Devicenzi al Mainetti il 20.05.2016 alle ore 11.00

Commenti

Transcript

Devicenzi al Mainetti il 20.05.2016 alle ore 11.00
20 Maggio 2016 ore 11:00
Andrea Devicenzi incontra gli studenti dell’I.T.E. Mainetti
La Società sportiva “Duemme Corse” organizza un incontro formativo e motivazionale fra gli
studenti dell’Istituto “M.L. Mainetti” e lo sportivo Paralimpico Andrea Devicenzi.
“Diventa consapevole dei tuoi talenti”
Lamiastoria: All’età di 17 anni un grave incidente motociclistico mi
ha causato l’amputazione della gamba sinistra. Evento tragico che
ha per sempre cambiato la mia vita !!! Fortunatamente se ne è
andata una gamba ma non la VOGLIA DI VIVERE ogni giorno
della mia vita, AL MASSIMO delle mie possibilità. Ho sempre
praticato sport, ricavandone da ogni allenamento uno STATO
FISICO E MENTALE POSITIVO che mi aiutava poi anche nella
vita di tutti i giorni. La convinzione maturata in tutti questi anni, che
non fosse la mancanza di un arto a privare un individuo di fare
della propria vita ciò che vuole, mi ha portato nel 2007 ad iniziare un’attività agonistica nel
ciclismo Paraolimpico accettando nuove sfide, ogni volta sempre più importanti.
Alcunideimieirisultatisportivi:
2010 – Raid in autosufficienza sulla strada carrozzabile più alta del mondo, situata in India. 700
km in 8 giorni in sella alla mia MTB. Raggiungendo per la prima volta da un atleta amputato di
gamba il KardlungLa a quota 5.602.
2011 – Partecipazione alla Parigi-Brest-Parigi. L’Olimpiade delle Randonnèe. 1.230 km da
percorrere in un tempo dichiarato di 80 ore. Concludendola in 72 ore e 42 minuti, sono stato il
primo amputato al Mondo, dal 1890, a riuscirci.
2012 – Medaglia di Bronzo ai Campionati Europei di Paratriathlon in Israele, e qualifica per i
Mondiali a Settembre in Nuova Zelanda.
2013 – Medaglia d’argento ai Campionati Europei di Paratriathlon in Turchia.
Diconodilui: Un incontro che non si dimentica!!!
Andrea HA UN’ENERGIA CHE TI CONTAGIA
E UN CORAGGIO CHE INSEGNA.
È come un fiume che scorre veloce, le cui acque ti
svegliano dal torpore della routine e dell’abitudine.
Parla di imprese straordinarie che lasciano a
bocca aperta; racconta di salite che sanno di fatica, di impegno e di volontà
inesauribile.
Inonda i ragazzi di stimoli con una generosità che scalda il cuore ed allo stesso
tempo li fa riflettere.
Ti racconta la sua storia con la profondità e la saggezza di chi ha ricevuto
un grande insegnamento dalla vita e l’ha fatto proprio:
siamo già quello che vogliamo
diventare!
Un lavoro lungo quello dell’ACCETTAZIONE della sua “nuova” condizione fisica, per
arrivare a sperimentare che “il limite non è limite, ma RISORSA”, e che “le barriere esistono
solo nella mente”.Un incontro che non si dimentica !!!
www.andreadevicenzi.it