Possessione

Transcript

Possessione
Possessione
antropologia ed etnopsichiatria
inCultura
1/10
Achille Miglionico
medico psichiatra – etnopsichiatra
perf.to in antropologia
[email protected]
SIEB Seminari Internazionali Eric Berne - 2009
Possessione e trance
Un fenomeno
antico quanto
l‟uomo, che
procede, anzi
corre con lui.
 Un fenomeno
attuale
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
OMINAZIONE
L‟ominazione
Designa il processo evolutivo che ha portato per tappe
successive a sviluppare dai Mammiferi Primati gli ominidi
pre-umani ed umani sino agli uomini moderni: Homo sapiens
sapiens
Cranio di Homo sapiens
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Stati alterati (modificati) di
coscienza
 Trance (transe)
 Possessione
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
S.A.C.
Le alterazioni della coscienza
in (etno)psichiatria
 Gli Stati di Alterazione della
Coscienza (Altered States of
Counsciousness, ASC) sono
condizioni in cui risultano
alterate sensazioni,
percezioni, cognizioni ed
emozioni (E. Bourguignon)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Premessa antropologica

Evoluzione biologica
ed evoluzione
culturale: sono processi
(stocastici) simili, ora
conservativi ora
innovativi che vanno
incontro a selezione
ambientale
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
premessa
 Dunque
biologia e
cultura dell‟uomo si
modificano, non sono
immutabili, tendono
contemporaneamente a
conservare e a
cambiare.
 E non solo: SI
INFLUENZANO
RECIPROCAMENTE
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
evoluzione biologica
evoluzione culturale
Morte e malattie sono
esperienze costanti nella
vita dell‟uomo e ne hanno
condizionato il senso
angoscioso di finitezza
 Anche le malattie sono
all‟intersezione tra mondo
biologico e culturale
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
 Per affrontare lo studio di fenomeni
morbosi, ritenuti tali oppure abnormi
(diversi) bisogna familiarizzare con
termini presi in prestito alla antropologia
sia fisica che culturale.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Le malattie cambiano ma
cambiano anche le malattie
 Patomorfosi
 Patocenosi
(es. il tifo, l‟isteria ecc.)
(le malattie in rapporto ad una
epoca storica)
 E se cambiano le malattie cambiano
anche le possibilità di simulare o
riprodurre malattie prese a modello dalla
propria epoca: Patomimesi
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Popolazione
ereditarietà
ambiente
Clima,
alimentazio
ne possibile
ecc.
cultura
frequenza
malattie
intensità
PATOCENOSI
“è l’insieme delle malattie presenti in una popolazione in
determinato ambiente e in una determinata epoca” (Grmek)
(è l‟insieme dei dati epidemiologici stabili in una popolazione e
corrisponde allo “stato di salute” di una popolazione)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
un
Cultura
Ambiente
Alimentazione
Attività
Markers
funzionali
Statura
Indicatori di stress Longevità
Bioarcheologia
Gino Fornaciari, 2008
Malattie
Paleopatologia
Stile di vita
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
dati
biologici
Le tracce fisiche sono sempre
anche culturali (e viceversa)
 Ogni ricerca antropologica (sull‟uomo) farà i
conti con la vita e la morte dell‟uomo osservato,
sui suoi dati biologici e sui dati culturali espressi
da quell’uomo, in quanto appartenente ad un
gruppo antropico
 Anche Oetzi, di cui abbiamo trovato solo resti
“fisici”, ci rimanda a gruppi. Viveva in un
gruppo: è stato ucciso allorché è stato
estromesso dal gruppo o è stato ucciso da un
altro gruppo?
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
L‟uomo di Similaun (“Oetzi”)
p.e.
 Quanto tempo fa è vissuto?
 Era uno di NOI? Era fatto come noi?
 Di che sesso era? Quanti anni aveva?
 Come è morto?
 Come si alimentava?
 In quali contesti socioambientali viveva?
 Di quali malattie si ammalava?
 Che rapporto aveva con la morte? conosceva il
“sacro”? era animatista? animista?
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Morte e vita: il MO NO AWARE
giapponese citato da C.LévyStrauss
 La atavica ed attuale
ineluttabilità delle
cose pone l‟uomo
dinanzi al bivio
angoscioso:
schiacciarsi nel
presente o proiettarsi
nel futuro che è in
grado di
mentalizzare
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Perché la religione è presente
in ogni società
 Credenze religiose presenti 60mila anni
fa nell‟Homo sapiens: seppelliva
deliberatamente i propri morti e
numerose tombe contengono resti di
cibo, attrezzi e altri oggetti utili nell‟altra
vita
 Ma perché “altra vita”?
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Sonno e sogno
 Il sonno ed il
sogno sono i più
semplici esempi
di STATO
ALTERATO DI
COSCIENZA che
possiamo
sperimentare.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Tutto sembra reale nei sogni e transe
 Nei sogni mi appaiono persone vive
e morte
 Io posso entrare nei sogni di un altro
e l’altro può entrare nel mio sogno
 Ciò indusse l‟uomo a credere in una
duplice esistenza: corpo da una
parte e anima dall‟altra; l‟anima
poteva abbandonare il corpo
durante il sonno o per sempre dopo
la morte.
 Sorge l‟ANIMISMO (Tylor, 1871)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
GULP!
ANTROPOLOGIA
DELLA
MORTE
Sir Edward Burnett Tylor
(1832-1917)
Sir James George Frazer
(1854-1951)
RIFLESSIONI
SULLA
MORTE
Uomo primitivo
CONCETTO
DI ANIMA
RELIGIONE
Origini della religione secondo
Tylor e Frazer (1913-1924)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Da Tylor a Marett (1914)
 Marett propose (anche) la credenza
nell‟esistenza di forze sovrannaturali
impersonali non derivate dall‟anima (p.e. una
zampa di coniglio, una roccia, un ferro di
cavallo, un corno ecc.). ANIMATISMO
 Per descrivere si servì del termine maleopolinesiano di MANA, un metafisico
trasmissibile, la “forza”, inerente ad ogni essere
vivente ed anche a certi oggetti, che può
accrescersi (cannibalismo rituale, una arma da
taglio, una pozione magica, ), che può essere
sottratto (scalpo, ecc.).
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Mana ieri ed oggi
 In Polinesia mana e
tabù erano spesso
collegati ed un ariki
pasquense non
poteva essere
toccato da uno del
popolo (come l‟arca
della Alleanza del
VT)
 Molto mana
posseggono leader
carismatici, guaritori,
sciamani, medici,
prodotti pubblicitari
ecc.)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Universalità della attitudine
religiosa
 Bisogno di comprensione del mondo interiore
ed esterno (Tylor, Marett)
 Angoscia esistenziale, incertezza e regressione
a sentimenti infantili (Freud, Malinowsky) e
alleviamento delle sofferenze (William James,
C.G. Jung, E. Fromm, Abraham Maslow)
 Bisogno di aggregazione in comunità (E.
Durkheim)
 TUTTI I PUNTI SONO PARIMENTI
IMPORTANTI nella formazione di religione
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Universalità della attitudine
religiosa
 Insomma dal bisogno di sistematizzare
l‟angoscia-incertezza e dalla incessante
spinta mitopoietica dell‟uomo, portato a
narrare e narrarsi, originano credenze
sino alla teo-cosmogonia, il puzzle più
grande
 Dal “perché?” individuale si passa al
“Perché” collettivo
 MITI, RITI e SIMBOLI sono i costituenti
della religione
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
INDIVIDUO
Linguaggio
e simboli
GRUPPO
Paura ed
angoscia
MORTE
CREDENZE ED
IDEE COLLETTIVE
Riti funebri
Teoria sociologica di Emile Durkheim
(1900-1910)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Emile Durkheim
(1858-1917)
“Tutte le società posseggono sistemi di
credenze ai quali è possibile applicare il
termine religione” (Ember & Ember, 2004)
 “Definiremo religione
qualunque
complesso di
atteggiamenti,
credenze e pratiche
che attengono a
potenze
sovrannaturali –
forze, spiriti, fantasmi
o dèmoni” (p.293)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Dal concetto di mana
 Dalla possibilità di manipolare
la forza sovrannaturale e di
piegarla ai propri intendimenti
deriva l‟altra faccia della
medaglia della religione: la
magia.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Religione-magia: facce della
stessa medaglia sacrale
 Religione e magia sono
inestricabilmente legate: nessuno dei
due sistemi di credenze ed attività ha
preceduto o seguito l‟altra
 Non c‟è una evoluzione frazeriana da
magia>religione>scienza né la
inversione batesoniana religione-magia:
anche oggi religione e magia convivono
e coesistono, attestando una ininterrotta
inclinazione dell‟uomo
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Religione-magia: facce della
stessa medaglia sacrale
 La religione va verso il Sé
 La magia va verso l‟Altro
(da salvare o danneggiare)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
 Ogni religione-magia determina forme
organizzate di dottrine e attività che si
chiamano CULTI (individuali, sciamanici,
comunitari, ecclesiastici sec. Anthony Wallace,
1966)
 Molti CULTI prevedono il fenomeno della
possessione
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Possessione e trance da
possessione
 Ogni esperienza di modificazione del
comportamento e/o dello stato di
coscienza, vissuta ed interpretata da chi
la sperimenta e dagli esperti rituali come
conseguenza dell‟intervento/presenza di
entità non-umane (antenati, animali,
spiriti, deità, demoni ecc.), che
penetrano nel corpo del “posseduto”.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Possessione e trance da
possessione
 Il corpo del “posseduto” viene a
“sdoppiarsi”: le entità non umane
agiscono autonomamente rispetto alla
intenzionalità lucida propria
dell‟individuo, annullando volontà e
ricordo attraverso un restringimento della
coscienza (trance); esse sembra che
“cavalcano” il posseduto (v. rito Vodu:
Deren, 1983; Métraux, 1971)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Tarantismo,1960. Chiesa di S.Paolo in Galatina
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Tarantismo,1960. Chiesa di S.Paolo in Galatina
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Tarantismo,1960. Chiesa di S.Paolo in Galatina
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Possessione e trance da possessione
 da un punto di vista
egosintonico: l‟idea
di essere posseduti
da un dio, un DIO
DENTRO di sé
(dall‟etimologia greca
della parola
“entusiasmo”)
 da un punto di vista
egodistonico: un
INTRUSO dentro di
noi
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Possessione e trance da
possessione
 Possessione “critica” (a scatto: “crisi”
indotte in contesti terapeutico-rituali p.e.
culto vodù haitiano; culto Ndoep in
Senegal; tarantismo ecc.)
 Possessione involontaria,
inconsapevole, più subdola nell‟esordio
con malesseri indefiniti, aborti ripetuti,
difficoltà riproduttive, insuccessi di vario
genere ecc.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Possessione e trance da possessione: Samburu (Kenia)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Possessione e trance da possessione: Samburu (Kenia). 2009
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Samburu, Kenya
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
 Ogni possessione prevede
una trance / transe
 Non tutte le transe prevedono
una possessione
 Parlare di possessioni
significa parlare di stati alterati
di coscienza ed in primis di
trance, comunque indotta
Possessione e trance da possessione
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
diff. con fascinazione
L’ (af)fascinato
 come oggetto di malocchio
 come oggetto di fattura
 come oggetto di fattura “a morte”
 come spiritato /
posseduto
involontario
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Come la fattura richiede(va)
controfattura così il posseduto
involontario richiede(va)
 Esorcismo
 Adorcismo
(e
possessione
“regolata”)
 Inorcismo
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Tra i più famosi culti di
possessione c’è il VODU
 Rituale popolare haitiano, in buona
parte danzato anche in forme
estatiche di possessione
 Voodoo – voudou – vodu, vodù, vudù
 La parola VODOUN in lingua Ewe-Fon
(Dahomey)
 Culto ancestrale dell‟Africa Occ., importato con
lo schiavismo nei Caraibi e altrove: certamente
anche un culto di resistenza per difendere una
identità frammentata e “religione degli oppressi”
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
La santeria cubana è una
forma di VODU
Così
Macumba
Candomblè in
Brasile
(divinazione con
i cauri o
conchiglie di
Ciprea)
Bori del Sudan
Zar in Abissinia
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Metraux Alfred, La comédie
rituelle dans la possession, 1955
 Trascende la lettura psicopatologica , pur
partendo da essa
 L‟analisi parte dai sintomi espressi assimilabili a
sintomi isterici
 i posseduti “riproducono” un attacco nervoso
più che subirlo (MIMESI)
 Il lato “teatrale”, la cornice del rito, la musica ed
infine la CRISI (il passaggio alla possessione)
sono codificati socialmente
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Isteria: Charcot, Janet, Freud
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Freud
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Isteria: Freud ed il caso di Anna O. (il film) Charcot, Breuer
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Isteria e fenomeni
isteriformi
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Pantheon e dinamiche nel
VODU
 Loa
 Baron Samedi (padrone dei cimiteri e dei morti





con cilindro, guanti bianchi e polsini)
Zaka, il contadino con paglia e pipa
Agoué, dio marino con tridente
Ogou, dio dei fabbri e guerrieri
Damballah, dio-serpente
Maitresse Erzulie, la più graziosa delle divinità,
civettuola
 ecc.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Pantheon e dinamiche nel
VODU
 Loa, mysteres o santi
 Sacerdoti (houngan), sacerdotesse (mambo),
servi/e della divinità (hounsi)
 Santuario (houmfo), sorta di tettoia aperta con
peristilio ed al centro di esso il poteau-mitan
(vaso-da-centro, oggetto sacro di culto)
 Il loa “prende” la testa, scacciando l‟anima (“il
grande angelo buono”) e costringe il posseduto
ad un rapporto di cavaliere-cavallo (il dio
“monta” il suo “choual)
 La folla protegge gli invasati
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Fonti del Vodu
 Metraux Alfred, La comédie rituelle dans la
possession, Diogéne, 11, 26-49, 1955.
 Metraux A., Il vodu haitiano, Einaudi, TO, 1971
(1958)
 Deren Maya, Divine Horsemen, The Living
Gods of Haiti, McPherson & Company,
Kingstone (1953) + FILM omonimo
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Deren Maya, Divine Horsemen,
The Living Gods of Haiti
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Deren Maya, Divine Horsemen,
The Living Gods of Haiti
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Deren Maya, Divine Horsemen,
The Living Gods of Haiti
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Deren Maya, Divine Horsemen,
The Living Gods of Haiti
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Deren Maya, Divine Horsemen,
The Living Gods of Haiti
Sono
Baron
Samedi
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Culto di possessione
 Vi sono – attraverso il RITO - sempre un set
ed un setting ben strutturato, ripetuto in
quanto codificato culturalmente
 Nella possessione si nota la mimesi di un
modello di malattia conosciuto che si integra
alla spinta mitopoietica, creativa dell‟uomo
 una malattia (etno)psichiatrica funge da
modello per la mimesi iniziale ma la
simulazione non è fraudolenta
 La mimesi e il setting ossessivo inducono di per
sé trance
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Culto di possessione
 I posseduti sono contenuti e protetti, nei
comportamenti regressivi potenzialmente
pericolosi per sé e gli altri, dagli astanti
 Il posseduto, fuori di possessione rituale, è un
individuo per lo più sano per i canoni culturali di
appartenenza e non ne soffre
 Il posseduto “abituale” , che è un “iniziato”,
diviene “possidente” di quello spirito e ciò
conferisce un valore a sé e/o al gruppo di
appartenenza.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Culto di possessione
 Quando nel setting è
prevista l‟assunzione di
sostanze psicoattive (alcole
ecc.) e/o intervengono
“droghe” naturali, il quadro
individuale (lo SAC) e
collettivo è catalizzato e
dominato dalla tipologia di
psicodislettici (allucinogeni o
meno)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Uso accidentale o volontario di
psicodislettici
dunque accenniamo alle
droghe, gli psicodislettici
 L‟uso volontario di

droghe ha comunque
sempre fatto seguito all‟uso
accidentale (“provare per
credere”)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Medioevo ed intossicazioni di massa:
una Graminacea psicoattiva.
 Il PANE ALLOIATO (G.C. Croce, Sogni fantastici della notte,
1629)
 Con il termine "Loglio" si identificano alcune
graminacee molto simili tra loro ma fra tutte una
è assai nota per essere citata in una famosa
parabola evangelica. La Zizzania, di cui si parla
nel Vangelo secondo Matteo, non è altro che il
Loglio ubriacante (Lolium temulentum L.) i cui
semi si mescolano, nel campo, a quelli delle
buone erbe.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Medioevo ed intossicazioni di massa:
una Graminacea psicoattiva.
 La pericolosità di questa graminacea che
infesta le messi era ben nota, infatti, fin
dai tempi più antichi poiché i suoi semi,
se macinati con i cereali, possono
provocare dolori al capo, vertigini, vomito
ed oscuramento della vista.
 La pollinosi da Loglio è invece provocata da altre due
specie che generalmente vivono nei prati sottoposti a
sfalcio in tutte le regioni italiane, il Loietto (Lolium
perenne L.) e il Loglio maggiore (Lolium multiflorum
Lam., in alcuni testi indicato come Lolium italicum A.Br).
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Loglio ibrido - Lolium x hybridum Hausskn (foto Gerald F.
Guala 2005) e Loglio rigido - Lolium rigidum Gaud
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
P. Camporesi, Il pane selvaggio, Bologna, 1980
 Il rapporto tra carestie, fame ed igiene
mentale nella Europa medioevale è stato
poco indagato: la droga più sconvolgente
e “feroce” è sempre stata la fame (Camilla &
Centini, 2006).
Per sei mesi l’anno scarseggiavano frutta
e verdura... Si pensi solo allo Scorbuto
(deficienza di vit.C) e Pellagra.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
 Pellagra ipovitaminosi del gruppo
B, in particolare niacina (vitamina
PP), o di triptofano, amminoacido
necessario per la sua sintesi. Con le
“quattro D" (dementia, dermatitis,
diarrhea e death, "morte"). Questa
vitamina è presente in genere nei
prodotti freschi: latte, verdure, cereali.
È/era una patologia frequente tra le
popolazioni che facevano della
polenta di sorgo o di mais il loro
alimento base.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Medioevo ed intossicazioni di
massa: non solo loglio ma
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
ergot
SEGALE CORNUTA (Ergot)
Claviceps purpurea (Hypocreaceae)
 Parti usate: sclerozio del fungo, parassita di Graminaceae
 Costituenti: alcaloidi col nucleo dell'acido lisergico:
ergometrina, ergotamina, ergotossina, ergoxina.
 Categoria: droga ad alcaloidi a nucleo indolico
 Impieghi medici nella modulazione del tono vasale ed uterino
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
LSD e sostanze psichedeliche
degli anni „60
Fu scoperto nel 1938 dal chimico svizzero della Sandoz Albert
Hofmann ed è basato sull'acido lisergico, che si trova
nell'ergot, un fungo parassita della segale. Le caratteristiche
escrescenze che si formano in seguito alla crescita di questo
particolare fungo hanno portato a definire le piante di segale,
che da esso vengono colpite, segale cornuta. L'ingestione
dell'ergot o della segale cornuta o di prodotti che da essa
derivano causano la cosiddetta "febbre del pellegrino", o
ergotismo, i cui sintomi sono deliri allucinatori e forti dolori
alle gambe. Introdotto dalla Sandoz (ora Novartis) come
farmaco psichiatrico venne successivamente bandito a causa
della diffusione del suo uso extra-clinico.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
LSD e sostanze psichedeliche
degli anni „60
L'LSD venne sintetizzato per la prima volta nel 1938 nei
Laboratori Sandoz di Basilea da Albert Hofmann. Hofmann
stava effettuando ricerche sugli alcaloidi presenti nella scilla
marina e nella segale cornuta nel tentativo di ricavare
sostanze utilizzabili come farmaci. Le sue proprietà
psichedeliche non vennero però riconosciute fino al 1943,
quando a Hofmann cadde una goccia della sostanza sulla
mano che, una volta traspirata, gli provocò forti giramenti di
testa. Questa esperienza lo condusse a testare
personalmente gli effetti psicoattivi dell'LSD (da lui chiamato
LSD-25 perché proveniente dal campione numero 25).
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Rapporto tra Ergotismo e
streghe
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Ergotismo e streghe
In Europa, specialmente in area tedesca e
fiamminga, si hanno notizie storiche dell'ergot
nel primo medioevo, come responsabile di
intossicazioni di massa, tramite la panificazione
di farina fatta con grano non ripulito dal fungo. I
quadri di Hieronymus Bosch sono
generalmente indicati come ispirati dall'ergot, i
cui alcaloidi sono resistenti anche alle alte
temperature dei forni di cottura del pane.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Ergotismo: epidemie sospette

Matossian M.K., Ergot and the Salem Witchcraft Affair, in American Scientist, 70,
185-192, 1982.
nel 1428 inizia la persecuzione di massa delle
streghe
 Sino al 1418 l‟A. conta una sessantina di
epidemie in Europa dal 580 d.C.
 Dal 1456 al 1848 una novantina
 Di tutte le epidemie di probabile ergotismo, tra
il 1428 e il 1670 ben 17 sono identificate come
epidemie di stregoneria o possessione
diabolica

SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Ergotismo in passato
In realtà gli effetti psichedelici dell'ergot erano già
conosciuti dagli Assiri che, in una tavoletta del
500 a.C., fanno menzione di una "pustola
nociva della spina di grano".
Molti studiosi, come G. Wasson, ne ipotizzano
inoltre l'uso rituale all'interno delle cerimonie
dell'antica Grecia conosciute come "Misteri
Eleusini", dove l'ergot sarebbe stato utilizzato
come ingrediente base all'interno della bevanda
sacra chiamata kikeon, che permetteva agli
iniziati di avere visioni divine e introspezioni
filosofiche.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Ergotismo e streghe
L'ergot fece il primo ingresso in medicina nel 1582, all'interno
dell'erbario del medico tedesco A. Lonitzer, ma solo nel 1808 fu
ufficializzato, grazie all'americano J. Stearns: veniva usato per
agevolare il parto ma in seguito ne venne fermato l'uso, in
quanto il dosaggio sbagliato poteva provocare spasmi uterini.
L'LSD-25, comunque, rimane nei laboratori della Sandoz per
cinque anni, fino al 16 aprile 1943, quando Hofmann entra in
contatto per errore con una piccola quantità della sostanza. È la
prima esperienza di un uomo con l'LSD. Hofmann racconta di
aver "visto un flusso ininterrotto di immagini meravigliose, forme
straordinarie con un intenso gioco caleidoscopico di colori."
L'esperienza durò circa due ore.
Tre giorni dopo, il 19 aprile, noto come "giorno della bicicletta",
Hofmann assume intenzionalmente 250 μg di LSD. È il primo
utilizzo intenzionale della sostanza.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Ergotismo e streghe: l‟ergot
sfigura le menti
Anche le testimonianze di fenomeni di
stregoneria registrate a fine seicento a
Salem negli USA (testimonianze che
dettero il via alla tristemente famosa
caccia alle streghe di Salem) sono
considerate da molti studiosi come
derivanti dall'involontario consumo di
pane con segale cornuta.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Invece la lebbra sfigurava i
volti ma non le menti
Facies leprosa
A: riassorbimento del processo
alveolare superiore
B: arrotondamento
dell‟apertura nasale
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Huicholes : una popolazione
di oggi che vive(va) isolata...
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Huicholes : un relitto
antropologico
Che consuma
abitualmente
psicodislettici
per transe
religiose di tipo
stagionale
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
huicholes
 Una popolazione isolata di lingua uto-
azteca, arroccata sulla Sierra madre: per
raggiungerli ci vuole una settimana di
marcia oppure aerei leggeri.
 Nella stagione umida ci si occupa delle
cose fisiche, della terra (coltivano mais e
fagioli che mangiano in tortillas)
 Nella stagione secca ci si dedica alla
spiritualità (cultura politeistica
“ecocentrica”)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
 Lo
YELIYAARI
è il cammino del
cuore, una dura
prova spirituale
fatta di marce,
veglia, digiuno,
purificazioni, canti
sciamanici
ipnotizzanti, e
danze, astinenza
sex, sogni, uso di
droghe
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Usano ben 110 sostanze
psicoattive
 Tra cui il peyote (Lolophora williamsi)
che contiene mescalina, alcaloide
allucinogeno
 Lo studioso di Huicholes, Ilario Rossi
(Un. Di Losanna), lo ha visto dare a
neonati e lattanti: chi non lo sputava era
ritenuto un “eletto”, una specie di piccolo
budda.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Peyote crestato
Psilocybe caerulescens
Psilocybe cubensis
Psylocibe caerulescens
mazatecorum
Psylocibe cyanescens
Lophophora williamsii
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Possessione diabolica
 È d‟obbligo parlando di possessioni non
scotomizzare il problema della
possessione diabolica che sembra
travalicare i confini di una sola religione
 Naturalmente si accenna alla
possessione e non al delirio di
possessione diabolica cui può andare
incontro una grave forma di
dissociazione o uno psicotico con delirio
allucinatorio monotematico.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
L‟idea del diavolo
 L‟idea del diavolo sembra provenire dalla
cultura mesopotamica e cananea
(Russel, 1990; Vorgrimler, 1995) ed ha
permeato la letteratura ebraica in epoca
tarda, in particolare nel periodo
apocalittico (220 a.C.-100 d.C., in pieno
giudeocristianesimo)
 La letteratura Qumranica ne è pervasa,
p.e.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Possessione ed A.T.(Martoglio E., 2007)
 Il fenomeno della possessione e
dell‟esorcismo non compare nell‟Antico
Testamento: uno “spirito cattivo mandato
da Jahvé” si posa su Saul e lo tormenta
(1 Sam 16,14; 18,10)
 Gli indovini possono essere pervasi dallo
spirito dei morti che abita
temporaneamente in loro.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Russell, Il principe delle tenebre, Laterza, BA, 37, 1990.
 “Poco a poco il mal’ak [messaggero di
dio] conseguì la sua indipendenza da
Dio; poco a poco il suo aspetto
distruttivo venne sempre più sottolineato;
alla fine divenne la personificazione del
lato oscuro della natura divina. Il mal’ak
era ora l‟angelo cattivo, Satana
l‟oppositore, il menzognero, lo spirito
sterminatore.”
 [Satan in ebr. “colui che ostacola”].
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Possessione e N.T.(Martoglio E., 2007)
 La funzione di Satana nel N.T. è quella
di ostacolare il regno di Dio con tutte le
forze. Un‟arma tra le sue preferite è
proprio la possessione
 L‟esorcismo, che compie lo stesso Gesù,
è centrale nella guerra contro Satana
 Nei Vangeli e Atti degli Apostoli gli
esempi sono numerosi
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Emilio Servadio: introduzione a “La
possessione diabolica” dell‟esorcista mons.
Corrado Balducci (1974)
 Apprezza – non condividendo appieno ogni
affermazione dell‟esperto esorcista – la
posizione tra teologia, psichiatria e
psicoanalisi dell‟A. ed auspica, che,
qualunque sia il metodo per estirpare “il
demoniaco”, il cono d‟ombra con triangolo
in basso, dentro di noi, si dia “...al
demoniaco la possibilità di sublimizzarsi e
di elevarsi; si riconferma nel bruco, prima
impazzito e feroce, la facoltà di trasformarsi
– se un giorno ci riuscisse – in “angelica
farfalla”.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Stati Alterati di Coscienza
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Le alterazioni della coscienza
in (etno)psichiatria

Quantitative: sonno,
PTC di ndd;
obnubilamento/torporestupor-coma; assenze
epilettiche...
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
VARIAZIONI QUANTITATIVE
COMA 1-2-3-4
OBNUBIL. / TORPORE
COSCIENZA VIGILE
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Le alterazioni della coscienza
in (etno)psichiatria
Qualitative: sogno, onirismo o stato
crepuscolare, stato ipnotico, confusione
mentale sino a delirio confuso, transe e
fenomeni dissociativi...
Sono restringimenti della coscienza (anche
se qualcuno, parlando di sostanze
psichedeliche invoca una espansione
della coscienza)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
VARIAZIONI QUALITATIVE
restringimento
COSCIENZA VIGILE 360°
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
TRANSE
restringimento
COSCIENZA VIGILE 360°
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Trance / Transe
 La t. è una particolare alterazione dello stato
di coscienza che assomiglia al sonno ma ha
caratteristiche EEGrafiche dello stato di
veglia.
 Residua quasi sempre amnesia
 La t. (e tutti gli S.A.C./A.S.C. “qualitativi”) sono
FENOMENI DISSOCIATIVI
 In ambito psicopatologico i Fenomeni
Dissociativi divengono Disturbi Dissociativi
(Dissociative Disorders del DSM)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Transe rituale (non psicopatologica) e
transe dissociativa (psicopatologica)
Fenomeno dissociativo
Disturbo diss.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
 Si parla di DISTURBI DISSOCIATIVI
quando i fenomeni comportano
“disagio clinicamente significativo” e
ricadute sociali con pericolo per sé e/o
altri. Es. trance dissociativa o di
possessione del DSM
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
 Quando i FENOMENI DISSOCIATIVI
sono evocati da stimoli culturali,
permessi culturali e ritualizzati (anche
ad assumere psicodislettici), essi non
ingenerano disagi individuali e collettivi,
anzi sortiscono un effetto positivo su
tensioni personali (effetto terapeutico) e
su tensioni sociali (discarica
programmata di aggressività ecc.)
I fenomeni dissociativi sono ubiquitari nel
mondo e si manifestano in ogni cultura (Castillo,
1994; et Al.)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
 Insomma non è da considerarsi malata
una persona che partecipando ad un rito
vodù viene posseduta (“montata”) da
uno spirito e dopo il rito si ritira a casa
per lavorare tranquillamente nella
settimana.
 Ma se quella persona ha episodi
morbosi alla anamnesi e/o si ammala
successivamente si pone un problema di
diagnosi differenziale: il primo dato da
chiarire è se quella persona appartiene a
quella etnia che promuove il rito o ne è
stato un accidentale o volontario
spettatore.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
La preghiera, salmodiare
intensamente inducono transe.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Il ballo sotto incalzare di ritmi
musicali ossessivamente ripetuti
 Inducono un restringimento
della coscienza
riconducibile alla transe.
 Se al ballo si unisce l‟uso di
inebrianti (alcole) e/o
psicodislettici l‟effetto
psichico si fa dominante,
entrando in dimensioni
“parallele” da tempo
ricercate dall‟uomo
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Sufismo , ramo mistico dell‟Islam. Mirare
all‟incontro estatico con il divino attraverso
riti meditativi, recite, danze e musica.
 i Sufiti erano
dediti
all‟ascetismo e
povertà - suf in
arabo è lana ad
indicare il rozzo
indumento,
l‟unico, che
indossavano
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Sufismo , ramo mistico dell‟Islam.
 Tra i Sufiti sono
famosi i Mevlevi o
Dervisci “roteanti”,
osteggiati da tutti, dai
fondamentalismi
islamici e persino dal
laico Ataturk. Oggi
sono conosciuti per
esibizioni di danza
ad uso e consumo
turistico.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Sufismo , ramo mistico dell‟Islam.
 Qawwali è musica
devozionale sufi
contemporanea (in
uso p.e. in Pakistan)
ed è analoga al
gospel o al canto
gregoriano (intento
di avvicinare al
divino)
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Insomma inducono transe:
DANZE
PSICODISLETTICI
SET
STIMOLI
RIPETUTI
MUSICA E SUONI
RIPETUTI
OSSESSIVAMENTE
SETTING
IPNOSI
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
UN PARTICOLARE CULTO DI
POSSESSIONE SUBSAHARIANO SI E‟
TRAPIANTATO con i FLUSSI MIGRATORI
IN EUROPA, ANZI IN ITALIA e si diffonde
dal Piemonte. Tale culto ha matrice africana
nigeriana ed ha le carte in regola per
essere un vero e proprio paradigma di
riferimento in etnopsichiatria.
Alcune caratteristiche sorte già in
Africa attestano una ibridizzazione
culturale tra temi africani ed
occidentali che ricorda i cd CULTI
del CARGO comparsi
spontaneamente alle isole Fiji (1885)
e Papua (“Follia Vailala”, 1919).
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
• Il
culto di
Mami Wata
un esempio di
incrocio
antropologico e di
etnopsichiatria: tra
possessione, corpi,
mimesi e storia
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Mami Wata
 Il Mami Wata è spirito
delle acque, quasi
sempre femminile (esiste
uno spiritual husband del
fiume): volto dai tratti
femminei, indoeuropei,
pelle bianca, capelli lisci,
e neri; donna-sirena o
donna-serpente che
“ostenta bellezza e
ricchezza e che affligge,
arrecando morte e
malattia, a coloro
che…trasgrediscono le
sue …proibizioni.”
(Beneduce).
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Mami Wata = ibrido tra “mami” e “water”
In Congo si
chiama
Mamba
Munto
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Mami Wata
 Il Mami Wata è culto comunitario originario
delle regioni del Golfo di Guinea sino alla Rep.
Democratica del Congo (qui si chiama Mamba
Muntu), che mutua tratti occidentali
“consumistici” (auto, vestiti lussuosi, case
confortevoli ecc.) e per sua natura fa adepti con
una territorialità senza confini.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Divinità delle acque
largamente diffusa in Africa
subsahariana dal Marocco
(Aicha ecc.) al Senegal,
Nigeria, Congo, Mozambico;
ma anche dal Brasile (Mae
d’agua, Yemanja...) a Cuba.
Incarna alla perfezione le moderne icone
del successo economico e sociale,
dell‟autonomia e del desiderio femminile
(capelli lunghi ed intrecciati a serpenti,
corpo da sirena, pelle chiara ecc.) Tali
raffigurazioni femminili sicuramente
importate dai colonizzatori sono
penetrate integrandosi con entità invisibili
autoctone (spiriti ogbanje).
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Mami Wata e atmosfera da film
horror
 Il culto è collegato ad un tenebroso ciclo di bambini-
spiriti (Ogbanje o returning children) o Abiku (“born
to die”), destinati a nascere più volte nel ventre della
madre per poi morire ciclicamente in tenera età o prima
della adolescenza in virtù di un patto contratto con la
comunità degli spiriti delle acque (Ndi Otu) che li attira;
collegato è il mito delle donne-pesce, “figlie” di Mami
Wata, amanti della bella vita e del benessere (Li Uwa è
una che vuole “divorare” il mondo). Le adepte di Mami
Wata sono per natura ambivalenti, spiriti delle acque
intrappolate in corpi e costretti tra i vivi, “come un terzo
genere che si scaglia contro le nostre categorie” mentali,
dice Beneduce.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Mami Wata
 E‟ proprio l‟etnopsichiatra/antropologo Roberto
Beneduce ad aver approfondito, con il suo gruppo di
ricerca ed intervento, un modello di “possessione”, il
Mami Wata, tra le donne nigeriane che vivono in
Piemonte.[i]
 Ignorare può comportare danni da intervento
disinformato. Gli uomini recano con sé nel bagaglio la
propria cultura ed il Mami Wata va conosciuto anche
fuori della regione ove è stato descritto, anche per
spiegare la tendenza di certe etnie alla “prostituzione”.

[i] Si veda Beneduce R., Taliani S., Un paradosso ordinato.
Possessione, corpi, migrazioni, in Possessione, Antropologia, Meltemi,
1, 1, 2001.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Dunque, grande cautela nella
diagnosi e terapia...
 ....di soggetti africani con esperienze di
possessione
 Un europeo con gli stessi sintomi è
sicuramente più grave (avrebbe un
delirio di possessione)
 È necessaria una consulenza
etnopsichiatrica nei casi in cui il
sofferente non condivide la nostra
cultura, la “nostra” (etno)psichiatria.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Bibliografia di riferimento










Balducci Corrado, La Possessione diabolica, Ed. Mediterranee, RM,
1988 (1974). Con prefazione di Emilio Servadio.
Beneduce R., Taliani S., Un paradosso ordinato. Possessione, corpi,
migrazioni, in Possessione, Antropologia, Meltemi, 1, 1, 2001.
Beneduce Roberto, Trance e Possessione in Africa, Bollati Boringhieri,
2002
Beneduce Roberto, Breve dizionario di Etnopsichiatria, Carocci ed.,
RM, 2008.
Bourguignon Erika, Antropologia psicologica, Laterza ed., Bari, 1983.
(Psychological Anthropology, An Introduction to Humane Nature and
Cultural Differences, Holt, Rinehart and Wunston, N.Y.,1979)
Camilla Gilberto, Centini Massimo, Sciamanismo e stregoneria,
Ananke, TO, 2006.
Coppo Piero, Tra psiche e culture, elementi di etnopsichiatria, Bollati
Boringhieri,2003
Ember Carol R., Ember Melvin, Antropologia culturale, il Mulino, BO,
2004
Hales R. E., Yudofsky S.C., Talbott J.A., Psichiatria, The American
Psychiatric Press, CSE ed., Torino, 2003.
Martoglio Eliana, Indemoniati, Ananke, Torino, 2007.
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10
Fine parte.
Grazie
dell‟attenzione
SIEB - www.sieb96.org
www.incultura.com inCultura 1/10

Documenti analoghi

tarantolismo

tarantolismo www.incultura.com inCultura 1/10

Dettagli