Guida utente del controller HP Smart Array P430

Commenti

Transcript

Guida utente del controller HP Smart Array P430
Guida utente del controller HP Smart
Array P430
Contenuto
Questa guida include informazioni
sull'installazione, la configurazione e il
funzionamento dei controller HP Smart Array ed
è destinata a tutti coloro a cui è affidato il compito
di installare, amministrare e curare la
manutenzione dei server e dei sistemi di
memorizzazione. L'installazione deve essere
eseguita da personale qualificato in servizi di
supporto ad apparecchiature informatiche e in
grado di riconoscere i pericoli connessi all'utilizzo
di prodotti che possono generare potenziali
elettrici pericolosi.
© Copyright 2013 Hewlett-Packard
Development Company, L.P.
Le informazioni contenute in questo
documento sono soggette a modifiche
senza preavviso. Le uniche garanzie
relative a prodotti e servizi HP sono definite
nelle dichiarazioni esplicite di garanzia che
accompagnano tali prodotti e servizi. Niente
di quanto dichiarato nel presente
documento potrà essere considerato come
garanzia aggiuntiva. HP declina ogni
responsabilità per eventuali omissioni ed
errori tecnici o editoriali contenuti nel
presente documento.
Numero di parte: 742340-061a
Settembre 2013
Edizione: 1
Microsoft®, Windows® e Windows Server®
sono marchi registrati negli Stati Uniti di
Microsoft Corporation.
Sommario
1 Identificazione dei componenti ..................................................................................................................... 1
Componenti del controller .................................................................................................................... 1
LED del controller ................................................................................................................................. 1
LED del modulo FBWC ........................................................................................................................ 2
2 Specifiche ........................................................................................................................................................ 5
Convenzioni per la capacità di memoria e memorizzazione ................................................................ 5
Convenzioni RAID ................................................................................................................................ 5
Caratteristiche del controller ................................................................................................................. 6
Funzionalità di base ............................................................................................................. 6
HP SmartCache ................................................................................................................... 6
Server supportati .................................................................................................................................. 6
Specifiche del controller ....................................................................................................................... 6
3 Installazione e configurazione ....................................................................................................................... 8
Procedure per i controller in un server ................................................................................................. 8
Installazione di un controller stand-up in un server non configurato .................................... 8
Installazione di un controller stand-up in un server configurato in precedenza ................... 9
Installazione della scheda del controller ............................................................................ 10
Collegamento di dispositivi di memorizzazione interni ...................................................... 10
Numeri di parte dei cavi ..................................................................................................... 11
Strumenti di configurazione ................................................................................................................ 12
HP Smart Storage Administrator ....................................................................................... 12
ROM-Based Setup Utility (Utility di configurazione basata su ROM) ................................ 12
Procedure di configurazione ............................................................................................................... 13
Impostazione di un controller come controller di avvio ...................................................... 13
Impostazione dell’ordine del controller .............................................................................. 13
Configurazione di un array ................................................................................................. 13
Strumenti di manutenzione del sistema ............................................................................................. 14
Aggiornamento del firmware .............................................................................................. 14
Installazione dei driver del dispositivo ............................................................................... 14
Installazione dei sistemi operativi Microsoft Windows Server 2008/2008 R2
e Microsoft Windows Server 2012 .................................................................... 14
Installazione degli agenti di gestione ................................................................................. 15
Strumenti di diagnostica ..................................................................................................................... 15
ITWW
iii
4 Procedure per le unità .................................................................................................................................. 16
Identificazione dello stato di un HP SmartDrive ................................................................................. 16
Riconoscimento del guasto dell'unità ................................................................................................. 17
Effetti di un guasto dell'unità disco rigido sulle unità logiche ............................................. 18
Compromissione della tolleranza agli errori ....................................................................... 18
Recupero da tolleranza agli errori compromessa .............................................................. 18
Sostituzione di unità ........................................................................................................................... 19
Prima di sostituire le unità .................................................................................................. 19
Ripristino automatico dei dati (ricostruzione) ..................................................................... 20
Tempo necessario per la ricostruzione ............................................................. 20
Interruzione anormale di una ricostruzione ....................................................... 21
Aggiornamento della capacità delle unità .......................................................................... 22
Spostamento di unità e array ............................................................................................................. 23
Aggiunta di unità ................................................................................................................................. 24
5 Scariche elettrostatiche ............................................................................................................................... 26
Prevenzione delle scariche elettrostatiche ......................................................................................... 26
Metodi di messa a terra per prevenire scariche elettrostatiche .......................................................... 26
6 Informazioni sulle norme vigenti ................................................................................................................. 27
Sicurezza e conformità alle normative ............................................................................................... 27
Dichiarazione sul contenuto di materiale RoHS per la Turchia .......................................................... 27
Dichiarazione sul contenuto di materiale RoHS per l'Ucraina ............................................................ 27
Informazioni sulla garanzia ................................................................................................................. 27
Interferenza delle comunicazioni ........................................................................................................ 27
7 Assistenza e altre risorse ............................................................................................................................. 29
Prima di contattare HP ....................................................................................................................... 29
Come contattare HP ........................................................................................................................... 29
Riparazione da parte del cliente ......................................................................................................... 29
8 Acronimi e abbreviazioni ............................................................................................................................. 31
9 Commenti sulla documentazione ................................................................................................................ 32
Indice analitico .................................................................................................................................................. 33
iv
ITWW
1
Identificazione dei componenti
Componenti del controller
Per facilitare la configurazione di cablaggio e la risoluzione dei problemi, i nomi dei connettori sono
serigrafati sul controller.
Per informazioni sulla posizione e sullo stato dei LED, vedere LED del controller (LED del controller
a pagina 1).
Elemento
Descrizione
1
Modulo della cache
2
Connettore cavo gruppo condensatore
3
Connettore SAS interno
LED del controller
Subito dopo l'accensione del server, i LED di funzionamento del controller si accendono brevemente
con uno schema predeterminato, come parte della sequenza POST. In tutti gli altri momenti durante
l'utilizzo del server, lo schema di accensione dei LED di funzionamento indica lo stato del controller.
ITWW
Componenti del controller
1
Elemento
Colore
Nome
Interpretazione
1
Verde
Condizione
Quando le condizioni del
controller sono ottimali,
questo LED lampeggia a
1 Hz. Durante l'accensione,
questo LED è fisso per
2 secondi circa.
2
Ambra
Guasto
Quando si verifica un errore,
questo LED è acceso.
Durante l'accensione, questo
LED è fisso per 2 secondi
circa.
3
Verde
Riservato
—
4
Verde
Riservato
—
5
Ambra
Debug
Acceso = Controller in stato
reimpostazione.
Spento = Controller in stato
inattivo o runtime.
Lampeggiante a 5 Hz =
Controller e cache in fase di
backup.
LED del modulo FBWC
Il modulo FBWC presenta tre LED a singolo colore (uno ambra e due verdi). Gli stessi LED sono
anche presenti sul lato posteriore del modulo della cache per facilitare la visualizzazione dello stato.
2
Capitolo 1 Identificazione dei componenti
ITWW
ITWW
1 - Ambra
2 - Verde
3 - Verde
Interpretazione
Spento
Spento
Spento
Il modulo della cache non è
alimentato.
Spento
Lampeggiante una volta ogni
due secondi
Lampeggiante una volta ogni
due secondi
Il microcontroller della cache
è in esecuzione dal
caricatore di avvio e sta
ricevendo nuovi codici di
aggiornamento dal controller
dell'host.
Spento
Lampeggiante una volta al
secondo
Lampeggiante una volta al
secondo
Il modulo della cache si sta
accendendo e il gruppo
condensatore è in fase di
ricarica.
Spento
Spento
Lampeggiante una volta al
secondo
Il modulo della cache è
inattivo e il gruppo
condensatore è in fase di
ricarica.
Spento
Spento
Attivo
Il modulo della cache è
inattivo e il gruppo
condensatore è carico.
Spento
Attivo
Attivo
Il modulo della cache è
inattivo, il gruppo
condensatore è carico e la
cache contiene dati non
ancora scritti nelle unità.
Spento
Lampeggiante una volta al
secondo
Spento
È in corso un backup del
contenuto della memoria
DDR nel modulo della cache.
Spento
Attivo
Spento
Il backup attuale è stato
completato senza errori.
Lampeggiante una volta al
secondo
Lampeggiante una volta al
secondo
Spento
Backup attuale non riuscito e
i dati sono andati persi.
Lampeggiante una volta al
secondo
Lampeggiante una volta al
secondo
Attivo
Si è verificato un errore di
alimentazione durante l'avvio
precedente o quello attuale. I
dati potrebbero essere
danneggiati.
LED del modulo FBWC
3
4
1 - Ambra
2 - Verde
3 - Verde
Interpretazione
Lampeggiante una volta al
secondo
Attivo
Spento
È presente una condizione di
surriscaldamento.
Lampeggiante due volte al
secondo
Lampeggiante due volte al
secondo
Spento
Il gruppo condensatore non è
collegato.
Lampeggiante due volte al
secondo
Lampeggiante due volte al
secondo
Attivo
Il condensatore è in carica
da 10 minuti ma non ha
raggiunto una carica
sufficiente per eseguire un
backup completo.
Attivo
Attivo
Spento
Il backup attuale è completo
ma si sono verificati sbalzi di
tensione durante il backup.
Attivo
Attivo
Attivo
Errore del microcontroller del
modulo della cache.
Capitolo 1 Identificazione dei componenti
ITWW
2
Specifiche
Convenzioni per la capacità di memoria e
memorizzazione
Le capacità di memoria vengono specificate utilizzando prefissi binari:
●
KiB = 210 byte
●
MiB = 220 byte
●
GiB = 230 byte
●
TiB = 240 byte
Le capacità di memorizzazione vengono specificate utilizzando prefissi SI:
●
KB = 103 byte
●
MB = 106 byte
●
GB = 109 byte
●
TB = 1012 byte
La documentazione precedente o di altri componenti può utilizzare i prefissi SI per i valori binari.
La capacità di memoria disponibile e la capacità reale di memorizzazione formattata per i dispositivi
sono inferiori ai valori specificati.
Convenzioni RAID
HP utilizza le seguenti convenzioni di denominazione per i livelli RAID:
●
RAID 0
●
RAID 10
●
RAID 5
●
RAID 50
●
RAID 6
●
RAID 60
●
RAID 1 (ADM)
●
RAID 10 (ADM)
RAID 50 e RAID 60 sono rispettivamente noti nel settore come RAID 5+0 e RAID 6+0.
ITWW
Convenzioni per la capacità di memoria e memorizzazione
5
Caratteristiche del controller
Funzionalità di base
Questo controller HP Smart Array ha le seguenti funzionalità di base:
●
Supporto di RAID 0, 1, 10, 1 (ADM), 10 (ADM), 5, 50, 6 e 60
●
Espansione capacità avanzata
●
Suddivisione e ricombinazione di mirroring in modalità offline
●
Cancellazione unità
●
Ottimizzazione delle prestazioni per video su richiesta
●
Dual domain
●
Possibilità di spostare o eliminare LUN singoli
●
Backup del mirroring di suddivisione e rollback di mirror RAID 1, RAID 10, RAID 1 (ADM)
e RAID 10 (ADM)
●
Riparazione dell'array
Per ulteriori informazioni, consultare la HP Smart Storage Administrator User Guide (Guida utente di
HP Smart Storage Administrator) sul sito Web HP (http://www.hp.com/go/smartstorage/docs).
HP SmartCache
HP SmartCache è una funzione avanzata che consente di utilizzare le unità a stato solido come
dispositivi di memorizzazione nella cache per le unità disco rigido. È possibile accedere ai dati
dall'unità a stato solido anziché dai dischi rigidi. Le principali caratteristiche di HP SmartCache sono:
●
Accelerazione delle prestazioni applicative
●
Diminuzione della latenza per le transazioni nelle applicazioni
●
Supporto di tutti i sistemi operativi senza necessità di modifiche
Utilizzare l'utility HP SSA per configurare il supporto per HP Smart Cache. Questa funzione richiede
una chiave di licenza.
Per ulteriori informazioni, consultare la HP Smart Storage Administrator User Guide (Guida utente di
HP Smart Storage Administrator) sul sito Web HP (http://www.hp.com/go/smartstorage/docs).
Server supportati
Per ulteriori informazioni sull’installazione del controller in un server supportato, consultare la guida
utente del server.
Per le informazioni più aggiornate sul supporto, vedere le QuickSpecs del controller sul sito Web HP
(http://www.hp.com/go/productbulletin).
Specifiche del controller
Funzione
Descrizione
Controller
6
Capitolo 2 Specifiche
ITWW
Funzione
Descrizione
Tipo di scheda
Scheda stand-up PCIe a basso profilo
Dimensioni, cm*
16,8 x 6,9 x 1,7
Dimensioni, pollici*
6,6 x 2,7 x 0,6
Connessione I/O alla scheda di sistema
Connettore a pettine PCIe3 x8
Potenza massima richiesta (approssimativa)
14,5 W
Durata di esercizio connettore SAS interno
250 cicli connessione/disconnessione
Condensatore e modulo della cache
Modulo della cache
FBWC da 72 bit, 2 GiB
Per eseguire il firmware del controller sono necessari circa
200 MB del modulo della cache. Il resto dello spazio
disponibile può essere configurato per la scrittura e la lettura
anticipata della cache.
Tempo necessario per la ricarica del condensatore
5 minuti o meno
Durata del backup del condensatore
80 secondi
Il gruppo condensatore fornisce una durata sufficiente per
trasferisce i dati presenti nella cache dalla memoria DDR alla
memoria flash, dove i dati rimangono per un tempo indefinito
o fino a quando il controller non li recupera.
Durata di esercizio del condensatore
Oltre 3 anni
Unità
Tipi di unità supportate**
●
SAS 6 Gb/s
●
SATA 6 Gb/s
Non tutti i server o i sistemi di memorizzazione
supportano tutti i tipi di unità SAS o SATA. Per il
supporto delle unità specifiche del prodotto, vedere le
QuickSpecs del prodotto sul sito Web HP
(http://www.hp.com/go/productbulletin).
Sono inoltre supportate le unità a nastro OBDR. Per
ulteriori informazioni su OBDR, vedere il sito Web HP
(http://www.hp.com/go/obdr).
Numero massimo di unità logiche
64
Numero massimo di unità fisiche
27
Livelli RAID
RAID 0, 1, 10, 5, 50, 6, 60, 1 (ADM) e 10 (ADM)
Specifiche ambientali
Intervallo di temperatura
In funzionamento, da 10° a 55°C
In magazzino, da -30° a 60°C
Umidità relativa (senza condensa)
In funzionamento da 10% a 90%
In magazzino da 5% a 90%
*Queste dimensioni non comprendono la staffa della scheda.
**Non tutti i server supportano tutti i tipi di unità Per ulteriori informazioni, vedere le QuickSpecs del server sul sito Web HP
(http://www.hp.com/go/productbulletin).
ITWW
Specifiche del controller
7
3
Installazione e configurazione
Procedure per i controller in un server
Per installare un controller stand-up nel server, scegliere una delle seguenti procedure:
●
Installazione di un controller stand-up in un server non configurato (Installazione di un controller
stand-up in un server non configurato a pagina 8)
●
Installazione di un controller stand-up in un server configurato in precedenza (Installazione di un
controller stand-up in un server configurato in precedenza a pagina 9)
Installazione di un controller stand-up in un server non configurato
NOTA: Non accendere il server finché la configurazione dell'hardware non è soddisfacente, come
descritto nella procedura riportata in questa sezione.
Per installare il controller in un server non configurato:
1.
Installare l'hardware del controller (Installazione della scheda del controller a pagina 10).
Per procedure specifiche al server, consultare la guida utente del server.
2.
Se il controller supporta i dispositivi di memorizzazione esterni, collegarli al controller.
3.
Installare le unità fisiche come richiesto.
4.
Accendere i dispositivi di memorizzazione esterni.
5.
Accendere il server.
6.
Verificare che la versione del firmware del server sia quella più recente. Se necessario,
aggiornare il firmware del server (Aggiornamento del firmware a pagina 14).
7.
Verificare che la versione del firmware del controller sia quella più recente. Se necessario,
aggiornare il firmware del controller (Aggiornamento del firmware a pagina 14).
8.
Verificare che la versione del firmware delle unità sia quella più recente. Se necessario,
aggiornare il firmware delle unità (Aggiornamento del firmware a pagina 14).
9.
Verificare che la versione del firmware iLO sia quella più recente. Se necessario, aggiornare il
firmware iLO (Aggiornamento del firmware a pagina 14).
10. Se sono presenti moduli di espansione, verificare che sia installata la versione di firmware più
recente. Se necessario, aggiornare il firmware dei moduli di espansione (Aggiornamento del
firmware a pagina 14).
11. Installare il sistema operativo e i driver del dispositivo (Installazione dei driver del dispositivo
a pagina 14). Le istruzioni si trovano nel CD fornito con il kit del controller.
12. (Facoltativo) Creare unità logiche aggiuntive (Strumenti di configurazione a pagina 12).
Il server è pronto per essere utilizzato.
8
Capitolo 3 Installazione e configurazione
ITWW
Installazione di un controller stand-up in un server configurato in
precedenza
1.
Eseguire il backup dei dati del sistema.
2.
Chiudere tutte le applicazioni.
3.
Verificare che la versione del firmware del server sia quella più recente. Se necessario,
aggiornare il firmware del server (Aggiornamento del firmware a pagina 14).
4.
Effettuare una delle seguenti operazioni:
5.
◦
Se il nuovo controller è il nuovo dispositivo di avvio, installare i driver del dispositivo
(Installazione dei driver del dispositivo a pagina 14).
◦
Se il nuovo controller non è il nuovo dispositivo di avvio, andare al punto successivo.
Spegnere il server.
ATTENZIONE: Nei sistemi che utilizzano dispositivi di memorizzazione esterni, assicurarsi che
il server sia la prima unità a essere spenta e l'ultima a essere riaccesa. Con questa precauzione
si assicura che il sistema non contrassegni erroneamente le unità come guaste quando il server
viene acceso.
6.
Spegnere tutti i dispositivi collegati al server.
7.
Scollegare il cavo di alimentazione dalla sorgente di alimentazione.
8.
Scollegare il cavo di alimentazione dal server.
9.
Scollegare tutte le periferiche.
10. Installare l'hardware del controller (Installazione della scheda del controller a pagina 10).
Per procedure specifiche al server, consultare la guida utente del server.
11. Collegare i dispositivi di memorizzazione al controller.
12. Collegare tutte le periferiche al server.
13. Collegare il cavo di alimentazione al server.
14. Collegare il cavo di alimentazione alla sorgente di alimentazione.
15. Accendere tutte le periferiche.
16. Accendere il server.
17. Verificare che la versione del firmware del controller sia quella più recente. Se necessario,
aggiornare il firmware del controller (Aggiornamento del firmware a pagina 14).
18. Verificare che la versione del firmware delle unità sia quella più recente. Se necessario,
aggiornare il firmware delle unità (Aggiornamento del firmware a pagina 14).
19. (Facoltativo) Utilizzando l'utility HP SSA, impostare questo controller come controller di avvio
(HP Smart Storage Administrator a pagina 12).
20. (Facoltativo) Utilizzando l'utility RBSU, modificare l'ordine di avvio del controller (Impostazione
dell’ordine del controller a pagina 13).
21. Se il nuovo controller non è il nuovo dispositivo di avvio, installare i driver del dispositivo
(Installazione dei driver del dispositivo a pagina 14).
22. Se sono disponibili nuove versioni, aggiornare gli agenti di gestione.
23. (Facoltativo) Creare unità logiche aggiuntive (Strumenti di configurazione a pagina 12).
ITWW
Procedure per i controller in un server
9
Il server è pronto per essere utilizzato.
Installazione della scheda del controller
AVVERTENZA! Per ridurre il rischio di lesioni personali o di danni all'apparecchiatura, consultare le
informazioni relative alla sicurezza e la documentazione dell'utente fornite con il server prima di
procedere all'installazione. Alcuni server contengono circuiti ad alta tensione, componenti in
movimento (quali le ventole blade) o combinazione di entrambi, che possono esporre a pericolo se i
coperchi e i pannelli di accesso vengono rimossi quando il prodotto è collegato all'alimentazione.
L'assistenza a questi prodotti deve essere effettuata solo da personale qualificato con la formazione
necessaria per gestire questi pericoli. Non rimuovere i contenitori né tentare di bypassare i dispositivi
di blocco predisposti per proteggere gli utenti da tali condizioni di pericolo.
1.
Rimuovere o aprire il pannello di accesso.
AVVERTENZA! Per ridurre il rischio di scottature dovute al contatto con superfici surriscaldate,
lasciare raffreddare le unità e i componenti interni del sistema prima di toccarli.
2.
Selezionare un alloggiamento di espansione PCIe x8 o superiore disponibile.
È necessario uno slot meccanico x8, anche se dal punto di vista elettrico può essere uno slot
x4 o x1.
3.
Rimuovere il coperchio dello slot. Conservare la vite di fissaggio, se presente.
4.
Se necessario, installare il modulo della cache.
In alcuni controller, se il modulo della cache non è presente, il controller non funziona.
5.
Fare scivolare la scheda del controller lungo la guida di allineamento dell'alloggiamento di
espansione, se presente, quindi esercitare una certa pressione sulla scheda nell'alloggiamento
in modo che i contatti presenti sul bordo della scheda aderiscano perfettamente
all'alloggiamento.
6.
Bloccare la scheda del controller in sede con la vite di fissaggio. Se nella guida di allineamento
dell'alloggiamento è presente un fermo in prossimità della parte posteriore della scheda,
chiudere il fermo.
7.
Se necessario, collegare i dispositivi di memorizzazione interni al controller. Per ulteriori
informazioni, vedere Collegamento di dispositivi di memorizzazione interni (Collegamento di
dispositivi di memorizzazione interni a pagina 10).
8.
Chiudere o installare il pannello di accesso, quindi fissarlo con le viti, se presenti.
ATTENZIONE: Non utilizzare il server per lunghi periodi di tempo con il pannello di accesso
aperto o rimosso. Il funzionamento del server senza il pannello di accesso può determinare
l'errata ventilazione del sistema con possibili danni termici.
Collegamento di dispositivi di memorizzazione interni
10
1.
Spegnere il server.
2.
Se necessario, installare le unità. Per informazioni sui requisiti delle unità per la configurazione
di array, vedere Configurazione di un array (Strumenti di configurazione a pagina 12).
Capitolo 3 Installazione e configurazione
ITWW
HP consiglia unità di tipo simile. Tutte le unità raggruppate in un'unità logica devono soddisfare i
seguenti criteri:
◦
Devono essere SAS o SATA.
◦
Devono essere tutte unità disco fisso o unità a stato solido.
◦
Per sfruttare al meglio lo spazio sulle unità, le unità devono avere capacità simili.
Per ulteriori informazioni sull'installazione di unità, consultare le seguenti risorse:
3.
4.
◦
Procedure per le unità (Procedure per le unità a pagina 16)
◦
Documentazione del server
◦
Documentazione dell'unità
Utilizzare il cavo interno SAS fornito con il server per collegare il controller alle unità.
◦
Se le unità sono hot plug, collegare il connettore interno del controller al connettore SAS
sull'alloggiamento dell'unità hot plug.
◦
Se le unità non sono hot plug, collegare il connettore interno del controller alle unità non
hot plug.
Chiudere o installare il pannello di accesso, quindi fissarlo con le viti, se presenti.
ATTENZIONE: Non utilizzare il server per lunghi periodi di tempo con il pannello di accesso
aperto o rimosso. Il funzionamento del server senza il pannello di accesso può determinare
l'errata ventilazione del sistema con possibili danni termici.
5.
Accendere il server.
Numeri di parte dei cavi
Per ulteriori informazioni sui seguenti cavi, vedere le QuickSpecs del server sul sito Web HP
(http://www.hp.com/go/productbulletin).
ITWW
Descrizione
Numero di parte kit opzionale
Note
Cavo HP Internal SAS 68P 2x36P Lt
Exit Cable
730603-B21
Per HP ProLiant DL360p Gen8 Server
e HP ProLiant DL360p Gen8 SE Server
SFF
Cavo HP Int SAS 68P 36P Lt Exit Cable
730612-B21
Per HP ProLiant DL360p Gen8 Server
LFF
Kit cavi di abilitazione HP P430
740024-B21
Per HP ProLiant SL270s Gen8 Server
Kit cavi HP Mini-SAS P430/P830
718409-B21
Per HP ProLiant SL210t Gen8 Server
Kit cavi HP ML350p Gen8 Smart Array
725675-B21
Per HP ProLiant ML350p Gen8 Server
Kit cavi principali HP 6G SAS 430/830
729278-B21
Per HP ProLiant DL380p Server e
HP ProLiant DL385p Gen8 Server
8SFF
Kit cavi secondari HP 6G SAS 430/830
729276-B21
Per HP ProLiant DL380p Server e
HP ProLiant DL385p Gen8 8+8SFF
Procedure per i controller in un server
11
Descrizione
Numero di parte kit opzionale
Note
Kit cavi HP DL38Xp Gen8 12LFF
P430/830
729272-B21
Per HP ProLiant DL380p Server e
HP ProLiant DL385p Gen8 Server
12LFF
Kit cavi HP DL38Xp Gen8 25SFF
P430/830
729274-B21
Per HP ProLiant DL380p Server, HP
ProLiant DL385p Gen8 Server 25SFF e
HP ProLiant DL560 Gen8 Server
Strumenti di configurazione
HP Smart Storage Administrator
HP SSA rappresenta il principale strumento utilizzato per la configurazione di array su controller
HP Smart Array ed è disponibile in tre formati di interfaccia: interfaccia grafica, a riga di comando e
scripting HP SSA. Tutti i formati supportano le attività di configurazione. Alcune attività avanzate di
configurazione sono disponibili solo in un formato.
Le funzionalità di diagnostica di HP SSA sono disponibili anche nel software standalone HP Smart
Storage Administrator Diagnostics Utility CLI.
A partire da HP SSA, dai server e dai server blade ProLiant Gen8, HP SSA è accessibile sia in linea
che non in linea:
●
Accesso ad HP SSA in ambiente non in linea
NOTA: Per aggiornare un server esistente in ambiente non in linea, scaricare la versione più
recente di HP SSA tramite HP Service Pack for ProLiant prima di eseguire le procedure di
configurazione.
Prima di avviare il sistema operativo host è possibile eseguire HP SSA in diversi modi. In
modalità non in linea, gli utenti possono configurare o effettuare la manutenzione sui dispositivi
ProLiant rilevati e supportati, come i controller Smart Array opzionali e i controller Smart Array
integrati. Alcune funzionalità di HP SSA sono disponibili soltanto in un ambiente non in linea, ad
esempio l'impostazione del controller di avvio e del volume di avvio.
Per ulteriori informazioni, vedere Accesso ad HP SSA in ambiente non in linea nella HP Smart
Storage Administrator User Guide (Guida utente di HP Smart Storage Administrator).
●
Accesso ad HP SSA in ambiente in linea
Questo metodo richiede che un amministratore scarichi e installi i file eseguibili di HP SSA. È
possibile eseguire l'utility HP SSA online dopo aver avviato il sistema operativo host.
Per ulteriori informazioni, vedere Accesso ad HP SSA in ambiente in linea nella HP Smart
Storage Administrator User Guide (Guida utente di HP Smart Storage Administrator).
ROM-Based Setup Utility (Utility di configurazione basata su ROM)
RBSU è un'utility di configurazione basata su ROM che consente di modificare le impostazioni di
configurazione del server. L'utility RBSU è specifica per ogni macchina e personalizzata per ogni tipo
di server. RBSU semplifica un'ampia gamma di funzioni di configurazione quali la visualizzazione
delle informazioni del sistema e la configurazione dei dispositivi e delle opzioni del sistema.
Se RBSU è supportata dal server, accedervi premendo il tasto F9 quando richiesto durante il
processo di avvio. Per ulteriori informazioni, vedere la Guida utente di HP ROM-Based Setup Utility o
la documentazione del server.
12
Capitolo 3 Installazione e configurazione
ITWW
Procedure di configurazione
Impostazione di un controller come controller di avvio
Attenersi alla seguente procedura per impostare un controller come controller di avvio utilizzando
HP SSA. Per regolare le impostazioni dell'ordine di avvio di altri controller nel sistema, vedere
Impostazione dell'ordine dei controller (Impostazione dell’ordine del controller a pagina 13).
1.
Verificare che il controller sia collegato a un'unità logica. In caso contrario, non potrà essere
impostato come controller di avvio.
2.
Spegnere normalmente il sistema.
3.
Riavviare il server.
Viene eseguito il POST e il sistema riconosce i dispositivi. Quando il sistema riconosce il
controller da impostare come controller di avvio, andare al passaggio successivo.
4.
Premere il tasto F5.
Dopo il completamento del POST, il sistema avvia l'interfaccia grafica di HP SSA o l'interfaccia
della riga di comando di HP SSA, se si usa la console seriale.
5.
Selezionare l’opzione di menu appropriata e seguire le istruzioni visualizzate. Se richiesto,
salvare le impostazioni.
6.
(Facoltativo) Per configurare o riconfigurare un array su questo controller, è possibile utilizzare
HP SSA. Per ulteriori informazioni, consultare la HP Smart Storage Administrator User Guide
(Guida utente di HP Smart Storage Administrator).
Per configurare un array in un secondo momento o per utilizzare un'utility diversa per
configurare l'array, uscire da HP SSA, quindi riavviare il server affinché la nuova impostazione
del controller di avvio diventi effettiva.
Impostazione dell’ordine del controller
1.
Accendere il server.
Verrà eseguita la sequenza POST e verrà brevemente visualizzato un prompt di RBSU.
2.
Al prompt, premere il tasto F9. Una volta completato il POST, viene avviata l'utility RBSU.
3.
Seguire le istruzioni visualizzate per impostare l’ordine di avvio per i diversi controller nel
sistema.
4.
Salvare le impostazioni.
5.
Uscire dall’utility.
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di RBSU, consultare la Guida utente di HP ROM-Based Setup
Utility oppure la guida utente del server. Entrambi i documenti sono disponibili nel CD della
documentazione fornito nel kit del server.
Configurazione di un array
Per la configurazione di un array in un controller HP Smart Array, utilizzare HP SSA. Per ulteriori
informazioni, consultare la HP Smart Storage Administrator User Guide (Guida utente di HP Smart
Storage Administrator).
ITWW
Procedure di configurazione
13
Tenere presente i seguenti fattori durante la configurazione di un array:
●
È necessario che tutte le unità raggruppate in un'unità logica siano dello stesso tipo, ad
esempio, tutte SAS o tutte SATA e tutte unità disco rigido o unità a stato solido.
●
Per un utilizzo ottimale dello spazio su disco, è necessario che tutte le unità nell'array
dispongano della stessa capacità. Ogni utility di configurazione gestisce ogni unità fisica
dell'array considerandola della stessa capacità dell'unità più piccola presente nell'array. Non è
pertanto possibile utilizzare la capacità aggiuntiva di una determinata unità installata nell'array
per la memorizzazione dei dati.
●
Quanto più alto è il numero di unità fisiche nell'array, maggiore è la probabilità che si verifichi un
errore di unità dell'array in un dato periodo di tempo.
●
Per proteggersi dalla perdita di dati causata da errori delle unità, configurare tutte le unità
logiche dell'array con un metodo di tolleranza agli errori (RAID) adeguato.
Strumenti di manutenzione del sistema
Aggiornamento del firmware
Il firmware di server e controller deve essere aggiornato prima di usare il controller per la prima volta
a meno che il software o i componenti installati non richiedano una versione precedente. Per gli
aggiornamenti del firmware e del software di sistema, scaricare l'SPP dal sito Web HP
(http://www.hp.com/go/spp).
Installazione dei driver del dispositivo
NOTA:
Eseguire sempre un backup prima di installare o aggiornare i driver di dispositivo.
HP distribuisce driver e altro software di supporto per server e server blade tramite Service Pack for
ProLiant, o SPP, che può essere scaricato dal sito Web HP (http://www.hp.com/go/spp/download).
Assicurarsi di utilizzare la versione di SPP più recente per il server o il server blade.
Se il sistema operativo è stato installato utilizzando il software Intelligent Provisioning, la funzione di
configurazione e installazione può già aver fornito il supporto per i driver più recenti.
Per individuare i driver del sistema operativo per un determinato server, immettere il seguente
indirizzo Web nel browser:
http://www.hp.com/support/<servername>
Sostituire <servername> con il nome del server.
Ad esempio:
http://www.hp.com/support/dl360gen8
Installazione dei sistemi operativi Microsoft Windows Server 2008/2008 R2 e Microsoft
Windows Server 2012
I driver Microsoft Windows Server 2008/2008 R2 e Microsoft Windows Server 2012 per i controller
HP Smart Array P430, P431 e P731m (HPCISSs3.sys) non sono inclusi nella versione 2013.09.0 (B)
di HP Service Pack for ProLiant o nella versione 1.50 di Intelligent Provisioning. Questi driver sono
attualmente disponibili sul sito Web HP (http://www.hp.com/go/support) e saranno inclusi nelle future
versioni di SPP e Intelligent Provisioning.
Fino a quel momento, il driver generico del controller HP Smart Array incluso nel supporto di
installazione di Microsoft Windows Server 2008/2008 R2 e Microsoft Windows Server 2012 fornisce il
14
Capitolo 3 Installazione e configurazione
ITWW
supporto di base per i controller HP Smart Array P430, P431 e P731m e può essere utilizzato per
installare il sistema operativo. Dopo aver installato il sistema operativo, è necessario scaricare e
installare HP ProLiant Smart Array HPCISSS3 Controller Driver dal sito Web HP (http://www.hp.com/
go/support) per ottenere il supporto completo delle funzionalità di questi controller.
Installazione degli agenti di gestione
Se si utilizza la funzionalità di installazione assistita di Intelligent Provisioning per installare il sistema
operativo su un nuovo server, gli agenti di gestione vengono installati automaticamente.
È possibile aggiornare gli agenti di gestione utilizzando le versioni più recenti forniti nel software
Intelligent Provisioning.
Strumenti di diagnostica
Per risolvere i problemi relativi agli array e generare rapporti su di essi, utilizzare i seguenti strumenti
di diagnostica:
●
HP SSA
È possibile accedere ad HP SSA in modalità non in linea con HP Intelligent Provisioning,
durante il POST o da un'immagine ISO. È anche possibile accedervi online scaricando gli
eseguibili di HP SSA. Per ulteriori informazioni su come accedere e utilizzare HP SSA,
consultare la HP Smart Storage Administrator User Guide (Guida utente di HP Smart Storage
Administrator).
●
Servizio di notifica degli eventi
Questa utility segnala gli eventi dell'array al server IML e al registro degli eventi di sistema di
Microsoft® Windows® e registra il log seriale. È possibile scaricare l'utility dal sito Web HP
(http://www.hp.com/support). Immettere il nome del modello del server quando vengono
richieste le informazioni di prodotto.
●
HP Insight Diagnostics
HP Insight Diagnostics è uno strumento che visualizza informazioni sulla configurazione
dell'hardware del sistema ed esegue test sul sistema e sui relativi componenti (incluse le unità
se sono connesse a controller Smart Array) Questa utility è disponibile sul sito Web HP
(http://www.hp.com/servers/diags).
●
Messaggi POST
Al riavvio, i controller Smart Array generano messaggi di errore di diagnostica (errori POST).
Molti messaggi POST suggeriscono le azioni correttive. Per ulteriori informazioni sui messaggi
POST, vedere la guida alla risoluzione dei problemi appropriata per il proprio prodotto.
ITWW
Strumenti di diagnostica
15
4
Procedure per le unità
Identificazione dello stato di un HP SmartDrive
Le unità HP SmartDrive rappresentano la tecnologia di unità HP più recente e sono supportate a
partire dai server e server blade ProLiant Gen8. Le unità HP SmartDrive non sono supportate su
versioni precedenti di server e server blade. Identificare un'unità HP SmartDrive dal suo supporto,
mostrato nella seguente figura.
Se un'unità è configurata come parte di un array e collegata a un controller acceso, i LED indicano
lo stato dell'unità.
Elemento
LED
Stato
Definizione
1
Posizione
Blu fisso
Identificazione dell'unità da
parte di un'applicazione host.
Blu lampeggiante
Aggiornamento del firmware
del supporto dell'unità in
corso o richiesto.
Verde rotante
Attività dell'unità
Spento
Nessuna attività dell'unità
Bianco fisso
Non rimuovere l'unità. La
rimozione dell'unità causerà
il guasto di una più unità
logiche.
Spento
La rimozione dell'unità non
causa il guasto a un'unità
logica.
Verde fisso
L'unità è membro di una o
più unità logiche.
Lampeggiante verde
L'unità è in fase di
ricostruzione o sta
eseguendo una migrazione
RAID o della dimensione
degli stripe, l'espansione di
capacità, l'estensione delle
unità logiche o è in fase di
cancellazione.
2
3
4
16
Anello di attività
Non rimuovere
Stato unità
Capitolo 4 Procedure per le unità
ITWW
Elemento
LED
Stato
Definizione
Ambra/verde lampeggiante
L'unità è membro di una o
più unità logiche e si prevede
il guasto dell'unità.
Ambra lampeggiante
L'unità non è configurata e si
prevede il guasto dell'unità.
Ambra fisso
L'unità è guasta.
Spento
L'unità non è configurata da
un controller RAID.
Il LED Locate blu si trova dietro la leva di rilascio ed è visibile quando acceso.
Riconoscimento del guasto dell'unità
Se si verifica uno dei seguenti eventi, l'unità è guasta.
●
Si accende il LED di stato ambra dell'unità.
●
Quando all'interno del server o del sistema di memorizzazione sono presenti unità guaste e i
LED delle unità non sono visibili, il LED di stato sulla parte anteriore del server o del server
blade si accende. Questo LED si accende anche quando si verificano altri problemi, ad esempio
quando si guasta una ventola o un alimentatore ridondante oppure quando il sistema si
surriscalda.
●
Ogni volta che il sistema viene riavviato, un messaggio POST elenca le unità guaste, a
condizione che il controller rilevi almeno un'unità funzionante.
●
HP SSA elenca tutte le unità guaste e le indica utilizzando un'icona distintiva.
●
HP Systems Insight Manager è in grado di rilevare le unità guaste da postazioni remote della
rete. Per ulteriori informazioni su Systems Insight Manager, consultare la documentazione
contenuta nel CD Management.
●
La Home page di System Management (SMH) indica che un'unità è guasta.
●
Nei server che eseguono i sistemi operativi Windows, il servizio di notifica degli eventi invia un
evento al server e al registro degli eventi di sistema di Microsoft Windows.
●
Nei server che eseguono i sistemi operativi Linux, gli agenti Linux registrano l'evento, creano
una voce IML e aggiornano updates /var/log/messages.
Per ulteriori informazioni sulla diagnosi dei problemi correlati alle unità, vedere Guida alla risoluzione
dei problemi di HP ProLiant Gen8, Volume I: Risoluzione dei problemi.
ATTENZIONE: È possibile che un'unità guasta possa apparire funzionante in seguito allo
spegnimento e alla riaccensione del sistema (per un'unità hot plug) dopo la rimozione e il
reinserimento dell'unità stessa. L'uso prolungato di queste unità può tuttavia causare perdite di dati.
Sostituire l'unità danneggiata appena possibile.
ITWW
Riconoscimento del guasto dell'unità
17
Effetti di un guasto dell'unità disco rigido sulle unità logiche
Un guasto di un'unità interessa tutte le unità logiche dello stesso array. È possibile che ciascuna unità
logica in un array utilizzi un metodo di tolleranza agli errori diverso, quindi può essere interessata dal
guasto in modo differente.
●
Le configurazioni RAID 0 non forniscono tolleranza per i guasti dell'unità. In caso di
malfunzionamento di un'unità fisica nell'array, tutte le unità logiche RAID 0 presenti sull'array
non funzioneranno correttamente.
●
Le configurazioni RAID 10 forniscono tolleranza per più guasti delle unità, a condizione che non
si tratti di unità con mirroring reciproco.
●
Le configurazioni RAID 5 forniscono tolleranza per il guasto di un'unità.
●
Le configurazioni RAID 50 forniscono tolleranza per il guasto di un'unità per ogni gruppo di
parità.
●
Le configurazioni RAID 6 forniscono tolleranza per il guasto di due unità in un determinato
momento.
●
Le configurazioni RAID 60 forniscono tolleranza per il guasto di due unità per ogni gruppo di
parità.
●
Le configurazioni RAID 1 (ADM) e RAID 10 (ADM) forniscono tolleranza per più guasti delle
unità a condizione che il guasto non riguardi più di due unità con mirroring l'una verso l'altra.
Compromissione della tolleranza agli errori
ATTENZIONE: Quando la tolleranza agli errori è compromessa, può verificarsi la perdita di dati.
Tuttavia è possibile ripristinare i dati. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione "Recupero da
tolleranza agli errori compromessa (Recupero da tolleranza agli errori compromessa a pagina 18)".
In caso di guasto di un numero di unità superiore a quelle supportate dal metodo di tolleranza agli
errori, la tolleranza è compromessa e il funzionamento dell'unità logica viene interrotto. Se si verifica
questo malfunzionamento, il sistema operativo rifiuta tutte le richieste con messaggi di errore
irreversibile.
Ad esempio, la tolleranza agli errori può verificarsi quando si verifica un errore in un'unità di un array
durante la ricostruzione di un'altra unità dell'array.
La compromissione della tolleranza agli errori può anche essere causata da problemi non correlati
alle unità. In tali casi, non è necessario sostituire le unità disco rigido fisiche.
Recupero da tolleranza agli errori compromessa
L'inserimento di unità sostitutive in caso di tolleranza agli errori compromessa non migliora la
condizione del volume logico. Se nella schermata vengono visualizzati messaggi di errore
irreversibile, ripristinare i dati procedendo come segue:
1.
Spegnere completamente il sistema e riaccenderlo. In alcuni casi, un'unità marginale continuerà
a funzionare abbastanza a lungo per consentire la copia dei file più importanti.
Se viene visualizzato un messaggio POST 1779, premere il tasto F2 per riabilitare i volumi
logici. Tenere presente che probabilmente si è verificata una perdita di dati e che i dati sul
volume logico potrebbero non essere corretti.
2.
18
Se possibile, eseguire copie dei dati importanti.
Capitolo 4 Procedure per le unità
ITWW
3.
Sostituire le unità guaste.
4.
La tolleranza agli errori può essere nuovamente compromessa in seguito alla sostituzione delle
unità guaste. In questo caso, spegnere e riaccendere il sistema. Se viene visualizzato il
messaggio POST 1779, procedere come segue:
a.
Premere il tasto F2 per riattivare le unità logiche.
b.
Ricreare le partizioni.
c.
Ripristinare tutti i dati dalla copia di backup.
Per ridurre al minimo il rischio di perdita dei dati causata della compromissione della tolleranza agli
errori, eseguire backup frequenti di tutti i volumi logici.
Sostituzione di unità
In genere, l'unità viene sostituita in caso di guasto. Tuttavia, un altro motivo è rappresentato dal
graduale aumento della capacità di storage dell'intero sistema.
Per i sistemi che supportano le unità hot plug, se si sostituisce un'unità guasta appartenente a una
configurazione con tolleranza agli errori mentre il sistema è acceso, l'attività di tutti i dischi nell'array
verrà messa in pausa per 1 o 2 secondi durante l'inizializzazione della nuova unità. Quando l'unità è
pronta, viene avviato automaticamente il ripristino dei dati nell'unità sostitutiva.
Se si sostituisce un'unità appartenente a una configurazione con tolleranza agli errori mentre il
sistema è spento, al riavvio del sistema verrà visualizzato un messaggio POST. Questo messaggio
chiede di premere il tasto F1 per avviare il ripristino automatico dei dati. Se il ripristino automatico dei
dati non viene abilitato, il volume logico rimane in una condizione di "pronto al ripristino" e al riavvio
del sistema il messaggio POST verrà nuovamente visualizzato.
Prima di sostituire le unità
●
Aprire Systems Insight Manager, quindi esaminare la finestra del contatore degli errori per
ciascuna unità fisica dell'array per accertarsi che nessun'altra unità presenti errori. Per ulteriori
informazioni, consultare la documentazione di Systems Insight Manager contenuta nel CD
Management.
●
Accertarsi che l'array disponga di un backup aggiornato e valido.
●
Verificare che l’unità sostitutiva sia dello stesso tipo di quella danneggiata (tutte SAS o SATA e
tutte unità disco rigido o unità a stato solido).
●
Utilizzare unità sostitutive con una capacità pari o maggiore a quella dell'unità di minor capacità
nell'array. Le unità con capacità insufficiente vengono immediatamente considerate guaste.
Nei sistemi che utilizzano dispositivi di memorizzazione esterni, assicurarsi che il server sia la prima
unità a essere spenta e l'ultima a essere riaccesa. Con questa precauzione si assicura che il sistema
non contrassegni erroneamente le unità come guaste quando il server viene acceso.
In alcuni casi è possibile sostituire più di un'unità alla volta senza causare una perdita di dati. Ad
esempio:
ITWW
●
Nelle configurazioni RAID 10, il mirroring delle unità avviene a coppie. È possibile sostituire
simultaneamente più unità se il mirroring non avviene con altre unità rimosse o guaste.
●
Nelle configurazioni RAID 50, le unità sono disposte in gruppi di parità. È possibile sostituire più
unità contemporaneamente se le unità appartengono a gruppi di parità diversi. Se due unità
appartengono al medesimo gruppo di parità, sostituire tali unità una alla volta.
Sostituzione di unità
19
●
Nelle configurazioni RAID 6, è possibile sostituire due unità qualsiasi simultaneamente.
●
Nelle configurazioni RAID 60, le unità sono disposte in gruppi di parità. È possibile sostituire
simultaneamente più unità, solo se non più di due di queste appartiene allo stesso gruppo di
parità.
Per rimuovere da un array un numero maggiore di unità di quelle supportate dal metodo di tolleranza
agli errori, seguire le indicazioni precedenti per rimuovere più unità simultaneamente e, prima di
rimuovere altre unità, attendere il completamento della ricostruzione.
Tuttavia, se la tolleranza agli errori è stata compromessa ed è necessario sostituire un numero
maggiore di unità di quelle supportate dal metodo di tolleranza agli errori, tentare di recuperare i dati
prima di sostituire le unità (Recupero da tolleranza agli errori compromessa a pagina 18).
Ripristino automatico dei dati (ricostruzione)
Quando si sostituisce un'unità disco rigido in un array, il controller utilizza le informazioni di tolleranza
agli errori sulle restanti unità dell'array per ricostruire i dati mancanti contenuti in origine nell'unità
sostituita e scriverli sull'unità sostitutiva. Questo processo è denominato ripristino automatico dei dati
o ricostruzione. Se la tolleranza agli errori è compromessa, il controller non può ricostruire i dati che
probabilmente andranno definitivamente persi.
Se un'altra unità dell'array viene danneggiata mentre la tolleranza agli errori non è disponibile durante
la ricostruzione, è possibile che si verifichi un errore irreversibile del sistema e che tutti i dati presenti
nell'array vadano persi. Tuttavia, il guasto di un'altra unità non sempre determina un errore
irreversibile del sistema nei seguenti casi eccezionali.
●
Guasto dopo l'attivazione di un'unità di riserva.
●
Guasto di un'unità di cui non è stato eseguito il mirroring su altre unità danneggiate (con
configurazione RAID 10).
●
Guasto di una seconda unità in una configurazione RAID 50 o RAID 60 se le due unità guaste
sono in gruppi di parità diversi.
●
Guasto di una seconda unità con configurazione RAID 6.
Tempo necessario per la ricostruzione
Il tempo necessario per una ricostruzione varia in base a diversi fattori:
●
La priorità che viene assegnata alla ricostruzione rispetto alle normali operazioni di I/O (è
possibile modificare l'impostazione della priorità mediante l'utility HP SSA).
●
La quantità di attività di I/O che si verifica durante la ricostruzione.
●
La capacità della larghezza di banda media (MBps) delle unità.
●
La disponibilità della cache dell'unità.
●
La marca, il modello e l'età delle unità.
●
La quantità di spazio inutilizzato sulle unità.
●
Per RAID 5 e RAID 50, RAID 6 e RAID 60, il numero di unità nell’array.
●
La dimensione degli stripe del volume logico.
ATTENZIONE: Durante il ripristino dei dati o un aggiornamento della capacità delle unità, dato
che i tempi di ricostruzione dei dati variano da 200 a 520 GB/ora, il sistema può risultare non
protetto contro i guasti alle unità per un periodo esteso. Quando possibile, eseguire le operazioni
di ricostruzione solo durante i periodi di attività minima.
20
Capitolo 4 Procedure per le unità
ITWW
Al termine del ripristino automatico dei dati, il LED di stato dell'unità passa da verde lampeggiante a
verde fisso.
Se il LED di stato dell'unità sostitutiva cambia da ambra lampeggiante o fisso, il processo di
ricostruzione è stato interrotto in modo anormale.
Se si verifica un'interruzione anormale del processo di ricostruzione, identificare le cause e i passaggi
correttivi appropriati in Interruzione anormale di una ricostruzione (Interruzione anormale di una
ricostruzione a pagina 21).
Interruzione anormale di una ricostruzione
Se il LED di attività dell'unità sostitutiva è permanentemente spento mentre le altre unità dell'array
sono attive, il processo di ricostruzione è stato interrotto in modo anormale. La seguente tabella
indica le tre possibili cause dell'interruzione anormale di una ricostruzione.
Condizione
Causa dell'interruzione della ricostruzione
Nessuna unità dell'array ha un LED di stato color ambra
acceso.
Si è verificato un errore di lettura irreversibile su una delle
unità dell'array.
L'unità sostitutiva ha un LED di stato color ambra acceso.
L'unità sostitutiva è guasta.
Una delle altre unità dell'array ha un LED di stato color
ambra acceso.
L'unità con il LED di color ambra acceso è guasta.
Ognuna di queste situazioni richiede una soluzione specifica.
Caso 1: si è verificato un errore di lettura irreversibile.
1.
Eseguire il backup del maggior numero di dati possibile dall'unità logica.
ATTENZIONE: Non rimuovere l'unità su cui si è verificato l'errore. Potrebbe causare un guasto
nell'unità logica.
2.
Ripristinare i dati dalla copia di backup. L'errore viene talvolta eliminato scrivendo dati sul settore
non leggibile.
3.
Rimuovere e reinserire l'unità sostitutiva. Questa azione consente di riavviare il processo di
ricostruzione.
Se il processo di ricostruzione viene comunque interrotto in modo anormale, procedere come segue:
1.
Eliminare e ricreare l'unità logica.
2.
Ripristinare i dati dalla copia di backup.
Caso 2: l'unità sostitutiva è guasta.
Verificare che l'unità sostitutiva sia dotata della capacità corretta e sia un modello supportato. Se
questi fattori non sono la causa del problema, utilizzare un'unità diversa come unità sostitutiva.
Caso 3: un'altra unità dell'array è guasta.
ITWW
Sostituzione di unità
21
Un'unità guasta a volte può essere resa temporaneamente funzionante spegnendo e accendendo il
server.
1.
Spegnere il server.
2.
Rimuovere l'unità sostitutiva fisica (quella sottoposta a ricostruzione) e reinstallare l'unità che
andava a sostituire.
3.
Accendere il server.
Se l'unità guasta sembra essere funzionante, procedere come segue:
1.
Eseguire il backup dei dati non memorizzati.
2.
Rimuovere l'unità da sostituire e reinserire l'unità sostitutiva fisica. Il processo di ricostruzione
viene automaticamente riavviato.
3.
Una volta completato il processo di ricostruzione, sostituire l'unità guasta.
Se invece l'unità guasta non sembra essere funzionante, procedere come segue:
1.
Rimuovere l'unità da sostituire e reinserire l'unità sostitutiva fisica.
2.
Sostituire l'unità guasta.
3.
Ripristinare i dati dalla copia di backup.
Aggiornamento della capacità delle unità
È possibile aumentare la capacità di memorizzazione di un sistema anche se non è disponibile alcun
alloggiamento per unità semplicemente sostituendo ogni singola unità con unità di capacità
maggiore. Per adottare questo metodo, è necessario che la tolleranza agli errori sia attiva.
ATTENZIONE: Durante il ripristino dei dati o un aggiornamento della capacità delle unità, dato che i
tempi di ricostruzione dei dati variano da 200 a 520 GB/ora, il sistema può risultare non protetto
contro i guasti alle unità per un periodo esteso. Quando possibile, eseguire le operazioni di
ricostruzione solo durante i periodi di attività minima.
Per aggiornare la capacità delle unità, procedere come segue:
1.
Eseguire il backup di tutti i dati.
2.
Sostituire le unità. I dati presenti in ogni nuova unità vengono ricreati a partire dalle informazioni
ridondanti presenti nelle unità rimanenti.
ATTENZIONE: Non sostituire le altre unità fino al completamento della ricostruzione dei dati
su questa unità.
Al termine della ricostruzione dei dati nella nuova unità, il LED di stato dell'unità passa da verde
lampeggiante a verde fisso.
3.
Ripetere i passaggi precedenti per le altre unità dell'array, una alla volta.
Dopo aver sostituito tutte le unità, è possibile utilizzare la capacità supplementare per creare nuove
unità logiche oppure per estendere le unità logiche esistenti. Per ulteriori informazioni, consultare la
HP Smart Storage Administrator User Guide (Guida utente di HP Smart Storage Administrator) sul
sito Web HP (http://www.hp.com/go/smartstorage/docs).
22
Capitolo 4 Procedure per le unità
ITWW
Spostamento di unità e array
È possibile spostare le unità in altre posizioni sullo stesso controller di array. È anche possibile
spostare un array completo da un controller a un altro, anche se i controller si trovano su server
diversi.
Prima di spostare le unità, assicurarsi che sussistano le seguenti condizioni:
●
Se si spostano le unità su un server diverso, verificare che il nuovo server disponga di un
numero di alloggiamenti vuoti sufficiente per contenere tutte le unità contemporaneamente.
●
L'array non deve contenere unità guaste o mancanti.
●
Nessuna unità di riserva dell'array svolge la funzione di unità sostitutiva per un'unità guasta.
●
Il controller non esegue un'espansione di capacità, un'estensione di capacità o una migrazione
RAID o della dimensione degli stripe.
●
Il controller deve utilizzare la versione del firmware più recente.
●
Il server è spento.
Prima di spostare un array a un altro controller, assicurarsi che sussistano le seguenti condizioni:
ATTENZIONE: Se il numero di unità fisiche o logiche supera i limiti del modello di controller e della
versione del firmware, il controller può riconoscere un sottoinsieme non prevedibile di unità. Questo
può comportare il guasto di array e la perdita di dati.
●
Se l'altro controller è già collegato a uno o più array di unità logiche configurate, il numero totale
di unità logiche sul controller raggiunto in seguito allo spostamento delle unità non può eccedere
il numero di unità logiche supportato dal controller. Questo valore dipende dal modello del
controller e dalla relatiiva versione del firmware.
●
Il numero totale di unità fisiche sull'altro controller dopo lo spostamento delle unità non deve
eccedere il numero massimo di unità fisiche supportato per tale modello di controller e relativa
versione del firmware.
●
Tutte le unità nell'array devono essere spostate allo stesso tempo.
Dopo aver verificato che tutte le condizioni siano soddisfatte, spostare le unità:
ITWW
1.
Eseguire il backup di tutti i dati prima di spostare le unità o modificare la configurazione. Questa
operazione è necessaria se si spostano unità contenenti dati da un controller che non dispone
di un modulo della cache.
2.
Spegnere il sistema.
3.
Spostare le unità.
4.
Accendere il sistema.
5.
Notare i messaggi POST:
◦
Se viene visualizzato il messaggio POST 1785, la configurazione dell'array di unità non è
stata eseguita correttamente. Proseguire al passaggio 6.
◦
La visualizzazione di un messaggio POST 1724 o 1727, indica che le posizioni delle unità
sono state cambiate correttamente e che la configurazione è stata aggiornata. Proseguire
al passaggio 7.
Spostamento di unità e array
23
6.
7.
Se la configurazione dell'array non è stata eseguita correttamente, procedere come segue:
a.
Spegnere immediatamente il sistema per evitare la perdita di dati.
b.
Riportare le unità nelle posizioni originali.
c.
Se necessario, ripristinare i dati dalla copia di backup.
Verificare la nuova configurazione delle unità eseguendo l'utility HP SSA (Strumenti di
configurazione a pagina 12).
Aggiunta di unità
È possibile aggiungere in qualsiasi momento unità a un sistema, a condizione che non venga
superato il numero massimo di unità supportate dal controller. Successivamente, sarà possibile
creare un nuovo array a partire dalle unità aggiunte oppure utilizzare la capacità di memorizzazione
aggiuntiva per espandere la capacità di un array esistente.
Se le unità da aggiungere al sistema sono configurate in unità logiche, è necessario soddisfare
determinate condizioni prima di aggiungerle al sistema. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione
"Spostamento di unità e array (Spostamento di unità e array a pagina 23)". Dopo aver aggiunto
correttamente le unità, reimpostare il server in modo che il controller possa riconoscere le unità
logiche.
Utilizzare l'utility HP SSA per espandere la capacità di un array. Se il sistema utilizza unità hot plug e
l'utility HP SSA è in esecuzione nello stesso ambiente delle normali applicazioni del server, è
possibile espandere la capacità dell'array senza spegnere il sistema operativo. Per ulteriori
informazioni, consultare la HP Smart Storage Administrator User Guide (Guida utente di HP Smart
Storage Administrator) sul sito Web HP (http://www.hp.com/go/smartstorage/docs).
Nel processo di espansione illustrato nella figura seguente, l'array originale (contenente i dati) è
indicato con un bordo tratteggiato e le unità appena aggiunte, che non contengono dati, non sono
ombreggiate. Il controller di array aggiunge le nuove unità all'array e ridistribuisce le unità logiche
originali su un array di dimensioni maggiori, un'unità logica alla volta. Questo processo libera una
parte di capacità di memorizzazione su ciascuna unità fisica dell'array. Ogni unità logica nell'array
di dimensioni maggiori mantiene lo stesso metodo di tolleranza agli errori impostato nell'array più
piccolo.
24
Capitolo 4 Procedure per le unità
ITWW
Al termine del processo di espansione, è possibile utilizzare lo spazio di memorizzazione liberato
sull'array ampliato per creare nuove unità logiche. In alternativa, è possibile utilizzare l'utility HP SSA
per ampliare (estendere) una delle unità logiche originarie.
ITWW
Aggiunta di unità
25
5
Scariche elettrostatiche
Prevenzione delle scariche elettrostatiche
Per evitare di danneggiare il sistema, è importante adottare alcune precauzioni nella fase di
installazione e nella manipolazione dei componenti. Le scariche elettrostatiche dovute al contatto
diretto con le mani o altri conduttori possono danneggiare le schede di sistema o altri dispositivi
sensibili all'elettricità statica. Questo tipo di danno può ridurre la durata di esercizio del dispositivo.
Per evitare i danni causati dalle scariche elettrostatiche:
●
Trasportare e conservare i componenti in contenitori antistatici, evitando di toccarli con le mani.
●
Conservare i componenti sensibili alle scariche elettrostatiche nella loro custodia fino a quando
non ci si trovi in una postazione di lavoro priva di cariche elettrostatiche.
●
Sistemare i contenitori su una superficie provvista di collegamento a terra prima di estrarne i
componenti.
●
Evitare di toccare i piedini, i conduttori e i circuiti.
●
Accertarsi di disporre sempre di un adeguato collegamento a massa quando si tocca un
componente sensibile all'elettricità statica.
Metodi di messa a terra per prevenire scariche
elettrostatiche
Esistono diversi metodi di messa a terra. Quando si maneggiano o si installano componenti sensibili
all'elettricità statica, attenersi alle seguenti indicazioni:
●
Indossare un bracciale collegato tramite cavo a una workstation o al telaio di un computer con
collegamento a massa. Questi bracciali sono fascette flessibili dotate di una resistenza minima
di 1 megaohm ±10% nei cavi con collegamento a terra. Per ottenere un adeguato collegamento
a terra, indossare il bracciale a contatto con la pelle.
●
Se si rimane in piedi alla postazione di lavoro, indossare cavigliere o apposite calzature. Sui
pavimenti che conducono elettricità o sui tappetini antistatici, indossare le fascette a entrambi i
piedi.
●
Utilizzare attrezzi conduttivi.
●
Utilizzare un kit di manutenzione portatile con tappetino da lavoro pieghevole e antistatico.
Se si è sprovvisti delle attrezzature necessarie per un adeguato collegamento a terra, contattare un
rivenditore autorizzato per l'installazione del componente.
Per ulteriori informazioni sull'elettricità statica o per assistenza durante l'installazione del prodotto,
contattare uno dei rivenditori autorizzati.
26
Capitolo 5 Scariche elettrostatiche
ITWW
6
Informazioni sulle norme vigenti
Sicurezza e conformità alle normative
Per informazioni sulla sicurezza, sull'ambiente e sulle normative, vedere Safety and Compliance
Information for Server, Storage, Power, Networking, and Rack Products, disponibile nel sito Web HP
(http://www.hp.com/support/Safety-Compliance-EnterpriseProducts).
Dichiarazione sul contenuto di materiale RoHS per la
Turchia
Dichiarazione sul contenuto di materiale RoHS per
l'Ucraina
Informazioni sulla garanzia
Server HP ProLiant e X86 e opzioni (http://www.hp.com/support/ProLiantServers-Warranties)
Server HP Enterprise (http://www.hp.com/support/EnterpriseServers-Warranties)
Prodotti HP Storage (http://www.hp.com/support/Storage-Warranties)
Prodotti di rete HP (http://www.hp.com/support/Networking-Warranties)
Interferenza delle comunicazioni
I test di conformità dei sistemi HP vengono condotti con dispositivi e cavi schermati HP supportati, ad
esempio quelli in dotazione con il sistema. Il sistema soddisfa i requisiti relativi alle interferenze di tutti
i paesi in cui viene venduto. Questi requisiti forniscono una protezione contro le interferenze alla
ricezione televisiva/radiofonica.
Installando e utilizzando il sistema in conformità alle istruzioni fornite da HP si riducono al minimo le
possibilità di interferenze radiofoniche o televisive da parte del sistema. Tuttavia, HP non garantisce
che il sistema non interferirà con la ricezione di tali segnali.
Adottare le seguenti precauzioni:
ITWW
●
Utilizzare solo cavi schermati.
●
Installare e disporre i cavi in base alle istruzioni fornite.
Sicurezza e conformità alle normative
27
28
●
Verificare che tutte le viti sul connettore del cavo siano completamente serrate.
●
Utilizzare solo periferiche supportate da HP.
●
Prima di utilizzare il sistema, verificare che tutti i pannelli e i coperchi siano in posizione e saldi.
Capitolo 6 Informazioni sulle norme vigenti
ITWW
7
Assistenza e altre risorse
Prima di contattare HP
Prima di contattare HP, assicurarsi di disporre delle seguenti informazioni:
●
Registro Active Health System (solo prodotti HP ProLiant Gen8 o versioni successive)
Scaricare e tenere a disposizione il registro di Active Health System per i tre giorni precedenti al
rilevamento del guasto. Per ulteriori informazioni, consultare la Guida utente di HP iLO 4 o la
Guida utente di HP Intelligent Provisioning disponibile sul sito Web HP (http://www.hp.com/go/
ilo/docs).
●
Rapporto SHOW ALL di Onboard Administrator (solo per prodotti HP BladeSystem)
Per ulteriori informazioni su come ottenere il rapporto SHOW ALL di Onboard Administrator,
vedere il sito Web HP (http://www.hp.com/go/OAlog).
●
Numero di registrazione all'assistenza tecnica (se disponibile)
●
Numero di serie del prodotto
●
Nome e numero del modello di prodotto
●
Numero di identificazione del prodotto
●
Eventuali messaggi di errore visualizzati
●
Schede o componenti hardware aggiuntivi
●
Prodotti hardware o software di terze parti
●
Tipo di sistema operativo e livello di revisione
Come contattare HP
Per informazioni su come contattare HP negli Stati Uniti e nel resto del mondo, visitare la sezione
Contact HP del sito Web HP (http://www.hp.com/go/assistance).
Negli Stati Uniti:
●
Per contattare HP telefonicamente, chiamare il numero 1-800-334-5144. In accordo con la
politica di miglioramento della qualità, è possibile che le telefonate siano controllate o registrate.
●
Se è stato acquistato un Care Pack (aggiornamento del servizio), vedere il sito Web Supporto e
driver (http://www8.hp.com/us/en/support-drivers.html). Se il problema non può essere risolto dal
sito Web, contattare il numero 1-800-633-3600. Per ulteriori informazioni su Care Pack, visitare il
sito Web HP (http://pro-aq-sama.houston.hp.com/services/cache/10950-0-0-225-121.html).
Riparazione da parte del cliente
Per abbreviare i tempi di riparazione e garantire una maggiore flessibilità nella sostituzione di parti
difettose, i prodotti HP sono realizzati con numerosi componenti che possono essere riparati
direttamente dal cliente (CSR, Customer Self Repair). Se in fase di diagnostica HP (o un centro di
ITWW
Prima di contattare HP
29
servizi o di assistenza HP) identifica il guasto come riparabile mediante un ricambio CSR, HP lo
spedirà direttamente al cliente per la sostituzione. Vi sono due categorie di parti CSR:
●
Obbligatorie – Parti che devono essere necessariamente riparate dal cliente. Se il cliente ne
affida la riparazione ad HP, deve sostenere le spese di spedizione e di manodopera per il
servizio.
●
Opzionali – Parti la cui riparazione da parte del cliente è facoltativa. Si tratta comunque di
componenti progettati per questo scopo. Se tuttavia il cliente ne richiede la sostituzione ad
HP, potrebbe dover sostenere spese addizionali a seconda del tipo di garanzia previsto per il
prodotto.
NOTA: Alcuni componenti HP non sono progettati per la riparazione da parte del cliente. Per
rispettare la garanzia, HP richiede che queste parti siano sostituite da un centro di assistenza
autorizzato. Tali parti sono identificate da un "No" nel Catalogo illustrato dei componenti.
In base alla disponibilità e alla località geografica, le parti CSR vengono spedite con consegna entro
il giorno lavorativo seguente. La consegna nel giorno stesso o entro quattro ore è offerta con un
supplemento di costo solo in alcune zone. In caso di necessità si può richiedere l'assistenza
telefonica di un addetto del centro di supporto tecnico HP. Nel materiale fornito con una parte di
ricambio CSR, HP specifica se il cliente deve restituire dei componenti. Qualora sia richiesta la resa
ad HP del componente difettoso, lo si deve spedire ad HP entro un determinato periodo di tempo,
generalmente cinque (5) giorni lavorativi. Il componente difettoso deve essere restituito con la
documentazione associata nell'imballo di spedizione fornito. La mancata restituzione del componente
può comportare la fatturazione del ricambio da parte di HP. Nel caso di riparazione da parte del
cliente, HP sostiene tutte le spese di spedizione e resa e sceglie il corriere/vettore da utilizzare.
Per ulteriori informazioni sul programma CSR di HP, contattare il centro di assistenza di zona. Per il
programma in Nord America fare riferimento al sito Web HP (http://www.hp.com/go/selfrepair).
30
Capitolo 7 Assistenza e altre risorse
ITWW
8
Acronimi e abbreviazioni
ADM
Advanced Data Mirroring
BBWC
Battery-backed Write Cache (Cache di scrittura con alimentazione a batteria)
FBWC
Flash-backed Write Cache (Cache di scrittura con memoria flash)
HP SSA
HP Smart Storage Administrator
IML
Integrated Management Log (Registro di gestione integrato)
OBDR
One Button Disaster Recovery (Ripristino di emergenza con un pulsante)
POST
Power-On Self-Test (autotest all'accensione)
RBSU
ROM-Based Setup Utility (Utility di configurazione basata su ROM)
SMH
System Management Homepage
SPP
HP Service Pack for ProLiant
ITWW
31
9
Commenti sulla documentazione
HP si impegna a fornire una documentazione che soddisfi le esigenze degli utenti. Per contribuire al
miglioramento della documentazione, segnalare eventuali errori, suggerimenti o commenti a
Documentation Feedback (mailto:[email protected]). Con il commento, includere anche il titolo
del documento, il numero di parte, il numero di versione o l'URL.
32
Capitolo 9 Commenti sulla documentazione
ITWW
Indice analitico
A
Aggiornamento del firmware 14
Aggiornamento della capacità
delle unità 22
Array, configurazione 13
Assistenza
Assistenza e altre risorse 29
Come contattare HP 29
Assistenza tecnica
Assistenza e altre risorse 29
Come contattare HP 29
Prima di contattare HP 29
Assistenza tecnica HP
Assistenza e altre risorse 29
Come contattare HP 29
Avvisi sulla conformità alle
normative
Informazioni sulle norme
vigenti 27
Sicurezza e conformità alle
normative 27
Avviso BSMI 27
Avviso dell'Unione Europea 27
Avviso per il Canada 27
Avviso per la sostituzione della
batteria 27
Avviso relativo al riciclaggio delle
batterie per Taiwan 27
C
Capacità delle unità,
aggiornamento 22
Caratteristiche 1
Collegamento, dispositivi di
memorizzazione interni 10
Come contattare HP 29
Componenti 1
Componenti del controller
Componenti del controller 1
Identificazione dei
componenti 1
Componenti, controller 1
Compromissione della tolleranza
agli errori 18
Configurazione di un array 13
ITWW
Connettori 1
Considerazioni sull'ambiente 27
Contatti, informazioni 29
Controller di avvio, impostazione
13
Controller Smart Array,
installazione
Installazione di un controller
stand-up in un server
configurato in precedenza 9
Installazione di un controller
stand-up in un server non
configurato 8
Controller stand-up, installazione
Installazione di un controller
stand-up in un server
configurato in precedenza 9
Installazione di un controller
stand-up in un server non
configurato 8
Procedure per i controller in un
server 8
Controller, LED 1
Convenzione per la capacità di
memoria 5
Convenzione per la capacità di
memorizzazione 5
D
Dichiarazione di conformità
Dichiarazione sul contenuto di
materiale RoHS per
l'Ucraina 27
Dichiarazione sul contenuto di
materiale RoHS per la
Turchia 27
Informazioni sulle norme
vigenti 27
Dispositivi di memorizzazione
interni, collegamento 10
Driver del dispositivo,
installazione 14
E
Elettricità statica 26
F
FCC, avviso 27
Firmware, aggiornamento
14
G
Garanzia della batteria 27
Garanzia di protezione carico 27
Garanzia limitata 27
Giappone, avviso 27
Guasto dell'unità, effetti del 18
Guasto unità, rilevazione
Recupero da tolleranza agli
errori compromessa 18
Riconoscimento del guasto
dell'unità 17
H
HP Smart Storage Administrator
(HP SSA) 12
HP SmartCache 6
HP SSA (HP Smart Storage
Administrator) 12
HP, contatti 29
HP, informazioni di contatto
Come contattare HP 29
Prima di contattare HP 29
I
Indicazioni, sostituzione di unità
Prima di sostituire le unità 19
Sostituzione di unità 19
Informazioni sulla garanzia 27
Insight Diagnostics 15
Installazione degli agenti di
gestione 15
Installazione dei driver del
dispositivo 14
L
LED, controller 1
LED, modulo FBWC 2
M
Messa a terra, metodi 26
Indice analitico
33
messaggi di errore POST
Recupero da tolleranza agli
errori compromessa 18
Strumenti di diagnostica 15
Metodi per l'aggiornamento del
firmware 14
Modifiche, avviso FCC 27
N
Numeri di parte dei cavi 11
Numeri di parte, cavi 11
Numeri di telefono 29
Numeri telefonici
Assistenza e altre risorse 29
Come contattare HP 29
O
Ordine del controller,
impostazione 13
P
Prima di contattare HP
Come contattare HP 29
Prima di contattare HP 29
Procedure di configurazione 13
R
RAID, livelli 5
RBSU (ROM-Based Setup Utility)
Impostazione dell’ordine del
controller 13
ROM-Based Setup Utility
(Utility di configurazione
basata su ROM) 12
Ricostruzione, descrizione 20
Ricostruzione, interruzione
anormale 21
Ricostruzione, tempo necessario
Ripristino automatico dei dati
(ricostruzione) 20
Tempo necessario per la
ricostruzione 20
Riparazione da parte del cliente
(CSR)
Come contattare HP 29
Ripristino automatico dei dati
(ricostruzione) 20
34
Indice analitico
Ripristino dati
Recupero da tolleranza agli
errori compromessa 18
Ripristino automatico dei dati
(ricostruzione) 20
Risoluzione problemi 15
Risorse di assistenza 29
Rivenditore autorizzato
Assistenza e altre risorse 29
Come contattare HP 29
RoHS
Dichiarazione sul contenuto di
materiale RoHS per
l'Ucraina 27
Dichiarazione sul contenuto di
materiale RoHS per la
Turchia 27
S
SAS, sostituzione di 19
SATA, sostituzione di 19
Scaricamento di file 29
Scariche elettrostatiche
Metodi di messa a terra per
prevenire scariche
elettrostatiche 26
Prevenzione delle scariche
elettrostatiche 26
Scariche elettrostatiche 26
Scheda del controller,
caratteristiche
Caratteristiche del controller 6
Funzionalità di base 6
Scheda del controller,
installazione 10
Server configurato in precedenza,
installazione 9
Server non configurato,
installazione 8
Server supportati
Installazione e
configurazione 8
Server supportati 6
Server, supportati 6
Sito Web HP 29
Sostituzione di unità
Recupero da tolleranza agli
errori compromessa 18
Sostituzione di unità 19
Specifiche, controller 6
Spostamento di un array 23
Spostamento di unità 23
Strumenti di configurazione 12
Strumenti di manutenzione del
sistema 14
T
Tempo necessario, ricostruzione
20
Tolleranza agli errori
compromessa 18
U
Unità interne, installazione 10
Unità, aggiunta 24
Unità, determinazione dello stato
16
Unità, guasto
Effetti di un guasto dell'unità
disco rigido sulle unità
logiche 18
Riconoscimento del guasto
dell'unità 17
Unità, spostamento 23
ITWW

Documenti analoghi