corsobasico11 il radiocomando

Commenti

Transcript

corsobasico11 il radiocomando
CAPITOLO X
Il Radiocomando
tratto da www.baronerosso.net
Introduzione
L'uso di un apparato radiotrasmittente sul territorio Italiano è regolato da apposite leggi e regolamenti
a cui è bene attenersi scrupolosamente, visto che le multe sono alquanto salate. Questo breve articolo
serve ad illustrarvi i vostri obblighi e doveri.
Update: Cosa dice la legge?
Pubblicata in extremis sulla gazzetta ufficiale n300 del 28/12/2001, dal 1 gennaio 2002 è ufficiale il
nuovo decreto sui radiocomandi che finalmente liberalizza l'uso dei nostri apparati senza l'obbligo di
domande e tasse varie.
La pagina del decreto la trovate a questo link Gazzetta Ufficiale, più precisamente nella sezione 2,
articolo 6.
Con questo decreto ora non è più necessario presentare la domanda presso il ministero e pagare la
tassa annuale, ma rimane comunque l'obbligo dell'apparato omologato per il mercato europeo e l'uso
delle sole frequenze autorizzate.
Come essere in regola?
Ecco cosa occorre fare per mettersi in regola con le leggi italiane.
•
Punto primo: La frequenza
Dovete usare un radiocomando che adoperi una frequenza autorizzata, quella qui sotto è la lista delle
frequenze che dal 22 Novembre 1997 il Ministero delle Poste e Telecomunicazioni ha autorizzato ad
usare nei nostri radiocomandi, ogni apparato modellistico che utilizzi frequenze differenti risulta illegale
e pesantemente sanzionato. Sul sito del ministero delle Telecomunicazioni, potete trovare tutte le
informazioni sul piano delle frequenze e dei relativi regolamenti.
Vorrei far notare che i canali sulla banda dei 35MHz (assegnati a partire dal 20/07/2002), sono ad uso
esclusivo dei modelli volanti, non vanno quindi adoperati su tutte le altre categorie di modelli, in
particolare la nota a cui fare riferimento è la 52A che dice:
"In accordo con la decisione CEPT ERC/DEC/(01)11 nella banda di frequenze 34,995-35,225 MHz
possono essere impiegati ad uso collettivo apparati a corto raggio per telecomandi dilettantistici,
riservati ad aeromodelli, aventi le caratteristiche tecniche della raccomandazione CEPT ERC/REC 70-03
(Annesso 8). Tali applicazioni rientrano negli scopi di cui al dPR 447/01 articolo 6, comma 1, lettera f)."
In questo file [Frequenze] trovate la tabella con tutti i canali/frequenze usati nel modellismo più
l'elenco di quelle autorizzate.
Banda dei 26-27 MHz
Canale
Frequenza
4
26,995
9
27,045
14
27,095
19
27,145
24
27,195
28
27,235
32
27,275
65
35,050
66
35,060
Banda dei 35 MHz (assegnati ESCLUSIVAMENTE ai modelli volanti)
Canale
Frequenza
67
35,070
60
35,000
68
35,080
61
35,010
69
35,090
62
35,020
70
35,100
63
35,030
71
35,110
64
35,040
72
35,120
73
35,130
74
35,140
75
35,150
76
35,160
77
35,170
78
35,180
79
35,190
80
35,200
-35,210
-35,220
Banda dei 40 MHz
Canale
Frequenza
57
40,765
50
40,665
58
40,775
51
40,675
59
40,785
52
40,685
81
40,815
53
40,695
82
40,825
54
40,715
83
40,835
55
40,725
84
40,865
56
40,735
85
40,875
Banda dei 72 MHz
Canale
•
208
224
Frequenza
72,080
72,240
Punto secondo: Il radicomando
Qui dobbiamo distinguere 2 casi, ovvero la bollatura CE e l'omologazione a trasmettere. Detto
semplicemente un radiocomando oltre ad essere bollato CE deve anche essere omologato in un paese
europeo, infatti la direttiva 1999/5/CE dice che un apparato per essere omologato in Italia basta che
sia già stato omologato in un'altro paese della Comunità Europea, ciò significa che gli apparati prodotti
per il mercato americano (che di solito non sono omologati in europa), anche se sono bollati CE non
sono comunque usabili in europa.
- Dopo bollino CE
In pratica tutti i prodotti attualmente in commercio sono bollati CE, spesso anche quelli che sono
prodotti per mercati esterni all'europa. Se c'è il bollino in teoria sarebbe tutto OK, c'è però da
controllare che il modello sia omologato alla trasmissione (di solito lo sono tutti gli attuali prodotti per il
mercato europeo).
- Prima bollino CE
Qui iniziano i guai, infatti non tutti i telecomandi possono essere adoperati, più precisamente dopo
l'entrata in vigore della direttiva europea 1999/5/CE sono utilizzabili tutti i radiocomandi che già in
passato erano omologati per il mercato italiano (ovvero quelli presenti nella vecchia lista del ministero),
più tutta una serie di vecchi apparati che i produttori distributori sono riusciti a far approvare.
Qui sotto potete trovare una lista dei vecchi/nuovi apparati tuttora omologati, anche se teoricamente
l'elenco non avrebbe ragione di esistere dato che secondo la direttiva comunitaria tutti gli apparati
prodotti in Europa e omologati per il mercato Comunitario sono automaticamente omologati anche in
Italia (infatti molti modelli recenti non li trovate nella lista, ma sono comunque omologati se avete
dubbi contattate l'importatore/distributore).
Radiocomandi Omologati
Sanwa (distr. Mantua Model)
Documenti di omologazione
(solo per quelli con *)
RD 6000 40 Mhz
M-Zechs 27 Mhz
M8 40 Mhz
Super Exzes 40 Mhz
Cygnus 40 Mhz (*)
M-7-ACE 40 Mhz
M-7-ACE 27 Mhz (*)
Exzes 40 Mhz (*)
Hitec (distr. Safalero)
Documenti di omologazione
(solo per quelli con *)
Ranger 2Z AM 40 Mhz (*)
(DGPGF/4/2/340621 26-06-2000 2050)
Ranger 2 AM 40 Mhz
Ranger 3 AM 40 Mhz
(DGPGF/4/2/340621 26-06-2000 2051)
Ranger Z II
Focus 3 SS
Focus 4 FM 40 Mhz
(DGPGF/4/2/340621 26-06-2000 2051)
M-Zechs 40 Mhz (*)
Vanguard 40 Mhz (*)
Saber X 2 27 Mhz (*)
Dash Saber 27 Mhz (*)
Saber X 40 Mhz (*)
Dash Saber 40 Mhz (*)
Graupner (Agente)
Documenti di omologazione
(tutti i modelli)
XR- 3Race 27Mhz
XR- 3Race 40Mhz
XR - 6Race 40Mhz
C4 - Race 27Mhz
C4 - Race 40Mhz
C4 - X 27Mhz
C4 - X 40Mhz
TX2001 27Mhz
R1 - ProfiCar 40Mhz
FM414 40Mhz
X3810 40Mhz
X3810 ADT 40Mhz
MC X - 756 40Mhz
MC10 40Mhz
MC12 40Mhz
MC14 40Mhz
MC15 40Mhz
MC16/20 40Mhz
MC 20 40Mhz
MC 24 40Mhz
JR Propo (Eurojet)
Documenti di omologazione
(solo per quelli con *)
Beat Gear 27 Mhz (*)
XR2 (*)
X756 (*)
R1 (*)
F400 (*)
XP642 (*)
X3810 ADT (*)
PCM10SX II (*)
Esprit II Vantage
EX 11 Presto
EX 1 Mars
EX 5 Master
Kyosho (Agente)
Kyosho Perfex
Kyosho Perfex KT-2
Acomos (Fantasyland)
Documenti di omologazione
(tutti i modelli)
Acomos 202
Acomos 202/40
Focus 4 FM 40 Mhz
Focus 6 FM 40 Mhz (*)
(DGPGF/4/340935/ 20-06-2000 1881)
Focus Hely 5 FM 40 Mhz
Flash 5 System X FM 40 Mhz (*)
(DGPGF/4/340935/ 20-06-2000 1881)
Flash 5 40 Mhz
Flash 4 System X 40 Mhz (*)
(DGPGF/4/340935/ 20-06-2000 1881)
Flash 4 40 Mhz
Flash 4 Procar FM 40 Mhz (*)
(DGPGF/4/340935/ 20-06-2000 1881)
Prism 7X FM 40 Mhz (*)
(DGPGF/4/340935/ 20-06-2000 1881)
Lynx 3D FM 40 Mhz (*)
(DGPGF/4/340935/ 20-06-2000 1881)
Lynx AM 40 Mhz (*)
(DGPGF/4/340935// 20-06-2000 1881)
Lynx FM 40 Mhz (*)
(DGPGF/4/340935/ 20-06-2000 1881)
Futaba (Radiosistemi)
Documenti di omologazione
(tutti i modelli)
Attack II T2DR AM 27/40 Mhz
Attack II T2CR AM 27/40 Mhz
Attack II T2ER AM 40 Mhz
Megatech AM T2 PCKA 40 Mhz
Megatech FM T3 PDF 40 Mhz
Megatech PCM T3 PJ con modulo TJ 40 Mhz
FF6 T-6X 40 Mhz
FF3 T 3VC con modulo TU 40 Mhz
Skysport 4T 4VF 40 Mhz
FP-T8UP 40 Mhz
T9Z 40 Mhz
Robbe-Futaba (Robbe)
Documenti di omologazione
(solo per quelli con *)
F14 40Mhz (*)
F16 40Mhz
FC16 40Mhz (*)
FC18 V3 40Mhz (*)
FC18 V3 Plus 40Mhz (*)
FC28 V3 40Mhz (*)
Multiplex (Import.diretto)
Documenti di omologazione
(tutti i modelli)
Comander MC 2010, 2015, 2020
con modulo HF FMS, 40 Mhz
(B129156H)
Europa MC 1005, 1010 e 1020, 40 Mhz
(G106499D)
Pico Line/TX 3000 40Mhz
(G132133J)
Cockpit MM 40Mhz
(D801146L)
Profi MC 3010, 3030, 4000
con il modulo HF HFM-3, 40 Mhz
(G132384J)
Profi Car 403, Profi Car 707, 40Mhz
(D801100L)
FMS Modul 40 MhZ
HFM 3 Modul 40 Mhz
•
Riepilogo Finale
Quindi per essere in regola dovete usare una frequenza autorizzata ed avere un radiocomando
omologato per il mercato europeo, i 2 punti sono entrambi obbligatori, ciò significa che se avete una
radio francese a 41MHz, anche se per direttiva europea sarebbe omologata anche in Italia visto che è
omologata in Francia non la potete adoperare in quanto adopera una frequenza non omologata per il
mercato italiano.
Stessa cosa per gli apparati prodotti per il mercato americano (vedi ad esempio la Futaba, che ha una
linea di apparati europea ed una americana) anche se spesso ci trovate appiccicato il bollino CE, non è
detto che l'apparato sia omologato per il mercato europeo, e se non è omologato non può essere
adoperato.
Faq per chi possiede vecchi radiocomandi
Il mio vecchio radiocomando non è presente nella lista delle radio omologate, che faccio?
Vi consiglio di contattare l'importatore o l'agente ufficiale, nel caso ci fossero delle novità, comunque
considerate che tutte le radio attualmente vendute sono di solito correttamente omolgate. Mantua
Model, tel.0376/697087-88 Safalero, tel.051-6516197 Radiosistemi, tel.0585856387-8 Graupner,
sig. Paolucci Bruno, tel.0481/485141 Kyosho, sig.ra Draeger Claudia, tel.0774/605302 Multiplex,
importatore diretto Fantasyland
Perché non ci sono radiocomandi a 72MHz nella lista?
Il motivo è abbastanza semplice, in Europa solo l'Italia usa apparati sui 72, quindi occorre presentare
tutte le relative pratiche di omologazione mentre per la banda 40 ci si appoggia ad omologazioni di altri
paesi. Tutto questo iter tecnico/burocratico ha effettivamente un costo non indifferente quindi alcune
ditte hanno già fatto capire che non sono intenzionati a omologare radio su questa banda, comunque
non è detto che decidano di cambiare idea.
Perché il mio vecchio radiocomando non è omologato?
Più o meno è lo stesso motivo degli apparati a 72MHz, i soldi. Secondo me non ci sono ragioni tecniche
che blocchino l'omologazione di radiocomandi abbastanza recenti come la Futaba FF7 o la Futaba FC28
V1 e V2, il motivo è che l'omologazione e la certificazione CE costa e siccome questi apparati non sono
più in produzione per le aziende e gli importatori italiani sarebbero soldi buttati, peccato che all'epoca i
nostri soldi se li siano presi senza troppi problemi.
Considerate comunque che il problema delle omologazioni dei vecchi apparati è unicamente Italiano, in
quanto importatori e distributori italiani non hanno fatto il loro dovere quando andava fatto. Gli altri
paesi Europei non hanno di questo problemi, perché sono stati sempre messi in commercio apparati
omologati.
Ci saranno altre omologazioni per i vecchi apparati?
Al 99% no, a quanto ne so tutti i vecchi apparati che si potevano omologare sono stati omologati, per
gli altri non rimane che il cestino della spazzatura oppure usati come radio allievo senza modulo RF.
Il fantomatico bollino CE
Questo bollino serve a dimostrare che l'apparato è in regola con la direttiva europea sulla compatibilità
elettromagnetica (CE significa Comunità Europea), cioè che il radiocomando ha passato i relativi test
tecnici. Comunque il bollino NON ha nessun valore reale, se sulla vostra radio non è presente, si è
staccato, si è cancellato ecc. ecc. non preoccupatevi, l'importante è che il vostro modello sia
esattamente lo stesso riportato in lista o sul sito del produttore.
Posso usare la mia radio a 35MHz sulla mia auto RC?
Assolutamente no, i 35MHz sono ad uso ESCLUSIVO dei mezzi volanti, usarla su un mezzo diverso oltre
ad essere illegale può comportare anche un pericolo per gli altri modellisti.
2002 © BaroneRosso.net
http://www.baronerosso.net/