L`Altra Musica - Euterpe Venezia

Transcript

L`Altra Musica - Euterpe Venezia
L’ altra musica
Ambigui, malinconici,
stupefacenti Placebo
U
na buona fetta della musica moderna, quella
che convenzionalmente viene chiamata rock,
ha trovato una fonte d’ispirazione molto profonda e redditizia quando ha iniziato a cantare del lato oscuro dell’essere umano, di quella parte dell’uomo prevalentemente rivolta verso il nichilismo, l’esplorazione chimica dell’inconscio, l’apatia, la malinconia,
l’esperienza sessuale, la consapevolezza dell’ineluttabilità della vita terrestre. Se le prime esperienze erano
senza dubbio sincere, con il passare del tempo si sono
persi alcuni degli aspetti più veri e onesti di questa ricerca, che si è dovuta adattare alle imposizioni dettate dal mercato discografico. I Placebo sono forse la migliore rappresentazione odierna del compromesso tra
questi due aspetti. I loro detrattori dicono che la loro
musica è a malapena adatta a qualche teenager in cerca di pseudo-trasgressioni pre-confenzionate, pari all’effetto allucinogeno di un’aspirina bevuta con la cocacola. D’altro canto non si può non ammettere che il loro è un successo indiscusso, diffuso in Europa e in Sud
America dove hanno un seguito di pubblico per certi versi incredibile e inaspettato. Più semplicemente, i
Placebo sono una buona band di pop rock, che prende
ispirazione dalla lezione musicale inglese degli anni settanta/ottanta allora occupata da personaggi illustri come David Bowie, dai Pixies fino ai Cure di Robert Smith. Con il suo viso latteo e l’immancabile rossetto sulle
labbra, Brian Molko, il leader della band, ad alcuni potrebbe sembrare il nipotino timido di Ziggy Stardust. E
in effetti è stato proprio il Duca Bianco a consacrare il
loro successo, invitandoli a suonare sul suo stesso palco in occasione del suo cinquantesimo compleanno nel
1997 a New York.
La loro storia ha inizio in Lussemburgo dove Brian
Molko e Stefan Olsdal, il bassista della band, frequentano la stessa scuola e condividono le stesse passioni musicali. Dopo essersi persi di vista si ritrovano per caso a Londra all’inizio degli anni novanta, decidendo
di formare una band. Nelle prime registrazioni sono
affiancati alla batteria da Robert Schultzberg, successivamente sostituito da Steve Hewitt e la formazione del gruppo diviene così definitiva. È il 1996
quando esce il loro primo omonimo disco, che li
porta tra le prime posizioni delle classifiche inglesi.
Il sound elettrico sporco e rumoroso, la voce stridula e unica dell’efebico Molko, le tematiche dei
testi sessualmente
Jesolo (Ve)
di Tommaso Gastaldi
sentavano una vera novità nel panorama musicale inglese ed europeo. Passano due anni ed esce Without You
I’m Nothing, l’album più dark della loro produzione guidato dal’ipnotico singolo Pure Morning, grazie al quale
sanciscono ulteriormente la popolarità europea. Oltre
al già citato Bowie, tra i loro estimatori illustri c’è Michael Stipe dei Rem che li chiama a collaborare al film
sull’epopea del glam rock Velvet Goldmine, nel quale eseguono una cover dei T-rex «20th Century Boy». Dopo
questo episodio gli viene appiccicata dalla critica l’etichetta di «glam», che loro stessi non hanno mai digerito piacevolmente. Il nuovo secolo è aperto con l’album
Black Market Music, che contiene lo «stupefacente» singolo «Special K» (la lettera K sta a indicare la Ketamina), che verrà proposto dal vivo in una polemizzata esibizione al festival di Sanremo nella quale Molko alla fine del brano, con una scenata tipicamente rock’n roll,
lancia la chitarra contro gli amplificatori scatenando le
ire del pubblico dell’Ariston fino ad allora soavemente cullato dalle italiche melodie. Dopo una lunga pausa
a seguito di un estenuante tour, nel 2003 ritornano con
il fortunato Sleeping With Ghosts (con «The Bitter End» e
«English Summer Rain») e nel 2004 escono con un inevitabile best of dal titolo Once More With Feeling che contiene anche i due inediti «Twenty Years» e «I Do». L’ultimo loro lavoro del 2006 è Meds, che risuona come un
ritorno alle origini e un ritorno sulla terra dopo la sbornia di successi degli anni precedenti. Composto nel sud
della Francia, Meds (che vanta anche un duetto con Michael Stype) è stato prodotto dall’emergente Dimitri
Tikovoi che ha permesso ai Placebo di lasciare spazio
alle canzoni vere e proprie liberandole da troppe sovrastrutture sonore che avevano accumulato negli anni.
Palazzo del Turismo
25 novembre, ore 21.00
ambigui creano un buon seguito di ammiratori attorno alla
band, in un periodo in cui i Placebo rappre59
L ’ altra musica
60
L’ altra musica
61
L’ altra musica
Il genio del jazz contemporaneo
Il sax di Ornette Coleman al Porsche Jazz Festival
di Guido Michelone
T
em
an
- g ra
fica
c
ol f e
ra i
orna a Padova la nuova rassegna Porsche Jazz
Garrison, tra il 1958 e il 1960, in quattro album i cui tiFestival, ora diretta dal sassofonista Claudio Fatoli sono avveniristici promettenti slogan: Something else,
soli, che dal 19 al 26 novembre presenta al TeaThe shape of jazz to come, Tomorrow is the question e la pietra
tro Verdi, sotto l’insegna Mondi Musicali, una fitta semiliare Free Jazz.
rie di appuntamenti con i migliori artisti del
All’inizio dei Sixties lavora a un trio sperijazz italiano, europeo e statunitense. Da
mentale con David Izenzon al contrabbasnon mancare ad esempio i concerti con
so e Charles Moffett alla batteria, con
il Dave Holland Quintet, Mino Cinei quali sforna Town Hall concert (Esp,
lu solo performance, il Giorgio Ga1962), in cui viene anche eseguito
slini Chamber Trio, la Civica Big
il suo primo quartetto d’archi; e
Band di Milano diretta per l’occon i quali partecipa a una brecasione dal vicentino Riccardo
ve tournée scandinava immorBrazzale: Ma senza nulla totalata dal doppio album cagliere a questi e altri maestri
polavoro At The Golden Circle,
della musica afroamericana
Stockholm (Blue Note, 1965).
sul Vecchio Continente, i riTra svariati ritiri continua
flettori vanno puntati anzia incidere grandi dischi; ne
tutto su Ornette Coleman,
vanno ricordati almeno
il genio del jazz contempotre: New and old gospel (Blue
raneo, il musicista che più
Note, 1967) nel gruppo di
di ogni altro ha impresso,
Jackie McLean, Chappaqua
da quasi mezzo secolo, un
Suite (Columbia, 1966) con
segno indelebile nella stoorganico eterogeneo, e Criria culturale neroamericana
sis (Impulse, 1969) dove rie nel linguaggio sonoro notrova i compagni d’avvenvecentesco. Ascoltare Ortura di Free Jazz. Poco prima
nette è ancora un’esperienza
l’uscita di The Empty Foxhole
unica: a Padova sarà in quar(Rca Victor, 1966), con il già
tetto il figlio Denardo Colecitato Denardo di soli dieci
man (batteria e percussioni), i
anni alla batteria, viene invece
due contrabbassisti Tony Falanaccolta con molti dissensi (ma
gae Greg Cohen e lo stesso leaoggi pienamente rivalutata).
der al sax alto. E ascoltare ColeNel decennio successivo si deman significa rileggere tutta (o quadica
all’impresa di Skies of America
ol
C
si) la storia della musica jazz dagli anni
(Cbs,
1972)
per grande orchestra sinet t e
n
r
cinquanta ai nostri gironi, anche perché
fonica,
salvo
poi
aprirsi a ritmi rockegO
il lavoro di sintesi che egli conduce in questi
gianti con Dancing in your head (A&M, 1975)
ultimi tempi è proprio uno sguardo retrospettie i susseguenti Virgin Beauty (Columbia, 1988)
vo, in senso autobiografico, sul personale sofferto imo Tone Dialing (Verve, 1995). La carriera discografica di
pegno di artista, jazzman, compositore, intellettuale.
Coleman in questi ultimi vent’anni non è molto proliColeman è oggi famoso per almeno otto fondamentaficata dal punto di vista quantitativo, ma per fortuna è
li ragioni: per aver inventato il free jazz; per aver rinnocostellata di piccole gemme: è ospite della colonna sovato l’uso del sax alto; per aver impiegato altri strumennora del film The Naked Lunch (Virgin, 1991) del comti come il violino e la tromba in maniera anticonformipositore Howard Shore, oppure registra con musicisti
sta; per aver lavorato quale autore «dotto» fra organiin apparenza estranei al suo mondo, ma con risultati
ci classici; per aver sperimentato la fusione del jazz con
eccellenti, come in Colours (Harmolodic, 1997) in duo
suoni etnici; per aver superato il free a favore di ulteriocon il pianista Joachim Kuhn o Song X (Geffen, 1985)
ri innovazioni musicali; per aver creato lo stile armoloin quintetto con il chitarrista fusion Pat Metheny. Ma
dico o free-funk; per aver voluto esibirsi in parallelo in
forse il capolavoro più «recente», a parte il nuovo Sound
chiave free e armolodica.
Grammar, resta In all languages (1987), doppio album in
Per ascoltare Ornette Coleman su dicui presenta le stesse composizioni suosco, occorre partire dalle prime incisionate prima da una reunion del quartetto
Padova – Teatro Verdi
ni con l’Atlantic, la storica etichetta r’n’b
classico free (con Don Cherry) e poi dal
23 novembre, ore 21.15
che lo fa collaborare con Eric Dolphy,
Prime Time in chiave funky.
Ornette Coleman Quartet
Freddie Hubbard, Scott LaFaro e Jimmy
63
Dintorni
teatro
Visioni, percorsi ed esperienze
«Giovani a Teatro» viaggia
con la Fondazione di Venezia
«L
’educazione al teatro costituisce una componente significativa della formazione dei giovani e della cultura del territorio» è l’importante concetto-guida che ha nutrito la nostra convinzione nel dare vita alla prima edizione di «Giovani a Teatro», allargata al territorio provinciale veneziano attraverso 16 teatri e 8 città. Un cartellone diffuso di eventi che offre informazione, conoscenza e parte«L’Urlo» di Pippo Delbono
cipazione privilegiando
la grande varietà di forme artistiche e linguaggi espressivi, di genere, di
repertori di cui il Teatro è
capace. È iniziativa quasi
unica nel suo genere, nata
per promuovere e favorire la conoscenza e la formazione di un gusto per
le arti della scena, negli
adolescenti e nei giovani, nelle persone che studiano, attraversando quel
particolarissimo periodo
della vita e della costruzione di sé che va dalle
scuole medie primarie fino alla specializzazione
universitaria. E anche in
quelle persone che hanno nella società civile il
difficile compito di insegnare e di guidare verso
e dentro la conoscenza,
gli insegnanti. «Giovani
a Teatro» con 2,50 euro
e con la card della Fondazione di Venezia lavora sul giacimento della proposta offerta dal sistema teatrale provinciale, cerca la collaborazione dei direttori artistici e degli organizzatori, delle istituzioni teatrali, degli enti pubblici e
dei soggetti specializzati presenti nel territorio. La geografia teatrale coinvolta nell’edizione pilota 2005/2006
è: a Venezia Teatro Goldoni, Teatro Malibran, Teatro
Fondamenta Nuove, Teatro Junghans, a Mestre Teatro Toniolo,Teatro al Parco, a Marghera Teatro Aurora, a Mira Teatro Villa dei Leoni, A Dolo DoloneiTeatri, a Camponogara Teatro Dario Fo, a Chioggia Auditorium San Nicolò, a Mirano Teatro Villa Belvedere, a
Scorzè Teatro Elios, a San Stino di Livenza Teatro Romano Pascutto, grazie al concorso di soggetti programmatori come Arteven Circuito Teatrale Regionale, Teatro Stabile del Veneto «Carlo Goldoni», La PiccionaiaI Carrara Teatro Stabile di Innovazione, Associazione
64
di Cristina Palumbo*
Teatrale Culturale Questa Nave, Associazione Culturale Echidna, Associazione Culturale Vortice e degli enti
locali coinvolti, Provincia di Venezia, Comune di Venezia, Municipalità di Marghera, Comuni di Mira, Dolo,
Camponogara, Chioggia, Scorzè, S. Stino di Livenza.
Grazie all’invenzione delle card gratuite per studenti e insegnanti, distribuite tramite punti nel territorio ospitati presso Fondazione
S.Stefano a Portogruaro,
Fondazione Clodiense a
Chioggia, ExMacello di
Dolo, Teatro Toniolo di
Mestre e la stessa sede
della Fondazione di Venezia in Rio Novo a Venezia, e del sistema di prenotazioni tramite numero verde, il progetto della Fondazione di Venezia, da
novembre 2005 a maggio
2006 ha promosso 200
appuntamenti di teatro
classico e contemporaneo, di danza e di musica
dalle migliori programmazioni del territorio,
che hanno offerto forme e linguaggi espressivi
diversi, generi e repertori a cui hanno partecipato circa 6000 tra studenti
e insegnanti provenienti
dal territorio provinciale veneziano dalle città di
Padova e Venezia ma anche da altre località del
nord e del centro Italia.
Tra gli studenti universitari la fascia d’età maggiormente coinvolta è stata quella tra i 20 e i 23 anni, ma
dai licei e dagli istituti tecnici (quasi in maniera uniforme) sono arrivati molti studenti di 17-18 anni, che autonomamente hanno scelto di aderire e andare a teatro.
Tra le caratteristiche che distinguono l’iniziativa, vi è
certamente il proposito, ora fondato sull’esperienza, di
intercettare e interessare individualmente studenti (e insegnanti) che desiderano scegliere il teatro senza la mediazione e l’aggregazione dell’istituzione scolastica e
recarsi a teatro durante le normali programmazioni (e
non durante i matinèe). Il record di partecipazione ha visto gli stessi studenti presenziare a ben 25 eventi. Inoltre gli appuntamenti sono proposti in progress ovvero
in tempo reale in un cartellone che viene di volta in volta arricchito di nuove proposte e pubblicato sul sito internet dedicato www.giovaniateatro.it. Gli utenti iscrit-
teatro
Dintorni
ti al programma vengono anche tempestivamente ragma di proposte vasta e selezionata per qualità, specificigiunti a casa con una newsletter informativa. La Fondatà e sensibilità contemporanea all’interno dell’intera ofzione di Venezia ha, infatti, contestualmente costruito
ferta dei teatri provinciali. Per favorire l’evoluzione del
un sistema di database per
progetto tramite il metola raccolta dei contatti e
do delle esperienze pilodei dati utili degli spetta, verranno individuaAlcuni dati
tatori coinvolti ma anche
te alcune linee tematiche,
della prima edizione di «Giovani a Teatro»
per poter produrre verifidelle vere e proprie rotche e valutazioni ed elate, i «Percorsi», in cui naborare i dati dell’attivivigare all’interno del car134 opere in programma per 200 rappresentazioni
il 64% programmate nell’area del Comune di Venezia,
tà sia in termini numeritellone generale offerto,
il 16,5 % nell’area della riviera del Brenta,
ci, statistici, delle dinacome ad esempio Granil 9,30% nel miranese;
miche, delle fenomenodi Classici, Teatro d’Arlogie, degli orientamenti
te Contemporaneo, Tea164 istituti scolastici coinvolti
tra comprensivi, superiori, universitari;
culturali, etc.
tro di Movimento e DanI teatri più frequentaza Contemporanea. Ve2906 tessere sottoscritte autonomamente da studenti
ti sono stati il Toniolo di
re e proprie strade per di228 tessere sottoscritte da insegnanti per formare
Mestre seguito dal Golstinguere, tra titoli e nogruppi di studenti
doni di Venezia, che posmi, ambiti artistici, linee
6200 posti prenotati
sono ospitare più recite
e generi in favore di una
di cui 2435 nei teatri di Mestre, 2701 a Venezia, 1064 nei
dello stesso spettacolo e
formazione della capaciteatri dell’area provinciale
quindi offrire molte octà critica del singolo gio2988 prenotazioni da parte di studenti universitari
3212 da studenti delle medie inferiori e superiori
casioni in più degli altri.
vane. Non solo teatro da
Questo ha certamente
vedere quindi offrirà queI Teatri maggiormente frequentati
favorito la partecipaziost’anno «Giovani a Teaa fronte di maggiore offerta:
ne alle rappresentazioni
tro». Vera novità saranno
Teatro Toniolo, Mestre
Teatro Goldoni,Venezia
di prosa classica ma anle «Esperienze», un caTeatro Fondamenta Nuove, Venezia
che spettacoli con minolendario di approfondimenti
Teatro Malibran, Venezia
re disponibilità di posti –
(conferenze, incontri con
Teatro Villa dei Leoni, Mira
e appartenenti al teatro
gli artisti, partecipazioDoloneiTeatri, Dolo
contemporaneo o d’aune agli allestimenti e alle
Gli studenti hanno un’età compresa
tore e addirittura al teaprove aperte, visite ai sitra gli 11 e i 28 anni, il 51,5 % ha tra i 17 e i 23 anni;
tro d’innovazione - come
ti teatrali), di proposte cultui lavori di Ascanio Celerali (cicli di video di spetGli insegnanti maggiormente impegnati
provengono da Licei e da Istituti Tecnici
stini e Pippo Delbono,
tacoli e di film, laboratori
Teatro De Los Andes di
o seminari, lezioni-spetLe scelte all’interno dei generi teatrali:
César Brie – hanno fatto
tacolo) oppure esperien1700 prenotazioni per I Classici
l’en plein di studenti enze direttamente legate all’ap2140 per la Grande Prosa
500 per il Teatro d’Innovazione
tusiasti e molto coinvolti.
proccio creativo o artistico e
In provincia, le programal talento dei partecipanLa maggiore densità degli eventi programmati
mazioni di Mira e Doti (workshop o laboratosi è avuta tra gennaio e marzo
lo (con tutte date uniche)
ri pratici tenuti dagli arTra novembre 2005 e maggio 2006
hanno dato una media di
tisti già visti sul palcosceil sito internet è stato visitato 12.500 volte.
presenze di tutto rispetnico). Anche per questa
to a testimonianza del liparte del programma la
vello di maturità e qualiFondazione sosterrà partà che il pubblico ha colte dei costi per agevolare
tivato in quel territorio. Complessivamente buono è stapartecipazione diretta e coinvolgimento degli studenti.
to anche il riscontro di partecipazione alle proposte di
La società civile, il mondo della cultura e le tendendanza, musica contemporanea e world music.
ze dell’informazione pongono i giovani nella vita quotidiana a contatto con un contesto comunicativo com«Giovani a teatro» 2006/2007. Per questa prossima
plesso e connotato da una pluralità di linguaggi; le atstagione la Fondazione ha coinvolto i professionisti che
tività espressive e artistiche hanno dato prova di offrisi occupano di arte scenica nel territorio nella costrure un contributo significativo alla persona sia per l’arzione di un’offerta che punti a incentivare l’interesse per
ricchimento della propria formazione culturale sia nei
i classici nell’attuale produzione contemporanea, per la
confronti di situazioni e stati di disagio.
nuova drammaturgia e per gli autori, con opere di spesGiovani a Teatro, sebbene ancora in forma sperimensore sotto il profilo artistico, della ricerca, della speritale, costituisce una netta azione di investimento sulla
mentazione che transiteranno nell’area veneziana. Un
valorizzazione della Persona nell’ambito del sapere, delruolo importante lo avranno i lavori aperti alle contal’arte e della cultura.
minazioni di linguaggi e discipline tra loro diverse. La
musica, il teatro musicale, la danza e il teatro di movi*Consulente della Fondazione di Venezia per le attività teatrali
mento. Importante sarà soprattutto costruire una gam65

Documenti analoghi