Scheda dati di sicurezza

Commenti

Transcript

Scheda dati di sicurezza
Scheda dati di sicurezza (in conformità con il Regolamento (CE) 1907/2006)
Revisione: 20/01/2015
Versione IT 1
Pagina: 1/6
1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA
Identificatore del prodotto
Polvere equilibratura 505 Hofmann Power Weight
N° di registrazione REACH:
Eccezioni dall’obbligo di registrazione secondo l’Allegato V.7
Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela
Granulato per equilibratura rivestito, a base minerale, per l’attenuazione delle vibrazioni in ruote di veicoli commerciali
mediante introduzione in pneumatici senza camera d’aria in base alle istruzioni per l’uso attuali del granulato per
equilibratura della Hofmann Power Weight.
Informazioni sul fornitore che mette a disposizione la scheda dati di sicurezza
IDENTIFICAZIONE DELLA SOCIETÀ/IMPRESA:
WEGMANN automotive GmbH & Co. KG
Rudolf-Diesel-Straße 6
97209 Veitshöchheim
Germania
Tel.: +49 931/32104-0
Fax: +49 931/32104-999
INDIRIZZO E-MAIL DEL RESPONSABILE DELLA SDS:
[email protected]
2. IDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI
Classificazione della sostanza o della miscela
Questo prodotto non soddisfa i criteri per essere classificato come pericoloso, in base a quanto definito nel Regolamento (CE)
1272/2008 e nella Direttiva 67/548/CEE.
A seconda del tipi di trattamento e uso può generarsi silice cristallina respirabile dispersa nell’aria. L'inalazione prolungata
e/o massiccia di polvere di silice cristallina respirabile può causare fibrosi polmonare, comunemente chiamata silicosi. I
sintomi principali della silicosi sono tosse e dispnea. In caso di esposizione irregolare alla polvere di silice cristallina
respirabile devono essere presenti misure di controllo e monitoraggio.
Questo prodotto deve essere maneggiato con cura per evitare di generare polvere
Regolamento (CE) 1272/2008:
Non classificato
Classificazione UE (67/548/CEE):
Non classificato
ELEMENTI DELL’ETICHETTA:
Nessuno
ALTRI PERICOLI:
Questo prodotto è una sostanza inorganica e non risponde ai criteri per PBT o vPvB in conformità con l'Allegato XIII di
REACH.
3. COMPOSIZIONE/INFORMAZIONI SUGLI INGREDIENTI
Quarzo granulare rivestito con un sistema di resina sintetica con pigmenti colorati.
Scheda dati di sicurezza (in conformità con il Regolamento (CE) 1907/2006)
Revisione: 20/01/2015
Versione IT 1
Pagina: 2/6
COSTITUENTE PRINCIPALE:
Quarzo
QUANTITÀ:
SiO2 > 98%
NUMERO EINECS:
238-878-4
NUMERO CAS:
14808-60-7
Impurità
Questo prodotto contiene meno dell'1% di quarzo (frazione fine) classificato come STOT RE1.
4. MISURE DI PRONTO SOCCORSO
Descrizione delle misure di pronto soccorso
CONTATTO CON GLI OCCHI:
Sciacquare con abbondante acqua corrente per diversi minuti. Se l'irritazione persiste rivolgersi a un medico.
INALAZIONE:
Si consiglia di portare la persona esposta alla sostanza dalla zona inquinata all’aria aperta.
INGESTIONE:
Non sono richieste misure di pronto soccorso.
CONTATTO CON LA PELLE:
Non sono richieste particolari misure di pronto soccorso.
Principali sintomi ed effetti, sia acuti e che ritardati
Non si osservano sintomi ed effetti acuti e ritardati.
Indicazioni dell’eventuale necessità di consultare immediatamente un medico oppure di trattamenti speciali
Non sono richieste delle misure particolari.
5. MISURE ANTINCENDIO
Mezzi di estinzione
Non sono richiesti mezzi estinguenti specifici.
Pericoli speciali derivanti dalla sostanza o dalla miscela
Il prodotto in sé è incombustibile.
In caso d'incendio più grande nei dintorni si formano CO e CO2 come gas di decomposizione.
Raccomandazioni per gli addetti all’estinzione degli incendi
Non sono richieste protezioni antincendio specifiche.
6. MISURE IN CASO DI RILASCIO ACCIDENTALE
Precauzioni personali, dispositivi di protezione e procedure in caso di emergenza
Evitare di generare polvere dispersa nell'aria, indossare dispositivi di protezione personale in conformità con la legislazione
nazionale.
MISURE DI PROTEZIONE AMBIENTALE:
Nessun requisito speciale.
Metodi e materiali per il contenimento e per la bonifica
Evitare di spazzare a secco e utilizzare un aspiratore o sistemi di lavaggio a spruzzo d'acqua per impedire la generazione di
polvere dispersa nell'aria.
Scheda dati di sicurezza (in conformità con il Regolamento (CE) 1907/2006)
Revisione: 20/01/2015
Versione IT 1
Pagina: 3/6
Indossare dispositivi di protezione personale adeguati in conformità con la legislazione nazionale.
Riferimenti ad altre sezioni
Vedi sezioni 8 e 13.
7. MANIPOLAZIONE E IMMAGAZZINAMENTO
Precauzioni per la manipolazione sicura
Evitare di generare polvere dispersa nell'aria. Non mangiare, bere e fumare nelle zone di lavoro; lavare le mani dopo l’uso.
Condizioni per l’immagazzinamento sicuro, comprese eventuali incompatibilità
Misure tecniche/Precauzioni
Ridurre al minimo la generazione di polvere dispersa nell'aria. Immagazzinare i prodotti confezionati in modo da evitare la
rottura accidentale dell'involucro.
8. LIMITAZIONE E CONTROLLO DELL'ESPOSIZIONE/PROTEZIONE INDIVIDUALE
Parametri di controllo
Rispettare i limiti di esposizione di legge per qualsiasi tipo di polvere dispersa nell'aria (ad es. polvere totale, polvere
respirabile, ossido di silice cristallina respirabile).
Per la Germania:
TRGS 900 e TRGS 906 devono essere rispetti nella loro rispettiva versione attuale
Per l’Austria e la Svizzera:
Il valore limite per l’esposizione professionale (OEL/Occupational Exposure Limit) per silice cristallina respirabile in Austria
e nella Svizzera è pari a 0,15 mg/m³ (ponderata in funzione del tempo dei risultati di misura in 8 ore). Per i limiti equivalenti
in altri Paesi, rivolgersi a un igienista occupazionale competente o all'ente di ambito.
LIMITAZIONE E CONTROLLO DELL'ESPOSIZIONE:
Controlli tecnici idonei
Ridurre al minimo la generazione di polvere dispersa nell'aria. Utilizzare strutture di contenimento dei processi, impianti di
aspirazione locale o altri sistemi tecnici di controllo per tenere i livelli dispersi nell'aria al di sotto dei limiti di esposizione. Se
le operazioni dell'utilizzatore generano polvere, fumi o nebulizzazione, usare la ventilazione per tenere l'esposizione alle
particelle disperse nell'aria al di sotto del limite di esposizione. Applicare misure organizzative, ad esempio isolando il
personale dalle aree polverose. Togliere e lavare gli indumenti sporchi.
Misure di protezione individuale, quali dispositivi di protezione individuale
Protezioni per occhi/volto
Indossare occhiali di sicurezza con protezioni laterali nei casi in cui vi sia il rischio di lesioni agli occhi.
Protezione della pelle
Nessun requisito specifico. Per le mani, vedere sotto. Per i lavoratori che soffrono di dermatite o con pelle sensibile, si
consiglia una protezione appropriata (ad es. indumenti protettivi, crema barriera).
PROTEZIONE DELLE MANI:
Per i lavoratori che soffrono di dermatite o con pelle sensibile, si consiglia una protezione appropriata (ad es. guanti
protettivi, crema barriera). Lavarsi le mani al termine di ogni turno di lavoro.
PROTEZIONE RESPIRATORIA:
In caso di esposizione prolungata a concentrazioni di polvere dispersa nell'aria, indossare un dispositivo per la protezione
delle vie respiratorie conforme ai requisiti della legislazione europea o nazionale.
È raccomandato l'uso di maschere facciali parziali o complete con filtri contro le particelle di categoria 2 o 3 (FP2 - FP3).
Vedi EN143: 2000 Apparecchi di protezione delle vie respiratorie – filtri antiparticolato.
LIMITAZIONE E CONTROLLO DELL'ESPOSIZIONE AMBIENTALE:
Evitare la dispersione da parte del vento.
Scheda dati di sicurezza (in conformità con il Regolamento (CE) 1907/2006)
Revisione: 20/01/2015
Versione IT 1
9. PROPRIETÀ FISICHE E CHIMICHE
Informazioni sulle proprietà fisiche e chimiche fondamentali
FORMA:
granulare
FORMA DEL GRANULO:
sub-angolare
COLORE:
colori diversi
ODORE:
inodore
Soglia olfattiva
Non pertinente
Valore pH
Non pertinente
Punto di fusione/punto di congelamento
1710°C
DENSITÀ RELATIVA:
2,65 g/cm³
Solubilità
Idrosolubilità
Trascurabile
Solubilità nell’acido fluoridrico
Sì
Altre informazioni
nessun’altra informazione
MUTAMENTO DELLO STATO:
Decomposizione del film di resina sintetica a partire da 150 °C.
10. STABILITÀ E REATTIVITÀ
Reattività
Inerte, non reattivo
Stabilità chimica
Chimicamente stabile
Possibilità di reazioni pericolose
Nessuna reazione pericolosa.
CONDIZIONI DA EVITARE:
Non pertinente
Materiali incompatibili
Nessuna particolare incompatibilità.
PRODOTTI PERICOLOSI DI DECOMPOSIZIONE:
Non pertinente
Pagina: 4/6
Scheda dati di sicurezza (in conformità con il Regolamento (CE) 1907/2006)
Revisione: 20/01/2015
Versione IT 1
Pagina: 5/6
11. INFORMAZIONI TOSSICOLOGICHE
Informazioni sugli effetti tossicologici
Tossicità acuta
Sulla base dei dati disponibili, i dati di classificazione non sono soddisfatti.
Corrosione/irritazione cutanea
Sulla base dei dati disponibili, i dati di classificazione non sono soddisfatti.
Lesioni oculari gravi/irritazioni oculari gravi
Sulla base dei dati disponibili, i dati di classificazione non sono soddisfatti.
Sensibilizzazione respiratoria o cutanea
Sulla base dei dati disponibili, i dati di classificazione non sono soddisfatti.
Mutagenicità delle cellule germinali
Sulla base dei dati disponibili, i dati di classificazione non sono soddisfatti.
Cancerogenicità
Sulla base dei dati disponibili, i dati di classificazione non sono soddisfatti.
Tossicità per la riproduzione
Sulla base dei dati disponibili, i dati di classificazione non sono soddisfatti.
Tossicità specifica per organi bersaglio (STOT) in caso di esposizione singola
Sulla base dei dati disponibili, i dati di classificazione non sono soddisfatti.
Tossicità specifica per organi bersaglio (STOT) in caso di esposizione ripetuta
Sulla base dei dati disponibili, i dati di classificazione non sono soddisfatti.
Pericolo in caso di aspirazione
Sulla base dei dati disponibili, i dati di classificazione non sono soddisfatti.
12. INFORMAZIONI ECOLOGICHE
Tossicità
Non pertinente
Persistenza e degradabilità
Non pertinente
Potenziale di bioaccumulo
Non pertinente
Mobilità nel suolo
Trascurabile
Risultati della valutazione PBT e vPvB
Non pertinente
Altri effetti avversi
Non sono noti effetti avversi specifici.
13. CONSIDERAZIONI SULLO SMALTIMENTO
Metodi di trattamento dei rifiuti
Rifiuti da residui/prodotti non utilizzati
Ove possibile, il riciclaggio è preferibile allo smaltimento. Lo smaltimento deve avvenire in conformità con le normative
locali.
Scheda dati di sicurezza (in conformità con il Regolamento (CE) 1907/2006)
Revisione: 20/01/2015
Versione IT 1
Pagina: 6/6
Imballaggio
Occorre evitare la formazione di polvere causata dai residui durante la fase di imballaggio e assicurare una protezione idonea
per i lavoratori.
Conservare gli imballaggi usati in contenitori chiusi.
Il riciclaggio e lo smaltimento degli imballaggi devono essere effettuati in conformità con le normative locali.
Non è consigliato riutilizzare gli imballaggi. Il riciclaggio e lo smaltimento degli imballaggi devono essere effettuati da una
società di gestione dei rifiuti autorizzata.
14. INFORMAZIONI SUL TRASPORTO
Numero ONU
Non pertinente
Nome di spedizione dell’ONU
Non pertinente
Classi di pericolo connesso al trasporto
ADR: Non classificato
IMDG: Non classificato
ICAO/IATA: Non classificato
RID: Non classificato
Gruppo d’imballaggio
Non pertinente
Pericoli per l’ambiente
Non pertinente
Precauzioni speciali per gli utilizzatori
Nessuna precauzione speciale.
Trasporto di rinfuse secondo l’allegato II di MARPOL 73/78 e il codice IBC
Non pertinente
15. INFORMAZIONI SULLA REGOLAMENTAZIONE
Norme e legislazione su salute, sicurezza e ambiente specifiche per la sostanza o la miscela
NORME NAZIONALI:
CLASSE DI PERICOLOSITÀ PER LE ACQUE
Non pericoloso
Valutazione della sicurezza chimica
Esente dall’obbligo di registrazione REACH secondo l’Allegato V.7
Per la Germania:
TRGS 900 e TRGS 906 devono essere rispetti nella loro rispettiva versione attuale
Per l’Austria e la Svizzera:
Il valore limite per l’esposizione professionale (OEL/Occupational Exposure Limit) per silice cristallina respirabile in Austria
e nella Svizzera è pari a 0,15 mg/m³ (ponderata in funzione del tempo dei risultati di misura in 8 ore). Per i limiti equivalenti
in altri Paesi, rivolgersi a un igienista occupazionale competente o all'ente di ambito.
(*) A causa di nuove prescrizioni normative, la scheda dati di sicurezza è stato completamente rielaborato.