citta` di ventimiglia - Comune di Ventimiglia

Commenti

Transcript

citta` di ventimiglia - Comune di Ventimiglia
COPIA
CITTA’ DI VENTIMIGLIA
Provincia di Imperia
VERBALE DI DELIBERAZIONE
DEL CONSIGLIO COMUNALE
n. 68
Oggetto: MODIFICHE AL REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE
PUBBLICHE, APPROVATO CON ATTO C.C. N. 75 DEL 15/11/2008 E S.M. E I.. APPROVAZIONE.
L’anno DUEMILADIECI addì VENTUNO del mese di LUGLIO alle ore 20:00 nella sala Consiliare di Piazza
della Libertà n. 2, è convocato ai sensi e per gli effetti dell’art. 50, comma II, del D. Lgs.18.08.2000 n. 267
“Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali”, con avvisi scritti e recapitati a norma di legge, si è
riunito, in sessione ORDINARIA ed in seduta PUBBLICA, il Consiglio Comunale, del quale sono membri i
Signori:
Presente Assente
1.
Gaetano Antonio Scullino
X
2.
Ascheri Giovanni
X
3.
Ballestra Giovanni
X
4.
Isnardi Bartolomeo
X
5.
Fucile Mario
X
6.
Giugiario Paolo
X
7.
Bistolfi Filippo Maria
X
8.
D'
Andrea Roberto
X
9.
Folli Alberto
X
10.
Scriva Matteo
X
11.
Rea Maurizio
X
12.
Ventrella Franco
X
13.
Galardini Emilio
X
14.
Paroletti Manuel
X
15.
Campagna Giuseppe
X
16.
Raschiotti Pietro
X
17.
Merlenghi Mauro
X
18.
Foti Giovanni
X
19.
De Leo Domenico
X
20.
Paganelli Franco
X
21.
De Lucia Gianluca
X
18
3
Dei consiglieri assenti giustificano: Ballestra Giovanni.
Partecipano, senza diritto di voto, gli Assessori: Avv. Fabrizio Maccario, Sig. Roberto Nazzari, Sig. Andrea
Spinosi.
Partecipa in qualità di Segretario verbalizzante il dr. Achille Maccapani – Segretario Generale. È altresì
presente il dr. Marco Prestileo – Direttore Generale.
Essendo legale il numero degli intervenuti, il Sig. Campagna Giuseppe nella sua qualità di Presidente del
Consiglio Comunale assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell’oggetto
sopraindicato.
Relaziona il Dott. GRASSANO.
GRASSANO: “Questa delibera tocca quattro punti e in particolare: la ricollocazione dei due posteggi di
vendita fiori davanti al cimitero di Via Tenda, davanti allo spazio parcheggio per questioni di sicurezza, oggi
è considerato pericoloso per la clientela, li collochiamo all’interno. Si interviene sui produttori di fiori nel
tratto tra via Aprosio e Via Roma, i banchi sono collocati nella zona prospiciente il resto del mercato
coperto. Si riscrive l’art. 17 del regolamento per ragioni di migliore leggibilità. Infine si intende ridurre il
canone mercatale dal 2011 in funzione della crisi economica, per venire incontro ai commercianti, nella
misura media dell’1,5 %”.
DE LEO: “Questa pratica tratta di alcune problematiche importanti, da discutere in Consiglio. In
commissione avevo messo in primo piano la questione dei box destinati alla rivendita di fiori finti nella
tabella non alimentare. Alla luce di quanto sappiamo, ci sono alcuni commercianti che per anni hanno
combattuto con la crisi e la situazione difficile e sono rimasti costretti a vendere i loro box, altri faranno
altrettanto. Visto che l’appello è pressante, occorre rivisitare la destinazione delle tabelle merceologiche nel
mercato coperto. Da anni è stata inquadrata tra gli alimentari e non la divisione di tipologie di vendita. Da
molti anni si è stabilita l’esistenza di quelle tipologie di merci nelle tabelle. È cambiato molto nella tabella
alimentare. Molte famiglie fanno ricorso a titoli che nel mercato non esistono. Penso che non c’è
assolutamente via diversa per rispondere alle esigenze di questi commercianti. Va sempre ricordata la
salvaguardia degli esercizi che vendono quelle tipologie alimentari. Ma quando sono intervenuto, c’è stato
uno scontro nervoso in commissione, ho preso atto che c’è un confronto in maggioranza, e noto che c’è
qualche divergenza. Inoltre stanno lavorando i consiglieri incaricati, e so che stanno lavorando molto bene,
un commerciante di ampia generazione e un commercialista tecnico. Ma è una questione politica: gli
incaricati del Sindaco rispondono a lui, ai consiglieri comunali rispondono gli Assessori o, in questo caso, al
Sindaco. E formulo la domanda al Sindaco”.
FOTI: “Il problema espresso da De Leo esiste davvero. Lunedì scorso, in commissione, pur non facendone
parte, mi sono espresso, e il vostro capogruppo dice che forse sono stato maleducato nei confronti di Folli e
di Rea. Ma sono due esperti, e non metto in dubbio l’incarico ricevuto. Loro mi hanno promesso, anche
Ventrella, tra settembre e ottobre si risolverà questo problema. I fiori finti non vanno più. diciamo grazie ai
francesi che vengono a fare la spesa. Ma altrimenti il 40 % dei commercianti in città chiude i battenti. Tutti
gli anni c’è un calo enorme. Invito i consiglieri e il Sindaco a lavorarci bene. E tutta l’attività commerciale
non è facile da portare avanti, con tutte quelle spese. Non so se ci si arriva a fine mese. Invito tutto il
Consiglio e il Sindaco a riflettere. Stasera mi ha chiamato un ex-collega, ha problemi, lo multano i vigili,
rispettiamo allora chi lavora. Ridiscutiamo la problematica dei fiori finti. Ringrazio e faccio tanti auguri ai
consiglieri incaricati Rea e Folli”.
PAROLETTI: “De Leo e Foti hanno sollevato un problema che esiste. Si tratta di 9 box che vendono fiori
finti. È chiaro, non riuscendo a diversificare l’offerta merceologica, si fanno una concorrenza spaventosa. E
la situazione non può andare avanti, con rischio di chiusura. A meno che non si dotino di una vocazione
commerciale diversa. Preciso però che i box possono offrire ogni prodotto non alimentare. Allo stato attuale,
possono cambiare il loro marketing, e proporre qualcosa di nuovo. La volontà dell’Amministrazione è di
aiutarli ulteriormente, prevedendo di passare a un genere alimentare specialistico, almeno questa è l’idea su
cui stiamo lavorando. La scorsa settimana ne abbiamo parlato in riunione di maggioranza. Affronteremo il
problema per gli operatori, cercando di capire quale tipo di prodotto alimentare va offerto. Dobbiamo capire
quali siano i prodotti alimentari che possono offrire al pubblico senza fare concorrenza agli altri box, e dando
qualcosa che non c’è. Si deve incrementare e intensificare l’offerta commerciale, con prodotti alimentari che
mancano, e questa può essere l’occasione per fornire prodotti alimentari di difficile reperibilità. Insomma,
occorre un’indagine di mercato, anche interfacciarsi con gli operatori, le associazioni di categoria, e lavorare
concretamente, e capire quali sono i prodotti specialistici che in oggi non ci sono. credo che i consiglieri
incaricati lavorino in questo senso, e giungano ad una nuova tabella da sottoporla poi in commissione per
dare insieme il contributo per un affinamento e per una proposta che accontenti tutti, gli operatori coinvolti, e
noi che saremo riusciti a migliorare l’offerta commerciale del mercato”.
Escono ISNARDI e GIUGIARIO.
VENTRELLA: “Volevo controbattere a De Leo che non riconosceva il lavoro dei consiglieri incaricati e
voleva rivolgersi solo al Sindaco. C’è stata una reazione dura, da parte mia, ma non nei confronti di Foti.
Giustamente il Segretario aveva messo a verbale che mi rivolgevo a De Leo. Per il resto, rinvio a Rea e
Folli”.
REA: “La proposta di delibera non ha nulla a che vedere con il dibattito in corso. Ci sono stati proclami sulla
stampa. Caro De Leo, visto che non voleva trovarsi nelle situazioni di trovarsi sull’asino, lei lunedì lo ha
fatto, e poi oggi se ne lamentava. Non fare mai agli altri quello che potrebbe essere fatto a te. Non avendo
argomenti sufficientemente validi, sono state dette cose inesatte sulla stampa. I box sono tutti aperti. È vero,
il problema esiste. E la maggioranza se ne sta occupando da qualche mese. Anche in commissione, la
maggioranza ha risposto che non essendo all’ordine del giorno non era il caso di parlarne. Difatti in
commissione sono state fatte delle ipotesi. E non è questione di tempi. Il problema è serio. Personalmente,
posso rilevare che conosco benissimo la situazione, e so quali sono i problemi. Che non riguardano solo gli
operatori dei fiori finti. La questione è generale, nell’interesse del mercato. Se riusciamo a fare una
valutazione più ampia, lavoriamo meglio. In commissione c’era un certo nervosismo. Anche se lei non ne
faceva parte, giustamente poteva partecipare ai lavori, non poteva votare alla fine, ma poteva dare il suo
contributo. Altra cosa: De Leo vede la mancanza politica di questo settore. Io sono un politico, iscritto al Pdl,
e svolgo un compito amministrativo. Forse De Leo aveva ragione a lamentare la mancanza di un assessore.
Non credo di entrare nella specifica di questa cosa. La maggioranza ne è a conoscenza, lo ha detto Paroletti.
È chiaro, non è una cosa facile. Ci sono equilibri da salvaguardare in modo scrupoloso e con molta cautela. Il
cambiamento, se deve esserci, deve valere anche per le altre parti. Gli interessati, da ben otto anni, potevano
cambiare articoli. Spero che il percorso iniziato venga esaminato al più presto. Comunque non è detto che
tutti i box debbano diversificarsi. Ma è fuori discussione: la diversificazione deve essere mirata e
specializzata e non deve inficiare il lavoro degli altri, altrimenti ogni altro cambiamento non va bene.
FOTI: “Volevo ringraziare Rea per il suo bel discorso, per l’interessamento, e mi auguro che questo porti
risultati presto. In commissione fa piacere avere accesi dibattiti di discussione, e si arrivi poi tranquilli in
Consiglio Comunale”.
IL CONSIGLIO COMUNALE
RICHIAMATA la deliberazione consiliare n° 75 del 15.11.2007 – “Regolamento per la disciplina
del commercio su aree pubbliche” e successive modifiche ed integrazioni;
CONSIDERATO che al suddetto strumento regolamentare occorre apportare le sotto elencate
modifiche, in funzione di nuove situazioni di fatto nel frattempo verificatesi :
1) – avvenuta decadenza e/o revoca di varie concessioni di suolo pubblico e delle connesse autorizzazioni
commerciali, relative alle seguenti aree mercatali, previste dalla delibera sopra citata :
- MERCATO COPERTO
. settore produttori diretti “fiori e piante” (n° 1 rinuncia volontaria) : i posteggi vengono fatti traslare
mediante spostamento dell’intera fila sino ad occupare l’area libera in questione, in modo che tutti i
posteggi in concessione rimangono collocati nella fila anteriore, mentre quello da assegnare a bando si
colloca in coda alla fila box di Via Aprosio, onde realizzare la completa fruibilità, necessaria ed
ineludibile, della corsia di emergenza in Via Martiri della Libertà – nel tratto compreso tra Via Roma e
Via Aprosio – da parte dei mezzi di soccorso; peraltro, al fine di assegnare ai concessionari un doveroso
congruo preavviso nonchè per realizzare la necessaria nuova segnaletica orizzontale, tenuto conto
dell’imnminente periodo estivo, la suddetta variazione entrerà in vigore dal prossimo 1° settembre 2010;
. settore produttori diretti “ortofrutta” : l’area libera determinata dai posteggi cessati viene utilizzata a fini
di una razionalizzazione dello spazio destinato al pubblico tra i posteggi, creando un corridoio di accesso
corrispondente agli spazi liberi tra i box dei commercianti di frutta e verdura;
- PIAZZALE CIMITERO (n° 1 rinuncia volontaria) : se ne dispone l’eliminazione, poiché non determina
disponibilità di posteggi utili per nuove assegnazione come previsto dal punto 6 della delibera 75/2007;
2) – interesse collettivo di assicurare la migliore offerta commerciale in Zona Piazzale Cimitero :
per ragioni principalmente di sicurezza degli acquirenti, i n° 2 posteggi per la vendita di “fiori e piante”,
attualmente posto in fregio alla S.S. 20, vengono ricollocati in zona più interna del retrostante piazzale;
3) – esigenza di integrazione delle norme disciplinari previste dal regolamento comunale :
occorre far sì che la disciplina comunale vigente risulti assolutamente chiara ed incontestabile, apportando a
tal fine al testo le necessarie modifiche ed aggiunte, laddove ritenuto necessario dai servizi ed uffici
competenti; a tal fine viene riformulato l’art. 17
4) – interventi per il contenimento degli effetti della crisi economica globale mediante :
- RIDUZIONE DELLE IMPOSTE LOCALI : grazie all’oculata gestione di bilancio si può contribuire, anche
se in minima parte, a diminuire il canone di servizio mercatale per il comparto del commercio su aree
pubbliche, anch’esso in crisi, in quanto importante settore di traino di tutta l’economia cittadina e quindi
meritevole di sostegno ed attenzione, le diverse tariffe del canone vengono ridotte mediamente del 1,50/2,00
%, con arrotondamento ai 0,50 €/cent;
- AMPLIAMENTO DELLE AREE IN CONCESSIONE : in conseguenza dell’eliminazione dei posteggi del
settore produttori diretti “fiori e piante” del Mercato Coperto – lato “pescheria” – e quindi della completa
fruibilità della corsia di emergenza da parte dei mezzi di soccorso, si può procedere all’ampliamento delle
superfici di ciascuno dei banchi da m. 4 x 3 a m. 4 x 4;
ACQUISITI i pareri delle locali organizzazioni di categoria e dei consumatori ai sensi
dell’articolo 36, comma 5, della Legge regionale 2.1.2007, n° 1;
RITENUTO pertanto doveroso ed opportuno modificare, per le motivazioni sopra esposte, la
delibera consiliare n° 75 del 15.11.2007 – “Regolamento per la disciplina del commercio su aree pubbliche”;
VISTA la Legge regionale 2.1.2007, n° 1;
VISTO il Decreto Legislativo 18.8.2000, n° 267;
VISTO il vigente Statuto dell’Ente;
CON VOTI unanimi, resi ed espressi per alzata di mano,
DELIBERA
1) di sostituire le planimetrie relative a :
- SETTORE PRODUTTORI DIRETTI della SECONDA AREA “MERCATO COPERTO”
- SETTORE SPECIALIZZATO “FIORI E PIANTE” della QUINTA AREA “PIAZZALE CIMITERO”
con le unite planimetrie - ALLEGATO 1 e ALLEGATO 2 - che costituiscono parte integrante e sostanziale del
presente provvedimento;
2)
la lettera e) SETTORE PRODUTTORI DIRETTI della SECONDA AREA di cui al punto 2)
della delibera consiliare n° 75 del 15.11.2007 – “Regolamento per la disciplina del commercio su aree
pubbliche” – è sostituita, con decorrenza 1° settembre 2010, dalla seguente:
“e) SETTORE PRODUTTORI DIRETTI – per una superficie totale di mq. 237,5 – così composto:
- n° 7 posteggi “non alimentari” – settore “specializzato”, riservato alla vendita esclusiva di “fiori e piante” –
i numeri PD01, PD02, PD03, PD04, PD05, PD06 e PD08 – di ml. 4 x 4 = mq. 112;
- n° 1 box “alimentare” – n° PD11 – di cui si consente l’installazione per motivi di carattere igienicosanitario (es.: allevatori, apicoltori, caseifici, ecc.) – di ml. 4 x 3,5 = mq.14;
- n° 26 posteggi “misti alimentare e non alimentare” – i numeri dal PD12, PD 13, PD14, PD15, PD16, PD17,
PD18, PD19, PD20, PD21, PD22, PD23, PD25, PD26, PD27, PD28, PD29, PD32, PD36, PD37, PD38,
PD39, PD40, PD41, PD42, PD43 di ml. 4 x 1 = mq 104;
- n° 5 posteggi “alimentari”, interni alla pescheria – settore specializzato riservato ai pescatori e/o allevatori
di prodotti ittici – dal n° PD44 al n° PD48 – di ml. 1,50 x 1 = mq. 7,50;”
3) l’art. 17 del Regolamento è sostituito integralmente dal seguente
Art. 17 – Razionalizzazione area mercato del venerdi
L’area del mercato del venerdì è oggetto delle seguenti procedure per la sua razionalizzazione:
a) ogni area disponibile può essere utilizzata per razionalizzare l’area mercatale, mediante :
- destinazione per usi di pubblico interesse (es., piazzole per mezzi di soccorso, zone di evacuazione, ecc.)
- creazione o perfezionamento di passaggi carrai o pedonali
- riduzione dell’area complessiva di mercato
- migliorie di posteggi esistenti.
b) i posteggi che, per qualsiasi motivo, dovessero rendersi privi di titolare nel Mercato del Venerdì, saranno
eliminati.
c) è facoltà dei concessionari richiedere la riduzione dell’area in concessione, sino ad un minimo di 5 ml x 4
ml..
d) è concedibile, a richiesta scritta del concessionario e previa verifica e parere, da parte del Comando P.L.,
in ordine alla permanenza di misure sufficienti per le corsie di emergenza del mercato e per il transito
pedonale, l’ampliamento della superficie area ad uso tenda come segue:
- sino ad un massimo di 50 cm per il lato frontale e posteriore;
- sino ad un massimo di 25 cm per i lati laterali;
- sino ad un massimo di 2 ml su tutti i lati, per i posteggi occupati con camion-negozio attrezzati, a
condizione che siano dotati di tende elettrificate (in considerazione della notevole altezza da terra delle
stesse e della loro estrema velocità di innalzamento, valutabile in pochi secondi, nel caso di transito dei
mezzi di soccorso).
e) è concedibile , a richiesta scritta del concessionario previa verifica e parere, da parte del Comando P.L.,
in ordine alla permanenza di misure sufficienti per le corsie di emergenza del mercato e per il transito
pedona le, l’ampliamento della superficie a terra di solo 1 ml ( nè minore nè maggiore ) per la lunghezza
del banco a condizione che il posteggio non superi gli 8ml x 4ml. Laddove vi siano domande concorrenti, si
applicheranno le seguenti priorità:
- agli operatori con minor lunghezza anteriore del posteggio;
- ai banchi più vicini all’area libera.
La modifica della concessione viene autorizzata dall’ufficio P.A che valuterà le domande pervenute entro il
30 settembre di ogni anno, in base ai suddetti criteri, previa verifica e parere, da parte del Comando P.L..
La modifica comporta l’approvazione da parte del Consiglio Comunale delle variazioni alla planimetria
mercatale, nella prima seduta utile.
4) l’art. 25 del Regolamento è sostituito con il seguente :
Art. 25 – Tariffe canone servizio mercatale
Oltre alla T.O.S.A.P., se dovuta, ed alla tassa di smaltimento rifiuti, nelle misure ed alle scadenze stabilite
dalla legge, l’assegnatario di posteggio è tenuto al pagamento del canone di servizio mercatale, secondo le
seguenti tariffe :
- mercato del venerdì
annualmente, per metro quadrato
concessione a terra
eccedenza della concessione aerea rispetto quella a terra
- mercato coperto
annualmente, per metro quadrato
box
produttori diretti,
pescheria
pertinenze
euro
euro
58,00
09,50
euro
euro
euro
euro
48,00
38,50
43,50
24,00
- altre aree mercatali - posteggi sparsi annualmente, per metro quadrato
annuali
euro
48,00
dando atto che la suddetta riduzione del canone mercatale, operata in misura media del 1,5 / 2%, si
applicherà a decorrere dall’anno 2011 e pertanto, in fase di stesura del corrispondente bilancio di esercizio, la
previsione di entrata sarà adeguata di conseguenza.
Indi,
VISTA l’urgenza della presente pratica,
IL CONSIGLIO
CON VOTI unanimi, resi ed espressi per alzata di mano,
DICHIARA
Il presente provvedimento immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134, comma 4, del D.Lgs. 267/2000.
Terminate le votazioni, rientra il Sindaco.
____________________
Letto, confermato e sottoscritto
IL PRESIDENTE
F.to Campagna Giuseppe
IL SEGRETARIO
F.to Achille Maccapani
CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE
Si certifica che, ai sensi dell’art. 124 del D. Lgs. 18.08.2000 n. 267 “Testo unico delle leggi sull’ordinamento
degli enti locali”, copia del presente verbale verrà pubblicata all’Albo pretorio del Comune di Ventimiglia
dal giorno ____________ per rimanervi 15 giorni interi e consecutivi.
Lì ____________
IL SEGRETARIO
F.to Achille Maccapani
DICHIARAZIONE DI ESECUTIVITA’
Si dichiara che la presente deliberazione è divenuta esecutiva in data _____________ ai sensi dell’art. 134,
comma 3, del D. Lgs. 18.08.2000 n. 267 “Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali”,
Ventimiglia lì ____________________
IL SEGRETARIO
F.to Achille Maccapani
Copia conforme all’originale, in carta libera, ad uso amministrativo.
Ventimiglia, lì ________________________
IL SEGRETARIO
( Achille Maccapani)
Verbale approvato dal Consiglio Comunale con atto n. _____ del ____________

Documenti analoghi