Approfondimento Distretti Matching 2012

Commenti

Transcript

Approfondimento Distretti Matching 2012
Approfondimento:
Il lavoro dei DISTRETTI al Matching
incontri, workshop e modalità di lavoro al Matching
Distretto Agroalimentare
Dalla nostra esperienza capiamo che per poter essere
competitivi nell’attuale mercato…
1. Non basta più il prodotto di qualità. Questo deve essere
anche innovativo, ad un prezzo calibrato, packaging
accattivante, logistica affidabile, produzioni continuative.
2. Occorre passione e grande spirito di sacrificio.
3. Non si può, tuttavia, immaginare di fare tutto da soli.
Meglio farlo in una rete di relazioni positive.
Distretto Agroalimentare
Tre sono le parole chiave:
1. Il prodotto (di qualità, ad un prezzo concorrenziale,
innovativo, ecc.)
2.
L’imprenditore (passione, coraggio nelle scelte, sacrifici,
metodo, piani di marketing, organizzazione puntuale)
3.
La Rete (una rete virtuosa di relazioni positive. Il Matching
stesso e le relazioni che l’imprenditore si porta a casa dopo
la tre giorni sono la miglior espressione)
Distretto Agroalimentare
Tavoli di networking
Sei sono i tavoli di networking che attiveremo nella tre giorni:

Aggregazioni d’imprese
 Rapporto con la DO

Innovazione di prodotto

Packaging
 Protezione dell’innovazione
 Logistica
 Estero.
Distretto Agroalimentare
Elenco insegne DO che hanno confermato
Autogrill - Andrea Zironi, Direttore Generale; Massimiliano Merenda, Resp. Regionalità Market;
Attilio Bixio, Resp. Somministrazione Food &Beverage
ItalGross - Federico Marzaroli, Resp. Freschi
Brendolan - Raffaella Brendolan, Resp. Acquisti All Categories
Coop Italia - Domenico Brisigotti, Direttore Prodotti a marchio; Giovanna Mennella Category Manager
area Latticini; Fabrizio Vaccari Category Man. area Salumi; Fabrizio Ceccarelli Category
Man. area Dolciario; Doriana Depascalis Category Maa. area Olii e Conserve.
Superdì - Antonio Bertolotti, Resp. Acquisti All Categories
Esselunga - Giorgio Baldini, Resp. Acquisti Freschi; Laura Bacchiega, Buyer Latticini
Conad - Claudio Gamberini, Buyer Freschi
Despar.InterSpa - Marino Fineschi, Direttore Vendite.
I requisiti:
(1) L’azienda deve avere una logistica funzionante
(2) Quantità di prodotto disponibile
(3) Qualità
(4) Conoscenza dei meccanismi della distribuzione
Distretto Agroalimentare
Grandi Aziende
Stiamo concentrando la nostra attività su 4 grandi realtà:
1. Novamont Spa (bioplastiche);
2. Consorzio Casalasco del Pomodoro;
3. Coop. Sant’Orsola (piccoli frutti rossi);
4. Consorzio Latterie Virgilio;
5. Granarolo SPA
Workshop/Seminari:
1. Il Rapporto con la Distribuzione
Despar.InterSpar, Marino Fineschi, Direttore
2. Il Tema Qualità nella Distribuzione
Coop Italia, Domenico Brisigotti, Direttore
Distretto Agroalimentare
Sportello Esperti - Aree tematiche consulenza
Incontri riservati con manager, amministratori delegati, presidenti di
grandi realtà di successo nell’agroalimentare italiano. Le aree tematiche
d’interesse saranno: l’approccio alla Distribuzione, mercati esteri, progetti
innovativi, marchi e protezione dell’innovazione, Marketing.
Ad oggi hanno confermato:
– Remo Grassi, Vice Presidente Banfi Spa
– Gianpietro Seghezzi, AD Coccodì - Ovopel Spa
– William Salice, Presidente Fondazione Color Your Life.
Food Innovation Award [iscrizioni entro il 31 Ottobre!!!]
• Tre categorie di premio: Packaging, Innovazione di prodotto,
Tradizione & Innovazione
• Sette settori merceologici: Condimenti, Formaggi, Dolci,
Pasta, Conserve, Salumi, Imballaggi.
Buyer esteri Distretto Agroalimentare
Canada - 2 Importatori Vini e Distillati - 1 Importatore Food &
Beverage
Danimarca - 2 Importatori di Vino
Finlandia - 1 Importatore di Vino
Olanda - 1 Importatore di Vino
Russia - 1 Importatore di Vino
Svezia - 1 Importatore di Vino - 1 Importatore Food & Beverage
USA - 1 Importatore di Food & Beverage
UK - 3 Importatori Food & Beverage
UK - 1 Importatore Food (Dolciario), specializzato sul Piemonte
Svizzera - 1 Importatore Food & Beverage
Buyer esteri: B2B AGRIFOOD by Unicredit
L’iniziativa coinvolge produttori di Vino e Spumante; Cioccolato e
Caramelle; Latte e Derivati. Ha lo scopo di promuovere le
esportazioni verso la Federazione Russa:
Il progetto culminerà in un evento, che si terrà il 26 e 27
Novembre presso Matching - Fiera Milano S.p.A.
• 25 aziende al giorno incontreranno circa 10 buyer, selezionati da
Zao UniCredit Bank con la collaborazione di ICE Mosca e
provenienti dalle regioni con maggiori prospettive di crescita
della Federazione Russa.
[!!!ADESIONI ENTRO IL 18 OTTOBRE!!!]
Il Distretto della Meccanica al Matching
Il contesto
La meccanica in Italia è in ripresa, ma soffre di una ridotta
dimensione delle aziende e della specializzazione che molte di
esse hanno in una singola lavorazione.
Competere sui mercati di tutto il mondo è la condizione per lo
sviluppo del manifatturiero. Anche in questo caso la dimensione
è un limite.
Il Distretto della Meccanica al Matching
La nostra visione
•
Per affrontare i mercati esteri occorre necessariamente aggregarsi, secondo forme di
rete o di filiera.
•
Si può fare ricerca in aziende di piccole dimensioni solo condividendo ciò che si
conosce con altri, generando una rete di conoscenza condivisa.
•
Realizzare prodotti più complessi e a più alto valore aggiunto investendo in
innovazioni radicali e non solo incrementali, soprattutto nei processi produttivi.
•
Occorre un “salto” nelle prestazioni dell’azienda per renderla parte attiva nella
costruzione del prodotto finale.
Il Distretto della Meccanica al Matching
Quale percorso è possibile
RETI D’IMPRESA
Realizzare filiere produttive efficienti e molto integrate è uno dei passaggi imposti
dalle grandi aziende e dal mercato.
La rete favorisce il trasferimento delle conoscenze, abbattendo i tempi per realizzare
prodotti complessi in minor tempo.
Trovare partner per realizzarne di nuove o capire quali sono le regole per essere
competitivi e interessanti per i grandi sono due tra le opportunità da cogliere al
Matching.
Invitati al Matching:
POL.ME.C, polo della Meccanica del castelleonese
FORMITALY, rete dei produttori di presse
Il Distretto della Meccanica al Matching
Quale percorso è possibile
WORKSHOP
Proporremo workshop che esemplifichino come rispondere alle necessità di aggregarsi,
diventando più “corti” ed efficienti.
• Come si può vedere il Cliente e il Mercato, pur rimanendo all’interno di una filiera
produttiva.
• La formazione di giovani tecnici e la nascita di incubatori di imprese e di eccellenze
sono la sfida a cui molti imprenditori stanno rispondendo..
• Come affrontare l’estero in filiera e con grandi partner.
Il Distretto della Meccanica al Matching
Quale percorso è possibile
RETE ESPERTI
Incontrare manager di grandi aziende o consulenti esperti di
filiere produttive snelle è un’opportunità unica per avere
indicazioni utili a sviluppare i propri progetti di aggregazione.
Invitati:
• Q&O consulting
• Docenti della Scuola d’Impresa
• Consulenti Ducati e Toyota
Il Distretto della Meccanica al Matching
GRANDI AZIENDE iscritte o con cui siamo in trattativa:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Lamborghini
Castellini
Finmeccanica
Ferrari
Ducati
Biesse
Garioni Naval
Filiera Manufatcturing CAMOZZI
DMG Mori Seiki
IMF (Simest).
Il Distretto della Meccanica al Matching
Buyer esteri
• Totale buyer: 13
• Paesi: Bielorussia, Cile, Indonesia, Polonia, Romania,
Russia, Spagna, Venezuela
• Categorie: Importatori di macchinari (settore
industriale: legno, acciaio, vetro), per il packaging, di
utensili e accessori
Distretto Edilizia
Obiettivi:
 Favorire la conoscenza e la collaborazione tra i
protagonisti del mercato nell’affrontare gli enormi
cambiamenti in atto, anche in chiave di creazione di reti
per presentarsi con maggior efficacia sui mercati
internazionali.
 Un polo di aggregazione di professionisti, imprenditori
e operatori del settore per mettere a fattor comune
esperienze, conoscenze, progettualità e risorse in modo
da cogliere le opportunità che il mercato offre.
Distretto Edilizia
Network per l’internazionalizzazione:
 Workshop di presentazione Paese per comprendere
l’approccio ai nuovi mercati in riferimento
 Incontri mirati con operatori del settore edilizio
provenienti da vari paesi
 Presentazione di case history in cui le imprese, da sole o in
rete, hanno avviato con successo un’attività di respiro
internazionale.
Distretto Edilizia
Internazionalizzazione: in particolare
 Buyer stranieri interessati ad acquistare il cosiddetto
finito ed in particolare residenziale. È già in atto un test
con CDO Network in riferimento al mercato russo.
 Professionisti esteri che possono fare da tramite per
cogliere opportunità di operazioni all’estero dove il Made
in Italy è particolarmente apprezzato (progettazione,
direzione lavori, soluzioni e materiali). Incontri con
operatori come studi di progettazione, ingegneria e
architettura.
 Fornitori stranieri di materiale in genere. Da semilavorato a
prodotto finito.
Distretto Edilizia
Innovazione tecnologica, produttiva ed adeguamento normativo
Un panorama dettagliato delle soluzioni più innovative per l’edilizia sostenibile,
nel quadro degli adeguamenti normativi in atto
 Nuove tecnologie ed in particolare per:
1. il risparmio energetico – (focus termoidraulica con Ciambelli e Domotecnica)
2. Antisismica
3. Impiantistica
4. Edificare a consumo zero
 Occasione di approfondimento degli adeguamenti normativi e delle
conseguenti opportunità che ne scaturiscono.
Distretto Edilizia
Le reti di impresa
 Case history di successo nel campo dell’edilizia
sostenibile e dell’internazionalizzazione
 L’evoluzione dello scenario in materia di finanziamenti
agevolati e di contributi disponibili per la costituzione di
reti di impresa sul territorio
 Il merito creditizio per le reti di impresa in edilizia
Distretto Edilizia
La grande impresa pubblica e privata
CONSTA
ALBINI CASTELLI
COFELY
FUMAGALLI
AKNO
GRUPPO MAGNETTI
RECORD
CAMBIELLI
GELMINI IMPIANTI
HONEYWELL
CONSORZIO COSEAM
PONZI
ING. CLAUDIO SALINI
antisismica e centrali elettriche
costruzioni
impianti e gestione calore
automazione industriale
edilizia per la logistica
prefabbricati
arredo urbano
termoidraulica
impianti e gestione calore
digital building solutions
infrastrutture
building automation
infrastrutture
Distretto EDILIZIA
- BUYER Saranno presenti a Matching 24 buyer esteri provenienti da diversi paesi:
Brasile, Cile, Cina, Indonesia, Israele, Kenya, Norvegia,
Polonia, Repubbliche Baltiche, Romania, Russia, Thailandia,
Turchia, Stati Uniti d’America, Venezuela
I buyer presenti saranno di diverse categorie:
 Studi di architettura, design e ingegneria,
 importatori di arredi per interni e materiali per l’edilizia,
 general contractor,
 investitori
Distretto Energia
Il Distretto dell’Energia sarà presente a Matching per favorire
la conoscenza e la collaborazione tra i protagonisti del
mercato nell’affrontare gli enormi cambiamenti in atto,
anche in chiave normativa.
Il Distretto dell’Energia rappresenta un polo di aggregazione
di professionisti, imprenditori e operatori del settore per
mettere a fattor comune esperienze, conoscenze,
progettualità e risorse in modo da cogliere le opportunità che
il mercato offre.
Distretto Energia
La scelta del fornitore energetico. Solo il 18% dei consumatori ha scelto il libero
mercato. Il Matching è l’occasione per incontrare, in una cornice fiduciaria, sia
fornitori da mettere a confronto, sia consulenti e società di servizio che orientino le
scelte.
Le fonti rinnovabili:
• Cosa aspettarsi dal V° conto energia e come fare a mantenere i livelli di
fatturato di questi ultimi anni. Matching consentirà alle aziende di incontrare
installatori e reti di developer per ricercare alleanze.
• Matching può essere l’occasione per capire come aiutare le imprese ad
internazionalizzare l’esperienza italiana degli ultimi 3 anni. Si ha infatti la
percezione che il settore stia per esaurirsi in Italia e che occorra guardarsi
fuori. Il tema della grid parity sarà approfondito in un workshop.
Distretto Energia
Al Matching è richiesta la presenza di
settoristi bancari dell’energia.
Molti chiedono se le banche vogliono uscire dal settore
o se continueranno a finanziare interventi di risparmio
energetico o di installazione di impianti produttivi.
Sapere che al Matching saranno presenti anche
operatori finanziari è estremamente motivante.
In collaborazione con
Distretto Finanza
Obiettivi:
Per l’imprenditore
Conoscere e accedere a quegli strumenti di finanza ordinaria e
straordinaria
che potrebbero supportarlo nello sviluppo della propria impresa
Per gli operatori
Oltre 2500 imprenditori a cui presentare le proprie attività. Un
osservatorio privilegiato del mondo della piccola e media impresa
da cui cogliere spunti, suggerimenti e, nel contempo, presentare
strumenti specifici a supporto dello sviluppo
In collaborazione con
Gli attori presenti
Intesa Sanpaolo
Reti di impresa ed energia
Creval
Sostegno all’innovazione e al non profit
Banca Popolare di Milano
Energie alternative
Monte dei Paschi di Siena
Innovazione e start-up di impresa
Banca IFIS
Smobilizzo crediti verso la PA
Unicredit
Sviluppo estero in Russia
In collaborazione con
Gli attori presenti
Deutsche Bank (da confermare)
Carte di credito aziendali
Intesa Sanpaolo Agriventure
Sostegno progetti di sviluppo per l’agroindustriale
Consorzio delle Province Lombarde CPL
Fidejussioni per investimenti, circolante e rafforzamento patrimoniale
Eurofidi
Fidejussioni per investimenti, circolante e rafforzamento patrimoniale con
l’utilizzo del Fondo Centrale di Garanzia
Cosvim
Fidejussioni per investimenti e circolante
FII – Fondo Italiano Investimenti (da confermare)
Private Equity per lo sviluppo dell’impresa
In collaborazione con
Gli attori presenti
Borsa Italiana – AIM (da confermare)
La quotazione delle imprese
Banca Akros
Finanza strutturata d’impresa
Finlombarda
Finanziamenti agevolati a sostegno degli investimenti
Simest ( da confermare)
Supporto all’internazionalizzazione
Sace
Smobilizzo crediti verso la PA e assicurazione del credito
CCIAA Milano
Contributi e finanziamenti alle imprese
In collaborazione con
Gli attori presenti
Infonet ( da confermare)
Informazioni commerciali
Lince (da confermare)
Informazioni commerciali
Assiteca
Assicurazione del credito
Crif ( da confermare)
Rating privato
Federazione Lombarda BCC ( da confermare)
Progetto Buona Impresa!, sostegno all’imprenditoria giovanile
Distretto ICT
Attraverso il portale Matching e con il supporto del
Vademecum, le aziende possono:
 esplicitare la loro esigenza;
 intervenire al Matching con competenze adeguate
(IT Manager, CIO, o manager coinvolti);
 indicare in maniera semplice quali sono le aree di
intervento ICT richieste;
 programmare incontri ad hoc.
Distretto ICT
1. Ricerca di Partnership
 Tutte le aziende partecipanti al Matching in ogni Distretto hanno la
possibilità di:
• esplicitare la loro esigenza;
• intervenire al Matching con competenze adeguate (IT Manager, CIO,
o manager coinvolti);
• indicare in maniera semplice quali sono le aree di intervento ICT
richieste;
• programmare incontri con aziende che intervengono al Matching
con una offerta adeguata alla esigenza espressa.
 In particolare quelle del Distretto dell'ICT possono anche:
• ricercare canali distributivi adeguati, avendo realizzato prodotti o
avendo la distribuzione di tecnologie innovative;
• rinnovare la propria offerta sia sul parco clienti sia su nuovo
mercato;
• farsi contattare da potenziali clienti.
Distretto ICT
2. Collaborazione con gli altri Distretti
In particolare su quello della Sanità:
- Possibilità di incontrare Aziende Ospedaliere che cercano:
• Soluzioni Software
• Sviluppo software ad hoc
• Progetti e tecnologie
• Consulenza e processi
• Fornitura Hardware
- Incontrare gli IT Manager delle Aziende Ospedaliere Ospedali invitati a conoscere
il Distretto (nel 2011 Istituto Ospedaliero San Donato, A.O. Poma, Istituto Gaslini
GE, Istituti Ospitalieri di Cremona).
3. Sportello Esperti e workshop
- Incontrare Top manager della CDO Informatica per un confronto ed un aiuto nel
percorso di sviluppo dell’impresa.
- Seminari ed incontri di confronto (es. Cloud computing).
Distretto ICT
4. I Grandi Player dell’ICT
• Sviluppare collaborazioni con i grandi player dei mercati di riferimento quali:
Microsoft, Esaote, Santer Reply, Torino Wireless, Cisco, Lombardia Informatica,
Colt, Linkem, Fastweb, Wind, Trenord, Santer Reply, Torino Wireless, Beta 80
• Incontrare gli IT Manager di tutte le Grandi Aziende (non ICT) invitati per
conoscere il Distretto: Fumagalli Componenti, Doimo, Cambielli, Gruppo Deles,
A.O. Melegnano , Aziende Ospedaliere .
In particolare:
• Microsoft: sviluppo rete di partnership
• Linkem: sviluppo sistemi WiFi
• Trenord: sviluppo sistema neurale
• Cisco: sviluppo partnership reti ed infrastrutture
• Santer Replay: markert place sul tema comunicazione (club CDO)
• Torino Wireless: start up d’impresa campo ICT
• Colt: telefonia e connettività
Distretto ICT
5. Lo SPORTELLO ESPERTI ICT:
Cinque tematiche per gli incontri one to one:
• Internazionalizzazione
• Realizzare un prodotto software industriale
• Reti di vendita indiretta
• Collaborare tra imprenditori
• Struttura organizzativa, cambiamento organizzativi, merger
and acquisition
Distretto Logistica
Sportello Assistenza
Possibilità di confrontarsi con esperti del settore della logistica sui temi del:
•
•
•
•
•
•
•
Internazionalizzazione
trasporto;
lavoro;
formazione;
sviluppo e innovazione;
accesso al credito;
sistemi informativi.
In particolare sull’internazionalizzazione sarà trattato anche il tema della dogana, sarà
data assistenza sia a chi ha già un progetto e desidera confrontarsi sia a chi ha solo l'idea
di internazionalizzare ma non sa come fare
Contratti di lavoro
Assistenza tecnica alle imprese sui contratti di lavoro. In collaborazione con Ministero dei
Trasporti e di Assologistica.
Distretto Logistica
Presentazione di progetti innovativi
Valutazione di progetti innovativi da presentare presso l’Area Incontri del Distretto
Logistica, possibilità che non rappresenta un momento di pubblicità. I casi saranno
selezionati a cura di CDO Logistica che insieme all’azienda che presenta, lavorerà per
promuovere il workshop verso i partecipanti.
Rete di assistenza CDO Logistica
Presentazione della Rete di assistenza CDO Logistica al Matching per dare supporto alle
aziende. Come attrezzarsi per crescere, partnership e aggregazioni.
Progetto Piattaforma
Presentazione dello stato di avanzamento di uno studio di fattibilità, promosso in
collaborazione con importanti esponenti del mondo accademico e manageriale, dedicato
ai piccoli produttori del settore agroalimentare.
Collaborazione con Assologistica
• Promozione presso gli associati di Assologistica.
• Workshop, seminari, incontri, case history sui temi caldi della logistica.
Distretto della Sanità
• Novità normative a livello nazionale e regionale (modalità di
ricovero – organizzativa e di degenza)
• Spending Review (proporre soluzioni che evitino sprechi – es.
monodose)
• Favorire maggiori sinergie tra settori diversi (energia, logistica
integrata, ICT, automazione)
• Sinergie tra ambiti sanitari diversi (tra territorio e ospedali)
• Necessità di soluzioni innovative tecnologiche (telemedicina)
e organizzative (intensità di assistenza e cura)
Distretto della Sanità
Saranno 40/50 Ospedali/ASL/Cliniche private
presenti per conoscere nuove opportunità legate a:
• Soluzioni ICT integrate, Strumentazione Diagnostica e
Prodotti tecnologici
• Soluzioni per nuovi percorsi di cura e reti assistenziali
• Partnership per la Ricerca
• Partnership per attività formative
• Soluzioni di logistica Integrata
• Edilizia ospedaliera – ottimizzazione energetica –
domotica
Distretto della Sanità
Temi dei Seminari e workshop:
•
Innovazioni tecnologiche ed organizzative
(Organizzazione per intensità di cura, 118, Centrali
Uniche)
•
Integrazione territorio/ospedale
(Domiciliare ed assistenza anziani, emergenza
territoriale, organizzazione territoriale, Filiera disabilità e
realtà socio-sanitaria/ausilio del privato)
•
Confronto interregionale
•
Fondazioni
•
Libero mercato dei pazienti – come si pone la sanità
italiana? => assicurazioni.
Distretto della Sanità
Supporto del Tavolo Sanità:
• Alle sedi locali per presentare le opportunità
del distretto alle aziende
• Individuare le best practice di collaborazione
tra ospedali e aziende
• Avviare collaborazioni con altri soggetti
sanitari (associazioni, enti, federazioni)
Distretto della Sanità
Perché un’azienda deve venire a Matching nel
Distretto Sanità? qual è l’unicità?
Perché a Matching vede tutto
il processo della sanità