CoolClub.it CoolClub.it

Commenti

Transcript

CoolClub.it CoolClub.it
[
CoolClub.it
2
<<
C’è invece chi, come Mina, preferisce le tintarelle di luna, chi, al contrario di Giuni Russo, non ha voglia né di remare né di fare il
bagno a largo. Perché uno le stagioni le porta dentro, che mica basta girare pagina a un calendario, mettere su i Beach Boys e
imboccare la litoranea. E mentre i Righeira ti telefonano e ti dicono Vamos a la playa tu pensi che come diceva Piero Focaccia
è ogni anno stessa spiaggia stesso mare. Allora preferisci sederti all’ombra con Los Hermanos Rigual e aspettare quando calienta
il sol. Che dopo giugno c’è pure Luglio che non finisce mai, mi ha detto Riccardo del Turco. Lunga e calda sarà questa estate e
piena di gente vestita come Sandy Marton ai tempi di People from Ibiza, perché gli anni ottanta sono tornati di moda. E poi ti gira
in testa un’estate fa di Califano e dici che no, che basta con le favole, che non risponderai a Paola e Chiara che ti dicono Vamos
a bailar, che è meglio se quest’estate la lasci legata a un granello di sabbia, a un raggio di sole come ha fatto Nico Fidenco.
Per chi come me non ama l’estate, per chi è terrorizzato dalla prova costume, dalle calure e le scottature, per chi al mare vero
preferisce il desktop tropici, per tutte queste persone esiste un’ altra estate. Perché la sagra non è una condanna ma una scelta,
perché se ti guardi intorno è pieno di musica. L’estate oltre al pullulare di adipe sulla battigia è piena zeppa di festival musicali, e
non, che in ogni dove sollazzano più di un tamarindo. E non poteva che aprirsi con una data storica per il Salento questo numero
di Coolclub.it. Il grande Iggy Pop, portato eroicamente e non senza qualche difficoltà da Meltin’pot a Melpignano. Per chi alle
tarante preferisce l’iguana del rock il 17 giugno è una data che passerà alla storia. Questo numero di Coolclub.it è dedicato ai
festival, ve ne abbiamo segnalati alcuni tra i più grandi e più interessanti e non solo musicali. Numero estivo, bimestrale, con le
nostre consuete recensioni, un’intervista ai salentini Bludinvidia e gli appuntamenti di questa maledetta estate.
Osvaldo
}
FESTIVAL ESTATE
CoolClub.it
Via De Jacobis 42 73100 Lecce
Telefono: 0832303707
e-mail: [email protected]
Sito: www.coolclub.it
Anno 2 Numero 16
Iscritto al registro della stampa del
tribunale di Lecce il 15.01.2004 al
n.844
Direttore responsabile
Osvaldo Piliego
Collettivo redazionale
Dario Goffredo, Pierpaolo Lala, Dario
Quarta, C. Michele Pierri, Gianpiero
Chionna
Collaboratori:
Giancarlo Susanna, Valentina
Cataldo, Cesare Liaci, Sergio
Chiari, Maurizia Calò, Marcello
Zappatore, Davide Castrignanò,
Amedeo Savino, Patrizio Longo,
Augusto Maiorano, Antonio Iovane,
Rossano Astremo, Rita Miglietta,
Marta Vignola, Daniele Lala, Elisa De
Portu, Daniele Rollo, Marco Daretti,
Marco Leone, Fulvio Totaro, Stefano
Toma, Federico Vaglio, Lorenzo
Coppola, Paola Volante, Nicola
Pace, Giacomo Rosato, Antonietta
Rosato, Nino D’Attis, Luca Greco,
Luisa Cotardo, Rakelman, Antonella
Lippo, Livio Romano, Pierfrancesco
Pacoda, Stefano Cristante, Carlo
Chicco, Antonino De Blasi, Fabio
Rossi, Marcello Aprile, Annalisa
Serpilli, Nicola Pace, Massimo Muci,
Francesco Lefons, Alfredo Borsetti,
Fabio Striani, Gianni De Blasi, Antonio
Calogiuri, Camillo Fasulo, Chiara
Piovan, Ruggero Bondi, Mauro
Marino
3
10
FESTIVAL
ESTATE
DISCHI
Per la foto di copertina si ringrazia
Meltin’Pot
Per le foto live dello Yellow Party
si ringrazia Claudio Longo
Per le altre foto si ringrazia Alice
Pedroletti
15
YGGY POP
LIBRI
18
Progetto grafico
dario
Stampa
Lupo Editore - Copertino
CINEMA
Chiuso in redazione all’ora di pranzo
del 20 giugno 2005
Per inserzioni pubblicitarie:
[email protected]
13
ph Alice Pedroletti Independent Days Festival
TEMPO DI FESTIVAL
Roskilde Festival
Dal 30 Giugno al 3 Luglio
13 & god (d/us)
5th element feat. Anthony
cruz, richie spice, turbulence
(jam)
Addictive tv (uk)
Alter ego (d)
Die anarchistische
abendunterhaltung (b)
Angu (grl)
Ataf (dk)
Athlete (uk)
Audioslave (us)
Autechre (uk)
Enzo avitabile & bottari (i)
Devendra banhart (us)
The be good tanyas (can)
Beatsteaks (d)
Bjørn berge (n)
Bikstok røgsystem (dk)
Black sabbath (uk)
Bloc party (uk)
The blue van (dk)
Bnegão & os seletores de
frequência (bra)
Bright eyes (us)
Brúðarbandið (isl)
Yuri buenaventura (co)
Captain comatose (us/d)
Cartridge (dk)
Chic (us)
Ida corr (dk)
Carl cox (uk)
Jamie cullum (uk)
D-a-d (dk)
Datarock (n)
The dears (can)
Death from above 1979 (can)
Desorden publico (ven)
Toumani diabaté (ml)
Dial zero (dk)
John digweed (uk)
Djosos krost (dk)
The dresden dolls (us)
Dungen (s)
Duran duran (uk)
Dwi mekar (idn)
Efterklang (dk)
Enslaved (n)
Erwin thomas (dk)
Eskobar (s)
Evil nine (uk)
The faint (us)
Faiz ali faiz (pak)
Fantômas (us)
Järde Världen & Medina (s)
Flogging Molly (us)
Foo Fighters (us)
Four Tet (uk)
The Futureheads (uk)
The Game (us)
Gatas Parlament (n)
The Go! Team (uk)
Green Day (us)
Juan Luis Guerra (dom. Rep.)
The Haunted (s)
Armand Van Helden (us)
Håkan Hellström (s)
Michele Henderson (dm)
Hess is more (dk)
The Hidden Cameras (can)
Ikscheltaschel (dk)
Interpol (us)
Isis (us)
The Iskariots (s)
Jackman (n)
Jimmy Eat World (us)
Joe True (dk)
Johnossi (s)
Junior Senior (dk)
Kaada/Patton (n/us)
Kano (uk)
Mory Kanté (guinea)
Karen (dk)
Kent (s)
Khonnor (us)
Konono no1 (cd)
Femi Kuti & The Positive Force
(ng)
ph Alice Pedroletti Independent Days Festival
Kå (dk)
Lack (dk)
Laid back (dk)
M83 (f)
Macaco (e)
Mahala raï banda (rom)
Maldoror (jap/us)
Mark One & Virus Syndicate
(uk)
The Mars Volta (us)
Mastodon (us)
Mercenary (dk)
Metric noise (dk)
Mew (dk)
Mimas (dk)
Mint Royale (uk)
The Mitchell Brothers (uk)
Mugison (isl)
Mylo (uk)
New Cool Collective Big Band
(nl)
Joanna Newsom (us)
Oh no Ono (dk)
Ohoi! Soundsystem (dk/uk)
Opto feat. Thomas Knak &
Carsten Nicolai (dk/d)
The Others (uk)
Outlandish (dk)
Patton/Rahzel (us)
The Perceptionists (us)
Plan B (uk)
Plantlife (us)
Plena Libre (pr)
The Ponys (us)
Radio Mundial (us)
Rahzel & Dj Js-1 (us)
The Raveonettes (dk)
Craig Richards (uk)
Roots Manuva (uk)
Röyksopp (n)
Mikael Simpson & Sølvstorm
(dk)
Ska Cubano (cub/uk)
Skambankt (n)
Snoop Dogg (us)
Peter Sommer (dk)
Sonic Youth (us)
The Spam Allstars (us)
Submission (dk)
Sunn o))) (us)
Svartbag (dk)
Sylvie Marks & Hal9000 (d)
The Tears (uk)
Thievery Corporation (us)
Le Tigre (us)
Tiken Jah Fakoly (civ)
Timbuktu & Damn! (s)
Tinariwen (ml)
Tocotronic (d)
Tokyo Ska Paradise Orchestra
(jap)
Ali Farka Touré feat. Toumani
Diabaté (ml)
Trentemøller feat. T.O.M. (dk)
Turbonegro (n)
Two Lone Swordsmen (uk)
Tys Tys (dk)
Unexploded (dk)
Tom Vek (uk)
Velvet Revolver (us)
Warren Suicide (d)
Warsaw Village Band (PL)
Brian Wilson (US)
Szigetfestival Budapest 10-17
agosto
MAIN STAGE - i big
internazionali
Beatsteaks (D)
Brand New Heavies (UK)
Ce’ Cile & T.O.K. (JAM)
Franz Ferdinand (UK)
Good Charlotte (USA)
Juliette and The Licks (USA)
Korn (USA)
Mando Diao (S)
Morcheeba (UK)
Natalie Imbruglia (AUS)
Nick Cave and The Bad Seeds
(AUS)
Roots Manuva (UK)
Sean Paul (Jamaica)
Ska P (E)
Tambours du Bronx (F)
The Game (USA)
The Hives (UK)
The Wailers (JAM)
Toy Dolls (UK)
Underworld (UK)
DANCE ARENA - scena
elettronica
DJ Rush
LTJ Bukem & MC Conrad
Luke Slater
Paul Van Dyk
Speedy J
The Advent
Tiga
Timo Maas
X Press 2
METAL HAMMER STAGE extreme sounds
Accept (D)
Brainstorm (D)
Ignite (USA)
Obituary (USA)
Opeth (S)
Saxon (UK)
Sentenced (FIN)
WORLD MUSIC STAGE - suoni
dal mondo
Die Anarchistische
CoolClub.it
Abendunterhaltung
B.V.S.C. presents Manuel
Guajiro Mirabal (CUB)
Les Hurlements d’Léo
Baaba Maal
Besh o drom
Cheikha Rimitti
Csik Zenekar
Enzo Avitabile (I)
Etnofon
Ivo Papasov
Khaled
Mahala Raï Banda
Manuel Guajiro Mirabal
Mitsoura
Mory Kante
Neocekavany Dychanek
Oi Va Voi (UK)
Parno Graszt
Radio Mundial
Tarace Boulba
The Klezmatics és Joshua
Nelson
Tinariwen
Tolhaje
Watchaclan
Woven Hand
Youssou n’Dour
Zap Mama
WAN2 STAGE - dalla world
music al punk
Almamegretta (I)
Dreadzone (UK)
Fishbone (USA)
Giant Robot
Hellacopters (S)
HidaJimbo (J)
Les Têtes Raides (F)
Louise Attaque (F)
Marianne Faithful (UK)
Matmatah
Prozac+ (I)
Resin Dogs
Sportfreunde Stiller (D)
The (International) Noise
Conspiracy (S)
Wickeda
Glastonbury Festival 2005
Dal 24 al 26 giugno Worthy
Farm, Pilton
24 giugno
Pyramid Stage
The White Stripes
Keane
Doves
Elvis Costello
The Zutons
The Thrills
John Butler Trio
The Undertones
The Subways
Other Stage
Fatboy Slim
Bloc Party
The Cooper Temple Clause
Hot Hot Heat
Tom Vek
Blackbud
The Dead 60s
Left Field Stage Hosted by
Virtual Festivals and Buck 65
Drum Circle
DJ Club Clandestino
Candido Fabre y Su Banda
WorldBeats Acoustics
Cubania
The Mutts
Soul Park
Raices Cubanas
The Rakes
The Beat
US Imperialism and the Cuban
Blockade debate with Bob
Crow (RMT), Luis Marron
(Cuban Solidarity Campaign)
Bob Crow
British Sea Power
Buck 65
Sonic Audio
The Lovegods
25 giugno
Pyramid Stage
Coldplay
New Order
The Coral
Ash
Kaiser Chiefs
Goldie Lookin’ Chain
Hayseed Dixie
Other Stage
Razorlight
Kasabian
Interpol
Echo & The Bunnymen
Athlete
The Dears
KT Tunstall
Modey Lemon
The Engineers
Left Field Stage Hosted by Love
Music Hate Racism
John Pilger Q & A
Ian Stone
Comedy presented by
the Refugee Council With
compere John Fothergill
Agent Blue
Bex Marshall
Shappi Khorsandi
Unite Against Fascism Debate
With Billy Bragg, The Specials &
others
Estelle
Rob Reynolds
Steve gribbin
Amicus:
DISCOVERED!
Birth Day Trust
Launch
Mark steel
Who Shot The
Sheriff?(Rock
Against Racism
Film Premiere)
Teasing Lu-Lu
Babyshambles
The Others
Lady Sovereign
Skitz & Rodney P
26 giugno
Pyramid Stage
The Killers
Brian Wilson
Garbage
Van Morrison
Jools Holland
Taj Mahal
The Glastonbury Town Band
Other Stage
Ian Brown
The La’s
Rufus Wainwright
The Bravery
The Futureheads
Soulwax
Cake
Thirteen Senses
Brendan Benson
Martha Wainwright
Left Field Stage Global
Solidarity Night
Short films & features
Neck
DJ Jerry Dammers
Billy Bragg
Steve Earle
Alison Moorer
The Beat feat. Neville Staples
Debate with Tony Benn, Dave
Prentis (UNISON), Kathryn
Smith (Co-op) & Leiton (Trade
Unionist from Costa Rica)
Simon Friend
Chris T-T
Dan Donnelly
Rosie Wilby
Rab Noakes
Carnival Collective
Unspecified day Line-up
John Peel Stage
The Earlies
The Tears
The Go! Team
Bright Eyes
Willy Mason
Mia
Secret Machines
M83
Your Code Name Is: Milo
Maximo Park
Nine Black Alps
Jem
James Blunt
The Dresden Dolls
The Subways
Be Your Own Pet
Rilo Kiley
The Rakes
Art Brut
Hard Fi
The Longcut
Morning Runner
Infidels
Outset
El Presidente
Jazz World Stage
Roy Ayers
Roots Manuva
Nigel Kennedy
Alabama 3
Tyler James
Kokolo
Dennis Rollins Badbone & Co
Terry Reid
Seeed
Moya
Taj Mahal
Amparanoia
G Love
The Levellers
Ilham Al Madfai
DJ Dolores
Femi Kuti
Zap Mama
Oojami
Youngblood Brass Band
Jaipur Kawa Brass Band
Avalon Stage
Oysterband
Eliza Carthy
Justin Sullivan
Terry Reid
The Proclaimers
Peatbog Faeries
Hayseed Dixie
Rory Mcleod
Session A9
Kangaroo Moon
Broken Family Band
Martha Tilston
The Huckleberries
Eddi Reader
Sharon Shannon
4
CoolClub.it
Shooglenifty
Baghdaddies
Baka Beyond
Leon Hunt & Daily
Planet
Seize The Day
Dragonsfly
Mahatma
North Cregg
Los Albertos
Polly Paulusma
Tarantism
Acoustic Stage
Steve Earle
Steve Harley
Beautiful South
Paul Brady
Paddy Casey
Tori Amos
Henry McCullough
Jerry Fish & The
Mudbug Club
Ani De Franco
Battlefield Band
London Community
Gospel Choir
Declan O’Rourke
Glenn Tilbrook
Ukulele Orchestra Of
Great Britain
Alison Moorer
Chas & Dave
Patti Griffin
Mike Whellans
London Lasses
David Kitt
The One Man Blues
Band
Ralfe Band
Kathleen Edwards
Clayhill
Deadbeats
Amos Lee
Tiny Tin Lady
Martha Wainwright
I am Kloot
Backbeat Beatles
Whalebone
East Coast Dance Tent
Bellagios
Evil Nine
Skinnyman & DJ Flip
Carl Cox
2 Many DJs
Terri Walker
Timo Maas
Whiley Crazy Titch J2 & +
Came
Plantlife
Glint
DJ Format feat. Abdominal
and D-Sisive
Mylo
West Coast Dance Tent
Way Out West
Ian Cheshire
Blakout
Layo and Bushwaka
Renny Pilgrim presents The TCR
All Stars
Scratchy (Clash Tour DJ)
5
Plump DJ’s
Atomic Hooligan
Mad Professor Dub Show
Celloman with 8 Piece Strings
System Seven
Radioactive Man
Hexstatic
The Bays
The Beat
Tetchi
BT
Sherem Jey (DJ Set)
808 State (DJ Set)
London Electricity
Zen TV (Matt Black)
Tayo (Dub DJ Set)
Jon Moore (Coldcut) (DJ Set)
Aural Imbalance
Banco de Gaia
Dubtribe
Eatstatic
High Contrast
Dreadzone
Freestylers
Phil K DJ
G Stage
Hyper
Krafty Kutz
Atomic Hooligan / Jay
Squarepusher
DJ Surgeon
Syndicate
James Monroe
Ans
Elite Force
General Midi
Cunning
DJ Speedy J
The Bug + MCs
Cassetteboy + DJ Rubbish
Lox
Joti Sidhu
JDS
Koma & Bones
Phantom Beats
Chris Clark
DJ Radioactiveman
Clever Bunny
The Commercial Hippies
Tristan (Twisted Records)
Hybrid
Dreadzone Soundsystem
Aquasky
Breakfastaz
Luke Vibert
Mark One + Virus
Juju
Jumanji
Son Kite
Roots Tent
Pathaan
Genesis Elijah
Oojami
Dub Dadda
Chemical Dub Theory
The Egg
Doozer
Lord Gosh
Alpha and Omega
Suns of Arqa
Marky, Patife, Stamina and
Cleveland Watkiss
Iration Steppas
Salmonella Dub
Seeed
Foreign Beggars
Task Force
Smith and Mighty / More
Rockers
Dib Dub
Dance Lounge Bar
Pitman
Little Barrie
Damn!
Plan B
Dbooga
Amalgamation of Soundz
Racheal Yamagata
hitey
Dive
Four Tet
Ivory
Buggz In The Attic
Urban Myth Club
Nouvelle Vague
Husky Rescue
Pussy Parlure
Peoples Republic of Disco
Anne Pigalle
Babyhead
Giant Games
Kokolo
Lovely Morning
Guilty Pleasures
Urban Magic
Pop Quiz
Parlure Deluxe
Seeed
Quirky Theatre
Neece Un Unk
Bingo Karaoke (Stars In Your
Eyes)
DJ Dolores
CoolClub.it
Dance Classes
Piano
Confirmed Acts
Day TBA
Röyksopp
Garbage
More rumoured acts...
Happy Mondays
Bob Geldof
Jet
ph Alice Pedroletti Independent Days Festival
Lauren Hill
The Arcade Fire
Babyshambles
Jack Johnson
British Sea Power
Tom McRae
The Tears
Kings Of Leon
Mercury Rev
Gorillaz
Concretes
Hope Of The States
Embrace
The Who
The Others
Reading Festival 2005
dal 26 al 28 Agosto Little Johns
Farm
26 agosto
Main Stage
The Pixies
The Killers
Queens Of The Stone Age
The Coral
Elbow
Dropkick Murphys
Finch
NME / Radio 1 Stage
Kasabian
Black Rebel Motorcycle Club
The Cooper Temple Clause
My Chemical Romance
Fightstar
The Subways
Death From Above 1979
The Blood Brothers
The Dead 60s
Carling Stage
Charlotte Hatherley
The Paddingtons
Two Gallants
Saul Williams
We Are Scientists
The Rogers Sisters
The Others
Juliette And The Licks
Nine Black Alps
Editors
The Cribs
The Longcut
Radio 1 / Lock Up Stage
Hatebreed
Anti Flag
Rise Against
Eighteen Visions
Dwarves
LCD Soundsystem
British Sea Power
Willy Mason
The Duke Spirit
Maximo Park
Hal
The Rakes
Art Brut
Sons & Daughters
Unspecified day Line-up
Rumoured acts
British Sea Power
The National
The Blood Arm
Ladytron
Mando Diao
The Cherubs
27 agosto
Carling Stage
The Go! Team
The Mystery Jets
The Raveonettes
747’s
The Caesars
Clor
Sleater Kinney
Yeti
Neon
Main Stage
Foo Fighters
Kings Of Leon
Razorlight
The Charlatans
Dinosaur Jr
Roots Manuva
Transplants
Simple Plan
The Wedding Present
The All American Rejects
NME / Radio 1 Stage
The Tears
Babyshambles
The Arcade Fire
Hot Hot Heat
The Kills
Capdown
Million Dead
Emmanuel
The Explosion
No Comply
28 agosto
Carling Stage
Adam Green
Komakino
Every Move A Picture
The Dresden Dolls
Towers Of London
Young Offenders Institute
The Engineers
The Rifles
Boy Kill Boy
Echo & The Bunnymen
Amusement Parks On Fire
Battle
Forward Russia
Main Stage
Iron Maiden
Marilyn Manson
Incubus
Iggy Pop & The Stooges
NOFX
Funeral for a Friend
Alkaline Trio
Turbonegro
Bullet For My Valentine
NME / Radio 1 Stage
Bloc Party
The Futureheads
Less than Jake
Supergrass
The Bravery
Killing Joke
Kaiser Chiefs
The Mars Volta
Bacardi B-Bar
Norman Jay
Joey Negro
Kerri Chandler
Neapolis festival, Napoli
7 Luglio
Afterhours
Kasabian
Kraftwerk
Lcd Soundsystem
8 Luglio
Marlene Kuntz
Nick Cave
Tom McRae
Tori Amos
Rototom Sun Splash 1-9 luglio
parco del Rivellino Osoppo
Skatalites
Morgan Heritage
Sud Sound System
Half Pint
Lutan Fyah
Cali P
Yellowman
Zion Train
6
CoolClub.it
7
Third World
John Holt
Gregory Isaacs
Uroy
Lloyd Parks & we the people
band
Tanya Stephens
Anthony Cruz
Richie Spice
Turbulence
Beenie Man
The Hormonauts
MAIN_STAGE 13-07-2005
Radio Babylon
Lura
N Dambi
Amadou & Mariam
Emir Kusturica & The No
Smoking Orchestra
PSYCHO STAGE 14-07-2005
Mosquitos
John Merrick
Rebekka Bakken
Zenphonic
Negramaro
Antony & The Johnsons
PSYCHO STAGE 17-07-2005
I fiori di Lill&Agrave;
Punch & Judy
Banana Co
Ilene Barnes
Ganjamama
MAIN STAGE 17-07-2005
Ascanio Celestini
1 luglio
Afterhours + Marco Parente
2 luglio
Killing Joke
8 luglio
Roy Paci & Aretuska + Nuovi
Cedrini
9 luglio
The (International) Noise
Conspiracy + Los Fastidios
Zap Mama
Damian Marley
Zion Train
Barrington Levy
Black Uhuru feat.
Duckie Simpson + Michael Rose
Ken Boothe
Jimmy Cliff
Lucky Dube
Twinkle Brothers
Mambassa
Yuppie Flu
Alabama 3
MAIN STAGE 14-07-2005
Zorn
The Rakes
Liars
British Sea Power
Bjorne Berge
Motorhead
PSYCHO STAGE 15-07-2005
Switch Over & Lafayette
Bachi da pietra
Ctlab
Andrea Chimenti
MAIN STAGE 15-07-2005
Substance-M
127
Le Peuple de l’herbe
Cibelle
Soulwax
The Kills
LCD soundsystem
PSYCHO STAGE 16-07-2005
Planet Brain
Miss Violetta Beauregard
Thepublic
Marta sui tubi
Ali De Siati
MAIN STAGE 16-07-2005
Dead models
Instituto
Vic Thrill & The Saturn Missile
Vina3
Franklin Delano
Perturbazione
Apres la classe
One dimensional man
Giuliano Palma & The
bluebeaters
Afterhours
15 luglio
Eastrodeo + Didjeri-tam
16 luglio
Subsonica
Rockisland Bottanuco (BG)
22/6 - One Dimensional Man
+ Gea
23/6 - Deasonika + Dilaila
24/6 - Marta Sui Tubi + Vanillina
25/6 - Giorgio Canali + Fabrizio
Coppola
26/6 - Offlaga Disco Pax +
Edwood
Arezzo Wave 12/17 Luglio
Arezzo
MAIN_STAGE 12-07-2005
NojazzElio e le Storie
TeseJoycutDaarajJoe
Zawinul & The Zawinul
SindycatePSYCHO STAGE 1307-2005
Red Worms Farm
Masoko
Fumisterie
Super Elastic Bubble Plastic
Sherwood festival 17 giugno 17
luglio Padova
17 giugno
Red Worm’s Farm + Super
Elastic Bubble Plastic
18 giugno
Bandabardò + SikitikiS
19 giugno
The Dresden Dolls + Vestfalia
22 giugno
Progetto Melting Pot Europa
presenta
Teatro La Nave fantasma
24 giugno
Teresa De Sio special guest
Raiz (ex-Almamegretta) +
Alessandro Grazian
25 giugno
Punkreas + C.S.C.H.
26 giugno
The Hellacopters + Baby Ruth
27 giugno
Teatro Fabbrica presenta
“Fabbrica” uno spettacolo di
Rock in Idro 2005
Milano @ Idroscalo
2 settembre
The Hives
Turbonegro
No Use For A Name
The Transplants feat.: Rob
Aston - Tim Armstrong (Rancid)
- Matt Freeman (Rancid, Social
Distortion) - Travis Baker (Blink
182) - Craig Leg
3 settembre
NOFX
Ska-P
Me first and the gimme gimmes
Millencolin
Hepcat
Flippaut Festival 1 & 2 giugno
2005
Bologna
Arena parco nord – Made in Bo
1 giugno 2005
The Chemical Brothers
Moby
Abe Duque
Tiromancino
CoolClub.it
Soulwax
Meg
Metric
M83
(Aftershow @ Link con 2 Many
Dj’s, Abe Duque, Lele Sacchi)
2 giugno 2005
Audioslave
Prodigy
Slipknot
Shadows Fall
Wednesday 13
Marla Singer
The Ga*ga*s
Gizmachi
Rumorerosa
Heineken Jammin’ festival 2005
Imola
10 Giugno
Vasco Rossi
Le Vibrazioni
Papa Roach
Simone
Velvet
Pia
11 Giugno
REM
Green Day
Garbage
I Am Kloot
Miura
Succo Marcio
12 Giugno
Oasis
Velvet Revolver
Billy Idol
Mercury Rev
Negramaro
Megadeth
Anthrax
Accept
Yngwie Malmsteen
Black Label Society
Hammerfall
Extrema
Exilia
Rockando Povolaro (VI) 16 - 19
Giugno
16 giugno
ingresso Euro 8
Giuliano Palma &
The Bluebeaters
17 giugno 2005
ingresso euro 15
Negrita
18 giugno
ingresso Euro 5
Emergency
– Soran non aver
paura
band vincitrice
della rassegna
[email protected]
Frankie hi-nrg
19 giugno ingresso Euro 15
Ska-J
The Wailers
Pop Eye - La Spezia
Centro Allende
25 giugno - 2 luglio 2005
25 giugno
Bandabardò
26 giugno
It From Bit
27 giugno
Luca Nesti
28 giugno
Miss Q. Lee
Jah-Zilla Sound System
Skatalites
Ferrara Buskers festival
Ultima settimana piena
d’agosto.
Porretta Soul Festival Porretta
Terme
dal 30 giugno 2005 al 3 luglio
2005
Isaac Hayes & The Movement
Booker T. & The M.G.s
Billy Preston and his band
The Soul Survivors with a Tribute
To King Curtis featuring
Cornell Dupree - guitar
Chuch Rainey - bass
Les McCann - Vocals and
Keyboards
Buddy Williams - Drums
Ronnie Cuber - Tenor Sax
Chicago Rhythm&Soul Blues
Style featuring
The Platinum Band
Cicero Blake
Nellie “Tiger” Travis
ANTEPRIMA GIOVEDI’ 30
GIUGNO CON Andrea
Mingardi and Rossoblues
Brothers Band in un tributo a
Ray Charles. Free entry
Traffic – Torino free festival (dal
29 giugno al 2 luglio)
Venerdì 1 luglio
Rokia Traorè
Virginia Rodrigues
Carmen Consoli
Sabato 2 luglio
New Order
Gods of Metal 2005,
11 e 12 giugno al
Made in Bo
Arena parco Nord di
Bologna
11 giugno
Iron Maiden
Slayer
Lacuna Coil
Obituary
Strapping Young Lad
Dragonforce
Mastodon
Mudvayne
Evergrey
12 giugno
Motley Crue
Sonic Youth
29 giugno
L’Aura
Cristina Donà
30 giugno
Outsider
Afterhours
1 luglio
Disco 2000
Patti Smith
2 luglio
Indipendent day
Domenica 4 settembre 2005
Bologna - Arena Parco Nord /
Festa dell’Unita’
Subsonica
Queens of the stone age
Bad religion
Bloc Party
The Bravery
The Futureheads
Maximo Park
Meganoidi
The Ordinary Boys
Social Distortion
Sikitikis
e altri ancora
LETTERATURA
Letterature Festival
Internazionale Roma 24
maggio- 23 giugno
24 maggio
Salman Rushdie
Toni Servillo
Roberto Gatto
Javier Girotto
27 maggio
Antonio Skarmeta
Riccardo Bini
Andreï Makine
Riccardo Bini
Nicola Stilo
Fabio Zeppetella
31 maggio
David Leavitt
Manuela Mandracchia
Ali Smith
Manuela Mandracchia
Franco D’Andrea
3 giugno
Daniele Del Giudice
Chiara Muti
Ugo Riccarelli
Lina Sastri
Enzo Pietropaoli
7 giugno
Hitomi Kanehara
Sonia Bergamasco
Natasha Radojcic
Sonia Bergamasco
Salvatore Bonafede
9 giugno
Marco Lodoli
Amanda Sandrelli
Blas Roca Rey
Enrico Pieranunzi
14 giugno
Jonathan Safran Foer
Fausto Russo Alesi
Michel Faber
Fausto Russo Alesi
Rita Marcotulli
16 giugno
Amitav Ghosh
Giuseppe Cederna
Danilo Rea
22 giugno
Javier Marías
Laura Morante
Renato Sellani
23 giugno
Amos Oz
Roberto Herlitzka
Paolo Birro
Pietro Tonolo
Festivaletteratura Mantova
7-11 settembre 2005
Internationales Literaturfestival
Berlin 6-17 settembre
6.9
Carlos Fuentes: Opening
Speech
8
CoolClub
oolClub.it
9
6.9.
Hans Magnus Enzensberger
reads Wallace Stevens.
Introduction: Joachim Sartorius
7.9.
Poetry Night with Dana Gioia,
Juan Felipe Herrera, C. K.
Williams, Mark Strand, Ellen
Hinsey, Edward Hirsch
8.9.
Doris Lessing reads from “A
Lovechild”
8.9.
Paul Maar reads from „Herr
Bello und das blaue Wunder“
9.9.
Arno Lustiger: „Jüdischer
Widerstand in Europa“
Closing Concert with Gcina
Mhlophe
CINEMA
Giugno
11-18 giugno
Taormina Bnl Filmfest Taormina
16-26 giugno
Los Angeles film festival - Los
Angeles
18-25 giugno
Festival internazionale del
cinema giovane di Valencia
- Valencia (Spagna)
3-12 giugno
Food in film Festival festival
cinegastronomico - Comuni
delle Langhe
20-24 luglio
Cervino international film
festival 8a edizione
luglio
Sacher festival del
cortometraggio 6a edizione
– Roma
2-9 luglio
Il cinema ritrovato XXXIV
mostra internazionale del
cinema libero - Bologna
7-16 luglio
Jerusalem international
film festival 22a edizione
– Gerusalemme
6-10 luglio
Montone Umbria film festival Le
altre voci del cinema europeo
– Discussion
10.9.
Poetry Night with Sarah Kirsch,
Ko Un and a concert from Aki
Takase and Yoko Tawada.
11.9.
Eliot Weinberger and others
read „What I Heard about
Iraq”
12.9.
Tribute to Susan Sontag:
Carolin Emcke, Michael Krüger,
Ivan Nagel and Joachim
Sartorius
12.9.
Kenzaburô Ôe reads from
Tagame
15.9.
Joachim Fest reads from
Begegnungen
16.9.
Judith Hermann reads Alice
Munro
17.9.
“Windy erzählt” performance
of the novel by Lars Gufstasson;
Direction: Nina Weitzner
17.9.
5-16 giugno
Napoli Film festival - Napoli
25 giugno-2 luglio
Monaco film festival 23a
edizione - Monaco (Germania)
17-26 giugno
Moscow international film
festival 27a edizione Mosca
(Russia)
24 giugno-2 luglio
Pesaro film festival 41a mostra
internazionale del nuovo
cinema - Pesaro
11-19 giugno
Shanghai Film festival 8a
edizione - Shangai (Cina)
10-25 giugno
Sidney film festival 52a edizione
- Sidney (Australia)
Luglio
luglio-agosto
Malescorto 6° festival
internazionale di
cortometraggi - Malesco (VB)
16-23 luglio
Giffoni Film Festival 35° Festival
internazionale di cinema per
ragazzi - Giffoni (SA)
- Montone (PG)
1-9 luglio
Sannio Filmfest 9° festival
del cinema in costume Sant’Agata dei Goti (BN)
1-17 luglio
Spoleto Cinema 48a edizione
del Festival dei due mondi Spoleto
20-24 luglio
Trani film festival VI edizione
– Castello Svevo Trani (BA)
Agosto
1-7 agosto
Imaginaria film Festival Conversano (BA)
18-28 agosto
Copenaghen International
Film Festival – Copenaghen
(Danimarca)
26 agosto-5 settembre
Festival des films du monde de
Montreal – Montreal (Canada)
31 agosto-10 settembre
La Biennale di Venezia 62a
Mostra Internazionale di Arte
Cinematografica - Venezia
3-13 agosto
Festival internazionale del film
di Locarno 58a edizione
3-12 agosto
Strade del cinema Festival
internazionale del cinema
muto musicato dal vivo - Aosta
17-28 agosto
Edinburgh international
film festival 59a edizione
– Edimburgo (Scozia)
19-26 agosto
The Norwegian Int’l Festival
– 33a edizione - Haugesund
(Norvegia)
26-28 agosto
Cortovisione Festival di
cortometraggi e arti visive San Cesario (LE)
Settembre
15-21 settembre
Festival gay lesbico di Lisbona
– Lisbona (Portogallo)
10-17 settembre
Ismailia international film
festival for documentary and
short films – Ismailia (Egitto)
28 settembre-2 ottobre
Woodstock film festival
– Woodstock (NY)
15-18 settembre
Mediterraneo video festival del
documentario – Ascea–Velia
(SA)
8-17 settembre
Toronto international film
festival – Toronto (Canada)
9-18 settembre
Milano Film Festival - Milano
10-18 settembre
Salento international film
festival – Tricase (LE)
28 settembre-4ottobre
Annecy cinema italien 23a
edizione – Annecy (Francia)
18-23 settembre
Festival del cinema italiano
di Stoccolma VIII edizione
– Cinema Skandia (Stoccolma)
26 settembre-1 ottobre
Efebo d’oro Premio
internazionale cinema e
narrativa - Agrigento
settembre
Terra di Siena IX edizione
– Siena
21-25 settembre
Morbegno film festival del
corto e del lungometraggio
– Morbegno (So)
settembre
Matita film festival del cinema
d’animazione – Chieti
30 settembre-5 ottobre
Festival internazionale
Cinemambiente VIII edizione
– Torino
CoolClub.it
Coldplay
X&Y
Emi
Difficile
bissare
la
bellezza di Parachutes
e infatti non è successo
neanche con questa
terza
prova.
Martin
sempre più in primo
piano,
canzoni
ed
atmosfere sempre più in
salsa U2. Non mancano
episodi degni di nota.
Yann Tiersen
Les retrouvailles
Virgin
Yann Tiersen si ripresenta
con 16 pezzi inediti
concepiti sull’isola di
Ouessant in Bretagna,
sede del più grande
faro al mondo. Tra le
collaborazioni
Jane
Birkin,
Miossec
e
LizFraser.
Yo la tengo
Prisoners of love
Matador/ Self
di Osvaldo
Eels
Blinking lights
and others
revelations
Vagrant /
Universal
di Osvaldo
Raveonettes
Pretty in black
Columbia
Terzo album per questo
gruppo svedese che
viaggia sulle note di un
pop rock disimpegnato
fatto di ballate e di
revival anni ’50. Leggero
e di facile ascolto.
Madness
The dangermen sessions
– Vol. 1
V2
Nuovo lavoro per la
storica
band
senza
il
chitarrista
della
formazione
originale
Chris Foreman. L’album
non
conterrà
brani
“originali”
ma
sarà
composto da cover ska
e reggae.
Ci sono gruppi che dal sottosuolo, underground dicono quelli che masticano le
lingue, hanno fatto e continuano a fare musica, che hanno un seguito insospettabile
e che nulla hanno da invidiare a più blasonati conterranei. Uno di questi gruppi che
ha scritto canzoni indelebili nella storia dell’indie sono i Yo la Tengo. Dall’85 a oggi
silenziosamente, per scelta, per conservare quella libertà di spaziare e sperimentare,
hanno inciso dischi prima per la Egon poi per la Matador sempre con la stessa
capacità, dolcezza, freschezza. E oggi ci rendono, con un triplo cd al prezzo di uno,
tutti questi anni punteggiati da canzoni che, come un tappeto fatto di arabeschi
semplici e belli, sono confortevoli, a volte dritte sorrette da distorsioni abrasive,
a volte teneramente semplici o ancora timidamente jazzate. Un campionario
vastissimo a cui attingere, in cui riconoscere periodi musicali, band attinenti, cose
che il tempo migliora come il vino e altre che devono rimanere esattamente come
sono. Solitamente non sono molto favorevole alle raccolte in genere, ma questa,
forse anche per la sua imponenza, è esaustiva senza avere le pretese di un best of.
Per gli amanti della band da non perdere il terzo cd fatto tutto di tracce bonus e
inediti.
Lontani sembrano, a pensarci oggi, i tempi di Beautiful Freak, bellissimo terzo
disco dal gusto agrodolce che per molti di noi è stato il biglietto d’ingresso
per il mondo degli Eels. Era il novantasei e da allora molta acqua è passata
sotto i ponti e tante canzoni nelle nostre orecchie. E anche Mark Oliver Everett
deus ex machina che si nasconde (manco tanto) dietro il progetto Eels ne ha
fatte di cose in tutti questi anni. Dischi con la band, Ep, album live colonne
sonore tanto da dover anche lui tirare il fiato e le somme. E proprio questo
sembra Blinking Lights And Other Revelations bellissimo e corposo ultimo disco
di Mr E. Un doppio album che in 33 canzoni e più di un’ora e mezzo di musica
ripercorre l’essenza e l’apparenza della band. Un disco in cui tutti gli elementi
da sempre presenti nelle corde del progetto sembrano accomodarsi tra le
tracce in modo naturale. Quasi come fosse una summa di questo decennio
e più degli Eels, un concept si direbbe, in cui la voce roca e intensa di Mr E fa
da guida nella vasta di atmosfere e sfumature. Lo zampino è sempre quello e
non sembra risentire del passare del tempo, la filosofia che si nasconde dietro
l’apparente semplicità è sempre quell’amara visione un po’ sbilenca della
vita, delle cose e delle persone. Musicalmente concepito ancor prima del
precedente Shootenanny! questo Blinking Lights And Other Revelations è un
disco molto lavorato sia dal punto di vista progettuale sia da quello musicale
e degli arrangiamenti. La chiave pop onnipresente è la linea guida su cui
trame folk, blues, indie si alternano. Chitarre cristalline cesellano arpeggi in cui
una parata di strumenti, veri e giocattolo, imbastiscono canzoni dalla presa
immediata, sognanti e terrene allo stesso tempo. Un disco fatto anche di
autocitazioni, di reprise dalle precedenti produzioni, che sembra ruotare più
che mai intorno alla figura di Mr E. Mentre prima infatti si aveva l’impressione
di ascoltare una band, rock per giunta, in questo episodio si assapora un
clima a tratti quasi cantautorale. Anche la copertina e il libretto sembrano
confermarlo con un omaggio di Mark Oliver Everett alla madre scomparsa. Un
disco bello e intenso consigliato agli amanti della band, che già lo avranno,
ma anche e soprattutto a chi non li ha mai ascoltati. Scoprirete lasciandolo
suonare che molto di quello che fa tanto bel pop oggi è merito degli Eels.
Osvaldo
10
CoolClub.it
spensierata, semplice, musicale.
Dunque l’ennesimo giudizio
positivo per i bei marchigiani al
loro quarto lavoro, che, chi lo
sa, potrebbe essere candidato
a miglior album indie del 2005
italiano.
Yuppie Flu
Toast masters
Audioglobe/Homesleep
di Valentina Cataldo
Due anni da quel capolavoro
di Days before the day che
accompagnava le “mie notti
sbagliate”.
Da allora sono cambiate tante
cose, e anche loro. Hanno
resistito ad un cambiamento
di line-up e hanno smentito
con
classe
chi
pensava
che sarebbe stato difficile
eguagliare il successo ottenuto
con quell’album considerato
tra i migliori del panorama
indipendente del 2003. Questo
nuovo lavoro della band
- Toast master - è diversissimo
dal precedente, eppure è,
ugualmente,
molto
bello.
Scompare o quanto meno si
attenua la base elettronica e la
presenza voluminosa degli archi
per lasciare posto a chitarre più
intense, più distorte, più incisive.
Più rock.
Un
disco
che
potrebbe
sembrare più leggero, anche se
forse leggero non lo è. La voce
è a mio avviso uno dei punti
forte del gruppo, ma anche
gli arrangiamenti colpiscono, e
che siano ruvidi o più melodici
sono comunque piacevolissimi
all’ascolto
e
facilmente
assimilabili. Undici belle tracce,
tra cui spicca Our nature,
proposto come singolo, che è
Supersystem
Always never again
Touch and go
di Giacomo Rosato
Quello che avrebbe potuto
essere un evento discografico
rischia per una serie di
circostanze fortuite di passare
quasi del tutto inosservato.
Ma andiamo con ordine; la
prospettiva di incombenti grane
legali e l’ingresso in formazione
di Josh Blair alla batteria hanno
spinto gli El Guapo a presentarsi
in sala d’incisione con un nuovo
nome. Del resto, a sentir loro, il
nome El Guapo non li aveva mai
convinti del tutto. D’altro canto
per i meno attenti non sarà così
facile individuare in Always
Never Again il successore del
bellissimo Fake French, tanto
più che anche il sito ufficiale
www.supersystemband.com
sembra essere ancora in fase
di allestimento e pertanto
piuttosto povero di informazioni
al riguardo. La speranza è che
mai come stavolta funzioni il
passaparola perché sarebbe
un vero peccato perdersi un
viaggio musicale così ricco e
affascinante: il solito magistrale
11
uso delle doppie voci (con il
cammeo di Molly Schnick degli
Out Hud in Everybody sings),
basi ritmiche taglienti sostenute
da un basso di chiara matrice
funky, chitarre arabeggianti
ispirate dalle Mille e una notte
che sembrano nate apposta
per fare il paio con le incursioni
elettroniche di Pete Cafarella
sono gli elementi trainanti di
questo ispiratissimo disco e
paiono sfidarsi in ogni pezzo
per il predominio, spuntandola
a turno e senza mai spezzare
il delicato equilibrio sonoro
costruito da Cohen e soci.
Un’altra dimostrazione della
ricchezza di spunti che offre il
connubio rock-elettronica.
Idjut Boys
Press Play
Tirk, 2005
di Rakelman
Dan Tyler e Conrad McDonnell
si incontrano a Cambridge alla
fine degli anni ’80 e danno vita
a questa strana creatura che
sono gli Idjut Boys, con base a
Londra. E proprio perché sono
“idioti”… ballano e fanno ballare
già da una decina d’anni! Il loro
sound si discosta da quella
disco-music che si prende un
po’ troppo sul serio. Press play,
uscito presso la Tirk, concentra in
80 minuti una vasta gamma di
pezzi completamente remixati,
riarrangiati e “corretti” in
svariate chiavi di lettura. Potenti
echi r&b in All the way down,
interpretato dalla splendida
voce, calda e vetrosa, di Etta
James; disco 70’s screziato da
morbido hip hop è Love me till
it hurts dei prodigiosi Plant Life
(per alcuni i novelli Outkast)
e ancora sonorità superfunky
da zampone d’elefante si
susseguono in Evil Vibration
dei Rebirth. Una cupa Ballerina
(Lindstrom & Prins Thomas)
porta con se break-beats e
soffici riverberi techno. Disco
80’s mutante Glad to know you
(Kitty Grant) e Tarot (Tantra). E
c’è posto anche per l’elettrosamba di Mu in Hello bored
biz man, per la space-disco di
Harry Thuman in Underwater e
per una bella Word up country
(Willis). Insomma, tutti i frutti!
Gorillaz
Demon Days
Emi
di Osvaldo
Scegliere
di
costruire
un
progetto musicale intorno a una
non immagine sembrerebbe
suicidio laddove è la copertina
a fare gran parte del successo.
Nascondersi
dietro
un
cartone animato creando un
immaginario pop decadente
in cui la musica rappresenta
il tramite e il manifesto della
propria musica è secondo me
la chiave di lettura del progetto
Gorillaz. Dopo la precedente
prova in cui Damon Albarn,
CoolClub.it
leader dei Blur, si era affiancato
a Dan the automator in
questo nuovo Demon days la
produzione è affidata a Danger
mouse e a una serie di amici
e
collaboratori
importanti.
Musicalmente il disco riesce a
mettere insieme, in una sorta di
calderone post moderno, punk,
hip hop, funk, disco, post rock,
trip hop, proprio con quella
attitudine al frammento che
ancora più riesce a sottolineare
la
filosofia
del
progetto.
Concettualmente
il
disco
parla dei nostri giorni, della
decadenza del nostro pianeta,
con il distacco che solo la non
esistenza dei Gorillaz e il cut
up musicale rendono possibile.
Ascoltando bene il disco ci
si rende conto che dietro a
questo gruppo c’è qualcosa di
più del semplice intrattenimento
radiofonico.
leader dei Karate), è The Evens
ed un omonimo disco d’esordio.
Parti vocali equamente divise,
lui anche alla baritone guitar
e lei che picchia sui tamburi,
duetti che rimandano alle cose
meno violente e più minimali
dei Nirvana, come anche alla
tradizione americana di certo
folk dalla decisa impronta
indie e fino ad improvvisazioni
tanto
free
form
quanto
azzeccate. E del sacro fuoco
dei tempi della Washington
D.C.? Oltre ai testi (tutt’altro
che politicamente corretti)
poco in verità, a parte qualche
vaga similitudine con le ultime
uscite “fugaziane”. Ma questa
sporca dozzina di composizioni
conquista ugualmente e con
un’immediatezza che ha dello
stupefacente!
Satan Jack White e la sorellina
meg riescono a spingersi oltre il
precedente fortunatissimo e lo
fanno con un disco più malato,
rozzo a tratti ( è stato registrato
in soli quindici giorni) come
nella monolica e ossessiva Blue
Orchid, o scollegato tra xilofoni
e feedback nella successiva the
Nurse, e poi li riconosciamo in un
incespicante filastrocca country
che si apre in un ritornello nella
loro migliore tradizione. Più
denso nella parte centrale il
disco ricomincia a pestare con
The Denial Twist. E tu sei lì con
testa che fa su e giù ma alla fine
ti chiedi...Boh?
The Cure
17 seconds Faith Pornography
Rheno Records, 2005
di Rakelman
Micah P. Hinson
And The Gospel Of Progress
Sketchbook/Goodfellas
di Camillo Fasulo
The Evens
The Evens
Dischord/Wide, 2005
di Camillo Fasulo
È il disco che da Ian MacKaye
con i Fugazi non ci saremmo
mai aspettati. Ma è anche il
disco che da Ian MacKaye,
senza i Fugazi, stavamo invece
attendendo da tempo.
Low-Fi rock apparentemente
edulcorato, un po’ sghembo,
ma ricco di quei battiti che solo
gli artisti con la “A” maiuscola
possiedono.
Ripensi (è inevitabile) a quelle
sei lettere, equamente divise
tra consonanti e vocali… e
un brivido ancora ti assale:
FUGAZI! Ian MacKaye è stato
uno dei pionieri di quel suono
violento ed obliquo, circolare
ed incessante, che nei Fugazi
aveva trovato una perfetta
combinazione. Suono spesso
imitato da molti dopo di loro.
Quello, però, è il passato,
glorioso e memorabile quanto
si vuole ma ora semplicemente
ricordo. Il presente, per Ian come
per l’altra metà del sodalizio,
Amy Farina (già nota per la
stretta parentela con Geoff,
The White Stripes
Get Behind me Satan
½ XL
di Osvaldo Piliego
Per uno che pratica il rock and
roll i White Stripes sono uno di
quei casi che stenti a spiegarti.
Ci sono tanti gruppi che da
prima di loro praticano un
grezzo garage rock dal suono
vintage, e non è neanche
vero che è perché sono due
o perchè c’è una donna alla
batteria, ce ne sono diversi
di duetti chitarra e batteria di
donne con la passione per i
tamburi. I White Stripes sono
stati capaci (o chi per loro) di
creare un clamore intorno a
loro che a un certo punto ha
abbandonato la musica per
diventare altro. La scelta del
severo cromatismo bianco/
rosso, la strana parentela tra i
due, forse il periodo propizio a
queste rispolverate retrò. C’è
anche da dire che dalla loro
parte i White Stripes hanno
l’incredibile
capacità
di
maneggiare 50 anni di rock, le
radici blues, le scalate hard rock
in stile Zep, i ruggiti hendrixiani,
tutto con estrema facilità e
naturalezza che ci restituisce
canzoni che arrivano subito. In
questo nuovo Get behind me
una delle migliori opere prime
che mi sia capitato di ascoltare
da un bel po’ di tempo a questa
parte. Neppure quaranta minuti
costruiti sulla fragilità di suoni
realmente fuori dal tempo e
sul canto di un musicista che
sa commuovere dalla prima
all’ultima nota!
Provate ad immaginare un
incrocio tra il Nick Cave più
romantico ed il Tom Waits che
non butta giù due righe prima di
aver scolato un paio di bottiglie
di quello buono. Rallentate ritmi
e battiti cardiaci ed otterrete
così And The Gospel Of Progress.
13 assolutamente scarne ballate
create, occorre dirlo, con la
classe di chi riesce facilmente a
trasformare in musica le proprie
personalissime esperienze. Non
sono canzoni queste, ma quasi
tranquille preghiere che narrano
dei tormenti di un giovane folk
singer del terzo millennio.
Per provare tutte le emozioni,
positive o negative, che hanno
segnato la tarda adolescenza
di Micah Paul, alle persone
“comuni”
non
basterebbe
una vita. Lui ci ha impiegato
neppure 20 anni! Un’esistenza
passata via-via tra le braccia
sinuose di un’ex fotomodella,
quelle altrettanto concupiscenti
di qualche droga a basso
costo e la squallida cella di una
prigione statale. Poi il fortunato
incontro con un gruppo di amici
musicisti, texani come lui, che
lo hanno aiutato a dar forma
ad alcuni suoi bozzetti musicali.
Il risultato lo abbiamo oggi qui,
sotto mano, ed è, ve lo assicuro,
17 seconds (1980), Faith (1981),
Pornography (1982): a distanza
di poco più di vent’anni ritorna
la trilogia dark dei Cure e c’è
poco da aggiungere. Ciascun
album è stato completamente
rimasterizzato ed è abbinato
a un disco extra che contiene
rarities, demos, outtakes e altra
roba mai messa in circolazione
(le b-sides sono tutte incluse nel
cofanetto “Join the dots”, 2004).
17 seconds, secondo album in
assoluto del gruppo, elogio di
angoscia e paranoia nell’anno
del suicidio di Ian Curtis, è
quello dell’anatema post punk
“A forest”, delle cupe visioni
galoppanti di “Play for today”
e del funereo finale della title
track. Tra gli extra, due brani
del side project Cult Hero e altra
roba (ma niente di che). Faith
è quanto di più cupo i Cure
abbiano sfornato. Qui c’è la
furia di “Primary” e “Doubt”, la
cantilena moribonda di “Faith”
e soprattutto “The funeral party”
e “The drowning man”, le due
canzoni-manifesto dell’album;
tra gli extra il singolo “Charlotte
sometimes”.
Pornography,
ultimo della saga, segna
la maturità del gruppo e la
svolta dal dark punk a sonorità
più complesse e mature. Le
armonie si fanno più convulse
e dissonanti (“100 years”),
tribali (“The hanging garden”);
su tutto domina la malinconia
esistenziale di “Cold” e della
wagneriana title track; a questo
punto gli extra davvero non
contano. Un classico “a la Star
Wars”. Imprescindibile.
12
CoolClub.it
L’IGUANA DEL ROCK VESTITA DI GIALLO
13
txt Osvaldo Piliego
ph Claudio Longo ©Claudio Longo
Increduli, già da tempo, ci si aggirava per le strade di una Lecce
tappezzata di locandine credendosi negli anni 70, magari a
Detroit. Dubbiosi per la serie, se non vedo non credo, da mesi
attendevamo questo evento, grandioso di per sé, inimmaginabile
nel Salento. Potenza e benevolenza di Meltin’pot che ogni anno
regala ai suoi conterranei The Yellow party. Lo scorso anno sulla
spiaggia di Marina di Salve hanno attraccato Goldie, Adrian
Sherwood e altri grossi nomi dell’elettronica mondiale in un rave
che ha fatto ballare migliaia di persone. Quest’anno il motto era:
Rock and roll the future. E così è stato, una serata che ha scosso
tutti i fortunati presenti e che in un modo o nell’altro farà parte del
loro futuro. In scaletta alcune tra le realtà indie rock emergenti
più interessanti e il grande Iggy Pop, icona del rock e padrino del
punk. Una grande festa arrivata dopo non poche polemiche.
Sempre gli spazi al centro del contendere. In un momento in
cui i giornali battono e ribattono sull’argomento anche the
yellow party si scontra con una terra che tanti amano chiamare
dell’accoglienza ma che spesso è brulla e arida intellettualmente.
Location iniziale del concerto doveva essere il castello di Otranto.
Azzardata forse come idea, per capienza e gestione, coraggiosa
come scelta quella di fare sposare la musica con le bellezze
architettoniche della nostra terra. A ridosso della data con quella
che è stata definita dagli organizzatori superficialità Otranto si tira
indietro, seconda possibilità località le Orte. Presto si scopre che
anche questa nuova strada non è percorribile e il calvario di the
Yellow party trova fine in uno dei comuni che da sempre si è fatto
promotore di grandi manifestazioni musicali: Melpignano. Non
solo la notte della taranta ha reso famosa questa isola felice nel
difficile territorio ma anche una lunga tradizione rock. E alla fine,
non senza salti mortali, melpignao ci è sembrata una cornice quasi
naturale per un evento come questo.
La bellezza di concerto come questi è in gran parte nei giorni
e nei minuti che li precedono. Il fermento e l’adrenalina lo vedi
negli occhi delle persone, non si parla di altro, negli stereo non
fa che suonare fun house. E poi gli amici sparsi in tutta italia
che ti chiamano chiedendoti se è vero, i viaggi organizzati
appositamente, la stazione piena di ragazzi con lo zaino in spalla.
Tutti quelli che amano il rock e la musica sanno che il concerto
del 17 a Melpignano è una data da non perdere assolutamente,
vuoi perché è l’unica data di Iggy in Italia, vuoi perchè è gratuito
o ancora perchè con lui divideranno il palco: Yumi Yumi, Mando
Diao, Rinocerose, Leeroy Thornhill, Vic Thrill. Noi di coolclub poi
siamo in brodo di giuggiole perchè siamo stati invitati ad aprire
con i nostri dj la serata e a dare una mano dietro le quinte. E
quando il rock and roll chiama coolclub risponde e in formazione
al completo eravamo, chi sul palco, chi dietro, chi tra la folla,
presenti e festanti. Il pomeriggio scorre tranquillo con piccole
carovane di ragazzi che prendono posto in prima fila o riparano
all’ombra di un 17 giugno caldo da tradizione.
Gli ultimi ritocchi, tensione piacevole nell’aria, e tutta la macchina,
come un orologio svizzero comincia a muoversi alle 20. sul palco
Sonic the Tonic, Postman Ultrachic, e Tobia Lamare si alternano
CoolClub.it
ai piatti con una selezione rock e non da
antologia. Risultato finale alla fine della loro
ora di esibizione, diciotto birre consumate
e tripudio su where is my mind dei Pixies.
Primo gruppo a salire sul palco Yumi Yumi.
Tra punk ed elettronica con tanto di
aperture pop e capatine dance, questo
assurdo duo giapponese potente e
divertente ha battezzato questa edizione di
the yellow party nel migliore dei modi. Una
delle linee guida nella scelta del cast era
quella di scegliere, accanto ai grossi nomi,
nuovi e interessanti nomi da far scoprire al
pubblico. E Yumi Yumi, è stata una bella
scoperta per le migliaia di presenti che
hanno
ballato
e
applaudito
in
attesa
dell’iguana,
di
Iggy. A seguire
salgono
sul
palco gli svedesi
Mando Diao , il
suono
garage
revival
della
band sembra un
ottimo antipasto
agli
Stooges,
sanno tenere il
palco in perfetto
stile rock and
roll,
rabbiosi,
spocchiosi
anche, nipotini
del grande Iggy
che
comincia
ad
aleggiare
nell’aria. I minuti
che precedono
il suo concerto si
consumano con
un’eccitazione
che macina i
pochi minuti lunghi un’eternità.
Preciso allo scoccare delle 23:
00 conquista il palco. Tutto si
ferma, anche i festeggiamenti
degli ospiti di Meltin’pot in corso
nel convento degli agostiniani,
tutti assolutamente ipnotizzati
dall’energia e dalla pura
essenza del rock. Penso che in
piazza a Melpignano c’è l’uomo che nel
69 ha cambiato le sorti, quello che ancora
oggi si concede il piacere di mandarci
affanculo. È un secondo, un pugno allo
stomaco, il resto è solo musica, la musica
di una band che forse meglio di tante
altre è riuscita a interpretare il malessere
dei ragazzi di Woodstock, la band che
ha anticipato il nichilismo che sarà poi
del punk. E tutto questo c’è ancora, lo
vedi negli occhi di Iggy che sono come
un biglietto andata e ritorno dagli inferi,
lo vedi nel suo fare animalesco sul palco,
lo senti nella sua voce che ancora graffia
e ferisce come un calcio ben assestato.
E ti dimentichi che si muove nei paraggi
dei sessanta e nelle sue righe ci leggi una
storia fatta di eccessi, di autolesionismo,
di follia. E lo invidi per un’energia che
non può essere terrena e la gente giù è in
delirio, quasi si celebrasse un rito pagano,
e lui su, vestito solo dai sui jeans attillatissimi,
lui scolpito come se il tempo e gli eccessi
lo avessero temprato. Lui che si diverte,
che abbraccia l’invasato cantante dei
Mando Diao che invade il palco insieme a
un acrobata freak e un Postman ultrachic
meno chic del solito e più punk che mai. E
passa un’ora e più come fosse un minuto,
in un fiato, in un unico flusso sonoro che è
violenza, vita, delirio, liberazione. La serata
prosegue con il live dei francesi Rinocerose
che arrivano come le coccole dopo
un orgasmo. Il finale è tutto per Leeroy
Thornhill, ex Prodigy ed è pulsare, danza, il
giusto finale di questa festa, di uno Yellow
party indimenticabile.
14
CoolClub.it
Cesare Battisti
Travestito da uomo
DeriveApprodi
Prima
opera
dello
scrittore “maledetto”,
tornato
al
centro
dell’attenzione per una
complessa
vicenda
giudiziaria legata ai
suoi trascorsi nella lotta
armata in Italia negli
anni Settanta.
Gianluca Morozzi
L’era del porco
Guanda
Tra passioni calcistiche
e letterarie, immerso
in una Bologna che
regala forti emozioni
musicali e trasgressioni
alcoliche, un giovane
scrittore abbandonato
dalla ragazza riesce a
far pubblicare il suo
libro da un piccolo
editore locale.
Gianluca
Costantini
Vorrei
Incontrarti
Fernandel
di Dario
Goffredo
libro del mese
Rick Moody
Il velo nero
Bompiani
2005
15
Alessandra Amitrano
Broken Barbie
Fazi
Stella è una ragazza
spezzata,
anche
se
nessuno
riesce
a
vederlo.
Passa
la
vita
a
cercare
ossessivamente,
instancabilmente,
quelli come lei, della
sua razza, rotti dentro.
Dave Eggers
La fame che abbiamo
Mondadori
Il libro è un insieme di
storie dai soggetti e
dalle
ambientazioni
più diverse: si passa
dai
ricordi
di
un
setter
irlandese
in
fuga alle meditazioni
umoristiche
e
agrodolci sul suicidio e
sull’amicizia.
Vorrei incontrarti, di Gianluca Costantini, è il libro a cui spetta il compito di inaugurare la
nuova collana dell’editore Fernandel “Illustorie”, che raccoglierà romanzi illustrati e che è
curata dallo stesso Costantini, giovane fumettista e illustratore.
Il libro narra di dieci anni della vita dell’autore, dieci anni che segnano il passaggio
dall’adolescanza all’età adulta e che sono a loro volta segnati dall’amore, dal desiderio,
dal rapporto conflittuale con i enitori, dalla vita di provincia, dal viaggio.
Un romanzo di formazione a fumetti dove ogni pagina è una vera e propria tavola che può
vivere di vita propria, caratterizzata dalla finitezza e dalla compostezza di un’illustrazione
grafica dalle linee minime e minimale, con un contrasto netto tra i disegni e la scrittura,
intesa non soltanto come linguaggio ma anche e soprattutto come costruzione grafica.
Il testo scorre lungo i disegni, è esso stesso disegno, a volte un po’ difficile da legere per un
miope come me, ma sempre suggestivo ed efficace nella costruzione della pagina.
Un libro che si legge in fretta come un fumetto e un fumetto che si legge con l’attenzione
che si dà ad un romanzo. Un buon esordio per una collana che promette bene, come tutte
le iniziative editoriali di una delle migliori case editrici italiane.
Ci sono scrittori che sono grandi perché ogni volta che scrivono un libro non si
limitano a “scrivere un libro”. Certi scrittori ogni volta che scrivono un libro stanno
piantando una pietra miliare nella storia della letteratura. Esiste in America una
generazione di scrittori che sembra aver raccolto una eredità importante e pesante
al tempo stesso. C’erano anni fa alcuni scrittori che hanno cambiato il modo di fare
e leggere la letteratura e non solo negli Stati Uniti: erano Salinger, Pinchon ed altri. La
loro produzione è stata un susseguirsi di capolavori sconvolgenti per bellezza e cura
della qualità. Erno altri tempi si dirà, erano altri modi di fare e pensare i libri. Verissimo.
Ma oggi, esiste un gruppo di scrittori, affini per qualità e capacità, non sempre e non
comunque per temi trattati, che sembra aver riportato in auge quel modo di fare e
pensare i libri. È un gruppo di scrittori relativamente giovani, dove abbiamo scoperto
che uno scrittore è giovane a quarant’anni perché continua a vendere libri fra i
giovani e della giovinezza di chi lo legge si ricopre, e dietro ad essa si nasconde.
Alcuni di questi scrittori sono giovani per davvero, o almeno hanno cominciato a fare
letteratura di qualità quando erano giovani per davvero.
David Eggers, David Forster Wallace, Boyle, sono alcuni di questi. Rick Moody è un
altro e mi piace particolarmente.
Il suo ultimo libro, Il velo nero, uscito con Guanda è un libro straordinario. A metà
strada tra il romanzo, l’autobiografia, il memoir, il saggio, ripercorre le vicende di
tre uomini legati proprio da un velo nero. L’autore stesso, un suo lontano avo e lo
scrittore Nathaniel Hawtorne autore del libro Il velo nero del pastore ispirato da un tal
Moody che per aver provacato involontariamente la morte di un amico portava il
volto coperto da un velo nero per la vergogna.
Moody guarda al suo proprio vissuto in maniera sconvolgente raccontandoci i suoi
anni terribili nell’abisso di droghe e alcool, gli anni più difficili della sua vita, la storia di
una famiglia che risale alla nascita degli Stati Uniti.
Non privo di momenti molto teneri e intimi, anche esilaranti, come ogni autobiografia
che valga la pena di essere letta, questo ultimo impegnativo lavoro di Rick Moody,
bello e maledetto proprio come il personaggio di un romanzo, segna ancora una
volta quella rinascita letteraria di cui ho parlato all’inizio.
Un capolavoro da non perdere assolutamente e un grande scrittore con tutte le
carte in regola.
Dario
CoolClub.it
Wu Ming - Vitaliano Ravagli
Asce di Guerra
Einaudi Stile Libero – 2005
di Rossano Astremo
È in libreria la nuova edizione
del romanzo Asce di guerra
(Einaudi, pagg. 455, € 13,50) del
collettivo bolognese Wu Ming,
scritto con la collaborazione
di Vitaliano Ravagli. Il romanzo
è stato pubblicato una prima
volta nel 2000 dalla casa
editrice Tropea. A parte una
minima ri-revisione del testo e
una breve premessa, la vera
novità è una fitta postfazione
(di venti pagine esatte), con
storie, aggiornamenti, riflessioni
su pregi e limiti del libro,
ragionamenti sul perché e il
percome raccontare la guerra
partigiana. I cinque scrittori che
compongono il colletivo Wu
Ming hanno creduto a Vitaliano
Ravagli, incontrato quasi per
caso mentre lavoravano a
un altro ambizioso racconto,
54, ambientato negli anni
Cinquanta. “C’è uno a Imola
che ha una storia straordinaria”.
È il giallista Carlo Lucarelli a
metterli in contatto. Incontro,
cena, una notte di fulminanti
racconti. E la decisione di
scrivere, assieme, un libro
strano, romanzo per comodità,
in realtà oggetto narrativo che
mescola biografie vere e di
fantasia, storiografia accurata
e “disinvolta”. Attorno alla
storia di Ravagli, vietcong di
Romagna, Wu Ming organizza
un
intreccio
dall’impatto
emotivo forte, non sterilizzato
dalla distanza storica. In Asce di
guerra riprendono vita le storie
di partigiani irriducibili, ribelli
delusi dal dopoguerra, “quelli
che non smisero di sparare”,
storie ripulite dall’agiografia
resistenziale del partigiano
sempre “buono”. Un libro
pensato
come
deliberato
“oltraggio al presente” e
alle sue rimozioni. La storia e
la memoria come “asce di
guerra” da disseppellire.
Giuseppe Caruso
Chi ha ucciso Silvio Berlusconi?
Ponte alle Grazie – 2005
di Rossano Astremo
Chi ha ucciso Silvio Berlusconi
?(Ponte alle Grazie) è il nuovo
romanzo di Giuseppe Caruso.
Ettore Saleri ha 25 anni e si è
appena laureato in Storia. Il
“mercato” di un laureato in
Storia è molto basso. Ettore,
se da una parte sente forte
questa stessa preoccupazione,
dall’altra la stempera un po’
con l’idea che avrebbe preso
qualsiasi lavoro gli si presentasse.
Una sera, Ettore e Bruno, altro
suo amico squattrinato, sono
al centro sociale vicino casa.
Incontrano Allegra. Ettore è
un po’ innamorato di Allegra,
da quando la conobbe, a
Genova durante il G8. Iniziano
a frequentarsi ed amarsi, anzi
per Ettore Allegra è la valvola
di sfogo, visti i lavoretti, che
fa, alcuni dei quasi faticosi e
pagati in nero. Ad un certo
punto, però, Allegra lo lascia
senza un perché. Ettore si mette
a seguirla. Scopre che Allegra
fa parte del “Gruppo Rosso
Combattente”, un gruppo
eversivo di estrema sinistra
che, bandita la violenza verso
le persone vuole comunque
farsi notare per dire all’Italia
che la stagione della protesta
“alternativa” non è terminata.
Senza anticipare il finale,
una premessa è d’obbligo.
Il romanzo di Caruso non
caldeggia affatto l’uccisione
di Silvio Berlusconi, ma è solo
una provocazione, una specie
di “evento simbolico”. Silvio
Berlusconi in questo romanzo,
e non solo, rappresenta il
simbolo del malessere reale
in cui versano i giovani, ma
anche di una classe dirigente
che, in nome della esasperata
flessibilità (perché così a loro
fa più comodo), toglie ogni
prospettiva di futuro.
Giulia Carcasi
Ma le stelle quante sono
Feltrinelli 2005
di Valentina Cataldo
Ho aspettato di vederla e
ascoltarla di persona, Giulia
Carcasi, per farmi un’idea
più precisa di lei - scrittrice
a soli vent’anni - e del suo
libro nuovo di zecca edito da
Feltrinelli. “Ma le stelle quante
sono” si domanda Giulia nel
titolo. Ma le stelle quante sono
ci siamo domandati noi più
di una volta, di certo. “Una
domanda bellissima, che come
tutte le domande bellissime
non vuole una risposta” - dice
Federico Moccia (autore di
Tre metri sopra il cielo ndr)
nelle vesti di presentatore di
questo libro all’incontro con
Giulia.
Alice,
protagonista
“a metà” di questa storia,
troverà una risposta a questa
domanda. Fra una famiglia
che vacilla, l’ultimo anno di
scuola, gli amici buoni e quelli
cattivi, la vita da diciottenne,
gli amori, le cadute in basso
e i voli in aria, Alice inizierà a
trovare una sua strada. L’altro
protagonista “a metà” è Carlo.
Carlo rappresenta l’altra faccia
del libro - nel vero senso della
parola: il libro va capovolto,
va letto prima da una parte e
poi dall’altra, “per galanteria si
inizia dalla ragazza”, suggerisce
Giulia - un altro modo di vivere
le cose, un altro atteggiamento
di fronte all’amore. Un romanzo
di crescita, di emozioni vissute
ricordate reinventate, una storia
semplice e complicata come la
vita, un buon esordio letterario.
Diego Cugia
Un amore all’inferno
Mondadori – 2005
di Francesco Giacovazzo
16
CoolClub.it
L’ultimo libro di Cugia non è il
solito romanzo. Non è il classico
giallo con l’assassino, tante
vittime e una storia d’amore.
Qui è tutto vero e a parlare
è Francesca - la ragazza
della pioggia - forse l’ultima
inconsapevole
vittima
del
“Mostro di Firenze”, l’anello
mancante
per
ricostruire
la vera storia di quei delitti
che per vent’anni hanno
sconvolto l’Italia intera. Perché
Francesca prima di essere
vittima è testimone chiave del
grande mistero che avvolge
il
ritrovamento
nel
lago
Trasimeno del corpo di suo
marito, Francesco Narducci,
giovane, bellissimo medico
il cui apparente suicidio ha
delle ripercussioni a dir poco
inquietanti nel processo sul
“Mostro”. Dopo la sua morte,
infatti, i crimini compiuti con
quella fatidica Beretta calibro
22 cessano di colpo e tutta la
faccenda sembra prendere
nuovi terrificanti risvolti. In questo
romanzo non ci sono accuse o
smentite, è solo una confessione
nel cuore della notte di una
donna sola a un uomo anche
lui un po’ solo il cui unico pregio
è quello di saper ascoltare.
Questa è la bellezza di una storia
scritta in maniera semplice,
senza nessun commento. Solo le
parole di due abissi di solitudine
che si riconoscono e si riempiono
dolcemente l’uno dell’altro.
Paul Morley
Metapop
Isbn
di Osvaldo
Prendiamo
due
apparenti
opposti musicali: Can’t Get
You Out Of My Head di
Kylie Minogue, famosissima
canzoncina trapana cervello
di qualche tempo fa e I Am
Sitting In A Room di Alvin Lucier
brano sperimentale di musica
contemporanea basato sulla
sovrapposizione su nastro di
voci. Se in mezzo ci mettiamo
l’enciclopedica
conoscenza
musicale di Paul Morley (Nme,
Bbc) e la sua passione per
la filosofia, il risultato è un
metaromanzo, un metasaggio,
una metafavola: Metapop.
Questa storia fantastica in cui
l’androgina Kilye sfreccia in
macchina verso una città che
non esiste è un viaggio non solo
attraverso la storia della musica
pop ma molto di più. Sono
pagine piene di ardite intuizioni,
di incredibili e minuziose
ricostruzioni e classifiche lunghe
cinquant’anni. Tutto con uno
stile
autoreferenziale
che
prende le distanze da alcuni
fenomeni del nuovo rock per
rifugiarsi in lunghe dichiarazioni
d’amore ad artisti e band
indispensabili ( veramente belle
quelle dedicate ai Kraftwerk).
Bella anche la veste grafica
scelta da questa nuova casa
editrice che presta grande
attenzione a titoli e immagine.
Silvia Ballestra
Tutto su mia nonna
Einaudi
di dario
Ancora un tuffo nelle esperienze
personali per Silvia Ballestra,
la ex enfant prodige di una
certa narrativa italiana degli
ultimi quindici anni. Tutto su mia
nonna, a mio avviso parafrasi
un po’ infelice del titolo di un
celebre film di Almodovar,
racconta le private e personali
faccende di casa Ballestra.
Nonostante l’indubbio stile
narrativo e l’abilità nell’uso
delle parole e del linguaggio
manipolati in maniera sempre
brillante e sensibile dalla
Ballestra, leggendo il libro
c’è come l’impressione che
l’autrice stia cercando in
qualche maniera di risolvere
delle spinte private e personali
più che di cimentarsi con un
lavoro letterario. L’arte del
memoir è cosa seria e delicata
e sembra che la materia
trattata dalla Ballestra non
riesca ad elevarsi dal privato
per raggiungere l’universale.
17
CoolClub.it
Batman Begins
Christopher Nolan
La guerra dei mondi
Steven Spielberg
Il giovane Bruce Wayne
torna
a
Gotham
City dopo un lungo
addestramento in giro
per il mondo con molte
difficoltà, inizia la sua
vita da eroe.
Tratto dal racconto di
H.G. Wells. Quando la
Terra viene invasa da
marziani venuti in massa
per distruggerla, Ray
Ferrier, che vive separato
dalla sua famiglia, torna
per difenderla.
I colori
dell’anima
– Modigliani
Mick Davis
Istituto Luce
di C. Michele
Pierri
Sin City
Robert
Rodriguez
Frank Miller
Buena Vista
International
A Casablanca gli angeli
non volano
Mohamed Asli
Le
vicende
di
tre
marocchini alla ricerca
disperata di coronare
i loro sogni e le loro
aspirazioni, in un mondo
spietato
e
spesso
ingiusto.
Gas
Luciano Melchionna
Luca, ventiquattro anni,
è soddisfatto da una
vita priva di passioni
e da una famiglia
opprimente. Finchè un
giorno non conosce
Riccardo...
Parigi 1919: un anno dopo che è finita la guerra la vita notturna è vivace. Nei bar, nei
caffè nascono e bruciano passioni e amori. Come quella di Jeanne e Amedeo Modigliani,
detto Modì, il pittore dal fascino italiano, non solo più bello e maledetto, ma anche più
ricco di talento. Al Cafè Rotonde Modì passa le sue serate tra i fumi dell’alcool, le risate, le
donne e i litigi con il suo grande antagonista: Picasso. Questo è l’intreccio dal quale nasce
questo ritratto della vita straordinaria di uno degli artisti più affascinanti del XX° secolo
interpretato in maniera intensa da Andy Garcia, unico vero vincitore in un film che lascia
molto a desiderare. E’ pur vero che trattare con le vite degli altri è sempre difficile, ma in
questo caso le carenze più evidenti sono da riscontrare in scelte narrative non sempre felici
che alla lunga stancano lo spettatore. A rendere ancora più difficile un giudizio positivo ci
si mettono anche una colonna sonora non molto azzeccata e una caratterizzazione dei
personaggi a tratti ridicola che sommata a colpi di scena tipicamente anglosassoni rende
difficile un naturale e più lucido fluire degli eventi. Insomma spero di non esserci andato
giù pesante, siamo tutti cosmopoliti e ci piace sperimentare, ma per piacere continuate a
parlarci di bulli e pupe e non avremo niente da dire.
Un mondo pieno di depravazione, sesso, sangue e violenza. Questo è il mondo di Sin City,
nato nel 1991 dalla mente di Frank Miller, geniale fumettista statunitense, e trasportato su
celluloide da Robert Rodriguez (Dal tramonto all’alba, El mariachi). Su questo scenario
si muovono in un intreccio di tre storie (rispettivamente i numeri 1, 3 e 4 dell’ albo) il
rude ma poetico lottatore di strada Marv (Mickey Rourke) che decide di vendicare la
bella Goldie, assassinata proprio mentre dormiva accanto a lui, l’ex-fotografo Dwight
(Clive Owen) che deve neascondere un omicidio da lui commesso accidentalmente,
mentre il poliziotto Hartigan (Bruce Willis) è incarcerato per un crimine che non ha
commesso. In questo film girato in bianco e nero ogni cosa è artificiale e vera allo stesso
tempo e gli sfondi, disegnati da Miller, sono un magico acquerello surrealista che ci
accompagna lungo un cammino fatto della vita degli ultimi, dei rifiuti che popolano i
bassifondi metropolitani e che vivono storie che non si possono neanche raccontare.
Penso che ci siano diversi problemi che un regista si pone quando si trova a riprodurre
un microcosmo di diversa provenienza senza doverlo snaturare, cercando di essere il
più possibile fedele ed originale allo stesso tempo nel riproporre qualcosa che esiste già
ed è ben radicato nella mente di chi osserva. Posso senz’altro dire che Rodriguez li ha
risolti tutti questi problemi e lo ha fatto confezionando un film innovativo, interessante
e soprattutto convincente dall’inizio alla fine, anche se sicuramente non adatto a chi
ha lo stomaco debole. Per chi conosce il fumetto poi, è straordinario vedere sul grande
schermo qualcosa che si era già prefigurato e che ora, rispetto a prima, ha soltanto
preso movimento. L’atmosfera che si respira è quella dei vecchi noir holliwoodiani, fatti
di una notte e di una nebbia perenni che avvolgevano la città come un grosso guanto
scuro e che rendevano vive le forze del male. In definitiva un giudizio ampiamente
positivo su questo film che bisognerebbe andare a vedere (tranne ovviamente nei
casi sopracitati) anche perché rappresenta un ritratto abbastanza lucido di quello che
potrà essere il cinema di domani. Signore e signori, la Città è vostra!
C. Michele Pierri
18
CoolClub.it
Stephen Hopkins
Tu chiamami Peter
Simon Bosanquet Produzione
Lucky Red – 2004
Di C. Michele Pierri
Come raccontare la vita
di qualcuno e soprattutto
come farlo con quella di un
grande attore come Peter
Sellers? Questo film uscito
a Cannes lo scorso anno e
arrivato finalmente nelle sale
italiane tenta di darcene una
risposta. Della personalità di
Peter Sellers si è sempre avuta
una percezione complessa
che, in qualche misura, non
sembrava
corrispondere
all’immagine pubblica che
non lasciava emergere le sue
reali frustrazioni. Il film segue le
tappe della sua carriera sin dai
primi successi radiofonici per
poi spostarsi sui primi tentativi
(e i primi rifiuti) nel mondo del
cinema, l’amore infelice per
Sofia Loren (Sonia Aquino) e
il rapporto patologico con la
madre, attrice di varietà, ma
anche con la prima moglie cui
continua a chiedere consigli
intimi. E poi l’incapacità di
trattare i figli, l’odio per i suoi
film, fossero anche La pantera
rosa o Il Dr. Stranamore che
con i suoi quattro ruoli quasi lo
annienta, fino alla fase hippy, ai
primi infarti, alla morte precoce
a soli 54 anni.
Interpretato
con buona aderenza fisica
da Geoffrey Rush, il lavoro
conserva tutti i limiti che può
avere una biografia e sembra
non avere un’anima propria,
non nutrire un vero amore
per
questo
straordinario
attore. Resta comunque una
testimonianza unica nel suo
genere che sarà utile senz’altro
a chi vuole saperne di più su
questo comico tanto geniale
quanto triste.
Gabriele Salvatores
Quo vadis, baby?
Colorado Film Produzione
Medusa – 2005
di C. Michele Pierri
Tratto dall’omonimo romanzo
di
Grazia
Verasani,
Quo
Vadis, Baby? è il frutto di una
partnership produttiva forte,
grazie alla quale il regista
italiano è riuscito ad assicurarsi
un buon budget per garantire
l’ottima confezione del film e
il supporto di una magnifica
colonna sonora composta
dagli strumentisti di Philip Glass
e registrata negli Stati Uniti.
Giorgia (Angela Baraldi) lavora
nell’agenzia di investigazioni del
padre (Luigi Maria Burruano)
frugando nei drammi personali
di chi l’assume. Ma la stessa
Giorgia ha un passato con
cui fare i conti: la scomparsa
della madre e della sorella
in
circostanze
analoghe.
19
Quando riceve alcune vecchie
videocassette che aveva inciso
la sorella Ada (Claudia Zanella)
più di quindici anni prima,
Giorgia decide di indagare
sulle circostanze della sua
morte. Dopo un periodo di
relativo letargo e purtroppo
lontano dai livelli di Io non ho
paura, il regista napoletano
ritorna in grande stile nelle sale
e lo fa con un film particolare, a
metà fra il noir e lo psicologico,
che proseguendo lascia sparsi
più dubbi che certezze fino alla
chiarificatrice soluzione finale.
Per quanto riguarda il lato
tecnico questo nuovo lavoro
porta molta sperimentazione nel
cinema di Salvatores partendo
dal genere per arrivare alla
scelta di girare in digitale e alla
presenza di una protagonista
femminile. In una complessa
serie di piani di lettura ci si ritrova
a immedesimarsi nell’esistenza
di Giorgia che a quarant’anni
e dopo aver frugato per
anni nella vita degli altri, si
trova costretta a farlo nella
propria e questo non può che
portare ad una serie di conflitti.
D’altro canto non è facile far
quadrare alla perfezione tanti
spunti e se ciò non è riuscito
al nostro regista come egli si
aspettava, gli va senz’altro
dato atto di aver osato più di
quanto non avesse mai fatto.
E non mi sembra poco. Un
incrocio brillante fra un noir e
un film di genere, ecco come
questo film si può considerare,
certamente non eccellente
e che lascia molti dubbi per
quanto riguarda sceneggiatura
e
caratterizzazione
dei
personaggi, ma che risulta
scorrevole e tecnicamente
ineccepibile. In una parola sola
Salvatores.
Gus Van Sant
Last days
Bim
di Osvaldo
Il rumore dei Nirvana diventa
silenzio in Last days, un silenzio
che dà fastidio, una natura
che sembra un feedback
lancinante, il disturbo a una
pace disperatamente cercata
da Kurt e trovata solo nel
suicidio. Il mito non aleggia in
nessun fotogramma, ma solo la
disperata fine di un uomo che
trascina i suoi ultimi giorni. Ultimo
film della trilogia sulla morte
cominiciata con Gerry nel 2002
e proseguita con Elephant. È un
film su un uomo, non su sulla sua
musica, nel film non si ascolta
neanche un brano dei Nirvana
ma solo una bellissima Venus
in Furs dei Velvet, un brano
di Michael Pitt (bravissimo nei
panni di Kurt) e tappeti a cura
di Thurston Moore. Gli elementi
del cinema di Gus Van Sant
ci sono tutti e tutti con una
fortissima
carica
emotiva:
i piani sequenza, le scene
che si ripetono cambiando
angolazione alla narrazione.
Di Kurt Cobain personaggio
c’è solo l’accenno come se
il regista volesse amplificare il
pathos e da dramma di uno
farlo diventare ascrivibile a più,
a tutti. Un film in sospeso che
neanche nella sua prevedibile
fine trova la pace.
Venerdì 24 giugno
Litos - Porto Selvaggio
Inaugurazione
Musica e divertimento con le selezioni
dei dj di Coolclub per l’inaugurazione
del Litos, una meravigliosa area balneare
sospesa sulla costa rocciosa del Parco di
Porto Selvaggio, una delle scenografie
naturali più suggestive del Salento.
1 luglio 2005
Cave di Cavallino (Le)
Ennio Morricone
Il Festival Salento Negroamaro ospita uno
dei grandi nomi della musica da film.
Morricone dirige Morricone è il titolo dello
spettacolo che propone l’esecuzione dei
brani musicali tratti dalle colonne sonore
del maestro. Inizio ore: 21:00. Biglietti 65
-55 -35 - 25 – 10 euro
9 luglio
San Cesario di Lecce
Sound Res/The National
9 luglio
Boban MarKovich Orchestra
Diso
10 luglio
Porto Selvaggio
Sam Paglia
Nella rassegna Etnica…Diso World Music
Festival 2005 Piazza Carlo Alberto a Diso
ospita l’esibizione della Boban Markovich
Orchestra. Una brass band (che esiste
da 17 anni) che ha coltivato l’idea di
conquistare il mondo. Aprono i salentini
Manigold.
Nuova domenica live al Litos di
Portoselvaggio. Sul palco posto sul mare
si esibirà Sam Paglia accompagnato
dalla sua band. Sam Paglia è esponente
di punta della scena exotica italiana.
Ingresso gratuito. Inizio ore 22.30. www.lit
osportoselvaggio.it
15/16 luglio
Lecce
On the table listening Wagner
24 luglio
Litos – Porto Selvaggio
Food Sound System
Ogni Sabato
Litos – Porto Selvaggio
La Fable
La Compagnia egiziana El Hanager apre
alle 22.00 la rassegna Officium et Opificium
curata dai Cantieri Koreja nell’ambito
del Festival Negroamaro. Il programma
prevede spettacoli
proposti per la
prima volta in Puglia. Per il programma
completo www.teatrokoreja.com
Food Sound System è il primo progetto
editoriale e teatrale del dj salentino
Donpasta.selecter. Nello spettacolo si
combinano la passione per i fornelli,
elucubrazioni musicali e improbabili
dissertazioni politiche.
Il sabato sera del Litos è La Fable. Un
contenitore in cui musica, immagini
e performance convivono creando
un’atmosfera da sogno. La musica
selezionata dal dj Tob Lamare spazierà tra
generi. La Fable nasce come l’ alternativa
alla classica serata in discoteca, un modo
diverso di ballare e divertirsi.
Gli statunitensi The National chiudono al
campo sportivo di San Cesario Sound Res,
organizzata all’interno di Negroamaro da
Loop House e Coolclub. A seguire la Loop
House band che racchiude i musicisti
che hanno partecipato alla residenza di
Sound Res. Info 0832-205583
11 luglio
Lecce
Philip Glass/ Sonorizzazione dal vivo di
Koyaanisqatsi
Nell’atrio di Palazzo dei Celestini il Philip
Glass Ensemble, diretto da Michael
Reisman, sonorizza dal vivo il film
Koyaanisqatsi, di Godfrey Reggio. Philip
Glass è uno dei protagonisti indiscussi
della scena musicale internazionale
dell’ultimo ventennio. Inizio ore 21.30.
Ingresso 20 euro. Info 800242815.
1/10 luglio
San Cesario
Sound Res
Sound Res è una residenza internazionale, un festival e una scuola
intensiva per la nuova musica ideata da Loop house e realizzata, per
il secondo anno consecutivo, in collaborazione con Coolclub che
rientra nell’articolato programma del festival Salento Negroamaro
della Provincia di Lecce. Dal 1 al 10 luglio si incontrano nel Salento
musicisti dal talento e dall’esperienza internazionalmente riconosciuti,
per dedicarsi alla ricerca sonora, collaborare alla creazione di musiche
originali e nuove produzioni, nate dall’incontro unico che il dispositivo
della residenza consente, coniugando arte e vita. Prenderanno
parte alla residenza David Cossin percussionista, il sound designer e
compositore elettronico David Sheppard, il chitarrista classico/rock/
new music Bryce Dessner, il contrabbassista jazz e latin jazz Gregg
August, il cantante sperimentale, compositore, performer Theo
Bleckmann, il cantante tradizionale Sufi Madan Gopal Sing, il violinista
classico-contemporaneo Padma Newsome e la rock band National.
Insieme a loro i musicisti salentini Luca Tarantino con liuti e chitarre,
e Populous alla consolle elettronica. I musicisti ospiti di Sound Res
concorreranno alla creazione di nuovi progetti sonori che verranno
presentati al pubblico nelle serate del 7, 8 (Palazzo Baronale) e 9 luglio
(Campo Sportivo di San Cesario di Lecce) in cui la Loop house band
eseguirà le musiche realizzate durante i dieci giorni di lavoro collettivo,
in concerti/eventi curati di volta in volta da due o più musicisti insieme
al resto del gruppo. Inoltre tra i partecipanti ai workshop un musicista,
o compositore, o sound designer salentino sarà selezionato da una
commissione scientifica di specialisti e riceverà una sponsorizzazione
per Bang on a Can Summer Music Institute e volerà a New York. Tutte le
informazioni sul sito www.coolclub.it oppure allo 0832-205583
giovedì 23 – lunedì 27 giugno
Genius Loci a Galatina (Le)
venerdì 24 giugno – musica
Big Day/Capleton all’Arena delle cave
di Cavallino (Le)
sabato 25 giugno - cinema
La maledizione della prima luna al Litos
di Portoselvaggio (Le)
martedì 28 giugno - teatro
Usha-frammenti di luce a Copertino (Le)
giovedì 30 giugno – musica
omaggio a De Andrè a Sava (Ta)
Sud sound system a Soleto
venerdì 1 luglio - cinema
Moulin rouge al Litos di Portoselvaggio
(Le)
venerdì 1 luglio – teatro
Andante con figure a Copertino (Le)
venerdì 1 luglio – musica
Walking jazz quartet al Circolo Tennis di
Casarano (Le)
sabato 2 luglio – musica
Premio Negroamaro a Leverano (Le)
venerdì 8 luglio - cinema
Mulholland drive al Litos di Portoselvaggio
(Le)
venerdì 8 luglio - musica
Sound Res a San Cesario di Lecce
Negramaro ad Avetrana (Ta)
Venerdì 8 luglio – teatro
Oggi Sposi al Circolo Tennis di Casarano
(Le)
Attraverso la musica, la letteratura,
l’improvvisazione e le massime della
saggezza popolare l’attore Ippolito
Chiarello racconta il matrimonio e
l’amore in una sorta di cerimonia
collettiva. Il giorno più bello della vita di
una coppia viene narrato con le canzoni
di Daniele Silvestri, Fred Buscaglione, Totò
e Elvis Presley e con l’espiazione canora
a base di Eros Ramazzotti e Umberto
Tozzi. Sull’altare/palco Ippolito Chiarello,
attoreofficiante, Gianluca De Rubertis,
Diego Deza Y Su Banda a Brindisi
Dilinò Band (Festival su Santa Marina) a
Muro Leccese
domenica 3 luglio - teatro
La Canzone degli F.P. e I.M. a Copertino
(Le)
domenica 3 luglio - musica
Sound Res Show case al Litos di Porto
Selvaggio (Le)
24 grana a Brindisi
martedì 5 luglio - cinema
Francisco Manso a Martano (Le)
martedì 5 luglio - musica
Dj Taùfik al-Firansyy a Castrignano dei
Greci (Le)
mercoledì 6 luglio - musica
Bana a Martano (Le)
giovedì 7 luglio - musica
Sound Res a San Cesario di Lecce
Venerdì 8 luglio - vino
pianista irriverente, e una coppia di
“futuri sposi” scelta per l’occasione.
Ingresso gratuito.
sabato 9 luglio - musica
Salento Reggae Night all’Area Stazione
Aradeo-Neviano-Seclì
(Le)Boban
MarKovich Orchestra-Manigold a Diso
(Le)
sabato 9 luglio – teatro
Circo Diatonico a Copertino (Le)
sabato 9 luglio (sino al 30 agosto) – arte
Carmelo Bene. La voce e il fenomeno al
Museo Castromediano di Lecce
domenica 10 luglio - musica
Mayra a Sternatia (Le)
domenica 10 luglio – teatro
Addio-terza lezione delle tenebre a
Copertino (Le)
martedì 12 luglio - musica
François R. Cambuzat a Castrignano dei
Greci (Le)
martedì 12 luglio – teatro
Antigone-anatomia della resistenza
dell’amore a Copertino (Le)
venerdì 15 luglio - musica
Mimmo Locasciulli a Santa Maria di
Leuca (Le)
Guy e gli specialisti al Circolo Tennis di
Casarano (Le)
venerdì 15 luglio - cinema
Big fish al Litos di Portoselvaggio (Le)
sabato 16 luglio - musica
Salentorkestra/Lura all’Etnica di Diso
(Le)
Banco del mutuo soccorso a Sogliano
Cavour (Le)
Martino De Cesare a Copertino (Le)
domenica 17 luglio - musica
Studio Davoli a Porto Selvaggio (Le)
Boo Boo Vibration a Noha (Le)
lunedì 18 luglio – teatro
Marco Paolini a Casarano (Le)
martedì 19 luglio - musica
Dj Nikis Paropoulos a Castrignano dei
Greci (Le)
venerdì 22 luglio -cinema
Arizona dream al Litos di Portoselvaggio
(Le)
Cinema del reale a Galatone (Le)
sabato 23 luglio – cinema
Cinema del reale a Galatone (Le)
sabato 23 luglio – musica
One dimensional band/Santo Niente a
Marina di Andrano (Le)
Salento Summer Festival / Sizzla alle
Cave di Cursi (Le)
domenica 24 luglio – musica
Il parto delle nuvole pesanti a Copertino
(Le)
martedì 26 luglio - musica
Florence Crouïgneau a Castrignano dei
Greci (Le)
martedì 26 luglio – libri
Vorrei incontrarti (Fernandel) al Litos di
Portoselvaggio (Le)
Tutti gli altri appuntamenti sul sito
www.coolclub.it – per segnalazioni
[email protected]
CoolClub.it
SALENTO ROCK&ROLL BAND
In questo numero dedicato ai festival ospitiamo con piacere
Marco Ancona dei Bludinvidia, band storica del panorama rock
salentino. Gli argomenti in ballo sono tanti e la lingua corre veloce
in un pomeriggio assolato nei cortili di Coolclub tra birre e sigarette
come la tradizione rock and roll richiede.
A giorni vi esibirete sul palco del Neapolis festival insieme ad
Afterhours, Kasabian, Kraftwerk, Lcd Soundsystem, immagino sia
una grande soddisfazione.
Siamo molto contenti di suonare su un palco così importante,
credo che il Neapolis sia ormai l’unico storico alternativo in
Italia, tra quelli grossi intendo. Il fatto di andarci come band
indipendente prodotta da un’etichetta indipendente e senza
spinte di una major ci riempie di orgoglio.
Negramaro all’Heineken, Bludinvidia al Neapolis. Il rock salentino
sui grandi palchi. Come vedi in questo momento il rock salentino,
il successo dei vostri conterranei, il vostro nuovo percorso
discografico?
Sono molto felice per il successo dei Negramaro. Sono stato tra
i primi a fare arrivare alle orecchie di vari promoter il loro primo
demo nel nostro lungo tour italiano del 2001 (91 date in un anno e
mezzo). Credo però che il loro percorso artistico e il loro approccio
sia molto diverso da quello di un tempo.
Come Bludinvidia vi professate indipendenti per scelta.
Di fatto direi. Non riuscirei a scrivere canzoni canticchiabili dalle
casalinghe.
È una battuta?
Purtroppo è vero. Limite personale.
Ok passiamo oltre, è appena uscito il vostro primo video tratto
dall’album Non è abbastanza ancora, me ne parli?
Il video del brano Danneggiamento del sistema periferico riassume
in un certo senso quello di cui abbiamo parlato fino ad ora. Per
scelta non compariamo nelle immagini tranne che nel manifesto
ripreso nell’ultimo fotogramma. Mancavamo dal video da circa 6
anni, l’ultima volta facevamo la parte dei ciechi in una simpatica
storiella.
Ancora ironia?
Semplicemente volevamo fare qualcosa di diverso, starcene a
casa mentre qualcuno girava il video. Sicuramente per il prossimo
ci impegneremo di più. Poi ci piaceva molto lo storyboard di
Romana Meggiolaro (già alle prese con Tiromancino).
Il 16 giugno esce il vostro disco, il video è già in rotazione. Come
mai?
Insieme alla nostra etichetta (l’indipendente Startrecords)
abbiamo deciso, comodamente seduti al tavolo di una trattoria
leccese, senza subire troppe chiamate intercontinentali (si riferisce
alla loro precedente esperienza con Sony ndr) di uscire con il
video del singolo evitando la canonica operazione commerciale
di stamparlo e metterlo nei negozi. Fortunatamente Mtv lo passa
nonostante ciò.
Seguite quindi una politica sui prezzi e il modo di far promozione.
Innanzitutto, personalmente ho discusso con la nostra produzione
facendo a meno di punti royalties (in parole povere soldi) sulla
vendita del cd per mantenere il prezzo basso ( 10€ ai concerti 12€
nei negozi). Questo è stato possibile grazie anche alla disponibilità
della distribuzione (sempre indipendente) Storie di Note/ Suoni
Music.
È un po’ lo stesso
discorso
che
portate
avanti
nei live. Non vi
fermate mai.
Purtroppo
il
prezzo
dei
concerti
è
normalmente
appannaggio
del
promoter
che lo compra.
Noi tentiamo di
ridurre il budget
e le spese di
uno spettacolo
sperando che il
biglietto sia più
basso possibile.
Credo che il live
sia la massima
espressione
di
una rock band e
anche in genere
di chi ama fare
rumore.
Quindi i vostri
live sono molto
diversi dal disco.
Politicamente
a b b i a m o
optato per una
registrazione
praticamente
live con tutte le
improvvisazioni e
le belle sporcizie
che ci fanno divertire in un concerto. Questo non significa che in
un prossimo lavoro potremo registrarlo con quaranta strumenti e
riproporlo dal vivo in quattro in modo completamente diverso.
Quando di nuovo on stage nel Salento?
Abbiamo voglia di fare una cosa che più che un concerto sia una
festa per l’uscita dell’album. In questo momento siamo impegnati
in varie attività promozionali e speriamo che si proponga presto il
momento giusto.
Osvaldo
22
CoolClub.it
23
TYPESCRIPT
Questo mese c’è una grossa
novità in casa Coolclub, una
di quelle novità che in un certo
senso potrebbero cambiarti
la vita, se non da un punto di
vista economico, almeno e
sicuramente da un punto di
vista esistenziale.
Coolclub diventa editore.
In qualche maniera si tratta
di una naturale evoluzione
delle cose. Coolclub in
realtà è già editore. È
editore di questo giornale
che va avanti ormai da due
anni, e non è poco.
Come al solito sembra quasi
che da soli ce la suoniamo
e ce la cantiamo ma non
è così.
Quando ci si lancia in una
nuova avventura, che come
tutte le avventure sai quando
e dove comincia e non sai
quando e dove finisce, si sente
il bisogno di raccontarlo a
qualcuno.
È come il vecchio pirata che
decide di metter su una nuova
nave e di riprendere la via
del mare. Ha la barca ma ha
bisogno dell’equipaggio, la
ciurma come la chiamano
loro. E allora che fa il vecchio
pirata, va alla locanda, entra
traballando sulla sua gamba
nei mari. Dopodiché comincia
a parlare a voce alta, sicuro di
sé, della sua esperienza che gli
dice che anche questa volta
andrà tutto bene, ha ancora
un occhio e una gamba e
due braccia che sono più che
sufficienti. Chiama l’oste, ordina
di legno, cerca di mettere a
fuoco con il suo unico occhio
non bendato le facce dei
presenti, sceglie quelle che gli
sembrano più truci e vissute,
come la sua, e si siede ad un
tavolo vicino a quella che lui
ha già deciso essere la ciurma
per la sua prossima avventura
da bere, lo insulta, ma con
rispetto, dimostrando a tutti,
con il linguaggio che usa, che
lui è un gentiluomo di ventura.
E subito attira l’attenzione
degli altri seduti al tavolo, che
bevono tra di loro.
È questione di pochi minuti:
dopo la diffidenza iniziale, gli
uomini sono tutti seduti intorno
allo stesso tavolino, hanno già
deciso chi sarà il secondo,
chi sarà il capomastro, dove
andare a trovare i marinai
adatti per navigare come si
deve. Sono amici, ridono e
scherzano, evocano avventure
passate
e
capitani
che hanno incontrato,
grandi eroi. Come quel
gentiluomo di ventura io
sono seduto al mio bar
e invito tutti i presenti a
sedersi al mio tavolo, a
prendere parte a questa
grande nuova avventura.
Invito tra tutti coloro che
mi stanno leggendo, ogni
grafico, ogni illustratore,
ogni scrittore di racconti e
storie, a farsi vivo, ad unirsi a noi
di Coolclub in questo progetto
che può diventare qualcosa
di veramente emozionante.
Come ogni avventura nel mare
aperto.
Dario

Documenti analoghi