Agosto

Commenti

Transcript

Agosto
Per star bene
La rivista per i clienti della EGK-Cassa della salute
17a annata I Agosto 2012
Star per un giorno
Perché i talent show hanno tanto successo
Il centro della Svizzera
Chi lo cerca lo trova a Obvaldo
Orgoglioso della sua
professione
Jules Christen era macellaio per passione
www.egk.ch
2
Per star bene
Sommario
Focus
Il fenomeno dei talent show
Tutti possono cantare
Guardare la TV con i bambini
3
6
9
Rubrica
9
Figli e dintorni Walter Hess
Membro della redazione
«Per star bene»
I lati buoni della EGK 10
Sapere
12
Il mio smartphone sa dove sono
Personale
Cantate a squarciagola!
12 domande a Sarah-Jane
Cantare è un elisir di lunga vita.
­Rinforza il sistema immunitario,
­migliora i polmoni e la respirazione,
rilassa, libera, irrobustisce i muscoli della schiena, ecc. E unisce le
persone. Non si decanterà mai ab­
bastanza il canto!
Esso agisce anche sull’esterno: il
­cantante Orfeo con la sua voce
­riusciva ad ammorbidire anche le pietre e ad ammansire gli animali.
Ma esistono anche gli spettatori. Se
a causa del profluvio di suoni si
danno alla fuga, godranno almeno dei
benefici del movimento. Non tutti
­sono una copia di Enrico Caruso.
Che canti in pubblico chi ha il dono
di una bella voce. In casi simili io
­preferisco tacere.
Il centro della Svizzera 13
Voglia di viaggiare
14
Escursione consigliata
17
Intorno al lago Schwarzsee
Intervista
Macellaio per passione
18
Pagina dei bambini 20
Tutti possono cantare
Cantare, come parlare, è un’azione che accade tra la testa e lo stomaco. Perciò ha molto
a che fare con la salute e con il proprio stato
d’animo.
Il centro della Svizzera
È stato complicato trovare
il centro della Svizzera. Il
punto centrale si trova nel
cantone tipicamente svizzero
di Obvaldo, ma non esattamente al suo centro.
6
Scriveteci se avete da fare osservazioni o precisazioni riguardo ai
testi pubblicati su «Per star bene»! La redazione sarà lieta di ricevere i vostri commenti che potete inviare per posta o e-mail.
Indirizzo di redazione:
EGK-Cassa della salute, redazione «Per star bene»
Casella Postale 363, 4501 Soletta
[email protected]
Impressum: «Per star bene»
Editore: EGK-Cassa della salute
Tiratura complessiva: 94 900 esemplari
Internet: www.egk.ch
Direzione di redazione: Zett Corporate Publishing, Yvonne Zollinger
Responsabile: GfM AG, Bruno Mosconi
Lettorato/coordinazione: GfM AG, Marianne De Paris
Redazione: Walter Hess, Andrea Vesti
Layout: Ingold Design, Stephan Ingold, Caroline Diethelm
Foto di copertina: iStockphoto, Alen Popov
Foto del sommario: iStockphoto, Walter Hess, Yvonne Zollinger,
Andrea Vesti, Verein Freunde der Metzgerschaft, Roland Schedler,
Daniel Kandlbauer, Radha Binder
L’editore non si assume alcuna responsabilità per l’invio di manoscritti, foto o illustrazioni non richiesti.
14
Macellaio per
­passione
Jules Christen era macellaio per passione. Anche
in pensione il sessantanovenne combatte per migliorare l’immagine di questa
professione.
18
Foto: iStockphoto, Dmitriy Shironosov
Focus
nelle nostre case. «Expedition Robinson» fu il
­primo format di reality importato in Svizzera
­dall’emittente privata tV3. La trasmissione preprodotta tenne incollati alla TV fino a 570 000
spettatori.
Anche da Roland Schedler gli amici si incontravano tutte le domeniche sera per l’«happening televisivo». L’oggi quarantaduenne era uno
dei 16 partecipanti della prima edizione, sele­
zionato per quell’avventura tra centinaia di
a­
spiranti. L’ignoto lo aveva spinto a tentare
quell’impresa rischiosa: «Volevo capire che tipo
di esistenza fosse quella di un Robinson Crusoe.
Un’esperienza del genere si fa soltanto una volta
nella vita». Quando fu finalmente sull’aereo di­
retto in Malesia con gli altri concorrenti, la sua
gioia fu immensa. Equipaggiati soltanto con uno
zainetto, fecero rotta verso l’isola di Tengah su
due imbarcazioni: «Improvvisamente un elicot­
tero si mise a roteare sopra le nostre teste e a riprenderci. Per un breve momento fui attraversato
da una sensazione spiacevole e per la prima volta
mi fu chiaro che adesso si faceva sul serio, so­
prattutto con le telecamere.»
FIN DOVE SONO DISPOSTO
AD ARRIVARE?
In Svizzera «Expedition Robinson» diede inizio ai format del talent show e fu seguito dal
­controverso reality show «Grande Fratello» e dal
reclutamento di manager «Traumjob» (Il lavoro
dei sogni, t. l.). Nel 2003 la televisione svizzera
­cavalcò l’onda mondiale dei casting musicali. La
prima edizione di «MusicStar» portò all’emittente share da record. Il format fu messo in scena
magistralmente; la maggior parte dei giovani
Da un decennio vediamo regolarmente in TV cantanti,
­spettatori aveva trovato subito un loro idolo, per
modelle o ballerine più o meno dotate. I format dei talent
cui ogni settimana aspettavano con ansia la sera
della trasmissione. I rituali dell’eliminazione forshow continuano a funzionare, sebbene gli arditi sogni
nivano argomenti sufficiente per le chiacchiere
di luci della ribalta si realizzino solo in casi rarissimi. Tre
da piazza. Chi non ne poteva parlare si sentiva
ex concorrenti di talent show si raccontano.
escluso e avvertiva la necessità di guardare il programma.
Di tutto il clamore della prima edizione di
«MusicStar», l’allora ventunenne Daniel KandlFu un viaggio della sopravvivenza molto par­ bauer non aveva sentito molto, ciononostante il
ticolare: a maggio 1999, 16 persone, tra uomini e giovane dell’Oberland Bernese una settimana
donne, volarono in Malesia dalla Svizzera per­ ­prima del termine di iscrizione decise spontaneamente di partecipare alla seconda edizione che
farsi sbarcare su un’isola.
sarebbe partita nel dicembre 2004. Quando dopo
settimane di successo nei casting e nelle qualifiDI ANDREA VESTI
che si trovò tra i 10 finalisti, improvvisamente lo
Divisi in due squadre, dovettero lottare per assalirono dubbi e incertezze. Lui, il musicista
­sopravvivere 45 giorni. Alla fine di ogni setti- ­idealista cresciuto con musica grunge e rock altermana, la squadra dei perdenti bandiva dall’isola nativo, che ha suonato per anni in una hard
il membro più debole o meno amato del gruppo. rock band, dovette decidere se poteva conciliare
Foto: Roland Schedler,
Lacrime, accessi d’ira e corpi smagriti, bruciati i suoi principi musicali con una trasmissione
­Daniel Kandlbauer,
Radha Binder
dal sole e coperti di punture di insetti entrarono commerciale.
Il fenomeno dei
talent show
3
4
Focus
Per star bene
Nonostante le critiche provenienti dalle sue
sfere, decise di partecipare, poiché il desiderio di
poter vivere con la propria musica era grande.
«Non volevo rinunciare a questa occasione unica
di avanzare musicalmente». Presto, però, si rese
conto che a «MusicStar» non si trattava di musica,
quanto piuttosto di fornire una buona presta­
zione ogni domenica sera. «La maggior parte delle volte non vince neppure il migliore». Un format
come «Voice of Germany», dove all’inizio della
competizione una giuria qualificata ascolta solo
la voce dei partecipanti, ha una maggiore forza
espressiva: «I talent show, dove l’artista può fare
emergere il suo stile personale, sono molto più
utili per il suo piazzamento».
Quasi identico a Robinson Crusoe: Roland Schedler con barba
folta e dimagrito di 12 chili.
Daniel Kandlbauer visse «il periodo più intenso della sua vita» otto anni
fa a MusicStar. La musica lo accompagna ancora oggi.
Alle luci della ribalta, la concorrente di «Supermodel» Radha Binder
preferisce la bellezza naturale e uno stile di vita sano.
A CIASCUN CONCORRENTE
IL SUO RUOLO
È quasi impossibile fare emergere la propria
personalità in un costrutto organizzato come un
talent show. Quelli che ci provano, spesso ven­
gono etichettati come outsider che aumentano
lo share ma vengono considerati più per il loro­
ruolo che per il loro talento. Chi partecipa a­
queste trasmissioni e vuole restare fedele a se
­stesso, ha bisogno di forza di carattere e di un
po’ di esperienza di vita. Questo fu presto chiaro
anche a Radha Binder, tedesca di nascita, quando a 23 anni partecipò alla trasmissione dell’e­
mittente privata 3+ «Supermodel». Per la Binder,
che da diversi anni presta molta attenzione a uno
stile di vita sano e completo a cui collega anche
il suo atteggiamento positivo nei confronti della
vita, era fondamentale portare sul set e in tele­
visione la sua personale filosofia. Voleva ispirare
le altre concorrenti e le giovani spettatrici con le
sue convinzioni e mostrare che una filosofia di
vita po­sitiva, lo sport e un’alimentazione com­
pleta possono costituire un buon modello per i
giovani. Presto, però, si accorse che tutto ciò non
interessava a nessuno: «Era la piattaforma sba­
gliata; si trattava solo di dare spettacolo».
Quello che le saltò subito agli occhi, fu la ca­
talogazione delle singole personalità. La Binder
decise naturalmente di restare se stessa. Era una
delle più vecchie partecipanti e sapeva quello che
voleva e quello che non voleva. Riteneva che sostenere la sua opinione anziché adeguarsi fosse
molto più interessante per la trasmissione. Se­
condo la studentessa «Se una persona è bella ma
troppo timida per sostenere la sua opinione, non
fa molta strada».
LE ILLUSIONI SVANISCONO
Quanto i partecipanti siano in balia di una
­trasmissione preprodotta, lo notano al più tardi
alla messa in onda. Con il montaggio di migliaia
di ore di girato è più facile fare aumentare lo­
Focus
LA DEFINIZIONE DI SUCCESSO
Per Daniel Kandlbauer molte cose andavano
bene già durante lo spettacolo. Ritiene che sia­
stata una scuola di vita, il periodo più intenso che
abbia mai vissuto finora. Ha tratto vantaggio dalle
numerose prove, dal training vocale e mediatico
e si è goduto il crescente interesse nei suoi confronti. «Ovviamente un giorno ho notato che stavo cambiando. Accadevano molte cose nuove
con cui dovevo imparare a convivere». Successi­
vamente molti hanno desiderato imprimergli
un marchio o sentire qualcosa di negativo. «È stato un sogno che ho potuto vivere. Ancora adesso
provo queste sensazioni.» Oggi Kandlbauer riesce
in parte a vivere della sua musica; dà concerti
­soprattutto il weekend e lavora a un nuovo CD.
Accanto alla sua professione, studia economia:
«Sono cresciuto a Grindelwald e ho svolto un
share che restare aderenti alla realtà. Per Roland ­apprendistato di commercio con maturità pro­
Schedler l’esperienza Robinson sarebbe potuta fessionale. Non ho mai dimenticato da dove pro­avvenire anche senza le telecamere: «Per me il vengo».
vero clou è stato il periodo sull’isola. Alcune
Quando arrivò in finale, pensò che si sarebbe
­esperienze mi hanno portato ai limiti, soprattutto sentito più a suo agio con un secondo posto. La
fi­sicamente. Questo mi ha fatto parecchia im­ pressione di produrre un CD il più velocemente
pressione». Dopo quattro settimane di avventura possibile e soddisfare le aspettative ambiziose­
fu eliminato, tornò in Svizzera dimagrito di della sua casa discografica e dei suoi fan poteva
12 chili e riprese la sua solita routine quotidiana. lasciarla volentieri alla vincitrice. Forse proprio
«Al casting ci ripetevano in continuazione che per questo un po’ di tempo dopo MusicStar gli
dopo la trasmissione forse saremmo potuti­ riuscì l’agognato e stimato esordio come musici­
riu­scire a entrare a lavorare in TV», come successe sta: il suo primo CD volò in cima alle classifiche
al vincitore svedese. Per Schedler questa non svizzere e, oltre a un disco d’oro, gli valse il Prix
fu un’opzione. Ciononostante si godette la sua Walo per il miglior esordiente. Poi fu la volta di
­fama quando la trasmissione venne trasmessa: un tour di sei mesi. «Poi passò la fase di ebbrezza
«Mi contattarono in molti ed ebbi numerosi e sprofondai», cosa che naturalmente non ha
­incontri spontanei. Vissi un periodo fuori dal ­avuto nulla a che fare con MusicStar, dice. Natu­co­mune ».
ralmente si dice che gli sia toccata la stessa sorte
Radha Binder non si fece demoralizzare dalle di molti altri partecipanti ai talent show, che
critiche. Alla fine fu remunerata con il secondo ­hanno visto per un attimo le luci della ribalta
posto al concorso «Supermodel» del 2008: «Oggi ­prima di sparire nuovamente nel dimenticatoio.
­posso dire davvero di avere fatto una magnifica Kandlbauer rimarca che per lui è già stato un
esperienza. Durante la trasmissione non me ne ­successo personale essere arrivato così lontano
ero accorta». Le mancano i viaggi verso culture e partendo da quattromila concorrenti. «Ho fatto
paesi lontani che la trasmissione le consentiva di delle esperienze fantastiche e oggi sono un uomo
fare. E le esperienze personali che la rendevano felice».
più forte e le mostravano cosa voleva davvero­
dalla vita. «Come molte ragazzine, anch’io avevo
l’illusione dello show business. Vedere come
­funziona realmente mi ha aperto gli occhi». Sebbene le piaccia recitare altri ruoli e farsi fotogra­
fare, non vuole prendere questa direzione
professio­nale. «Semplicemente non è il mio mondo», sottolinea.
Oggi la ventisettenne studia medicina cinese.
Aiuta sua madre a Brione, sopra Locarno, a
diri­
­
gere l’area wellness di un hotel. Come
modella Radha Binder lavora solo per hobby:
«Che l’in­gaggio arrivi o non arrivi, per me è lo Fonti: sonntagszeitung.ch,
wikipedia.org, rhetorik.ch
stesso».
• Roland Schedler, classe 1970, lavora come in­
gegnere dei sistemi in una ditta internazionale.
Vive insieme alla sua famiglia nell’Oberland zurighese.
• Daniel Kandlbauer, classe 1983, vive nell’Oberland bernese. Lo scorso anno è uscito il suo
­album «Violet Sky», www.kandlbauer.ch
• Radha Binder, studentessa e coach di
salute e bellezza vive a Zurigo e Brione, TI,
www.ayurveda-tessin.ch
• A gennaio 2013 la televisione svizzera darà il
via al nuovo format «The Voice of Switzerland»,
che vedrà in giuria i musicisti Marc Sway, Stress,
Stefanie Heinzmann e Philipp Fankhauser.
5
6
Per star bene
Focus
«Chi sa parlare sa anche cantare!»
Tutti sanno cantare, dice il direttore della «Voice & Music Academy Zürich». E cantare, così come
parlare, è un’azione importante che accade tra la testa e lo stomaco. Cantare fa bene!
Thomas Lutz a colloquio
con un’allieva di canto.
Dopo l’avvento dei talent show, è aumentato il
­numero delle iscrizioni nella Sua scuola?
Thomas Lutz: In effetti per un periodo ci fu una
vera e propria corsa alle scuole, ma si tratta di
­diverso tempo fa. A un certo punto l’interesse è di
nuovo aumentato e si è tornati al normale stato
delle cose. La percentuale di popolazione che desidera occuparsi di canto è tornata stabile. I talent
show hanno influito in particolare sull’iscrizione
dei giovani e meno su quella di cantanti più
­grandi. Da noi cantano tutte le fasce di età, da 11
a quasi 80 anni. Attualmente sono circa 300, in
­particolare donne.
Sandra Suter: Improvvisamente i giovani riten­
gono fantastico stare sul palco ed essere una star,
mentre prima si cantava per il gusto di farlo, senza
cercare di trovare a tutti i costi un significato.
Per i cantanti adulti, i talent show hanno avuto
un’influenza piuttosto negativa. Molti pensavano che la loro voce non fosse più sufficientemente buona. Notavano che le star dei talent
­venivano criticate o addirittura derise per la loro
voce, per cui aumentavano le pretese nei con­
fronti delle proprie capacità.
Il piacere innocente di cantare è andato perso?
Suter: Si nota semplicemente che tra gli adulti, e
anche già tra i giovani, è aumentata la soglia di
inibizione al canto. Per i bambini, invece, è il
­contrario; vogliono cantare e gli spettacoli li stimolano a farlo.
Lutz: Un’espressione idiomatica dice «Canta che
ti passa». Il canto è un fenomeno naturale che si
trova in tutte le culture. Il piacere nasce dall’e­
sperienza di potersi esprimere senza vergogna.
Se questa esigenza umana diventa un concorso,
qualcosa può andare perso.
Dai talent show sono bandite le note stonate.
Lutz: A tutti può capitare di stonare. Ma cosa
­significa? Ci sono persone che sentono le altezze
del suono meglio di altre. Nei talent show il giu­
rato si confronta con il fatto che lo spettacolo­
deve essere telegenico. E ovviamente si domanda
anche quanto sarà semplice creare una canzone
con questa persona. Un maggiore impegno con il
canto e il cantante può contribuire a migliorare
l’intonazione (ovvero azzeccare precisamente i
toni). Nella nostra scuola facciamo questo lavoro, mentre sul palco si dà già per scontato.
Suter: Un’altra cosa è la questione della tolleranza. Ci sono sfumature finissime per il «cantare
preciso». Nessuno canta in modo assolutamente
preciso, altrimenti sembreremmo tutti dei robot. Rispetto a prima, però, oggi è diminuita la
tolleranza nei confronti dei toni che non sono
Focus
s­ ufficientemente «precisi». L’intera onda pop degli ultimi anni ha portato al fatto che ogni tono
deve essere precisissimo. Perciò dopo le riprese
c’è a­ nche un grande lavoro di post-produzione
che si può paragonare, ad esempio, al noto programma di correzione Photoshop che rimuove
le impurità della pelle, simulando però un’im­
magine falsa della realtà. Questo è un altro motivo
per cui molte persone si scoraggiano. La loro
voce non è mai come quella che sentono nelle
­registrazioni.
Si può addestrare la voce a tutte le età oppure c’è
un limite oltre il quale non funziona più?
Lutz: La voce ha delle fasi di vita e delle caratte­
ristiche correlate all’età, come ad esempio la mutazione vocale dei ragazzi. Lo strumento è l’intera
persona, non solo le sue corde vocali, questo per
tutta la vita. Si può cantare fino a tarda età.
Io canto abbastanza male. Mi accetterebbe co­
munque come allieva di canto?
Lutz: Noi partiamo dal presupposto che tutti
­possano cantare. Alcuni hanno soltanto bisogno
di un maggiore sostegno di altri. E altri ancora
hanno bisogno di un maggiore aiuto in determinati campi.
Suter: Io ho proprio un caso di cui inizialmente
si era detto: «Non imbrocca le note, non ha
­orecchio». Quando però mi sono occupata in
­modo più approfondito di lei, ho notato che la
donna sente precisamente quando sbaglia le
note, ma al momento non sa cosa deve fare con
la sua voce per correggere la nota sbagliata. Questo è un problema completamente diverso. Non
ha ancora le capacità di dominare l’estensione e
il rilassamento delle corde vocali per passare
rapi­damente al tono corretto. Anche un buon
­orecchio è solo un aspetto del canto.
Dunque che cosa fa con le persone che non im­
broccano davvero una nota?
Lutz: Quando qualcuno viene da noi, discutiamo anzitutto di quali sono i suoi obiettivi. Se l’obiettivo è cantare come un determinato cantante,
allora va bene e il desiderio è lecito. Dopo l’audizione abbiamo una situazione di partenza. La via
verso la meta può essere anche molto lunga o non
realistica, ma noi non prendiamo in giro né il
cliente, né noi stessi.
Dunque anche chi pensa di non avere talento
­perché non imbrocca le note con le giuste istru­zioni e la tecnica corretta può imparare a cantare?
Suter: Sì, è così.
Quindi non tutte le persone stonate sono di per sé
prive di talento?
Lutz: Esatto. Ma si deve distinguere se il canto
deve essere asservito al puro piacere di cantare o
se deve essere l’obiettivo per diventare una star.
A questo proposito vorrei dire che alcune star
­sanno di non essere i cantanti migliori del mondo. E alcuni hanno grande rispetto e ammirazione
per il canto di altri. La musica è un mezzo di trasporto universale delle emozioni.
Suter: Nei talent show, tutti i concorrenti che non
hanno vinto se ne vanno a casa a testa bassa. Il
messaggio che viene trasmesso è che non sono
abbastanza bravi, anche se non è vero. I talent
show sono concepiti in primo luogo per intrattenere il pubblico televisivo. Questo può compor­
tare che un cantante professionista che partecipa
a uno di essi possa riscuotere una minore considerazione di una giovane cantante di talento che
non ha mai cantato in pubblico, né ha mai fatto
un’ora di lezione di canto. E può anche accadere
che il vincitore di un talent show abbia meno
­successo di un concorrente che non ha vinto. Ci
sono diversi esempi in proposito. Un talent show
non sostituisce il lavoro sulla voce, indispensabile per tutti coloro che si vogliono confrontare
seriamente con la carriera di cantanti.
Rispetto a una volta, oggi il canto non è molto più
legato a un fine?
Lutz: Così come viene rappresentato in televi­
sione, l’obiettivo primario è il successo. Ma non
è l’unico. Da noi ci sono entrambi gli aspetti:
­persone che vogliono perfezionare la voce perché
cantano in una band e desiderano vivere almeno
in parte della musica e persone che cantano semplicemente per il piacere di farlo. Per loro il canto
è una buona compensazione quando tornano a
casa dal lavoro e hanno bisogno di relax.
Le persone più mature appartengono sicuramente al secondo gruppo.
Suter: Sì, spesso è così. Ma questo non significa
che tutti i giovani vogliano diventare delle star.
Credo che i giovani non ci pensino troppo. Hanno
un rapporto col canto molto più rilassato. A loro
piace sentire un bel suono, ma naturalmente
­vogliono anche imitare le loro star preferite, di
regola rimanendo con i piedi ben piantati per
­terra.
Le persone arrivano da voi con desideri realistici?
Lutz: La maggior parte delle volte sì, ma pro­ba­bilmente dipende dal fatto che accogliamo
i ­
nostri clienti partendo dal canto. All’atto
­dell’ammissione, da noi non si compilano moduli, né si devono presentare attestati. Abbiamo un wel­come coaching, si va da un coach una
mezz’ora, si canta qualcosa, si familiarizza con
la scuola, i prodotti e i collaboratori e si ri-
7
8
Per star bene
Focus
ceve una determinazione del rendimento del
­proprio canto.
Il desiderio sfrenato di diventare assolutamente
una star solo con le lezioni di canto è piuttosto
raro.
Suter: Nei talent show di cui ho esperienza diretta,
molti ragazzi avevano grandi aspettative. Più di
quelle che potevano soddisfare. In particolare
quando non andavano più avanti. Prima stavano sotto le luci della ribalta con telecamere e
interviste e appena uscivano dalla competizione
nessuno si occupava più di loro. Questo ha creato
loro molti problemi. Il mondo dei talent show è
molto duro. Di questo aspetto si parla solo raramente nei media. Ci si concentra sui vincitori
dando così l’impressione o creando l’illusione
che si vince solo se si ha talento. Da noi una classificazione di questo tipo non avviene, nel bene e
nel male. I cantanti capiscono subito che si deve
lavorare.
Lutz: Il principio fondamentale della nostra­
scuola è ottenere qualcosa di straordinario da
­persone ordinarie. Nei talent show si tratta di offrire al pubblico uno spettacolo di qualità. Un
nuovo approccio è il format «The Voice», che
­bada maggiormente al canto. Si va nella giusta
direzione perché mettere alla prova il proprio
­talento è di sicuro legittimo.
Sandra Suter, Head
School, Thomas Lutz,
CEO.
Di cosa ha bisogno un cantante di successo?
Lutz: Di un insieme di cose, partendo dalla mu­
sicalità e aggiungendo disciplina, allenamento e
l’acquisizione delle conoscenze della tecnica di
canto e della fisiologia vocale, fino ad arrivare
alla personalità e agli aspetti relativi alla salute.
Molti artisti studiano molto e molto a lungo.
­Alcuni per tutta la vita, come anche in altre professioni. Occorre essere aperti e pronti a impa-
rare sempre qualcosa di nuovo. E si deve curare
la voce.
Suter: Se si vuole fare del canto una professione,
ci si deve lavorare giorno per giorno. La disciplina e il lavoro vengono prima del talento. Si dice
che il talento conti per il dieci percento, mentre il
resto è lavoro. Quando si canta, si aggiungono
poi determinate basi fondamentali come l’orecchio o le corde vocali sane. Ma questi sono solo i
presupposti che vengono soddisfatti dalla maggior parte delle persone.
Ho sempre pensato che le mie corde vocali doves­
sero essere particolari per cantare bene.
Suter: No, assolutamente no. Cantare è come
­parlare, si trascina solo più a lungo la voce e la si
porta a determinate altezze di toni.
Lutz: Naturalmente ci sono limiti e vantaggi
­anatomici, tra cui ad esempio anche la questione
della cassa di risonanza nel corpo. Pensate a­
quanti diversi timbri sonori ci sono nel canto, a
quante diverse voci forti e individuali si rico­
noscono.
Perché dunque così tante persone sono inibite a
cantare in presenza di altri?
Suter: Forse dipende dal fatto che il canto come
arte è stato estremamente stilizzato.
Lutz: Per restare nel campo dei talent show, qui
la soglia è molto alta perché tutti coloro che vogliono cantare lo fanno solo se credono di avere il
timbro di Rihanna o Justin Timberlake.
Ma vediamola così: se potesse parlare soltanto
chi domina perfettamente la grammatica, dove
andremmo a finire? Perciò da noi la soglia di
­inibizione all’inizio è molto bassa. Qui ci si domanda solo se si vuole cantare o no. Tutto il resto
accade in collaborazione con gli allievi.
Voice & Music Academy Zürich,
Kanonengasse 18, 8004 Zurigo,
044 451 38 08
Intervista: Yvonne Zollinger
Rubrica
Guardare la TV
con i bambini
SCHAU HIN! ha raccolto consigli
per i genitori su come comportarsi con i bambini nei confronti
dei talent show.
1. GUARDATELI INSIEME!
Se ai vostri bambini piacciono i talent show,
non impeditegli di guardarli ma rispettateli e
guardatene insieme almeno qualche puntata.
­Discutete di ciò che si vede ed esprimete anche
chiaramente la vostra opinione. Inoltre è importante capire perché i vostri bambini siano così
­affascinati dai talent show.
2. ANALIZZATELI CRITICAMENTE!
Incoraggiate i vostri bambini ad analizzare
­criticamente gli show. Il comportamento dei candidati è esemplare? Come si sentirebbero gli stessi
bambini se venissero presi in giro di fronte a un
milione di telespettatori?
3. INSEGNATE IL RISPETTO!
Nessun bambino vorrebbe essere preso in giro
o offeso da altri. Fategli capire che si possono
­avere tolleranza e rispetto solo se si agisce di conseguenza. I membri della giuria o i candidati che
sviliscono gli altri non costituiscono un modello
per i bambini!
4. OSSERVATE ATTENTAMENTE I
VOSTRI BAMBINI!
Se vostro figlio vuole partecipare a un talent
show, dovete verificare attentamente che sia psichicamente abbastanza forte per sostenere l’esi­
bizione e la possibile eliminazione dalla compe­
tizione. Si tratta veramente del desiderio del
bambino o di quello dei genitori? Se i bambini
sono ancora troppo piccoli per esprimere i loro
desideri, allora il loro posto non è davanti alle
­telecamere.
Fonte: http://schau-hin.info/
9
D I yvonne zollinger
L’hard disk è pieno!
Poche sere fa sono arrivata a casa e mi sono sorpresa a premere il
pulsante della chiave dell’auto di fronte alla porta chiusa. La cosa
strana è stata che solo dopo aver premuto il pulsante tre volte­
senza successo ho realizzato che la porta di casa non si sarebbe
aperta.
Naturalmente mi sono subito preoccupata del mio stato mentale e
di quale fosse il motivo di tale malfunzionamento del mio cervello.
Forse tre fornellini antizanzare in camera da letto erano troppi? O
magari non avrei dovuto acquistare i complessi vitaminici all’estero
via Internet? Di una cosa ero certa: non poteva trattarsi di demenza senile perché ricordavo a memoria tutti i miei codici segreti, le
password e i nomi dei miei figli. Ok, con i nomi dei miei figli non
sempre funziona, ma questo accade a tutte le madri che hanno più
di un figlio.
Però solo dai rumori riconosco quale dei miei figli è appena entrato
a casa. La più giovane sbatte la porta che fa scricchiolare il pannello di legno al primo piano. La mezzana non si sente affatto finché
non te la ritrovi dietro che ti sussurra un ciao all’orecchio che ti fa
quasi venire un infarto dallo spavento. La maggiore apre prima la
porta, poi seguono due minuti di silenzio, quindi si apre la porta del
frigorifero. Perciò anche con gli occhi chiusi so chi si trova in casa.
Questo è molto pratico in caso di mancanza totale di corrente o di
eclisse solare.
Se dunque il mio cervello può ancora compiere così tante presta­zioni complesse, la causa del malfunzionamento di fronte alla porta
di casa deve avere un’altra origine. E io so anche quale: il mio cervello, mio hard disk biologico è pieno. La mia RAM è sovraccarica,
traboccante di dati spazzatura che avrei già dovuto smaltire da
tempo o spostare su un hard disk esterno.
Questo mi succede quando per un periodo non sono riuscita a dire
«No». Sì, lo faccio io al posto tuo. Sì, vengo a prenderti alla stazione.
Sì, chiamo io per te. Sì, ti ricordo io che devi ricordartene. Sì, tra una
cosa e l'altra riesco a fare anche questo. Sì, sì, sì.
Questa è una cosa. L’altra è che ogni giorno guardo i notiziari e
leggo i giornali. Nella Mongolia settentrionale una pecora è caduta
in un pozzo, poverina. In California va di nuovo a fuoco un pezzo di
foresta, poveri alberi! In Australia aumentano le tasse sui prodotti
a base di latte caprino. Devo davvero saperlo?
No, quindi ecco le mie misure di primo soccorso contro i dischi ri­gidi troppo pieni: 14 giorni senza televisione, né giornali. Seconda
misura: acquistare le vitamine solo in Svizzera. Terza misura: no
cara, quest’anno purtroppo non posso compilarti la tua dichiara­
zione dei redditi. Cercati un hard disk più nuovo con una RAM più
grande.
10
Per star bene
I lati buoni della EGK
Assicurazione malattia aggiuntiva EGK-SUN e EGK-SUN Basic
Molta medicina complementare e sicurezza
La EGK è stata la prima cassa malattia a includere le offerte della medicina complementare
nel proprio catalogo di prestazioni. Oggi, con l’assicurazione malattia aggiuntiva adatta,
gli assicurati EGK ottengono molte prestazioni di medicina complementare e una copertura
ottimale in caso di trattamento stazionario ospedaliero.
La EGK offre come assicurazione malattia
a­ ggiuntiva i due prodotti EGK-SUN e EGK-SUNBasic. Gli assicurati possono scegliere, in base ai
loro desideri personali, l’assicurazione malattia
aggiuntiva che meglio corrisponde alle loro esigenze e al loro budget. Tutte le assicurazioni malattia aggiuntive EGK prendono appositamente
in considerazione numerosi metodi di cura e ­medicinali appartenenti alla medicina complemen­tare.
EGK-SUN
L’assicurazione malattia aggiuntiva EGK-SUN
è perfetta per gli assicurati EGK a cui interessa
particolarmente la medicina complementare.
Un fattore importante per le famiglie è che ogni
membro può assicurarsi individualmente. Da
più di 20 anni la EGK offre con questo prodotto
un vasto catalogo di prestazioni ambulatoriali di
medicina complementare. Ad esempio:
• Naturopati: la EGK si assume l’80 % dei costi, a
condizione che il trattamento venga praticato
da un naturopata registrato.
• Terapie naturali di medicina complementare:
­assunzione dell’80 % dei costi specialmente per
omeopatia, medicina antroposofica, medicina
cinese, fitoterapia e terapia neurale, praticate
da medici con autorizzazione cantonale all’e­
sercizio della professione.
• Terapie di medicina complementare: se il trattamento è effettuato da un terapista registrato
nel suo elenco, la EGK paga complessivamente
3 metodi. Per ogni metodo vengono corrisposti
CHF 70.– per ogni seduta, per un massimo di
12 sedute per anno civile. La scelta di cure è
­molteplice: dalla tecnica Alexander al massaggio della colonna vertebrale. Tutti i metodi di
cura accettati sono elencati nella panoramica
delle prestazioni.
• Consulenza sulla salute e l’alimentazione: per
ogni anno civile sono disponibili CHF 200.–,
perché è bene sapere come incentivare la pro­pria salute e che tipo di alimentazione fa bene.
• Prestazioni a favore della salute: Vi sosteniamo
con complessivamente CHF 500.– per anno ci­
vile per molte attività di promozione della salute. L’indicazione esatta dei numerosi metodi
che contribuiamo a finanziare la trovate sulla
nostra panoramica delle prestazioni.
• Psicoterapia: vengono pagate 20 sedute a
CHF 60.– e ulteriori 20 sedute a CHF 30.– per
anno civile presso una psicologa diplomata o
uno psicologo diplomato.
PRESTAZIONI STAZIONARIE
L’assicurazione malattia aggiuntiva EGK-SUN
offre un’ottima copertura ospedaliera. A seconda
delle preferenze personali potete assicurarvi in
­base alle seguenti opzioni: reparto comune, semiprivato o privato di un ospedale acuto pubblico
o privato, in base alle liste ospedaliere cantonali.
Un’altra variante interessante è la EGK-SUNFlex, con la quale è possibile aspettare fino al
­momento del ricovero ospedaliero per decidere
in che classe farsi curare. In caso di EGK-SUNFlex l’assicurato assume una quota parte a suo
carico del 15 % fino a un massimo di CHF 6000.–
per anno civile in caso di scelta di un reparto
­semiprivato e del 25 % fino a un massimo di
CHF 8000.– per un reparto privato.
Un particolare vantaggio è che il modello
­EGK-SUN considera sostanzialmente gli ospedali orientati alla medicina complementare che
sono:
• Clinica Aeskulap, Brunnen
• Clinica Ita Wegmann, Arlesheim
• Clinica Lukas, Arlesheim
• Ospedale Paracelsus, Richterswil
• Ospedale regionale Langnau, reparto
di medicina complementare
• Clinica Siloah, Gümligen
I lati buoni della EGK
EGK-SUN-Basic
L’assicurazione malattia aggiuntiva EGKSUN-Basic è disponibile in tre varianti. A seconda
delle vostre esigenze e della situazione personale
potete scegliere tra SUN-Basic A, M o S. Anche
all’interno della stessa famiglia ogni membro
può assicurarsi in modo individuale.
Ad esempio è possibile scegliere per i bambini
e la mamma la versione SUN-Basic A, poiché
comprende le prestazioni più ampie di medicina complementare. Mentre il papà preferisce
assicurarsi solo contro il grave rischio di degenza
ospedaliera e può quindi scegliere il modello
SUN-Basic M con medicina complementare ridotta o il prodotto SUN-Basic S, che copre solo
le spese strettamente ospedaliere. Le seguenti
­prestazioni sono assicurate in tutti e tre i modelli
EGK-SUN-Basic – A, M e S:
• Copertura ospedaliera: potete assicurare la co­
pertura ospedaliera che desiderate, ovvero reparto comune, semiprivato o privato di un
­ospedale acuto pubblico o privato in Svizzera.
Sono inclusi ospedali orientati alla medicina
com­plementare in base all’elenco EGK. La EGK
offre inoltre un prodotto con scelta flessibile
della classe ospedaliera. In caso di degenza
­
­ospedaliera nel reparto comune la EGK copre i
costi senza quota parte a carico dell’assicurato.
Nel reparto semiprivato si ha una quota parte a
carico dell’assicurato del 25 % fino a massimo
CHF 4000.– all’anno, nel reparto privato è del
35 %, fino a massimo CHF 8000.–.
• Libera scelta del medico: la EGK assume i costi
supplementari della libera scelta del medico
in Svizzera, per trattamenti ambulatoriali al di
­fuori del luogo di residenza o di lavoro.
• All’estero: sono integrate importanti prestazioni Assistance come ad esempio il viaggio di
­rientro in Svizzera in caso di malattia. Le spese
per trasporti di emergenza in Svizzera e all’estero sono assicurate fino a CHF 30 000.– per anno
civile. I costi dei trattamenti acuti stazionari
o ambulatoriali all’estero sono coperti per una
durata massima di 60 giorni.
PRESTAZIONI SPECIALI
EGK-SUN-BASIC
Queste prestazioni variano: SUN-Basic A
­comprende la copertura più completa, poi segue
SUN-Basic M. Chi vuole coprire soprattutto il
­rischio ospedaliero sceglie l’assicurazione malattia aggiuntiva SUN-Basic S.
• Medicina complementare (SUN-Basic A, in
parte M): vi viene rimborsato l’80 % dei costi
se vi fate curare da un medico naturopata EGK
r­egistrato, anche per rimedi della medicina
­complementare, se prescritti da un medico o
naturopata riconosciuto. Per terapie ambu­
­
latoriali di medicina complementare presso
­terapisti riconosciuti dalla EKG, nel caso di
SUN-Basic A la EGK partecipa con un importo
di CHF 80.– a seduta, per complessivamente
12 sedute.
• Dopo un soggiorno ospedaliero (SUN-Basic A e S):
la EGK dà un contributo per le cure stazionarie
di balneoterapia e convalescenza.
OFFERTA INTERESSANTE
PER LE FAMIGLIE
Le assicurazioni malattia aggiuntive EGK sono un modello vantaggioso specialmente per le
famiglie. Le prestazioni sono molteplici, ad esempio:
• Per future mamme: prestazioni nella casa del
­parto; la EGK copre le spese di cura e soggiorno
conformemente alla garanzia di copertura dei
costi. Inoltre la EGK paga una quota di massimo CHF 200.– ad esempio per la preparazione
al parto o la consulenza per l’allattamento. In­
oltre, dopo il parto ambulatoriale vengono coperte le spese di aiuto domestico per una certa
quota, per massimo 10 giorni.
• Custodia dei bambini: è un sostegno in caso di
emergenza, poiché in caso di infortunio o ma­
lattia la EKG si assume i costi di massimo 30 ore
di custodia.
• Cure dentali per bambini (SUN-Basic A): la EGK
partecipa per il 60 % ai trattamenti di ortopedia o chirurgia mascellare, complessivamente
per un importo massimo di CHF 6000.– fino al
compimento del 18° anno di età.
LA CONSULENZA È FONDAMENTALE
La panoramica completa delle prestazioni dei
modelli EGK-SUN e EGK-SUN-Basic vi illustra
quello che vi offrono le assicurazioni malattia
­aggiuntive EGK: è disponibile presso la vostra
agenzia EGK o come PDF sul nostro sito web
(www.egk.ch > Prodotti intelligenti > EGKSUN). Per la vasta gamma di possibilità assicu­
rative vi consigliamo anche di rivolgervi al vostro
consulente EGK. Nel corso di un colloquio avrete l’opportunità di illustrare la vostra situazione
personale e di analizzare per quale gamma di
­prestazioni e con quale budget desiderate assi­
curare voi e la vostra famiglia oltre all’assicura­
zione di base.
Testo: Brigitte Müller
11
Sapere
Il mio smartphone sa dove sono
Photographie: iStockphoto, Yunus Arakon
12
E anche l’azienda della mia carta di credito. Il mio fornitore di telefonia mobile registra l’ora e il luogo
delle mie telefonate, alla cassa del supermercato vengono rilevati i prodotti mentre stanno ­an­cora nel
carrello. Dove ci porterà tutto questo? Uno studio di TA-SWISS, il Centro per la valutazione ­delle scelte
tecnologiche, ci informa in merito. È stato ideato in collaborazione con l’Empa.
Un numero sempre crescente di azioni quo­
tidiane rilasciano tracce di dati che informano
su dove siamo e con chi siamo in contatto. Sia che
telefoniamo con il cellulare, accediamo a Internet, veniamo ripresi da una videocamera, carichiamo una foto su una piattaforma Internet,
apriamo una porta con un chip o paghiamo senza
contanti: quasi sempre si generano dei dati che
creano profili di movimento e permettono di
­trarre delle conclusioni sulla nostra situazione
di vita. Oltre alla localizzazione satellitare via
GPS, oggi esistono più di una dozzina di tecno­
logie che consentono indirettamente la localiz­
zazione di persone. Con la loro diffusione au­
mentano sia le chance che i rischi per la società.
Chi e in quali condizioni può rilevare, memorizzare, elaborare, inoltrare o cancellare i dati di
localizzazione? Quali misure possono prendere i
cittadini, le aziende e i legislatori per prevenirne
l’abuso? Con lo studio interdisciplinare «Loka­
lisiert und identifiziert. Wie Ortungstechnologien unser Leben verändern» (Localizzato e
identifi­cato. Come le tecnologie di localizzazione
cambiano la nostra vita) TA-SWISS intende
­sensibilizzare su questa problematica l’opinione
pubblica, la politica e l’amministrazione.
Chi mi vede esattamente?
Lorenz Hilty del reparto Empa «Tecnologia e
società» ha lavorato come direttore del progetto
alla realizzazione dello studio. Alla presentazione
dello studio a Berna, Hilty ha informato sulle
­potenzialità delle diverse tecnologie di controllo
con cui abbiamo a che fare. Un ricevitore GPS, ad
es. quello di uno smartphone, rileva la posizione
dell’utente con una precisione di circa 10 metri,
mentre la rete mobile GSM raggiunge una pre­
cisione fino a ca. 100 metri. Chi connette un com-
puter via Wireless LAN viene rilevato con una
precisione di un metro, mentre un accesso a In­
ternet via rete fissa fornisce dati fino alla via e al
numero civico dell’utente. Più delicata è invece
la lettura di chip RFID dai carrelli del supermercato: funziona solo nelle immediate vicinanze,
ovvero nello stretto passaggio accanto alla cassa
del supermercato.
Siamo sempre più dipendenti
Nella sua conferenza, Hilty ha messo in guardia sulla crescente dipendenza dalle tecniche di
localizzazione. Sempre più apparecchi diventano
«intelligenti» e forniscono prestazioni basate
sulla comunicazione della posizione geografica.
Ma questa funzione si può disattivare sempre
più raramente; e se è disattivabile, si deve rinunciare ad alcune funzioni comode. I dati da queste
misurazioni vengono spesso elaborati all’estero,
quindi al di fuori del controllo della persona sorvegliata.
TA-SWISS chiede ai politici di
prendere provvedimenti
Lo studio di TA-SWISS propone una serie di
misure per la tutela della privacy:
• impegno politico per migliori standard di pro­
tezione dei dati in ambito internazionale
• prodotti software certificati e trasparenti con
protezione dei dati come caratteristica di qualità
• limite di conservazione dei dati di localizzazione stabilito dalla legge
• manifestazioni informative, in particolare per i
giovani, per chiarire le possibilità e i rischi dei
profili di movimento in aumento
Fonte: ch-forschung.ch
Personale
12
13
domande a …
1. Cosa fa per la Sua salute?
Cerco di nutrirmi in modo sano, mangio frutta e faccio attenzione ad essere sempre ben coperta.
Sarah -Jane
2. E cosa non farebbe mai per la Sua salute?
Non mi farei mai il bendaggio gastrico.
3. In quale rimedio casalingo crede ciecamente?
Nello Schwedentrunk. Come disinfettante per i tagli o come lassativo: un
goccio e tutto torna in «movimento».
4. Completi questa frase: un’influenza sta per arrivare e io …
… bevo molto tè per dilavare completamente il mio corpo.
5. Da bambina cosa doveva mangiare perché era «sano»?
Dovevo assaggiare tutto, ma non mi costringevano a mangiare quello che
non mi piaceva. Già da piccola non potevo soffrire il formaggio e oggi è
­ancora così.
6. A quale «vizio» non potrebbe rinunciare?
Ai dolci! Ogni tanto mi piace mangiare un «orsetto gommoso» o un «biscottino» di cioccolato.
È giovane, esotica, ha una voce naturale potente e
ama le canzoni popolari di successo.
Dopo la strabiliante vittoria alla selezione svizzera,
il pubblico assegnò il 2° posto a Sarah-Jane alla
finale internazionale del «Grandprix der Volks­
musik» (Gran Premio della Musica Popolare) 2005.
Sarah-Jane è nata il 26 settembre 1985 in India.
Oggi vive con la madre adottiva Käthy e il patrigno
Walter nell’Oberbaselbiet.
Il 25 aprile 2009 Sarah-Jane ha ottenuto nuovamente il 2° posto alla finale nazionale del Grandprix der Volksmusik e ha potuto rappresentare la
Svizzera alla finale di Monaco di Baviera. Il suo
ultimo album si intitola «Stimmungsvoll».
7. Qual è la sua piccola consolazione quando è ammalata?
Mi metto a letto e guardo DVD comici mentre mi faccio consolare dal mio
cagnolino Alfy. Si appiccica a me e mi trasmette il suo calore.
8. Quali propositi per la salute si era prefissa e non ha rispettato?
Ahi! Ho smesso di fare propositi perché non riesco a mantenerli e mi assale
una grande frustrazione, quindi in generale non mi prefiggo più nulla.
9. Deve andare al 5° piano e l’ascensore non funziona. Pensa di essere in forma per affrontare le scale?
Posso salire a piedi fino al 5° piano senza problemi. Ma solo se non devo
fare lo sprint finale. Abito al 2° piano senza ascensore e sono abituata a fare
su e giù dalle scale più volte al giorno. Poiché devo portare fuori il cane ogni
giorno e di recente vado a lezione di zumba, per me non è un problema.
Prendo l’ascensore solo di rado.
10. Come scaccia la «canaglia interiore»?
Promettendomi una ricompensa.
11. Ha una soffiata da farci per quando la vita è particolarmente stressata?
Fare un bel respiro profondo e essere felici di essere ancora in vita.
12. La gerontologia sta facendo grandi progressi.
Come festeggerà il suo 100° compleanno?
Invito tutti i miei «vecchi» amici a un buon pranzo. Ma fino ad allora mancano ancora 73 anni,
io vivo adesso e mi godo ogni giorno.
In questa rubrica ogni mese personalità dal mondo
della politica, della cultura, dello spettacolo o dello
sport rispondono alle nostre 12 (non sempre seris­
sime) domande sul tema della salute.
14
Per star bene
Voglia di viaggiare
Il centro della Svizzera e del
cantone di Obvaldo
Un tempo era una palude, oggi è uno spazio
allestito per l’economia
alpestre e il turismo:
l’alpe di Älggi.
Quando nel linguaggio esoterico si parla di ricerca del centro si intende l’aspirazione a un senso di calma e di equilibrio. Il «giusto mezzo» da parte sua realizza
il compromesso tra due estremi. Qualsiasi desiderio di armonia anela a trovare un
centro, in cui tutte le forze siano in equilibrio. Questo accade anche in un paese
­come la Svizzera. È stato complicato definire il centro di una struttura così informe. Il punto centrale si trova nel cantone tipicamente svizzero di Obvaldo, ma non
esattamente al suo centro.
Se osserviamo i confini svizzeri su una carta
geografica, il nostro paese ha la forma di un ovale
irregolare sfrangiato lungo tutto il margine, come
se qualcuno avesse strappato i contorni di un
­pezzo di carta di fibra grezza. Come si trova il
centro geografico di questo poligono irregolare?
DI WALTER HESS
Foto: Walter Hess
Ecco la ricetta: si incolla una grande carta
g­ eografica della Svizzera su un cartone piano e si
ritaglia con esattezza lungo i margini. Dopo averla ritagliata con le forbici, si appoggia questa
­Svizzera di cartone su un ago verticale, facendo
in modo che tutti i suoi lati siano in equilibrio.
In quel caso l’ago indica per così dire il centro
ponderato, anche se non tiene in considerazione
il peso delle montagne … Per l’esattezza, questo
punto si trova al di sopra della parete rocciosa di
Chli-Älggi, sopra a Sachseln, nel cantone di
Obvaldo (coordinate: 660 158/183 641). E poiché
i topografi, per motivi di prevenzione degli in­
fortuni, vogliono impedire che tutti i turisti alla
ricerca del punto centrale finiscano in pericolo
di vita rischiando di precipitare mentre si ar­
rampicano in preda a un’euforia patriottica, gli
esperti di Swisstopo spostarono senza esitare il
centro di 500 m in direzione sudest; tutto questo
avvenne nel 1988, quando la topografia nazionale svizzera compiva 150 anni.
VIAGGIO VERSO IL CENTRO
Da Sachseln all’alpe di Älggi le segnalazioni
gialle dei sentieri per escursionisti indicano un
tempo di percorrenza di 3 ore e 50 minuti. Solo
poche persone affrontano questa fatica. È più
­comodo utilizzare inizialmente gli ausili della
­moderna tecnica e risparmiare le forze fisiche
per un’escursione montana che inizia più in alto.
La salita ben segnalata, che parte da Sachseln
alta, è di 11 km e richiede a chi guida la macchina una concentrazione totale. La strada di
Voglia di viaggiare
montagna in parte è molto stretta e in ogni caso è
percorribile solo su una corsia, ma presenta di­
versi slarghi. Nelle curve, talvolta situate in punti
particolarmente ripidi, è impossibile prevedere
che direzione prenderà la strada. Mentre salivo,
la mattina dell’1.08.2011, combattevo anche con
la luce che mutava rapidamente, con le ombre e
gli abbaglianti raggi di sole che provocavano
­bruschi cambiamenti di luminosità.
SULL’ALPE
Finalmente, a circa 1650 metri di altezza, in­
corniciata da rocce a ovest e a sud e in altri punti
da alture, sotto uno splendido cielo azzurro si
apre, con tutti i suoi attributi, un’alpe un tempo
paludosa: un giardino montano con ruscelli,
­malghe, pascoli, occasioni di rifornirsi di for­
maggio alpino, una cappella e dove, più in alto,
situato sull’altopiano Sachsler Seefeld, si trova un
piccolo lago. In questo luogo di pellegrinaggio di
importanza nazionale c’è anche un ristorante
­dove, con coerenza di stile, «Ghackets mit Hörnli» (cornetti con carne macinata) e «Apfelmus»
(mousse di mele) sono serviti in gavette militari
originali, per completare il senso di patriottismo.
L’impressione di volontà alla resistenza, forza e
purezza aumenta.
Su questo centro della Svizzera leggermente
spostato è stata posta una lapide commemorativa. Una piramide di triangolazione, dalla quale si
possono leggere i punti cardinali, le fa da tetto e
da demarcazione, oltre che da punto di riferi­
mento. Tutto intorno alla lapide e alla piramide,
il «Steinmandli-Klub Sachseln», che si occupa
­anche di sentieri da escursionismo ed è costituito
da benefattori vivi e vegeti, ha costruito un muro
in pietre naturali alto 60 cm, che riproduce la
forma della Svizzera in maniera leggermente
­
astratta. Quando, pieno di devozione, mi trovai
presso questo santuario nazionale, un gruppo di
soldati svizzeri in uniforme da combattimento
arrivò per scattare alcune foto. Mentre alcune
nuvole nebbiose circondavano la parete del
­
Bocki e l’Heitlistock uno dei soldati disse scher­
zosamente che essi erano gli ultimi esemplari­
della loro specie. Avrebbero continuato a difen­
dere il paese con le sue Alpi, in caso di necessità
ricorrendo anche ai forconi da fieno.
Su una viuzza di montagna percorsi un disli­
vello di circa 200 metri fino all’altopiano Sachsler Seefeld che merita il suo nome di «altopiano
dei laghi». Qui corre il limite della vegetazione
arborea e il paesaggio ricorda un po’ la vicina foresta di Bödmeren, con le sue magnifiche pietre
calcaree plasmate dalle intemperie, le cui scana­
lature, chiamate anche «calanchi», donano loro
una ricchezza di forme in confronto alle quali le
sculture create dall’uomo appaiono banali.
Anche la flora, che si trovava nel momento
del suo massimo splendore, rappresentando lo
stato attuale della Svizzera, era impressionante.
Peloselle e Campanule erano in splendida forma.
Le Carline, con le loro corolle rotonde spalancate
e lo sguardo rivolto verso l’alto, brillavano. Per le
Genziane gialle il momento di fioritura era già
passato e, ormai marroncine, stavano fiacche sui
ripidi pendii. Una Genziana dalla peluria rigida
si accontentava di un forellino rotondo all’interno di una pietra che facilitava il cammino. Avrei
chiesto volentieri un po’ di latte ad alcune caprette di montagna color camoscio, con le mammelle
gonfie, spruzzandomelo direttamente in bocca.
Invece di questo mi saziai guardando il panorama: le cime di Brünighaupt, Hochstollen e Seefeldstock appartengono all’impressionante sce­
nario dietro al quale si nasconde Melchsee-Frutt.
«Dove sono IO, è sempre il centro», disse il
contadino e malgaro Werner von Moos (65), che
sedeva sulla panchina davanti alla sua malga
(«Hittä») sull’alpe di Älggi. Proprio accanto a
Pronti alla difesa nazionale: soldati
svizzeri al centro del paese.
Sempre al centro:
­Werner von Moos, un
tipico malgaro.
Confine nazionale ridisegnato con pietre naturali: ragazza svizzera.
15
16
Per star bene
Voglia di viaggiare
lui, dietro all’ingresso della stalla con la metà
­superiore dell’anta della porta aperta, un manzo
osservava la scena con interesse. Il cane del mal­
garo dell’Appenzello, incrociato con un rottweiler, mi annusò e la mia presenza non lo infastidì
per nulla, proprio come non infastidiva il suo
­padrone valoroso, robusto, e resistente alle in­
temperie, in camicia a quadri e pantaloni di una
stoffa verde-marrone, resistente, robusta, ingri­
gita, mantenuti in posizione dalle bretelle. Era
leggermente raffreddato, disse il signor von
Moos dopo un attacco di tosse espettorante. Nella
malga costruita nel 1958, che recava la scritta
«Abgschütz», con le sue tavole di legno segnate
dalle intemperie, c’era un po’ di corrente, disse,
schiarendosi la voce. Lui dorme al piano sopra
la stalla delle mucche, che riscalda. Su quest’alpe
fa un po’ più freddo («en Tschope chälter») che
giù nella valle. Significa che qui su si deve indossare una giacca in più.
Poi volevo chiarire ancora la questione della
formulazione di essere «sempre al centro». Inizialmente mi pareva che fosse come quando, intorno a un tavolo da gioco, qualcuno dice: «Vinco sempre io». Non intendevo questo. Perché la
malga di Werner von Moos dista solo poche centinaia di metri dal centro del semicantone di
Obvaldo – e il contadino circola dunque, nel corso dell’anno, da centro a centro.
Il centro del cantone
di Obvaldo con vista sul
lago di Sarner: punto
panoramico al margine
del bosco.
VERSO IL CENTRO DEL CANTONE
DI OBVALDO
Lui mi descrisse come trovare il centro del
­semicantone partendo da Sachseln: al segnale che
indica il sentiero Flüeli-Ranft si va a destra anzi-
ché a sinistra e poi a Sachseln alta (Steinen) si sale
per la Gloterstrasse e si prosegue fino all’ingresso
del bosco, dove la strada finisce al punto 857.
­Decisi di fare questa puntata. Se nella stessa giornata avevo l’occasione di raggiungere due centri
dovevo cogliere questa occasione, pensai. E trovai
subito questo centro minore.
Il posto era ampio e proprio accanto alla
­struttura in ferro con ruggine ornamentale c’era
una tenda di plastica quadrata con la scritta
­punzonata «Mittelpunkt Obwalden» (centro di
Obvaldo). Una targa informa che questo punto è
stato determinato nel corso della misurazione
­ufficiale (AV93) del cantone di Obvaldo (coor­
dinate: 661 442/189 581). Il 16.10.2009 fu conc­lusa l’opera di misurazione ponendo la pietra
­miliare sotto forma di parete in ferro con scritte.
La vista dal centro del cantone di Obvaldo è
grandiosa – è quasi sospetto che il centro si trovi
proprio in un punto con un panorama tanto
­magnifico, anche se questo bel paesaggio con il
lago di Sarner si può ammirare come merita già
durante il percorso o la passeggiata in direzione
dell’Arnigrat, dietro a cui si collega la valle di
Melchtal.
Il famoso poeta svizzero Heinrich Federer
­trascorse la sua giovinezza dal 1870 al 1888 a
­Sachseln e più tardi la descrisse in modo eccel­lente in «Uomini e montagne» (romanzo del
1911). Scrittori e pittori trovano motivi e ispirazioni in grande quantità. Il giorno della mia gita
tutto era incorniciato da un piacevole paesaggio
di colline e montagne, sotto il morbido blu del
cielo della Svizzera centrale – proprio là dove ebbe
inizio la storia del successo del nostro paese.
CONSIGLI
Come arrivare all’alpe di Älggi
Circa dalla sua metà, la strada di montagna che
porta da Sachseln all’alpe di Älggi la domenica e i
giorni festivi può essere percorsa a direzioni alternate. Le salite a monte sono possibili solo alle ore
pari (ad es. alle ore 8.00, 10.00, 12.00, 14.00, 16.00),
le discese a valle alle ore dispari (alle ore 9.00,
11.00, 13.00, 15.00, 17.00).
Albergo Berggasthaus Älggialp
Casella postale 201
6072 Sachseln/OW
Tel. 041 675 13 62
Internet
• www.aelggialp.ch
• www.sachseln.ch
Escursione Gesundheit
consigliata
17
w
Intorno al
lago Schwarzsee
La regione turistica intorno al lago Schwarzsee (Lago Nero),
nelle Prealpi Friburghesi orientali, è nota per essere un’area
incontaminata e offrire scenari naturali romantici, come
­quello dello scuro Lago Nero e della gola di Brecca, una valle
alpina formatasi per l’erosione dei ghiacciai.
Secondo la leggenda il lago Schwarzsee è tanto
s­ curo da quando un gigante si è lavato i piedi nelle
sue acque. In realtà il lago montano risplende di
­diverse tonalità, che arrivano al blu turchese, a se­
conda dell’incidenza della luce. I poderi, gli alberghi
e le abitazioni sparsi per un ampio raggio tutto in­
torno al lago, formano la località turistica del lago
Schwarzsee, la porta della regione di Schwarzsee,
­particolarmente adatta alle famiglie. L’offerta estiva
va dai bagni nelle acque sulfuree del lago Schwarzsee, che arrivano a temperature di 22 gradi, fino a
lunghe escursioni, ad esempio alla gola di Brecca,
­patria di tantissimi esemplari di flora e fauna alpina.
Il vivo delle tradizioni si trova nelle baite alpine
più originarie, in cui si servono le specialità locali.
Nel paesaggio di origine carsica della gola di Brecca,
gli escursionisti sperimentano da vicino la forza della
natura e forse riescono addirittura ad avvistare marmotte, camosci o aquile reali che compiono i loro
voli. Dal 1996 questo paradiso naturalistico è entrato
a far parte dell’inventario federale dei paesaggi, siti
e monumenti naturali d’importanza nazionale (IFP).
È possibile vivere con intensità questo paesaggio
­primigenio nel corso di escursioni di due giorni che
includono il pernottamento in una malga alpina.
Una seggiovia consente di accedere alla regione
di Riggisalp/Kaiseregg (2185 m), punto di partenza
di escursioni montane ricche di emozioni. Una rete
di sentieri di oltre 200 km attende gli escursionisti.
L’amato sentiero da compiere a piedi corre intorno
al lago per 4 km. Il soggiorno è ulteriormente allie­tato da possibilità di balneazione, gite in barca a remi,
pesca all’amo nel lago e nel fiumicello Sense, nonché
campi di minigolf. Per chi ama la mountain bike ci
sono ben 180 km di itinerari segnalati. Sul percorso
per mountain bike presso Plaffeien, arricchito da
Informazioni
In macchina
Passando da Düdingen: autostrada A12 (BernaFriburgo) – uscita Düdingen – direzione Tafers-­
Alterswil-Plaffeien
Passando da Friburgo: autostrada A12 (Berna-­
Friburgo) – uscita Friburgo nord – direzione
Marly-Tentlingen-Plaffeien
In treno: In treno fino a Friburgo, da qui con l’autobus tpf in direzione Schwarzsee/Lago Nero
Ufficio turistico di Schwarzsee
Hauptstrasse 522, 1716 Schwarzsee
Tel. +41 (0)26 412 13 13
Fax +41 (0)26 412 13 39
[email protected]
14 ostacoli artificiali, i più instancabili possono
mettere alla prova il loro senso dell’equilibrio.
IL BRIVIDO DELLA PISTA MONSTER-TROTTI
SULLA RIGGISALP
Per variare, anziché usare la seggiovia, scendete dalla Riggisalp al lago Schwarzsee con i monopattini fuoristrada Monster-Trotti. Godetevi
questa discesa di circa 25 minuti su un percorso
di 4 km (su strada ghiaiosa). Non importa se andate a velocità tranquilla o sostenuta – la discesa
per monopattini offre un ricco panorama, pas­
sando da prati alpini, con una vista meravigliosa
sulle montagne circostanti e sull’idilliaco lago di
montagna.
18
Per star bene
Intervista
era una persona fidata, con la quale si intratteneva un rapporto amichevole.
E oggi?
Quello che sicuramente ha danneggiato questa
professione sono stati i numerosi scandali: la
BSE, tantissime malattie aviarie, i metodi di allevamento e di trasporto del bestiame indegni.
Spesso i macellai risentono ingiustamente delle
reazioni a questi fenomeni. Essi sono l’ultimo
anello di una lunga catena. A prescindere da questo, si è anche persa l’occasione di rinnovare e
migliorare l’immagine di questa professione.
Allora sarà difficile anche trovare degli appren­
disti?
Cerchiamo chi si diploma con una buona media
perché vogliamo far progredire la professione.
Ma proprio queste persone oggi si interessano
­soprattutto di elettronica, informatica o di una
formazione commerciale. Attualmente abbiamo
727 contratti di apprendistato in corso, ma per
coprire tutti i posti ne servirebbero circa mille.
«Per me una vita
senza carne sarebbe
­impensabile»
Jules Christen era macellaio per passione. Anche ora
che è in pensione, il sessantanovenne presidente
dell’associazione «Freunde der Metzgerschaft» (amici
della macelleria) combatte in prima linea a favore
della buona immagine di questa professione.
Foto: Andrea Vesti,
Verein Freunde der Metzgerschaft
Signor Christen, cinquant’anni fa Lei ha deciso
di intraprendere la professione di macellaio. Per
lungo tempo ha svolto un’attività stimata e ri­
spettabile. Com’è oggi la fama del macellaio-­
salumiere?
Naturalmente la professione continua a essere
riconosciuta, ma l’immagine è cambiata. Un
­
­tempo in quasi tutte le località esisteva una ma­
celleria; i centri commerciali non si conoscevano
ancora. Il macellaio di paese per molti abitanti
I giovani d’oggi vogliono davvero diventare ma­
cellai per convinzione?
Sicuramente molti sono felici soprattutto di
avere un posto di apprendista, ma questo accade
anche nelle altre professioni. Purtroppo dopo
aver su­perato l’esame il salario base è piuttosto
basso; con appena 4000 franchi ci si gestisce a
­fatica. Tuttavia le possibilità di carriera sono
­molto buone, se si vuole si può ottenere abbastanza. Dopo un esame di qualifica professionale e
diverse specializzazioni sono diventato direttore
marketing nel settore carni. Sono orgoglioso del
mio reddito e anche di aver scelto questa professione. Lo rifarei.
Il numero di vegetariani aumenta. Le riviste
­pubblicano articoli su argomenti come «In futuro
la carne farà solo da contorno» oppure «Cucinare
senza carne». Lei avverte questa tendenza alla
­cucina senza carne?
No, per fortuna no. L’anno scorso il consumo di
carne in Svizzera ha subito addirittura un leggero aumento.
Incredibile. Da quando vengono spietatamente
informati sull’allevamento di massa, molti con­
sumatori cambiano opinione sul loro consumo di
carne. Anche tra macellai si parla di questa nuova consapevolezza?
Certamente. Se un imprenditore chiude gli occhi
di fronte a questa realtà non considera un fat­tore essenziale. Negli ultimi anni il nuovo senso
di responsabilità è aumentato notevolmente, sia
da parte dei consumatori che dei produttori.
Intervista
19
Nonostante la competizione, non manca l’intrattenimento; momenti
del campionato svizzero
di disossaggio.
Ma l’allevamento di massa esiste ancora, anche
in Svizzera.
In confronto ai paesi vicini il nostro allevamento di massa è esiguo. Abbiamo aziende con
2500 p
­ olli, mentre in Germania di regola tengono 30 000 esemplari. Ma sicuramente esistono
ancora aziende che non allevano i loro animali in
modo adeguato alla specie. E questo non accade
nemmeno a causa della richiesta di carne a buon
mercato. La maggior parte delle volte i proprie­tari non ce la fanno più, perché nessuno vuole
prendere in mano l’azienda o perché qualcuno
della famiglia viene a mancare. Così trascurano il
lavoro. Da anni è obbligatorio che ogni macello
abbia un suo veterinario, che deve visitare il bestiame prima della macellazione.
Secondo l’Unione Professionale Svizzera della
Carne (UPSC) in media chiude una macelleria
­alla settimana. Il futuro dei macellai è nero?
Nera è soprattutto la situazione dei lavoratori
­autonomi. Nell’ambito delle PMI abbiamo un
­notevole invecchiamento dei proprietari dei negozi; se i loro discendenti non vogliono assumere
la gestione dell’esercizio essi sono perlopiù costretti a chiuderlo o a venderlo – oppure viene
rilevato da altri. Ma la produzione non è in calo.
Dieci anni fa Lei ha avuto l’idea di fondare un’as­
sociazione di macellai. Cosa voleva ottenere?
Ho sempre avvertito l’esigenza di fare qualcosa
di positivo per la nostra professione, anche dopo
il mio pensionamento. In tre abbiamo riflettuto
sulle possibili attività per incentivare la solidarietà
reciproca, ma anche le tradizioni. Pensavamo a
Che tipo di carne mangia?
Deve provenire dalla Svizzera, possibilmente­ una gara pacifica tra professionisti del settore,
dalla mia regione. Io e mia moglie diamo peso condotta nell’ambito di una manifestazione fe­
alla buona qualità. Mangiamo carne più volte al stosa. Così è nato il campionato svizzero di disossaggio «Schweizer Meisterschaft im Ausbeinen».
giorno, scegliendo preferibilmente il cibo locale.
L’associazione amici della macelleria «Freunde
der Metzgerschaft» l’abbiamo fondata quattro
­anni dopo.
Jules Christen, classe 1944, ha lavorato per 37 anni
presso il consorzio di un grosso distributore della
regione di Lucerna e nel 1996, con il marchio regionale «Fleisch aus der Zentralschweiz» (carne della
Svizzera centrale), ha gettato le basi del marchio
«Aus der Region, für die Region» (prodotti della
tua regione). Continua a lavorare come volontario
nel settore carni e in due imprese svolge la fun­zione di consigliere amministrativo. Vive con la
moglie nel cantone di Uri.
L’associazione «Freunde der Metzgerschaft» (amici della macelleria) oggi conta circa 500 membri.
Tra le altre cose organizza il campionato svizzero
di disossaggio «Schweizer Meisterschaft im Aus­
beinen», che quest’anno si terrà nella sua 10a
­edizione (l’8 settembre a Benden, nel Principato
del Liechtenstein). Iscrizione e informazioni su
www.verein-fdm.ch.
Per informazioni sulla formazione professionale
da macellaio-salumiere AFC e su altre specializ­
zazioni vedi www.metzgerei.ch.
La gara consiste nel disossare diverse spalle di
­maiale, facendo un lavoro rapido e pulito. Un col­
po propagandistico per il pubblico?
Sì, volevamo richiamare l’attenzione della popolazione. E ci siamo riusciti: la televisione svizzera
ha già parlato due volte dei nostri campionati e
ogni anno arrivano diverse emittenti regionali. In
questo modo richiamiamo soprattutto i giovani.
Oltre a festeggiare, in futuro si scambieranno an­
che biglietti da visita?
Naturalmente cureremo anche i rapporti di affari
e stringeremo nuovi contatti. L’anno scorso hanno visitato il nostro tendone circa 1200 persone.
Sono rappresentate tutte le grandi aziende e un
buon imprenditore sfrutta questa giornata per i
suoi affari.
Intervista: Andrea Vesti
20
Pagina dei bambini
Disegno nascosto
Per star bene
L’angolo del furbacchione
QUANTO È LUNGA LA
MURAGLIA CINESE?
I cinesi la chiamano «Wan Li Chang
Cheng», che significa «muro lungo 10 000
Li». Un Li corrisponde a 500 metri, quindi
sarebbero 5000 chilometri. Ma la muraglia
cinese è lunga ben 6700 chilometri. Fu co­
struita come difesa contro gli attacchi delle po­
polazioni nemiche a cavallo e fungeva da strada
collocata più in alto. Sulla muraglia larga
da quattro a sei metri, i soldati cinesi
­potevano spostarsi molto più velocemente, addirittura a cavallo, rispetto al
terreno circostante più impervio.
Qual è l’animale da scoprire? Unisci i puntini da
1 a 35.
Labirinto
Aiuta il toro a uscire dal labirinto.
LE EFFIMERE VIVONO DAVVERO
SOLO UN GIORNO?
Alcune specie vivono solo poche ore, altre alcuni giorni. In
quel breve periodo non possono nemmeno mangiare perché
hanno la mandibola atrofizzata. Dopo aver vissuto da uno a
quattro anni nell’acqua come larve, sgusciano, si accoppiano,
depongono le uova e muoiono. Prima dell’accoppiamento le
effimere si vedono «danzare» con leggiadria. Salgono nell’aria
per metri, quindi scendono nuovamente verso il basso, utilizzando i filamenti della coda come freni.
COME SI POSSONO
RENDERE VISIBILI LE
IMPRONTE DIGITALI?
I nostri polpastrelli hanno
delle sottilissime scanalature
che secernono sempre un po’
di sudore. Quando tocchiamo
oggetti lisci come ad es. il vetro o la maniglia di una porta,
lasciamo le impronte. Per renderle visibili, si spennella sul
­posto polvere di grafite con un pennello morbido. La fine polvere nera si
deposita nelle scanalature dell’impronta digitale. Se si
preme un pezzo di nastro adesivo in quel punto, le im­
pronte digitali diventano ben visibili.

Documenti analoghi