scarica pdf - Fiera di Roma

Commenti

Transcript

scarica pdf - Fiera di Roma
EDITORIALE
MAURO MANNOCCHI
Presidente Fiera di Roma
S
econdo appuntamento con la Fiera di Roma.
Tante e positive sono state reazioni al primo
numero: il nostro magazine ha superato brillantemente la prova del debutto.
L’effetto è stato proprio quello che speravamo di raggiungere e ci ha anzi riservato qualche sorpresa, perché forse noi stessi non eravamo appieno consapevoli
di quanto questa iniziativa sarebbe stata non solo apprezzata ma anche gradita e accolta da tutti con grande
interesse.
Dai nostri partners istituzionali e commerciali ai visitatori, a quanti lavorano per e con la Fiera, tutti hanno
salutato la rivista come lo strumento di comunicazione
che alla Fiera mancava. Questa è per noi la conferma di
aver centrato l’obiettivo che ci eravamo prefissi: instaurare un dialogo più diretto e coinvolgente con i nostri interlocutori principali e far conoscere meglio i molteplici
aspetti della nostra attività.
Ed eccoci a un nuovo numero e a un nuovo anno. Il
2012, un anno decisivo per il futuro di tutti.
Ripetere ancora una volta quanto sia critico il momento
che stiamo vivendo sarebbe realistico ma inutile. Tutti
noi lo sappiamo e dobbiamo confrontarci quotidianamente con i problemi che lo scenario economico-finanziario nazionale e mondiale ci mette di fronte.
Ma chi opera in campo fieristico vive il presente mentre ha già organizzato il futuro prossimo e sta preparando quello meno immediato. Ed è questa prospettiva
che ci permette di privilegiare gli elementi di fiducia ed
ottimismo rispetto alle difficoltà che hanno caratterizzato negli ultimi mesi la nostra economia e che non
avrebbero potuto non ripercuotersi in qualche modo
anche sull’attività di tutte le fiere italiane.
Il 2012 si preannuncia per la Fiera di Roma all’insegna
di importanti progetti realizzati e di altri in via di realizzazione. Preferiamo dunque un approccio positivo e
vogliamo concentrarci sulle tante novità che il nuovo
anno porterà negli spazi del Quartiere fieristico.
La stagione che si è appena aperta vedrà il susseguirsi di molti appuntamenti importanti. Febbraio e marzo
sono mesi clou per la nostra attività e accanto a grandi
eventi dal successo consolidato come Big Blu, Motodays, Casaidea, SmauRoma, Expoedilizia, Hobby Show
e Photo Show il calendario offre anche novità come
Weekend Donna, Ludica, Frame Art Expo. Eventi all’esordio sulla scena fieristica romana la cui qualità è garantita da organizzazioni collaudate e professionali.
Un pensiero e un in bocca al lupo particolare vanno a
un nuovo progetto espositivo a cui Fiera Roma tiene
in modo particolare: [email protected] Expo, una novità assoluta nel panorama degli eventi di settore che siamo
convinti possa essere una risposta alle richieste del
mercato e di tutti gli appassionati dell’Italia Centromeridionale.
Al di fuori del Quartiere fieristico poi, negli spazi del
Palazzo dei Congressi, Fiera Roma è impegnata il 2 e 3
febbraio nella gestione, in partnership con due soggetti
importanti come ENIT e Federalberghi Roma, di ACE &
MED Workshop, un evento specializzato e puramente
b2b focalizzato su un settore fondamentale per l’economia nazionale qual è il turismo delle Città d’Arte. ACE
è il prototipo di un nuovo ramo dell’attività, che sempre più spesso vedrà Fiera Roma “esportare” il proprio
know-how organizzativo in altre sedi espositive e che
nel corso dell’anno si svilupperà ulteriormente.
I primi mesi del 2012 si presentano dunque densi di
eventi e novità. Indicatori positivi che rivelano non solo
la validità del ruolo delle fiere nonostante la crisi, o forse proprio in tempo di crisi, come i migliori strumenti di
supporto e promozione per le imprese, ma soprattutto
la capacità di attrazione di Roma e della Fiera di Roma
nei confronti degli operatori economici.
Incoraggiato da questi risultati, voglio quindi rivolgere
un vero augurio a tutti coloro che seguono la nostra
attività dalle pagine di questo magazine – organizzatori, espositori, visitatori, imprenditori e rappresentanti
delle Istituzioni – perché questa annata positiva possa
essere veramente un punto di svolta per un’inversione di tendenza e per l’avvio della tanto attesa ripresa
economica.
laFIERA
| 01
02 | laFIERA
laFIERA
| 03
chi siamo
Fiera Roma è un quartiere fieristico
che sorge fra l’aeroporto internazionale
di Fiumicino e la Capitale. La Fiera è raggiungibile attraverso molteplici linee di
collegamento: linea ferroviaria collegata
alle stazioni di Roma Ostiense, Tiburtina
e Trastevere, mezzi privati, taxi, bus organizzati durante le manifestazioni. Facile ed immediato è il collegamento con
il vicino aeroporto Leonardo da Vinci di
Fiumicino.
Dotata di due ingressi per il pubblico,
Nord ed Est, si compone di 14 padiglioni espositivi e di 22 punti ristoro gestiti
direttamente da Fiera Roma con il marchio Taketime. Sono inoltre presenti al
suo interno altri servizi utili per il pubblico: otto zone parcheggio, un centro
servizi, due punti di pronto soccorso,
due bancomat e un centro di servizio
bancario.
I soci fondatori, Camera di Commercio di Roma, Comune di Roma, Re-
04 | laFIERA
gione Lazio, Sviluppo Lazio, Provincia di Roma, Azienda Promozione
Turistica, Unione Industriali di Roma
e Unione Agricola di Roma, ai quali va
riconosciuto il merito di aver intuito l’importanza strategica della Nuova Fiera di
Roma, sostengono una struttura fondamentale per lo sviluppo commerciale
del territorio, attivando collegamenti e
scambi con il mondo del business nazionale e internazionale.
La storia del polo fieristico ha inizio il 24
aprile del 1998, quando viene fondata
Fiera di Roma Spa, Soci fondatori Camera di Commercio di Roma, Comune
di Roma e Regione Lazio, il cui marchio
viene presentato ufficialmente il 21 dicembre 1999. Successivamente, nel
2003, da Fiera di Roma Spa, proprietaria
dell’immobile, nasce Fiera Roma srl, società di gestione del quartiere fieristico.
Il 21 aprile del 2006 viene inaugurata ufficialmente la nuova Fiera di Roma.
In un momento delicato per la salute
ambientale Fiera di Roma ha deciso di
intervenire puntando su una struttura
interamente ecosostenibile: il progetto architettonico è stato affidato all’architetto Tommaso Valle e realizzato
dalla Lamaro Appalti su una superficie
di 150.000 mq. Il materiale impiegato
per il progetto è prefabbricato e quindi
facilmente smontabile, pensato appositamente per il rispetto dello spazio
circostante. Inoltre al suo interno è presente il più grande impianto fotovoltaico
d’Europa, progettato in collaborazione
con Green Utility SpA. La struttura consente un risparmio energetico notevole,
basti pensare che produce 2,6 milioni di
Kwh all’anno. Inoltre le sue funzionalità
impediscono l’emissione in atmosfera
di circa 1.825 tonnellate l’anno di CO2.
Grazie a questi accorgimenti il polo fieristico capitolino si costituisce come fiera
sostenibile.
16
parola a...
la Fiera in corso
10. Big Blu
di Irene Tempestini
14. World Fishing
di Irene Tempestini
19. ACE & Med
di Elsa Piccione
20. Hobby Show
di Valeria Jannetti
22. Weekend Donna
di Valentina Clemente
23. Ludica
ANNO I – NUMERO 1
di Simone Tempesta
Febbraio – Marzo 2012
24. Outdoors Experience
di Irene Tempestini
26. Outdoors Experience
di Irene Tempestini
28. Motodays
MG Media Group
Via Mario Romagnoli 12
00136 Roma
+39 06 35450903
[email protected]
editore
Marina Galletti
aut. del tribunale di roma
n.381/2011 del 12/12/2011
progetto editoriale
MG Media Group
Marco Galletti
direttore editoriale
Marco Galletti
[email protected]
direttore amministrativo
Meryem Zeynep Caytak
direttore responsabile
Carla Antonella Cirimbilla
coordinamento redazionale
Barbara Mattei - Responsabile
Irene Tempestini
[email protected]
progetto grafico
Annalisa Marzano
[email protected]
redazione
di Valentina Clemente
32. [email protected]
di Irene Tempestini
Editoriale
01. di Mauro Mannocchi
36. Casaidea
di Milena Mariano
38. Smau Roma
di Valentina Clemente
04. chi siamo
40. Expoedilizia
08. Calendario eventi
46. Photoshow
Febbraio - Maggio 2012
parola a...
16. Intervista a Giuseppe Roscioli
di Barbara Mattei
di Marco Valente
di Valentina Clemente
FrameArt Expo
di Milena Mariano
48. Bimbinfiera
di Valeria Jannetti
sommario
28
la fiera in corso
Valentina Clemente,
Valeria Jannetti,
Milena Mariano,
Elsa Piccione,
Lisa Riposati,
Elisa Sciuto,
Simone Tempesta,
Marco Valente
pubblicità
MG Media Group
Elisabetta Galletti
[email protected]
stampa
Poligraf – Pomezia Lito Grafica srl
laFIERA
| 05
Stop & go
26. Barcellona
50
di Marco Valente
50. Istanbul
di Marco Valente
stop & go
parola d...
34. Intervista a Pier Francesco Caliari
di Lisa Riposati
42. Intervista a Vincenzo Zottola
di Lisa Riposati
54. focus fiera
Arti & Mestieri Una Tavola Rotonda
per l’Artigianato Artistico
di Barbara Mattei
trend & tendenze
70
62. donna in carriera
72. innovation pills
64. app & down
74. i piaceri di roma
Alberta Parissi
di Barbara Mattei
QR Code
a cura di Altran Italia
a cura di Barbara Mattei
e Irene Tempestini
66. design
58. stand one & stand in
a cura di Barbara Mattei
e Irene Tempestini
60. topless
Intervista a Pier Antonio Bacci
di Barbara Mattei
66
design
di Elisa Sciuto
78. informazioni generali
a cura di Annalisa Marzano
68. la fiera in progress
70. trend & tendenze
di Elisa Sciuto
74
i piaceri di roma
hanno collaborato a questo numero:
62
donna in carriera
06 | laFIERA
Claudia Albanesi, Isabella Ambroglini, Alessia Barbieri, Fabiana Bassolino,
Sergio Bonetti, Antonio Bruzzone, Roberta Busatto, Fabio Camilletti, Linda
Campisi, Marco Canu, Cristina Comelli, Roberta Corradini, Francesco
Crognale, Loredana De Rosa, Paola Di Grazia, Silvana Farina, Monica Ferrari,
Carlo Galbiati, Cinzia Gamberini, Greta Gentile, Fernanda Giudice, Mauro
Giustibelli, Francesca Grillo, Donato Loria, Elisabetta Matticoli, Paola Messa,
Adriana Montini, Bruna Morano, Fausto Murdolo, Antonella Napoli, Andrea
Nebuloso, Federico Porrozzi, Gianluca Rocca, Gerarda Rondinelli, Fabrizio
Savigni, Tiziana Sforza, Sara Terreni, Cesare Tirabasso, Gabriele Tranquilli
laFIERA
| 07
febbraio/maggio 2012
febbraio
marzo
hobby show
Il salone italiano delle belle arti e
della creatività manuale.
Weekend donna
Il salone italiano dedicato alla donn a
e alle sue passioni.
ludica
Il festival del gioco italiano.
motodays
Salone della Moto e dello Scooter.
Una fiammante Moto Guzzi Stelvio
dotata di velo da sposa è l’icona
di questa campagna 2012. A
dimostrazione del fatto che la moto ti
resta sempre fedele.
10/12
18/26
08/11
23/26
10/18
big blu
Salone Internazionale della Nautica e
del Mare. Numerose aree tematiche
ed esperienziali, animate da meeting,
eventi culturali e convegni. Una
kermesse imperdibile per tutti gli
amanti del mare.
world fishing
Salone della Pesca sportiva.
Arricchito da proiezioni, educational
e corsi sportivi di aggiornamento,
si caratterizza come un evento
fondamentale per tutti gli
appassionati del settore.
23/26
outdoors experience
Salone del Turismo all’aria aperta
e del Camper. Non solo una vasta
esposizione dei mezzi più innovativi
per impiegare al meglio il proprio
tempo libero, la manifestazione
ospiterà anche gare ufficiali di
arrampicata sportiva.
08 | laFIERA
08/11
[email protected] expo
Esposizione dedicata al mondo della
bicicletta. Ben 18.000 mq espositivi
che mettono a disposizione degli
appassionati delle due ruote una
vasta gamma di accessori e modelli.
Sarà possibile non solo ammirare i
prodotti esposti, ma anche provarli
direttamente sul posto.
casaidea
Rassegna italiana sul design e sulle
novità per la casa. Arrivata alla sua
38esima edizione, la manifestazione
dedicata agli amanti della casa è una
vetrina d’eccellenza per anticipare
e aggiornarsi sulle nuove tendenze
di stagione. Prenderanno parte
all’evento anche gli esperti del
settore: architetti, tecnici e arredatori.
21/22
smau roma
Fiera dedicata ai trend e alle
soluzioni tecnologiche per il
Business. Pensata per imprenditori,
manager, decisori aziendali,
pubbliche amministrazioni e per
tutti gli operatori del canale ICT. Una
vetrina per promuovere i progetti
legati agli affari e all’innovazione.
22/25
expoedilizia
Fiera professionale per l’Edilizia e
l’Architettura. Durante il corso della
manifestazione saranno trattati
principalmente temi legati alla
riqualificazione energetica degli
edifici, dell’isolamento termico e
acustico, del verde tecnologico e
delle energie alternative.
30/01aprile
photo show
Fiera professionale di Fotografia
e Imaging. Quest’edizione
analizzerà i cambiamenti che hanno
caratterizzato la fotografia dell’ultimo
decennio, utilizzata come strumento
di condivisione, animazione e
trasformazione.
30/01aprile
FRAMEART EXPO
Fiera dedicata al mondo della
Cornice
e dell’Arte grafica. Rivolta a tutti gli
amanti del wall decor e della home
decoration, ha l’intento di porsi come
la vetrina per eccellenza del Made in
Europe.
31/01aprile
28/06maggio
aprile
maggio
roma cavalli
Salone Internazionale
dell’Equitazione
e dell’Ippica. Numerosissime
le attività, le competizioni, le
novità e le iniziative speciali. Una
manifestazione pensata soprattutto
per sviluppare sinergie, scambi
culturali e imprenditoriali legati al
mondo equestre.
cosmofarma exhibition
Mostra Internazionale di prodotti e
servizi per la salute, il benessere e
la bellezza in farmacia. Evento ricco
di programmi: convegni, corsi Ecm,
workshop e presentazioni aziendali.
bimbinfiera
Salone per l’Infanzia e per le
Mamme.Una vasta esposizione
che non tralascia nessun settore
merceologico dedicato ai più
piccoli: dai giochi all’arredamento,
dall’igiene all’alimentazione.
12/15
21/22
fuoriserie
Salone dedicato ai veicoli d’epoca.
Saranno evidenziate tutte le tendenze
del mercato automobilistico
storico-internazionale. Protagoniste
dell’evento non soltanto le auto:
saranno anche esposti orologi
d’epoca, bauli da viaggio,
abbigliamento sportivo degli anni
’70.
moa casa
Mostra dell’arredo e del design per
la casa. Un’esposizione dedicata
interamente alla bellezza della casa,
che mette in evidenza le tendenze di
stagione e gli stili più in voga.
04/06
10/12
chancexpo
Evento fieristico dedicato ai temi del
Lavoro dipendente, della Formazione
e dell’Attività Imprenditoriale.
14/17
forum pa
Mostra Convegno dell’innovazione
nella Pubblica Amministrazione
e nei sistemi territoriali. è
un’associazione che promuove
l’incontro e il confronto tra pubbliche
amministrazioni, imprese e cittadini
sui temi chiave dell’innovazione
attraverso studi, ricerche,
comunicazione online e molto altro.
Le date indicate potrebbero subire delle variazioni
laFIERA
| 09
la fiera in corso
big blu
Al via la sesta edizione
del Salone Internazionale
della Nautica e del Mare
di Irene Tempestini
10 | laFIERA
S
iamo ancora nel pieno della gelida stagione invernale ma nonostante tutto i fiocchi di neve
non mettono a tacere la voglia di estate, di
sole e soprattutto di…mare. E a ricordarci della grande distesa blu è proprio Big Blu, Salone della
Nautica e del Mare, che per l’edizione 2012 si presenta
ricco di novità e proposte, a cominciare dalla fan page
di Facebook in cui vengono postate in tempo reale le
informazioni sull’evento. Mauro Giustibelli, Exhibition
Manager dell’evento, è fiducioso del successo della
fiera: “Siamo certi che Big Blu rappresenti un ritorno
alla normalità, al piacere di poter guardare delle bellissime barche e vivere il diportismo nautico al meglio, in
un periodo in cui il settore non può dirsi certo brillante.
L’evento cerca di ricordare a tutti l’importante rilevanza
sociale dell’andare per mare, splendida passione con-
naturata al nostro territorio e al nostro Paese che negli
ultimi anni è stata incredibilmente e misteriosamente
demonizzata”.
Numerose le imbarcazioni presentate che vanno a soddisfare le esigenze di ogni tipologia di consumatore:
dall’amante dello yatch al gommone, dall’estimatore
del veliero a quello del battello pneumatico. L’evento
non si limita solo alla presentazione delle imbarcazioni
all’ultimo grido, ma tocca tutti i settori legati alla nautica: enogastronomia, abbigliamento nautico, attrezzature per il turismo all’aria aperta, fotografia subacquea,
motori marini e carrelli, porti turistici e servizi collegati,
servizi assicurativi e finanziari, accessori e strumentazioni, arredamento nautico, brokeraggio, chartering e
turismo nautico, scuole nautiche, enti ed editoria specializzata. Una kermesse completa che rende omaggio
al mare ormai da sei anni in modo esaustivo, tanto da
conquistare un podio d’eccellenza tra i Saloni Nautici
d’Italia.
La Fiera si articola in più appuntamenti, focalizzandosi
di volta in volta su degli aspetti specifici del Salone. A
questo scopo sono nati i focus Boat Show, Salone della nautica da Diporto, Gommoshow, Salone del Battello
pneumatico dedicato ai gommoni, ai motori fuoribordo,
ai package e ai carrelli, World Fishing, area dedicata alla
pesca sportiva e Outdoors Experience, evento dedicato al turismo e alle attività praticabili all’aria aperta.
All’interno dell’area Boat Show è possibile ammirare
imbarcazioni che arrivano a toccare i venti metri, disponibili in due versioni: a motore o a vela. Gommoshow,
invece, ha acquistato un notevole prestigio negli anni,
potendo vantare marchi del calibro di Selva, Suzuki,
dal 18 al 26
presso Fierafebbraio
Roma
laFIERA
| 11
big blu
Honda, Yamaha, Mercury e Envinrude.
Outdoors Experience dà spazio a ogni
tipo di articolo dedicato al plein air, per
tutti gli amanti del trekking; infine World
Fishing propone agli appassionati della
pesca attrezzature all’avanguardia e
mette a disposizione dei visitatori una
serie di educational tenuti da esperti
del campo per essere sempre aggiornati sulle ultime novità in materia.
Il Salone della Nautica e del Mare si
distingue all’interno del panorama fieristico non solo per la sua offerta variegata ma anche per il ruolo di portavoce
e sostenitore di iniziative di carattere
ambientale. Per l’edizione 2012 Big Blu
diventa partner ufficiale del Sea Heritage Best Communication Campaign
i focus di big blu
Award, premio internazionale per la
comunicazione del Patrimonio Marittimo realizzato da Pelagos, Campagna di
Comunicazione Istituzionale del mare.
Il premio nasce in virtù dei principi ispirati dalla Carta di Roma – istituita nel
2010 – per il Patrimonio Marittimo e
ha l’intento di riconoscere l’efficacia
delle campagne comunicative volte a
divulgare, promuovere e salvaguardare
il mare, prestando particolare attenzione all’elemento Acqua in tutte le sue
sfaccettature (turistica, ambientale,
commerciale, scientifica, istituzionale,
artistica e industriale), oggi un bene
che ci sta letteralmente scivolando via
di mano. Anche il Direttore Commerciale di Fiera Roma, Antonio Bruzzone,
BOAT SHOW: imbarcazioni a motore
fino a 60 piedi, imbarcazioni a vela,
accessori, strumentazioni di bordo,
servizi e complementi per la nautica,
navigazione e il turismo nautico;
GOMMOSHOW: la migliore varietà
di gommoni, motori fuoribordo e accessori;
World fishing: il mondo della
pesca sportiva, dei prodotti, delle attrezzature e dei servizi collegati;
outdoors experience: la nuova
manifestazione dedicata al camper,
al turismo all’aria aperta
12 | laFIERA
2012
sottolinea l’importanza culturale e sociale dell’iniziativa:
“Per il 2012 questa collaborazione si svilupperà ulteriormente, facendo di Pelagos e del Premio Sea Heritage
la più importante manifestazione italiana dedicata al
mare e alla sua buona comunicazione”.
Non da meno è la partnership che il Salone ha intrapreso con ReBoat Race, prima regata in Italia che vede
l’utilizzo di imbarcazioni ricavate da materiali di scarto.
La gara avrà luogo presso il porto di Ostia nel mese di
giugno e, anche in questo caso, Big Blu si pone in prima linea a favore di un progetto interamente ecologico
che ha come fine ultimo il rispetto e la salvaguardia del
mare.
Ad alleggerire temi così intesi e attuali l’elezione di
Miss Pelagos. Le aspiranti reginette del mare si sfideranno a colpi di solarità per aggiudicarsi il titolo sotto la
valutazione attenta di una giuria d’eccellenza composta da esperti del settore della moda, dello spettacolo,
delle Istituzioni, del mondo giornalistico e presieduta
da Giancarlo Magalli, conduttore televisivo. Anche le
aspettative degli appassionati di Vela non vengono de-
i numeri di big blu 2011
142.136 VISITATORI TOTALI
121.000 MQ DI SUPERFICIE TOTALE
599 AZIENDE IN ESPOSIZIONE
804 IMBARCAZIONI IN MOSTRA
515 GIORNALISTI ACCREDITATI
luse: nell’area Federazione Italiana Vela è presentato il
team che prenderà parte ai Giochi Olimpici di Londra
2012 ed è possibile provare l’ebbrezza della barca a vela
grazie all’apposita piscina di 20x30 allestita all’interno
della sala o avvalendosi del simulatore elettronico.
Big Blu di nome e di fatto.
Le storie del mare di Folco Quilici
Folco Quilici, scrittore, regista, decine di premi e
riconoscimenti internazionali. E una grande passione,
il mare.
Un amore sbocciato dall’esperienza di Sesto Continente
nel lontano 1952-54. Poi con la lunga – e ancora
attiva – collaborazione con archeologi del mare. Oggi
devo dire che a preoccuparmi è lo scarso sviluppo
delle nostre splendide aree marine. Alcune sono in
stato (organizzativo) veramente comatoso. Occorre
al più presto intervenire, affidandosi non alle autorità
politiche locali ma ai circoli, ai club, alle scuole
subacquee. Non si tratta solo di esperti e di entusiasti.
Ma di chi deve “vendere” ai visitatori dei luoghi che
affascinano. Deve quindi “tenerli bene” e far si che
offrano una vita sottomarina ricca e affascinante.
A quale mare si sente maggiormente legato e, se esiste, c’è
ancora un luogo che non ha ancora esplorato e che vorrebbe visitare?
Il mio mare è il Mediterraneo. E ogni suo fondale in cui sono stato ha attorno a sè altri
magnifici spazi da scoprire e salvare. C’è lavoro e soddisfazione per tutti, se lo vogliamo.
Tra i suoi ultimi lavori ricordiamo Storie del mare, romanzo incentrato sul binomio
ragazzi/mare. Attraverso le sue righe in che modo i giovanissimi imparano a conoscere e
apprezzare il grande blu?
Noi “umani” dobbiamo amare e proteggere il mare soprattutto per i suoi diretti rapporti
con noi. I ragazzi debbono considerarlo, ammirarlo e desiderarlo come un loro elemento.
Come la terra e il cielo.
Occorrerebbe spiegarlo di più e meglio ai giovani, ma purtroppo le nostre scuole fanno
assai poco in questo settore. Proprio per questo è importante per tutti noi divulgatori
allargare il più possibile la conoscenza del mare tra i più giovani (ma attenti ai cantaballe!)
Folco Quilici
(Ferrara, 9 aprile 1930) è un
documentarista cinematografico
e televisivo e scrittore italiano.
Dopo aver iniziato un’attività
di tipo cineamatoriale, si
è specializzato in riprese
sottomarine. Il suo primo
lungometraggio è stato Sesto
Continente, ricco di suggestive
immagini subacquee dedicate ai
mari australi.
laFIERA
| 13
la fiera in corso
I pesci abboccano a
world fishing
di Irene Tempestini
S
in dagli albori dell’umanità la
pesca è sempre stata vista
come uno strumento indispensabile per la sopravvivenza
dell’uomo. Poi, precisamente nel 1920,
iniziano a comparire le prime prove che
testimoniano l’impiego di questo disciplina per puro svago. A dimostrazione
di ciò ricordiamo il T.U., disposto di legge con cui viene regolata la pesca in
acque interne e la nascita della Federazione Italiana Pesca Sportiva nel 1942.
Oggi, dopo la nascita dei discount, dei
supermarket e delle grandi catene, la
pesca praticata per fini esclusivamente
alimentari ha visto un calo fisiologico,
ma lo stesso non si può certo dire per
la passione che spinge gli amatori della
disciplina a lanciare l’amo e ad attendere con pazienza che l’esca faccia il suo dovere.
Disciplina d’élite, la pesca sportiva è ormai praticata da moltissimi non addetti ai
lavori, tanto da arrivare a distinguersi in tre diverse categorie: pesca di superficie,
pesca subacquea e pesca dalla barca. La distinzione è voluta dalla FIPSAS, Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività
Subacquee, società nata nel 1942 per
promuovere la disciplina a livello amatoriale. Inoltre la Federazione è stata
riconosciuta nel 2004 Associazione di
protezione ambientale dal Ministero
dell’Ambiente e della Tutela del Territorio.
Ad avvalorare il riconoscimento del
2004 delle pratiche di pesca sempre
più diffuse tra gli appassionati dello
sport: il No-Kill e il Catch & Release.
Tecniche utilizzate soprattutto nelle
aree ricche di salmoni, il No-Kill e il
Catch & Release sono dei metodi che
permettono allo sportivo di cimentarsi nella sua attività preferita senza
per questo dover uccidere la preda.
Si applicano alla pesca di superficie e
consistono in una serie di piccoli accorgimenti che, in teoria, dovrebbero
favorire la sopravvivenza del pesce.
Ogni pescatore sportivo che si rispetti
14 | laFIERA
segue delle regole ferree che gli impediscono di svolgere quest’attività in zone
protette e di pescare specie a rischio di
estinzione o sottomisura. A questo fine
dettami più rigidi sono stati pensati per
la pesca subacquea: è proibito cacciare
specie che non siano adatte al nutrimento o che non abbiano valore venatorio.
Se vi rispecchiate nel profilo fin qui descritto non potete perdere la Fiera World
Fishing, branca di Big Blu Salone della
Nautica e del Mare, che si tiene presso
il polo fieristico della Capitale dal 23 al 26
febbraio. L’evento è ricco di novità per tutti i praticanti della pesca sportiva: attrezzature, abbigliamento apposito e molto
altro acquistabile direttamente in fiera.
Per l’occasione l’evento promuove una
serie di iniziative volte a coinvolgere gli
esordienti del mestiere e ad appassionare ulteriormente i veterani. Educational, proiezioni e corsi tenuti da esperti
del settore sono il fiore all’occhiello della
Fiera, non solo un’occasione per esporre i prodotti di ultima generazione ma
anche un momento di apprendimento e
divertimento all’insegna di una disciplina
che vede un seguito di pubblico sempre
maggiore.
dal 23 al 26 febbraio
presso Fiera Roma
laFIERA
| 15
parola a...
giuseppe roscioli
Intervista al Presidente di Confcommercio Roma
e di Federalberghi Roma - APRA
di Barbara Mattei
Presidente Roscioli, dallo scorso mese di ottobre è ufficialmente a capo della Confcommercio di Roma. Quali
obiettivi si prefigge di raggiungere con il suo recente incarico?
Le cinque azioni fondamentali su cui ho impostato la mia presidenza si basano innanzitutto su una riorganizzazione e razionalizzazione interna dell’associazione; su un potenziamento
dell’azione di sindacato, necessaria per rafforzare il rapporto
con la nostra base associativa; e infine, ma non in ordine di
importanza, sulla cura e il mantenimento di rapporti costanti
con i vertici confederali e con tutte le istituzioni locali, politiche
ed economiche.
In particolare ritengo fondamentale ristabilire un rapporto di
fiducia e trasparenza con il tessuto imprenditoriale di riferimento della nostra Organizzazione e questo tanto più in un
momento di crisi dei valori dell’imprenditoria e dell’associazionismo.
In una fase difficile come quella che sta attraversando l’intera economia territoriale, la collaborazione e l’unione di intenti
sono senza dubbio un valore da non trascurare e noi come associazione di categoria abbiamo il compito imprescindibile di
affiancare le imprese, aiutandole ad uscire da questa impasse
che perdura ormai da troppo tempo.
Mai come oggi c’è necessità di lavorare insieme perché la
crisi ci ha insegnato che la crescita non è data dalla semplice
somma delle parti ma dalla loro reciprocità.
Quali sono le potenzialità del mercato turistico in una città come Roma?
A Roma il turismo continua a dare segnali positivi nonostante
la crisi, con un aumento delle presenze a dicembre di quasi
6 punti percentuali rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, secondo l’osservatorio Ebtl. Concorre dunque in
buona parte alla ricchezza della città ed è un vero e proprio
volano dell’economia locale, tanto che è stato definito anche
“l’oro nero” della nostra regione. Per questo va sostenuto ed
alimentato con provvedimenti e programmi di finanziamento destinati alle imprese del comparto. A questo proposito è
essenziale il potenziamento degli strumenti messi a disposi-
16 | laFIERA
zione degli imprenditori turistici per migliorare la competitività
delle proprie strutture, con incentivi alla riqualificazione, all’innovazione tecnologica, all’ammodernamento, al fine di elevarne gli standard qualitativi, la sicurezza, la sostenibilità ambientale. è importante, dunque, individuare stanziamenti certi, da
riproporre periodicamente in modo da rendere strutturale e
non episodico il ricorso agli incentivi e dare un giusto impulso
alla programmazione, oltre che creare adeguati strumenti di
agevolazione fiscale per rilanciare gli investimenti.
Dove occorre intervenire per rinforzare il settore e rendere
più competitiva la città anche in vista della candidatura
olimpica del 2020?
Oggi più che la mera funzione di fare e produrre ricchezza,
all’imprenditore spetta quella di contribuire con la propria attività e il proprio lavoro alla crescita delle città e in particolare di
una città come Roma che, proprio in questi giorni, è impegnata sul fronte delle grandi sfide, dei grandi traguardi.
Giuseppe Roscioli
50 anni, è figlio di
albergatori.
Suo nonno Giuseppe, nel
1923, inaugurò l’Hotel
Universo in via Principe
Amedeo. Da allora la
famiglia Roscioli ha aperto
altri 4 alberghi.
è presidente di
Federalberghi Roma
e, dal 3 ottobre 2011, è
presidente di
Confcommercio Roma
zione del litorale. Sul discorso mobilità,
guardiamo con fiducia al completamento
della nuova rete metropolitana e a tutti
gli investimenti in opere pubbliche necessari a una grande capitale. Abbiamo
progetti di sviluppo che investono l’intero territorio regionale per i quali occorre
salvaguardare e potenziare quel livello di
qualità che ci ha contraddistinto per lungo tempo e che oggi dobbiamo sforzarci
di mantenere.
Dobbiamo renderci tutti quanti partecipi,
cittadini e imprenditori, politici e amministratori, di questo percorso, di questa
nuova veste che la Capitale si accinge ad
assumere da qui al 2020, una data simbolo non solo per le Olimpiadi.
Oggi, dopo aver navigato a vista negli
ultimi due anni, credo che tutto ruoti
attorno alla capacità di saper prevedere
gli scenari futuri, darsi una prospettiva
di medio/lungo periodo, avere chiaro il
ruolo del turismo e dei servizi nello scenario dei prossimi 5-10 anni per cogliere
le migliori opportunità e farne occasione
di modernizzazione, per dotare il nostro
territorio delle reti e dei servizi indispensabili per competere a livello europeo.
Cosa pensa del progetto ACE & MED?
Per quanto riguarda Roma 2020, se vogliamo concorrere tutti alla
realizzazione del sogno olimpico dobbiamo porci grandi obiettivi, ragionando sulle logiche della crescita e dello sviluppo. Prima di tutto
bisogna insistere sulle infrastrutture: bene dunque i progetti in corso
sull’ampliamento dell’aeroporto Leonardo da Vinci, la realizzazione del
II Polo turistico, del nuovo Centro Congressi all’Eur (non dimentichiamo che negli ultimi anni il turismo congressuale si è rivelato un bacino di primaria importanza per l’intero settore ricettivo) e la riqualifica-
La Federalberghi Roma, di cui sono presidente, è tra gli Enti organizzatori di
questa importante manifestazione, insieme alla Fiera di Roma e all’Enit. Un
workshop interamente dedicato al turismo d’arte italiano, nei suoi rapporti con
i Paesi dell’area Med. Un momento di
incontro tra i diversi protagonisti inter-
laFIERA
| 17
parola a...
giuseppe roscioli
La Nuova Fiera
di Roma
si conferma
uno dei principali
attrattori
dei flussi turistici
e un catalizzatore
economico che
ci viene invidiato
da molti
competitors
anche esteri
nazionali del mercato turistico che, a 15
anni dalla sua prima edizione, continua a
dimostrarsi un’utile ed efficace piattaforma di dialogo e confronto, in cui gli operatori italiani ed europei accomunati da
pratiche tradizioni e culture simili possono scambiare informazioni e modalità di
lavoro con i colleghi provenienti da tutto
il mondo. Il tutto all’insegna di un comun
denominatore: la ricchezza culturale e
artistica del nostro Paese che è e resta
il nostro patrimonio più importante. Anche se, ben inteso, sono scettico su una
visione di Roma unicamente come città
i preferiti
di GIUSEPPE ROSCIOLI
Il Film Caccia a ottobre rosso
Il Libro I pilastri della terra
L’attore Sean Connery
L’attrice Peneope Cruz
La cantante Giorgia
Lo scrittore Ken Follett
Il viaggio Polinesia
La città Roma
Il colore Verde
L’auto Bentley coupè
Lo sport Calcio
La squadra Roma
Il piatto Scampi
Se non fosse giuseppe roscioli
sarebbe… il fotografo Giuseppe Roscioli
18 | laFIERA
dei musei dell’antichità e delle rovine archeologiche, a cui prediligo
invece una metropoli moderna e post moderna nella sua rinnovata
concezione, nella sua architettura e dunque nell’offerta turistica.
In questo contesto che importanza riveste a suo avviso la Nuova Fiera di Roma e le attività che in essa si svolgono, per la
crescita dell’economia del territorio?
Come le principali fiere e spazi espositivi presenti anche in altre città
italiane, la Nuova Fiera di Roma, con le centinaia di eventi che ospita ogni anno a cui partecipano cittadini e turisti provenienti da tutta
Italia, si conferma uno dei principali attrattori dei flussi turistici e un
catalizzatore economico che, proprio per queste sue caratteristiche,
ci viene invidiato da molti competitors anche esteri.
La sua attività, che abbraccia settori e pubblici eterogenei, è dunque
molto importante ed il terzo settore guarda con grande attenzione e
soddisfazione ai processi di sviluppo di questo Ente che negli anni
ha dimostrato di sapersi rinnovare, potenziando il proprio bacino di
competenza.
la fiera in corso
ace & med
workshop 2012
Il turismo
d’arte italiano
e del Mediterraneo
va in vetrina
di Elsa Piccione
“L
e città presentate ad arte”: ecco il claim
dell’edizione 2012 di ACE & Med Workshop dal 2 al 3 febbraio al Palazzo dei
Congressi di Roma. Al centro dell’evento, giunto alla sua XVI edizione, l’offerta turistica culturale italiana con le sue città d’arte e il Mediterraneo.
L’Ace (Art Cities Exchange) & Med è organizzato da
Fiera Roma, Enit, Federalberghi Roma in partnership
con Roma Capitale, Eur Congressi e il vettore ufficiale
Alitalia. Il Presidente di Federalberghi Roma, Giuseppe
Roscioli, esprime grande soddisfazione per il successo
della manifestazione: “L’originario Art Cities Exchange,
oggi Ace & Med Workshop, ha superato felicemente
i tre lustri di vita rinnovandosi nel tempo secondo le
esigenze del turismo moderno. Come Federalberghi
Roma siamo orgogliosi della longevità di una creatura
che sentiamo fortemente nostra e che vogliamo sempre più utile a valorizzare al massimo e in maniera fattiva il grande patrimonio turistico del nostro paese e
della nostra cultura”. Anche il Direttore Generale dell’ENIT, Paolo
Rubini, si dice soddisfatto per l’importanza che ha il mercato culturale in Italia: un territorio che, come pochi, si presta a garantire
a ogni singolo turista un bagaglio di esperienze emozionanti. “In
tempo di globalizzazione – sottolinea Paolo Rubini – nell’ambito
di uno scenario internazionale in cui si prevede un aumento della
domanda mondiale di turismo per la fruizione del tempo libero,
la valorizzazione dell’offerta delle eccellenze italiane rappresenta
un’operazione di sicuro successo per riconfermare la competitività
dell’appeal italiano”. E il successo strategico dell’Italia, se si parla di
turismo, lo conferma anche Mauro Mannocchi Presidente di Fiera
Roma.
La formula business-to-business di ACE & Med Workshop, consolidata e di successo, ha permesso negli anni di rendere l’evento
un punto di riferimento mondiale per la promozione turistica. Al
workshop si incontrano buyer italiani, esteri e operatori del settore:
tour operator, catene alberghiere, compagnie aeree e di crociera,
fornitori di servizi. Personalità provenienti da oltre 40 paesi, tra cui
anche Russia, Cina e Brasile. Nel cuore del Palazzo dei Congressi,
in questi giorni, si intessono nuove intese e si sviluppano tante
iniziative culturali. L’oggetto? Un settore d’eccellenza nostrano. Le
città d’arte italiane e il Mare Nostrum sono, innegabile, un ottimo
bigliettino da visita!
dal 2 al 3 febbraio
presso il Palazzo
dei Congressi,
Roma
laFIERA
| 19
la fiera in corso
hobby show
C’
erano una volta il merletto e il ricamo. Il
mondo dell’hobby al femminile affonda
le sue radici nella storia e arriva ai giorni
nostri carico di prodotti antichi e tecniche nuovissime.
Dal 10 al 12 febbraio la Nuova Fiera di Roma ospita
la manifestazione Hobby Show Roma Primavera, una
tre giorni affidata all’organizzazione della società Italia Crea Srl, che riempie i nuovi padiglioni con stand
coloratissimi e seminari, mostre, corsi e workshop.
“Quello che abbiamo organizzato alla Nuova Fiera
di Roma è un grande evento per tutta la famiglia: da
una parte Hobby Show e Weekend Donna dedicata
al pubblico femminile; nel padiglione di fronte, Ludica Roma – il Festival italiano del gioco e videogioco,
ndr – per la gioia di adulti e bambini. Il tutto a un unico prezzo d’ingresso”, racconta il presidente di Italia
Crea, Marco Pinetti.
Negli ultimi anni abbiamo assistito a una rinascita di
quei saperi antichi manuali una volta affidati alle mani
esperte di nonne e mamme.
di Valeria Jannetti
La più grande vetrina italiana per tutti
i professionisti e gli operatori che
svolgono la propria attività
nel settore della creatività manuale
i numeri di hobby show
4 appuntamenti
2 città (Roma
e Milano)
Come la maglia, che adesso si
chiama Knitting: sempre più circoli di appassionate vedono la luce in lungo e in largo
della penisola, forti di quel trend riscoperto
anche dalle star di Hollywood che utilizzano
le pause tra un ciak e l’altro per realizzare
sciarpe, cappellini e borse.
E nuove tecniche di lavoro vedono la luce.
Se qualche anno fa la lavorazione degli
accessori veniva arricchita dallo stencil e
dal decoupage, oggi troviamo sul merca-
20 | laFIERA
90.000 visitatori previsti
12 mesi di attività
promozionale
to una nuova tecnica, il Sospeso
Trasparente, brevettato da Monica Allegro che, grazie alla sua
manualità, ha aperto un’azienda
specializzata nel settore dell’hobbistica. La tecnica del Sospeso
Trasparente permette di creare
immagini tridimensionali, modellando la carta con materiale termoformabile. Questo metodo è utilizzato per abbellire oggetti e creare
dal nulla dei bellissimi bijoux.
Sul canale tv Real Time poi è già da
qualche anno che le appassionate
del genere possono seguire le proposte di Barbara Gulienetti nel programma dedicato al mondo dell’hob-
Il Bijoux “fatto a mano”
Se fino a qualche
anno fa il gioiello era
obbligatoriamente d’oro e “importante”, oggi il
mondo del bijoux si è arricchito con materiali poveri e
alla portata di tutti, senza perdere
quell’allure che rende chi lo indossa particolare e unica. I gioielli realizzati a mano hanno visto negli
ultimi anni una grande esplosione: dalle semplici collane di
perline a girocolli con pietre naturali, perle in carta, ciondoli in
pasta Fimo o la tecnica del Sospeso Trasparente. L’ideatrice
di quest’ultima tecnica ha brevettato anche il filo di zucchero:
un’anima di metallo cosparsa di microperline di vetro rende
possibile la realizzazione di bijoux spettacolari e facili da realiz-
zare, di sicuro effetto. Ma anche con la lana è possibile creare
girocolli fantasiosi e coloratissimi, grazie all’unione di fili di lana
con palline in lana cotta, in una via di mezzo tra una sciarpa di
vecchia concezione e un gioiello tutto nuovo da sfoggiare nelle
fredde giornate invernali.
Fiocchi, fiori e ciondoli vedono poi un grande interesse da parte
del pubblico. Se le nuove tecniche si affiancano a vecchi materiali, con il riciclo è possibile dare nuova vita e forma a calze
a rete, bottoni e cerniere, come insegna una delle esperte del
settore, la giovane Noemi Intino. Noemi presenta una vasta
offerta di oggetti che non mancano certo di originalità, come le
pochette realizzate a partire da un vecchio reggiseno con coppe preformate, difficilmente riconoscibile dopo esser passato
sotto le sue abili mani e degno complemento del vostro outfit
da sera.
by: Paint Your Life. Il format propone una
vasta carrellata di tecniche e materiali
per personalizzare oggetti e pareti e che
ospita esperti e amanti dell’hobby e del
riciclo, settore che corre in parallelo a
quello dell’hobbistica e che aiuta gli addetti ai lavori a trovare e impiegare materiali sempre diversi.
All’interno della fiera è possibile sperimentare e conoscere tutte le tecniche
nuove e antiche che costituiscono l’offerta di un Salone delle Belle Arti e della Creatività Manuale come è l’Hobby
Show.
“Hobby Show si conferma una manifestazione anticiclica che, nonostante il
perdurare della crisi economica, ci parla
di un settore, quello dell’hobbistica femminile, più che mai vivo e capace di riproporsi con idee sempre nuove” dichiara il
presidente di Italia Crea, Marco Pinetti.
C’era una volta il merletto. E c’è ancora,
però oggi lo ritroviamo intessuto con fili
di carta o di plastica. E le Murrine (le famosissime perle di vetro di Murano) non
nascono più solo in laguna, ma vedono la
luce in tantissime cucine dove si preparano con la pasta Fimo da mettere in forno. La mancanza di materiali “classici” e
la difficoltà di lavorarli sono solo un punto
d’inizio per il processo creativo di un vero
hobbista di Belle Arti: una semplice cornice può essere ridisegnata in così tanti modi differenti, con tecniche diverse,
che sarebbe troppo lungo l’elenco. Basta
andare in Fiera e dare un’occhiata: troverete sicuramente il modo migliore per
trasformarla.
dal 10 al
12 febbraio presso
Fiera Roma
laFIERA
| 21
la fiera in corso
weekend donna
La Fiera di Roma si tinge di rosa
di Valentina Clemente
U
na tre giorni dedicata alla bellezza e al benessere a due passi da casa: questa l’idea di Week end Donna, mostra in rosa
che apre le sue porte per la prima volta alla Fiera di Roma.
Dopo i successi milanesi del 2011 infatti, la kermesse ha raggiunto anche la Capitale per un weekend, quello dal 10 al 12 febbraio,
all’insegna di tutto ciò che concerne e ruota intorno al mondo delle donne.
La Fiera sarà divisa in sette aree merceologiche, in modo da soddisfare al meglio le visitatrici dei padiglioni espositivi. In primo piano
naturalmente l’angolo Wellness & Spa, dove sarà possibile entrare in contatto con Beauty center, solarium, bagni turchi, centri
termali, prodotti per massaggi, Hotel-Spa, estetisti, tecniche
di massaggio, derivanti sia dalla tradizione orientale sia
da quella occidentale, e terapie estetiche, corsi di
yoga, bioginnastica e pilates.
Per chi invece predilige la cura del corpo tramite l’allenamento, potrà trovare informazione utili
nell’area Fitness dove graviteranno centri e palestre, abbigliamento tecnico, attrezzatura per home
fitness, corsi e metodi per fitness, software per allenamento.
A metà strada l’angolo dedicato alla medicina estetica e
naturale, dove sarà possibile incontrare esperti del settore che lavorano all’interno di centri di medicina estetica
e che potranno consigliare su terapie naturali, trattamenti
di dimagrimento, rimodellamento, antiage, anti
cellulite, epilazione con laser.
Infine chi vuole essere sempre all’ultima moda
potrà trovare informazioni utili nelle aree Hair
& Beauty, Make-up & Cosmetica, Profumeria e Nail Art, in modo da essere perfette sotto ogni punto di vista.
22 | laFIERA
Settori Merceologici
Capelli; Bellezza; Salute;
Benessere; Cucina e arte
della tavola; Gioielli e bijoux;
SPA e fitness; Massaggi;
Make up; Mani e piedi; Vintage;
Profumeria; Moda; Medicina
estetica; Sfilate; Spettacoli;
Ballo; Turismo; Editoria e Media
dal 10 al 12 febbraio
presso Fiera Roma
ludica
Il festival italiano del gioco
e del videogioco
dal 10 al 12 febbraio
presso Fiera Roma
di Simone Tempesta
V
i è mai capitato di combattere guerre mondiali e battaglie napoleoniche? Siete mai riusciti ad unirvi a spietati
pirati in rocambolesche avventure? Avete mai guidato
un biga con il boato del pubblico del Circo Massimo?
E, ancora: avete mai fronteggiato un esercito di Goblin? Se la
risposta a tutte queste domande fosse negativa, abbiamo la
soluzione che fa per voi. Dal 10 al 12 febbraio, infatti, la Fiera di Roma ospita Ludica, il festival italiano del gioco e del
videogioco alla sua prima edizione capitolina. Italia Crea e
Fiera Roma hanno organizzato un weekend all’insegna del
divertimento e della fantasia, dove appassionati e curiosi
hanno l’opportunità dilettarsi con giochi da tavolo, tornei
e video game. Vera mattatrice delle tre giornate romane
è La Tana dei Goblin, una fondazione ludica senza scopi
di lucro che ha il fine di diffondere l’arte del gioco da
tavolo, organizzando serate, incontri e raduni sul territorio nazionale. Grazie a La Tana dei Goblin, i visitatori possono
sfidarsi in vari tornei a colpi di dadi e carte magiche, dove primeggiano le tattiche
e le strategie migliori. Nel campo dei giochi da tavolo non manca l’associazione ludica Il
Gufo, che allieta gli appassionati con giochi che non passano mai di moda come Risiko!. Se
siete persone creative e curiose potete incontrare il team di Aerea Autoproduzione: autori,
illustratori e produttori vi spiegano come realizzare un gioco da tavolo, dall’idea al prodotto
finito. Un’occasione per giocare insieme e scoprire nuovi segreti tattici. Per
gli amanti del divertimento bellico è stata allestita l’area Wargame, dove l’associazione Miles
Gloriosus, importante esponente del Wargame
tridimensionale, vi riporta indietro nel tempo proponendovi scenari antichi ed affascinanti. Nella
medesima area trovate anche l’associazione
Le Granedier di Roma, che farà rivivere le battaglie napoleoniche in 3D
con miniature da 28 millimetri. Ludica Roma 2012 si
presenta in grande stile; una manifestazione nata
per promuovere la diffusione del
gioco intelligente che premia lo
svago e l’immaginazione. Una cosa
è certa: sarà impossibile annoiarsi!
laFIERA
| 23
la fiera in corso
outdoors
experience
Divertimento
all’insegna
dell’avventura
di Irene Tempestini
P
ronti, partenza, via. Il viaggio che avete
programmato finalmente si concretizza. Attrezzatura sportiva, camper equipaggiato e tanta voglia di avventura.
Con quest’entusiasmo vi accingete a scoprire
l’Umbria, il cuore verde dell’Italia. Lasciato il
Colosseo alle spalle vi immettete sulla A1 e
proseguite dritti fino alla vostra uscita: Orte.
Da lì in poi è tutto un susseguirsi di mete:
Amelia, San Gemini, Todi, Orvieto, Marsciano,
Città della Pieve, Castiglione del Lago, Città
di Castello, Gubbio, Perugia, Assisi, Foligno,
Montefalco, Spoleto, Terni, Lago di Piediluco,
24 | laFIERA
Cascata delle Marmore. I luoghi attraversati
lungo il percorso hanno delle caratteristiche tipiche dei paesaggi medievali: stradine strette
e tortuose, vicoli angusti e salite interminabili
che vi impediscono di continuare l’escursione
comodamente seduti sul vostro mezzo. Ma
niente paura, abbandonate le quattro ruote
siete muniti di tutto il necessario per proseguire l’escursione a piedi, avventurandovi tra
le anguste vie delle città antiche e sperimentando nuovi sentieri all’interno dei boschi.
Se un viaggio all’insegna dell’avventura e della
scoperta è quello che fa per voi non potete
I visitatori hanno l’opportunità
di testare personalmente
le attrezzature, simulando
lo sport che prediligono
all’interno di un’area
appositamente attrezzata
perdere l’appuntamento con Outdoors Experience,
fino al 26 febbraio ospite della Fiera di Roma, in cui
potrete trovare tutto l’occorrente per le vostre escursioni. La manifestazione, ormai giunta alla sua seconda
edizione, rende omaggio alle attività di plein air inerenti
al turismo all’aria aperta e propone, inoltre, le ultime
novità in fatto di camper.
Dopo il successo dell’edizione 2011 decretato da
143.000 visitatori, anche per il 2012 la manifestazione
conta di ripetere il successo introducendo nuovi settori
merceologici: caravan, camper e motorhome; accessori ed equipaggiamento; tende e articoli da campeggio;
abbigliamento tecnico; campeggi e strutture ricettive
specializzate; enti e associazioni locali e di settore; tour
operator specializzati; mountain bike; scuole e circoli;
prodotti tipici, borghi e città d’arte.
dal 23 al
26 febbraio
presso
Fiera Roma
Se scalare una montagna, arrampicarsi su una parete rocciosa
ed esplorare luoghi sconosciuti o poco battuti è il vostro forte
Outdoors Experience è un evento da non perdere: attrezzature da
trekking, climbing, nordic walking, canoying e molto altro. Gli appassionati dello sport e dell’avventura hanno a disposizione una
vasta gamma di prodotti pensati appositamente per il tempo
libero: tre macro aree
sono dedicate ai camper, alle attrezzature da
campeggio e alle attività da praticare all’aria
aperta.
Equipaggiati
di tutto l’occorrente
gli esploratori potranno partire alla volta di
città, montagne e sentieri in tutta sicurezza,
scoprendo luoghi verdeggianti e incontaminati, fuori portata dal
caos urbano. Un’occasione per allontanarsi
dalla frenetica routine
a cui ci costringono la
città e i ferrati ritmi lavorativi per ricaricarsi,
inoltrandosi all’interno di un sentiero o raggiungendo mete fuori
portata a bordo del proprio camper, equipaggiato di tutto il necessario per affrontare anche l’avventura più ardua.
E se avete dubbi su quale parte della nostra penisola esplorare,
all’interno della Fiera enti, parchi, consorzi turistici e distretti produttivi che valorizzano le eccellenze del proprio territorio sono a
vostra completa disposizione per illustravi i percorsi e le bellezze
di cui ogni area è ricca.
Quella proposta da Outdoors non è solo un’esposizione meramente commerciale: tende infatti a valorizzare e promuovere attività
ecosostenibili e a rilanciare la cultura e le tradizioni che contraddistinguono l’Italia mettendo a disposizione del consumatore un’offerta completa e articolata in tutti i suoi punti.
Outdoors Experience è un evento da visitare e soprattutto da provare: in quest’edizione i visitatori hanno l’opportunità di testare
personalmente le attrezzature, simulando lo sport che prediligono
all’interno di un’area appositamente attrezzata. La Fiera dispone
infatti di una parete per arrampicata, di un ponte tibetano e di un
bike park: un evento all’insegna dell’avventura.
laFIERA
| 25
stop & go
Barcellona
L’arte, la notte, il porto, pan con tomate
di Marco Valente
B
arcellona è una città singolare
e lo è tanto quanto possono
esserlo, in modi simili ma
diversi, Genova, Marsiglia,
Napoli o Tangeri. Per capirne il motivo bisogna arrivare al mare; più
precisamente nella zona del porto: è
qui che città così rivelano il loro vero
volto, sfaccettato, multiforme, eternamente cangiante. Si dice di loro che,
per quanto abbiano avuto sempre
padroni diversi, nessuno sia mai riuscito a possederle veramente. Napoli
è stata greca, romana, angioina e
aragonese, ma se chiedete a un napoletano vi risponderà che Napoli è
sempre stata di se stessa: una donna
che solo apparentemente vi illudete di
26 | laFIERA
aver conquistato. Napoli è solo dei napoletani, così come Marsiglia o Genova
appartiene ai marsigliesi o ai genovesi.
La cosa è tanto vera che se si esamina il
linguaggio, cioè quello straordinario contenitore stratificato di vicende umane
che custodisce la memoria di un popolo, ci si accorge che ognuna di queste
città ha una lingua tutta sua, frutto dei
mille amanti diversi che ha avuto e che,
in qualche caso, le hanno anche usato
violenza. In quelle lingue non c’è solo il
loro passato, c’è anche il loro futuro. E
visto che l’espressione è in connessione
diretta con la ricchezza e la varietà del
lessico a cui si attinge, non fa meraviglia
che queste sono anche città dove l’arte
si respira in ogni angolo. È quasi una
necessità. Barcellona, dunque. A Barceloneta non si trovano solo le animatissime spiagge del litorale cittadino, c’è
soprattutto il porto. Certo, molto del suo
fascino torbido è stato distrutto dalle
ruspe delle Olimpiadi del 1992, ma se si
ha l’accortezza di prendere come guida
uno dei tanti romanzi di Vázquez Montalbán, si può usare l’immaginazione. Il
distretto, tanto per orientarsi, è quello
di Montjuic, ma è impossibile sbagliarsi
perchè è qui, ai piedi del monumento a
Colombo (guarda, guarda: un genovese),
che muore la Rambla, o forse nasce:
dipende dai punti di vista. Gaudì e la sua
Sagrada Familia merita di essere vista:
è il primo approccio con l’incompletezza
creativa che fa dello straordinario una ragione di vita. Appena oltre il porto, sulla
destra, c’è il Barrio Gotico, la zona antica
dell’insediamento romano. Qui è necessario perdersi, non c’è altro modo. Bisogna farsi guidare dall’istinto, fantasticare sulle minuzie e diventare mercuriali
fra librerie, antiquari, locali e ristorantini.
Poco più in alto c’è la Cattedrale: va
vista, certo, ma siamo a Barcellona per
altro. Non è blasfemo passeggiare nel
quartiere di Picasso, dalle parti di Calle
Escudellers Blancs, con le dita unte di
pan con tomate – lui in fondo dipingeva
in mutande e canottiera – ma prima è
indispensabile passare alla Boqueria, il
Se si salta la Boqueria
non si capirà nulla di Mirò
mercato delle Ramblas. È un’orgia di
colori, di suoni e di odori: se si salta
la Boqueria non si capirà nulla di Mirò.
Prima di arrivare a Placa de Catalunya,
sulla sinistra, sempre salendo, c’è il
Barrio Chino, una volta il quartiere più
malfamato di Barcellona. Le ruspe del
’92 sono arrivate anche qui, ma il brivido
delle avventure noir dell’investigatore
Pepe Carvalho potete ancora provarlo
sulla pelle. Il solo modo per rendere
omaggio a una città come Barcellona è
chiudere con una bugia: “Me gustaría
aprender a vivir desnudo de mis memorias, de todas mis memorias, desde
las más antiguas a las más inmediatas.”
Manuel Vázquez Montalbán, Il labirinto
greco.
Cosmobelleza
È l’appuntamento fieristico
più innovativo del Sud d’Europa dedicato all’estetica,
alla cosmetica e al fitness.
Non solo prodotti, quindi, ma
anche un’importante sezione
rivolta al benessere, alle SPA
e ai trattamenti di bellezza
con espositori da tutto il
mondo, convegni, dimostrazioni e la presentazione delle
nuove tendenze.
Fira Barcelona, Montjuic,
Barcellona
dall’11 al 13 febbraio 2012
laFIERA
| 27
la fiera in corso
motodays
Dopo lo strepitoso successo della
3° edizione, il Salone Moto e Scooter
della capitale rinnova l’appuntamento con
tutti gli appassionati delle due ruote in Fiera Roma
D
ue ruote, tra spettacolo, ecologia e sicurezza. Arriva alla
Fiera di Roma la quarta edizione di Motodays, rassegna dedicata ai centauri su strada e per sport.
Anche quest’anno riconfermate le più
interessanti case produttrici di due ruote, come, tra le altre Honda, Kawasaki,
Suzuki, KTM, Gruppo Piaggio, Yamaha, Ducati, Triumph, BMW, Harley-Davidson e Sym.
La mostra, tuttavia, non è semplicemente un’esposizione degli ultimi modelli delle varie case produttrici, è un
luogo di ritrovo per appassionati dove,
28 | laFIERA
tra uno stand e l’altro, si possono incontrare coloro che hanno fatto la storia dello sport a due ruote.
Nella passata edizione sono state registrate circa 108mila presenze, 15mila
in più rispetto al 2010, e nei 48mila mq
espositivi sono state coinvolte 380
aziende. Ma se il cuore della fiera è
lo scambio tra appassionati, il fulcro
dell’attività e del divertimento si trova
nei 25mila mq dell’area esterna dove
gli appassionati hanno potuto testare, oramai come da tradizione, alcuni
dei modelli esposti.
Anche quest’anno sono stati con-
di Valentina Clemente
fermati cinque padiglioni espositivi, ma la
disposizione è stata variata per aumentarne la superficie e fare spazio a una nuova
area dedicata all’anima verde della manifestazione.
Il tema dell’eco-sostenibilità sta diventando
sempre di maggiore importanza anche tra
auto e moto, soprattutto negli ultimi tempi in
cui i livelli di Co2 fermano sempre più spesso
le auto nelle grandi metropoli. Rispondendo
a queste esigenze, da quest’anno è stato organizzato il Villaggio dell’Alternativa, la nuova
area dedicata ai mezzi che non utilizzano la benzina per mettersi in movimento.
Moto, scooter, treruote e anche qualche quattroruote fanno
il loro esordio nel Salone di una città da sempre sensibile a
questa tematica, già Capitale europea per numero di due ruote circolanti e che in futuro punta a diventare la Capitale dei
mezzi alternativi.
L’area verde è caratterizzata dagli stand dei produttori di mezzi, di parti di ricambio e accessori legati
a questo mondo, oltre
alla presenza di un vero e
proprio percorso interno
al padiglione, attraverso il quale i più curiosi
avranno l’occasione di
provare le due ruote a batteria dopo aver indossato giacca e casco d’ordinanza e di ricevere informazioni sul corretto
utilizzo, sul funzionamento e sulle ultime novità del mercato.
Le prove più interessanti sono naturalmente quelle da svolgere su strada e, dando un’occhiata all’area esterna, quest’anno
la manifestazione mette a disposizione tre livelli di test differenti: una per principianti con transenne e birilli; una pista di
i numeri di motodays
48.000 mq di esposizione
5 padiglioni espositivi
380 aziende
108.000 presenze
25.000 mq area esterna
900 metri ricca di curve e rettilinei; terzo step invece è quello
degli open door, giri più completi da circa 40 minuti ognuno
durante i quali i visitatori escono dal quartiere fieristico per affrontare un percorso misto urbano-extraurbano, utile per testare le potenzialità degli scooter e delle moto a disposizione.
La Federazione Motociclistica Italiana è di nuovo partner di
Motodays e propone ai più giovani le scuole di avviamento
delle minimoto, dei quad, delle enduro e delle minicross con
la supervisione dei tecnici federali pronti a dare consigli utili
a chi volesse avvicinarsi a queste appassionanti specialità.
Tornando all’interno dei padiglioni, largo spazio è dato ai Days
on the road, zona dedicata al turismo su due ruote che ha
riscontrato un profondo interesse da parte del pubblico nelle
precedenti edizioni. Realizzata in collaborazione con la rivista
Mototurismo, diventa punto di incontro per chi vuole conoscere i grandi viaggiatori, ricevere informazioni sulle destinazioni più battute e toccare con mano le ultime novità in
materia di accessori e abbigliamento dedicato. Previsti anche
quest’anno i collegamenti con i viaggiatori impegnati in tutto
il mondo e le presentazioni delle ultime uscite editoriali.
In un padiglione interamente dedicato, protagonista assoluta è Kromature, l’area riservata ai chopper, alle custom e al
mondo bikers in ogni sua sfaccettatura. Grazie alla collaborazione con il mensile Low Ride è possibile ammirare le più belle personalizzazioni realizzate dai migliori customizer di tutta
Italia ed Europa, che partecipano all’ormai classico Bike Show.
Sempre nello stesso padiglione, ampio spazio sarà dedicato
laFIERA
| 29
motodays
alle cafè racer, moto classiche rivisitate dall’estro dei
preparatori più originali che tanto successo stanno
avendo in questi ultimi anni sul mercato internazionale.
Tra le più fotografate dell’edizione 2011 sono state le
moto d’epoca, che per la quarta edizione faranno ancora il loro ingresso in Fiera di Roma attraverso Motodays
Vintage, area tematica a dedicata alle due ruote del
passato. Oltre ai modelli italiani anni ‘70, faranno bella
mostra le gloriose Case britanniche Triumph, Norton,
BSA, Vincent.Tra queste anche alcuni modelli che hanno fatto la storia dello Sport degli anni ‘50 come le Ariel
Square Four e 500 Twin.
E poi i campioni delle due ruote: sin dalla prima edizione infatti, Motodays si è contraddistinta per i personaggi che ne hanno fatto da testimonial e hanno incontrato
il proprio pubblico nelle varie occasioni organizzate nelle giornate della fiera.
Anche quest’anno non mancano i campioni della Superbike, della MotoGP e del Campionato Italiano Velocità (come Melandri, Bayliss, Fabrizio, Toseland e
Badovini in passato), i quali saliranno sul palco per le
rispondere alle domande, firmare autografi e scattare
foto ricordo con i loro tifosi.
acrobazie su due ruote
L’edizione del 2012 si fregia della presenza degli spettacoli di stunt e freestyle, ma per renderli ancora più accessibili al vasto pubblico quest’anno
le aree dedicate sono state posizionate più vicine ai padiglioni, in modo
facilitare la fruizione dello spettacolo ai suoi appassionati. Stopping, burnout, derapate, monoruota e salti da cardiopalmo regalano al pubblico
emozioni ancora più forti grazie alla presenza dei campioni delle varie
specialità.
E parlando di accessibilità, Motodays anche
quest’anno strizza l’occhio ai motociclisti
che decideranno di raggiungere la Fiera in
sella alle loro due ruote: più ampio è infatti
il parcheggio a loro riservato, posizionato a
pochi metri dall’ingresso e completo di tutti
i servizi utili ai centauri. Un modo, questo,
per sentirsi sempre più parte integrante del
Salone Moto e Scooter del Centro-Sud Italia.
30 | laFIERA
laFIERA
| 31
la fiera in corso
[email protected] expo
tutte le bici
portano a roma!
di Irene Tempestini
N
on tutti sanno che il primo prototipo di bicicletta fu ideato
proprio da Leonardo da Vinci nel 1490. Dai suoi bozzetti
emerge chiaramente la sagoma delle due ruote,
del manubrio e del telaio, fatta eccezione
per i pedali. A concretizzare quello che per Leonardo
fu solo un miraggio ci pensò il francese Ozanam che,
nel 1691, progettò lo scheletro di un mezzo molto
innovativo. Dotata di due ruote di diverse proporzioni, quella frontale più grande e quella posteriore più
piccola, di un telaio approssimativo, di un manubrio e
di un sellino posto in alto, Ozanam getta le basi per la
realizzazione della moderna bicicletta. Prima di giungere
al modello di cicloveicolo a cui oggi siamo abituati, vedono rispettivamente la luce il velocipiede, mezzo gestito dalla sola spinta dei piedi, e la Draisina. Quest’ultima,
pensata dal Barone Karl Frieick Drais, nasce nell’800 ed è
l’antenata della più innovativa bi-ciclos (doppio cerchio), la
famosa Birch che si caratterizza per il telaio in acciaio. L’evoluzione
finale si ha nel 1855 grazie a Michaux, impiegato presso una fabbrica produttrice di carrozze, che dota il cicloveicolo di due pedali, ai
meccanici Guilmet e Mayer che la muniscono di una trasmissione
a catena e, soprattutto, a Dunlop, veterinario, che abbandona la sua
32 | laFIERA
Il piacere di pedalare
dall’8 all’11 marzo
presso Fiera Roma
professione dopo aver inventato i pneumatici, sostituendo le rigide ruote piene. è l’era della bicicletta che
innesca la conseguente nascita di uno sport che in breve tempo otterrà un grande successo in tutto il mondo:
il ciclismo agonistico. è così che nel 1903 viene istituita
la gara più importante di questa disciplina, il Tour de
France, che proprio nell’anno della sua inaugurazione
viene vinto dall’italiano Maurizio Garin.
Da questo momento in poi il ciclismo diventa uno degli
sport più praticati e seguiti in tutti i continenti, generando una lunga lista di campioni che ha fatto la storia
di questa disciplina: da Gino Bartali a Fausto Coppi, da
Lance Armstrong a Marco Pantani.
Col passare degli anni la tecnica del ciclismo agonistico
si è affinata e con essa lo strumento che ha reso possibile la sua nascita. Non abbiamo più a che fare con delle
semplici biciclette ma con delle vere e proprie “macchine da corsa”. Oggi la bici moderna è dotata di strumenti
tecnici all’avanguardia: la sella in cuoio si fa da parte per
lasciare spazio a un modello più sottile che non intralcia
la pedalata e i pedali diventano look, una tipologia che
permette una spinta migliore durante la fase di corsa.
Queste e molte altre novità sono presentate a [email protected]
romaexpo, evento dedicato ai cicloveicoli in mostra alla
Fiera di Roma fino all’11 marzo. Per l’occasione [email protected]
romaexpo mette a disposizione dei coupon sconto attraverso la sua pagina Facebook distribuiti presso le piste ciclabili della Capitale, oltre a gadget appositamente
pensati per i ciclisti.
Per lanciare al meglio la prima edizione dell’evento è
stato strutturato un apposito programma che vede alternarsi l’esposizione delle bike d’avanguardia a focus
Piero Nigrelli, responsabile del
settore Bicicletta ANCMA,
sottolinea il prestigio dell’evento alla sua prima edizione: “Gli incentivi stanziati
nel 2009 hanno dato un impulso notevole al mercato e
sicuramente una mostra dove
è possibile acquistare e fare affari è uno stimolo in più all’acquisto”.
Nigrelli ha anche aggiunto che “ANCMA, insieme alla
FCI, FIAB e altre associazioni di utenti, cerca di rilanciare temi utili all’uso della bici e, per questo, pensiamo di organizzare una giornata di convegni e dibattiti
dove, speriamo, vista la vicinanza al luogo di lavoro,
poter coinvolgere onorevoli e senatori su temi utili per
lo sviluppo della ciclabilità in Italia”. [email protected] non
è solo una fiera, ma un’occasione d’incontro per promuovere lo sport e la sostenibilità ambientale.
di approfondimento inerenti il mondo ciclistico. La fiera è aperta da
Bike Park e Bike Resort, convegno nazionale organizzato dalla rivista
365 Mountainbike che studia l’impiego della mountain bike come
mezzo di promozione per incrementare il turismo, promuovere lo
sport e valorizzare le zone mtb per limitare il problema legato all’inquinamento urbano. La Mountain Bike come strumento di conoscenza e promozione turistica del territorio è uno studio presentato
da Marzio Bardi, conduttore, e da Enrico Guala, esperto di turismo
in bici.
Segue Foto in Azione, workshop gratuito tenuto da Maurizio Cappè,
fotografo professionista specializzato in scatti in action. Tutti gli appassionati che prendono parte ai corsi hanno la possibilità di affiancare l’equipe di ActionPhotography durante le esibizioni di [email protected], immortalando gli atleti in movimento attraverso le tecniche
apprese.
I tecnici di Federciclismo mettono la loro competenza a servizio del
pubblico attraverso l’allestimento di piste prova, lezioni istruttive –
volte alla divulgazione del codice di comportamento stradale – e
spettacoli mozzafiato eseguiti dagli atleti della Uisp (Unione Italiana
Sport per Tutti). Inoltre è possibile ammirare biciclette d’epoca che
hanno fatto la storia del ciclismo italiano all’interno della mostra Biciclette Ritrovate, organizzata dal negozio milanese Cicli Rossignoli.
Ultimo, ma non meno importante, è il focus
che racconta la storia del cicloveicolo.
La mostra è allestita dalla rivista
Bicisport che, per l’occasione,
espone le 34 copertine più significative per il mondo ciclistico, ripercorrendo le vittorie
e i bikers che hanno fatto la
storia di questo sport.
laFIERA
| 33
parola d...
pier francesco
caliari
Intervista al Direttore Generale di ANCMA ed EICMA
di Lisa Riposati
merciale che di presenze. Abbiamo riscontrato una grande passione e in tanti
hanno notato un netto cambio di marcia.
Sono molto orgoglioso di questo perché
era il primo anno della mia gestione e
avevamo tutti gli occhi puntati addosso. Il periodo non è stato favorevole, tra
l’alluvione e la scomparsa di Simoncelli,
ma nonostante ci fossero i presupporti
per un’annata sottotono abbiamo mantenuto le promesse: lo dimostra il 4% di
visitatori in più, in una stagione che ha
registrato cali vistosi nelle altre Fiere...
senza contare che quest’anno correvamo senza le bici.
Tante sono state le aree tematiche
presentate quest’anno all’EICMA.
Quale le ha regalato maggiori soddisfazioni?
è
passato poco più di un anno dalla sua
nomina a Direttore Generale di ANCMA
(Associazione Nazionale Ciclo Motociclo
e Accessori) ed EICMA (Esposizione Internazionale del Ciclo e Motociclo) e con Pier Francesco Caliari è arrivato il momento di fare un bilancio
del 2011, parlando di una nuova stagione che avrà
come obiettivo il rilancio del mercato delle due ruote, in netto calo negli ultimi mesi. Con il successo
di EICMA 2011 a fare da traino, quest’anno l’Associazione dei Costruttori lavorerà per far riavvicinare i
giovanissimi alle moto attraverso uno slogan chiaro
e semplice e cercherà di “spingere sull’acceleratore” di alcuni argomenti caldi del settore, ovvero
l’aumento della sicurezza e la riduzione dei costi
delle assicurazioni. Con un occhio sempre più attento alla crescita di Motodays in Fiera Roma.
Si è chiusa da poco l’edizione 2011 di EICMA.
Qual è il suo bilancio?
è stato un trionfo sotto tutti i punti di vista, sia com-
34 | laFIERA
L’area esterna Motolive è diventata un evento al top per la varietà
dell’offerta e per la qualità. Siamo soddisfatti anche del Green Planet,
perché l’appassionato si è dimostrato attento anche verso il commuting urbano sostenibile, e dell’area Custom, dove volevo raccontare
una storia con la presenza dei customizer e di uno storico gruppo
bikers che tenevo a sdoganare. Per una ricetta perfetta servono molti
BIOGRAFIA
Nato a Torino il 3 gennaio 1961, si trasferisce a Genova fino al 1982 per poi
stabilirsi a Milano. Frequenta il liceo classico e nel 1986 si laurea in Scienze
Politiche. Dopo aver conseguito il Master in Comunicazione d’Impresa,
lavora presso lo Studio Mocenigo e poi alla Mochi Craft occupandosi
di Marketing e Comunicazione. Dal ’90 al ’95 è a Torino in Fiat Auto
come Addetto Stampa.Dal ’95 al ’98 torna a Milano come Marketing and
Communication Manager di SMH Italia (Swatch) mentre dal ’98 al 2002
si trasferisce a Bologna come Public Relation and Press Director di Ducati
Motor. Nel 2003 è Direttore della Comunicazione Juventus F.C. mentre
l’anno successivo è di nuovo in Fiat come Vice President Press Office.
Prima di approdare in ANCMA ha lavorato quattro anni (2005-2009) in
Goodyear Dunlop come Corporate Image and External Relation Director.
Oltre che di moto è appassionato di nautica e vive per il mare, il sole, il
mangiare e il bere bene.
ingredienti di qualità ed EICMA è proprio un mix di moto a 360 gradi,
un posto dove si può trovare ciò che si desidera e anche un luogo di
scoperta. è un grande paese dei balocchi, dove i motociclisti vivono
il loro sogno.
Quali gli obiettivi futuri di ANCMA?
Il mercato delle moto non sta vivendo certamente un periodo facile e
per questo i nostri obiettivi per il 2012 saranno molteplici. Dare ancora
più forza all’immagine di questo mondo, mantenere alto il desiderio di
moto da parte di ogni singola tipologia di dueruotista e raggiungere di
nuovo i giovanissimi per far capire loro che le due ruote sono ancora un
utile e facile mezzo alternativo e che è bello far parte di questa variegata
comunità. Sappiamo che tra i protagonisti negativi della crisi del settore
ci sono due argomenti cari ai fruitori delle moto e per questo motivo
avremo un occhio di riguardo per la voce Sicurezza, perché qualcosa è
stato fatto ma non è mai abbastanza e saremo in campo per provare a
ridurre i costi di gestione dei mezzi, come la voce Assicurazioni, argomento che stiamo trattando con le istituzioni e che vorremmo sempre
più presente nelle loro discussioni.
i preferiti di Pier
Francesco Caliari
Il Film The Blues Brothers
Il Libro Hannibal di Thomas Harris
L’attore George Clooney
L’attrice Angelina Jolie
Il cantante Bono Vox
Lo scrittore John Grisham
Il viaggio Brasile
La città New York
Il colore Blu
L’auto BMW
Lo sport Rugby
La squadra Juventus
Il piatto Pesce e frutti di mare crudi
Se non fosse Pier francesco
Caliari sarebbe... Jack Sparrow
Qual è il suo parere su Motodays in Fiera Roma? Quali i punti
di forza e su cosa invece si dovrebbe lavorare maggiormente?
è una grande vetrina per il Centro-Sud Italia ed è geograficamente strategico perché facilmente raggiungibile da tutti. è una mostra
mercato davvero interessante, dove si ha l’occasione di provare la
moto dei sogni e di provarla prima di procedere all’acquisto. Roma è
da sempre una città difficile dal punto di vista degli eventi e si dovrebbero coinvolgere maggiormente le istituzioni.
Favorevole a una futura partnership tra ANCMA-EICMA e Motodays?
Ne parliamo da un po’ e sono favorevole a qualsiasi progetto. EICMA
è a Milano e lì deve rimanere ma ANCMA riunisce le aziende italiane
delle due ruote ed è certamente disponibile a supportare Motodays
nelle sue iniziative.
laFIERA
| 35
la fiera in corso
casaidea
Dimmi come abiti
e ti dirò chi sei
di Milena Mariano
“C
ome molti mobili sono calchi del corpo umano,
forme vuote per accoglierlo, così tutto l’ambiente finisce col diventare un calco dell’anima,
l’involucro senza il quale l’anima si sentirebbe
come una chiocciola priva della sua conchiglia”. Mario Praz, nel
saggio La filosofia dell’arredamento (edito da Longanesi, 1981),
definì così l’habitat dell’essere umano, generalmente sintetizzato nel termine “casa”, ovvero quella naturale estensione della
personalità di chi vi abita. Arredare e ristrutturare non è però
questione semplice e richiede un adeguato impegno per lo
studio degli spazi e dei materiali più innovativi, oltre a gusto
e conoscenza delle tendenze suggerite da designer e case
d’arredo.
Casaidea 2012, dal 10 al 18 marzo, alla sua 38° edizione, è la mostra dell’abitare più importante e prestigiosa nel panorama nazionale e assicura scelte di qualità e d’eccellenza grazie alla cura nella
selezione degli Espositori e degli allestimenti. Come ogni anno,
si avvale di Partners qualificati che collaborano con l’Istituto Mides per la migliore riuscita della manifestazione, in primis l’Ordine
degli Architetti di Roma e Provincia, che anche in quest’edizione
allestisce uno spazio dedicato dove accogliere i propri iscritti, al
network Casa&Design di La Repubblica.
La mostra si svolge su tre livelli: nell’area principale si sviluppa la
36 | laFIERA
Sezione Arredamento, un secondo spazio è destinato
alla Sezione Tecnica, riservata alla ristrutturazione ed
alle finiture d’interni, ed infine la Sezione Spazioverde, con tutta una porzione dedicata all’arredamenti da
esterni ma anche coperture, verande e gazebo, sistemi
di irrigazione.
La Sezione Arredamento, corpo centrale della manifestazione, è concepita come uno stimolante viaggio
attreverso un percorso ideale nei diversi ambienti della
casa. Lo spazio bianco mentale della planimetria della
casa, o della porzione di essa, da arredare viene presto
riempito di idee e soluzioni esteticamente appaganti
grazie agli spunti offerti dagli Espositori e dalle accurate
valutazioni sugli spazi e sulla funzionalità ad opera di
arredatori altamente specializzati. Creatività applicata
a soluzioni pratiche per la cucina, luogo che in ragione
di metrature sempre più ridotte si è spesso fusa con
la zona living, massimizzando gli spazi anche grazie
all’introduzione di piccoli complementi d’arredo. Attenzione ai materiali utilizzati: legno classico o lavorazione
wenge, muratura o laminato, ochite o acciaio per il top.
dal 10 al
18 marzo presso
Fiera Roma
nel tondo: Tavolino di servizio TN6 Cicognino - designer Franco Albini,
1953
Analogo discorso per l’altro locale di servizio della
casa: il bagno. Sanitari ergonomici, docce e vasche
che diventano sempre più confortevoli grazie alle
funzioni idromassaggio o cromoterapia. Per tutte
le altre stanze libero sfogo alla fantasia: pezzi di
modernariato rivisti o semplicemente riproposti in
un contesto abitativo più fresco e giovane e ultime
novità in tema di design internazionale per arredi e
complementi, anche da esterni.
Rivestimenti pregiati o tecnicamente innovativi, infissi e serramenti, porte classiche o moderne: anche la
Sezione Tecnica diventa palestra per la creatività di chi
deve ristrutturare casa, oltre a fornire le soluzioni più
moderne in tema di sistemi di allarme e sicurezza, climatizzazione e impianti di riscaldamento, con particolare attenzione a impianti solari termici eco-friendly.
Casaidea non è una mostra statica, incentrata esclusivamente nel settore merceologico: è una rassegna
ricca di eventi collegati alla sperimentazione, alla ricer-
le mostre concorso
di casaidea e
il vivere giovane
Si rinnova l’appuntamento con
Primacasa, la casa dei giovani, rassegna studiata per venire incontro alle esigenze dei
giovani d’oggi e rispondenti a
criteri di praticità ed economicità, oltre che all’estetica. Concorso
di idee invece per 80 Voglia di casa,
4° Mostra Concorso aperta a tutti e
dedicata a progetti già realizzati d’architettura
d’interni, che quest’anno ha il tema della “casa a colori”, che
valuta l’inventiva e l’uso sapiente degli spazi abitativi ma anche l’ecosostenibilità e la sicurezza ed infine la 17° edizione di
Officina delle Arti, a cura dell’Arch. Andrea Mazzoli, che lancia
agli artigiani l’idea del mobile di servizio: graziosi microtavoli,
carrellini e originali piani d’appoggio che negli ambienti sempre più polifunzionali delle case moderne risultano eccezionalmente utili.
Casaidea registra ogni anno
oltre 100.000 visitatori
tra i quali professionisti
del settore, in particolare
architetti, tecnici e arredatori
ca e mirata alla formazione di una cultura dell’abitare
per i visitatori e al perfezionamento di professionisti
del settore. Oltre alle varie Mostre Concorso molti
sono infatti gli eventi dedicati all’inventiva. Tra questi Extralarge / Mobili e oggetti fuori dall’ordinario a
cura dell’Arch. Patrizia Di Costanzo,
che in un periodo tendenzialmente
minimalista a causa dell’acutizzarsi
della crisi economica, pone attenzione all’ultima moda: arredare con
complementi extra-large. E ancora: Design in
Tavola, promossa da CCIAA di Roma, una rassegna
sull’arte del ricevere e apparecchiare la tavola, in linea con la riscoperta di pranzi e delle cene in casa
con gli amici.
Ben due eventi sono invece incentrati sull’attenzione per i materiali: MAT ‘12 / 1^ Rassegna dei materiali innovativi per architettura e design e, in onore della Capitale che ospita la Mostra
ed in collaborazione con il Consorzio per la Valorizzazione del
Travertino Romano, Oggetti d’uso in Travertino Romano, evento
legato alla riscoperta del materiale chiaro, compatto e raffinato
impiegato in diverse epoche nell’architettura capitolina.
laFIERA
| 37
la fiera in corso
smau business
roadshow
Le nuove tecnologie si incontrano alla Fiera di Roma
fra tablet, app e cloud computing
di Valentina Clemente
T
ra gli appuntamenti in calendario per il mese di marzo, la Fiera di Roma ospita il 21 e il 22 del mese la terza edizione dello Smau Business Roadshow, mostra
itinerante del comparto Information and Technology
(IT) tra le più importanti e innovative del settore, evento unico
che negli ultimi anni è stato momento d’incontro e formazione per manager e imprenditori.
A dirlo non sono semplicemente i temi trattati, ma i numeri
realizzati: lo scorso anno le porte della Fiera hanno accolto
38 | laFIERA
oltre 54.000 persone, segno che l’interesse per le questioni
affrontate è di effettivo rilievo.
Proprio per venire incontro alle esigenze dei visitatori e fargli
vivere il cambiamento in corso il Roadshow 2012 si focalizza
sui vantaggi per il business derivanti dall’utilizzo di tecnologie
come cloud computing, tablet e app.
Oltre alle aree espositive, non mancano quindi spazi dedicati
alla formazione: tra i temi principali le unified communication
& collaboration; la virtualizzazione e le applicazioni di busi-
ness analytics; la fatturazione elettronica e il web 2.0; il
marketing digitale e l’innovazione nel retail.
I seminari sono tenuti da docenti e analisti provenienti dalle più prestigiose business school italiane, come
la School of Management del Politecnico di Milano e
quella della Bocconi, che si alternernano nelle arene
dislocate lungo i padiglioni.
Lo Smau Trade invece è parte del salone rivolta agli
operatori del canale ICT (rivenditori, VAR, ISV, system
integrator, software house, ecc.) e presenta percorsi
formativi ad hoc con workshop tenuti da analisti, docenti e dai player del comparto, al termine dei quali i
visitatori ricevono un attestato di partecipazione. Presente anche un’area matching: un salotto dedicato agli
incontri one-to-one che offre agli addetti ai lavori un’importante occasione per fare allargare la propria rete.
Ultimo, ma non ultimo, l’area dei Percorsi dell’Innovazione dedicata al genio Made in Italy dove è possibile
prendere contatto con i nuovi prototipi e modelli di business ideati da giovani imprenditori. Nell’area è possibile incontrare anche una selezione di start up italiane
alla ricerca di finanziatori e venture capital, proprio per
continuare a creare quel circuito virtuoso che si ripropone su più piani all’interno della fiera.
i numeri di smau 2011
52.000 manager e imprenditori
600 marchi ICT
400 workshop e convegni
27.000 partecipanti
600 relatori
Cuore della mostra è l’interno dei Village, dove si possono ammirare le ultime novità tecnologiche presentate dai principali protagonisti del settore. I visitatori hanno quindi l’opportunità di trovare
in un unico contesto la visione completa dei grandi marchi dell’industria mondiale in termini di prodotti, soluzioni e strategi e, al
contempo, la relazione diretta con partner specializzati del proprio
territorio, in grado di adattare prodotti e soluzioni standard alle loro
esigenze.
Durante questi due giorni vengono premiati anche i concorsi indetti sul sito Smau.it: il primo è il Mobile App Awards, selezione
dedicata alle aziende del Centro Italia che si sfidano con le migliori
app in ambito business e consumer, basate su new tablet, pad e
smartphone; mentre il secondo è il Premio Innovazione ICT Lazio che consegna un riconoscimento alle imprese e alle Pubbliche
Amministrazioni del Lazio che hanno innovato con successo il proprio business attraverso le tecnologie digitali.
Sul modello dell’esperienza milanese dello scorso ottobre viene
riproposto anche a Roma Smart City, l’iniziativa realizzata in collaborazione con Anci, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani,
dedicata alle città intelligenti che accende i riflettori sui progetti in
corso e le best practice per migliorare la qualità della vita urbana.
dal 21 al 22 marzo presso Fiera Roma
laFIERA
| 39
la fiera in corso
expoedilizia
2012
Quant’è verde
la mia casa
di Marco Valente
I
l 1977 rappresenta, per l’edilizia italiana, una data spartiacque. Prima di quell’anno non vi erano restrizioni o normative che regolassero l’impiego e la funzione di determinati
materiali o l’adozione di tecniche costruttive volti a limitare
il consumo e il dispendio energetico. Dopo sì, almeno a livello teorico. Oggi però la situazione è completamente cambiata. Il problema ha assunto dimensioni molto più ampie, fino
a coinvolgere le strategie economiche dei Paesi a più alto
tasso di industrializzazione: il tema dell’ecosostenibilità non
è più solo una questione locale o confinata ad ambiti filosofici personali, è diventata piuttosto una necessità globale.
In Italia, con una maggiore concentrazione nel Centro-Sud,
anche ammettendo che tutti gli immobili costruiti dopo il varo
della legge 373/76 siano a norma, sono quasi due terzi le
40 | laFIERA
abitazioni che per anzianità ne risultano fuori.
È evidente, allora, che con una bolletta energetica sempre
più cara l’idea di investire nella ristrutturazione in un’ottica di
ecosostenibilità, più che un vezzo “modernista” è diventata
un vero e proprio obbligo e, per un comparto come quello
edilizio sofferente da anni a causa della crisi, una concreta
boccata di ossigeno.
L’edizione 2012 di Expoedilizia, la fiera professionale per l’edilizia e l’architettura organizzata da ROS, società partecipata
da Fiera Roma e Senaf, che si tiene nei padiglioni del nuovo polo fieristico della capitale dal 22 al 25 marzo, si colloca in questo scenario e la scelta del taglio da dargli è stata
quest’anno quanto mai opportuna. Al centro della proposta
2012 ci sono i temi della riqualificazione energetica degli edi-
i numeri di expoedilizia 2010
660 aziende
9 aree tematiche
45.000 mq area espositiva
46.000 visitatori
98 momenti di formazione
294 relatori
fici, dell’isolamento termico e acustico,
del verde tecnologico e delle energie
alternative, gli stessi cioè che secondo
l’osservatorio ANCE saranno i protagonisti di un nuovo e importante impulso per
tutto il comparto. Anche la scelta di anti-
cipare la data dell’evento in primavera va
in questa direzione. Lo spazio espositivo
interno offre una panoramica completa
dell’intera filiera delle costruzioni con
9 aree tematiche (Elementi Strutturali, Serramenti e Chiusure, Pavimenti e
Rivestimenti, Attrezzature e Macchine,
Decori e Colori, Impianti ed Energie Rinnovabili, Arredo Urbano, Informatica e
Servizi, Sicurezza); all’esterno è allestita
un’area dimostrativa di 30.000 mq dedicata alle macchine movimento terra e ai
veicoli cava-cantiere con zone per le dimostrazioni e la prova dei mezzi. Le novità, quest’anno, in linea col tema della
manifestazione, riguardano le iniziative
speciali che, in collaborazione con prestigiosi Istituti di Ricerca, Istituzioni e
Associazioni di settore, intendono offrire
con incontri, tavole rotonde e workshop,
il panorama più completo e approfondito
possibile sulle nuove tendenze.
dal 22 al 25 marzo
presso Fiera Roma
Box informazioni:
Ingresso riservato agli operatori del settore
Orari: 9.00 -17.30
Biglietto: € 15,00 intero
Accreditati online su www.expo-edilizia.it,
potrai ricevere il tuo biglietto ingresso ridotto € 5,00 direttamente nella tua casella
di posta
tra le iniziative in programma:
• OFFICINA SERRAMENTO
Uno spazio dedicato ai produttori
di macchine per la lavorazione di
alluminio e pvc, sistemi, componenti
e software per i serramenti, per
presentare le innovazioni del
comparto con dimostrazioni pratiche
e momenti formativi.
• FOCUS FOTOVOLTAICO
Le opportunità offerte dalle fonti
energetiche rinnovabili come nuova
chiave per il rilancio del settore delle
costruzioni.
• FOCUS ISOLAMENTO
TERMOACUSTICO
Un focus dedicato alla diffusione
e allo sviluppo dell’isolamento
termico ed acustico nel settore
delle costruzioni per la salvaguardia
ambientale e il contenimento della
spesa energetica.
• FOCUS RIFIUTI INERTI DA
COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE
Il focus curato dall’Associazione
Europea degli Studi Ambientali, punta
a coinvolgere professionisti, pubblica
amministrazione, imprese e istituti di
ricerca sul tema dell’uso di aggregati
riciclati e sulle moderne tecnologie
per il recupero degli inerti.
• WORKING WITH NATURE
3a edizione
Smart City - Smarter building sono
gli argomenti centrali delle 3 giornate
di incontri. Un comitato scientifico
costituito da ingegneri, architetti
e paesaggisti anima seminari
e workshop professionali per
conoscere le tendenze e le soluzioni
più innovative studiate per una nuova
concezione dello spazio urbano.
• CONCORSO ARCHITETTURA
SOSTENIBILE
3a edizione
Istituito in onore di Raffaella
Alibrandi, che ha ricoperto la carica di
Amministratore Delegato di Fiera di
Roma e che si è sempre distinta nella
valorizzazione delle donne nel mondo
del lavoro e dell’imprenditoria, il
concorso si rivolge a giovani laureate
chiamate a confrontarsi sul tema della
sostenibilità ambientale. Due i temi in
gara: recupero del patrimonio edilizio
e nuove costruzioni a destinazione
pubblica.
• INTERNAZIONALIZZAZIONE
MERCATI ESTERI
Expoedilizia realizza un programma
di incoming di buyer del settore
edile provenienti da diversi Paesi del
Mediterraneo.
• CONCORSO DI IDEE PER ARCHITETTI
E INGEGNERI
Il concorso ha come oggetto la
riqualificazione del convento dei
francescani di Miglionico – Matera.
Gli architetti e gli ingegneri in
gara elaborano un progetto che
risponde a criteri di sostenibilità
edilizia, salvaguardia ambientale
e rispetto del territorio, nonché di
fattibilità, innovazione tecnologica e
compatibilità economica.
laFIERA
| 41
parola a...
vincenzo
zottola
Integrazione,
internazionalizzazione
innovazione
dell’Economia
del Mare
di Lisa Riposati
Intervista al Presidente
della Camera di
Commercio di Latina
e Vice Presidente
di Unioncamere Lazio
Il 2012 segna un rafforzamento dei rapporti tra Big Blu e Yacht
Med Festival. In che direzione?
L’anno appena iniziato consolida una collaborazione già in atto tra le
due manifestazioni. Big Blu e Yacht Med Festival sono in continuo
dialogo tra loro, con le imprese e con le principali istituzioni e rappresentano due momenti importantissimi per la nautica regionale e nazionale. Quest’anno in particolare a Gaeta sarà possibile effettuare le
prove a mare delle imbarcazioni esposte anche a Roma. Ma è un’altra
la novità più rilevante. L’intesa tra Fiera Roma e Yacht Med Festival si
inserisce, infatti, in un più ampio contesto interregionale che vede per
la prima volta le Camere di Commercio di Lazio e Campania unite dal
protocollo Regio Prima per lo sviluppo dell’Economia del Mare.
Quali sono i contenuti principali di
questo protocollo?
Le Camere di Commercio di Caserta,
Latina, Napoli, Roma, Salerno e Viterbo
ritengono di poter lavorare su un progetto di integrazione tra le fiere già esistenti e quelle che verranno, creando così
un sistema omogeneo e coordinato. Tra
queste ci sono ovviamente Big Blu e
Yacht Med Festival, entrambe presenti
nel panorama nazionale e internazionale
da anni. Lazio e Campania insieme rappresentano in Italia un quinto della produzione e dei servizi nei diversi settori
legati all’Economia del Mare. Al centro
delle politiche del protocollo ci sono al
momento tre parole d’ordine: integrazione, internazionalizzazione e innovazione.
ph Rastrelli
“Lazio e Campania insieme rappresentano
in Italia un quinto della produzione e dei servizi
nei diversi settori legati all’Economia del Mare”
42 | laFIERA
vincenzo zottola
nato e residente a Gaeta.
è Presidente della Confcommercio
Provinciale dal 1995, responsabile
del Turismo della Confcommercio
del Lazio e membro della Giunta
della Camera di Commercio
di Latina dal 1998. è stato eletto
per la seconda volta Presidente
della Camera di Commercio
di Latina ed è Vice Presidente
di Unioncamere Lazio. è membro
del Comitato portuale dell’Autorità
portuale di Civitavecchia e del
Consorzio industriale Sud Pontino.
laFIERA
| 43
parola a...
vincenzo zottola
Quale pensa possa essere il ruolo
dell’Economia del Mare in un momento difficile come quello che sta
attraversando oggi l’Italia?
L’Economia del Mare rappresenta oggi
un settore cruciale per lo sviluppo
dell’intero Paese. Secondo i dati Unioncamere, con circa 40 miliardi di euro prodotti, 15 miliardi di euro di esportazioni e
12 miliardi di investimenti, occupa oggi
oltre 80.000 imprese e 670.000 addetti.
L’importanza della risorsa mare è stata
fino ad oggi sostanzialmente sottovalutata, nonostante intorno ad essa ruotino
settori strategici quali il turismo, la nautica, i trasporti e la logistica, la portualità,
la pesca, la formazione. è da qui che noi
siamo convinti si debba ripartire per dare
all’Italia quel ruolo di leadership che merita per le qualità imprenditoriali e naturali di cui dispone. In questo quadro Lazio e Campania possono assumere una
posizione di primo piano. A tale scopo
abbiamo già istituito il Tavolo tecnico delle imprese del Lazio sull’Economia del
mare presso Unioncamere Lazio, a cui
partecipano le Camere di Commercio e
le Associazioni di categoria regionali.
Quale è il ruolo dello Yacht Med Festival in questa strategia?
La fiera internazionale dell’Economia del
Mare, che si terrà a Gaeta dal 21 al 29
ph Rastrelli
aprile 2012 e giunta alla sua quinta edizione, diventa la sintesi e l’affascinante
vetrina del nostro progetto, condiviso da
un numero crescente di imprese, associazioni e istituzioni nazionali e internazionali. La sua forza sta nell’aver individuato un modello fieristico multidisciplinare
capace di integrare i settori direttamente
e tradizionalmente interessati all’economia del settore e quelli invece legati alla
valorizzazione delle produzioni tipiche,
dell’artigianato, dell’agroalimentare, del
patrimonio culturale, storico e architettonico, in un’unica e ampia strategia di
marketing territoriale.
Yacht Med Festival,
la fiera internazionale
dell’Economia del Mare
giunta alla sua quinta
edizione, si terrà
a Gaeta dal 21 al
29 aprile 2012
i preferiti
di vincenzo
zottola
Il Film Balla coi Lupi
Il Libro Terroni di Pino Aprile
L’attore Eduardo De Filippo
L’attrice Lina Sastri
Il cantante Eddy Napoli
Lo scrittore Pino Aprile
Il viaggio Caraibi
La città Gaeta
Il colore Azzurro
L’auto Audi
Lo sport Pallamano
La squadra Napoli
Il piatto Tiella di Gaeta
Se non fosse Vincenzo zottola
sarebbe…Vincenzo Zottola
44 | laFIERA
laFIERA
| 45
la fiera in corso
photoshow
di Valentina Clemente
D
al 30 marzo al 2 aprile la Fiera di
Roma diventa ribalta delle immagini e ospita la 13esima edizione di
Photoshow, rassegna del settore
dedicata ai professionisti e agli appassionati
dell’obiettivo, promossa da AIF, AssociazioneItaliana Foto Digital Imaging.
L’intento della mostra non si ferma alla semplice presentazione degli ultimi ritrovati, ma
vuole essere un momento d’incontro per tutti
coloro che sentono il fascino di scattare fotografie.
Tra passione e lavoro,
l’obiettivo è puntato
sul pubblico
Al centro della nuova edizione infatti
c’è proprio il pubblico, poiché negli
ultimi anni, grazie alle nuove tecnologie, tutti sono diventati un po’ fotografi e la voglia di condividere esperienze ed emozioni è il canale che
unisce sia i semplici appassionati, sia
coloro che hanno fatto dell’obiettivo il
sguardo sulla vita.
dal 30 marzo al 2 aprile loro
Nei mesi passati i visitatori e gli appresso Fiera Roma
passionati sono stati invitati ad inviare i propri scatti per formare un racconto dell’essenza della Fotografia.
Le immagini selezionate compongono il visual della campagna promozionale
della Fiera e con esse è realizzato un video virale diffuso tramite il web. Il video
è inoltre utilizzato per lanciare un contest rivolto a tutti gli utenti e raggiungerà
il suo culmine in occasione della Fiera.
Photoshow nella scorsa edizione milanese (negli anni dispari si svolge a Milano
negli anni pari a Roma) ha visto più di 65.000 visitatori. All’interno dell’area
espositiva una parte viene dedicata al Professional Imaging dove sono raggruppate tutte le aziende che propongono attrezzature e materiali per fotografi
e operatori professionali.
frameart expo
di Milena Mariano
L’edizione
capitolina
della grande
fiera di foto,
cornici
e arti grafiche
46 | laFIERA
D
i respiro europeo l’unica fiera in Italia interamente dedicata al settore cornici e arti
grafiche, come del resto
sottolinea il nome stesso, European
Fine Art & Frame Exhibition. Dalle
tendenze grafiche e stilistiche, alle
dal 30 marzo al 1 aprile
tecniche di lavorazione e alle finiture,
presso Fiera Roma
è un evento imperdibile per aziende
del settore e addetti ai lavori. La fiera
è infatti la più importante in Europa per qualità espositiva e varietà merceologica
e vedrà la partecipazione di tutte le principali aziende produttrici a livello europeo.
Sono previste varie categorie: Photo
and Digital Imaging; acquisizione, elaborazione, archiviazione e stampa dell’immagine;
fotolaboratori, video professionale e amatoriale; minilab,
attrezzature e materiali per
stampa; album e cornici; professional imaging; antiquariato
ed editoria fotografica.
Forte di circa 300 espositori con
tutte le aziende più importanti a presentare prodotti
servizi e novità nel campo della fotografia digitale e tradizionale, attrezzature e materiali video, fotolaboratori, minilab,
album, cornici, attrezzature per fotografia professionale, Photoshow si costituisce come la principale kermesse dedicata alla
fotografia in Italia.
Ricca e coinvolgente – come sempre – la formula della manifestazione che, oltre ad essere la più prestigiosa vetrina delle
ultime novità presentate dai maggiori marchi del l’Imaging, è
anche un momento di aggiornamento, cultura e svago con corsi
In un momento di difficoltà economiche su scala mondiale, si
percepiscono come realistiche ma non per questo meno ottimiste, le aspettative di Fabio Ustignani, organizzatore di FrameArt Expo: “Siamo convinti
che la Fiera sia uno degli strumenti più validi per rilanciare
la propria azienda attraverso
il contatto diretto con i clienti.
Nella fase congiunturale che
stiamo attraversando, è indispensabile cercare di superare le difficoltà mantenendo
vive le attività commerciali
con nuove opportunità”.
Dopo il successo dell’edizione del 2011 svoltasi a Milano,
che si alterna alla Capitale
nell’ospitare l’esposizione, la
Blow-Up
Era il 1966 quando con Blow-UP il regista
Michelangelo Antonioni proietta nell’immaginario collettivo il mito del fotografo.
Nelle mani di un David Hemmings in versione dandy la mitica Nikon F, la reflex professionale con cui, in una sorta di amplesso
fotografico, l’algida modella Verushka assume le pose più sensuali regalando una delle
sequenze più famose della cinematografia italiana e offrendo una dimostrazione dell’alchimia
che si crea sul set tra fotografo e modella. Per quanti
volessero provare a vivere l’emozione di realizzare
un vero servizio fotografico con modelle professioniste, Photoshow offre la possibilità di farlo con mitici
live – set e set virtuali in cui mixare professionalità e
fantasia per foto davvero speciali!
M.Mariano
e seminari per tutti i livelli, mostre fotografiche, live-set, spettacoli e concerti.
Confermata anche la concomitanza con la seconda edizione
di FrameArt Expo-European Fine Art & Frame Exhibition, la
manifestazione del settore cornici e arte grafica (www.frameartexpo.com) che lo scorso anno a Milano ha favorito un
afflusso di operatori professionali selezionati provenienti da
tutto il mondo.
Sul web intanto inizia a crescere l’attesa: nei forum specializzati infatti gli appassionati si sono già dati appuntamento di
fronte ai cancelli della Fiera.
FrameArt Expo, dal 30 marzo al 1 aprile, è il luogo ideale
per aggiornarsi e lasciarsi stupire dalle novità del mercato internazionale del digital imaging ma anche per vivere
l’emozione di un momento culturale, ricordando
sempre che la fotografia e
la sua presentazione è da
sempre assurta a sofisticata e moderna forma d’arte.
Anche per l’edizione 2012
si rinnova il sodalizio della
mostra con Photoshow, la
grande manifestazione italiana sull’Imaging che presenta in un unico contesto
aree dedicate al trade, agli
operatori del settore e al
pubblico più in generale.
laFIERA
| 47
la fiera in corso
bimbinfiera
La Fiera dedicata al mondo dell’infanzia e ai genitori
di Valeria Jannetti
D
opo i nove mesi di gestazione,
eccolo lì, il bambino più bello del
mondo. Mamma e papà felici
come non lo sono mai stati in
vita loro. Ma come tutti i nuovi nati, anche lui ha bisogno di una culla, del box,
dei pannolini e delle pappe, del vasino e
dei vestitini. A venire incontro alle mamme e ai papà ci pensa la manifestazione
organizzata dal gruppo RCS MediagroupSfera Editore, Bimbinfiera, che si terrà dal
31 marzo al 1 aprile presso il polo fieristico
capitolino. è la fiera italiana più importante
per quanto riguarda il mondo della gestazione
e della prima infanzia. I grandi marchi, le piccole
imprese e le associazioni allestiscono i loro stand nello
spazio a loro destinato per presentare ai genitori le novità in fatto di puericultura, accessori, arredamento, giocattoli e tutto quello che “il mondo dei piccoli”
impone loro dal momento in cui è arrivato il bebè.
Ogni istante della vita dei neo genitori e dei piccolini è un momento magico,
pieno di gioia ma anche difficoltà. Il percorso di crescita deve essere aiutato
e stimolato, mentre i genitori hanno bisogno di assistenza e rassicurazioni: è
da sempre il mestiere più difficile del mondo, no? Racconta infatti
la dottoressa Patrizia Proietti, responsabile del Collegio provinciale delle Ostetriche di Roma: “Dopo il parto il bambino immaginario, cioè quello che abbiamo immaginato e
sognato durante la gravidanza, diventa il bambino reale
e quindi le mamme, con tempi e modi diversi, possono
e devono concedersi tempo per riconoscere il bambino
reale. è importante esprimere i propri sentimenti senza
paura e porre qualsiasi tipo di domanda a professionisti
competenti: il proprio medico, la propria ostetrica o il personale del consultorio familiare”. E a proposito del ruolo dei
amore a pelle con la canguroterapia
Mantenere il contatto tra la pelle del bambino e quella del genitore è di
fondamentale importanza per lo sviluppo del bimbo. La canguroterapia, o marsupioterapia viene impiegata anche con i prematuri. Messo in
posizione verticale e fasciato per tenerlo stretto a sé, il bimbo puo’ così
migliorare la respirazione, regolare la temperatura corporea e rispondere meglio agli stimoli che provengono dall’esterno. Messa a punto
nel 1978 per far fronte al sovraffollamento dei reparti neonatali, la canguroterapia fece diminuire i tassi di mortalità infantile tra i prematuri.
Grazie alla canguroterapia si è assistito ad un miglioramento del livello
d’ossigeno, alla stabilizzazione della frequenza respiratoria e a risultati
positivi in termini di coordinazione nel succhiare il latte.
48 | laFIERA
dal 31 marzo al 1 aprile
presso Fiera Roma
papà: “I papà sono molto coinvolti già durante
i corsi in gravidanza, nel parto e nel dopo; mi
sento di dire che devono poter scegliere liberamente quanto e come essere coinvolti perché
anche loro soffrono di senso di inadeguatezza; i
papà hanno il ruolo fondamentale di contenere e
proteggere la diade madre-bambino che all’inizio
specialmente è molto forte, quindi devono essere supportati ed informati rispetto al fatto che
questo profondo legame che lega la mamma ed
il bambino nei primi mesi di vita rientra nella normalità”.
L’arrivo di un bimbo porta un po’ di scompiglio
nella routine dei genitori, i quali dovranno affrontare tante situazioni nuove, come le passeggiate
in città con la carrozzina. Il passeggino prescelto dovrà essere in grado di sopportare gli urti e
superare indenne tutti gli ostacoli presenti sulle
strade, oltre ad esser facilmente ripiegabile e
comoda da mettere in auto. Altra scelta difficile è quella dei pannolini: ultimamente è tornato
di moda un revival dei lavabili, grazie al costo di
molto inferiore e all’impatto ambientale minimo
rispetto ai pannolini usa e getta.
Quando il mestiere del genitore si fa arduo, Bimbinfiera corre in aiuto delle neo-mamme e dei
neo-papà!
laFIERA
| 49
stop & go
Istanbul
Un ponte fra Oriente e Occidente
di Marco Valente
C
he relazione esiste, se esiste, fra l’acqua
che bolle in una pentola, i film western,
la topologia generale e la Torre di Galata?
Vediamo. Nella pentola una certa quantità di calore da questa passa all’acqua che, come è
noto altrimenti un caposaldo della dieta mediterranea andrebbe a farsi benedire, raggiunge una
certa temperatura e inizia a bollire. Facendo
un notevole sforzo, soprattutto se è ora di
pranzo, dimentichiamo spaghetti e rigatoni
e chiediamoci cosa succede. Succede
che l’acqua dallo stato liquido passa a quello gassoso, si trasforma cioè in vapore acqueo.
Ma quando succede? Ci
deve essere un momento in cui il liquido cessa
di essere tale e diventa un’altra cosa. Cosa
accade in quel preciso
istante? L’acqua ce l’ha
una memoria? Prima
di trasformarsi definitivamente, è ancora
per un brevissimo
irripetibile frangente
un po’ di qua e un po’
di là? Quella soglia si
chiama confine, frontiera. Lo stesso elemento che ha costituito un’ossessione
per gli americani e di
cui, probabilmente, i nativi avrebbero volentieri fatto a meno. Sta
di fatto, però, che il concetto di
frontiera è enormemente più
50 | laFIERA
interessante degli spazi che delimita,
come sanno bene i matematici che ne
studiano caratteristiche e proprietà –
condizioni al contorno, le chiamano.
suoi tesori: sete, spezie, pietre preziose, grano.
È una via obbligata, stretta: al di qua è Occidente, al di là un altro mondo. Controllare quella cerniera, quel confine fra due realtà, rappresentava
la differenza fra l’opulenza e la mediocrità. E gli
uomini, per quel confine, per avere il controllo
dei traffici commerciali che vi transitavano, ne
hanno fatte di cotte e di crude.
Va bene, ma la Torre di Galata? Galata è un quartiere di Istanbul e una volta si chiamava Pera. È
dall’altra parte del Bosforo, l’hanno tirato su i Genovesi e controllava l’accesso dal Mar di Marmara. Di lì si apre l’immensa distesa del Mar Nero – il
colore non c’entra nulla, il termine in turco significa solo nord – oltre il quale c’è l’Oriente con tutti i
laFIERA
| 51
stop & go
Istanbul Fashion Fair
Istanbul Fashion Fair, che si svolge al CNR
Expo, è una delle più grandi e moderne
strutture fieristiche della regione, la
fiera internazionale del settore tessile e
dell’industria dell’abbigliamento che propone
le ultime novità del mercato. Gli articoli
maggiormente rappresentati riguardano
il casual, sia per adulti che per bambini:
jeans, tessuti, accessori coame scarpe e
borse, abbigliamento tecnico. Gli espositori
provengono da diversi Paesi europei
(Germania, Grecia, Spagna, Italia, Belgio,
Francia, Polonia) e in ogni edizione la zona
riservata al design ha sempre riscosso un
grande interesse.
CNR EXPO INSTANBUL
Istanbul, Turchia
dal 3 al 6 marzo 2012
il diamante del fabbricante di cucchiai
Nel Palazzo di Topkapi è custodito il diamante del fabbricante di cucchiai, una splendida
pietra a goccia di 86 carati, circondata da decine di pietre più piccole. Si tratta del quinto
diamante più grande al mondo e l’origine del suo nome è piuttosto curiosa: si narra che
chi trovò il gioiello, in cima a un cumulo di immondizie, lo barattò per tre cucchiai
pensando si trattasse di un falso.
Da sempre. Ilio, la Troia di Priamo ed Ettore,
era una spina nel fianco dei Micenei ed è
stata data alle fiamme per questo. I Greci,
più furbi, fondano Bisanzio un po’ più indietro. Costantino ne fa, col pragmatismo che
contraddistingue Roma, la capitale dell’Impero d’Oriente cambiandogli nome. Maometto II la conquista all’alba di un giorno di
maggio del 1453 e un intero corpo di spedizione australiano si immola inutilmente per
provarci di nuovo durante la Grande Guerra.
Lei, la Torre di Galata, è ancora là, e là sono
ancora le vie strette dei “carrugi” che portano al mare e i mercati, le botteghe, i venditori ambulanti. Istanbul, insomma, vista con
gli occhi di chi si concentra sulla sua vocazione mercantile, su quel luogo di frontiera,
di incontro e di scambio che è un mercato, rivela un’anima
sorprendente anche se ormai, dopo Suez, il suo ruolo non è
più lo stesso. Certo, sul Corno d’Oro ci sono le moschee, i
resti dell’ippodromo di Costantino e delle mura di Teodosio,
la Porta di San Romano, il brusio costante di Fatih, le magie
sotterranee della cisterna Yerebatan Saray, ma qui, a Galata,
52 | laFIERA
c’è la risposta del perché esiste quella
magnificenza: senza lo stretto e il suo
controllo non ci sarebbe stata nessuna Hagia Sophia, nessun Topkapi.
E Beyoglu, il quartiere di Galata, con
piazza Taksim e l’intrico delle sue stradine è, di fatto, il luogo più animato e
frizzante di Istanbul. Se allora si vuole
un po’ di autenticità, dopo una doverosa visita alla parte antica della città, bisogna attraversare il ponte sul Bosforo
e raggiungere la via di Nevizade. Qui
non c’è angolo dove non sia possibile
trovare una meyhane, la caratteristica
taverna turca con gli imperdibili meze
(gli antipasti) e il raki, il liquore d’anice da allungare con acqua. E mentre
aspettate che la polvere di caffè si depositi sul fondo c’è ancora qualcosa da fare per scoprire cosa davvero si nasconde
dietro un limite: catturare il Raggio Verde, quell’ultimo raggio
al tramonto che, si dice, è possibile vedere solo un attimo
prima che il sole si immerga interamente nel mare e che il
giorno si consegni nelle braccia misteriose della notte.
laFIERA
| 53
focus fiera
Una Tavola Rotonda
per l’Artigianato Artistico
di Barbara Mattei
Titolo: L’artigianato artistico tra tradizione e innovazione per la qualità delle produzioni, lo sviluppo
delle imprese e la nuova occupazione.
Regista: Sergio Bonetti, Ufficio Studi e Sviluppo di Confartigianato Imprese Roma
Attori principali: Ivana Barscigliè, ceramista; Carlo Felice Casula, storico dell’Università degli Studi di
Roma Tre; Armando Civitella, Maestro marmoraro; Antonio De Feo, restauratore; Maria Di Benedetto,
ricami e lavorazioni al tombolo con filo d’oro; Simone Ferretti, Architetto esperto di recupero e riuso di
Beni Architettonici; Claudio Franchi, Maestro orafo, designer, storico dell’arte e restauratore;
Enrico Fringuellucci, autore di Trasmandala; Franca Liberatore, stilista e docente di moda;
Dioniso Mariano Magni, Presidente Faroarte; Cristiano Mandich, Presidente Categoria
Artigianato Artistico; Carlo Meloni, Maestro mosaicista; Cristian Parisot, critico d’arte
e Presidente Modigliani Institut
con la partecipazione speciale di:
Mauro Mannocchi, Presidente Confartigianato
fotografia: Marco Canu
Location: Arti & Mestieri, Pedana dei Mestieri, Padiglione 12 di Fiera Roma
54 | laFIERA
N
Arti & Mestieri
ell’ambito della recente edizione di Arti &
Mestieri, kermesse natalizia che ospita ogni
anno realtà artigiane della filiera agroalimentare, enogastronomica e dell’artigianato artistico, Confartigianato Imprese Roma ha organizzato
un’interessante tavola rotonda che merita un approfondimento.
L’incontro, dal titolo L’artigianato artistico tra tradizione
e innovazione per la qualità delle produzioni, lo sviluppo
delle imprese e la nuova occupazione, ha visto protagonisti artigiani specializzati nel ramo delle arti applicate,
dall’intarsio dell’oro alla tecnica del tombolo, dal mosaico al marmo, voci orchestrate dal Professor Sergio Bonetti di Confartigianato. Le testimonianze dirette di chi
opera nel settore ci illustrano quella che è la realtà artigiana oggi, restituendoci un’immagine più limpida delle figure professionali che vi operano concretamente,
travalicando un archetipo legato al mondo medievale
del maestro di bottega. Tradizione e innovazione, questa è la bottega di oggi. Secondo la ricerca condotta
da BIC Lazio sotto la direzione della dottoressa Daniela
Terrinoni si evince che “l’artigiano è relativamente giovane – ha una media di 47 anni – ed è istruito, appena
il 28% degli intervistati ha il solo diploma secondario”.
Il dato non deve stupire e lo conferma lo stesso Mauro
Mannocchi, Presidente di Confartigianato: “L’artigianato artistico è un settore frequentato anche da persone
altamente scolarizzate, da donne, da giovani. Le ultime
generazioni hanno portato delle novità di approccio,
delle nuove metodologie e, in alcuni casi, tecnologie di
processo”. Restare al passo con i tempi, seguire un processo di innovazione, queste le necessità da fronteggiare: tutti concordi dunque nel dichiarare fondamentale un apprendimento di
cultura umanistica. “Il pubblico con cui ci confrontiamo oggi è un pubblico esigente, che molto spesso
conosce molto più degli
operatori di settore.
Le capacità relazionali, le
capacità culturali devono
essere a livello di quello
che il nostro cliente si
aspetta da noi” fa nota-
Mauro Mannocchi, Presidente Confartigianato
re Claudio Franchi, che oltre ad essere maestro orafo è
storico dell’arte e sociologo.
Il settore necessita di nuove leve e, in un periodo così
difficile dal punto di vista occupazionale, questa è una
bella notizia. A quanto pare, però, i giovani sono reticenti a certi mestieri, ignorando le potenzialità e le
opportunità di lavoro che la piccola impresa può offrire
loro. Vi sono pregiudizi al riguardo e Armando Civitella,
un maestro marmoraro, li sintetizza così: “La mentalità
diffusa, anche fra le famiglie, è che il lavoro artigianale,
soprattutto quello del marmoraro, è un lavoro faticoso,
è un lavoro sporco, è un lavoro dove non si sta in giacca
e cravatta”.
In un’Italia che deve rimboccarsi le maniche, partire dai
mestieri tradizionali con l’obiettivo di apportare una crescita in termini di nuove metodologie e nuovi approcci,
“L’artigianato artistico
è un settore frequentato
anche da persone altamente
scolarizzate, da donne,
da giovani”
laFIERA
| 55
focus fiera
i numeri dell’artigianato artistico
10 settori produttivi
655 artigiani
274 nel comune di Roma
121 nella provincia di roma
è solo l’inizio di una fase di ricrescita di sviluppo economico. Il nostro Paese necessita di menti fresche, braccia forti, spirito d’iniziativa e tanta umiltà per apprendere le antiche tecniche dai maestri. Perché la tradizione e
il saper fare sono risorse irrinunciabili che fanno grande
la produzione italiana in giro per il mondo.
Ai giovani dunque il compito di innovare i linguaggi e
determinare un nuovo sviluppo economico dell’artigianato artistico, per far sì che il Made in Italy non sia solo
quello dei grandi marchi, ma continui ad essere il vanto
della nostra produzione artigianale.
I giovani sono dunque richiamati alla formazione, allo
studio, all’apprendistato in bottega, questo però non
è sufficiente. I giovani non devono dimenticare ciò che
saggiamente ricorda il maestro mosaicista Carlo Meloni: “Chi vuol avvicinare il mosaico deve avere tanta
passione, se non c’è quella passione non si affrontano
le difficoltà che ci sono”.
Il Maestro mosaicista Carlo Meloni
INTERVISTA A SERGIO BONETTI
Ufficio Studi e Sviluppo di Confartigianato Imprese Roma
A Roma e provincia l’albo delle imprese artigiane conta 70.000 imprese
attive: una realtà economica importante che contribuisce alla crescita e
allo sviluppo del Made in Italy. Quali
sono le forze che sostengono questo
settore? Cosa si può fare di più che
supportare il settore nel suo sviluppo?
Gli aspetti di produzione della bottega
artigiana, come evidenziato da una recentissima ricerca del BIC Lazio, sono
caratterizzati dall’originalità del progetto, dalla scelta e la qualità dei materiali,
dall’elevato valore estetico, dalla narrabilità dei prodotti. Si tratta di caratteristiche che rendono la manifattura del
nostro paese flessibile, dinamica, e appetibile per consumatori internazionali
che cercano anche cultura e storia nei
prodotti che acquistano. Sempre dalla
56 | laFIERA
ricerca citata emerge che gli artigiani
del Lazio vorrebbero essere sostenuti
nell’accesso al credito, nei contributi
per la partecipazione alle fiere, nella
realizzazione e nella promozione di politiche di marchio, nei contributi per il rinnovamento dei macchinari, negli incentivi per accogliere apprendisti che, non
solo non dovrebbero rappresentare un
costo, ma dovrebbero essere accompagnati da facilitazioni, riprendendo una
antica tradizione che qualificava gli artigiani come maestri d’arte. In questo
senso si muove la recente normativa
(D.L. 167/011), che rivisita l’istituto
dell’apprendistato. Certo è necessario
che le associazioni di rappresentanza
diano assistenza agli artigiani, per utilizzare ad esempio opportunità come
quelle offerte dal progetto AMVA (Apprendistato e mestieri a vocazione artigianale), gestito da Italia Lavoro. Quindi
la forza principale in grado di sostenere
il settore è fare in modo che le imprese artigiane possano avere particolari
condizioni rispetto al credito, rispetto
ai costi fissi, come ad esempio quello
dei locali che, in una città come Roma,
stanno facendo chiudere molte botteghe ed attività, rispetto alla semplificazione delle pratiche amministrative e
burocratiche. Un altro aiuto importante
può venire dalla formazione per l’innovazione, perché purtroppo il modo
come questa viene per lo più erogata
attraverso le diverse opportunità di finanziamento, diventa di difficile utilizzo
per i bisogni specifici e per le specifiche
Arti & Mestieri
caratteristiche organizzative delle imprese artigiane. Fornire servizi e mettere in atto azioni in grado di favorire la
creazione di reti e consorzi tra imprese,
perché l’eccessiva capillarizzazione del
settore spesso determina una debolezza che, in una congiuntura economica
come questa attuale, può mettere a
rischio l’esistenza stessa dell’impresa.
Aggiungerei l’importanza di facilitare
tra gli artigiani la conoscenza per l’utilizzo delle opportunità offerte dalla legge
regionale del 10/01, la creazione di poli
di produzione e di vendita, la diffusione
di una sensibilità tra i consumatori di
ciò che il lavoro artigiano rappresenta.
Si tratta di tutta una serie di interventi
che in parte già esistono ma, come è
emerso dalla tavola rotonda di Arti &
Mestieri del 17 dicembre, sono ancora insufficienti o poco sistemici. Dallo
stesso contesto è emerso un “orgoglio
artigiano” che non chiede sovvenzioni,
ma facilitazioni per poter esprimere tutte le giuste potenzialità delle imprese.
L’artigianato richiama alle tradizioni
più lontane, ma oggi il settore mostra di esser capace di rinnovarsi e
di proporre tecniche nuove: quali
sono le evoluzioni più interessanti
che ha avuto modo di osservare durante la kermesse Arti & Mestieri di
quest’anno?
Nonostante il giusto richiamo al peso e
all’importanza della tradizione, bisogna
evitare il rischio di pensare a un ritorno
al passato, perché quando oggi parliamo di artigianato ci riferiamo a una
dimensione economica e produttiva
complessa, che ha radici secolari.
Direi che il connubio tra tradizione e
innovazione si è sempre verificato con
l’artigianato nelle epoche di transizione
nelle quali – ad esempio durante il periodo Liberty a cavallo tra il xix e il xx
secolo o con la scuola del Bauhaus in
Germania negli anni della Repubblica
di Weimar – spesso le cosiddette arti
applicate hanno introdotto innovazioni
che hanno influenzato anche la produzione industriale. Da questo punto di
vista credo che sarebbe interessante
ed utile per la prossima edizione di Arti
& Mestieri proporre approfondimenti
su questi aspetti.
L’artigianato offre ai giovani un’opportunità occupazionale alternativa:
cosa significa fare l’artigiano oggi?
Quali gli ostacoli? Quali i risultati e
le soddisfazioni?
La crisi che investe il tessuto produttivo impatta drammaticamente con
l’occupazione, soprattutto con quella
giovanile.
Una recente ricerca di Confartigianato
sottolinea che l’Italia detiene in Europa
il record negativo per disoccupati tra i
15 e i 24 anni, pari al 29,6%.
Eppure, nonostante questo quadro,
molto spesso e soprattutto in alcuni
settori produttivi le imprese soffrono
della difficoltà a reperire i lavoratori
necessari, come si evidenzia dal dato
che, malgrado la crisi, non si riesce a
reperire il 17,25 % della manodopera
necessaria a livello nazionale.
Per contribuire a risolvere – se pur in
parte – questi problemi, è fondamentale ritrovare una narrazione dei mestieri
artigiani in grado di presentarli ai giovani in una luce positiva che si è smarrita,
anche attraverso una pseudo cultura
della “fine del lavoro” che ha descritto, nelle semplificazioni dei media, il
lavoro manuale come “brutto,sporco e
cattivo”.
Per aiutare questo percorso Confartigianato imprese Roma ha avviato un
apposito progetto con la collaborazione
di Porta Futuro della Provincia di Roma.
Un’impresa giovane, un’idea nuova:
quale esempio positivo ha voglia di
raccontarci per mostrare come l’impegno, la determinazione e la dedizione al lavoro possono oggi portare
a dei grandi risultati in questo settore?
Leggendo la recente biografia di Steve
Jobs emerge la grande importanza attribuita dal fondatore della Apple alla dimensione estetica e artigianale dei suoi prodotti. Anche per questo, senza far torto
a nessuno, voglio citare due giovani che,
pur operando in campi diversi, si distinguono per la capacità di mettere insieme
il saper fare con il talento creativo. La stilista Francesca Liberatore, apprezzata a
soli 26 anni da importanti esponenti del
fashion business, con un approccio che
sa fare incontrare artigianato e moda
e, grazie al talento, all’impegno e a un
percorso formativo svolto in prestigiose
maison di Londra, Amsterdam e Parigi,
ha aperto uno showroom nel centro di
Roma, dove le sue collezioni hanno modo
di essere apprezzate.
Il secondo esempio è lo scultore Jacopo
Mandich, che ha esposto le sue opere di
artigianato artistico in Arti & Mestieri. Lavora insieme il legno e il metallo, creando
opere di forte valore estetico che inglobano, oltre a un evidente talento creativo,
una forte competenza nell’utilizzare, in
una sintesi di forte impatto, diversi materiali, suggerendo anche soluzioni di natura
tecnica e creativa.
da sinistra: Armando Civitella, Maestro marmoraro; Claudio Franchi, Maestro orafo, designer, storico
dell’Arte e restauratore; Sergio Bonetti, Uff. Studi e Sviluppo Confartigianato Imprese Roma.
laFIERA
| 57
stand one & stand in
ARTI &
MESTIERI
A
rti & Mestieri è sceso in campo contro la
mafia. Non solo un’occasione per esporre
quanto di più particolare e pregiato il
mercato italiano mette a disposizione dei
58 | laFIERA
suoi clienti, ma anche un incentivo per dire basta al pizzo. Questa la
presa di posizione delle donne calabresi che hanno esposto in Fiera
il marchio No Mafia, Sì Lavoro. Una scelta coraggiosa che sottolinea
la volontà di riappropriarsi del proprio futuro e dare un aiuto concreto
a tutte le vittime della criminalità organizzata. A tal proposito è molto
chiara la nota del comunicato del Coordinamento regionale Donne
Fli Calabria: “Cambiare si può, bisogna soltanto avere la forza e il
coraggio di essere in tanti a dimostrare di volere una volta per tutte
sradicare un sistema che per la nostra terra è soltanto distruttivo”.
Numerosissime le iniziative che stanno prendendo piede in questo
ambito, come la fiaccolata NO MAFIA organizzata a Lamezia Terme
dal movimento o il convegno Donne dell’antimafia organizzato il 9
giugno a Roma. Dire basta è possibile.
a cura di Barbara mattei e Irene Tempestini
Roma sposa
S
iete pronti per il matrimonio
più cool dell’anno? Se
siete stanchi della classica
carrozza, della solita auto
d’epoca e sognate di arrivare all’altare in modo alternativo
non potrete che apprezzare l’innovativo mezzo di trasporto
messo a disposizione da Roma Sposa. Un appariscente
autobus rosso di due piani ha fatto bella mostra di sé tra i
padiglioni di Fiera di Roma, attirando gli sguardi curiosi dei
promessi sposini. Mentre Cenerentola prediligeva una zucca
come carrozza, oggi le spose moderne
non possono rinunciare a un veicolo così
all’avanguardia ma anche così tradizionale…
se posto in un contesto quotidiano. La storia
dell’autobus a due piani ha origine infatti
nella Londra del 1829, solo che all’epoca,
al posto delle quattro ruote, era trainato
da robusti cavalli. Col passare degli anni la
meccanica ha fatto il suo corso e l’Omnibus
(dal latino bus per tutti) si è trasformato nel
Routemasters, autobus a due piani realizzato
dalla Associated Equipment Company nel
1954. Ad oggi il colosso rosso è uno dei
simboli principali di Londra e viene impiegato
soprattutto nel trasporto turistico e, a Fiera
di Roma, anche degli sposi!
laFIERA
| 59
topless
pier antonio
bacci
Intervista al docente
di Chirurgia Estetica
dell’Università di Siena
di Barbara Mattei
Il virus dell’estetica attacca il mondo della bellezza. Bandite le
mode e la cattiva informazione, ci rivolgiamo ad uno specialista.
I botoparties, le bufale dei miracoli estetici televisivi, lo
scandalo dei centri di dimagramento fino al blocco totale
di tutte le metodiche estetiche per la cellulite e il tessuto
adiposo deciso in Francia nel 2011 per ordine del Governo
francese. Qual è lo stato di salute del settore oggi?
Grazie alle liberalizzazioni delle professioni e delle attività, la
nostra società sta sempre più dirigendosi verso stili di vita
molto sensibili ai segnali che provengono dalla pubblicità. L’immagine corporea risulta sempre una grande occasione di pubblicità, potendo associare all’aspetto esteriore sia i trattamenti
medici e chirurgici, che tutto quello che gira attorno alla moda,
allo sport ed alla vita di relazione.
Non deve meravigliare che alcuni professionisti barattino la deontologia professionale con tecniche di pubblicità professionale. Arriva dall’America la moda di fare grandi parties in alberghi
dove signore siliconate corrono a fare tossina botulinica, non è
detto però che sia una buona cosa dato che il rischio di complicazioni è sempre possibile nelle strutture non adeguate.
Tutti i trattamenti estetici, come le metodiche per sovrappeso
e adiposità, richiedono buona diagnosi e idonea terapia, anche
un semplice linfodrenaggio manuale deve avere le sue indicazioni e le sue tecniche di applicazione.
Il tentativo di superficializzare il mondo dell’estetica non è certo un regalo fatto ai pazienti, ma soprattutto alle aziende e agli
operatori.
Parliamo delle protesi mammarie. Allarmismo è stato prodotto dallo scandalo delle PIP, le cosiddette “protesi low
60 | laFIERA
cost”, ritirate dal commercio nel 2010, nonostante fossero
fornite di marchio CE e autorizzate dalle autorità sanitarie
competenti.
Controlli più attenti preserverebbero il settore da questi
scandali o si tratta di disinformazione?
Il mondo dell’estetica è giustamente in allarme per le complicazioni che possono derivare dalle protesi mammarie PIP. Occorre però sottolineare che non esiste un rapporto diretto fra
tumore al seno e questa protesi, è invece certo che il silicone
contenuto non è rispettoso delle norme che regolano il settore. Per questo si tratta di una vera truffa di cui anche il medico
è vittima, per il paziente esiste la possibilità che queste protesi
si rompano prima del tempo provocando processi infiammatori, da qui la necessità di controllare il loro stato con un’ecografia o con una risonanza magnetica ed eventualmente passare
alla loro sostituzione, ma senza ansia e terrore. Detto questo
occorre ricordare che non esiste una protesi sicura ed esente
dal rischio di rottura, una protesi mammaria ha una durata
ideale di 8 -12 anni e dopo questo tempo andrebbe sostituita,
ma anche le buone protesi possono rompersi dopo 4-5 anni
o durare tranquillamente oltre 20 anni. Il buon senso indica di
controllare ogni due anni.
Tutto questa situazione ha indicato ai legislatori che occorre
fare di più e che, nel settore estetica, è l’ora di attivare maggio-
Il top manager a nudo
“Nel settore estetica, è l’ora di attivare maggiori controlli
e maggiore tracciabilità sia nei percorsi formativi
che in quelli terapeutici”
ri controlli e maggiore tracciabilità sia nei percorsi formativi che in quelli terapeutici.
Fattore da non trascurare è certamente il rapporto
di feeling medico-paziente. Dal suo punto di osservazione privilegiato, riscontra in Italia una cultura
medica attenta al dialogo?
La medicina non offre servizi ma ricerca e applica soluzioni che permettano il benessere psico-fisico, la riduzione del dolore e il miglioramento della qualità della
vita. La persona che soffre, qualunque sia la causa, ha
bisogno di un punto di riferimento che faccia intravedere
una soluzione, il camice bianco del medico è simbolo
di deontologia, di onestà, di preparazione professionale
e di disponibilità all’ascolto. Forse è proprio il tempo da
dedicare il grande assente della nostra società, è difficile
trovare qualcuno che perda il suo tempo per ascoltare,
così come è essenziale dedicare molto tempo alla visita
ed alla diagnosi.
Molto spesso, cause e denuncie vengono quando è
mancato il tempo di ascoltare e di capire, il feeling è la
base per qualsiasi cura, ma per costruire il feeling occorre basare ogni attività sullo strumento del rispetto,
sia per un paziente che soffre, sia per un operatore che
dedica il suo tempo al miglioramento della qualità della
vita di chi chiede aiuto.
Per quindici anni ha affiancato l’attività medico
chirurgica a quella di docente di Chirurgia Estetica
dell’Università di Siena. Quali sono i primi insegnamenti che è giusto dare a un giovane che vuole intraprendere la sua professione?
Ho avuto la fortuna di avere grandi maestri nella mia
storia, ma è stato soprattutto il prof Pitanguy che mi
ha lasciato un insegnamento universale percepibile
nell’aria della sua scuola brasiliana. Credo che occorra
sempre rispettare quel giovane che cerca la sua storia,
un professore non deve dare ma dimostrare, vivendo
l’amore e il sacrificio dovuto alla professione, e se l’allievo diventerà bravo, il professore avrà omaggiato la
sua attività.
Dovessi dare un consiglio a un giovane gli direi di amare la sua attività e di imparare a rubare i segreti del
maestro, cercando sempre di capire senza chiedere.
pier antonio bacci
nato a Lucignano (Arezzo).
Specialista in Malattie
Vascolari e in Chirurgia è
Professore a Contratto di
Chirurgia Estetica nella
Scuola di Specializzazione in
Chirurgia dell’Università di
Siena e Docente nel Master
di Medicina Estetica sia
dell’Università di Siena
che dell’Università Autonoma
di Barcellona.
è presidente dell’Accademia
Italiana della Bellezza e della
Beauty Medical School di
Arezzo.
laFIERA
| 61
donna in carriera
alberta
parissi
la self-made woman
di Barbara Mattei
L
a raffinatezza di una modista aggiornata e sincera, unita
ad un’innata attitudine nelle attività commerciali e ad un
invidiabile spirito di iniziativa, è solo una visione parziale
delle qualità della self made woman Alberta Parissi. Una
donna volitiva che ha saputo impiegare le proprie doti ed esperienze imprenditoriali, supportate da qualità come pragmaticità e
capacità dialettiche, al servizio delle donne. Fin dagli anni ‘70 la
Parissi ricopre una sequela di incarichi elettivi sempre più prestigiosi, fino ad essere insignita del titolo di Cavaliere del Commercio
istituito dal Comune di Roma e della Medaglia d’Oro della Camera
di Commercio. Nel 2010 è stata eletta Presidente del Comitato
PROMOZIONE DELLE IMPRESE ROSA
In qualità di Presidente del Comitato Alberta ha promosso
molte attività ed iniziative sempre attente alla concretezza e
alla promozione delle imprese femminili esistenti e alla promozione di altre nuove e innovative:
• Il premio Impresa donna in scadenza (il 31 Gennaio) che
intende riconoscere e premiare l’innovatività e la creatività
femminile in ambito organizzativo/ tecnologico;
• Il progetto Percorsi imprenditoriali che prevede azioni di sostegno allo start up di nuove imprese femminili con seminari
specifici, consulenza e orientamento al ruolo di imprenditrice
con il supporto delle mentor (imprenditrici affermate);
• In pubblicazione Le Minerve, un testo che raccoglie eszemplari storie di successo femminili;
• In fase di realizzazione un video che racconta nove donne in
equilibrio tra impresa e vita privata.
Alberta afferma di aver promosso queste attività allo scopo
di lasciare strumenti “didattici“ che potranno essere utilizzati
per la diffusione della cultura di impresa e della creatività femminile anche oltre il mandato di presidente del Comitato per
l’Imprenditoria Femminile.
62 | laFIERA
Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio
di Roma. Dopo la sua elezione ha ammesso con la
franchezza che contraddistingue ogni sua dichiarazione: “Sono particolarmente orgogliosa di quest’ ultimo
incarico perché mi è stato assegnato all’ unanimità con
voto segreto”. Il Comitato è composto da 23 donne
appartenenti ad associazioni datoriali, associazioni dei
consumatori e sindacati, di diverse e a volte distanti di
sensibilità culturali e politica.
Una carriera iniziata negli anni del boom economico,
quando Alberta esordisce come caporeparto presso la
Standa per poi prendere in gestione un bar all’ interno
del mercato del Tufello e, sentendosi più portata per il
settore abbigliamento, decide poi di occuparsi di vestiti e biancheria sempre all’ interno del mercato, aprendo infine, negli anni ‘90, una boutique di abbigliamento
per donna che di recente ha anche una seconda sede
a Casal Palocco.
Di quegli anni ricorda con affetto che anche quando
vendeva al mercato, il suo assortimento garantiva
standard di qualità che la clientela poteva ben apprezzare. “Ogni anno non perdevo mai l’appuntamento con
la Fiera Campionaria di Milano. Con questo voglio dire
che resta prioritaria, per ogni scelta imprenditoriale,
anche quella minore e diffusa, il saper tenere insieme
l’obiettivo degli affari con la qualità e lo spirito del servizio che una iniziativa economica esprime”.
“Già dai tempi del mercato - racconta - andavo ogni
anno alla Fiera di Milano per comprare i migliori capi
“intermedi”, non proprio di lusso ma comunque con
una griffe. Davo il numero civico: non volevo che sapessero che vendevo all’ interno di un mercato”.
“Tanti anni di lotte,
di rivendicazioni,
di risultati non hanno
ancora conseguito
una reale parificazione
fra uomo e donna
nel mondo del lavoro.
Sembrerà incredibile,
ma ancora pesano antichi
pregiudizi, e vicende come
la maternità penalizzano
a tutt’oggi le donne”
alberta parissi
è nata a Roma il 17 settembre del
1942. Presidente di Confesercenti
Roma dal 2005, nel 2010 viene
eletta all’unanimità Presidente del
nuovo Comitato per la Promozione
dell’Imprenditorialità Femminile,
Camera di Commercio di Roma,
carica che tuttora ricopre.
Le imprenditrici in rosa italiane, soprattutto quelle capitoline, sono rassicurate dal fatto di essere rappresentate
da Alberta Parissi quale Presidente del
Comitato Imprenditoria Femminile, anche perché ha sempre dimostrato impegno e attenzione prioritaria alle donne.
Con qualche amarezza, Alberta PArissi
ha dichiarato che per quanto attiene
la parità “Siamo ancora indietro. Tanti
anni di lotte, di rivendicazioni, di risultati, non hanno ancora conseguito una
reale parificazione fra uomo e donna nel
mondo del lavoro. Sembrerà incredibile,
ma ancora pesano antichi pregiudizi, e
vicende come la maternità penalizzano
a tutt’ oggi le donne nel mondo del lavoro”. Ma è pur vero che i risultati dell’ultimo report della Camera di Commercio
di Roma sono incoraggianti. “In questa
fase di difficoltà economica e sociale
– aggiunge la Parissi – è prioritario garantire il massimo sostegno alle aziende
esistenti e a chi decide di mettersi in
proprio. La robusta crescita delle imprese rosa a Roma e provincia ci conforta e
ci spinge a moltiplicare i nostri sforzi per
valorizzare, attraverso strumenti mirati,
il fare impresa al femminile”. E appena
nel dicembre scorso un’altra bella conquista: il Presidente della Provincia di
Roma Nicola Zingaretti e il Presidente
della Camera di Commercio di Roma
Giancarlo Cremonesi hanno firmato il
Protocollo d’intesa a sostegno dell’imprenditoria femminile.
Prima ancora di ricoprire l’incarico di
Presidente del Comitato Imprenditoria
Femminile della Camera di Commercio
di Roma, Alberta la Pasionaria del commercio, è stata Presidente Provinciale
della Confesercenti, di cui è tuttora
dirigente, svolgendo il proprio mandato impegnandosi in molti settori:
“Certamente il mio essere imprenditrice femminile si è distinto in diversi
momenti dell’attività, ma ho posto l’attenzione anche sui temi dello sviluppo
commerciale, del rilancio culturale e
turistico dell’intero territorio, e devo
dire che hanno avuto un grande rilie-
vo in tutta l’organizzazione. Aggiungo
che la mia Presidenza è stata sempre
rivolta ai bisogni concreti delle imprese
che rappresentiamo e nel far questo,
ho cercato di adempiere al mio mandato con una gestione collegiale dell’organizzazione, affrontando gli aspetti
in modo diretto, evitando formalità e
privilegiando la vocazione unitaria nel
rapporto con le altre associazioni”.
laFIERA
| 63
app & down
a cura di Barbara mattei e Irene Tempestini
AAA carburante cercasi
L’applicazione fashion
Le frivolezze di B, celebre blog dedicato a tutte le
fashion victim, diventa un’applicazione. In qualsiasi
parte del mondo vi troviate potrete attingere con un
clik al sito più celebre per lo shopping low cost. Abbigliamento, accessori, cosmetica e bijoux a prezzi vantaggiosi e sempre all’avanguardia grazie ad un blog
aggiornatissimo sui must have di stagione. Pratico e
veloce è possibile accedere all’accessorio desiderato
attraverso apposite categorie, come La frivolezza del
giorno, scelta per le fashioniste dalla redazione, e Le
daily news, dedicate alle ultime novità sul mercato.
Compatibile con iPhone 3GS, iPhone4, iPhone 4S,
iPod Touch (4° generazione) e iPad. Stesso target per
l’applicazione dell’Apple Store dedicata alla moda in cui
sfilano i più grandi marchi nazionali e internazionali. Tra
le più celebri quella di Gucci, dotata di notifiche pushup volte alla promozione dei nuovi prodotti, e di Rugby
Ralph Lauren che dà agli utenti la possibilità di creare
il proprio look personale sostituendo il proprio viso con
quello dei modelli. Il tutto rigorosamente gratis!
64 | laFIERA
Celebre e utile l’ormai suffragata applicazione
iNeedFuel per iPhone e iPod Touch che indica i distributori di carburante più vicini nella zona richiesta. Infine
non poteva mancare l’App dedicata ai prezzi del carburante e realizzata grazie al contributo di Adiconsum,
Federconsumatori e PrezziBenzina.it. Prezzi Benzina è
disponibile per iPhone, iPad e iPod Touch, Android, Ovi
(Nokia) e Bada.
Per promuovere l’utilizzo dell’auto elettrica a sostegno
dell’ambiente Hera Comm, azienda leader nel settore
dell’energia, ha creato l’apposita applicazione Hera
Mobility. L’App, presentata durante il Motor Show di
Bologna, è pensata per aiutare tutti i possessori di un
veicolo elettrico nella ricerca delle colonnine di ricarica
per un mezzo ancora poco utilizzato. L’applicazione non
solo è in grado di individuare la posizione del punto di
rifornimento, ma segnala anche il percorso da seguire
per poterla raggiungere, la disponibilità e il funzionamento.
Scheda tecnica
Scheda tecnica
nome: Le frivolezze di B
Categoria: Mode e Tendenze
Versione: 1.0.1
Dimensione: 3.0 MB
Lingua: Italiano e Inglese
Nome: iNeed Fuel
Categoria: Navigazione
Versione: 1.2.11
Dimensione: 1.7 MB
Lingua: Italiano e Inglese
Applicazioni e Download
la Provincia di Roma palmo a palmo
L’artigiano a portata di touch
CNA Roma, realizzata da Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, è
un’applicazione che offre un servizio che permette di
raggiungere oltre 2000 artigiani di Roma e provincia. Si
è rotto un tubo e serve un idraulico? L’App CNA localizza la tua posizione e individua lo specialista più vicino a
casa tua. Elettricisti, fabbri, falegnami, ottici, artigiani di
tutte le categorie si trovano all’interno dell’App di CNA
Roma: ogni scheda impresa fornisce i dati utili per mettersi in contatto con l’esperto.
Da non dimenticare è la possibilità di inserire un giudizio sul servizio ricevuto: come tante altre App Utility,
anche CNA si basa sulla versatilità del suo utilizzo e
permette ai suoi utenti di lasciare una propria valutazione: i feedback dei clienti contribuiscono ad arricchire
il servizio stesso, dando un’informazione sempre più
precisa sugli artigiani più competenti e onesti. Libero
mercato in libero Download!
L’applicazione è gratuita e disponibile per iPhone, Android e Windows Phone. CNA Roma è stata presentata in occasione di Arti & Mestieri 2011, presso Fiera
Roma.
Roma&Più è una App per il tempo libero, dedicata all’area della provincia di Roma. La guida è degna di nota,
completa e costantemente aggiornata, segnala eventi,
siti archeologici, bellezze di tipo naturalistico e artistico,
suggerisce percorsi di varia natura: enogastronomici,
ciclabili, ecologici, religiosi e tanto ancora. Ideale per
chi vuole tenersi aggiornato o per chi cerca uno spunto
originale per il weekend e non solo. Se il credito della
connessione Internet del vostro smartphone sta per
terminare, niente paura: la Provincia infatti offre tanti
hot spot che troverete segnalati nella sezione MappaWifi. “Abbiamo la più grande rete pubblica in Europa
di accesso gratuito a Internet al cui interno vogliamo
fornire servizi di qualità – sottolinea Nicola Zingaretti,
Presidente della Provincia di Roma, e prosegue – Abbiamo un patrimonio su cui investire e da valorizzare.
A pochi passi da Roma esistono luoghi bellissimi e ancora misconosciuti che meritano maggiore visibilità e
considerazioni e Roma&Più si è posto proprio questo
obiettivo”.
L’applicazione è gratuita e disponibile per iPhone e iPad.
Scheda tecnica
Scheda tecnica
Nome: CNA Roma
Categoria: Utility
Versione: 1.5
Dimensione: 3.2 MB
Lingua: Italiano
Nome: Roma&Più
Categoria: Moda e Tendenze
Versione: 1.2
Dimensione: 0.9 MB
Lingua: Italiano
laFIERA
| 65
design
a cura di annalisa marzano
bertoia vs gori
2.
1.
“Se si guardano queste sedute, ci si rende conto che sono fatte
soprattutto d’aria, come una scultura: lo spazio le attraversa”:
queste le parole di Harry Bertoia per descrivere la sua
collezione di sedie in acciaio realizzate per Knoll nel 1952.
Capostipite del design moderno la Collezione Bertoia è
diventata fonte di ispirazione per gli attuali progettisti: la sedia
impilabile Stitch di Cristian Gori per Esedra rievoca l’idea del
tondino metallico per dare vita a forme leggere ed essenziali.
Disponibile anche in versione sgabello, Stitch è adatta a ogni
tipo di contesto grazie al suo appeal estetico che consente
combinazioni creative negli ambienti più diversi.
1. e 2. Sedia Stitch, Cristian
Gori per Esedra; 3. Side Chair,
Harry Bertoia, Knoll
nostalgia
avveniristica
3.
AALTO VS DE LUCCHI/ REICHERT
4.
66 | laFIERA
Si narra che Alvar Aalto si fosse ispirato alle
linee sinuose dei laghi finlandesi quando
disegnò il celebre vaso Savoy (attualmente
prodotto da Iittala). Anche le lampade della
serie Logico – progettate da
Michele De Lucchi e Gerhard
Reichert per Artemide –
sembrano trarre ispirazione
dall’osservazione della natura, suggerita
dalla forma organica del bordo che, grazie alla sua modularità, dà vita a
differenti composizioni di luce.
La lampada è affascinante anche quando è spenta: la particolare finitura
seta lucida del vetro crea interessanti effetti visivi con la luce ambientale.
La gamma Logico, inoltre, include lampade da parete, soffitto, a
sospensione, da tavolo e da terra, per soddisfare ogni gusto ed esigenza.
4. Lampada da soffitto Logico,
Michele De Lucchi e Gerhard
Reichert per Artemide; 5. Vaso
Savoy, Alvar Aalto, Iittala
5.
laFIERA
| 67
la fiera in progress
Dal 12 al 15 aprile Fiera di Roma ospiterà
Roma Cavalli, il Salone Internazionale
dell’Equitazione e dell’Ippica. Giunto alla
sua terza edizione l’evento si consolida
come punto di riferimento fieristico
nazionale e internazionale, con particolare
riguardo all’area mediterranea che vanta
consolidate tradizioni equestri.
Le auto che hanno fatto la storia
del panorama automobilistico
si metteranno in mostra a
Fuoriserie, appuntamento
fieristico che avrà luogo dal 21 al
22 aprile nella Capitale.
L’evento è organizzato da
Intermeeting, storico autore del
Salone di Auto e Moto d’Epoca di
Padova.
I fanatici delle quattro ruote e
non solo potranno toccare con
mano le auto dei propri sogni,
scoprire i classici d’eccezione e
scambiarsi informazioni con
gli estimatori del vintage.
Presente, inoltre, un’ampia
sezione di compravendita.
i classici d’eccezione e
scambiarsi informazioni con
gli estimatori del vintage.
Torna l’appuntamento con
Moacasa, Fiera dell’arredamento
e del design. Dal 28 aprile al 6
maggio la vostra casa si arricchirà
di nuovi complementi d’arredo.
Una vasta esposizione dove
troverete tutto il necessario
per rinnovare o creare ex novo
bagni, cucine, saloni e molto
altro, puntando sul tradizionale o
ringiovanendo gli ambienti con le
tendenze del momento.
68 | laFIERA
Dal 10 al 12 maggio arriverà in Fiera il
Chancexpo, il primo evento pensato
per l’impresa e per il lavoro.
L’iniziativa è promossa da RomaExpo
srl con la collaborazione di Fiera Roma,
Gruppo Publimedia e
Mr. Communication. I giovani
laureati, disoccupati, impiegati e liberi
professionisti potranno trovare le
migliori offerte di lavoro per dare inizio
a un brillante futuro.
Da sempre il più importante
evento dedicato ai prodotti
e ai servizi per la Salute,
Cosmofarma Exhibition,
giunto alla sua sedicesima
edizione, dà appuntamento
agli addetti del settore
presso il polo fieristico
capitolino dal 4 al 6 maggio.
Convegni, conferenze,
corsi ECM e molto altro vi
aspettano a Cosmofarma.
Forum Pa si metterà in mostra
in Fiera dal 14 al 17 maggio. La
società promuove da sempre
l’incontro e il confronto tra pubbliche
amministrazioni, imprese e cittadini
sui temi chiave dell’innovazione
attraverso l’attivazione e la creazione
di community, l’elaborazione di
studi e ricerche, la comunicazione e
l’informazione online.
primavera
in fiera
laFIERA
| 69
trend & tendenze
di Elisa Sciuto
involucro superficiale
parrot asteroid
Il vantaggio di un touchscreen è che lo
si può «tocchicciare». Per questo, il
nuovo F25 iPad 2 Sleeve, ricavato
da teloni di camion riciclati
iperflessibili, permette di scoprire
lo schermo con un semplice
gesto che allo stesso tempo lo
accende, non magicamente, ma
magneticamente!
Gli appassionati di musica, sempre alla
ricerca dell’ultima novità hi-tech, ma che
non hanno tempo di aggiornare la propria
playlist, troveranno un ottimo compagno di
viaggio in Parrot Asteroid, l’autoradio che
grazie all’applicazione Orange Liveradio
consente l’accesso a migliaia di podcast
internazionali e frequenze web.
Tablet for field workers
Panasonic Toughbook
lancia il nuovo CF-D1,
un tablet PC fully rugged
con sistema operativo
Microsoft® Windows® 7,
pensato per i field workers
(geologi, archeologi,
etc.) che necessitano
di robustezza e connettività sul campo, per
scambiare dati in real time con la sede centrale.
I…tech
trend
&
Il mondo, come la tecnologia, vanno avanti alla rapidità della
luce o, si potrebbe dire, del web 2.0. Quasi con la stessa velocità,
anche il mercato cerca di stare al passo coi tempi, proponendo
prodotti innovativi e a impatto zero.
Ecco le ultime tendenze del momento.
70 | laFIERA
Fotocamera e proiettore in un unico corpo
Dotata di un sensore da 14 megapixel, la
fotocamera Nikon Coolpix S1200pj ha
un proiettore incorporato che permette di
mostrare su qualsiasi superficie piana le
immagini salvate anche su su iPhone o iPad.
Il comando luminoso integrato e quello a
distanza opzionale facilitano l’uso anche in
condizioni di luce scarsa.
c’è...ma non si
vede!
Il MacBook
si veste di
trasparenza con
ClearGuard, il copri
tastiera che lo protegge dalla
polvere e dalle macchie senza perdere
in funzionalità. Cinque volte più sottile
rispetto ad altre cover, è realizzato con altissima
precisione in uretano termoplastico, per una
risposta tattile incomparabile.
un sorso di eco relax
Per chi non riesce proprio a fare a meno
del pc ed è stressato da troppo lavoro, un
sorso d’acqua può essere d’aiuto allo stato
d’animo. Le bottiglie Sigg, oltre a un
design divertente, hanno un rivestimento
interno unico, l’EcoCare, privo di
sostanze nocive per la salute. Per un sorso
di Eco relax!
tendenze
laFIERA
| 71
innovation pills
a cura di Altran Italia
qr code
una nuova frontiera dell’informazione
V
i è mai capitato, leggendo una
notizia su un quotidiano o guardando un cartellone pubblicitario, di voler immediatamente
approfondire un argomento, ma poi
una volta trascorsa qualche ora avevate
completamente dimenticato quell’informazione o non ricordavate più il sito web
su cui navigare?
Con i QR Code questo non accade più,
perché si può accedere immediatamente e con facilità ad approfondimenti multimediali direttamente dal vostro telefono cellulare.
Già da un po’ di mesi, in molte città italiane si vedono nella metropolitana, sugli
autobus, sui manifesti pubblicitari o sui
volantini degli strani quadratini bianchi e
neri… ma che cosa sono esattamente?
Si chiamano QR Code o codici QR. L’acronimo QR sta per Quick Response os-
72 | laFIERA
sia “risposta rapida”. Sono un’evoluzione
dei codici a barre in quanto sfruttano
non più una sola dimensione bensì due.
Il risultato finale è che questi codici possono contenere molte più informazioni
rispetto ai loro predecessori. Che cosa
contengono praticamente questi codici
QR? I contenuti più comuni sono messaggi di testo, link a siti web, indirizzi di
posta elettronica, numeri telefonici, link
a social network o informazioni di contatti per la rubrica. E come funzionano?
Per leggere i QR Code basta scaricare
ed installare una delle tante applicazioni
gratuite, avviarla e puntare la fotocamera sul codice. Dopo alcuni secondi magicamente tutti quegli strani quadratini
bianchi e neri si trasformeranno in un
contenuto multimediale che aprirà all’utente un mondo di nuove interessanti
informazioni.
Altran Italia
La rivoluzione
Dall’utilità di un servizio informativo si è passati rapidamente alla comunicazione pubblicitaria. Il marketing
ha approfittato dei costi accessibili di questa tecnologia e del fatto che i consumatori che possedevano uno
smartphone con fotocamera integrata erano in continua
ascesa.
I QR code danno alla carta stampata, ad indumenti e
vari altri gadget promozionali, la possibilità di catapultare
gli utenti o i potenziali acquirenti in un mondo pieno di
contenuti multimediali aggiuntivi. Inoltre l’impiego dello
smartphone garantisce uno strumento sempre a portata
di mano e dà l’opportunità di misurare il successo di una
campagna di marketing in base agli accessi effettuati da
specifiche fonti pubblicitarie.
Se la definizione di “sesto mass media” è stata attribuita ad internet, il settimo potrebbe essere proprio il
mobile tagging, tramite QR Code o più in generale attraverso SmartCode.
Un mondo reale più virtuale
Il Mobile Tagging è l’attività svolta tramite la creazione,
pubblicazione e uso di MobTag, ovvero SmartCode generati per essere utilizzati non attraverso lettori dedicati,
ma da telefoni cellulari dotati di fotocamera ed apposite applicazioni di decodifica. I MobTag possono essere
I contenuti più comuni
dei codici QR
sono messaggi di testo,
link a siti web, indirizzi
di posta elettronica,
numeri telefonici,
link a social network
o informazioni di contatti
per la rubrica
utilizzati per vari scopi, per ottenere informazioni, inviare messaggi,
contenere codici, gestire transazioni, comunicare URL web, indicare
posizioni geografiche e tanto altro.
L’applicazione più frequente è quella di usare i tag come hyperlink
dal mondo fisico a quello virtuale. Proprio per questa caratteristica
i mobile tag sono definiti come l’estensione di internet nella realtà,
cioè dei physical hyperlink.
Le numerose attività generate dal Mobile Tagging si possono riassumere in e-Commerce, Promozione, Business identity, Community,
Office integration, Document tracking, Processi amministrativi, Informazione di prodotto, Catalogazione, Informazione civica e sociale.
Con queste modalità di comunicazione osserviamo un’informazione
on-demand in funzione del luogo o dell’oggetto a cui si è interessati.
In sintesi, l’informazione è utile quando è richiesta e deve essere
disponibile in tempo reale da un accesso stabile a internet, che consenta un eventuale aggiornamento continuo.
Il proliferare degli SmartCode e del Mobile Tagging è sintomo del fatto che il virtuale penetra sempre di più nel mondo reale e, secondo
lo spirito del web 2.0, la nostra vita sarà sempre più pervasa dalla
multimedialità.
Altran Italia, nata nel 1996, offre consulenza in ingegneria e innovazione e propone progetti turn key. Occupa oltre 2.100 dipendenti ed è presente in buona
parte del territorio nazionale. Fa parte del Gruppo Altran, leader europeo nella
consulenza. Con oltre 17mila dipendenti e sedi in 21 Paesi del mondo, da 30
anni affianca i suoi clienti per dar vita ai progetti più complessi, migliorando
le loro perfomance grazie alla padronanza di tecnologie e processi innovativi.
laFIERA
| 73
i piaceri di roma
di Elisa Sciuto
M
Carezze
di argilla
per
ritrovare
serenita’
ens sana in corpore sano dice la massima latina di Giovenale, rivelando
la stretta connessione tra mente e corpo compresa sin dall’antichità. Un
corpo sano e in salute aiuta la mente a dare il meglio di sé. Quale migliore occasione, allora, dopo una lunga e faticosa settimana di lavoro,
che toccare con mano una dimensione assolutamente nuova del benessere, al confine tra
sogno e realtà.
Il Centro Benessere Victoria Regeneration SPA di Roma, situato sulla spiaggia di Ostia
all’interno dei Bagni La Vittoria, è un luogo in cui si fondono la poesia del mare e l’amore
per la cura del corpo e dello spirito. Un servizio wellness all’altezza delle aspettative, supportato da proposte e trattamenti di alta qualità, permette di rigenerarsi in un ambiente
cordiale e altamente specializzato. La scelta di attività e rituali sensoriali è in grado di
soddisfare ogni singola esigenza: dalla piscina panoramica al caldo abbraccio del thermarium e della Bio-Sauna, dalla fresca energia delle moderne docce emozionali alle tradizionali atmosfere dell’hammam orientale, ogni senso verrà coinvolto e reso protagonista
di un nuovo concept dello star bene. Oltre a questi percorsi, si può scegliere tra un’ampia
gamma di trattamenti ayurvedici e massaggi come la Carezza di argilla bianca (emolliente e calmante), il Burro di
cocco (addolcente e idratante), l’Argilla di Bentonite (rimineralizzante
e purificante) e il nuovo
Rituale auro purissimo,
un bagno nel nettare con
principi attivi dell’oro,
dall’effetto calmante e
rigenerante.
VICTORIA REGENERATION SPA
Lungomare Paolo Toscanelli, 195 Lido di Ostia 00121 Roma
www.victoriaspa.it
74 | laFIERA
macro testaccio
Indirizzo:
P.zza Orazio Giustiniani 4,
Roma
Orario di apertura:
da martedì a venerdì
15,00 -23,00
sab, dom e festivi
11,00 -23,00
lunedì chiuso.
Informazioni:
Tel. 060608
www.stevemccurryroma.it
McCurry
steve
macro testaccio - La Pelanda
dal 3 dicembre al 29 aprile
F
Sharbat Gula, ragazza afgana al campo profughi di Nasir
Bagh vicino a Peshawar, Pakistan, 1984; in alto, da
sinistra: un’immagine dell’allestimento curato da Fabio
Novembre; accanto: Bambino avvolto in una coperta,
Xigaze, Tibet, 1989
ino al 29 aprile 2012, Steve McCurry sarà a Roma
con una grande personale allestita al MACRO Museo
d’Arte Contemporanea di Roma negli spazi espositivi
della Pelanda a Testaccio. La mostra, composta da oltre 200
fotografie, comprende non solo alcune delle icone di McCurry,
come il celebre ritratto della ragazza afgana dagli occhi verdi,
ma anche i lavori più recenti, quelli eseguiti dal 2009 al 2011:
il progetto The last roll con le 32 immagini scattate in giro per
il mondo, gli ultimi viaggi in Thailandia e in Birmania e un
lavoro inedito su Cuba. Ogni suo ritratto racchiude un complesso universo di esperienze, storie, emozioni, dolori, paure,
speranze. Le istantanee non sono state scelte secondo criteri
spazio-temporali, ma per assonanza di soggetti ed emozioni,
cercando i legami più profondi e nascosti che accomunano
luoghi e persone di latitudini diverse. Sarà esposta una selezione delle sue “fotografie italiane”, un magnifico omaggio
all’Italia nell’anno in cui festeggia il suo 150° anniversario,
frutto dei ripetuti soggiorni effettuati appositamente per questo evento. L’allestimento, curato da Fabio Novembre, è stato
concepito come un villaggio nomade dove si susseguono una
serie di padiglioni di forma sferica che richiamano la fisionomia di una capanna. Le strutture si compenetrano tra loro
per restituire quel senso di umanità che si respira nel lavoro
di McCurry. Il fotografo di Philadelphia non è solo uno dei più grandi
maestri della fotografia del nostro secolo, ma un punto di riferimento,
anche in Italia, per un larghissimo pubblico, soprattutto di giovani, che
nei suoi scatti riconosce un modo di guardare il tempo che scorre.
laFIERA
| 75
i piaceri di roma
Parco dei Principi Grand Hotel & SPA
Via G. Frescobaldi, 5 - 00198 Roma
www.parcodeiprincipi.com
’
O
L urban
resort per
scoprirsi
romantici
ltre a un museale centro storico e a meravigliosi palazzi d’epoca, Roma offre degli
immensi spazi verdi in cui potersi ritemprare. Quale migliore idea, allora, che regalarsi
una sosta al Grand Hotel Parco dei Principi.
Situato a ridosso di Villa Borghese e circondato
da un meraviglioso giardino botanico, è un’oasi
nel cuore della Città Eterna che gode di una posizione privilegiata. Rifugio amato da celebrità e
politici di tutto il mondo, è la location ideale per
un weekend romantico, un soggiorno d’affari o
una vacanza all’insegna del lusso e della discrezione.
Nato nel 1964 dal progetto del celebre architetto Giò Ponti, è stato recentemente ristrutturato
nel design e nell’arredamento ispirandosi alla
sontuosità e alla ricchezza delle ville patrizie
dell’antica nobiltà romana di fine ‘600.
Le 179 camere sono eleganti e confortevoli, arricchite da una spettacolare vista su Villa Borghese e sull’esclusivo quartiere dei Parioli. Oltre all’albergo, anche il ristorante Pauline Borghese è da 5 stelle: con
vista sul giardino botanico privato, questo incantevole
salotto all’italiana è annoverato tra le prime tavole della
Capitale. Il servizio attento, premuroso e impeccabile
è unito alla cucina che riscopre i tradizionali e genuini
sapori nostrani in modo contemporaneo. Un’interessante carta dei vini e un’attenta selezione dei migliori olii
regionali offrono una gioia per gli occhi e un trionfo per
il palato. Per un drink serale, invece, il bar La Pomme
abbina degli ottimi cocktail a un piacevole accompagnamento al pianoforte.
76 | laFIERA
’
Una citta a prova
di stress
Il Libro
C
Simona Manna
È Facile Vincere lo Stress
a Roma Se Sai Dove
Andare
101 luoghi per
combattere la fatica e la
noia della vita quotidiana
Newton Compton
Editori
€ 9,90
hi ha voglia di dimenticare il
caos cittadino e rigenerarsi, di
ritrovare il proprio equilibrio al
riparo da un mondo che corre troppo
velocemente, non deve aspettare le ferie!
Il relax, quello vero, è dietro l’angolo e
può diventare parte della quotidianità.
Questo libro, infatti, consiglia piccoli
paradisi a portata di mano, sparsi in
ogni quartiere della città: un chiostro
in mezzo agli aranci, una biblioteca
antica dove si respiri cultura, un piccolo
bar dall’elegante design, un parco dove
passeggiare e leggere, il microclima
di una grotta di sale, un hammam e
i suoi massaggi, un negozio bio o un
parrucchiere dove si leggano libri e si
ascolti musica francese. Chi, poi, alle
prese col traffico della Capitale, non ha
desiderato almeno una volta nella vita concedersi
un bagno turco in un’atmosfera da thermae
romanae, un pasto romantico sotto un pergolato,
una passeggiata a cavallo lungo le sponde del Tevere
o un semplice caffè all’interno di una cappella in
un colleggio religioso del’Ottocento? Simona
Manna, giornalista e scrittrice, propone in questo
suo lavoro esperienze inaspettate e atmosfere
ideali per staccare la spina da ogni nevrosi, per
mettersi in ascolto di se stessi e del proprio respiro.
Luoghi in cui lo scorrere del tempo rallenta, anche
impercettibilmente, e per una volta si adatta ai
ritmi della vita e non il contrario.
Alcuni dei luoghi
antistress a Roma:
•Bagno turco e massaggi in
un’atmosfera da vere thermae
romanae
•Un’oasi di pace en plein air “per
pochi intimi”
•Un angolo di Provenza in cui
sorseggiare un drink e approfittare
della connessione WI-FI
•Per sentirsi a Damasco bevendo
un tè e fumando un narghilè al
gelsomino
•Una passeggiata a cavallo lungo le
sponde del Tevere
•Per tornare ai caffè dei primi anni
del secolo scorso, accoglienti e raccolti
•Un’antica cioccolateria dove farvi
guidare tra tante delizie artigianali
•Un salotto orientale dove un
massaggio rilassante con olio vi farà
sentire in un altro mondo
•Per tuffarvi nel mondo dei prodotti
bio e sentirvi un po’ come nella
vostra casa di campagna
•Un bar realizzato nella cappella di
un collegio religioso dell’Ottocento
•Dove l’arte pasticcera si fonde con
l’atmosfera intima dal sapore rétro
•Niente stress per la scelta delle
portate…
•Aspettate la campanella e Baba vi
servirà
laFIERA
| 77
informazioni generali
COME ARRIVARE IN FIERA
AUTOBUS: Linea Atac-linea 808 per Fiera Roma
Linea Cotral W0001 da Fiumicino
VETTURA PRIVATA: Dal GRA (Grande Raccordo Anulare)
uscita 30 in direzione Fiumicino e poi seguire le indicazioni
segnaletiche per Fiera Roma. Sono disponibili 5000 posti
auto.
TRENO: Dalle stazioni Tuscolana, Tiburtina e Ostiense
collegate alle linee A e B della Metropolitana. Prendere il
Treno FR 1 in direzione Fiumicino e scendere alla fermata
Fiera di Roma. Tariffa 1 euro.
AEREO: Dall’aeroporto di Roma/Fiumicino i collegamenti
sono garantiti con la Fiera di Roma dal treno FR 1 fermata
Fiera Roma, dal taxi e dagli autobus Cotral.
SERVIZIO NOLEGGIO AUTO: In Fiera di Roma è presente
un operatore che offre servizi di noleggio auto con
conducente. Per prenotare rivolgersi a: Consorzio Quasar;
Ufficio presso il Quartiere, Centro Servizi (tra i padd. 10 e
11);
email [email protected];
Tel. 06/97277003; Fax 06/97605531
CONTATTI FIERA
Indirizzo Fiera Roma S.r.l.:
Via Portuense 1645 – 1647, Roma 000148 Tel. 06/65074200201
Area Commerciale:
Segreteria: Fax 06/65074475; email [email protected]
fieraroma.it;
Ufficio estero: email [email protected]
Catering e Ristorazione: Fax 06/65074462;
email [email protected]
Congressi: Tel. 06/65074512/513/550; email [email protected]
fieraroma.it
Eventi: Tel. 06/65074551; email [email protected]
Area Tecnica e Produzione:
Sportello Servizi tecnici (per espositori e allestitori):
Tel. 06/65074651/652; Fax 06/65074402
Segreteria: Fax 06/65074479; email [email protected]
78 | laFIERA
Area Comunicazione:
Tel. 06/65074251/253; email [email protected]
Area Amministrazione Finanza e Controllo
Segreteria:
Segreteria: Tel. 06/65074701; Fax 06/65074471
Contabilità generale: Tel. 06/65074703
Contabilità fornitori: Tel. 06/65074704
Amm.ne Manifestazioni e Organizzazioni: Tel.
06/65074761/2/3;
email [email protected]
Area Risorse Umane e Servizi Generali:
Fax 06/65074478; email [email protected]
PLANIMETRIA
Fiera di Roma è dotata di due ingressi per il pubblico: un
ingresso Nord e un ingresso Est.
All’ingresso Nord fanno capo quattro padiglioni, mentre
all’ingresso Est nove. Ogni padiglione è dotato di servizi di
ristorazione e servizi igienici. Inoltre nell’area centrale che
delimita i due ingressi fanno capo i servizi di primo soccorso,
di polizia e servizi bancari e bancomat.
laFIERA
| 79
80 | laFIERA

Documenti analoghi