comunicato stampa OPERAZIONE OCCHIALI

Commenti

Transcript

comunicato stampa OPERAZIONE OCCHIALI
Guardia di Finanza
COMANDO PROVINCIALE SASSARI
- Via
Baldedda, n. 11/a - 079/254033
COMUNICATO STAMPA
GUARDIA DI FINANZA “OPERAZIONE DIECI DECIMI”: ATTIVITA’ DI
VIGILANZA NEL SETTORE DELLA VENDITA DI DISPOSITIVI MEDICI –
SEQUESTRATI 1.850 OCCHIALI DA VISTA NON CONFORMI ALLE
NORMATIVE SANITARIE.
I DISPOSITIVI MEDICI, POSTI IN VENDITA DA UN COMMERCIANTE DI
NAZIONALITA’ CINESE, ERANO PRIVI DELL’ATTESTATO DI
CONFORMITA’ E PRESENTAVANO UNA MARCATURA “CE”
IRREGOLARE.
I Finanzieri della Compagnia di Sassari, nell’ambito del continuo
monitoraggio delle attività commerciali volto a prevenire e reprimere
le condotte che possono creare pericolo per il consumatore, si sono
recati presso un esercizio commerciale gestito da una cittadina
cinese, J.X. di 41 anni, nel centro storico di Sassari.
Durante il controllo, i militari hanno notato esposti in vendita gli
occhiali da lettura predisposti già per la correzione del difetto della
presbiopia, solitamente in vendita presso ottici, farmacie e negozi
autorizzati alla vendita di articoli sanitari.
Proprio la presenza di tali dispositivi medici in un negozio che
vende altro genere di articoli (gadgets e abbigliamento) ha messo in
allarme i finanzieri che, dopo un’analisi degli occhiali stessi, hanno
rinvenuto diverse irregolarità.
La vendita di tali dispositivi medici, infatti, è possibile solo presso gli
esercizi di ottica, farmacie e quelli autorizzati alla vendita di articoli
sanitari.
Inoltre, gli occhiali rinvenuti, non erano corredati da tutta la
documentazione prevista dalla legge (attestato di conformità “CE”,
nome o marchio del costruttore o dell’importatore, potere diottrico
espresso in diottrie, distanza interpupillare annotata su etichetta o
su adesivo applicato sulle lenti o sulla montatura, avvertenze e
precauzioni per l’uso, unite alla confezione di vendita al pubblico
stampate in lingua italiana)
Sono stati pertanto sequestrati 1.850 occhiali da vista di varie forme
e misure nonché di diversi poteri diottrici.
La titolare dell’esercizio è stata segnalata alla locale Prefettura per
la violazione prevista e punita dall’art. 23, comma 3 del D.Lgs.
46/97 che prevede una sanzione amministrativa pecuniaria da Euro
15.493 a Euro 92.962.
Continua naturalmente l’opera di sorveglianza degli esercizi
commerciali per assicurare il rispetto delle norme a tutela dei
consumatori.