2011_03

Commenti

Transcript

2011_03
Sommario
marzo 2011
L’Editoriale del Presidente Sciannimanico
Aeronautica: non c’è due senza tre
05
Serie A1 Maschile
Cinque squadre per quattro posti
06
Serie A1 Femminile
Eterno duello tra Sandonatese e Sterilgarda
08
Serie A2 maschile
Il punto sui campionati
10
Attualità
E’ bello tornare a Lignano
11
Attività Internazionale
Italian Open Cadet and Junior ITTF
12
Tennistavolo Paralimpico
Il Lignano Master Open 2011
17
Attività Internazionale
Azzurri ai Pro Tour
24
Attività Internazionale
Mutti al Top 10 Europeo
26
Attività Internazionale
Bronzo per Francesca Trotti
29
Attività Internazionale
Le partite di European Nations League
30
Attività Internazionale
Le Nazionali tornano a Milano
31
Attività Internazionale
Azzurrini podio sfiorato
32
Attività Internazionale
Il Top 12 Europeo
33
Attività Individuale
Il Torneo Nazionale di Modena
34
Attività Individuale
Il Torneo Nazionale di Casamassima
35
Tennistavolo Paralimpico
Il Torneo Nazionale di Roma
37
Serie B1 Maschile
Il punto sui campionati
39
Comitati Regionali
Nuovo impianto in Campania
40
Attività Individuale
Il Torneo di Cortemaggiore
42
Arbitri e Giudici
Un po’ di storia
44
Appuntamenti
Scadenzario agonistico
46
3
Editoriale
Anno 7 n. 2
Marzo 2011
Direttore Editoriale
Franco SCIANNIMANICO
[email protected]
Direttore Responsabile
Corrado ATTILI
[email protected]
Editore
FEDERAZIONE ITALIANA
TENNISTAVOLO
Foro Italico
Stadio Olimpico
Curva Nord
00194 ROMA
Tel. 06 36857781
Fax 06 3204714
[email protected]
Hanno collaborato:
Franco Andriani,
Carlo Borella,
Gianfranco Cancedda,
Elio Corrado,
Ettore Dernini,
Bruno Di Folco,
Sante Gigante,
Antonello Grancini,
Giulio Guerzoni,
John Ippoliti,
Roberto Levi,
Matteo Quarantelli,
Domenico Scatena
Fotografie
Michele Castellani,
Foto Claudio,
Domenico Vallorini,
Archivio Fitet,
Courtesy CIO,
ITTF, ETTU e CIP
Aeronautica,
non c’è due senza tre
di Franco Sciannimanico
L’appena concluso mese di febbraio,
anch’esso ricco di attività sia nazionale
che internazionale, è stato illuminato, sul
fronte della politica federale, da un altro
piccolo-grande successo: il terzo atleta
di tennis tavolo arruolato tra le fila del
Gruppo Sportivo Aeronautica Militare.
Dopo Nikoleta Stefanova e Mihai Bobocia sarà infatti Marco Rech Daldosso
ad indossare la divisa dell’Arma azzurra,
la più medagliata tra le forze sportive
militari italiane. Un successo, nel senso
della continuità di un rapporto costruito con abilità e pazienza, sia da parte
nostra che da parte del Gen. Gagliano
dell’Aeronautica, ed un incentivo fatto
di maggior sicurezza e serenità per uno
dei nostri migliori atleti che ha maturato,
con convinzione, la decisione di fare di
questo sport il suo interesse primario.
Si continua intanto a lavorare per allargare la pattuglia dei nostri atleti più rappresentativi. In questa direzione va anche
l’impegno della Federazione nel seguire
i nostri migliori giovani con sedute tecniche personalizzate “a domicilio” degli
atleti stessi. Una strada difficile e dispendiosa di risorse, umane ed economiche,
ma che speriamo ci faccia “raccogliere”
tra pochi anni i conseguenti risultati.
Febbraio è stato anche il mese di preparazione di una intensa attività interna-
Stampa
Società Editrice
Lombarda Srl
Via De Berenzani, 6
26100 CREMONA
Registrazione al Tribunale
di Cremona
n. 417 del 28/07/2005
MARCO RECH DALDOSSO,
TERZO AZZURRO
IN
AERONAUTICA
IL PRES. SCIANNIMANICO CON IL GENERALE GAGLIANO
zionale che ci vedrà in prima fila come
organizzatori nel mese di marzo e che
speriamo ci porti anche quei successi
sportivi che sono il nostro obiettivo.
A Milano si giocheranno infatti gli incontri
di European Nations League contro Belgio e Romania rispettivamente con la
nazionale maschile e femminile, mentre
a Lignano Sabbiadoro nella prima settimana del mese tornerà l’Italian Open
ITTF Junior and Cadet, torneo mondiale
giovanile con atleti provenienti da 21
nazioni di quattro continenti. Sarà una
prova per verificare lo stato di salute dei
nostri giovani e sperare di intravedere
quelli che saranno gli atleti che dovranno avere nei prossimi anni le Olimpiadi
come obiettivo. E tutti sappiamo come
sarà difficile centrare questo obiettivo,
ad iniziare da Londra 2012, nonostante
l’impegno massimale di tutti, società,
atleti, allenatori e federazione.
Poi nella seconda metà del mese, sempre a Lignano Sabbiadoro, e sempre
sotto l’egida ITTF, saranno protagonisti gli
atleti paralimpici di tutto il mondo con
33 Paesi rappresentati e 350 atleti. Dobbiamo dare seguito alle recenti medaglie mondiali conquistate e certamente
saranno diversi gli atleti che potranno
aspirare alla partecipazione olimpica
nelle varie categorie paralimpiche.
Anche in questo settore non possiamo
permetterci stalli o passi falsi perché
tutte le nazioni, a cominciare da quelle
europee, stanno impegnandosi per avvicinare lo strapotere cinese.
Grandi numeri per grandi impegni, toccherà a noi trasformare questi eventi in
grandi soddisfazioni.
5
Attività Internazionale
Welcome in Italy e... forza azzurri
di Corrado Attili
Si torna a Lignano. Splendida località balneare che
negli ultimi settant’anni ha saputo conquistare grandi
attenzioni e tanti turisti. Noi nel nostro piccolo abbiamo
contribuito, e continuiamo a farlo, cercando di farla
diventare anche una delle capitali italiane ed europee
del nostro sport. Per noi del tennistavolo è un ritorno di
lavoro e, speriamo, di grandi soddisfazioni sportive. Non
è infatti la stagione per fare il bagno ed andare in spiaggia e dunque quale periodo migliore per concentrarsi
sulla conquista di altri allori sportivi nelle varie gare di
singolo, di doppio e a squadre.
Tornare a Lignano Sabbiadoro per l’Italian ITTF Open
Junior and Cadet 2011 significa, per tutti noi, tornare
con la memoria ad alcuni dei momenti maggiormente
esaltanti della passata stagione quando nella prima
edizione disputata nello splendido impianto lignanese
raccogliemmo molto sia in termini sportivi che di apprezzamento.
Tornano infatti a scorrere davanti ai nostri occhi
momenti di straordinario
entusiasmo per gli azzurri che vinsero ben quatto
medaglie, due ori, un argento e un bronzo e soprattutto riviviamo l’esaltante vittoria della coppia
Leonardo Mutti e Alessandro Baciocchi che sotto
per 0-2 e 7-10 riuscirono
a recuperare una incredibile partita battendo
l’Olanda 3-2 conquistando l’oro.
Da Lignano, l’Italia del
tennistavolo l’anno scorso
portò a casa quattro medaglie il cui merito è stato
riconosciuto, ai tecnici
delle nazionali, ai loro
tecnici di società, alla
Fitet, alle società stesse
che con i loro dirigenti
hanno saputo scommettere ed investire sul futuro
di questi giovani fornendo
loro delle occasioni di
educazione e di crescita
sportiva. Ma la Fitet l’anno scorso portò a casa
anche gli ennesimi complimenti per la capacità
organizzativa e gestionale
12
Attività Internazionale
Atleta
Squadra
VIVARELLI DEBORA
STERILGARDA TT
TROTTI ELISA
ALTO SEBINO
COLANTONI CHIARA
JUVENES S. MARINO
TATULLI FRANCESCA
ANSPI CORTEMAGGIORE
FORNASARI ANNA
ANSPI CORTEMAGGIORE
CARASSIA CLAUDIA
GIOVANNI CASTELLO
LOTTI TATYANA
TRAMIN
Allievi femminili
Atleta
Squadra
GLI AZZURRI PER L’ITALIAN ITTF OPEN JUNIOR AND CADET 2011
Junior femminili
Junior maschili
Atleta
Squadra
SERETTI DAMIANO
STERILGARDA TT
MUTTI LEONARDO
STERILGARDA TT
PAVAN FEDERICO
DUOMOFOLGORE TREVISO
BACIOCCHI ALESSANDRO
TT PERUGIA
DI MARINO ALESSANDRO
STET MUGNANO
MASSARELLI MAURIZIO
STET MUGNANO
Allievi maschili
Atleta
Squadra
MARCATO LUCA
CENTRO SOCIALE Q4 ASD
LORETO DARIO
CIATT FIRENZE
PERRI ROBERTO
REFRANCORESE
PICCOLIN JORDY
TRAMIN
APPOLLONI NICOLO’
SPIAGGIA DI VELLUTO
GEREVINI DAVIDE
ASOLA
CANDELORI MICHELE
GARDEN TERNI
VICARIO GABRIELE
TENNIS TAVOLO TORINO
BRESSAN LUCA
AZZURRA STRACCIS
FRIGIOLINI NICHOLAS
PIEVE EMANUELE
PEZZI DANIELE
STERILGARDA
BRACCO BIANCA
TENNISTAVOLO GENOVA
PICCOLIN GIORGIA
ASV TRAMIN
TROTTI FRANCESCA
ALTO SEBINO
LE THI HONG LOAN
STERILGARDA T.T.
MOSCONI VERONICA
PIEVE EMANUELE
DUMITRACHE CRISTIANA
STERILGARDA T.T.
DELASA MARCELLA
ALTO SEBINO
MINUTOLI CLAUDIA
TT UNIVERSITARIA
PICHLER GRETA
ASV TRAMIN
TURGANTI ELISA
STERILGARDA TT
SATTLER MIRIAM
ASV TRAMIN
MOCCI DEBORA
PIEVE EMANUELE
PACE LEONARDO
SPORTING LIBERTAS
COSTADURA CLARA
TENNISTAVOLO GENOVA
PIZZI ALESSANDRO
GIOVANNI CASTELLO
CERZA MATTEO
TERNI T.T.
PINTO DANIELE
REGALDI
PAOLETTI ANDREA
PIEVE EMANUELE
NELLE FOTO GLI AZZURRI LEONARDO MUTTI,
ALESSANDRO BACIOCCHI ED ELISA TROTTI
A LIGNANO 2010
del suo staff e del suo gruppo arbitrale, una squadra
che le sue vittorie di solito non le manca mai. L’ITTF infatti
riconobbe la tradizione di eccellenza dell’organizzazione italiana e la squisita disponibilità dei responsabili del
Villaggio Getur.
Ora l’avventura continua, è giunto il momento di tornare
in campo. Lo è per i nostri azzurri che portiamo numerosi
ad un evento nel quale sono molto attesi, soprattutto il
gruppo degli junior che con Damiano Seretti, Federico
Pavan, Leonardo Mutti, Alessandro Baciocchi, Elisa Trotti
e Debora Vivarelli possono senz’altro recitare un ruolo da
protagonisti. Sarà anche utile vedere all’opera le nostre
cadette Francesca Trotti, Giorgia Piccolin e Bianca Bracco che a livello internazionale si sono già fatte notare e
che certamente cercheranno di sfruttare al meglio l’occasione casalinga per confermare la loro competitività.
Sarà anche l’occasione per l’esordio di molti ragazzi
a livello internazionale, un battesimo che, comunque
vada, farà parte per sempre dei loro ricordi e del loro
più importante bagaglio di esperienze.
13
Attività Internazionale
Immagini
dall’Open Junior
and Cadet di Lignano
2010
14
Attività Internazionale
Corrado ATTILI
I PAESI PARTECIPANTI ALLA MANIFESTAZIONE
1
BRASILE
8
ISRAELE
15
ROMANIA
2
BELGIO
9
ITALIA
16
SERBIA
3
CANADA
10
MALTA
17
SINGAPORE
4
FRANCIA
11
POLONIA
18
SLOVACCHIA
5
GERMANIA
12
PORTOGALLO
19
SLOVENIA
6
GRECIA
13
PERU’
20
UNGHERIA
7
HONG KONG
14
REPUBBLICA CECA
21
URUGUAY
15
Tennistavolo Paralimpico
Lignano capitale
del tennistavolo paralimpico
Si disputa dal 22 al 27 marzo il Lignano Master Open 2011, torneo
mondiale paralimpico che vedrà
350 atleti provenienti da 36 Paesi
di tutti i continenti affrontarsi nello
splendio impianto di Lignano Sabbiadoro, dallo scorso anno Centro
Federale per il Tennistavolo Paralimpico. La grande manifestazione
sarà preceduta dai Campionati Ita-
liani Paralimpici che si svolgeranno
dal 18 al 20 marzo, sempre nella
città balneare friulana presso l’impianto sito nel Centro Ge.Tur, una
competizione che vedrà presente
il meglio del settore a livello nazionale, uno straordinario gruppo di
atleti che come sappiamo si fanno
rispettare anche a livello internazionale a suon di medaglie.
I PAESI PARTECIPANTI ALLA GRANDE KERMESSE INTERNAZIONALE (totale 444 persone)
Nazione
Atleti
Accomp.
Totale
Nazione
Atleti
Accomp.
Totale
1
Argentina
7
2
9
19
Italia
34
4
38
2
Australia
7
4
11
20
Korea
14
2
16
3
Austria
11
3
14
21
Lituania
1
1
4
Belgio
3
3
22
Malesia
4
4
5
Brasile
10
7
17
23
Olanda
15
4
19
6
Canada
1
1
2
24
Norvegia
3
1
4
7
Rep. Ceca
5
5
25
Polonia
17
4
21
8
Danimarca
4
6
26
Romania
5
1
6
9
Spagna
12
12
27
Russia
21
8
29
10
Finlandia
1
1
2
28
Slovenia
7
2
9
11
Francia
37
7
44
29
Serbia
7
2
9
12
Gr. Bretagna
16
1
17
30
Svizzera
5
2
7
13
Germania
16
6
22
31
Slovacchia
10
4
14
14
Hong Kong
5
2
7
32
Svezia
10
3
13
15
Ungheria
9
9
33
Taiwan
10
1
11
16
Irlanda
6
3
9
34
Turchia
15
6
21
17
Islanda
1
1
2
35
Ucraina
11
4
15
18
Israele
7
5
12
36
Usa
3
1
4
2
17
Tennistavolo Paralimpico
Peppe Vella presenta
il Lignano Master
di Roberto Levi
Per la quarta volta direttore
del torneo, per la seconda
stagione si occupa delle
iscrizioni e delle competizioni per conto della Fitet,
Giuseppe Vella, conosce
l’evento meglio di tutti
Un evento in continua crescita che
quest’anno, alla quinta edizione,
festeggerà la sua consacrazione
assoluta. Il Lignano Master Open,
che si svolgerà dal 22 al 27 marzo, non aprirà, come nel 2010, la
stagione agonistica internazionale,
ma sarà comunque il primo grande appuntamento del calendario,
una decina di giorni dopo l’Open di
Ungheria. Per la quarta volta direttore di torneo è Giuseppe Vella, che
per la seconda stagione si occupa
delle iscrizioni e delle competizioni
per conto della Fitet.
Vella, a fronte dei 180 atleti da
24 nazioni del 2010, è vero che in
questa occasione avrete una vera
esplosione di partecipanti?
«In effetti è proprio così, perché i
pongisti in gara saranno oltre 340,
provenienti da 36 Paesi. Pensava-
18
SOPRA PEPPE VELLA IN AZIONE
mo di attestarci intorno alle 300 unità e invece siamo andati abbondantemente oltre. A questo numero
si aggiungono circa un centinaio di
accompagnatori e una sessantina
di arbitri».
Quali sono i motivi di questo incremento?
«Sono almeno di tre ordini. Prima di
tutto siamo nell’anno di qualificazione paralimpica e tutti hanno interesse a giocare più tornei, per totalizzare il maggior numero di punti
possibili. Oltre a ciò Lignano può
mettere a disposizione lo splendido villaggio turistico sportivo Getur,
sede anche del Centro Federale,
che è dotato di alloggi e palestra
perfettamente accessibili agli atleti
diversamente abili. Non trascurerei
poi l’aspetto economico, perché il
costo d’iscrizione e permanenza è
più basso rispetto alla media degli
altri tornei e questo aspetto incide
sensibilmente nel caso dei gruppi
più numerosi».
Nello specifico, da dove arriveranno i protagonisti dell’Open?
«Da tutti i continenti tranne l’Africa.
Avremo una grande rappresentanza europea, il continente americano con Stati Uniti, Argentina e Brasile, l’Australia e l’Asia con Corea del
Sud, Taipei e Hong Kong. Argentini
Tennistavolo Paralimpico
e brasiliani dovrebbero arrivare una
settimana prima, per svolgere un
raduno in loco».
Il torneo è stato anche promosso
in termini d’importanza.
«Siamo stati premiati dall’Ipttc, settore paralimpico dell’Ittf, e promossi
da fattore 20 a fattore 40, per cui i
punti ottenuti per ogni vittoria vengono raddoppiati. Si tratta di uno
status riconosciuto alle manifestazioni che abbiano una struttura accessibile e funzionale, alti standard
organizzativi e un minimo di numero
di tavoli a disposizione. Ne allestiremo 20 per le gare più altri 8 per il
riscaldamento».
Parliamo un po’ dei campioni
presenti?
«Ci saranno tutti i nostri migliori elementi e complessivamente gli italiani saranno 34. Sul fronte stranieri
ci saranno il tedesco Holger Nikelis
e il russo Serguey Poddoubnyi, campioni mondiali in carica di classe 1
I RAGAZZI DELLE SCUOLE DI LIGNANO SARANNO ANCORA PROTAGONISTI
e 2. In classe 6 la star sarà il danese
Peter Rosenmeier, che oltre all’ultima rassegna iridata di Gwangju
si è aggiudicato le Paralimpiadi di
Pechino nel 2008. Lo spagnolo Josè
Manuel Ruiz, che ai Mondiali si è
imposto nell’Open in piedi, sarà al
via in classe 10. Molti i francesi, fra i
quali Vincent Boury, che a Gwangju
si è messo al collo l’argento a squadre di classe 1-2. Passando alle
donne si segnalano per esempio
FOLLA DI ADDETTI AI LAVORI NELLA MIXED ZONE DI LIGNANO L ’ANNO SCORSO
la russa Nadezda Pushpasheva e la
slovacca Alena Kánová, rispettivamente argento iridato di singolare
in classe 1-2 e in classe 3».
Quale sarà il programma della
manifestazione?
«Le delegazioni arriveranno martedì
22 marzo e ripartiranno domenica
27, mentre le competizioni saranno
dal 23 al 26, prima i singolari di classe e poi le gare a squadre. Giudice
arbitro sarà il francese Patrick Ringel,
delegato tecnico internazionale lo
sloveno Gorazd Vecko e deputy referees saranno l’italiano Sauro Malta
e lo sloveno Matija Krnc».
L’Open vedrà un grande coinvolgimento delle scuole di Lignano.
Cosa avverrà?
«Tutte le scuole elementari e
medie e l’istituto tecnico turistico
saranno presenti. Esiste infatti un
progetto di collaborazione con
la Federazione, che prevede la
partecipazione degli allievi come
volontari. Un gruppo di studenti rimarrà a dormire al villaggio Getur
e si occuperà anche delle attività
di accoglienza e segreteria tecnica. In cambio le scuole ricevono
un corso gratuito di tennis tavolo di
un’ora alla settimana, per tutta la
durata dell’anno scolastico. Siamo
partiti a ottobre e andremo avanti
fino a maggio. In tutto, fra elementari e medie, stiamo insegnando il
nostro sport a 250 bambini di quattordici classi».
19
Tennistavolo Paralimpico
Le previsioni di Donato Gallo
di Roberto Levi
Intervista al principale collaboratore di Alessandro Arcigli, responsabile tecnico delle nazionali azzurre paralimpiche, che si sbilancia in pronostici sia per i Campionati Italiani che per
il Master Open di Lignano
Il Master Open di Lignano sarà un banco di prova molto
importante per i pongisti azzurri, che la settimana prima
saranno impegnati, sempre all’interno del centro Getur,
nei Campionati Italiani Assoluti. Proviamo a fare qualche
pronostico su entrambe le manifestazioni con l’aiuto di
Donato Gallo, vice responsabile tecnico delle Nazionali
paralimpiche.
DONATO GALLO E CLARA PODDA
RAIMONDO ALECCI
20
MICHELA BRUNELLI
Gallo, partiamo dal torneo internazionale. Con quali
ambizioni lo affrontate?
«Iniziamo con il dire che il campo di partecipazione sarà
incredibile. Sarà un appuntamento maestoso, al quale
mancherà solo la grande Cina».
Cosa fa, mette le mani avanti?
«Assolutamente no, anche perché speriamo proprio di
conquistare qualche medaglia e qualche altro risultato
soddisfacente. In classe 1-2 femminile Pamela Pezzutto e
Clara Podda possono aspirare al podio, mentre in classe 3
ci aspettiamo un buon piazzamento da parte di Michela
Brunelli e una prova convincente di Federica Cudia».
In classe 4 tornerà Valeria Zorzetto.
«Dopo un periodo di stop bisognerà vedere quale sarà la
sua tenuta agonistica, fisica e mentale. Il podio potrebbe
essere alla sua portata. Bene possono fare anche Marisa
Nardelli in classe 5 e Paola Bevilacqua nella 10. Per quest’ultima il podio non è utopia, se avrà superato gli strascichi dei vari interventi ospedalieri cui si è sottoposta dopo i
mondiali coreani»
Per gli uomini quali sono
le attese?
«Buoni piazzamenti sono
nelle corde di Andrea Borgato, in classe 1, Giuseppe
Vella, rientrato alle gare,
Julius Lampacher e Federico Crosara in 2, Nicola Molitierno in 3, Salvatore Caci
in 4, Andrea Furlan in 7 e
Paolo Manfredi Baroncelli
in 9. In classe 6 una medaglia potrebbe arrivare da
Raimondo Alecci e Davide
Scazzieri».
Passiamo alle gare a
squadre?
«Brunelli-Cudia
possono
fare bene e Pezzutto-Podda, Zorzetto-Nardelli e
Tennistavolo Paralimpico
Bevilacqua, che sarà in
coppia con un’atleta straniera, sono da podio. Nel
maschile possono avvicinarsi al vertice assoluto
Caci-Molitierno e AlecciScazzieri».
Nel complesso del medagliere cosa auspica?
«A parte il predominio di
SOPRA ANDREA BORGATO. A LATO PAOLO MANFREDI BARONCELLI
Francia e Corea, che sono
sinceramente un gradino
sopra tutte le altre nazioni, non ci sentiamo inferiori alle
altre, che sono Russia, Slovacchia, Svezia, Taipei, Olanda,
Germania e Gran Bretagna. Spero che alla fine riusciremo
a entrare nelle prime 10 nazioni del mondo».
Prima del Master Open ci saranno però i Campionati
Italiani. Chi sono i suoi favoriti?
«Preliminarmente sottolineerei l’importanza delle tre prove
di qualificazione, che si sono svolte a Torino (organizzata
dal Tt Torino), Roma (L’Isola che non c’era) e Messina (Eureka Messina) e hanno permesso a tutti, vecchi e nuovi
atleti, di avere maggiori opportunità di giocare e quindi di
FEDERICA
un ulteriore confronto tecnico agonistico. E veniamo alle
CUDIA
gare. In classe 1-2 femminile ci sarà il predominio di Pezzutto e Podda. Stessa situazione in classe 3 con Brunelli e
Cudia. In classe 4 oltre alla rientrante Zorzetto non bisogna
sottovalutare la ventennale esperienza di Patrizia Saccà. In
5 favorita d’obbligo è Nardelli e nella 10 Bevilacqua, che
se non ci saranno i numeri sufficienti di atlete per la competizione, sfiderà i maschi, come già accaduto nel 2010
a Giaveno».
Nel maschile cosa avremo?
«In classe 1 mancherà Mauro Rossi, che ha abbandonato
l’agonismo, e la finale potrebbe essere fra Andrea Borgato
e Marco Pizzurro. I tre nomi più gettonati in classe 2 sono
PAMELA
quelli del giovane Federico Crosara, del sempreverde JuPEZZUTTO
lius Lampacher e del siciliano Giuseppe Vella. In 3 su tutti
si stagliano Molitierno e Marco Santinelli e in 4 non si vede
alternativa a Caci, con alle sue spalle Emanuele Carini.
La classe 5 vivrà sul terzetto formato da Ettore Malorgio,
Fabrizio Bove e Lodovico Milanesi.
E nelle gare in piedi?
«La classe 6 avrà il duello fra Alecci e Scazzieri, la 7 il predominio di Furlan e la 8 il binomio Domenico Scatena-Filippo Polindi. In classe 9 vedo Baroncelli su Francesco Lorenzini e su Carlo Falcioni. Finiamo con la 10: eventuale mina
vagante Bevilacqua e favori a Santifaller e a Puglisi».
Chi prevarrà nella classifica finale per società?
«Il podio sarà una questione fra Tt Torino, Tt San Marco
Verona, Tt L’isola che non c’era Roma e H81 Insieme ViNICOLA MOLITIERNO
cenza».
21
Tennistavolo Paralimpico
Immagini
da Lignano
2010
22
Attività Internazionale
Mutti quinto nel Top 10 Europeo
di Corrado Attili
L’azzurro Leonardo Mutti ha conquistato, con quattro vittorie e cinque sconfitte, un ottimo
quinto posto al Top 10 junior europeo che si è disputato a Vienna presso la Schlager Academy di fresca inaugurazione
LEONARDO MUTTI DURANTE L ’INCONTRO CON LO SVEDESE SODERLUND
26
Davanti al nostro talento Campione
d’Europa allievi in carica, a Vienna,
al primo anno nella categoria junior,
solo giocatori francesi: Robinot (che
ha vinto), e poi Gauzy, Lorents e Flore. Chi segue con attenzione il tennis
tavolo giovanile sa che si tratta di
tutti atleti con un palmares già molto
importanti che li ha visti vincere titoli
europei e medaglie olimpiche, atleti
della migliore scuola al momento nel
continente. Una Francia che ha vinto
in ben tre categorie in questa manifestazione: junior maschile con Robinot
e in entrambe quelle cadette con
Landrieu e Pfefer mentre la Germania ha portato a casa il titolo junior
con Petrissa Solja. Insomma in questo
momento i francesi a livello giovanile
in Europa sono un po’ i cinesi del vecchio continente.
Avvio positivo dell’azzurro con due
vittorie ed una sconfitta nella prima
giornata della manifestazione. Esordio con sconfitta più che onorevole
contro uno dei suoi avversari storici,
lo svedese Hampus Soderlund dal
quale ha perso 4-1. L’azzurro è stato
ampiamente in partita in tutti set perdendo gli ultimi due ai vantaggi. Nell’incontro successivo Leo ha affrontato l’austriaco Leitgeb e lo ha battuto
per 4-2. Anche questo un match in
grande equilibrio concluso da uno
spettacolare 15-13 per l’azzurro. Nella
terza partita della giornata Mutti ha
incontrato il serbo Dragan Subotic sul
quale ha riportato una bella vittoria
per 4-1. Anche in questo terzo confronto grande spettacolo ed equilibrio in campo con ben quattro dei
cinque parziali conclusi ai vantaggi.
Nella seconda giornata l’azzurro,
seguito nell’occasione da Yang
Min, ha inanellato una sola vittoria e
due sconfitte. Il successo è arrivato
nella prima gara disputata contro
il belga Nuytinck sconfitto per 4-2.
Attività Internazionale
classifiche finali
IL FRANCESE ROBINOT
VINCITORE DELLA CATEGORIA JUNIOR
Junior boys
Junior Girls
1. Quentin Robinot (FRA) 9-0
2. Simon Gauzy (FRA) 8-1
3. Romain Lorentz (FRA) 7-2
4. Tristan Flore (FRA) 5-4
5. Leonardo Mutti (ITA) 4-5
6. Cédric Nutinck (BEL) 4-5
7. Hampus Söderlund (SWE) 3-6
8. Dragan Subotic (SRB) 2-7
9. Benjamin Brossier (FRA) 2-7
10. Stefan Leitgeb (AUT) 1-8
1. Petrissa Solja (GER) 8-1
2. Dora Madarasz (HUN) 7-2
3. Irina Ciobanu (ROU) 6-3
4. Bernadette Szöcs (ROU) 6-3
5. Anna Krieghoff (GER) 6-3
6. Maria XIAO (POR) 5-4
7. Laura Gasnier (FRA) 3-6
8. Claudia Kusinska (POL) 2-7
9. Mateja Jeger (HRV) 2-7
10. Melanie Luginger (AUT) 0-9
Junior Boys
1. Andrea Landrieu (FRA) 8-1
2. Qui Dang (GER) 7-2
3. Filip Zeljko (HRV) 6-3
4. Adam Szudi (HUN) 5-4
5. Tomislav Pucar (HRV) 5/4
6. Carl Ahlander (SWE) 4-5
7. Paul Gauzy (FRA) 5-4
8. Diogo Chen (POR) 3-6
9. David Reitspis (CZE) 3-6
10. Florian Hofmann (AUT) 0-9
Inizio sofferto ed in salita per il talento dello Sterilgarda che ha perso
il primo set e poi il terzo trovandosi
a rincorrere l’avversario. Trovate le
giuste contromisure Leo ha infilato
tre set vincenti compreso uno spettacolare e combattutissimo 15-13
finale. Dopo questo sussesso l’azzurro
all’azzurro restavano da affrontare
soltanto i francesi. Ricordiamo che
dei dieci talenti impegnati in questa
manifestazione ben cinque erano
francesi, a conferma della grande
qualità di una scuola che a livello
giovanile maschile sta facendo la
differenza in Europa negli ultimi anni.
E sono arrivati i dolori. Mutti è stato
nettamente sconfitto da Benjamin
Brossier per 4-0, un risultato pesante
ed inatteso nelle dimensioni. E’ andata un po’ meglio nella partita successiva contro Quentin Robinot dal
quale l’azzurro ha comunque perso
4-1. L’azzurro ha fatto suo il primo set
ma ha perso gli altri successivi, due
ai vantaggi tra cui l’ultimo, ed i due
centrali più nettamente.
Nella giornata conclusiva Mutti era
atteso da tre incontri con altrettanti atleti transalpini. Nel primo con
Roman Lorentz è stata una grande
battaglia finita 4-3 per il francese,
una partita che avrebbe potuto lanciare verso il podio l’azzurro. Mutti ha
vinto il primo set ai vantaggi poi ha
perso tre set consecutivi e sembrava
fatta per il francese. Invece come
sempre Leo ha venduto carissima la
pelle mettendo in atto una strepitosa
rimonta che ha costretto il francese
alla bella, andata poi all’avversario.
Nella seconda partita il nostro ha
affrontato Simon Gauzy dal quale ha
perso 4-2 giocando alla pari con la
medaglia olimpica di Singapore almeno quattro set della difficile partita. Infine il giocatore dello Sterilgarda,
ha affrontato Tristan Flore. L’avversario
ha impegnato seriamente il nostro
azzurro soltanto nel primo set vinto dal
Junior Girls
1. Laura Pfefer (FRA) 7-2;
2. Nicole Trosman (ISR) 7-2;
3. Ekaterina Guseva (RUS) 6-3;
4. Bernadette Balint (ROU) 6-3;
5. Nina Miitelham (GER) 6-3;
6. Lea Rakovac (HRV)
7. Alena Lemmer (GER) 5-4;
8. Krystina Stefcova (CZE) 3-6;
9. Gabriela Amelina (LTU) 1-8
10. Melanie Dohr (AUT) 0-9
FOTO RICORDO PER LA FRANCIA DOMINATRICE
francese al termine di un quasi epico
17-15. Poi la partita ha preso una piega favorevole per Mutti che abituato
a non regalare nulla ha fatto suo il
match vincendo 4-1 conquistando
così il quinto posto.
Qualche soddisfazione per Leonardo
è arrivata dai complimenti ricevuti
da atleti affermati come Daniela
Dodean che, intervistata dal sito ETTU,
ha citato oltre ai francesi proprio Mutti
come il giocatore che ha messo in
luce i maggiori miglioramenti nella
competizione.
27
Attività Internazionale
Brava
Francesca
di Corrado Attili
Impresa di Francesca Trotti dell’Alto Sebino
che all’Open Cadet ITTF di Ungheria ha
conquistato la medaglia di bronzo nella
gara di singolo
A Budapest, un luogo che ci porta
spesso fortuna, l’Italia ha schierato
la squadra maschile guidata da
Joze Urh, composta da Roberto
Perri del Refrancorese, Luca Bressan
dell’Azzurra Straccis, Dario Loreto
del Ciatt Firenze e Nicolò Appolloni
del TT Spiaggia di Velluto, e quella
femminile guidata da Maurizio Gatti
e composta da Francesca Trotti dell’Alto Sebino, Giorgia Piccolin del Tramin e Bianca Bracco del TT Genova.
Nella competizione a squadre nessun
lampo azzurro. La squadra composta
da Loreto e Perri nel girone ha perso
3-0 dalla Slovenia e dalla Germania
ma ha vinto 3-0 con la Repubblica
Ceca, senza riuscire a superare il
girone. L’altra composta dal giovane
Bressan e Appolloni ha invece perso
3-0 da Slovenia, Inghilterra e Slovacchia. Meglio femminile che ha superato il proprio girone perdendo 3-0
dalla Repubblica Ceca ma vincendo
con Grecia e Ungheria per 3-0. Nel
tabellone dei 32 le azzurrine hanno
vinto col Portogallo per 3-1 poi nei 16
sono state sconfitte per 3-1 dalla Romania in un match giocato in grande
equilibrio da Bracco e Piccolin. Nelle
gare individuali, nel maschile hanno
superato il girone Loreto e Perri, mentre non ce l’hanno fatta Appolloni e
Bressan. Nel femminile hanno passato
il turno da seconde sia la Bracco che
la Trotti. Niente da fare invece per
Piccolin che, pur avendo vinto due
partite in un girone da quattro atlete,
è stata penalizzata dalla classifica
avulsa. Per Bracco vittoria contro la
slovena Veronik per 3-1 e sconfitta
per 1-3 dalla tedesca Browner. Per la
Trotti sconfitta con la romena Clapa
e vittoria contro la svedese Bjording.
Nella giornata finale exploit di Francesca Trotti che ha raggiunto la semifinale assicurandosi una medaglia
nel torneo ITTF, un grande risultato per
l’azzurra. Ma andiamo per ordine. Nel
maschile si è fermato nei 64 l’azzurro
Perri sconfitto dal rumeno Costea.
Meglio di lui Loreto che è arrivato nei
32 battendo il bielorusso Khanin 3-2
giocando una bella partita con una
esaltante rimonta da 0-2 alla vittoria.
L’azzurro è stato poi sconfitto 3-1 dal
portoghese Costa. Nel femminile si è
fermato nei 16 il doppio azzurro composto da Giorgia Piccolin e Francesca
Trotti sconfitto per 3-2 dalle israeliane
Trosman e Jelman. Questa è stata
una partita veramente da definire
una grande occasione mancata da
parte delle azzurre che hanno avuto
la possibilità di entrare tra le migliori
otto. Ma il meglio arriva dal torneo di
singolo femminile dove Bianca Bracco si è fermata nei 64, sconfitta dalla
difesa polacca Nowak per 3-1 mentre
Francesca Trotti ha invece compiuto
una vera e propria impresa battendo
prima nei 64 l’inglese Ashley per 3-1,
poi nei 32 ha superato nettamente la
polacca Chrabaszcz vincendo 3-0.
Nei sedici, già considerato un buon
risultato, l’azzurra ha battuto con una
grande partita la tedesca di origine
cinese Wan che ha sconfitto in un
match all’ultimo punto vincendo 3-2
e 11-9 al quinto. Altro capolavoro poi
l’azzurrina lo ha compiuto nei quarti
di finale dove ha sconfitto in un’altra
partita al cardiopalma l’avversaria
portoghese con un altro 3-2 stavolta
12-10 al quinto, conquistando così
semifinale, podio e medaglia. In semifinale l’azzurra si è trovata davanti
la forte israeliana Trosman, testa di
serie n. 2. Francesca ha chiuso la sua
bella cavalcata giocando bene, alla
pari con l’avversaria, ma perdendo
3-1, con grandi chance nel terzo set
quando avanti 9-7 non è riuscita a
chiudere per portarsi in vantaggio. Resta comunque il terzo posto in un torneo mondiale ITTF di questa giovane,
il cui talento è fuori discussione, che si
propone come molto competitiva in
un categoria in cui giocherà anche
il prossimo anno. Complimenti alla
ragazza, a Maurizio Gatti che l’ha guidata in questo successo ma soprattutto al suo tecnico di società Oana
Copaci cui vanno i maggiori meriti
per il suo lavoro con questa atleta.
29
Attività Internazionale
Li Jiao e Kalinikos Kreanga
oro a Liegi nel Top 12
L’olandese Li Jiao ed il greco Kreanga hanno vinto a Liegi l’annuale
edizione del Top 12, orfana del n. 1
al mondo Timo Boll. Per il giocatore
greco di origine rumena è stata la
prima vittoria in carriera in questa
competizione, alla sua quindicesima partecipazione, e una sorta di
rivincita su Vladimir Samsonov che
lo sconfisse nella finale 2007 ad
Arezzo. Per la Li Jiao la conferma
del suo essere la più forte giocatrice europea degli ultimi anni,
quarta vittoria e seconda di fila in
un Top 12. Nessun problema per
l’olandese contro Viktoria Pavlovich, giocatrice di difesa, un tipo di
avversario che la rappresentante
dei tulipani predilige. Nel maschile
i bronzi sono andati al russo Smirnov
ed all’austriaco Schlager mentre
nel femminile il terzo gradino del
podio è stato per la turca Hu Melek
e per l’altra olandese Li Jie. Nel femminile sette atlete su dodici erano di
origine cinese mentre nel maschile
solo uno. Dell’evento è stata data
una grande copertura televisiva sia
via web che via broadcast in tutti
continenti.
CLASSIFICA UOMINI
Atleta
IN ALTO LA FINALE TRA KREANGA E SAMSONOV AD
AREZZO, SOPRA LI JIAO E A SINISTRA I VINCITORI,
IL PODIO FEMMINILE E IL PODIO MASCHILE
CLASSIFICA DONNE
Nazione
Atleta
1
Kalinikos KREANGA
1
LI Jiao
2
Vladimir SAMSONOV
2
Viktoria PAVLOVICH
3
Alexey SMIRNOV
3
LI Jie
3
Werner SCHLAGER
3
HU Melek
5
Dimitrij OVTCHAROV
5
LIU Jia
5
Jean-Michel SAIVE
5
LI Qian
5
Bastian STEGER
5
Kristin SILBEREISEN
5
Adrian CRISAN
5
SHEN Yanfei
9
Par GERELL
9
WU Jiaduo
9
Robert GARDOS
9
Elizabeta SAMARA
9
Tiago APOLONIA
9
Daniela DODEAN
9
CHEN Weixing
9
Krisztina TOTH
Nazione
33

Documenti analoghi

2010_03

2010_03 Anno 6 n. 11 Marzo 2010 Direttore Editoriale Franco SCIANNIMANICO [email protected] Direttore Responsabile Corrado ATTILI [email protected]

Dettagli

2011_04

2011_04 MOSCONI VERONICA

Dettagli

2010_01

2010_01 del tennistavolo italiano sia a breve, in campo giovanile, che a lungo termine quando si spera si completerà la loro maturazione di atleti. Nei cadetti le

Dettagli

Clicca qui per scaricare la rivista

Clicca qui per scaricare la rivista Intervista Rai a Sciannimanico Mosconi e Le Thi

Dettagli