Gran Premio Vintage 2012: vince Zucchetti su NSU TT

Commenti

Transcript

Gran Premio Vintage 2012: vince Zucchetti su NSU TT
Gran Premio Vintage 2012: vince Zucchetti su NSU TT
in 10 gare del campionato lottando in una classe che ha visto la presenza delle Fulvia Coupè,
della Renault 8 Gordini, delle Alfa Romeo GT, conquistando la vittoria in questa speciale
classifica che vuole premiare quei piloti che portano in gara auto certamente datate ma che
rappresentano la storia dell’automobilismo mondiale e senza le quali la parola Autostoriche
perderebbe molto di significato nelle competizioni legate a questo settore. Al termine di una
stagione agonistica ogni pilota tira le somme della sua partecipazione e Enrico Zucchetti,
portacolori della Squadra Piloti Senesi, giunge ha conquistare il Gran Premio Vintage alla sua
prima edizione e il Gruppo Organizzatori Salita Autostoriche è ben lieto che questa vittoria vada
ad un pilota che con dedizione, capacità, professionalità e precisione partecipa ogni anno alle cronoscalate nel raggruppamento riservato alle vetture costruite entro il 1969.
Alla piazza di onore si piazza Giovanni Rosi della Ecurie du Soleil con la Lotus Elite seguito da
Angelo De Angelis con la Pilbeam Dingo portacolori della Valdelsa Classic. Seguono Giovanni
Pagliarello del Club Italia alla guida nel 2012 della Lancia Appia Zagato, Francesco Amante
della Bologna Corse con la Jaguar E Type, Antonio Mastronicola sulla Cortina Lotus con i
colori del Team Italia seguito, sempre per lo stesso team, da Sandro Zucchi e la sua Muccini
Sport. All’ottavo posto Boris Gobbini della Valdelsa Classic e la sua rossa Abarth 1000TC che si
piazza davanti a Giancarlo Chianucci della Squadra Piloti Senesi alla guida dalla Lancia
Barchetta F&M a Mariano Saluto con la Terrier MK2 per i colori della Drepanum Corse.
{loadposition articoli}
Questi sono i primi dieci classificati che verranno premiati e sono seguiti in classifica da altri 81
piloti che hanno preso parte nel Primo Raggruppamento dando vita al Gran Premio Vintage
2012. Un sincero ringraziamento a tutti per la passione, la volontà e la voglia di continuare a
portare in gara queste vetture che sono l’essenza dell’auto storica e che lasciano sempre al loro
passaggio un interesse particolare in tutto il pubblico che le incita e le applaude per le loro
prestazioni e per la capacità dei piloti che le portano in gara. Ci auguriamo che il 2013 sia un
anno di continuazione e di possibilità di incremento di queste vetture nelle gare per dare vita al
Gran Premio Vintage 2013.
Gruppo Organizzatori Salita Autostoriche.
1/1