Sant`Anna Cavanella d`Adige

Transcript

Sant`Anna Cavanella d`Adige
N. 19 - Anno II
Sant’Anna
Ore 9.30 - Def. Vittorino Toso
Ore 11.00 - S. Messa di Prima Comunione
Cavanella d’Adige
DOM.
8
Ore 11.00
- Def. Converso Egidio e Rosa
- Def. Visentin Guerrino
Domenica 8 maggio 2016
ASCENSIONE DEL SIGNORE
Ore 18.30 - Def. Aggio Beniamino
LUN.
Santo Rosario ore 17.30 TUTTI I GIORNI
9
Ore 18.30 - Santa Messa
MAR.
10
OGGI SOLO FIORETTO ALLE 16.30
MER.
11
Ore 18.30 - Def. Fabris Gianfranco e
Boscarato Maria
- Def. Bergantin Amilcare e
Chieregato Udinea
Ore 18.30 - Def. Guarnieri Angelo
Ore 17.30 - Santo Rosario
Ore 18.00 - Santa Messa
GIO.
12
VEN.
13
Ore 18.30 - Def. Famiglia Mazza
SAB.
14
Ore 9.30 - Santa Messa
DOM.
Ore 11.00 - Santa Messa
15
Ore 17.00
- Def. Giuseppe Zennaro
Ore 11.00
- Per la comunità
Per urgenze, il parroco risponde al cellulare al numero 3485190935
V
ivere la Messa di Prima Comunione è sempre una festa per
me e non nascondo anche un sincera
emozione. Se non riconosciamo che
siamo fatti di emozioni e sentimenti
significa che siamo impermeabili alla
vita. E nella vita saper scorgere questi
incontri col Signore e farne tesoro è
una grazia. Ma dobbiamo anche sforzarci a non correre il pericolo che
tutto sia emozione: serve ma non basta. La messa di prima comunione per
28 bambini e bambine della nostra
parrocchia è incontro vero e reale nei
segni della Parola e del Pane consacrato con il Signore Gesù, il crocifisso
risorto. Certo non capiamo tutto,
neanch’io e neppure i discepoli di
quell’ultima cena. Certo però che se ci
apriamo al dono e non solo alla comprensione razionale allora è possibile
vivere una delle grazie che solitamente non si scordano per tutta la vita.
Anno Liturgico C (o Terzo)
Grazie alle catechiste, Grazia e Lucia,
grazie ai genitori, grazie al Coro delle
bambine e i musicisti, alle Suore per
l’addobbo floreale, alle signore che
rendono bella e pulita la nostra chiesa. Vi guardo con ammirazione e festa
grande, amici di quarta elementare, vi
auguro con cuore di prete che possiate per tutta la vostra vita continuare a
sedervi al banchetto dell’eucarestia
ovunque vivrete. E particolarmente
quando magari la fatica, le amarezze,
le delusioni o le gioie, l’impegno, la
festa accompagnerà la vostra vita: Dio
non delude, gli uomini e le loro parole
si, e troppo spesso. Lui no, lui ha sempre una parola per chi sa ascoltare,
Lui ha un “pane speciale” che nutre la
nostra esistenza, Lui ha una carezza
sulle guance che infonde tenerezza.
Fate in modo che la vostra vita abbia
tante occasioni per questo incontro!
Un abbraccio forte...
Unità Pastorale di Sant’Anna e San Giorgio Martire - Via B. Maderna 2 - 30015 Chioggia (Ve)
Tel.041 4950004 (Don Nicola) - [email protected] - Asilo: tel. 041 4950342
 La Caritas Parrocchiale apre Lunedì 9 Maggio presso i locali sotto la canonica della
Parrocchia a Sant’Anna
 Martedì 10 maggio alla ore 21.00 Vangelo con Cesare Bellemo in Sala San
Francesco
 Sabato 14 maggio il vescovo Adriano presiede la Veglia di Pentecoste alle ore 21.00 in
Cattedrale.
 Domenica 15 maggio con la messa delle 9.30 conclusione anno catechistico a
Sant'Anna; poi momento di festa in asilo! Portiamo un dolce, patatine, bibite: ci sarà
l’animazione delle Ragazze dell’Unicorno!
 Domenica 15 maggio vendita del riso per aiutare i progetti della Comunità di
Villaregia
 Domenica 22 maggio alle 11.00 a Cavanella celebra il parroco e conclusione
dell’anno catechistico!
 MESE DI MAGGIO: a Sant’Anna fioretto per bambini alle 16.30 in
chiesa antica, ore 18.00 rosario per tutti e S. Messa alle 18.30 (no
messa al mercoledì); a Cavanella fioretto tutti i giorni alle ore 17.30 e
il mercoledì S. Messa a seguire alle 18.00 e nell’oratorio di Cavana
ogni sera un bel gruppo di persone si ritrova per la recita del
rosario.
 Trovate una 20 di copie del testo di Papa Francesco Amoris letitia nel ripiano della
stampa. Vi chiedo la cortesia di mettere il prezzo del fascicolo per intero nell’apposita
cassettina!
 Nel tempo della dichiarazione dei redditi la Chiesa Italiana ricorda a tutti che è
possibile destinare l’8 per mille alle opere di carità e al sostentamento del clero. E’
necessario apporre la firma nell’apposito modulo e consegnare in busta chiusa il
modulo ricevuto o stampabile anche da
internet. Anche moltissimi contribuenti che
non fanno la denuncia possono egualmente
devolvere la loro quota Irpef. Non è una tassa
ulteriore ma è la scelta di destinare parte di
quello che già versiamo allo Stato alla
Chiesa Cattolica. Il parroco è a disposizione per eventuali chiarimenti e aiuto a
compilare il modulo.
“AMORIS LAETITIA”: una pluralità di spunti e
attenzioni
Ad un certo punto si rivolge direttamente ai fidanzati: “Cari fidanzati, abbiate il coraggio di essere
differenti, non lasciatevi divorare dalla società del
consumo e dell’apparenza, siate capaci di scegliere
un festeggiamento sobrio e semplice”. Ma ha una
parola anche per la comunità cristiana che deve
“aiutare a far sì che questa priorità diventi la normalità e non l’eccezione”. Spesso, rimarca, in certi
Paesi è considerato come “un lusso” per le condizioni sociali “così che la miseria materiale spinge a
vivere unioni di fatto”. Queste ultime sono parole
del documento finale del Sinodo e si riferiscono
soprattutto a situazione africane.
Parla di sesso nel capitolo dedicato all’ “amore
appassionato” e alla “dimensione erotica dell’amore”, rilevando che il “bisogno sessuale degli sposi
non è oggetto di disprezzo” e non va messo “in
questione quel bisogno”. Osserva, citando Benedetto XVI, che, “seppur non sono mancati nel cristianesimo esagerazioni o ascetismi deviati, l’insegnamento ufficiale della Chiesa, fedele alle Sacre
Scritture non ha rifiutato l’eros come tale, ma ha
dichiarato guerra al suo stravolgimento distruttore”.
Rileva che è sbagliato, come fanno alcune correnti
spirituali, “eliminare il desiderio per liberarsi dal
dolore”. Invita la Chiesa ad una “salutare reazione
di autocritica” per aver spesso presentato il matri-
monio in modo tale che il suo fine unitivo” abbia un
“accento quasi esclusivo posto sul dovere della
procreazione” e anche per aver presentato un
“ideale teologico del matrimonio troppo astratto,
quasi artificiosamente costruito”, con una
“idealizzazione eccessiva”, lontana “dalla situazione reale delle famiglie e delle coppie”.
Aggiunge, citando l’insegnamento di Giovanni
Paolo II, che non è vero che la Chiesa tollera il sesso solo per la procreazione e che “l’educazione
delle passioni e della sessualità” non pregiudica “la
spontaneità dell’amore sessuato”: “In nessun modo possiamo intendere la dimensione erotica
dell’amore come un male permesso o come un
peso da sopportare per il bene della famiglia”.
Ribadisce che “per molto tempo” si è insistito su
“questioni dottrinali bioetiche e morali, senza motivare l’apertura alla grazia”.
Sul piano sociale papa Francesco critica la mancanza di politiche familiari da parte di molti Stati, denuncia la violenza sulle donne e la mancanza di
diritti pari a quelli degli uomini, anche nel lavoro. Ammette che per quanto sono stati fatti passi in
avanti sui diritti delle donne “c’è ancora molto da
crescere in molti Paesi”: “La vergognosa violenza
che a volte si usa nei confronti delle donne, i maltrattamenti familiari e varie forme di schiavitù, non
costituiscono una dimostrazione di forza mascolina, bensì un codardo degrado”. (Alberto Bobbio,
continua)
FIORETTO PER LE FAMIGLIE

LUNEDI 9 MAGGIO presso Ivo Daniele, Via Vecchia Romea,
ore 21.00

GIOVEDI 12 MAGGIO piazzale Via Pegorina, di fronte a
famiglia Gibin Otello e Grazia, ore 21.00

MERCOLEDI 18 MAGGIO, cortile Asilo Parrocchiale, dinanzi
alla Grotta, ore 21.00

Documenti analoghi