Atti del museo civico di storia naturale di Trieste

Commenti

Transcript

Atti del museo civico di storia naturale di Trieste
CENNI SOPRA ALCUNE ALGHE
DELL'OCEANO INDIANO
1.
Dictyota Atomaria
Hauck
n.
sp.
T&-V- X.
Da una
lunga
nacea,
dicotomicamente.
arrotondati
lunghi
all'
a 45
I
cent.,
margine va fornito
a 2 min., più o
1
a base cuneiforme, che
segmenti sono lineari, larghi
apice. Il
meno
membra-
una fronda
conica esce
quasi
radice
15
1
divide
si
a 4 cent., ed
di denti sottili, acuti,
distanti tra di
loro,
i
quali
si
sviluppano poscia in proliferazioni cuneiformi, che verso la base
vanno restringendosi
sferici, del
ambo
le
macchie
un breve
in
pagine della fronda, ad eccezione del
individui, ed
od
ovali, del
colore dell'alga,
occupano del pari ambe-
come
diametro maggiore di 0*5 ad
Fu
rinvenuta dal Dr.
Bombay, ove viene
appesa
ai cespugli
1.
Fig. 2.
mill.
assume una
tinta verdastra.
Marchesetti in vicinanza di Malabar
rigettata dal
mare
di Yitex bicolor e di
e
non
di
rado trovasi
Salvadora persica, che
ricoprono la spiaggia. Vive alla profondità di
Fig.
1
di tutte le Dictyote, è nello stato vivente
di color olivo-bruno, che asciugandosi
Hill a
dense
margine,
forma allungata. Gli
pagine della fronda, sotto forma di dense macchie bianca-
le
stre allungate
Il
tetrasporangi sono
I
irregolari, punteggiate, per lo più di
anteridì trovansi su altri
due
peziolo.
diametro di circa 0*15 mm., raggruppati e formanti da
2-4
metri.
Esemplare giovane in grandezza naturale.
Esemplare adulto proliferante con tetrasporangi, in
grandezza naturale.
Fig. 3. Sezione
traversale
grandimento circa 150
volte.
del
tallo
con tetrasporangi, in-
236
Spongocladia vaucheriaeformis Aresch.
2.
(Spongocladia,
nytt
ett
algslagte
-
Oefvcrsigt of kongl. Vet. Akad.
Forhandl. 1853, Nr.
Tav.
9).
II.
Di quest' alga rinvenuta nel Febbraio 1883 a Singapore dal
Sig. E. Kassel,
museo.
La
vennero spediti dei bellissimi esemplari
al nostro
sua fronda, terete o compressa, della grossezza di 5
e 25 nini., irregolarmente
dicotoma e digitata, giunge ad un'al-
tezza di 10 e 25 cent. Essa consta di un tessuto spugnoso, com-
posto di una serie di filamenti alquanto rigidi, dapprima inarticolati,
poscia articolati, grossi 0*05
-
02 mm.,
ramosi,
intricati tra di
loro ed anastomizzanti ai punti di contatto.
In quanto concerne la sua posizione sistematica, quest' alga
viene a locarsi immediatamente appresso al Siphoiiocladus.
Siccome
dell'
sviluppo,
gli
esemplari da Singapore
Maurizio,
Isola
figurati
mi parve non del
dall'
1.
Alga
in
distinguono da quelli
tutto superfluo di
figura, che meglio rappresentasse
F'hj.
si
Areschoug, pel loro maggiore
1'
dare qui una nuova
abito spongiforme di quest'alga.
grandezza naturale.
Fig. 2, 3, 4. Filamenti ond' è costituita la fronda, ingrand.
con semplice
lente.
3.
Marchesettia spongioides Hauck.
(Hedwigia 1882 Nr.
Wsc-v.
La
cent.,
fronda spongiforme,
III.
terete
sorge da una base dilatata, e
micamente
in
9).
o
si
compressa, alta 10 e 30
divide per lo più dicoto-
numerosi rami, larghi da 5 e 20 mm.,
i
quali
non
237
di
rado confluiscono
un tessuto spugnoso
di 0*15 a 0*40 nini,
ai loro punti di contatto.
Essa è formata da
di filamenti tereti, cartilaginei, della grossezza
densamente ramificati ed anastomizzanti
quali constano di"due strati; di cui
grandi ed allungate, laddove
nell'
cole e tondeggianti.
Gli organi
rametti, alti 4 a 10
nini.,
piccoli cespugli, rare
riuniti
l'
i
interno esse appajono più pic-
di
riproduzione
per
lo
più
all'
sopra
trovansi
apice de' rami a
Questi ra-
volte solitari, dispersi pel tallo.
metti presentano la struttura dei filamenti del tallo, sono però
pò più
;
interno presenta cellule più
un
grossetti di questi e le cellule del loro strato esterno sono
alquanto più piccole nella parte, ove
riproduzione. I cistocarpi
un pricarpio
sessili,
di
si
sviluppano
forma ovoidale, constano di
celluioso, aperto all' apice
e
semplice, quasi sferico od ovale, talvolta
da una grande
organi di
gli
contenente un
un
po' lobato,
nucleo
formato
cellula placentare, le cui diramazioni periferiche
irradiano in filamenti articolati e ramosi, che alla loro estremità
sono tramutati in carpospore. I tetrasporangi trovansi su rametti
un pò
sati
claviformi,
a nemateci.
i
quali nella loro parte superiore sono ingros-
Questi
vengono formati da
disposte verticalmente alla superficie, tra le quali,
i
di
serie
sviluppano
si
tetrasporangi, oblunghi, divisi irregolarmente a croce.
di quest' alga è nello stato
vivente
violetto
cellule,
Il
colore
oscuro, tendente al
rosso bruno.
Quest' alga, appartenente alla famiglia delle Areschougiacee,
rimarchevole per la sua forma imitante
essendo fornita perfino degli
osculi,
del
tutto
una spugna,
venne trovata nel golfo di
Singapore dal Dr. Marchesetti, alla profondità di 3 ad 8 m.
Fu
pure raccolta da C. M. Hildebrandt a Nosi-bè (Madagascar) ed
a quanto mi comunica gentilmente
il
Dr.
Bornet,
anche
alla
Nuova Caledonia.
F'kj.
1.
Apice della fronda con rametti
fruttiferi
portanti
fruttiferi
portanti
cistocarpi, grand, nat.
Fig. 2. Apice della fronda con rametti
tetrasporangi, grand, nat.
i
238
mediana longitudinale
Fig. 3. Sezione
70
turo, ingrand.
portante
i
mediana longitudinale
tetrasporangi, ingrand.
Fig. 5. Sezione trasversale
tallo,
ingrand.
un cistocorpio ma-
volte.
Fig. 4. Parte della sezione
fruttifero,
d'
150
d'
un
filo
70
da
il
tallo,
un ramo
cui è costituito
il
v.
Fig. 6. Parte della sezione longitudinale d'
costituente
d'
v.
ingrand. 150
un
filo
più grosso,
v.
Dr. F.
Hauck.
m
"
.
"iVA
.
:
XC€<