stampa

Commenti

Transcript

stampa
Linguistica Generale
Docente:
Paola Monachesi
Aprile-Maggio 2003
Contents
1 I sintagmi e la struttura a costituenti
2
2 Alberi sintattici
3
3 Una minigrammatica dell’ inglese
3
4 Un lessico dell’inglese
4
5 Selezione semantica
4
5.1
Altri predicati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5
6 Selezione categoriale
6
7 Una grammatica basata sui constraints
6
1
1
I sintagmi e la struttura a costituenti
• Definisci in che tipo di sintagmi si possono raggruppare le seguenti
parole e disegna l’albero corrispondente:
(i) book, telephone;
(ii) the boy, a girl;
(iii) Mary, she, John;
(iv) beautiful, ugly;
(v) red book, ugly girl;
(vi) to Mary, in the forest;
(vii) distrustful of Mary, angry at John;
(viii) wife of John, sister of Mary;
(ix) drink, kill, love;
(x) killed John, ate pizza;
(xi) waited for John, lives in Rome;
(xii) gave the book to John, sent the letter to Mary;
(xiii) should eat apples;
(xiv) Mary loves John, John eats apples;
(xv) that John loves Mary.
(xvi) think that Mary drinks wine;
(xvii) told Mary that John eats apples;
2
2
Alberi sintattici
• Gli alberi sintattici sono formati da nodi etichettati con le sigle rilevanti.
I nodi sono collegati tra loro per mezzo di linee diagonali o verticali.
Ogni nodo rappresenta un costituente.
• Ci sono nodi terminali e nodi non-terminali.
• Ogni costituente domina i suoi componenti. Un nodo domina un altro
nodo se e’ piu’ in alto nell’albero ed e’ collegato ad esso solo tramite
rami discendenti.
• Due nodi si dicono fratelli quando sono dominati immediatamente da
uno stesso nodo, se quindi non c’e’ nessun nodo intermedio tra loro e
quest’ultimo.
• Due nodi fratelli sono costituenti immediati del nodo da cui sono dominati.
• I nodi di un albero sono ordinati secondo un ordine lineare: precedenza.
• Precedenza e dominanza sono delle proprieta’ fondamentali della struttura della frase che possono venire rappresentate con un albero.
• Un nodo puo’ essere ramificante se da esso si dipartono dei rami.
• Disegna l’albero corrispondente alle frasi seguenti:
s1 Mary will send the new book to the editor.
s2 The man belived that Mary was a secretary of the school.
s3 The man told Mary that she should stay in this house.
3
Una minigrammatica dell’ inglese
• Le regole di riscrittura definiscono la struttura di ogni tipo di sintagma:
(1)
a. PP → P DP
3
b. AP → A (PP)
c. NP → N (PP)
d. DP → D NP ; Name ; Pronoun
e. NP → A NP
f. VP → V (DP) (PP; CP; VP)
g. Sentence → DP VP
h. CP → C Sentence
4
Un lessico dell’inglese
• La grammatica puo’ analizzare delle frasi se ha a disposizione un lessico.
• Ogni entrata lessicale deve includere una rappresentazione delle sue
proprieta’ di selezione categoriale e semantica (struttura argomentale
per le categorie predicative).
5
Selezione semantica
• I verbi specificano gli argomenti che hanno e i ruoli che sono associati
a questi argomenti: struttura argomentale.
(i) laughs e’ un predicato che seleziona un argomento: monovalente
(ii) eats e’ un predicato che seleziona due argomenti: bivalente. I
due argomenti hanno una diversa relazione con il verbo: uno e’
l’ agente e l’altro e’ il tema. Il DP che ha il ruole di agente e’
il soggetto del verbo mentre il DP che ha il ruolo di tema e’ il
complemento del verbo.
4
(iii) kill ?? agente, paziente
(iv) hates ?? experiencer, tema
(v) walks ?? agente
(vi) has ?? possessore, tema
(vii) sents ?? agente, paziente, goal
• I verbi di solito sono classificati a seconda di quanti argomenti hanno
nella loro struttura argomentale: intransitivi, transitivi, ditransitivi.
• Classifica i seguenti verbi:
– Romeo sang to Juliet.
– Henry’s invasion of France terrified the Dauphin.
– Petruccio resided in Italy.
– The men gave Caesar a warning.
• Determina il numero di argomenti del verbo, identificali e indica i ruoli.
5.1
Altri predicati
• I verbi non sono le sole categorie ad avere una struttura argomentale:
confronta aggettivi, preposizioni e nomi.
• Gli aggettivi di solito hanno un argomento (tema): the beautiful girl.
Alcuni hanno due argomenti: (experiencer e tema): Mary was angry
at Bill.
• Le preposizioni possono funzionare come etichette che segnano il caso:
Mary was angry at Bill. Il PP funziona da complemento dell’aggettivo.
• Le preposizioni possono anche funzionare come predicati che specificano
una relazione spaziale o temporale tra due argomenti (tema e luogo):
Rome is in Italy.
• I nomi possono riferirsi a eventi o situazioni, in questo caso hanno
due argomenti: ‘hate’. Anche nomi come book possono funzionare da
predicati si rifersicono a properieta’ attribuite al DP che li contiene.
5
6
Selezione categoriale
• I predicati possono imporre delle restrizioni sulla categoria lessicale dei
loro argomenti: PPs, DPs....
• Verbi con significato simile possono selezionare argomenti di categorie
differenti: arrive e reach.
• La categoria lessicale dell’argomento, in alcuni casi, non puo’ essere
predetta e deve essere specificata nell’entrata lessicale del verbo.
7
Una grammatica basata sui constraints
• Le regole di riscrittura non sono l’unico modo di spiegare la struttura
dei costituenti.
• Molti linguisti credono che le grammatiche dei linguaggi naturali non
contengono regole ma constraints (condizioni generali).
• E’ possibile formulare due condizioni generali che si applicano alle
regole formulate per l’inglese:
(i) Ogni sintagma XP deve contenere una posizione per una categoria lessicale di tipo X. Questa posizione si chiama la testa del
sintagma.
(ii) All’interno dell’ XP, la posizione di X e quella del componente
piu’ a sinistra dell’XP, che precede i complementi selezionati dalla
testa.
• La selezione categoriale e semantica delle parole permette una riduzione
delle regole di riscrittura.
• Problemi:
(i) DP → Name; Pronoun
S → DP VP
6
• E’ possibile pensare all’esistenza di un D vuoto oppure considerare che
ci sono lingue in cui pronomi e determinatori coincidono.
• Le frasi possono essere considerate TP, cioe’ un’estensione di Tense.
• Ogni sintagma XP contiene una posizione per gli specificatori che precede la testa.
7