Gamma Dental Software®

Commenti

Transcript

Gamma Dental Software®
Manuale
Gamma Dental
Software®
Versione 3
per Windows 98SE/2000/XP
Revisione A
© Copyright 2002 by GAMMA AG
A - 3400 Klosterneuburg, AUSTRIA
Internet: www.gammadental.com
© Copyright: GAMMA Medizinisch-wissenschaftliche Fortbildungs-AG 2002
Questo documento contiene informazioni protette da copyright. Tutti i diritti riservati. È
vietata la riproduzione e la traduzione in altre lingue, totale o parziale, senza
l’autorizzazione scritta ed espressa della GA MMA Medizinisch-wissenschaftliche
Fortbildungs-AG.
Garanzia:
Si riserva la facoltà di modificare senza preavviso le informazioni contenute in questa
pubblicazione. Non si fornisce alcuna garanzia, sia esplicita che implicita, circa il
funzionamento, la presenza di errori e l’utilizzabilità del software o della documentazione.
Gamma AG esclude qualsiasi responsabilità.
GAMMA AG si riserva il diritto esplicito, di modificare il software e la documentazione
senza previa notificazione a terzi.
GAMMA AG non esclude che a causa di errori di sistema, di manutenzione o di
utilizzo vengano elaborati risultati errati. Sarà quindi sempre necessario che il
medico responsabile effettui un controllo di plausibilità dei calcoli e dei dati
elaborati. È sempre il medico curante che decide sulla terapia ed è lui che è
responsabile per il paziente. Gamma esclude quindi qualsiasi responsabilità a tale
proposito.
Marchi:
Axiograph e SAM sono marchi registrati della Ditta SAM di Monaco di Baviera. IBM
è un marchio della Ditta International Business Machines. Microsoft e MSDOS sono
marchi della Ditta MicroSoft Corporation. Novell, Btrieve, NetWare e Requester sono
marchi della Ditta Novell. 80386, 80486 e Pentium sono marchi della Ditta Intel. Gamma
Dental Software, Cadias, Cadiwax, Cadiax sono marchi della Ditta GAMMA AG. Altri
prodotti o denominazioni di prodotti sono marchi registrati dei rispettivi produttori.
Indice:
1
1.1
1.2
1.3
1.4
2
2.1
2.1.1
2.2
2.3
2.4
2.5
2.5.1
2.5.2
2.5.3
2.5.4
2.5.4.1
2.5.4.2
2.5.4.3
2.5.4.4
2.5.4.5
2.5.5
2.5.5.1
2.5.5.2
2.5.5.3
3
3.1
3.2
3.3
3.3.1
3.3.2
4
4.1
4.2
4.3
4.4
4.4.1
4.4.2
Installazione
1
Avvio dell’installazione ........................................................................................... 2
Opzioni di installazione ............................................................................................ 3
Copiare il programma ................................................................................................ 6
Completare l’installazione........................................................................................ 8
Data Manager
11
Il concetto .................................................................................................................. 11
Opzioni generali GDSW ........................................................................................... 12
Avvio del Data Manager......................................................................................... 13
Visualizzazione........................................................................................................... 15
Lavorare con il Data Manager................................................................................. 16
L’albero dati............................................................................................................... 18
La banca dati.............................................................................................................. 18
Aprire una banca dati esistente.............................................................................. 19
Aprire una nuova banca dati................................................................................... 21
Albero dati – Livelli .................................................................................................. 22
La struttura ............................................................................................................ 22
Visualizzare o nascondere i livelli....................................................................... 25
Selezionare il paziente.......................................................................................... 25
Filtro dati................................................................................................................ 27
Ricerca paziente.................................................................................................... 32
Manipolazione dati................................................................................................... 33
Inserire un oggetto............................................................................................... 33
Copiare e spostare oggetti.................................................................................. 40
Cancellare oggetti................................................................................................. 42
Dati byase
45
Cosa sono i dati base? ............................................................................................. 45
Definizione dei dati base.......................................................................................... 45
Gestione dei dati base.............................................................................................. 48
Inserire i dati di un nuovo paziente........................................................................ 48
Modificare i dati di un paziente............................................................................... 51
CADIAX®
53
CADIAX® driver per Windows ............................................................................. 53
Prova di funzionamento ........................................................................................... 55
Inserire un nuovo oggetto CADIAX® nel Data Manager................................. 57
Registrazione con CADIAX®................................................................................. 60
Posizionamento del paziente ................................................................................... 61
Spiegazioni al paziente ............................................................................................. 61
4.4.3
4.4.4
4.4.5
4.4.6
4.4.7
4.4.8
4.5
4.6
4.7
4.7.1
4.7.2
4.7.3
4.7.4
4.7.5
4.7.6
4.8
4.8.1
4.8.2
4.8.3
4.9
4.9.1
4.9.2
4.9.3
4.9.4
4.9.5
4.9.6
4.9.7
4.9.8
4.9.9
4.9.10
4.9.11
4.9.12
4.9.13
4.9.14
4.9.15
5
5.1
5.2
5.3
5.4
5.5
5.6
5.7
5.8
5.8.1
Il cucchiaio para-occlusale ...................................................................................... 61
Montaggio dell’arco facciale................................................................................... 63
Montaggio delle lastre ............................................................................................. 66
Montaggio dell’arco facciale inferiore ................................................................... 67
Fissaggio degli stili di misurazione......................................................................... 68
Struttura e cablaggio del sistema elettronico........................................................ 68
Localizzazione e impostazione dell’asse................................................................ 70
Immissione di dati geometrici.................................................................................. 73
Registrazione delle curve......................................................................................... 79
La barra degli strumenti............................................................................................ 80
Registrazione di una curva ...................................................................................... 80
Registrazione CPM ................................................................................................... 86
CADIAX® EMG....................................................................................................... 90
Smontaggio dell’elettronica..................................................................................... 92
Salvataggio dei dati.................................................................................................. 92
Visualizzazione in tempo reale ................................................................................. 93
Visualizzazione delle lastre....................................................................................... 93
Visualizzazione di dati lineari ed EMG.................................................................... 96
Visualizzazione EMG................................................................................................. 97
Analisi CADIAX®.................................................................................................... 98
Struttura del programma di analisi.......................................................................... 98
Richiamare i dati CADIAX® ................................................................................... 99
Opzioni di visualizzazione........................................................................................ 101
Selezione curve.......................................................................................................... 106
Curve CADIAX®...................................................................................................... 108
Curve temporali ......................................................................................................... 111
Movimenti dell’asse................................................................................................. 114
Movimenti dentali („curve funzionali“)................................................................. 115
Diagrammi di Traslazione–Rotazione..................................................................... 116
Immissione delle coordinate cuspidali .............................................................. 117
Immissione numerica della condilografia .......................................................... 120
Impostazione dell’articolatore ............................................................................ 122
Animazione 3D...................................................................................................... 135
Stampa.................................................................................................................... 141
Importazione dati da CADIAX® Compact....................................................... 149
Stato 153
Inserire un oggetto di stato nel Data Manager................................................... 153
Richiamare e/o modificare lo stato.......................................................................... 156
Panoramica................................................................................................................. 157
Cancellare/inserire denti........................................................................................... 159
Mobilità ...................................................................................................................... 160
Stato funzionale......................................................................................................... 162
Resilienza del palato ................................................................................................. 163
Stato parodontale...................................................................................................... 165
Immissione ................................................................................................................. 166
5.8.1.1
5.8.1.2
5.8.2
5.8.2.1
5.8.2.2
5.8.3
5.8.4
5.9
5.10
6
6.1
6.2
6.2.1
6.2.1.1
6.2.1.2
6.2.2
6.2.2.1
6.2.2.2
6.3
6.4
6.4.1
6.4.2
6.4.3
6.4.4
6.4.5
6.4.5.1
6.4.5.2
6.4.5.3
6.4.5.4
6.4.5.5
6.4.5.6
6.4.5.7
6.4.5.8
6.4.5.9
6.4.6
6.4.6.1
6.4.6.2
6.4.6.3
6.4.6.4
6.5
6.5.1
6.5.2
6.5.3
6.5.4
6.5.5
Immissione numerica............................................................................................ 166
Misurazione con sonda parodontale elettronica............................................. 167
Macro (sequenze di misurazione predefinite)....................................................... 171
Definizione di una macro ..................................................................................... 171
Richiamare una macro .......................................................................................... 175
Parametri parodontali................................................................................................ 176
Stampa ........................................................................................................................ 179
Stato placca................................................................................................................ 180
Calcoli degli indici................................................................................................... 182
CADIAS®
185
Inserire un nuovo oggetto CADIAS® nel Data Manager.................................. 187
Indicazioni generali per l’utente.............................................................................. 190
La finestra CADIAS® Manager............................................................................. 190
La barra dei menu del CADIAS® Manager...................................................... 192
La barra degli strumenti del CADIAS® Manager........................................... 194
La finestra CADIAS® Digitizer............................................................................... 195
La barra dei menu CADIAS® Digitizer............................................................. 198
La barra degli strumenti CADIAS® Digitizer................................................... 199
La struttura dei dati CADIAS® .............................................................................. 200
Immissione dei dati................................................................................................... 201
Creare un nuovo oggetto CADIAS® .................................................................... 201
Avvio della sequenza di immissione...................................................................... 201
Fattore di ingrandimento.......................................................................................... 203
Sequenze di immissione ........................................................................................... 204
Inserimento di teleradiografie dallo schermo ........................................................ 206
Formato immagine ................................................................................................ 206
Inserimento di immagini in CADIAS®.............................................................. 209
Impostazione dell’immagine................................................................................ 211
Definizione dimensione immagine/ .................................................................... 215
Immissione dallo schermo ................................................................................... 217
Immissione punti dallo schermo ......................................................................... 219
Immissione contorni dallo schermo ................................................................... 221
Modifica dati......................................................................................................... 222
Visualizzazione della radiografia......................................................................... 222
Immissione di teleradiografie con il digitalizzatore (immissione laterale).......... 223
Installazione e inizializzazione del digitalizzatore ............................................. 223
Immissione punti con il digitalizzatore .............................................................. 225
Immissione contorni con il digitalizzatore......................................................... 228
Modifica dati con il digitalizzatore ..................................................................... 231
Immissioni.................................................................................................................. 232
Digitalizzazione della teleradiografia laterale......................................................... 232
Digitalizzazione della teleradiografia frontale........................................................ 232
Immissione SMV (Sub-Mento-Vertex) ................................................................... 232
Immissione della guida incisale............................................................................... 232
Immissione della condilografia................................................................................ 234
6.5.5.1
6.5.6
6.5.7
6.6
6.6.1
6.6.1.1
6.6.1.2
6.6.2
6.6.2.1
6.6.3
6.6.4
6.6.5
6.6.6
6.6.7
6.7
6.7.1
6.7.1.1
6.7.2
6.7.3
6.8
Import di condilografia da CADIAX® .............................................................. 235
Immissione di valori CPM ........................................................................................ 237
Immissione di un’arcata ........................................................................................... 238
Analisi......................................................................................................................... 239
Tracciati...................................................................................................................... 241
Rappresentazione grafica.................................................................................... 242
Finestra di informazione ...................................................................................... 244
Analisi numeriche ..................................................................................................... 245
Varianti di visualizzazione ................................................................................... 245
Analisi grafiche ......................................................................................................... 247
Sovrapposizione........................................................................................................ 248
Analisi verbale Slavicek........................................................................................... 250
Tabella dell’asta incisale .......................................................................................... 251
Analisi individuale .................................................................................................... 252
Il VTO (Visualized Treatment Objective)............................................................... 253
Modifica valori: ......................................................................................................... 256
I valori .................................................................................................................... 257
Conversione in IVP (posizione verticale ideale)................................................... 261
Conversione in RKP (posizione di contatto retrale)............................................ 261
Stampa ........................................................................................................................ 262
Appendice A. Bibliografia
265
Appendice B. Conversione dati
277
Appendice C. Stall Factor
281
Premessa
La ringraziamo per la fiducia accordataci acquistando il GAMMA
Dental Software®. Questa nuova versione del programma funziona
con il sistema operativo Windows 9x, Windows Me, Windows NT
4.0, Windows 2000 e Windows XP.
Gli autori di questo manuale partono dal presupposto
che il lettore abbia certe nozioni basilari del sistema operativo
Windows 9x, Windows Me, Windows NT 4.0, Windows 2000 e
Windows XP e che sappia usare l’interfaccia utente e i comandi del
sistema. Queste conoscenze sono necessarie per poter apprendere
senza problemi il GAMMA Dental Software per Windows. Questo
manuale non sostituisce una formazione approfondita sul sistema
operativo Windows.
Il manuale
Se non conoscete ancora il GAMMA Software, consigliamo di
leggere questo manuale prima di iniziare a lavorare con il programma.
Ogni singolo modulo del programma viene trattato in un relativo
capitolo. In combinazione con l’ampio sis tema di guida on-line il
manuale può anche essere usato come opera di consultazione.
L’indice vi aiuterà nella ricerca di argomenti specifici.
Annotazioni
Alla fine di ogni capitolo troverete una o più pagine per le vostre
annotazioni personali. Approfittate di questo spazio per fissare degli
appunti ecc. In questo modo li avrete subito sottomano la prossima
volta che userete il manuale.
Figure
Le figure riportate non sempre rappresentano l’intera schermata, a
volte raffigurano solo dettagli delle finestre di dialogo o di menu.
Simboli e stili carattere
In questo manuale si usano i seguenti simboli speciali e stili carattere
per descrivere comandi ed istruzioni:
Attenzione:
Questo simbolo indica una possibile fonte di errore oppure il pericolo
di un’operazione scorretta.
Suggerimento:
Questo simbolo indica suggerimenti e consigli utili per accorciare
lunghi procedimenti e risparmiare lavoro.
Informazione:
Qui troverete informazioni addizionali particolarmente utili
sull’argomento trattato.
Grassetto:
Negli esempi, i dati inseriti dall’utente sono sempre scritti in
grassetto,
p.es.: A:> Install
Inoltre, sono scritti in grassetto anche le informazioni particolarmente
importanti nonché i sottotitoli.
Corsivo:
Questo stile viene usato per indicare voci di menu.
Un esempio:
1. Scegliere File/Print (File/Stampa). Indicare il numero di copie.
File/Print (File/Stampa) si riferisce alla voce Stampa nel menu File.
Cliccare sul menu File e quindi sulla voce Stampa.
<KEY> (<TASTO>)
Se vi è richiesto di premere un tasto, il nome del tasto è sempre
stampato maiuscolo.
Premere ENTER (INVIO), oppure confermare con il pulsante sinistro
del mouse.
Spesso i tasti vengono usati in combinazione oppure in sequenza.
Per esempio, SHIFT+F1 (MAIUSC+F1) significa, tenere premuto il
tasto SHIFT (MAIUSC) e premere F1.
1 Installazione
Come installare il GAMMA Dental Software® per Windows
Il programma di installazione installa sul vostro computer i moduli
acquistati del GAMMA Dental Software ®.
Installando questo software, la routine di installazione modifica il
database di registrazione, inserisce un’icona nel pannello di
controllo per impostare e testare l’hardware e crea un nuovo
gruppo nella cartella Programmi.
2 Capitolo 1: Installazione
1.1
Avvio dell’installazione
Il programma di installazione può essere avviato come qualsiasi altro
programma di questo tipo. La procedura dettagliata è descritta nella
guida standard di Windows. Pertanto qui di seguito verrà descritta
solo una delle possibili procedure:
Inserire il CD nell’unità CD-ROM. L’installazione dovrebbe avviarsi
automaticamente. Se non si avvia automaticamente, fare clic su
Add/Remove Programm (Avvio) nella barra delle applicazioni,
scegliere Impostazioni, Control Panel (Pannello di Controllo) e
fare doppio clic sull’icona Programmi e seguire le istruzioni per
l’installazione.
All’inizio dell’installazione sarà necessario scegliere la lingua del
programma, potete scegliere tra tedesco e inglese.
Dopo aver cliccato sul pulsante OK, il programma di installazione si
avvia e aprirà la prima finestra.
Capitolo 1: Installazione 3
1.2
Opzioni di installazione
Per effettuare modifiche nelle varie caselle, potete spostarvi tra le
varie finestre cliccando su Next o su Back. Inoltre, sarà possibile
terminare il programma in qualsiasi momento cliccando su End. Le
prime due finestre contengono indicazioni ed informazioni generali,
importanti per il funzionamento del programma.
Informazioni sull’utente:
In questa finestra siete pregati di digitare alcune informazioni su voi
stessi e sulla vostra ditta.
4 Capitolo 1: Installazione
Scegliere una directory:
In questa finestra di dialogo potete indicare la directory nella quale
verrà installato il Gamma Dental Software. Viene fatta la proposta
standard di creare una directory denominata GDSW sull’unità C.
Potete quindi accettare questa proposta cliccando su Next oppure
potete cliccare sul pulsante Browse…e specificare voi stessi una
directory.
Se voi stessi volete scegliere la directory di installazione e avete
cliccato sul pulsante Browse... si aprirà una finestra dove potrete
specificare il percorso e il nome della directory desiderata.
Capitolo 1: Installazione 5
Scegliere il nome del gruppo programma:
Di solito in Windows i vari programmi installati sul computer
vengono avviati cliccando sul pulsante Start (Avvio) (nella barra
delle applicazioni) scegliendo la voce Programs (Programmi) ed il
programma desiderato. Questa fase di installazione si occupa della
denominazione del gruppo di programma Gamma Dental Software.
Compare una finestra nella quale potrete confermare il nome da noi
proposto (Gamma Dental Software), oppure voi stessi potete
digitare il nome nella casella Program Folder.
6 Capitolo 1: Installazione
1.3
Copiare il programma
Se avete dato tutte le indicazioni necessarie, potete iniziare a copiare
Gamma Dental Software sul vostro computer. Qui di seguito vedete
un breve sommario dei dati da voi inseriti. Cliccando sul pulsante
Next potete avviare la procedura. Se desiderate modificare qualche
indicazione, allora potete ritornare alla relativa finestra cliccando più
volte sul pulsante Back.
Capitolo 1: Installazione 7
Caricamento dei dati:
Lo stato di caricamento dati dal CD sul disco fisso del vostro
computer viene indicato dalla barra di avanzamento.
8 Capitolo 1: Installazione
1.4
Completare l’installazione
Al termine dell’installazione sarete pregati di cliccare su Finish
(Finire) per completare l’installazione.
Capitolo 1: Installazione 9
Annotazioni:
10 Capitolo 1: Installazione
Annotazioni:
2 Data Manager
Il seguente capitolo spiega:
- Che cosa è il Data Manager e qual’è il concetto su cui è basato
- Come avviare il Data Manager
- Come gestire gli oggetti dati nel programma GAMMA
- Come inserire e elaborare gli oggetti dati nel programma
- Come lavorare con l’albero dati
Come punto centrale di raccolta di tutti i dati diagnostici e di tutti gli
altri dati riguardanti i pazienti, GAMMA Dental Software® per
Windows è dotato di un sistema di banca dati, il GAMMA Data
Manager.
2.1
Il concetto
Il GAMMA Data Manager rappresenta un punto centrale di raccolta
dei dati diagnostici, dove, oltre ai dati GAMMA (p. es. condilografia
elettronica o stato parodontale) si possono memorizzare anche
oggetti “estranei” come testi, moduli, riprese audio, immagini ecc.
I dati vengono sempre classificati con riferimento al paziente.
In questo modo è garantito che i dati possano essere ritrovati e
richiamati in modo semplice e chiaro.
12 Capitolo 2: Data Manager
2.1.1
Opzioni generali GDSW
Per aprire questa finestra di dialogo cliccare sul menu Edit/Options:
In questa finestra è possibile scegliere le opzioni di salvataggio e il
sottofondo dell’albero dati:
Capitolo 2: Data Manager 13
2.2
Avvio del Data Manager
Esistono tre modi diversi per avviare il Data Manager da Windows:
a. Cliccando su Execute (Esegui) nel menu Start (Avvio) di
Windows:
1. Dapprima attivare la finestra di
dialogo Execute (Esegui) del menu
Start (Avvio) di Windows.
2. Digitare il comando di avvio
del Data Manager: dbbrwsr.exe
Inoltre bisogna anche inserire
ll’unità e il percorso al file di
Start (Avvio).
14 Capitolo 2: Data Manager
b.
Nel menu Start (Avvio) di Windows:
Nel menu Start (Avvio) scegliere Programs
(Programmi). Nel gruppo di programma
Gamma Dental Software® attivare
Gamma Dental Manager .
Questo gruppo di programma viene creato
se il programma viene correttamente
installato nelle risorse del computer con il
c. Attraverso un collegamento sul desktop:
Il programma può essere avviato
facendo doppio clic sul
collegamento che appare sul
desktop del computer.
Il collegamento con il GAMMA Data Manager non viene creato
automaticamente nel corso dell’installazione del programma.
Capitolo 2: Data Manager 15
2.3
Visualizzazione
Dopo l’avvio del Data Manager il programma viene visualizzato con i
seguenti elementi:
a. Finestra – barra di titolo
b. Menu
c. Albero dati
d. Finestra oggetti
e. Barra di stato
f. Barra degli strumenti
g. Finestra di licenza e copyright
a. La barra di titolo della
finestra indica il nome del
programma, la directory
ed il tipo di file dell’attuale
banca dati.
c. La finestra banca
dati mostra
l’albero dati della
banca dati
prescelta.
e. La barra di stato
permette l’accesso rapido
alle funzioni prescelte,
contiene una barra di
avanzamento e mostra la
data e l’ora.
b. Il menu GAMMA
permette di accedere
alle funzioni del Data
Manager.
f. La barra degli
strumenti
permette un
ulteriore accesso
rapido alle singole
d. La finestra oggetti
visualizza i dati dei
singoli oggetti salvati
nel Data Manager.
g. Indicazioni relative alla
licenza ed al copyright,
nonché il numero della
versione. Questa finestra
compare solo brevemente
all’avvio del programma.
16 Capitolo 2: Data Manager
2.4
Lavorare con il Data Manager
L’uso del Data Manager e delle sue funzioni avviene principalmente
con quattro diverse applicazioni in parte contemporaneamente
utilizzabili:
1. Attivazione delle funzioni con il sistema di menu
Le funzioni del Data Manager possono essere
attivate mediante il sistema di menu. Queste
funzioni possono però anche essere attivate
con determinate combinazioni di tasti.
La funzione Tree (Albero) può, per esempio,
essere attivata con i tasti di scelta rapida
Alt+V+T.
C’è da osservare che a seconda dello stato del
programma (p. es. selezione dell’albero dati)
2. Avvio diretto delle singole funzioni facendo clic o doppio clic nella
finestra o sull’albero dati.
Facendo doppio clic con il pulsante
sinistro del mouse sull’albero dati
viene attivata la funzione di
espansione. Le stesse funzioni
potrebbero anche essere richiamate
cliccando sul menu Data/Hide,
Display Levels.
Capitolo 2: Data Manager 17
Dopo il doppio clic
sull’albero dati, la finestra
mostra un ulteriore livello
dell’albero.
3. Attivazione con il menu a comparsa. I menu a comparsa possono
essere richiamati cliccando sull’elemento attivo con il pulsante
destro del mouse.
Il menu a comparsa
viene attivato cliccando
con il pulsante destro del
mouse sull’elemento
attivo del Data
Manager. Il menu
disponibile varia a
seconda dell’elemento
attivo.
Questo esempio mostra
come, mediante il menu
a comparsa, l’albero dati
4. Avvio delle singole applicazioni con le relative icone nella barra
degli strumenti.
Pazienti – Dati base
CADIAX®
CADIAS®
Stato dentale
18 Capitolo 2: Data Manager
Coordinate cuspidali
Curve numeriche
2.5
L’albero dati
L’albero dati è la rappresentazione grafica dei dati diagnostici inseriti
nella forma usale del sistema operativo Windows. La struttura
dell’albero dati è suddivisa in vari livelli di dati. Ogni livello è
direttamente collegato con i dati e le funzioni ad esso assegnati.
2.5.1
La banca dati
La banca dati GAMMA per Windows è un sistema di file
indipendenti fra di loro che contengono rispettivamente tutti i dati
(GAMMA o estranei) di un paziente.
In Windows, la banca dati può trovarsi direttamente sul proprio
disco fisso oppure sul server di rete oppure su un altro disco locale
libero della rete.
Il sistema supporta due tipi di banche dati:
1.
GENERIC: Questi file, che GAMMA chiama File-Based,
sono salvati in una sottodirectory delle risorse del computer o
della rete.
2.
BTRIEVE: Tutti i pazienti vengono inseriti in un file comune.
La banca dati BTRIEVE offre grandi vantaggi riguardante la
velocità di accesso ai dati, cioè la velocità con cui l’albero può
essere costruito sullo schermo o la velocità di lettura e
visualizzazione dei dati dalla banca dati. Specialmente per
quanto riguarda l’uso di larghi segmenti di dati (p. es.
radiografie, documenti video o altri documenti audio) si
consiglia questo metodo per la gestione interna dei dati.
Capitolo 2: Data Manager 19
Cliccando sul menu Data, Open Data Source oppure cliccando sul
pulsante Apri potete decidere se aprire una banca dati Btrieve
oppure File-based.
Nella banca dati, i dati del file vengono salvati esclusivamente in
formato binario. L’accesso è possibile solo attraverso il Data
Manager. Questo vale anche per dati e proprietà esterni di oggetti
salvati nella banca dati.
2.5.2
Aprire una banca dati esistente
Per aprire una banca dati esistono due metodi diversi:
a. Con il menu Data/Open Data Source
b. Cliccando sul pulsante
nella barra degli strumenti GDSW
Compare la seguente finestra di dialogo:
20 Capitolo 2: Data Manager
È possibile specificare le seguenti opzioni: il nome, la posizione ed il
sistema banca dati della directory della banca dati desiderata.
Directories: Digitare un nuovo nome file per salvare un
documento con un altro nome. Un nome file può essere
composto da otto caratteri più un’estensione file composta da
tre caratteri.
Drive: Scegliere l’unità nella quale si desidera salvare il file.
Directories: Scegliere la directory nella quale sono salvati i
dati.
Network...: Utilizzare questo pulsante per assegnare una lettera
di un’unità ad un’unità di rete.
Directory contains: Indica quali sono i sistemi banca dati c
ontenuti nella relativa banca dati (Generic oppure Btrieve).
Open database type of: Se la banca dati prescelta contiene
entrambi i sistema banca dati (Generic e Btrieve, è possibile
scegliere se aprire la banca dati su Btriev o su Generic.
Se avete aperto o creato una nuova banca dati, l’albero dati in stato
“chiuso” compare nella finestra banca dati e la barra di titolo della
finestra Gamma indica il percorso ed il tipo dati:
Il programma GAMMA „ricorda“ sempre l’ultima banca dati
aperta. Ciò significa che normalmente non è necessario utilizzare
questa funzione, a meno che non si usino banche dati diverse o non
si crei p. es. una banca dati su un dischetto backup.
Capitolo 2: Data Manager 21
2.5.3
Aprire una nuova banca dati
Per aprire una nuova banca dati, scegliere esattamente lo stesso
percorso come nell’opzione Open Database. Se nella directory
indicata, il programma Gamma non riesce a trovare una banca dati
esistente, una nuova banca dati verrà creata automaticamente.
Questo può essere molto utile se si vuole p. es. trasferire dati su un
dischetto. In tale caso bisogna inserire un dischetto formattato
nell’apposita unità ed aprire una nuova banca dati nell’unità A:
22 Capitolo 2: Data Manager
2.5.4
Albero dati – Livelli
2.5.4.1
La struttura
Viene usata la seguente struttura dati:
Livello 1: L’intera banca dati
Livello 2: Dati base del paziente
Livello 3: Oggetti diagnostici
Capitolo 2: Data Manager 23
Livello 4: Dati diagnostici sottolivello
Questo semplice principio offre all’utente una panoramica ben
strutturata ed una gestione facile dei dati dei pazienti.
Ogni voce dell’albero dati contiene i seguenti elementi:
Simbolo del tipo dati della voce
Casella che indica se la voce è stata selezionata.
In caso di selezione, la casella è segnata con una
Denominazione dell’oggetto
d ti
Data dell’ultima
Indica se è possibile espandere ulteriormente (+) o
nascondere (-) parte dell’albero. Se non è possibile
espandere ulteriormente l’albero, ciò verrà
indicato da un quadratino nero.
24 Capitolo 2: Data Manager
Nel Data Manager del programma GAMMA si usano i seguenti
simboli:
Banca dati voce principale
Dati base del paziente
Analisi
Set condilografia CADIAX®
Curva condilografica CADIAX®
Registrazione singola CPM
Curva numerica
Coordinate cuspidali 3D
Dati radiografici CADIAS®
Stato dentale
Oggetti dati estranei (esterni)
Capitolo 2: Data Manager 25
2.5.4.2
Visualizzare o nascondere i livelli
Per visualizzare o nascondere un livello esistono tre possibilità:
a)
Fare doppio clic sulla funzione Blend in/Blend out
(Visualizza/Nascondi) dell’albero.
b) Mediante il menu File/Hide, Display levels
c) Attivare il menu a comparsa con il pulsante destro del mouse e
cliccare su Hide, Display levels
2.5.4.3
Selezionare il paziente
Con l’aiuto dell’apposita funzione di selezione è possibile selezionare
un determinato paziente. Questa funzione speciale può essere
attivata nel menu View/Patients selection oppure cliccando sul
relativo pulsante nella barra degli strumenti.
Compare la seguente finestra di dialogo con i seguenti criteri di
scelta:
26 Capitolo 2: Data Manager
È possibile lavorare con i seguenti criteri di ricerca:
•
•
•
•
Nome
Cognome
Data di nascita
Codice sanitario
Inserendo un criterio di scelta e confermandolo con il pulsante OK, il
programma cerca il paziente desiderato nella banca dati. Possibili
impostazioni per ogni criterio sono: ignora, prefisso o esatto. In base
ai criteri di scelta verrà nuovamente creato un albero dati dei pazienti.
Se tutti i criteri sono da ignorare, allora verranno elencati tutti i
pazienti salvati nella banca dati.
Nel esempio sopraindicato, il criterio di scelta cognome (last name) è
impostato su prefisso con la lettera “H”. Quindi, il programma crea
l’albero dati solo con i pazienti il cui cognome inizia con “H”:
Si possono utilizzare i seguenti criteri di scelta:
Nome (first name)
Cognome (last name)
Data di nascita (date of birth)
Codice sanitario
(social insurance number)
Ignora (ignore)
Prefisso (prefix)
Esatto (exact)
Ignora
Prefisso
Esatto
Ignora
Prima (before)
Dopo (after)
Tra (between)
Il (on)
Ignora
Prefisso
Esatto
Capitolo 2: Data Manager 27
2.5.4.4
Filtro dati
Il filtro dati offre all’utente la possibilità di limitare la quantità di dati
disponibili del Data Manager per ottenere una visualizzazione più
chiara dei dati.
Nel contempo, la funzione filtro dati può essere utilizzata per la
ricerca di un singolo record o di un paziente.
Per impostare il filtro, attivare il menu View/Filter (Visualizza/Filtro).
Compare la seguente finestra di dialogo:
Il filtro permette all’utente di limitare la quantità di dati visualizzati dei
singoli oggetti Gamma.
Un esempio dell’oggetto Pazienti - dati base: Senza filtro, al primo
livello dell’albero dati vengono elencati tutti i pazienti.
28 Capitolo 2: Data Manager
Se il programma filtro viene impostato in modo da visualizzare p. es.
solo i pazienti il cui cognome inizia con la lettera “B”, si ottiene il
seguente albero dati:
Nella casella del
criterio prefix
(prefisso) nella
finestra di dialogo
Filtering Criteria si
può p. es. digitare la
lettera “B”.
Nell’albero dati
compaiono solo i
pazienti il cui cognome
inizia con la lettera
“B”.
Capitolo 2: Data Manager 29
Nella casella desiderata è anche possibile digitare l’informazione
exact (esatta) (p. es. „Boehle“):
Nell’apposita casella della finestra di
dialogo Filtering Criteria digitare il
cognome esatto p. es.“Boehle”.
Quindi, nell’albero dati compare
solo il paziente di cognome
“Boehle”.
30 Capitolo 2: Data Manager
Si possono usare i seguenti elementi filtro:
Pazienti:
Creato/modificato il
(Generated/changed)
Nome (first name)
Cognome (last name)
Data di nascita
(date of birth)
Caso numero
(case number)
Codice sanitario
(social insurance number)
Annotazioni (notes)
Ignora (disregard)
Prima del (before the)
Dopo il (after the)
Tra (between)
Il (on the)
Ultimi (the last)
Ignora (disregard)
Prefisso (prefix)
Esatto (exact)
Ignora (disregard)
Prefisso (prefix)
Esatto (exact)
Ingora (disregard)
Prima del (before the)
Dopo il (after the)
Tra (between)
Il (on the)
Ignora (disregard)
Prefisso (prefix)
Esatto (exact)
Ingora (disregard)
Prefisso (prefix)
Esatto (exact)
Ignora (disregard)
Una parola chiave (one keyword)
Tutte le parole chiave (all keywords)
Capitolo 2: Data Manager 31
Analisi:
Creato/modificato il
(generated / changed)
Titolo (title)
Annotazioni (notes)
Ignora (disregard)
Prima del (before the)
Dopo il (after the)
Tra (between)
Il (on the)
Ultimi (the last)
Età superiore ai (older than)
Ignora (disregard)
Prefisso (prefix)
Esatto (exact)
Ignora (disregard)
Una parola chiave (one keyword)
Tutte le parole chiave (all keywords)
CADIAX®:
Creato/modificato il
Annotazioni
Titolo
Ignora (disregard)
Prima del (before the)
Dopo il (after the)
Tra (between)
Il (on the)
Ultimi (the last)
Età superiore ai (older than)
Ignora (disregard)
Una parola chiave (one keyword)
Tutte le parole chiave (all keywords)
Mediotr. sinistra-libera (left-free)
Mediotr. sinistra-guidata (left-guided)
Mediotr. destra-libera (right-free)
Mediotr. destra-guidata (right-guided)
Aprire/chiudere (open/close)
Aprire/chiudere-guidata (open/closeguided)
Protr./Retr.-guidata (protr./retr.-guided)
Protrusione/Retrusione
(Protrusion/Retrusion)
32 Capitolo 2: Data Manager
2.5.4.5
Ricerca paziente
La ricerca di un determinato paziente può essere effettuata con
l’aiuto dell’apposita funzione di ricerca. Questo programma di utilità
può essere richiamato velocemente dal menu View/Search
(Visualizza/Cerca) oppure cliccando sull’apposito pulsante nelle
barra degli strumenti:
ricerca
e
continua ricerca
Compare la seguente finestra di dialogo per l’impostazione dei criteri
di ricerca:
Per la ricerca si possono usare i seguenti criteri:
•
•
•
Cognome (last name)
Nome (first name)
Data di nascita (date of birth)
Dopo aver inserito un criterio di ricerca, avviare la ricerca con il
pulsante Continue Search (Continua ricerca). Il programma
seleziona quindi il paziente desiderato dai dati contenuti nella banca
dati.
Mediante l’opzione Search direction (Direzione ricerca) si
determina in quale direzione della banca dati verrà effettuata la
ricerca del nome inserito. Quando è stato trovato un paziente che
corrisponde ai criteri specificati, il nome verrà selezionato e segnato
con una crocetta.
Capitolo 2: Data Manager 33
2.5.5
Manipolazione dati
Il programma GDSW permette numerose manipolazioni dati:
•
•
•
•
Inserisci (insert)
Sposta (move)
Cancella (delete)
Copia (copy)
2.5.5.1
Inserire un oggetto
Normalmente, per inserire nella banca dati un oggetto di dati
diagnostici o altri procedere nel modo seguente:
Fase 1: Selezionare la voce della banca dati nella quale si desidera
inserire il nuovo oggetto osservando l’ordine della struttura dati
dell’albero dati.
34 Capitolo 2: Data Manager
La seguente tabella indica su quale simbolo bisogna cliccare per
inserire i dati desiderati:
Inserisce i dati base e un nuovo paziente
CADIAX®
CADIAS®
Stato dentale
Coordinate cuspidali
Analisi
Oggetti OLE
File estranei
Nuova condilografia
Nuovo registrazione CPM
Coordinate cuspidali
Curva numerica
,
Negli oggetti CADIAS
oggetti secondari!
,
,
e
,
non è possibile l’inserimento di
Capitolo 2: Data Manager 35
Fase 2: Aprire il menu Edit (Modifica) oppure il menu a comparsa.
Quindi, esistono le seguenti possibilità:
a. Inserimento dagli appunti Windows
Esempio di inserimento
di un file che prima è
stato copiato dal Data
Manager negli appunti
con la funzione
Edit/Copy
(Modifica/Copia).
Se gli appunti delle risorse del computer non contengono alcun
oggetto, l’opzione Paste (Incolla) non compare nera, ma grigia
cioè non potrà essere usata. È possibile inserire solo oggetti
che possono essere elaborati e salvati nel Data Manager.
b. Inserimento di oggetti OLE dall’ambiente di sistema Windows:
Inserimento di un
oggetto „estraneo”
Windows o di un file
nel Data Manager.
(Insert OLE Object)
Con GAMMA Dental Software per Windows nella banca dati
possono essere salvati sia oggetti GAMMA (condilografia,
stato dentale, dati base dei pazienti…) che qualsiasi altro
oggetto Windows come documenti Word, documenti audio o
radiografie digitali e molti altri. Attivando questa funzione
comparirà un’altra finestra di dialogo nella quale si potrà
scegliere il file o l’oggetto desiderato.
36 Capitolo 2: Data Manager
Lista degli oggetti „estranei“ in
Windows che possono essere
inseriti nel sistema Gamma
Questa finestra di dialogo Windows consente l’inserimento di
oggetti estranei dalla lista di tutti gli oggetti OLE disponibili.
Inoltre è possibile inserire qualsiasi altro file che, cliccando sul
Data Manager, verrà collegato con la relativa applicazione.
GAMMA Dental Software® per Windows viene fornito solo
con oggetti GAMMA (p.es. CADIAX®, CADIAS®, stato
dentale,…). Oggetti estranei come p. es. Word per Winodws ®,
non vengono forniti da GAMMA cioè NON sono compresi
nella fornitura GAMMA Dental Software per Windows. Il
cliente dovrà acquistare separatamente tutti i prodotti
addizionali desiderati ed installarli nelle risorse del computer.
Capitolo 2: Data Manager 37
c. Inserimento di un nuovo oggetto GAMMA:
È possibile scegliere da una lista gli oggetti OLE di GAMMA
ed inserirli nel Data Manager.
A seconda del tipo di selezione nel Data Manager, uno degli
oggetti GAMMA potrà quindi essere inserito nel Data
Manager.
Selezionando il livello 1, si potrà inserire un nuovo paziente:
Al 1° livello della banca dati si
possono inserire solo pazienti nuovi.
38 Capitolo 2: Data Manager
Selezionando il livello 2, si potranno inserire oggetti
CADIAX®, CADIAS®, analisi, coordinate cuspidali e stato
dentale:
Al 2° livello della banca dati si possono
inserire nuovi oggetti CADIAX®, CADIAS®,
stato dentale o analisi.
Selezionando il livello 3, si potranno effettuare i singoli
rilevamenti delle curve e CPM di oggetti CADIAX® esistenti:
Al 3° livello della banca dati si possono inserire e
salvare le curve e CPM per la condilografia
elettronica (CADIAX®) nonché le coordinate
cuspidali e le informazioni numeriche.
Capitolo 2: Data Manager 39
Tutti i dati inseriti nel Data Manager vengono salvati solo
temporaneamente, anche se sono visualizzati nell’albero dati.
Per il salvataggio definitivo cliccare sul pulsante
oppure su
Data/Update (File/Salva). Se nella finestra di dialogo "General
GDSW Options" (vedi 2.1.1) è stato scelto "Automatic update
when exiting a module" (salvataggio automatico all’uscita dal
modulo), il programma memorizza automaticamente tutti i dati
all’uscita dal programma. In ogni caso, quando si chiude
l’albero dati o il programma, vi sarà chiesto se volete salvare i
dati non ancora salvati. Lo spegnimento improvviso del
computer può determinare la perdita dei dati non salvati!
40 Capitolo 2: Data Manager
2.5.5.2
Copiare e spostare oggetti
Per copiare e spostare dati nel Data Manager GAMMA si usano i
soliti metodi Windows. La voce selezionata può essere copiata con il
comando di menu Edit/Copy (Modifica/Copia) oppure con Edit/Cut
(Modifica/Taglia) e viene automaticamente salvata negli appunti
Windows. Dagli appunti potrà quindi essere inserita in un altro
posto nell’albero dati (comando di menu Edit/Insert
(Modifica/Inserisci)).
Con il comando Cut
(Taglia) il record
selezionato viene
copiato negli appunti
Windows e viene
cancellato dall’albero
dati.
Con il comando Copy (Copia)
il record selezionato viene
copiato negli appunti Windows
senza essere cancellato
Il record selezionato: una
registrazione CADIAX®.
Con il comando di menu
Edit/Paste (Modifica
/Inserisci) i dati contenuti
negli appunti vengono
inseriti nel Data Manager.
I dati vengono inseriti nel
record selezionato. In questo
caso una registrazione
CADIAX® precedentemente
copiata/spostata viene
inserita nel paziente
selezionato.
Capitolo 2: Data Manager 41
Chiaramente la possibilità di copiare e spostare oggetti o dati non è
limitata ad un paziente o ad un Data Manager. I dati possono anche
essere assegnati ad altri pazienti o ad un secondo Data Manager
avviato in Windows.
Il programma supporta anche le usuali funzioni Windows Drag and
Drop (trascina e rilascia). Con queste funzioni è possibile copiare e
spostare i dati.
Con il pulsante destro del mouse cliccare su un record selezionato
oppure premere ALT + cliccare con il pulsante sinistro del mouse. Il
puntatore del mouse assume un’altra forma e compare un piccolo
menu addizionale. Ora è possibile spostare l’oggetto, per confermare
rilasciare il pulsante del mouse.
Nel menu a comparsa si
può scegliere se copiare o
spostare il record nella
nuova posizione.
Nel menu a comparsa si può scegliere se copiare o spostare
l’oggetto.
42 Capitolo 2: Data Manager
2.5.5.3
Cancellare oggetti
Con il comando di menu Edit/Delete (Modifica/Cancella), il tasto
CANC o il menu a comparsa attivato con il pulsante destro del
mouse è possibile cancellare un oggetto dal Data Manager.
Osservare che il comando Cancella si riferisce sempre al record
attualmente selezionato (il record selezionato è segnato con una
crocetta).
La voce Delete
(Cancella) nel
menu a comparsa:
cancella il record
selezionato dalla
banca dati.
Capitolo 2: Data Manager 43
Annotazioni:
44 Capitolo 2: Data Manager
Annotazioni:
3 Dati byase
Il seguente capitolo spiega:
•
•
•
•
3.1
Cosa sono i dati base
Come gestire i dati base
Come inserire pazienti nuovi
Come selezionare i pazienti
Cosa sono i dati base?
I dati base sono dati fondamentali che identificano chiaramente un
paziente. Questa raccolta di dati rappresenta l’elemento principale
dell’intera banca dati. Tutti i dati dei pazienti sono contenuti in
questo modulo del programma. Tutti i dati che dovrebbero essere
accessibili al team di terapeuti sono salvati in questo modulo. Questi
dati compaiono anche nei vari file dei terapeuti.
3.2
Definizione dei dati base
Qui di seguito sono elencati tutti i dati base:
Dati base
Cognome
(last name)
Nome/i
(first name/s)
Definizione
Il cognome del paziente; la differenza fra
minuscole e maiuscole viene ignorata.
Compare nella riga di stato del paziente
attuale.
Nome del paziente; la differenza fra minuscole
e maiuscole viene ignorata.
È possibile inserire più nomi. Compare nella
prima riga del paziente attuale.
46 Capitolo 3: Dati base
Data di nascita
(date of birth)
La data di nascita del paziente viene inserita
vicino al codice sanitario, nell’ordine giornomese-anno. La data compare nella riga di stato
del paziente attuale.
Sesso (gender)
Il sesso del paziente: maschile (m) o femminile
(f)
Numero caso
I numeri dei casi possono essere assegnati
(case number)
arbitrariamente. Essi possono essere utilizzati
per contrassegnare modelli di gesso,
radiografie ecc. Qualsiasi numero può essere
utilizzato. È possibile utilizzare sistemi di
numeri già esistenti.
Titolo
P. es. Sig.a, Sig., utilizzato in tutti i documenti
(salutation)
stampati rivolti al paziente. Non occorre
inserire "Sig.a" e "Sig.": Se la casella resta
libera, l’appellativo viene scelto in automatico,
a seconda del sesso inserito.
Titolo
Il titolo professionale del paziente, come Dr.,
professionale
Prof. ecc viene utilizzato in tutti i documenti
(title)
stampati rivolti al paziente. Il titolo compare
nella riga di stato del paziente attuale.
Nome precedente Nome precedente del paziente; p. es. nome da
(former name)
nubile.
Indirizzo
L’indirizzo del paziente include via, numero
(address)
civico, piano, numero porta ecc. Tutta la
corrispondenza (fatture, preventivi etc.) verrà
inviata a questo indirizzo.
CAP (Zip code)
CAP del luogo di residenza, necessario per la
corrispondenza.
Città (city)
Città o luogo di residenza, necessario per la
corrispondenza.
Telefono
Numero di telefono del paziente. Sono a
(telephone)
disposizione tre caselle diverse per i vari
numeri di telefono del paziente. Il prefisso può
essere separato dal rispettivo numero.
Categoria
Sono a disposizione categorie dalla A alla Z.
paziente
Con l’aiuto delle funzioni stampa, si possono
(patient category) trovare ed elencare tutti i pazienti che
corrispondono a questo criterio. Ciò permette
un’ottimale controllo della struttura di
ordinazione.
Stato (status)
Esistono le seguenti possibilità:
E = emergenza (emergency)
O = paziente proprio (own patient)
Capitolo 3: Dati base 47
Annotazioni
(notes)
Datore di lavoro
(employer)
Professione
(profession)
Codice sanitario
(social insurance
number)
Assicurazione
addizionale
(additional
insurance)
Codice
assicurazione
addizionale
(additional
insurance
number)
Codice interno
(internal code)
Testo in chiaro
(clear text)
Medico /medical
S = sostituzione (substitution)
R = paziente inoltrato (referral)
B = paziente rimandato (referred back)
Questi punti servono da breve informazione.
La maggior parte dei pazienti verrà classificata
con O (paziente proprio – own patient).
Quindi la O si inserisce automaticamente. Con
l’aiuto delle funzioni stampa, si possono
trovare tutti i pazienti secondo questi criteri.
Tre righe per l’immissione di un testo (p. es.
informazioni addizionali). È disponibile un
ulteriore foglio per annotazioni riguardanti il
paziente.
Informazioni su professione e datore di lavoro
Specificare la professione del paziente.
Questo numero è il codice sanitario austriaco,
ne viene controllata la validità. Al di fuori
dell’Austria si consiglia di lasciare libero
questo spazio (usare il tasto F2).
Specificare l’assicurazione addizionale.
Digitare il codice dell’assicurazione
addizionale.
Codice interno che compare nella riga di stato
del paziente, usato per l’organizzazione
interna (p.es. vip per persone importanti). È
possibile utilizzare qualsiasi tipo di codice
anche codici numerici. Questo codice compare
nella riga di stato del rispettivo programma.
Per questo motivo si consiglia l’uso di un
codice. Questo spazio non dovrebbe essere
usato per informazioni mediche. Le
informazioni mediche vengono salvate nei
singoli moduli.
In questa casella può essere inserito il testo
riguardante le abbreviazioni precedentemente
usate.
Testo medico
48 Capitolo 3: Dati base
3.3
Gestione dei dati base
Nel Data Manager del GAMMA Dental Software® per Windows, i
dati base vengono gestiti come oggetti indipendenti (vedi anche
capitolo Data Manager).
3.3.1
Inserire i dati di un nuovo paziente
Per inserire un nuovo paziente procedere nel modo seguente:
a. Selezionare il livello superiore dell’albero dati nel Data Manager
cliccando sul simbolo
:
Cliccare sull’albero dati con
il pulsante sinistro del
mouse.e selezionare la voce
superiore (livello 1). La
voce selezionata è bordata.
Capitolo 3: Dati base 49
b. Cliccare sull’opzione Insert New GAMMA Object (Inserisci nuovo
oggetto GAMMA) nel menu Edit (Modifica) oppure attivare il
menu a comparsa con il pulsante destro del mouse:
Attivare l’opzione Insert
New GAMMA Object nel
menu Edit.
c. Compare la finestra di dialogo Insertable GDSW Object. Cliccare
su New Patient (Paziente nuovo) e confermare con il pulsante
OK.
Cliccare su New Patient
Quindi confermare con OK
50 Capitolo 3: Dati base
Successivamente compare la finestra per l’immissione dei dati base
del paziente:
Ora, i dati del paziente nuovo possono essere inseriti nelle relative
caselle. Usando la barra di scorrimento verticale è possibile vedere le
ulteriori caselle del modulo.
Finché il nuovo paziente non sarà salvato nel Data Manager,
nell’albero dati il record del nuovo paziente resta barrato:
Record del nuovo
paziente nel Data
Manager durante la
prima immissione.
Non appena i dati vengono salvati, il nome del paziente verrà incluso
nella lista.
I dati del nuovo paziente vengono definitivamente salvati
nella banca dati attivando l’opzione Data/Update (Dati/Salva) nel
Data Manager. Solo allora i dati vengono definitivamente salvati
nella banca dati. Lo spegnimento improvviso del computer può
determinare la perdita dei dati non salvati!
Capitolo 3: Dati base 51
3.3.2
Modificare i dati di un paziente
I dati base di un paziente possono essere richiamati o modificati nel
modo seguente:
a. Selezionare prima la voce desiderata al livello Pazienti nel Data
Manager (livello 2):
Selezionare la voce del paziente
di cui si desidera modificare i
dati base cliccando con il
pulsante sinistro del mouse.
b. Nel menu Edit (Modifica) o nel menu a comparsa (pulsante destro
del mouse) attivare la funzione Edit Patient Data Object (Modifica
Oggetto Dati Paziente):
L’opzione per aprire
l’oggetto dati viene
attivata nel menu Edit
(Modifica)
Nel Data Manager un oggetto dati può anche essere aperto e
modificato facendo doppio clic con il pulsante sinistro del mouse.
52 Capitolo 3: Dati base
Annotazioni:
4 CADIAX®
Il seguente capitolo spiega:
•
•
•
•
•
4.1
Come inserire un oggetto dati CADIAX®
Come eseguire una condilografia elettronica con
CADIAX®
Come salvare i dati nel Data Manager
Come richiamare ed analizzare i dati
Alcuni suggerimenti per la condilografia elettronica con
CADIAX®
CADIAX® driver per Windows
Generalmente, l’installazione del driver software CADIAX® viene
effettuata con il programma di installazione del GAMMA Dental
Software®. Il driver viene installato in Windows usando come valore
iniziale la più recente versione hardware CADIAX® III con
trasmissione dati parallela a LPT1.
Se tuttavia si devono effettuare modifiche o adattamenti del driver, si
consiglia di seguire le seguenti istruzioni:
1. Nel Menu Avvio di
Windows scegliere
Impostazioni e Pannello
di controllo. Quindi
compare la finestra del
pannello di controllo.
54 Capitolo 4: CADIAX®
2. Nella finestra del pannello di controllo
fare doppio clic sull’icona dell’unità
elettronica CADIAX® per aprire la
finestra del driver.
Nella finestra del driver si possono impostare i seguenti valori:
Tipo (type)
Porta o indirizzo
(port or address)
Frequenza di
campionamento,
msec
Fattore di stallo
(stall factor)
CADIAX® III (sistema LPT)
CADIAX® (scheda plug-in)
LPT 1. LPT 2,…( a seconda della
configurazione dell’hardware per
CADIAX® III)
o per CADIAX® (scheda plug-in)
HEX 0300 a 0390
Il fattore standard è 9, con i calcolatori
di oggi, la registrazione CADIAX® III e
II dovrebbe funzionare senza problemi.
Questo fattore definisce l’intervallo di
tempo tra due campioni.
Il fattore di ritardo della velocità del
computer. Questo fattore viene
utilizzato per dare abbastanza tempo al
convertitore AD, controllato dal
computer, per eseguire la conversione
analogica-digitale senza errori.
Capitolo 4: CADIAX® 55
Fattore di velocità CPU
Selezione della porta (CADIAX® III)
o dell’indirizzo scheda (versione
schede PC)
Impostazione del tipo di
apparecchiatura (CADIAX® III
o scheda plug-in)
Intervallo di tempo tra due
campioni (in msec)
Annulla
Richiama i valori standard
Salva le
impostazioni
4.2
Prova di funzionamento
La prova di funzionamento serve per controllare il funzionamento dei
componenti hardware CADIAX® e la loro installazione e
configurazione nelle risorse del computer. Il programma controlla
l’hardware esistente all’interfaccia indicata nel driver (CADIAX® III)
o all’indirizzo (CADIAX® sistema plug-in).
Attivare la prova di funzionamento:
La prova di funzionamento viene attivata direttamente nel programma
di registrazione CADIAX® con il menu Tools/Hardware test.
La finestra vi informerà di eventuali errori. Leggere attentamente i
messaggi di errore. "Stylus not plugged in" significa che lo stilo non
è attaccato correttamente cioè che non fa contatto con la lastra di
misurazione (ingl. flag) o che la lastra di misurazione non è collegata
al sistema o che la superficie è sporca. Ogni stilo ha la sua
denominazione: “left axis stylus“ indica che il problema sta nello stilo
sinistro inferiore dell’asse cerniera (e non nello stilo superiore
GAMMA).
Le due varianti hardware CADIAX® presentano una grafica diversa.
56 Capitolo 4: CADIAX®
La seguente immagine mostra il test dell’hardware della versione
CADIAX® (con scheda plug-in):
Descrizione dell’errore
Analisi grafica dell’errore. Gli oggetti di errore sono
segnati in rosso.
Esempio di un test funzionale della versione CADIAX® III (LPT)
dove tutti i componenti hardware sono OK ed il pedale viene
premuto:
Esempio di un test dell’hardware dove non
sono stati trovati
Il test funzionale è un aiuto per la ricerca di errori di
registrazione. Tuttavia, non è garantito che il messaggio di errore in
Windows sia sempre corretto. In alcuni casi particolari, cioè quando
altri componenti hardware o programmi drive sono stati installati
sulla stessa porta o allo stesso indirizzo (p. es. modem, stampante,
schede video ecc.) possono comparire messaggi di errore.
Capitolo 4: CADIAX® 57
4.3
Inserire un nuovo oggetto CADIAX®
nel Data Manager
Per inserire un nuovo oggetto CADIAX® nel Data Manager
procedere nel modo seguente:
a. Per selezionare una voce cliccare sull’icona
dell’albero dati del Data Manager:
al secondo livello
Per selezionare un paziente
nell’albero dati (livello 2) cliccare sul
paziente con il pulsante sinistro del
mouse . La selezione viene indicata
dalla crocetta sulla casella vicina al
nome del paziente
b. Nel menu Edit (Modifica) attivare l’opzione Insert New GAMMA
Object (Inserisci nuovo oggetto GAMMA) oppure utilizzare il menu
a comparsa con il pulsante destro del mouse:
Nel menu Edit (Modifica)
attivare l’opzione Insertable
GDSW Objects (nuovo
oggetto GAMMA).
58 Capitolo 4: CADIAX®
c. Compare la finestra di dialogo Insertable GDSW Objects (Nuovo
oggetto GAMMA). Cliccare sulla voce New CADIAX recording
(nuova registrazione CADIAX) e confermare con il pulsante OK.
Cliccare sulla voce New CADIAX
recording (nuova registrazione
Confermare con il pulsante OK.
d. Compare il programma principale CADIAX®. Si tratta di una
finestra vuota, cioè dell’oggetto CADIAX® vuoto nel quale
potranno quindi essere inserite le curve elettroniche e le registrazioni
CPM. In questa fase potete già immettere un commento relativo alla
registrazione:
Possibilità di immettere un commento
relativo alla condilografia da eseguire.
Finestra vuota delle registrazioni. L’oggetto
CADIAX® „vuoto“ viene salvato nel Data Manager e
verrà „riempito“ con l’aiuto del registratore
CADIAX®.
Capitolo 4: CADIAX® 59
e. Chiudere questa finestra ®. L’albero dati presenterà il record
denominato “condilography” (condilografia) del paziente
selezionato. Ampliando l’albero dati di un livello, si vede che in
questo oggetto CADIAX® non sono salvati altri dati.
Il nuovo oggetto dati
CADIAX® senza curve.
f. Selezionare il nuovo oggetto CADIAX® e cliccare sulla voce
Insert New GAMMA Object (Inserisci nuovo oggetto GAMMA) nel
menu Edit (Modifica):
Nel menu Edit oppure nel menu
Options attivare l’opzione
Insert New GAMMA Object
g. Compare la finestra di dialogo Insertable GDWS Objects (Nuovo
oggetto GAMMA). Quindi cliccare sulla voce New CADIAX®
Curve/CPM (Electronic) (Nuova curva CADIAX®/CPM
(elettronico)) e confermare con il pulsante OK.
Selezionare New CADIAX® Curve/CPM (Electronic)
Quindi confermare con
il pulsante OK
60 Capitolo 4: CADIAX®
•
•
•
Compare quindi il registratore CADIAX®, con il quale
si effettua la condilografia elettronica del paziente.
Il programma passa automaticamente alla modalità Axis
Localization (Localizzazione dell’asse):
4.4
Registrazione con CADIAX®
L’apparecchiatura di misurazione CADIAX® viene attivata nel Data
Manager come descritto nel capitolo precedente.
Procedimento principale per la registrazione con CADIAX®:
•
•
•
•
•
•
•
Preparazione dell’hardware
Spiegazione al paziente
Preparazione e fissaggio del cucchiaio para-occlusale
Montaggio dell’arco facciale superiore ed inferiore
Fissaggio delle lastre di misurazione e degli stili
Inserimento di un nuovo oggetto CADIAX® oppure
apertura di un oggetto già esistente
Registrazione
La sequenza di registrazione è strutturata nei seguenti sottotitoli che
vengono automaticamente richiamati nello stesso ordine.
Capitolo 4: CADIAX® 61
4.4.1
Posizionamento del paziente
Il paziente dovrebbe essere seduto rilassato in posizione erretta.
Eventuali movimenti del corpo possono cambiare la posizione
dell’asse cerniera durante la registrazione. Si consiglia l’utilizzo di un
poggiatesta. Il paziente dovrebbe togliersi occhiali, orecchini,
fermacapelli ecc. La carica elettrostatica dei capelli può ripercuotersi
sulla registrazione. La lacca per capelli può potenziare questo effetto.
Per questo motivo il paziente dovrebbe mettersi una cuffia da
chirurgo. I cappelli lunghi vanno messi dietro le orecchie.
4.4.2
Spiegazioni al paziente
Spiegate al paziente i movimenti della mandibola, cioè la protrusione,
retrusione, mediotrusione e la medioretrusione. Chiedete al paziente
di eseguire bene i movimenti, cioè aprire la bocca il più possibile,
protrusione massima, mediotrusione massima ecc. Esercitare i
movimenti prima di montare l’arco facciale.
4.4.3
Il cucchiaio para-occlusale
La descrizione di come effettuare il montaggio del cucchiaio
paraocclusale si riferisce al tipo di cucchiaio distribuito da GAMMA
nell’ambito della Scuola di Vienna. Per il montaggio di cucchiai di
altre case si consiglia di seguire le istruzioni fornite dal produttore.
L’uso di un cucchiaio paraocclusale permette l’analisi degli effetti
dell’occlusione sulla posizione dell’articolazione mascellare e sul
movimento dell’asse cerniera. Le registrazioni CPM vengono
effettuate direttamente sul paziente, quindi non sarà più necessario
eseguirle sui modelli in gesso montati.
Segue una descrizione del cucchiaio occlusale e del suo utilizzo. In
caso di edentulia si usa un morso mandibolare (p.es. Almore) con
silicone. Il cucchiaio paraocclusale è situato al di fuori
dell’occlusione. Quindi non tocca i denti del mascellare superiore, né
in intercuspidazione né in funzione. Il cucchiaio è a forma di Y,
realizzato in metallo inossidabile cromato.
In caso di allergia a questo materiale, utilizzare un altro materiale.
Bisogna sempre chiedere al paziente!
62 Capitolo 4: CADIAX®
1.
Provare se il manico del cucchiaio entra nel morsetto dell’arco
facciale inferiore restando perfettamente mobile.
2.
Inserire il cucchiaio in bocca al paziente e piegare le ali del
cucchiaio finché poggiano sull’arcata inferiore. Tra i denti ed il
cucchiaio lasciare uno spazio di 1 mm per la resina.
3.
Inserire una lastra di cera tra l’arcata superiore e l’arcata inferiore
chiedere al paziente di chiudere i denti. La lastra di cera evita che
l’arcata superiore venga a contatto con la resina e risparmia una
lunga pulitura per eliminare la resina dal cucchiaio.
4.
Come resina si consiglia l’utilizzo del sistema trifase ESPE
Protemp (oppure un materiale dalle proprietà simili) con un
catalizzatore per accorciare il tempo di presa.
5.
Sulla superficie del cucchiaio rivolta verso le superfici dentali
labiali e buccali applicare uno strato di resina di 2 mm. Aspettare
finché il materiale inizia ad indurire.
6.
Inserire il cucchiaio in bocca al paziente e chiedere al paziente di
chiudere la bocca senza che i denti dell’arcata superiore
tocchino il cucchiaio (controllate voi stessi).
7.
Aspettare la presa del materiale in bocca, quindi rimuovere il
cucchiaio.
8.
Con un coltello tagliente o con un fresa eliminare l’eccesso di
resina. Utilizzate meno resina possibile. Troppa resina può
provocare dolori alle gengive.
9.
Inserire il cucchiaio in bocca al paziente e assicurarsi che vada
bene.
10. La carta occlusale segna i contatti tra cucchiaio e denti superiori
che vanno eliminati.
11. Se la resina non è ancora completamente indurita, mettere da
parte il cucchiaio e nel frattempo iniziare a montare l’arco facciale
superiore.
12. Umettare l’impronta di ogni dente con una piccolissima quantità
di adesivo cianoacrilico (adesivo rapido). Un adesivo gelatinoso
e da preferire ad un adesivo a consistenza liquida.
13. Posizionare il cucchiaio sull’arcata inferiore dalla gengiva in
direzione occlusale. Non asciugare i denti prima
Capitolo 4: CADIAX® 63
dell’applicazione dell’adesivo.
14. Ora il paziente deve assumere la posizione di massima
intercuspidazione. Appena l’adesivo assorbe l’umidità indurisce
rapidamente. Premere il cucchiaio fortemente sui denti per 30
secondi.
15. Per evitare l’inalazione di vapori irritanti per le mucose, il
paziente deve inspirare col naso e espirare dalla bocca. Dopo la
registrazione, il cucchiaio può essere rimosso con facilità. I denti
richiedono solo una leggera pulizia. Lo stesso cucchiaio con
resina può essere riutilizzato per lo stesso paziente (non è
assolutamente necessario rimuovere residui di adesivo dal
cucchiaio).
4.4.4
Montaggio dell’arco facciale
Il programma di registrazione e l’elettronica CADIAX® supportano
diversi tipi di archi facciali. Consigliamo tuttavia di usare l’arco
facciale GAMMA/Girrbach perché, a nostro avviso, questo arco
facciale di semplice utilizzo, facile montaggio e di ottima stabilità è il
più adatto per la registrazione elettronica, anche perché in parte è
stato ideato proprio per questo scopo.
Arco facciale superiore GAMMA/Girrbach
Prima del montaggio i poggiafronte devono essere tirati indietro.
Allentare le viti d’arresto dei bracci laterali in modo da permettere
lo spostamento dei bracci laterali in direzione sagittale (vite
d’arresto superiore) e in direzione trasversale (vite d’arresto
inferiore). Le lastre di misurazione meccaniche (rosse) vengono
montate sull’arco e vi possono restare montati per l’intero
procedimento di registrazione.
Sulle lastre rosse vengono montate le lastre di misurazione
elettroniche. L’odontoiatra che sta dietro al paziente appoggia
l’arco facciale sulla glabella ed applica i bracci laterali sopra le
orecchie. Lo spigolo posteriore della lastra rossa di scrittura
(lastra meccanica) copre il trago.
Il paziente tiene fermo l’arco premendo sul supporto della
glabella. Il terapeuta può quindi adattare i bracci laterali alla
larghezza e alla lunghezza del cranio. Nel contempo il terapeuta
controlla la simmetria mediante le graduazioni sulle barre laterali e
sulla barra frontale.
64 Capitolo 4: CADIAX®
I bracci laterali devono aderire bene alle tempie, senza però
stringere. Controllare la simmetria sulle scale. Le impostazioni di
lunghezza (sagittale) devono essere i più simili possibile, le
impostazioni di larghezza (trasversale) devono corrispondere
esattamente.
La lunghezza dei bracci laterali viene impostata in modo che il
bordo posteriore della lastra di scrittura superi il trago di ca. 5 mm
in direzione dorsale (inserendo il cuscinetto per la fronte, la lastra
copre esattamente il trago). Serrare le viti d’arresto.
Dopo l’adattamento dell’arco facciale, i poggiafronte vengono
allungati fino al contatto con la pelle per poi essere fissati. Si
dovrebbe ottenere un sostegno uniforme sulla fronte e sulla
glabella. In questo modo l’arco facciale viene stabilizzato.
L’arco facciale viene leggermente tirato in avanti e si inserisce il
cuscinetto per la fronte. L’arco viene tenuto fermo dal paziente
premendo sul supporto della glabella. Ora il bordo posteriore
delle lastre di scrittura meccaniche dovrebbe esattamente coprire
il trago.
Il nastro per la fronte con chiusura a velcro viene posizionato
parallelamente ai bracci laterali. Ora l’arco facciale è ben fissato
sulla testa.
Capitolo 4: CADIAX® 65
Arco facciale superiore SAM® (Axiograph®) „versione vecchia“:
Usando un cuscinetto di silicone è possibile evitare una
pressione eccessiva sulla radice del naso. Mettere una piccola
quantità di silicone sul supporto della glabella dell’arco facciale
superiore e posizionare l’arco sul paziente. Togliere l’arco con il
cuscinetto di silicone personalizzato e lasciare indurire il silicone.
Montare l’arco facciale dopo l’indurimento del silicone. Il
paziente (o l’assistente) dovrebbe tenere fermo l’arco facciale
premendo con l’indice sul supporto della glabella. L’arco
trasversale dell’arco facciale superiore dovrebbe essere parallelo
alla linea di collegamento tra le pupille.
I bracci laterali dell’arco facciale superiore dovrebbero essere
appoggiati sulla testa, senza pressione. Dovrebbero essere
paralleli al cranio, e dovrebbero trovarsi 1 cm sopra il bordo
superiore del padiglione auricolare. Ogni braccio ha una vite nera
per il fissaggio delle lastre di misurazione. Montare i bracci in
modo che si trovino esattamente sopra il presunto punto
dell’asse cerniera. Questo punto arbitrario si trova sulla linea di
collegamento tra tragus e canthus, a 11 mm dal tragus.
Quindi serrare le due viti di regolazione nere che collegano l’arco
trasversale con i bracci laterali. Fissare il nastro di nylon rosso
all’estremità posteriore dei bracci laterali in modo da collegare i
due bracci laterali attraverso la regione parietale del cranio. Con la
fascia elastica collegare i bracci laterali attraverso la regione
occipitale. In questo modo l’arco facciale è fissato a sufficienza.
Non tirare troppo la fascia elastica, perché una tirata troppo forte
potrebbe già dopo un po’ di tempo provocare dolori.
Arco facciale superiore SAM® (Axiomatic®) „versione nuova“:
Al momento della scrittura di questo manuale, la ditta GAMMA
non disponeva di un manuale del produttore e i collaboratori
della ditta GAMMA non erano ancora stati addestrati all’uso del
sistema Axiograph®. Se avete domande concernenti l’utilizzo di
questa apparecchiatura siete pregati di rivolgervi direttamente
alla ditta SAM® di Monaco di Baviera.
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della ditta SAM di Monaco di
Baviera.
66 Capitolo 4: CADIAX®
4.4.5
Montaggio delle lastre
Le lastre dovrebbero essere tenute ai bordi senza toccare la
superficie nera.
Se necessario, pulire le lastre con alcool al 95%. A causa dell’alcool
la superficie diventa grigia. Si consiglia di pulire le lastre
regolarmente (1 volta al mese) nel bagno ad ultrasuoni con saponata.
In questo modo è possibile eliminare i residui di unto dalla superficie.
Umettare la superficie grigia con uno strato sottile di olio di contatto
GAMMA, applicare cinque goccioline sulla superficie (al centro e su
ogni angolo). Con una panno di cotone distribuire l’olio sull’intera
superficie, che grazie all’olio ritornerà nera.
Troppo olio di contatto isola le lastre e le rende inutilizzabili. Inoltre
l’olio attira particelle di polvere. Attenzione: Applicare solo uno
strato sottile di olio.
Fissare le lastre sui bracci laterali, sopra le orecchie. Il presunto
punto dell’asse cerniera si trova nel quarto posteriore superiore della
superficie nera delle lastre. Niente deve trovarsi fra i bracci laterali e
le lastre. Per il montaggio del SAM® Axiograph® è importante che la
distanza tra i bracci laterali venga mis urata in due punti (dietro e
davanti) per controllare che i bracci laterali (comprese le lastre) siano
montati parallelamente. Con l’arco facciale GAMMA questa
procedura non è necessaria perché l’uso di speciali morsetti a vite
garantisce il parallelismo dell’arco.
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della ditta SAM di Monaco di
Baviera.
Capitolo 4: CADIAX® 67
4.4.6
Montaggio dell’arco facciale inferiore
Controllare le viti per la regolazione verticale e sagittale dell’arco
facciale inferiore: entrambe le viti devono trovarsi nella posizione
centrale.
Il paziente chiude la bocca (ICP). Spingere il morsetto sulla barra
trasversale dell’arco facciale inferiore sull’asta
del cucchiaio occlusale. Fare attenzione a non staccare il cucchiaio
dai denti. Controllare nuovamente il corretto posizionamento del
cucchiaio. Ora tenere i bracci laterali dell’arco facciale inferiore in
modo che
1.
il foro per lo stilo si trovi sul presunto punto dell’asse
cerniera e
2.
la barra trasversale dell’arco facciale inferiore sia parallela
alla barra trasversale dell’arco facciale superiore.
Ciò viene controllato dal lato anteriore e dall’alto.
Spingere i bracci laterali dell’arco facciale inferiore sulle superfici
esterne dei bracci laterali dell’arco facciale superiore. Il paziente (o
l’assistente) preme i bracci laterali dell’arco inferiore contro i bracci
laterali dell’arco superiore, mentre Lei gira la barra trasversale
inferiore. Girando la barra trasversale inferiore si eliminano le tensioni
e viene garantito il parallelismo dei bracci superiori ed inferiori. Visti
dall’alto, i bracci laterali devono essere paralleli.
Controllare se la barra trasversale inferiore è ancora parallela a quella
superiore. Se sì, serrare il morsetto sulla barra trasversale inferiore.
Durante il serraggio, sostenere l’arco facciale inferiore con l’altra
mano. Altrimenti verrebbe esercitata troppa pressione sul cucchiaio
paraocclusale. Una pressione eccessiva provoca dolori e allenta il
cucchiaio.
Se la barra trasversale inferiore non è parallela alla barra superiore,
bisogna renderla parallela, quindi serrare il morsetto.
68 Capitolo 4: CADIAX®
4.4.7
Fissaggio degli stili di misurazione
Un sistema di doppi stili su entrambi i lati permette la registrazione
della rotazione dell’asse cerniera. Lo stilo con la bussola più grande
viene inserito nel foro sul braccio laterale. L’altro stilo più piccolo
viene inserito sopra il primo stilo. Dovrebbe essere appoggiato sul
bordo superiore del braccio laterale. Serrare la vite sull’estremità
posteriore del braccio laterale. In questo modo lo stilo è fissato al
braccio laterale.
Eseguire il corretto posizionamento sagittale e trasversale degli stili
sulla lastra:
-
Posizionare gli stili il più vicino possibile al presunto punto
dell’asse cerniera.
-
Ogni stilo ha una distanza di misurazione di ca. 2 cm.
Avvicinare il braccio laterale con lo stilo montato alla lastra,
sia a destra che a sinistra, coprendo circa la metà della
possibile distanza di misurazione. Questo posizionamento
permette sia il movimento sufficientemente telescopico degli
stili per il movimento di Bennett sia un contatto sufficiente
con la lastra.
Dopo la corretta regolazione degli stili, serrare le viti sul lato anteriore
dell’arco facciale inferiore. Durante il serraggio della vite, sostenere
l’arco facciale con l’altra mano.
Attaccare le lastre e gli stili all’interface-box, che viene allacciato al
computer. Avviare il programma ed effettuare una prova di
funzionamento.
4.4.8
Struttura e cablaggio del sistema
elettronico
Funzionamento elettronico:
La posizione delle coordinate X, Y e Z nonché i segnali dei due
canali EMG, che ogni 9/1000 di secondo vengono trasmessi
Capitolo 4: CADIAX® 69
dall’elettronica al computer attraverso l’interface-box
(amplificatore di isolamento CADIAX®) e convertiti digitalmente.
Il sistema dispone di un isolamento elettrico tra l’alimentatore del
computer ed il paziente ed è stato testato, secondo le normative
mediche internazionali, ad una tensione di isolamento di 4000
VDC.
Trasmissione dati:
La trasmissione dati viene controllata mediante il pedale. I dati
CADIAX® consistono di 5 – 10 KB per ogni registrazione.
Azionando il pedale un segnale acustico indica l’inizio della
registrazione. Il termine della registrazione viene segnalato da un
secondo segnale acustico. Dopo l’inizio della registrazione, il
pedale può essere rilasciato. Al termine di ogni registrazione
avviene la rappresentazione grafica dei dati. È possibile
continuare con la prossima registrazione oppure cancellare
l’ultima curva o una delle curve precedenti per registrarla
nuovamente.
Cablaggio:
1.
Con il cavo di collegamento grigio collegare
l’amplificatore di isolamento CADIAX® (box nero) con
l’interfaccia parallela (interfaccia stampante) del vostro
computer facendo attenzione alle diciture sulle spine
(CADIAX® III e computer).
2.
Inserire la spina secondaria dell’alimentatore
nell’apposita presa del cavo CADIAX®. Solo allora
l’alimentatore può essere inserito nella presa di corrente.
Il LED verde sul lato anteriore dell’amplificatore di
isolamento CADIAX® è acceso.
3.
Inserire la spina del pedale nella presa sul retro
dell’amplificatore di isolamento CADIAX®.
4.
Collegare le lastre e gli stili alle apposite prese sul lato
anteriore dell’amplificatore di isolamento CADIAX®.
Fare attenzione alle diciture e a non scambiare le lastre e
gli stili del lato sinistro e destro. Il test funzionale non
riesce a riconoscere questo montaggio scorretto che
causa la registrazione di dati scorretti.
70 Capitolo 4: CADIAX®
4.5
Localizzazione e impostazione
dell’asse
Questa funzione è la prima scheda del registratore CADIAX®.
Compare automaticamente al primo richiamo della funzione di
registrazione. Si tratta di un programma di utilità opzionale per
l’individuazione della posizione dell’asse cerniera sulle lastre. Se
preferite un altro modo di localizzazione dell’asse cerniera, potete
saltare questa funzione e iniziare subito con la localizzazione
dell’asse.
Naturalmente questo procedimento per la localizzazione automatica
dell’asse cerniera può essere ripetuto un numero indefinito di volte.
Per sicurezza dovrebbe sempre essere effettuato almeno due volte.
Definizione:
L’asse cerniera è un asse funzionale intorno al quale avviene la
rotazione della mandibola. Il movimento terminale a cerniera della
mandibola segna la posizione di riferimento (RP) che viene utilizzata
per la localizzazione dell’asse cerniera. Durante la registrazione per la
localizzazione, guidare la mascella inferiore in modo che ruoti nella
posizione RP.
Per la localizzazione dell’asse cerniera il programma CADIAX®
effettua il calcolo geometrico delle curve. Queste curve risultano
dalle posizioni degli stili dove gli stili assiali non si trovano al centro
di rotazione dell’apertura iniziale della mandibola. Compare una lista
di istruzioni per facilitare l’esecuzione.
Capitolo 4: CADIAX® 71
Lista di istruzioni per la localizzazione dell’asse:
1. Spiegare al paziente il procedimento seguente.
2. Portare la mandibola del paziente nella posizione di riferimento
muovendo il mento in maniera non forzata. Quindi il paziente deve
chiudere la bocca evitando appena il contatto dei denti. Evitare il
contatto dei denti per poter impostare la mandibola senza l’influenza
dell’occlusione.
3. Azionare il pedale ed aspettare il primo segnale acustico. Quindi
compare una finestra di dialogo che indica l’avanzamento della
registrazione. Rilasciare il pedale ancora durante la registrazione!
Durante l’intera registrazione il pedale NON deve essere premuto!
4. Dite al paziente di aprire lentamente la bocca di almeno 15 mm e di
mantenere questa posizione fino al secondo segnale acustico.
5. Portare la mandibola del paziente nuovamente nella posizione di
riferimento che dovrà essere mantenuta. La finestra di dialogo che
indica l’avanzamento di registrazione scompare automaticamente e
compare la finestra di impostazione in tempo reale per la
localizzazione dell’asse controllabile sullo schermo.
72 Capitolo 4: CADIAX®
6. Osservare la distanza e la direzione di movimento degli stili per
raggiungere la posizione calcolata dell’asse cerniera. Questa
posizione è segnata dai cerchi.
Azionare il pedale ed osservare lo schermo. La posizione attuale
degli stili è segnata da crocette rosse. Girare le viti di regolazione
dell’arco facciale inferiore finché le crocette raggiungono i cerchi. La
distanza tra crocetta e cerchio viene indicata in millimetri. Durante
l’intero procedimento il paziente deve restare nella posizione di
riferimento.
Per consentire una maggiore precisione, la casella zoom si apre
automaticamente quando la distanza tra lo stilo destro / sinistro ed il
punto dell’asse calcolato scende sotto un determinata soglia (circa
1,3 mm).
7. Quando entrambe le lastre hanno raggiunto il punto dell’asse
cerniera calcolato, premere il pedale per confermare l’asse e
continuare con l’immissione dei dati geometrici e con la registrazione.
Potete ripetere il procedimento più volte, anche per controllarne la
riproducibilità.
L’esperienza pratica ha dimostrato che spesso è più
semplice portare il paziente nella posizione di chiusura (evitando
appena il contatto dei denti) e aspettare il secondo segnale
acustico. Inoltre, anche il punto dell’asse viene impostato in
questa posizione. In questo modo si evita un’ulteriore fonte di
errore.
Eventuali errori di registrazione vengono segnalati sullo schermo per
poter effettuare le impostazioni necessarie nell’hardware oppure per
cambiare il procedimento con il paziente.
In caso di instabilità, la localizzazione dell’asse cerniera risulta più
facile se il paziente apre la bocca di ca. 2 cm e la richiude durante la
registrazione. In questo modo si desidera evitare la traslazione, cioè
la protrusione della mandibola.
Capitolo 4: CADIAX® 73
Una grave disfunzione muscolare o forti dolori all’articolazione
mascellare possono rendere impossibile la corretta localizzazione
dell’asse cerniera. In questi casi è accettabile la localizzazione
manuale, che viene effettuata come nella condilografia meccanica.
Registrazioni di movimenti di rotazione non dovrebbero essere
confrontati con movimenti di rotazione-traslazione.
4.6
Immissione di dati geometrici
Per convertire i valori registrati nel sistema di coordinate orbitale
dell’asse cerniera (o in un altro sistema di coordinate di riferimento),
CADIAX® necessita dei dati geometrici dell’arco facciale superiore
montato sul paziente. La maschera di input può essere richiamata
dopo la localizzazione dell’asse. In tutte le maschere di input i valori
vengono inseriti in mm.
Le maschere per l’input dei dati geometrici si differenziano a seconda
del tipo di arco facciale impostato nel menu Options/CADIAX
Settings (Opzioni/Impostazioni CADIAX)...
Inserire il diametro della punta sferica
dello stilo
Inserire la distanza intercondilare
standard per la conversione
Specificare il tipo di arco
facciale
74 Capitolo 4: CADIAX®
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della ditta SAM di Monaco di
Baviera.
Per l’arco facciale GAMMA/ Girrbach (raccomandato) vanno inseriti
i seguenti valori:
Y-Shift left (traslazione Y sinistra) (in mm): Rilevare il valore sulla
scala della barra trasversale anteriore dell’arco facciale sul lato
sinistro del paziente. I valori che rispetto al punto 0 sulla scala si
trovano verso l’interno vengono inseriti come valori negativi.
X-Shift left (traslazione X sinistra): Rilevare il valore sulla scala
del braccio sinistro della lastra ed inserirlo in millimetri. I valori
che rispetto al punto 0 sulla scala si trovano davanti vengono
inseriti come valori positivi.
Y-Shift right (traslazione Y destra): Rilevare il valore sulla scala
della barra trasversale anteriore dell’arco facciale sul lato destro
del paziente. I valori che rispetto al punto 0 sulla scala si trovano
verso l’interno vengono inseriti come valori negativi.
X-Shift right (traslazione X a destra): Rilevare il valore sulla scala
del braccio destro della lastra ed inserirlo in millimetri. I valori che
rispetto al punto 0 sulla scala si trovano davanti vengono inseriti
come valori positivi.
Front face bow height (altezza anteriore dell’arco facciale):
(localizzazione orbitale) Individuare il bordo inferiore dell’orbita
sinistra, posizionarvi il puntatore orbitale e fissarlo in questa
posizione. Il valore dell’altezza anteriore dell’arco facciale viene
rilevato sulla scala verticale dell’indicatore orbitale. Il valore
viene inserito in mm.
Capitolo 4: CADIAX® 75
Maschera per l’input dei dati geometrici per
l’arco facciale Gamma/Girrbach
Naturalmente si possono usare anche altri piani di riferimento
come p. es. il piano di Camper.
Front face bow height (altezza anteriore dell’arco facciale):
Questo valore viene rilevato sulla scala orizzontale dell’asta di
spinta che va indietro. Il valore viene inserito in mm.
Per il SAM® Axiograph® „versione vecchia” bisogna inserire i
seguenti dati:
Flag distance (distanza tra le lastre): Misurare con un righello la
distanza tra i lati esterni dei bracci laterali dell’arco facciale
superiore ed inserire i valori in millimetri.
Front face bow height (orbital stick) (altezza anteriore dell’arco
facciale (perno orbitale)): Localizzazione orbitale: Individuare il
bordo inferiore dell’orbita sinistra e posizionarvi il righello.
Inclinare il righello finché indica il punto sinistro dell’asse
cerniera. Impostare il perno orbitale in modo che tocchi il lato
inferiore del righello e spostarlo verso il naso. Quindi rilevare il
valore in millimetri sulla scala ed inserirlo nel computer
(rilevamento sul bordo superiore della vite zigrinata).
76 Capitolo 4: CADIAX®
Maschera per l’input dei dati
geometrici per il SAM® Axiograph®.
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della ditta SAM di Monaco di
Baviera.
X-Shift right (traslazione X destra): Rilevare ed inserire il valore
indicato sulla scala del braccio laterale destro dell’arco facciale
superiore.
X-Shift left (traslazione X sinistra): Rilevare ed inserire il valore
indicato sulla scala del braccio laterale sinistro dell’arco facciale
superiore.
Capitolo 4: CADIAX® 77
Per il SAM ® Axiograph® „versione nuova” bisogna inserire i
seguenti dati:
Y-Shift left (traslazione Y sinistra): Rilevare il valore sulla scala
dell’asta trasversale anteriore dell’arco facciale sul lato sinistro
del paziente.
Y-Shift right (traslazione Y destra): Rilevare il valore sulla scala
dell’asta trasversale anteriore dell’arco facciale sul lato destro del
paziente.
Measured from inner edge (misurato dal bordo interno della vite):
Indicazione che si riferisce ad entrambe le caselle precedenti.
Potete specificare se il valore è stato rilevato sul bordo interno o
esterno della vite. Il rilevamento standard avviene sul bordo
interno. Specificare „yes“ o „no“.
Maschera per l’input dei dati
geometrici per l’arco facciale SAM®
Axiograph® versione „nuova“.
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della ditta SAM di Monaco di
Baviera.
Anterior face bow height (altezza anteriore dell’arco facciale):
Localizzazione orbitale: Individuare il bordo inferiore dell’orbita
sinistra e posizionarvi il righello. Inclinare il righello finché indica
il punto sinistro dell’asse cerniera e, con un altro righello,
misurare la distanza tra lo spigolo superiore della barre
78 Capitolo 4: CADIAX®
trasversale anteriore dell’arco facciale ed il righello posizionato
sull’orbitale e inclinato verso il piano AO. Il valore viene inserito
in millimetri come con l’"anterior facebow height" (altezza
anteriore dell’arco facciale). Naturalmente si possono usare
anche altri piani di riferimento come p. es. il piano di Camper.
Index of the left flag arm hole (indice del foro per la lastra
sinistra): Inserire l’indice (numero) del foro nel quale è stata
inserita la lastra sinistra. L’ultimo foro ha indice 1, andando
avanti l’indice sale.
Index of the right flag arm hole (indice del foro per la lastra
destra): Inserire l’indice (numero) del foro nel quale è stata
inserita la lastra destra. L’ultimo foro ha indice 1, andando avanti
l’indice sale.
Capitolo 4: CADIAX® 79
4.7
Registrazione delle curve
Dopo l’immissione dei dati geometrici si può iniziare con la
registrazione delle curve e del CPM. La finestra di registrazione può
essere attivata nel menu Window/Record (Finestra/Registrazione).
Sullo schermo compare la seguente maschera:
Menu di registrazione
Campo delle denominazioni (vuoto
all’inizio della registrazione)
Barra degli strumenti di
registrazione
Barra registro per accedere
ai programmi addizionali
necessari
Finestra per la visualizzazione
dei dati registrati nel sistema
delle coordinate di riferimento.
80 Capitolo 4: CADIAX®
4.7.1
La barra degli strumenti
La barra degli strumenti è un importante elemento di comando del
registratore CADIAX®. La barra degli strumenti permette il controllo
dell’intero programma di registrazione. Le icone consentono un
accesso rapido a tutte le funzioni importanti del menu:
Campo per la
denomianzion
e della curva,
indica il nome
della curva ed
il colore del
disegno
Disegna una nuova curva
Inserisce un nuovo CPM
Cancella la curva attuale
Salva i dati nel Data
Manager
Lavorare con gli appunti
Windows: copia, taglia e
inserisci
Ingrandimento della
visualizzazione nella finestra
Guida
4.7.2
Registrazione di una curva
La registrazione di una nuova curva avviene con il comando di menu
Data/New Curve (Dati/Nuova Curva)… oppure cliccando
sull’apposita icona nella barra degli strumenti:
....... Icona per disegnare una nuova curva
Capitolo 4: CADIAX® 81
Dopo aver attivato questa funzione compare la seguente finestra di
dialogo:
Conferma della denominazione della curva,
avvio della registrazione
Denominazione della curva
Denominazioni definite
dal sistema o
dall’utente
Selezione del tempo di registrazione,
4,5 o 9 secondi
Registrazione con EMG o meno
(possibile solo con la versione
CADIAX® PC-plug-in )
In questa finestra di dialogo („recording parameters“) si possono
inserire i seguenti parametri per la registrazione della curva:
Denominazioni delle curve:
Con il menu di registrazione CADIAX® potete effettuare tutte
le registrazioni individuali necessarie. Nel menu di selezione a
discesa si può scegliere una delle curve proposte (denominazioni
definite dal sistema o dall’utente). Inoltre è possibile inserire
qualsiasi denominazione della registrazione che dopo la registrazione
verrà assegnato automaticamente alla curva.
Normalmente dovrebbero bastare le denominazioni standard
proposte. La denominazione successiva può essere richiamata
premendo semplicemente il tasto FRECCIA GIÙ.
82 Capitolo 4: CADIAX®
Con il comando di menu Edit/Definitions (Modifica/Definizioni) è
possibile immettere denominazioni personalizzate delle curve.
Compare la seguente finestra di dialogo:
Elenco delle denominazioni
Modifica di denominazioni
curve e CPM
Modifica di
denominazioni definite
dal sistema o dall’utente
Inserire nuova denominazio ne
Cancellare denominazione selezionata
Spostare selezione curva in su
Spostare selezione curva in giù
Tempo:
Nel sistema CADIAX® il tempo di registrazione standardizzato è
di 4,5 secondi. Questo tempo si è dimostrato ragionevole per la
registrazione dei movimenti eseguiti dal paziente. L’utente può
anche raddoppiare questo tempo, il che può essere molto utile
per la registrazione della pronuncia, della masticazione ecc.
Quindi il tempo di registrazione è di 9 secondi.
EMG:
La vecchia versione CADIAX® fuori commercio (versione con
scheda plug-in) permette la registrazione simultanea di curve
condilografiche e di informazioni EMG. Con la vecchia versione,
attivare questa funzione per la registrazione contemporanea dei
valori EMG.
Capitolo 4: CADIAX® 83
Registrazione
Confermare la finestra di denominazione con il pulsante OK:
Confermare la denominazione inserita e i
parametri di registrazione impostati.
Compare la finestra di dialogo con l’istruzione di premere il pedale
per avviare la registrazione:
Quindi premere il pedale per iniziare la registrazione. Il programma
comunica l’inizio della registrazione con un segnale acustico.
Premendo il pulsante Cancel (annulla) è possibile interrompere la
registrazione della curva. Premendo il pedale compare la finestra di
dialogo con la barra di avanzamento della registrazione :
84 Capitolo 4: CADIAX®
I dati vengono registrati. Un secondo segnale acustico indica il
termine del temp o di registrazione. La finestra di dialogo con la barra
di avanzamento si chiude automaticamente e i dati calcolati vengono
rappresentati graficamente nella parte destra della finestra di
registrazione CADIAX®. La denominazione della curva compare
nello spazio a sinistra.
L’origine di tutte le registrazioni è la posizione di riferimento (RP)
dove avete stabilito l’asse. Questa posizione è la base del sistema di
coordinate nel quale X = 0, Y = 0 e Z = 0. Tutte le curve e tutti i
calcoli si riferiscono alla posizione RP. Dopo ogni registrazione le
curve vengono automaticamente mostrate sullo schermo.
Potete ripetere questo procedimento un numero indefinito di volte.
Con il “vecchio” sistema CADIAX® per MS/DOS il numero delle
registrazioni era limitato a 20 curve. Con il nuovo sistema questa
limitazione non esiste più.
Se NON volete salvare la curva registrata, potete cancellarla dalla
lista con il comando di menu Data/Delete (Dati/Cancella). Questo è
possibile anche per qualsiasi curva precedente.
Rappresentazione e sistema di coordinate:
La rappresentazione grafica nella parte superiore sinistra della
finestra mostra il movimento di Bennett del condilo destro (sullo
schermo l’asse X è orizzontale, l’asse Y è verticale). La
Capitolo 4: CADIAX® 85
rappresentazione sottostante mostra il piano sagittale millimetrato
(sullo schermo l’asse X è orizzontale, l’asse Z è verticale).
La rappresentazione grafica nella parte superiore destra della finestra
mostra il movimento di Bennett del condilo sinistro (sullo schermo
l’asse X è orizzontale, l’asse Y è verticale). La rappresentazione
sottostante mostra il piano sagittale millimetrato (sullo schermo
l’asse X è orizzontale, l’asse Z è verticale).
L’origine di tutte i grafici è la posizione di riferimento che viene
determinata fissando l’asse. Le curve non corrispondono sempre
esattamente all’origine del sistema di coordinate. I tracciati sagittali
corrispondono a quadrati lunghi 10 mm. Le curve condilografiche
non sono però legati a questi limiti.
Le parti superiori di entrambi i sistemi di coordinate Bennett sono
orientate in direzione mediale (movimento Bennett positivo secondo
il vecchio standard). I sistemi di coordinate sagittali sono orientati in
avanti e puntano verso il centro dello schermo. Il movimento Bennett
è visualizzato in verde, il movimento sagittale in rosso.
Analisi ortopedica standard secondo Slavicek
Il programma offre una lista di cosiddette curve standard per la scelta
rapida delle denominazioni:
•
Protrusione/Retrusione
•
Mediotrusione/Medioretrusione destra (il paziente muove la
mandibola verso la spalla sinistra)
•
Mediotrusione/Medioretrusione sinistra (il paziente muove
la mandibola verso la spalla destra)
•
Chiudere/Aprire
•
Protrusione/Retrusione guidata
•
Mediotrusione/Medioretrusione destra guidata
•
Mediotrusione/Medioretrusione sinistra guidata
•
Chiudere/Aprire guidato
•
CPM
•
Pronuncia
•
Bruxismo
•
Deglutizione
•
Masticazione
•
?Movimento libero (movimento senza limite di direzione ed
escursione)
La Scuola di Vienna consiglia di seguire una determinata sequenza di
registrazione. Inoltre, ogni movimento dovrebbe essere registrato
due volte per controllare la riproducibilità del sistema e
dell’articolazione.
86 Capitolo 4: CADIAX®
4.7.3
Registrazione CPM
Il CPM (apparecchio per la misurazione elettronica della posizione
condilare) è uno strumento meccanico usato per paragonare due
posizioni diverse della mandibola nell’articolatore. Nella
condilografia elettronica la misurazione CPM viene effettuata
direttamente sul paziente. Il CPM compara due posizioni diverse
dell’asse cerniera in vivo. Per questo procedimento è necessario un
cucchiaio paraocclusale. Fare attenzione che il cucchiaio non
impedisca l’intercuspidazione (ICP).
Attivare il CPM dal registratore CADIAX® con il comando di menu
Data/New CPM (Dati/Nuovo CPM) oppure cliccando sull’apposita
icona nella barra degli strumenti:
........Icona nella barra degli strumenti per eseguire una nuova
registrazione CPM
Compare quindi la finestra per le denominazioni CPM:
Scegliere quali definizioni usare
(definite dal sistema o dall’utente)
Selezionare o immettere la denominazione
CPM
Avviare la registrazione con
il pulsante OK
Specificare il tempo di registrazione:
4,5 o 9 secondi, oppure impulso
(individuale)
Capitolo 4: CADIAX® 87
Il programma calcola la differenza delle posizioni all’inizio (primo
segnale acustico) e al termine della registrazione (secondo segnale
acustico). Il tempo di registrazione è di 4,5 o di 9 secondi.
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Spiegazione al paziente
Immettere il nome della registrazione desiderata
Confermare con il pulsante OK
Impostare la mandibola nella posizione desiderata (p.es.
posizione di riferimento)
Premere il pedale ed aspettare il primo segnale acustico
Guidare la mandibola del paziente nella seconda posizione
(p.es. ICP) ed aspettare il secondo segnale acustico.
Se avete selezionato la modalità "Impuls Mode" , dovrete rilasciare il
pedale dopo il primo segnale acustico. Quindi premere nuovamente il
pedale per la registrazione della seconda posizione (secondo segnale
acustico). Tra i due segnali acustici non vengono salvati dati. Come
origine il sistema di coordinate indica la posizione al momento del
primo segnale acustico. Il momento del secondo segnale acustico
viene segnato con una crocetta. Rilasciare il pedale tra il primo ed il
secondo segnale acustico.
Quindi, premendo il pedale, compare la seguente finestra di dialogo
con la barra di avanzamento della registrazione:
88 Capitolo 4: CADIAX®
Dopo il secondo segnale acustico la registrazione è conclusa. Viene
visualizzata la posizione del secondo punto rispetto al primo punto.
Si consiglia di suddividere la finestra di visualizzazione della grafica
in quattro segmenti e di ingrandirli con il comando di menu
Window/Split View (Finestra/Visualizzazione suddivisa) e
Window/Zoom Settings (Finestra/Impostazonioni zoom).
Potete ripetere questo procedimento un numero indefinito di volte.
Con il “vecchio” sistema CADIAX® per MS/DOS il numero delle
registrazioni era limitato a 10 punti EMPI. Con il nuovo sistema il
numero di registrazioni non è più limitato.
Acronimi CPM:
RP
RCP
ICP
RES
ETP
IVP
FBP
Posizione di riferimento
Posizione retrale di contatto
Posizione di intercuspidazione
Resilienza dell’articolazione mascellare
Posizione terapeutica attesa
Posizione verticale ideale
Posizione morso forzato (Forced Bite
Position)
La freccia ( )indica la direzione del movimento dalla prima alla
seconda posizione, p. es. RP ICP, significa che la registrazione è
avvenuta dalla posizione di riferimento alla posizione di
Capitolo 4: CADIAX® 89
intercuspidazione. Potete immettere voi stessi la freccia insieme al
testo.
Modalità Punto:
La „Modalita Punto“ (Point Mode) permette di registrare fino a 40
punti di seguito, a seconda di quante volte è stato premuto il
pedale. La funzione può essere interrotta premendo un tasto
qualsiasi. In un set di 10 registrazioni CPM possibili, una
registrazione Modalità Punto è sempre l’ultima, anche se c’è
ancora spazio per ulteriori registrazioni.
Visualizzazione dei calcoli CPM:
•
•
•
•
•
•
•
delta X: La differenza delle coordinate lungo l’asse X, cioè in
direzione sagittale (+X = anteriore, -X = posteriore), indicata in
millimetri.
delta Y: La differenza lungo l’asse Y, cioè in direzione trasversale
(+Y = sul lato destro, -Y = sul lato sinistro).
delta Z: La differenza sull’asse Z, cioè in direzione verticale (+Z
= in giù, -Z = in su).
delta H: La differenza dell’altezza dell’asta incisale in articolatore.
delta W: Deviazione laterale dell’asta incisale sul tavolo incisale.
delta L: La differenza anteriore-posteriore della posizione
dell’asta incisale sul tavolo incisale.
Gamma: La misurazione della rotazione dell’asse cerniera tra le
due posizioni, espressa in gradi.
90 Capitolo 4: CADIAX®
4.7.4
CADIAX® EMG
Il programma di elettromiografia CADIAX® consente di osservare
l’EMG di due muscoli qualsiasi, in tempo reale, insieme alla
condilografia CADIAX®. Potete posizionare i conduttori per il
biofeedback anche sulla muscolatura sinistra e destra. I dati vengono
indicati in modo lineare da sinistra a destra. Ogni conduttore ha il
suo colore.
I dati EMG possono essere utilizzati solo con il „vecchio“
CADIAX® (sistema plug-in). Il nuovo sis tema CADIAX® III non
supporta questa opzione!
Il programma è stato sviluppato per l’uso di elettrodi standard, che
vengono fissati sulla muscolatura da osservare. Il programma EMG
viene selezionato dal menu Real Time (tempo reale) per il
biofeedback o viene registrato insieme alla condilografia:
Menu a discesa per attivare le
opzioni EMG per la registrazione
Se la registrazione viene salvata, è possibile richiamare l’EMG
selezionando l’analizzatore della condilografia CADIAX® Analyser.
L’ampiezza misurata, sullo schermo viene rappresentata con una
barra.
Elettrodi:
Ogni cavo degli elettrodi ha tre conduttori. Fissare ognuno dei tre
conduttori su un sensore. Uno degli elettrodi ha una superficie
esterna bianca. Questo è l’elettrodo di massa e può essere fissato
lontano dal muscolo da esaminare. Gli altri due elettrodi con la
superficie nera rilevano il potenziale muscolare.
Capitolo 4: CADIAX® 91
Preparazione della pelle:
Se il paziente ha usato della crema per la pelle, essa deve essere
rimossa. Umettare la pelle per gli elettrodi con lo spray MBS
PREP e dopo aver applicato uno strato di gel di contatto sugli
elettrodi, posizionarli sulla pelle. Quindi collegare i fili conduttori.
Dopo l’esame, pulire le zone di contatto sulla pelle.
Si possono anche utilizzare altri gel, soluzioni e tecniche per
posizionare gli elettrodi. L’utilizzo di carta vetrata per irruvidire la
pelle è un altro metodo applicabile.
Muscolatura:
Masseter: Fissare un elettrodo nero sul bordo inferiore
dell’Arcus zygomaticus vicino all’articolazione. L’altro elettrodo
viene fissato anteriormente al primo. Il conduttore bianco viene
posizionato sotto i due conduttori neri.
Temporalis: Posizionare i tre elettrodi a triangolo in modo che
quasi si tocchino. I dischetti in plastica possono anche essere
parzialmente sovrapposti.
Frontalis: Posizionare i conduttori a triangolo e fissarli a destra e
a sinistra sulla fronte sopra ogni occhio.
Digastricus: Disporre i conduttori in fila sotto il bordo
mandibolare mediale con il conduttore bianco posto fra i due
conduttori neri.
Sternocleido-mastoideus: I conduttori vengono fissati lungo il
muscolo, uno vicino all’altro, con il conduttore bianco posto fra i
due conduttori neri.
Muscolatura mimica: Uno dei conduttori neri viene fissato
sull’angolo della bocca, l’altro conduttore nero viene fissato
medialmente sotto il labbro. Il conduttore bianco si trova sotto i
due conduttori neri.
92 Capitolo 4: CADIAX®
Altri muscoli: Palpare sempre l’origine e l’inserzione del
muscolo, quindi fissare gli elettrodi. Esaminare anche la zona
della spalla.
Esercizi EMG
Gli esercizi variano da paziente a paziente e a seconda delle esigenze
diagnostiche. Osservando il paziente sarà più facile decidere quali
esercizio il paziente dovrà eseguire.
Alcune proposte: digrignare, serrare i denti, tutti i movimenti classici,
paragone tra le zone intorpidite della muscolatura mimica.
Gli elettrodi e i cavi per l’EMG non fanno parte della dotazione
di base CADIAX®.
4.7.5
Smontaggio dell’elettronica
Rimuovere prima gli stili e le lastre e metterli nella valigetta CADIAX.
Togliere l’arco facciale superiore ed inferiore. Sollevare e abbassare il
cucchiaio paraocclusale per allentarlo, essere prudenti con pazienti
con malattie parodontali. Rimuovere i residui dell’adesivo con un
raschietto.
4.7.6
Salvataggio dei dati
Al termine della registrazione CADIAX®, tutti i dati registrati
vengono temporaneamente salvati nel Data Manager. Per il
salvataggio permanente nella banca dati GAMMA usare il comando
Data/Update (Dati/Salva) nel Data Manager oppure cliccare
sull’icona corrispondente nella barra degli strumenti.
Capitolo 4: CADIAX® 93
4.8
Visualizzazione in tempo reale
La visualizzazione in tempo reale mostra i movimenti degli stili sulle
lastre di misurazione direttamente sullo schermo. Durante questo
procedimento non vengono salvati dati. Le registrazioni vengono
effettuate, visualizzate e quindi scartate. Il programma, che può
essere avviato dallo schermo principale CADIAX®, offre tre diversi
modi di output:
Lastre
Elettromiografia
Dati lineari ed EMG
La visualizzazione in tempo reale può essere avviata nel menu
Tools/Real-time display del registratore CADIAX® oppure con il
comando di avvio Windows axreal.exe nella directory di
installazione GAMMA.
4.8.1
Visualizzazione delle lastre
Sulla lastra la posizione dello stilo nelle coordinate X e Z (sistema di
coordinate della lastre e non sistema di coordinate AO) viene
visualizzata con una crocetta rossa e blu sullo sfondo nero che
rappresenta le lastre.
Il lato sinistro dello schermo mostra il lato destro del paziente e vice
versa. I dati vengono visualizzati solo premendo il pedale.
94 Capitolo 4: CADIAX®
Attivando la funzione di menu View/Mark (Visualizza/Segna) la
posizione attuale delle punte di misurazione sulle lastre può essere
segnata con un piccolo cerchio. Inoltre, mediante il menu View è
possibile ingrandire la zona attuale (funzione zoom) oppure
nascondere/visualizzare l’una o l’altra lastra.
Barra delle funzioni: Con l’aiuto della barra delle funzioni è possibile
effettuare l’impostazione della visualizzazione in temp o reale.
Funzione
zoom
Visualizza griglia
Visualizza movimenti
Cancella visualizzazione
Regolazione colori
Funzione zoom: Ingrandisce la posizione attuale degli stili sulle
lastre.
Capitolo 4: CADIAX® 95
Visualizza griglia: Visualizza una griglia a maglia di 5 x 5 millimetri.
Visualizza movimenti: Mostra il tragitto del movimento.
Regolazione colori: Consente la regolazione dei colori della
visualizzazione in tempo reale.
È possibile regolare i colori della griglia, dello stilo sinistro dell’asse
cerniera e dello stilo Gamma.
96 Capitolo 4: CADIAX®
4.8.2
Visualizzazione di dati lineari ed EMG
I valori EMG vengono visualizzati da sinistra a destra insieme ai dati
delle coordinate della condilografia. Le due curve hanno colori
diversi. Le coordinate X, Y e Z sono a colori e hanno la stessa misura
come nelle curve temporali.
La finestra superiore mostra il lato destro del paziente, la finestra
inferiore mostra il lato sinistro del paziente.
La velocità di visualizzazione può essere impostata con la barra di
scorrimento sul bordo destro della finestra.
Con l’apparecchiatura CADIAX® III le curve EMG non
vengono visualizzate.
Capitolo 4: CADIAX® 97
4.8.3
Visualizzazione EMG
L’EMG può essere richiamato nel modo sopraindicato (EMG e
sistema di coordinate), ma senza le coordinate X, Y e Z della
condilografia. Entrambi i conduttori (destro e sinistro) vengono
visualizzati in un diagramma.
La velocità di visualizzazione può essere impostata con il regolatore a
scorrimento sul bordo destro della finestra.
Con l’apparecchiatura CADIAX® III le curve EMG non
vengono visualizzate.
98 Capitolo 4: CADIAX®
4.9
Analisi CADIAX®
I programmi di analisi CADIAX® vengono richiamati nel Data
Manager insieme ai dati.
4.9.1
Struttura del programma di analisi
La struttura del programma di analisi è stata ideata seguendo il
criterio di massima flessibilità nell’analisi dei dati registrati. Per
l’analisi l’utente ha a disposizione diverse parti di programma:
•
•
•
•
•
•
•
Curve CADIAX®
Movimenti dell’asse
Curve temporali
Curve funzionali
Diagrammi di traslazione-rotazione
Impostazioni dell’articolatore
Animazione 3D
Questi diversi modi di visualizzazione dei dati possono essere usati
per l’analisi di una o più curve. L’utilizzo del programma di analisi
avviene sempre nello stesso modo, non importa quale programma
viene usato. Con tutti i modi di output, gli stessi dati vengono
visualizzati in modo diverso (curve o curve sovrapposte, CPM o
valori CPM sovrapposti).
Capitolo 4: CADIAX® 99
4.9.2
Richiamare i dati CADIAX®
Nell’albero dati selezionare il record CADIAX® desiderato. La
casella selezionata è segnata con una crocetta:
Selezioni dei dati
CADIAX® da analizzare
Per avviare il programma di analisi fare doppio clic sull’icona
corrispondente nella finestra destra oppure usare il menu Edit/Open
CADIAX® Analysis Object:
Comando di menu Edit
CADIAX® Analysis Object per
avviare il programma di
analisi CADIAX®
100 Capitolo 4: CADIAX®
Il programma di analisi CADIAX® viene caricato e si apre
visualizzando i dati desiderati:
La barra di titolo
Il sistema di menu
La barra degli strumenti di ripetizione
La barra degli strumenti
Visualizzazione dati/grafici
Barra di controllo visualizzazione
Output valori
Barra di stato
Il programma „ricorda“ l’ultima impostazione di visualizzazione del
programma di analisi. Ciò significa che, avviando il programma di
analisi, la visualizzazione sarà diversa da quella descritta nel manuale.
Capitolo 4: CADIAX® 101
4.9.3
Opzioni di visualizzazione
Per tutti i modi di visualizzazione dei dati del programma di analisi
CADIAX® si usano gli stessi comandi. Con tutte le visualizzazioni
vengono mostrati tutti i comandi, anche se in quel momento le
funzioni corrispondenti non sono disponibili. Nel menu, le funzioni
non disponibili compaiono in grigio e non in nero.
Il sistema di menu:
Tramite il sistema di menu dell’analisi CADIAX® è possibile
richiamare la maggior parte delle funzioni del programma.
Menu Data (dati):
•
•
•
•
•
•
•
•
•
/Update (Salva):
Salva l’oggetto CADIAX® nel Data
Manager. Vengono salvate tutte le
impostazioni rispetto la visualizzazione, la
selezione dei dati, le impostazioni della
programmazione dell’articolatore ed il
commento modificato.
/Print (Stampa): Stampa i dati selezionati con le
impostazioni date.
/Print Preview (Anteprima di stampa):
Mostra l’intera pagina dei dati da
stampare.
/Print Setup (Imposta pagina):
Mostra la finestra di dialogo Windows per
l’impostazione della pagina.
/Import from CADIAX Compact
(Import da Cadiax® Compact):
Importa i dati da Cadiax Compact.
/Start CADIAX Recorder (Avvio registratore CADIAX®):
Avvia il registratore CADIAX®.
/Numeric Curve (Curva numerica):
Passa al modulo del programma „Numeric
Curve“.
/Cusp Tips (Coordinate cuspidali):
Passa al modulo del programma “Cusp
Tips”.
/Exit (Chiudi): Chiude il programma di analisi CADIAX®
102 Capitolo 4: CADIAX®
Menu Edit (Modifica):
• /Cut (Taglia)
/Copy (Copia)
/Paste (Inserisci):
Le funzioni standard di Windows per lavorare con gli appunti.
Queste funzioni sono disponibili per l’elaborazione del
commento.
•
/Select as Protrusion (Seleziona protrusione)
/Select as Medio Left (Seleziona medio-sinistra)
/Select as Medio Right (Seleziona medio-destra)
/Select as Active Cusp (Seleziona coordinata cuspidale
attiva):
Selezione delle curve CADIAX® per la programmazione
dell’articolatore. Questa opzione è solo disponibile in View
Contents (Visualizza contenuti).
Menu View (Visualizza):
•
•
•
•
•
•
•
/Toolbar (Barra degli strumenti):
Visualizza o nasconde la barra degli strumenti.
/Status Bar (Barra di stato):
Visualizza o nasconde la barra di stato.
/Replay bar (Barra di ripetizione):
Visualizza o nasconde la barra di ripetizione.
/Values(Valori):
Visualizza o nasconde la casella valori.
/Zoom settings (Impostazioni Zoom):
Mostra la finestra per l’impostazione dello zoom.
/Refresh Contents F5 (Aggiorna Contenuti F5):
Effettua l’aggiornamento dei contenuti senza salvarli.
/Replay(Ripetizione):
Mostra la finestra di dialogo per ripetizioni.
Menu Options (Opzioni):
•
•
•
•
/Font for values table (Tipo di carattere per scheda valori):
Consente l’impostazione del tipo di carattere dei valori nella
scheda valori.
/Pen width (Larghezza penna):
Impostazione della larghezza della penna da disegno.
/Repeat:
Impostazione della velocità di visualizzazione.
/Color Pane Tabs (Barra a colori):
La barra di registrazione viene visualizzata a colori.
Capitolo 4: CADIAX® 103
•
•
•
•
•
/Standard color scheme (Schema colori standard): Passa
allo schema colori standard di Windows per la
visualizzazione grafica.
/GDS/DOS color scheme
(Schema colori GDS/DOS):
Passa allo schema colori Gamma Dental Software® della
„vecchia“ versione MS/DOS.
/Printout content (Contentuto di stampa):
Con questa opzione è possibile impostare il contenuto di
stampa.
/Articulator Settings (Impostazioni articolatore):
Impostazione dell’articolatore.
/Cadiax Compact:
Seleziona la porta seriale.
Menu Window (Finestra):
•
•
•
•
•
/Next, (Successiva)/Previous (Precedente):
Visualizza finestra precedente o successiva.
/Divided View (Visualizzazione suddivisa):
Permette di suddividere la finestra di visualizzazione in
quattro parti.
/Resize View (Ripristina visualizzazione):
Annulla la suddivisione della finestra.
/Contents (Contenuti), /CADIAX® curves (Curve
CADIAX®), /Time curves (Curve temporali), /Axis
movement (Movimento asse), /Tooth movement
(Movimento dente), /Translation-Rotation (TraslazioneRotazione), /Articulator settings (Impostazioni
articolatore)/Animation (Animazione):
Visualizza uno dei punti sopra indicati.
Menu Help (Guida):
Richiama le funzioni di guida Windows.
104 Capitolo 4: CADIAX®
La barra degli strumenti:
La barra degli strumenti consente all’utente l’accesso rapido ad
alcune funzioni di menu ed offre inoltre la possibilità di elaborare,
visualizzare e analizzare i dati.
Avvio funzione stampa
Import da CADIAX®
Compact
Funzioni degli
appunti Windows
Avvio registratore
CADIAX® III
Curve numeriche
Aggiorna
Coordinat e
cuspidali
Salva
Visualizzazione dei dati
Sovrapposizione mode on/off
Impostazione automatica dello zoom
per la visualizzazione di tutti i dati
Impostazione
individuale dello
zoom
Il menu a discesa indica i dati selezionati ed informa l’utente sul tipo
e sul colore della curva attualmente visualizzata. Con una selezione
multipla (visualizzazione sovrapposta di più curve) viene visualizzata
la curva attualmente segnata con la barra o la crocetta di selezione i
cui valori sono indicati nella finestra dei valori:
Selezione della curva attuale
Capitolo 4: CADIAX® 105
Barra di ripetizione:
Questa barra permette di ripetere la dinamica della curva attualmente
selezionata.
Mostra l’attuale posizione temporale della registrazione
Barra del tempo
STOP animazione
PAUSA animazione
START animazione
Velocità animazione.
Attiva/disattiva animazione
continua.
Definire il settore dell’animazione: Con il pulsante destro del
mouse cliccare sulla barra del tempo per visualizzare il menu delle
opzioni. Con questo menu si potrà determinare la posizione di
partenza e la posizione finale del settore di animanzione.
106 Capitolo 4: CADIAX®
4.9.4
Selezione curve
Con View/Contents (Visualizza/Contenuti) si ottiene la lista di tutti i
dati condilografici dell’oggetto.
La lista è composta dai seguenti campi:
Title: Il nome della curva.
Created: La data di registrazione.
Type: Curva condilografica elettronica oppure CPM
Used as: Il tipo di registrazione della curva che verrà usato per la
programmazione dell’articolatore.
Flag distance (mm): La distanza delle lastre durante la registrazione.
Recalculated to (mm): La nuova distanza intercondilare in base alla
quale il programma ha convertito i dati dopo la registrazione.
Capitolo 4: CADIAX® 107
Selezione delle curve:
Da questa lista potete selezionare una o più curve nel modo usuale
Windows:
•
Selezionare la curva cliccando sulla voce desiderata.
•
Per selezionare curve susseguenti cliccare sulla prima curva
nella lista, quindi tenere premuto il tasto MAIUSC e cliccare
sull’ultima curva da selezionare.
•
Per selezionare curve non susseguenti, tenere premuto il tasto
CTRL e cliccare sulle singole curve.
Commento:
Nella finestra di commento è possibile modificare il commento.
Dopo aver concluso questo modulo del programma non
dimenticare di salvare i dati nel Data Manager per garantire la
memorizzazione permanente nella banca dati.
Cambiare la denominazione delle curve:
Cliccando con il pulsante destro del mouse, nella finestra
Contents è possibile avviare la funzione addizionale Rename...
che permette di cambiare la denominazione delle curve:
La riga selezionata viene automaticamente convertita in un capo
di immissione. Confermare il testo con INVIO.
108 Capitolo 4: CADIAX®
4.9.5
Curve CADIAX®
L’intero sistema di coordinate destro e sinistro compare sullo
schermo. Mentre le curve condilografiche vengono disegnate sullo
schermo, un orologio conta il tempo (in 1/100 di secondo). Ciò
permette un’osservazione ottimale della dinamica delle curve. A
causa della risoluzione dello schermo, non tutte le posizioni possono
essere rappresentate.
La finestra mostra l’intera curva condilografica. Una crocetta blu
indica la posizione di due secondi sulla curva condilografica, cioè la
posizione in cui lo stilo si è trovato sulla lastra dopo due secondi. Il
mirino blu può essere spostato con i tasti FRECCIA DESTRA/
SINISTRA oppure cliccando direttamente sul punto desiderato della
curva con il pulsante sinistro del mouse.
Sistema di coordinate e descrizione delle curve:
Il grafico nella parte superiore sinistra dello schermo rappresenta il
movimento Bennett del condilo destro (sullo schermo l’asse X è
disposto orizzontalmente, l’asse Y verticalmente). Il grafico sotto
rappresenta il piano sagittale millimetrato, (sullo schermo l’asse X è
disposto orizzontalmente, l’asse Z verticalmente).
Il grafico nella parte superiore destra dello schermo rappresenta il
movimento Bennett del condilo sinistro (sullo schermo l’asse X è
disposto orizzontalmente, l’asse Y verticalmente). Il grafico sotto
Capitolo 4: CADIAX® 109
rappresenta il piano sagittale millimetrato, (sullo schermo l’asse X è
disposto orizzontalmente, l’asse Z verticalmente).
L’origine di tutti i grafici è la posizione di riferimento che viene
determinata fissando l’asse. Le curve non corrispondono sempre
esattamente all’origine del sistema di coordinate. I tracciati sagittali
corrispondono a quadrati lunghi 10 mm. Le curve condilografiche
non sono però legate a questi limiti.
Le parti superiori di entrambi i sistemi di coordinate Bennett sono
orientate in direzione mediale (movimento Bennett positivo secondo
il vecchio standard). I sistemi di coordinate sagittali sono orientati in
avanti e puntano verso il centro dello schermo. Il movimento Bennett
è visualizzato in verde, il movimento sagittale in rosso.
Output dei valori:
Tutti i valori delle coordinate vengono indicati singolarmente sul
bordo destro della finestra. Vengono calcolati direttamente per il
tempo che viene indicato sullo schermo in intervalli di 1/100 di
secondo. Muovere le crocette blu lungo le curve condilografiche
premendo i tasti FRECCIA DESTRA/SINISTRA oppure, con il
pulsante sinistro del mouse, cliccare direttamente sul punto della
curva in cui si intende spostare il cursore. Gli intervalli di tempo sono
definiti in valori graduati (aumentare/ridurre i valori con i tasti
FRECCIA o PAGINA SU/GIÙ). Il programma sceglie l’intervallo
impostato nel menu Options/Replay. Inoltre, in questa finestra viene
impostata la velocità con cui viene ridisegnata la curva:
Impostazione della velocità per
ridisegnare una curva.
Impostazione
dell’intervallo
di tempo con i
tasti FRECCIA
SINISTRA/
DESTRA
Impostazione
dell’intervallo di
tempo con i tasti
PAGINA SU/GIÙ
Tutti i valori visualizzati sullo schermo corrispondono alla posizione
della crocetta blu.
110 Capitolo 4: CADIAX®
Nella finestra sinistra dei valori compaiono i valori del lato destro del
paziente, cioè X, Y, Z, la distanza d, l’angolo di Bennett o
l’inclinazione condilare trasversale (=TCI, in passato BEN) e
l’inclinazione condilare sagittale (=SCI, in passato HCI). Sullo
schermo, i valori per il lato sinistro del paziente vengono visualizzati
sotto quelli del lato destro. Tutti i valori delle coordinate sono
indicati in millimetri, TCI e SCI in gradi.
La distanza d viene calcolata nel modo seguente:
d= _(x* x + z* z) - d si riferisce a 2 dimensioni
Ne consegue, che i valori SCI e TCI delle curve condilografiche non
possono essere direttamente paragonati con SCI e TCI delle curve
temporali, perché per quest’ultime “d” viene calcolato nel modo
seguente:
d= _(x* x + y* y + z* z)
- d si riferisce a 3 dimensioni
D-3D è l’abbreviazione del calcolo tridimensionale della distanza d.
In caso di visualizzazione sovrapposta i valori si riferiscono sempre
alla curva attualmente selezionata. La selezione della curva avviene
cliccando direttamente sulla curva oppure selezionando la curva nel
relativo menu a discesa nella barra degli strumenti.
Selezione di una curva per
l’output dei valori con più
curve CADIAX®
sovrapposte.
Lo spessore della linea può essere impostato con il comando di menu
Options/Pen Width (Opzioni/Spessore penna):
Capitolo 4: CADIAX® 111
4.9.6
Curve temporali
Le curve temporali sono rappresentazioni grafiche individuali di ogni
coordinata spaziale, angolo, velocità ed accelerazione.Vengono
rappresentate lungo un asse temporale orizzontale. Questi valori
possono essere confrontati fra di loro. Anche i valori del lato destro
possono essere confrontati con quelli del lato sinistro. Le curve
temporali dimostrano il comportamento di un parametro spaziale
(p.es. la coordinata X) in un determinato periodo di tempo (altri
grafici si riferiscono spesso a due varabili spaziali , p.es. coordinata
X rispetto alla coordinata Z). A seconda del tempo di registrazione
originale, le curve vengono visualizzate in 4,5 oppure in 9,0 secondi.
La visualizzazione si riferisce sempre alle curve attualmente
selezionate.
Sistema di coordinate:
Le abbreviazioni dei parametri selezionati come p.es. XR, YR, ZR,
ecc. vengono mostrate a destra vicino al grafico.
Ogni parametro viene rappresentato da un determinato colore.
Con i tasti FRECCIA la barra verticale può essere spostata a
sinistra e a destra in tempo reale. Il valore di ogni parametro viene
calcolato e indicato in base al punto in cui si trova la barra di
selezione.
Tutti i dati diagnostici indicati corrispondono alla posizione della
barra sulla curva.
112 Capitolo 4: CADIAX®
Unità dei valori:
Coordinate (X, Y, Z)
mm
Distanza d (D-3D, cioè tridimensionale)
mm
Velocità (V, Vx, Vy, Vz)
mm/s
Accelerazione (A, Ax, Ay, Az)
mm/s/s
Angoli (BEN, HCI, GAMMA)
(o) gradi
Impostazione dei parametri per diagrammi:
L’impostazione dei parametri delle curve temporali avviene
mediante il menu View (Visualizza) e i quattro sottomenu.
•
•
•
•
Right (destra )
Left (sinistra)
Right and Left (destra e sinistra)
User-defined (definito dall’utente)
L’opzione scelta è segnata nel menu:
Menu per l’mpostazione
delle curve temporali
RIGHT o LEFT (parametri della curva destra e sinistra):
Primo diagramma
Secondo
diagramma
Terzo diagramma
Coordinate X, Y, Z distanza d
Velocità V, Vx, Vy, Vz
Angolo TCI, SCI, GAMMA
Capitolo 4: CADIAX® 113
R & L (confronto destra - sinistra)
Primo diagramma
Secondo
diagramma
Terzo diagramma
Coordinate Xr, Yr, Zr, Velocità Vr
Coordinate Xl, Yl, Zl, Velocità Vl
Angolo GAMMA
Impostazioni definite dall’utente:
Selezionando la voce User-defined (Definito dall’utente) nel
menu View (Visualizza) potete determinare i parametri individuali
dei diagrammi.
Compare la seguente finestra di dialogo:
R e L indicano il lato destro e sinistro. È possibile scegliere tra le
coordinate X, Y e Z, la distanza d in calcolo tridimensionale (DR3D, DL-3D), la velocità V, l’accelerazione A, l’angolo di Bennett
TCI, l’inclinazione condilare sagittale SCI e la rotazione dell’asse
cerniera GAMMA.
114 Capitolo 4: CADIAX®
4.9.7
Movimenti dell’asse
Il movimento dell’asse è la rappresentazione grafica del movimento
tridimensionale dell’asse (linea di collegamento tra l’asse destro e
sinistro). Immaginando una linea che collega la punta destra dello
stilo con quella sinistra, si ottengono i movimenti dell’asse visti
dall’alto e dal lato anteriore in proiezione tridimensionale:
I movimenti sono divisi in un movimento di escursione e un
movimento di incursione offrendo all’utente una migliore visione
d’insieme dei dati.
Inoltre, l’utente può scegliere tra la vista frontale e la vista superiore
dei movimenti dell’asse con il comando di menu View/Frontal
(Visualizza/Frontale) oppure View/Superior (Visualizza/Superiore):
Impostazione della vista (frontale
o superiore) nel menu View del
progamma di analisi
Capitolo 4: CADIAX® 115
Sistema di coordinate, vista frontale:
La linea orizzontale del grafico rappresenta l’asse Y, mentre la
linea verticale rappresenta l’asse Z.
Sistema di coordinate, vista superiore:
La linea orizzontale del grafico rappresenta l’asse Y, mentre la
linea verticale rappresenta l’asse X.
4.9.8
Movimenti dentali („curve funzionali“)
L’analisi "curve funzionali" (movimenti dentali) calcola la dinamica di
qualsiasi punto sulla mandibola come una funzione del movimento
dell’asse cerniera. Il movimento di questo punto viene visualizzato in
tre piani: dal punto di vista superiore, frontale e sagittale.
I calcoli si basano sia sulla rotazione dell’asse cerniera risultante dai
dati dello stilo GAMMA, che sulla protrusione. L’analisi richiede
l’immissione delle coordinate X, Y e Z del rispettivo punto sulla
mandibola. Anche queste coordinate possono essere rilevate con
l’aiuto di un digitalizzatore 3D, un relatore triassiale oppure
misurando con un righello direttamente sull’articolatore. L’origine
delle coordinate si trova sull’asse cerniera esattamente sulla linea
sagittale mediana.
116 Capitolo 4: CADIAX®
Sistema di coordinate:
Il sistema di coordinate sinistro inferiore mostra il movimento del
punto in vista superiore. Il sistema di coordinate centrale mostra
lo stesso punto in vista frontale.
Il sistema di coordinate destro mostra il movimento del punto in
vista sagittale da destra. L’origine dei sistemi di coordinate
superiori è il punto di riferimento. Nei tre sistemi di coordinate
inferiori, l’origine corrisponde al punto della mandibola che è
stato definito con l’immissione delle coordinate.
Le coordinate vengono immesse in millimetri negli appositi spazi
sulla scheda valori.
4.9.9
Diagrammi di Traslazione–Rotazione
Il programma CADIAX® offre la possibilità di visualizzare il
confronto tra la traslazione e la rotazione di una registrazione.
Possono essere visualizzati due diagrammi diversi. In un diagramma
l’angolo gamma viene tracciato sulla distanza „d“ come valore
angolare. La seconda possibilità mostra l’angolo gamma tracciato
come valore percentuale sulla traslazione.
L’impostazione avviene nel menu View/Angle (Visualizza/Angolo)
oppure View/Percent (Visualizza/Percento).
Capitolo 4: CADIAX® 117
Selezione del tipo di diagramma
per le “curve funzionali” dei
movimenti dentali
Viene creato un diagramma separato per il lato di registrazione destro
e sinistro, nei quali l’asse orizzontale rappresenta sempre la
traslazione delle distanze spaziali d in mm e l’asse verticale indica la
rotazione in gradi o percentuale.
4.9.10
Immissione delle coordinate cuspidali
Il programma CADIWAX® richiede le coordinate X, Y e Z delle
cuspidi dell’arcata inferiore per il calcolo dell’impostazione del tavolo
incisale. Una misurazione nel sistema di coordinate assio-orbitale
può avvenire solo con i modelli montati. Per effettuare la misurazione
e l’immissione di questi valori ci sono tre modi diversi:
•
•
•
Misurazione manuale con righello e digitalizzatore (SAM®)
Digitalizzatore elettronico 3D (Ditta Ögussa o Ditta
GAMMA)
Misurazione ottica (SAM® o „Weber-Template“
dell’odontoiatra T. Fritz)
I valori delle coordinate vengono definiti nel modo seguente:
I valori X e Z vengono sempre inseriti con segno positivo. Anche il
valore Y per il lato destro e sinistro viene inserito con segno
positivo. Un valore Y negativo viene inserito se la cuspide si trova
dall’altro lato della linea mediana, p.es. se la cuspide dell’incisivo
destro inferiore si trova sul lato sinistro della linea mediana. Questo
sistema di coordinate si differenzia dal sis tema di coordinate usato in
diversi altri moduli di programma GAMMA.
118 Capitolo 4: CADIAX®
Immissione delle coordinate cuspidali:
L’immissione delle coordinate cuspidali avviene in sequenza logica
secondo la struttura dell’albero dati GAMMA. Le coordinate
vengono immesse in un oggetto dati separato segnato con la
seguente icona:
Questo oggetto può essere salvato a due livelli dell’albero dati:
a. Al livello 2, come p.es. l’oggetto CADIAX®.
Coordinate cuspidali al
livello 2
b. Come oggetto secondario delle singole registrazioni CADIAX®.
Coordinate cuspidali
contenute in un ogge tto
CADIAX®
Per tutti i seguenti calcoli dei tabulati del tavolo incisale, il
programma CADIAX® necessita i dati nell’oggetto. Se le coordinate
cuspidale sono inserite in un altro oggetto, l’intero oggetto può
essere copiato o spostato nell’oggetto CADIAX® con le usuali
funzioni Windows.
Capitolo 4: CADIAX® 119
Aprendo un oggetto di coordinate cuspidali compare la seguente
maschera di input:
Campo di immissione
coordinate
Campo di immissione
commento/titolo
Le coordinate del sistema di coordinate assio-orbitale vengono
inserite nel modo usuale Windows.
In un unico oggetto CADIAX® si possono salvare più oggetti di
coordinate diverse. La selezione dell’oggetto avviene come la
selezione di una curva nel menu Options:
120 Capitolo 4: CADIAX®
4.9.11
Immissione numerica della condilografia
CADIAX® richiede i dati condilografici in angoli e tracciati misurati
in gradi e millimetri. I dati dell’ SCI vengono inseriti per ogni
millimetro da 1 a 6 e per i millimetri 8, 10 e 14. Per la distanza “d” si
misura la linea retta dal punto di riferimento (RP) al rispettivo punto
della curva in mm. Se vengono inseriti punti che non devono essere
calcolati automaticamente, i dati (angoli e valori di coordinate)
devono essere inseriti manualmente negli appositi moduli.
Immissione delle curve numeriche:
L’immissione delle curve numeriche avviene in sequenza logica
secondo la struttura dell’albero dati GAMMA. Le curve vengono
inserite in un oggetto dati separato segnato con la seguente icona:
Questo oggetto può essere salvato come sub-oggetto della
registrazione singola CADIAX®.
La scelta secondo cui l’immissione numerica delle curve
condilografiche debba avvenire in angoli oppure in coordinate
(X,Y,Z) può essere definita nel modulo "Curve numeriche" nella
barra di registro.
Capitolo 4: CADIAX® 121
Esempio per l’immissione della protrusione con i valori delle
coordinate:
Esempio per l’immissione della protrusione con valori angolari:
122 Capitolo 4: CADIAX®
4.9.12
Impostazione dell’articolatore
La voce Articulator Settings (impostazione articolatore) riguarda
l’impostazione attuale e la selezione delle curve nella lista (Contents).
La programmazione di base dell’articolatore avviene in base a un
movimento di protrusione e due movimenti laterali (destro e sinistro).
Il sistema CADIAX® supporta i seguenti tipi di articolatori (in ordine
alfabetico) per l’impostazione individuale delle guide del tragitto
condilare:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Artex® tipo Arcon
Artex® tipo Nonarcon
Denar® Anamark
Denar® D5A [calcolo in “Retrusive mode” (R-mode) oppure
in “Intercondylar mode” (I-mode)].
Denar® Mark II
Hanau® 96H2
Hanau® Modular
Hanau® Wide Vue
Ivoclar® Stratos
KaVo® Protar
Panadent®
Reference A
Reference I
Reference SL
SAM®
WipMix®
Per quanto riguarda il tavolo incisale (tecnica di ceratura sequenziale)
vengono supportati solo i sistemi Reference e SAM®.
Capitolo 4: CADIAX® 123
Selezione curve
Selezionare le curve per la programmazione dell’articolatore nella lista
Contents (Contenuti).
Il titolo indica l’uso della
curva per la
programmazione
dell’articolatore
L’utilizzo della curva per la programmazione dell’articolatore è
indipendente dalla denominazione propria della curva. Una curva
denominata p. es. „Open/Close“ (Aprire/Chiudere) può essere usata
per la programmazione del tracciato condilare trasversale e sagittale
nell’articolatore.
Curva selezionata per la
programmazione dell’articolatore
124 Capitolo 4: CADIAX®
Per selezionare una curva procedere nel modo seguente:
1. Selezionare la curva cliccando con il tasto sinistro del mouse.
2. Cliccare con il pulsante destro del mouse sulla voce selezionata
oppure usare il menu Edit (Modifica). Comparirà il menu a comparsa
oppure le voci del menu:
Select as protrusion (selezionare come protrusione)
Select as medio right (selezionare come mediotrusione destra)
Select as medio left (selezionare come mediotrusione sinistra)
Selezione della curva per la
programmazione dell’articolatore
Selezione delle coordinate:
In un unico oggetto CADIAX® possono essere salvati più
oggetti di coordinate diversi. La selezione dell’oggetto avviene
come la selezione di una curva nel menu Options:
Selezione delle coordinate
cuspidali attive
Capitolo 4: CADIAX® 125
Visualizzazione:
Il programma visualizza in sostanza 4 tipi di diagrammi:
Il primo diagramma mostra i valori utilizzati per il calcolo:
Il secondo diagramma mostra il calcolo del tragitto condilare
trasversale:
Il movimento guidato dei condili in direzione Y (traslazione laterale)
viene chiamato movimento di BENNETT. Nell’articolatore regolabile
questo movimento viene effettuato con l’aiuto di inserti di guida TCI
o di Bennet intercambiabili (forma della curva) e girevoli (inclinazione
della curva). Ciò permette un ampio margine di ricostruzione dei
126 Capitolo 4: CADIAX®
tracciati condilari naturali, però solo in combinazione con ceste
condilari altrettanto regolabili.
Per l’articolatore Reference SL sono disponibili le seguenti guide
TCI:
Colore
Bianco
Giallo
Rosso
Nero
Blu
Curvatura
R=18
R=18
R=18
R=18
piatta
Guida retrusiva
surtrusiva
retrusiva
detrusiva
nessuna
diritta
Sono disponibili le seguenti guide Bennett (per l’articolatore
SAM®):
Colore
Bianco
Verde
Blu
Rosso
Curvatura
diritta
leggera
media
forte
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della Ditta SAM di Monaco di
Baviera.
Le forme delle curve sono ispirate ai tracciati naturali per poter
simulare il più precisamente possibile il tracciato naturale. Per
scegliere un righello con le impostazioni angolari corrispondenti, la
curva deve essere convertita alla distanza intercondilare
dell’articolatore (110 mm con SAM®, 120 con Reference SL – vedi
anche il capitolo "Distanza tra le lastre").
Quindi il programma CADIAX cerca la forma più adatta della curva e
l’angolo corrispondente. Viene anche eseguito un calcolo, cioè il
programma elabora per ogni inserto l’impostazione ottimale
evidenziando il righello più adatto nella tabella. Inoltre vengono
considerate distanze (d) diverse, cioè l’elaborazione viene eseguita
solo fino al punto indicato nella tabella. Ciò è importante e pratico
per la tecnica di ceratura, perché la curvatura iniziale e la curvatura
totale non possono essere considerate contemporaneamente con un
solo righello.
Esempio di una tabella per l’articolatore Reference SL®
Capitolo 4: CADIAX® 127
Tabella di inclinazione condilare trasversale (TCI):
Per ogni inserto Bennett il programma CADIWAX® calcola
l’impostazione individuale ottimale dell’articolatore. Nella tabella
sopraindicata si usa solo una parte della curva per calcolare ogni
inserto.
Colonna
1
2
3
Da (mm)
0
0
0
A (mm)
3
5
10
Per ogni inserto TCI o Bennett esiste un’impostazione ottimale.
Naturalmente ogni inserto può essere aritmeticamente sovrapposto
in modo ottimale alla curva Bennett. Perciò per ogni righello viene
calcolato un valore, che viene inserito nella tabella.
Bisogna tenere conto della meccanica delle ceste condilari.
L’articolatore Reference SL presenta un ambito massimo di
rotazione da –10 a +22 gradi per tutti gli inserti di guida. Per il calcolo
nel programma Gamma vengono considerati angoli di regolazione da
0 a +22 gradi.
In base alla sua costruzione, con l’articolatore SAM® 2 si ottiene
un’ambito di torsione massima per gli inserti Bennett.
Colonna
Bianco
Verde
Blu
Rosso
Da (gradi)
0
0
0
0
A (gradi)
45
10
10
10
Spesso per un righello sarebbe ottimale un’impostazione „negativa“
(p.es. inserto rosso e blu nella tabella sopraindicata). Per il SAM®
non vengono dati valori negativi, visto che non possono essere
impostati sull’articolatore. Con l’articolatore Reference „SL“ invece,
questi valori vengono dati. Gli zero gradi indicati per l’inserto rosso e
blu sarebbe l’impostazione ottimale, ma in questo caso si dovrebbe
sicuramente usare un altro inserto per la programmazione
dell’articolatore.
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della Ditta SAM di Monaco di
Baviera.
128 Capitolo 4: CADIAX®
Per ogni sezione di calcolo esiste il righello più adatto.
Per ogni colonna (= distanza considerata per il calcolo) il programma
valuta l’inserto più adatto e lo indica sullo schermo (colore diverso) e
nella stampa (grassetto con bordo). Usando queste impostazioni
angolari e gli inserti Bennett evidenziati si ottiene l’impostazione
individuale ottimale dell’articolatore.
Il terzo diagramma mostra i calcoli del tracciato condilare sagittale
(Fossa con SAM®, inserti di protrusione con Reference SL):
Con l’articolatore SAM 2®, il movimento guidato dei condili in
direzione X, Z (SCI) avviene tramite le ceste condilari intercambiabili
(forma della curva) e girevoli (inclinazione della curva). Ciò permette
un ampio margine di ricostruzione dei tracciati condilari naturali, ma
solo in combinazione con inserti Bennett altrettanto regolabili.
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della Ditta SAM di Monaco di
Baviera.
L’articolatore Reference SL dispone di due inserti di protrusione
diversi: a) curvo con un raggio di 18 mm, o b) piatto.
Sono disponibili le seguenti ceste condilari:
Cesta
Fossa 1
Fossa 2
Fossa 3
Curvatura
leggera
media
forte
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della Ditta SAM di Monaco di
Baviera.
Le forme delle curve sono ispirate ai tracciati naturali per poter
simulare il più precisamente possibile il tracciato naturale.
Per poter scegliere una cesta dalle impostazioni angolari
corrispondenti, la forma della curva deve essere convertita alla
distanza intercondilare dell’articolatore (110 mm – vedi anche il
capitolo "Distanza tra le lastre"). Quindi il programma cerca la forma
più adatta e l’angolo corrispondente. Inoltre, il programma elabora
per ogni cesta l’impostazione ottimale evidenziando la cesta più
adatta nella tabella (in rosso sullo schermo, bordata sulla stampa).
Capitolo 4: CADIAX® 129
Esempio di una tabella per l’articolatore SAM®
Tabella di inclinazione condilare sagittale (SCI):
Inoltre vengono considerate distanze (d) diverse, cioè l’elaborazione
avviene solo fino al punto indicato nella tabella. Ciò è importante e
pratico per la tecnica di ceratura, perché non sempre la curvatura
iniziale e la curvatura totale possono essere considerate
contemporaneamente con una sola cesta.
Per ogni inserto Fossa il programma calcola l’impostazione
individuale ottimale dell’articolatore. Nella tabella sopraindicata si
usa solo una parte della curva per calcolare ogni inserto.
Colonna
1
2
3
Da (mm)
0
0
0
A (mm)
3
5
10
Per ogni Fossa esiste un’impostazione ottimale.
Naturalmente ogni inserto può essere aritmeticamente sovrapposto
in modo ottimale al tracciato SCI. Perciò per ogni Fossa viene
calcolato un valore che viene inserito nella tabella.
Bisogna tenere conto della meccanica delle ceste condilari. Grazie alla
sua costruzione, con l’articolatore SAM® 2 si ottiene un’ambito
massimo di torsione per gli inserti Fossa:
•
•
Con il Reference SL per tutti gli inserti SCI da 0 a 70 gradi
Con il SAM® per tutte e tre le fosse da 15 a 65 gradi
I valori angolari indicati possono essere direttamente impostati
sull’articolatore.
Nei valori elaborati sono già stati detratti i valori dell’impostazione
iniziale della relativa Fossa.
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della Ditta SAM di Monaco di
Baviera.
130 Capitolo 4: CADIAX®
Per ogni sezione di calcolo esiste la Fossa più adatta.
Per ogni colonna ( = distanza considerata per il calcolo) il programma
valuta l’inserto più adatto e lo indica sullo schermo (colore diverso) e
nella stampa (grassetto con bordo). Usando queste impostazioni
angolari e gli inserti Bennett evidenziati si ottiene l’impostazione
individuale ottimale dell’articolatore.
Visto che per il primo millimetro di ogni Fossa (inserto SCI) può
essere calcolato il valore di impostazione ottimale, nella colonna 1
(calcolo fino a 1 mm) non viene evidenziato alcun inserto. In questo
caso, per la Fossa si usa l’inserto evidenziato nella colonna 2 con il
valore angolare indicato nella colonna 1.
Il quarto diagramma indica i calcoli per il tavolo incisale per la
tecnica di ceratura nell’articolatore:
Si tratta dell’impostazione del tavolo incisale per la ceratura delle
varie cuspidi. Per ogni cuspide inserita vengono date le inclinazioni
del tavolo incisale. Con il Reference SL, i valori vengono impostati
direttamente. Con l’articolatore SAM® si parte sempre da una
rotazione di 60° gradi (destra e sinistra). Queste inclinazioni del
tavolo vengono calcolate secondo la condilografia e le inclinazioni
cuspidali, calcolando i dati per un determinato millimetro della
condilografia.
Con il tavolo regolato nel modo appropriato, la cuspide centrica
inserita scorre sul tracciato che dovrebbe essere cerato sul dente
antagonista.
Per i denti incisivi si può usare un’effettiva inclinazione cuspidale (=
angolo della superficie linguale dell’incision inferius superiore
rispetto al piano assio-orbitale) per calcolare l’impostazione del
tavolo incisale (guida incisale individuale).
Capitolo 4: CADIAX® 131
Diversamente dalle versioni precedenti del programma CADIWAX,
con il nuovo concetto di R. Slavicek (come anche con il concetto
originario) non vengono calcolati i valori per il secondo ed il terzo
molare. Il principio dominante del concetto didattico originario era
quello di assegnare al primo molare la guida sulla cuspide mesiobuccale nel movimento di laterotrusione con la disocclusione del
molare omonimo nella mediotrusione. Con questo concetto tutti i
denti retrostanti sono in disocclusione e non c’è nessun contatto
“eccentrico” e in centrica. Il secondo ed il terzo molare hanno
unicamente una funzione di supporto e non devono assolutamente
trovare alcuna applicazione nei concetti di guida della dentatura
naturale. Il compito importante del primo molare è quello di garantire
la disocclusione dei due ultimi molari. Se la guida del primo molare è
troppo piatta, per i due ultimi molari va adottato il principio
dell’occlusione lingualizzata. Se è richiesta un’occlusione bilanciata,
le regole sono completamente diverse.
Spiegazione della tabella:
Angle (angolo morfologico del dente): È l’angolo tra il piano assioorbitale e la direzione di movimento della cuspide. Con gli incisivi,
questo angolo viene proiettato senza distorsione sul piano medianosagittale. Con gli altri denti il piano di proiezione corrisponde al piano
di movimento più adatto nello spazio. I valori angolari indicati sono
stati calcolati per la guida morfologica sul dente. Questi valori
angolari non servono per l’impostazione del tavolo incisale, ma
mostrano la sequenza funzionale del caso individuale che verrà
quindi usata per calcolare l’inclinazione del tavolo incisale.
S (inclinazione del tavolo incisale): In questa colonna è riportato
l’angolo di inclinazione del tavolo incisale per ottenere sul dente un
tracciato di guida su “s”. Con i denti 3 - 8 e utilizzando l’articolatore
SAM® il tavolo incisale deve inoltre essere ruotato di 60 gradi (la
direzione di rotazione dipende dal lato lavorante). Con l’articolatore
Reference SL i valori possono essere impostati direttamente.
S1 (inclinazione del tavolo incisale): In questa colonna è riportato
l’angolo di inclinazione del tavolo incisale per ottenere sul dente un
tracciato di guida su “s1”. Con i denti 3 - 8 e utilizzando l’articolatore
SAM® il tavolo incisale deve inoltre essere ruotato di 60 gradi (la
direzione di rotazione dipende dal lato lavorante). Con l’articolatore
Reference SL i valori possono essere impostati direttamente.
132 Capitolo 4: CADIAX®
S2 (inclinazione del tavolo incisale): In questa colonna è riportato
l’angolo di inclinazione del tavolo incisale per ottenere sul dente un
tracciato di guida su “s2”. Con i denti 3 - 8 e utilizzando l’articolatore
SAM® il tavolo incisale deve inoltre essere ruotato di 60 gradi (la
direzione di rotazione dipende dal lato lavorante). Con l’articolatore
Reference SL i valori possono essere impostati direttamente.
® SAM e Axiograph sono marchi registrati della Ditta SAM di Monaco di
Baviera.
Opzioni di programmazione dell’articolatore
Sotto la voce Articulator Settings (Impostazioni Articolatore) nel
menu Options (Opzioni) è possibile specificare i seguenti parametri
per calcolare la programmazione dell’articolatore.
Impostazioni soglia ISS
Selezione dei punti curva per i calcoli
Tipo articolatore usato
Selezione del metodo di
calcolo
Impostazione della guida
incisale
Capitolo 4: CADIAX® 133
Tipo articolatore: Il sistema CADIAX® supporta i seguenti tipi di
articolatori (in ordine alfabetico) per l’impostazione individuale delle
guide del tragitto condilare:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Artex® tipo Arcon
Artex® tipo Nonarcon
Denar® Anamark
Denar® D5A [calcolo in “Retrusive mode” (R-mode) oppure
in “Intercondylar mode” (I-mode)].
Denar® Mark II
Hanau® 96H2
Hanau® Modular
Hanau® Wide Vue
Ivoclar® Stratos
KaVo® Protar
Panadent®
Reference A
Reference I
Reference SL
SAM®
WipMix®
Soglia ISS: La soglia ISS (= ISS – TH = Imediate Sideshift –
Treshold) suddivide la curva misurata in due parti (vedi sotto). La
parte iniziale serve per calcolare l’ISS (immediate side-shift cioè
traslazione laterale immediata). La seconda parte serve per calcolare il
TCI o PSS (progressive side-shift cioè traslazione laterale
progressiva).
Distanza “S” per il calcolo del tavolo incisale: Definisce quale
valore delle curve condilografiche viene usato per elaborare la tabella
di inclinazione del tavolo incisale. L’impostazione avviene per la
protrusione e per la mediotrusione destra e sinistra. Viene segnato il
valore corrispondente selezionato.
134 Capitolo 4: CADIAX®
Guida incisale: È possibile scegliere tra la guida incisale individuale
(calcolata dal computer) e la guida incisale reale (inserita dall’utente).
Nel secondo caso la guida incisale viene inserita con l’opzione “Set
front tooth guidance xx.x” (Imposta guida incisale).
Metodi di calcolo per l’impostazione del tavolo incisale: Il
programma può usare 3 metodi diversi per calcolare l’impostazione
del tavolo incisale. Questi dati statistici risultano soprattutto dalle
diverse misurazioni nell’elaborazione. Nella tesi di abilitazione di R.
Slavicek, la misurazione è stata eseguita dalla più profonda fessura
alla punta cuspidale. Altre misurazioni, come quelle dell’Università di
Innsbruck (Kulmer/Hamedinger), sono state eseguite da F1 a F2. La
terza possibilità, secondo Celar/Sato e l’Università di Innsbruck, è la
misurazione eseguita da F1 a Fc (cusp).
Capitolo 4: CADIAX® 135
4.9.13
Animazione 3D
L’immagine mostra i movimenti mandibolari in animazione
tridimensionale. Bisogna far notare che il movimento della mandibola
sullo schermo probabilmente non corrisponde al movimento reale
della mandibola del paziente. Sullo schermo viene infatti visualizzato
il movimento con una distanza intercondilare di 110 mm. La
mandibola sullo schermo costituisce però un importante aiuto per
capire meglio i movimenti tridimensionali della mandibola.
Dopo l’avvio dell’animazione 3D compare la seguente finestra:
L’immagine mostra la cesta condilare destra e sinistra sul piano di
riferimento. Le curve vengono calcolate con una distanza
intercondilare di 110 mm, lo schema della mandibola è leggermente
più stretto per evitare disturbi dell’immagine sullo schermo.
Avviare l’animazione: Per avviare l’animazione premere
semplicemente il pulsante “animazione” nel pannello di comando. Il
programma mostra i movimenti tridimensionali della mandibola
durante la registrazione. Nel menu a discesa nel pannello di comando
è possibile scegliere la velocità di animazione. L’impostazione
“normal” non corrisponde necessariamente alla velocità originale
della registrazione.
136 Capitolo 4: CADIAX®
Bisogna notare che con le curve registrate con CADIAX®Compact
vengono visualizzati solo i movimenti di traslazione e non i
movimenti di rotazione. Con le curve registrate con il sistema
CADIAX®III vengono visualizzati sia i movimenti di rotazione che i
movimenti di traslazione.
Opzioni di visualizzazione dell’animazione:La barra di
visualizzazione sul lato sinistro dello schermo offre all’utente varie
opzioni di visualizzazione dell’animazione.
Rotazione: Con gli appositi regolatori a scorrimento.è possibile
impostare i tre assi della prospettiva.
I singoli regolatori, che sono segnati con gli assi di rotazione
corrispondenti, permettono di orientare la mandibola nelle varie
posizioni. Il movimento di rotazione può essere eseguito anche
muovendo il mouse e tenendo premuto il pulsante destro del
mouse.
Movimento: La posizione della mandibola sullo schermo può
essere variata con gli appositi regolatori a scorrimento.
Capitolo 4: CADIAX® 137
Esempi di impostazioni della prospettiva:
Con i regolatori è possibile ottenere le più svariate prospettive
individuali.
Salvare una visualizzazione individuale: È possibile salvare le
visualizzazioni individuali per poterle, più avanti, richiamare in modo
semplice e veloce. Cliccare sul pulsante “Views...” (Visualizzazioni)
per salvare o cambiare la visualizzazione attuale.
Funzione zoom: La funzione zoom permette l’ingrandimento fino al
250%. Prima di usare la funzione zoom, disattivare il pulsante Fit
to window (adatta alla finestra).
138 Capitolo 4: CADIAX®
Impostazione
zoom
Pulsante “Adatta alla
finestra”
Lo zoom può anche essere regolato con gli appositi regolatori a
scorrimento.
Animazione: Visualizza/nascondi mandibola: Con questa funzione è
possibile visualizzare o nascondere la mandibola schematica.
La figura mostra l’animazione senza mandibola schematica.
L’impostazione standard prevede la visualizzazione della mandibola.
Animazione: Visualizza/nascondi curve: Con questa opzione è
possibile visualizzare o nascondere i tracciati condilari.
La figura mostra l’animazione senza tracciati CADIAX®.
L’impostazione standard prevede la visualizzazione dei tracciati.
Capitolo 4: CADIAX® 139
Animazione: Visualizza/nascondi griglia: Questa funzione permette
di visualizzare o nascondere la griglia del sistema di coordinate.
La figura mostra l’animazione senza griglia. L’impostazione standard
prevede la visualizzazione della griglia.
Animazione: Visualizza/nascondi movimento dell’asse: Questa
opzione permette di visualizzare/nascondere il movimento
dell’asse cerniera.
La figura mostra l’animazione con il movimento dell’asse.
L’impostazione standard NON prevede la visualizzazione di
questo movimento.
Animazione: Visualizzazione dei movimenti – con questa funzione è
possibile calcolare i movimenti dentali rispetto ad una
determinata posizione spaziale e visualizzarli direttamente
nell’animazione. La posizione del dente può essere impostata
mediante il pulsante „tooth“ (dente). Compare la seguente
finestra di dialogo:
In caso di cambiamento della posizione, il movimento viene
tracciato automaticamente. Nell’animazione, il movimento viene
tracciato direttamente insieme al movimento della mandibola.
140 Capitolo 4: CADIAX®
Animazione con i tragitti dentali sovrapposti nella zona frontale,
senza mandibola.
Animazione con i tragitti dentali sovrapposti nella zona frontale,
con mandibola.
Capitolo 4: CADIAX® 141
4.9.14
Stampa
Con la stampante impostata in Windows il programma di analisi
CADIAX® può stampare tutti i dati visualizzati. Il plottaggio del
grafico come nel vecchio programma MS/DOS viene supportato solo
da plotter correttamente installati in Windows.
Impostare la stampa mediante il menu Options/Printout content
(Opzioni/Contenuto di stampa). Attivando questa funzione, compare
la seguente finestra di dialogo:
Le opzioni hanno i seguenti significati:
Always print the page on display:
Il programma stampa sempre la pagina visualizzata sullo schermo,
indipendentemente da altre impostazioni.
142 Capitolo 4: CADIAX®
Print standard CADIAX® report:
Il programma stampa il foglio standard GAMMA della condilografia.
La stampa contiene le curve condilari selezionate e la
rappresentazione Bennett, nella quale le curve sono proiettate su un
piano immaginario di d=10 mm del tracciato di protursione.
Capitolo 4: CADIAX® 143
Print CADIAX® overlay/axis movements:
Il programma stampa il foglio standard GAMMA della condilografia.
La stampa contiene le curve condilari selezionate e la
rappresentazione Bennett, nonché tabelle e movimenti assiali.
Print Time Curves:
Il programma stampa le curve temporali. Vengono stampate le curve
attualmente selezionate e i parametri impostati delle curve temporali.
144 Capitolo 4: CADIAX®
Print the Translation/Rotation diagrams:
Il programma stampa i diagrammi di traslazione-rotazione. Vengono
stampate le curve attualmente selezionate e i parametri impostati dei
diagrammi.
Capitolo 4: CADIAX® 145
Print the Tooth kinetics diagrams:
Il programma stamp a i diagrammi di traslazione-rotazione. Vengono
stampate le curve attualmente selezionate e i parametri impostati dei
diagrammi.
146 Capitolo 4: CADIAX®
Print the Articulator programming:
Il programma stampa i dati elaborati per la programmazione
dell’articolatore. Vengono stampate le curve attualmente selezionate
e i parametri impostati dei diagrammi.
Capitolo 4: CADIAX® 147
148 Capitolo 4: CADIAX®
Animation tooth kinetics:
Il programma stampa la visualizzazione selezionata
dell’animazione 3D del movimento dentale.
Capitolo 4: CADIAX® 149
4.9.15
Importazione dati da CADIAX® Compact
Il CADIAX® Compact viene collegato al PC attraverso un’interfaccia
seriale (RS232). Per il collegamento occorre un cavo standard per
l’interfaccia seriale, che è contenuto nel pacchetto del software. Il
cavo può essere acquistato direttamente da GAMMA oppure da un
concessionario. È anche possibile acquistarlo in qualsiasi negozio di
computer con la specificazione che tutti i pin delle spine presentino
un collegamento passante 1:1.
Per garantire una trasmissione affidabile, la lunghezza del cavo non
dovrebbe superare i 3 metri. Con cavi più lunghi la trasmissione
sicura dei dati non è garantita.
Interfaccia seriale
PC (RS 232C)
Sul retro dell’apparecchiatura CADIAX® Compact si trova una porta
seriale a 9 pin. Collegare il cavo seriale con questo attacco e con
l’interfaccia seriale sul computer.
Per importare i dati CADIAX® Compact nel GAMMA Dental
Software®, procedere nel modo seguente:
1. Assicurarsi che l’apparecchio CADIAX® Compact sia acceso e si
trovi nella modalità di base (non nella modalità di registrazione).
2. Nel GAMMA Dental Software® selezionare il paziente a cui si
desidera assegnare i dati dal CADIAX® Compact. Se il paziente non
è ancora stato inserito nella banca dati del GAMMA Dental
Software® , bisogna prima inserirlo.
3. Aprire l’oggetto „CADIAX®“ nel GAMMA Dental Software®
Manager, selezionare una registrazione con il pulsante sinistro del
mouse e cliccare su Edit (Modifica) oppure su New.
150 Capitolo 4: CADIAX®
4. Cliccare sull’icona “CADIAX® Compact”.
5. Selezionare l’interfaccia seriale e cliccare nuovamente sull’icona
„CADIAX® Compact“. Prima il programma analizza e indica quali
sono i dati presenti nell’apparecchio CADIAX® Compact. Quindi
inizia la trasmissione richiamando ogni curva singolarmente. Se
nell’apparecchio sono salvati tutti i dati (4 curve + CPM), la
trasmissione dura ca. 35 secondi.
6. L’apparecchio CADIAX® Compact passa automaticamente alla
modalità „Data Transfer Mode”. Dopo il segnale acustico sul
display compare
--------------------------------------data transfer mode
--------------------------------------Questa indicazione viene visualizzata fino al termine della
trasmissione dati. Tutti i LED e i tasti sono disattivati.
7. Al termine della trasmissione dei dati, l’apparecchio CADIAX®
Compact ritorna automaticamente alla modalità normale. Sul display
compare nuovamente il sistema di coordinate.
Durante la trasmissione dei dati, i dati nel CADIAX® Compact non
vengono cancellati!
Capitolo 4: CADIAX® 151
Annotazioni:
152 Capitolo 4: CADIAX®
Annotazioni:
5 Stato
Il seguente capitolo spiega:
•
•
•
•
•
•
Come inserire un oggetto di stato nel Data Manager
Come gestire lo stato parodontale GAMMA
Come utilizzare la sonda parodontale elettronica
Come gestire lo stato di placca GAMMA
Come rilevare ed inserire lo stato di mobilità
Come rilevare ed inserire lo stato di resilienza del palato
GAMMA Dental Software® per Windows è dotato di un programma
indipendente di stato che permette all’utente di rilevare tutti i dati
relativi allo stato dentale di un paziente e di inserirli nel GAMMA
Dental Software® per Windows.
5.1
Inserire un oggetto di stato nel
Data Manager
Per registrare un nuovo oggetto di stato nel Data Manager,
procedere nel modo seguente:
a. Per selezionare un paziente cliccare sull’icona
livello dell’albero dati del Data Manager:
al secondo
Con il pulsante sinistro del mouse
cliccare sul record del paziente
nell’albero dati. Il record (livello
2) nell’albero dati deve essere
selezionato. La selezione viene
indicata dalla crocetta sulla casella
corrispondente.
154 Capitolo 5: Stato
b. Nel menu Edit (Modifica) scegliere l’opzione Insert New
GAMMA Object (Inserisci nuovo oggetto GAMMA) oppure usare il
menu a comparsa con il pulsante destro del mouse:
Attivare l’opzione Insert
New GAMMA Object nel
menu Edit
c. Compare la finestra di dialogo Insertable GDSW Objects. Nella
lista, cliccare sulla voce New Status (Nuovo stato) e confermare con
il pulsante OK.
Cliccare sulla voce New
Status
Confermare la finestra di dialogo con OK
Capitolo 5: Stato 155
d. Compare quindi la panoramica dello stato. Si tratta di un
“contenitore vuoto”, cioè dell’oggetto di stato aperto nel quale
verranno quindi inseriti i dati.
Finché il nuovo stato non è stato salvato nel Data Manager,
nell’albero dati, la voce del nuovo paziente è barrata:
Il nuovo stato nel Data Manager. Durante
l’immissione, la voce del nuovo stato è
barrata
I dati del nuovo stato vengono definitivamente salvati nella
banca dati attivando l’opzione Data/Update (Dati/Salva) nel Data
Manager. Solo allora i dati vengono “fisicamente” salvati nella
banca dati. Lo spegnimento improvviso del computer può
determinare la perdita dei dati non salvati!
156 Capitolo 5: Stato
5.2
Richiamare e/o modificare lo stato
I dati di un oggetto di stato possono essere richiamati e modificati
nel modo seguente:
a.
Selezionare prima nel Data Manager il record di stato (livello 3):
Nel Data Manager selezionare lo stato da
modificare cliccando con il pulsante sinistro
del mouse. La selezione viene indicata dalla
crocetta sulla casella corrispondente
b. Attivare la funzione Open Parostatus Document Object nel
menu Edit oppure nel menu a comparsa (pulsante destro del mouse):
L’opzione per aprire l’oggetto dati
viene attivata nel menu Edit
Per richiamare e modificare un oggetto dati nel Data Manager,
fare doppio clic sull’oggetto desiderato con il pulsante sinistro del
mouse.
Capitolo 5: Stato 157
5.3
Panoramica
La panoramica offre una veloce visione d’insieme della situazione di
stato del paziente. La panoramica compare se lo stato viene aperto
dal Data Manager. Se compare un’altra immagine, la panoramica può
essere attivata nel menu View/Overview (Visualizza/Panoramica).
La panoramica del programma di stato indica all’utente i seguenti
dati:
Stato funzionale arc. sup. e arc. inf.
Stato placca arc. sup. e arc. inf.
Stato parodontale arc. sup. e arc. inf. (UJ e
LJ): linea gengivale (rossa) e linea
dell’attacco (blu) del lato dentale linguale e
buccale
Emorragia da sondaggio,
vitalità, mobilità,
tartaro,
forcazioni
158 Capitolo 5: Stato
Nella panoramica non è possibile l’inserimento di dati. La panoramica
serve esclusivamente per offrire all’utente una visione d’insieme dei
dati.
Stampare la panoramica:
La panoramica può essere stamp ata con una stampante standard
Windows (Data/Print). Viene stampata la seguente immagine:
Capitolo 5: Stato 159
5.4
Cancellare/inserire denti
Nel programma di stato i denti possono essere cancellati e reinseriti
nei seguenti schemi:
•
•
•
Mobilità
Parodontale
Placca
Per la cancellazione o l’inserimento, procedere nel modo seguente:
1.
Selezione dell’oggetto dente nello schema:
Cliccare sul dente con il pulsante destro del mouse. La
selezione viene segnalata dal contorno tratteggiato del dente
selezionato. Tenendo premuto il tasto SHIFT + ESC
(MAIUSC +ESC) è possibile la selezione e la cancellazione
contemporanea di più denti.
2. Usare i comandi di menu Edit/Delete (Modifica/Cancella)
oppure Edit/Insert (Modifica/Inserisci):
Con questi comandi il dente selezionato viene quindi
cancellato o reinserito nello schema. Queste funzioni possono
anche essere eseguite mediante le icone nella barra dei tasti
funzione.
......... Icona per cancellare un dente
......... Icona per reinserire un dente cancellato
160 Capitolo 5: Stato
5.5
Mobilità
Per inserire la mobilità del dente, attivare il menu View/Mobility
(Visualizza/Mobilità). Compare la seguente finestra:
Inserire mobilità dente:
1. Selezionare un dente nello schema. La selezione avviene
semplicemente cliccando sul dente con il pulsante destro del
mouse. La selezione viene segnalata dal contorno tratteggiato del
dente selezionato.
....... Dente non selezionato con contorno continuo
(fare clic con il pulsante sinistro del mouse)
....... Dente selezionato con contorno tratteggiato e
lampeggiante
Capitolo 5: Stato 161
2. Nella barra degli strumenti, azionare il pulsante desiderato con la
descrizione della mobilità da assegnare al dente selezionato.
Il dente selezionato non presenta
alcuna mobilità
Il dente selezionato presenta una
forte mobilità
Il dente selezionato presenta una
mobilità media
Il dente selezionato presenta una
leggera mobilità
La quantificazione di questi valori spetta al terapeuta.
162 Capitolo 5: Stato
5.6
Stato funzionale
Con questa funzione è possibile specificare lo stato funzionale dei
singoli denti nello schema dentale. Lo stato funzionale può essere
specificato solo cliccando direttamente su un dente e sulla sua zona
inferiore.
Nella barra dei tasti funzione è possibile scegliere il contatto
funzionale desiderato:
Cancella il contatto
funzionale, la zona del dente
non è definita
Segna un contatto di
protrusione
Segna un contatto di
equilibrio
Segna un contatto di lavoro
Segna un contatto di centrica
Quindi, cliccando sul dente, l’ultimo contatto selezionato viene
assegnato al dente. È possibile scegliere tra le seguenti possibilità:
Contatto
Centrica
Lavoro
Equilibrio
Protrusione
Non definito
Schema dello stato funzionale:
Codice colore
blu
verde
rosso
grigio scuro
grigio chiaro (sfondo)
Capitolo 5: Stato 163
5.7
Resilienza del palato
Con la funzione Resilience è possibile inserire la resilienza del palato
superiore ed inferiore.
Immissione del valore:
Selezionare il valore da inserire dalla barra dei tasti funzione di
resilienza. Quindi spostare il cursore del mouse sull’area desiderata e
fare clic con il pulsante sinistro del mouse. L’ultimo valore
selezionato viene inserito nello schema con il colore corrispondente
(= profondità di misurazione).
Cancella resilienza
Inserisce resilienza 3
Inserisce resilienza 2
Inserisce resilienza 1
Inserisce resilienza 0
È possibile scegliere tra i seguenti valori:
Resilienza
0 (nero)
1 (verde)
2 (blu)
3 (rosso)
Valore base
Profondità di misurazione
0 mm
0.5 mm
1 mm
1.5 mm
0
164 Capitolo 5: Stato
Cancellazione di un valore:
Per cancellare un valore, cliccare sull’icona Delete nella barra dei
tasti funzione. Spostare il cursore del mouse sul valore da cancellare
nello schema e fare clic con il pulsante sinistro del mouse. Il valore
viene cancellato.
Schema dello stato di resilienza:
Capitolo 5: Stato 165
5.8
Stato parodontale
Lo stato parodontale è un programma per il rilevamento e la gestione
della situazione parodontale del paziente. Il modulo parodontale
viene richiamato dal programma di stato mediante il menu
View/Periodontal.
La rappresentazione grafica
I valori dello stato parodontale vengono rappresentati graficamente.
Lo schema mostra i denti dell’arcata superiore e dell’arcata inferiore. I
denti cancellati vengono disegnati solo con una linea di contorno.
Le linee blu segnano il percorso dell’attacco. Nella visualizzazione
buccal/lingual, le linee linguali sono tratteggiate.
Le linee rosse segnano la linea gengivale.
Nella zona delle radici vengono indicati i valori dell’emorragia (rosso)
e della vitalità (blu).
Nelle superfici occlusali vengono inseriti i valori della mobilità
dentale.
166 Capitolo 5: Stato
Il tipo di visualizzazione delle linee di percorso viene selezionato
mediante il menu a discesa della barra degli strumenti:
Adattamento
ottimale
dell’ingrandimento
alla finestra
Determinazio
ne del
percorso della
Zoom, ingrandimento
5.8.1
Immissione
Esistono due modi per inserire lo stato:
Immissione numerica con moduli
Mediante macro e sonda parodontale elettronica
5.8.1.1
Immissione numerica
L’immissione numerica avviene mediante la tastiera del computer. Il
modulo di immissione sul bordo inferiore della finestra dello stato
parodontale corrisponde sempre al dente attualmente selezionato.
Per selezionare un dente, cliccare sul dente da selezionare con il
pulsante sinistro del mouse. La selezione viene segnalata dal
contorno tratteggiato e lampeggiante del dente selezionato.
.... Dente non selezionato nello schema parodontale
Cliccare con il pulsante sinistro del mouse
..... Dente selezionato nello schema parodontale
Capitolo 5: Stato 167
Quando un dente è stato selezionato, sul bordo inferiore della
finestra viene attivato il modulo di immissione. Se sono già stati
inseriti dei dati relativi a questo dente, essi vengono subito
visualizzati:
A seconda del dente selezionato (Furcation) e del modo di
immissione (Pocket - Gingiva), alcune caselle non sono disponibili
per l’input. La casella disattivata Gingiva o Pocket (gengiva – tasca)
viene calcolata e visualizzata subito dopo l’immissione degli altri
parametri del punto di misurazione.
5.8.1.2
Misurazione
elettronica
con
sonda
parodontale
A partire dalla versione GDS 4.13, il programma parodontale
GAMMA supporta la sonda parodontale elettronica "Paro-Probe". Si
tratta di un prodotto olandese sviluppato in collaborazione con
l’Università di Amsterdam.
La “Paro-Probe“ è collegata al PC attraverso un’interfaccia seriale.
Dapprima è necessario indicare la sonda e l’interfaccia collegata nel
menu Configuration/Parodontal Probe (Configurazione/Sonda
parodontale).
Le avvertenze per l’utente sono riportate nelle istruzioni d’uso
comprese nella fornitura. Vengono in particolare trattati i seguenti
argomenti che NON sono descritti in questo manuale:
•
•
•
•
•
•
Annotazioni generali
Sonde di misurazione (punte monouso e sterilizzabili)
Prescrizioni di pulizia, manutenzione
Impostazione della pressione di misurazione
Dati tecnici
Diritto brevettuale, Certificato CE, Garanzia
168 Capitolo 5: Stato
Calibratura:
La „Paro-Probe“ deve essere calibrata e inizializzata prima di ogni
misurazione. Ciò vale anche per l’utilizzo di più manipoli, perché i
manipoli non sono sempre identici. La calibratura avviene a 2 e a 10
mm, in questo ambito la precisione di misurazione è di 0,1 mm.
L’inizializzazione della sonda va effettuata all’inizio della misurazione
oppure quando una punta è stata cambiata o modificata.
Mediante l’inizializzazione, la punta di misurazione del manipolo
viene adattata all’unità. L’inizializzazione viene richiamata tramite il
menu Configuration/Parodontal Probe (Configurazione/Sonda
parodontale):
Specificare l’interfaccia seriale alla quale viene collegata la
Pulsante per avviare la calibratura
Due finestre che compaiono una dopo l’altra segnalano all’utente di
inizializzare la sonda. Se, tramite una macro, si inizia subito con la
misurazione a sonda ed il programma trova la sonda all’interfaccia
indicata, la finestra di calibratura compare automaticamente.
La fornitura della sonda elettronica include un cilindro rosso di
calibratura. Questo cilindro presenta due marcature. Una a 2 mm
l’altra a 10 mm.
Prima della prima misurazione, sullo schermo compare
automaticamente la finestra „2 mm”. Posizionare la sonda all’estremità
sottile del cilindro sull’indicazione „2 mm“ e premere la molla della
sonda finché la base della sonda tocca la marcatura dei 2 mm. Quindi,
premere il bottone anteriore della sonda (vicino alla punta di
misurazione). Compare automaticamente una finestra verde per i 10
mm. Ripetere la procedura per la marcatura dei 10 mm.
A questo punto la calibratura è terminata. La calibratura può essere
ripetuta in qualsiasi momento.
Capitolo 5: Stato 169
Misurazioni della tasca:
La sonda elettronica misura con la pressione definita dalla molla. Ciò
significa che la misurazione avviene sempre in relazione all’attacco.
Introdurre il filo di misurazione della punta definita di misurazione
(diametro della sfera 0,5 mm) nella tasca e premere finché la base
(dove il filo è inserito nella calotta) e la rispettiva posizione di
misurazione si trovano sul dente. Premendo il bottone anteriore della
sonda, il valore della sonda viene automaticamente registrato nel
programma. Il programma conferma la registrazione con un segnale
acustico.
La misurazione “Attachment” viene eseguita dall’interfaccia smaltocemento all’attacco.
La misurazione “Gingiva” (=profondità tasca) viene eseguita dalla
linea gengivale all’attacco. Questa misurazione avviene sempre dopo
la misurazione dell’attacco (interfaccia smalto-cemento), perché allora
il programma calcola automaticamente la differenza delle due
misurazioni e gestisce la recessione gengivale come la distanza tra
l’interfaccia smalto-cemento e la linea gengivale. Nel programma, i
valori di una gengiva iperplastica (la linea gengivale è più lontana
dall’attacco che dall’interfaccia smalto-cemento) vengono salvati
come valori positivi (+). In caso di perdita della gengiva (la linea
gengivale è più vicina all’attacco che all’interfaccia smalto-cemento)
questi valori vengono salvati come valori negativi (-).
Immissione di ulteriori parametri tramite sonda:
La sonda elettronica non solo consente l’immissione della profondità
della tasca e della perdita dell’attacco, ma permette inoltre
l’immissione di tutti gli altri parametri anche senza l’impiego della
tastiera del computer.
Questo fatto è importante perché l’immissione completa della
situazione parodontale di un paziente deve funzionare senza la
tastiera e solo con l’uso della sonda.
170 Capitolo 5: Stato
Con la sonda è inoltre possibile inserire i seguenti parametri:
•
•
•
•
•
•
•
Grado di mobilità
Emorragia da sondaggio
Vitalità
Grado microbico
Forcazione
Parametri definiti dall’utente
Utilizzo per calcolare l’indice
L’immissione di questi valori „non lineari“ avviene nel modo
seguente:
Se il cursore è posizionato su una casella di immissione (nel modulo
macro oppure nel modulo normale della sonda) prevista per
l’immissione di uno dei parametri sopramenzionati, il rispettivo
parametro può essere inserito premendo a lungo il tasto anteriore
della sonda. Dopo ogni secondo il valore sale automaticamente di
un’unità. Questo aumento automatico viene confermato dal
programma con un determinato segnale acustico. L’altezza del suono
emesso dal programma indica il livello raggiunto del valore.
Togliendo il dito dal bottone, il valore viene accettato e inserito nel
programma.
Controllo del programma tramite sonda:
Il programma parodontale GAMMA permette all’utente di controllare
il programma dal modulo parodontale, indipendentemente dalla
tastiera.
È evidentemente un chiaro vantaggio il fatto che il programma possa
essere usato per rilevare la situazione parodontale del paziente senza
l’uso della tastiera. Un modulo è composto da più caselle per inserire
p.es. emorragia, mobilità, attacco ecc.
Premendo brevemente il bottone anteriore della sonda elettronica, il
cursore salta alla prossima casella di immissione. Premendo
brevemente il bottone posteriore, il cursore salta automaticamente
alla casella precedente. Il parametro attuale rimane comunque
invariato. Lavorando con sequenze di misurazione predefinite
(macro), il controllo funziona in modo simile. Viene richiesto il
parametro precedente o successivo senza l’immissione del parametro
attuale.
Capitolo 5: Stato 171
5.8.2
Macro (sequenze di misurazione
predefinite)
Una sequenza di misurazione predefinita o una macro è una
combinazione di parametri di immissione (misurazione tasca,
emorragia …) in una certa sequenza con richiamo automatico dei dati.
L’idea è di standardizzare il rilevamento della situazione parodontale
e di permettere ad un collaboratore qualificato di eseguire tutte le
misurazione e gli inserimenti in modo ottimale e in breve tempo
direttamente sul computer senza l’uso della tastiera (usando solo la
sonda elettronica) e senza l’aiuto di un'altra persona.
5.8.2.1
Definizione di una macro
(sequenza di misurazione)
La definizione di una macro avviene mediante cosiddetti “file ASCII”
in formato testo. Una quantità qualsiasi di questi file può essere
salvata nella directory di installazione del programma GAMMA. Il
nome del file può essere liberamente assegnato, ma deve presentare
l’estensione ".gpm" (=GAMMA Parodontal Macro), p. es. "2point1.gpm" è una macro fornita con il pacchetto GDS (misurazione a
due punti per il 1° quadrante). Per creare questi file si può p. es. usare
il Standard Text Editor WordPad inWindows.
Le macro „capiscono“ anche i parametri dello stato di placca.
Questo strumento permette quindi il rilevamento completo dello stato
igienico del paziente.
La prima riga di questo file di testo definisce il nome della macro che
dovrebbe essere usato per identificare la sequenza di misurazione
nella lista di tutte le macro nel programma.
172 Capitolo 5: Stato
Riga di titolo della macro
(compare nel menu quando
richiamata)
Riga di commento della
macro
Righe di comando per
l’inserimento della macro p.es.
attacco linguale per il dente n. 8
nel 1o quadrante
Scegliere un nome che permetta la facile individuazione della relativa
macro nella lista.
Ogni riga successiva di questo file contiene un parametro da inserire.
Le righe che il programma non riesce ad interpretare vengono
semplicemente ignorate senza alcun avviso. Le righe di commento
devono iniziare con i caratteri "- -". Tutti i caratteri che seguono
questi trattini vengono ignorati.
I parametri vengono definiti con cosiddette parole chiave. Se si
desidera inserire p. es. “emorragia”, basta semplicemente scrivere la
parola chiave „emorragia“ nella prossima riga libera.
Capitolo 5: Stato 173
Per lo stato parodontale/placca sono definite le seguenti parole
chiave:
Parodontale
Mobilità
Grado microbico
Emorragia
Def. dall’utente
Vitalità
Gengiva disto-buccale
Gengiva buccale
Gengiva mesio-buccale
Gengiva mesio-linguale
Gengiva linguale
Gengiva disto-linguale
Attachment disto-buccale
Attachment buccale
Attachment mesio-buccale
Attachment mesio-linguale
Attachment linguale
Attachment disto-linguale
Forcazione mesiale
Forcazione distale
Forcazione buccale
Forcazione linguale
Placca
Placca distale
Placca buccale
Placca mesiale
Placca linguale
Placca occlusale
RitenzioneSt distale
RitenzioneSt buccale
RitenzioneSt mesiale
RitenzioneSt linguale
RitenzioneSt occlusale
Tartaro linguale
Tartaro buccale
Inoltre è possibile determinare l’ambito di immissione di un
parametro, cioè è possibile inserire il parametro “emorragia” per un
dente singolo, per un determinato quadrante oppure per tutti i denti
esistenti.
Immissione per un determinato dente: All’inzio della riga definire il
dente con due cifre. La prima cifra determina il quadrante (1 – 4), la
seconda cifra determina il dente (1 – 8):
p.es.: “13
Mobilità “:
Viene richiesto il parametro „mobilità“ per il dente n. 3 nel 1o
quadrante.
Immissione per un quadrante: All’inizio della riga definire il
quadrante con una cifra,
p.es.: “2
Emorragia ”:
174 Capitolo 5: Stato
Viene richiesto il parametro "emorragia" per tutti i denti del 2°
quadrante. Il valore viene inserito un’unica volta e viene quindi
automaticamente assegnato a tutti i denti del quadrante.
Immissione per tutti i denti: All’inizio della riga non specificare
un’ambito di immissione, in questo modo il parametro viene
determinato per tutti i denti nei 4 quadranti.
p.es.:
“Vitalità”:
Il parametro „vitalità“ viene assegnato a tutti i denti.
Per i denti mancanti nello schema dentale (cancellati nel programma
dello stato dentale GAMMA prima della misurazione) nella macro
non vengono richieste alcune informazioni.
Nella directory di installazione GAMMA, fornita con il programma, si
trovano esempi per la definizione delle macro. Sono state
preimpostate le macro per la misurazione a 2 punti, a 4 punti o a 6
punti, suddivise nelle singole sequenze per ogni quadrante.
Capitolo 5: Stato 175
5.8.2.2
Richiamare una macro
(sequenza di misurazione)
Sotto la voce del menu File/Macro troverete una lista di tutte le
macro.
Lista di tutti i file nella
directory di installazione
GAMMA con l’estensione
*.GPM. La prima riga è
riportata come titolo di ogni
La successione delle macro nella lista è determinata dalla data di
creazione del relativo file nella directory GAMMA. Selezionare una
macro nella lista e i parametri vengono automaticamente indicati nella
sequenza predefinita per l’immissione:
Valore precedente: Ritorna al valore
precedente nella sequenza di
immissione. Il valore indicato non
viene salvato
Esci da macro
Salva il valore
Valore successivo: Salta
l’immissione del valore attuale e
passa al prossimo valore da
176 Capitolo 5: Stato
5.8.3
Parametri parodontali
Con il modulo di immissione o mediante la sonda è possibile inserire i
seguenti parametri:
Input linea gengivale:
L’immissione della misurazione delle linee gengivali per un
singolo dente avviene separatamente per la zona:
•
•
•
•
•
•
disto-buccale
buccale
mesio-buccale
mesio-linguale
linguale
disto-linguale
I valori vengono digitati in unità da 1/10 mm (cioè quando è stato
misurato 1mm, è necessario digitare il valore 10).
La misurazione viene eseguita all’interfaccia smalto-cemento
(come distanza diretta tra la linea gengivale e l’interfaccia smaltocemento) oppure come profondità tasca e calcolo risultante, dove
il valore per l’attacco (attachment) viene sottratto dal valore della
profondità tasca (pocket). Per la gengiva iperplastica viene
calcolato o inserito un valore positivo. Per la recessione
gengivale viene calcolato o inserito un valore negativo.
L’impostazione del metodo di misurazione avviene mediante il
comando di menu Configuration/Measurement mode
(Configurazione/Metodo di misurazione).
Misurazione tasca
Misurazione linea gengivale – interfaccia smalto-cemento
Capitolo 5: Stato 177
Immissione del contorno osseo:
L’immissione della misurazione del contorno osseo per il singolo
dente avviene separatamente per la zona:
•
•
•
•
•
•
disto-buccale
buccale
mesio-buccale
mesio-linguale
linguale
disto-linguale
I valori vengono digitati in unità da 1/10 mm (cioè quando è stato
misurato 1mm, è necessario digitare il valore 10). Viene misurato
all’interfaccia smalto-cemento.
Immissione della forcazione:
Forcazione: relativa alla localizzazione (secondo RATEITSCHAK
1984)
Parametro
0
1
2
3
Significato
nessun problema di forcazione o non inserito
sondabile orizzontalmente fino a 3 mm
sondabile orizzontalmente oltre i 3 mm
completamente sondabile
Grado microbico: (secondo KELLNER, MAYR 1980):
Parametro
(stadio)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
Significato
non definito (nessuna immissione)
stato normale
stato normale con eccessiva affezione batterica
forte affezione batterica
infiammazione reattiva in seguito alla
formazione di placca
antagonismo batterico-micotico a favore di
batteri
antagonismo batterico-micotico bilanciato
antagonismo batterico-micotico a favori di
funghi/micosi
infiammazione cronica-distruttiva (ep.iperplasia+linfociti)
fusospirilli, infiammazione gangrenosa
infiammazione acuta
178 Capitolo 5: Stato
Emorragia da sondaggio:
Parametro
0
1
2
3
Significato
nessuna emorragia
emorragia localizzata a punti
emorragia localizzata a strisce (limitato al
triangolo interdentale)
emorragia abbondante (oltrepassando il
triangolo interdentale, gocce)
Vitalità:
Parametro
+
?
-
Significato
definitivamente vitale
non definitivamente vitale
definitivamente devitale
Grado di mobilità:
Parametro
0
1
2
3
Significato
mobilità fisiologica
mobilità aumentata percepibile
mobilità aumentata visibile
mobilità verticale
Il parametro della mobilità viene inserito sotto View/Mobility
(Visualizza/Mobilità).
Capitolo 5: Stato 179
5.8.4
Stampa
Il modulo parodontale stampa due moduli diversi. L’impostazione del
modulo da stampare avviene mediante il menu Configuration/Adjust
Print (Configurazione/Adatta stampa).
Con il modulo GAMMA è possibile stampare lo stato completo nello
schema seguente:
Viene solamente compilato il modulo di domanda in tedesco. La
stampa presenta solo le linee e le cifre del modulo. Mediante
l’impostazione x- e y- offset, il modulo può essere adattato all’area di
stampa.
180 Capitolo 5: Stato
5.9
Stato placca
Con questa funzione è possibile rilevare e gestire lo stato della
placca o lo stato igienico dei singoli denti e della loro zona inferiore. I
dati visualizzati si riferiscono sempre al dente attualmente
selezionato.
Il dati dello stato placca possono anche essere inseriti con
l’aiuto di cosiddette macro. Per ulteriori informazioni sulle macro vedi
il capitolo “Stato parodontale”.
Capitolo 5: Stato 181
Immissione dei parametri placca:
Dapprima selezionare un dente nello schema. La selezione avviene
semplicemente cliccando sul dente con il pulsante destro del mouse.
La selezione viene segnalata dal contorno tratteggiato e
lampeggiante del dente selezionato.
.......... Dente non selezionato con contorno continuo
(fare clic con il pulsante sinistro del mouse)
Dente selezionato con contorno tratteggiato
e lampeggiante
Ora si possono inserire nel modulo i valori dello stato di placca
relativi a questo dente:
Placca:
Parametro
0 (bianco)
1 (giallo)
2 (rosso)
3 (nero)
Significato
nessuna placca
strato sottile di placca sul bordo gengivale
(può essere asportato con la sonda)
moderata quantità di placca lungo il bordo
gengivale (visibile)
notevole quantità, gli spazi interdentali sono
riempiti di placca
182 Capitolo 5: Stato
Zone di ritenzione della placca:
Relative alla localizzazione indipendentemente dal tipo (p.es.:
otturazione porosa, carie, bordo coronale, otturazione sporgente,
tartaro, dente parzialmente spuntato, malposizione dentale...).
Tartaro:
Presente – non presente, buccale e/o linguale.
5.10
Calcoli degli indici
I calcoli e la visualizzazione degli indici avviene mediante il comando
di menu View/Index. L’indice gengivale (GI-S), l’indice di emorragia
della papilla (PBI) e il CPITN vengono calcolati in due modi diversi.
Compare un’ulteriore finestra di dialogo:
Per calcolare gli indici si usano le seguenti formule:
Indice gengivale (GI): (secondo LINDHE 1983)
GI − S = 100 ×
Zone di emorragia ( score 2 − 3)
[% ]
Numero di valori misurati
Capitolo 5: Stato 183
Indice emorragia papilla (PBI):
PBI =
Totale degli indici di emorragia
Numero di valori misurati
CPITN: per sestante (WHO 1983)
CPITN-WHO: denti standard 16, 11, 26, 36, 31, 46 nei sestanti
CPITN-Ind: peggiore referto singolare nel sestante
Codice
0
1
2
3
4
Necessità di
terapia
nessuna
terapia
istruzioni
igieniche
1+ igiene
dentale
1+2+
cur/scaling
1+2+3+
chirurgia
Emorragi
a
-
T asca
Placca
-
Rit.
placca
-
Concrement
i
-
-
sì
-
-
-
-
sì
<3mm
sì
sì/no
sì
sì
>3mm
sì
sì
sì
sì
>6mm
sì
sì
sì
La diagnostica addizionale e la terapia non possono essere
determinate con il CPITN. I calcoli per il CPITN richiedono dati del
modulo Plaque Status (stato di placca). Si usano i più recenti dati
dello stato di placca.
184 Capitolo 5: Stato
Annotazioni:
6 CADIAS®
Questo capitolo spiega:
♦
♦
♦
♦
♦
Come inserire un oggetto dati CADIAS®
Come inserire una teleradiografia nel programma
Come salvare i dati nel Data Manager
Come richiamare ed analizzare i dati
Altri suggerimenti per il lavoro con CADIAS®
L’oggetto CADIAS® è compreso nella fornitura del Gamma Dental
Software® per Windows e viene, nella routine di installazione,
automaticamente importato e registrato nell’ambiente di sistema
dell’unità del computer insieme agli altri oggetti.
Tutti gli oggetti CADIAS® in Windows sono contrassegnati con la
seguente icona:
186
Capitolo 6 CADIAS®
Nell’albero dati del Gamma Dental Software® Data Manager, un
oggetto CADIAS® compare nel modo seguente:
Oggetto CADIAS® salvato
nel Data Manager del
Gamma Dental Software®
– strutturazione coerente
dell’albero.
CADIAS® gestisce:
•
Teleradiografie laterali
•
Teleradiografie frontali
•
Teleradiografie sub-mento vertex
•
Curve condilografiche (meccaniche o elettroniche mediante
CADIAX®)
•
Morfologia dei denti frontali e possibile guida
•
Dati dell’analisi strumentale
ed offre
•
Analisi statiche delle teleradiografie secondo:
Ricketts
Slavicek
Frankfurt
Jarabak
Sassouni
Bergen
Björk
Steiner
Uni.
Chir.
Progn. cI.III
Hollman
(ZMK-KFO) Odontoiatria/ortodonzia
Arcata
Sovrapposizione arcata
Frontale
•
Analisi definite dall’utente
•
Elaborazione diagnostica e funzionale
Capitolo 6 CADIAS®
6.1
187
Inserire un nuovo oggetto CADIAS®
nel Data Manager
Per inserire un nuovo oggetto CADIAS® nel Data Manager,
procedere nel modo seguente:
a. Per selezionare un paziente, cliccare sull’icona
livello dell’albero dati nel Data Manager:
al secondo
Nell’albero dati, cliccare sulla voce
del paziente con il pulsante
sinistro del mouse. La voce
nell’albero (livello 2) deve essere
selezionata. La selezione viene
indicata dalla crocetta sulla casella
corrispondente.
b. Cliccare sull’opzione Insert New GAMMA Object (Inserisci nuovo
oggetto GAMMA) nel menu Edit (Modifica) oppure utilizzare il menu
a comparsa con il pulsante destro del mouse:
Avvio dell’opzione
Insert New GAMMA
Object nel menu Edit.
188
Capitolo 6 CADIAS®
c.
Compare la finestra di dialogo Insertable GDSW Objects (Nuovo
oggetto GAMMA). Nella lista, cliccare sulla voce New
CADIAS® (Nuovo CADIAS®) e confermare con il pulsante OK.
Cliccare sulla voce New CADIAS®Object.
Confermare con OK.
d.
Compare quindi il programma principale CADIAS®. Nella finestra
Analysis parameters (Parametri dell’analisi) potete inserire il
nuovo titolo, la data ed il tipo dell’analisi. Confermando con il
pulsante OK verrà creato un oggetto CADIAS® nel quale
verranno quindi salvati i dati della teleradiografia.
Digitare il titolo
dell’analisi.
Digitare la data di
creazione.
Campo per un
breve commento
relativo all’analisi.
Visto che alla creazione di un nuovo oggetto CADIAS® non sono
ancora disponibili i dati delle teleradiografie, non vengono
visualizzate ulteriori informazioni.
Capitolo 6 CADIAS®
189
Chiudendo la finestra CADIAS®, l’albero dati presenta una voce
CADIAS® per il paziente selezionato.
Il nuovo oggetto CADIAS® inserito
nel Gamma Dental
Software® Data Manager.
190
Capitolo 6 CADIAS®
6.2
Indicazioni generali per l’utente
6.2.1
La finestra CADIAS® Manager
La finestra CADIAS® Manager è composta dai seguenti elementi:
a.
b.
c.
d.
e.
f.
g.
h.
i.
Barra di titolo
Barra dei menu
Barra degli strumenti
Finestra di informazione pazienti
Catalogo delle analisi
Finestra di anteprima
Catalogo di immissione
Barra di registro
Barra di stato
a. La barra di titolo mostra il nome del
paziente ed il titolo dell’analisi.
b. Con la barra dei menu è possibile
richiamare le funzioni di CADIAS®.
c. La barra degli strumenti permette un accesso
rapido alle singole funzioni.
Selezione
dell’analisi
Indicare il titolo dell’analisi che
comparirà nella barra di titolo.
d. Nella finestra di informazione
vengono visualizzati i dati più
importanti del paziente.
Capitolo 6 CADIAS®
191
e. Il catalogo delle analisi
contiene le analisi effettuate.
f. La finestra di anteprima mostra il tracciato,
le analisi numeriche oppure l’analisi verbale di
Slavicek.
g. Nel catalogo di immissione sono
elencate tutte le immissioni.
i. La barra di stato offre una guida rapida
alla funzione selezionata.
h. Nella barra di registro si può
scegliere tra le varie schede.
192
Capitolo 6 CADIAS®
6.2.1.1
La barra dei menu del CADIAS® Manager
La barra dei menu del CADIAS® Manager include i seguenti punti:
Data
Con questo menu si potranno salvare i dati, effettuare
analisi nuove, impostare la stampante, stampare e
chiudere il programma.
Edit
Questo menu serve per cancellare, copiare, tagliare e
inserire i dati. Esiste inoltre una funzione di ripristino e
un altro punto per salvare il contenuto della finestra
attuale nel clipboard cioè negli appunti per poi poterlo
inserire p. es. in Word.
New Entry
Selezionare il prossimo tracciato o la prossima
immissione che si desidera effettuare.
Esistono i seguenti tipi di immissione:
Teleradiografia laterale
Teleradiografia frontale
Teleradiografia SMV
Guida incisale
Condilografia
CPM
Arcata bidimensionale
Scheda diagnosi Slavicek
Options
Il menu “Options“ serve per cambiare il tipo di
carattere, le caratteristiche della barra di registro
nonché il colore dello sfondo. Inoltre, si potranno
impostare le opzioni di calcolo, le opzioni generali
come le caratteristiche di visualizzazione, la
dimensione della finestra ed il retino. Anche la
radiografia, se disponibile, potrà essere attivata
oppure disattivata sullo sfondo.
Capitolo 6 CADIAS®
193
VTO
Questo menu serve per creare oppure visualizzare ed
elaborare un VTO. Se vi trovate già nel modo VTO
potrete effettuare la conversione in RKP oppure in IVP
e attivare, nelle caratteristiche VTO, il calcolo del
tessuto molle, visualizzare/nascondere le informazioni
riguardanti il VTO e posizionare l’analisi originale
dietro il VTO elaborato.
View
Questo punto offre la possibilità di attivare o
disattivare tutte le barre.
Window
Questo punto contiene tutte le caratteristiche della
finestra, come la suddivisione delle singole finestre e il
cambiamento delle finestre.
Si potrà scegliere tra le seguenti finestre:
Contenuto
Tracciato
Analisi numerica
Analisi grafica
Sovrapposizione
Analisi verbale Slavicek
Asta incisale
Analisi individuale
Help
Qui si potranno richiamare i testi di guida per le varie
funzioni del software.
194
Capitolo 6 CADIAS®
6.2.1.2
La barra degli strumenti del CADIAS® Manager
Comandi usati frequentemente e che di solito avvengono
attraverso la barra dei menu, vengono eseguiti più velocemente
cliccando con il mouse sull’apposita icona.
Una breve spiegazione delle icone:
a.
b.
c.
d.
e.
f.
g.
h.
i.
j.
k.
l.
m.
n.
o.
Salva lo stato attuale sul supporto dati
Inserisce un’analisi nuova
Taglia
Copia
Inserisce
Stampa
Guida generale
Guida sull’argomento...
Inserisce un nuovo VTO
Avvia il modo VTO
Pone l’analisi originale dietro il tracciato (in VTO)
Attiva il retino
Pone la radiografia (se disponibile) dietro il traccaito
Adatta l’immagine attuale (tracciato) alla dimensione
della finestra
Calcola il tessuto molle (in VTO)
e. Inserisci
d. Copia
f. Stampa
c. Taglia
g. Guida generale
h. Guida specifica...
b. Nuova
analisi
a. Salva
i. Nuovo VTO
j. Modo VTO
k. Pone l’analisi originale dietro il tracciato
l. Attiva/disattiva il retino
m. Pone la radiografia dietro il tracciato
n. Adatta la dimensione dell’immagine
o. Cacola il tessuto molle
Capitolo 6 CADIAS®
6.2.2
195
La finestra CADIAS® Digitizer
Nella finestra CADIAS® Digitizer la digitalizzazione avviene
direttamente sullo schermo con il mouse, usando una teleradiografia
digitalizzata, oppure con il digitalizzatore. L’unica differenza tra le
finestre nei diversi modi di digitalizzazione è che nella finestra
CADIAS® Digitizer compare una finestra addizionale, nella quale
viene copiata la radiografia per la digitalizzazione, per poter quindi
lavorare con il mouse.
Finestra „Digitalizzazione con il mouse“:
La finestra Digitizer „normale“ :
196
Capitolo 6 CADIAS®
Come il CADIAS® Manager anche il CADIAS® Digitizer può essere
suddiviso negli seguenti elementi:
a.
b.
c.
d.
e.
f.
g.
h.
Barra di titolo
Barra dei menu
Barra degli strumenti
Barre delle informazioni
Lista dei punti e contorni
Finestra di anteprima
Finestra di digitalizzazione (con il metodo
di digitalizzazione sullo schermo!)
Barra di stato
a. La barra di titolo
mostra il titolo della
digitalizzazione.
b. Con la barra dei menu è
possibile richiamare alcune
funzioni del CADIAS® Digitizer.
d. Le barre di informazione
danno una breve informazione
sulle caratteristiche più
importanti.
c. La barra degli strumenti
permette un accesso rapido alle
singole funzioni.
Capitolo 6 CADIAS®
197
g. Nella finestra di
digitalizzazione vengono
visualizzati i punti appena
digitalizzati con il mouse. Questa
finestra non esiste nella
digitalizzazione con il
digitalizzatore!
e. È selezionato il prossimo
punto/contorno da elaborare.
Cliccando su un altro
punto/contorno si può saltare
questo punto.
h. La barra di stato offre una guida
rapida alla funzione
selezionata.
f. La finestra di anteprima mostra l’attuale
immissione schematica e indica il
prossimo punto/contorno da inserire.
198
Capitolo 6 CADIAS®
6.2.2.1
La barra dei menu CADIAS® Digitizer
La barra dei menu del digitalizzatore CADIAS® è composta dai
seguenti punti:
File
Con questo menu si potrà salvare il tracciato
completamente digitalizzato e chiudere la finestra.
Image
Serve per caricare una radiografia da un file o
direttamente dallo scanner.
Edit
Questo menu offre le stesse possibilità di elaborazione
come Clear Point/Contour (Cancella punto/contorno)
e permette l’impostazione della larghezza dei premolari.
Options
Questo menu serve per l’impostazione del
digitalizzatore, dei colori e del suono, per definire la
lunghezza delle linee di riferimento e per attivare la
digitalizzazione con il mouse.
Help
Per accedere alla guida cliccare sull’argomanto
desiderato...
Capitolo 6 CADIAS®
199
6.2.2.2
La barra degli strumenti CADIAS® Digitizer
La barra degli strumenti del CADIAS® Digitizer permette l’accesso
rapido ad alcune funzioni del menu, nonché un’elaborazione veloce
della radiografia per una digitalizzazione ottimale.
Questa barra è composta dalle seguenti icone:
a.
b.
c.
d.
e.
f.
g.
h.
Caricamento di una radiografia da un file ( solo con la
digitalizzazione sullo schermo!)
Scansione di una radiografia (digitalizzazione sullo
schermo!)
Adattamento dell’immagine attuale alla dimensione della
finestra
Aumento del contrasto della radiografia
Riduzione del contrasto della radiografia
Aumento della luminosità della radiografia
Riduzione della luminosità della radiografia
Inversione dell’immagine
a. Caricamento radiografia
b. Scansione immagine
h. Inversione
immagine
c. Adattamento alla dimensione dello schermo
d. Aumento contrasto
e. Riduzione contrasto
f. Aumento luminosità
g. Riduzione luminostià
200
Capitolo 6 CADIAS®
6.3
La struttura dei dati CADIAS®
Il programma CADIAS® gestisce i dati sia nelle singole proiezioni
che come struttura tridimensionale di punti e contorni. Un record
CADIAS® è composto dalle seguenti sottostrutture:
♦
♦
♦
♦
♦
♦
♦
♦
♦
♦
♦
♦
Teleradiografia laterale: punti e contorni bidimensionali
Teleradiografia frontale: punti e contorni bidimensionali
Teleradiografia SMV: punti e contorni bidimensionali
Teleradiografia laterale Windows Bitmap
Teleradiografia frontale Windows Bitmap
Teleradiografia SMV Windows Bitmap
Condilografia bidimensionale
Condilografia Windows Bitmap
Guida incisale bidimensionale
Guida incisale Windows Bitmap
CPM
Arcata
I dati inseriti non sono separati, ma sono direttamente collegati tra di
loro. Ciò offre all’utente il vantaggio di unire automaticamente i dati
di un paziente in modo semplice e di ricevere inoltre un’analisi
coerente, anche tridimensionale. Tuttavia c’è da osservare che tutti i
punti digitalizzati sulla teleradiografia con i convenzionali metodi di
proiezione, rappresentano in realtà una situazione tridimensionale nel
paziente.
L’utente può scegliere tra le singole
proiezioni disponibili.
Capitolo 6 CADIAS®
201
6.4
Immissione dei dati
L’immissione di dati nell’oggetto CADIAS® può avvenire in due
modi diversi:
♦
♦
Con un digitalizzatore
Mediante la definizione dei punti e contorni dell’immagine sullo
schermo
Il risultato – cioè l’analisi della teleradiografia – dovrebbere essere
ugale in entrambi i casi.
Per inserire una radiografia, procedere nel modo seguente:
1.
2.
3.
4.
Creare un nuovo oggetto CADIAS®
Avviare la sequenza di immissione
Digitare il fattore di ingrandimento della radiografia
Digitalizzazione
6.4.1
Creare un nuovo oggetto CADIAS®
Vedi 6.1
6.4.2
Avvio della sequenza di immissione
La sequenza di immissione CADIAS® viene avviata dal programma
principale CADIAS® mediante il comando di menu Input
(Immissione). Si potrà scegliere tra diverse opzioni, con le quali si
definis ce il tipo dei dati da inserire.
202
Capitolo 6 CADIAS®
Menu per definire i dati da inserire.
A questo punto si può scegliere se inserire teleradiografia laterale,
frontale o SMV, una guida incisale, una condilografia, un CPM
oppure un’arcata.
Avviando una delle opzioni, in questo caso una teleradiografia
laterale, comparirà il programma di digitalizzazione CADIAS®:
Inserire il fattore di
ingrandimento della
radiografia.
Inserire la data
della radiografia.
Capitolo 6 CADIAS®
6.4.3
203
Fattore di ingrandimento
Nella finestra CADIAS® Digitizer si potrà quindi inserire o cambiare
il fattore di ingrandimento dell’immagine radiografica. Il fattore causa
la conversione della radiografia, dalla dimensione del tracciato alla
effettiva dimensione proporzionale sul paziente. Se p.es. si inserisce
un fattore di ingrandimento del 1.10, significa che una distanza di 1
cm sul paziente, corrisponde ad una distanza di 1,10 cm (11 mm) sulla
radiografia. Perciò, le distanze calcolate nell’analisi della
teleradiografia sono influenzate da questo fattore. Gli angoli e i
rapporti di lunghezza non sono invece influenzati. Specialmente
lavorando con valori medi (valori normali e/o deviazioni standard)
l’immissione del corretto fattore di ingrandimento è importante.
Il fattore di ingrandimento viene salvato esattamente per una
radiografia e fa parte del record di radiografia che viene usato per
l’analisi. Può però sempre essere modificato. Il nuovo fattore verrà
quindi usato per le analisi.
Il programma parte dal presupposto che al suo interno vengano
inserite radiografie dello stesso apparecchio radiologico. Perciò il
programma “ricorda” l’ultimo valore inserito e quindi, di solito, il
fattore deve essere inserito solo una volta, anche se si ripete
l’immissione con un altro paziente.
Il fattore viene misurato paragonando la radiografia di un oggetto di
dimensioni note con l’immagine sullo schermo.
Esempio:
Lunghezza dell’oggetto = 10 cm
Lunghezza sullo schermo= 11,7 cm
Fattore di ingrandimento = 11,7/10,0 = 1,17
(1.17 è il fattore di ingrandimento da inserire!)
Data della radiografia: Verrà usata la data attuale del computer. Si
potrà però cambiare la data della radiografia, indipendentemente dalla
data di immissione.
ATTENZIONE
Il calcolo della norma di singoli valori misurati dipende dall’età del
paziente. Con l’età del paziente cambiano anche alcune norme e
calcoli trend. Il programma CADIAS® usa la data di nascita e la data
della radiografia per calcolare l’età del paziente al momento della
radiografia. L’elaborazione dei dati avviene in base a questa età.
204
Capitolo 6 CADIAS®
6.4.4
Sequenze di immissione
Nel programma CADIAS®, l’immissione di punti e contorni avviene
in una determinata sequenza prestabilita. Il programma gestisce
diverse sequenze e modelli di inserimenti. Questi modelli possono
anche essere elaborati o modificati dall’utente stesso.
Nel programma Digitizer si potrà scegliere il modello desiderato.
Modifica del
modello.
C’è da osservare che con un’immissione ridotta non possono essere
eseguite tutte le analisi. Se si è incerti quale sequenza scegliere,
consigliamo l’uso della sequenza standard, perché con questa
sequenza funzionano tutte le analisi.
Capitolo 6 CADIAS®
205
Questo simbolo segna i
punti da inserire.
Le caselle spuntate
indicano i punti e contorni
già inseriti.
La barra di selezione grigia è
posizionata sul prossimo
punto o contorno da inserire.
Questo simbolo segna i
contorni da inserire.
La finestra di dialogo mostra la sequenza di immis sione prescelta. La
sequenza dei punti e dei contorni da inserire compare in ordine
gerarchico, cioè il primo punto nella lista viene inserito per primo,
quindi viene inserito il secondo punto ecc.
206
Capitolo 6 CADIAS®
6.4.5
Inserimento di teleradiografie dallo
schermo
Nella versione Windows, CADIAS® permette la digitalizzazione di
immagini con il mouse, direttamente dallo schermo: cioè un’immagine
salvata sul computer viene semplicemente caricata nel software e
può quindi essere elaborata.
Bisogna osservare che per un utilizzo ottimale del sistema devono
essere soddisfatti i requisiti hardware. Come requisito minimo della
dimensione schermo sono consigliati 17 pollici, (ma meglio 19, 20 o
21 pollici) per poter lavorare al meglio. Inoltre, bisogna accertarsi che
la capacità della memoria di sistema sia sufficiente perché altrimenti,
lavorando con grandi file grafici possono presentarsi problemi di
velocità.
Immagini registrate in CADIAS® vengono automaticamente salvate
con gli altri dati della radiografia. Quando si ripete la procedura di
immissione oppure quando, più avanti, si effettua una correzione, la
relativa immagine viene automaticamente caricata e visualizzata.
6.4.5.1
Formato immagine
CADIAS® elabora i formati grafici più usati, quali BMP, TIF, JPG,
TGA e tanti altri. CADIAS® elabora sia immagini a colori che
immagini in bianco e nero.
Per decidere con quali parametri di immagine la radiografia dovrà
essere salvata, bisogna prima considerare il tipo di applicazione
dell’immagine:
Le immagini in CADIAS® dovrebbero essere usate solo
per la misurazione di punti e contorni. Il programma non è adatto
per la documentazione. Per la documentazione ci sono altri
strumenti più adatti.
La dimensione file determina la performance del software. È inutile
caricare immagini molto grandi ad alta risoluzione e con un’estrema
profondità dei colori, perché queste informazioni addizionali non
Capitolo 6 CADIAS®
207
sono necessarie. Inoltre, con file molto grandi il software diventa più
lento e la banca dati viene solo riempita inutilmente.
Immagini troppo grandi in CADIAS® rallentano la
performance senza migliorare la precisione di misurazione.
La dimensione di un’immagine viene determinata dai seguenti
parametri dell’immagine:
a. Risoluzione:
Questo parametro descrive quanto i punti possono essere vicini per
permettere ancora di essere distinti l’uno dall’altro. Normalmente la
risoluzione viene indicata in dpi (dots per inch).
Per esempio:
L’indicazione 100 dpi significa che su 1 inch (2,54 cm)
si possono distinguere 100 pixel. Ciò significa che la
distanza tra due pixel è di 0,25 mm.
Impostando i parametri di scansione bisogna assolutamente
fare attenzione che la risoluzione orizzontale e la risoluzione
verticale siano allo stesso livello. Altrimenti, l’immagine non è
utilizzabile per le analisi CADIAS®.
Bisogna anche considerare che lo schermo di un computer è in grado
di visualizzare immagini nella loro dimensione originale con una
risoluzione massima di 75 dpi. Un’immagine di 150 dpi ad
ingrandimento 2x non presenta ancora “l’effetto a gradini”. Ciò
significa che rispetto ad una precisione dal vero di 0,25 mm nella
convenzionale misurazione del digitalizzatore, con una risoluzione di
150 dpi dell’immagine scannata è possibile mis urare perlomeno con la
stessa precisione.
208
Capitolo 6 CADIAS®
I test effettuati dalla ditta produttrice hanno dimostrato che
già una risoluzione di 75 dpi permette un’elaborazione soddisfacente
della radiografia. In ogni caso non si dovrebbe MAI scegliere una
risoluzione più alta di 150 dpi. File grafici troppo grandi influiscono
negativamente sulla performance del sistema. Immagini Bitmap di
dimensione file inferiore a 1 MB vengono elaborate abbastanza
velocemente da CADIAS®, dal Data Manager e soprattutto dal
sistema Windows. (Pentium III 700MHz 256MB RAM).
b. A colori o in bianco e nero / scala di grigi:
Generalmente, le radiografie contengono solo informazioni di livelli di
grigio. È quindi sufficiente scannare le immagini a scala di grigi da 8
bit oppure di qualità minore. Scannare con 256 colori falsifica
l’informazione dell’immagine. Ogni intensificazione della profondità
colore (p.es. a 24 bit di profondità) ingrandisce solo inutilmente la
dimensione del file immagine. Tenga presente che un’immagine
radiografica con una risoluzione di 300 dpi a scala di grigi da 8 bit
può già occupare uno spazio di 10 MB (spazio sul disco fisso!!!).
Capitolo 6 CADIAS®
209
6.4.5.2
Inserimento di immagini in CADIAS®
La procedura di digitalizzazione è molto importante per la successiva
analisi dei dati. Quindi, prima di creare una banca dati, bisogna
prendersi il tempo per eseguire alcuni tracciati, digitalizzarli e
controllare il relativo risultato nell’analisi. Un errore sistematico
durante l’inserimento metterebbe in dubbio l’intera banca dati.
L’inserimento di immagini radiografiche in CADIAS® avviene nel
programma di digitalizzazione. CADIAS® riesce a caricare le
immagini in due modi diversi.
a.
Scansione dell’immagine
L’immagine può essere direttamente caricata dallo scanner. Il
caricamento del file avviene cliccando su Image/Load…
b.
Caricamento da un file
L’immagine radiografica può anche essere caricata dal disco
fisso o altri supporti accessibili al sistema Windows. Il
caricamento del file avviene cliccando su Image/Acquire....
210
Capitolo 6 CADIAS®
Compare quindi la finestra standard di Windows per l’apertura di un
file:
In questa finestra di dialogo si sceglie il file grafico desiderato.
La visualizzazione della radiografia avviene automaticamente sullo
sfondo della finestra Digitizer:
Capitolo 6 CADIAS®
211
6.4.5.3
Impostazione dell’immagine
Prima della scansione si consiglia di impostare nel modo più ottimale
i parametri dell’immagine quali la luminosità, il contrasto ecc. Ma
anche durante la procedura di inserimento, si possono ancora
effettuare ulteriori impostazioni o semplicemente migliorare la qualità
dell’immagine.
A tale scopo, nel sistema sono stati integrati alcuni elementi di
comando per l’elaborazione dell’immagine:
Riduce il contrasto
Aumenta il
Riduce la luminosità
Aumenta la luminosità
Inversione
dell’immagine
Ingrandimento o
riduzione
dell’immagine
212
Capitolo 6 CADIAS®
Ingrandimento / riduzione:
È possibile ingrandire o ridurre una determinata parte di un’immagine
radiografica. Esistono due modi per ingrandire/ridurre un’immagine:
a.
Cliccando direttamente sul campo con il numero e impostando il
valore desiderato.
b.
Cliccando sulla freccia di ingrandimento o di riduzione il valore
aumenta/diminuisce di 1 punto (tenere premuta la freccia per
accelerare il procedimento).
T asto di
ingrandimento
Cliccare su questo campo per
digitare direttamente il
valore desiderato.
Tasto di riduzione
L’immagine mostra l’ingradimento della
teleradiografia laterale.
Capitolo 6 CADIAS®
213
Luminosità:
Per aumentare la luminosità dell’immagine, cliccare sulla seguente
icona :
Per ridurre la luminosità dell’immagine cliccare sull’icona :
214
Capitolo 6 CADIAS®
Contrasto:
Il contrasto dell’immagine può essere aumentato cliccando sulla
seguente icona nella barra degli strumenti:
Per ridurre il contrasto dell’immagine, cliccare sull’icona:
Capitolo 6 CADIAS®
215
Inversione immagine:
Cliccando sull’icona di inversione l’immagine può essere invertita:
6.4.5.4
Definizione dimensione immagine/
Punti di riferimento
Quando nel programma CADIAS® le immagini vengono inserite
dallo schermo, il computer le registra come immagini caricate con un
metodo “sconosciuto”. Le immagini nei formati usuali non
contengono alcune informazioni relative alle proporzioni reali, ciò
significa che CADIAS® riconosce la quantità di pixel su un piano,
ma non riconosce la quantità di pixel che costituiscono un millimetro
dell’immagine originale. Con immagini scannate, questo dipende
soprattutto dalla risoluzione (dpi) scelta.
Prima dell’inserimento, è necessario comunicare al programma le
proporzioni dell’immagine rispetto all’originale “analogo”. Dapprima,
CADIAS® richiede quindi l’immissione di una distanza di
riferimento, cioè di due punti: l’origine e il punto di riferimento. Prima
dell’immissione di questi punti non è possibile inserire altri punti o
contorni.
Perciò, prima della scansione è necessario segnare l’immagine con
una distanza di misurazione. Alcuni apparecchi radiografici
216
Capitolo 6 CADIAS®
dispongono di una scala centimetrata integrata direttamente
sull’immagine. Eventualmente, vicino ad ogni immagine si può
posizionare un metro a nastro. L’importante è che la distanza di
misurazione sia ben visibile sullo schermo. Bisogna notare che errori
fatti in questa fase possono influenzare notevolmente i valori
calcolati dal programma CADIAS®. Fare assolutamente attenzione
che la scansione dell’originale venga effettuata in entrambi le
direzioni delle coordinate, cioè orizzontalmente e verticalmente, con
la stessa risoluzione (dpi). Altrimenti l’immagine sarà distorta e di
conseguenza tutte le mis ure saranno falsificate.
La distanza di riferimento può essere liberamente definita dall’utente.
Dopo l’installazione, il valore di partenza del programma è impostato
a 100 millimetri. Questo valore può sempre essere cambiato. Per
modificare il valore, selezionare nel programma di digitalizzazione
l’opzione di menu Options/Reference line setup
(Opzioni/Impostazione linea di riferimento).
Digitare e salvare la distanza
di riferimento. Il valore è
indicato in millimetri.
Fare attenzione che la distanza di riferimento inserita non sia inferiore
a 10 millimetri. Valori inferiori a questo valore di soglia
comporterebbero una notevole riduzione della precisione perché più i
punti sono vicini, più diventa importante la precisione dei punti di
riferimento sullo schermo.
Indicazione importante: Qualora un’immagine radiografica
caricata con lo scanner fosse già dotata di una scala (scanata insieme
alla radiografia), questa può essere utilizzata per l’immissione dei
punti di riferimento. Bisogna però assolutamente impostare un
fattore di ingrandimento di 1,0!
Capitolo 6 CADIAS®
217
6.4.5.5
Immissione dallo schermo
Nel programma di digitalizzazione si può subito iniziare con
l’immissione dei punti. Posizionando il puntatore del mouse
sull’immagine radiografica, il puntatore si trasforma automaticamente
in un mirino. Sotto „Point/Contour“ si potrà scegliere il punto da
digitalizzare. Prima della prima elaborazione dell’immagine
radiografica bisogna però immettere i punti di riferimento.
Mirin
Effettuando una nuova digitalizzazione il software propone il punto
di riferimento 1 (reference line point 1) come primo punto da
digitalizzare. Selezionare con il mouse il punto che si desidera usare
come origine.
218
Capitolo 6 CADIAS®
Dopodiché bisogna immettere il punto di riferimento 2. Avendo
selezionato anche questo punto, si potrà iniziare con l’immissione
dell’immagine.
Questi due punti servono per calcolare la proporzione dello schermo
rispetto all’immagine. Questo valore viene quindi salvato nel record
insieme agli altri dati.
Capitolo 6 CADIAS®
6.4.5.6
219
Immissione punti dallo schermo
Procedimento fondamentale per l’immissione dei punti: Per
digitalizzare un punto sullo schermo, posizionare il puntatore del
mouse a forma di mirino esattamente nella posizione del punto da
misurare. Cliccando il pulsante sinistro del mouse il punto viene
segnato sull’immagine e viene temporaneamente memorizzato con i
valori delle coordinate nel programma.
I punti vengono digitalizzati nella sequenza predefinita. La sequenza
viene salvata nelle cosiddette “sequenze di immissione”. Prima di
iniziare l’immissione è possibile richiamare una di queste sequenze.
Le sequenze e le quantità dei punti da misurare variano. Bisogna
quindi tenere presente che non tutte le analisi possono essere
eseguite con un’immissione ridotta.
Se non siete sicuri quale sequenza scegliere, consigliamo l’uso di
una sequenza standard perché con questa sequenza funzionano
tutte le analisi.
220
Capitolo 6 CADIAS®
Dopo aver richiamato il programma di immissione, nella relativa
finestra di dialogo viene caricata e visualizzata l’ultima sequenza di
immissione:
Nella finestra di dialogo
della sequenza di
immissione sono
elencati i punti da
inserire.
I punti già
inseriti sono
spuntati.
La barra di selezione è
posizionata sul prossimo
punto da inserire.
In questa finestra di dialogo sono elencati i valori di questa
sequenza. La barra di selezione grigia indica il punto, per il quale il
programma sta attualmente aspettando l’immissione. I punti che
sono già stati inseriti sono spuntati:
Conformemente alla finestra di dialogo della sequenza, la finestra del
modello mostra lo schema “della testa modello” con il mirino rosso
puntato sul prossimo punto da inserire:
Nella finestra del
modello, il mirino
rosso indica il
prossimo punto da
inserire.
L’ordine di immissione è prestabilito dalla sequenza, ma l’utente può
sempre selezionare qualsiasi punto nella lista come prossimo punto
da inserire.
Per saltare il punto attualmente selezionato, basta semplicemente
premere il pulsante destro del mouse.
Capitolo 6 CADIAS®
6.4.5.7
221
Immissione contorni dallo schermo
Anche i contorni vengono inseriti con il mouse. Il contorno da
inserire è selezionato nella finestra di dialogo della sequenza:
Finestra della sequenza di
immissione con il contorno
„Symphysis“ (sinfisi)
selezionato come prossimo
contorno da inserire.
I contorni già inseriti sono spuntati.
Due modi di digitalizzazione con il mouse:
Selezionando il punto Options/Digitalize contour with mouse nella
finestra CADIAS® Digitzer potrete decidere se volete digitalizzare il
contorno tenendo premuto il tasto sinistro del mouse oppure
inserendo punto dopo punto del contorno. Il programma collega
automaticamente i punti inseriti.
Avendo completato l’immissione di un contorno, con entrambi i
metodi di digitalizzazione è possibile saltare al prossimo contorno
cliccando il tasto destro del mouse.
Nell’immissione dei punti si rinuncia appositamente all’uso di un
algoritmo di livellamento per permettere il controllo dei punti inseriti
in modo che non risultino falsificati. Questi algoritmi di livellamento
verranno usati più avanti nelle analisi e nei tracciati.
222
Capitolo 6 CADIAS®
Cliccare con il tasto
destro del mouse sul
punto da cancellare, e
quindi, con il tasto
sinistro del mouse, su
“Clear Point” (cancella
punto).
Se un punto non viene inserito correttamente o se più punti non
sono stati inseriti correttamente, gli ultimi punti inseriti possono
essere cancellati cliccando con il tasto destro del mouse per
richiamare il menu a comparsa. Cliccando con il tasto sinistro del
mouse su „Clear point“ il punto viene cancellato.
6.4.5.8
Modifica dati
Immagini registrate in CADIAS® vengono automaticamente salvate
con gli altri dati della radiografia. Quando si ripete la procedura di
immissione oppure quando, più avanti, si effettua una correzione, la
relativa immagine viene automaticamente caricata e visualizzata.
6.4.5.9
Visualizzazione della radiografia
Esiste la possibilità di visualizzare/nascondere la radiografia
cliccando sulla seguente icona:
Capitolo 6 CADIAS®
6.4.6
223
Immissione di teleradiografie con il
digitalizzatore (immissione laterale)
L’avvio del programma di immissione del digitalizzatore avviene nel
modulo di analisi CADIAS® mediante l’opzione di menu Input/X-ray
(Immissione/Radiografia desiderata).
6.4.6.1
Installazione e inizializzazione
del digitalizzatore
Richiamando il programma di immissione di CADIAS®, il programma
cerca di inizializzare il digitalizzatore (Options/Input selection...). Il
software supporta i seguenti digitalizzatori:
Summagraphics MM Series
New Sketch 1212
New Sketch 1212 HR II
New Sketch 1212 HR III (UIOF mode)
Questi digitalizzatori vengono selezionati insieme all’interfaccia e
possono subito essere utilizzati.
Digitalizzazione con il
mouse (vedi 6.4.5.6)
Digitalizzazione con
il driver Wintab
Digitalizzazione con il
driver standard
compreso
Selezione del
digitalizzatore
Selezione
dell’interfaccia
Test di
configurazione del
digitalizzatore
224
Capitolo 6 CADIAS®
Qualora il vostro digitalizzatore non dovesse essere supportato dal
software, esiste ancora la possibilità di caricare il driver Wintab
(Summagraphics e Genius forniscono i relativi driver, altrimenti si
potrà caricare i driver da Internet) e di cliccare sul punto „Digitize
from Wintab compliant device“ (Digitalizza dal driver Wintab) nella
finestra delle impostazioni del digitalizzatore.
Dopodiché controllare la corretta configurazione del digitalizzatore
cliccando sull’apposito pulsante.
Se il digitalizzatore è stato trovato, vicino al pulsante comparirà il
messaggio „Test successful.“
Se dovesse però comparire il messaggio “Test not successful”,
controllare se il digitalizzatore è stato correttamente collegato con il
computer e se è pronto per la messa in funzione (alimentatore!!!).
Capitolo 6 CADIAS®
6.4.6.2
225
Immissione punti con il digitalizzatore
Lavorando con un digitalizzatore senza visore, è necessario eseguire
un tracciato della radiografia su un foglio di carta. Il tracciato da
inserire deve contenere tutti i punti e contorni necessari. Fissare il
foglio sul digitalizzatore. Il foglio non deve essere posizionato a
perfezione, ma bisogna accertarsi che tutti i punti si trovino nel
campo di misurazione del digitalizzatore e non siano posizionati su
uno dei campi addizionali che si trovano sul bordo superiore del
digitalizzatore. Fissare il foglio con del nastro adesivo. È molto
importante che il foglio non si sposti durante la procedura di
digitalizzazione.
L’immagine deve sempre essere allineata in modo da corrispondere
all’esempio mostrato nella finestra del modello. Ciò significa che p.
es. per la proiezione laterale, il foglio o l’immagine radiografica
devono essere attaccati con il naso del paziente rivolto a destra.
Esistono due modi per indicare il prossimo punto o il prossimo
contorno da inserire. Il mirino rosso nella finestra del modello indica
il punto da inserire sullo schema, mentre nella finestra della sequenza
di immissione, la barra di selezione è posizionata sul prossimo punto
da inserire.
Sull’immagine, il punto da inserire viene segnato con un mirino e il
contorno da inserire viene visualizzato in un altro colore.
226
Capitolo 6 CADIAS®
La finestra di dialogo della
sequenza di immissione
mostra la lista dei punti da
inserire.
Questa finestra di dialogo mostra la lista dei valori di questa
sequenza. La barra di selezione è posizionata sul prossimo punto da
inserire. I punti già inseriti sono spuntati:
I punti già
inseriti sono
spuntati.
La barra di selezione è
posizionata sul prossimo
punto da inserire.
Capitolo 6 CADIAS®
227
Conformemente alla finestra di dialogo della sequenza, la finestra del
modello mostra lo schema “della testa modello” con il prossimo
punto da inserire segnato dal mirino rosso:
Nella finestra di dialogo del
modello, il mirino rosso
indica il prossimo punto da
inserire.
L’ordine di immissione è prestabilito dalla sequenza, ma l’utente può
sempre selezionare qualsiasi punto nella lista come prossimo punto
da inserire.
228
Capitolo 6 CADIAS®
6.4.6.3
Immissione contorni con il digitalizzatore
Nella finestra di sequenza viene indicato il prossimo contorno da
inserire. Normalmente l’immissione dei contorni avviene
successivamente all’immissione di tutti i punti.
Finestra della sequenza di
immissione con il contorno
„Symphysis“ (sinfisi)
selezionato come prossimo
contorno da inserire.
I contorni già inseriti sono spuntati.
A determinati intervalli, il digitalizzatore comunica al computer la
posizione attuale. Quindi il programma collega questi punti con una
linea. Normalmente i punti sono molto vicini, in modo che la linea
diventi curva. Se ci sono troppo pochi punti, la linea visualizzata è
angolosa. Questo indica che la digitalizzazione è avvenuta in tempo
troppo breve. Muovere la penna o la lente lentamente e
uniformemente lungo il contorno.
Bisogna inoltre assicurarsi che la linea venga tracciata fino alla fine
della contorno. Seguire le seguenti istruzioni per la corretta
immissione del contorno:
Posizionare la lente (o la penna) del digitalizzatore all’inizio del
contorno.
Solo allora premere il tasto (o la penna).
Tracciare il contorno in modo uniforme e a velocità moderata.
Alla fine del contorno rilasciare il tasto, quindi premere il tasto
FRECCIA GIÙ oppure il tasto 3 della lente del digitalizzatore.
Capitolo 6 CADIAS®
229
Conformemente alla finestra di sequenza, nella finestra del modello, il
prossimo contorno da inserire è segnato in rosso:
Finestra del modello che
richiede l’immissione del
contorno „sinfisi“.
Campi magnetici possono causare una grave distorsione dei tracciati
di analisi. Questi campi magnetici possono essere dati da schermi,
trasformatori, stampanti ecc. In caso di distorsione si consiglia di
aumentare la distanza tra il digitalizzatore e l’apparecchio
disturbatore (solitamente lo schermo). Se l’errore non può essere
eliminato in questo modo, il digitalizzatore deve essere sottoposto ad
un controllo. In molti casi l’impostazione del digitalizzatore risulta
errata. Se sul vostro digitalizzatore ci sono dei piccoli interruttori
(interruttori DIP) e la posizione di questi interruttori è stata
modificata, ciò può essere la causa di effetti strani. Si consiglia
quindi di segnarsi la posizione degli interruttori dopo la messa in
funzione. In questo modo, in caso di malfunzionamento, si potrà
controllare se la posizione degli interruttori è stata modificata.
Se durante l’installazione dovesse presentarsi un errore (finestra
verde con relativo messaggio di errore), le cause possono essere:
♦
♦
♦
♦
♦
♦
♦
♦
Il digitalizzatore non è acceso o non è collegato alla
rete.
Il digitalizzatore non è collegato con il computer.
Il digitalizzatore è collegato all’interfaccia sbagliata sul
computer.
La lente/il mouse non è collegato con il digitalizzatore.
Configurazione errata del programma.
Interfaccia del computer difettosa.
Cavo difettoso.
Digitalizzatore difettoso.
230
Capitolo 6 CADIAS®
La maggior parte dei digitalizzatori funziona a campi magnetici. Per
ottenere un funzionamento corretto e preciso, si consiglia di
osservare le seguenti regole:
♦
♦
Non posizionare il digitalizzatore troppo vicino allo schermo o a
tubi fluorescenti. Si consiglia una distanza di almento un metro.
Tenere l’apparecchio lontano da qualsiasi campo magnetico
(bottoni magnetici, braccialetti magnetici, ecc.).
Non indossare braccialetti, orologi da polso o simili durante
la digitalizzazione!
Nei pazienti senza chiusura delle labbra, il punto viene posizionato a
metà tra i contorni visibili delle labbra. Nel caso dovessero esserci
contorni doppi con un unico punto da inserire, di solito si sceglie un
punto costruito a metà tra le due linee di contorno.
Non tutti i punti hanno la stessa importanza. Visto che il piano
occlusale è importante per molte analisi, noterete che tralasciare il
punto di misurazione della cuspide distale del primo molare inferiore,
sarebbe svantaggioso per numerose analisi.
I denti vengono disegnati tra radice e punto di contatto (molari) cioè
tra radice e cuspide. È quindi possibile digitalizzare la cuspide (p. es.
approssimativa) ed immettere l’apice della radice come “mancante”.
Quindi, il dente non viene disegnato, ma viene definito il piano
occlusale.
Osservare inoltre le indicazioni riportate sul manuale del
digitalizzatore.
Capitolo 6 CADIAS®
6.4.6.4
231
Modifica dati con il digitalizzatore
I dati immessi possono essere modificati anche più avanti. Nella
finestra di analisi di CADIAS® cliccare con il pulsante destro del
mouse sulla teleradiografia da modificare e quindi cliccare su “Edit”.
È importante che l’immagine radiografica o il tracciato non siano stati
spostati dalla prima immissione sul digitalizzatore. Se questo è il
caso, bisogna nuovamente immettere il tracciato perché non è
possibile assegnare punti già esistenti a punti modificati o nuovi.
Se l’immagine o il tracciato sono già stati rimossi dal
digitalizzatore, in caso di correzione è assolutamente necessario
digitalizzare nuovamente l’intera immagine!
Procedere con l’immissione nel modo convenzionale.
232
Capitolo 6 CADIAS®
6.5
Immissioni
6.5.1
Digitalizzazione della teleradiografia
laterale
Questa immissione avviene nel modo già descritto al punto
"Immissione laterale" (6.4.6).
6.5.2
Digitalizzazione della teleradiografia
frontale
Questa immissione avviene nel modo già descritto al punto
"Immissione laterale" (6.4.6).
6.5.3
Immissione SMV (Sub-Mento-Vertex)
Questa immissione avviene nel modo già descritto al punto
"Immissione laterale" (6.4.6).
6.5.4
Immissione della guida incisale
Per questa immissione sono necessari un digitalizzatore collegato e
correttamente configurato oppure una copia della guida incisale
oppure un tracciato della scansione della superficie palatale
dell’incisivo superiore. Sul tracciato vengono misurati e segnati i
seguenti punti:
Capitolo 6 CADIAS®
233
Il punto di riferimento serve sia per rilevare il piano assio-orbitale che
per definire la scala dell’immagine digitalizzata. A tale scopo, sulla
linea segnata (parallelamente al piano assio-orbitale) sull’immagine
originale deve essere marcata una distanza di 10 mm. Quando
l’immagine viene ingrandita ed inserita, il programma riesce, senza
problemi, a determinare la dimensione reale.
I rispettivi punti sulla linea vengono segnati con trattini.
L’immissione della scansione dell’incisivo richiede l’immissione dei
punti, ma non dei contorni. Posizionare il foglio del tracciato sul
digitalizzatore nel modo indicato dalla maschera. Per l’elaborazione
sullo schermo bisogna fare attenzione all’allineamento dell’immagine
durante la scansione. Il foglio non deve essere posizionato a
perfezione, ma bisogna accertarsi che tutti i punti si trovino nel
campo di misurazione del digitalizzatore. Fissare il foglio con del
nastro adesivo. È molto importante che il foglio non si sposti durante
la procedura di digitalizzazione. Inoltre, c’è da osservare che
l’immissione di certi punti è obbligatoria (cuspide e punto di
riferimento), mentre altri non devono necessariamente essere inseriti.
Dopo la digitalizzazione di tutti i punti della scansione dell’incisivo si
potrà uscire dal programma. I dati vengono salvati automaticamente.
234
Capitolo 6 CADIAS®
6.5.5
Immissione della condilografia
Per l’immissione della condilografia sono necessari un digitalizzatore
collegato e correttamente configurato nonché i tracciati della
condilografia meccanica. Sul tracciato vengono misurati e segnati i
seguenti punti:
1.
Punto dell’asse (punto di articolazione localizzato, non deve
necessariamente essere il punto di partenza della curva).
2.
Punti sulla linea a distanze di 1 mm, 2 mm, 3 mm, 6 mm, 8 mm, 10
mm e 14 mm. Se la registrazione condilografica è più corta, i
punti mancanti vengono inseriti come mancanti.
3.
Punto di riferimento: Questo punto serve per rilevare il piano
assio-orbitale e definisce la scala dell’immagine digitalizzata. A
tale proposito bisogna segnare sulla linea marcata
dell’immagine originale (non ingrandita), una distanza di
misurazione di esattamente 10 mm in direzione orbitale. Se,
successivamente, l’immagine viene ingrandita e quindi inserita,
il programma riesce, senza problemi, a determinare la
dimensione reale.
Capitolo 6 CADIAS®
235
L’immissione della condilografia meccanica richiede l’immissione dei
punti, ma non dei contorni. Posizionare il disegno sul digitalizzatore
nel modo indicato dalla maschera. Il foglio non deve essere
posizionato a perfezione, ma bisogna accertarsi che tutti i punti si
trovino nel campo di misurazione del digitalizzatore e non siano
posizionati su uno dei campi addizionali che si trovano sul bordo
superiore del digitalizzatore. Fissare il foglio con del nastro adesivo.
È molto importante che il foglio non si sposti durante la procedura di
digitalizzazione.
Dopo la digitalizzazione di tutti i punti della condilografia, si può
uscire dal programma. I dati vengono salvati automaticamente.
6.5.5.1
Import di condilografia da CADIAX®
Un altro modo per importare una condilografia: Copiare nel
CADIAS® Manager una condilografia già esistente, registrata e
salvata con CADIAX® III oppure con CADIAX® Compact.
236
Capitolo 6 CADIAS®
Procedere nel modo seguente:
1.
2.
Nel GDSW Manager aprire l’albero dati dei pazienti.
Selezionare la condilografia del paziente desiderato.
3.
4.
5.
Cliccare sull’icona „Copia“.
Passare al CADIAS® Manager (eventualmente aprirlo).
Con il tasto sinistro del mouse premere sul contenuto del
catalogo di immissione (input catalogue) e quindi sull’icona
“Inserisci”.
6.
Dopodiché, la condilografia compare nel catalogo di immissione
sul tracciato.
Capitolo 6 CADIAS®
6.5.6
237
Immissione di valori CPM
I dati CPM determinano la posizione mandibolare tridimensionale.
Essa viene determinata dal punto condilare sinistro e destro
(posteriore) e dal punto del tavolo incisale (anteriore).
I punti condilari sono:
Dxr: lato destro avanti (-) e indietro(+)
Dxl: lato sinistro avanti (-) e indietro(+)
Dzr: lato desto in su (-) e in giù(+)
Dzl: lato sinistro in su (-) e in giù(+)
Dy: movimento laterale (+) a destra (non influenza il tracciato
laterale)
I punti del tavolo incisale sono:
Dh: modifica l’altezza dell’asta incisale più lunga(+), più corta(-)
Dl: modifica il punto dell’asta incisale in avanti(+), indietro(-)
Per creare un nuovo CPM cliccare su „CPM Input“ ... Si aprirà la
seguente finestra:
Ora si potrà digitare il titolo e modificare i valori.
238
Capitolo 6 CADIAS®
6.5.7
Immissione di un’arcata
Nel menu “Immissioni” cliccare su “Arch 2D” (Arcata
bidimensionale)... Si aprirà la finestra del digitalizzatore nella quale si
sceglie quale arcata (sup. o inf.) si desidera inserire per prima:
L’immissione avviene nel mo do già descritto al punto "Immissione
laterale" (6.4.6).
Capitolo 6 CADIAS®
6.6
239
Analisi
Le analisi CADIAS® vengono effettuate in base ai dati rilevati.
Questi dati sono salvati come valori di coordinate della misurazione.
In base a questi punti il programma calcola i valori dell’analisi che
l’utente potrà usare insieme ai tracciati.
L’oggetto di analisi CADIAS® è identico al programma di analisi e
viene automaticamente caricato insieme all’oggetto. Come salvare
l’oggetto CADIAS® nel Data Manager e come caricarlo nuovamente
è descritto in uno dei capitoli precedenti.
È possibile passare da un’analisi all’altra scegliendo la relativa
scheda:
Selezione dell’analisi richiesta.
Campo
per la rappresentazione
dell’analisi.
Selezione della
proiezione dell’analisi:
laterale, frontale oppure
Scheda dei tracciati attivata.
240
Capitolo 6 CADIAS®
Si potrà scegliere tra le seguenti schede:
Contents (Contenuti)
Visualizza analisi, immissioni, informazioni su pazienti,
la finestra di anteprima e le immissione.
Tracings (Tracciati)
Visualizzazione grafica del tracciato realizzato.
Numerical Analysis (Analisi numerica)
Visualizzazione numerica del tracciato realizzato.
Graphical Analysis (analisi grafica)
Rappresentazione grafica dei valori numerici.
Superimposition (sovrapposizione)
Selezionare due record per visualizzare una
sovrapposizione.
Slavicek Verbal Analyisi (analisi verbale Slavicek)
Analisi verbale interattiva secondo Slavicek
Incisal Pin (asta incisale)
Impostazione consigliata dell’articolatore
Individual Analysis (analisi individuale)
Questa scheda permette la composizione di analisi
individuali.
Capitolo 6 CADIAS®
6.6.1
241
Tracciati
Il tracciato è un’analisi grafica sotto forma di un disegno nel quale
vengono rappresentati graficamente i dati immessi (punti e contorni).
Inoltre, vengono segnati i valori e le linee rilevanti per l’analisi
secondo il rispettivo autore.
242
Capitolo 6 CADIAS®
6.6.1.1
Rappresentazione grafica
I valori misurati vengono rappresentati secondo un codice colore. I
colori hanno i seguenti significati:
Colore
Verde
Blu
Rosso
Significato
Deviazione inferiore a 1 deviazione standard
dalla norma individuale calcolata
Deviazione tra 1 e 2 deviazioni standard dalla
norma individuale calcolata
Deviazione superiore a 2 deviazioni standard
dalla norma individuale calcolata.
La posizione dei valori (numeri) corrisponde all’incirca ai nomi dei
valori (vedi descrizione dell’analisi e/o analisi definita dall’utente).
CADIAS® offre una serie di tracciati prestabiliti secondo determinati
autori, che possono essere richiamati in modo semplice.
Capitolo 6 CADIAS®
243
Sono disponibili diverse varianti di tracciati a seconda del tipo di
proiezione impostato (laterale, frontale o SMV).
Le analisi prestabilite sono:
Proiezione
Laterale
Frontale
SMV
Tracciato secondo autore
Slavicek
Ricketts
Frankfurt
Jarabak
Sassouni
Bergen
Björk
Steiner
Univ. Münster
Chirurgia
Progn.Kl.III
Hollman
ZMK-KFO
Arcata
Sovrapposizione arcata
Frontale
Sato
Ricketts
Svanhol
Shah/Joshi
Chebib/Chamma
Grayson
Stabrun
Krenkel
Univ. Münster
Forsberg
Naturalmente tutti i tracciati possono essere adattati alle esigenze
individuali dell’utente.
244
Capitolo 6 CADIAS®
6.6.1.2
Finestra di informazione
Per ottenere la descrizione dei singoli valori, cliccare con il tasto
destro del mouse sul relativo valore. Si aprirà subito la finestra di
informazione:
Capitolo 6 CADIAS®
6.6.2
245
Analisi numeriche
Queste analisi sono la descrizione numerica della situazione del
paziente. Il programma offre analisi programmate per ogni tipo di
radiografia (laterale, frontale, SMV).
6.6.2.1
Varianti di visualizzazione
Nell’analisi numerica i valori impostati vengono visualizzati riga per
riga. Una riga è composta dai seguenti elementi:
Nome valore: La denominazione del valore misurato.
Valore di norma: Valore statistico medio del relativo valore misurato,
che viene calcolato in base all’età e al sesso.
Valore: Il valore effettivamente misurato.
246
Capitolo 6 CADIAS®
Calcolo del trend: La differenza tra valore di norma e valore reale,
normalizzato alla deviazione standard. Il numero indica quante
deviazioni standard ci sono tra la norma ed il valore effettivamente
misurato. La direzione della deviazione viene considerata
nell’informazione del trend.
Aggiungendo un segno, il valore viene determinato più
specificatamente:
troppo grande +
troppo piccolo convesso X
concavo V
brachio-facciale B, dolico-facciale D
CADIAS® offre una serie di analisi numeriche prestabilite secondo
determinati autori, che possono essere richiamate in modo semplice e
veloce. A seconda della proiezione impostata (laterale, frontale o
SMV) sono a disposizione diverse varianti di analisi numeriche.
Le analisi predefinite sono:
Proiezione
Analisi numeriche secondo autore
Laterale
Slavicek
Ricketts 11 fattori
Ricketts 32 Faktoren
Univ. Münster
Tessuto molle Münster
Jarabak
ZMK-KFO
Bergen
Björk
Steiner
Frankfurt
Analisi arcata
Sato
Frontale
Ricketts
Svanhol/Solov
Shah & Joshi
Chebib/Chamma
Stabrun
Krenkel/Kulmer/Poisel
Simmetria Münster
SMV
Forsberg
Naturalmente tutte le analisi numeriche possono essere adattate alle
esigenze individuali.
Capitolo 6 CADIAS®
6.6.3
247
Analisi grafiche
Questa opzione permette la visualizzazione dei dati di un paziente,
dando un orientamento entro diversi campi di valore. Per ogni analisi
grafica vengono riportati i relativi valori. I valori attuali del paziente
vengono segnati da un grafico lineare. Questa versione del
programma prevede l’analisi grafica per teleradiografie laterali.
Questa opzione non può essere usata con teleradiografie frontali o
SMV.
Esempio: L’immagine mostra l’analisi grafica della relazione
scheletrica:
Anche in questo caso CADIAS® offre una serie di analisi grafiche
prestabilite.
Proiezione
Laterale
Analisi grafiche
Relazione scheletrica
Piani di occlusione
Maxilla
Mandibola
Altezza facciale inferiore
Modello di crescita
Profilo scheletrico
Posizione masc. sup./mandibola
248
Capitolo 6 CADIAS®
Breve spiegazione dei singoli termini:
•
Relazione scheletrica: Visualizza la relazione scheletrica
(retrognat. – orthognat. – prognat.).
•
Piani di occlusione: Visualizza la posizione del piano di
occlusione (inclinata - piatta) con i relativi valori.
•
Maxilla: Visualizza la posizione del mascellare (retrognath neutra – prognath)
•
Mandibola: Visualizza la posizione della mandibola (retrognat. neutra – prognat.)
•
Altezza facciale inferiore: Visualizza le caratteristiche facciali
inferiori (ridotta- neutra - elevata)
•
Modello di crescita: Visualizzazione bidimensionale del modello
di crescita (orizzontale - neutro - verticale)
•
Profilo scheletrico: Visualizza il profilo scheletrico
•
Posizione mascellare/mandibolare: Visualizza la posizione del
mascellare e della mandibola.
6.6.4
Sovrapposizione
Cliccando sulla scheda „Superimposition“ (Sovrapposizione) dopo
aver selezionato almeno due radiografie nella finestra dei contenuti,
le immagini selezionate vengono sovrapposte.
Selezione delle radiografie: Nel catalogo di immissione selezionare
l’oggetto desiderato cliccando due volte con il tasto sinistro del
mouse. Il tracciato desiderato viene segnato con un “+”.
Capitolo 6 CADIAS®
249
Cliccando sulla scheda „Superimposition“ (Sovrapposizione)
dovrebbe comparire un’immagine simile alla seguente:
Si potrà scegliere tra le seguenti analisi di sovrapposizione:
Proiezione
Laterale
Sovrapposizione
Ricketts Area 1
Ricketts Area 2
Ricketts Area 3
Ricketts Area 4
Ricketts tutte Area
Slavicek
Slavicek VTO
Arcata
Arcata Slavicek
Rapporto tessuto molle
Ricketts 4 Area
Ehmer
250
Capitolo 6 CADIAS®
6.6.5
Analisi verbale Slavicek
Questa opzione offre una descrizione verbale della situazione del
paziente. Insieme alla descrizione vengono anche visualizzati i relativi
valori. Questa analisi si differenzia dalle altre analisi. Nella parte
superiore vengono visualizzate le diagnosi formulate. Queste
possono essere selezionate cliccando con il mouse. Insieme alla
diagnosi selezionata vengono visualizzate i relativi valori misurati,
suddivisi in valori su cui si basa la diagnosi e in altri valori rilevanti
presi da altre analisi.
Se avete attivato il modo di sovrapposizione, cioè nel catalogo di
immissione della scheda dei contenuti si trovano due teleradiografie,
allora anche l’analisi verbale sarà visualizzata due volte. Lo stesso
vale se in un tracciato è stato creato un VTO e dietro viene
visualizzato il tracciato originale.
Capitolo 6 CADIAS®
6.6.6
251
Tabella dell’asta incisale
L’opzione "Incisal Pin Table" (tabella asta incisale) offre una
rappresentazione tabellare dei valori dell’asta incisale
nell’articolatore. Cambiando l’altezza facciale inferiore cambiano
anche i valori dell’altezza dell’asta incisale. Questi vengono indicati
nell’ambito ± 10 mm. Il valore di riferimento (cioè il valore di partenza)
è di 0 mm.
252
Capitolo 6 CADIAS®
6.6.7
Analisi individuale
Con un’analisi individuale, l’utente ha la possibilità di lavorare con
un’analisi perfettamente adatta alle sue esigenze.
Procedimento:
Cliccare sulla scheda „Individual Analysis“.
Con il tasto destro del mouse cliccare sul campo
ancora vuoto.
Nella finestra apertasi cliccare sulle analisi richieste e
ordinarle secondo le proprie esigenze.
Per cambiare il tipo di analisi, cliccare semplicemente
con il tasto destro del mouse sull’oggetto da cambiare.
In questo modo verrano visualizzate anche le altre
caratteristiche dell’oggetto che potranno quindi
essere cambiate.
Capitolo 6 CADIAS®
6.7
253
Il VTO (Visualized Treatment Objective)
Il concetto del VTO: Questa parte del programma permette la
pianificazione del trattamento su vari piani. Dalla radiografia si
possono elaborare i dati del paziente. Le teleradiografie frontali e
SMV non possono essere elaborate nel VTO. Tutte le immagini
permettono l’elaborazione grafica dei dati. Inoltre, si possono
cambiare i valori numerici per poter quindi effettuare la pianificazione
dei casi. Il calcolo del profilo nonché l’analisi e la simulazione della
crescità completano le numerose applicazioni del programma.
Cliccare sulla seguente icona per creare un nuovo VTO:
Dopodiché si aprirà una finestra nella quale si digita il nome del VTO:
Oppure si potrà aprire un VTO già esistente cliccando sulla seguente
icona:
e selezionando il VTO desiderato (possibilità di scelta a partire da
due VTO).
254
Capitolo 6 CADIAS®
Compare quindi il tracciato nel modo „attivo“ cioé il tracciato è
pronto per essere elaborato (linee grosse). A destra compare una
finestra di informazione che documenta i passaggi dell’elaborazione.
Per effettuare modifiche:
Con questa parte del programma si può lavorare con il mouse. Per
l’elaborazione del VTO vengono usati due tasti: il tasto sinistro del
mouse viene usato per il movimento degli oggetti, per la selezione dei
punti del menu e per la conferma dei comandi. Il tasto destro del
mouse viene usato per la rotazione degli oggetti e per visualizzare il
testo di guida.
Per muovere un oggetto, cliccare sul tasto sinistro del mouse,
lasciare premuto il tasto mentre si muove il mouse. Il movimento
riguarda l’oggetto attuale (segnato in rosso) (p.es.: un dente). Per la
rotazione di un oggetto, cliccare sul tasto destro del mouse, lasciare
premuto il tasto mentre si muove il mouse.
Per ottenere risultati più precisi, si consiglia di cliccare l’icona „curva
del trend“, di selezionare i valori da elaborare e di modificarli con la
tastiera.
Capitolo 6 CADIAS®
255
Nell’immagine sottostante la mandibola è stata girata ed il tessuto
molle è stato nuovamente calcolato (menu VTO -> Cacolo del tessuto
molle).
I valori indicati cambiano automaticamente nel momento in cui
vengono apportate delle modifiche. Se si desidera porre l’analisi
originale dietro il tracciato modificato, cliccare sull’icona “Original”.
Per disattivare il retino cliccare sull’icona a destra:
256
Capitolo 6 CADIAS®
6.7.1
Modifica valori:
I seguenti valori possono essere modificati:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Situazione scheletrica
Valori mandibolari (sagittale, verticale, rotazione, posizione della
mandibola)
Valori mascellari (sagittale, verticale, rotazione, posizione del
mascellare)
Altezza facciale inferiore
Convessità
Situazione dentale
Incisivi (mandibolari e mascellari: sagittale, verticale, rotazione,
protrusione, inclinazione)
Incisivi mandibolari
Asse condiloincisivo
Angolo interincisivo
Overbite
Overjet
Molari ( mandibolari e mascellari, sagittale, verticale, rotazione)
Piano occlusale ( sagittale, verticale, rotazione)
Menton
Incision
Inclinazione del piano occlusale rispetto al piano assio-orbitale
Inclinazione del piano occlusale rispetto al piano di Francoforte
Inclinazione del piano occlusale rispetto al piano palatale
(ANS-PNS)
Inclinazione del piano occlusale rispetto al piano di Camper
Inclinazione del piano occlusale rispetto al piano dentale
Esempio – Posizione della mandibola: Dopo aver cliccato su questo
valore, nella prima riga della finestra compare il titolo „posizione della
mandibola“. Sotto si vede la curva di distribuzione con le indicazioni
della norma, le deviazioni standard ed un mirino che indica il valore
attuale. Muovendo il mouse è possibile cambiare il valore lungo la
curva: La visualizzazione numerica mostra subito le variazioni. I
relativi valori possono inoltre anche essere immessi direttamente con
la tastiera. In ogni campo dove il cambiamento del valore può
avvenire in diversi modi, il programma chiede di specificare il tipo di
modifica.
Esempio- Altezza facciale inferiore: Qui si potrà selezionare un
valore della mandibola o del mascellare oppure una combinazione di
valori mandibolari e mascellari. Dopo l’impostazione del valore nella
Capitolo 6 CADIAS®
257
parte superiore della finestra e avendo cliccato con il tasto sinistro
del mouse comparirà una lista nella quale si potrà impostare il tipo di
cambiamento desiderato. Cliccando sull’apposito valore è possibile
modificare solo i valori mandibolari dell’altezza facciale inferiore.
6.7.1.1
I valori
Valori mandibolari, cambiamento sagittale: Questo valore si
riferisce al cambiamento del menton. La mandibola viene spostata
secondo il valore impostato. Il piano di riferimento per tutta la
pianificazione del trattamento è il piano assio-orbitale dell’originale.
Valori mandibolari, cambiamento verticale: Questo valore si
riferisce al cambiamento del menton. La mandibola viene spostata
verticalmente secondo il valore impostato. Il piano di riferimento per
tutta la pianificazione del trattamento è il piano assio-orbitale
dell’originale.
Rotazione: Anche questo valore si riferisce ai cambiamenti del
menton. La mandibola viene rotata secondo il valore impostato. Un
valore positivo comporta la rotazione in senso orario (rotazione di
apertura della mandibola), mentre un valore negativo comporta la
rotazione in senso antiorario (rotazione di chiusura della mandibola).
Il centro di rotazione si trova nel punto assiale.
Posizione della mandibola: Descrizione verbale della posizione della
mandibola. La posizione della mandibola viene calcolata in base ai
valori SNB, SND e all’angolo facciale. La posizione viene subito
analizzata e descritta.
Esistono le seguenti descrizioni:
•
•
•
•
•
neutra
retrognath
estremamente retrognath
prognath
estremamente prognath
Questo valore può essere cambiato digitando il valore desiderato.
Valori mascellari, cambiamento sagittale: Questo valore si riferisce
al cambiamento della spina nasalis anteriore. Il mascellare viene
spostato secondo il valore impostato. Il piano di riferimento per tutta
la pianificazione del trattamento è il piano assio-orbitale
dell’originale.
Valori mascellari, cambiamento verticale: Anche questo valore si
riferisce ai cambiamenti della spina nasalis anteriore. Il mascellare
viene spostato verticalmente a seconda del valore impostato. Il piano
258
Capitolo 6 CADIAS®
di riferimento per tutta la pianificazione del trattamento è il piano
assio-orbitale dell’originale.
Rotazione: Questo valore si riferisce ai cambiamenti della spina
nasalis anteriore. Il mascellare viene rotato secondo il valore
impostato. Un valore positivo comporta la rotazione in senso orario,
un valore negativo comporta la rotazione in senso antiorario. Il
centro di rotazione si trova nella spina nasalis posteriore.
Posizione del mascellare: La posizione del mascellare viene
calcolata in base al valore SNA, alla posizione mascellare e alla
profondità del mascellare. L’analisi della posizione compare nel
campo centrale. Il valore può essere cambiato mediante la tastiera.
Verrà visualizzata una delle seguenti descrizioni:
•
•
•
•
•
estremamente prognath
prognath
neutra
retrognath
estremamente retrognath
L’altezza facciale inferiore: Viene misurata tra l’asse del corpo
mandibolare ed il piano di congiunzione Xi-ANS. Nel VTO non
avviene nessun calcolo individuale. L’altezza facciale inferiore può
essere elaborata nel mascellare, nella mandibola oppure combinando
mascellare e mandibola.
Convessità: Viene misurata in millimetri la distanza orizzontale lineare
dal punto A al piano facciale nasion-pogonion. Se il punto A stà
davanti al piano facciale, il valore è positivo. Se il punto A stà dietro
il piano facciale, il valore è negativo. I cambiamenti possono essere
effettuati nel mascellare, nella mandibola oppure combinando
mascellare e mandibola. È possibile l’impostazione numerica della
convessità.
Situazione dentale: Cambiamenti sagittali degli incisivi. Questo
valore descrive i cambiamenti sagittali dell’incisivo inferiore rispetto
alla situazione di partenza. Non vengono considerati i cambiamenti
scheletrici. Vengono visualizzati i cambiamenti delle cuspidi
dell’incisivo rispetto al piano palatale-mandibolare. Lo spostamento
della base scheletrica di una mascella non comporta quindi il
cambiamento di questo valore. Solo i cambiamenti intermascellari o
intermandibolari portano al cambiamento di questo valore. Lo stesso
vale per i cambiamenti verticali.
Cambiamenti verticali: Questo valore descrive i cambiamenti
verticali dell’incisivo inferiore o superiore rispetto alla situazione di
partenza. Non vengono considerati i cambiamenti scheletrici.
Capitolo 6 CADIAS®
259
Rotazione: Questo valore descrive la rotazione dell’incisivo inferiore
rispetto alla situazione di partenza. Non vengono considerate le
rotazioni della mascella intera.
Protrusione del primo inferiore: La protrusione dell’incisivo
inferiore si misura con la distanza tra la cuspide dell’incisivo e il
piano APG (piano dentale).
Protrusione del primo superiore: La protrusione dell’incisivo
superiore si misura con la distanza tra la cuspide dell’incisivo e il
piano APG.
Inclinazione dell’incisivo inferiore: L’inclinazione dell’incisivo
inferiore si misura con l’angolo formato dall’incontro dell’asse
longitudinale dell’incisivo inferiore e del piano APG; lo stesso vale
per l’incisivo superiore.
Asse condiloincisivo: Questo valore descrive la posizione
dell’incisivo inferiore rispetto al punto assiale. Viene misurato
l’angolo formato dall’incontro tra l’asse longitudinale dell’incisivo
inferiore e del piano di congiunzione tra cuspide dell’incisivo
inferiore e punto assiale.
Angolo interincisivo: L’angolo interincisivo è l’angolo formato
dall’incontro degli assi longitudinale dell’incisivo superiore e di
quello inferiore. È possibile modificare l’incisivo inferiore o l’incisivo
superiore oppure entrambi.
Overbite: Viene misurata la distanza dei bordi degli incisivi
perpendicolarmente al piano occlusale. La correzione dell’overbite
può avvenire sia nel mascellare che nella mandibola oppure in tutti e
due.
Overjet: Viene misurata la distanza dei bordi degli incisivi lungo il
piano occlusale. La correzione dell’overjet può avvenire sia nel
mascellare che nella mandibola oppure in tutti e due.
Molari: È possibile il cambiamento sagittale e verticale nonché la
rotazione dei molari sia nel mascellare che nella mandibola.
Cambiamenti sagittali di entrambi: Questo valore descrive i
cambiamenti sagittali del primo molare rispetto alla situazione di
partenza. Non vengono considerati i cambiamenti scheletrici. Qui
vale lo stesso come per l’incisivo inferiore. I cambiamenti si
riferiscono sempre alla base della mascella cioè nel mascellare si
riferiscono al piano palatale, mentre nella mandibola si riferiscono al
piano mandibolare.
Cambiamenti verticali: Questo valore descrive i cambiamenti
verticali del primo molare rispetto alla situazione di partenza. Non
vengono presi in considerazione i cambiamenti scheletrici. Vale la
260
Capitolo 6 CADIAS®
stessa cose come per lo spostamento sagittale, nell’apice distale
della radice.
Elaborazione, espansione: Qui si possono effettuare espansioni
riguardanti la mandibola ed il mascellare. L’espansione o la
compressione aviene nei relativi segmenti. I cambiamenti dell’arcata
avvengono come proiezione sul piano occlusale.
Estrazioni: Possono essere estratti i denti 4, 5, 6 sia nel mascellare a
destra e a sinistra che nella mandibola a destra e a sinistra. Per
queste estrazioni non esiste un testo di guida.
Elaborazione del piano occlusale: La distanza del piano occlusale
menton - incision: Viene misurata la distanza della cuspide del primo
inferiore al menton.
Inclinazione del piano occlusale rispetto al piano assio-orbitale:
Descrive la posizione tridimensionale del piano occlusale. Viene
calcolato l’angolo rispetto al piano assio-orbitale. Si possono
eseguire le seguenti elaborazioni:
Rotazione della mandibola intorno al punto assiale
Rotazione degli inferiori intorno al primo
Rotazione degli inferiori intorno al sesto
Piano occlusale rispetto al piano di Francoforte: Viene calcolato
l’angolo rispetto al piano di Francoforte. Si possono eseguire le
seguenti elaborazioni:
Rotazione della mandibola intorno al punto assiale
Rotazione degli inferiori intorno al primo
Rotazione degli inferiori intorno al sesto
Inclinazione del piano occlusale rispetto al piano palatale
(ANS-PNS): Descrizione della posizione tridimensionale del piano
occlusale. Viene calcolato l’angolo rispetto al piano palatale. Si
possono eseguire le stesse elaborazioni: mascellare, primo inferiore,
sesto inferiore.
Inclinazione del piano occlusale rispetto al piano di Camper:
Descrizione della posizione tridimensionale del piano occlusale.
Viene calcolato l’angolo rispetto al piano di Camper. Elaborazioni
come sopra.
Piano occlusale rispetto al piano facciale: Descrizione della
posizione tridimensionale del piano occlusale. Viene calcolato
l’angolo rispetto al piano facciale. Si possono eseguire le seguenti
elaborazioni:
Rotazione della mandibola intorno al primo
Rotazione degli inferiori intorno al sesto
Capitolo 6 CADIAS®
6.7.2
261
Conversione in IVP (posizione verticale
ideale)
Cliccando su „Conversione in IVP“ nel menu VTO compare una
finestra nella quale si potrà inserire, mediante la tastiera, un nuovo
valore per l’altezza facciale inferiore. Nella versione standard il
programma calcola il valore “ideale” dell’altezza facciale inferiore.
Nella finestra di immissione, questo valore viene sempre visualizzato
come valore di partenza. Quindi, il programma converte l’insieme dei
dati nella nuova posizione verticale ideale (IVP). Questa funzione è
solo disponibile per i record laterali. L’intero record può essere
salvato.
6.7.3
Conversione in RKP (posizione di
contatto retrale)
Per poter convertire in RKP, bisogna prima creare oppure copiare dal
GDSW Manager un CPM realizzato con CADIAX®. Cliccare quindi
nel menu VTO su “conversione in RKP”...
262
Capitolo 6 CADIAS®
6.8
Stampa
La funzione di stampa viene attivata con l’opzione di menu File/
Print (File/Stampa) oppure con l’usuale icona “stampa” nella barra
degli strumenti.
Il tracciato attualmente visualizzato sullo schermo viene stampato
dalla stampante impostata in Windows. Oltre alle informazioni
visualizzate sullo schermo, sulla stampa sono riportati anche i dati
individuali del paziente (nome, data di nascita…):
Capitolo 6 CADIAS®
Annotazioni:
263
264
Capitolo 6 CADIAS®
Annotazioni:
Appendice A. Bibliografia
Slavicek R.
„Axiographie“
Zschr. Proth. Zahnheilkunde, Heft 7, Quintessenz
VerlagsgesmbH, Berlin 1980
Slavicek R.
„Clinical and instrumental functional analysis for
diagnosis and treatment“
Part 8: Case studies in CADIAX
J.Clinc.Orthod. 23 (1) 42-7, Jan. 1989
Slavicek R.
“Clinical and instrumental functional analysis for
Diagnosis and Treatment Planning” Part 1
JCO Interviews, Japan
Slavicek R., Tuppy F.K., Fuhr H.-J., Kubota M.,Akimoto S., Sato S.
„The CADIAX® System of Electronical Axiography
for Diagnosis of Temporomandibular Joint
Dysfunction: Uses, Features, AccuracyA Short Overview“
Bull of Kanagawa Dent Col Vol 19/ 2,163-169. 1991
Tuppy F., Celar A., Celar R., Jäger W.
„Der elektronische mandibulare Positionsindikator
als Methode zur Erfassung der Reproduzierbarkeit
von Kondylenpositionierung
im Rahmen der elektronischen Axiographie“
Zschr.f.Stomatol. 88/4; 177-181, 1991
Slavicek R., Piehslinger E., Celar A., Celar R.
„Computerized Axiography: Principles and
Methods“
Journal of Craniomandibular Practice, Vol.9, No.4,
October 1991
266
Appendice A: Bibliografia
Slavicek R., Bigenzahn W., Piehslinger E.
„Computerized Axiography for Functional
Diagnosis of Orofacial Dysfunctions“
Folia Phoniatrica, Karger Verlag Basel,
43:275-281, 1991
Slavicek R., Piehslinger E., Babka A., Wegscheider A.
„Elektronische Axiographie zur standardisierten
Diagnostik der Kiefergelenksbewegungen“
Inform.aus Orthod.u.Kieferorthop., Dr. Hüthig Verlag
München, Heft 2, 205-220, 1992
Slavicek R., Celar A., Celar R., Piehslinger E.
„Die Bestimmung und Analyse der Länge der
Protrusionsbahn mit Hilfe der elektronischen
Axiographie“
Zschr.f.Stomatol., Springer Verlag Wien, 89/3, 119-127,
1992
Slavicek R., Piehslinger E., Celar A., Celar R.
„Elektronische Axiographie – Prinzip und
Methodik“
Zschr.f.Stomatol. 89/4:199-218, 1992
Slavicek R., Piehslinger E., Sengsbratl M., Celar R., Gsellmann B.
„Die Resilienz der Kiefergelenke mit Hilfe der
elektonischen Axiographie –
Ein Vergleich zwischen symptomatischen und
asymptomatischen Personen“
Inform.aus Orthod.u.Kieferorthop., Dr.Hüthig Verlag,
München, Heft 2, 231-237, 1993
Murai S.
„A Study of the Rotatory and Translatory
Components of Condylar Movement Normal and
Malocclusion Subjects“
Dept. of Orthodontics Kanagawa Dental College, 27-4,
465-479, 1993
Appendice A: Bibliografia
267
Slavicek R., Gsellmann B., Piehslinger E., Schmid-Schwap M.
„Das Prinzip der schließachsengerechten
dentoalveolären Ausrichtung
der Regio interforaminalis mandibulae“
Inform.aus Orthodont.u.Kieferorthopädie Dr. Hüthig
Verlag, Heidelberg 293-296, 3, 1993
Slavicek R., Piehslinger E., Schimmerl S., Celar R., Traxler M., Imhof
H.
„Gegenüberstellung von Magnetresonanztomographie und elektronischer Axiographie in der
Kiefergelenksdiagnostik“ 4/93
Slavicek R., Piehslinger E., Ulm C., Horejs T., Celar R.
„Elektronische Axiographie am Phantom
Eine experimentelle Kontrolle des Meßsystems“
Zschr.f.Stomatol. 90/9:481-488, 1993
Slavicek R., Gsellmann B., Piehslinger E., Schmid-Schwap M.
„Vergleich der Kiefergelenksbahnlängen dreier
Subpopulationen mittels elektronischer
Axiographie“
Zschr.f.Stomatol., Springer Verlag Wien, 90:111118,1993
Piehslinger E., Celar A., Futter K., Slavicek R.
„Orthopedic Jaw Movement Observations. Part I:
Determination and Analysis of the Length of
Protrusion“
Journal of Craniomandibular Practice 1993
Slavicek R., Piehslinger E., Babka A., Permann R.
„Elektronische Axiographie zur objektiven
Erfolgsbeurteilung der Therapie mit
Aufbißbehelfen“
Dtsch.Zahnärzt.Z. 49, 10, 770-773, 1994
Piehslinger E., Celar A., Schmid-Schwap M., Slavicek R.
„Orthopedic Jaw Movement Observations. Part III.
The Quantitation of Mediotrusion“
Journal of Craniomandibular Practice. 1994
268
Appendice A: Bibliografia
Slavicek R., Piehslinger E., Gsellmann B., Lukas R., Smutny S.
„Retrale Stabilität des Temporomandibulargelenkes
im Vergleich zu Palpationsbefunden des
M.pterygoideus lat. und des M.masseter“
Zschr.f.Stomatol. 2, 91/2, 53-61, 1994
Gsellmann B., Ovando-Castro D., Wegscheider W., Ulm Ch., Schedai
R.:
„Determinierung von Okkusionskonzepten durch
die sog. „Funktionelle Teilungsebene“
Inf.aus Orthod.u.Kieferorthop., 353-358, Dr.A.Hüthig
Verlag, 3/1994
Sato S., Fushima K., Suzuki Y., Kashima I.
„Horizontal Condylar Path in Patients with Disk
Displacement with Reduction“
Journal of Craniomandibular Practice, Vol. 12, No. 2,
April 1994
Yamada K., Fukui T., Satou Y., Ishii K., Morita S., Hanada K.
„CADIAX“ Changes of condylar movement after
correction of anterior teeth with malalignment in
young patients, An analysis by CADIAX®
Dept. of Orthodontics, School of Dentistry, Niigata
University, 53(1) :105-114, 1994
Spiekermann H., Augthun M., Müller-Leisse C., Bauer W.
„Klinische, axiographische und MRTUntersuchungen bei Patienten mit
Diskusvorverlagerung ohne Repostion“
Dtsch.Zahnärztl.Z. 49,7, 529-532,1994
Slavicek R., Piehslinger E., Celar R., Horejs Th.
„Recording Orthopedic Jaw Movements. Part IV:
The Rotational Component During Mastication“
Journal of Craniomandibular Practice, Vol.12, No.3
July 1994
Tuppy F., Celar A., Celar R., Piehslinger E.
„The Reproducibility of Condylar Hinge Axis
Positions in Patients, by Different Operators, Using
the Electronic Mandibular Position Indicator“
J.Orofacail Pain, 8: 315-319,1994
Appendice A: Bibliografia
269
Bigenzahn W., Celar A., Piehslinger E., Slavicek R.
„The effect of Occlusal Splint Therapy on Different
CurveParameters of Axiographic TMJ Tracings“
Journal of Craniomandibular Practice 1995
Celar A., Piehslinger E., Schimmerl S., Crowley C., Imhof H.
„Comparison of magnetic resonance tomography
with computerized axiography in diagnosis of
temporomandibular joint disorders“
Int.J.Oral Maxillofac. Surg. 24: 13-19, 1995
Dumfahr H., Kulmer S., Miller D.
„Mechanische und elektronische Axiographie –
Ein Methodenvergleich“
Zsch.f.Orthodontie und Kieferorthopädie, 27.Jg., Nr.1,
1995
Celar R., Fürhauser R., Piehslinger E.
„Elektronische Axiographie – Interpretation“
Zschr.f.Stomatologie, Springer Verlag 92/1: 39-49, 1995
Slavicek R., Matsumoto A., Celar R., Celar A., Sato S., Suzuki Y.
„An Analysis of Hinge Axis Translation and
Rotation During Opening and Closing in Dentulous
and Edentulous Subjects“
Journal of Craniomandibular Practice, 8/1995
Wöstmann B., Wegener H., Cousin J., Balkenhol M.
„Zur Meßgenauigkeit elektronischer
Registriersysteme“
Dtsch.Zahnärztl.Z. 50, 7, 544-546, 1995
Gsellmann B., Moritz A., Celar A., Slavicek G., Traxler
„Axiographic Diagnosis Using Orthopedic –
Functional Individual Analysis“
The Journal of Gnathology Vol. 15, No. 1, 1996
Piehslinger E., Bauer W., Schiefersteiner E., Schmiedmayer H.-B.,
Lugner P.
„Der okklusale Fehler bei arbiträrer Montage von
Oberkiefermodellen in Abhängigkeit von der Höhe
des zentrischen Registrates“
Zschr.f.Stomatol., 93/1, 23-28, 1996
270
Appendice A: Bibliografia
Celar A., Schiefersteiner E., Fürhauser R., Slavicek G.
„Die Referenzebene der Axiographie im lateralen
Fernröntgenbild“
Zschr.f.Stomatol. 93/8,387-390,1996
„Evaluation of the reference plane of computerized
axiography by the lateral cephalometric
radiograph“
Zschr.f.Stomatol. 93, 487, 1996
Celar A., Kubota M., Akimoto S., Sato S., Slavicek R., Hennebichler
E.
„Inclines of Occlusal Guidance, Wear Facets, and
Hinge Axis Path Considering Sequential Guidance
with Canine Dominance“
Bull.of Kanagawa Dental College, Vol.25, No.1, 3-9,
1997
Celar A., Tamaki K.
„Erstversuch der computerisierten Aufstellung von
Unterkiefertotalprothesenn mit definierten Zähnen“
Zschr.f.Stomatol. 94/5: 239-243, 1997
Undt G., Kermer C., Piehslinger E., Rasse M.
„Treatment of recurrent mandibular dislocation,
part I: Leclerc blocking procedure“
Int.J.Oral Maxillofac.Surg. 26: 92-97, 1997
Tamaki K., Celar A., Beyrer St., Aoki H.
„Reproduction of excursive tooth contact in an
articulator with computerized axiography data“
J. Prosthet. Dent. 78(4): 373-8, Oct. 1997
Ueki M., Asanuma N., Okamura T., Koide K., Hatate S.
„Measuring accuracy of CADIAX® on sagittal
movement“
Dept.of Removable Partial Denture, School of
Dentistry at Niigata, Nippon
Dental University Japan
Appendice A: Bibliografia
271
Matsumoto A.
„An Analysis of Condylar Pathway on Medial
Excursion Using Computerized Axiograph“
Dept.of Orthodontics, Kanagawa Dental College,
Japan
Slavicek R., Gsellmann B., Schmid-Schwap M., Piehslinger E.
„Lengths of condylar pathways measured with
computerized axiography CADIAX® and occlusal
index in patients and volunteers“
Journal of Oral Rehabilitation 25: 146-152, 1998
Piehslinger E., Celar A., Metz-Schimmerl S., Sengstbratl M.,
Frühwirth T. und Themistocleous X.
„Protrusiver Aufbißbehelf: MRT-Verifizierung der
axiographisch bestimmten therapeutischen
Unterkieferposition mit Fallbeispiel“
Zschr.f.Stomatol., 95/7: 347-353, 1998
Tamaki K., Yoshino T., Celar A., Freudenthaler J.W., Slavicek R.,
Sato S.
„A Cephalometric Study of the Compensation for the
Skeletal Pattern of Dentulous Subjects“
Bull.of Kanagawa Dental College, Vol. 27, No.1, 8-12,
1999
Laplanche O., Giraudeau A.
„Enregistrements des déplacements condyliens“
Occlusodontie pratique. Orthlieb J.-D., Brocard D.,
Schittly J., Manierre-Ezvan A., CNO, Editions CdP,
117-128, 2000
Slavicek R., Piehslinger E., Horejs T., Celar R.
„Der transversale Versatz der Kondylen bei
Protrusion und Retrusion“
Zschr.f.Stomatol., Springer Verlag, Wien, 89/1: 9-19,
1992
Bauer W., Augthun M., Wehrbein H., Müller-Leisse C., Diedrich P.
„Aufbißschienentherapie bei reziprokem
Kiefergelenkknacken. Kritische Beurteilung im
Rahmen einer Nachuntersuchung“
Fortschr.Kieferorthop. 53, Urban&Vogel, 108-118, Nr.3,
1992
272
Appendice A: Bibliografia
Slavicek R., Piehslinger E., Horejs T., Celar A., Celar R.
„Die rotatorische Kapazität der Mandibula“
Zschr.f.Stomatol., Springer Verlag Wien, 90/1: 9-17,
1993
Slavicek R., Piehslinger E., Celar A., Futter K.
„Orthopedic Jaw Movement Observations.
Part I: Determination and Analysis of the Length of
Protrusion“
Journal of Craniomandibular Practice, Vo l.11, No.2.,
April 1993
Slavicek R., Piehslinger E., Celar A., Celar R., Jäger W.
„Reproducibility of the Condylar Reference
Position“
Journal of Orofacial Pain, Vol.7, No.1, 68-75, 1993
Ehmer U., Wegener A.
„Zur Validität von Asymmetriegraden
computerunterstützter Analysen der
Fernröntgenfrontalaufnahme“
Fortschr.Kieferorthop. 54, Nr.3, 134-142, 1993
Slavicek R., Piehslinger E., Celar R., Horejs T.
„Orthopedic Jaw Movement Observations.
Part II: The Rotational Capacity of the Mandible“
Journal of Craniomandibular Practice, Vol.11, No.3,
July 1993
Bigenzahn W., Piehslinger E.
„Axiographische Funktionsdiagnostik bei
orofazialen Dysfunktionen“
Zentralblatt Hals -Nasen-Ohrenheilkunde-Plastische
Chirurgie an Kopf und Hals. Springer Verlag, 143: 571616, 1993
Slavicek R., Piehslinger E., Samini S., Siejeka E.
„Akupunktur bei myofunktionellen
Kiefergelenksbeschwerden“
Zschr.f.Stomatol., Springer Verlag Wien, 91/5: 233-238,
1994
Appendice A: Bibliografia
273
Slavicek R., Piehslinger E., Celar A., Schmid-Schwap M.
„Orthopedic Jaw Movement Observations. Part
III:The Quantitation of Mediotrusion“
Journal of Craniomandibular Practice, Vol. 12, No.1,
January 1994
Slavicek R., Piehslinger E., Celar A., Celar R.
„Orthopedic Jaw Movement Observations. Part V:
Transversal Condylar Shift in Protrusive and
Retrusive Movement“
Journal of Craniomandibular Practice, Vol. 12, No.4,
October 1994
Slavicek R., Piehslinger E., Gsellmann B., Lukas R., Smutny S.
„Retrale Stabilität des Temporomandibulargelenkes
im Vergleich zu Palpationsbefunden des
M.pterygoideus lat. und des M.masseter“
Zschr.f.Stomatol., Springer-Verlag Wien, 91/2: 53-61,
1994
Slavicek R., Gsellmann B., Piehslinger E., Lukas R., Smutny S.
„Die Mobilität des Kiefergelenkes in Korrelation zur
Flexibilität des allgemeinen Bandapparates“
Zschr.f.Stomatol., Springer Verlag, Wien, 91/3: 103-108,
1994
Piehslinger E., Tuppy F., Celar R., Celar A.
„The Resproducibility of Condylar Hinge Axis
Positions in Patients, by Different Operators, Using
the Electronic Mandibular Position Indicator“
Journal of Orofacial Pain, Vol.8, No.3, 315-319, 1994
Slavicek R., Bigenzahn W., Piehslinger E., Celar A.
„The Effect of Occlusal Splint Therapy on Different
Curve Parameters of Axiographic TMJ Tracings“
Journal of Craniomandibular Practice, Dec. 1994
Bauer W., Augthun M., Wehrbein H., Müller-Leisse C., Diedrich P.
„Diagnostik und kieferorthopädische Relevanz der
anterioren Diskusverlagerung ohne Reposition“
Fortschr.d.Kieferorthop. 55, Urban &Vogel, 21-27,
Nr.1, 1994
274
Appendice A: Bibliografia
Grunert I., Dumfahrt H., Niedermoser A., Kulmer S., Falk M.
„Analyse der funktionellen Determinanten des
Kauorgans in der Sagittalebene bei verschiedenen
Altersgruppen“
Inform.f.Orthod.u.Kieferorthop., Jg.27, Nr.1, 1995
Dumfahrt H., Kulmer S., Schaden G.
„Untersuchung der individuellen Frontzahnführung.
Ein Methodenvergleich“
Inform.f.Orthod.u.Kieferorthop., Jg27, Nr.1, 1995
Piehslinger E., Sengstbratl M., Babka A., Schmid-Schwap M.,
Fürhauser R.
„Horizontale Kondylenbahnneigung bei
funktionelle Bewegungen und bei Grenzbewegungen
des Unterkiefers. Eine axiographische
Untersuchung.“
Zschr.f.Stomatol. Springer Verlag Wien, 92/5:225-232,
1995
Piehslinger E., Schimmerl S., Celar A., Crowley C., Imhof H.
„Comparison of magnetic resonance tomography
with computerized axiography in diagnosis of
temporomandibular
joint disorders“
Int. J. Oral Maxillofac. Surg. 24: 13-19, 1995
Lugner P., Schieferstein E., Piehslinger E., Bauer W., Schmiedmayer
H.-B.
„Der okkusale Fehler bei arbiträrer Montage von
Oberkiefermodellen inAbhängigkeit von der Höhe
des zentrischen Registrates“
Zschr.f.Stomatol., Springer Verlag Wien, 93/1: 23-28,
1996
Appendice A: Bibliografia
Annotazioni:
275
276
Appendice A: Bibliografia
Annotazioni:
Appendice B. Conversione dati
Conversione dati da Gamma Dental Software® per DOS.
Installando il Gamma Dental Software® per Windows, sul vostro
sistema verrà anche installato un programma di conversione che vi
permette di convertire i dati usati nel programma DOS in formato
Windows.
Possono essere convertiti tutti i dati del programma DOS.
Durante l’installazione, al gruppo di programmi da voi scelto viene
aggiunta l’icona per l’avvio del programma di conversione
(standard: „Gamma Dental Software®“).
Prima di avviare il programma di conversione bisogna decidere in
quale directory si desidera salvare i dati per la versione Windows. Se
necessario, creare una nuova directory.
278
Appendice B: Conversione dati
Successivamente all’avvio della routine di conversione, comp are una
finestra con le seguenti opzioni:
Percorso di
destinazione
Percorso di origine
Formato banca
dati
Origine:
Cliccando sul pulsante „Browse...“ si aprirà una finestra di dialogo
dove si potrà specificare l’unità e la directory nella quale sono salvati
i dati in versione DOS. È anche possibile scegliere una directory in
un’unità di rete. Dopo aver specificato la directory, cliccare sul
pulsante “OK”. Quindi, la finestra di dialogo si chiude e il percorso
scelto viene inserito nella casella del percorso di origine.
Appendice B: Conversione dati 279
Destinazione:
Quindi, procedendo in modo analogo, cliccare sul pulsante
„Browse...“ e specificare la directory nella quale si desidera salvare i
dati convertiti.
Formato banca dati:
Nella versione Windows del Gamma Dental Software® è possibile
scegliere tra due formati della banca dati. Da un lato c’è la possibilità
di un formato basato su file (ogni paziente viene salvato in un file
separato) e dall’altro c’è il formato banca dati Btrieve, che noi
consigliamo perché è molto più veloce.
Dopo l’impostazione è possibile iniziare con la conversione dei dati
cliccando sul pulsante “Convert”. Si aprirà una finestra di
avanzamento che vi informerà sull’andamento della procedura di
conversione.
È possibile l’interruzione precoce della procedura cliccando sul
pulsante „Cancel“. Ciò comporta però una compilazione indefinita dei
dati nella directory di destinazione. In questo caso sarebbe prima
necessario cancellare i dati parzialmente creati, dopodiché la
procedura potrà nuovamente essere avviata.
Dopo la conversione di tutti i dati, la finestra di avanzamento si
chiude automaticamente e compare la finestra di prima. Ora si può
continuare con la conversione di altri record oppure si esce dal
programma cliccando sul pulsante „Done“.
Per vedere i dati appena convertiti, avviare il Gamma Dental
Software®, scegliere „Open Data“, specificare il formato dati della
conversione, scegliere la relativa directory e cliccare su „OK“.
280
Appendice B: Conversione dati
Annotazioni:
Appendice C. Stall Factor
Lo Stall Factor (fattore di velocità) si usa mentre facendo la
registrazione con CADIAX® III e II per dare sufficientemente tempo
al convertitore, il quale è operato dal computer, di eseguire
corretamente la conversione dall`analogo al digitale.
Lo Stall Factor può essere fissato fra 0 e 100.
Lo Stall Factor si deve cambiare se uno dei seguenti problemi avviene
durante la registrazione con CADIAX® III oppure II:
•
Se malgrado alla correta hardware viene un segnale di errore
nella hardware mentre lo start del CADIAX® recorder. Una
registrazione non è possible in questo caso.
•
Se le 4,5 respettivamente 9 secondi della registrazione durano
molto più lungo.
•
Se non si poù accendere il CADIAX® recorder.
•
Oppure se la registrazione mostra sulla croce dell’assi invece di
un punto piccolo un punto grande indistinto, anche se Lei non
ha fatto nessun movimento.
282
Appendice C: Stall Factor
Esempio 1:
Registrazione con Stall Factor
non corretamente fissato.
Esempio 2:
Registrazione con Stall Factor
corretamente fissato.
Appendice C: Stall Factor 283
I cambiamenti dello Stall Factor si pregha di farli attraverso il system
control program come descritto nel capitolo 4.1 “CADIAX® driver
per Windows”.
Si pregha di fare attenzione di scegliere il fattore il più possible piccolo
per ottenere una registrazione di qualità ottimale.
284
Appendice C: Stall Factor
Annotazioni:

Documenti analoghi