Scuole iniziate ma la continuità didattica deve ancora venire

Commenti

Transcript

Scuole iniziate ma la continuità didattica deve ancora venire
Scuole iniziate ma la continuità didattica deve ancora venire
La politica non sprechi questo momento più favorevole'' nel quale ''dobbiamo fare tutti la nostra
parte per far crescere i semi che appaiono per un miglioramento della nostra situazione''. Lo ha
detto ieri il Presidente della Repubblica Giorgio Giorgio Napolitano alla cerimonia di
inaugurazione dell'anno scolastico. Il Capo dello Stato ha chiesto più ricerca e innovazione contro
la mancanza di lavoro e affermato che la scuola ha subito tagli miopi.
Il servizio di Alessandro Guarisci
Le scuole sono iniziate da poco più da una settimana. E i mali del nostro sistema formativo tornano
ad affacciarsi. Non solo i genitori sono costretti a portare da casa per i loro figli carta igienica,
sapone, e quant’altro serve, ma spesso nelle classi si assiste a una girandola di insegnanti. La
Fondazione Agnelli nel 2011 calcolava che più del 14% degli insegnanti va incontro alla probabilità
di cambiare scuola. Stime dicono che sarebbero circa 200 mila gli insegnanti che ogni anno
cambiano cattedra. I precari sono 167 mila, 62 mila i trasferimenti registrati al 1° settembre 2013. I
casi sono tanti. Concetta gira i paesi del crotonese per racimolare 11 ore settimanali, Francesca ogni
giorno dalla Brianza arriva a Milano nel caso “ci fosse una chiamata da un istituto”, a Roma nella
classe 1G della primaria Manzoni su 40 ore settimanali 33 sono assegnate a maestre non di ruolo.
“L’organico è sottodimensionato” dice la preside. Un caso limite quello di Roma, comunica il
ministero, ma l'ufficio scolastico non ha mai risposto ai genitori dei bambini. Insomma, la
continuità didattica, spesso è sulla carta. Rosario Drago ha fatto parte dell’associazione presidi e
per dieci anni è stato consulente dei ministri dell’istruzione:
"L’Ocse ci dice, da almeno 15 anni, che uno dei pilastri dell’efficacia dell’insegnamento è la
stabilità del corpo docente, sia a livello di singolo gruppo degli alunni, sia a livello di
istituzione scolastica. Questo che dovrebbe essere un obbiettivo di qualità del nostro sistema, è
ignorato. Paradossalmente l’immissione in ruolo attiva tutta la gamma delle opportunità
contrattuali per cambiare posto; cioè, l’insegnante ha sette possibilità di cambiare posto per
interessi personali, legittimi, evidentemente”.
I sindacati parlano di un’istruzione a spezzatino, disomogenea tra Nord e Sud e tra città e campagne.
Il coordinatore nazionale del Gilda, il sindacato insegnanti Rino Di Meglio:
R. - Bisognerebbe che chi governa tenesse in maggior conto l’interesse primario dei bambini ad
aver un insegnante stabile che resti almeno per tutti il ciclo didattico.
D. - Quanta responsabilità c’è da parte dei dirigenti scolastici nella formazione delle classi e in
questa mancanza di continuità didattica?
R. - Direi che i dirigenti scolastici hanno una responsabilità limitata. Se si eccettua qualche caso di
scarsa esperienza, di errori, direi che loro sono con le spalle al muro perché il sistema è complicato.
D. - Si è parlato molto dei 69 mila insegnati che entreranno nei prossimi tre anni con il decreto del
ministro Carrozza. Non c’è il rischio che però buona parte di questi 69 mila insegnati vadano a
coprire il normale turnover, ovvero le persone che vanno in pensione?
R. - Se si eccettuano quelli che poi verranno nominati per il sostegno, che sono le uniche vere
stabilizzazioni, per il resto si tratta semplicemente di turnover. Quindi inciderà minimamente sulla
questione del precariato, che resterà endemico. Mi lasci dire una cosa: la spesa ridicola, prevista dal
Decreto per la stabilizzazione - 105 milioni - dimostra che il governo con un po’ più di coraggio
avrebbe potuto non dico risolvere, ma avviare finalmente verso la soluzione del sistema del
precariato. Se avessero speso 200 milioni, ne avrebbero stabilizzati 130 mila. In questo modo si
sarebbe limitato di molto il fenomeno del precariato e della discontinuità didattica.
Certo i 400 milioni di euro messi dal governo sono un primo passo, ma ne vanno fatti altri, perché
da una decina di anni a questa parte la scuola è stata utilizzata per ridurre le uscite del bilancio
statale. E così è stato tagliato il futuro. Gianni Nicolì, responsabile dell’ufficio scuola e università
dell’Age.
R. - La scuola italiana soffre di problemi cronici e di problemi nuovi. La continuità didattica è
collegata alle nomine che vengono fatte in primavera. Però, per la questione delle graduatorie molte
di queste poi vanno ristabilizzate all’inizio di ogni anno scolastico. Questo crea agli alunni, alle
famiglie e alle scuole stesse un disagio organizzativo di cui si risente. Negli ultimi anni si è cercato
di limitare questo danno, ma ci deve essere ancora uno sforzo significativo da parte del ministero e
dei sindacati per consentire alle famiglie un avvio normale e corretto dell’anno scolastico.
D. - I genitori devono contare di più nelle scelte delle scuole?
R. - Assolutamente sì! I genitori non sono clienti della scuola, sono componente scolastica; questo
lo sappiamo fin dal 1974. Noi dell’Age – Associazione italiana genitori – siamo fortemente
impegnati perché il genitore si assuma nella scuola i suoi diritti e i suoi doveri. Per cui i genitori
devono essere bene accolti nella scuola, collocati nel loro ambito -non possono ovviamente
sostituire il lavoro dei docenti -, devono poter dare il loro contribuito e quindi ci devono essere nel
mondo giusto.
Insomma serve investire di più, puntare anche sulla formazione degli insegnanti. Mons. Gianni
Ambrosio, presidente della Commissione Cei per la Scuola
R. - Osservando un po’ anche il panorama europeo, occorre dire che sia per l’aspetto quantitativo,
come anche per quello qualitativo, noi siamo un po’ alla rincorsa di quei traguardi che altrove sono
già stati raggiunti. Ci vorrebbe davvero un impegno più grande da parte di tutti!
D. - Questo vuol dire maggiori investimenti nella formazione dei docenti e maggiori investimenti
nel ricorso alle nuove tecnologie …
R. – C’è una sorta di sottoconsiderazione o di non adeguata considerazione di questa missione che i
docenti svolgono ad ogni livello, dalle classi più piccole fino all’università. Dobbiamo riprendere, lì,
una maggior valorizzazione anche delle notevoli capacità che molti docenti hanno, perché fanno
questo lavoro - ministero, servizio - importante con grande passione.
D. - Lei si attende da qui a fine anno un maggior riconoscimento del rapporto dato dalle scuole
paritarie al sistema educativo?
R. - Certamente, anche perché sarebbe di estrema convenienza per il sistema scolastico nella sua
interezza, nella sua globalità. Le scuole paritarie fanno parte dell’unico sistema scolastico. Allora
dovrebbero esser maggiormente valorizzate, apprezzate, aiutate in ogni senso. Questo sarebbe
innanzi tutto a beneficio dei ragazzi e degli studenti, ma poi a beneficio dell’intera società.
Ultimo aggiornamento: 24 settembre