Relazione finale - lettura - Istituto comprensivo Alcmeone

Commenti

Transcript

Relazione finale - lettura - Istituto comprensivo Alcmeone
Relazione finale delle Funzioni Strumentali “Progetto Lettura”.
Docenti: Scarcella C., Romano E. , Castelli P.
PREMESSA
Il “ Progetto Lettura” nasce dall’esigenza di creare nel bambino l’interesse per la lettura intesa come
attività libera, piacevole, capace di porre il soggetto in relazione con sé, con gli altri, con
l’ambiente. Leggere è un insieme di abilità; è soprattutto un problema di curiosità e di motivazione
ed, in quanto tale, supera la concezione della lettura come dovere scolastico, divenendo attività
libera, capace di creare un’emozione immediata o, ancora, un bisogno - piacere inesauribile che,
partendo dalla scoperta di un libro, continua alla ricerca di altri libri. La capacità di leggere non è
innata, ma è caratteristica della natura umana, nella quale trova le condizioni e i mezzi per
svilupparsi. Potenziare questa capacità, soprattutto in chi non si sente apparentemente portato o
poco incline alla lettura, è compito dell’educatore, chiamato a studiare i modi per svilupparla e
formarla correttamente, attraverso sistemi d’apprendimento che evitino il pericolo del rifiuto di tutto
ciò che è carta stampata. La “voce umana” ha un potere di comunicazione grande, che si esprime
anche attraverso ciò che si scrive, prima del senso c’è il suono, prima delle parole c’è la voce ed
essa genera umanità, senso e parola scritta, diventa così fondamentale far scaturire la curiosità e
l’amore per il libro prima ancora che il bambino impari la tecnica della lettura.
FINALITA’
Scopo prioritario del Progetto Lettura è far sì che i ragazzi si innamorino della lettura. Si comincia
con l’avere un rapporto continuato con il libro, a prendere confidenza con un oggetto da sfogliare,
toccare, scegliere, leggere, amare e… si finisce con l’investire la formazione della propria persona,
capace, nel tempo, di gestire autonomamente e consapevolmente il proprio rapporto con
l’informazione e con le proprie aspirazioni culturali. E’ senz’altro un compito non facile e perché si
realizzi occorre creare le condizioni adatte. I docenti stessi devono essere lettori che sappiano
consigliare e proporre gesti e momenti nuovi, ripetendoli il tempo necessario perché facciano
nascere nuove abitudini. Essi prendono il ruolo di “trasmettitori” al fine di rimodulare la relazione
educativa per offrire anche nuovi canali di comunicazione con e tra gli alunni, per “contaminare”
l’impianto didattico- disciplinare, per porsi come modello di lettore.
Le attività che verranno proposte non si distaccheranno dalle linee - guida della Programmazione
didattico-educativa e saranno in sinergia con le finalità espresse nel Progetto Lettura adottato nel
POF dell’I.C.S. “ALCMEONE”, al quale si è fatto costante riferimento.
OBIETTIVI
o
o
o
o
o
o
o
Promuovere un atteggiamento positivo nei confronti della lettura;
Trasmettere il piacere della lettura
Favorire l’avvicinamento affettivo ed emozionale dell’alunno al libro
Favorire una circolarità fra libro, mondo e costruzione della persona.
Educare all’ascolto e alla convivenza
Favorire gli scambi di idee fra lettori
Conoscere gli Autori e il mondo dell’Editoria Libraria
METODOLOGIA
Il Progetto è rivolto agli alunni dell’Istituto comprensivo “Alcmeone” dalla scuola dell’Infanzia,
Primaria e scuola Media Inferiore e in esso si privilegeranno la lettura e l’ascolto di varie tipologie
testuali. Nell’articolazione globale del progetto, ogni team docente, ha individuato un percorso di
lettura differenziato adatto al livello della propria classe e delle tematiche programmate (Vedere
Allegato). La metodologia attuata è quella dell’apprendere facendo , della ricerca e della
motivazione con la partecipazione degli alunni nelle scelte e nella indicazione da parte loro di
percorsi di lettura alternativi e condivisi. Alle letture animate sono seguite drammatizzazioni o
memorizzazioni di semplici rime e filastrocche. Il territorio ha offerto spunti per ricerche storiche,
indagini e scoperta di fatti inediti della storia locale. L’insegnante attiverà modi di leggere il più
possibile coinvolgenti, al fine di rendere più piacevole e “magico” il momento dell’ascolto. La
lettura sarà ad intreccio: insegnante, alunno/i, genitori. L’attività mira a far prendere un contatto
fisico col libro: gli alunni saranno liberi di scegliere, toccare, manipolare, osservare, chiedere.
L’incontro fisico col libro è, infatti, il primo passo per stimolare la fruizione: il libro si vede, si
tocca, si prende in mano, diventa un oggetto che suscita curiosità, da esplorare e conoscere, a partire
dalla copertina (colore, spessore, autore, editore), per finire alla struttura( prefazione, capitoli,
indice, note bibliografiche,…). L’attività costituirà occasione, anche, per avvicinare gli alunni alla
pluralità dei testi.
Modalità di verifica
La verifica dei risultati ottenuti è stata effettuata sia durante la realizzazione del progetto attraverso
l’osservazione dei comportamenti degli alunni e dal loro grado di interesse per le attività che si
andavano svolgendo , con colloqui avuti con i genitori che molto hanno apprezzato il lavoro svolto
dall’insegnante Le F.S. incaricate hanno illustrato le attività e gli obiettivi da raggiungere ai vari
Consiglio di Interclasse e con la presente relazione finale a voi colleghi e al Dirigente Scolastico.
Sviluppo del progetto e sua articolazione
Il progetto, diluito nel corso dell’anno, ha previsto tre fasi di attuazione
1^ fase: scelta e lettura dei libri in classe e a casa per ogni trimestre (Settembre)
1° (Mese ottobre- novembre- dicembre).
2° (Mese gennaio- febbraio- marzo)
3° (Aprile- maggio- giugno )
2^fase:ascolto di letture animate e incontri con Autori -esperti e genitori. Visite alle biblioteche
scolastiche e Librerie. Composizioni libere e guidate. Attività espressive e di manipolazione per
ogni trimestre.
3 ^ fase: pubblicizzazione delle attività svolte e mostra del materiale prodotto (Dicembre – MarzoGiugno). (Vedere locandine in allegato)
Descrizione dei prodotti realizzati
Tutto il materiale prodotto dagli alunni è stato oggetto di una mostra allestita nei locali della
scuola Primaria del plesso: Farina, Università e del plesso Centrale dell’I.C. Alcmeone.
Un ampio sguardo sul libro e sui mondi interessanti ed emozionali che esso offre. Disegni realizzati
con le più svariate tecniche, riflessioni originali scritte con la semplicità e l’autenticità dei n.s.
alunni. Le attività si sono svolte secondo i calendari allegati alla presente relazione.
CONTENUTI - ATTIVITA’ SVOLTE
• Letture libere e guidate.
• Analisi di alcune parti dei libri ,lette dall’insegnante con la funzione di lettore- animatore.
• Incontri con i genitori degli alunni che oltre a impegnarsi a leggere con i propri figli i libri
prescelti potranno partecipare come lettori-animatori alle attività previste. (La notte dei racconti)
• Uscite didattiche sul territorio .
• Drammatizzazioni a canti corali.
• Utilizzo di strumenti e materiali plastici e grafico- espressivi per esprimersi in modo creativo e
personale
Il progetto ha permesso il raggiungimento dei seguenti obiettivi:
• Miglioramento delle competenze in ordine alla decodifica della parola scritta (sequenzialità,
logicità) per mediare e contrastare l’uso eccessivo dei linguaggi multimediali e visivo-analogici.
• Arricchimento del lessico di base.
• Scoperta del libro da parte del bambino che legge poco o niente.
• Sviluppo del piacere della lettura e conoscenza della diversità dei vari generi letterari.
• Conoscenza dei testi anche della letteratura classica e della narrativa mondiale in ordine anche
alle diverse culture presenti in classe per fornire una migliore conoscenza delle differenze.
• Conoscenza della storia locale
• Utilizzo del libro, della lettura e quindi della conoscenza come antidoto a forme di disagio
scolastico e sociale
• Apertura della scuola alle diverse agenzie culturali presenti sul territorio e miglioramento degli
stessi.
Miglioramento dei rapporti interpersonali all’insegna della collaborazione e della solidarietà.
• Coerenza con i bisogni e gli obiettivi formativi rilevati nel P.O.F.
TEMPI
Il progetto Lettura si è svolto durante i 3 Trimestri in orario curriculare, comprese le Manifestazioni
programmate.
L'esperienza maturata quest'anno permette di evidenziare come la forte motivazione e l'impegno
dimostrati da tutti i colleghi siano stati determinanti per rendere la nostra scuola una delle più attive
del territorio. L’ampliamento dell’offerta formativa curriculare è riuscita spesso a coinvolgere gli
allievi meno motivati ed a far loro raggiungere importanti risultati in termini di crescita umana.
Questo deve rappresentare per tutti noi stimolo alla crescita professionale e punto di partenza nella
condivisione di un processo volto a rispondere adeguatamente ai bisogni formativi degli studenti.
Riteniamo doveroso ringraziarvi per la fiducia accordataci.