, copie multiple
attraverso la clonazione e le reazioni a catena della polimerasi. Sequenziamento e localizzazione di segmenti di DNA.
Innovazioni e applicazioni delle biotecnologie .
Sintesi di proteine utili mediante batteri. Trasferimento di geni tra cellule eucariote. Biotecnologie agroalimentari,
clonazione di mammiferi. Ingegneria genetica in medicina:Progetto Genoma Umano e terapie geniche.
Darwin e la teoria evolutiva.
L’evoluzione prima di Darwin. Le testimonianze fossili. Cuvier e la teoria delle catastrofi. Lamarck e la teoria
dell’ereditarietà dei caratteri acquisiti. Lo sviluppo della teoria darwiniana. La teoria di Darwin e prove a favore del
processo evolutivo. Teoria sintetica dell’evoluzione.
Gli argomenti che seguono saranno sviluppati dopo il 15 maggio.
Basi genetiche dell’evoluzione.
Il concetto di pool genico. Equilibrio di Hardy-Weinberg e il suo significato. Fattori che modificano l’equilibrio:
mutazioni, flusso genico, deriva genetica, accoppiamenti non casuali, effetto del fondatore, accoppiamenti non
casuali. Mantenimento e incremento della variabilità.
Selezione naturale e adattamento.
Polimorfismo bilanciato. Tipi di selezione: stabilizzante, divergente, direzionale, bilanciata e sessuale. Il risultato della
selezione naturale: adattamento.
45
MATERIA: RELIGIONE CATTOLICA
INSEGNANTE: PROF.SSA BOSCARINI PIERA
-
-
Dialogo – monologo.
Fiducia – fedeltà.
Il matrimonio cristiano: l’amore per sempre.
La convivenza.
Visione del film “Casomai”
Lettura e commento sulla legge 194/78
La famiglia. La figura dell’anziano.
“Lettera ai non fratelli” di Erri De Luca
Introduzione all’etica. Le etiche contemporanee.
L’eutanasia.
Religioni a confronto su alcune problematiche etiche.
Etica e ecologia.
Il servizio civile. Intervento di due volontari.
Il commercio equo e solidale.
La Chiesa oggi: conclave e elezione del papa.
La clausura. Visita al monastero di clausura carmelitano di Venezia.
Ascolto dell’opera in musica “A piedi scalzi”.
Lode – adulazione – critica (lettera ai Tessalonicesi).
Lettura e riflessioni su un testo di Silvano Fausti: “La fine del tempo”
Incontro con alcuni detenuti presso il carcere “Due Palazzi” di Padova
46
Appendice A
PIANO ORARIO
INDIRIZZO LINGUISTICO AUTONOMO
MATERIE
Biennio
Triennio
I°
II°
I°
II°
III°
Religione / Attività Alternative
1
1
1
1
1
Italiano
4
4
4
4
4
Latino
2
2
2
2
2
Storia *
3*
3*
3
3
3
Diritto ed Economia *
2*
2*
3
3
3
Filosofia
Lingua Straniera 1 **
5**
5**
3**
3**
3**
Lingua Straniera 2 **
4**
4**
3**
3**
3**
5**
5**
5**
3
3
3
2
2
2
2
2
31
31
Lingua Straniera 3 **
Matematica
3
3
Scienze della Terra e biologia
3
3
Scienze sperimentali
Educazione Fisica
2
2
Educazione motoria
Informatica
2
2
TOTALE ORE SETTIMANALI PER CLASSE
30
30
2
31
* di cui un’ora in compresenza
** di cui un’ora in compresenza con il lettore madrelingua
47
Appendice B
CRITERI PER LA CORREZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA
Aspetti del testo
Livello rilevato
Basso
VALUTAZIONE ANALITICA
ASPETTI FORMALI
1.
2.
3.
4.
5.
Medio
Punti
Alto
1-12
1-2
3
4
1-4
1-2
3
4
1-4
1-2
3
4
1-4
1-2
3
4
1-4
1
2
3
1-3
correttezza ortografica, morfosintattica e sintattica;
coesione testuale (fra le frasi e le parti più ampie di testo);
uso adeguato della punteggiatura;
adeguatezza e proprietà lessicale;
uso di registro e, dove richiesto, di linguaggi settoriali adeguati alla
forma testuale, al destinatario, al contesto e allo scopo.
COERENZA E ADEGUATEZZA alla forma testuale e alla
consegna
1.
2.
3.
capacità di pianificazione e strutturazione del testo in parti;
coerente e lineare organizzazione dell’esposizione e delle
argomentazioni;
complessiva aderenza all’insieme delle consegne date.
CONTROLLO DEI CONTENUTI
Ampiezza, padronanza, ricchezza, uso adeguato dei contenuti, in funzione
anche delle diverse tipologie di prove e dell’impiego dei materiali forniti:
Tipologia A:
1.
2.
3.
comprensione e interpretazione del testo proposto;
individuazione delle strutture stilistiche;
coerenza degli elementi di contestualizzazione.
Tipologia B:
1.
2.
3.
comprensione dei materiali forniti;
loro utilizzo coerente ed efficace;
padronanza dell’argomento scelto.
Tipologia C e D:
1.
2.
coerente esposizione delle conoscenze in proprio possesso in rapporto
al tema dato;
complessiva capacità di collocare il tema dato nei relativi contesti
culturali.
VALUTAZIONE GLOBALE
Efficacia complessiva del testo tenuto conto :





del rapporto fra ampiezza e qualità informativa,
della originalità dei contenuti,
delle scelte espressive,
della globale fruibilità del testo,
della creatività e delle capacità critiche personali.
VALUTAZIONE COMPLESSIVA
Max 15
1-15
48
Appendice C
CRITERI PER LA CORREZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA
SCRITTA DI LINGUA STRANIERA (VALIDA PER INGLESE E TEDESCO)
Si ricorda che per le lingue straniere la seconda prova d’esame è articolata in: domande di comprensione su
un testo a scelta tra due o tre tipi: testo di attualità, testo socio-economico, testo letterario; riassunto del
brano; produzione su un argomento legato ai contenuti del brano.
Per ogni sezione della prova sono stati individuati i parametri di cui tenere conto nella correzione e i relativi
descrittori articolati su 4 livelli. Ad ogni livello è stato attribuito un punteggio:
LIVELLO
LIVELLO
LIVELLO
LIVELLO
1
2
3
4
PUNTI 13-15
PUNTI 10-12
PUNTI 8-9
PUNTI 4-7
Il punteggio finale è dato dalla media di tutti i punteggi. Nel caso di un punteggio finale non intero si
procede ad arrotondarlo per eccesso in presenza di una prova complessivamente soddisfacente. Il numero
così ricavato è il voto da attribuire.
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA DI LINGUA STRANIERA
DOMANDE DI COMPRENSIONE
Comprensione del testo
Dettagliata
Globale
Parziale/superficiale
Mancante/errata/molto limitata
Valutazione
13-15
10-12
8-9
4-7
Qualità delle informazioni fornite
Pertinenti/complete/rielaborate
Per lo più pertinenti/esaurienti/rielaborate
In parte non pertinenti/a volte incomplete/poco rielaborate
In gran parte errate o mancanti
Valutazione
13-15
10-12
8-9
4-7
Livello morfosintattico e lessicale
Forma scorrevole e corretta con uso di sinonimi
Forma chiara, in genere corretta, con lessico per lo più appropriato, solo talvolta tratto dal testo
Forma elementare, non sempre chiara, con alcuni errori, lessico comune e tratto dal testo
Forma in gran parte scorretta, con errori gravi e lessico improprio
Valutazione
13-15
10-12
8-9
4-7
RIASSUNTO
Comprensione del testo
Dettagliata
Globale
Parziale/superficiale
Mancante/errata/molto limitata
Valutazione
13-15
10-12
8-9
4-7
segue Appendice C
49
Sintesi e riformulazione dei contenuti
Logica e coerente con uso corretto ed efficace dei connettori
Per lo più coerente con uso dei connettori quasi sempre appropriato
Parziale e non sempre coerente
Incoerente/molto limitata
Valutazione
13-15
10-12
8-9
4-7
Livello morfosintattico e lessicale
Forma sintetica e nel contempo esaustiva, corretta, con sinonimi adeguati
Forma chiara, talvolta poco o troppo sintetica, in genere corretta con lessico abbastanza rielaborato
Forma elementare, non sempre chiara, con alcuni errori, lessico ripetitivo e ripreso dal testo
Forma in gran parte scorretta, con errori gravi e lessico improprio
Valutazione
13-15
10-12
8-9
4-7
COMPOSIZIONE
Contenuti
Ricchi, personali, interessanti, aderenti alla traccia
Abbastanza personali e completi, aderenti alla traccia
Limitati, talvolta generici o banali, a volte incoerenti rispetto alla traccia
Incoerenti/molto limitati
Valutazione
13-15
10-12
8-9
4-7
Argomentazione
Coerente, ben articolata e documentata
Logica e in genere coerente
Parzialmente coerente, ripetitiva
Incongruente
Valutazione
13-15
10-12
8-9
4-7
Livello morfosintattico e lessicale
Forma scorrevole e corretta con lessico ricco e adeguato
Forma chiara, in genere corretta, con lessico per lo più adeguato
Forma elementare, non sempre chiara, con alcuni errori, lessico comune e ripetitivo
Forma in gran parte scorretta, con errori gravi e lessico improprio
Valutazione
13-15
10-12
8-9
4-7
50
Segue Appendice C
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA
DI LINGUA STRANIERA (VALIDA PER INGLESE E TEDESCO)
(SECONDA PROVA)
NOME ALUNNO: ………………………………………………..
CLASSE: …………
LINGUA …………………………………………………………..
* DOMANDE
- Comprensione
- Informazioni fornite
- Forma
…………/15
…………/15
…………/15
* RIASSUNTO
- Comprensione
- Sintesi
- Forma
…………/15
…………/15
…………/15
* COMPOSIZIONE
- Contenuti
- Argomentazione
- Forma
…..….../15
…………/15
…………/15
Punteggio totale
.…….... /15
Ulteriori elementi di ottimizzazione del punteggio: creatività, collegamenti interdisciplinari, citazioni
letterarie.
Valutazione attribuita
......……/15
51
Appendice D
CRITERI PER LA CORREZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA
SCRITTA DI LINGUA STRANIERA (VALIDA PER FRANCESE)
DOMANDE DI COMPRENSIONE
Informazioni fornite
Pertinenti e complete
Per lo più pertinenti ed esaurienti
In parte non pertinenti/a volte incomplete
In gran parte errate o mancanti
Valutazione
13 - 14 - 15
10 - 11 - 12
8-9
4-5–6-7
Riformulazione delle informazioni e livello morfosintattico-lessicale
Forma scorrevole, rielaborata e complessivamente corretta
Forma chiara, abbastanza rielaborata e con pochi errori
Forma semplice, non sempre chiara, poco rielaborata e con diversi errori
Forma confusa con gravi e numerosi errori o non rielaborata rispetto al testo di riferimento
Valutazione
13 – 14 - 15
10 – 11 - 12
8-9
4–5–6-7
RIASSUNTO
Sintesi dei contenuti
Pertinente, esaustiva, coerente ed efficace
Per lo più pertinente, coerente ed efficace
Parziale, non sempre pertinente/coerente o poco rielaborata rispetto al testo di riferimento
Poco pertinente, incoerente, molto limitata o non rielaborata rispetto al testo di riferimento
Valutazione
13 -14 - 15
10 -11 - 12
8 -9
4 –5 –6 - 7
Forma
Valutazione
Scorrevole, organica, rielaborata, complessivamente corretta, con uso efficace dei connettori
Chiara, organica, abbastanza rielaborata, per lo più corretta, con uso dei connettori quasi sempre
appropriato
Non sempre chiara, semplice, poco rielaborata, con diversi errori
Confusa, non rielaborata, con diffusi e gravi errori
13 –14 - 15
10 -11-12
8 -9
4-5-6-7
PRODUZIONE/COMPOSIZIONE
Contenuti:
Congruenti, completi, coerenti, ben articolati, rielaborati, ricchi, personali, supportati da argomenti
e riflessioni appropriati
Congruenti, abbastanza completi, coerenti, articolati, rielaborati e personali, supportati da
argomenti e riflessioni per lo più appropriati
Non sempre congruenti o rielaborati, tavolta poco coerenti, generici, semplici, incompleti
Incongruenti, incoerenti, limitati/ molto limitati o generici
Valutazione
13 -14- 15
10 -11 - 12
8 -9
4–5–6-7
Forma
Scorrevole, organica, rielaborata e complessivamente corretta
Chiara, organica, abbastanza rielaborata, per lo più corretta
Non sempre chiara, semplice, poco rielaborata, con diversi errori
Confusa, non rielaborata, con diffusi e gravi errori
Valutazione
13 -14- 15
10 -11 - 12
8 -9
4–5–6-7
52
segue Appendice D
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA
DI LINGUA STRANIERA (VALIDA PER FRANCESE)
(SECONDA PROVA)
NOME ALUNNO: ………………………………………………..
CLASSE: …………
LINGUA …………………………………………………………..
* DOMANDE
- Informazioni fornite
- Riformulazione e forma
…………/15
…………/15
* RIASSUNTO
- Sintesi
- Forma
…………/15
…………/15
* COMPOSIZIONE
- Contenuti e argomentazione
- Forma
…………/15
…………/15
Punteggio totale
.…….... /15
Ulteriori elementi di ottimizzazione del punteggio: originalità, creatività, collegamenti interdisciplinari,
citazioni letterarie.
Valutazione attribuita
......……/15
53
Appendice E
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA
NOME ALUNNO: ………………………………………………..
CLASSE: …………
DISCIPLINA ………………………………………………………
A. CONOSCENZE (argomenti – concetti – tematiche – regole)
- nullo
- gravemente insufficiente
- insufficienti
- sufficienti
- buono
- ottimo
1-3
4-7
8-9
10-11
12-13
14-15
B. COMPETENZE (comprensione ed analisi di un testo – rielaborazione – sintesi - esecuzione di
procedure)
- nullo
- gravemente insufficiente
- insufficiente
- sufficiente
- buono
- ottimo
1-3
4-7
8-9
10-11
12-13
14-15
C. USO DELLA LINGUA (correttezza formale, ricchezza lessicale, uso dei linguaggi specifici):
- nullo
- gravemente insufficiente
- insufficiente
- sufficiente
- buono
- ottimo
1-3
4-7
8-9
10-11
12-13
14-15
ULTERIORI ELEMENTI DI OTTIMIZZAZIONE DEL PUNTEGGIO: originalità, creatività, collegamenti
interdisciplinari, citazioni in lingue straniere.
PUNTEGGIO FINALE ATTRIBUITO
:
/15
Nel caso in cui sia presente matematica tra le materie della terza prova scritta, vista la peculiarità della
disciplina, potranno venire attribuiti pesi diversi alle voci Conoscenza, Competenze e Uso della Lingua nel
calcolo
del
punteggio
finale
attribuito,
a
seconda
del
tipo
di
quesito
assegnato.
54
Appendice F
GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER IL COLLOQUIO
CRITERI
Capacità di esposizione linguistica e
di argomentazione
Capacità di utilizzare le conoscenze
Capacità di operare collegamenti
Originalità e rielaborazione critica
GIUDIZIO
PUNTEGGIO
gravemente insufficiente
1–4
da insufficiente a quasi sufficiente
5–9
da sufficiente a buono
10 – 13
Ottimo
14 – 15
gravemente insufficiente
1–4
da insufficiente a quasi sufficiente
5–9
da sufficiente a buono
10 – 13
Ottimo
14 – 15
gravemente insufficiente
1–4
da insufficiente a quasi sufficiente
5–9
da sufficiente a buono
10 – 13
Ottimo
14 – 15
gravemente insufficiente
1–4
da insufficiente a quasi sufficiente
5–9
da sufficiente a buono
10 – 13
Ottimo
14 – 15
TOT
La votazione conseguita va divisa per due per ottenere il punteggio della prova
………..………..…….
Appendice G
GRAFICO DI CORRISPONDENZA TRA VOTI ESPRESSI IN DECIMI (ASSE X) E
VOTI ESPRESSI IN QUINDICESIMI (ASSE Y)
15
14
13
12
11
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0
0,0
1,0
2,0
3,0
4,0
5,0
6,0
7,0
8,0
9,0
10,0
GRAFICO DI CORRISPONDENZA TRA VOTI ESPRESSI IN DECIMI (ASSE X) E VOTI
ESPRESSI IN TRENTESIMI (ASSE Y)
30
29
28
27
26
25
24
23
22
21
20
19
18
17
16
15
14
13
12
11
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0
0,0
0,5 1,0
1,5 2,0
2,5 3,0
3,5 4,0
4,5
5,0 5,5
6,0 6,5
7,0 7,5
8,0 8,5
9,0 9,5 10,0
56

Documenti analoghi