Lezione 9/1: I cocktail after dinner

Commenti

Transcript

Lezione 9/1: I cocktail after dinner
Lezione 9/1: I cocktail after dinner
PRESENTAZIONE
I cocktail after dinner (cioè dopo pasto) sono drink con un gusto molto più morbido rispetto ai pre dinner.
In questa categoria si utilizzano tendenzialmente distillati invecchiati quali brandy, cognac, rum, whisky, ma si
possono utilizzare anche vodka, tequila e grappa.
Gli aromatizzanti sono costituiti da liquori dolci, amari, bitter, vermouth e i coloranti, ripetiamo, possono
essere gli stessi liquori dolci colorati o anche gli sciroppi.
Vengono utilizzati anche succhi di frutta (arancia, limone, ananas, tropicale), caffè, crema di latte, uova.
I cocktail after dinner classici di buona struttura si servono quasi tutti in coppetta cocktail, se si aggiunge
succo di frutta, crema di latte, caffè si possono servire in doppia coppa cocktail, se il cocktail prevede il
ghiaccio si serve in un tumbler, i cocktail con lo Spumante o lo Champagne si servono in flûte.
Vediamo ora un classico after dinner
STINGER
Bicchiere: coppetta
Attrezzo: shaker
Ricetta:
cl. 4 Cognac
cl. 2 Crema di Menta bianca
Questo cocktail è codificato IBA, la ricetta originale non prevede decorazione.
I due prodotti sono perfettamente miscibili, ma il cocktail è nato così, volutamente opalescente per effetto
della shakerata, quindi occorrerà procedere velocemente al servizio altrimenti, dopo alcuni secondi, il cocktail
torna limpido.
Lo Stinger, se richiesto, può essere servito anche nel bicchiere con ghiaccio, in questo caso dopo la shakerata
si versa tutto il contenuto dello shaker in un tumbler basso. La perfetta bilanciatura di questo cocktail
dimostra che si possono ottenere ottimi risultati anche con due soli ingredienti. L’importante è la qualità e il
rapporto tra gli ingredienti.
B&B
Bicchiere: ballon
Ricetta:
cl. 2 Cognac
cl. 2 Benedictine
Anche questo cocktail, semplicissimo, si realizza direttamente nel ballon versando i due ingredienti senza
ghiaccio, si miscela bene e si serve.
Se richiesto si aggiunge ghiaccio, in questo caso il servizio sarà realizzato in un tumbler basso.
Passiamo alla costruzione di un cocktail after dinner di fantasia
ARGO
Bicchiere: coppetta
Attrezzo: mixing glass
Ricetta:
cl. 4 Vodka
cl. 1 Bitter
cl. 2 Amaro
Si lavorano gli ingredienti nel mixing glass, si serve in coppetta cocktail, uno sprizzo in superficie di scorza di
arancia e una ciliegina rossa all’interno.
Variando il tipo di amaro (in questa ricetta abbiamo utilizzato Braulio) si ottengono risultati con gusti
differenti.
Modifichiamo l’Argo diminuendo la vodka e sostituendo l’amaro con un liquore dolce
PENELOPE
Direttamente nel old fashion
Ricetta:
cl. 3 Vodka
cl. 1 Bitter
cl. 3 Apricot Brandy
Riempire il bicchiere di ghiaccio, versare gli ingredienti, raffreddare e decorare con un alchichinger o altro.
Il gusto di questa variante sarà decisamente più morbido, leggermente meno alcolico. Per realizzare alcune
varianti a questo cocktail è possibile modificare gradatamente il rapporto tra gli ingredienti ( la Vodka fornisce
la base alcolica più importante, il Bitter il retrogusto amaricante, l’Apricot Brandy la componente zuccherina).
Mantenendo inalterata la dose di vodka, si può variare il rapporto tra Bitter e Apricot Brandy per avere gusti
decisamente differenti.
Ecco un altro cocktail fantasia
THREE STAR
Direttamente nel tumbler
Ricetta:
cl. 4 Brandy
cl. 2 Fernet
cl. 1 Liquore al Caffè
Versare nel bicchiere pieno di ghiaccio i tre ingredienti, raffreddare e servire, come consiglia il relatore, con un
cioccolatino fondente.
Il cocktail che presentiamo nel prossimo video ha un gusto decisamente dolce dovuto alla presenza di Crema
Cacao e Liquore alla vaniglia
CHARLIE BROWN
Bicchiere: coppetta
Attrezzo: mixing glass
Ricetta:
cl. 3 Rum scuro
cl. 2 Crema di Cacao Scura
cl. 1 Liquore alla vaniglia
Raffreddare gli ingredienti nel mixing glass e versare in doppia coppa precedentemente “crustata” sul bordo
con codette di cioccolata.
La decorazione della coppetta si effettua facendo ruotare il bordo del bicchiere in un piattino dove è stato
versato zucchero liquido e immergendo il bordo, sempre ruotando, in una vaschetta contenente codette di
cioccolato. Ne parleremo ampiamente nella lezione delle decorazioni.
Cocktail after dinner realizzati nelle lezioni precedenti
Nello shaker
WHISKY SOUR
Nel blender
DAIQUIRI FROZEN
Altre ricette di after dinner nel data base cocktail.

Documenti analoghi

Un Cantinero a Marina di Ravenna

Un Cantinero a Marina di Ravenna ogni drink. Mi piace affermare che la Canchanchara esisteva almeno 3 secoli prima della nascita della Canchanchara a Trinidad, Cuba. La Canchanchara è sempre esistita, punto. Poi è nato il drink. D...

Dettagli

ingredienti necessari

ingredienti necessari discende ovvero “l'Americano”, in una sorta di antropologia culturale alcoolica si può intuire come i cocktail rappresentino una buona sintesi di quello che dovrebbe essere la società del futuro. N...

Dettagli

I Cocktail Mondiali

I Cocktail Mondiali Cocktail mondiali La prima classificazione dei cocktail mondiali risale al 1961, quando i rappresentanti di tutto il mondo aderenti all'I.B.A. - International Bartenders Association - stilarono un ...

Dettagli