capp. 19 - badwila.net

Commenti

Transcript

capp. 19 - badwila.net
Muhammad Husayn Haykal (Mansoura 20 agosto 20 1888 – Cairo 8 dicembre 1956), “Al Farouq Umar” (Cairo 1944 45, capp. 19 - 22).
Dopo
la battaglia dello Yermuk, quando l'esercito
musulmano sotto la guida di Abu Ubaida e Khalid si
mosse per il nord della Siria, dei contingenti musulmani
sotto Amr bin Al Ass e Shurahbil rimasero stazionati nel
settore meridionale della regione che comprende
Giordania e Palestina.
Resosi conto che il grosso dell'esercito musulmano si era
allontanato, Artabun il Governatore bizantino radunò una
grande armata a Ajnadin per spingere i musulmani
lontano dalla Siria. La battaglia di Ajnadin, verso la fine
del 636, fu molto cruenta e sanguinosa. Entrambi gli
schieramenti combatterono coraggiosamente ma alla fine
i bizantini furono sconfitti; Artabun dopo la pesante
disfatta fuggì a Gerusalemme con quello che restava del
suo esercito.
Dopo la vittoria di Ajnadin le forze musulmane
dilagarono in tutta la Giordania ed in Palestina. Le città
di Sabtah, Gaza, Nablus, Bait-Jibrin, e molte altre città,
vennero prese una dopo l'altra. Ciò aprì la strada per
Gerusalemme.
Gerusalemme, sacra agli Ebrei e ai cristiani, era ben
fortificata; era protetta su ogni lato da valli profonde e
pareti scoscese. Macchine da guerra erano già montate
sulle mura in previsione di dover respingere l'invasione
che avanzava. Era la stagione fredda e la rigidità
dell'inverno, per le forze musulmane, si aggiunse alle
difficoltà dell'assedio. Questo si protrasse a lungo e i
bizantini opposero una tenace resistenza.
Amr b Al Aas, comandante musulmano nel settore
meridionale, scrisse ad Abu Ubaida per chiedere rinforzi.
In quel momento tutta la Siria del nord era caduta in mano mussulmana ed Abu Ubaida aveva a disposizione molti
contingenti, che poté inviare in aiuto alle truppe nel settore meridionale. Quando i cittadini di Gerusalemme seppero dei
rinforzi che giungevano in aiuto agli assedianti persero il coraggio. Trovando inutile una ulteriore resistenza il Patriarca
di Gerusalemme, Sofronio detto il Sofista, decise di trattare per la pace. Quindi proclamò che, come era scritto nei loro
libri sacri, la città si sarebbe arresa all'uomo che era il migliore fra i musulmani. Chiese quindi che 'Umar in persona si
fosse recato a Gerusalemme per ricevere la resa della città.
Abu Ubaida riferì la richiesta a 'Umar, a Medina, e questi convocò la riunione del suo consiglio consultivo; Othman
ritenne che non fosse necessario che il Califfo si muovesse, e che i bizantini sconfitti si sarebbero alla fine arresi. Ali
disse che Gerusalemme era altrettanto sacra ai musulmani come gli Ebrei e ai cristiani, e quindi in considerazione della
santità del luogo era auspicabile che la sua resa fosse ricevuta ricevuta dal Califfo in persona. 'Umar decise infine di
accettare il consiglio di Ali.
Dopo aver lasciato Ali come suo vice a Medina, 'Umar partì per Gerusalemme. Non fu accompagnato da alcuna scorta
ma solo da uno schiavo, ed entrambi ebbero solo solo un cammello su cui compiere l'intero viaggio. Giunti in vicinanza
di Jabia, dove i comandanti musulmani avrebbero incontrato 'Umar, fu il momento che lo schiavo dovesse andare a
piedi. Lo schiavo fece si che fosse il Califfo a condurre l'animale, ma 'Umar rifiutò. Quindi una volta giunti a Jabia tutti
poterono vedere lo spettacolo, insolito, dello schiavo che viaggiava in groppa al cammello mentre il Califfo camminava
a piedi.
A Jabia tutti i Comandanti incontrarono 'Umar. Abu Ubaida era vestito in abiti semplici ed 'Umar fu molto contento di
incontrarlo. Yazid b. Abu Sufiyan, Khalid bin Walid ed altri comandanti invece vestivano abiti sontuosi ma 'Umar
espresse il suo dispiacere di fronte al loro vestiario sfarzoso. Abu Ubaida spiegò quindi in dettaglio la situazione in
Siria; spiegò come, con la grazia di Dio, i musulmani avevano potuto rovesciare il forte governo bizantino della regione.
Dopo che 'Umar vide i campi rigogliosi, i frutteti e gli edifici maestosi della Siria, fu molto commosso e recitò dal Santo
Quran:
"In molti hanno lasciato un giardino, una fontana, un parco, un'armatura e le ricchezze che piacevano. Così è che oggi
poniamo un'altra comunità nel possesso di tutto ciò".
Una deputazione da Gerusalemme incontrò 'Umar a Jabia e in quell'occasione venne stilato un trattato. Secondo quanto
stabilito sarebbero state garantite la sicurezza di vita e la proprietà a tutti i cittadini di Gerusalemme. La sicurezza delle
chiese e degli altri edifici e dei luoghi religiosi; ai cittadini venne richiesto di pagare la Jizya; a chiunque non avesse
gradito dover dare la fedeltà ai musulmani venne garantita la possibilità di lasciare la città.
Dopo la stipula del trattato 'Umar decise di recarsi a Gerusalemme. Di nuovo viaggiò in maniera semplice come un
viaggiatore ordinario; non gli fu sofferta alcuna guardia per accompagnarlo, ma viaggiò su un cavallo semplice e rifiutò
di cambiarlo per una cavalcatura migliore.
Alle porte di Gerusalemme, 'Umar venne salutato dal Patriarca, dai notabili della città e dai comandanti musulmani; ma
mentre tutti coloro che erano venuti riceverlo indossavano vesti sfarzose, 'Umar portava una tunica di panno rozzo,
come l'avrebbe indossata un arabo medio. Quando lo consigliarono di indossare un vestito migliore, più conveniente
all'occasione ufficiale, 'Umar respinse il suggerimento affermando che la sua forza ed il suo stato derivavano dalla sua
fede nell'islam, e non dal vestito indossato. Quando il Patriarca di Gerusalemme poté vedere la semplicità ascetica del
Califfo dell'islam, e dopo aver guardato il suo vestito sfarzoso, disse: "veramente l'islam brilla su tutte le altre
religioni".
Il Patriarca cedette le chiavi della città a 'Umar e così i musulmani erano ora i padroni di Gerusalemme; ciò fu un
omaggio speciale a Dio da parte dei musulmani. Quando 'Umar entrò in città venne salutato dai cittadini con il grande
entusiasmo; quindi chiese di essere condotto in un luogo dove avrebbe potuto offrire la preghiera di ringraziamento a
Dio. Venne quindi condotto in una Chiesa ma rifiutò di pregare lì, spiegando che ciò sarebbe divenuto un precedente per
i musulmani delle generazioni seguenti, e che costoro avrebbero voluto convertire, con la forza, le chiese in moschee.
Quindi venne condotto nel luogo dove il profeta David usava pregare [il Monte del Tempio]: qui 'Umar offrì delle
preghiere speciali di ringraziamento e tutti i musulmani si unirono a lui. Poiché i bizantini vedevano i musulmani
pregare, ritennero che tali persone, così ubbidienti a Dio, erano degne di comandare, e il Patriarca stesso disse che a lui
non dispiaceva che la città si fosse consegnata poiché si era consegnata alle persone migliori.
'Umar rimase a Gerusalemme per pochi giorni; riorganizzò l'amministrazione e diede le disposizioni necessarie per
rispondere ai bisogni dei cittadini. Egli fondò una moschea in un luogo elevato della città, e questa moschea, in seguito,
è rimasta nota a tutti come la Moschea di 'Umar.
Al momento dell'inaugurazione venne chiesto a Bilal (Abu ʿAbd Allah Bilal ibn Rabah al-Habashi, circa 580 - circa
642, noto Ibn Hamāma, dal nome della madre, forse una schiava di Mecca, fu Compagno e il primo muezzin di
Maometto) di chiamare tutti alla preghiera, poiché questo faceva già al tempo del Profeta. Dopo la morte del Profeta,
Bilal aveva cessato di dare l' "Adhan", ma alla richiesta di 'Umar egli acconsentì per festeggiare la fondazione della
moschea. Ma quando Bilal pronunciò la chiamata alla preghiera la sua voce era ormai stentata, così 'Umar ed i
musulmani si commossero al ricordo dei giorni in cui il Profeta era con loro. Quando le parole dell'Adhan risuonarono
sulle colline e le valli, le persone ascoltandole realizzarono finalmente che una nuova era era iniziata per la Siria.
Dopo aver ricevuto la resa di Gerusalemme e una volta completato il giro della Siria, mentre rientrava a Medina 'Umar
condusse la preghiera a Jabiah [località a sud di Damasco]. In questa occasione pronunciò un discorso che si è
conservato nella storia.
“O gente vi esorto a leggere il Corano. Cercate di capire e riflettere su di esso. Assorbite gli insegnamenti del Corano.
Poi ponete in pratica ciò che insegna il Corano. Il Corano non è teoria: è un Codice di vita pratica. Il Corano non vi
porterà solo il messaggio di una vita futura solo, ma è soprattutto destinato a guidarvi in questa vita. plasmate la
vostra vita in conformità con gli insegnamenti dell'Islam, perché questo è il modo migliore per voi. Seguendo qualsiasi
altro insegnamento vi porterete alla distruzione.
Temete Allah (l'unico vero Dio), e chiedete a lui quello che volete. Tutti gli uomini sono uguali. Non adulate le autorità.
Non chiedere ciò che spetta ad altri. In tutto questo siate umili. E ricordate che otterrete solo ciò che vi è dovuto, e
nessuno può dare nulla contro la volontà di Dio. E allora perché richiedere qualcosa a chi non ha alcun potere ?
Pregate Dio perché egli solo è il sovrano.
E dite la verità. Non esitate a dire quello che ritenete essere la verità. Dite quello che sentite. Lasciate che la vostra
coscienza sia la vostra guida. Lasciate che le vostre intenzioni siano buone, perché in verità Dio è al corrente delle
vostre intenzioni. Con le opere realizzate le vostre intenzioni. Temete Dio e non abbiate paura di nessun altro. Perché
temere altri, quando sapete che qualunque cosa per il vostro sostentamento è concessa per voi da Dio, e la otterrete in
ogni occasione ? E ancora: perché aver paura quando si sa che la morte è mandata da Dio e verrà solo quando lui lo
vuole?
Dio per il momento mi ha eletto vostra guida. Ma io sono uno di voi. Nessun privilegio speciale appartiene al sovrano.
Ho molte responsabilità da portare, e in questo io cerco la vostra collaborazione. Il governo è un impegno sacro, ed è il
mio sforzo è quello di non tradire la vostra fiducia in alcun modo. Per il compimento di tale impegno cerco di essere
sempre all'erta, devo far rispettare la disciplina, devo impegnarmi, non devo curare l'amministrazione sulla base di
ambizioni personali, devo guardare al pubblico interesse e promuovere il bene pubblico. Per questo abbiamo la guida
nel Libro di Dio. Qualunque cosa io ordini nell'amministrazione quotidiana deve essere conforme al Corano. Dio ci ha
benedetto con l'Islam, mandò a noi il suo messaggero (Muhammad, la pace sia su di lui). Egli ci ha scelto per una
missione; cerchiamo di svolgere tale missione, che è la diffusione dell'Islam. Nell'Islam si trova la nostra sicurezza, se
sbagliamo siamo condannati”.
Nell'inverno del 638 - 639 una pestilenza si propagò in Siria, Egitto ed Iraq. L'epidemia ebbe i suoi effetti più devastanti
in Siria, particolarmente ad Amwas [Emmaus], e per questo è stata tramandata dei cronisti come la piaga di Amwas.
Quando 'Umar venne a sapere dell'esplosione del flagello decise di recarsi personalmente nella regione colpita per
decidere le misure da adottare contro l'epidemia.
Giunto ad Surgh a pochi stadi da Medina, incontrò Abu Ubaida e gli altri ufficiali dell'esercito musulmano in Siria. Gli
venne riferito che la virulenza della peste aumentava e che le persone morivano a migliaia.
Molti di loro consigliarono ad 'Umar di non recarsi nell'area contagiata; 'Umar tenne quindi un consiglio. Ubaida di Abu
ritenne saggio che il califfo visitasse le aree contagiate. Abdur Rahman bin Auf, invece, citò una prescrizione del
Profeta secondo la quale nei casi in cui vi sia una pestilenza in corso, nessuno dovrebbe recarsi da zone non contagiate a
zone contagiate e viceversa. Sulla base di questo consiglio 'Umar decise di tornare a Medina.
Ubaida di Abu non condivideva la dedcisione di 'Umar, e disse: "O Amir-l'ul-Mumnin, perché fuggi di fronte alla
volontà di Dio". 'Umar rispose che semplicemente passava dall'osservanza di una volontà di Dio a (quella) di un'altra
volontà.
Sulla via del ritorno a Medina, Umar indirizzò lettera ad Abu Ubaida chiedendogli di raggiungerlo a Medina poiché
intendeva consultarlo su alcune questioni importanti. Abu Ubaida comprese lo scopo della chiamata e rispose dicendo
che tutto è governato dal destino, e che non si sarebbe allontanato dalla Siria per risparmiare la sua propria vita,
lasciando gli altri in pericolo.
'Umar gli chiese allora di spostare almeno le truppe in un luogo più sano. Abu Ubaida spostò quindi le truppe a Jabiah
che era nota per il suo buono clima. Pochi giorni dopo l'arrivo delle truppe a Jabia, Abu Ubaida prese il contagio e
morì. Prima di morire nominò Muadh b. Jabal suo successore.
Alcuni musulmani ritenevano che la piaga fosse una calamità; ma parlando alle truppe in occasione della preghiera del
venerdì, Muadh sostenne che al contrario era un gesto di pietà da parte di Dio. Subito dopo il figlio di Muadh prese il
contagio. Mentre egli giaceva sul suo letto di morte, Muadh disse rivolto a lui "Figlio mio, questa è una prova mandata
da Dio. Lascia che non vi siano ombre nel tuo cuore su questo". Il ragazzo rispose "Mi troverai completamente
sottomesso alla volontà di Dio"; e con queste parole diede il suo ultimo respiro.
Quando Muadh rientrò dopo la sepoltura del figlio, sprofondò nel rimorso e morì pochi giorni dopo. Amr bin Al-Aas gli
successe come Comandante in capo delle forze musulmane in Siria. Amr bin Al-Aas spostò le truppe sulle colline.
Questa misura ebbe il suo effetto e il contagio non colpì più i soldati.
Quando la furia del morbo si attenuò, lasciando Ali a governare Madina, 'Umar si recò nuovamente in Siria
accompagnato dal suo schiavo Yarfa, e si recò dapprima ad Ella in Palestina. Secondo una tradizione giunto ad Ella,
consegnò la sua camicia al prete locale perché la rammendasse. Il prete fece quanto richiesto, e donò anche una nuova
camicia a 'Umar, ma egli non volle accettare il regalo.
Da Ella proseguì per Damasco; consegnò personalmente gli stipendi delle truppe. Poi radunati gli eredi di coloro che
erano morti nella peste, stabilì che ciascuno potesse riscuotere la propria eredità. Quindi dispose gli avamposti militari
in punti strategici e ordinò che fossero rafforzate le fortificazioni
'Umar ibn al-Khattab; dalla storia del Califfi di Jalal ad-Din as-Suyuti
Egli acquisì il khilafah [la guida] grazie all'amicizia di Abu
Bakr in Jumada al-Akhirah [il sesto mese del calendario
islamico] nell'anno 13 [dall'hijra].
Az-Zuhri ha detto, 'Umar è stato nominato Califfo il giorno
stesso in cui Abu Bakr è morto, che fu un martedì, otto giorni
prima della fine di Jumada al-Akhirah. Egli assunse il pieno
comando e vi furono molte conquiste nei suoi giorni.
Nell'anno 14, Damasco venne conquistata in parte grazie alle
trattative e [in parte] con le armi, e così anche Homs (Emessa);
Baalbek grazie alle trattative, e Basrah ed Ubullah con le armi.
In quell'anno 'Umar riunì il popolo in una jama'ah salat attarawih (la preghiera da recitare nella notte durante il ramadan),
come ha detto al-'Askari in Al-Awa'il [per la prima volta].
Nell'anno 15, tutta la Giordania venne conquistata con le armi
eccetto Tiberiade che fu presa grazie alle trattative. In
quell'anno vi furono le battaglie di Yarmuk e Qadisiyyah. Ibn
Jarir ha detto: in esso Sa'd fondò Kufa [città irachena sul corso
dell'Eufrate, Fondata nel 638 dal compagno di Maometto, Sa'd
ibn Abi Waqqàs presso l'antica capitale dei Lakhmidi, arabi
cristiani della Mesopotamia, al-Hira. Kufa fu daprima un campo
fortificato, poi una delle più importanti città di tutta la
Mesopotamia] e 'Umar istituì i salari regolari (per gli uomini in
armi), i registri, e concesse delle gratifiche secondo la priorità.
Nell'anno 16, venne conquistata Ahwaz e Mada'in, e alla fine
nel Sa'd istituì la recita della jumu'ah nel grande atrio di
Khosrau, e questa fu la prima ad essere tenuta in Iraq. Ciò
avvenne nel mese di Safar.
In esso, vi fu la battaglia di Jalula, in cui Yezdajird, il figlio di Khosrau, venne sconfitto e si ritirò di nuovo a Rai. In
esso, venne presa Takrit, 'Umar giunse (di persona) e venne presa Al-Esca al-Maqdis (Gerusalemme) ed egli tenne il suo
famoso khutbah [preghiera di ringraziamento] in al-Jabiyyah (presso Damasco). Kinnasrin, Aleppo ed Antiochia
vennero prese con le armi, Manbij con le trattative, e Saruj con le armi. In quell'anno, Qirqisiya (sull'Eufrate) venne
presa con le trattative. In Rabi' al-Awwal [terzo mese del calendario islamico], iniziò il conteggio del tempo a partire
dall'Hijrah, grazie alla consulenza di 'Ali.
Nell'anno 17, 'Umar fece ingrandire la Moschea del Profeta. In esso vi fu la siccità e la carestia nell'Hijaz [regione
costiera occidentale della penisola araba] e venne quindi chiamato l'Anno della Distruzione, e 'Umar pregò per la
pioggia insieme ad al-'Abbas [566 – 653 - lo zio paterno del Profeta].
Niyar al-Aslami ha raccontato che 'Umar, quando uscì per pregare per la pioggia, indossava il mantello del Profeta,
possa Allah benedirlo e concedere la pace su di lui.
Ibn 'Aun ha detto: 'Umar prese la mano di al-' Abbas e la sollevò dicendo, 'O Allah veniamo a te per mezzo dello zio del
Tuo Profeta (chiedendo) che Tu allontani da noi la siccità, e che ci doni la pioggia per dissetarci' e non smisero prima
di aver ottenuto di che bere. E allora il cielo versò [acqua] su loro per giorni. In quell'anno Ahwaz venne presa con le
trattative.
Nell'anno 18, Jundaysabur è stata presa con le trattative e Hulwan con le armi. In esso vi fu la pestilenza di Emaus; Urfa
(Edessa) e Sumaysat sono state prese con le armi; Harran, Nasibin ed una parte di Mesopotamia con le armi, ed è stato
detto, anche con le trattative; e Mosul ed i suoi dintorni con le armi.
Nell'anno 19, Caesarea venne presa con le armi. Nell'anno 20, l'intero Egitto venne conquistato con le armi. Ma si è
anche detto che tutto l'Egitto è stato preso in realtà con le trattative ad eccezione di Alessandria che è stata presa con le
armi. 'Ali ibn Rabah ha detto che l'intero Maghrib (Africa del nord-ovest) è stato conquistato con le armi. In quell'anno
Tustar venne presa e Cesare (Heraclius), il grande sovrano dei romani, è morto. In esso inoltre, 'Umar fece espellere gli
Ebrei da Khaybar e Najran, e ha distribuito [le terre di] Khaybar e Wadi'l-Qurra' (tra coloro che in quel tempo erano
stati fra i primi combattenti del Profeta, possa Allah benedirlo e gli conceda la pace).
Nell'anno 21, Alessandria venne presa con le armi e così anche Nahawand, poiché i persiani non furono più in grado di
formare un esercito, e così anche Barqah ed altri luoghi.
Nell'anno 22, l'Azerbaigian venne conquistato con le armi, ed è stato detto, anche con le trattative, e Dinaur con le armi,
Masabdhan e Hamadan con le armi, e Tripoli nell'Africa del Nord, Rai, 'Askar e Qumas.
Nell'anno 23, vennero conquistate Kirman, Sijistan, Makran nelle terre montuose ed anche Isfahan ed i suoi dintorni.
Nella fine di quest'anno vi fu la morte di Sayyiduna 'Umar, possa Allah essere soddisfatto di lui, dopo il suo ritorno
dall'Hajj; venne ucciso come un martire.
Sa'id ibn al-Musayyab ha detto: Quando 'Umar tornò da Mina (a Makkah), ha fece inginocchiare il suo cammello su un
corso d'acqua, poi saltò giù ed alzò le sue mani al cielo dicendo,'O Allah ! Sono avanti negli anni, la forza mi ha
lasciato e i miei mali aumentano, dunque conducimi a Te prima che sia io a cadere o a venir meno'. Dhu'l-Hijjah
[dodicesimo e ultimo mese del calendario islamico] non era terminato quando venne ucciso.
Abu Salih as-Saman ha detto: Ka'b al-Ahbar disse a 'Umar,' Ti ho trovato nel Tawrah ucciso come un martire'. Ma egli
rispose, 'Come posso essere un martire se mi trovo nella penisola degli arabi ?'
[...]
Qais ibn al-Hajjaj, secondo quanto è stato tramandato, ha detto: “Quando l'Egitto è stato conquistato, i suoi abitanti
vennero da 'Amr ibn al-'As' non appena giunse il primo giorno di uno dei loro mesi, e dissero a lui, 'Amir, vi è un anno
in cui questo nostro fiume [Nahr al-Nīl, il Nilo] non scorrerà senza che noi facciamo questo'. Ed egli chiese, 'E in cosa
consiste ?' ed essi risposero, 'Quando sono trascorse undici notti di questo mese cerchiamo una giovane vergine,
chiediamo il consenso dei genitori, poi la vestiamo nel migliore abbigliamento ed ornamenti possibili, e poi la gettiamo
nel Nilo'. Così 'Amr rispose loro, 'Questo non succederà mai sotto l'Islam; l'Islam cancelli quanto c'è stato prima di
esso'. Quindi se ne andarono, ma nulla fece cambiare il corso del Nilo, ne molto ne poco, ed allora [essi] decisero di
emigrare. Quando 'Amr vide ciò, scrisse ad 'Umar ibn al-Khattab a proposito di quanto era successo. Ed 'Umar rispose,
'Avevi ragione in tutto ciò che hai detto. Davvero, l'Islam demolisce tutto ciò che e stato prima'. ['Umar] inviò un
foglietto nella lettera con cui rispondeva ad 'Amr, 'Ti ho inviato questo foglietto nella mia lettera, dunque gettalo nel
Nilo'. Quando la risposta di 'Umar giunse ad 'Amr ibn al-'As' egli aprì il foglietto e vi era scritto 'Dal servo di Allah'
Umar l'ibn al-Khattab Amir al-Muminin ad Nahr al-Nīl [fiume] dell'Egitto. Ora, se tu scorrevi già prima, non scorrerai
più ! Se Allah ha fatto si che tu scorressi, ora pretendi che venga ucciso qualcuno per far si che tu continui a scorrere !'.
Quindi lanciò il foglietto nel Nilo il giorno prima [della festa] della Croce. Quindi si svegliarono la mattina dopo ed
Allah, egli sia esaltato, l'aveva fatto scorrere [e si era innalzato] di sedici cubiti in una notte. Veramente Allah aveva
estirpato questa sunnah [usanza] sbagliata delle persone dell'Egitto, e questo perdura tuttora.
[...]
Hakim ibn 'Umayr ha detto: 'Umar ibn al-Khattab-ha ordinò 'Non lasciate che il comandante di un esercito o un partito
possa razziare o frustare chiunque per una punizione finché non giunga a Darb (Derbe vicino le porte della Cilicia, un
passo di montagna attraverso il quale i musulmani rientravano dopo le incursioni nel territorio dei romani) in modo che
la rabbia di shaytan non lo trasporti al punto che egli si unisca con i miscredenti'.
Ash-Sha'bi ha detto: l'imperatore romano scrisse 'Umar ibn-al-Khattab, i miei messaggeri sono tornati da me sostenendo
che tra di voi cresce un albero che è non come qualsiasi altro tra gli alberi: produce qualcosa come le orecchie d'asino,
che si apre [per mostrare] qualcosa come una perla, che diviene verde come il verde smeraldo, poi rossa fino a quando
non è come il rosso rubino, poi in seguito matura, e matura in modo che diviene come il più dolce miele mai mangiato,
poi più tardi si essicca fino a diventare una difesa [...] per la casa e una provvista per il viaggiatore. Se il mio messaggeri
mi hanno detto la verità, posso solo immaginare che questo è uno degli alberi del giardino'. 'Umar rispose 'dal servo di
Allah,' 'Umar Amir al-Muminin, a Cesare, il re dei romani. Veramente i messaggeri hanno detto la verità. Questo albero,
che è presso di noi, è l'albero che Allah ha fatto crescere presso Maryam, quando le diede 'Isa suo figlio. Quindi temete
Allah e non considerate 'Isa come un Dio oltre ad Allah, l'autentico, "la somiglianza di 'Isa con Allah è come la
somiglianza di Adamo, che egli creò dalla polvere e poi gli disse 'tu sei', ed egli fu" (Corano 3: 59).

Documenti analoghi

Numero 20- anno 6- Febbraio 2015 Giornale gratuito

Numero 20- anno 6- Febbraio 2015 Giornale gratuito gli hadith. È per questo motivo che abbiamo ben pochi hadith narrati da eminenti sahabah. Quella gente che non esita a citare hadith senza citare la fonte, nei loro sermoni dall’alto dei loro pulpi...

Dettagli