"FishandShips"? Buco nell`acqua

Commenti

Transcript

"FishandShips"? Buco nell`acqua
Sabato 23 marzo 2013
Quotidiano gratuito
Anno 4 - N. 53
FERRETTI AL BIF&ST: IL CINEMA È PIÙ REALE DELLA REALTÀ - MILANO NELLO SPORT
FIERA n NAUFRAGATA LA FIERA PER CHI AMA IL MARE
"FishandShips"?
Buco nell'acqua
Di Pierro e una nota di Ciccarese
alle pagine 10 e 11
NAPOLITANO INCARICA BERSANI, MA SA CHE SI TRATTA DI UNA "SOLUZIONE DIFFICILE". IL LEADER DEL PD FA L'ESPLORATORE...
Finzi e Inangiray
alle pagine 2 e 3
CONFCOMMERCIO
In Italia cresce
solo
la povertà
Perego e Neri a pag. 5
"COMMENTI OSTILI"
Comunità
ebraica
contro Grillo
a pag. 3
DOVRÀ DEPORRE
VATICANO
Napolitano
al "Borsellino
Quater"
a pag. 7
LA CAMERA ARDENTE
Il Papa a messa Grandi e piccoli
con giardinieri
dello sport
e netturbini
salutano Pietro
Chirri a pag. 7
nello sport
EPolis Bari
POLITICA
2
Sabato 23 marzo 2013
I 5 stelle ribadiscono il "no" alla fiducia
Grillo: destra e sinistra si accorderanno
L'incarico di Napolitano a Bersani non smuove il M5S che resta sulle proprie
posizioni dicendo no alla fiducia a qualsiasi governo. Beppe Grillo, però, si mostra
disincantato e non sembra credere alle elezioni anticipate: "alla fine ci sarà un
accordo. Quella che fanno Pd e Pdl è solo una manfrina" assicura in un'intervista
a una TV turca. E la linea del No alla fiducia ad un qualsiasi esecutivo sorretto dai
vecchi partiti è ripetuto dai capigruppo del M5S Lombardi e Crimi.
LA DECISIONE n LO STALLO COSTRINGE A UN TENTATIVO FATTO NEL '98 CON PRODI (E FALLITO)
Bersani si veste da esploratore
Napolitano gli affida un "preincarico" per il Governo
n FABRIZIO FINZI
U
n "pre incarico" che rappresenta "il primo passo di un cammino"
che ha un solo sentiero: un Governo "in pienezza di poteri" che
non si limiti all'emergenza ma abbia la forza di cambiare il Porcellum e di fare alcune importante riforme istituzionali. E naturalmente
che abbia i voti in Parlamento. Ecco la "gabbia" che Giorgio Napolitano ha costruito intorno a Pier Luigi Bersani invitandolo "a
verificare l'esistenza di un sostegno parlamentare
certo". E poi "a riferire appena possibile". Il segretario del Pd ha avuto l'incarico come era prevedibile aspettarsi, ma la regia del Colle ha preparato con cura una scenografia inedita
che la dice lunga sulle perplessità del presidente rispetto alle idee di Bersani: Napolitano ha scelto di precedere il segretario del Pd e ha letto una lunga e articolata spiegazione.
La scelta del Colle. Il senso di
questa formula scelta dal Colle la
spiega Enzo Cheli, proprio il costituzionalista citato ieri da Napolitano: "Non si
tratta di un incarico depotenziato, ma
semmai di un incarico condizionato
perché chi lo ha ricevuto deve compiere
una verifica dal momento che non esiste
ancora con chiarezza una maggioranza",
spiega bene il giurista. Resta il fatto che Napolitano ha studiato bene i precedenti e quello che più si
avvicina al caso odierno è quello del 1998 quando Scalfaro diede un pre incarico a Prodi che tornò al Quirinale senza
maggioranza. La mano passò a D'Alema (secondo pre incarico). Lui ampliò i consensi e ottenne il mandato pieno potendosi presentare alle Camere che gli votarono la fiducia.
Si pensa già al Piano B. Precedente che ben conferma la possibilità
che il presidente possa andare avanti anche oltre Bersani, ove non riuscisse a trovare il consenso parlamentare necessario. Questo perché,
non solo Napolitano non può sciogliere le Camere essendo in semestre
bianco, ma non vuole né può, visto che un dato certo è scaturito dalle
consultazioni: nessuna forza politica ha chiesto il ritorno al voto. Il presidente ha riconosciuto che per una "grande coalizione" ci sono "difficoltà",
ma non ha rinunciato a "insistere sulla necessità di larghe intese" su
"scelte di interesse generale" come "la riforma del sistema politico-costituzionale". Serve "forte spirito di coesione nazionale", ha ripetuto anche
ieri il Capo dello Stato.
Situazione di stallo. Il tutto mentre le posizioni delle
principali forze politiche sono cristalizzate e rendono almeno al momento - l'impresa di Bersani ciclopica. Non è un caso quindi che Napolitano
abbia ricordato alle forze politiche qual è la
situazione e quali siano le competenze
presidenziali: "ho studiato la prassi costituzionale", ha premesso incontrando i
giornalisti al Quirinale mentre Bersani
aspettava davanti al suo studio. Citando un "autorevole" studioso (Enzo
Cheli), ha spiegato che la Costituzione
riserva "particolare stringatezza" alla
disciplina relativa alla nomina del premier, che la Costituzione subordina
soltanto al fine della formazione di un
governo in grado di ottenere la fiducia
della Camere, consentendo quindi al capo
dello Stato - specie in assenza di risolutivi risultati elettorali - la necessaria discrezionalità, anche attraverso la creazione di diverse figure di incarico".
Fra Europa e cambiamento. Se qui Napolitano sottolinea la propria ampia discrezionalità, nelle pieghe fa intendere
quanto - come ha dimostrato ampiamente ieri - sia libero di ricorrere a
formule e strumenti innovativi pur di ottenere l'obiettivo della formazione
di un "Governo normale", di "una piena attività legislativa". E per fare
questo bisogna sì evitare "sterili lungaggini", ma procedere "con grande
ponderazione ed equilibrio". Dobbiamo mostrare all'Europa "quanto coltiviamo il valore della stabilità istituzionale" ed agli elettori quanto teniamo in conto le "esigenze di cambiamento" scaturite dalle urne.
MISSION IMPOSSIBLE / IL REBUS: INSISTERE CON I GRILLINI O PROVARE A FIDARSI DI SILVIO?
Il premier incaricato già al lavoro per "l'impresa"
Pier Luigi Bersani ha vinto il primo
round, riuscendo a convincere il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ad avere l'incarico in un confronto che i più, tra i democratici, descrivono come un braccio di ferro.
Pur "determinato", il leader Pd sa che
il sentiero, per trovare i "numeri certi"
che il Colle chiede entro metà della
prossima settimana, resta strettissimo. Ma il premier incaricato non di-
spera e da oggi avvia le consultazioni, prima con le parti sociali e da
lunedì con tutti i partiti, per convincere sui programmi e sui nomi di un
possibile esecutivo che serve "un governo del cambiamento".
Bersani avrebbe voluto più tempo e
indicazioni meno cogenti dal Capo
dello Stato che, a detta di molti nel
Pd, ha già un piano B in caso di fallimento del leader democratico. "Mi
prendo il tempo necessario, è una situazione difficile", ammette il premier incaricato.
E siccome la matematica non è un'opinione, il rebus davanti al quale si
trova il segretario Pd è decidere se tirare dritto su una strategia di convincimento del M5S, che finora non ha
dato frutti, o aprire un dialogo anche
con il centrodestra.
POLEMICA
Grasso sfida
Travaglio
ma slitta
il duello TV
IL PRESIDENTE DEL SENATO
CONTRO IL GIORNALISTA PER
LE ACCUSE SULL'ANTIMAFIA
n Sopra il presidente del Senato, Piero Grasso.
Sotto il giornalista Marco Travaglio
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
POLITICA
Ingroia verso la destinazione al Tribunale di Cogne
nel 2002 sotto i riflettori per l'omicidio di Samuele
3
E' il Tribunale del caso Cogne quello a cui sarebbe destinato Antonio Ingroia secondo la
proposta all'esame del Plenum del Csm. Per diversi mesi dopo l'omicidio del piccolo
Samuele Lorenzi, nel gennaio del 2002, quello di Aosta fu il palazzo di giustizia più
affollato d'Italia. Ma, passata la bufera, è tornato ad essere una tranquilla sede
giudiziaria di provincia. Tanto tranquilla da dover affrontare con urgenza, nel caso in cui
arrivasse il magistrato palermitano sotto scorta, alcuni rilevanti problemi di sicurezza.
CENTRODESTRA n OGGI LA MANIFESTAZIONE A ROMA
n Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano
Il neo presidente del Senato Pietro
Grasso sfida al confronto TV Marco Travaglio, protagonista giovedì sera a Servizio Pubblico su La7 di una pesante "arringa" contro l'ex procuratore antimafia.
Ma le possibilità di assistere al duello,
che la rete di Cairo avrebbe ospitato lunedì sera negli studi di Piazzapulita e che
Grasso ha subito accettato, sfumano.
Con il vice direttore del "Fatto Quotidiano" e Michele Santoro entrambi irremovibili sulla necessità di concludere la
querelle nell'arena di Servizio Pubblico o
comunque in un programma confezionato apposta per l'occasione, magari nel
fine settimana. Proposta già bocciata
dalla direzione di rete.
Grasso, che giovedì sera era intervenuto
in diretta nella trasmissione di Santoro
con una telefonata nella quale spiegava
di sentirsi insultato dalle "accuse infamanti" di Travaglio (tra le tante quella di
aver fatto dichiarazioni contro Caselli e
di aver ottenuto dal governo di centrodestra "tre leggi per far fuori Caselli" e farsi
nominare alla procura generale antimafia) e chiedeva un "confronto TV carte
alla mano", accetta subito l'invito di Piazzapulita, ma poi tace. Lunedì, comunque
vadano le cose, lui sarà in trasmissione.
Travaglio, che giovedì sera non aveva
sciolto le sue riserve sul confronto, dice
la sua da Facebook: "Sì al confronto TV,
ma a Servizio pubblico di Michele Santoro". Accettare di andare in un' altra trasmissione, spiega, "sarebbe come se un
giornale scrivesse una cosa e la rettifica
uscisse da un'altra parte". Santoro si
schiera con lui: "Il Presidente Grasso
potrà esprimersi come vuole a Piazzapulita e Marco Travaglio potrà continuare a
farlo su Servizio Pubblico - scrive in una
nota - ma, anche nel rispetto delle norme
sul diritto di rettifica, un confronto tra il
Presidente Grasso e Marco Travaglio
potrà avvenire solo nella nostra trasmissione o in uno speciale creato per l'occasione con la nostra collaborazione". E
anche dalla rete non cambiano idea: "Nel
weekend nessuna variazione al palinsesto", sottolinea una nota dell'emittente.
Da Berlusconi ok al Pd
ma il Pdl vuole
un ruolo da "azionista"
COMUNITÀ EBRAICA
n YASMIN INANGIRAY
S
enza il Pdl non può esserci
una maggioranza e un governo a guida Pier Luigi Bersani. La linea di Silvio Berlusconi non
cambia tanto che il Cavaliere ripete in
pubblico (prima al Tg5 e poi,in modo
identico, al Tg2) quello che da subito
dopo le elezioni va teorizzando con i
big del partito: sa parte nostra non c'è
nessuna preclusione a riconoscere
che sia il segretario del Pd a sedere
sulla poltrona di palazzo Chigi, quello
che ci interessa è capire che tipo di
programma si intende realizzare.
A ciò si aggiunge l'altra partita in
cui l'ex premier vuole essere assolutamente protagonista: l'elezione del
futuro capo dello Stato. Un capitolo
da cui il Cavaliere non vuole essere
estromesso. Il concetto verrà ribadito dalla delegazione del Pdl nel
momento in cui si sarà consultata
dal leader democratico: noi siamo
disponibili ad appoggiare un governo Pd a determinate condizioni è il ragionamento - e una su tutte riguarda la trattativa sul futuro inquilino del Colle. I nomi graditi al Cavaliere sono noti da tempo, Giuliano
Amato così come il fidatissimo
Gianni Letta, anche se, come
emerge con nitidezza da qualche
settimana, l'idea di riconfermare
Giorgio Napolitano non è affatto
n Riccardo Pacifici
Pacifici:
"Il M5S peggio
dei fascisti"
Poi la smentita
n L'ex ministro Renato Brunetta con il leader del Pdl, Silvio Berlusconi
sgradita ai piani alti di via del Plebiscito.
Il Cavaliere non ha nascosto l'apprezzamento per il modus operandi
di Napolitano fino ad ora: "Abbiamo
fiducia nella saggezza del Capo
dello Stato - dice il Cavaliere - che
con l'incarico a Bersani ha agito nel
rispetto scrupoloso della Costituzione". L'ex premier ora attende le
mosse del segretario del Pd e
aspetta di capire se ci siano i margini per aprire una trattativa che gli
consenta di diventare azionista di
un esecutivo con i Democratici:
"Sarebbe un danno grave se Bersani insistesse su una strada sba-
gliata perché così non avremmo un
governo, ma un salto nel buio"
anche perché i "punti proposti da
Bersani" osserva Berlusconi, non
sono dissimili da quello che proponiamo noi.
Intanto oggi ci sarà la manifestazione del partito a piazza del Popolo.
Una kermesse dai toni (sulla carta)
più "istituzionali" rispetto ai progetti
iniziali che avevano come cuore dell'iniziativa la denuncia di quella
parte della magistratura che, secondo Berlusconi, tenta in ogni
modo di eliminarlo: "Sarà una manifestazione per un Paese moderno
ed efficiente", spiega il Cavaliere.
SCELTA CIVICA / ELOGI PER LA MOSSA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
I montiani premono su larghe intese
Per i montiani di Scelta Civica i paletti
piantati da Giorgio Napolitano sul percorso del leader Pd Pier Luigi Bersani non
avrebbero potuto essere più appropriati e
corretti. La strada, per il partito di Mario
Monti, resta proprio quella indicata durante le consultazioni al Quirinale: verificare in tempi rapidi il sostegno in Parlamento di tutte le forze politiche (Pdl incluso) per un governo di vasta unione, riformista ed europeista. E in attesa che il
premier rientri da Bruxelles e che nei
prossimi giorni il coordinatore Olivero ed i
capigruppo Mauro e Dellai incontrino il
leader del Pd, per ribadire a Bersani in
quali termini i centristi sono disposti a sostenere il suo complicato tentativo di formare un governo, una nota di Scelta Civica elogia il Capo dello Stato, che insiste
sulle larghe intese nonostante le evidenti
difficoltà di realizzarle.
Il Movimento 5 Stelle possibile ricettacolo di estremismi di destra e
di sinistra. E' un attacco molto duro
a Beppe Grillo e ai suoi, l'intervista
al quotidiano israeliano Haaretz
del presidente della comunità
ebraica di Roma Riccardo Pacifici.
"Insulti gratuiti e infondati", si infuria Grillo. E anche se Pacifici
presto smentisce il paragone col
fascismo, tra i grillini cresce la sensazione di essere bersaglio di un
fuoco di fila ogni giorno più serrato,
dopo l'exploit elettorale. "La Digos
dice che siamo estremisti di destra
e sinistra abbracciati insieme nella
stessa piazza". Con queste parole
Grillo spiega a una TV turca come
sono visti in Italia i 5 Stelle. E
sembra quasi anticipare le parole
con cui Pacifici descrive il nuovo
soggetto della politica italiana agli
israeliani.
Il presidente della comunità
ebraica romana annovera l'avanzata del M5S tra le ragioni che dovrebbero indurre gli ebrei italiani a
"prepararsi per andare in Israele".
E senza voler essere "allarmista",
cita tra l'altro le parole della capogruppo Roberta Lombardi su alcuni elementi positivi del fascismo
delle origini, per spiegare la natura
del M5S.
Altro che "clown": "Grillo dice che i
partiti politici non sono importanti
e questo è esattamente ciò che Hitler ha sostenuto prima di arrivare
al potere", dice Pacifici. "Il partito di
Grillo è più pericoloso dei fascisti",
sono le parole che Haaretz gli attribuisce. Lui poi smentisce ("Non ho
mai detto né pensato che il M5S è
peggiore dei fascisti").
4
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
CAMBI
Dollaro USA
Sterlina
Franco Svizzero
Yen
Corona Danese
Corona Svedese
Corona Norvegese
Corona Ceca
1 euro
$
e
ECONOMIA
Valore
5
À
¿
1,2996 0,7695
1,2996
0,8531
1,2223
122,8425
7,4523
8,4385
7,5389
25,8047
MISERY INDEX n SI PASSA DAL 3,9% DELLA POPOLAZIONE NEL 2006, AL 6% ATTUALE
Confcommercio lancia l'allarme:
verso i quattro milioni di poveri
reali di due milioni di posti di lavoro. E non meno preoccupante è la pressione fiscale: quella "apparente" in Italia
sarà del 44,8% medio e del 54,3% "reale", entrambi a livelli record. Per non parlare poi dei consumi: l'anno scorso
-4,3%, quest'anno -2,4%.
Dati che spingono il presidente della Confcommercio,
Carlo Sangalli, a ribadire, tra l'altro, il suo no ad un nuovo
aumento dell'Iva: è "esiziale per una domanda interna già
in caduta libera da diverso tempo". Quindi spiega: "Dall'inizio della crisi, cioè dalla fine del 2007, il prodotto lordo è
crollato di oltre 100 miliardi di euro in termini reali". Tutto
questo è avvenuto per "un tonfo della domanda interna superiore a 140 miliardi di euro, a fronte di un contributo positivo delle esportazioni nette di circa 40 miliardi di euro".
Sangalli sottolinea, quindi, che per "raffreddare la prospettiva di un'estate fiscalmente rovente" occorre sia una "rigorosa spending review" sia "il contrasto e il recupero di evasione ed elusione", ma soprattutto la messa in atto "di
scelte per la crescita e l'occupazione" a contrasto della recessione. Nella sostanza "è il momento di fare" e, per
questo, il presidente di Confcommercio si rivolge alla politica perché superi le divisioni e "si assuma adesso la responsabilità di dare al Paese un governo in grado di rispondere all'emergenza economica e di preservare la coesione
sociale".
n FABIO PEREGO E ALFONSO NERI
L'
Spagna vanno sempre più a braccetto. Nei due Paesi il
rapporto di occupati rispetto alla popolazione è 37,9%,
con l'Italia che dal 2007 ha perso un punto e mezzo. In
Germania l'indice è al 49,3%, in Francia al 41,6%. Con un
segnale chiaro: la crisi ai tedeschi ha portato un continuo
aumento degli occupati: nel 2007 il rapporto con la popolazione era solo del 46,5%, con una crescita in termini
gli agri rno
e
d
a
z
n
a
L’alle
al GoLveevantaci
à
t
i
r
o
i
r
p di Massimo
detta le
10/13
Puglia
iali della
ici e socL. 662/96 - Filiale di Bari
m
o
n
COOP
o
c
e
/B
IA E LE
URA, C
Sistemi b. postale 45% Art 2 c. 20
RICOLT
new
izione in
ab
II
.it - Sped
w.gazeco
ANNO XV rzo 2013
ica - ww
econom
23-29 ma
IEME
azione
di inform
AGRINS
e 1,00
anale
- Settim
ROGA
IN DE
L PIANO
IONI SU
NASCE
izzatori
Ammort li
c
so ia
re
è semp sica
mu
.
..
ta
li
la so
AZ
OSSERV
VE D
R
E
C
O
I
STU D
enti
.. fallim de
.
i
d
2
1
0
Un 2
ila aziPeun
m
2
1
zzovio
e
s
chiu
di Giorgio
O
GIANAT iti
I
T
R
A
F
CON
ei cred
od
Nel Risik “factoring”e
vincediiAl lessandro Schiron
E NTI
M
I
T
S
E
INV
ked”
e
L'unionra
icoltu
fa l'agr
TESA TR
DALL'IN
INOLO
ario il Pre
vo letter
espressi io 2013 ha anlito stile
el suo so ndola il 19 febbra aordinario per
Ve
piano str
a. Con
sidente
un
rog
di
de
ro
il va
li in
ori socia
nunciato
sistema
mortizzat dell'azione di
ri di am
e degli
ne
mpiego
i percetto no, in attuazio
che di rei ni, la regione
pia
r le politi
questo
oraimi tre an
Work pe
ult
to
gli
re
.000 lav
i de
Welfa
ci
to region carico” i circa 40 ione in desta
rdi
Levantan
raz
acco
re in
gg. 4-5
ssa integ marli ed ac“prende
alle pa
00) e ca
intende
ità (17.0 ne il reddito, for nto lavorabil
mo
tori in
AFIA
), integrar rso di reinserime rtà e pro00
3.0
ADIOGR
perco
roga (2
lla pove
ATICA R
narli in un “farsi carico de
compag
di
DRAMM
l'intento .
l'aggiortivo, con
muovere nze di
erla”
pro
att
di
mb
to
compete
vare a co sce con l'inten
na
nto delle ecifici tirocini
Il piano
sp
tenziame
ed il po
raverso
'interno
namento 0 lavoratori att litiche attive all tema
po
.00
ere il sis
ntare le
quei 40
olg
me
inv
ple
co
one
i, im
go),
ricollocazi li
formativ
r l'impie
lla
pe
de
tri
ne
socia
zio
(Cen
rtizzatori
dei CPI
lla promo
ti locali ne rcettori di ammo gno al reddito
degli en
pe
ste
i
so
tor
il
ora
deroga
tire
zatori in
di quei lav ed infine garan
ammortiz
a
in derog tori esclusi dagli
nelle
ervento
per i lavora l 2013.
int
di
rilinee
da
pegnate
lle sette
a partire
ngono im 11 mln in
zione de
lato, ve
ca
ico
In attua
cir
art
ali
piano è 1.036 , delle qu oratori che nel
quali il
lav
e
ri a 76.32 al reddito per i
re risors
alt
le
sorse pa
o
e
sostegn
io, mentr to decantate,
misure di no dal benefic
ziare le tan
ssa
lavoro.
2013 ce servire per finan e attive per il
ero
ee di inlitich
lin
po
,
tte
ate
se
dovrebb
tic
le
talogo
poco pra no nel dettaglio
di un Ca
quanto
quali so
mazione
gione e
Vediamo prima è la for
dalla Re figura
. La
ni
disposto
tervento
tiva pre
ità per og anismi
rta forma ice di occupabil
org
ffe
gli
ll'o
de
ale
ind
to di un so prevista, al qu seconda è la
correda
La
ingere.
nale in es
i lavoraprofesso ne dovranno att competenze de
sso i
zio
lle
uarsi pre
di forma del bilancio de
ori da att bbe servire
ne
zat
zio
rtiz
mo
ZIONE
forma
cio dovre
ri di am
an
OCCUPA
tto
Bil
formaIl
rce
rsi
).
tori pe
r l'impiego lavoratori ai perco tto forpe
tri
en
bre
CPI (C
irizzare i
ati nel “Li
ind
es
og
r
pil
pe
trà
rie
po
da guida primo punto,
tori, e
i al
rà i lavora endano accetivi di cu e accompagne
int
i
se che
ch
verossia
mativo”
lle impre
attro, ov istente
ionato da ervento tre e qu
sere vis
nale cons e dei
int
zio
di
pa
ee
cu
lin
oc
nzion
dere alle
i e la dote lordo per l'assu ndo le
tiv
ma
tirocini for l costo salariale ntaggiate seco
1 del
de
sva
nel 50% in condizioni
so 2/201 internell'avvi
i
di
lavorator dalità utilizzate voro. Le linee
esa
mo
per il La ai protocolli di int stesse
rio
na
im
rdi
ao
ative
alità alle
Piano Str e e sei sono rel
re premi
qu
riconosce
r
vento cin
pe
I
e UP
con ANCI
n NICOL
G
A CONFA
A CONT
N
ASSION
DELL A P
n
“index li ature
e
l
l
a
o
i
h
Occ
anti foreMgelpignano
a
d
i
u
g
a
un
di Massim
24 pagine - 1 euro
RG A
SUL GA
più esasperati, tanto che ieri un
gruppetto incappucciato ha bruciato le bandiere europee davanti
al Parlamento riunito proprio per
varare il "piano B". Ma il segnale
che arriva da Bruxelles è fin troppo
chiaro: il tempo stringe e una soluzione va trovata entro martedì, quando la Bce sospenderà la liquidità
d'emergenza che ha
garantito finora. Nicosia ci prova e
cede su quello che
fino a ieri sembrava
un imperativo: i prelievi sui conti correnti
bancari. Complice forse il
mancato accordo con la Russia,
durante l'ultimo incontro con la
Troika i rappresentanti del Governo hanno aperto alla possibilità
di ritirare fino al 15% dai depositi
con più di 100mila euro, risparmiando così i piccoli correntisti.
IEME
AGRINScoltori
OCO
NO IL FU
Il prelievo forzoso ci sarà, ma dai
conti superiori ai 100 mila euro,
con una percentuale-stangata
che dovrebbe oscillare tra il 10 e il
15%. Il "piano B" che il governo cipriota ha presentato al Parlamento arriva dopo l'ennesima
lunga giornata di trattative.
Che inizia con il no della
Russia alle richieste
di aiuto di Cipro, prosegue con la mano
tesa di Atene che rileverà le filiali di Nicosia in Grecia e si
svolge sotto gli occhi
di un'Unione europea
sempre più severa, con i
Paesi rigoristi, guidati come al solito dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, che avvertono: Cipro
non metta troppo alla prova la pazienza dell'Eurozona. Sullo sfondo
il panico dei cittadini ciprioti, da
giorni in fila ai bancomat, sempre
Oggi in edicola
PAG. 18
Cipro: sì a prelievi forzati
ma oltre i 100mila euro
GNANI A
TO - STA
IS
R
C
I
ED
Italia fa sempre di più i conti con la miseria tanto
che, quest'anno, il numero di persone "assolutamente povere" supererà quota 4 milioni. A lanciare l'allarme, l'ennesimo, è la Confcommercio, secondo
la quale nel 2013 saranno ampiamente superati i 3,5 milioni di poveri certificati ufficialmente dall'Istat per il 2011.
Si tratta di oltre il 6% della popolazione, contro il 3,9% registrato nel 2006. Dati che fanno tremare i polsi e che non
sono i soli. Il nuovo indicatore macroeconomico mensile
della Confcommercio, denominato Misery index e diffuso
nel consueto Forum di Cernobbio, certifica anche che l'Italia in cinque anni ha prodotto circa 615 nuovi poveri al
giorno, e quest'area di disagio grave è destinata a crescere
ancora, e di molto. "Sono dati che vanno presi molto sul
serio e in una certa misura non sono inattesi", è il commento del ministro del Lavoro, Elsa Fornero. E non va meglio sul fronte del Pil: quest'anno il calo del prodotto interno lordo italiano sarà peggiore delle ultime recenti previsioni. La Confcommercio prevede per il 2013 un taglio
dell'1,7% contro un ribasso dello 0,8% indicato cinque
mesi fa. Timide speranze per il 2014, anno per il quale la
previsione è di un rialzo dell'1% netto.
Dalla ricerca emerge poi che, nella crisi del lavoro, Italia e
SE
DA UNO
D: 12MIL
CERVE
STUDIO
DE CHIU
A AZIEN
imento
Un fall l'altro
dietro
lavoro
Offerta et:
su internnda
a
più dom erta
e più off
CIETÀ SP
RSO A SO
IL RICO
ATE
ECIALIZZ
la"
ring "vo
Il facto alla crisi
d
spinto
6
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
Ancora violenza negli Stati Uniti. Nella cittadina di Brunswick un bimbo di 13 mesi è stato
ucciso, con un colpo di pistola alla testa da un 15enne che voleva rapinare la madre e
che aveva un complice più piccolo di lui. E ancora, in una base militare a Quantico, in
Virginia, un marine ha ucciso due suoi commilitoni, un uomo e una donna, e poi si è
suicidato, gettando nello sconcerto il corpo dei Marine che appena lunedì s corso ha
perso altri sette militari, in un'esplosione accidentale in una base in Nevada.
AT TUALITÀ
Allarme armi in Usa: bimbo di 13 mesi ucciso
da baby rapinatore e duplice omicidio tra marines
7
VATICANO n ALLA MESSA IL PAPA HA VOLUTO ANCHE I GIARDINIERI E I NETTURBINI
Francesco ai diplomatici:
"Costruiamo pace e ponti"
n GIOVANNA CHIRRI
"L
ottare contro la povertà, sia materiale che spirituale; edificare la
pace e costruire ponti". Questi i
"punti di riferimento di un cammino al quale" il
Papa ha invitato "ciascuno dei Paesi"
rappresentati nella udienza al
Corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede.
Centottanta i Paesi, più
diverse organizzazioni internazionali, i cui ambasciatori hanno stretto la
mano al Papa, nella Sala
Regia, per la tradizionale
udienza degli ambasciatori con ogni nuovo pontefice, dopo la sua elezione.
Agli ambasciatori Papa Francesco ha spiegato le linee portanti
del suo impegno e dell'impegno della sua diplomazia, per tutti i popoli. Con voi, ha detto,
abbraccio idealmente i vostri popoli, i vostri
concittadini, di cui ho presenti "gioie,
drammi, attese, desideri". Per la prima volta
nella storia della Chiesa moderna, il discorso
al Corpo diplomatico non è stato pronunciato
in francese, ma in italiano, la lingua di San
Francesco d'Assisi, di cui il nuovo Papa ha assunto il nome. San Francesco, ha ricordato il
Pontefice agli ambasciatori, è "una personalità che è ben nota al di là dei confini
dell'Italia e dell'Europa e anche
tra coloro che non professano la fede cattolica". Ebbene, ha spiegato il Papa
venuto dalla fine del
mondo, "uno dei primi
motivi" per cui ha scelto
di chiamarsi Francesco
è l'amore del santo di
Assisi per i poveri.
"Quanti poveri ci sono ancora al mondo - ha sottolineato il Papa - e quanta sofferenza incontrano queste persone".
Seguendo san Francesco "la Chiesa ha cercato sempre di avere cura, di custodire, in
ogni angolo della terra, chi soffre per l'indigenza". Il Papa ha poi ricordato la "povertà
spirituale" che affligge anche i Paesi ricchi,
MEDIORIENTE / OBAMA PROPIZIA LA NUOVA INTESA
Pace tra Israele e Turchia
Pace tra Israele e Turchia.
Dopo lo storico discorso di
Gerusalemme, i fatti: il presidente Usa Barack Obama - al
suo ultimo giorno di visita in
Israele prima di partire per la
Giordania - scioglie un nodo
diplomatico internazionale
di grande rilevanza e riavvia i
rapporti tra i due Paesi, congelati dopo la vicenda
dell’assalto alla Mavi Marmara del 2010. Il premier Benyamin Netanyahu ha telefonato - 30 minuti di conversazione, sotto gli occhi di
Obama - al presidente turco
Recep Tayyip Erdogan porgendogli le scuse (invocate
da tempo e ora accettate)
per la morte dei 9 attivisti
nell’attracco israeliano alla
nave, decisa a forzare il
blocco imposto a Gaza. Ora
Israele e Turchia torneranno
a “normali relazioni diplomatiche” e si scambieranno gli
ambasciatori. Nella telefonata, Netanyahu ha chiarito
che “le conseguenze tragiche della navigazione della
Mavi Marmara non sono
state “premeditate”.
già denunciata dal suo predecessore quando
criticava la "dittatura del relativismo". Questa
dittatura, ha commentato il nuovo Papa, "lascia ognuno come misura di se stesso e
mette in pericolo la convivenza tra gli uomini". Da qui la "seconda ragione" per la
scelta del nome: "edificare la pace",
giacché "non c'è vera pace
senza verità", "se ciascuno è
misura di se stesso, se
ciascuno può rivendicare
sempre e solo il proprio
diritto, senza curarsi
allo stesso tempo del
bene degli altri, di tutti,
a partire dalla natura
che accomuna ogni essere umano sulla terra".
Pontefice, uno degli appellativi del "vescovo di Roma", ha ricordato Francesco, vuol dire costruire ponti, e questo diventa un ulteriore
punto nel "cammino" comune di tutti i popoli
a cui il Papa invita i "Paesi" che gli ambasciatori rappresentano. Il Papa ha ricordato che
viene da una famiglia di emigrati piemontesi
e per questo gli sembra importante "incontrarsi e creare spazi di autentica fraternità".
Prima di concludere, un accenno alla importanza delle religioni per la pace, e il ringraziamento a tutti gli islamici, i non credenti e gli
esponenti di altre fedi che hanno partecipato
alla messa di inizio del suo pontificato. E una chiusa "ecologista":
il cammino che l'umanità ha
di fronte è "difficile" solo
"se non impariamo
sempre più ad amare
questa nostra Terra".
E sono usciti commossi dalla cappella di
Santa Marta i netturbini
e i giardinieri che lavorano in Vaticano e che
hanno partecipato alla
Messa di Papa Francesco. Alla
fine della celebrazione il pontefice ha
voluto conoscerli tutti, uno per uno, e per ciascuno di loro ha avuto una parola. E' stata
una vera e propria sorpresa per gli oltre trenta
dipendenti che hanno accolto con gioia l'invito del Pontefice.
VIA D'AMELIO / IL CAPO DELLO STATO CHIAMATO A DEPORRE
Napolitano al Borsellino IV
Nella lunghissima lista di testimoni
che deporranno al quarto processo
per la strage di via D’Amelio, che ieri
ha preso il via a Caltanissetta, c’è
anche il presidente della Repubblica
Giorgio Napolitano. Al capo dello
Stato i giudici della corte d’assise
chiederanno se e cosa sappia di una
serie di fatti che potrebbero essere
fondamentali per la ricostruzione
dello scenario che ha fatto da sfondo
all’attentato costato la vita al giudice
Paolo Borsellino e agli agenti della sua scorta.
A chiedere la citazione di Napolitano è stato uno dei legali di parte civile: il difensore del fratello di Borsellino,
Salvatore. Il collegio gli ha dato ragione ritenendo rilevante la testimonianza del presidente della Repubblica.
Su una richiesta, però, è arrivato lo stop dei giudici: la
deposizione non riguarderà le conversazioni tra il capo
dello Stato e l’ex ministro Nicola Mancino intercettate
nei mesi scorsi dai pm di Palermo che indagavano sulla
trattativa Stato-mafia. La testimonianza sul punto sarebbe “manifestamente irrilevante” e la citazione “lesiva
della riservatezza delle conversazioni del presidente
della Repubblica”, hanno argomentato i magistrati. Una decisione in
linea con la sentenza della Consulta
che si è chiaramente espressa sulle
prerogative del capo dello Stato, accogliendo il ricorso del Colle nel conflitto di attribuzioni con la Procura di
Palermo. La testimonianza di Napolitano potrebbe, almeno a dire del legale di parte civile, servire a fare
chiarezza su alcune vicende che fecero da sfondo alla strage: dalle ragioni della sostituzione, a giugno del ‘92, di Vincenzo
Scotti con Nicola Mancino alla guida del Viminale, alla
trattativa che pezzi dell’Arma dei carabinieri avrebbero
avviato con Cosa nostra. Il capo dello Stato allora era
presidente della Camera, un ruolo che l’avrebbe reso un
osservatore privilegiato di quanto accadeva nei palazzi
del potere. Ma Napolitano non sarà l’unico teste eccellente: tra gli oltre 300 testimoni citati ci saranno anche
l’ex capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi, ex ministri
come Giovanni Conso e Nicola Mancino, vertici di polizia
e carabinieri e magistrati come Ilda Boccassini e Annamaria Palma.
EPolis Bari
REGIONE
&
PROVINCIA
8
Sabato 23 marzo 2013
Tra Bari e Foggia la filiera delle griffe tarocche
in tre presi dalla GdF (17 gli indagati)
Una vera e propria filiera di griffe contraffatte dell'abbigliamento è stata smantellata dalla Guardia di finanza che
ha posto tre persone agli arresti domiciliari: Carmine Amore, di 49 anni, di Bitonto, Giovanni Fiorentino, di 48, di
Giovinazzo, Giuseppe Colucia, barese di 65. Obbligo di dimora per Caterina Botta, bitontina di 44 anni. I
finanzieri hanno sottoposto a sequestro tre locali e due auto. Diciassette le persone complessivamente indagate
accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla contraffazione di prodotti industriali,
commercio di prodotti con segni falsi e ricettazione. L'associazione operava tra le province di Bari e Foggia.
IL PASTICCIO n I DUE MARÒ DA IERI SONO NELL’AMBASCIATA ITALIANA
Girone e Latorre in India
in Italia Terzi nel mirino
n “Siamo militari, andiamo avanti”: le
sole parole trapelate a New Delhi
n MAURIZIO SALVI
I
nfuria la polemica in Italia sul rientro in India dei due marò, con il governo che
finisce nel mirino di critiche durissime da parte del centrodestra. Massim iliano Latorre e Salvatore Girone -che Roma lo scorso 11 marzo
aveva annunciato di voler trattenere in Italia a causa delle violazioni indiane del diritto internazionale - sono arrivati ieri
a New Delhi poche ore prima della scadenza del permesso loro concesso dalla Corte Suprema locale.
"Siamo militari, andiamo avanti", sono le uniche
parole trapelate dei due militari.
Di fronte alla bufera suscitata dal rapido
mutamento di strategia da parte dell'Italia,
martedì - probabilmente per bocca dei ministri degli Esteri Giulio Terzi e della Difesa
Giampaolo Di Paola - il governo presenterà
una informativa alla Camera. Latorre e Girone invece, che avevano accarezzato il
sogno di tornare finalmente a vivere una
vita normale a casa loro, in Puglia, dopo l'incidente in mare del 15 febbraio 2012 in cui
morirono due pescatori indiani, si sono ritrovati
di nuovo ospiti della ambasciata d'Italia a New
Delhi. Qui erano stati per un mese fra gennaio e febbraio, dopo la permanenza di un anno nello Stato meridionale del Kerala.
Il sottosegretario agli Esteri Staffan de Mistura, che li ha accompagnati sull'aereo militare partito da Brindisi, ha incontrato il ministro degli
Esteri Salman Khurshid e poi ha affrontato un centinaio di giornalisti in una
conferenza stampa in cui ha sostenuto che "é stata definitivamente disinnescata una pericolosa crisi diplomatica" fra Italia ed India. De Mistura ha spiegato che "solo una assicurazione scritta da parte del ministero degli Esteri indiano che ha sgomberato il terreno dall'uso della pena di morte ha aperto la
strada a una revisione della posizione italiana sul ritorno dei marò". "Adesso -
Su Facebook
la rabbia
dei parenti
dei fucilieri
DA CASA GIRONE SPARISCE
IL TRICOLORE, EMILIANO E
AMORUSO SOLIDALI CON LE
FAMIGLIE DEI MILITARI
n E i ministro degli Esteri parla di
“polemiche senza alcun senso”
ha sottolineato - aspettiamo che l'India costituisca in tempi rapidi il tribunale
speciale richiesto dalla Corte Suprema indiana il 18 gennaio scorso".
Ma i dettagli di questa operazione - che pure New Delhi ha assicurato di
voler espletare "velocemente" - e il risultato dei colloqui con l'India sono passati in secondo piano, sommersi nella tempesta politica scatenata in Italia soprattutto dalle file del centrodestra. Gaetano Quagliariello, del Pdl, ha parlato di "un nuovo 8
settembre", Renato Brunetta ha sostenuto che
"stiamo tornando alla vecchia Italietta", mentre
Maurizio Gasparri si è scagliato contro una "gestione inetta". Gli strali sono stati per lo più
puntati sul premier Monti e sul ministro
Terzi, indicato da alcuni come il responsabile di una clamorosa “debacle” che "ha
danneggiato gravemente il prestigio dell'Italia".
"Polemiche senza alcun senso", le ha liquidate il titolare della Farnesina, rispondendo anche ad alcune indiscrezioni secondo cui durante la riunione del Cisr (Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica) di giovedì era stato messo sotto processo per aver deciso, lui più di altri, di trattenere i
marò in Italia. "Tutte le decisioni sui marò e sui rapporti con l'India - ha assicurato da Dublino - sono state
prese dal governo collegialmente. E non solo quelle di questi
ultimi giorni, ma fin dall'inizio e durante tutta la vicenda". Prima del
ministro era stato Palazzo Chigi a smentire la circostanza. "In realtà - si
spiega - non ci sono stati nessuna accusa e nessun processo al ministro
degli Esteri". Da parte sua De Mistura ha assicurato che i marò hanno evitato
così anche solo l'ipotesi - come da assicurazioni indiane - di essere condannati alla pena di morte. "Loro - ha detto - tornano nelle stesse condizioni in
cui erano prima della partenza per il permesso. Liberi di muoversi e impiegati
come funzionari nell'ufficio dell'Addetto militare dell'ambasciata italiana".
L’INCHIESTA / AI DOMICILIARI PER CONCUSSIONE, IERI INTERROGATORIO DI GARANZIA
Il perito del tribunale respinge le accuse
"Mai chiesto soldi per una perizia".
Primo Scapellato, consulente del Tribunale di Bari, si è difeso così per due ore
dall'accusa di concussione che la Procura gli contesta e per la quale giovedì è
finito agli arresti domiciliari. Scapellato
è accusato di aver chiesto, d'intesa con
il suo collaboratore Giovanni Dell'Avvocato (anche lui ai domiciliari), 20mila
euro alla vittima di un incidente stradale
DOPO LA PARTENZA
in cambio di una perizia favorevole. Nell'interrogatorio di garanzia davanti al
gup, Scapellato ha respinto ogni addebito. "Non sapevo nulla di quel denaro",
ha detto al giudice, offrendo anche
nuovi spunti sulla vicenda per dimostrare la sua totale estraneità ai fatti
che gli vengono contestati. Le indagini
sono scaturite da una querela presentata da una persona coinvolta in un inci-
dente che, in primo grado, aveva ottenuto dal giudice di pace il riconoscimento di una provvisionale di 300mila
euro a titolo di risarcimento per i danni
fisici riportati. La sentenza è stata poi
impugnata dalla compagnia assicurativa e il procedimento è pendente in appello davanti al giudice monocratico di
Acquaviva. In secondo grado Scapellato
era stato nominato perito dal giudice.
n Salvatore Girone in partenza giovedì sera da Bari.
Sotto il sottosegretario De Mistura e l’ambasciatore
Mancini; in basso i ministri Terzi e Severino
L'OPPOSIZIONE: TROPPI ASSESSORI
Ritorna il sereno
tra Vendola e il Pd
Romano alla guida
dei Democratici
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
Il Movimento 5 stelle di Bari allestisce un gazebo
domani mattina dalle 9 alle 13 in piazza De Romita
Il Movimento 5 Stelle di Bari sarà presente con un gazebo, domani, in piazza Giuseppe Romita,
dalle 9 alle 13. Continuano dunque gli appuntamenti "per recuperare - si legge in una nota - il
senso della Comunità e favorire la costruzione del programma comunale con proposte raccolte dai
baresi quartiere per quartiere. Il cittadino ritorna ad avere un ruolo di primaria centralità nella vita
pubblica, oltre che un potere di iniziativa nuovo dando vita a una democrazia partecipata e a
processi decisionali inclusivi".
REGIONE
&
PROVINCIA
Non riescono ancora a crederci i familiari di Massimiliano Latorre e Salvatore
Girone: la certezza di riaverli finalmente
a casa sembrava ormai definitiva. Lo
aveva assicurato lo stesso ministro
degli Esteri, Giulio Terzi: "I marò non dovranno rientrare in India". E ora, all'indomani della loro partenza, fare i conti col
dolore è più difficile che mai.
"Sono svuotata, non ho parole!", scrive
su Facebook Franca Latorre, sorella del
marò tarantino Massimiliano. "Fatti
forza, devi avere tanto coraggio" e "portare avanti questa battaglia che ora ci
vede più soli", le rispondono in tanti ai
quali si alterna chi inveisce contro il Governo, invitandolo a "vergognarsi per
aver venduto i nostri militari". Dichiarazioni che affidano ai parenti dei fucilieri
anche il compito di contenere la rabbia:
"Sono d'accordo con voi nell'esprimere il
proprio pensiero", scrive un'altra sorella
di Massimiliano, Carolina, "ma questo
dovrà essere fatto con rispetto ed educazione, senza offendere nessuno in
quanto non possono replicare: commenti e post offensivi saranno cancellati".
Intanto da ieri, in una Torre a Mare di
Bari assolata, dal balcone dell'abitazione del marò Salvatore Girone non
sventola più la bandiera tricolore con
l'effige del battaglione San Marco:
forse, in questi giorni, ha permesso a
troppe telecamere di individuare la casa
del fuciliere barese. E' da qui che giovedì
sera è ripartito Salvatore, portando con
sé le lacrime e le parole del figlio: "Sono
orgoglioso di avere un papà come lui". A
portare la propria solidarietà c'era
anche il sindaco di Bari, Michele Emiliano, che ha definito "incapaci i ministri
e il capo del Governo italiano" perché
hanno "fatto credere ai marò di non
poter rispettare l'impegno preso con
l'India".
Invece, allo scadere della licenza di un
mese, concessa ai fucilieri dalla Corte
suprema di New Delhi per votare, Massimiliano e Salvatore hanno dovuto rifare
le valigie e strapparsi ancora una volta
dalle braccia dei propri cari. Un epilogo
causato dal "modo disastroso in cui il
Governo Monti ha gestito l'intera vicenda", ribadisce il coordinatore del Pdl
pugliese, senatore Francesco Amoruso.
9
ANNO GIUDIZIARIO n RELAZIONE DEL PRESIDENTE ALLEGRETTA
Ricorsi al Tar diminuiti
è un segno della crisi
L
a domanda di giustizia nel 2012
presso il Tar della Puglia registra un
decremento del 16,9% del numero
totale dei ricorsi depositati (1.849) rispetto al 2011 (2.226). Il dato è stato
fornito dal presidente del Tribunale amministrativo pugliese, Corrado Allegretta,
nella relazione tenuta all’inaugurazione
dell’anno giudiziario amministrativo a
Bari. La diminuzione dei ricorsi al Tar, secondo la relazione di Allegretta, riflette la
situazione economica del Paese ed investe tutti i settori: edilizia, urbanistica, ambiente, attività contrattuale pubblica.
“Certo è - ha rilevato il
presidente - che il rallentamento delle dinamiche economiche e sociali consegue necessariamente la contrazione
anche del loro risvolto
contenzioso”.
Le domande di giustizia al Tar Puglia nel
2012 sono state 2.257 (rispetto alle
2.597 del 2011) e di queste quasi il
53,2% recava la richiesta di misura cautelare. “Alla flessione - secondo Allegretta sicuramente ha concorso l’inasprimento
del costo d’accesso alla giustizia. Il contributo unificato dovuto per ogni domanda
nuova, secondo la legge n. 228 del 2012,
di sicuro rappresenta un forte disincentivo
specialmente nel contenzioso relativo agli
appalti. L’eccessiva tassazione di un servizio concernente il diritto che ben può es-
Pino Romano è il nuovo capogruppo del Pd alla Regione Puglia, al posto di Antonio Decaro che, eletto alla Camera, si
dovrà dimettere. Romano si è detto "molto onorato" per l'incarico ed assicurando che, in questa fase, l'ascolto delle
istanze dei cittadini sara prioritario. Il suo diretto concorrente, Mario Loizzo, ha ringraziato i colleghi che lo hanno votato, promettendo "un grande impegno per il rilancio del Pd",
com'è noto uscito duramente provato, in Puglia, nell'ultima
tornata elettorale. Ed è tornata anche la pace con Vendola.
Ieri il primo faccia a faccia dopo la presentazione della nuova
Giunta con l'ingresso di Giovanni Giannini, al quale hanno
preso parte anche il segretario regionale Sergio Blasi e lo
stesso Romano. Vendola ha definito "fondamentale" il contributo dei Democratici.
Intanto, le opposizioni, come annunciato nei giorni scorsi,
ieri hanno depositato una mozione "da discutere in Consiglio
sere annoverato tra quelli fondamentali
della persona, qual è quello di accedere
alla giustizia, si risolve in concreto nel conculcare il diritto stesso”.
In particolare, nell’edilizia ed urbanistica i
ricorsi proposti nel 2012 sono stati 346 a
fronte dei 395 del 2011, di questi il numero più elevato di impugnazioni (152) riguarda un abuso edilizio. Anche le controversie in materia di ambiente sono in calo:
le nuove cause sono 173 rispetto alle 266
del 2011 e riguardano prevalentemente lo
sfruttamento delle fonti
rinnovabili di energia,
con un numero di ricorsi sensibilmente minore (128 del 2012) rispetto al 2011 (252).
Il presidente della
Giunta regionale Nichi
Vendola, intervenendo
alla cerimonia al Tribunale amministrativo ha
rilevato che "il legislatore finora ha operato con spirito di improvvisazione abbattendo le tariffe dell'avvocatura con un atteggiamento demagogico che è riuscito a rendere sempre più
precari soprattutto i giovani avvocati, innalzando anche la soglia economica dell'accesso alla giustizia. Il diritto alla giustizia viene ferito nella sua impossibilità ha detto ancora - dalla sua impossibilità
ad essere esercitato quando è troppo
esoso, la giustizia oggi è un obiettivo
sempre più lontano rispetto ai bisogni dei
cittadini".
Durissimo il governatore della Regione Puglia: così
si ferisce il diritto
alla giustizia dei
cittadini
regionale con cui chiediamo al presidente Vendola un atto di
sobrietà e coerenza politica: ridurre la Giunta ad un massimo
di 10 componenti con massimo 2 esterni contro gli attuali 11
assessori, di cui 5 esterni (con ipotesi di nominarne addirittura un 12mo). Così Vendola - scrivono i consiglieri - sarebbe
consequenziale con quanto stabilito a dicembre scorso da
tutto il Consiglio regionale e darebbe un segnale di responsabilità ai cittadini pugliesi sul fronte del risparmio dei costi
della politica anche in anticipo rispetto agli obblighi di legge,
proprio come abbiamo fatto noi consiglieri consentendo a lui
anche di vantarsi pubblicamente del nostro gesto”.
“Pur sapendo bene - continuano - che le modifiche allo
Statuto approvate a dicembre dal Consiglio entreranno formalmente ed obbligatoriamente in vigore solo a partire dalla
prossima legislatura, non si capisce perché Vendola perda
l’occasione di essere coerente e consequenziale".
n Il presidente del Tar, Corrado Allegretta mentre legge
la relazione all’apertura dell’anno giudiziario (sotto)
10 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
BARI
L'annuncio pubblicato nei giorni scorsi
sul Corriere della Sera e su Telenorba
"FishandShips", la fiera del mare naufragata prima ancora di salpare, non è un battello passato
inosservato. Potenziali visitatori ed espositori, infatti, ne hanno trovato traccia nelle settimane
scorse sull'edizione nazionale del Corriere della Sera e su Telenorba. Nell'annuncio a destra - a
pag. 28 del Corsera del 14 marzo scorso - sono anche indicati tre numeri di telefono per ricevere
maggiori informazioni. Abbiamo provato a chiamare più volte e per più giorni, senza tuttavia
riuscire mai a parlare con la signora incaricata della fiera del mare. (a.d.p.)
FIERA DEL LEVANTE / ANNULLATA "FISHANDSHIPS", FIERA DEL MARE IN PROGRAMMA AD APRILE
n Leonardo Volpicella, dg della Fiera
Il buco
nell'acqua
n Gianfranco Viesti, presidente Fiera
n ALESSANDRO DI PIERRO
[email protected]
U
n L'aforisma sul sito della Fiera del Levante attribuito al direttore generale
Leonardo Volpicella. In realtà la celebre frase è di... Albert Einstein
n buco nell'acqua. Si conclude
così, senza neanche nascere, la
breve storia di "FishandShips - La
fiera di chi ama il mare", evento progettato - e pubblicizzato - dalla Fiera del Levante, ma naufragato prima ancora di
salpare. Sì, perché il neonato evento marinaro, in programma dal 25 al 28 aprile
del 2013, è stato cancellato.
La decisione di annullare tutto è stata
presa giovedì pomeriggio dal vertice
dell'Ente fieristico. Ieri mattina, invece,
la comunicazione agli enti fondatori Comune, Provincia e Camera di Com-
mercio - e alla Regione. Il motivo del
flop sembra essere il basso numero di
adesioni fra gli espositori che rende insostenibile il costo oltre che poco attraente l'evento.
Il progetto. "Leisure, turismo, economia, alimentazione e ambiente"
sono le cinque declinazioni della naufragata "FishandShips". "Non soltanto
una fiera, ma un insieme di esperienze
legate al mare" si legge nelle slide di
presentazione inviate agli espositori (a
destra le foto) che avrebbero dovuto
prendere forma nei 15mila mq del
nuovo padiglione della Fiera, nei
10mila mq del piazzale interno al quartiere, nella darsena e nel piscine del
Centro universitario sportivo.
Il programma. Un programma ricco
sia per le esposizioni sia per le attività. Il
nuovo padiglione avrebbe ospitato strumenti e accessori per la navigazione,
attrezzi per la pesca e il turismo nautico,
scuole di nautica, editoria di settore,
momenti di approfondimento, laboratori marini e degustazioni di pesce
crudo e cotto. Nella darsena e nelle piscine del Cus erano previste esposizioni
di imbarcazioni usate, charter di pesca
e pescaturismo, prove di immersione e
uscite in barca, corsi di avvicinamento
alla navigazione. Nel piazzale si sarebbe
svolta una compravendita di imbarcazioni usate e nuove, oltre ad altre degu-
stazioni di pesce. Peccato però che rimarranno tutti a bocca asciutta, nonostante fossero stati anche fissati prezzo
e orari: ticket giornaliero da 5 euro e abbonamento 4 giorni da 10 euro per visitare "FishandShips" dalle 10 alle 21.
Gli espositori. La proposta per gli
espositori era di stand da 16 mq (40
euro/mq per "spazio libero" e 60
euro/mq per "spazio preallestito") o
spazio desk per associazioni-istituzioni
(a 160 euro), più posto barca in mare o
all'esterno a 400 euro. Di 140 euro, infine, la quota di iscrizione. Ma anche
per chi aveva deciso di investire nella
fiera è ormai giunta l'ora di tirare i remi
in barca.
PORTALE DELL'ENTE / L'EVENTO È SCOMPARSO, MA NEL WEB C'È ANCORA CHI LO PROMUOVE
Il "giallo" del sito: la fiera c'è, anzi no
"FishandShips"? Sul sito della Fiera del
Levante c'è... ma non c'è. Più che un mistero, una "magia" dell'informatica che rivela il tentativo di nascondere un evento
mai annunciato con "decisione" (seppur
pubblicizzato su alcuni media) e neanche
smentito ufficialmente. Il mistero è
presto svelato: la pagina che promuove
la fiera del mare di aprile esiste ancora,
ma in realtà non è accessibile (a meno
che non si conosca l'url) perché sul sito
dell'Ente non c'è nessun menu o banner
che la colleghi. Collegamenti però ce ne
sono in giro per il web, sui tanti forum e
siti di pesca e nautica che invitavano a
partecipare alla fiera barese. Su facebook c'è persino un "evento" di "NonsolomareTV" con 3.040 invitati e 11 adesioni
confermate. Tornando al sito della Fiera
del Levante, nella sezione "Eventi/Calen-
dario fiere" (foto a destra in fondo) non
c'è traccia di "FishandShips". In homepage però c'è una notizia curiosa (foto
subito a destra) dal titolo "Fiera del Levante si sta preparando per una Festa del
Mare", che annuncia per aprile 2014 un
evento-fotocopia di "FishandShips", ma
senza nome. Che stiano provando a riciclarlo per l'anno prossimo spacciandolo
per fresco? (a.d.p.)
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
11
BARI
LA NOTA / GLI EVENTI NON SI IMPROVVISANO
Naufragio annunciato
ci vorrebbe un... genio
n DIONISIO CICCARESE
[email protected]
U
n Qui sopra le slide di presentazione di "FishandShips - la fiera di chi ama il mare"
n naufragio. Un altro. Quello che raccontiamo
oggi è l'ennesimo fallimento (e, temiamo, non
sarà l'ultimo) della Fiera del Levante. Annunciato
pomposamente (sulle pagine nazionali del Corriere della
Sera) "FishandShips" è affondato. Dalla Fiera è partita in
queste ore una lettera di rinvio (sic!) dell'evento che in
altri tempi avrebbe fatto arrossire i firmatari, ma nei nostri
è fin troppo facile camuffare un clamoroso fiasco. A leggerla sembrerebbe addirittura un successo.
La Fiera, per rimanere in tema, è alla deriva. L'approssimazione dimostrata nel tentativo di organizzare
questo evento ha del clamoroso.
Analisi e strategia (attività sconosciute da tempo nel
quartiere fieristico) hanno fatto... acqua ed è colata a
picco la parte operativa che non è andata oltre modeste adesioni commerciali. Come al solito si è
pensato al prodotto, senza comprendere
il mercato, senza intercettare bisogni di espositori e visitatori,
senza tenere conto dei competitor di periodo (Padova e
Venezia). Nessuna possibilità di farne una manifestazione
accettabile.
Dunque "rinvio".
Forse proveranno a dirci
che non è vero e diranno
una bugia. E' possibile
pure che sparino numeri in
libertà (com'è già successo
per Eataly e come si fa nella
sgrammaticata brochure di presentazione di questo evento)
senza alcuna aderenza con i flussi economici del territorio e senza una pur banale
strategia di marketing. In realtà non è che un "buco
nell'acqua" generato, sia detto senza infingimenti,
dall'insufficienza di competenze manageriali (nelle
fiere degne di tal nome operano professionalità diverse e integrate).
La Fiera, così, continua ad implodere proprio nel momento in cui dovrebbe avere un ruolo straordinariamente vitale per favorire l'internazionalizzazione delle
imprese, vero tallone d'achille del Mezzogiorno (lettura suggerita anche se non richiesta: "La crisi sociale
del Mezzogiorno", studio scaricabile gratuitamente
dal sito del Censis).
Dalle nostre parti se ne è fatto un gioco di poltrone e
poltroncine molto distante da quella "Puglia migliore"
che il Governatore Vendola ci aveva fatto sognare. Ma
quello della "Puglia migliore" è ormai un puro riposizionamento verbale, che funziona con chi non ha voglia o
non è in grado di valutare indici economici che lasciano poco spazio alla prosa.
Siamo in pieno massacro, ma ancora dobbiamo
comprendere completamente che questi giochi si riverberano sulle nostre vite. Si lotta per sopravvivere e
per garantire (con responsabilità) un futuro decoroso
alle future generazioni.
Le Fiere sono in rilancio in molti Paesi europei (basterebbe partecipare all'appuntamento annuale del
Sole 24 ore per rendersene conto): hanno corretto il
modello di business e si sono adeguate alle nuove esigenze dei mercati. La nostra è un carrozzone dove
regna (molto più che ieri) una composizione da manuale Cencelli. E' vero, abbiamo straordinari cervelli,
ma nessuno li ha chiamati ad occuparsi della Fiera. La
valorizzazione e l'assegnazione dei ruoli, mai, purtroppo, come oggi, transita attraverso le appartenenze e non le competenze.
Ancora ci si divide nel tentativo di conservare luoghi
di potere e posizioni, ma non si comprende che la povertà avanza (allarme di ieri della Confcommercio),
il territorio arretra, le risorse sprecate e/o
perdute non generano valore, il capitale umano va a formarsi e a produrre altrove (diventando, paradossalmente, "avversario" del
territorio di provenienza).
Continuare a rastrellare
consensi con interventi a
pioggia che fanno leva
sulla disperazione delle
categorie e delle famiglie
più esposte alla crisi è delittuoso.
Il sistema bancario, l'università, i media, la Fiera sono il patrimonio di una comunità quando
sono capaci di valorizzare territori,
persone e progetti, di sostenere il capitale umano, di controllare la correttezza, di favorire la crescita, di esportare pensiero e prodotti. La
Fiera di Bari era un patrimonio, ora è a brandelli.
Siamo lacerati da una partitocrazia che in 20 anni ha
letteralmente ucciso e sepolto la meritocrazia. E' doloroso vedere che le vittime di ieri sono i carnefici di
oggi.
In ogni pagina del sito web della Fiera campeggia un
post it con una frase assai suggestiva: "Chi dice che è
impossibile non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo". Una frase geniale e, difatti, sebbene appaia
attribuita a Leonardo Volpicella, direttore generale
della FdL, è di Albert Einstein. Un genio, appunto.
Qualcuno avrà dimenticato di dare la corretta paternità a quell'aforisma facendo fare una magra figura al
direttore generale. Ma si può ancora rimediare. E nei
panni di Volpicella, visto l'inconveniente, ne faremmo
aggiungere un altro: "Due cose sono infinite: l'universo
e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora
dei dubbi". E' sempre di Albert Einstein.
12 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
A CHILOMETRI ILLIMITATI
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
Speciale
13
EVENTO GLOBALE n E' LA FESTIVITÀ PIÙ SENTITA DA TUTTI I CRISTIANI
La fine della Quaresima sfocia nella settimana della passione.
Ovunque, nel mondo, si mescolano i riti religiosi e le tradizioni culinarie
LA PASQUA
tra sacro e profano
VACANZE
Il relax
in Puglia
Come trascorrere il periodo
pasquale in Puglia? Ad
esempio con un giro tra uliveti, vigneti, mandorli e vecchie masserie in Costa dei
Trulli passando dalle coste
dell'Adriatico alla campagna
popolata dal lavoro dell'uomo, dove i muretti a secco
sostituiscono le siepi.
I DOLCI
Prevalgono
i … tipici
I “boconotti”, le “scarcelle” e i
“mustacciuoli” sono i prodotti
dolciari tipici più consumati in
tutto il territorio pugliese. All'interno troverete le prezioso
ricette per la loro preparazione.
Discorso a parte per uova e colombe che, quest'anno, presentano l'inconveniente di costare più dello scorso anno.
Sp3 BIS (ex SS. 581) - Km 39,00 Ceglie Messapica - Martina Franca (BR)
www.masseriatarturiello.com - [email protected] - tel. 0831.385712 - 392.2067368
14 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
15
PASQUA
NON SOLO
In Inghilterra, Olanda, Danimarca e Francia
la ricorrenza assume tanti colori
A Pasqua, in Inghilterra, si mangiano delle ciambelle chiamate “Hot
cross buns”. In Olanda tutto, viene decorato con fiori gialli. In Danimarca, invece, sono le tavole apparecchiate a colorarsi di giallo. In
Francia, poi, si racconta che in passato, per tradizione, il giorno di Pasqua l'uovo di gallina più grande spettasse al re.
LA STORIA n Una festa ricca di simboli
La Cristianità
si mobilita
nel mondo intero
La parola “Pasqua” significa
“passaggio” e potrebbe derivare dal termine latino
“Pasha” oppure da quello
ebraico “Pesah”.
Per gli ebrei la Pasqua coincide con la fuga del popolo
dall'Egitto e la Pasqua ebraica
dura ben sette giorni. Per i fedeli della religione cristiana la
ricorrenza è legata alla passione, morte e resurrezione
di Cristo. Inizialmente la Pasqua si calcolava utilizzando
il calendario babilonese e cadeva ogni anno in un giorno
diverso.
Nel 325 d.C. il Consiglio di
Nicea stabilì che la Pasqua
dovesse essere celebrata la
prima domenica di luna piena
dopo l'equinozio di primavera e, nel 525 d.C., fu sancito che la festa doveva ca-
dere tra il 22 marzo e il 25
aprile.
L'avvento della Pasqua cristiana è preceduta dal periodo
della
Quaresima:
questa inizia il venerdì delle
ceneri, quello della settimana
di Carnevale, e finisce il Sabato Santo, il giorno prima di
Pasqua.
Si tratta di festa ricca di simboli e tra questi va ricordato il
coniglio che, legandosi alla
lepre (simbolo di Cristo e di
Sant'Ambrogio), rappresenta
implicitamente la resurrezione; le uova sono simbolicamente legate alla vita e la
fecondità; la colomba, volando da Noè, secondo
quanto si racconta nell'episodio del diluvio universale, è
l'uccello simbolo di rappacificazione fra Dio e l'uomo.
PREZZI / CRESCIUTI RISPETTO AL 2012. ANCHE PER LE “COLOMBE”
Non rompete le uova…Costano!
Sarà una Pasqua meno dolce del passato
per i consumatori italiani.
Se da un lato i prezzi della carne e delle
uova sono interessati da aumenti contenuti, rilevano dall'osservatorio nazionale
di Federconsumatori, crescono su livelli
decisamente più elevati i prezzi delle uova
di cioccolato e della colomba.
Per i dolci tipici della festa primaverile, i
rincari quest'anno si attestano, rispettivamente, a + 8,5% e +8%.
"Nonostante non si respiri affatto aria di
festività, gli scaffali dei supermercati
sono già pieni dei prodotti tipici della pasqua"- spiega Federconsumatori, evidenziando come "a fronte del fortissimo calo
dei consumi in termini generali, ci saremmo aspettati una diminuzione dei
prezzi che, tuttavia, continua a non avvenire".
"Proprio tale andamento, unito al fatto
che la Pasqua coincide quest'anno proprio
con la fine del mese, determinerà una
grave contrazione dei consumi relativi ai
prodotti tipici, di oltre il -12% rispetto allo
scorso anno", afferma l'associazione.
"L'uovo di cioccolata, infatti, sarà riservato unicamente ai bambini, mentre già
spopolano su Internet le ricette di dolci e
colombe fatte in casa, all'insegna della
qualità, della creatività e soprattutto del
risparmio".
PASQUA
NON SOLO
16 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
Non secondari i percorsi storici salentini
Dai “pappamusci” alla processione femminile
Il Salento, terra del barocco, nei nuclei antichi di pietra calcarea, si accende di sfumature dorate nelle ore più dolci della giornata. Il pellegrinaggio dei “pappamusci” di Francavilla F., l'incontro tra la Madonna e il
Cristo morto sul muraglione di Gallipoli hanno come sfondo “i canti di
Passione” della Grecìa Salentina nella lingua grika del Salento e con la
processione al femminile di Botrugno.
ITINERARI n Il territorio pugliese offre un variegato bouquet di località dove rilassarsi
Da Castel del Monte ai trulli
Imbarazzo sulla scelta-vacanza
Come trascorrere il periodo pasquale
in Puglia? Ad esempio con un giro tra
uliveti, vigneti, mandorli e vecchie masserie in Costa dei Trulli passando dalle
coste dell'Adriatico alla campagna popolata dal lavoro dell'uomo, dove i muretti a secco sostituiscono le siepi, fino
ad arrivare alle dolci pendici dell'entroterra murgiano in cui spiccano, nella
loro pittoresca semplicità, i “pagliari” in
un paesaggio mosso da verdi avvallamenti.
L'itinerario consigliato? La suggestiva
"passione vivente" di Conversano, i pregevoli gruppi statuari di Molfetta, Ruvo
di Puglia, Valenzano e Bitonto, i "crociferi" di Noicattaro per un viaggio carico
di pathos.
Nella Bat, inevitabile la deviazione per
Castel del Monte, l'enigmatico e affascinante maniero voluto da Federico II, che
troneggia sul solitario paesaggio delle
Murge.
La reliquia della “Sacra Spina” di Andria
introduce ai riti processionali: dall'ultimo “incontro” tra Gesù e sua Madre a
Bisceglie ai canti strazianti delle donne
vestite di nero di Canosa di Puglia.
E nel Gargano? Si può optare per il
verde promontorio, immenso ciottolo di
calcare verdeggiante nel mare azzurro
dell'Adriatico, attraversando il paesaggio selvaggio della Foresta Umbra. Il
santuario di Padre Pio a San Giovanni
Rotondo e il Santuario di San Michele testimoniano questa terra di intima religiosità.
Dal più famoso luogo di culto micaelico dell'occidente latino, Monte Sant'Angelo, ai canti corali di Vico del Gargano, si procede per San Marco in Lamis
nel fragore delle “fracchie” che ardono
sotto il cielo stellato primaverile per
concludere con i “penitenti” di Troia.
Uno scenario in cui si fondono natura,
religione e storia.
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
17
PASQUA
NON SOLO
“Mustacciuoli” un must nel campo dei dessert
E imparate a come ben prepararli…
Per preparare i mustacciuoli tostare le mandorle in forno per 10', poi
farle raffreddare e tritarle con il mixer.
Zucchero e acqua vanno sciolti e impastati con mandorle e farina. Formare dei rotolini dal diametro di 3-4 cm e tagliarli a tocchetti di 4-5 cm.
Cuocere i biscottini a 200° per 15', farli raffreddare su una gratella.
Sciogliere il cioccolato al latte con il burro e un po' di acqua e glassare i
biscottini.
RICET TE n Due tra i più popolari dolci tipici del variegato assortimento pugliese
I boconotti
e le scarcelle
Guai a farli
mancare…
Tutti gli ingredienti necessari
Tra le ricette tipiche pugliesi per
il periodo pasquale non si può
non far riferimento alle scarcelle.
La preparazione? Mettere la farina nella spianatoia, al centro
vanno lo zucchero, l'olio, le uova,
il lievito e l'ammoniaca, unire
anche la vaniglia e impastate, se
occorre si può aggiungere un po'
di latte.
Bisogna ottenere un composto
tipo pasta frolla. Dare la forma
desiderata, ad esempio cestini,
cuoricini, colombe ecc, si può
anche inserire un uovo sodo.
Cuocere le scarcelle in forno
caldo a 180°C per circa 10 - 15
minuti.
Nel frattempo si può scegliere
se decorare le scarcelle con dei
semplici zuccherini e ovetti oppure con una glassa fatta con
300 grammi di zucchero a velo e
un albume, mescolare bene e poi
spalmare questa glassa sui biscotti dopo che si saranno raffreddati. Aggiungere qualche zuccherino colorato e fare asciugare.
Un altro dolce inconfondibile è
costituito dalle pastanelle o boconotti. Prendere una ciotola e mettere la farina, porre al centro
l'olio, lo zucchero e il sale e iniziare ad impastare, unire l'alcool e
l'acqua bollente per amalgamare
e impastare bene, si ottiene un
composto simile alla pasta frolla.
Avvolgere l'impasto in un canovaccio e farlo riposare mezz'o-
retta. Nel frattempo preparare il
ripieno, mescolare la marmellata
con le noci tritate. Stendere l'impasto e formare dei dischi di 10
centimetri di diametro, porre al
centro un cucchiaio di ripieno e
poi ripiegare tipo panzerotto, sigillare i bordi e cospargere di zucchero. Mettere le pastarelle in
forno a 180°C per 20 minuti.
18 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
agenzia BARI - BRINDISI
CLEVI s.r.l.
DIGIGraph - Torino
[email protected]
345.3349526 - 349.1159822
2013
dal 7 al 10 Aprile
Padiglione 10 Puglia isola F4
VERONA
PIRRO VARONE
società agricola S.r.l.
via Senatore Lacaita, 90 - 74024 Manduria (TA) - Telefono 339.742.90.98
www.pirrovarone.com - [email protected]
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
PASQUA
NON SOLO
Sono molto particolari le iniziative
nella settimana Santa a Molfetta
A Molfetta, la Confraternita della Morte, o del “sacco nero”, organizza le
processioni dell'Addolorata (il Venerdì di Passione) e quella della Pietà
(il Sabato Santo). Quella di Santo Stefano, o del “sacco rosso”, cura l'antichissima processione dei Misteri che comprende cinque statue, rivestite da prezioso estofado de oro, opera di affermato artista napoletano
del primo Seicento.
NEL BARESE n Tanti appuntamenti per credenti e non
Tutti i riti religiosi
sino alla Pasqua
Una dimensione fortemente teatrale e scenica caratterizza alcune manifestazioni
paraliturgiche
che
scandiscono la Quaresima e
la Settimana Santa in Puglia.
A Bisceglie il contatto avviene e proprio davanti al
monumento della Passione
eretto nella piazza principale. La vergine Maria, il
volto giovane e bellissimo
incorniciato nella capigliatura vera donata da una giovanetta, si china delicatamente sino a sfiorare con le
labbra la fronte martoriata
del Figlio ricurvo sotto il
peso di una pesante croce.
I via crauci di Noicattaro e
Triggiano, vestiti di sacco
nero e con corona di spine
sulla testa, seguono a piedi
scalzi i simboli sacri recando
sulle spalle pesanti croci.
19
Alle caviglie recano la catena
della “disciplina” con cui
sino a qualche decennio addietro si fustigavano durante i riti. Strumenti di
mortificazioni e “discipline”
sono ostentati anche nelle
processioni di Gioia del
Colle e di Valenzano. In quest'ultima cittadina la processione dei Misteri che ha
luogo al mattino del Venerdì
Santo è composta da circa
quaranta gruppi statuari di
proprietà
privati,
alcuni
anche di notevoli dimensioni, riproducenti scene
complesse
dell'itinerario
doloroso e della morte di
Cristo.
La processione si conclude
nella piazza principale con
la “predica grande” e l'affidamento, nelle braccia dell'Addolorata, del Cristo cro-
cifisso. A Bitonto sfilano la
statua del Cristo morto nella
spagnolesca “naca” (culla)
intagliata e dorata, l'Addolorata emergente da una
selva di candele accese, la
copia
seicentesca
della
S.Sindone, il trofeo floreale a
forma di tempietto con la
preziosa croce d'argento
contenente il Santo Legno.
Tra le processioni dell'Addolorata ricordiamo quelle
di Canosa il Venerdì di Passione e quella detta della
Desolata il Sabato Santo.
In quest'ultima la statua
della Madonna è seguita da
centinaia di ragazze vestite
di nero e con viso coperto
che procedendo a “catena”
intonano l'Inno alla Desolata
richiamante lo strazio della
Madre per l'ingiusta morte
del Figlio.
20 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
21
Rubano capi d’abbigliamento in tre negozi
di via Sparano: 4 studentesse arrestate
BARI
Hanno rubato capi di abbigliamento per un valore di 400 euro in tre negozi di via Sparano.
Si tratta di quattro ragazze arrestate dai Carabinieri, con l’accusa di furto aggravato in
concorso. Le ragazze, notate dai vigilanti del negozio che ne avevano seguito i movimenti
sospetti, sono state bloccate dai militari mentre tentavano di superare l’uscita.
L’ispezione dei loro zaini ha permesso di trovare i capi di abbigliamento, alc uni dei quali
presi in altri due negozi e alcuni taglierini utili a rimuovere i dispositivi antitaccheggio.
COMUNE n 4,5 MILIONI EROGATI DALLA REGIONE, SÌ ANCHE PER LA BIBLIOTECA DI CARRASSI
Un centro servizi per gli artigiani
a S. Caterina: ora c’è l’annuncio...
U
n centro servizi interamente
dedicato agli artigiani, da
realizzare a Santa Caterina.
E' questo il progetto che l'assessore ai
Lavori pubblici Marco Lacarra porterà
in Giunta lunedì. I fondi ci sono: 4,5
milioni già erogati dalla Regione. Insomma, dopo l'approvazione, i tempi
per la pubblicazione della gara d'appalto non dovrebbero essere molto
lunghi.
Questo, almeno, sulla carta e
nelle intenzioni di Lacarra che descrive il progetto come "una mano di
aiuto tangibile per gli artigiani che
potranno avere in quella struttura
un sicuro punto di riferimento".
L'idea, infatti, è quella di creare un
polo di servizi con una sede per il
caf, sale convegni, un centro di
ascolto. Sui tempi, però, come
detto, è ancora nebbia fitta, "ne sapremo di più la settimana prossima"
si limita a spiegare Lacarra.
Ancora per quanto riguarda i Lavori
pubblici, sempre lunedì, in Giunta,
dovrebbe arrivare il progetto per la
riqualificazione dell'ex mercato coperto di via Cagnazzi, oggi utilizzato
come rimessa comunale delle auto,
nel quale dovrebbero essere alloggiati i libri e i computer della biblioteca della VI Circoscrizione. Anche
in questo caso, si tratta di un'opera
da realizzare con finanziamenti regionali, 250mila euro.
A questo proposito, il progetto è
già stato illustrato, dal presidente
della Circoscrizione, Leonardo
Scorza e dall'assessore all'Urbanistica della Regione, Angela Barbanente.
Infine, tra gli altri punti all'ordine
del giorno, c'è anche il protocollo
d'intesa per l'ampliamento della
tendopoli di viale di Maratona, frutto
dell'accordo tra Comune, Croce
rossa e Provincia: quest'ultima ha,
infatti, già provveduto all'erogazione
di 25mila euro. (a.col.)
LAVORI PUBBLICI /SI VALUTA DI RIMUOVERE I GETTI VOLUTI NEL 2007
Addio alle fontane del lungomare?
Furono volute nel 2007, costarono 400mila
euro ma non hanno mai convinto la città,
soprattutto per gli altissimi costi di manutenzione, 170mila euro all'anno che, in
tempi di crisi, il Comune non poteva proprio
permettersi di spendere, tanto che, dopo
qualche tentennamento, circa un anno e
mezzo fa il sindaco Michele Emiliano decise di spegnerle per sempre: sono le 12
fontane che si trovano nel bacino antistante il lungomare Nazario Sauro. Il Comune sta valutando di rimuoverle una volta
per tutte: c'è chi sostiene al costo di 30mila
euro ma l'assessore ai Lavori pubblici
Marco Lacarra assicura che al Comune non
costerà nulla perché l'intervento rientrerà
nel servizio di manutenzione delle fontane.
Nel mirino di...
ASSOCIAZIONE "FOTOGRAFI DI STRADA"
Quegli sguardi fra piccoli musicisti
Autore:
Scattata con:
Scattata il:
Tonino Giampaglia
Reflex Canon 300D
4 luglio 2005
Blog: fotografidistrada.wordpress.com Gruppo Facebook: fotografi di strada
Ho iniziato a fotografare per caso nel
1972. Ero imbarcato sul mercantile
“Transoceanica SILVIA", come Giovanotto di macchina, stavo giù vicino ai motori. Avevo 17 anni ed ho trascorso
quattro anni bellissimi. Quell'anno andammo in Giappone dove comprai una
“Minolta compatta”: quando scendevo a
terra fotografavo le città dove mi trovavo,
in navigazione la vita di bordo. La cosa
che mi fa rabbia è che tutte le foto di
quegli anni si sono perse, molto probabilmente buttate dalle mie sorelle. Si sa
come sono fatte le donne di Bari vecchia,
tutto ciò che a loro dà fastidio "buttano
via" ed ora ho solo ricordi mentali.
Dopo comprai una reflex "Fujica Stx-1".
Ce l'ho ancora, gelosamente custodita,
come custodisco ancora tutte le diapositive: un giorno o l'altro mi deciderò a tramutarle in digitale. Questa foto è stata
scattata a Oslo “Parco Vigeland". Ero in
vacanza, quando ho trovato questi ragazzini con gli strumenti, che sembravano disorientati. Mi ha colpito la ragazzina con il
violoncello che attira l'attenzione del piccolo violinista il quale sembra attende “il
La” per cominciare il concertino.
22 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
BARI
Proposta bipartisan per onorare Pietro Mennea:
"Intitolare una strada al grande campione del Sud"
Intitolare una strada a Pietro Mennea, il più grande atleta italiano di tutti i tempi,
prematuramente scomparso giovedì scorso, a quasi 61 anni. A Mennea,
campione olimpico a Mosca nel 1980, i consiglieri comunali Fuiano, Melchiorre,
De Carne, Ranieri e Monteleone vorrebbero intitolare il tratto che va dalla pineta
di San Francesco all'imbocco della statale 16. Tecnicamente sarebbe possibile
solo a 10 anni dalla morte, ma il Prefetto ha la possibilità di derogare.
SHOPPING n CENTRODESTRA ALL'ATTACCO DI EMILIANO, LUNEDÌ TAVOLO TECNICO
Il grido d'aiuto dei commercianti:
"Ci sono 5.000 famiglie a rischio”
n ALESSANDRA COLUCCI
[email protected]
O
tto proposte per salvare il
commercio a Bari, non un
ultimatum, ma certamente una presa di posizione
forte da parte dei commercianti
del Murattiano che ieri hanno incontrato i membri della commissione Mobilità del Comune.
"Siamo in una situazione di
grande difficoltà - ha spiegato il
portavoce dei commercianti, Christian Bergamasco - e speriamo
che queste nostre proposte possano dare una spinta agli affari".
Per adesso si tratta soltanto di
parole ma, forse, finalmente, tra
qualche giorno potrebbero anche
seguire i fatti: lunedì, infatti, è
stata convocata una riunione tecnica allargata non solo ai commercianti e al presidente di Confcommercio Sandro Ambrosi, ma
anche al direttore generale Vito
Leccese, al presidente della IX
Circoscrizione Mario Ferorelli e al
delegato alla Mobilità del sindaco, Antonio Decaro.
E, proprio su Decaro "scappato a
Roma a fare il deputato dopo anni
di annunci che sapevano tanto di
populismo" si è scagliato il centrodestra che ieri ha attaccato l'Amministrazione comunale "che
ormai non presta più attenzione ai
bisogni della città" come hanno ricordato i consgilieri Cea, Finocchbio, Loiacono, Miniello, Posca
e Monteleone. "Il sindaco Emiliano - ha spiegato Cea - con sei
deleghe in mano non ha più il
tempo di occuparsi di tutto e il
centro sta morendo".
E giù una lunga serie di accuse.
In primis "la disattenzione nei
confronti di via Argiro dove sarebbe bastato mettere anche solo
qualche piccolo elemento di arredo urbano - hanno spiegato giusto per dare un segnale tangibile". E poi, ancora, "piazza Umberto, dove il degrado e l'incuria
ormai la fanno da padrona, nonostante le nostre continue denunce". E non è finita qui. Cea e i
suoi, con l'appoggio del coordinatore cittadino Pdl Luigi D'Ambrosio Lettieri, hanno puntato il
dito "su via Manzoni che sta morendo e su via Sparano che, pur
essendo il salotto buono della
città è abbandonata a se stessa".
Una questione che è di pura sopravvivenza, come hanno ricordato i consiglieri di opposizione
che hanno proposto un drastico
abbassamento dei canoni Imu e
che, rifacendosi alle cifre raprpesentate dallo stesso Bergamasco
"ci sono almeno 5mila famiglie
coinvolte in questa crisi del commercio e molte di queste, se si
continua di questo passo, potrebbero trovarsi davvero in serie difficoltà entro la fine dell'anno, dato
il serio rischio che si verifichi più di
una chiusura di esercizi commerciali".
n Un negozio chiuso.A destra in alto Christian Bergamasco; sotto la conferenza stampa del Pdl
LA PROPOSTA / DAL DIMEZZAMENTO DE GRATTINI AI NUOVI PARCHEGGI
Gli "otto punti" per salvare gli affari
Le otto proposte avanzate dai commercianti sono: dimezzare il costo dei grattini
(da due euro ad un solo euro all'ora); ridefinire le strisce blu così da creare nuovi
spazi; fare parcheggi a spina di pesce là
dove è possibile per aumentare i posti
auto; implementare le corse della circolare del Murattiano che collega le strade
più centrali con via Manzoni; creare nuovi
stalli per il parcheggio dei motorini; in
modo da eliminare la sosta selvaggia
delle due ruote che "rubano" spazi preziosi per le auto; dare il secondo pass
della Zona a sosta regolamentata per residenza e non per residente, ossia non
nominale; aumentare l'offerta dei
park&ride per invogliare la gente ad usare
i mezzi; e, infine, consentire la sosta delle
auto per un massimo di due ore così da
creare più movimento nel centro.
URBANISTICA / DOPO L’INTERVENTO DEL CONSIGLIO, PARLA SANNICANDRO
“Quartieri storici, vincoli capestro”
"A Bari si sta vivendo un grosso disagio per l'applicazione di quella legge regionale e l'ordine del giorno ne
è una chiara prova": è stato questo il commento dell'assessore all'Urbanistica del Comune, Elio Sannicandro sull'ordine del giorno, approvato giovedì scorso
in Consiglio comunale, con cui, in maniera assolutamente trasversale, Palazzo di città ha deciso di iniziare
il percorso amministrativo per limitare i vincoli. Il provvedimento è stato presentato da Roberto Carbone (Pd)
e da Massimo Posca (Pdl).
Le disposizioni regionali, infatti, prevedono che nei
quartieri storici della città Murat, Madonnella, Libertà
e nella Città vecchia non si possano fare interventi di
natura urbanistica. Un vincolo fortissimo "che sta
creando molti problemi" ha spiegato Sannicandro, sottolineando che il Comune sta cercando di rendere
meno soffocanti le limitazioni. "Questi divieti generalizzati - ha insistito - hanno determinato un allungamento dei tempi e un aumento dei costi, che stiamo
cercando di risolvere".
n Corso Vittorio Emanuele, cuore del Murattiano
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
23
Mercatino e animazione per grandi e piccini
domani in via De Ribeira, al quartiere S. Paolo
VIA IMBRIANI n IL FAI DA TE PER PARCHEGGIARE L’AUTO
Sedie blocca-posto
ma senza... grattino
D
i vigile c'è solo l'obiettivo di Antonella Stoppelli,
l'ingegnere barese, che ha pubblicato l'immagine
nella pagina Facebook "Fotografi di strada", che il
14 marzo scorso, intorno alle 11, all'incrocio tra via Imbriani e via Abbrescia ha immortalato questa immagine:
due, forse tre posti auto, occupati da altrettante sedie ed
uno sgabello, senza che, appunto, ci fosse l'intervento di
un vigile. Un'immagine che lascia senza parole: in un
centro che paga il perenne bisogno di posti auto, dove parcheggiare è quasi un'impresa, in una delle vie di accesso al
cuore vero e proprio del Murattiano, accade anche che,
impunemente, qualcuno possa occupare uno spazio così
ampio, senza che nessuno gli faccia un appunto, lo multi,
intervenga in una qualche maniera. E' successo in un normalissimo giovedì di fine primavera, in piena mattinata.
Forse sarebbe il caso che l'Amministrazione comunale intervenisse, che il sindaco Michele Emiliano, per una volta,
vestisse davvero i panni dello "sceriffo", un nomignolo di
cui si è avvalso nei primi anni della sua Amministrazione,
perché scene del genere fanno davvero pensare al "far
west", quella terra di Frontiera dove non c'erano regole,
dove il diritto non esisteva, dove vigeva solo la legge del
più forte, forse del più prepotente. C'è solo da sperare che,
almeno, per le tre sedie, sia stato pagato il... grattino.
(a.c.)
BARI
Domani, dalle 10 alle 14, in via De Ribeira, al quartiere San Paolo, è stata
organizzata una fiera con bancarelle, animazione e commercio. Si tratta di una
replica dell'evento che si è tenuto nelle scorse settimane, "il che ci fa capire spiega Paolo Gonnella, della Cisal aree pubbliche - quanto i nostri sforzi ed il
nostro impegno siano ripagati. Il successo di questa iniziativa, tra i residenti, ci fa
capire il bisogno di eventi di questo genere".
NEWS
LUNEDÌ A PALAZZO DI CITTÀ
Convegno sull'immigrazione
Lunedì, alle 9, nella sala consiliare a Palazzo di città,
avrà luogo il convegno “Razzismo e immigrazione: problematiche e dimensioni”. Interverranno, tra gli altri,
l’assessore al Welfare Ludovico Abbaticchio, il rettore
dell’Università degli studi Corrado Petrocelli e il presidente della commissione Servizi sociali Carlo Paolini.
OGGI, NELLA BIBLIOTECA DI PARCO 2 GIUGNO
Incontro con Bruno Tognolini
Oggi, dalle 15, nella "Biblioteca per ragazzi[e]" del
Comune del Centro “Futura” a Parco 2 Giugno, si
svolgerà un incontro con Bruno Tognolini, uno fra i
più famosi e apprezzati autori e poeti della letteratura per ragazzi in Italia. L’appuntamento è ad ingresso gratuito.
I FESTEGGIAMENTI A TORRE A MARE
Nowruz, il Capodanno afghano
Oggi, alle 17, nel Centro di ascolto per famiglie di
Torre a Mare, in via e Morelli e Silvati, si festeggia
la festa di Nowruz, meglio nota come “Capodanno
afghano”. L’evento è organizzato e promosso dal
Centro interculturale “Cacciatori di Aquiloni” della
Fondazione Giovanni Paolo II Onlus.
24 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
La rappresentazione dell'Aida di Giuseppe Verdi, in programma al Palazzetto dello
Sport di Andria questa sera alle 21, è stata annullata. La Events & Travel, tuttavia,
scusandosi per il disagio arrecato, ribadisce che intende portare in scena l’opera
nel giro di qualche settimana e perciò, a breve, comunicherà la nuova data della
rappresentazione. Per il rimborso dei biglietti, invece, gli spettatori devono fare
riferimento al canale che ognuno ha seguito per il proprio acquisto.
BIF&ST n OGGI LA GIORNATA CONCLUSIVA DEL FESTIVAL BARESE
Ferretti:
"Il cinema
più reale
della realtà"
n GIUSEPPE MILANO
A
l Bif&st va in scena il
Dante Ferretti Day. Lo scenografo, tre volte Premio
Oscar (nel 2005, 2008, 2012), a
Bari per la sua lezione di cinema e
per la consegna del Premio Fellini
per l’eccellenza cinematografica,
incanta il Teatro Petruzzelli. “Da ragazzo ho
sempre sognato di
lavorare nel cinema - dice Ferretti - ma non
mi era chiaro in
quale
ruolo
avrei
potuto
esprimere la mia
sensibilità”. Poi,
con Pier Paolo Pasolini, la svolta. Nel
segno, peraltro, della Puglia.
Nel 1964, infatti, lo scrittore e regista lo chiama, come aiuto scenografo, per “Il Vangelo secondo
Matteo” con molte riprese prodotte in località pugliesi, tipiche
per il loro carattere rupestre e assimilabili ai territori palestinesi.
Ma, oltre a Pasolini, il nome di
Ferretti è indissolubilmente legato
a quelli di Fellini e di Scorsese. “Io
non sognavo mai - prosegue lo
scenografo - e per non dispiacere
Federico, qualche volta, gli ho
raccontato di sogni, mai fatti, che
potevano colpirlo”.
Ma è proprio sul ruolo e sul significato del cinema che
Ferretti, con un’invidiabile pacatezza,
pronuncia parole
chiare. “Il cinema è piacere, è un’illusione
nella
quale
spesso
sentiamo il bisogno di identificarci, anche se
spesso è più reale della
stessa realtà quotidiana che
ciascuno di noi vive”. Tesi confutata dall’esperienza felliniana in
cui si è immerso profondamente.
“Se Pasolini è stato un méntore,
Fellini è stato un mentòre; un bugiardo dall’inimitabile creatività”.
Personalità molto distanti da
SPIGOLATURE
Il braccialetto
per leggere
le emozioni
è... vicino
A cura di Margherita De Napoli
CULTURA
&
SPET TACOLI
L'Aida nel Palasport di Andria:
annullato lo spettacolo di questa sera
25
I FIGLI DELLA MEZZANOTTE
Mehta:
"Nel mio film
le speranze
dell'India"
n Dante Ferretti sul palco del teatro Petruzzelli
quelle di Martin Scorsese a cui è
pure legato da molte pellicole,
con “Casinò”, in particolare,
movie particolarmente amato per
tutto il lavoro preparatorio svolto a
Los Angeles. Il tributo al pluripremiato scenografo è proseguito nel
corso della giornata con la proiezione di alcuni documentari e lungometraggi, le cui scenografie sono state da
lui create.
Ma la penultima
giornata
della rassegna
cinematografica barese è
stata, inoltre,
caratterizzata
dalla partecipazione di Giuseppe
Tornatore che ha presentato il suo ultimo lavoro
“La migliore offerta” al Galleria
dove in serata - nell’ambito delle
proiezioni dedicate al tema della
legalità - è stato trasmesso un
inedito documentario sul Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa a
30 anni dalla morte per mano
mafiosa.
Oggi, la giornata conclusiva sarà
aperta dalla versione restaurata
del film del 1965 “I pugni in
tasca” (alle 9:30 al Petruzzelli) di
Marco Bellocchio, vincitore del
“Premio Monicelli per il miglior
film”, che successivamente terrà
la lezione di cinema. Oggi pomeriggio alle 16, nell’ex Palazzo delle Poste, presentazione del volume “Sale di Cinema in Puglia”
a cui parteciperanno gli Assessori Regionali
alla Cultura e
alla Qualità del
Territorio Silvia Godelli ed Angela Barbanente, con il contributo dello storico dell’architettura Francesco Moschini. Con
Laura Morante e Lina Sastri protagoniste, infine, della serata
conclusiva dalle 21 sempre al
Teatro Petruzzelli, nel corso della
quale saranno premiati i vari film
e documentari in concorso.
n La regista Deepa Mehta
"Il potere magico dei ragazzi non è quello di Harry
Potter o X-Men. Non è una
storia vera. I loro poteri
magici non sono altro che
la metafora delle speranze
dell'India". Così ieri la regista indiana Deepa Mehta
parla de "I figli della mezzanotte", film tratto dal bestseller di Salman Rushdie, nelle sale dal 28
marzo.
Saleem Sinai, figlio di una
povera madre single,
viene scambiato alla nascita da un'infermiera cattolica dell'ospedale di
Bombay con Shiva, erede
di una ricca famiglia. I due
sono legati da strani poteri
telepatici, come tutti i
bambini nati in quella storica notte. Poteri che condizionano le loro vite incatenandole l'una all'altra in
un magico viaggio attraverso l'India del XX secolo.
Dalla start up italiana "Empatica" un bracciale per leggere le emozioni. Rilevando "la
temperatura corporea, la conduttività della pelle, il battito cardiaco" si analizzeranno
gli stati d'animo. Il nostro approccio quantitativo alla realtà si estende anche all'interiorità. Siamo felici, tristi, annoiati? Le nostre emozioni saranno calcolate con sensori
sempre più sofisticati, le tecnologie di "emotion sensing". Il "Sé quantificato" (QuantifiedSelf) è la "conoscenza di sé attraverso i numeri". Negli Usa la "Bill & Melinda Gates
Foundation" sta finanziando test effettuati nelle scuole con braccialetti che misurano
attenzione o noia degli studenti attraverso la "risposta galvanica epidermica", lo scopo
sembra essere il miglioramento delle performances cognitive ma sono in gioco i rapporti tra professori ed alunni. Come muteranno le relazioni con gli altri quando umori e
malumori appariranno sul display di un braccialetto? In futuro anche gli abiti avranno il
colore delle emozioni: l'anima sarà messa a nudo. L'hi-tech "sensibile" è dietro l'angolo
e nel QR code qui accanto.
26 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
SPORT
E ora i tifosi del San Lorenzo de Almagro
vogliono la maglia con la scritta "Papa Francisco"
Al San Lorenzo de Almagro non sanno più come fare. La sede del club di cui è tifoso Papa
Francesco è infatti letteralmente "bombardata" di telefonate di gente che chiede come e quando
sia possibile acquistare le maglie che i giocatori della squadra rossoblù hanno indossato domenica
scorsa a Santa Fé contro il Colon. Al centro della casacca c'era l'immagine del Pontefice e la scritta
"Papa Francisco". Sul retro c'era invece scritto un altro "Francisco", e l'immagine di un'aureola. Una
di queste maglie è stata consegnata allo stesso Pontefice mercoledì scorso.
ROMA n SPORT IN LUTTO PER IL CAMPIONISSIMO, OGGI I FUNERALI
Tutti "di corsa" al Coni
per il saluto a Mennea
U
na corsia azzurra delimitata da fiori, attorno al semplice feretro una curva
stretta come quelle che lui aggrediva
nei 200, alle pareti i manifesti delle sue
cinque Olimpiadi e lo scorrere delle immagini
con i momenti più belli della sua carriera.
Pietro Mennea ha ricevuto l'omaggio di quanti
lo hanno amato e ammirato. Nella casa dello
sport italiano, dove il presidente Giovanni Malagò ha fortemente voluto ci fosse l'ultimo abbraccio al campione, il primo a ricevere ''l'onore", in tanti, volti celebri, campioni di ieri e di
oggi, ma anche semplici appassionati, hanno
voluto ricordare quel ragazzo venuto dal Sud
capace di stupire il mondo.
Il carro funebre, sotto un cielo splendente, è
arrivato in ritardo al palazzo del Coni, accolto
dal presidente Malagò, mentre Franco Carraro, suo predecessore ai tempi d'oro di
Mennea, non è riuscito a trattenere le lacrime.
"Il Coni ha quasi 100 anni e il Salone d'Onore
non era mai stato dato per la camera ardente
di un atleta - ha sottolineato Malagò -. In un
secolo nessuno ha meritato questo onore?
Non è una critica, ma una scelta di politica
sportiva".
Aperte le porte del Salone, tra primi a salutare la signora Mennea, Manuela, a sfiorare la
bara in un gesto d'affetto sono stati il campione olimpico del ring Nino Benvenuti e il
campione del mondo come Dino Zoff. Mentre
il presidente della Fidal, Alfio Giomi, annunciava ufficialmente che il prossimo Golden
Gala, il 6 giugno, sarà intitolato al fuoriclasse
di Barletta, il grande scalone d'accesso alla
camera ardente vedeva salire tanti altri campioni olimpici, da Alessandra Sensini a Daniele
Masala, da Alessandro Campagna a Michele
Maffei, da Maurizio Damilano a Raimondo
D'Inzeo. "Era un amico, ci tenevo a salutarlo"
ha detto il cavaliere olimpionico a Roma nel
1960, che da poco ha superato gli 88 anni.
Un amico, Mennea, era per tanti, che hanno
testimoniato come quell'uomo apparentemente scorbutico fosse un compagno di
stanza allegro, un conversatore brillante, una
persona cara. "Non era un personaggio
contro, era un personaggio a favore - ha soste-
nuto Malago -. Forse un po' integralista, ma se
non fosse stato così probabilmente non
avrebbe mai ottenuto certi risultati". Un rigore
confermato dal suo maestro, Carlo Vittori, cui
il velocista ha sempre dato del lei anche dopo
anni di frequentazioni quotidiane: "Se tardavo
due minuti al campo me lo faceva notare - ha
ricordato il tecnico -. Aveva un'educazione allo
sport e all'impegno che lo rendeva unico,
senza quei presupposti non ci sarà più un
campione come lui".
"Ho un ricordo di Pietro - ha detto Gianni
Minà, molto legato al campione scomparso -:
Steve Williams e Tommy Smith, insieme. Lo
presero tra loro e mi accorsi che lo sovrastavamo di una spanna, ma lui li batteva quasi
sempre, solo con il lavoro". Con il passare
delle ore l'afflusso della gente "comune",
spesso con un fiore in mano. Oggi alle 10 ci
sarà l'addio a Mennea, nella cerimonia funebre a Santa Sabina. Per volere della famiglia, ci saranno tre orazioni funebri, affidate a
Giovanni Malagò, Gianni Minà e al magistrato
Ferdinando Imposimato.
L'AMICHEVOLE / L'ALLENATORE-GIOCATORE DEL SION: PANCHINA ROSSONERA? NON SONO PRONTO
Gattuso torna a San Siro e rimedia 6 gol dal Milan
La panchina del Milan è nei piani di Rino Gattuso, ma è presto e lui per primo lo riconosce.
"Sarei ipocrita a dire che non mi piacerebbe, ma non sono ancora pronto, devo mangiarne di
pastasciutta...", sorride l'ex rossonero che intanto a San Siro ha sperimentato la panchina avversaria, quella del Sion dove dall'estate si è trasferito per giocare e da neanche un mese
veste i difficili panni di allenatore-calciatore. I circa 4 mila sugli spalti di San Siro si sono dovuti accontentare di vederlo in tuta (perché sarà squalificato nel derby con il Servette), a guidare il Sion in panchina e alla fine lo hanno emozionato con i cori come dieci mesi fa dopo l'ultima partita in rossonero. "Per qualche minuto mi sono sentito di nuovo un giocatore del Milan
dopo una vittoria importante", dice Gattuso, che però sul campo subisce un sonoro 6-0.
LA CITTÀ È IN LUTTO
A Barletta
fiaccolata
per Pietro
Chi c'era, ieri sera, a Barletta, in
piazza e alla fiaccolata, ha partecipato con cuore e semplicità. 300 persone, in tutto, non moltissime, si
sono ritrovate in piazza Aldo Moro. In
capo al corteo, che prima di seguire il
percorso fino alla cattedrale, ha girato intorno alla piazza, c'erano due
bambine con la bandiera tricolore e
un nastro nero in segno di lutto. Subito dopo uno striscione con Mennea
trionfante e un saluto, “Pietro, la tua
corsa continua in Paradiso”.
Alla fiaccolata, organizzata dall'associazione “Verità e giustizia?”, c'erano
alcuni sportivi, i tifosi della squadra di
calcio e i giocatori del Barletta.
Questi ultimi hanno sfilato in tuta, insomma, la loro uniforme, per onorare
lo sportivo Pietro Mennea. Poi c'erano
ragazzi e anziani, tutti con le fiaccole
in mano. Pochi politici, e comunque in
veste non istituzionale, l'ex assessore
regionale Maria Campese, il presidente della provincia Francesco Ventola, il consigliere regionale Giovanni
Alfarano. L'unico gonfalone in corteo
era quello dell'Avis, con cui Mennea
ha corso per sette anni, dai 14 ai 21
anni.
Qualcuno ha ritagliato tutti gli articoli
di giornale di ieri e li ha incollati su un
tabellone, che ha portato in corteo
alla fiaccolata, con grande senso di
gratitudine per quell'atleta forte che,
come scritto su un manifestino distribuito in piazza, “ha onorato lo sport e
Barletta nel mondo”.
Maria Pia Garrinella
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
Classifica serie b
71
60
60
53
47
45
42
42
41
39
39
Modena
Cittadella
V. Lanciano
Cesena
Ascoli
Bari
Spezia
Reggina
Vicenza
Pro Vercelli
Grosseto
38
38
38
38
37
36
36
35
31
25
23
La 33a giornata
Ardemagni
Sansovini
Zaza
Cacia
Tavano
Paulinho
Caputo
Ebagua
Maccarone
Siligardi
Corvia
Grosseto-Cesena
Padova-Modena
Spezia-Pro Vercelli
Brescia-Cittadella
H. Verona-Crotone
Livorno-V. Lanciano
Novara-Ascoli
Reggina-Juve Stabia
Sassuolo-Ternana
Vicenza-Varese
Empoli-Bari
Modena
Spezia
Ascoli
H. Verona
Empoli
Livorno
Bari
Varese
Empoli
Livorno
Brescia
18
18
18
16
15
14
13
13
13
13
12
oggi
oggi
domani
domani
domani
domani
domani
domani
domani
domani
domani
18
20.45
12.30
15
15
15
15
15
15
15
20.45
SPORT
Sassuolo
H. Verona
Livorno
Empoli
Varese
Brescia
Novara
Padova
Juve Stabia
Crotone
Ternana
top ten marcatori
27
LA PETIZIONE n IL 30 BANCHETTO IN PIAZZA S. FERDINANDO
"La Bari siamo NOI"
11.500 tifosi
ci mettono la firma
n MAURIZIO SPACCAVENTO
[email protected]
U
n La fiaccolata di ieri sera a Barletta
Alonso soddisfatto:
bene le libere a Sepang
E' la Lotus di Raikkonen la vettura più veloce
nella prima giornata di prove libere in vista del
Gran Premio della Malesia. Dietro di lui la Red
Bull di Vettel. Ma anche le Ferrari di Alonso e
Massa sono sembrate in gran forma. “La
macchina - ha detto al termine lo spagnolo andata bene in tutte le condizioni e questa
per noi è una buonissima notizia. Questo circuito è più rappresentativo rispetto a quello
di Melbourne per valutare le prestazioni”.
ndicimila e cinquecento, per ora. Sono i tifosi del Bari che con un “Mi piace” su facebook hanno manifestato interesse per la petizione popolare che mira a smuovere la società
biancorossa dallo stallo in cui è precipitata negli ultimi anni. “Tifare Bari? Io ci metterei la firma. La Bari
siamo NOI” è il nome dell'iniziativa che in un mese
ha assunto già dimensioni significative,
ancora prima di partire ufficialmente.
“E' così - spiega Roberto Maffei,
uno dei fautori -. La petizione
vera e propria inizierà sabato
30 marzo con un banchetto in piazza San Ferdinando e con la distribuzione delle locandine ufficiali, ma le tantissime
adesioni su facebook e
le prime firme già raccolte in una settantina di
bar e locali ci fanno capire
quanto la gente sia stanca
di questa situazione”.
Come nasce l'idea e da chi, lo
racconta lo stesso Maffei, costretto a tornare indietro nel tempo
solo a fine febbraio quando “in modo assolutamente spontaneo con una trentina di amici ci
ritrovammo per parlare della situazione, anche in seguito ai numerosi input ricevuti dalla gente. Venne
fuori tutta la disperazione sia di chi lo stadio lo frequenta ancora, sia di chi lo ha abbandonato da
tempo e ci rendemmo conto che le prospettive
erano nere. Alla luce dei debiti venuti fuori negli ultimi tempi si è capito che il Bari non può sperare più
nemmeno in risultati altalenanti. E così, dopo un secondo incontro in cui eravamo diventati circa 150,
abbiamo deciso di dar vita a questa petizione: è una
forma di protesta civile e democratica e soprattutto
dura nel tempo, più di una manifestazione, che comunque non è da escludere”. E così l'idea è diventata realtà: è bastato farsi “ospitare” dalla già esistente pagina facebook “Adesso basta... Tsunami
biancorosso in piazza” per portare gli iniziali
300/400 “Mi piace” a 7mila in tre giorni e a 11.500
in meno di un mese.
Ma cosa chiede chi firma la petizione? “L'obiettivo di base, già
raggiunto, era quello - continua
Maffei - di riprendere a parlare della situazione del Bari
a tutti i livelli. Poi tre punti
sostanziali: sensibilizzare
le istituzioni locali, al di là
dei colori politici, per far
capire che questo è un
problema sociale, non
solo privatistico; andare
oltre il solo “Matarrese vattene” ponendo la questione
“cosa si può fare affinché
Matarrese se ne vada”; e impegnarsi, a livello di manifestazione
d'intenti, a tornare allo stadio in caso
di cessione della società da parte della famiglia Matarrese”.
Insomma, un moto che parte dalla base e che mira
a contagiare chiunque abbia a cuore le sorti della
società. “Questo lo dimostra il fatto - conclude
Maffei - che noi siamo sempre dalla parte della
squadra e ci fa piacere che si stia risollevando. Di
certo non auspichiamo che le cose vadano male per
sperare di accrescere la raccolta firme”.
n Andrea De Falco
DOMANI EMPOLI-BARI
De Falco:
l'obiettivo resta
la salvezza
"Abbiamo passato un periodo
negativo ma siamo stati lucidi nel
superare le difficoltà, grazie al lavoro settimanale e dando sempre
il massimo. Ora veniamo da un
momento positivo, il morale è
alto. L'Empoli? E' una delle
squadre che gioca meglio": in vista
della sfida esterna contro i toscani
di domani, il centrocampista del
Bari Andrea De Falco fa una radiografia dello stato della squadra
dopo i quattro risultati utili di fila.
L'obiettivo del Bari è la salvezza:
"Giochiamo per mantenere la categoria. Il campionato che stiamo
facendo - ha spiegato - è sotto gli
occhi di tutti. Siamo tutti vicini,
basta poco per salire ancora in
classifica". De Falco finora si è
contraddistinto per un rendimento
molto modesto. Il giocatore, però,
non ha mai mollato: "Ho vissuto
tranquillamente la mia situazione
e ne sono uscito guardando
sempre avanti. L'errore col Verona? E' stato un brutto colpo, ma
già dalla partita successiva ho reagito, grazie a Torrente che mi ha
dato la possibilità di riscattarmi".
PALL ANUOTO / MANCAVA DA 2 ANNI. IL 27 MARZO SFIDA ALL'UNGHERIA NELLO STADIO DEL NUOTO
Il Settebello torna in città per la World League
La Nazionale italiana di Pallanuoto torna a Bari dopo due anni, dopo il bel confronto contro la Croazia di Ratko Rudic del 25 gennaio 2011, con un’altra sfida
epica nell’ambito del girone C del gruppo Europa della World League. A Bari a
sfidare il Settebello il 27 marzo alle 19 nel rinato Stadio del Nuoto arriverà
l’Ungheria di Tibor Benedek: la nazionale magiara è forte dei suoi 12 punti e
del primato in solitaria nel girone C ed è pronta ad approdare a Chelyabinsk in
Russia per la Final eight in programma dal 11 al 16 giugno 2013. “Ci auguriamo di avere lo Stadio del Nuoto pieno" è l'auspicio di Elio Sannicandro, assessore comunale allo Sport. Info su: www.stadiodelnuotobari.it.
28 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
CARABINIERI
112
GUARDIA DI FINANZA
117
ACI SOCCORSO STRADALE
803116
AMIU
800011558
POLIZIA
113
EMERGENZA SANITARIA
118
SOCCORSO IN MARE
1530
ENEL
800900800
EMERGENZA INFANZIA
114
CORPO FORESTALE
1515
FERROVIE DELLO STATO
8488880888
AMGAS
800585266
VIGILI DEL FUOCO
115
TELEFONO AZZURRO
19696
AMTAB
800450444
GUASTI ACQUA
800735735
la vetrina degli appuntamenti
oggi
10.30
Doppio appuntamento con Anice Verde all’Auchan
Nel Parco Auchan di Casamassima ci sarà un doppio appuntamento con i corsi gratuiti organizzati dalla Scuola di cucina
Anice Verde di Corato: il corso di “couscous” la mattina e nel
pomeriggio (alle 18) il corso sui risotti.
15.30
Seminario su Riforma del Condominio e aspetti pratici
Nel salone della parrocchia della Chiesa S. Carlo Borromeo
a Bari (Via De Cristoforo) l’ ALAC, organizzerà un Seminario
di Studi sul tema: “Riforma del Condominio, aspetti pratici”.
16.00
“Libero perchè giusto o giusto perchè libero?”
Nella Sala Consiliare del Comune ci sarà il terzo incontro della
“Scuola di formazione sui temi della legalità e della politica”,
dal titolo “Libero perché giusto o giusto perché libero?”.
17.00
Festa del Nowruz: Capodanno afghano
Si svolgerà a Bari, nella sede del Centro di Ascolto per Famiglie di Torre a Mare (via e Morelli e Silvati) si svolgerà la Festa
di Nowruz, meglio nota come “Capodanno afghano”.
17.00
Tra sacro e profano nella città vecchia
Nel centro storico di Barivecchia, con partenza dalla Chiesa di
San Gaetano, ci sarà “Tra sacro e profano nei luoghi e nelle
pagine della città”, dedicato alla “Passione de Criste” di Vito
Maurogiovanni, percorso per scoprire i luighi simbolo del passato, fra storia, teatro, musica e arte (replica dalle 19.30).
18.00
Settimana Santa a Bitonto: programma eventi
Per la settimana Santa organizzata a Bitonto, nella Chiesa del
Purgatorio ci sarà la cerimonia di vestizione dei Confratelli e a
seguire, “Per Crucem Domini Nostri”, concerto dell’Orchestra
Sinfonica di Fiati. Alle 20.30 nella Chiesa Parrochiale a Palombaio andrà in scena “L’ultima Parola”, recital ispirato alla
Passione di Cristo.
18.00
Conversazione sul “Borgo Murattiano e i Lungomare”
Organizzato dall’Archeo Club “Italo Rizzi”, si terrà a Bari, in
Corso Benedetto Croce 217, un incontro con gli autori Vito
De Bellis e Rosa Collinna, su “Bari: dal Borgo Murattiano ai
Lungomare del ventennio”.
18.00
“La cura dell’attesa” a Palo del Colle
Nell’ Aula Magna della Scuola “Davanzati” a Palo del Colle
(Via Tommaseo 9), Maria Pia Romano presenterà il suo ultimo libro “La cura dell’’attesa”.
18.30
Concorso “Vinci tanto cioccolato quanto pesi”
In piazza Cavour a Bitonto ci sarà la premiazione del concorso nazionale “Vinci tanto cioccolato quanto pesi” organizzato dall’azienda piemontese Venchi. Madrina dell’evento la
showgirl Maddalena Corvaglia.
20.30
Amici del Sipario: “Happy Day”, commedia brillante
Andrà in scena a Bari, nel Teatro Casa di Pulcinella (Stadio
della Vittoria) la commedia brillante in due atti “Happy Day”
ariete
[email protected]
della compagnia teatrale Amici del Sipario (replica domenica
24 marzo alle 18).
21.00
“Stabat Mater” nella Cattedrale di Bitonto
Nell’ambito dell’Apulia Music International Festival, nella Cattedrale di Bitonto andrà in scena “Stabat Mater”, azione sacra in musica, di Giovan Battista Pergolesi (ingresso libero).
21.00
“U Sponzalizzie” in vernacolo barese al Barium
Andrà in scena a Bari, nel Teatro Barium (via Pietro Colletta)
lo spettacolo “U Sponzalizzie”, la nuova commedia in vernacolo barese di Gianni Colajemma, scritta da Bartolomeo
Sciacovelli (repliche domenica 24 marzo alle 18 e alle 21).
21.30
Gregory Porter nel Teatro Forma a Bari
Andrà in scena a Bari, nel teatro Forma (via Fanelli 206/1),
l’esibizione live del cantante soul american Gregory Porter.
21.30
Omaggio a Sergio Caputo con Larry Franco quintet
Nel Njlaya club a Bari (via Chico Mendes, 2) si esibirà il Larry
Franco Quintet, in un omaggio al cantautiore Sergio Caputo.
domani
17.30
“A teatro con mamma e papà”: Leonardo all’Abeliano
Nel nuovo Teatro Abeliano a Bari (via Padre Kolbe 3) andrà in
scena lo spettacolo “Leonardo”, scritto, diretto e intrepretato
da Flavio SAlbanese, per la rassegna A teatro con mamma e
papà (replica alle 20.15).
18.00
Domenica in Libreria Laterza: Donneincorriera
Nella Libreria Laterza a Bari, per l’iniziativa “Domeniche in
libreria”, ci sarà un incontro con l’associazione Donneincorriera sul tema “In viaggio con i libri”.
21.00
“L’Agnello” nel Teatro Kismet OperA
Sul palco del Teatro Kismet OperA di Bari (Strada san Giorgio,
Martire 22/F) andrà in scena “L’agnello” di Francesco Ghiaccio, con la regia di Gaetano Colella.
dopodomani
10.30
Consegna attestati Guida Turistica in Provincia
Nella Pinacoteca Provinciale di Bari (Palazzo della Provincia 4° piano) si svolgerà la cerimonia di consegna degli attestati
“Guida turistica e/o Accompagnatore turistico”.
18.30
Associazione Marx XXI: seminari di riflessione
Nella biblioteca di via Borrelli 32 a Bari nell’ambito dei Seminari di studio e riflessione critica promossi dall’associazione
Marx XXI, ci sarà un incontro su L’Italia in guerra. Dalla “guerra
del Golfo” alle “missioni umanitarie”, con la partecipazione di
Tonino Camuso.
20.30
Accademia dei Camreristi nell’Auditorium La Vallisa
Per i concerti del lunedì dell’Accademia dei Cameristi, si esibiranno a Bari, nell’Auditorium La Vallisa si esibiranno Francesco Basanisi, Leonardo Micucci e Giacomo Menna.
Questo spazio è dedicato agli appuntamenti di associazioni, enti, club, circoli ecc.
Inviate le segnalazioni ad [email protected]
toro
gemelli
il tuo oroscopo oggi ti dice che...
city life
servizi utili
cancro
leone
vergine
Bilancia
scorpione
sagittario
capricorno
acquario
pesci
Non fatevi sconfiggere dalla stanchezza:
cercate di passare più tempo possibile
con le persone che amate di più e tutto
sarà più bello.
Prendetevi una pausa da tutto e
cercate di capire cosa vi conviene fare
e soprattutto ciò che volete. In amore
siate più presenti.
Approfittate di una buona occasione
per passare più tempo con la persona
amata e condividere qualcosa che può
avvicinarvi.
Basta pensieri e preoccupazioni:
concentratevi sull’amore
e sulla
conquista, per chi è in cerca dell’anima
gemella. Siate ammalianti.
Organizzate bene i compiti all’interno
del team di lavoro: vi aiuterà ad
avere performance migliori. In amore
prendete tutto ciò che volete.
Non riducetevi a inutili sotterfugi:
chiedete apertamente ciò che volete
sapere e siate pronti a qualsiasi tipo
di risposta. Coraggio e determinazione.
Non fatevi scoraggiare da qualche
difficoltà dovuta alla distanza dalla
persona amata: è solo passeggera.
Puntate sulla qualità.
Cercate di mettervi in discussione in
prima persona e capirete molte più
cose. Non fidatevi di chi non conoscete
abbastanza e siate forti.
Godetevi un po’ di meritato riposo
accanto ai vostri familiari: prendersi
cura degli affetti vi farà sentire meglio
e in pace con tutto.
Cercate di essere fantasiosi: escogitate
qualcosa di semplice, ma efficace e
nessuno potrà resistervi. Siate sempre
sinceri e diretti.
Godetevi la presenza delle persone che
amate di più e vi sono sempre accanto:
la gioia provata vi porterà presto altra
gioia…anche in amore.
Non cercate una soluzione temporanea:
prendete di petto una situazione e
sistemate tutto, per amore di chi vi sta
accanto e per la vostra serenità.
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
29
in sala
GLI AMANTI PASSEGGERI
La prima famiglia della storia del mondo, i
Croods , quando la caverna che li protegge dai
pericoli viene distrutta, si mette in cammino.
Viaggiando attraverso paesaggi straordinari,
scopriranno un incredibile mondo popolato da
creature fantastiche...
Un guasto mette a rischio la vita delle persone
che viaggiano sull’aereo della compagnia
Península 2549. I piloti fanno il possibile per
trovare una soluzione, mentre la vita tra le
nuvole è complicata come lo è a terra e per le
stesse ragioni: il sesso e la morte.
il nostro
tempo
I CROODS
cinema
Andria
Bari
Multisala Cinemars
C. Barbadangelo Ipercoop Mongolfiera
Tel. 0883261022 1
ABC - Circuito d’Autore
Via Marconi, 41 - Tel. 080 9644826
Sala 1
I Croods 3D
20.20 - 22.30
Sala 2
Il Principe abusivo
18.00 - 22.30
Amiche da morire
20.15
Sala 3
La Frode
18.00 - 20.15 - 22.30
Sala 4
Gli amanti passeggeri
18.00 - 20.00 - 22.00
Sala 5
Benvenuto Presidente
18.10 - 20.20 - 22.30
Sala 6
Buongiorno Papà
18.10 - 20.20 - 22.30
Sala 7
Il grande e potente Oz 3D
18.30
Sala 8
Il figlio dell’altra
17.30 - 19.40 - 21.40
Ambasciatori
Via Toma, 67 - Tel. 080 5425000
Il lato positivo
18.30 - 21.00
Armenise
Via Pasubio, 178 - Tel. 080 5562590
Sala 1
Gli amanti passeggeri
18.40 - 20.45 - 22.30
Sala 2
Il Principe abusivo
18.20 - 20.30 - 22.30
Esedra
Largo Mons. Curi 17 - Tel. 080 5537760
Anna Karenina
18.00 - 20.30
Il Piccolo - Circuito d’Autore
Via Giannone 4 - Santo Spirito
La scelta di Barbara
18.30 - 20.30 - 22.15
La Madre
18.30 - 20.30
Buongiorno Papà
22.45
Sala 5
Il lato positivo
17.30 - 20.10
La Frode
22.40 - 00.50
Sala 6
Il grande e potente Oz 3D
16.20 - 00.45
Benvenuto Presidente
18.50
I Croods 3D
20.45 - 22.45
Sala 7
Sala 6
Il grande e potente Oz 3D
16.05 - 19.00 - 21.45 - 00.30
Sala 7
Buongiorno Papà
17.00 - 19.45 - 22.15 - 00.45
Sala 8
Sinister
17.45 - 22.30 - 00.50
Il Principe abusivo
20.10
Sala 9
La Frode
16.00 - 18.05 - 20.15 - 00.40
corato
Pinocchio
16.40
Gli amanti passeggeri
18.40 - 20.45 - 22.45 - 00.55
Alfieri - Circuito d’autore
L.go Aregano - Tel. 080 3588551
Sala 8
Benvenuto Presidente
17.00 - 19.10 - 21.30 - 23.40
Sala 1
Bisceglie
Multisala Uci Cinemas
Ss 16/bis usc. Z.I. c/o Fashion District
Molfetta Outlet - tel 892960
Il lato positivo
17.30 - 19.30 - 21.45
Sala 3
Buongiorno Papà
17.15 - 19.15 - 21.15
Barletta
Il grande e potente Oz 3D
16.00 - 18.40 - 21.20 - 00.05
Nuovo
Via Piave, 85 - Tel. 0803921022
Sala 4
Benvenuto Presidente
17.00 - 19.15 - 21.30
Sala 5
I Croods 3D
16.00 - 18.10 - 20.30 - 22.40 - 00.45
Sala 6
Gli amanti passeggeri
16.20 - 18.30 - 20.45 - 22.35 - 00.35
Sala 7
Opera - Circuito d’autore
Via Imbriani, 27 - Tel. 0883510231
Buongiorno Papà
16.00 - 18.05 - 20.20 - 22.30 - 00.40
Sala 1
La Frode
18.00 - 20.00 - 22.00
Multisala Showville
Trav. Conte Giusso, 9. Bari-Mungivacca
Tel. 0809757084
Sala 2
Sala 1
Il lato positivo
18.00 - 20.00 - 22.00
Sala 3
Gli amanti passeggeri
18.00 - 20.00 - 22.00
Il grande e potente Oz 3D
17.40 - 20.10
Il lato positivo
22.40 - 00.55
Sala 2
Paolillo
C.so Garibaldi, 27 - Tel. 0883531022
I Croods 3D
16.20 - 18.30
Benvenuto Presidente
20.40 - 22.45 - 00.55
Sala 1 - Manfredi
Sala 3
Benvenuto Presidente
19.30 - 21.45
Sala 2 - Tognazzi
I Croods
19.30 - 21.45
Sala 3 - Gassmann
Il grande e potente Oz
19.30
Buongiorno Papà
21.45
Politeama Italia
Via Montello, 6 - Tel. 0803968048
Sala A
Non pervenuta
Non pervenuta
Sala 1
I Croods 3D
15.00 - 17.10 - 19.20 - 21.30 - 00.05
Sala 2
Dead man Dawn
15.00
Il grande e potente Oz 3D
17.00 - 19.44 - 22.30
Sala 2
I Croods 3D
18.40 - 21.10
Sala 3
Il lato positivo
19.00 - 21.30
Sala 4
Il lato positivo
19.00 - 21.30
Polignano
Multis. Vignola - Circ. d’Autore
Viale Rimembranza, 13 - Tel. 080 4249910
Sala 1
Benvenuto Presidente
18.15 - 20.15 - 22.15
Sala 4
Sala 3
Sala B
Benvenuto Presidente
16.20 - 18.20 - 20.20 - 22.20 - 00.20
Casamassima
Benvenuto Presidente
19.10 - 21.20
Sala 2
I Croods
15.50 - 18.00 - 20.10 - 22.20 - 00.30
I Croods 3D
17.00 - 19.15 - 21.30
mola
Sala 3
Buongiorno Papà
17.15
Gli amanti passeggeri
19.30 - 21.45
Sala 5
Il grande e potente Oz
16.00 - 18.50 - 21.40 - 00.20
Il lato positivo
19.45 - 22.00
I Croods 3D
18.00 - 19.45
Buongiorno Papà
21.30
conversano
The Space Cinema
Centro commerciale Auchan
Via Noicattaro 2 - Tel. 080 892111
Sala 6
La Madre
16.00 - 18.10 - 20.20 - 22.30 - 00.40
Multicinema Teatro Norba
Piazza della Repubblica 27
Tel. 080 4954597
Sala 1
Benvenuto Presidente
16.00 - 18.00 - 20.10 - 22.25 - 00.45
Sala 7
Sala 1
Sala 2
Sala 8
Sala 2
Sala 9
Sala 3
Gli amanti passeggeri
16.10 - 18.15 - 20.15 - 22.15 - 00.20
Sala 3
I Croods
16.20
Amiche da morire
18.50
La Frode
20.45
La Madre
22.45 - 00.45
Il Principe abusivo
17.00
Il lato positivo
19.15 - 22.00 - 00.40
Sala 4
Sala 5
Marsopilani (Anteprima)
16.30
Sala B
Il grande e potente Oz 3D
17.30
La Frode
20.00 - 22.00
Sala Fellini
molfetta
La Madre
16.25 - 18.35 - 20.40 - 22.45 - 01.00
Sala A
Benvenuto Presidente
17.30 - 20.00 - 22.00
Viva la libertà
18.30 - 20.30 - 22.30
Sala riservata
Sala 2
Impero
Via Pagano, 192 - Tel. 0883583444
Sala 1
Sala 2
Benvenuto Presidente
17.30 - 19.30 - 21.45
trani
Cinema Elia d’Essai
C.so Garibaldi, 36-38 - Tel. 080 3588581
Sala Truffaut
Sala 1
Amiche da morire
19.00 - 21.15
Splendor
Via Buccari, 24 - Tel. 080 5569729
Royal
C.so Italia, 112 - Tel. 080 5211668
Sala 3
Supercinema
C.so Umberto 206/A - Tel. 0883681862
Metropolis - Circuito d’Autore
Via Baracca - Tel. 080 4713038
Benvenuto Presidente
16.15 - 18.20 - 20.30 - 22.40 - 00.50
Multisala Roma Circuito d’autore
Via F. Giugno 6 - Tel. 0883542622
spinazzola
La Frode
17.00 - 19.15 - 21.30
Sala 3
Sala 9
Amiche da morire
16.10 - 18.15 - 20.35 - 22.40 - 00.55
Il Principe abusivo
15.40 - 17.50 - 20.10 - 22.25 - 00.40
I Croods
17.00 - 19.10 (3D) - 21.15
Sala 2
Multicinema Galleria
C.so Italia, 15 - 17 - Tel. 080 5214563
La Madre
18.10 - 20.20 - 22.30
Sala 12
Benvenuto Presidente
16.30
Buongiorno Papà
18.40
Amiche da morire
20.45
Dead man Dawn
22.45 - 00.55
I Croods
18.10
Il lato positivo
19.30 - 21.30
Sala 1
Il lato positivo
17.15 - 19.50 - 22.20
Sala 4
I Croods 3D
16.00 - 18.10 - 20.20 - 22.30 - 00.40
I Croods
17.00 - 19.10 - 21.30 - 23.45
Buongiorno Papà
15.10 - 17.30 - 19.50 - 22.15 - 00.40
Amiche da morire
15.30 - 17.50 - 20.10
Sinister
22.25 - 00.45
Benvenuto Presidente
19.45 - 21.45
Buongiorno Papà
19.30
Argo
21.30
La Frode
15.20 - 17.40 - 20.00 - 22.20 - 00.35
I Croods
19.30 - 21.45
Sala 10
MONOPOLI
Gli amanti passeggeri
15.00 - 17.10 - 19.20 - 21.50 - 00.15
Sala 11
Benvenuto Presidente
15.00
Cinema Vittoria
Viale Rattazzi, 98 - Tel. 080 3213305
Benvenuto Presidente
18.00 - 20.00 - 22.00
30 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
COLLEGAMENTI AEREI -
Partenze da BARI
Compagnia
Part.
Arr.
Frequenza
ORARI IN VIGORE DAL 27/10/2012 AL 30/03/2013
Note
Ryanair
21:05
22:35
MaG
da 27/12/12 a 28/03/13
Ryanair
21:10
22:40
Me
da 14/11/12 a 27/03/13
12:20
14:05
LMaMeGVSD
da 04/03/13 a 30/03/13
Blu-Express
14:15
15:25
D
da 28/10/12 a 24/03/13
Blu-Express
19:05
20:15
MaG
da 08/11/12 a 28/03/13
MONACO
AirDolomiti
Airberlin
18:00
20:10
MaS
da 23/03/13 a 30/03/13
BOLOGNA
Ryanair
06:40
08:00
Ma
da 08/01/13 a 26/03/13
Ryanair
09:35
12:20
Me
da 02/01/13 a 27/03/13
Ryanair
08:00
09:20
V
da 21/12/12 a 29/03/13
Ryanair
09:40
12:25
L
da 07/01/13 a 25/03/13
Ryanair
08:05
09:25
L
da 07/01/13 a 25/03/13
Ryanair
10:20
13:05
D
da 28/10/12 a 24/03/13
Ryanair
08:15
09:35
MeGS
da 09/01/13 a 30/03/13
Ryanair
14:20
17:05
S
da 10/11/12 a 30/03/13
Ryanair
11:35
12:55
D
da 11/11/12 a 24/03/13
Ryanair
14:40
17:25
V
da 09/11/12 a 29/03/13
Ryanair
22:15
23:35
LD
da 07/01/13 a 25/03/13
PISA
Ryanair
22:30
23:50
V
da 09/11/12 a 29/03/13
Ryanair
08:40
10:05
V
da 11/01/13 a 29/03/13
Ryanair
09:10
10:35
L
da 14/01/13 a 25/03/13
Ryanair
11:30
13:55
D
da 11/11/12 a 24/03/13
Ryanair
17:00
18:25
MeV
da 16/01/13 a 29/03/13
Ryanair
14:25
16:50
Ma
da 02/01/13 a 27/03/13
Ryanair
17:15
18:40
MaG
da 27/12/12 a 28/03/13
Ryanair
17:25
18:50
S
da 10/11/12 a 30/03/13
BUCAREST
W!ZZ
12:55
14:35
MaS
da 26/01/13 a 30/03/13
Ryanair
18:30
19:55
D
da 11/11/12 a 24/03/13
W!ZZ
12:55
14:35
G
da 07/03/13 a 28/03/13
Ryanair
20:50
22:15
L
da 14/01/13 a 25/03/13
W!ZZ
14:05
15:35
V
da 29/03/13 a 29/03/13
PRAGA
W!ZZ
14:25
15:55
Ma
da 26/03/13 a 26/03/13
W!ZZ
08:20
10:10
MaS
da 19/01/13 a 26/03/13
W!ZZ
08:20
10:10
G
da 28/03/13 a 28/03/13
BUDAPEST
W!ZZ
13:40
15:10
MeD
da 31/10/12 a 27/03/13
CAGLIARI
Ryanair
12:05
13:35
Ryanair
12:10
13:40
Ryanair
18:05
19:35
Ryanair
20:10
21:40
V
da 11/01/13 a 29/03/13
21:20
22:30
Ryanair
06:40
07:40
LMaMeGVS
da 07/01/13 a 30/03/13
Ryanair
08:35
09:35
D
da 11/01/13 a 24/03/13
LMaMeGVSD
da 28/10/12 a 30/03/13
ROMA FIUMICINO
L
da 14/01/13 a 25/03/13
Alitalia
S
da 08/12/12 a 30/03/13
CATANIA
Blu-Express
ROMA CIAMPINO
da 09/01/13 a 27/03/13
Me
MaVD
da 07/12/12 a 29/03/13
COLONIA
07:00
08:05
Alitalia
07:50
08:55
LMaMeGVS
da 28/01/13 a 30/03/13
Alitalia
11:20
12:25
LMaMeGVSD
da 05/01/13 a 30/03/13
Alitalia
15:05
16:15
LMaGSD
da 19/03/13 a 30/03/13
Alitalia
15:10
16:20
MeV
da 20/03/13 a 29/03/13
19:25
20:30
LMaMeGVSD
da 26/12/12 a 30/03/13
13:10
15:00
VD
da 09/11/12 a 29/03/13
08:30
09:20
L
da 05/11/12 a 28/03/13
Germanwings
09:45
11:55
V
da 02/11/12 a 29/03/13
Alitalia
Germanwings
13:25
15:35
D
da 28/10/12 a 24/03/13
STOCCARDA
DUSSELDORF WEEZE
Germanwings
Ryanair
17:55
20:25
Ma
da 01/01/13 a 26/03/13
TIRANA
Ryanair
19:15
21:45
S
da 17/11/12 a 30/03/13
Bellair
FRANCOFORTE HAHN
Bellair
12:50
13:40
Ma
da 06/11/12 a 28/03/13
Ryanair
13:05
15:15
S
da 12/01/13 a 30/03/13
Bellair
17:00
17:50
VS
da 02/11/12 a 28/03/13
Ryanair
18:30
20:40
MaG
da 15/01/13 a 28/03/13
Bellair
17:30
18:20
Me
da 08/11/12 a 28/03/13
Bellair
20:00
20:30
GD
da 04/11/12 a 28/03/13
GENOVA
Note
Ryanair
16:20
17:45
LMeV
da 07/01/13 a 29/03/13
TORINO
Ryanair
17:05
18:30
D
da 11/11/12 a 24/03/13
Ryanair
09:40
11:25
S
da 10/11/12 a 30/03/13
Airberlin
19:15
20:35
Me
da 14/11/12 a 27/03/13
09:15
10:50
LMaMeGVSD
da 04/03/13 a 30/03/13
MONACO
PALERMO
BERLINO
PARIGI BEAUVAIS
BRUSSELS CHARLEROI
Ryanair
Frequenza
AirDolomiti
PALERMO
BERLINO
Arrivi
a BARIArr.
Compagnia Part.
Blu-Express
12:35
13:45
D
da 28/10/12 a 24/03/13
Blu-Express
17:30
18:40
MaG
da 08/11/12 a 28/03/13
15:05
Me
da 02/01/13 a 27/03/13
15:10
L
da 07/01/13 a 25/03/13
13:30
15:50
D
da 28/10/12 a 24/03/13
Ryanair
17:30
19:50
S
da 10/11/12 a 30/03/13
Ryanair
17:50
20:10
V
da 09/11/12 a 29/03/13
06:30
08:15
V
da 11/01/13 a 29/03/13
07:00
08:45
L
da 14/01/13 a 25/03/13
13:00
15:10
MaS
da 23/03/13 a 30/03/13
Ryanair
06:15
07:30
V
da 21/12/12 a 29/03/13
Ryanair
12:45
Ryanair
06:20
07:40
L
da 07/01/13 a 25/03/13
Ryanair
12:50
Ryanair
06:30
07:50
MeGS
da 09/01/13 a 30/03/13
Ryanair
Ryanair
06:40
08:00
Ma
da 08/01/13 a 26/03/13
Ryanair
09:50
11:10
D
da 11/11/12 a 24/03/13
Ryanair
20:30
21:50
LD
da 07/01/13 a 25/03/13
PISA
Ryanair
20:45
22:05
V
da 09/11/12 a 29/03/13
Ryanair
Ryanair
BOLOGNA
PARIGI BEAUVAIS
BRUSSELS CHARLEROI
Ryanair
08:50
11:05
D
da 11/11/12 a 24/03/13
Ryanair
15:30
16:50
MaG
da 27/12/12 a 28/03/13
Ryanair
11:45
14:00
Me
da 02/01/13 a 27/03/13
Ryanair
15:40
17:00
S
da 10/11/12 a 30/03/13
Ryanair
16:55
18:05
D
da 11/11/12 a 24/03/13
10:40
12:25
G
da 07/03/13 a 28/03/13
PRAGA
BUCAREST
W!ZZ
W!ZZ
10:40
12:25
MaS
da 26/01/13 a 30/03/13
W!ZZ
06:05
07:50
MaS
da 19/01/13 a 26/03/13
W!ZZ
12:05
13:35
V
da 29/03/13 a 29/03/13
W!ZZ
06:05
07:50
MaS
da 28/03/13 a 30/03/13
W!ZZ
12:25
13:55
Ma
da 26/03/13 a 26/03/13
ROMA CIAMPINO
13:10
MaD
da 31/10/12 a 27/03/12
BUDAPEST
W!ZZ
11:40
CAGLIARI
Ryanair
07:00
08:05
D
da 11/11/12 a 24/03/13
Ryanair
08:05
09:10
LMaMeGVS
da 07/01/13 a 30/03/13
ROMA FIUMICINO
Ryanair
10:15
11:40
V
da 11/01/13 a 29/03/13
Alitalia
09:20
10:30
LMaMeGVSD
da 01/01/13 a 30/03/13
Ryanair
10:20
11:45
Me
da 09/01/13 a 27/03/13
Alitalia
13:15
14:20
LMaMeGVSD
da 28/12/12 a 30/03/13
Ryanair
16:15
17:40
L
da 14/01/13 a 25/03/13
Alitalia
17:30
18:40
LMaMeGVSD
da 26/12/12 a 30/03/13
Ryanair
18:20
19:45
S
da 10/11/12 a 30/03/13
Alitalia
20:35
21:40
LMaMeGVD
da 01/02/13 a 29/03/13
Alitalia
21:30
22:35
LMaMeGVSD
da 21/02/13 a 30/03/13
19:45
20:55
MaVD
da 07/12/12 a 29/03/13
12:35
VD
da 09/11/12 a 29/03/13
Germanwings
07:00
09:10
V
da 02/11/12 a 29/03/13
TIRANA
Germanwings
10:40
12:50
D
da 28/10/12 a 24/03/13
Bellair
07:00
07:50
L
da 05/11/12 a 28/03/13
Bellair
11:20
12:10
Ma
da 06/11/12 a 28/03/13
CATANIA
Blu-Express
COLONIA
STOCCARDA
Germanwings
DUSSELDORF WEEZE
10:50
Ryanair
16:35
18:50
S
da 17/11/12 a 30/03/13
Bellair
15:30
16:20
VS
da 02/11/12 a 28/03/13
Ryanair
20:50
23:05
Ma
da 01/01/13 a 26/03/13
Bellair
16:10
17:00
Me
da 08/11/12 a 28/03/13
Bellair
18:30
19:20
GD
da 04/11/12 a 28/03/13
FRANCOFORTE HAHN
Ryanair
10:25
12:40
S
da 12/01/13 a 30/03/13
TORINO
Ryanair
21:05
23:30
MaG
da 15/01/13 a 28/03/13
Ryanair
11:50
13:30
S
da 10/11/12 a 30/03/13
Ryanair
12:30
14:10
MaG
da 27/12/12 a 28/03/13
GENOVA
Ryanair
18:10
19:40
LMeV
da 07/01/13 a 29/03/13
Alitalia
12:40
14:10
Me
da 13/03/13 a 27/03/13
Ryanair
18:55
20:25
D
da 11/11/12 a 24/03/13
Alitalia
12:40
14:10
G
da 28/03/13 a 28/03/13
Ryanair
10:20
12:05
MaG
da 27/12/12 a 28/03/13
KARLSRUHE - BADEN
Alitalia
12:45
14:15
V
da 15/03/13 a 29/03/13
Ryanair
09:45
11:45
D
da 11/11/12 a 24/03/13
Alitalia
14:55
16:35
V
da 08/03/13 a 29/03/13
Ryanair
07:30
09:20
D
da 06/01/13 a 24/03/13
Alitalia
17:10
18:40
L
da 04/02/13 a 25/03/13
Ryanair
10:15
12:15
G
da 08/11/12 a 28/03/13
Alitalia
14:55
16:35
V
da 13/02/13 a 27/03/13
Ryanair
08:00
09:50
G
da 08/11/12 a 28/03/13
Ryanair
22:15
23:55
LMeVD
da 07/01/13 a 29/03/13
Alitalia
19:25
21:05
L
da 04/02/13 a 25/03/13
LONDRA GATWICK
20:05
21:45
LMeVD
da 07/01/13 a 29/03/13
Easyjet
08:55
11:45
S
da 30/03/13 a 30/03/13
Ryanair
16:50
18:05
MaGS
da 27/12/12 a 30/03/13
Easyjet
13:35
16:25
S
da 02/03/13 a 23/03/13
VALENCIA
KARLSRUHE - BADEN
LONDRA GATWICK
Easyjet
12:20
15:20
S
da 30/03/13 a 30/03/13
Ryanair
Easyjet
17:00
20:00
S
da 02/03/13 a 23/03/13
TRIESTE
LONDRA STANSTED
Ryanair
15:05
16:25
MaGS
Ryanair
06:25
08:30
D
da 11/11/12 a 24/03/12
VALENCIA
Ryanair
07:25
09:30
V
da 21/12/12 a 29/03/12
Ryanair
09:45
12:20
Ma
Ryanair
14:20
16:25
LMe
da 02/01/13 a 27/03/13
Ryanair
18:30
21:50
S
MALTA
TRIESTE
LONDRA STANSTED
Ryanair
07:00
09:20
Ma
da 26/03/12 a 26/03/13
Ryanair
08:55
12:40
D
da 11/11/12 a 24/03/13
Ryanair
21:40
23:50
S
da 30/03/12 a 30/03/13
da 26/03/12 a 26/03/13
Ryanair
09:55
13:40
V
da 11/01/13 a 29/03/13
VENEZIA
da 30/03/12 a 30/03/13
Ryanair
16:50
20:25
LMe
da 02/01/13 a 27/03/13
Alitalia
07:00
08:16
LMaMeGVS
da 25/03/13 a 30/03/13
Volotea
07:15
08:30
L
da 31/12/12 a 25/03/13
da 27/12/12 a 30/03/13
VENEZIA
MALTA
Ryanair
20:15
21:40
S
da 10/11/12 a 30/03/13
Alitalia
08:50
10:05
LMaMeGVS
da 25/03/13 a 30/03/13
Ryanair
20:15
21:35
Ma
da 01/01/13 a 26/03/13
Volotea
13:00
14:15
D
da 17/03/13 a 24/03/13
Ryanair
22:00
23:25
Ma
da 01/01/13 a 26/03/13
Volotea
12:30
13:50
L
da 07/01/13 a 25/03/13
Ryanair
22:05
23:25
S
da 10/11/12 a 30/03/13
Volotea
13:00
14:15
D
da 27/01/13 a 24/03/13
MILANO LINATE
Volotea
15:30
16:50
V
da 29/03/13 a 29/03/13
MILANO LINATE
Volotea
13:00
14:15
D
da 13/01/13 a 24/03/13
Alitalia
06:25
07:55
LMaMeGV
da 04/02/13 a 29/03/13
Alitalia
18:05
19:20
D
da 24/03/13 a 24/03/13
Alitalia
06:50
08:20
LMaMeGV
da 07/01/13 a 29/03/13
Volotea
13:45
15:05
V
da 29/03/13 a 29/03/13
Alitalia
09:10
10:40
LMaMeGV
da 07/01/13 a 29/03/13
Volotea
21:05
22:25
Me
da 27/03/13 a 27/03/13
Alitalia
10:00
11:30
LMaMeGVSD
da 17/03/13 a 30/03/13
Volotea
15:45
17:05
Me
da 27/03/13 a 27/03/13
Alitalia
09:25
10:55
SD
da 20/01/13 a 30/03/13
Volotea
21:25
22:45
V
da 11/01/13 a 29/03/13
Alitalia
12:45
14:10
LMaMeGV
da 11/03/13 a 29/03/13
Volotea
16:10
17:25
V
da 10/01/13 a 29/03/13
Alitalia
12:30
14:00
LMaMeGVSD
da 23/03/13 a 30/03/13
VENEZIA-TREVISO
Alitalia
14:35
16:05
LMaMeGVSD
da 07/02/13 a 30/03/13
Alitalia
16:15
17:30
D
da 24/03/13 a 24/03/13
Alitalia
15:10
16:40
LMaMeGV
da 05/03/13 a 29/03/13
Ryanair
da 09/11/12 a 29/03/12
Alitalia
19:00
20:30
LMaMeGVSD
da 09/01/13 a 28/03/13
VENEZIA-TREVISO
Alitalia
17:00
18:30
LMaMeGVSD
da 07/02/13 a 30/03/13
21:50
23:20
LMaMeGVD
da 06/01/13 a 29/03/13
Ryanair
11:30
12:50
V
da 09/11/12 a 29/03/12
Ryanair
12:10
13:30
LMeS
da 07/01/13 a 30/03/13
14:55
16:15
D
da 11/11/12 a 24/03/13
MILANO MALPENSA
Easyjet
09:30
Easyjet
09:35
Easyjet
20:50
11:05
09:40
11:05
V
Ryanair
10:20
11:45
LMeS
da 07/01/13 a 30/03/13
Alitalia
Ryanair
13:05
14:30
D
da 11/11/12 a 24/03/13
MILANO MALPENSA
13:40
15:05
G
da 08/11/12 a 28/03/13
Easyjet
07:25
09:00
LMaMeGVSD
da 26/02/13 a 30/03/13
Ryanair
18:40
20:15
LMaMeGVD
da 07/01/13 a 29/03/13
Ryanair
16:10
17:30
Ma
da 01/01/13 a 26/03/13
Ryanair
19:50
21:10
G
da 08/11/12 a 28/03/13
D
da 28/10/12 a 24/03/13
Ryanair
11:10
LMaMeGVS
da 26/02/13 a 30/03/13
Ryanair
14:20
15:45
Ma
da 01/01/13 a 26/03/13
Easyjet
22:25
LMaMeGVD
da 07/01/13 a 29/03/13
Ryanair
20:45
22:05
V
da 09/11/12 a 29/03/13
MILANO - BERGAMO
Ryanair
20:50
22:10
D
da 11/11/12 a 24/03/13
Ryanair
06:20
07:50
V
da 11/01/13 a 29/03/13
Ryanair
22:30
18:35
V
da 09/11/12 a 29/03/13
Ryanair
06:30
08:00
L
da 07/01/13 a 25/03/13
Ryanair
22:35
21:25
D
da 11/11/12 a 24/03/12
MILANO - BERGAMO
Ryanair
06:25
08:00
LMaMeGVSD
da 07/01/13 a 30/03/13
VERONA
Ryanair
08:20
09:55
V
da 11/01/13 a 29/03/13
Volotea
08:55
10:20
L
da 07/01/13 a 25/03/13
Ryanair
08:25
09:55
LMaMeGVSD
da 07/01/13 a 30/03/13
VERONA
Ryanair
08:25
09:55
L
da 07/01/13 a 25/03/13
Volotea
10:15
11:40
V
da 29/03/13 a 29/03/13
Ryanair
12:20
13:50
Me
da 07/11/12 a 27/03/13
Volotea
08:30
09:50
V
da 29/03/13 a 29/03/13
Ryanair
14:15
15:45
Me
da 07/11/12 a 27/03/13
Volotea
14:40
16:05
D
da 17/03/13 a 24/03/13
Ryanair
12:35
14:05
LGD
da 12/11/12 a 28/03/13
Volotea
10:45
12:05
L
da 07/01/13 a 25/03/13
Ryanair
14:30
16:00
LGD
da 12/11/12 a 28/03/13
Volotea
17:30
18:55
Me
da 27/03/13 a 27/03/13
Ryanair
12:40
14:10
M
da 08/01/13 a 26/03/13
Volotea
16:30
17:50
D
da 17/03/13 a 24/03/13
Ryanair
14:35
16:05
Ma
da 08/01/13 a 26/03/13
Volotea
17:50
19:15
V
da 11/01/13 a 29/03/13
Ryanair
12:45
14:15
VS
da 11/01/13 a 30/03/13
Volotea
19:20
20:40
V
da 27/03/13 a 27/03/13
Ryanair
14:40
16:10
VS
da 11/01/13 a 30/03/13
ZURIGO
Ryanair
15:15
16:45
VD
da 28/12/12 a 29/03/13
Volotea
19:40
21:00
V
da 11/01/13 a 29/03/13
Ryanair
17:10
18:40
VD
da 28/12/12 a 29/03/13
Helvetic
14:15
16:05
D
da 28/10/12 a 24/03/13
Ryanair
19:05
20:35
LVSD
da 07/01/13 a 30/03/13
ZURIGO
Ryanair
21:00
22:30
LVSD
da 07/01/13 a 30/03/13
Helvetic
14:50
16:40
LMeGV
da 29/10/12 a 29/03/13
Ryanair
19:10
20:40
MaG
da 27/12/12 a 28/03/13
Helvetic
11:55
13:40
LMaMeGVSD
da 28/10/12 a 29/03/13
EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
domani
dopodomani
min 5°
max 16°
min 9°
max 18°
min 14°
max 19°
Sereno
Poco nuvoloso Nuvoloso
Molto nuvoloso
Coperto Variabile/Temporali
Variabile/Pioggia
Variabile/Neve Pioggia Pioggia forte
giorno e notte
meteo
oggi
31
sorgetramonta
Sole05,51 18,12
Luna14,17 03,54
Neve
Temporale VENTO: Debole Moderato Forte
oggi
MARE: Calmo Mosso Agitato Molto agitato
le previsioni
Nord: Aumento della nuvolosita’ fin dal mattino al
NO con precipitazioni dal pomeriggio in intensificazione ed estensione a tutti i settori. Temperature in calo; massime tra 11 e 14°C. Venti da SE in
rinforzo; mari da mossi a molto mossi.
Centro: Graduale peggioramento sulla Toscana
con qualche pioggia; nubi in aumento altrove.
Temperature stabil; massime comprese tra 14 e
18°C. Venti tesi da SE; mari mossi o molto mossi.
Sud: Stabilita’ e bel tempo su tutte le regioni,
con al più qualche annuvolamento a ridosso della
dorsale. Nubi in aumento la notte tra est Basilicata e Tarantino. Temperature in lieve rialzo; massime comprese tra 14 e 19°C. Venti tesi da SE;
mari da mossi a molto mossi.
domani
temperature in italia
min
max
min
max
Ancona
5
16
Milano
6
14
Aosta
1
13
Napoli
6
18
Bari
5
16
Palermo
10
21
Bologna
4
15
Perugia
1
17
Cagliari
9
19
Potenza
5
15
Campobasso
5
14
Roma
6
17
Catanzaro
9
18
Torino
4
12
Firenze
5
16
Trento
0
14
Genova
9
15
Trieste
5
13
L’aquila
1
17
Venezia
4
12
dopodomani
temperature in europa
min
max
min
max
-3
1
Lisbona
12
14
9
17
Londra
2
3
Barcellona
12
15
Madrid
6
16
Belgrado
-1
8
Monaco
8
13
Berlino
-7
4
Parigi
6
8
0
9
Tirana
0
14
-5
-2
Valletta
14
15
1
2
Varsavia
-13
-5
-11
-2
Vienna
-3
4
-7
-6
Zurigo
3
12
Amsterdam
Atene
Bucarest
Copenaghen
Dublino
Helsinky
Kiev
È possibile acquistare copie di
da distribuire gratuitamente presso
la propria attività commerciale
se interessati scrivere a
[email protected]
o telefonare allo
080.585 74 50
32 EPolis Bari
Sabato 23 marzo 2013
www.epolisbari.com
Direttore responsabile
Dionisio Ciccarese
Direttore editoriale
Vito Raimondo
Redazione
via delle Orchidee, 1
70026 Z.I. Modugno - Bari
Tel. 080 5857350-1-2-3
Fax 080 5857349
[email protected]
[email protected]
Pubblicità
via delle Margherite, 20/22
70026 Modugno - Bari
Tel. 080 5857450
Fax 080 5857426
[email protected]
Società editrice
P.Q.S.
Periodici e Quotidiani del Sud
via delle Orchidee, 1
70026 Z.I. Modugno - Bari
Tel. 080 5857439
Fax 080 5857427
[email protected]
Reg. Trib. Bari
n. Reg. Stampa 51
del 07/12/2010
Copyright P.Q.S.
Tutti i diritti sono riservati.
Nessuna parte di questo
quotidiano può essere
riprodotta con mezzi grafici,
meccanici, elettronici o digitali.
Ogni violazione sarà perseguita
a norma di legge.
Responsabile trattamento
dati personali
Dionisio Ciccarese
Il primo
quotidiano
di Bari
per numero
di copie diffuse
Seguici su

Documenti analoghi