UTILIZZO DEL SOFTWARE “MONITOR” Il software “Monitor” è stato

Commenti

Transcript

UTILIZZO DEL SOFTWARE “MONITOR” Il software “Monitor” è stato
UTILIZZO DEL SOFTWARE “MONITOR”
Il software “Monitor” è stato realizzato per agevolare la realizzazione dei sondaggi.
Esso consente di
1. creare questionari a scelta multipla;
2. rispondere alle domande da più postazioni contemporaneamente, tramite Internet o tramite LAN;
3. salvare i dati in un database ed infine conteggiare le risposte ed analizzare i risultati.
Il pacchetto “Monitor” si compone di un database monitor.mdb in formato Microsoft Access 2000 e di
una serie di pagine .htm e .asp per la gestione completa dei monitoraggi.
La creazione dei questionari, la compilazione e l’analisi dei risultati può avvenire tramite Internet o
tramite la Intranet dell’Istituto:
- nel 1° caso, il web server deve essere una macchina “pubblica” (interna o esterna all’Istituto)
con sistema operativo Windows di classe server e IIS (Internet Information Services);
- nel 2° caso, può fungere da web server un qualsiasi computer della LAN con sistema operativo
Windows e che abbia installato IIS (Internet Information Services). In questo 2° caso, si tenga
presente che se il computer che funge da web server e che ospita il database ha un sistema operativo non di classe server (quindi, non Windows 2000 Server, ma Windows 2000 Professional o
Windows XP), non si potranno superare i 10 accessi contemporanei al database, cioè il sondaggio non potrà essere somministrato contemporaneamente a più di 10 persone.
I requisiti software sono pertanto:
- Windows 2000 Professional o superiori (cioè Windows 2000 Server o Windows XP PRO o
Windows 2003 Server) con IIS (Internet Information Services)
- Access 2000 (o più recente) sul computer che funge da web server.
L’installazione del pacchetto “Monitor” consiste semplicemente nella copia della cartella “Monitor”,
inviatavi tramite CD, nella cartella c:\inetpub\wwwroot del web server o in una sua sottocartella.
Da un qualsiasi computer collegato ad Internet o della rete locale, mediante un browser si apre la pagina
iniziale del pacchetto: sarà sufficiente digitare, nella barra degli indirizzi del browser, nomeserver/monitor; se sono state modificate le impostazione di default di IIS, potrebbe essere necessario indicare anche il nome del file iniziale index.htm, pertanto nomeserver/monitor/index.htm, dove nomeserver
è il nome o il numero IP del webserver (ad esempio, www.liceogalilei.it/monitor o
192.168.0.2/monitor/index.htm ).
Poiché la compilazione dei questionari avviene via rete locale o via Internet, occorre prestare attenzione alle autorizzazioni. Normalmente, i sondaggi sono compilati da utenti generici, cioè privi di particolari autorizzazioni, mentre i dati raccolti sono analizzati da utenti di tipo administrator.
Per evitare complicazioni, si consiglia di consentire a qualsiasi utente l’accesso in lettura e scrittura su
tutta la cartella. Visualizzare le proprietà (con clic del tasto destro del mouse) della cartella monitor in
c:\inetpub\wwwroot, aprire la scheda Protezione ed impostare per Account Internet Guest (nel caso di
Windows 2003 server) o per Everyone (nel caso di Windows 2000 e Windows XP) l’autorizzazione
Consenti in Lettura e Consenti in Scrittura. Ulteriori autorizzazioni eventualmente già presenti possono
essere mantenute.
Visualizzare poi le proprietà del file monitor.mdb, all’interno della cartella monitor, aprire la scheda
Protezione e controllare che per Account Internet Guest o per Everyone le autorizzazioni di Consenti in
Lettura e Consenti in Scrittura siano attive e non modificabili: se risultano modificabili, cliccare su Avanzate e cliccare su “Eredita dall’oggetto padre le autorizzazioni ...”.
Si ricorda che, con Windows XP, la scheda Protezione nelle Proprietà dei file potrebbe essere nascosta:
per visualizzarla, da Pannello di Controllo (visualizzazione classica), aprire Opzioni Cartella, poi aprire
la scheda Visualizzazione e, nelle impostazioni avanzate, deselezionare la voce “Utilizza cond ivisione
file semplice (scelta consigliata)”.
Web: www.monitoraggi.com– e-mail: [email protected]
L’utilizzo di “Monitor” prevede tre fasi, di seguito descritte.
Web: www.monitoraggi.com– e-mail: [email protected]
1^ fase: preparazione del sondaggio
Il responsabile del monitoraggio accede alla parte relativa alla gestione inserendo l’opportuna password:
la password iniziale è 1234 e successivamente potrà (dovrà) essere modificata.
Cliccando su “Crea un monitoraggio”, si attiva una procedura guidata, composta di 4 schermate, per la
creazione.
Nella 1^ schermata, si inseriscono il titolo del monitoraggio, il numero di domande (da 1 a 99), il numero di gruppi (da 1 a 99) ed altre informazioni come la data di creazione, il nome di chi crea il sondaggio,
i destinatari ed eventuali note. A proposito dei gruppi, è possibile inserire, ad esempio, l’elenco delle
classi per, poi, valutare le risposte anche per singola classe; oppure, per un questionario rivolto al personale ATA, sarà possibile valutare le risposte distinguendo tra personale Amministrativo, personale Tecnico e personale Ausiliario.
Nella 2^ schermata si inseriscono i nomi dei gruppi: ad esempio il nome delle classi (1^A, 1^B, 2^A,…)
o dei gruppi (Personale Amministrativo, Personale Tecnico,…) e poi si clicca su “Memorizza e Prosegui”; se nella 1^ schermata si è lasciato il valore di default 1 per il numero di gruppi, questa 2^ schermata richiederà semplicemente di cliccare sul pulsante “Prosegui”.
Nella 3^ schermata si inseriscono i testi delle domande (fino a 255 caratteri per ogni domanda) e il numero di risposte (item) per le diverse domande.
Nella 4^ schermata, infine, si inseriscono i testi delle risposte (fino a 250 caratteri per ogni risposta: 250
e non 255 poiché il programma inserirà automaticamente, all’inizio, il numero della risposta).
Al termine della procedura, il monitoraggio è creato.
Se vi siete accorti di errori, si consiglia comunque di procedere nel completamente di tutte e 4 le schermate, evitando l’uso dei pulsanti “Indietro”: sarà poi possibile successivamente apportare tutte le modifiche necessarie.
Una volta completate le operazioni, è possibile rispondere al monitoraggio. Oppure è possibile ripetere
le operazioni per creare altri monitoraggi.
Web: www.monitoraggi.com– e-mail: [email protected]
2^ fase: somministrazione del questionario
Una volta terminata la preparazione dei monitoraggi, gli utenti possono compilarli via Internet (se il
web server è una macchina pubblica) o via intranet, allo stesso indirizzo indicato precedentemente (ad
esempio, www.liceogalilei.it/monitor o 192.168.0.2/monitor/index.htm ).
La videata presenta un elenco di uno o più monitoraggi: cliccando sul pulsante “Compila”, gli utenti potranno rispondere alle domande. L’interfaccia è molto intuitiva:
Al termine, cliccando sul pulsante INVIA, apparirà una pagina di feedback che conferma l’inserimento
dei dati nel database.
Una volta chiusa questa pagina di feedback, il questionario può essere compilato da un altro utente.
Si tenga presente che, via Internet, chiunque, anche esterno alla scuola, può compilare il questionario:
ciò costituisce un’opportunità (ad esempio per i genitori da casa), ma anche un rischio (immissioni non
controllate di dati).
Se la scuola dispone, ad esempio, di una o più aule d’informatica con 50 computer in rete, il questionario può essere compilato contemporaneamente da 50 persone; come scritto a pagina 1 di queste note;
però, se il sistema operativo del computer web server è Windows XP o Windows 2000 Professional, il
numero d’accessi contemporanei è limitato a 10.
Web: www.monitoraggi.com– e-mail: [email protected]
3^ fase: analisi dei dati
Terminata la fase di raccolta dati, il responsabile di progetto potrà analizzare i risultati ottenuti. Tramite
password, accede nuovamente alla parte relativa alla gestione dei monitoraggi.
Cliccando su “Visualizza i risultati dei monitoraggi” e poi sul pulsante col titolo relativo, potrà scegliere
di visualizzare:
1. l’Archivio di tutti i dati
2. il numero di partecipanti al sondaggio
3. le percentuali, eventualmente anche con grafici a barre o istogrammi, scegliendo anche se visualizzare le percentuali relative a tutte le domande o ad una singola domanda, a tutti i gruppi o ad
un solo gruppo.
Il programma consente di effettuare anche altre operazioni.
Come accennato sopra, è possibile modificare un monitoraggio già presente. Per evitare che le percentuali siano calcolate in modo errato, è richiesto che non ci siano dati già raccolti da quel sondaggio.
I passi per modificare un monitoraggio sono del tutto simili a quelli per la creazione.
È inoltre possibile attivare o disattivare un monitoraggio, per permette o impedire di rispondere al monitoraggio. Ad esempio, si potrà creare un questionario in maggio, lo si disattiva e lo si attiva solamente a
fine anno scolastico, nella prima settimana di giugno.
È poi possibile eliminare solo i dati raccolti da un monitoraggio. Ad esempio, somministro un questionario ad inizio anno, analizzo i dati, li elimino e poi somministro lo stesso questionario a fine anno.
Il pulsante “Elimina un monitoraggio” cancella definitivamente dal database tutte le informazioni relative ad un monitoraggio.
I pulsanti “Gestisci confronti tra monitoraggi” e “Visualizza confronti” consentono di confrontare le risposte ad uno stesso monitoraggio effettuato in tempi diversi, ad esempio ad inizio e a fine anno, oppure in anni successivi. Facendo l'esempio con sondaggi di inizio anno, supponiamo che nel settembre
2006 si somministri per la prima volta un certo questionario.
Nel settembre 2007, prima di somministrare di nuovo lo stesso questionario, si attiverà questa procedura che:
1. salverà i risultati del 2006 in una tabella denominata "Storico"
2. eliminerà dal database i dati del 2006.
Sempre nel settembre 2007, dopo aver somministrato di nuovo lo stesso questionario, si attiverà ancora
questa procedura che:
1. salverà i risultati del 2007 nella tabella "Storico"
2. eliminerà dal database i dati del 2007;
3. produrrà un report con il confronto dei dati del 2006 e del 2007.
Nel settembre 2008, dopo aver somministrato di nuovo lo stesso questiona rio, si attiverà ancora questa
procedura che:
1. salverà i risultati del 2008 nella tabella "Storico"
2. eliminerà dal database i dati del 2008;
3. produrrà un report con il confronto dei dati del 2006, del 2007 e del 2008.
Analogo per gli anni successivi.
La procedura per creare questi confronti utilizza interfacce molto intuitive.
Il Pulsante “Compatta il database” può essere usato dopo aver eliminato dati da un monitoraggio o aver
eliminato un monitoraggio, per ridurre le dimensioni del database e velocizzare un po’ le successive operazioni.
Infine, è stato predisposto un pulsante per cambiare la password del gestore dei monitoraggi.
Web: www.monitoraggi.com– e-mail: [email protected]
Web: www.monitoraggi.com– e-mail: [email protected]