Campagna Tematica OTTOBRE 2008 - Area Riservata

Commenti

Transcript

Campagna Tematica OTTOBRE 2008 - Area Riservata
In partnership con Alliance Healthcare
19 settembre 2008-N° 83
Campagna Tematica OTTOBRE 2008
pag. 1/7
Il tema della campagna
tematica di Ottobre è
“LA CURA DEI CAPELLI”.
Sicuramente il cliente si
aspetta di trovare in
farmacia prodotti di alta
qualità per l’igiene e la
cura dei propri capelli, oltre
a consigli adeguati sulla
scelta e l’uso del prodotto
giusto.
Nell’intento di fornirvi gli strumenti per una comunicazione efficace col
cliente (vetrina / scaffale / consiglio), facciamo seguire:
- l’elenco dei materiali merchandising a disposizione;
- le istruzioni per la gestione del mobile tematico ed i relativi prodotti
selezionati per lo scaffale;
- un dossier di informazione per il team di farmacia, scaricabile anche
dall’area Internet riservata alphega.
Buona lettura e saluti dal Team Alphega Farmacia!
In partnership con Alliance Healthcare
19 settembre 2008-N° 83
Campagna Tematica OTTOBRE 2008
pag. 2/7
CONSIGLI MERCHANDISING
Materiali merchandising a disposizione: 1 poster vetrina + 4 mini poster da scaffale.
Allestimento del mobile tematico: posizionare i prodotti selezionati sui ripiani, nella
quantità necessaria al facing (facciata esp.), con a fianco il relativo miniposter.
Approvvigionamento dei prodotti : sono presenti sul listino alphega ed è quindi
possibile acquistarli singolarmente a condizioni favorevoli.
CONSIGLI STAGIONALI
DERCOS Shampoo energ.
Flac. 200 ml
MinSan 900466703
VICHY
Consiglio del farmacista
RESTIVOIL Olioshampoo
Flac.150 ml
MinSan 908897109
CHEFARO
Consiglio del farmacista
EXPERT CAPELLI FORTI
Integratori cpr
FORTE PHARMA
Consiglio del farmacista
PARANIX
spray 60 ml
MinSan 903791111
CHEFARO
Consiglio del farmacista
POSTER VETRINA
In partnership con Alliance Healthcare
19 settembre 2008-N° .83
Campagna Tematica OTTOBRE 2008
pag. 3/7
ORDINE
Condizioni d’acquisto:
• 1 conf. Expert Capelli forti 28 cpr. (MinSan 934420825)
pr. pubbl. consigliato € 20,00
pr. cessione € 11,44 - sc. lordo 48%
1 Display box 12 pz. (cod. art. 224573)
pr. cessione € 137,28 - sc. lordo 48%
Per effettuare ordini inviare:
• fax :
n° 0185 372269
• e-mail :
[email protected]
In partnership con Alliance Healthcare
19 settembre 2008-N° 83
Campagna Tematica OTTOBRE 2008
pag. 4/7
DOSSIER DI INFORMAZIONE PER IL TEAM DI FARMACIA
Fisiologia del capello
Comunemente si ritiene che i capelli siano una parte del corpo molto semplice e, di
conseguenza, i problemi ad essi legati siano di facile soluzione. In realtà, il capello
rappresenta solo l'espressione esterna di un vero proprio organo: il follicolo pilifero.
Chimicamente i costituenti principali del capello, oltre all'acqua, sono: cheratina, lipidi,
minerali e pigmenti.
Strutturalmente il capello è formato da 3 parti: il fusto, la radice e il bulbo.
Il fusto (o stelo), è la parte visibile del capello ed è costituito da una zona esterna, detta
cuticola, formata da minuscole scaglie di cheratina sovrapposte in strati (da 6 a 10, a
seconda dello spessore del capello).
La zona sottostante, detta corteccia, dà il colore al capello che risulta più o meno scuro
a seconda della quantità di melanina contenuta.
La zona interna è detta midollo ed ha funzione di protezione dal freddo (infatti negli
animali supera il 50% dello spessore del pelo mentre è inferiore nell’uomo).
La radice è la parte vitale e si trova più o meno 5 mm. sotto la cute: è responsabile della
crescita dei capelli, essendo inserita nel follicolo riccamente vascolarizzato dove riceve,
attraverso il sangue, tutte le sostanze nutritive necessarie per la formazione delle nuove
cellule che andranno a formare il capello.
Sulla radice dovrà agire qualsiasi sostanza coadiuvante al processo di crescita.
Alla radice del capello si trova la ghiandola sebacea che produce il sebo, un lubrificante
naturale protettivo che impedisce l'apertura delle squame di cheratina.
La parte terminale della radice è il bulbo, produttore delle cellule costituenti il capello
che, invecchiando, vanno a formare il fusto: è così che il capello cresce.
La crescita dei capelli segue un ritmo ciclico: a periodi di crescita (anagen) si alternano
periodi di rallentamento (catagen) a cui segue la fase che termina con la morte del
capello (telogen), che cade, mentre inizia a formarsene uno nuovo.
Rispetto ai capelli limitrofi, ogni capello si trova in una fase diversa: se così non fosse
assisteremmo periodicamente alla caduta simultanea di tutti i capelli.
A seguito dell'alternarsi di queste fasi si perdono giornalmente circa 100-200 capelli, con
picchi solitamente nella fase autunnale.
Si tratta di un normale fenomeno fisiologico di ricambio, che può essere più accentuato
in determinate situazioni, specie quando le condizioni generali dell'organismo non sono
ottimali (stress, malattie): una volta rimossa la causa, il problema diminuisce fino alla
scomparsa.
In partnership con Alliance Healthcare
19 settembre 2008-N° 83
Campagna Tematica OTTOBRE 2008
pag. 5/7
La caduta dei capelli spesso viene vissuta con un'apprensione eccessiva rispetto alla
reale gravità, soprattutto considerando che le conseguenze derivanti sono solamente
estetiche. Come già detto, la caduta dei capelli è un fenomeno fisiologico, che può
essere però acuito da altri fattori quali lo smog, il fumo, l’esposizione eccessiva ai raggi
UV, i bagni ripetuti (in piscina, al mare o anche nei frequenti lavaggi quando l'acqua del
rubinetto è molto ricca di calcare), i trattamenti aggressivi, il phon.
Quando il meccanismo di crescita viene alterato, una maggiore quantità di capelli entra
nell'ultima fase e cade: in questi casi si parla di alopecia, caratterizzata dal diradamento
o dalla completa assenza di capelli e/o peli.
La comune calvizie affligge circa il 50% degli uomini over 50, età oltre la quale anche
circa il 35% delle donne sono soggette a forti diradamenti della capigliatura.
Il ritmo ciclico della crescita dei capelli è infatti influenzato da diversi fattori, fra cui l'età, i
meccanismi di secrezione sebacea e la quantità di ormoni (il testosterone in particolare).
I maschi sono più colpiti da questo disturbo proprio perché gli ormoni androgeni sono
prodotti in maggior misura dal maschio.
Quanto al trattamento, attualmente si utilizzano soprattutto prodotti topici a base di
minoxidil, in grado di prolungare il ciclo di vita del capello, impedire l'indurimento delle
fibre di collagene che circondano la radice, rallentando la miniaturizzazione dei follicoli e
quindi la caduta.
Non esistono invece prodotti specifici per rendere più rapida la crescita dei capelli, ma ci
sono integratori dietetici in grado di fornire all'organismo determinati nutrienti molto utili
per il trofismo dei capelli e di tutti gli annessi cutanei, da consigliare soprattutto quando è
necessario riequilibrare una situazione di carenza di nutrienti, legata ad un’alimentazione
non del tutto corretta o ad un periodo di particolare stress.
Il farmacista può proporre diversi coadiuvanti in caso di caduta dei capelli:
- vitamine (soprattutto del gruppo B)
- minerali (es. zinco, ferro, rame...)
- aminoacidi come la cistina, la prolina e la metionina
- sostanze di derivazione vegetale (serenoa repens, proteine della seta, chinina).
Per alcuni è prevista l'applicazione locale (fiale e lozioni), altri sono integratori dietetici da
assumere per bocca.
Naturalmente è fondamentale la corretta detersione del capello (v. sez. “Igiene e cura”),
essendo in commercio shampoo ad azione rinforzante che hanno la funzione di
complemento ai trattamenti anticaduta in fiale o lozione.
Tutti i prodotti hanno un'efficacia in genere limitata al periodo di trattamento; per questo
motivo le persone che soffrono in modo permanente di questo disturbo dovrebbero
abituarsi all'idea di protrarre per lunghi periodi qualsiasi trattamento intrapreso.
In partnership con Alliance Healthcare
19 settembre 2008-N° 83
Campagna Tematica OTTOBRE 2008
pag. 6/7
Capelli grassi
La seborrea, una iperproduzione di lubrificante da parte delle ghiandole sebacee, può
essere causata da alterazioni lipidiche o agenti esterni, e rende i capelli grassi, pesanti,
che si sporcano facilmente e devono quindi essere lavati frequentemente. Il farmacista
può educare il cliente a lavare i capelli spesso e con prodotti specifici :
- uno shampoo delicato per lavaggi frequenti, che deterge in modo efficace e assorbe
l'eccesso di sebo dalla cute;
- oppure uno shampoo a base oleosa, per deterge per affinità e non per contrasto,
normalizzando lo strato lipidico protettivo del cuoio capelluto.
Spesso i capelli grassi sono anche senza volume, per cui si può associare un balsamo
dalle proprietà rinforzanti e energizzanti.
Forfora
La forfora grassa è di grosse dimensioni e resta adesa al cuoio capelluto, trattenuta dal
sebo. In situazioni più gravi si può pensare alla dermatite seborroica, causata
dall’anomala proliferazione di un fungo, con piccole lesioni squamose. Questo disturbo
richiede in genere l'intervento del dermatologo che prescriverà farmaci specifici.
La forfora secca, più comune, è invece di piccole dimensioni e leggera, visibile in grande
quantità nella capigliatura.
Il farmacista può consigliare uno shampoo specifico :
-a base di solfuro di selenio o zinco piritione, per ridurre la velocità di ricambio delle cellule
dello strato superficiale della pelle e svolgere nel contempo un'azione fungicida;
- a base di catrami, che hanno una certa efficacia cheratolitica ed antipruriginosa, i cui
inconvenienti (odore e colore poco gradevoli) scompaiono dopo il risciacquo;
- contenente imidazolici (ad es. ketoconazolo) veicolati da eccipienti schiumogeni molto
aggressivi per la cheratina.
Capelli secchi
I capelli secchi sono soggetti sia a problemi estetici, perché si presentano opachi e ruvidi,
che a problemi strutturali, risultando fragili, sfibrati e biforcuti.
Diverse cause possono indurre la secchezza, oltre ad un fatto genetico-ereditario: il vento
o il sole eccessivo, l'uso prolungato del phon, di shampoo o fissatori inadatti, di lozioni
alcoliche. I capelli secchi sono molto delicati e perciò devono essere trattati con prodotti
specifici, shampoo delicati addizionati di sostanze funzionali (es. proteine, polimeri
cationici, lipidi, siliconi), che hanno la funzione di disporsi ''a ponte'' fra il tensioattivo (la
sostanza lavante degli shampoo) e la cheratina dei capelli, e creare un film lipidico che
favorisce sia la lucentezza che la pettinabilità dei capelli.
E' molto utile associare anche un balsamo specifico, da applicare senza risciacquare
anche sui capelli asciutti che, oltre a nutrire, ripara le punte danneggiate,.
In partnership con Alliance Healthcare
19 settembre 2008-N° 83
Campagna Tematica OTTOBRE 2008
pag. 7/7
Igiene e cura
Il capello deve essere curato e protetto, visto che oggi sempre più è uno dei simboli del
"linguaggio del corpo", potendone modificare la forma, il colore, l'aspetto.
Lavarsi i capelli con "una cosa qualsiasi" o con un detergente aggressivo determina
certamente delle conseguenze: la cuticola del fusto si "abrade", i capelli diventano mal
pettinabili, si spezzano o si sgretolano alle estremità (tricoptilosi distale = doppie punte) , il
cuoio capelluto diventa arrossato e pruriginoso.
La Scienza Cosmetologica è in grado oggi di fornire prodotti per l'igiene che siano
efficaci e non aggressivi, apportando anche brillantezza, morbidezza, volume ed
elasticità ai capelli.
Lo shampoo va quindi consigliato con cura in base ad ogni tipo di capello e cute, ed in
farmacia, dove il consumatore cerca un prodotto di qualità, è corretto sensibilizzare i
propri clienti verso questo aspetto (v. sez. Capelli grassi/Capelli secchi/Forfora).
Dopo il lavaggio entrano in azione altri prodotti cosmetici, quali il balsamo, per apportare
ai capelli pettinabilità e lucentezza, agendo sui capelli puliti con un’azione restitutiva e
normalizzante. Rispetto ad uno shampoo, per lo più a base anionica, il balsamo è
viceversa cationico, di solito sotto forma di emulsioni fluide o cremose.
Altri prodotti dopo-shampoo sono le creme per capelli, più dense, che vengono utilizzate
come i balsami ma sono vere e proprie emulsioni di olio in acqua, con l’inconveniente
però di appesantire i capelli dando l'impressione che diventino grassi più rapidamente.
Capelli sani sotto il sole
D'estate, le giornate trascorse in spiaggia a contatto con sole, acqua e salsedine,
mettono a dura prova la bellezza e la lucentezza dei capelli.
L'acqua del mare e la salsedine ''asciugano'' il sebo che lubrifica i capelli e il vento tende
a seccare e rendere opachi i capelli.
Il farmacista può consigliare alcune piccole attenzioni per evitare di ritrovarsi con capelli
sbiaditi, opachi, sfibrati e senza tono e volume:
- se possibile, non sottoporre i capelli a permanenti o decolorazioni prima della partenza,
per non rendere il capello ancora più vulnerabile agli agenti esterni;
- dopo il bagno in mare sciacquare i capelli sotto un abbondante getto di acqua dolce;
- utilizzare una piccola dose di crema solare (o un prodotto specifico per proteggere i
capelli) applicata in particolare sulle punte, per aiutare a preservare la lucentezza e la
corposità del capello;
- alla sera, al ritorno dal mare, usare uno shampoo delicato, che deterga in modo non
aggressivo (ad es. gli olios-shampoo, che detergono per affinità, solubilizzando e
catturando lo sporco e l'eccesso di sebo sulla cute).

Documenti analoghi