PO n. 3-2004 Seconda parte

Commenti

Transcript

PO n. 3-2004 Seconda parte
INIZIATIVE
CONVEGNO NAZIONALE
Le emergenze e le urgenze
odontoiatriche, il contenzioso
e la responsabilità professionale
Bologna, 5 - 6 novembre 2004
Associazione Italiana Odontoiatri
Centro Congressi Royal Hotel Carlton - Via Montebello, 8
CON IL PATROCINIO DI:
Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università
degli Studi di Bologna
CLOPD - Corso di Laurea in Odontoiatria e
Protesi Dentaria
Collegio dei Docenti di Odontoiatria
Assessorato alla Sanità Provincia di Bologna
Assessorato alla Sanità Comune di Bologna
Assessorato alla Sanità Comune di Castenaso
Azienda USL di Bologna
Azienda Ospedaliera di Bologna Policlinico
S.Orsola-Malpighi
Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli
Odontoiatri di Bologna
F.N.O.M.C.eO.- Federazione Nazionale degli
Ordini dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri
C.A.O.-Commissione NazionaleAlbo
PRESIDENTE DEL CONVEGNO
Prof Giorgio Borea
Venerdì 5 novembre
SEGRETERIA SCIENTIFICA
Dr.ssa Maria Sofia Rini
Dr. Sebastiano Pantaleoni
• 09.30 Il paziente cardiopatico:
come riconoscerlo, come
trattarlo
A. BRANZI (Bologna),
L. MONTEBUGNOLI (Bologna)
• 10.15 La trasmissione delle malattie
infettive da paziente
a paziente, da paziente
a odontoiatra, da odontoiatra
a paziente.
Esiste un vero rischio?
F. CHIODO (Bologna)
• 10.40 L’anestesia locale e generale in
odontoiatria.Quali rischi, quali
incidenti, cosa fare?
G. MARTINELLI (Bologna)
• 11.10 Pausa
• 11.20 Il paziente geriatrico sotto
il profilo odontoiatrico:
come trattarlo
D. CUCINOTTA (Bologna)
• 11.45 Gravidanza e manovre
odontoiatriche:
cosa sapere oggi
G. BELVEDERI (Bentivoglio, Bo)
• 12.05 Allergie e idiosincrasie a
farmaci: incidenti in
conseguenza di manovre
odontoiatriche
G. CANTELLI FORTI (Bologna)
• 12.25 L’urgenza pediatrica
P. PIRAZZOLI (Bologna)
• 12.45 Ingestione ed aspirazione
di strumenti. Il seno mascellare
G. C. MODUGNO (Bologna)
• 13.15 pausa pranzo
SEGRETERIA ORGANIZZATIVA
I&C Srl
Via A.Costa, 2 - 40124-Bologna
Tel 051-6144004 - Fax 051-6142772
e-mail:[email protected]
Il convegno, partendo dalla disamina
delle situazioni di maggior rischio clinico
e dall’esperienza clinica (casistica), si
prefigge lo scopo di analizzare in maniera
il più possibile completa e dettagliata il
problema delle emergenze/urgenze
ambulatoriali odontoiatriche (branca
prevalentemente svolta in ambienti non
protetti) sulla base di esperienze
personali e professionali di operatori di
grande e provata esperienza clinica,
identificando protocolli e/o procedure
terapeutiche atte a tutelare, mediante
una proficua collaborazione
interdisciplinare, il bene salute e vita dei
pazienti a rischio. Il contributo di ciascun
professionista amplierà la visione globale
del problema offrendo ai partecipanti
una fonte di arricchimento professionale
e culturale. Non di secondaria
importanza sono la valutazione, la
gestione e la prevenzione delle
problematiche medico-legali correlabili
a tali evenienze
16
PROSPETTIVA ODONTOIATRICA
P.O.
I PAZIENTI A RISCHIO
I PAZIENTI A RISCHIO
• 14.30 Incidenti in conseguenza
Odontoiatri
COI - Cenacolo Odontostomatologico EmilianoBolognese
S.U.M.A.I.
S.I.M.L.A.- Società Italiana Medicina Legale e
delleAssicurazioni
S.I.O.F.- Società Italiana di Odontoiatria Forense
Associazione Melchiorre Gioia
di manovrechirurgiche
odontoiatriche
P. DALLERA (Bologna )
• 15.15 I pazienti scoagulati: cosa fare
G. PALARETI (Bologna)
• 15.40 L’odontoiatra nel lavoro
quotidiano e nell’emergenza.
Profilo psicologico
C. CIPOLLI (Bologna),
N.C.ROSSI (Bologna)
PRONTO SOCCORSO
ED EMERGENZE
• 16.30 Emergenze ambulatoriali
e primo soccorso:
quadri clinici ed aspetti
operativi. ”Arresto cardiaco”
E. VITALI (Ferrara),
C. SERANTONI (Bologna)
• 19.30 Conclusione della I giornata
Sabato 6 novembre 2004
ASPETTI
MEDICO-LEGALI,
RESPONSABILITÀ
E CONTENZIOSO
• 09.00 Responsabilità professionale
dell’odontoiatra
V. CARBONE (Roma)
• 10.00 Emergenze ed urgenze
in odontoiatria:
riflessioni medico-legali
G. PAPPALARDO (Bologna)
• 11.00 Pausa
• 11.15 Casistica di odontoiatria legale
M.S. RINI (Bologna)
• 12.00 L’esperienza padovana
D. BETTI (Padova)
• 12.40 L’esperienza modenese
M. PROVVISIONATO (Modena)
• 13.15 Pausa pranzo
• 14.30 Aspetti assicurativi
odontoiatrici
A. NOBILI (Bologna)
• 14.45 Aspetti assicurativi:
medico-legali
L. MASTROROBERTO (Bologna)
• 15.15 Aspetti assicurativi:
gestione amministrativa
G. GIGLIOTTI (Bologna)
• 15.45 Il contenzioso
G. PAZZAGLIA (Bologna)
• 16.15 Gli incidenti in odontoiatria:
rassegna giurisprudenziale
V. ZINCANI (Bologna)
• 17.15 Discussione e consegna
test di apprendimento
• 18.00 Conclusioni G. BOREA
(Bologna)
INFORMAZIONI
GENERALI
QUOTA DI ISCRIZIONE
(IVA 20% esclusa)
• partecipazione alle due giornate di
Convegno
Euro 100,00 + IVA Socio AIO
Euro 120,00 + IVA Socio COI
Euro 150,00 + IVA NON Socio
• gratuita Studenti
• partecipazione ad una giornata di
Convegno
Euro 75,00 + IVA
(riservata ai professionisti non
appartenenti alla categoria medica)
FILO DIRETTO AISO
LA REPUBBLICA
DELLE BANANE
L’
odontoiatria, in particolar
modo a livello universitario, sta
in questi anni vivendo un
periodo di decisa evoluzione: il
nostro Corso di Laurea, infatti, ha visto
innanzitutto riformati gli ordinamenti
didattici e a breve assisterà all’approvazione della riorganizzazione delle Scuole di
Specializzazione e probabilmente a quella
dell’esame di abilitazione alla professione.
La Scuola di Specializzazione rappresenterà un’opportunità in più per ognuno di noi,
una nuova strada da percorrere; l’esame di
abilitazione una dimostrazione di serietà e
di responsabilità nei confronti della popolazione. È vero, sono ancora molte e di fondamentale importanza le difficoltà che
devono essere superate ed in particolar
modo mi riferisco allo svolgimento del tirocinio clinico che nella maggior parte delle
università risulta del tutto inadeguato ed
insufficiente. Ma qualcosa sta cambiando.
Qualcosa sta avanzando, sta progredendo.
Qualcosa, nono-stante il suo incedere
lento, ci dà comunque la speranza che i
nostri sforzi siano in parte ricompensati e
che un giorno il CLSOPD rispecchierà
quell’ideale moderno che abbiamo noi di
corso di laurea professionalizzante, completo e capace di formare al meglio gli
odontoiatri del futuro. Qualcos’altro invece ci frena. Qualcos’altro non sta cambiando. È anzi sempre più uguale a sé stesso. E ci
riporta indietro, mina le fondamenta su cui
può crescere il nostro CLSOPD. Questo
qualcos’altro, indovinate un po’, sono le
continue sanatorie. Il 16 giugno scorso,
infatti, il Senato della Repubblica ha
approvato l’ennesimo provvedimento di
sanatoria dei confronti di quegli studenti
che avevano fatto ricorso al TAR per essere
ammessi ai Corsi di Laurea a numero programmato nonostante non avessero superato i test d’ingresso. Nel ‘99 è stata emana-
ta la legge che sancisce la programmazione
degli accessi per determinate Facoltà “sensibili” (la legge 264), ma nonostante ciò si
riesce ad aggirarla ed iscriversi a dette
facoltà malgrado la bocciatura al test
d’ingresso. Bel rispetto nei confronti di chi ha studiato seriamente per entrare... Da più di 7 anni
ormai le università sono costrette da
provvedimenti parlamentari irrazionali ad accogliere un numero di studenti
superiore alle proprie capacità formative.
Il numero programmato viene sistematicamente sovvertito grazie a quegli stessi parlamentari che lo hanno (giustamente)
voluto. Ma tanto, in definitiva, a subire il
danno sarà la popolazione, la quale si troverà di fronte degli operatori insufficientemente preparati a causa della trascuratezza
della classe politica. In secondo luogo lo
subiranno gli studenti regolarmente entrati, ai quali viene negato il meritato e reale
“diritto allo studio” in quanto messi nell’impossibilità di studiare: determinati
Corsi di Laurea professionalizzanti (uno
dei quali il nostro) necessitano di un tirocinio clinico assolutamente imprescindibile
dal numero programmato. E gli stessi studenti rischiano di veder revocata l’equipollenza dei titoli di studio data la continua
inottemperanza alle normative comunitarie ed agli obblighi da esse nascenti. Evidentemente questi temi non sono poi così
importanti per i nostri legiferatori. Per dirlo
con le parole del dr. Renzo (Presidente
Commissione Odontoiatrica), “attraverso
una logica paternalistica e deprimente il
Parlamento viene tirato in ballo per sanare
queste situazioni, in omaggio ad una mentalità tutta italiana di colpevole buonismo”.
Ma di certo questi non sono gli unici motivi
per cui l’AISO disapprova la sanatoria.
Questa sanatoria, infatti, premia solo pochi,
pochissimi “fortunati”. Ed in questo
aggiunge ingiustizia ad ingiustizia: risultano sanati solo coloro i quali hanno presentato ricorso al “giusto” TAR (perché non
tutti i TAR si sono comportati allo stesso
modo) e che abbiano ottenuto la sospensiva, senza alcuna considerazione per coloro
che, per motivi di impossibilità economica
o semplicemente perché rispettosi della
legge 264/99, non hanno presentato ricorso o non hanno ottenuto il provvedimento
di sospensiva. Ancora di più: vengono
sanati solo coloro i quali abbiano “sostenuto almeno un esame entro il 31 luglio 2001
ovvero più di due esami entro il 31 luglio
2003”, come se questa clausola fosse garanzia di impegno da parte dello studente (è
duro fare 2 esami in 3 anni!!!!), senza consi-
derare che, d’altro canto, possono essere
innumerevoli i motivi di impedimento a
sostenere gli esami e non sempre dipendenti dalla volontà dello studente. La sanatoria, inoltre, risulta viziata da dubbi
riguardo la sua legittimità costituzionale
perché opererebbe una regolarizzazione di
soggetti che hanno ottenuto ordinanze
cautelari di sospensiva revocate dal Consiglio di Stato, supremo organo della giustizia amministrativa e, pertanto, prive di
valenza giuridica. Sovvertire gli ambiti di
competenza tra organi legislativi e giudiziari è contrario al principio costituzionale
della separazione dei poteri esecutivo,
legislativo e giudiziario dello Stato. Ma il
Parlamento è sovrano e per fare gli interessi di pochissimi è disposto ad ignorare
(primo fra tutti) il bene primario della salute pubblica. Infine, un fatto decisamente
grave è che la sanatoria by-passa completamente, mettendola seriamente in discussione, la legge che sancisce il numero programmato (punto di partenza fondamentale per un’adeguata formazione), rappresentando un pericoloso precedente di
deroga ai principi della legge stessa. La
classe politica ha con questa decisione
deluso per l’ennesima volta quegli studenti
che ancora credevano nelle istituzioni e
nella giustizia, ha tradito la speranza che un
giorno le cose possano cambiare anche nel
nostro Paese, il Paese di Pulcinella dove
tutto finisce a “tarallucci e vino”, dove
ormai alle ingiustizie siamo assuefatti. Da
sette anni il Parlamento continua ad emettere provvedimenti di sanatoria sempre per
lo stesso motivo e senza la capacità di risolvere il problema alla radice. Da sette anni i
politici ci garantiscono che “questa volta
sarà l’ultima”. Da sette anni appoggiano e
condividono le nostre idee fino a che arriva
il momento di votare il provvedimento e
vengono colti da amnesia... e i loro ricordi
attimi effimeri come “lacrime nella pioggia” (Blade Runner). Quante contraddizioni e quante illusioni.
Quanto mai adeguata è la metafora resa
celebre da Woody Allen, da Lucio Dalla e
Francesco De Gregori: siamo o non siamo
nella Repubblica delle Banane?!?
Christian Lalli
P.O.
PROSPETTIVA ODONTOIATRICA
17
INIZIATIVE
ONAOSI
D’accordo sui fini,non sui metodi.
Non distraiamoci,però,dai veri problemi.
L’Opera Nazionale per l’Assistenza agli
Orfani dei Sanitari Italiani, ente senza
scopo di lucro, nasce nel 1890 da una intuizione di Luigi Casati, medico di Forlì.
L’Opera si distingue subito per la sua indipendenza da qualunque finanziamento
pubblico diretto e indiretto, in quanto le
risorse per il sostentamento provengono
unicamente dalle categorie sanitarie, presente inizialmente solo la componente
medica. Successivamente, nel 1901, il contributo viene reso obbligatorio, con una
legge approvata dal Parlamento, per tutti i
medici, farmacisti e veterinari esercenti alle
dipendenze di pubbliche amministrazioni,
in tutto il Regno d’Italia. Viene stabilito che
anche i liberi professionisti possono contribuire, volontariamente, e tale situazione si
mantiene per più di 80 anni.
Durante questo periodo l’Onaosi attraversa
momenti di difficoltà, prima a causa dell’inserimento in un elenco di Enti ritenuti
“inutili” e che dovevano essere soppressi,
difficoltà superata in seguito a chiarimenti
successivi, sostenuti dalle manifestazioni
ed attestazioni concrete provenienti da più
parti, poi in seguito ad alcuni ricorsi sulla
legittimità della contribuzione obbligatoria. L’Onaosi, infatti, nel 1995 si è trasformata da ente pubblico in fondazione. La
Corte Costituzionale, nel 1999, conferma
tale legittimità, essendo l’Onaosi fondata
essenzialmente sul principio di solidarietà.
Dopo l’84 i primi laureati in Odontoiatria,
assunti dalle pubbliche amministrazioni,
vengono inseriti tra i contribuenti obbliga-
tori. I liberi professionisti possono sempre
contribuire volontariamente. Oggi, è la cronaca dei nostri giorni, l’art. 52 della Finanziaria 2003 rende obbligatorio il contributo
per tutti, dipendenti e liberi professionisti.
L’Onaosi oggi conta circa 4000 assistiti, ed è
presente con propri centri a Perugia, Torino, Padova, Pavia, Bari, Messina e, ultimo
nato, Bologna. L’assistenza della Fondazione, prevede la possibilità di alloggiamento
presso uno dei collegi nei centri su citati,
oppure interventi a domicilio con premi e
riconoscimenti economici erogati in modo
da stimolare gli assistiti ad impegnarsi attivamente al fine di ottenere risultati positivi
nel percorso scolastico; inoltre sono previste agevolazioni economiche nella villeggiatura in alcuni centri-vacanze in montagna o al mare. L’AIO riconosce ed apprezza i
fini nobili e concreti della Fondazione
Onaosi, ma lamenta la scarsa informazione
che è stata data per il
passaggio alla contribuzione obbligatoria per tutti. Il bollettino, arrivato in un
periodo particolare, ha ulteriormente alimentato quella sensazione di disagio che
alcuni colleghi hanno manifestato. Auspica
che in futuro possa essere garantita una
completa e tempestiva informazione. L’AIO
invita comunque tutti i professionisti della
categoria a non distogliere l’attenzione dai
veri problemi che affliggono la categoria
odontoiatrica, come la sanatoria del numero programmato al CLOPD e l’abusivismo
sempre dilagante. Diventa paradossale rilevare la protesta di alcuni colleghi che hanno
fatto fuoco e fulmini per il contributo Onaosi, ma non hanno mai speso una parola per
altri problemi molto più gravi…
La professione è in pericolo, ed il pericolo
non viene certo dall’Onaosi!
Caro collega,
ti informo che e' stato attivato sul sito
www.aio.it il sondaggio allegato, onde
meglio conoscere il pensiero della categoria
sul contributo da corrispondere all'Opera
Nazionale per l'Assistenza agli Orfani dei
Sanitari Italiani (ONAOSI).
Per votare puoi andare sul sito e cliccare su
una della voci elencate.
SONDAGGIO (per votare,clicca su una delle voci)
Dal 2003 l'iscrizione all'ONAOSI è diventata obbligatoria per tutti i sanitari. Cosa ne pensi?
è giusto
è giusto ma l'importo va ridotto
è sbagliato
non so
PRONTO SOCCORSO ODONTOIATRICO
Si ricorda che è necessario designare in
ogni studio odontoiatrico (ai sensi
dell'art. 12 del Dlgs 626/94) un addetto al
pronto soccorso; si suggerisce che sia
direttamente l'odontoiatria ad assumere
tale compito. Il decreto ministeriale
18
PROSPETTIVA ODONTOIATRICA
P.O.
relativo, inoltre, obbliga le aziende
(quindi anche gli studi odontoiatrici) ad
avere delle attrezzature minime per gli
interventi di primo soccorso. Con
l'approvazione della Legge n. 186 del 27
Luglio 2004 (Art. 8-decies), G.U. n. 175
del 28 Luglio 2004, il Senato ha
prorogato di sei mesi l'entrata in vigore
del regolamento sul pronto soccorso
aziendale. La scadenza temporale, cosi'
posticipata, risulta quindi essere il 3
febbraio 2005 e non piu' il 3 agosto 2004
SPECIALE 20 ANNI
IV MEMORIAL VITTORIO NISIO
CONGRESSO NAZIONALE AIO
20 anni di Odontoiatria • 6-7-8 maggio 2004
l IV Memorial Vittorio Nisio Congresso Nazionale AIO 20 anni
di Odontoiatria, risultato della
collaborazione tra AIO (associazione italiana odontoiatri) sede di Bari e
ACVN (associazione culturale Vittorio
Nisio) ha raccolto un grande successo
espresso dalla grande affluenza di odontoiatri odontotecnici e igienisti che
hanno movimentato il gremitissimo salone espositivo.
Interventi autorevoli e relazioni di alto
livello per l’aggiornamento su tecniche e
nuovi approcci procedurali hanno onorato la memoria e il ricordo del prof. Vittorio Nisio, esempio per tutti di altruismo
professionale. Momento centrale, quest’anno, e’ stata la premiazione dei primi
colleghi che hanno conseguito il diploma
di laurea in Odontoiatria in Puglia, nella
ricorrenza dei 20 anni dalla istituzione
del CLOPD, conferma sempre piu’ di
un’odontoiatria fatta da professionisti
che vi si dedicano totalmente e in maniera esclusiva.
Notevole anche il riconoscimento istituzionale alla manifestazione in ambito
accademico con la presenza del Prof.
Gianfranco Favia presidente del CLOPD
di Bari, il prof. Salvatore Santacroce
Direttore del Dipartimento di Odontostomatologia e Chirurgia, il prof. Roberto
Grassi ordinario di parodontologia. Per
l’ordine dei Medici Francesco Losurdo
presidente OMCeO Bari e Giuseppe Balice presidente commissione odontoiatri di
Bari, oltre ai colleghi Gerhard Seeberger
ed Enrico Lai del consiglio di Presidenza
nazionale AIO e di Paolo Mastrangelo,
past president AIO Bari.
I
Foto 1: Il tavolo di presidenza all’inaugurazione
Foto 2-3: La consegna dell’attestato ricordo al primo
laureato in odontoiatria di Bari e agli altri festeggiati
per il ventennale della laurea
Foto 4: Lo stand AISO
1
2
3
4
Un nuovo partner A.I.O.
all’orizzonte
I delegati dell’Association Dentaire
Française (ADF) Patrick Hescot e Claude Bouchet e gli omologhi AIO, Gerhard Seeberger ed Edoardo Cavallè,
hanno discusso alcune proposte in un
working lunch al Taj Palace Hotel di
New Delhi. In futuro le due associazioni
apriranno un canale di comunicazione
reciproco sulle proprie attività. Un link
verrà inserito su entrambi i siti web e
sarà garantita una visibilità sulle riviste
‘AIO e ADF. Primo frutto di questo
accordo la presenza di un collega francese allo stand AIO all’EXPODENTAL,
per distribuire le locandine del Congresso Annuale dell’ADF. In un prossimo futuro verranno valutati anche lo
scambio di relatori per corsi e congressi
ed una più stretta collaborazione dei
due sindacati a livello europeo.
Gerhard Konrad Seeberger
Consigliere Nazionale A.I.O.
e-mail: [email protected]
SPECIALE 20 ANNI
Cagliari,Giugno 2004
XIX Congresso Nazionale AIO
L’AIO festeggia in Sardegna il suo ventennale!
D
ifficile trovare parole adatte per
descrivere la stupenda cornice offerta dal mare cristallino e dalle
amene spiagge della Sardegna dove si è svolto, nei pressi di Cagliari, l’evento
AIO di maggior rilevanza del 2004: il XIX Congresso Nazionale intitolato “20 Anni di Difesa
della Professione, 20 Anni di AIO”, insieme al
Simposio Internazionale “Modern Full Mouth
Concepts”. La maggior parte dei partecipanti e
dei relatori, provenienti dall’Italia e dal resto del
mondo, ha saggiamente approfittato dell’entusiasmante programma pre-congressuale svoltosi
a Villasimius presso il famoso Tanka Village,
meta turistica di rara bellezza, per poi spostarsi
dal 4 al 5 giugno presso l’Hotel Setar, nelle cui
sale congressi si è svolto l’evento congressuale,
offrendo una notevole opportunità di crescita
professionale assieme a piacevoli momenti di
relax in piscina o sulla spiaggia. I lavori iniziano il
4 Giugno con i discorsi di benvenuto delle
numerose Autorità, dai quali sono focalizzati
presente e futuro della professione dopo questi
primi vent’anni, periodo in cui l’AIO ha costantemente lottato per la difesa della nuova figura
professionale dell’odontoiatra e, più recentemente, per tutti gli esercenti esclusivi la professione odontoiatrica. Un senso di giustificato
orgoglio traspare dalla lettura di alcuni dei molti
telegrammi pervenuti con l’augurio di buon
lavoro, tra tutti dall’onorevole Roberto Capelli,
per la regione Sardegna e dal Presidente della
Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. L’inaugurazione, fusasi spontaneamente nel Forum: “Laurea in Odontoiatria in Italia: i primi 20 anni il Futuro”, ha richiamato un numero inatteso di
colleghi, unito ad un folto plotone di ospiti di
rilievo. Hanno portato i saluti delle associazioni
ed enti da loro rappresentati Michéle Aerden,
president elect FDI, Josè Font-Buxo, presidente ERO, Keith Suchy, presidente CDS, Massimo Ferrero, segretario FNOMCeO e membro
della CAO nazionale, la professoressa Livia
Ottolenghi, in rappresentanza del Collegio dei
Docenti, Robert Ramus, executive director
1 - L’evento congressuale si è sviluppato con differenti
comunicazioni in contemporanea. Nella foto uno scorcio dei partecipanti in una delle sale.
2 - Hanno portato i saluti delle associazioni ed enti da
loro rappresentati (da sx a dx):
Robert Ramus, executive director dell’Academy of
Dentistry International (ADI),
Josè Font-Buxo, presidente ERO,
Michéle Aerden, president elect FDI,
Giulio Del Mastro (AIO),
Massimo Ferrero, segretario FNOMCeO e membro della
CAO nazionale, il presidente dell’Associazione Italiana
Studenti Odontoiatria (AISO) Christian Lalli,
la professoressa Livia Ottolenghi, in rappresentanza del
Collegio dei Docenti, Keith Suchy, presidente CDS.
1
2
3
4
5
6
7
8
SPECIALE 20 ANNI
dell’Academy of Dentistry International (ADI).
In nome della continuità, importante sottolineare la presenza al Congresso dell’Associazione Italiana Studenti Odontoiatria (AISO), con il presidente Christian Lalli. Forti e numerosi i contatti
da sempre fra le due associazioni, intensificatisi
recentemente per la comune gestione della
squallida vicenda “sanatoria”, argomento fra i
più stigmatizzati dai partecipanti la tavola rotonda. Particolarmente toccante l’intervento del
professor Paolo Falconi, un antesignano dell’insegnamento al CLSOPD di Cagliari, seguito
dall’attuale presidente, professor Pittau. Un ringraziamento da parte dell’AIO all’onorevole
9
10
11
12
13
15
14
16
Raimondo Ibba, presidente dell’OMCeO di
Cagliari e all’onorevole Pierpaolo Vargiu, presidente delle Federazione regionale degli
OMCeO in Sardegna, presenti nonostante i molteplici impegni elettorali. Il programma culturale, rivolto ad Odontoiatri, Odontotecnici ed Igienisti, si è articolato in più sale ed ha offerto un
approfondimento sia professionale sia culturale
nel rispetto dei requisiti stabiliti dal Ministero
della Salute e accreditato ai fini ECM. Parecchie
centinaia tra colleghi, odontotecnici, igieniste e
personale ausiliario, hanno approfittato della
fitta sezione scientifica, che si è divisa tra due lati
estremi dell’odontoiatria, l’alta tecnologia
riabilitativae la profilassi orale. Tali argomenti, di punta, sono stati sviluppati e approfonditi
dai migliori esperti in materia sia nazionali, sia
internazionali, tra i quali ricordiamo il Dr. Stefan Neumeyer dell’Università di Monaco (Germania) che, assieme a Klaus Müterthies ha
tenuto un corso sull’Ossido di Zirconio ed il Prof.
Carlo Guastamacchia, che ha tenuto un’interessante lezione sulla motivazione del Paziente;
alto indice di gradimento anche per il “Full
Mouth Concept for the Daily Practice” illustrato
dal Prof. Ulrich Saxer dell’Università di Zurigo
e per gli altri ospiti di spicco tra i quali il Prof.
Marc Quirynen dell’Università di Leuven (Belgio), il Dr. Rodrigo Escalante da Acapulco
(Messico) ed il Dr. Barry Freydberg, directly
from Chicago (U.S.A.). Il tutto in traduzione
simultanea in e dall’inglese. Di notevole valenza
è stata la folta presenza degli sponsor tra cui
ricordiamo: 3M Espe, Anthos, Assitorino 2000,
Benax, Curaden, Defradental, Degudent, Dental
Trey, DL Medica, Dürr Dental, GlaxoSmithKline, Idem, Ilic´, Incas-Pisano, Kaber, Medical srl,
Metasys - Dental Eco Service, Mocom, Nobel
Biocare, Procter & Gamble, Simit, Sirona e, last
but not least, Thommen Medical - SPI System,
rimasti piacevolmente “sommersi di lavoro”,
nell’area espositiva messa loro a disposizione; gli
3 - Del Mastro, Ferrero e Lalli
4 - Livia Ottolenghi
5 - Keith Suchy
6, 7 - Carlo Guastamacchia ed i suoi corsisti
8 - Alessandro Rampello nella sessione
dedicata agli odontotecnici
9 - Il nutrito staff di segreteria
10 - Lai, coordinatore della segreteria
11 - La consegna degli attestati
agli odontoiatri sardi laureati nel 1984
12 - Le personalità presenti al Simposio ADI
13 - Lo stand delle Poste Italiane con
l’annullo realizzato da Carmen Rosso(al centro)
14 - Il folklore della cena di Gala...
15 - ...con un tocco di allegria!
16 - L’ufficializzazione del gemellaggio
fra l’AIO e la Asociacion Dental Mexicana
(ADM). Nella foto i due presidenti Giulio Del
Mastro e Armando Hernandez, con
il protocollo d’intesa firmato.
SPECIALE 20 ANNI
espositori hanno potuto presentare in maniera
compiuta i loro prodotti, alcuni dei quali inseriti
nei kit congressuali consegnati ad ogni partecipante, sia alla folta platea di operatori italiani, sia
ad un autorevole pubblico straniero. Da sottolineare che, per gli amanti della filatelia e non,
nella giornata di sabato 5 giugno, è stato messo a
disposizione un servizio di annullo postale speciale delle Poste Italiane, iniziativa dell’AIO
ormai giunta alla seconda edizione. La partecipazione, come già ricordato, è stata eccezionale
sia dall’interno dell’associazione, sia dall’estero;
questo ha dato l’opportunità di confrontare
scuole diverse su tematiche di interesse comune.
Numerosi da quasi tutte le sedi i colleghi iscritti
all’AIO; dall’estero folte rappresentanze soprattutto da Germania, Messico, Svizzera, Belgio,
Francia, senza trascurare Chicago, da cui sono
arrivati, con le rispettive famiglie, i colleghi ed
amici della Chicago Dental Society (CDS), con
cui l’AIO è gemellata dal 2000. Tutto questo ha
reso la partecipazione al congresso veramente
notevole e numerosa, ma ciò che più gratifica, è
che i partecipanti, nonostante le giornate impegnative, abbiano lasciato il congresso a chiusura
lavori soddisfatti e piacevolmente impressionati.
Il congresso non è stato un’occasione di crescita
culturale in senso unicamente professionale; per
i numerosi ospiti era stato previsto un ricco programma collaterale che ha accompagnato i partecipanti, il 4 giugno, alla scoperta delle rovine di
Nora - porto importante nella Sardegna Romana
- risalenti all’epoca fenicia, dove si può ancora
ammirare il complesso delle saune romane, per
poi terminare la giornata presso una delle splendide spiagge di Chia. Il 5 giugno visita al complesso di Barumini, il più grande centro nuragico
della Sardegna; al ritorno, sosta in una delle cantine più famose dell’isola: Argiolas. Non è mancata la gita alla scoperta di “Casteddu”, Cagliari
antica, con la meravigliosa cattedrale e la famosa
pinacoteca che ospita i più famosi pittori sardi.
Un dovuto ringraziamento per la riuscita del
programma collaterale va ai ragazzi dell’Association des Etats Généraux des Etudiants de l’Europe (AEGEE) di Cagliari che si sono messi a disposizione dal primo momento. Numerosi i
momenti di convivialità tra cui una squisita cena
tipica sarda con danze folcloristiche in costume
caratteristico, e la cena di gala del congresso,
svoltasi in un suggestivo castello che si affaccia
sulle scogliere di Cagliari, durante la quale è
avvenuta l’ufficializzazione del gemellaggio fra
l’AIO e la Asociacion Dental Mexicana
(ADM). Presenti vere e proprie autorità mondiali della professione: la dott.ssa Michéle Aerden, president elect FDI (Federation Dentarie Internationale), insignita in questa occasione del più ambìto riconoscimento AIO - la
nomina a socio onorario, Josè Font Buxò, presidente ERO (European Regional Organization), buona parte del direttivo della Chicago
Dental Society (CDS) con il presidente Keith
Suchy, il past-president Kenneth Yonan ed il
president elect Ronald Testa. E, ovviamente,
Armando Hernandez e Giulio Del Mastro,
presidenti nazionali ADM e AIO. Durante la stessa cerimonia, il Presidente della Chicago Dental
Society ha nominato “Soci Onorari” il Segreta-
rio Generale AIO Alessandro Rampello, il
Tesoriere Nazionale Enrico Laie Gerhard Seeberger, Consigliere Nazionale, per i quali è
impossibile descrivere l’emozione. Il XIX Congresso Nazionale, assieme al Simposio Internazionale, è stato quindi un momento non solo culturale ma anche di forte valenza sindacale.
Festeggiando le sue origini, l’AIO ha contestualmente potenziato la propria visibilità in campo
internazionale in modo da poter difendere al
meglio i diritti dell’Odontoiatria di qualità, che
va di pari passo all’aggiornamento professionale.
Un grazie per questo splendido convegno va
anche e soprattutto al lavoro delle sedi AIO di
Cagliari/Oristano e Sassari/Nuoro e dei rispettivi presidenti Gerhard Seeberger - responsabile
scientifico del congresso - e Marcello Masala, e al
lavoro di Enrico Lai, responsabile organizzativo
insieme all’eccellente segreteria che ha svolto un
accurato e, al solito, faticoso e misconosciuto
lavoro.a
Gilbert Gallo, Laura Sola
17 - La dott.ssa Michéle Aerden,
president elect FDI (Federation Dentarie
Internationale), nominata socio onorario AIO.
18 - Lai, Rampello e Seeberger nuovi soci
onorari CDS
19 - Josè Font-Buxo
20,23 - Alcuni momenti conviviali
delle varie serate
17
18
19
20
21
22
23
SPECIALE 20 ANNI
TRIBUTO AI NOSTRI SPONSORS
EVENTI ECM AIO
ECM: EVENTI AIO 2 SEMESTRE 2004
TITOLO E RELATORI
LUOGO, DATA DI INIZIO E CREDITI
4* EDIZIONE CORSO DI PROTESI FISSA RELATORE: DOTT. GUIDO FICHERA
ANCONA
05/10/2004
CREDITI: SEI (6)
CORSO PRATICO SUI PROVVISORI COME ELEMENTI STRATEGICAMENTE DETERMINANTI NELLA PRESA DELL’IMPRONTA DEFINITIVA
SASSARI
09/10/2004
CREDITI: SETTE (7)
OTTOBRE
NEL TRATTAMENTO PROTESICO ESTETICO E RIABILITATIVO RELATORE: DR. MANFREDO ELISEO STUDIO DOTT. CATTINA
CORSO TEORICO PRATICO DI IMPLANTOLOGIA E ORTODONZIA RELATORI: DOTT. CLAUDIO ARCURI, DOTT. ALDO GIANCOTTI
CATANZARO
09/10/2004
CREDITI: SETTE (7)
RISOLUZIONE DEL CASO ENDODONTICO COMPLESSO RELATORE: DOTT. EMANUELE AMBU
BOLOGNA
13/10/2004
CREDITI: DUE (2)
DISTALIZZAZIONE MOLARE RAPIDA SENZA TEO RELATORE: DOTT. ROBERT WILSON
BARI
15/10/2004
CREDITI: TREDICI (13)
COME OTTENERE IL SUCCESSO IN ENDODONZIA RELATORE: PROF. ELIO BERRUTI
BARI
15/10/2004
CREDITI: OTTO (8)
LA COMUNICAZIONE NELLO STUDIO ODONTOIATRICO RELATORE: DOTT.SSA NOEMI HANZLICK
TRIESTE
16/10/2004
CREDITI: OTTO (8)
COME OTTENERE IL SUCCESSO IN ENDODONZIA PRATICO RELATORE: PROF. ELIO BERRUTI
BARI
16/10/2004
CREDITI: QUATTRO (4)
L’IMPLANTOLOGIA PROTESICAMENTE GUIDATA COME RISULTATO DEL LAVORO D’EQUIPE MEDICO-TECNICO
RELATORI: DOTT. UMBERTO PRATELLA, ODT STEFANO BIACCHESSI
CASERTA
16/10/2004
CREDITI: SETTE (7) PER ODONTOIATRI
NON ASSEGNATI
PER GLI ODONTOTECNICI
ALTERNATIVE PROTESICHE: DAL RESTAURO MINIMALE ALL’ ESTETICA INDIVIDUALIZZATA
PALERMO
16/10/2004
CREDITI: DUE (2)
NUOVE ACQUISIZIONI IN PARODONTOLOGIA ED ENDODONZIA RELATORE: PROF. FELICE ROBERTO GRASSI
LECCE
16/10/2004
CREDITI: CINQUE (5)
PARODONTOLOGIA: LO STATO DELL’ARTE I RELATORE: DOTT. GERHARD SEEBERGER
TORTOLI
16/10/2004
CREDITI: SETTE (7)
L’IMPLANTOLOGIA PROTESICAMENTE GUIDATA COME RISULTATO DEL LAVORO D’EQUIPE MEDICO-TECNICO
CASERTA
16/10/2004
CREDITI: SETTE (7)
CORSO DI PROTESI RELATORE: DOTT. EZIO BRUNA
ROMA
17/10/2004
CREDITI: SEI (6)
CORSO DI INFORMATICA DI BASE RELATORE: DOTT. ALESSANDRO D’AQUILA
PALERMO
19/10/2004
CREDITI: VENTI(20)
INNOVAZIONE E SVILUPPO DELL’IMPLANTOLOGIA QUOTIDIANA NELLO STUDI ODONTOIATRICO:
UN’OPZIONE TERAPEUTICA PER TUTTI? RELATORI: DOTT. LEONARDO TARGETTI, DOTT. ROBERTO MELI
FALCONARA
MARITTIMA (AN)
22/10/2004
CREDITI: SEI (6)
INCONTRI SERALI AIO GRUPPO2 RELATORI: VARI
TORINO
25/10/2004
CREDITI: DUE (2)
CORSO ANNUALE TEORICO-PRATICO IN CHIRURGIA E PROTESI IMPLANTARE RELATORE: DOTT. UMBERTO PRATELLA
BOLOGNA
29/10/2004
CREDITI: CINQUANTA (50)
I LASER DAY: LASER, PRESENTE E FUTURO DELL’ODONTOIATRIA RELATORI: VARI
BARI
30/10/2004
CREDITI: QUATTRO (4)
I EDIZIONE CORSO BLS RELATORI: VARI
CAGLIARI
30/10/2004
CREDITI: TREDICI (13)
RESTAURI ESTETICO-ADESIVI INDIRETTI NEI SETTORI POSTERIORI RELATORE: DOTT. GUIDO FICHERA
VITERBO
30/10/2004
CREDITI: SETTE(7)
EDENTULISMO TOTALE: RIABILITAZIONE PROTESICA TRADIZIONALE E SOLUZIONI ALTERNATIVE IMPLANTOPROTESICHE
RELATORE: DOTT. GIOVANNINO MUCI
BARI
06/11/2004
CREDITI: SEI (6)
RELATORI: PROF. FERRARI MARCO, ODT. MARC-ANDRÈ LERICHE
DICEMBRE
NOVEMBRE
RELATORI: DOTT. UMBERTO PRATELLA, SIGN. STEFANO BIACCHESSI
I RESTAURI ADESIVI: ATTUALITÀ E TECNICHE OPERATIVE RELATORE: DOTT. GIORGIO TESSORE
PALERMO
06/11/2004
CREDITI: CINQUE (5)
1 Edizione LE RESTAURAZIONI ESTETICHE DIRETTE ED INDIRETTE IN ODONTOIATRIA CONSERVATIVA
RELATORE: DOTT. FRANCESCO MANGANI
CATANZARO
06/11/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
L’IMPIEGO DEI MATERIALI COMPOSITI NELLA TERAPIA PROTESICA RELATORE: DOTT. LUCA ORTENSI
BOLOGNA
10/11/2004
CREDITI: TRE (3)
TERAPIA ODONTOIATRICA IMPLANTARE OSTEOINTEGRATA RELATORE: PROF. GIUSEPPE BRUSCHI
LECCE
19/11/2004
CREDITI: VENTIDUE (22)
CORSO TEORICO-PRATICO DI CHIRURGIA ORALE, LESIONI PRECANCEROSE
ROMA
19/11/2004
CREDITI: DICIASSETTE (17)
DELLA MUCOSA ORALE E NOZIONI DI PRONTO SOCCORSO RELATORI: VARI
LA GESTIONE ESTETICA DEL GRUPPO ANTERIORE RELATORI: DOTT. RAFFAELLO CORTESI, DOTT.SSA SILVIA GOLINI
VITERBO
20/11/2004
CREDITI: SEI (6)
CORSO PRATICO DI CHIRURGIA ODONTOIATRICA AVANZATA RELATORE: DOTT. SEBASTIANO ROSA
FRANCIA
20/11/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MEDICINA ORALE RELATORI: VARI
TORINO
20/11/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
IL TRATTAMENTO ENDODONTICO E LE NUOVE TECNOLOGIE RELATORE: DOTT GIULIO DEL MASTRO
CATANZARO
25/11/2004
CREDITI: SEI (6)
CORSO DI ENDODONZIA CLINICA RELATORI: VARI
GENOVA
27/11/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
DALL’IMPRONTA PRIMARIA ALLA REGISTRAZIONE ENDO-EXTRAORALE. RAPPORTO TRA CLINICA
E ODONTOTECNICA IN PROTESI RIMOVIBILE RELATORI: DOTT. SSA BORTOLOTTI, ODT. GAROTTI
BOLOGNA
01/12/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
RESTAURATIVA POST-ENDODONTICA: PROBLEMATICHE DIAGNOSTICHE E DIRETTIVE CLINICO-OPERATIVE RELATORE DOTT. GUIDO FICHERA
BARI
04/12/2004
CREDITI: CINQUE (5)
TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLA MALATTIA PARODONTALE CON TECNICA ULTRASONICA MICROINVASIVA:IL METODO VECTOR
RELATORE: DR. ALESSANDRO VENEZIA
ORISTANO
04/12/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
LA GESTIONE DELLA SALUTE PERIIMPLANTARE RELATORE: DR. GERHARD SEEBERGER
ORISTANO
04/12/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
DIAGNOSI PRECOCE E TERAPIA DI TUMORI E MALATTIE SISTEMICHE CON MANIFESTAZIONI AL CAVO ORALE RELATORE: DOTT. FAVIA
LECCE
04/12/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
LA TERAPIA IMPIANTARE OGGI:CRITERI E VALORI DI SCELTA RELATORI: DR. AMERIGO GIUDICE, DR. SALVATORE D’AMATO
CATANZARO
11/12/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
IL CARICO IMMEDIATO E LA CHIRURGIA AVANZATA: FUTURO O ROUTINE RELATORI: VARI
BOLOGNA
11/12/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
L’ODONTOLOGIA FORENSE E LA VALUTAZIONE DEL DANNO RELATORE: DOTT. SSA ANNA PAOLA D’APRILE
BRINDISI
11/12/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
L’ACIDO FOLICO E LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DIFETTI CONGENITI RELATORI: VARI
CAGLIARI
11/12/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
LA STRUMENTAZIONE CANALARE CON LA SISTEMATICA AET RELATORI: VARI
MATERA
11/12/2004
CREDITI: QUATTRO (4)
ASPETTI MEDICOLEGALI NELL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE ODONTOIATRICA RELATORE: DOTT. LORENZO POLO
LECCE
11/12/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
II CONGRESSO NAZIONALE SOTP -TWEED NEL TERZO MILLENNIO- RELATORI: VARI
ROMA
11/12/2004
CREDITI: QUATTRO (4)
LA TERAPIA IMPIANTARE OGGI: CRITERI DI SCELTA RELATORI: DOTT. GIUDICE, DOTT. D’AMATO
CATANZARO
11/12/2004
CREDITI: NON ASSEGNATI
Per informazioni Dr. Enrico Lai - Tel. 070.7652465 [email protected]
* Eventi Formativi in attesa di accreditamento
NOTIZIE DALLE SEDI
ANCONA
CONVEGNO
Odontoiatri Cattolici Italiani
L’OCI (Odontoiatri Cattolici Italiani)
delle Marche si è riunita a Convegno
sabato 22 maggio 2004 presso l’aula
Paolo VI, adiacente alla Basilica di
Loreto (An), in un Incontro avente
come tema “Odontoiatria del terzo
millennio: aspetti sociali”. Ha aperto i
lavori S.E. Mons. Angelo Comastri,
vescovo di Loreto, ed ha presentato le
finalità dell’OCI il Professor Giovanni
Dolci, presidente nazionale OCI. Per
l’AIO Ancona sono intervenuti il
Presidente, Ubaldo Daniele, che ha
partecipato alla tavola rotonda, e
Cristina Gobbi, socia AIO Ancona e
socia ASMO, che la presentato una
relazione sulle esperienze di volontariato odontoiatrico effettuate con
l’ASMO nei paesi del terzo mondo dal
titolo “Né santi, né eroi: solo cittadini
del mondo. Esperienze di volontariato
odontoiatrico”.
Nella fotografia Cristina Gobbi con Carlo Carlini,
responsabile ASMO per l’India, ed il professor
Roberto Mozzanti, direttore U.O.
Odontostomatologia
Z.T. n.6 di Fabriano (An).
CATANZARO
All’Hotel Eurolido di Falerna il corso di
aggiornamento per odontoiatri organizzato dall’AIO Catanzaro ed avente come
tema “La Chirurgia Orale”, quinto
incontro del vasto programma culturale
per il 2004 che prevede, nel corso dell’anno la realizzazione di ben undici
corsi di aggiornamento aventi per oggetto i più diversi aspetti della professione
odontoiatrica. Nella relazione il professor Mario Giudice, Professore Ordinario
di Chirurgia Maxillo Facciale presso
l’Università
Magna
Graecia
di
Catanzaro, e Maria Giulia Cristofaro,
ricercatrice presso la cattedra di
Chirurgia Generale dell’Istituto di
Chirurgia e specialità chirurgiche
della stessa Università hanno evidenziato numerosi aspetti clinici e
terapeutici di patologie proprie
del cavo orale. All’incontro hanno
partecipato circa centocinquanta
professionisti provenienti da tutta
la Regione, interessati ed attenti
agli argomenti della discussione
ed al successivo dibattito.
Gregorio Meddis, Presidente AIO
Catanzaro, nel salutare gli interve1
nuti ha ringraziato i componenti
del direttivo locale Giuseppe
Arena, Battista Cimino, Franco
Innocente ed il sottoscritto che,
con il loro fattivo operato hanno
reso possibile la realizzazione di
tale incontro culturale e dell’intero programma associativo. Il presidente ha ricordato, inoltre, che
proprio quest’anno l’Associazione
Italiana Odontoiatri compie 20
anni di attività spesa nella difesa
2
della professione odontoiatrica e
nell’aggiornamento, evidenziando come
una presenza così massiccia di professionisti sia l’evidente dimostrazione di
una categoria che, pur in un momento
di grande crisi economica, ha la volontà
e l’interesse per migliorare la propria
preparazione professionale e la qualità
del servizio reso ai propri pazienti.
Augusto Matano
Segretario culturale sezione
interprovinciale AIO di Catanzaro
Foto 1:Augusto Matano,Prof.Mario Giudice,
Gregorio Meddis e Maria Giulia Cristofaro
Foto 2:Sede dell’incontro
CASERTA
Intensa attivita’ dell’AIO Caserta, neonata
sede campana che ha subito iniziato l’approccio associativo a passo di carica. Il
29 maggio con un corso di Alessandro
Rampello, “l’articolazione temporomandibolare: dall’anatomia alla terapia dei
1
disturbi dell’atm” e sabato 19 giugno con
“il trattamento endodontico e le nuove
tecnologie” tenuto da Giulio Del Mastro
Foto 1:I partecipanti al corso di Rampello
Stefano Mercurio
Segretario culturale AIO caserta
[email protected]
Alessandro Rampello (al centro)...
2
Foto 2:Il consiglio direttivo assieme ad
Foto 3: ...e a Giulio Del Mastro
3
P.O.
PROSPETTIVA ODONTOIATRICA
25
NOTIZIE DALLE SEDI
GENOVA
Un sabato mattina elettrizzante quello che
il corso del professor Berutti dal titolo
“Ritrattamenti in Endodonzia” ha riservato al folto numero di partecipanti e che ha
ripagato ampiamente la rinuncia ad una
giornata balneare! Con la sua abituale
chiarezza, Elio Berutti ha approfondito i
temi inerenti a quella particolare branca
dell’endodonzia che si propone di risolvere i problemi di origine endodontica su elementi che hanno già subito un trattamen-
to precedente. Il Relatore ha posto l’accento sull’importanza della diagnosi radiografica dell’elemento dentale già trattato attraverso la quale è possibile stimare le probabilità di successo di un approccio ortogrado piuttosto che retrogrado. La disponibilità di un buon sistema d’ingrandimento e
d’illuminazione moltiplica le probabilità di
successo di entrambi gli approcci. Dopo
una rapida analisi dei solventi attualmente
disponibili nell’ armamentario endodonti-
co, il professor Berutti ha fornito ai partecipanti alcuni suggerimenti preziosi sulla
pre-curvatura degli strumenti manuali
finalizzata al superamento degli ostacoli
endocanalari. La relazione si è conclusa
con la presentazione di alcuni splendidi filmati di endodonzia chirurgica.
Abdol Hamid Hazini
Presidente AIO Sezione
Interprovinciale di Genova
Nellae foto, da sinistra: una panoramica della sala - Piero Puppo (Segretario), Prof. Elio Berutti, Giuseppina Buffoni (Vice-Presidente), Abdol Hamid Hazini (Presidente)
26
Presso la sala corsi della Kavo Italia a
Genova, si è svolto il corso tenuto dal
nostro socio Marco Oddera dal
titolo “Elementi di odontoiatria estetica adesiva”. Marco Oddera, uno dei
primi laureati in
Odontoiatria nel “lontano” 1985, già fondatore
dell’AIO in Liguria, non
poteva non essere il
nostro primo relatore
regionale; socio attivo
della AIC (Accademia
Italiana di
Conservativa), ha illustrato con grande
capacità e competenza tutte le novità
in campo restaurativo adesivo. La sua
splendida iconografia spazia dai
restauri estetici diretti nei settori
Lo scorso giugno nel corso dal titolo
“Il piano di trattamento dei settori
anteriori tra estetica e ricerca: le
ragioni di una scelta” e’ stato proposto
un approccio ragionato alle problematiche restaurative anteriori dai casi più
semplici a quelli più complessi. Dalle
piccole lesioni cariose interprossimali,
trattate con restauri diretti minima-
mente invasivi, passando attraverso
fratture di spigolo, ripristinate attraverso tecniche dirette e indirette,
attraverso una metodica di stratificazione standardizzata e ripetibile, per
arrivare ad ampi restauri a ricopertura, intarsi o faccette, sempre in resina
composita, quando la quantità di tessuto andato perduto è massiccia e/o le
richieste estetiche sono particolar-
PROSPETTIVA ODONTOIATRICA
P.O.
posteriori, eseguiti con cavità minimali
e perfetta integrazione di forma e colore, agli intarsi in resina composita per
cavità di maggiori dimensioni, alle tecniche di sbiancamento più moderne.
L’interesse verso questo argomento è stato
dimostrato dall’ampia
partecipazione alla
serata e dalle numerose domande in sala.
Ringraziamo il collega
per il suo contributo!
mente critiche, Valter Devoto, socio
dell’Accademia Italiana di
Conservativa (A.I.C.), ha affascinato la
platea coadiuvato da una splendida e
completa iconografia.
Claudio Botticelli
Tesoriere AIO Sezione
Interprovinciale di Genova
NOTIZIE DALLE SEDI
NAPOLI
Nella rinnovata cornice del centro congressi dell’hotel Terminus di Napoli si è svolto l’incontro di
“Protesi fissa” tenuto da Guido Fichera.
Nonostante la contemporaneità di ben cinque
eventi differenti, la manifestazione si è conclusa
con un ottimo bilancio sia in termini di partecipanti, che di soddisfazione degli sponsors. A tutti
va il nostro ringraziamento, ed un particolare tributo al segretario culturale Vincenzo Maria Festa
per le energie profuse nell’organizzazione.
Rinnovando l’invito ai soci per le manifestazioni
Nella foto, Guido Fichera
future (il 23 ottobre 2004 per il corso di endodonzia di Mariano Malvano), cogliamo l’occasione per salutare la noenata sede
A.I.O. di Caserta, con l’augurio di un florido futuro associativo.
Francesco Saverio D’Ascoli - Presidente A.I.O. Napoli
BOLZANO
Il grande sforzo organizzativo
ECM dell’AIO
Bolzano ha
portato alla
realizzazione
di un volumetto all’interno
del quale, in
bilinguismo, e’
presente l’elenco di tutti i
corsi locali
relativi al 2°
semestre 2004.
PAVIA
CAGLIARI
Siamo lieti di comunicare
l’avvenuta costituzione
della sezione A.I.O. Pavia
Il nuovo direttivo AIO di Cagliari
Il cosiglio direttivo
è così composto:
•Presidente - Sandro Segù
•Vicepresidente - Carlo Naj
•Segretario sindacale - Alberto Carpani
•Segretario Culturale - Flavio Morosi
•Tesoriere - Carlo Cristiani
SASSARI
Nuovo direttivo sassari
Dopo l’assemblea provinciale del
24.05.2004, il consiglio direttivo della
sede interprovinciale di Sassari e
Nuoro risulta ora così composto:
Presidente: Marcello Masala
Vice Presidente: Pierluigi Delogu
PERUGIA
Enorme successo per il corso
biennale pratico di Ezio Bruna
organizzato a Perugia dalla
locale sezione AIO. Il carisma
del relatore ed un argomento
di sicuro richiamo - Protesi
implantare e tradizionale hanno contribuito a consolidare un programma formativo
ECM locale di elevato valore e
che ha ormai consolidato l’interesse dei numerosi colleghi
che da alcuni anni seguono
fedelmente le iniziative AIO
Tesoriere: Stefania Giordano
Segretario Sindacale: Antonella
Bortone
Segretario Culturale: Elena Solinas
Consiglieri: Nicolas Arnould, Pierpaolo
Delitala, Giovanni Macis
Nella foto: da sinistra - Morosi, Carpani,
Segù, Cristiani e Naj.
Confermato il consiglio
direttivo della Società
Italiana di Radiologia
Odontostomatologica e
Maxillo-Facciale (SIROM)
RADIOLOGI:
ODONTOIATRI:
Germana Bartoli
Silvio Diego Bianchi
Presidente
Antonio Leccisotti
Pier Paolo Vargiu
Giulio Del Mastro
Mario Lendini
Guglielmo Ramieri
Mario Roccuzzo
P.O.
PROSPETTIVA ODONTOIATRICA
27
DALL’ESTERO
FDI CONGRESS NEW DELHI 2004
Nel corso del Congresso mondiale FDI, recentemente svoltosi a
New Delhi, Edoardo Cavallè, past president nazionale AIO,
è stato eletto membro della Dental Practice Commission dell’FDI.
Il 6 settembre 2004 il volo per Delhi è
tranquillissimo e dopo 8 ore la delegazione AIO all’FDI - Gerhard Seeberger,
Edoardo Cavallè ed Emilio Nuzzolese arriva nella capitale del subcontinente
asiatico. Il giorno successivo, dopo l’incredibile l’impatto con l’architettura, la
natura e l’inconfondibile profumo
dell’Asia, un taxi pilotato alla “Indiana
Jones” ci porta all’Head-Quarter FDI
dove, tra una stretta di mano fra vecchi
amici e altri delegati di tutti i paesi del
mondo inizia una settimana di lavoro
intenso. Il primo open forum già nel
pomeriggio, assieme ai delegati ANDI
Massimo Ferrero ed Enrico Filippi. Per
tema varie proposte per migliorare il
lavoro e l’immagine dell’FDI. Nei giorni successivi, dopo il saluto del presidente Heung-Ryul Yoon, i delegati di
tutto il mondo discutono sulla compagine sociale e sui vari comitati nazionali.
Di rilievo il report annuale presentato
dal president elect, Michèle Aerden,
nominata socio onorario AIO nel corso
del recente Congresso Nazionale AIO di
Cagliari. Venerdì 11 inizia la sessione
scientifica del congresso, nel corso della
quale relatori di spicco trattano gli argomenti più attuali del momento.
La giornata finisce con l’inaugurazione
del Congresso nello stadio di New
Delhi. In un’atmosfera “open air”, il
Vice Primo Ministro indiano saluta i
partecipanti di tutto il mondo dopo
essere stato presentato dal Presidente
dell’Associazione
Odontoiatrica
Indiana. Il direttore esecutivo J.T.
Barnard presenta a tutti gli invitati
Heung-Ryul Yoon e Michèle Aerden che
esaltano lo sforzo da parte degli organizzatori indiani e la cospicua partecipazione dei colleghi di tutti i paesi. Il
Sabato è libero per la maggior parte dei
componenti la delegazione. Si decide di
affrontare il viaggio verso Agra perché
“chi non ha visto il Taj Mahal non è
stato in India”. Cavallè, Ferrero, Filippi
e Seeberger affrontano il viaggio di 200
km (in sei ore e due tappe!) in “autostrada” e “Luxus Coach”. Di lusso invece sembra essere solo la fiducia del conducente
nelle
sue
capacità
“Schumacheriane” e nelle Divinità
28
PROSPETTIVA ODONTOIATRICA
P.O.
Generale B. Durante questa assemblea
vengono eletti i membri del consiglio e
delle varie commissioni. Interesse particolare riveste la Dental Practice
Commission: ruolo e responsabilità di
tale Commissione contribuire allo sviluppo di dichiarazioni, all’analisi ed al
trasferimento di informazioni nella professione odontoiatrica ed in altre. Il
lavoro di tale Commissione riguarda
cinque grandi aree d’interesse per la
Nelle foto: da sinistra - il poster dell’evento - la delegazione italiana a Delhi. Da sin. Filippi, Ferrero, Seebeger,
Cavalle’ (per gentile concessione di Enrico Filippi )
Induiste. La vista sulla natura e sui
monumenti e l’allegria dei colleghi del
nostro gruppo fa svanire molto presto
ogni inconveniente. L’autostrada promette un certo effetto ajurvedico, con le
vibrazioni, sintesi della struttura del
pullman e dello stato della strada, e l’acustica che fanno sparire qualsiasi altro
malessere, grazie al principio del dolore
più forte che compensa quello minore.
Quando il “Luxus Coach” si ferma non
si è ancora arrivati al Taj Mahal. Dieci
minuti a piedi a 41 °C ed 85 % di umidità, un controllo sicurezza simil-aeroportuale ed una folla inimmaginabile
sono dimenticati in un istante attraversando il portale e potendo ammirare in
tutto il suo indescrivibile splendore il
monumentale simbolo dell’amore in
tutto il mondo. Dopo pranzo e la visita
del Forte di Agra si torna a Delhi verso
le 23, dopo 12 ore in pullman e 5 ore di
cultura; per tutti una gita indimenticabile. Si lavora anche di Domenica, con i
delegati che attendono l’Assemblea
professione che sono: qualità della terapia e standard di formazione, management dello studio, risorse umane, etica
ed odontoiatria legale, tecnologia. E’
una dura prova per il candidato della
delegazione italiana. Solo lunedì sera,
infatti, la notizia è ufficiale: Edoardo
Cavallè, past president nazionale AIO, è
entrato a far parte di questo importante
organismo consultivo dell’FDI. In questa decisione hanno senz’altro pesato il
contributo italiano e la costanza di
Cavallè nei due decenni passati. Un
grande risultato anche per il resto dello
European Team, considerando l’elezione allo stesso incarico dei colleghi Peter
Engel (Germania), Claus Munck
(Danimarca) e Nermin Yamalik
(Turchia). Una settimana molto intensa,
dunque, ricca di lavoro e soddisfazioni.
Arrivederci a Montreal 2005 !
Dr. Gerhard Konrad Seeberger
Consigliere Nazionale A.I.O.
e-mail: [email protected]
LA SIE COMPIE 30 ANNI!
Il 27 aprile del 1974, infatti, a Stresa, su esplicito desiderio del Prof. Pecchioni, viene fondata,
seconda in Europa dopo quella Britannica, la Società Italiana di Endodonzia. I Soci fondatori
presenti dal notaio sono: Augusto Pecchioni, Gianfranco Borsotti, Riccardo Garberoglio,
Franco Mantero, Sergio Duillo e Francesco Riitano.
GIOVEDÌ, 11 NOVEMBRE 2004
Corsi Precongresso a Preiscrizione Obbligatoria (Posti limitati)
Partecipante potrà immediatamente mettere in
pratica gli insegnamenti impartiti lavorando su
simulatori e denti estratti impiegando tutte le
tecnologie sopra esposte sotto la guida attenta
di esperti istruttori.
CORSI TEORICI
SEDE: CENTROCONGRESSI VERONAFIERE
1 APPROCCIO AI FALLIMENTI ENDODONTICI: DALLA DIAGNOSTICA ALLA STRATEGIA OPERATIVA PER I RITRATTAMENTI
Shimon Friedman
La necessità di ritrattamento di elementi
dentali che hanno già avuto una terapia
endodontica è, a seconde delle casistiche,
oscillante tra il 20 ed il 40% degli elementi
dentali considerati. E’ evidente quindi che le
strategie e le procedure messe in atto da
parte dell’odontoiatra debbano essere le più
adeguate possibile per non perdere una
quota consistente di questi elementi dentali.
Il corso ha come obiettivo precipuo quello
di ripercorrere, attraverso le evidenze della
più recente letteratura, le tappe più significative della procedura di ri-trattamento, dalle
fasi diagnostiche alle fasi più squisitamente
tecniche. Particolare attenzione verrà rivolta
alla identificazione precoce dei fallimenti, alle
strategie terapeutiche da adottare nelle
diverse situazioni cliniche alle alternative chirurgiche in presenza di persistenti fallimenti
ortogradi.
2 LA RICOSTRUZIONE DEL DENTE TRATTATO ENDODONTICAMENTE
Antonio Cerutti, Vassilios Kaitsas, Francesco
Mangani, Sandro Rengo
Il corso ha come obiettivo quello di fornire le
basi teoriche e pratiche sufficienti per apprendere le principali tecniche di restauro degli elementi trattati endodonticamente con materiali
adesivi di ultima generazione e perni in fibra.
1. Revisione aggiornata della letteratura internazionale sulle tecniche più attuali di preparazione del post-space.
2. Materiali di recente acquisizione
3. Caratteristiche biomeccaniche degli elementi trattati endodonticamente.
4. I perni in fibra
5. Risultati di esperimenti scientifici eseguiti su
perni in fibra
6. Risultati clinici ottenuti con l’ uso dei perni
in fibra
7. La cementazione dei perni in fibra
8. Il core
9.Tecniche per il restauro estetico diretto
10.Tecniche per il restauro indiretto
11.Verifica dell’apprendimento.
3 L’ALLUNGAMENTO DI CORONA CLINICA:
INDICAZIONI E TECNICHE CHIRURGICHE
Francesca Manfrini
È un intervento che serve a restituire una
quantità sufficiente di struttura dentale per
eseguire un restauro della corona senza violare l’attacco connettivale nell’area dell’ ampiezza biologica. È isun procedimento chirurgico
che ha l’obbiettivo di allungare la corona clinica del dente posizionando apicalmente l’attacco gengivale, con o senza rimozione di tessuto
osseo di sostegno. Le indicazioni sono: estetiche, carie sottogengivali, frattura del dente
estesa sotto gengiva in prossimità della cresta
alveolare, aumento della lunghezza dei pilastri
protesici per aumentare la ritenzione.
CORSI TEORICO PRATICI
Sede: Piastra Odontoiatrica - Università di Verona,
P.le Scuro, 10 Verona (Trasferimento con bus dalla
sede Congressuale con partenza alle ore 8.45 e
13.45)
4 PREPARAZIONE SIMULTANEA DEL CANALE
RADICOLARE CON STRUMENTI MTWO E
RELATIVI SISTEMI DI CHIUSURA
Vito Antonio Malagnino, Piero Alessandro Marcoli,
Paola Passariello, Roberto Gerosa
SCOPI DEL CORSO:
1. Analizzare la letteratura internazionale sulle
tecniche più attuali di preparazione endodontica
con strumenti meccanici in Nichel-Titanio.
2. Illustrare le caratteristiche fisiche e meccaniche degli strumenti in Nichel-Titanio di nuova
generazione Mtwo.
3. Spiegare la tecnica di preparazione canalare
con gli strumenti Mtwo, modulandola in funzione delle diverse morfologie canalari.
4. Illustrare le modalità di settaggio dei motori
endodontici (regolazione di velocità e torque)
5. Rapportare la tecnica di preparazione canalare alle tecniche di otturazione con sistema
Microseal ed onda continua di condensazione
(E&QPlus).
6. Puntualizzare le modalità di pulitura, sterilizzazione ed avvicendamento degli strumenti Mtwo.
7. Fornire i risultati di sperimentazioni scientifiche eseguite con gli strumenti Mtwo.
8. Mostrare i risultati clinici ottenuti con l’utilizzo
degli strumenti Mtwo.
9. Iniziare i partecipanti alla pratica della tecnica
Mtwo mediante esercitazione pratica durante la
quale, sotto stretta sorveglianza degli istruttori,
si procederà all’alesatura di canali radicolari
simulati su modelli in plexiglass.
5 PRO TAPER E GT SYSTEM NELLA SAGOMATURA DEL SISTEMA CANALARE E TECNICA
D’OTTURAZIONE CANALARE
Elio Berutti, Giuseppe Cantatore, Giacomo
Cavalleri, Marco Martignoni
Il Corso ha come scopo di far apprendere la
tecnica di sagomatura dei canali radicolari
mediante l’utilizzo dei sistemi ProTaper e System
GT e le tecniche di otturazione che utilizzano il
System B e il sistema Thermafil. Il corso prevede
una parte teorica ed una parte pratica. Nella
parte teorica verranno esposte nel dettaglio le
caratteristiche degli strumenti endodontici le
sequenze operative e il loro utilizzo in sicurezza.
Verranno poi discussi gli elementi necessari per
scegliere il sistema di otturazione canalare più
idoneo per ciascuna anatomia endodontica. Il
6 SAGOMATURA CON I RACE NEL RISPETTO DELL’ANATOMIA ENDODONTICA ED
OTTURAZIONE TRIDIMENSIONALE CON
GUTTAPERCA TERMOPLASTICA
Antonio Bonaccorso
Il corso ha come scopo di far apprendere la
tecnica di sagomatura dei canali radicolari
mediante l’utilizzo del sistema RaCe e le tecniche di otturazione che utilizzano la guttaperca
termoplastica per riempire in lo spazio endodontico. Il corso prevede una parte teorica e
una parte pratica. Nella parte teorica il corso si
propone di esporre in dettaglio le condizioni
anatomiche che possono rappresentare un
pericolo per gli strumenti rotanti, le caratteristiche di design degli strumenti endodontici, una
sequenza alternativa definita “crown-back” che
permette di raggiungere risultati eccellenti in
sicurezza.Verranno poi evidenziate le nuove tecniche di detersione e gli elementi che portano
alla scelta del sistema di otturazione canalare
più idoneo per ciascuna anatomia endodontica.
Verranno proiettati dei video, realizzati mediante microscopio, significativi delle varie fasi della
terapia endodontica. Durante il corso i partecipanti potranno mettere subito in pratica gli
insegnamenti della parte teorica lavorando su
simulatori e denti estratti impiegando tutte le
tecnologie sopra esposte sotto la guida
attenta di istruttori.
7 LA METODICA K3 NELLA SAGOMATURA
DEL SISTEMA CANALARE E TECNICHE
D’OTTURAZIONE COORDINATE
Mario Lendini, Livio Gallottini, Elisabetta Cotti
I K3 sono strumenti in NiTi di terza generazione, caratterizzati dall’avere un angolo di taglio
acuto, positivo, un angolo delle spire variabile,
che aumenta dalla punta verso il manico, ed una
sezione a tripla elica asimmetrica. Hanno due
superfici di taglio più larghe, dotate di una parte
di scarico ed una terza superficie radiale con
funzione “stabilizzatrice”al fine di impedire che
lo strumento tenda all’avvitamento nel canale. Il
diametro dell’ scheletro di base dello strumento
è variabile in modo da consentire una buona
flessibilità della parte più coronale dello strumento che tenderebbe ad essere più rigida. La
punta è non-lavorante.
Le sequenze complete degli strumenti K3 sono
disponibili in tre diverse conicità:
• 0.2 DAL N° 15 AL N° 45, NELLE LUNGHEZZE
21MM, 25MM, 30MM.
• 0.4 DAL N° 15 AL N° 60, NELLE LUNGHEZZE
21MM, 25MM, 30MM
• 0.6 DAL N° 15 AL N° 60, NELLE LUNGHEZZE
21MM, 25MM, 30MM
Recentemente le sequenze K3 sono state completate da tre “shapers”, tutti con un diametro
in punta di 25 e conicità 0.8, 10 e 12. Le tecniche di utilizzo tradizionali degli strumenti K3 si
basano o su un uso alternato degli strumenti a
conicità 0.4 e 0.6 oppure su un utilizzo della
sola conicità 0.6 con una tecnica crowndown
che prevede l’uso degli strumenti a conicità 0.6
dal numero 15 al numero 35. Particolarmente
interessante dal punto di vista clinico, risulta
essere la rivalutazione della conicità 0.2 presente
nel sistema K3, che permette un approccio progressivo meno critico soprattutto nel caso di
trattamento endodontico di anatomie canalari
complesse. Anche in quest’ottica, ma soprattutto in una chiave di interpretazione più moderna
delle sequenze operative, sono stati rielaborati
dei protocolli strumentali standardizzati per
livelli di complessità dell’anatomia canalare. Nel
corso, teorico e pratico, sarà dato ampio spazio
a queste tecniche operative che prevedono un
utilizzo, all’interno di ciascuna sequenza (canali
“facili, medi e difficili”) di strumenti con conicità
diverse integrati fra loro per sfruttarne al meglio
le potenzialità riducendo al minimo il rischio
anche per l’operatore meno esperto. Il numero
degli strumenti utilizzati varia a seconda della
sequenza da un minimo di tre (canale “facile”)
ad un massimo di otto (canale “difficile”).
L’esperienza clinica dimostra una buona preparazione endodontica, anche ai fini di una otturazione con la compattazione verticale della guttaperca calda, una ottima conservazione dell’anatomia originale canale e una seria resistenza da
parte degli strumenti che non hanno la tendenza a fratturarsi. Durante il corso sarà discussa e
messa in pratica l’otturazione del sistema endodontico con la tecnica della condensazione verticale della guttaperca calda per mezzo del
nuovo System B, dotato oltre che del tradizionale portatore di calore/compattatore, anche di
un sistema di iniezione di guttaperca termoplasticizzata e corredato dei nuovi plugger con
conicità 0.4, che consentono un utilizzo facile
sicuro di questa tecnica insieme con una conservazione ottimale dell’anatomia endodontica.
Saranno inoltre presentati i più recenti sistemi
da otturazione canalare che prevedono l’utilizzo
di nuovi materiali sintetici con una tecnica sempre coordinata con il nuovo System B.
8 OTTURAZIONE CANALARE CON IL
NUOVO SYSTEM B
Massimo Gagliani, Gianluca Gambarini, Giancarlo
Pongione
PARTE TEORICA:
- Concetti di base sull'otturazione dello spazio
endodontico
- Caratteristiche del "Nuovo System B"
- Parametri di utilizzo con guttaperche tradizionali
e sintetiche
- Scelta delle punte in funzione della sagomatura
- Utilizzo della Siringa Back Fill
PARTE PRATICA
- Esecuzione di otturazione canalare con il
"Nuovo System B" su blocchetti endodontici e/o
denti estratti
9 L’USO DEL MICROSCOPIO OPERATORIO
IN ENDODONZIA ORTOGRADA E RETROGRADA
Arnaldo Castellucci, Augusto Malentacca
Il corso ha come obiettivo quello di fornire le basi
teoriche e pratiche sufficienti per apprendere nel
dettaglio l’utilizzo del Microscopio Operatorio nel
contesto delle più attuali tecniche di trattamento
del sistema dei canali radicolari per via ortograda
e retrograda.
Il Corso si articola in due fasi distinte: parte teorica - parte pratica.
1. Revisione aggiornata della letteratura internazionale sull’odontoiatria microscopica.
2. Il microscopio operatorio
3. Apicectomia e microscopio operatorio
4. Uso del microscopio nei ritrattamenti.
5.Tirocinio pratico sulle tecniche discusse.
6.Verifica dell’ apprendimento.
Orari
mattina: ore 9.00-12.30
pomeriggio: ore 14.00-17.30
Ore 18.00 Assemblea dei Soci
CONTATTACI
LA SCUOLA ORTODONTICA
TWEED-MERRIFIELD
in Italia compie 25 anni
Nel 2005 ricorrono i 25 anni che il
New EPGET(European Post Graduate course in Edgewise Technique) svolge gli stage annuali post
laurea per apprendere la tecnica e
la filosofia secondo il Directional
force system di Tweed-Merrifield
e sono circa un migliaio i colleghi
che hanno conseguito tale iter formativo, il quale rappresenta una
tappa basilare per il bagaglio culturale di ogni Ortodontista. Nel
campo dell’ortodonzia è ormai
consolidata la posizione di spicco
che riveste la tecnica Tweed -Merrifield in quanto, rigorosa e codificata, consente un completo controllo dei movimenti dentari. Per insegnare questa tecnica dal
1980 si è attivata in Italia una scuola di
insegnamento(EPGET), riconosciuta e
promossa dalla scuola Tweed statunitense.
Un gruppo di insegnanti Italiani e stranieri
di assoluto rilievo svolge un corso teoricoclinico-pratico che permette partendo da
zero di raggiungere l’obiettivo di fare diagnosi, pianificare una terapia e condurre
un trattamento ortodontico per le malocclusioni di prima e seconda classe con e
senza estrazioni. Il corso ha un taglio
soprattutto pratico e attraverso l’uso di
simulatori (Typodont) consente al partecipante di valutare il progresso della terapia
che egli stesso applica dietro la guida degli
istruttori. La prestigiosa sede corsi, a Vigevano, è perfettamente attrezzata con mezzi
audiovisivi di insegnamento, sala conferenze, sala lavoro pratico, settore diagnostico, laboratorio, sala pranzo, e può disporre
di un attrezzato studio Ortodontico dove
poter vedere dal vivo ciò che si apprende ai
corsi. Inoltre ogni partecipante ha la possibilità di portare la documentazione dei
propri casi e discutere durante il corso sulla
pianificazione diagnostica e/o sulla terapia. Direttori del corso sono i dottori Sandro Segù ed Emilio Contini coadiuvati stabilmente dagli istruttori dr. Pierluigi Delogu, dr. Fausto Fiorile e dr. Alfonso Napolitano. Essi hanno tutti una pluriennale
esperienza ortodontica che li ha portati ad
ottenere il Certificato di eccellenza in Ortodonzia IBO (Italian Board of Orthodontics) e sono anche istruttori dei corsi
Tweed-Merrifield che si svolgono negli
USA a Tucson in Arizona. A rotazione sono
presenti ai corsi per trasmettere le ultime
novità della tecnica ed aggiungere valore al
bagaglio di informazioni prodotte il dott.
30
PROSPETTIVA ODONTOIATRICA
P.O.
Herbert Klontz direttore dei corsi negli
USA, il dott Andrè Horn past president
della Tweed Foundation e Presidente della
SFODF, il dott. Redento Peretta, il dott.
Alberto Casali, il Prof. Alberto Bozzetti e la
Prof.ssa Paola Cozza. Nel 2005 il corso partirà a Febbraio con una nuova programmazione. Infatti sarà diviso in due moduli di 5
giorni ciascuno. Nel primo verrà svolta la
fase propedeutica e un primo livello. In
questo corso si svilupperanno le procedure
diagnostiche secondo la fondazione
Tweed-Merrifield; e verrà insegnata la
costruzione di un arco ortodontico con
tutte le pieghe e i procedimenti per ottenerle, di seguito si correggerà una malocclusione di I classe con il simulatore
“Typodont” per riprodurre l’esperienza
clinica sul paziente. Il secondo incontro a
giugno oltre all’affinamento delle cognizioni diagnostiche e cliniche consentirà ai
corsisti di condurre la terapia completa per
trattare le malocclusioni di classe II attraverso differenti scelte terapeutiche: trattamento senza estrazioni, con estrazione dei
quattro primi premolari; estrazione dei
primi premolari superiori e secondi premolari inferiori. Inoltre durante l’anno è in
programma il corso di Ortodonzia intercettiva che consente di affrontare le problematiche occlusali in età precoce e il corso
sul trattamento delle Classi III. La formula
di insegnamento, basata molto sulla applicazione pratica da parte dei partecipanti
dei concetti insegnati, si è rivelata proficua
per trasmettere con maggiore efficacia la
grossa quantità di informazioni e alla fine
del corso tutti i partecipanti completano i
loro trattamenti su Typodont con piena
soddisfazione per l’obiettivo raggiunto,
inoltre potranno condurre la terapia dei
loro stessi pazienti dietro la supervisione
degli Istruttori EPGET. I corsi sono accreditati per l’ECM dal Ministero della Salute.
CONTATTACI
CACCIA
ALL’ABUSIVISMO
data ...............................
Con la presente intendo segnalare alla Vs attenzione il ripetersi di
episodi di esercizio abusivo della professione sanitaria di
Odontoiatra presso lo studio:
......................................................................................................................
sito in ...........................................................................................................
Il signor ......................................................................................................,
privo di ogni titolo abilitante, in contravvenzione agli artt. 348 e 498
del C.P., passibile di reato come gia' sancito da numerose precedenti
sentenze, esercita abusivamente la professione di Odontoiatra
nonostante cio' sia previsto in forma esclusiva dagli artt. 6 e 7 del R.D.
31/05/1928 n° 1334, nonche' dalla legge n° 409 del 24/07/1985.
La suddetta attivita' viene svolta preferenzialmente nei giorni
seguenti:
......................................................................................................................
dalle ore ............. alle ore............. dalle ore ............. alle ore..............
Assieme al suddetto partecipa all'attivita' illegale il dott.
..................................................., correo ai sensi dell'art. 110 C.P.
Questa mia per invitare quindi l'Autorita' Vs ad effettuare i previsti
accertamenti sulle persone interessate.
Firma (facoltativa)....................................................................................
✄
Cari colleghi,
l'AIO ha da tempo elaborato un modulo volto ad identificare e censire,
nei limiti del possibile, persone esercenti abusivamente l'attività di
Odontoiatra. Il modulo di "segnalazione" può essere compilato da
chiunque, senza necessita' di firma; sua finalità sarà indicare alle autorità competenti una situazione di esercizio abusivo della professione di
cui si e' a conoscenza.
Nel questionario potrà essere incluso il nominativo di qualunque
sanitario perseguibile eventualmente per concorso in reato come
previsto dall'art. 110 C.P.
Per una maggiore incisivita' d'intervento il modulo va compilato in
maniera dettagliata e spedito in busta chiusa a: Associazione Italiana
Odontoiatri - via Cavalli, 30 - 10138 Torino - o via e-mail all’indirizzo: [email protected]
Tale segnalazione ha valore legale a tutti gli effetti anche se non firmata
e rappresenta uno dei possibili mezzi che qualsiasi persona cosciente, ed
a maggior ragione un sanitario, può utilizzare nella tutela della propria
salute e nel rispetto della professione odontoiatrica.
Rammentiamo inoltre che la denuncia di un reato perseguibile d'ufficio,
oltre ad essere un atto sociale meritevole, e' anche un obbligo di legge,
come recita l'art. 365 C.P. (omissione di referto).
Vi preghiamo di diffondere questo documento.
La Redazione
MODULO DI ISCRIZIONE
ALL’ASSOCIAZIONE ITALIANA ODONTOIATRI
SEDE DI .....................................................................................................................................................................................................................
Nome e Cognome ......................................................................................................................................................................................................
Qualifica ............................................................... P. IVA ......................................................... CODICE FISCALE ....................................................
Indirizzo studio ............................................................................................................................................................................... n° .....................
Città ....................................................................................................................................................... PV ..................... C.A.P. ..............................
Tel. Studio ......................................................... Fax Studio ......................................................... Tel. Cellulare .....................................................
E-mail .............................[email protected] ..........................................................................................................................
Iscrizione Albo Odontoiatri OMCeO di ............................................................................................... in data ......................... N° ........................
Data....................................................Firma ...............................................................................................................................................................
Autorizzo l’Associazione Italiana Odontoiatri al trattamento dei dati personali così come previsto dall’Art. 10 della legge 675/96 a tutela della privacy.
Data.................................................Firma ................................................................................
ASSOCIAZIONE ITALIANA ODONTOIATRI - TESORERIA NAZIONALE
Dott. Enrico Lai - Via San Giovanni 97 - 09124 CAGLIARI - Tel. 070.652465; Fax 070.674561 - E-mail: [email protected]
P.O.
PROSPETTIVA ODONTOIATRICA
31

Documenti analoghi

PO n. 1-2010

PO n. 1-2010 Graffietti Stampati (VT) Organo d’Informazione dell’Associazione Italiana Odontoiatri Maggio 2010 - Anno VIII - n° 1

Dettagli