La Francia (parte antropologica e parte

Transcript

La Francia (parte antropologica e parte
Francois Hollande,
presidente dal 2012
La Francia è una repubblica presidenziale, è paese
socio-fondatore dell’Unione Europea e ha adottato
l’euro. Il paese è suddiviso è in 22 regioni, tra cui la
Corsica che gode di uno statuto autonomo. Sono
numerosi i dipartimenti e i territori d’oltremare
controllati, eredità dell’impero coloniale francese,
coma la Guiana in America meridionale.
La popolazione francese è caratterizzata da una forte
presenza di immigrati, quasi 5 milioni, provenienti
dall’Africa settentrionale ma anche da paesi europei
vicini (Spagna, Portogallo, Italia) e dalla Turchia. I figli
degli immigrati nati in Francia quando compiono diciotto
anni diventano cittadini francesi; il problema
dell’integrazione però rimane molto forte visto che gli
immigrati si concentrano nelle periferie delle grandi città,
le banlieu, dove si sono verificati episodi di violenza.
La lingua ufficiale è il francese anche se sono presenti
minoranze (bretoni, corse, tedesche) e la maggior
parte della popolazione è di religione cattolica. Il 77%
della popolazione vive nelle città e la sua
distribuzione è quindi irregolare: 1/6 infatti vive
nell’Ile de France, regione intorno a Parigi, e nei
principali centri industriali.
Parigi, la capitale, è una delle più importati metropoli
del Mondo. Fondata dai romani con il nome di
Lutezia, sorge sulle rive della Senna, alla confluenza
dei fiumi Marna e Oise. È divisa in 20 quartieri
(arrondissements), disposti a spirale attorno al nucleo
antico della città (Ile de la Citè), un isolotto sulla
Senna su cui sorge la cattedrale di Notre Dame. Nel
XX secolo la città ha avuto una grande espansione
urbana: oggi conta più di 2 milioni.
La Francia è una delle maggiori potenze economiche
in Europa. È il maggiore produttore agricolo
dell’Unione Europea grazie alla grande fertilità dei
terrenti (80% del territorio francese è coltivabile)
solcati da numerosi corsi d’acqua. Le tecniche agricole
sono molto avanzate, infatti solo il 3% della
popolazione è occupata nelle campagne. Importante
è la coltivazione dei cereali, la produzione di vino e
formaggio, l’allevamento e la pesca.
L’industria è avanzata e occupa 1/5 della
popolazione: meccanica, chimica, aereospaziale,
aereonautico, automobilistico (Peugeot, Citroen,
Renault), produzione legata al consumo di lusso e alla
moda (Dior, Chanel). La Francia è in importante
produttore di energia grazie alla ricchezza di materie
prime (uranio e bauxite) e alle numerose centrali
nucleari che coprono l’80% del fabbisogno nazionale;
inoltre esporta energia nei paesi vicini come l’Italia.
Il 77% della popolazione è impiegato nel settore dei
servizi:
pubblica
amministrazione,
settore
finanziario, sistema dei trasporti (tra i più efficienti
d’Europa) ma soprattutto il turismo. La Francia è la
maggiore meta turistica del mondo, con 80 milioni di
visitatori all’anno.

Documenti analoghi