Si può fare - Liberissimo.net

Commenti

Transcript

Si può fare - Liberissimo.net
INVITALIA…. Benfatto (almeno in questa occasione)
Al cuor non si comanda e quindi
qualche volta ci cado, porca
miseria; da alcune settimane,
scrivo della mia città, dove mi si
concede spazio o ospitalità.
Infatti non sono pochi i casi in cui
mi uso violenza e mi trattengo
dal rispondere ad alcune notizie,
perché so che poi ci sto male.
Mi riferisco a quando leggo o
sento di La Maddalena, dell’alta
Gallura e del suo turismo; quello
che non dà mai i frutti sperati a
causa del completo demerito e
delle str…anezze dei vari
“pseudo guru” locali.
Forse è sbagliato, ma a chi piace
farsi del male (?), a me no, no di
sicuro.
Tempo perso con chi qui
l’amministra, e “questi” poi sanno
già tutto; cos’altro potrebbero mai imparare da me ... forse dicono.
Quindi oggi, per togliermi la loro polvere dai calzari, ho cercato nel web qualche cosetta
che mi potesse ridare la speranza che un domani ce la si possa fare; se non a La
Maddalena o in Gallura, magari altrove, tanto per dare un bell’esempio.
Chissà mai che qualcuno qui, non li possa emulare. Quando gli amministratori
comprenderanno che “gli altri” non sempre vogliono fregarli, che si possono avere anche
buoni suggerimenti senza avere nulla in cambio, non vorrei fosse troppo tardi.
Non è stato facile ma alla fine ho trovato questo, e che non è per niente male:
“I sindaci siciliani della zona jonica firmeranno un memorandum d'intesa con INVITALIA e
la Regione Siciliana per creare un polo di sviluppo turistico con l'obiettivo di
destagionalizzare il turismo, quindi non puntando più solo a quello di natura balneare".
E vai !!!!
Va subito detto che INVITALIA è l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo
sviluppo d'impresa, agisce su mandato del Governo per accrescere la competitività del
Paese, in particolare del Mezzogiorno, e per sostenere i settori strategici per lo sviluppo.
I suoi obiettivi prioritari sono: a) favorire l'attrazione di investimenti esteri, b) sostenere
l'innovazione e la crescita del sistema produttivo, c) valorizzare le potenzialità dei territori.
Comunque, nella remota speranza che le tasse per gli investimenti esteri prendano un
andazzo un po’ meno virulento, questa “decisione” è frutto di un incontro tra il
rappresentante dello Sviluppo Economico che ha incontrato ad Abu Dhabi lo sceicco
Hamed Bin Ahmed Al Hamed, che è il principale investitore del rilancio del complesso
turistico La Perla Jonica, centro congressuale alberghiero tra i più grandi del Sud Europa.
Sarà un polo che comprenderà la creazione di campi da golf (sperando che i contestatori
per una volta non l’abbiano a male), strutture termali ed un porto turistico, e tutto questo
attorno alla Perla Jonica, che a sua volta può essere un altro asset importante per la
destagionalizzazione del turismo con il suo grande centro congressuale.
Nel progetto sono stati investiti oltre 90 milioni di euro tra la ristrutturazione e l'avvio dei
lavori che potrebbero iniziare già entro fine anno.
Che a conti fatti vuol dire, dai 140 ai 170 “impiegati” per mantenere l’ambaradan … più
l’indotto. Se poi aumenta l’investimento, di conseguenza ingrossa anche l’impiego e tutto
quello che ci gira intorno.
Da parte sua lo sceicco Hamed Bin Ahmed Al Hamed ha riferito di voler proseguire
nell'investimento, prioritario per la Sicilia e ha giudicato molto positivamente il piano
INVITALIA per attrarre investimenti nella zona orientale della Sicilia, dicendosi inoltre
molto fiducioso dell'iniziativa del governo italiano.
Beh, meglio che niente, e chissà se a La Maddalena ….
Un commento breve: qualche mese fa ho avuto spazio su Il Vento per proporre
l’argomento della DESTAGIONALIZZAZIONE e della programmazione turistica che poi
ho potuto continuare su LIBERISSIMO; da li in avanti, Il Vento ha intervisto vari operatori
turistici e del commercio locale ed ho letto varie proposte, qualcuna appropriata altre
pensate senza strategia di medio lungo termine.
Infine la riunione dei giorni scorsi indetta dall’amministrazione con gli operatori del
commercio e del turismo: un calderone con tanti ingredienti (idee degli operatori), alcune
promesse (“vedremo” del sindaco) ma senza una buona ricetta da seguire. Non me ne
vogliano il sindaco Comiti e l’amministrazione, anzi prendano questo commento come un
aiuto a rivalutare la strategia di approccio a questa questione importante.
Se rileggiamo con attenzione le poche righe scritte sopra, si possono individuare, che
piacciano o no ai puristi del territorio e ai contestatori per partito preso, le key words /
parole chiave della destagionalizzazione: campo da golf (circuito golfistico da realizzare
in Gallura); Strutture termali (SPA e Thalasso terapia); centro congressuale; Porto
turistico; infrastrutture stradali e di collegamento, servizi (per il turismo e la
comunità).
Maurizio Salvati