Leggi di più.

Commenti

Transcript

Leggi di più.
versione italiana 2008
Edizione 2
RISULTATI OSSERVATI
MEDIANTE RISONANZA
MAGNETICA DOPO
IL TRATTAMENTO
CON UN SISTEMA DI
DECOMPRESSIONE
SPINALE (DRX9000TM)
NON CHIRURGICO –
CASO RIPORTATO
Edito da:
T Bradley Edwards, MD1
Vineet K. Sarin, PhD2, Charlotte
Richmond, PhD1, Frank Florio,
DC2, Johnathan M Wilhlem,
DC, CCEP3, Martin Auster,
MD, MBA4.
1. Direttore del Clinical Research, NEMA
Research, Inc. e Amministratore Delegato di
Biomedical Research and Education Fundation,
LLC; 2. Direttore del Clinical Research, Axiom
Worlwide, LLC; 3. Big Sky Spinal Care
Center; 4. Professore assistente, Dipartimento di
Radiologia, Johns Hopkins University School of
Medicine.
RISULTATI OSSERVATI MEDIANTE RISONANZA MAGNETICA DOPO IL
TRATTAMENTO CON UN SISTEMA DI DECOMPRESSIONE SPINALE (DRX9000TM)
NON CHIRURGICO – CASO RIPORTATO
Rapporto redatto da:
Charlotte Richmond, PhD1, Frank Florio, DC2, Johnathan M Wilhlem, DC, CCEP3 e Martin Auster,
MD, MBA4
1. Direttore del Clinical Research, NEMA Research, Inc. e Amministratore Delegato di Biomedical Research and Education Fundation, LLC; 2.
Direttore del Clinical Research, Axiom Worlwide, LLC; 3. Big Sky Spinal Care Center; 4. Professore assistente, Dipartimento di Radiologia, Johns
Hopkins University School of Medicine.
Sistemi di decompressione spinale come il DRX9000™ (Axiom
Worldwide, Tampa, FL) sono stati introdotti nella prassi clinica
negli ultimi 10 anni per il trattamento del mal di schiena (lowback pain, LBP). Questi sistemi furono sviluppati per fornire un
intervento non invasivo per il trattamento del mal di schiena (LBP)
di origine discogenica. Essi trattano anche alcuni dei problemi legati
alla semplice trazione come l’affaticamento (di entrambi paziente e
terapista), l’incapacita’ del paziente di tollerare la forza o posizione,
scatenando lo spasmo muscolare e l’esarcerbazione del dolore.
La US Food and Drug Administration (FDA) chiari’ che il DRX9000™
Vero Sistema di Decompressione Spinale Non-Chirurgico (vedi
Figura 1) applica forze di distrazione spinale mediante un meccanismo
sensibile di feedback computerizzato per fornire sollievo dal LBP e
dai sintomi collegati ai dischi erniati, dischi inter-vertebrali gonfi
o protrusi, malattia degenerativa del disco, sindrome delle faccette
posteriori e sciatica. Il DRX9000™ e’ provvisto di un lettino diviso in
due per ridurre la frizione tra il paziente e la macchina. Il paziente e’
disteso supino; un sistema di supporto per il torace e le spalle controlla
la parte superiore del corpo e un supporto per le ginocchia e’ usato per
eliminare la rotazione pelvica. L’apparato ha camere d’aria incorporate,
regolatori disco-angolo-trazione, un’imbragatura ed e’ in grado di
accrescere la forza di decompressione piu’ lentamente nella parte finale
della terapia. Il DRX9000™ utilizza un puleggia a motore per fornire
una distrazione segmentale meccanizzata, che puo’ essere statica o
oscillatoria per una durata preselezionata; la posizione della malattia
spinale lombare determina la migliore regolazione dell’angolo-trazione.
Il DRX9000™ mira a dar sollievo al dolore mediante l’allargamento
degli spazi intra-discali, riducendo l’erniazione e riducendo la pressione
intra-discale durante il trattamento. Un audit grafico retrospettivo su
94 pazienti ha fornito dati preliminari che il mal di schiena (LBP)
puo’ migliorare con la decompressione spinale1 del DRX9000™. Un
esperimento prospettivo su 18 pazienti ha riscontrato che il dolore e’
migliorato in maniera significativa dopo un trattamento con DRX9000™,
avendo come conseguenza la richiesta di meno analgesici e ottenendo una
Charlotte Richmond, PhD, e’ direttore del Clinical
Research for NEMA Research, Inc. e amministratore
delegato della Fondazione di Ricerca ed Educazione
Biomedica. E’ anche il presidente di NEMA Research
Institutional Review Board (IRB) e membro dell’IRB
e di Animal Care Research Committees al Mount Sinai
Medical Center in Miami Beach. E’ specializzata in sviluppare e implementare protocolli di ricerca clinica e
nella creazione di documenti di supporto alla ricerca ed ha condotto test clinici
per numerose compagnie farmaceutiche e per societa’ che producono dispositivi di investigazione. Dr. Richmond ha ottenuto il suo PhD dal Graduate
School of Biomedical Science presso University of Texas Health Center a San
Antonio, e si e’ laureata e ha conseguito il master in Infermiera dal California
State University, Freno
E: [email protected]
migliore funzionalita’2. In considerazione di tali risultati, corrispondenti
dati radiografici potrebbero aiutare nello spiegare i miglioramenti del
dolore e della funzionalita’ dopo il trattamento con il DRX9000™.
Presentazione del caso
Un uomo di 33 anni e’ stato visitato presso una struttura medica
con mal di schiena persistente che durava da sei anni e che stava
progressivamente peggiorando e interferendo con la sua vita lavorativa
e quotidiana, incluso il camminare. Il paziente era alto 73 inches (1.85
m) e pesava 212 pounds (96 Kg). Aveva gia’ ricevuto precedentemente
un trattamento chiropratico ed una terapia fisica con un piccolo
beneficio. La documentazione piu’ vecchia a disposizione ha rivelato
un parere medico e una Risonanza Magnetica in giugno 2001 in seguito
ad una lamentela dopo dello jogging per un mal di schiena estesosi alla
natica destra. Il paziente aveva indicato al tempo che aveva sofferto di
dolori e di irrigidimenti da circa un anno. Il paziente aveva dichiarato
che i sintomi si aggravavano con il piegarsi, infilarsi i calzini, correre,
tossire e sternutire. La risonanza magnetica eseguita in giugno 2001
aveva dimostrato la mancanza di idratazione in L2/L3, L3/L4 e L4/
L5 con perdita di spessore del disco in L4/L5 e L5/S1. La protrusione
del disco era stata individuata in L3/L4 e L4/L5. Cambiamenti
delle faccette ipertrofiche erano stati notati a molteplici livelli.
Il DRX9000™ mira a dar sollievo al
dolore mediante l’allargamento degli
spazi intra-discali, riducendo l’ernia e
diminuendo la pressione intra-discale
durante il trattamento.
La risonanza magnetica della spina lombare effettuata il 4 agosto
2006 (vedi Figura 2) prima del trattamento con il DRX9000™ aveva
rivelato una malattia degenerativa del disco da lieve a moderata nella
spina lombare con perdita del segnale del disco a piu’ livelli, come
anche rigonfiamenti del disco identificati in L3/L4, L4/L5 e L5/S1.
Prima del trattamento iniziale, il paziente riportava un generale dolore
di livello 6 su una scala da 0 a 10; tale dolore si manifestava per il
75% del tempo. Il paziente e’ stato sottoposto a 20 trattamenti con
il DRX9000™ in un periodo di sei settimane. Il trattamento e’ stato
somministrato cinque volte alla settimana per le prime due settimane
e tre volte alla settimana per ulteriori due settimane, in seguito ridotte
a due sedute per settimana per le ultime due settimane. La durata
del trattamento variava dai 28 ai 35 minuti. I parametri iniziali sono
cominciati ad una forza decompressiva massima di 90 pounds (41
Kg) con una forza minima di 45 pounds (20.5 Kg). I parametri del
trattamento finale sono stati di una forza decompressiva massima di
115 pounds (52 Kg) con una forza minima di 57 pounds (26 Kg). La
forza decompressiva e’ stata aumentata mediante incrementi dai 5 ai
10 pounds (2.2 Kg ai 4.5 Kg) basandosi sulla risposta del paziente.
L’angolo della forza praticata durante il trattamento e’ spaziato
tra i 15 ed i 20 gradi. Terapie aggiuntive hanno incluso ghiaccio,
stimolazione elettrica e attivita’ riabilitative leggere. Al trattamento
finale con il DRX9000™ il paziente ha riportato un dolore di livello
0. Una successiva risonanza magnetica (vedi Figura 3) sul medesimo
paziente effettuata il 10 ottobre 2006 mostra un incremento del
segnale intra-discale sulle immagini sagittali T2 in L2/3, L3/4, L4/5
e L5/S1, riflettendo un miglioramento nella morfologia del disco. Le
piccole fissurazioni incidentali concentriche sono rimaste immutate.
figure 1: DRX9000™
Discussione
In adulti il mal di schiena non e’ insolito. Approssimativamente il 66%
degli adulti soffre di mal di schiena almeno una volta nella vita3 e,
dopo il primo episodio, il 25-60% dei pazienti riporta nuovi episodi
di dolori lombari, alcuni addirittura entro un anno4. Il mal di schiena,
una delle ragioni piu’ frequenti per ricorrere a cure mediche5,6, e’ la
ragione piu’ comune di invalidita’ dal lavoro tra gli uomini americani,
spesso risultando in pensionamento anticipato7,8. Il mal di schiena
meccanico, che e’ responsabile del 97% di tutti i dolori lombari, si
puo’ attribuire a lesioni ai muscoli lombosacrali e ai legamenti,
articolazioni apofisarie o artropatia delle articolazioni sacroiliache o
malattia discogenica dovuta a cambiamenti degenerativi9. Il dolore
discogenico, molto probabilmente dovuto a degenerazioni interne
del disco, colpisce la parte bassa della schiena, i glutei e le anche9.
Nonostante la maggiorparte dei mal di schiena si risolvano
spontaneamente, un trattamento, sia che ci si curi da se’ o sotto
la supervisione di un personale sanitario, e’ spesso necessario. Il
trattamento per il mal di schiena dovrebbe essere personalizzato10 ed
e’ variabile, in dipendenza dalla diagnosi e da che tipo di personale
sanitario fornisce la cura11. Le opzioni di trattamento possono essere
suddivise in terapie farmacologiche, non-chirurgiche o chirurgiche.
Inizialmente, il caso del paziente dovrebbe essere valutato per escludere
la necessita’ di un intervento chirurgico urgente; tuttavia esistono
testimonianze discordanti sui benefici dell’intervento chirurgico12,13.
La terapia farmacologica include acetamminofenolo e antiinfiammatori
non steroidei; se il dolore persiste potrebbero essere necessari farmaci
che richiedono prescrizione come rilassanti muscolari14 e oppioidi15.
Approssimativamente il 66% degli adulti
soffre di mal di schiena almeno una volta
nella vita e successivamente al primo
episodio, il 25%-60% dei pazienti riporta
nuovi episodi di dolori lombari, alcuni
addirittura entro un anno.
Per i trattamenti non-chirurgici e non-farmacologici ci possono essere
molte alternative, come esercizi per la schiena16, back school17,
agopuntura18, manipolazione19 o trazione20. Tuttavia, quando i
metodi piu’ tradizionali falliscono, la chirurgia puo’ essere necessaria
per ridurre la pressione negli spazi intervertebrali (decompressione).
Una recente revisione di esperimenti clinici che valutavano la
efficacia del sistema della decompressione spinale concluse che i dati
attualmente disponibili nelle pubblicazioni redatte da specialisti erano
troppo limitati per determinare se la decompressione spinale procurava
benefici agli individui affetti da mal di schiena confrontata con altri
trattamenti non-chirurgici10. Studi precedenti includono metodologie
deboli e inconsistenti a causa di come erano state pianificate che
includevano campioni di dimensioni diverse, criteri di inclusione di
pazienti ricoverati, omissioni ai regolamenti a diversi livelli, lungaggini
protocollari e visite di controllo post-terapeutiche. I ricercatori usarono
misure end-point inappropriate e valutatori dai risultati scadenti,
riportarono inadeguatamente i risultati negativi e si dimenticarono
di inserire controlli placebo. Dalla data di quella pubblicazione sono
emersi1,2 due studi che hanno valutato il DRX9000™. Il primo studio
e’ retrospettivo e analizza il trattamento di 94 pazienti dal settembre
2005 al marzo 2006 con il DRX9000™. Di media il livello del dolore
prima del DRX9000™ era di 6.05 (in una scala da 0 a 10) e decrebbe a
0.89 dopo la seduta finale con il DRX9000™. Non e’ stato notato alcun
effetto avverso. I risultati suggeriscono che il mal di schiena cronico
e’ migliorato dopo il trattamento, con pazienti che richiedono meno
analgesici e che conseguono una migliore funzionalita’.Gli autori
riconoscono la inconcludenza di queste scoperte dovuta al fatto che
il loro studio e’ retrospettivo e non includeva gruppi di controllo. Il
secondo studio, uno studio pilota in fase II mirato, multicentrico, non
casuale per valutare la efficacia e la sicurezza del DRX9000™ per il
trattamento attivo del mal di schiena cronico, ha seguito soggetti dal 5
gennaio 2007 al 27 aprile 2007. Venti pazienti affetti da mal di schiena
cronico – basato su diagnosi di mal di schiena muscoloscheletale
o meccanico, ernia del disco, dischi gonfi o protrusi, malattia
Per mal di schiena di origine discogenica,
il fine della terapia e’ di allargare lo spazio
intervertebrale e di ridurre la protrusione
del disco e la pressione intra-discale...
degenerativa del disco o dolore causato da operazioni chirurgiche
andate male eseguite piu’ di sei mesi prima – si sottoposero ad una
serie di trattamenti con DRX9000™ (con ciascuna seduta durata 28
minuti) per sei settimane, al ritmo di cinque sedute alla settimana
per le prime due settimane, riducendosi a due sessioni alla settimana
per le ultime due settimane. Trattamenti addizionali dopo le sessioni
con il DRX9000™ inclusero ghiaccio, esercizi di stretching lombare
e analgesici se richiesti. Valutazioni sul dolore, sull’uso di analgesici,
funzionalita’, soddisfazione, attivita’ della vita quotidiana e sicurezza
furono raccolte mediante esami, questionari e diari dei pazienti. Diciotto
dei partecipanti valutabili allo studio (33% donne; 83.3% bianchi; eta’
media 46.6 anni; 77.8% con impiego) avevano un livello medio di
dolore pari al 6.4 su una scala da 0 a 10 prima del primo trattamento
con DRX9000™; questo si e’ ridotto a 0.8 dopo l’ultimo trattamento
con il DRX9000™. Dei diciotto soggetti (88.9%) sedici hanno riportato
un miglioramento del dolore alla schiena e una migliore funzionalita’
misurata mediante le attivita’ della vita quotidiana. Su una scala di
soddisfazione da 0 a 10, i pazienti hanno dato al DRX9000™ il punteggio
di 8.1 di media. Nessun paziente ha necessitato di terapie invasive (per
figure 2: pre DRX9000 Risonanza Magnetica
esempio: iniezioni epidurali, chirurgia). Nel complesso il dolore dei
pazienti si e’ ridotto del 50% dopo due settimane di trattamento con
il DRX9000™. Pazienti hanno necessitato di meno analgesici e hanno
provato una migliore funzionalita’. Nessun problema di sicurezza
e’ stato identificato nella routine del trattamento multimodale.
Il caso da noi riportato dimostra
il positivo effetto idratante che il
trattamento con il DRX9000™ apporta al
disco inter-vertebrale.
figure 3: Post DRX9000 Risonanza Magnetica
Per il mal di schiena di origine discogenica, il fine della terapia e’ di
allargare lo spazio intervertebrale e di ridurre la protrusione e la pressione
intra-discale21-23, che sono i fini del trattamento con il DRX9000™. La
risonanza magnetica e’ utile per quantificare la variazione del volume e
dell’idratazione del disco inter-vertebrale24. Quindi, l’uso della risonanza
magnetica per spiegare il miglioramento del dolore e della funzionalita’
dopo il trattamento con il DRX9000™ puo’ essere vantaggioso.
Il caso da noi riportato dimostra il positivo effetto idratante che il
trattamento con il DRX9000™ apporta al disco inter-vertebrale. Ulteriori
studi clinici finalizzati sono necessari per convalidare i miglioramenti
clinici e radiografici in pazienti affetti da mal di schiena cronico.
Riconoscimento
Questo caso e’ stato sottoscritto con la concessione di
Axiom Worldwide, LLC, Tampa, FL.
1. Macario A, Richmond C, Auster M, et al., Treatment of 94 outpatients
with chronic discogenic low back pain with the DRX9000: a retrospective
chart review, Pain Pract, in press.
2. Leslie J, Richmond C, Macario A, et al., Pilot: Effectiveness and safety of
non-surgical spinal decompression, Paper presented at: 18th Annual Meeting
of the American Academy of Pain Management September 27–30, 2007; Las
Vegas, NV.
3. Quittan M, Management of back pain, Disabil Rehabil, 2002;24(8):423–34.
4. Boswell MV, Trescot AM, Datta S, et al., Interventional techniques:
evidence-based practice guidelines in the management of chronic spinal pain,
Pain Physician, 2007;10(1):117–111.
5. Deyo RA, Cherkin D, Conrad D, Volinn E, Cost, controversy, crisis:
low back pain and the health of the public, Annu Rev Public Health,
1991;12:141–56.
6. Frymoyer JW, Cats-Baril WL, An overview of the incidences and costs of
low back pain, Orthop Clin North Am, 1991;22(2): 263–71.
7. Jarvik JG, Deyo RA, Diagnostic evaluation of low back pain with emphasis
on imaging, Ann Intern Med, 2002;137(7):586–97.
8. Barondess JA, The future of generalism, Ann Intern Med,
1993;119(2):153–60.
9. Peng B, Hao J, Hou S, et al., Possible pathogenesis of painful intervertebral
disc degeneration, Spine, 2006;31(5):560–66.
10. Macario A, Pergolizzi J, Systemic literature review of spinal decompression via motorized traction for chronic discogenic low back pain, Pain Pract,
2006;6(3):171–80.
11. Carey T, Garret J, Jackman A, et al., The Outcomes And Costs Of
Care For Acute Low Back Pain Among Patients Seen By Primary Care
Practitioners, Chiropractors, and Orthopedic Surgeons, N Engl J Med,
1995;333(14)913–16.
12. Weinstein JN, Lurie JD, Tosteson TD, et al.,Surgical vs nonoperative treatment for lumbar disk herniation: the Spine Patient Outcomes
Research Trial (SPORT) observational cohort, JAMA, 2006;296(20): 2451–9.
13. Weinstein JN, Tosteson TD, Lurie JD, et al., Surgical vs nonoperative
treatment for lumbar disk herniation: the Spine Patient Outcomes Research
Trial (SPORT): a randomized trial, JAMA, 2006;296(20):2441–50.
14. Shen FH, Samartzis D, Andersson GB, Nonsurgical management of
acute and chronic low back pain, J Am Acad Orthop Surg, 2006;14(8):477–
87.
15. Hale ME, Dvergsten C, Gimbel J, Efficacy and safety of oxymorphone
extended release in chronic low back pain: Results of a randomized, doubleblind, placebo- and active-controlled phase III study, J Pain, 2005;6(1):21–8.
16. Long A, Donelson R, Fung T, Does it matter which exercise? A randomized control trial of exercise for low back pain, Spine, 2004;29(23):2593–
2602.
17. van der Roer N, van Tulder MW, Barendse JM, et al., Costeffectiveness
of an intensive group training protocol compared to physiotherapy guideline
care for sub-acute and chronic low back pain: design of a randomised
controllede trial with an economic evaluation, BMC Musculosket Disord,
2004;23;5(1):45.
18. Leibing E, Leonhardt U, Koster G, et al., Acupuncture treatment of
chronic low-back pain – a randomized, blinded, placebocontrolled
trial with 9-month follow-up, Pain, 2002;96(1–2):189–96.
19. Gay RE, Bronfort G, Evans RL, Distraction manipulation of lumbar
spine: a review of literature, J Manipulative Physiol Ther, 2005;28(4):266–73.
20. Meszaros TF, Olson R, Kulig K, et al., Effect of 10%, 30%, and 60%
body weight traction on the straight leg raise test of
symptomatic patients with low back pain, J Orthop Sports Phys Ther,
2000;30(10):595–601.
21. Ramos G, Martin W, Effects of vertebral axial decompression on
intradiscal Pressure, J Neurosurg, 1994;81(3):350–53.
22. Gupta RC, Ramarao SV, Epidurography in reduction of lumbar disc
prolapse by traction, Arch Phys Med Rehabil, 1978;59(7):322–7.
23. Onel D, Tuzlaci M, Sari H, Demir K, Computed tomographic investigation of the effect of traction on lumbar disc herniations, Spine,
1989;14(1):82–90.
24. Mullan C, Kelly B, Magnetic resonance (MR) imaging of lumbar spine:
use of a shortened protocol for initial investigation of degenerative disease,
Ulster Med J, 2005;74(1):29–32.
Traduzione italiana e grafica eseguita da 2tempo, graphic and web design. contact: [email protected] - www.2tempo.com

Documenti analoghi

Pieghevole

Pieghevole da impacchi freddi per aiutare la muscolatura paravertebrale a consolidarsi dopo il trattamento. Il supporto di una imbracatura a livello di torace/ spalla viene utilizzato per aiutare la distribuz...

Dettagli

Decompressione Spinale non Chirurgica per il

Decompressione Spinale non Chirurgica per il un’alternativa farmacologica piu’ forte (rilassanti muscolari, corticosteroidi sistemici, a in rari casi oppioidi), la manipolazione spinale, l’agopuntura, l’agopressione, e altre terapie sviluppat...

Dettagli

10-Linee Guida per Il Miglioramento della Qualita` nel

10-Linee Guida per Il Miglioramento della Qualita` nel 17. Masala S, Massari F, Fabiano S, Ursone A, Fiori R, Pastore F, Simonetti G. Nucleoplasty in the treatment of lumbar  diskogenic back pain: One year follow‐up. CVIR (2007); 30 (3): 426‐432. 18. D...

Dettagli