Agosto - IL MESE PARMA

Commenti

Transcript

Agosto - IL MESE PARMA
IL MES
E
N
POI T
Economia
Poste Italiane
spedizione in abb.
postale DL 353/2003
(conv. in L il
27/02/2004 n. 46)
art. 1 comma 1. DCB
Parma
n.
124
agosto 2009
in edicola a € 0,50
Film nelle arene
all’aperto, i Burattini
alla Corale Verdi,
tre rassegne musicali
nei gioielli della
provincia, sagre
gastronomiche
dalle colline al Po.
E De Gregori
al Festival del
Prosciutto...
A8820709
SEDOTTI
DALL’ESTATE
Budellungo Famiglia
Alloggi, servizi, Lavorare e avere
parchi. La città
figli: Parma prova a
cresce
Sud
EstMAGAZINE
renderlo possibile
[1] marzoa
2009
IL MESE
Parma FC
Il calendario di
Campionato e il
calciomercato
www.ilmese.it
PEUGEOT BUSINESS
Ad agosto una cascata di offerte!
i Super Sconti Peugeot Davighi
non vanno mai in vacanza
IPT e metalizzto escluso - offerta valida fino al 31-08-09
SE POI
ME
In collaborazione con
IL
NT
Comune
di Parma
Ikea – spazio clienti Largo Benito Jacovitti 11/A
Strada Burla Loc. Ugozzolo
43100 Parma
Centro Torri
presso Ipercoop
via San Leonardo, 69/A
ce
commntro
er
TORRciale
I
parcheggio
scambiatore
NORD
centro
co
EURO mmercial
TORR e
I
Il mese Parma
Il mese spettacoli
FuoriPorta e Primo Piano
Parma Cooperazione
SA
I
NA
VI
via TR
via VERD
I
CAVOUR
via TOSCANA
p.le
S. GIOVANNI
Barilla Center
Unes Food Store
via Emilia Est, 39/B
b.g
od
el CO
RREG
GIO
b.go
G.TOM
MAS
INI
IAT e Infopoint
Via Melloni - via Garibaldi
s.da
DELLA
REPU
BBLI
CA
OVA
NT
MA
s.da
DELL
A RE
PUB
BLIC
A
via
M
AN
TO
VA
s.da C.
B.
AT
ONSERV O RIO
aC
s. d
via
s.d
aA
.S
AF
FI
via dei FARNESE
p.za
v.le G.
MARIO
GH
TTI
IAIA
b.go ROMAGNOSI
p.za
DUOMO
str.XXII LUGLIO
viale
MILLE
viale
VITTO
RIA
v.le A. TOSCANIN
I
RUBI
NI
via P.
RATI
LEPO
viale
DEI
Università di Parma
Segreteria studenti
Piazzale Barezzi, 1
p.le S.
D’ACQUIS
TO
LA
RIL
BA
R.
s.da G.
MAZZI
NI
DUC Comune di Parma
L.go Torello de Strada
INO
AN
IGI
RM
PA
EL
oD
b.g
p.za DELLA
PACE
e
v.l
via F.
N
OR
D
A
str.
ABB
EVE
RATO
IA
FR
TI
pont
DI ME e
ZZO
G. M p.za
ATT
EO
TTI
le
N
RI
SO
RA
G.
via
v.
TA
str. M.
D’AZEG
LIO
A
AT
p.za DELLA
PILOTTA
Istituzione Biblioteche
Biblioteca Civica
Vicolo s. Maria, 5
TAN
EN
JEN
NER
ATTI
MEN
M
via E.
v.le FR
v.le
Cinema d’Azeglio
Via M. D’Azeglio, 33
Torrente PARMA
Ospedali
RIUNITI
TTEGO
po
VE nte
RD
I
via J.F. KENNEDY
O
viale
TOS
CH
I
IE
NDER
LLE FO
str. DE
SINI
A. PA
Parco Ducale
p
S. CR.le
OCE
ERM
le
Ospedale
CI
Nelle
sale d’attesa
AMS
PAL
v.
. GR
v.le BO
viale
QUAT
TRO
NOVE
MBRE
RA
OLA
BUFF
str.
ZA
A
LE
IA
NZ
GE
TAN
Torrente P
ARMA
o
Palazzle
Duca
ZA
ACEN
via A
ENTO
OR
RT
viale
ZA
PIACEN
ACEN
viale PI
viale PI
via
p.l
DALLAe C.A.
CHIES
ponte
BOTTEG
O
TR
IES
TE
E.
Coop
Via Gramsci, 41/a
N
O
LI
G
v.le
COC
CON
I
stazio
FF. S ne
S.
via
A
AR
OL
r
st
IA
ZIA
LE
via
Conad viale Piacenza
Viale Piacenza, 25
EN
canale
parc
o
ER
“CHE” NESTO
GUEV
ARA
ENEZ
Temporary Station
Piazzale Carlo Alberto
Dalla Chiesa
TA
NG
RD
O
via V
FF
U
.B
Ce
Spo ntro
rtivo
Euro Torri
Presso libreria Mondadori
via San Leonardo, 66
Cerca gli espositori distribuiti nei punti strategici della città.
Guarda la mappa e trova quello più vicino a te
IO
canale N
AV
IG
L
GRATIS NELLA TUA CITTÀ
I
CC
IN
All’interno
L’AGENDA giorno per giorno
degli eventi di luglio e agosto
ane abb.
03
te Itali in
Pos dizione 353/20
spe tale DL il
in L 4 n. 46)
pos
200 1. DCB
(conv.
02/
27/ 1 comma
art. a
Parm
12to 2009
agos
€ 0,50
n.
Eco
ia
p.
LUBI le
ANA
Incantesimi
d’estate
MA
AR
e
aren ttini
nelle Bura
Film perto, i Verdi,
li
all’a Corale musica
alla ssegnedella
tre ragioielli gre
nei incia, sa e
prov ronomichal Po.
st
ga colline i
dalle Gregor l
de
E De stival
al Fe ciutto...
Pros
Ade S.p.A.
Viale della Villetta
MUSICA E DANZA
In Pilotta i protagonisti
di “Sotto il Cielo di
Parma”: Patti Smith,
Venditti, Baglioni, Goran
Bregovic, Robero Bolle...
Parm
nt e
To
rr
e
a FC
rio di
Parm
lenda o e il
Il ca ionat to
mp erca
a
om
igli ere a a Ca
calci
ov
Famrare e av
a pr
ngo Lavo Parm ssibile
ellu izi, figli: erlo po
Budggi, servcittà
rend
Allo i. La d Est
parch e a Su
[1]sc
cre
VIGILI
DEL FUOCO
str. CA
SABI
ANCA
ae
Alba Rohrwacher,
protagonista di “Il papà
di Giovanna” sarà al cine
D’Azeglio per ritirare il
Premio Schiaretti
Pro
vin
cia
n.10
lu
g-ag
o 20
09
PER
CHI I GIOVANI
L’H
.itA
E PE
DE
lmLese
DIVERDETTO CH R LE FA
www.i
TIMEN E LA MIG
TO ES “CAS LIE. PE
TIVO, A” È NO R I BA
DALLA IA? MBINI
BASS PER VO E PER
A AL I TUTT I TURIS
L’APP E LE
TI.
ENNIN FESTE
O
Parc
o
F.
DELL LLI FANO
A PE
RGO
LA
POLIZIA
LO TROVI ANCHE NELLE EDICOLE
Coop Montanara
Via Zanguidi, 2
RMA
ONTA
Torren
te PA
str. M
MONTParco
ETER
MINI
NAR
A
p.
LUBI le
ANA
CINEMA
I D
OTT E L’EISFATE
SELD’ESTAT STATE ÈLEQVUAI!LIGE
L
DA
BA
G
AN
ZA
Cinema all’aperto
con Johnny Depp e
dieci anni di Paura ai
Giardini di San Paolo.
Poi gli spettacoli di
teatro, i concerti in
città e provincia...
Il divertimento
non va in vacanza
str. A
.
te P
cimitero
VILLETTA
a
cola
in edi
€ 0,50
ren
Tor
Cinema Astra
Piazzale Volta, 3
nom
parco
GIACOMO
FERRARI
4
pisc
FERR ina
ARI
ZAR
OTT
O
v.le
della
VILL
ETT
A
ELLI
TOR
.
.G
str
GUARDIA DI
FINANZA
G
N
I
parco
CITTADELLA
ra
cu
di LE
sa O
ca ICC LIE
P IG
F
via
IA
EZ
SP
LA
CA
RA
v.le G. RUSTICI
POLIZIA
MUNICIPALE
.
via P
v.le SOLFERINO
ZZO
via MILA
ce
commntro
PANO erciale
RAM
A
stadio
TARDINI
NINI
A. BERE
ZZO
via MILA
via
EM
ILIA
EST
LIA
I D’ITA
RTIGIAN
v.le PA
PU
v.le
LIA
ponte ITA
LIBERTÀ
v.le
B.
PE
LA
CA
NI
LA
LLA
RTIRI DE
s.ne MA
via
EM
ILIA
EST
str. P.
via
str.XXI
I LUGLIO
s.da L.C. FAR
INI
v.le F.BASETTI
p.le T.
BARBIERI
Poliambulatorio Ausl
Via Pintor, 1SPEZIA
Palazzetto
dello sport
NO
FELI
b.go
Distributore metano
viale Milazzo, 42/a
via VOLTURNO
E
AL
EG
oR
b.g
IO
OR
ON
RE
AD
oP
b.g
RIA
TO
VIT LE
le
via I MIL
DE
NE
IO
DIG
Comune di Parma
Piazza Garibaldi
ponte
A
CAPRAZUCC
le
via
via
Ospedale
RASORI
str. LANGHIRANO
Se invece acquisterai in edicola, a soli 50 centesimi,
Il Mese Parma, Il Mese Spettacoli e Fuori Porta,
da settembre troverai in allegato, il CARNET DI SCONTI
per partecipare ai principali eventi della città.
via G
. SID
OLI
8
p.6
Salute
In breve
Primo Piano
Parma d’agosto
Le arene Astra e D’Azeglio, le
sagre in collina e in riva al Po
p.10 Tremate! Ai Giardini di
San Paolo notti da brivido
Tre pellicole ad agosto
p.11 Ermo colle, singolar
tenzone a colpi di parole
Il tema è “contemplazione”
p.12 Senza musica non si può
star...Melodie fuori città
Tre rassegne in provincia
p.8
14
CittàcheCambia
22
p.14 Budellungo, la nuova Parma
cresce a Sud Est
Un quartiere per 1.600 persone
p.16 Ponte a Nord: via libera al
progetto definitivo Nessun palazzo sul torrente
p.19 Piazzale Dalla Chiesa, al
via la riqualificazione
Così cambia la viabilità
p.20 Un Mobility manager d’area
e 36 aziendali
Il lavoro di Lucia Gola
p.22 Bernazzoli bis: «Una
squadra subito utile»
La nuova Giunta provinciale
Innovazione
24
Società
p.28 Lavoro e vita in famiglia,
come conciliare
Nuovi servizi per i genitori
p.30 Accessibilità e mobilità,
le istruzioni nel Libro Bianco
Il volume è in distribuzione
p.31 Un Welfare Community
Center a San Pacrazio
Il progetto del Comune
p.32 Ade ha il suo nuovo
direttore generale
Intervista a Roberto Burchielli
48
In copertina Juliette Binoche protagonista di Film Blu, all’Arena del
D’Azeglio per la rassegna “Al cinema
in centro”
Economia
Poste Italiane
spedizione in abb.
postale DL 353/2003
(conv. in L il
27/02/2004 n. 46)
art. 1 comma 1. DCB
Parma
n.
124
agosto 2009
in edicola a € 0,50
Film nelle arene
all’aperto, i Burattini
alla Corale Verdi,
tre rassegne musicali
nei gioielli della
provincia, sagre
gastronomiche
dalle colline al Po.
E De Gregori
al Festival del
Prosciutto...
A8820709
SEDOTTI
DALL’ESTATE
Budellungo Famiglia
Alloggi, servizi, Lavorare e avere
parchi. La città
figli: Parma prova a
cresce
Sud
EstMAGAZINE
renderlo possibile
[1] marzoa
2009
IL MESE
Parma FC
www.ilmese.it
Il calendario di
Campionato e il
calciomercato
Economia
p.40 Giovani e cooperazione:
la strada dell’innovazione
La situazione a Parma
p.43 La cooperazione?
Più forte della crisi
Intervista a Antonio Costantino
p.44 I ristoratori parmigiani
in Abruzzo
Il racconto de “Il Trovatore”
p.45 Negozi aperti in agosto:
come, dove, quando
Le attività che non chiudono
p.46 Ztl: troppe limitazioni.
A rischio il centro
Le richieste di Ascom
p.47 è ancora tempo di
Feste di Charme
ParmaViva torna a settembre
Sport
p.48 Si riparte dall’Udinese
La serie A del Parma FC
p.50 Dallara ci riprova
In Formula 1 dopo 18 anni
p.51 Villa Bonelli
Dove nuotare è un piacere
p.52
Provincia
Le rubriche
p.17
p.26
p.30
p.31
p.33
p.49
Un mese in Consiglio
Il progetto che non c’è
Filo diretto con la Regione
Psicologia e Polis
Stili di vita
Pagine di Sport
SE POI
NT
ME
IL
34
p.24 La Spip guarda al futuro
a cominciare dal tetto
Il nuovo impianto fotovoltaico
p.26 Arriva il marchio
“Coltofresco”
Da settembre il progetto CAL
p.34 Ginecologia, i progressi
della chirurgia
L’unità operativa del Maggiore
p.36 Alzheimer, un nemico da
prevenire e combattere
Quattro i consultori sul territorio
p.38 Arte Terapia, si va avanti.
Visita ai musei e mostra
Al Centro Cardinal Ferrari
p.39 I “Martedì dell’Ordine”
riprendono dopo l’estate
Successo per l’iniziativa
IL MES
E
Sommario
N
POI T
n° 124 agosto 2009
Aut. tribunale di Parma N.16
del 22.4.99
Editore
Edicta p.s.c.r.l.
via Torrente Termina, 3/b – PARMA
N° iscrizione al ROC: 9980
Registrazione ISSN: 1592-6230
Redazione
via Torrente Termina 3/b – PARMA
Tel. 0521251848
Fax 0521907857
e-mail: [email protected]
Direttore responsabile
Simone Simonazzi
[email protected]
Art director
Pietro Spagnulo
[email protected]
Grafica
Davide Pescini, Ilaria Babboni,
Manuela Rinieri
Coordinamento editoriale
Ilaria Gandolfi
[email protected]
Redazione
Matteo Bianchi, Erika Ferrari,
Rosaria Frisina, Fabrizio Furlotti,
Diana Pastarini, Daniele Paterlini,
Mauro Simonazzi, Federica Bordone
Hanno collaborato
Laura Crugnola, Francesca Asti,
Eleonora Bellomi, Mattia Boselli,
Diego Dalla Costa, Francesca
Di Marco, Stefania De Cesare,
Eugenio Fedolfi, Rita Ferrari, Valerio
Parmigiani, Vincenzo Pirillo, Matteo
Sartini, Serena Sasso, Paolo Serafini,
Alessandro Trentadue
Pubblicità e abbonamenti
Tel. 0521921346/921755
Grazie alla collaborazione dei principali centri commerciali e delle
istituzioni di Parma, puoi ritirare gratuitamente le riviste Edicta
anche nei nuovi Mese Point: scopri sulla mappa quello più vicino.
Continuerai a trovare il Mese anche in edicola, in biblioteca e nei
punti informativi della città
Elena Benedini, Lina Carollo,
Cristina Cattani, Alessio Dondi,
Gianluca Gala, Maria Lombardi,
Maria Carla Magni
Tiratura 12.000 copie
In breve
Dall’Italia
INFLUENZA
H1N1, casi
in aumento
Entro marzo 2010, secondo le previsioni del Ministero
del Welfare, si potrebbero verificare in Italia 3-4 milioni di
casi da contagio dell’influenza
H1N1. Oltre 8 milioni di italiani
saranno vaccinati entro la fine
dell’anno.
LA CAMERA APPROVA
Violenza sessuale:
primo ok al ddl
La Camera ha approvato la
nuova legge contro la violenza sessuale. Il testo - che ora
passa al Senato - prevede pene
più severe per chi commette il
reato di violenza sessuale, possibilità per gli enti locali e per
la presidenza del Consiglio di
costituirsi parte civile nei processi e allungamento dei tempi
di prescrizione del reato.
sicurezza stradale
Divieto di bere
per i neopatentati
cambia la viabilità
Lavori in via Solferino
fino al 27 agosto
mobilità debole
Entro l’anno tre nuove
piste ciclabili in città
Proseguono i lavori per la riqualificazione di via Solferino: a fine
luglio ha avuto inizio la fase relativa all’impatto rete acqua e gas nei
tratti da v.le Delle Rimembranze al
civ. 9/a e di via Magenta, dal civ.
2 all’intersezione con p.le XXVV
Aprile, che sono chiusi alla circolazione. è inoltre attivo il divieto di
sosta con rimozione forzata. Il termine di questi interventi è fissato
per il 27 agosto.
Proseguono i lavori predisposti
da Comune di Parma e Infomobility per la costruzione delle piste
ciclabili in via Montebello, via Massari e Budellungo. Sono inoltre al
vaglio dei tecnici soluzioni per la
sistemazione degli attraversamenti
pedonali più rischiosi della città, in
modo da tutelare gli utenti più deboli della strada. Già avviati alcuni
interventi per migliorare la segnaletica dei passaggi pedonali.
VIGILI URBANI, nuovo REGOLAMENTO
Polizia: anche l’altezza conta.
E la formazione diventa un must
ORA VA IN SENATO
Decreto anticrisi,
il sì di Montecitorio
La cosiddetta “manovra anticrisi” è stata approvata dalla
Camera dei deputati con 285
sì e 250 no. Tra le principali
novità, lo “scudo fiscale”, la
mini riforma delle pensioni, la
regolarizzazione di colf e badanti. I nodi irrisolti: le norme
sulla Corte dei conti, i poteri
del Ministero dell’Ambiente,
la “golden tax”, i fondi per il
Sud.
È successo
a Parma
Zero alcol per i neopatentati,
narcotest in strada, fino a 15
anni di carcere per chi uccide
guidando sotto l’effetto di droghe e alcol: sono alcune delle
novità previste dal nuovo disegno di legge sulla sicurezza
stradale, approvato alla Camera.
Il passaggio in Senato è previsto entro metà agosto, in tempo
per influire sull’esodo verso le
località di villeggiatura.
Presentata in commissione consiliare “Sicurezza” la bozza
del nuovo regolamento per il corpo di Polizia Municipale, un
provvedimento che va nella direzione dell’iniziativa di legge
bipartisan presentata dai senatori Barbolini e Saia. I requisiti per l’ingresso nel corpo saranno sia fisici - statura, per gli
uomini almeno 170 centimetri, per le donne 165 - sia psicoattitudinali; precluso inoltre l’accesso al corpo delle persone
dipendenti da sostanze stupefacenti o da alcol. Con il nuovo
regolamento, inoltre, ogni agente dovrà preoccuparsi del proprio aggiornamento professionale, oltre a seguire i consueti
corsi predisposti dal corpo. [D.D.]
Dal beach volley in Cittadella ai bimbi Saharawi, da
Verdi all’alluminio: un mese di notizie in poche righe
VIOLENZA sulle donne
Il 13 luglio a Parma la firma
del protocollo per coordinare
gli interventi di contrasto.
Coinvolte forze dell’ordine,
aziende sanitarie, Provincia e
Comune, Centro Antiviolenza
e Consigliere di Parità
SCUOLA EUROPeA, NUOVI FONDI
ll 9 luglio la Commissione
Cultura della Camera stanzia
6,3 milioni di euro per l’istituto
di Parma
[6] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
ACCORDO PARMA-LA SPEZIA
Il sindaco di Parma, Vignali,
e il primo cittadino di La Spezia, Federici, firmano il 15
luglio un accordo su logistica
e infrastrutture, marketing
territoriale e turismo
PARMA COMUNE RICICLONE
Il 16 luglio l’assessore Cristina
Sassi del Comune di Parma
riceve a Roma un premio
speciale di Legambiente
e Ministero dell’Ambiente
«per le ottime performance
ottenute dal sistema di
gestione integrata di recupero
dell’alluminio»
beach volley
in cittadella
Due settimane di accese partite tra sabbia
e alberi: a luglio la
Cittadella si è fatta teatro del doppio torneo
di beach volley 2X2
(maschile e femminile)
organizzato da Fipav e
dal Comune di Parma
e inserito nel programma di eventi Young
URBANISTICA
Un nuovo modo
di progettare
gli insediamenti
produttivi
un progetto per i canali di parma
Quei “piccoli fiumi”
dimenticati in città
Parma e il suo territorio hanno dimenticato la presenza
dell’acqua: oltre al torrente esistono infatti diversi canali che in
passato sono stati intubati, chiusi, trasformandosi nella maggior parte dei casi in fogne. Per recuperare questi corsi d’acqua storici sia nella periferia che ai limiti del centro cittadino,
l’Agenzia per la Qualità Urbana e Architettonica del Comune
di Parma ha stipulato un protocollo d’intesa con i maggiori gestori delle linee idriche del territorio, tra cui Enìa, Aipo,
il Consorzio della bonifica parmense, e le società di Canale
Maggior, Canale Comune, Canale Naviglio Taro, Canale Cinghio e Canale Corto. Obiettivo: elaborare proposte per il recupero dei corsi d’acqua cittadini, al fine di ottenere arricchimenti
estetici per il sistema paesaggistico e miglioramenti funzionali
per la tutela idraulica del territorio. Un esempio: il Canale Maggiore, che passa in via degli Argini, s’infila dove adesso c’è il
parco Bizzozero, costeggia la Cittadella e procede per viale
Mentana: basterebbe un piccolo bypass, una tubatura di 100
metri nelle vasche di Marano sul torrente Parma, per riempirlo
nuovamente d’acqua. [Alessandro Trentadue]
Presentata a fine luglio la ricerca promossa dal Comune di
Parma sulla qualità degli insediamenti produttivi. «è emersa
fortemente la necessità - spiega Paolo Conforti, responsabile
dell’Agenzia per la Qualità Urbana e Architettonica - di recuperare una attenzione alla qualità
complessiva nel progetto dei
quartieri industriali». Un obiettivo da raggiungere impostando
la progettazione secondo criteri
che integrino attente capacità
programmatorie, indicazioni di
assetto territoriale, disegno sensibile ed accurato degli spazi
comuni e attrezzati che ospitano le aziende insediate.
Accadeva a
agosto 1999
AMBIENTE
Rifiuti, esperimenti
di “porta a porta”
Nell’estate ‘99 il Comune
di Parma (e precisamente l’attuale sindaco Pietro Vignali,
allora assessore all’Ambiente
della Giunta Ubaldi) avvia un
sistema di raccolta domiciliare
dei rifiuti per gli esercizi commerciali del centro storico.
colorno
Il Giardino della
Reggia cambia look
Riapriva nell’agosto ‘99,
dopo un lungo restauro promosso dal Comune di Colorno
e dalla Provincia di Parma, il
giardino della Reggia Ducale.
L’area del parco più vicina al
palazzo è stata ricostruita secondo il progetto del Petitot.
VERDI FESTIVAL 2009
NONNI VIGILi ANCHE NEL 2010
Presentato ufficialmente
a fine luglio a Parma il
Festival Verdi 2009, in
programma dall’1° al 28
ottobre. Dopo le polemiche,
il cartellone della manifestazione si estende con un
ricco programma a Busseto
e alle Terre Verdiane
Continuerà anche nel
2010 l’attività dei “nonni
vigili” davanti alle scuole di
Parma: lo hanno stabilito
a luglio l’assessore alla
Sicurezza del Comune,
Fabio Fecci, e il presidente
di Auser, Corrado Rossi
intesa parma-piacenza
DUE FURGONI PER I VIGILI
La Polizia Municipale
inaugura due nuovi “uffici
mobili” per una maggiore
sicurezza dei cittadini. Ogni
furgone è una centrale operativa mobile con attrezzatura d’avanguardia
Vincenzo Bernazzoli riceve
a Parma il 27 luglio il
neoeletto presidente della
Provincia di Piacenza,
Massimo Trespidi: l’incontro
si conclude con l’impegno
di avviare a settembre tavoli
di lavoro comuni fra i due
territori
PICCOLI SAHARAWI IN VACANZA
A fine luglio arrivano a
Parma i venti bambini
Saharawi ospitati dall’associazione Help for Children
con la collaborazione della
Provincia e dei Comuni del
parmense. Resteranno per
circa due mesi
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[7]
Primo Piano
Parma
d’agosto
I Burattini alla Corale
Verdi, il Festival dei corti
a Collecchio, le feste
gastronomiche con il
Prosciutto, la Spalla e...
Le arene Astra e D’Azeglio, le
sagre in collina e in riva al Po
DI federica bordone
Agosto, l’apice dell’estate. Caldo, vacanze, relax, viaggi verso
mete lontane e vicine, sole, acqua,
colori, nuove conoscenze, feste,
divertimento. Dopo undici mesi di
obblighi, un mese di piacere.
“Agosto” è una parola evocativa,
che suscita molteplici pensieri e
sensazioni a seconda delle perso-
[8] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
ne. Qualcosa, però, sta cambiando. Le vacanze fuori casa sono
sempre più diversificate e spalmate nell’arco dell’anno, complici
l’andamento economico sfavorevole e... l’affinamento dei gusti.
E c’è chi, ad agosto, rimane nella
propria città. E non si annoia.
Il carnet del palinsesto culturale
non conosce soste, anzi, ormai
l’estate è la stagione in cui si con-
centrano iniziative di tutti i generi
e per tutti i gusti: concerti, festival,
sagre, fiere, film sotto le stelle.
Per chi rimane, per chi è tornato e per chi deve ancora partire,
agosto a Parma e provincia non
significa “niente da fare”.
Il cinema, ad esempio, non va in
ferie. Le arene dell’Astra e del
D’Azeglio sono aperte tutte le
sere per un fitto tamtam di proie-
zioni, tra vecchie e nuove visioni,
per trascorrere una bella serata in
compagnia di storie narrate sul
grande schermo sotto le stelle.
I programmi passano in rassegna
le migliori pellicole della stagione
appena conclusa, qualche anteprima, e perle del passato. Grazie
all’assessorato alla Cultura del Comune di Parma, il martedì all’Astra
e il lunedì al D’Azeglio l’ingresso
è gratuito. Inoltre lo storico cineclub d’Oltretorrente propone agli
amanti della settima arte il “Corto Fice Film Festival” (tel. 0521
281138). Appena fuori città, al
Parco Nevicati di Collecchio, andrà
in scena il prestigioso Film Festival,
dal 28 al 30 agosto (pag. 11).
Chi ama la musica (in verità, chi
non la ama?) avrà l’imbarazzo
della scelta. Gli appassionati di
rock, non mancheranno l’appuntamento con “Ritratti - Sympathy
for... Rock and Roll” in piazzale
Picelli (box a lato) e il concertone al Parco Ferrari dove il 29
agosto, dalle 14 in poi, sfileranno le migliori band locali.
Chi preferisce le note classiche
o quelle folcloristiche, o ancora
l’opera, potrà abbinare l’ascolto
ad un’incantata gita fuori porta,
grazie alle rassegne in provincia:
Estri d’estate, Musica in Castello
e Opera lirica & Operetta a Fontanellato (pag. 12). Se l’obiettivo è trascorrere una serata o una
giornata all’aria aperta, fuori dalle
Proiezioni tutte le
sere, concerti in città
e provincia, eventi
speciali
mura cittadine, le possibilità di imbattersi in qualche fiera che coniuga gastronomia, intrattenimento e
natura non saranno poche (pag.
13). In riva al Po, ad esempio,
sono attese la Festa dei norcini
a Sissa e la Fiera di agosto a S.
Secondo con la prelibata Spalla
Cotta. Al Parmigiano Reggiano
invece è dedicata manifestazione di Montechiarugolo. Mentre
salendo verso l’Appenninno, oltre al fresco, si troverà la Sagra
della trota a Bedonia e la Festa
sul prato a Calestano.
Ad agosto, poi, si comincia a
pensare già all’autunno, come la
domenica ha già l’ombra del lunedì. Ma non fatevi attanagliare
dalle cattive previsioni, perchè
comincerà una ricca stagione culturale che confermerà le
grandi certezze, come il Festival
Verdi, e darà spazio a belle novità come BoulevArt (pag. 13),
il movimento dei giovani artisti
che animerà il centro storico per
un lungo sabato di creatività.
animazione
Burattini,
sogni ad occhi
aperti
Sotto la pergola della corale Verdi,
internazionali marionette e burattini
si avvicendano sul boccascena delle notti d’estate parmigiane. Con il
patrocinio di Comune di Parma, Corale e Solares Fondazione delle Arti
– Teatro delle Briciole, dal 31 luglio
al 28 agosto, cinque sono gli appuntamenti in cartellone per continuare
ad allietare grandi e piccini all’inse-
gna della tradizione e dell’artigianato
artistico locale. Spagna, Argentina,
Italia: a Parma approdano storie nuove e classiche in occasione della 14°
Rassegna Internazionale di Teatro
di figura “Marionette & Burattini
2009”, che quest’anno è dedicata
all’ideatore dell’iniziativa Giorgio Belledi, recentemente scomparso.
Il Teatro di Animazione, arte che
affonda le sue radici nell’antichità e
che, ancora attuale ai nostri giorni,
rinnova la tradizione del racconto
orale e della rappresentazione popolare è dunque una delle più antiche
forme di spettacolo e anche una delle più moderne poiché, come diceva
Italo Ferrari “il burattino è un mezzo,
se lo sai usare puoi fare qualsiasi
cosa, altrimenti era e resta un pezzo
di legno.” [Erika Zeraschi]
Info www.castellodeiburattini.it
enogastronomia e non solo
L’evergreen Francesco De Gregori
al Festival del Prosciutto
A rendere più dolce il ritorno dei vacanzieri sarà la XII edizione del
Festival del Prosciutto di Parma, che partirà il 29 agosto. Per quattro weekend, la manifestazione offrirà gustosi eventi a base del prodotto tipico, accompaganto dai vini DOC e da specialità della cucina
emiliana. I comuni coinvolti sono: Langhirano, Montechiarugolo,
Calestano, Lesignano de’ Bagni, Neviano degli Arduini, Sala
Baganza, Tizzano. Il piatto forte della manifestazione, oltre alle specialità tipiche, prevede un ospite d’eccezione:
sarà infatti Francesco De Gregori ad allietare, con le
sue intramontabili canzoni, la serata del 4 settembre
a Langhirano in un live con ingresso a pagamento.
La sera successiva il testimone passerà a Davide Van
De Sfroos, noto cantastorie comasco. Si rinnova, poi,
l’appuntamento più atteso del Festival con l’iniziativa
“Finestre Aperte”, che prevede l’apertura straordinaria
dei prosciuttifici della zona per svelare tutti i segreti del
principe del salumi. Info www.stradadelprosciutto.it
musica in oltretorrente
Concerti e conversazioni sui
big del rock and roll
Estate in musica in Oltretorrente. Piazzale Picelli ospita le rassegne gratuite “Oltretorrente live” e “Ritratti - Sympathy for...
Rock and Roll” organizzate dal Comune di Parma - assessorato
alla Cultura con Lune Nuove. La musica come filo conduttore
delle due rassegne, partite in luglio ma con tante serate anche
in agosto. “Oltretorrente live” torna il 7 agosto con gli
Emily County Folk. Poi Canzoni di una notte di mezza estate
il 14 agosto e i noti Kabaré Voltaire il 21. Gli incontri
dedicati ai grandi del rock sono al centro di “Ritratti Sympathy for... Rock and Roll”. Le serate si aprono
con filmati d’epoca alternati a dibattiti con Riccardo Venturella - conduttore di Videology su Tv Parma - ed esperti
di musica. Il 4 agosto dedicato agli Who, l’11 agli U2.
Chiusura il 18 agosto con Massimo Zamboni, storico chitarrista di CCCP e CSI, sul palco per presentare “L’inerme
è l’imbattibile”, suo ultimo lavoro da solista. [D.D.C.]
Info tel. 0521 941878 - www.parmacultura.it
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[9]
Primo Piano
ASTRA www.cinema-astra.it
arena estiva scelti per voi
Frozen river
Le tre scimmie
Premio della Giuria al Sundance Film Festival 2009. Thriller di
Courtney Hunt, ambientato nel
rigido inverno sul confine tra New
York e il Quebec, storia intensa e
ruvida come il ghiaccio.
Miglior Regia (Nuri Bilge Ceylan) al Festival di Cannes 2009.
“Non vedo, non sento, non parlo”: sotto questi dettami, una
famiglia cerca di rimanere unita
nascondendosi nella menzogna.
11/08/09 ingresso libero
25/08/09 ingresso libero
Valzer con Bashir
Chéri
Migliore Film straniero al Golden Globe 2009. Film di animazione diretto e sceneggiato da
Ari Folman. Un incubo ricorrente
con 26 cani furiosi e un ricordo
di guerra annebbiato...
Prima visione. In concorso al
Festival di Berlino 2009. Nell’ultima pellicola di Stephen Frears,
Michelle Pfeiffer è una cortigiana, che intreccia un lunga relazione con un giovane...
18/08/09 ingresso libero
28-29-30/08/09
Tremate! Ai Giardini di
San Paolo notti da brivido
Tre pellicole
ad agosto per
la rassegna cult
dell’Ufficio Cinema
- assessorato alla
Cultura del Comune
di Parma, “Giardini
della Paura”
DI francesca laureri
Brividi. È la paura, che fa battere i denti, tremare e accellerare il
cuore, è la rassegna “Giardini della paura”. La carrellata di horror
movies - tutti ad ingresso libero
con inizio alle ore 21,30 - proseguirà fino al 19 agosto.
“The Strangers” è la prima opera
di Bryan Bertino; un horror-thriller
tutto giocato sull’ansia, la tensione e la sensazione di impotenza
davanti a qualcosa di inspiegabile. Una bellissima Liv Tyler dovrà
fronteggiare presenze sconvolgenti e sconosciute.
Poi, “Scream” è una pietra miliare del terrore in pellicola, definito
spesso e volentieri masterpiece
del genere; costruito su veri e
propri stereotipi, esagerato, sicuramente improbabile, riprende
i cliché di vecchi film dell’orrore.
Infine “Dellamorte Dellamore” di
Michele Soavi. Cast scelto sapientemente e trama surreale, questo
film, tratto da un romanzo di Tiziano Sclavi, racconta di Francesco
Dellamorte - Rupert Everett - e
della sua lotta contro i “ritornanti”,
cioè morti che escono dalle loro
tombe come zombies.
5/08
The
strangers
12/08
Scream
19/08
Dellamorte
Dellamore
the strangers
scream
[10] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
dellamorte dellamore
info tel.
0521 218684
Il 27 agosto
Si festeggia
il compleanno
di Ikea!
Proprio un anno fa, il
27 agosto, sbarcava a Parma
la truppa Ikea,
con il suo carico di polpette
e tavolini, biscotti e librerie, rigorosamente
made in Sweden. Le cifre sono
davvero curiose: in un anno, Ikea
ha venduto 40.800 polpette, una
quantità di materassi sufficiente a
ricoprire per ben 2,7 volte la superficie del Tardini, librerie Billy
per ospitare più di un milione di
libri, cuscini per allietare le notti
di 51.000 persone, peluche per
oltre 65.000 bambini.
Tante le iniziative per festeggiare
il primo compleanno, a cominciare da uno sconto eccezionale del
15 % su acquisti “cash & carry”,
apertura prolungata fino alle 22,
animazione per tutta la famiglia,
musica, brindisi, torta e una simpatica novità: i soci Ikea Family
potranno partecipare ad un “set
fotografico” per avere una propria
copertina “personalizzata” del
nuovo catalogo, ricevendo subito
la foto che li ritrae in negozio.
Per la cronaca, in tema di aneddotica, la palma della richiesta
più strana dell’anno è stata:
“Avete materassi in astice?”.
Al momento no, ma per rispondere a clienti così esigenti c’è
tempo... tutto il prossimo anno!
D’AZEGLIO tel. 0521 281138
arena estiva scelti per voi
Matti da slegare
Oliver Twist
Nel ‘75 Bellocchio, Agosti, Rulli e
Petraglia hanno realizzato un documentario dove i protagonisti sono
ricoverati ed ex ricoverati dell’ospedale psichiatrico di Colorno. Uno
spaccato reale, emozionante.
In una notte di tempesta, una
giovane donna mette al mondo un
bimbo e muore. Allevato con molti
altri trovatelli, il piccolo, chiamato
Oliver Twist, viene messo a lavorare. Diretto da Roman Polanski.
11/08/09 ingresso libero
20/08/09 ingresso libero
Verso l’Eden
Film blu
Dopo quarant’anni il grande
regista Costa-Gavras torna a girare nel suo paese natale, la Grecia, con un film sull’attualissimo
tema dell’emigrazione, raccontato con impegno e poesia.
In un incidente stradale, Julie
perde il marito Patrice, un celebre
compositore, e la piccola figlia
Anna. Julie inizia così una nuova
vita, anonima, indipendente. Dalla
trilogia di Kieslowski.
17/08/09 ingresso libero
24/08/09 ingresso libero
Ermo Colle, la
singolar tenzone
a colpi di parole
Contemplazione è il tema di questa edizione
che dal 6 al 14 agosto si svolgerà a Langhirano,
Lesignano, Tizzano, Sesta di Corniglio e Scurano
DI francesca laureri
La natura, il paesaggio e l’immensità. Fonti di ispirazione
dai secoli dei secoli. Si arriva
al momento in cui lo splendore
esterno si accavalla con l’anima,
riducendo il corpo umano ai minimi termini. Come Il Viaggiatore di Friedrich e il suo sgomento
di fronte all’orizzonte che si fa
terrore in un’eclissi dei sensi, la sensazione di impotenza
di noi di fronte alla natura.
Ci si pone in quell’attitudine di ispirazione, nonché
di contemplazione, e proprio quest’ultima è il tema
dell’edizione 2009 del palio poetico-musicale Ermo
Colle. Dieci giorni - dal 4 al
14 agosto - di spettacoli inseriti in quella cornice speciale che è l’Appennino, da
INFO
Ingresso
libero
a tutti gli
spettacoli,
che si svolgeranno anche
in caso di
maltempo
Info eventi
3334317279
3473051846
Tizzano a Langhirano, Scurano
e Corniglio per cogliere i frutti
della contemplazione e porre in
questa condizione tanto gli attori quanto il pubblico.
Ma la Contemplazione - terzo
passaggio dopo la Tentazione
e la Sensazione, temi delle precedenti edizioni della rassegna
- fa si che il sublime si mescoli
al plasma, in modo che il connubio uomo-natura superi i limiti
corporei, dando forse un senso
nuovo all’esistenza.
In palio, come gli anni scorsi, sono sei compagnie: due
per sera per tre sere. Il 4
agosto è dedicato agli esiti dei percorsi laboratoriali.
Il 13 agosto al Castello di
Tizzano, ore 21: “El respirà
del mund denter de mì” di e
con Franco Loi.
Info www.ermocolle.eu
Collecchio Video Film
Festival, l’uomo e le
sue variabili
A fine agosto la rassegna
internazionale di corti
Una tre giorni tra film, mostre e musica. è il Collecchio Video Film Festival, il 28, 29 e 30 agosto al Parco
Nevicati di Collecchio. Al centro di questa VI edizione
sono i differenti punti di vista sulla realtà, i rancori, le
identità, i conflitti. Una prestigiosa giuria e tre sezioni
in concorso: “Uomini: Cronache e Memorie”, rassegna
del documentario antropologico e sociale; “Stile Libero” per i corti di finzione; “A corto di Sport” per il genere sportivo. Non solo cinema. Focus del festival sono le
“Città Difficili: una mostra fotografica” (in foto un’opera), una retrospettiva di documentari internazionali e un
premio speciale al film che meglio avrà raccontato questo tema. Musica con Soundtrack, aperitivi-concerto
nel parco. Inaugurazione del festival con “Metropoli Via
Emilia”, viaggio fotografico negli spazi di villa Soragna,
dal 28 agosto al 12 settembre. [D.D.C.]
Info www.collecchiovideofilm.it
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[11]
Primo Piano
Tre rassegne
si intrecciano
nei gioielli della
nostra provincia:
Estri d’Estate,
Musica in Castello,
Opera lirica &
Operetta... tra
classica, popolare
e voglia di danzare
estri d’estate
È il gioco il tema della XIII edizione
(tra castelli e borghi). Stagione
concertistica promossa da
Provincia di Parma e Società dei
Concerti Solares Fondazione
delle Arti. Info tel. 0521 992044
in provincia
musica in castello
Suggestive sere d’estate
punteggiate dall’ascolto di
grandi cantautori e interpreti
della musica italiana, ma
anche grandi attori, nelle Terre
Verdiane. Info tel. 0521 823220
opera & operetta
XIV edizione, in scena da sabato
8 a mercoledì 12 agosto 2009
a Fontanellato, all’aperto nello
splendido contesto della Rocca
Sanvitale. Oltre 600 posti a
sedere. Info tel. 0521 823220
Senza musica non si può
star… Melodie fuori città
DI fabrizio furlotti
Chi in agosto non ama l’affollamento delle tipiche località vacanziere, può rinfrescarsi almeno
lo spirito con una scelta di serate
musicali, distribuite sul territorio
provinciale, pensate per accontentare tutti i palati. Chi risponde
affermativamente al quesito che
Francoise Sagan faceva dal suo
più celebre romanzo, non può
non recarsi la sera del 7 agosto
al castello di Contignaco (Salsomaggiore) dove Domenico Nordio e Mikhail Lidsky eseguiranno
le due sonate per pianoforte e viola di Brahms. La variegata offerta
della rassegna Musica in Castello prosegue con altri appuntamenti in diversi “gioielli” della
Bassa: al podere Casello Vecchio
di Trecasali il 21 agosto ancora la
classica come protagonista con
un omaggio a Haydn e Mendelssohn da parte del quartetto Elisa,
mentre il 29 a Villa Ceci di San
Michelino (Felino) erotismo, nostalgia e allegria riempiranno gli
animi grazie alle musiche argentine dei “Tangox3”. Per i cultori
della musica minimalista di Steve
Reich e Giovanni Sollima, da non
perdere il concerto dei Tetraktis
Percussioni domenica 30 a Villa
Castellina (Soragna). Ancora la
provincia protagonista con la rassegna Estri d’Estate. Nei primi
decenni del secolo scorso le nostre orchestre - nulla a che fare
col liscio romagnolo! - che la sera
avrebbero dovuto suonare nelle
sagre del paese, per avvisare il
contado, facevano il “richiamo”
con il clarinetto dal campanile
della chiesa. Il pezzo, il più delle
[12] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
rocca di fontanellato
Armonie senza
tempo, il ritmo del
tango, le arie di
Giuseppe Verdi
volte,
era l’Usignolo, e già in molti partivano con le prime piroette. La
stessa atmosfera si è voluta creare il 7 a Calestano con una serata dedicata al più canterino degli
uccelletti. È l’8 agosto quando il
“Va pensiero” si “posa” sui merli
e nelle sale della Rocca dei Sanvitale di Fontanellato. È infatti il
Nabucco di Verdi che inaugura
la XIV Rassegna Opera Lirica &
Operetta che prosegue la sera
di San Lorenzo con una tra le più
briose e conosciute operette del
repertorio italiano: “Il paese dei
campanelli”. Finalmente Nemorino si accorgerà di essere amato
da Adina grazie ad una furtiva
lagrima il 12 agosto quando
“L’elisir d’amore” chiuderà in
bellezza la rassegna.
Info www.eventi.parma.it
valtaro il festival dei girovaghi
Compiano, nel paese
delle meraviglie
Artisti e giocolieri anche a Bedonia,
Borgo Val di Taro e Santa Maria del Taro
Come ogni anno, i
migliori artisti girovaghi
si danno appuntamento
a Compiano. Nel borgo
medievale, considerato
tra i 50 più belli d’Italia, esibizioni, musiche,
laboratori circensi ed
esposizioni saranno i
protagonisti del Festival
dei Girovaghi 2009, organizzato dall’associazione culturale Barbara
Il borgo di Compiano
Alpi in collaborazione
con la Provincia di Parma
e Banca Monte Parma. Partito a fine luglio, il Festival coinvolgerà
anche altri paesi della Valtaro - Borgotaro, Bedonia e Santa Maria del
Taro - fino al 18 agosto, per tutti i weekend. Le stradine del borgo
ospiteranno le esibizioni di artisti, giocolieri, musicisti, incantatori,
saltimbanchi, funamboli e tutti quegli artisti alla ricerca di una creatività spontanea, senza limiti né orizzonti.
Tante le novità e gli spettacoli in programma in questa settima edizione. Fra gli artisti che si esibiranno i Sacrabodò, il Carro dei Comici, il gruppo corale dei Perché no?, il pianista Albot. E poi gli
spettacoli circensi e i laboratori per insegnare ai bambini quest’arte
millenaria, oltre ad esposizioni, mostre e spettacoli comici. Tra gli
appuntamenti di agosto, il jazz di Lou Carulli - domenica 9 e sabato
15, alle 17 - nella piazzetta di San Rocco, a Compiano, davanti al
Museo degli Orsanti. Domenica 16, sempre a Compiano, arriveranno
i burattini di Dante Cigarini. [Diego Dalla Costa]
Info www.festivaldeigirovaghi.com
SORAGNA
“So Fringe 09”
con Sasha Torrisi
fontanellato
Un lungo viaggio
nel Medioevo
work in
progress
SAGRE
5-9/08
Torneo di
Baseball
A Sala
Baganza: baseball, serate
musicali e
gastronomia
9-10/08
Festa su
prato
Torna la
tradizionale
festa nel
giardino di
Calestano
9-16/08
Estate
felinese
Nella piazza
del Municipio
di Felino
torna l’estate
più ricca
19-23/08
23a Festa
sul colle
A Barbiano
si balla il
liscio gustando tortelli e
porchetta
22/08
Festa dei
norcini
Serata
gastronomica
con norcini e
orchestra a
Sissa
23/08
Sagra
della trota
Bedonia
festeggia con
trota, polenta,
musica e
divertimento
28/081/09
Fiera
d’Agosto
Poesia, teatro, musica, danza,
cinema... torna a Soragna “So
Fringe”. Ad aprire la manifestazione che si protrarrà fino al 25
ottobre, “Funesta Primavera”
(23/08) di Duo Fado presso la
Trattoria L’Ardola di Diolo. Ospite speciale del 28 agosto: Sasha
Torrisi. L’ex cantante chitarrista
dei Timoria sarà in via della Repubblica alle ore 21.30.
Info 0524 598922
Mercanti, cavalieri, musici,
sbandieratori e vivandieri in costume accoglieranno turisti dei
tempi moderni in un suggestivo
viaggio nel tempo. Il 27 agosto
dalle 15.30 all’una di notte con
la “Spada nella Rocca” si rievocheranno le atmosfere medievali
nel centro storico di Fontanellato, proponendo i menù dell’epoca tipici della cucina contadina.
Info 0521 823220
Musica,
mercati Spalla
Cotta e Fortanina a San
Secondo
29-30/08
Festa del
Parmigiano
A Montechiarugolo una
due giorni
fra giochi e
degustazioni
Con BoulevArt
l’arte giovane
esce allo scoperto
a Parma è nato un
movimento che promuove
tutte le forme di creatività
“Une peinture doit faire rêver”, disse Zola. Cioè,
un dipinto deve fare sognare. Non solo il dipinto,
aggiungerei io, ha questo ruolo. Da che esiste
l’uomo, esiste l’arte. È cresciuta e si è adattata
all’umano desiderio di fuga dalla quotidianità. Il
mondo degli artisti è da sempre complicato, spesso inaccessibile; un mondo di personaggi spesso
incompresi, eppure così vasto. Perché non portarlo davanti agli occhi degli tutti? La magia dell’arte
nell’immaginario comune è associata agli affascinanti e vasti viali parigini, emblema della modernità: i Boulevards. Boulevard come strada, quindi
BoulevArt come strada dell’arte. In una città come
Parma - soprannominata “piccola Parigi” - l’arte si
muove in silenzio, ma vorticosamente e l’esigenza di farsi sentire c’è. Per questo è nata la strada
dell’arte BoulevArt, che il prossimo 26 settembre
diventerà un vero e proprio quartiere espandendosi in quel quadrilatero suggestivo e mondano che
comprende via Farini, via Sauro, borgo Tommasini
e squarci altrettanto significativi come piazzale Borri e piazzale San Lorenzo. Quest’area prenderà la
forma di una nuova dimensione, in cui protagonista
sarà l’arte con i suoi giovani rappresentati (over 14
e under 35), che invaderanno ogni angolo.
Versi e poesie voleranno tra i borghi, lo sguardo
verrà attirato dalla via della Fotografia e dalla Strada
della Pittura, la musica inebrierà l’aria e, se i bambini avranno uno spazio tutto dedicato a loro, “BoulevArt osteria” finirà di soddisfare i sensi. Duecento
artisti per il primo evento di un progetto più vasto,
proposto dall’assessorato al Benessere e Creatività giovanile del Comune di Parma con Edicta, che
andrà a rendersi tangibile anche attraverso diverse
pubblicazioni e un sito internet aggiornato e completo. BoulevArt è una corsia di accelerazione per
gli artisti di Parma, perché l’arte non deve rimanere
soltanto un sogno e un’ambizione. (F.L.)
Info [email protected]
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[13]
CittàcheCambia
Uffici, scuole,
negozi, parchi: un
grande quartiere
sta per nascere ai
margini del San
Lazzaro - Lubiana.
Ci vivranno oltre
1.600 persone
Il progetto
1
la provincia/3
Su strada S. Margherita (in
arancione nella mappa) si troverà
la terza sede della Provincia.
Ospiterà gli uffici Agricoltura,
Turismo, Attività produttive,
Politiche sociali e Ambiente.
2
alloggi e servizi
In via Budellungo, a Ovest della
scuola “I Girasoli” (in rosa nella
mappa) nascerà un asilo nido.
Nel comparto anche negozi,
parchi, uffici, alloggi e spazi per
le associazioni di volontariato.
3
rivoluzione viabilità
Via Budellungo e strada S.
Margherita e del Lazzaretto
diventano più larghe: in arrivo
anche marciapiedi, piste ciclabili,
nuova illuminazione e rotatorie
in tutto il comparto.
Budellungo, la nuova
Parma cresce a Sud Est
3
milioni
di euro
il costo del
polo Parma
Est: per
l’Ausl vi troveranno sede
la medicina
di gruppo, il
CUP, il centro
prelievi, la
pediatria di
comunità, il
consultorio
familiare; per
il Comune
i servizi
demografici
e i servizi
sociali per
minori, adulti
e anziani
DI ILARIA GANDOLFI
tra via sidoli e via XXIV Maggio
Il polo socio-sanitario e
il secondo Welfare C.C.
Servizi sociali, sanitari e
anagrafici saranno riuniti nel
polo Parma Est, che sorgerà tra via XXIV Maggio e via
Sidoli. L’area di oltre 22mila
metri quadri - acquisita dal
Comune dalle Missionarie di
Maria - verrà dotata di parcheggi e di una zona verde
Via XXIV
sistemata a parco. Al polo
Maggio:
nell’area verde verrà poi annesso un appezzamento confinante di
nascerà il
55mila mq, in cui il Comune
nuovo polo
socio-sanitario realizzerà il secondo Welfare Community Center della
città. In autunno è prevista
l’approvazione del progetto
esecutivo e l’avvio dei lavori.
[14] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
La terza sede della Provincia; un
nido comunale; alloggi di edilizia
libera, sovvenzionata e agevolata;
e poi ancora uffici, negozi, marciapiedi, piste ciclabili, parchi e aree
verdi. Un vero e proprio “pezzo
di città” sta nascendo all’attuale periferia Sud-Est di Parma, e
precisamente nell’area compresa
tra via Budellungo, strada Santa
Margherita e via Traversetolo. A
realizzare questo nuovo quartiere
sarà la società di scopo Domina,
che a luglio ha formalmente acquisito l’area interessata grazie ad
un accordo firmato con il Ministero delle Infrastrutture e il Comune
di Parma. Gli interventi rappresentano l’applicazione del decreto
legge del ‘91 sui “Provvedimenti
urgenti in tema di lotta alla cri-
minalità organizzata e di trasparenza e buon andamento delle
attività amministrative” e portano
con sè un cospicuo finanziamento statale - svolto attraverso la
Regione - che rende l’intervento
“a costo zero” per l’amministrazione comunale. Cosa succederà
dunque? Primo punto: la società
Domina cederà alla Provincia di
Parma a titolo gratuito un’area di
15.793 metri quadri su cui costruire il nuovo polo per gli uffici
dell’Ente che attualmente sono in
affitto. Per vedere il progetto del
palazzo, che ospiterà 150 persone, dovremo aspettare l’autunno,
quando si concluderà il concorso internazionale di idee indetto
dalla Provincia. Sempre a partire
da settembre Domina costruirà
su via Budellungo un asilo nido
comunale di quattro sezioni: la
il comune indice un concorso
Ex Salamini: per riqualificarlo
le migliori idee da tutta Europa
L’Arco di San Lazzaro sino a pochi decenni fa costituiva la
porta di acceso alla città per chi, dalla via Emilia, veniva da
Reggio. Negli anni, il margine città/campagna si è notevolmente spostato ad Est: quella che negli anni Sessanta era la zona
industriale ex Salamini - certamente progettata senza il minimo
intento di darle un’identità - oggi è stata inglobata nel tessuto
cittadino e rappresenta, oltre ad un brutto biglietto da visita
per chi entra in città, un agglomerato di attività (commerciali, artigianali, ricreative) privo di qualsiasi logica, urbanistica e
commerciale. L’idea del Comune di
Parma è di riqualificare l’intera area
ex Salamini con un progetto di alto
contenuto innovativo dal punto di
vista architettonico, sostenibile dal
punto di vista ambientale ed energetico. Da un lato si dovrà ripensarne
la funzione in termini più vicini alle
attuali esigenze delle locali attività
produttive e di servizio, dall’altro valorizzare gli spazi che si affacciano
sulla via Emilia, con strade d’accesso, percorsi ciclo pedonali, verde, in
modo da farne una nuova porta ad VIA EMILIA BIS
Est della città. Altro obiettivo che il La riqualificazione
progetto si pone è quello di miglio- dovrà comprendere
rare l’assetto viabilistico della zona, un collegamento tra
attraverso un possibile collegamento la tangenziale Nord
tra la tangenziale Nord e la futura via e la nuova strada
Emilia Bis. In base a queste esigenze,
coerenti al nuovo PSC, l’Amministrazione ha proposto un “concorso di idee” a livello europeo al
fine di acquisire proposte, progetti e soluzioni che definiscano
un sistema di interventi di riqualificazione in un contesto urbanistico che oggi necessita di un evidente miglioramento della
distribuzione dei servizi e di una riorganizzazione logistica ed
architettonica. Il concorso si chiuderà il 15 ottobre e prevede
una graduatoria di merito, con l’attribuzione di un premio alle
prime tre “idee” classificate. [F.F.]
struttura, che ospiterà circa 80
bambini, si aggiunge al nido previsto nella vicina frazione di San
Prospero. L’accordo prevede inoltre la realizzazione di 70 alloggi
di edilizia sovvenzionata destinati
ad Acer - finanziati dallo Stato,
prioritariamente destinati alle forze dell’ordine e in subordine alle
liste d’attesa sulla città di Parma e di 25 alloggi di edilizia agevolata per 12 anni alle forze dell’ordine con diritto di riscatto. Ancora,
l’impresa procederà all’allargamento di strada del Lazzaretto, a
Qui, su un’area di
oltre 15.700 mq,
nascerà la terza
sede della Provincia
Marore, completandola con illuminazione e percorsi ciclopedonali.
Lo stesso intervento è previsto
per strada Santa Margherita (da
Marore ai magazzini comunali)
e per un tratto di via Budellungo
fino a strada del Lazzaretto (il rimanente, già in corso, è a carico
del Comune). Sempre Domina
procederà all’interramento di due
linee ad alta tensione attualmente
presenti sull’area. C’è poi la parte
privata del progetto, che prevede
la costruzione di 120 alloggi di
edilizia residenziale libera e di 85
alloggi di convenzionata in diritto
di proprietà; infine, 8.200 metri
quadri di edilizia non residenziale, che ospiterà attrezzature di
quartiere al servizio dei residenti
(negozi, artigianato di servizio) e,
nella zona vicina al nuovo palazzo
della Provincia, spazi direzionali.
I NUMERI
8o
i posti nel
nuovo
asilo nido
comunale
che Domina
costruirà su
via Budellungo: un
altro polo
dell’educazione nascerà a San
Prospero,
con quattro
sezioni di
nido e due
di scuola
d’infanzia
77
gli studi di
progettisti
candidati a
partecipare
al concorso
di idee per
la nuova
sede della
Provincia. La
commissione
ne ne selezionerà 15, che
entro 3 mesi
dovranno
presentare
un progetto
all’insegna
della
sostenibilità
Il PUNTO
DI ILARIA GANDOLFI
Redattrice della sezione CittàcheCambia
Il posto
delle lucciole
APERTA PARENTESI: CHI SCRIVE, nel quartiere San
Lazzaro, ci è cresciuta e ci vive tutt’ora. Via Budellungo
è stata a lungo la strada da preferire alla più urbana via
Sidoli quando, tornando dal centro, si aveva voglia di
sentire l’odore dei campi e - alla sera – vedere le lucciole. Così come Coloreto o Marore le mete di corse e passeggiate in bici, ben prima che l’anello della tangenziale
si chiudesse proprio lì vicino. Anche oggi dai balconi
delle nostre case si vede la neve dell’Appennino, dai cespugli di fianco alla strada sbuca spesso qualche lepre,
e in estate l’aria prende quel delizioso profumo di erba,
fieno, fiori. Insomma, noi periferici ci siamo sempre sentiti dei privilegiati, godendoci il bello della campagna a
due passi dalla città. Ora qualcosa sta cambiando: la
città si estende con decisione a Sud Est, come dimostra
anche il futuro quartiere Sant’Eurosia, compreso tra via
Traversetolo, strada Bassa dei Folli e la tangenziale.
540mila metri quadri su cui sorgerà un grande ipermercato, circa 800 alloggi, oltre a scuole, servizi, spazi comuni. Rendendomi conto che Parma, in qualche
modo, deve crescere, chiudo la mia parentesi di privati
sentimentalismi: tanto più che, almeno sulla carta, gli
interventi proposti dal Comune creeranno luoghi pieni
di verde, dove sarà piacevole passeggiare o incontrarsi.
Un dubbio però rimane: chissà se tra trent’anni rimpiangeremo il modo in cui la città sta rosicchiando un
pezzetto alla volta la parte più bella e preziosa della
nostra campagna, la famosa Food Valley. Nel rapporto
nazionale sul consumo del suolo Parma risulta la prima
città del Nord Italia per crescita annuale della superficie
urbanizzata. Un bene o un male? A voi deciderlo. A me,
sicuramente, mancheranno le lucciole.
presto un centro sportivo polivalente
E in via Marconi si giocherà a
volley, tennis, calcio, basket...
Il quartiere San Lazzaro Est avrà un nuovo impianto sportivo
e ricreativo. Per realizzarlo, il Comune di Parma ha dato in
concessione un’area di 6.500 metri quadrati all’associazione
sportiva tennistica dilettantistica “L’Olimpica”, che si farà carico dei costi di costruzione, gestione e manutenzione. Il valore dell’intervento iniziale è stimato attorno ai 550mila euro.
Il centro sorgerà lungo via Marconi e sarà composto da tre
strutture coperte di 2.300 mq, comprendenti un blocco accoglienza, servizi e spogliatoi, quattro campi sportivi polivalenti
comunicanti tra loro, e un’area parcheggio pubblica e privata.
Nella nuova struttura “L’Olimpica” organizzerà diverse attività
rivolte a un’ampia fascia d’età dai 5 ai 65 anni: oltre alle tradizionali attività sportive, come tennis, pallavolo, calcio e basket,
si terranno altri corsi di preparazione fisica, quali la ginnastica
(anche per la terza età), sedute di motricità e stretching, danza moderna e yoga. I lavori, iniziati da poco, procederanno in
modo da rendere fruibili gli spazi via via realizzati. [A.T.]
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[15]
CittàcheCambia
Ponte a Nord:
via libera al
progetto
definitivo
Un serpente in vetro e acdall’idea di un’unica fruizione colciaio di 120 metri destinato al
lettiva. La prima è l’arteria stradacollegamento tra via Europa e
le, a quattro corsie, completata
via Reggio; ma anche una porta
da una pista ciclopedonale scoprivilegiata d’accesso alla sede
perta e da un passaggio pedonadell’EFSA quando, nello spazio
le coperto soltanto sul lato Nord.
lasciato libero dallo stadio del
Distinti da questa, ma poggianti
rugby di viale Piasugli stessi piloni,
cenza, diventerà In via Reggio
saranno due piani
operativa a tutti gli
coperti, entrambi
due torri: un
effetti. Questa è
destinati al solo
l’idea che suggeri- albergo e un
passaggio pedosce il progetto de- palazzo di uffici
nale, ma con la
finitivo del ponte a
possibilità di poNord, recentemente approvato
ter utilizzare tutti gli spazi così
dalla Giunta comunale, in attesa
ricavati per l’allestimento di moche la conferenza dei servizi nostre o manifestazioni. Dalla parte
tifichi le proprie osservazioni, per
dell’imbocco di via Reggio è predare quindi il via ai lavori entro
vista la costruzione di due edifici
l’inverno. Il progetto prevede due
con parcheggi sotterranei: una
strutture distinte, ma integrate
torre destinata ad uffici pubblici e
aeroporto 5 milioni di investimenti. anche parigi fra le rotte future
Il “Verdi” si attrezza per il futuro
A novembre
saranno agibili
13 postazioni
di check-in e
biglietteria. Nuovi
spazi commerciali
e di ristoro
DI FABRIZIO FURLOTTI
Nuove strutture e nuove rotte
per il rilancio definitivo dell’aeroporto di Parma. Dopo gli investimenti per oltre 7 milioni effettuati negli ultimi tre anni, che
hanno consentito l’allungamento
della pista e l’ammodernamento
dei parcheggi, la So.Ge.A.P., la
società pubblico-privata che gestisce il “Verdi”, ha annunciato
una serie di investimenti (5 milioni) che andranno ad arricchire
la fruibilità dei servizi aeroportuali della nostra città.
Entro novembre chi sceglierà
[16] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
di prendere un aereo da Parma troverà la hall delle partenze praticamente raddoppiata
rispetto l’attuale, con ben nove
postazioni di check-in e quattro
biglietterie, oltre un’area di 600
mq in cui troveranno spazio
nuove attività commerciali e di
ristoro.
Sarà reso accessibile, attraverso
scale mobili, il secondo piano
dell’aerostazione in modo da
poter ospitare altre sale d’aspetto munite di tutti i confort. Decisamente importanti anche le
modifiche alla logistica interna,
a cominciare da una serie di
nuovi nastri trasportatori per i
bagagli.
Se a questi investimenti di carattere strutturale si aggiunge che il
Ministero dei Trasporti ha recentemente siglato per il “Verdi” la
concessione definitiva e che nel
giro di tre anni sarà completata
la nuova torre di controllo (15
milioni a carico di ENAV), si può
davvero condividere l’obiettivo
della So.Ge.A.P di raggiungere
nel giro di tre anni un milione di
passeggeri all’anno.
Obiettivo supportato da una
strategia che prevede l’apertura
di nuove rotte (Roma soprattutto, poi Parigi, Lamezia Terme o
Crotone e Timisoara) e la messa
in opera di un nuovo piano commerciale e di promozione.
I NUMERI
27
milioni di
euro
il costo
del progetto,
in gran parte
sostenuto dai
finanziamenti
per l’arrivo di
EFSA
120
metri la
lunghezza
Nessun edificio sul fiume. Sugli
stessi piloni una strada a quattro
corsie e due piani coperti da
destinare al passaggio pedonale
del ponte,
che unirà via
Europa e via
Reggio. Al
via i lavori
entro il
prossimo
inverno
Un mese in Consiglio
DI ILARIA GANDOLFI
Su www.parmanews.net, il notiziario on line del Comune di Parma, è possibile seguire lo svolgimento dei Consiglio comunale a partire dal tardo pomeriggio, mentre
un sintetico resoconto delle commissioni consiliari viene
pubblicato entro le 10 della mattina successiva. Di seguito una sintesi delle sedute del mese di giugno.
9/7 - Via libera alla STT
Nella seduta del 9 luglio il Consiglio comunale approva la delibera
per la costituzione della Società per
la Trasformazione del Territorio, la
holding che gestirà STU Pasubio,
STU Stazione, MetroParma, STU Authority, SPIP, Parmabitare e Casadesso. La maggioranza vota a favore,
la minoranza contro, lamentando uno scarso coinvolgimento del consiglio nella definizione degli obiettivi
della società.
15/7 - Due asili a Parmainfanzia
privati e un edificio che ospiterà
un albergo-residence. Entrambi
saranno gestiti da PizzarottiCodelfa, che eseguirà i lavori: la
loro conclusione è prevista non
prima dell’estate 2011. Il nuovo
ponte è destinato a portare notevoli vantaggi anche alla viabilità
complessiva della zona: con il
prolungamento di via Brennero
ed il previsto sbocco sulla rotonda di via Europa sarà infatti possibile il collegamento diretto tra via
Trento e via Reggio, nonché tra
la nuova stazione ferroviaria e la
sede dell’EFSA. Il costo dell’opera - in gran parte sostenuto dai
finanziamenti per l’insediamento
dell’authority - supera i 27 milioni di euro.
definito il progetto di recupero
Cittadella: al centro un grande
prato, attorno i campi sportivi
Monumento storico a memoria dei fasti farnesiani, palestra en plein air, luogo d’aggregazione per anziani e
bambini. Per i parmigiani la Cittadella è tutto questo e
molto di più. Se è vero che da anni si discute su varie ipotesi riguardanti una sua riqualificazione, da pochi giorni la
Giunta comunale ha dato il proprio placet ad un progetto
che dovrebbe mettere il punto finale alla questione. L’intervento più appariscente è l’eliminazione del campo centrale da calcio che oggi più nessuno usa. Un’unica zona
verde, senza barriere, abbellita da panchine e fontane, ma
soprattutto fruibile da tutti. Le bassure che circondano
le mura e i bastioni, uno degli spazi più preziosi e sino
ad oggi meno sfruttati, saranno finalmente recuperate. Un
percorso da riscoprire che verrà reso disponibile e valorizzato grazie alla completa risistemazione del verde.
Per compensare la perdita del campo centrale saranno
allestiti due campetti da calcio a 5, mentre verranno rifatti
quelli da volley e basket. Sarà completato l’ostello, allestiti
spogliatoi e servizi, verrà potenziato il gioco per i bimbi,
mentre l’anello sui bastioni sarà sempre a disposizione
dei podisti e completato con un solarium e una piccola
palestra attrezzata. [F.F.]
aperitivo
sul ponte
I due piani
del ponte
destinati al
solo passaggio pedonale
potranno
essere
utilizzati
anche per
occasioni
espositive o
manifestazioni culturali
La prima delibera del Consiglio comunale di mercoledì 15 luglio riguarda gli asili: San Prospero e
Vicofertile ospiteranno presto due nuove strutture
per i bambini gestite da ParmaInfanzia. Lo schema
di convenzione per la realizzazione e la gestione dei
due asili include l’adesione all’aumento di capitale
della società partecipata ed il prolungamento della
sua esistenza fino al 2042 per coprire il periodo della
gestione. Dopo la discussione la delibera è approvata:
votano a favore i consiglieri di maggioranza e contro
quelli di minoranza.
23/7 - Il Welfare Community Center
Arriva in Consiglio il progetto del
Welfare Community Center di San
Pancrazio: la delibera prevede l’adozione di una variante al POC. Critica
la minoranza, che segnala il pericolo
di creare una sorta di ghetto; anche
Ubaldi si dichiara contrario all’approccio. La delibera passa con il voto a favore di IpP,
l’astensione di Ubaldi e il “no” della minoranza.
Clicca e guarda: il Consiglio in Video
nuovi
posti auto
Il progetto
prevede due
parcheggi
sotterranei
sotto agli
edifici che
sorgeranno
su via
Reggio, un
hotel e un
palazzo di
uffici
Su Parmanews è possibile assistere alle parti più
rilevanti delle sedute del Consiglio in forma di brevi
filmati: clicca sulla sezione Videogallery. Da settembre la rubrica si arricchirà di una serie di speciali
dedicati delle Commissioni, con l’intervista dei presidenti e le riprese delle sedute più interessanti.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[17]
Carpe diem?
Temporary Station!
La nuova stazione di Parma
uno spazio moderno e flessibile da dedicare al business
agli eventi e al tempo libero
Centostazioni S.p.a. è l’azienda nata dalla partnership tra Ferrovie
dello Stato e Archimede 1, compagine privata con capofila SAVE
S.p.a. La sua mission è quella di valorizzare e gestire 103 fabbricati
viaggiatori in Italia, tra cui la stazione di Parma
' 2 5 0 0 / & % 2 2 /6 ) % $ % , ,/ 3 4!4/
I nuovi spazi della stazione di Parma rappresentano una grande occasione per sviluppare la propria
attività promozionale e commerciale, anche temporanea, in una location dal layout innovativo
e funzionale. Un target ampio ed eterogeneo, costituito non solo dai viaggiatori ma anche da
www.centostazioni.it
[18] agosto 2009 IL MESE MAGAZINEfrequentatori e cittadini in cerca di novità e opportunità
[email protected]
Piazzale Dalla
Chiesa, al via la
riqualificazione
Parte il cantiere davanti alla
stazione ferroviaria: ecco come
cambia la viabilità. Garantiti
i posti auto per i residenti
DI ERIKA FERRARI
I lavori di restyling della stazione entrano nel vivo. è infatti arrivata la fase cruciale del progetto
che, entro il 2012, restituirà ai
parmigiani una nuova piazza, un
nuovo spazio di aggregazione e
di servizi che unirà due aree tradizionalmente non comunicanti
della città, quelle a Nord e a Sud
del terminal ferroviario. Parallelamente ai lavori della zona Nord,
dove sono state gettate le fondazioni e si sta per partire con l’elevazione della zona di cantiere, gli
interventi si fanno ora più intensi
anche a Sud, con la cantierizzazione di piazzale Carlo Alberto
dalla Chiesa. Per questo motivo, fino al 12 agosto, nel tratto
compresto fra la storica palazzina
viaggiatori e l’area verde, è attivo
il divieto di circolazione dei mezzi e di transito dei pedoni, per i
quali rimangono percorribili i passaggi sui lati Est e Ovest del piaz-
zale. Gli unici mezzi a motore che
potranno continuare a circolare
nell’area della stazione sono gli
autobus, i taxi, i mezzi di servizio
e quelli dei residenti della zona.
Questi lo potranno fare attraverso
la nuova viabilità a senso unico
con entrata dal lato Est (provenendo da via Garibaldi) e uscita
uscita da quello Ovest (direzione
ponte delle Nazioni).
Durante la fase organizzativa è
stata posta particolare attenzione
alla situazione dei residenti e ai
possibili disagi in termini di parcheggi: nuovi stalli riservati agli
abitanti dei dintorni sono stati realizzati sul lato Est; nello stesso
luogo sono state create anche sei
postazioni a righe blu aggiuntive
per la sosta dei mezzi privati.
Non essendo più utilizzabili gli
abituali spazi per la sosta breve,
situati nei pressi della palazzina
viaggiatori - per garantire a tutti
i cittadini l’accesso alla stazione
- è stato creato un nuovo par-
cheggio con 36 stalli per la sosta
breve nella parte più a Sud del
piazzale, quella confinante con
viale Bottego. Le fermate dei bus
restano quelle abituali, mentre
per i taxi e il car sharing le postazioni sono state concentrate
sul lato Ovest del piazzale, dove
stante al box libreria e alla sala
d’attesa della Temporary Station.
A settembre dovrebbe essere
definito il progetto - in fase di
studio in concertazione fra Stu
Stazione e Infomobility - per poter procedere in tempi rapidi con
l’appalto dei relativi lavori. Nel
frattempo le rastrelliere
sono state rimosse dalPer le bici un la zone di cantiere per
deposito coperto essere delocalizzate
incrementate di nue custodito emero.
Da sottolineare
adiacente alla che gli interventi non
Temporary comprometteranno le
Station essenze arboree presenti nel piazzale. Le
piante di intralcio per i
sono presenti anche gli spazi di
lavori saranno tolte e temporanesosta per disabili.
amente custodite in vivai per poi
Novità in vista anche per gli utenessere ricollocate al termine della
ti delle due ruote. Il deposito bici
riqualificazione. Anche lo storico
di via Monte Altissimo sarà infatti
ginko biloba che si trova esattachiuso per essere sostituito con
mente davanti all’ingresso della
uno nuovo coperto e custodito,
vecchia palazzina verrà posto al
che si troverà nella zona retrosicuro sul lato Est della piazza.
Nella Temporary Station il punto informativo sul progetto
box art&info
Un luogo, la stazione, che da zona di degrado
e periferia del centro urbano si appresta a divenire un innovativo polo della mobilità intermodale e della vita sociale della comunità.
Con il progetto della nuova stazione e della
grande piazza di Bohigas, il Comune di Parma
intende dar vita a uno spazio di elevata qualità
abitativa, parte integrante del moderno riassetto
urbano della città.
«Riqualificando la stazione vogliamo riqualificare
una parte importante della nostra città» ha comentato il sindaco Vignali alla presentazione dei
lavori di piazzale Dalla Chiesa. «Purtroppo in Italia le infrastrutture legate alla mobilità pubblica
sono sempre state lasciate al degrado. Grazie a
questo progetto andremo a ricucire una zona di
Parma per tempo divisa in due dalla stazione».
Un cambiamento che i residenti del quartiere
vivranno quotidianamente e con i quali l’amministrazione locale ha intenzione di confrontarsi,
comunicando puntualmente le novità che passo
dopo passo coinvolgeranno l’area del cantiere.
I cittadini potranno, infatti, ricevere chiarimenti, informazioni, oppure sottoporre le proprie
problematiche agli operatori presenti presso il
punto informazioni all’interno del Box Art&Info,
all’entrata della Temporary Station.
Il servizio di ascolto del pubblico è attivo tutti
i giorni dalle 9 alle 14 e può essere contattato
telefonicamente chiamando lo 0521 936334 o
tramite mail all’indirizzo [email protected]
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[19]
CittàcheCambia
In breve
come partecipare
Bilancio 2010: fino
al 7/9 le proposte
Il bilancio 2010 del Comune sarà
partecipativo. Fino al 7/9 Consulte e Quartieri possono presentare
progetti, di cui verrà verificata la
fattibilità. I cittadini potranno votare dal 23/9 al 10/10 su www.
bilanciopartecipativo.comune.parma.it o tramite lo 052140521.
restyling in vista
Giardino verticale
in p.le San Giacomo
Un Mobility
manager d’area
e 36 aziendali
Focus group fra Lucia Gola e gli
incaricati delle ditte di Parma per
individuare le priorità dei percorsi
casa-lavoro. Allo studio anche un
Protocollo di intesa con le scuole
oltre 27 mln di euro
Piano alienazioni,
ok dal Consiglio
strutture turistiche
Un’area camper nel
parcheggio Ovest
3.660 metri quadrati per un totale di 27 aree sosta: questi sono
i numeri della nuova area camper
inaugurata a luglio nel parcheggio
scambiatore Ovest. L’area prevede anche un punto ristoro, servizi
igienici e un’area gioco bimbi.
presentati i progetti
Tre piazze, tre
stanze all’aperto
Presentati gli esiti del concorso
di idee indetto dal Comune per la
riqualificazione di p.le Pablo, p.le
Mattarella, p.le Santa Croce: si
apre ora una fase di confronto con
i residenti sui progetti vincitori.
PIEDIBUS
DI ERIKA FERRARI
Il Comune ha avviato una serie
di verifiche per realizzare un giardino verticale (una sorta di parete
verde) in piazzale San Giacomo:
la piazza verrà inoltre abbellita
con nuovi e qualificati elementi
di arredo, come panchine e spazi
per la sosta.
Il Consiglio comunale di Parma
ha approvato lo scorso 30 giugno il piano per la ricognizione
e valorizzazione del patrimonio
immobiliare dell’ente. La misura,
prevede nel triennio 2009-2011
alienazioni per oltre 27 milioni di
euro.
postazione bike sharing
LUCIA GOLA, MOBILITY MANAGER
Mobilità e qualità della vita.
è sempre più importante l’influenza del primo sul livello
del secondo, come dimostrano
le figure del Mobility manager
aziendale e del Mobility manager d’area, quest’ultimo, per il
Comune di Parma, svolto dal
2004 da Lucia Gola.
La figura del Mobility manager
d’area è fondamentale per il coordinamento dei vari responsabili aziendali – a Parma ve ne sono
36 – che avviene attraverso la
multicanalità integrata con azioni di comunicazione, scambio
di best practice, aggiornamenti
normativi, incontri aziendali, trasferimento in tempo reale delle
variazioni della mobilità cittadina
e del trasporto pubblico, apertura di nuove piste ciclabili.
Di recente si è svolto un focus
group meeting fra i vari Mobility
manager per confrontarsi sulle
richieste di mobilità dei cittadinilavoratori delle principali ditte di
Parma: Azienda Ospedaliera e
Asl di Parma, Clinica Città di Parma, Barilla, Nestlè, Chiesi Farmaceutica, Enìa, Tep, Sidel e anche
Provincia di Parma. Scopo del
confronto è stato quello di individuare i contenuti del prossimo
PARCHEGGI TARIFFA mensile AGEVOLATA DI 30 EURO PER IL TOSCHI
All’ex Anagrafe la ztl provvisoria
Mora: «Stalli di sosta riservati ai residenti dalle 7.30 alle 20.30»
DI ERIKA FERRARI
«Rispondere alle esigenze dei
residenti per i quali la ricerca di
un parcheggio è divenuto un
problema». È in questi termini
che Davide Mora, assessore alla
Mobilità del Comune di Parma,
parla della zona a traffico limitato provvisoria che sarà attiva, a
Concessi permessi
di transito e sosta
per gli abitanti delle
vie limitrofe
[20] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
partire da agosto, nell’area dell’ex
Anagrafe. «I circa 90 stalli di sosta presenti saranno riservati ai
residenti, dalle 7.30 alle 20.30»
spiega Mora, garantendo agli
abitanti, per tutta la giornata, la
disponibilità dei parcheggi: nelle
ore serali, grazie alle righe bianco/blu, gli stalli sono già a loro
uso esclusivo. «La ztl resterà in
vigore fino alla realizzazione del
nuovo parcheggio; fino a quel
momento le aree interessate saranno borgo Bosazza, borgo delle
Grazie, borgo Tanzi, via Farnese».
Per non compromettere le attività
e i servizi del quartiere saranno
concessi permessi di transito e
l’assessore DAVIDE mora
sosta agli abitanti delle vie limitrofe. «Ai residenti dell’ex Anagrafe, come a quelli della Stazione,
è inoltre offerta la possibilità di
usufruire di una tariffa agevolata
di 30 euro mensili per il Toschi».
I NUMERI
86
parcheggio bici in azienda ospedaliera
i piani di
spostamento
casa-lavoro
attivati dal
Mobility
manager
3
percorsi
piedibus
happy bus
bando di cofinanziamento, che
sarà emesso dal Comune per
incentivare la riduzione dell’uso
dell’auto nei tragitti casa-lavoro.
Sono inoltre allo studio, da parte del Mobility Manager, nuovi
progetti sulla mobilità: aggiornamenti dei piani di spostamento
casa-lavoro e nuove sottoscrizioni per accordi di programma; definizione di tre percorsi Piedibus
e un Bicibus per l’anno scolastico
2009/2010; studio di fattibilità
per la messa in sicurezza di percorsi adiacenti ad alcune scuole.
È inoltre in fase di valutazione
la definizione di un Protocollo
d’intesa con tutte le scuole del
comune di Parma per l’individuazione di una mobilità sostenibile
e sicura per i percorsi casa-scuola: un approfondimento del Piano della Mobilità scolastica del
2008 che ha coinvolto inizialmente 8 istituti scolastici, e che
si intende estendere a tutta la
realtà scolastica cittadina.
A questi si aggiungono i risultati
raggiunti in questi anni, fra cui
l’elaborazione di 86 piani di spostamento casa-lavoro e gli incentivi annuali all’uso del trasporto
pubblico che il Comune di Parma
prevede per i propri dipendenti.
viabilità niente più filobus in via bixio
Piazzale Barbieri: due
rotonde e meno traffico
DI FABRIZIO FURLOTTI
È uno dei punti della città dove
ancora il traffico non solo è spesso
congestionato, ma il flusso stesso
ne è compromesso dalla complessità “topografica” della zona. Tra
piazzale Barbieri e barriera Bixio
infatti confluiscono, o vi dipartono,
ben 8 strade, tutte importanti per
la viabilità urbana. Due le problematiche che l’assessore ai Lavori
Pubblici Giorgio Aiello si propone
di risolvere: «Deviare il percorso obbligato di tutti i filobus che
provengono dal deposito e si immettono sulle rispettive linee attraversando via Bixio, e regimentare
il traffico veicolare». Il primo si sta
risolvendo con l’approntamento
di nuove linee, già in costruzio-
e un bicibus, sono
gli itinerari
casa-scuola
in fase di
progettazione per l’anno
scolastico
2009/2010
I riSultati
«Sono
soddisfatta dei
risultati
raggiunti»
afferma Lucia
Gola,
Mobility
manager
d’area del
Comune di
Parma. «Da
una parte
abbiamo
creato una
comunità di
aziende
virtuose,
attente alla
questione
mobilità;
dall’altra, abbiamo cercato
di promuovere
uno stile
di vita
sostenibile nei
più piccoli e
nelle famiglie»
ne, che andranno a bypassare la
zona calda di Porta San Francesco e quindi via Bixio. L’analisi sul
traffico veicolare ha evidenziato
l’esigenza di una prima rotonda
tra viale Vittoria e via della Salute,
così da consentire la chiusura dei
cancelli. Una successiva rotonda
“centrale” e una serie di altri interventi sulle strade che vi confluiscono, oltre a modifiche anche
sui sensi di marcia, andranno ad
alleggerire il flusso del traffico.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[21]
CittàcheCambia
Vincenzo
Bernazzoli
Pier Luigi Ferrari
Presidente
Al suo 2° mandato,
è stato rieletto con il
60,78% dei voti
Comunicazione,
Rapporti istituzionali,
Europa e relazioni
internazionali,
Politiche strategiche
per l’innovazione e lo
sviluppo economico
La nuova Giunta provinciale
Giancarlo Castellani
Ugo Danni
Andrea Fellini
Vice Presidente Assessore
Assessore
Assessore
Assessore
Vice Presidente
uscente. Classe
1945, a lungo sindaco di Borgotaro. Dal
2007 è presidente
dell’Associazione Distretto del Pomodoro
da Industria.
è nato a Sala
Baganza nel 1954;
assessore uscente,
è membro del CdA
di ATO e Comitato
di indirizzo Arpa
regionale.
Assessore uscente,
è stato sindaco di
Tizzano per 9 anni.
Nato a Parma nel
1973, dal 2006 è
assessore alle Politiche Ambientali e
Viabilità del Comune
di Salsomaggiore.
Agricoltura e Attività
produttive
Manuela Amoretti
Formazione e
Politiche attive
del lavoro
Già assessore della
prima Giunta Bernazzoli, è stata amministrarice del Comune
di Montechiarugolo e
consigliera regionale.
è nata nel 1958
Ambiente, Energie
alternative, Società
partecipate
Pianificazione
territoriale,
Infrastrutture,
Difesa del suolo,
Risorse naturali,
Fauna selvatica
e ittica
Mobilità, trasporti
e viabilità,
Manutenzione e
sicurezza stradale
Bernazzoli bis:
«Una squadra
subito utile
al territorio»
DI ILARIA GANDOLFI
«Essere di aiuto a tutti in questo momento difficile». Ha pensato soprattutto a questo Vincenzo Bernazzoli nel formare la
sua nuova Giunta, una squadra
«solida» con cui portare avanti il
programma e «affrontare questa
fase di crisi». Il Presidente della
Provincia di Parma ha presentato
così, il 14 luglio, i dieci assessori con cui lavorerà nei prossimi
mesi. L’insediamento della Giunta è stato anche l’occasione per
annunciare il programma degli
interventi in cantiere: opere di
pavimentazione e sicurezza stradale, rotatorie e riqualificazioni di
nuovi tratti, sistemazione di 39
frane, grandi infrastrutture come
il tratto di Pedemontana da Pilastro a Felino, la tangenziale Sud
di Fidenza e il 2° lotto di quella di
Busseto. Il tutto entro i primi 100
Il presidente
presenta la
sua Giunta.
E annuncia:
«Cantieri per
36 milioni di
euro nei primi
100 giorni»
giorni, mentre entro l’anno l’elenco si fa ancora più corposo: il 2°
lotto della tangenziale di Soragna
e il 3° di quella di Busseto, grandi
opere in Val Taro, la riqualificazione del ponte della Sp 62R a
Sorbolo sull’Enza. «È un’iniezione
di opportunità per la nostra economia, un investimento capace
di assicurare lavoro alle imprese
in un momento difficile per tutti.
[22] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
Oltre a realizzare opere attese da
molto tempo, diamo un contributo sociale al nostro territorio». Il
messaggio che il Presidente della
Provincia di Parma lancia è chiaro:
«Siamo a disposizione, nella continuità – dice - vicino ai territori, in
particolare a quelli che risentono
maggiormente delle difficoltà».
Un impegno forte a partire dalle
situazioni di emergenza: «Il tema
economico ci sta molto a cuore spiega il presidente - e su di esso
vogliamo di impegnare in parte
Sicurezza: previsto
un fondo con cui
l’ente sosterrà le
forze dell’ordine
Gabriele Ferrari
Gabriella
Meo
Giuseppe Romanini
Marcella Saccani
Roberto Zannoni
Raffaella
Pini Assessore
Assessore
Assessore
Assessore
Assessore
Agente
Già assessore della
1a giunta Bernazzoli,
è nato a Bedonia nel
1956. Capo segreteria del Presidente
Borri dal ‘99 al 2003.
Nata a Roma nel
1959, è stata consigliere e assessore
del Comune di Parma. Già assessore al
Turismo della giunta
precedente.
Dal 2004 vicepresidente della Fondazione Cariparma, è nata
a Parma nel 1951.
Nato a Castelnuovo
Monti nel 1949, è
geometra e ricopre
la carica di responsabile cittadino del
circolo di Parma
dell’Italia dei Valori.
Nata a Fontevivo nel
1958, è stata eletta
nel 1999 assessore
e dal 2004 vicesindaco. Dal 2006
è presidente del
consiglio dell’Unione
Terre Verdiane.
Sicurezza, Protezione
civile, Polizia
provinciale, Solidarietà
internazionale
Turismo, Parchi e
Politiche d’interesse
paesaggistico, Sport
Politiche scolastiche,
Patrimonio (Edifici
scolastici - sedi),
Cultura e spettacolo
Dal 1999 è sindaco
di Collecchio, paese
in cui è nato nel
1957. è presidente
della Fondazione Museo Ettore Guatelli.
Politiche sociali,
Volontariato e
associazionismo,
Disabilità, Politiche
abitative, Pari
opportunità
Personale, Bilancio
e Semplificazione
amministrativa
Agenzia al marketing
territoriale I NUMERI
47
milioni
di euro
di investimenti programmati da
qui alla fine
del 2009
per viabilità
e grandi
infrastrutture. Nei primi
100 giorni il
finanziamento della tangenziale Sud
di Fidenza e
di un nuovo
tratto di Pedemontana
500
mila euro
stanziati
l’avanzo di amministrazione che
la gestione attenta delle risorse
della Provincia ha creato». Si tratta
di oltre 1 milione e 200mila euro,
un milione e mezzo con l’aggiunta di altre risorse della Provincia,
destinati anche ad un Fondo per
la sicurezza (500mila euro), per
iniziative concrete a sostegno
delle Forze dell’ordine su un
tema fondamentale per i cittadini.
Altri 500mila euro andranno per
nuove iniziative contro la crisi e
in particolare per l’accesso al credito delle PMI, in appoggio agli
investimenti e a tutti coloro che in
questi mesi hanno perso il lavoro.
Infine 500mila euro per avviare il
percorso verso “Parma 2012” , il
grande evento per la promozione
del territorio sui mercati internazionali del turismo.
per iniziative contro
la crisi e in
particolare
per l’accesso
al credito
delle PMI.
Altrettanti
verranno
destinati per
il grande
evento
turistico
“Parma
2012”
pedroni alla vicepresidenza
Berselli presidente
del Consiglio
stretta di mano fra i presidenti
Il 14 luglio è stato il D-Day dei nuovi
Organi istituzionali della Provincia di Parma: nella mattinata si è insediata la Giunta,
mentre il primo Consiglio provinciale della legislatura si è svolto al pomeriggio nel
palazzo di piazzale della Pace. Durante la
riunione il presidente Bernazzoli ha presentato le linee di mandato, e fatto il solenne
giuramento: «Giuro di essere fedele alla
Repubblica italiana, di osservare lealmente la Costituzione e di adempiere le mie
funzioni al solo scopo del pubblico bene».
L’aula ha poi eletto presidente del Consiglio Meuccio Berselli (48 anni, consigliere
PD e dal 1999 al 2009 sindaco di Mezzani) e vice presidente Manfredo Pedroni
(63 anni, fidentino, consigliere del Popolo
delle Libertà). L’attuale composizione del
Consiglio provinciale vede la presenza di
14 consiglieri del Partito Democratico, 7
del Popolo delle Libertà, 4 della Lega Nord,
due dell’Italia dei Valori, 1 dei Comunisti
Italiani, 1 de La Sinistra e 1dell’Unione di
centro. [Irene Bertoli]
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[23]
Innovazione
La Spip guarda al futuro
a cominciare dal tetto
La Società inaugura un impianto pilota per l’autosufficenza energetica
della Mensa Camst. Calestani: «Sarà il volano di esperienze analoghe»
DI VALERIA NERVEGNA
Un’idea semplice ma rivoluzionaria: un tetto a doppia funzione,
infrastrutturale e fotovoltaica,
che sfrutta cioè la copertura per
produrre energia elettrica grazie
a moduli fotovoltaici completamente integrati nel manto di rivestimento. è questa la tecnica
adottata per l’impianto pilota installato sul tetto della Mensa Self
Service Camst nel Quartiere SPIP
Parma, recenemente inaugurato.
Il progetto sperimentale, promosso dalla Società Parmense
Insediamenti Produttivi, ha visto il
coinvolgimento dell’Azienda parmigiana G.S. Coperture, che ha
realizzato e finanziato l’impianto.
«Questa inaugurazione - ha dichiarato il Presidente di SPIP
Nando Calestani - è la dimostrazione tangibile del nostro impe-
la tecnologia utilizzata
Silicio amorfo: servono superfici
maggiori, ma è più economico
La tecnologia fotovoltaica consiste nella trasformazione
diretta della luce solare in energia elettrica senza l’uso di
alcun combustibile e sfruttando le proprietà di alcuni materiali detti semiconduttori. Gli impianti fotovoltaici possono
essere autonomi, se l’energia prodotta viene accumulata in
batterie (ad esempio per utenze distanti dalla rete), oppure
collegati alla rete elettrica di distribuzione, come nel caso
dell’impianto sulla Mensa Camst. I moduli fotovoltaici che
sono stati utilizzati da G.S. Coperture sono in silicio amorfo,
che, sebbene abbiano un rendimento inferiore rispetto ad
altri modelli oggi in uso, presentano l’interessante vantaggio
di sfruttare meglio la componente diffusa dell’irraggiamento
solare e di sopportare bene anche temperature molto alte.
i pannelli fotovoltaici sul tetto della mensa camst
gno nel portare avanti una politica orientata al miglioramento dei
servizi e della qualità ambientale
dell’area e quindi nello svolgere
pienamente il ruolo di Soggetto
Gestore di Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata (Apea)
conferito dal Comune di Parma».
L’impianto copre una superficie di
35 mq, ha una potenza di 2 kWp
ed è in grado di generare circa
2.400 kWh di energia l’anno, per
intenderci più o meno il consumo
L’impianto consentirà
di risparmiare 32
tonnellate di CO2
nei prossimi 25 anni
energetico annuo di una famiglia
di quattro persone. E volendo tradurre questi dati in termini di benefici ambientali? è presto detto:
nel corso dei suoi circa 25 anni
incentivi per chi investe sull’ambiente
Premi a chi rende la
propria casa sostenibile
DI ALESSANDRO TRENTADUE
RENDERING DI UN’ABITAZIONE DI CLASSE A
[24] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
Premi e agevolazioni per chi
adegua la propria casa agli standard energetici attuali, consentendo un risparmio di risorse e
migliorando la qualità della vita
di tutta la comunità.
L’Amministrazione comunale, in
collaborazione con l’Agenzia per
la qualità urbana e architettonica
e l’assessorato all’Ambiente, ha
appena varato un pacchetto di
dodici sistemi premiali applicabili
a tutti gli interventi che trasformino le nuove costruzioni in edifici
I NUMERI
il prof. FRANCESCO giusiano
«Serve un’informazione corretta
sulle nuove fonti energetiche»
Abbiamo chiesto al Prof. Giusiano, docente
di Fisica all’Università di Parma, di spiegarci
pro e contro del solare fotovoltaico.
«Si tratta di una tecnologia sicuramente affidabile, con
un modesto impatto ambientale e che, soprattutto, utilizza una fonte energetica gratuita e virtualmente inesauribile, per quanto discontinua: il sole. Il fotovoltaico d’altro
canto richiede ampi spazi di installazione, ed i costi degli impianti,
anche se diminuiti rispetto a qualche anno fa, sono ancora alti».
Quanto è sfruttata sul nostro territorio questa tecnologia?
«Nel giro di due anni, da quando è scattata l’incentivazione finanziaria del Conto Energia, si è registrata una notevole crescita
del fotovoltaico in Italia ed anche nella nostra provincia. Sul nostro territorio abbiamo numerosi esempi di impianti, soprattutto
di proprietà pubblica, il problema è che sono poco valorizzati.
In che senso?
«In pochi sanno che esistono. Ad esempio, perché non disporre un display che illustri il rendimento dell’impianto, corredato di cartelli esplicativi del funzionamento? La sensibilizzazione della gente sulle opportunità del fotovoltaico va di
pari passo con l’informazione e la divulgazione».
di vita, l’impianto sarà in grado di
risparmiare quasi 13 tonnellate
di combustibili fossili, evitando
l’immissione in atmosfera di circa 32 tonnellate di CO2. Risultato
incoraggiante, tanto che, ha sot-
di classe A o B, e le strutture esistenti in edifici di classe C.
Per chi costruisce da zero sono
previsti due premi volumetrici
che permettono di ampliare la
struttura su cui s’interviene di 20
mq; e lo scomputo delle superfici necessarie ad accogliere gli
impianti e i locali tecnici che servono per la gestione delle fonti di
energia rinnovabili (locali termici,
pannelli fotovoltaici).
Nove premi sono invece destinati
alla messa a norma degli edifici
esistenti: tra questi, oltre al premio volumetrico e allo scomputo,
tolineato Calestani, questo intervento non rimarrà un caso isolato, l’intenzione è di analizzare i
fabbisogni energetici complessivi di tutta l’area SPIP per applicare la copertura fotovoltaica su
più ampie superfici. La soluzione
beneficia di forme di incentivazione finanziaria come il Conto
Energia (D.M. 19/02/2007),
sistema che prevede da parte
del Gestore dei Servizi Elettrici
(G.S.E. S.p.a.) il riconoscimento
di un contributo per ogni kWh
prodotto dall’impianto fotovoltaico. Tirate le somme, nel cxorso dei vent’anni di concessione
della tariffa incentivante, il Conto
Energia ripaga abbondantemente il costo dell’impianto.
compaiono la semplificazione burocratica delle pratiche edilizie, e
alcuni interventi che permettono
di ampliare le strutture per ricavare
ulteriore spazio, quali il recupero
a fini abitativi di sottotetti esistenti
e la possibilità di inserire piccoli
balconi e aperture nel tetto.
«L’impiego delle energie rinnovabili migliora la qualità della nostra
vita – afferma Cristina Sassi, assessore all’Ambiente – dato che
è ancora costoso, chi lo fa merita
di ricevere un premio: un incentivo completo, non una semplice
riduzione fiscale».
35
mq
Il PUNTo
DI DIANA PASTARINI
Redattrice Innovazione - [email protected]
1969-2009.
2 Dalla luna al sole
la superficie totale
dell’mpianto
kWp
la potenza
generata
2400
kWh
l’energia
prodotta in
un anno, pari
al consumo
energetico di
una famiglia
di quattro
persone
nando
calestani
Presidente
di Spip
g. s.
coperture
L’azienda
che ha
realizzato
l’impianto
IO NEL ‘69 PROPRIO NON C’ERO. Non ho vissuto
lo storico allunaggio, non ho sognato, come tutti gli
adolescenti di quel periodo, di fare l’astronauta. Da
quando ho memoria di me stessa e degli altri, la tv è a
colori, computer e cellulari sono un fatto endemico, la
guerra in Vietnam è stata un errore e i Beatles sono un
gruppo musicale del passato con una strana zazzera
in testa. Non riesco proprio a immaginare come l’uomo
del ’69, ignaro del web e privo dell’I-phone, abbia potuto toccare ciò fino a quel momento era stato esclusivo appannaggio dei versi dei poeti. Eppure. Gli storici
moon-walker, oggi ottantenni, sono qui a ricordarci che
impossibile is nothing. Aldrin addirittura ha dichiarato
che sarebbe ore di fare due passi anche su Marte.
Sfortunatamente il 40^ anniversario dell’uomo sulla
luna è capitato pochi giorni dopo la conclusione del
G8 de L’Aquila. E che c’entra direte voi? Niente. E il
problema è proprio questo. Possibile che si sia riusciti
a mandare nello spazio tre persone quando il mouse
e il floppy disk erano appena stati brevettati e oggi
che la lavatrice parte da sola e il mondo è un unico
immenso social network, non si possano condividere
azioni concrete per evitare il disastro climatico e ambientale? L’obiettivo di ridurre le emissioni dell’80%
entro il 2050 e di mantenere il riscaldamento globale
entro i due gradi (soglia massima indicata dall’IPCC
per evitare conseguenze catastrofiche) non è neanche
palliativo, in primis perché non contempla Cina e India.
Addirittura la quintessenza della cautela Ban Ki-moon
fa sapere che l’Onu considera il documento uscito dal
G8 «strutturalmente insufficiente e nella sostanza inadeguato». Possibile che sono quarant’anni che conosciamo la luna e non siamo ancora in grado di sfruttare
in modo sistematico l’unica energia che non inquina,
non è esauribile e non è soggetta a cartelli?
Oggi la vera sfida del futuro non è la luna, ma il sole.
AGENZIA INNOVAZIONE TECNOLOGICA
Informatica per tutti,
con Alfa Training
cristina
sassi
Assessore
all’Ambiente
del Comune
di Parma
Grazie ad Alfa Training, oggi mille parmigiani in più sanno usare il computer e navigare in internet.
L’alfabetizzazione informatica come leva
dell’innovazione è il leitmotiv lanciato
ormai un anno fa da Mario Marini, responsabile dell’Agenzia innovazione
Tecnologica del Comune. Per accorciare le distanze tra generazioni,
emancipare le cosidette fasce
deboli e creare nuove possibilità di lavoro e di sviluppo. Una
diffusione sociale dei saperi che si
traduce in uguaglianza di possibilità. Dopo
il successo della terza edizione, il sipario sulla quarta dovrebbe schiudersi a settembre.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[25]
Innovazione
Rassegna stampa
12/7 CATTURARE IL SOLE. Gli intellettuali del club di Roma,
con il finanziamento di 20 aziende tedesche, lanciano il progetto
Desertec: una rete di centrali a concentrazione termica per trasformare in energia il sole del Sahara. E trasportarla in Europa.
Le notizie più “innovative” apparse sui
giornali italiani nel mese di giugno
Il progetto che non c’è
I NUMERI
Ogni mese un personaggio di Parma
racconta al giornale come vorrebbe veder
cambiare la propria città
Pensando ai nostri
turisti...
Nel corso degli anni ho avuto modo di seguire una serie di attività culturali rivolte alla
promozione turistica del nostro, ricchissimo,
territorio. Parma è una città affascinante che
attrae naturalmente il turista per il suo elevato
valore artistico e di charme. Vi sono però alcune piccole cose che potrebbero rendere più
agevole e interessante la visita dei nostri ospiti. Due in particolare potrebbero essere molto
utili e relativamente semplici da realizzare.
La card elettronica
Ci vorrebbe un biglietto unico, cumulativo,
per l’ingresso a tutte le realtà museali e artistiche del nostro territorio. Altre città, e non
solo all’estero, si sono già mosse in tal senso
sperimentando la funzionalità di questo ser-
ANDREA
COSTA
Presidente
del CAL
2009
tutto il
centro
storico
sarà
coperto
dalla rete
wireless
da ottobre
saranno 35
le aree
interessate
Giancarlo
Gonizzi
Storico e
operatore
culturale
vizio che consente di evitare al turista code
spesso disincentivanti e al contempo di valorizzare luoghi meno conosciuti inserendoli in
un circuito più ampio senza costi aggiuntivi.
Se questa ipotetica card elettronica includesse anche il trasporto sui mezzi pubblici cittadini si otterrebbe un potenziamento davvero
effettivo della proposta offerta al turista.
Una finestra sugli eventi
Manca attualmente un collettore unico, e immediatamente visibile, di informazioni e notizie
che riunisca tutti gli eventi organizzati dal territorio. Penso a un luogo insieme fisico e virtuale.
Uno schermo posizionato in una o più zone di
largo passaggio, in cui il turista può leggere a
scorrimento tutte le iniziative a cui può partecipare quel giorno e quello successivo. Questo
sistema potrebbe avere un duplice vantaggio:
informare tempestivamente (anche i cittadini)
ed evitare agli organizzatori inutili sovrapposizioni di iniziative. Nell’era dell’informatizzazione non sarebbe difficile immaginare le differenti
declinazioni di un’operazione di questo tipo,
come la possibilità di richiedere aggiornamenti
in tempo reale sugli eventi di proprio interesse
direttamente via mail o sul telefonino.
[26] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
Arriva il
marchio
“Coltofresco”
Da settembre attenti al bollino che
certifica provenienza e tracciabilità
di frutta e verdura. Produttori e
commercianti insieme per valorizzare
e proteggere la qualità delle merci
DI ALESSANDRO TRENTADUE
Uno degli aspetti negativi del
mercato globale è la difficoltà
di stabilire la provenienza dei
prodotti che acquistiamo ogni
giorno. Questa è la prima paura dei consumatori, che tra gli
scaffali dei centri commerciali o
nel negozio sotto casa s’interrogano sull’affidabilità di ciò che
si apprestano a mangiare. Per
tranquillizzarli, il Centro Agroalimentare e Logistica ha ideato
un nuovo marchio che certifica la garanzia e la qualità della produzione di tutta la filiera
ortofrutticola: “Coltofresco”. Da
settembre su frutta e verdura
presenti nei negozi al dettaglio
comparirà un bollino che restituisce al consumatore la certezza
di una provenienza controllata,
e garantisce che sta acquistan-
DI DIANA PASTARINI
VINCENZO
BERNAZZOLI
Presidente
della Provincia di Parma
PAOLO
SCARPIS
Prefetto di
Parma
Prefettura di Parma, Provincia e Comuni del territorio
d’ora in avanti dialogheranno
on line. Niente più carte e delibere che viaggiano per posta
da un ufficio all’altro o, peggio,
da un capo all’altro della provincia. Tagli alle spese postali e
a quelle per carta e toner dunque, ma anche un bel risparmio
di tempo e risorse umane per
stampa, imbustamento, recapito, smistamento e archiviazione dei documenti cartacei. Una
corrispondenza
digitalizzata.
Che vuol dire più velocità, più
efficienza e meno burocrazia.
L’obiettivo è arrivare entro l’anno a coprire il 60% del volume
complessivo delle informazioni.
Il Prefetto Paolo Scarpis e il Pre-
L’obiettivo è arrivare
a gestire on line
il 100% delle pratiche
entro la fine del 2010
per dare nuove
opportunità
ai Comuni più piccoli
e garantire ai cittadini
trasparenza,
tempestività e
risparmio di risorse
27/7 FELICITà ON LINE. Due scienziati canadesi hanno creato un metodo che
determina quanto le persone sono felici
in base alle parole che usano in rete.
23/7 ARCHITETTURA E PSICOLOGIA.
Per stare bene ogni parete vuole il suo
colore: cucina gialla; camera rosa, blu o
verde; salotto arancione; bagno turchese.
do un prodotto genuino e testato. «Coltofresco è un progetto
aderente ai fabbisogni concreti
dei consumatori – afferma Andrea Costa, presidente del Cal
– che s’interrogano sempre di
più sull’origine, la provenienza
e la garanzia dei prodotti che
comprano. Per evitare la confusione e il rischio di contraffazione delle merci creata dai mercati globali, l’unica soluzione è
«Per rispondere
alle domande dei
consumatori e ridurre
le contraffazioni»
valorizzare i prodotti rendendo
nota la loro tracciabilità, e
dando ai consumatori
la certezza di quello
che consumano».
Coltofresco è un
progetto nato diversi mesi fa dalla
collaborazione
di
produttori e commercianti: un’alleanza tra
chi produce e chi vende,
che coinvolge di riflesso anche
chi acquista. Un processo di
controllo che avrà origine dal
produttore, il quale dovrà dare
garanzia di ciò che produce e
del modo in cui lo fa (come ha
coltivato il campo, che trattamento antiparassitario ha utilizzato, che tipo di sementi e
concimi compra, etc.). Poi il Cal
verificherà le sue dichiarazioni
attraverso analisi che accertino la qualità e la tracciabilità
dei prodotti. La distribuzione
sarà gestita da Ecocity, l’ormai
noto servizio di consegna delle
merci nel centro storico, già un
primato nell’ecologistica nazionale. «Prima era il fruttivendolo che tranquillizzava il cliente
sui prodotti offerti – commenta Enzo Malanca, direttore di
Ascom Parma – garantendo
la loro provenienza e qualità.
Adesso ci pensa Coltofresco
a tutelare il consumatore sotto
ogni aspetto: oltre alla garanzia di un prodotto controllato,
infatti, il nuovo marchio del Cal
non comporta nessuna spesa in
più, consentendo anzi di risparmiare». L’appuntamento con il
nuovo bollino è per settembre.
Non consentirà di vincere un
forno a micronde, ma di mangiare meglio sì.
Idee e progetti
intelligenza artificiale
Quando i robot...
giocano a carte!
Dimenticate i
vecchi film di fantascenza, oggi i
robot giocano a
carte e a sudoku.
Si è tenuto a Parma un workshop
nazionale di robotica,
organizzato dal Dipartimento di
matematica, che ha presentato i
risultati della ricerca italiana sui
linguaggi di programmazione e
l’intelligenza artificiale. Il Robot
presentato al Centro Santa Elisabetta è stato costruito dall’Università di Catania, gli studenti
parmigiani hanno realizzato i programmi che mostrano l’abilità del
computer nello svolgere funzioni
e ragionamenti caratteristici della
mente umana.
EDILIZIA SOSTENIBILE
Avanguardia tecnica
ed energetica
il progetto entro l’anno il 60% delle comunicazioni on line
Prefettura e Amministrazioni
pubbliche in rete. Grazie al digitale
sidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli hanno incontrato
il gruppo di tecnici degli enti
locali e degli uffici dello Stato
che lavorerà a questo progetto
sulla comunicazione digitale nel
nostro territorio.
L’idea è ambiziosa. Parma sarà
fra le prime in Italia a tentare
questa strada. “Già molto è stato
fatto dal Comune capoluogo, ma
non ci basta – ha detto il prefetto Scarpis -, dobbiamo portare
in rete tutti i Comuni, anche i più
piccoli che hanno maggiore diffi-
coltà a raggiungere
questi obiettivi”.
“Parma è stata la prima
a
mettere
in rete telematica tutti i Comuni.
Ora
questa
collaborazione
permetterà a tutti, in
qualsiasi parte della provincia,
una facilitazione nelle comunicazioni con l’ente pubblico e tra
gli enti pubblici. – ha spiegato
il presidente Bernazzoli
- Significa sburocratizzare e rendere
più facile l’accesso alle risposte e
ai servizi, per
essere un territorio all’avanguardia nella
competizione internazionale é un modo
concreto per dare gambe a quel
sistema Parma che può svilupparsi solo se diamo le stesse
opportunità a tutti”.
Un sistema costruttivo innovativo, studiato da CeP Consulenza
e Progetti di Parma. Una tecnologia stratificata a secco che garantire edifici con elevati standard
qualitativi, in termini di sicurezza,
velocità di esecuzione, isolamento termo-acustico, prestazioni
energetiche, flessibilità d’uso ed
eco-sostenibilità. Sono iniziati il
21 luglio all’Aquila i lavori per la
realizzazione delle fondazioni di
un edificio realizzato con questa
tecnologia, frutto della collaborazione didattica e scientifica tra
l’Università degli Studi di Parma e
quella del capoluogo abruzzese.
La palazzina, che ospiterà alcuni
uffici amministrativi dell’Ateneo,
sarà costruita nell’arco di 40 giorni
dall’ultimazione delle fondazioni.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[27]
Società
Lavoro e vita in
famiglia, come
conciliare
Novità in arrivo per i genitori. Parte il
servizio delle Tagesmutter, previsti tre nuovi
Nido non Nido e riapre il bando provinciale
“Tempo in più” per favorire l’equilibrio
fra impegni professionali e personali
DI STEFANIA DE CESARE
Oggi più di ieri conciliare lavoro e famiglia è una sfida quotidiana ma ancora di più una necessità economica e sociale. In
questo momento, lo sforzo della
società è diretto a promuovere
una nuova cultura che incoraggi
modelli organizzativi di lavoro
più favorevoli alla conciliazione
della vita familiare e della vita
professionale.
Anche la nostra città si è attivata
in questo senso con servizi di
sostegno ai genitori per aiutarli
a gestire i propri impegni lavorativi senza trascurare quelli fami-
liari. «L’avvio in sperimentazione
del servizio delle Tagesmutter
è previsto entro settembre spiega l’assessore comunale al
Welfare Lorenzo Lasagna - in
collaborazione con l’associazione nazionale DoMuS che ha già
avviato l’esperienza a Trento».
La Tagesmutter o “mamma di
giorno”, già diffusa nel nord Europa, è una figura professionale
formata in modo adeguato che
offre, di solito a casa propria,
accoglienza ai bambini e ragazzi
da 0 a 14 anni. «è un’opportunità in più per le famiglie che
si aggiunge agli altri servizi
agevolando il rapporto madre -
IL bando è aperto fino al 4 agosto
Genitori single, ultimi giorni
per richiedere l’assegno
C’è tempo fino al 4 agosto per
l’assegno familiare mensile per genitori
single promosso dall’assessorato comunale al Welfare. È un contributo economico destinato a quei nuclei familiari
in cui il genitore è nubile o celibe, vedovo o separato o divorziato, con uno
o più figli minori conviventi e in cui non
ci sono altre figure di riferimento. L’assegno va da 300 euro
mensili per i nucl ei con un solo figlio a 450 euro mensili
per i nuclei con 4 o più figli. I moduli di domanda sono in
distribuzione presso il D.U.C. in largo Torello de Strada
11/a, al Centro Servizi in strada Repubblica 1 e sul portale
del Comune di Parma all’indirizzo www.comune.parma.it.
Le domande possono essere presentate anche on
line con posta elettronica certificata al sito www.servizi.comune.parma.it Per info: 0521 40521. [F.A.]
[28] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
bambino» aggiunge Lasagna. La
Tagesmutter garantisce quindi la
personalizzazione del servizio,
nel rispetto delle scelte educative della famiglia, e la flessibilità
dell’orario, concordato cercando
di rispettare i tempi e le esigenze
del bambino e della famiglia. Entro la fine del mese di agosto si
aprirà l’iscrizione all’Albo comu-
Tagesmutter: dal 17
agosto le richieste
per le tariffe
agevolate
nale baby sitter e sono previste
tariffe agevolate, sotto forma di
voucher, grazie al sostegno economico del Comune. Le famiglie
interessate possono contattare
Antonella Amore dell’Ufficio Progetti Strategici del Comune di
Parma al numero 0521.218963
[email protected] per
la compilazione della richiesta
dal 17 agosto. Fra le altre iniziative comunali, a settembre
è prevista l’apertura di altri tre
“Nido non Nido”, il servizio sperimentale per bambini da 12 a
36 mesi promosso dall’assessorato alle Politiche per l’Infanzia
e per la Scuola. Un’alternativa al
LE ISCRITTE GIà UNA QUARANTINA LE TATE formate
A Parma un albo
di baby sitter
professioniste
DI LAURA CRUGNOLA
In un’epoca in cui le madri
sono sempre più lavoratrici e
non sempre ci si può affidare
ai nonni, la figura della baby
sitter è diventata più che mai
strategica per non dire, in alcuni casi, fondamentale. Ma “chi
chiamare” e “di chi fidarsi” sono
le domande che tutti i genitori
si pongono prima di lasciare il proprio figlio ad una tata.
Da qui l’idea di formare un
albo delle baby sitter, costituito dal Comune di Parma, al
quale le famiglie potranno attingere per l’accudimento dei
nido d’infanzia tradizionale per
agevolare i genitori con orari di
lavoro atipici. Infatti, il servizio
è attivo 11 mesi all’anno, dalle
7.30 alle 18.30, con possibilità non solo di anticipare e posticipare l’entrata e l’uscita, ma
anche di apertura straordinaria
al sabato mattina. Le tre strutture in previsione per settembre
(dopo quella di via Argonne avviata la primavera scorsa), per
un numero complessivo di 36
posti, sono previste in piazzale
Santa Fiora e viale Mentana (gestite da coop. kaleido.s) e via
Veroni (gestita da coop. Terra
dei colori). Interessanti iniziative
anche dalla Provincia di Parma
che in accordo coi sindacati ha
siglato un accordo su una nuova flessibilità oraria, riservato ai
dipendenti che hanno figli fino a
3 anni. La fase di sperimentazione, avviata a maggio, si avvia alla
chiusura, nel mese di ottobre, e
si valuterà se questa forma di
flessibilità potrà essere adottata
stabilmente oppure se sarà opportuno modificarla o allargarla
ad altri casi. Novità anche per il
bando provinciale “Tempo in più”
che riapre nuovamente a settembre. L’iniziativa prevede contributi
per genitori con figli da 0 a 3 anni
e con un reddito ISEE non superiore a 29.283 euro annui, che lavorano in part time per occuparsi
dei figli. Finora sono stati erogati
contributi a 28 persone, di cui 21
lavoratori dipendenti (tutte mamme un solo papà) e 7 titolari d’impresa (5 mamme e 2 papà).
propri bimbi da 0 a 3 anni.
La garanzia viene dal fatto che
le tate, per rientrare all’interno
di questa lista, oltre a presentare un curriculum adatto dovran-
Iniziative
i numeri
300
euro
mensili
in arrivo due nuovi asili
Sono previsti entro il 2011
due nuovi asili a Vicofertile e
San Prospero.
l’importo
dell’assegno
previsto dal
bando per
i genitori
single, 450
per chi ha 4
o più figli
11
mesi
all’anno
la card BENVENUTA MAMMA
Fino a dicembre nelle farmacie
la card di sconto del 10% sui
prodotti del primo anno di vita.
l’apertura
del servizio
“Nido non
Nido”, da
settembre a
luglio, per
5 giorni alla
settimana,
dalle 7.30
alle 18.30
29
mila euro
annui
Il 13 agosto in via pintor
Continuano gli incontri gratuiti
dell’Ausl per le future mamme.
Per info tel. 0521.393654.
no frequentare corsi formativi e
tirocini presso i nidi dell’infanzia in cui mettersi alla prova.
Dopo il primo ciclo di tirocini,
l’Albo è stato già pubblicato ed
il reddito
ISEE per
partecipare
al contributo
del bando
provinciale “Tempo
in più” per
genitori con
figli da 0 a 3
anni
Il PUNTO
DI ROSARIA FRISINA
Redattrice Società e Salute - [email protected]
L’era delle
super mamme
Nella maggior parte dei casi non hanno “nonni” sui quali fare affidamento ma vogliono gestire tutto
e bene, dividendosi tra la casa, la famiglia, la visita
dal pediatra, il lavoro, quest’ultimo una vera e propria
spada di Damocle in una società di contratti a progetto
e co.co.co. Sono le super mamme, una nuova specie
sociale acrobatica determinata a conciliare le scelte
familiari e professionali. Donne che, se famose come il
ministro francese Rachida Dati, quarantenne rientrata
al lavoro dopo soli cinque giorni dal parto cesareo,
fanno esplodere bufere di polemiche e la rabbia delle femministe. Dal Rapporto Italia 2009 dell’Eurispes
emerge che rispetto al Nord Europa, dove si lavora
senza rinunciare alla maternità e i tassi di occupazione femminili sono alti, l’Italia registra un bassissimo
livello di fecondità (1,41 nel 2008). Da uno studio più
specifico su “Donne e lavoro la conciliazione che non
c’è” emerge che il 65,7% delle intervistate sono convinte che la carriera costringa in molti casi a rinunciare
o rimandare la maternità, vista come un vero e proprio
handicap da parte dei datori di lavoro. A questo si aggiungono i costi troppo alti di asili nido e baby sitter,
così come l’assenza di una rete parentale, tutte cause
che portano molte donne, non sostenute dal welfare,
a lasciare il lavoro per dedicarsi ai figli (una su nove).
Che dire allora, benvenute tagesmutter, baby sitter
professioniste, contributi e agevolazioni. Benvenute
tutte quelle iniziative che permettono soprattutto la
libera scelta, evitando alle donne di indossare il magico costume delle super mamme o di soccombere
alla mancanza di alternative. “Signorine rambo o
donne con la gonna”?, si chiedeva in una divertente canzone il grande Vecchioni. Sono convinta che in
una società matura esistano sempre le vie di mezzo.
è formato da una quarantina
di persone, ma il bando rimarrà aperto, con un nuovo corso
a ottobre (erano state 200 le
candidate per la prima fase).
L’Albo contiene i nominativi e
la disponibilità oraria ed è a disposizione presso: il Punto Accoglienza del D.U.C.; le Strutture
di Nido d’Infanzia comunali e di
Parma Infanzia; il sito del Comune di Parma www.comune.
parma.it. Per contattare le baby
sitter iscritte all’Albo, le famiglie
interessate potranno telefonare al numero 0521.218538,
dal lunedì al venerdì dalle 8.30
alle 10.00 o richiedere informazioni tramite l’indirizzo di
posta elettronica: [email protected]
All’elenco possono
attingere le
famiglie con
figli da 0 a 3 anni
Il progetto sperimentale della
costituzione di un Albo comunale delle baby sitter risponde
alle difficoltà in cui si trovano a
fare fronte oggi i giovani genitori nel conciliare gli impegni organizzativi richiesti dall’allevare
un figlio. Il percorso formativo
serve invece a conferire dignità
a una professione che è spesso vissuta come unica alternativa alla mancanza di lavoro.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[29]
Società
Filo diretto con la Regione
Bruschini: «Praticare e diffondere la cultura della sicurezza»
MARIOLUIGI BRUSCHINI
Assessore alla Sicurezza
Territoriale, Difesa del suolo
e della costa e Protezione
civile della Regione Emilia
Romagna
Marioluigi Bruschini è assessore alla Sicurezza
territoriale, Difesa del suolo e della costa e Protezione civile della Regione Emilia Romagna dal 2000.
Qual è il ruolo di via Aldo Moro in questi ambiti? «Nel nostro Paese non esiste una cultura della
sicurezza del territorio ben consolidata. Basti pensare a quali cifre esigue abbiano stanziato a riguardo
gli ultimi governi, senza distinzioni politiche. L’Emilia
Romagna è fra i principali promotori della diffusione
di questa cultura: lo dimostra anche il nome del mio
assessorato, che rivela - cosa non scontata - una
visione unitaria del tema».
La vicenda dell’Abruzzo ha rimesso sotto i
riflettori la necessità di una gestione impeccabile del rischio sismico. «Gli eventi dell’Aquila
hanno avuto effetti tragici soprattutto per il modo
scandaloso in cui erano costruiti gli edifici colpiti. Da
anni stiamo portando avanti, in collaborazione con
il dipartimento nazionale della Protezione civile, un
piano di monitoraggio e primo intervento sugli edifi-
ci sensibili di tutta la regione. Con la legge 19/2008
abbiamo poi introdotto l’obbligo del controllo sistematico - e non a campione - anche nelle zone a
media sismicità».
Frane, esondazioni, danni da maltempo: il parmense è segnato in modo stabile da queste
criticità. «L’intero Appennino Emiliano è una sorta di
tapis roulant: sono 47.000 le frane censite in Emilia Romagna. Dal 2000 abbiamo intrapreso un forte
impegno su tutto il parmense; solo negli ultimi mesi
sono state impiegati 820.000 euro per oltre 30 interventi, e nuove risorse saranno liberate a breve».
Quali le strategie per il futuro? «Entro la fine del
2009, con l’assessorato all’Agricoltura, elaboreremo
una nuova legge per la difesa del suolo e i consorzi
di bonifica. In questi tempi di crisi, in cui si tende a
considerarlo come fonte inesauribile di profitto, occorre ribadire che il suolo è un bene non rinnovabile.
Con questa legge ridaremo forza anche al principio
della difesa attiva del territorio». [I.G.]
Accessibilità e mobilità urbana,
tutte le istruzioni del Libro Bianco
Alla guida operativa è dedicato un dossier sul sito del
Governo. A Parma il primo disability manager d’Italia
Il Libro Bianco su accessibilità
e mobilità urbana diventa realtà.
Dopo la presentazione a Roma
in un incontro con il ministro del
Welfare Maurizio Sacconi, infatti, il
volume è ora in distribuzione. Nato
da un tavolo nazionale di cui il Comune di Parma è stato capofila, il
Libro Bianco ha visto il coinvolgimento di diversi enti (il Ministero
della Salute e degli Esteri, l’Università di Parma, Confindustria,
le Fondazioni Snaidero e Don
Gnocchi, il Centro di formazione
Formez, il Comitato italiano paralimpico, la Regione Friuli Venezia
Giulia) e associazioni per la disabilità (Fish, Fand e Fiaba). «L’idea
è nata un anno fa con la visita del
ministro Sacconi a Parma – spiega
l’assessore comunale con delega
per l’Agenzia politica a favore dei
disabili Giovanni Paolo Bernini – è
una guida operativa, con esempi
di buone prassi per la fruibilità dei
luoghi urbani, degli edifici, dei trasporti e dei servizi». Il Libro Bian-
co è composto da una parte sui
valori e una parte di tavole operative. «Puntiamo sulla progettazione per tutti, il Palazzo del Governatore sarà un modello in questo
senso - continua Bernini - se sul
nuovo è più facile intervenire sul
vecchio bisogna lavorare per l’
abbattimento delle barriere, ma a
volte basta davvero poco». Secondo uno studio della banca mondiale costruire accessibile costa
presentazione del libro bianco a roma con sacconi
[30] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
un 1% in più del valore dell’opera.
Fra le prossime iniziative: incentivi
ai commercianti che eliminano le
barriere architettoniche; maggior
controllo degli abusi dei parcheggi per disabili tramite i microchip
nei permessi; il bando per l’erogazione di contributi integrativi
per progetto di vita indipendente
con scadenza entro il 7 settembre; l’inaugurazione a settembre a
Villa Sant’Angelo in Abruzzo di un
parco giochi accessibile ai disabili
su modello del parco dei sensi del
Bizzozero. In Italia le persone con
disabilità sono circa 2.800.000.
«Non si tratta solo di disabili, la
società sta diventando sempre
più anziana, la cultura dell’accessibilità è importante – conclude
Bernini – in questo senso sarà
strategica la figura del disability
manager un esperto incaricato di
rendere la città fruibile alle persone diversamente abili, è previsto per gennaio 2010 il primo
corso di formazione all’Università
Cattolica di Milano». La disability
manager della nostra città, la prima in Italia, è Benedetta Squarcia
dell’Agenzia disabili del Comune
di Parma. [R.F.]
Un Welfare
Community Center
a San Pancrazio
Un quartiere di circa 350mila metri quadrati
per interventi di edilizia residenziale sociale,
convenzionata e ad affitto agevolato
DI VINCENZO PIRILLO
Sarà il primo “Welfare Community Center” d’Italia quello
che nascerà a San Pancrazio.
Una convenzione tra Comune,
Provincia, Diocesi e imprese
private ha previsto la realizzazione di un innovativo
quartiere di circa 350mila metri quadrati per
interventi di edilizia
residenziale sociale,
edilizia convenzionata
e ad affitto convenzionato e
agevolato. è prevista la costruzione di un centro diurno per
anziani, di una struttura socio
- sanitaria privata plurifunzionale con finalità di residenza assistita e di servizi commerciali.
Potranno nascere comunità
alloggio, centri diurni, residenze socio-sanitarie, pensionati sociali, attività artigianali
di preavviamento lavorativo e
alternanza scuola lavoro per
i giovani. L’Amministrazione
Provinciale realizzerà un polo
tecnico agroalimentare regionale di formazione permanente, al cui interno sorgerà il
nuovo Istituto Tecnico Agrario
“Fabio Bocchialini” di Parma.
L’inizio dei lavori è previsto entro la primavera del 2010, mentre la consegna dei primi alloggi
di “housing sociale” dovrebbe
avvenire nella primavera del
2012. «Il Welfare Community
Center – ha dichiarato il sindaco
di Parma Pietro Vignali - è uno
dei progetti più significativi del
nuovo welfare che stiamo costruendo attorno alle famiglie e
ai nuovi bisogni delle persone.
L’obiettivo è lo sviluppo di veri e
I NUMERI
750
gli alloggi
previsti
L’inizio
dei lavori
avverrà entro
la primavera
del 2010,
la consegna
nel 2012
RICHIESTE
1700 le famiglie di Parma
che hanno
fatto richiesta
di alloggi
popolari
propri quartieri, di nuova concezione, che costruiscano attorno
alle persone una rete di servizi
e favoriscano la rinascita di quel
tessuto sociale che è condizione necessaria alla qualità della
vita». Per l’assessore comunale
alle Politiche urbanistiche ed
edilizie Francesco Manfredi: «Il Welfare Community
Center rappresenta una
sfida culturale prima
ancora che urbanistica.
Si tratta di un sistema
innovativo, introdotto dai paesi
del Nord Europa, che introduce nuovi modelli di socialità e
previene le problematiche connesse alla convivenza sul territorio - continua - e tutto ciò
che verrà costruito all’interno
del quartiere sarà fatto in funzione dell’interesse pubblico».
Di recente è stato presentato in
Comune anche il primo bilancio
sull’edilizia pubblica convenzionata realizzata da privati, a
quasi due anni dall’introduzione
del nuovo schema di convenzione approvato nel settembre del
2007. In un biennio sono stati
465 gli alloggi convenzionati:
288 assegnati, 95 in via di assegnazione e 82 ancora disponibili. Oltre a questi ci sono altri
124 alloggi per i quali si definiranno a breve le convenzioni,
per un totale di 589 appartamenti. Si tratta di abitazioni che
hanno un costo inferiore anche
del 35% rispetto all’edilizia libera e sono destinate a famiglie
con reddito medio-basso, con
priorità a quelle con figli o che
ospitano anziani o diversamente
abili. Sono state 589 le risposte date alle famiglie della città.
Psicologia e Polis
La vita della città, i segreti della mente
Riviste porno,
vietato esporle
Di recente sono state multate tre edicole in città,
per un importo di mille euro a testa, perchè non rispettavano la legge nazionale che vieta espressamente “l’esposizione al pubblico di giornali, riviste
e materiale pornografico” (Decreto Legislativo 24
aprile 2001, n. 170).
Il problema era stato sollevato anche da un’interrogazione consigliare, nella quale si chiedeva
all’amministrazione comunale di intervenire per
impedire l’esposizione di materiale osceno nelle edicole cittadine. Questo perchè la messa in
mostra delle riviste porno, oltre ad essere vietata
dalle leggi e dai regolamenti, è altamente diseducativa e fuorviante per la sana educazione morale
e psicologica dei minori.
Il commento
DI GIULIANA NICO*
L’adolescenza è l’epoca in cui i ragazzi cominciano a pensare a se stessi come persone con una
propria identità sessuale. Per loro guardare un
film o una rivista “porno” può essere un temporaneo momento di esplorazione. La questione invece posta dall’evento che viene raccontato sembra parlare di una necessità presente nella mente
degli adulti e nella collettività in cui viviamo, a
cui la legge risponde introducendo un elemento
di separazione. Il rapporto con il proprio corpo è
cosa complessa e l’esigenza di “guardare” corpi
nudi e scene sessuali è sempre esistita. A volte
questo bisogno è solo una giocosa curiosità da
ragazzini di partecipare a scene che sono lontane
dalla propria vita, evitando di mettersi in gioco in
rapporti più coinvolgenti che mettono alla prova.
è come se l’immagine pornografica fosse presa in
prestito per contribuire alla propria fantasia un po’
inibita, in modo da potersi concedere l’espressione di bisogni che altrove sono proibiti. A volte,
invece, la fruizione pornografica diventa una vera
“addiction”. Ci si immagina in rapporti in cui l’altro
risponde esattamente ad ogni richiesta e diventa il contenitore di desideri che vengono invece
rifiutati nella vita reale. I corpi pornografici sono
belli e giovani, le donne disponibili e gli uomini
pronti all’istante. Le immagini vengono ricercate
perché i corpi non sono persone ma cose, lontane da se stessi, dall’innamoramento e dall’attesa.
La pornografia è uno dei modi più efficaci per allontanarsi dall’intimità, quando il proprio corpo è
così gravato dal rifiuto da diventare intollerabile.
Comunque, alla fine, ciascuno sa che il desiderio non è in ciò che si guarda ma nella qualità
del proprio guardare. Nasce dalla capacità di stare con se stessi e di gustare il mistero dell’altro.
* Psicologa e psicoterapeuta [email protected]
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[31]
Società
Ade ha il suo
nuovo direttore
generale
Entusiasmo ed esperienza
decennale: è il biglietto da visita
di Roberto Burchielli, scelto
per guidare la SpA del Comune
DI ILARIA GANDOLFI
Si chiama Roberto Burchielli il
nuovo direttore generale di Ade
SpA, la società di gestione dei
Servizi Cimiteriali del Comune di
Parma. E può vantare un’esperienza invidiabile nel settore: da
sempre impegnato nell’amministrazione pubblica, dal 2001 al
2008 è stato dirigente responsabile del Settore Cimiteri del
Comune di Genova. A tutt’oggi è
membro dell’esecutivo di SEFIT,
l’associazione dei servizi pubblici
locali del settore funerario aderente a Federutility.
Direttore, cosa pensa di poter
portare come valore aggiunto
ad Ade?
«L’entusiasmo di lavorare in una
realtà che ha voglia di migliorare. La stessa scelta del Comune
di Parma di creare una società
come Ade dimostra una marcata
attenzione alla qualità del servizio
offerto».
Spieghiamo ai lettori il suo
ruolo.
«La moderna gestione aziendale
prevede per il Direttore Generale
un ruolo di “governance”, per cui
gli obblighi collegati alle proprie
funzioni sono assolti delegandoli
alla struttura, cercando di favorire
la crescita professionale e la responsabilizzazione delle risorse
umane».
Il suo arrivo ai vertici di Ade
coincide con una complessa
riorganizzazione dell’azienda.
Cosa sta succedendo?
«È ampiamente dimostrato dalle
dinamiche del mondo manageriale che il direttore deve svolgere
il coordinamento, non la gestione
effettiva dell’azienda. L’obbligo
che è chiamato ad assolvere è
delegare le proprie funzioni pur
mantenendone saldamente il controllo. Per questo si è proceduto
a distinguere le tre funzioni principali legate al mio incarico con
estrema chiarezza, attribuendo
ad ognuna di queste un responsabile: Enrico Zilioli per l’ammini-
[32] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
strazione generale e dei servizi,
Tiziana Gardini per la parte di
bilancio e finanza, mentre stiamo
individuando una figura preposta
alla gestione e sviluppo del patrimonio edilizio. Ci sono poi alcune
funzioni più trasversali, quali il
controllo di qualità, la soddisfazio-
«Tra gli obiettivi,
la formazione del
personale e il
miglioramento del
rapporto con
i cittadini»
ne dei clienti, l’innovazione tecnologica, la sicurezza e l’igiene del
lavoro, per le quali sarò affiancato
da Roberto Marasi. Stiamo insomma costruendo una vera e propria
équipe, un modello organizzativo
che aumenterà il controllo e la trasparenza dell’attività di Ade».
Quali sono ora gli obiettivi
prioritari per Ade?
«Vogliamo innanzitutto raggiungere un livello manutentivo adeguato alle strutture che gestiamo,
di cui continueremo a promuovere anche la valorizzazione storica,
artistica, architettonica. I cimiteri
sono una cosa viva, uno strumento inestimabile per conoscere il
nostro passato e il mondo in cui
viviamo. C’è poi l’impegno a garantire una possibilità di sepoltura
adeguata alla domanda, attuando programmazioni poliennali
e affrontando le dinamiche che
possono far variare le previsioni,
come ad esempio la diffusione
della cremazione. Infine considero strategica la formazione del
personale e il miglioramento del
rapporto con i cittadini. La gestione del front office è per noi molto
delicata: gli utenti si rivolgono ad
Ade in un momento complesso
della loro vita, occorre garantire
loro un punto di riferimento efficiente, in grado di fornire informazioni semplici e univoche».
università concluso il master del cuci “doctors for africa”
Stili di vita
Da una bella idea, un progetto
concreto. Di reale cooperazione
Ogni mese consigli dagli esperti su
tendenze e nuovi modi di vivere
Bere l’acqua del
rubinetto o in
bottiglia?
DI DIANA PASTARINI
Dopo un anno, lasciano Parma
per tornare nei loro paesi i Doctors for Africa. Tornano in Burundi,
Camerun, Etiopia, Kenya, Burkina
Faso, Mozambico, Malawi, Sudan
e Uganda, i nove medici africani
che hanno partecipato al primo
“Master in Salute Internazionale e
Medicina per la cooperazione con
i Paesi in via di Sviluppo”, organizzato dal Cuci - Centro universitario
per la Cooperazione Internazionale - e dalla facoltà di Medicina e
Chirurgia in collaborazione con
l’Azienda Ospedaliera, la Provincia
di Parma, la Geneva Foundation for
medical research and education e
con il finanziamento del Ministero
degli Affari Esteri italiano. L’elenco
sembra lungo, ma in questo caso
è importante. Sta a significare la
capacità di questo progetto di aggregare intorno a sé tutte le realtà
che sul territorio si impegnano per
la cooperazione internazionale
e per il diritto alla salute di ogni
essere umano. In questo senso
il master esaudisce appieno la
mission costitutiva del Cuci: di essere promotore e coordinatore di
risorse umane e scientifiche non
solo del mondo universitario, ma
VOLONTARIATO
Un mare senza
barriere
un momento della cerimonia di consegna dei diplomi
dell’intero sistema-Parma, di essere insieme un catalizzatore di idee
e un ponte capace di sviluppare
e valorizzare l’operato di altre
espressioni del territorio. L’obiettivo del master – coordinato dal
prof. Cesare Beghi, cardiochirurgo
presidente del Cuci – era quello
di formare figure professionali
in grado di operare in situazioni
d’emergenza, in ospedali di aree
periferiche o strutture sanitarie
deficitarie dal punto di vista infrastrutturale e organizzativo. Quindi
una formazione pratica e teorica,
multisettoriale, comprendente sia
gli aspetti clinici che quelli gestionali; e ugualmente le tesi conclusive del percorso hanno proposto,
oltre all’elaborazione scientifica,
anche un contenuto programmatico finalizzato alla creazione di
progetti di collaborazione con i
paesi di provenienza dei corsisti.
Un’esperienza reale di cooperazione internazionale che ha generato ricadute positive, non solo
per il passaggio di know - how e
competenze, ma soprattutto per
le opportunità di crescita che l’interscambio culturale e il confronto
paritario sempre comportano.
lontani dalla violenza
giovani e sicurezza
Ciac Onlus contro
la tortura
Al porto di Vieste 40 imbarcazioni hanno fatto vivere a 60
ragazzi disabili il sogno di poter
navigare in mare. Il peschereccio Speranza della onlus parmigiana “Crescere con noi” ha
aderito all’iniziativa, alla quale
era presente anche Ferdinando
Sandroni, delegato del Sindaco
per l’Associazionismo.
Sandroni a vieste
Parma - Tizzano
in Discobus
In viaggio col Discobus fino al
29 agosto. Prosegue il servizio
del mezzo pubblico che ogni sabato alle 23 e 23,30 da piazza
Garibaldi porta i ragazzi, in sicurezza, all’Arena dei Pini di Tizzano. è previsto un biglietto unico
di 2,50 euro per andata e ritorno,
valido l’intera serata su ogni tratta
(la vendita anche a bordo).
Ciac Onlus diventa capofila del progetto “Lontani dalla
violenza” che andrà in aiuto di
200 persone vittime di tortura
(dieci a Parma) tramite percorsi
individuali di tutela, cura e riabilitazione. A Parma e provincia,
un rifugiato su quattro tra coloro che hanno trovato un aiuto
hanno subito forti traumi fisici e
psicologici.
IL DISCOBUS PARMA TIZZANO
Acqua del rubinetto o in bottiglia? Questo è il problema. Questione di gusti o semplicemente
di stile di vita? Alla Festa multiculturale di Collecchio nei menu
appariva l’opzione dell’acqua in
bottiglia e dell’acqua gratis. Una
fontana consentiva ai partecipanti di riempirsi le caraffe e di
bere self service a costo zero.
«La diffidenza verso l’acqua del
rubinetto è legata alla presenza
del cloro che a detta di molti
altererebbe il gusto dell’acqua
- spiega Fabio Faccini di Ecosportello Parma - ma dal punto di
vista sanitario l’acqua in bottiglia
non è più controllata di quella
del rubinetto,
si è indotti a
pensarlo perché le aziende di acque
minerali investono molto
in packaging
e pubblicità Fabio
con messag- Faccini
gi legati alla Ecosportello
salute e al Parma
benessere».
I metodi per
migliorare l’acqua di casa propria
esistono. «Per togliere il gusto e
l’odore del cloro si deve lasciare
decantare l’acqua per un po’,
mettendola, magari, in frigorifero. Esistono poi in commercio diversi filtri, come quelli a osmosi
inversa, che privano l’acqua del
calcare, anche se, allo stesso
tempo, la impoveriscono delle
sue sostanze nutritive - sottolinea Faccini che confessa - mi
sono riconvertito all’acqua del
rubinetto da circa un anno, non
faccio uso di alcun filtro, non
ho più l’assillo delle bottiglie
da prendere in cantina». E poi
ci sono i vantaggi economici e
ambientali. «Bere l’acqua del rubinetto significa dare senso agli
alti costi di potabilizzazione che
la collettività è obbligata a sostenere - conclude - ridurre la quantità di contenitori in plastica e i
problemi di smaltimento, evitare
emissioni in atmosfera e sprechi
energetici legati all’irrazionalità
del trasporto delle acque minerali da un parte all’altra del Paese.
Significa infine anche maggior
controllo nei prelievi e nelle captazioni di acqua dalle sorgenti o
dal sottosuolo». [R.F.]
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[33]
Salute
Ginecologia, i progr
In un anno
eseguiti 500
interventi
Al Maggiore un programma
di tecnica mininvasiva sotto
la guida di Bruno Andrei
la sala operatoria durante un intervento chirurgico
DI VINCENZO PIRILLO
Aumenta l’offerta assistenziale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma mirata alla
salute delle donne. All’interno
dell’unità operativa di Ostetricia e ginecologia è stato infatti
istituito un nuovo programma
di “Chirurgia ginecologica, mininvasiva e oncologica”, con
lo scopo di ampliare l’attività
chirurgica e fornire alle donne
un’offerta terapeutica sempre
più completa ed efficace.
Come responsabile del nuovo
programma è stato nominato Bruno Andrei, ginecologo
esperto nelle tecniche di chirurgia mininvasiva e laparoscopica.
Andrei, 61 anni, parmigiano,
ha ricoperto il ruolo di primario
della divisione di Ginecologia e
Ostetricia dell’Ospedale di Fidenza dal 1997 al 2003, ed
in seguito è stato responsabile
dell’unità operativa di Chirurgia
ginecologica mininvasiva e oncologica della casa di cura “Citta
di Parma”, consulente per molti
anni dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano. Autore di oltre
quaranta pubblicazioni e membro di numerose società scientifiche, ha fondato e presieduto
bruno andrei e La sua équipe
[34] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
la Società italiana di endoscopia
ginecologica (Segi).
Quando è iniziata la sua
esperienza presso l’Azienda
Ospedaliera di Parma?
«Nel maggio del 2008 ho iniziato ad operare insieme alla
mia equipe: il dottor Alessandro
Loddo e il dottor Gianluca Benassi, mentre Elena Fornari, gestisce i rapporti con le pazienti
e coordina tutta l’attività fin dalla
presa in carico. In un anno abbiamo eseguito 300 interventi
di chirurgia maggiore o ad elevata complessità, con una media
di 6/7 interventi alla settimana.
Oltre a questi ne abbiamo eseguiti circa altri 200 di chirurgia
minore».
In che ambito rientrano le
vostre operazioni?
«Noi ci occupiamo di tutta la
chirurgia tradizionale laparotomica/vaginale, di quella laparoscopica, che ha un più basso
impatto sulle pazienti, e di quella oncologica, sia laparoscopica
che laparotomica.
Da un punto di vista percentuale
prevale la laparoscopia al 50%,
poi ci sono la chirurgia oncologica al 20%, la chirurgia vaginale
al 20% e la chirurgia tradizionale laparotomica al 10%».
essi della chirurgia
Che genere di utenza avete?
«Le nostre pazienti coprono una
fascia d’età che va dai 14 ai 90
anni, ma sicuramente la componente di riferimento è quella
in età fertile e riproduttiva. Mi
sembra poi significativo rimarcare che il 60% delle pazienti
proviene da fuori provincia, e
tra queste il 35% ha una provenienza extraregionale».
Il 60% delle
pazienti viene da
fuori provincia, il 35%
da fuori regione
Quali sono le malattie più diffuse in ambito ginecologico?
«Le patologie classiche sono le
cisti ovariche, i fibromi uterini,
l’endometriosi, i tumori dell’utero sia del collo che dell’endometrio, dell’ovaio. Inoltre ci interessiamo dei prolassi vaginali
e dell’alterazione della statica
pelvica. Nel corso degli ultimi
anni sono aumentati soprattutto
i casi di endometriosi (vedi box)
e i tumori all’ovaio. Per questi
ultimi secondo la letteratura
scientifica si contano all’anno 17
nuovi casi ogni 100.000 donne.
Il cancro delle ovaie non presenta
sintomi precoci e si può scoprire
solo con un controllo ginecologico
(in particolare con l’ecografia transvaginale) che se eseguita una
volta all’anno rappresenta l’unica
forma di prevenzione possibile».
Quali sono gli strumenti a disposizione?
«In maternità-ginecologia abbiamo
4 posti letto per la degenza ordinaria e 6 posti letto per il day surgery. Inoltre disponiamo di tutte le
moderne tecnologie: due telecamere ad alta definizione, due elettrobisturi a controllo computerizzato,
strumenti operatori ad ultrasuoni».
Quali sono gli obiettivi per il
futuro?
«Sviluppare la chirurgia oncologica ad alta complessità, migliorare
l’organizzazione per semplificare
i percorsi e diminuire al minimo i
disagi per le pazienti».
Si usa nel 50% dei casi
La laparascopia, tutti i
vantaggi della metodica
La laparoscopia chirurgica è una
tecnica mininvasiva completamente diversa dalla chirurgia
tradizionale, dal momento che
non prevede tagli vistosi. In
campo ginecologico è praticata
da circa quindici anni. Se una
volta si utilizzava solo in campo
diagnostico, oggi potenzialmente si possono effettuare tutti gli
interventi. Le patologie dell’ovaio e le endometriosi ormai si fanno solo con laparoscopia.
Questa tecnica prevede la creazione di piccoli tagli in corrispondenza delle creste iliache e sopra il pube (accessi secondari/ancillari) dove vengono introdotti strumenti d’impostazione tradizionale (forbici, pinze) ma di foggia particolare
e più allungata. è previsto inoltre l’utilizzo di un telescopio
ottico che proietta immagini ad alta risoluzione su dei monitor e permette a tutta l’équipe di avere una visione completa.
I vantaggi di questa tecnica sono molti: minor dolore, tempi di degenza ridotti (2 giorni in media), ripresa più rapida delle funzioni e dell’attività lavorativa, meno cicatrici,
meno complicanze a distanza e minor incidenza di aderenze post-operatorie, che sono dei ponti fibrosi che possono formarsi tra gli organi ed imporre una nuova operazione.
IN ITALIA LA MALATTIA COLPISCE TRE MILIONI DI DONNE
Fra le cause dell’endometriosi anche
la diminuzione del numero dei parti
L’endometriosi è una malattia cronica, originata dalla presenza anomala del tessuto che riveste la parete interna dell’utero, endometrio, in altri organi quali ovaie, tube,
peritoneo, vagina, intestino, provocando sanguinamenti interni, infiammazioni croniche,
aderenze ed infertilità. Ogni mese, sotto gli effetti degli ormoni del ciclo mestruale, il
tessuto endometriale impiantato in sede anomala va incontro a sanguinamento, nello
stesso modo in cui si verifica a carico dell’endometrio normalmente presente in utero. Il
sanguinamento comporta un’irritazione dei tessuti circostanti, e provoca dolore, il quale
diventa cronico, dato che si sviluppa un nuovo tessuto nervoso, e non si può eliminare,
anche se con la chirurgia si può alleviare il dolore che sparirà solo con la menopausa.
Si può ottenere una diagnosi certa dell’endometriosi attraverso un esame chirurgico
esplorativo in anestesia totale: la laparoscopia. Questo esame è importante, oltre che
per fare diagnosi, anche per studiare l’endometriosi e per trattarla terapeuticamente.
Si stima che circa il 10% delle donne in Europa sia affetto da endometriosi, e
che sia la causa di circa il 40% dei casi di infertilità femminile. In Italia le donne
con diagnosi conclamata di endometriosi sono 3 milioni, l’11% della popolazione
femminile. è difficile diagnosticare la patologia: il tempo medio di diagnosi dalla prima comparsa dei sintomi, che avviene tipicamente in età giovanile, è infatti
superiore ai 10 anni. Le cause dell’endometriosi sono molteplici, tra queste anche la diminuzione del numero dei parti e l’aumento dell’età media in cui si mette al mondo il primo figlio. Se una volta una donna aveva 30/40 cicli mestruali
nell’arco di una vita, oggi lo stesso numero si registra in soli tre o quattro anni.
strumenti tecnologici del reparto
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[35]
Salute
Alzheimer, un nemico da
prevenire e combattere
Sono quattro i Consultori per i disturbi cognitivi presenti sul territorio.
Nel parmense la demenza senile colpisce l’1,2% della popolazione anziana
DI VINCENZO PIRILLO
Nel 1999 a Parma fu istituito il primo Consultorio per i
disturbi cognitivi, con lo scopo
di combattere una malattia in
continua crescita, la demenza
senile. La demenza è una malattia neurologica degenerativa
che intacca le capacità cognitive
di un individuo (con problemi
di linguaggio, di orientamento,
di movimento) impedendogli
così l’autosufficienza. Esistono
due grandi famiglie patologiche: l’Alzheimer, che interessa
circa il 55% di tutti i soggetti
colpiti da questa malattia, e la
demenza celebro-vascolare, che
invece copre il restante 45%. è
una patologia che, tranne rari
casi, interessa gli anziani che
hanno superato i 65 anni. Nella
nostra provincia ha un’incidenza
dell’1,2%, con 9.000 malati su
circa 90.000 over 65 (vedi box
per maggiori informazioni).
Nel corso degli anni l’Azienda Usl ha rafforzato la propria
presenza sul territorio per combattere questa malattia. Dopo
il Consultorio di Parma hanno
visto la luce quello di Fidenza e due ambulatori delega-
ti a Langhirano e Borgotaro,
afferenti rispettivamente alle
strutture di Parma e Fidenza,
Sala riposo per i pazienti
centro diurno di vaio
Le strutture si
trovano a Parma,
Fidenza, Langhirano
e Borgotaro
[36] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
per un totale di quattro presidi
distribuiti equilibratamente tra
i quattro Distretti del territorio.
Si tratta di quattro strutture sanitarie diagnostiche-terapeutiche
(dove è presente personale
neurologico, geriatrico, psicologico e assistenziale-riabilitativo),
inserite in una rete sanitaria istituzionalizzata dal P.a.l. (Piano
attuativo locale) che prevede la
collaborazione tra Ausl, Azienda Ospedaliero–Universitaria,
Comune, Asp (Aziende per i
servizi alle persone), associazioni di volontariato. Dal 2004,
inoltre, l’Ausl ha ritenuto necessario implementare un programma aziendale per i disturbi
cognitivi, in modo da coordinare gli indirizzi dei lavori dei
vari consultori e dare omogeneità al campo degli interventi.
I Consultori dialogano anche con
i Centri diurni, strutture semiresidenziali messe a disposizione da Comuni e Asp che fanno
puramente attività di assistenza
rivolta genericamente agli anziani, ma che spesso inglobano
pazienti con disturbi mentali. In
provincia sono 17 i Centri diurni,
uno di questi, situato a Vaio, è
esclusivamente dedicato a soggetti con problemi di demenza.
«Quando nacque il primo Consultorio la nostra attenzione
era focalizzata solo sulla diagnosi corretta della malattia»
testimonia Enrico Montanari,
neurologo presso il consultorio di Fidenza e responsabile
del Programma aziendale disturbi cognitivi dell’Ausl. «In
seguito abbiamo dato attenzione anche alla formazione del
personale e alla riattivazione
cognitiva, che permette di supportare le cure tradizionali».
L’unica cura farmacologica ad
oggi disponibile è quella che
prevede medicinali inibitori che
possono solo rallentare la malattia e garantire una speranza di
consultori a parma e vaio
vita più lunga. Negli ultimi anni
c’è però stato lo sviluppo della
stimolazione cognitiva non-farmacologica: con questa terapia
si cerca di rallentare la malattia
e migliorare la qualità della vita,
attraverso colloqui individuali e
di gruppo e stimolando l’attività mentale e fisica dei pazienti.
Molto importante è stata anche
la fase di formazione del personale assistenziale (“care-giver”)
che ha coinvolto molte associazioni di volontariato che si occupano delle demenze. Grande
attenzione è dedicata anche ai
familiari attraverso il sostegno
psicologico ma soprattutto la
formazione assistenziale, fondamentale dal momento che l’80%
dei pazienti della provincia sono
in carico alle famiglie e che il “care-giver” è spesso un familiare.
Importante, in questo campo,
è stato il “Fondo regionale della non autosufficienza” che ha
permesso di potenziare le cure
a domicilio. Associati ai disturbi
cognitivi sorgono spesso problemi comportamentali (ansia, depressione, isteria, allucinazioni,
alterazioni sonno-veglia) che interferiscono nella gestione della
vita quotidiana e rendono obbligatoria un’assistenza continuata.
Le malattie neurologiche, come
si diceva all’inizio, sono in continuo aumento. Interessando
infatti la popolazione degli over
65enni, stanno crescendo parallelamente
all’innalzamento
dell’età media della popolazione.
Se nel 2006, nella nostra provincia, le prime visite erano state
650, nel 2008 ne sono state effettuate più di 1.600, ed anche i
controlli sono passati da 2.354
a 6.321. «L’aumento dei pazienti è stato però di molto superiore rispetto all’invecchiamento
della popolazione» conclude
Montanari. «Un’altra motivazione importante è stata l’attività
di informazione svolta in questi
anni, corsi e incontri aperti al
pubblico per aumentare la sensibilità di medici e familiari riconoscere i sintomi della malattia
sin da subito è fondamentale».
I NUMERI
636
il numero
dei giorni
in cui i
quattro
presidi sono
rimasti aperti
nel 2008,
per 3830
ore
17
i Centri
diurni
nella nostra
provincia
di cui uno
dedicato ai
soggetti con
problemi di
demenza
90%
dei casi
riguarda
pazienti
che arrivano
ai Consultori
grazie
alla
segnalazione
del medico
curante
a parma e fidenza dal 21 settembre
Gocce di memoria in musica:
due settimane di eventi
Un evento lungo una settimana per promuovere i servizi
dell’Azienda Usl di Parma per la demenza senile.
Si chiama “Gocce di memoria in musica”, e verrà organizzato presso i Centri disturbi cognitivi dell’Ausl a Parma e Fidenza, con un programma in corso di definizione
che inizierà in occasione della giornata mondiale contro
l’Alzheimer (21 settembre). Per una settimana, fino alla
fine di ottobre, i due Centri ospiteranno concerti musicali
gratuiti aperti a tutti, eseguiti dalle formazioni di musicisti
del Progetto Tamino, un’iniziativa sostenuta dalla Regione Emilia-Romagna per promuovere la musicoterapica nei
luoghi di cura. è infatti ormai riconosciuto come alcuni
particolari composizioni, come quelle scritte da Mozart,
abbiamo effetti terapeutici sui malati di disturbi cognitivi.
Il programma dell’iniziativa prevede anche incontri pubblici di educazione e informazione sanitaria sulle patologie cognitive, condotti dai medici, psicologi e operatori
dell’Azienda Usl in numerosi comuni dei Distretti di Parma
e Fidenza. Il programma della settimana verrà pubblicato
sul sito web dell’Azienda Usl di Parma, all’indirizzo www.
ausl.pr.it.
come
prevenire
Importante
l’informazione per
riconoscere i
sintomi della
malattia fin
dai primi
esordi
l’Alzheimer
L’Alzheimer
è una forma
patologica
che interessa
il 55% dei
soggetti
affetti da
demenza
senile
A Parma attività
di memory train
per la prevenzione
Nella nostra provincia sono
9.000 i pazienti presi in
carico dai quattro presidi
In tutta la provincia sono circa 9000 i pazienti
affetti da demenza che sono stati presi in carico dai quattro Consultori presenti sul territorio. In
particolare, si tratta di 3700 soggetti nel Distretto
di Parma, 1350 nel Distretto Sud-Est, 1900 in
quello di Fidenza e 1700 nel Distretto Valli Taro
e Ceno.
Nel 2008 sono state 1630 le prime visite complessive, per un totale di pazienti presi in carico
pari a 1450, mentre i controlli su pazienti già in
cura sono stati 6321 (4159 nei Distretti di Parma
e Sud-Est, e 2162 in quelli di Fidenza e Valli Taro
e Ceno). Nel 2008 i quattro presidi sono rimasti
aperti complessivamente per 636 giorni, per un
totale di 3830 ore.
Nel 90% dei casi i pazienti arrivano ai Consultori su segnalazione del medico curante, ma possono anche essere inviati da altre strutture sanitarie o su segnalazione dei medici specialisti.
La prima visita riguarda tutti gli aspetti clinici,
poi dopo i controlli di base viene svolto il test
per controllare il deterioramento cognitivo e viene prodotta una valutazione neuro-psicologica.
Una volta accertata la diagnosi di demenza si
inizia la terapia farmacologica. I pazienti presi in carico vengono visitati ciclicamente con
una cadenza semestrale, ma davanti a soggetti che manifestano disturbi comportamentali e
psichiatrici i controlli sono anche più frequenti.
Nel Consultorio di Parma si fa anche opera di prevenzione attraverso attività di “Memory Train” su soggetti in fase pre-demente.
Nel Consultorio di Fidenza sono invece partiti due progetti-pilota su base regionale: il primo
osserverà la continuità assistenziale nel passaggio tra l’Ospedale e il territorio, mentre il secondo monitorerà la distribuzione nella rete sanitaria dei pazienti, per vedere in che modo si
risponde alle domande che vengono dai malati.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[37]
Salute
Al Centro
Cardinal Ferrari
i programmi di
terapia
alternativa
diventano
sempre più
strutturati.
E si registrano
risultati positivi
DI RITA FERRARI
Un tour guidato alla scoperta
delle bellezze artistiche di Parma, tra dipinti, affreschi e sculture. Sono stati 14 i pazienti del
Centro Cardinal Ferrari di Fontanellato, accompagnati dallo staff
specializzato della casa di cura,
che hanno partecipato alla visita dei musei della città ducale,
diretta dalla dottoressa Mariangela Giusto della Soprintendenza per il Patrimonio Storico e Artistico di Parma. Il giro è iniziato
al mattino dalla Camera di San
Paolo per proseguire con la Galleria Nazionale e il Teatro Farnese, e dopo una pausa pranzo
si è concluso alla Chiesa di San
Giovanni Evangelista e al Duomo. La visita rientra nell’ambito
del terzo laboratorio annuale di
“Arte Terapia”, un progetto terapeutico attivato già da qualche
anno dal Centro Cardinal Ferrari
e che prevede una serie di lezioni curate da Matteo Corati,
scenografo e regista teatrale.
Un’iniziativa, nata allo scopo di
facilitare il recupero cognitivo
comportamentale, per motivare
e indurre i pazienti all’autoriflessione, all’autostima, allo sviluppo della capacità analitica e
di critica. «Il programma di Arte
Terapia coinvolge i pazienti ma
anche i parenti ospiti del Centro
e ha ottenuto risultati positivi
dal punto di vista terapeutico
– spiega Donatella Saviola, neurologa del CCF e referente medico del progetto - ha favorito
infatti una maggior conoscenza
e aggregazione tra i pazienti
che si sono attivati e motivati
anche alle altre attività riabilitative, dimostrandosi così un veicolo più diretto e immediato per
UN QUADRO REALIZZATO DURANTE I LABORATORI DI ARTE TERAPIA DEL CCF
Arte terapia, si va
avanti. Visita ai musei
e presto una mostra
L’ultima esperienza
dei pazienti: un tour
guidato tra le bellezze
artistiche di Parma
trasmettere e rivivere emozioni
che stentano talvolta ad emergere nel colloquio psicologico a
tavolino». Dopo il modulo dedicato al Parmigianino, con la
visita alla Sala del mito di Diana
e Atteone nella Rocca di Fontanellato, l’artista protagonista
del laboratorio 2009 è stato
invece il Correggio, al quale è
stata data importanza durante
il tour seguito dai pazienti, che
ha rappresentato un’occasione
[38] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
I PAZIENTI IN VISITA AL DUOMO
culturale importante soprattutto per coloro che provengono
da altre regioni e sono curiosi
di conoscere il nostro territorio.
Fra i progetti in corso ora anche
l’allestimento di una mostra che
si terrà il 19 marzo 2010 presso la Rocca Sanvitale di Fontanellato. La mostra, della durata
di tre giorni, raccoglierà alcuni
dipinti e disegni realizzati dai
pazienti che hanno partecipato
ai laboratori di Arte Terapia negli ultimi due anni affiancati da
tele di artisti affermati del nostro
territorio che accetteranno l’invito a partecipare all’iniziativa.
Lo scopo è quello di mettere in luce questa esperienza
che riscontra ogni anno una
partecipazione attiva da parte
degli ospiti del centro e risultati positivi dal punto di vista
medico riabilitativo. Nell’ambito
della mostra di marzo, è prevista anche la presentazione di
un catalogo, che raccoglierà le
foto delle opere esposte. Infine,
verrà organizzato un convegno
scientifico al quale saranno invitati esperti per fare il punto sulle
terapie riabilitative alternative.
Successo dei “Martedi dell’Ordine”
Gli incontri riprendono dopo l’estate
DI ROSARIA FRISINA
La vertigine, le cefalee, il trattamento del diabete, la sordità,
il melanoma oggi, le epatiti virali. Sono solo alcune delle tematiche trattate durante le serate “I
martedi dell’ordine” organizzate
dall’Ordine dei medici di Parma.
Una serie di incontri, rivolti agli
iscritti, con moderatori esperti
per discutere le ultime novità
del settore, aggiornarsi e confrontarsi su percorsi di cura. “E’
un’iniziativa che va avanti ormai
da quattro anni e con grande
successo, gli incontri del 2009
si interrompono ora per la pau-
Da settembre
Sul Mese una
rubrica dell’Ordine
Da settembre, il Mese ospiterà una rubrica di informazione in
collaborazione con l’Ordine dei
Medici di Parma. Gli argomenti:
trattamento delle patologie, approfondimenti sulle terapie, focus
sulle problematiche più attuali in
ambito sanitario.
la NUOVA sede dell’oRDINE DEI MEDICI DI PARMA
sa estiva ma riprenderanno in
ottobre, stiamo già definendo
il calendario – spiega Tiberio
D’Aloia presidente dell’Ordine
– è un’occasione importante
di condivisione delle questioni mediche, dal punto di vista
clinico ma anche dal punto di
vista deontologico”. Un aspetto quest’ultimo a cui l’Ordine di
Parma presta molta attenzione,
cosciente del proprio ruolo di
controllo etico e di promozione di una cultura medica responsabile. D’Aloia che ha visto
L’iniziativa è
partita quattro
anni fa. D’Aloia:
«Un’occasione
importante di
confronto sulla
cultura medica»
di recente riconfermato il suo
incarico di presidente, al suo
quarto mandato parla di continuità ma anche di nuovi obiettivi
per i prossimi anni. “Porteremo
avanti il nostro lavoro cercando
di rafforzare il ruolo dell’ordine,
collaborando con le istituzioni
per il bene della città – afferma
il presidente –. Abbiamo raggiunto in questi anni traguardi
importanti, non ultimo una nuova sede, ma occorre apertura,
non chiusura nella professione
- continua – vogliamo coinvolgere maggiormente i giovani
medici, invitarli alle riunioni e
dare assistenza nelle problematiche fiscali e previdenziali”. E
proprio per questa attenzione ai
giovani, l’Ordine dei medici ha
firmato con l’Università e l’Ausl
di Parma una convenzione per
consentire ai medici di medicina generale di tenere lezioni in
aula agli studenti, prevedendo
una parte teorica e una parte
di tirocinio pratico negli studi.
In generale, fra le altre iniziative in corso: la valutazione della medicina non convenzionale
per la formazione di registri di
riferimento, il rapporto tra salute
e ambiente e, infine, la comunicazione, già supportata in questi anni dal sito costantemente
aggiornato e dal bimestrale che
viene spedito a tutti gli iscritti.
LANGHIRANO NOMINATI IL DIRETTORE SANITARIO E IL RESPONSABILE INFERMIERISTICO
Cure Progressive,
all’Asp tutta la
gestione del Centro
DI ROSARIA FRISINA
Una struttura complessa e ad
avanzato livello infermieristico,
con 24 posti letto: 10 per l’Hospice, 10 per le gravi cerebro lesioni (Gra.Cer), 4 per la residenzialità di anziani o persone non
autosufficienti (RSA). è il Centro
“Pietro Coruzzi” di Langhirano
dell’Azienda Usl di Parma, la cui
gestione come struttura accreditata e convenzionata è stata affidata all’ Azienda Sociale Sud –
Est. «La gestione del Centro mira
a consentire alle persone di vivere
meglio la loro permanenza» spiegano Marco Giorgi e Maria Chiara Ghirardi presidente e direttore
amministrativo dell’Azienda Pub-
L’équipe del centro
blica di Servizi alla Persona del
Sud - Est. Il Centro da luglio ha un
nuovo Direttore Sanitario, Matteo
Moroni ed un nuovo Responsabile Infermieristico, Angelo Fallarino. «Si tratta di una struttura
unica in Italia perché unisce Gra.
Cer. e Hospice - spiega Moroni
- è importante mantenere alto
il livello del personale,lavorare
sulla terapia del sollievo, migliorare il rapporto col territorio
e coi medici di medicina generale, continuare a relazionarsi col
volontariato, mentre per il futuro puntiamo a strutturare
sempre di più il percorso di
rientro a domicilio dei nostri
pazienti». Il Centro, inaugurato
nel 2005, ha ambienti colorati, monolocali e stanze per la
maggior parte singole. Non ci
sono vincoli di orari per le visite e
i parenti possono dormire accanto
al loro congiunto. La figura dell’infermiere è presente 24 ore su 24.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[39]
Economia
COOP: QUANTO VALE?
Il censimento nazionale
delle cooperative ricavato dai dati camerali, rivela che il 2%
delle imprese italiane
ha forma cooperativa.
Tuttavia esse impiegano
il 6% della forza lavoro
dell’intero Paese.
“FATTE PER DURARE”
Analizzando le anagrafiche nazionali, emergono
altri dati significativi.
L’età media di una
cooperativa è superiore
a quella di un’altra impresa (17,5 anni contro
13,5) e il fatturato è
mediamente il doppio.
Giovani e cooperazione:
la strada dell’innovazione
Una ricerca rivela scarsa informazione sui valori cooperativi. Ma non è un
sistema in crisi. Anzi tra fusioni e nuove strategie le novità non mancano
DI DANIELE PATERLINI
Lo scorso 3 luglio è stata
presentata la ricerca commissionata da Legacoop a SWG
sulla percezione dei valori della
cooperazione presso i giovani
di Parma. Tra i tanti dati positivi, non ultimo l’associazione a
valori quali solidità e solidarietà, ne è emerso uno che merita
una riflessione. Solo un giovane su quattro risulta veramente
informato sulla cooperazione
e se il 58% esprime fiducia
Divulgare i valori
attraverso le scuole
e la formazione
professionale
nel sistema cooperativo, ben il
42%, in vario modo, si dichiara
sfiduciato. E questo nella terra
di Faraboli, mentre i castelli di
carta della turbofinanza globale
cadono uno dopo l’altro, mostrando invece la tenuta economica complessiva del modello
cooperativo. L’approssimazione con cui i giovani parmensi
disegnano i contorni del mondo
coop sono dovuti ad un grado
di informazione superficiale, si
legge nelle conclusioni della
ricerca. E forse, confrontando
i dati con quelli della ricerca
generale condotta nel 2006,
si percepisce l’approssimarsi di
un mutamento culturale e identitario che va al di là del salto
generazionale. Ma allora che
fare? Come stanno affrontando
il futuro le imprese e le associazioni che riuniscono centinaia di
aziende e comprendono alcuni
colossi dell’economia locale?
Giovanni Mora, che dal 2007
guida la Legacoop locale, (113
imprese di Parma e provincia),
individua diverse linee d’azione per l’intero sistema. «C’è
l’aspetto economico e quello
sociale, che devono continuare ad essere gli assi portanti. I
processi di aggregazione o fusione sono fondamentali.
A Reggio l’unione tra Riunite e
Civ&Civ, e quella in corso tra
Coopservice e Cir, sta creando
giganti, che pur restando radicati sul territorio, sono in grado
di competere a livello nazionale. Anche a Parma alcune iniziative sono già state realizzate,
ad esempio il Consorzio Zenit
e il Consorzio LSC, ma occorre
lavorare ancora nei settori dei
servizi, come il facchinaggio e
la logistica e delle cooperative
di abitazione.
Un obiettivo a breve termine è
anche quello di dar vita a Par-
[40] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
un’iniziativa di legacoop nazionale
Coopnet. Nuove tecnologie
per le aziende in concorso
Legacoop Nazionale indice la nuova edizione del concorso Coopnet, dedicato al tema dell’utilizzo delle nuove
tecnologie sia nelle attività economiche che in quelle gestionali all’interno del sistema cooperativo, con l’evidente
obiettivo di valorizzare la modernizzazione della comunicazione. La selezione avverrà anche sulla base di segnalazioni da parte di cooperative che intendono promuovere il
proprio sito o quello di un’altra realtà cooperativa ritenuta
particolarmente meritevole.
Una commissione valuterà i siti internet basandosi sui seguenti criteri: caratterizzazione, contenuti, funzionalità,
usabilità, gestione, accessibilità.
FATTURATO
Gli ultimi dati disponibili
(2007) danno alla cooperazione un fatturato
complessivo di oltre
113 miliardi di euro. Il
23% delle coop opera
nel settore costruzioni,
il 13% in agricoltura e il
12% nei servizi.
LA MUTUALITÀ
È uno dei pilastri della
riforma introdotta nel
2001. Lo scopo mutualistico, cioè lavorare per
i soci e impiegare i soci
(esiste un Albo apposito), permette di fruire
di un regime fiscale
differenziato.
I NUMERI
L’INTERVENTO
13,5%
DI LUCIANO MAZZONI
questa è la
percentuale
di P.I.L.
provinciale
prodotto
dall’insieme
delle imprese
cooperative
26,5%
la crescita
del fatturato
delle cooperative parmensi
nella loro
totalità nel
triennio
2005-2007
Paolo Bandini
e La sede dell’unione
cooperative di parma
ma ad una nuova cooperativa di
produzione e lavoro. Le dimensioni permettono di strutturare
meglio l’offerta, l’organizzazione aziendale, la competitività sui mercati, con maggiori
garanzie sociali». Un contesto
cooperativo forte offre opportunità anche ai giovani. «il sistema cooperativo ha dimostrato
negli anni di essere in grado di
recepire le novità proposte dai
giovani. Soprattutto nel settore
dei servizi.
Da anni siamo attivi nelle scuole con il progetto ‘intrapprendere’ per diffondere i valori cooperativi, una iniziativa che sarà
a lato giovanni mora e La
sede di Legacoop parma
incentivata» aggiunge Giovanni
Mora.
Avvicinare i giovani alla cooperazione è un’esigenza sentita
anche dall’Unione Cooperative,
l’altra grande associazione locale. Paolo Bandini, presidente
del 2006 sottolinea che «i giovani fanno fatica ad entrare nel
mondo del lavoro.
In particolare nel nostro settore
di punta quello agricolo e alimentare, i costi di apertura di
un’azienda sono impossibili da
affrontare contando solo sulle
proprie forze.
Servirebbe un progetto di finanziamento agevolato a lunghissimo termine. Sarebbe una porta
aperta anche per l’innovazione.
Come associazione, comunque, abbiamo attivato un servizio di ‘nursery d’impresa’, che
segue i primi passi delle nuove
attività, compreso l’aspetto del
credito, mentre crediamo molto
nella formazione professionale
con Irecoop».
Dunque formazione, strutture e
libertà d’azione per attrarre le
energie giovani nella cooperazione. Con una novità. La riscoperta del credito cooperativo
che sta avvenendo anche in
Emilia Romagna. Piccole realtà
bancarie in crescita, molto legate al territorio e, soprattutto,
vicine alle imprese.
6.087
l’aumento
dei posti
di lavoro
nel settore
cooperativo
tra il 2005
e il 2007 su
base
provinciale
Consulente in etica d’impresa
L’attualità di
valori e principi
Luciano Mazzoni, ex presidente di Legacoop Parma,
ha approfondito a lungo i temi della cooperazione.
«La cooperativa è stata la prima esperienza storica di
quello che oggi si chiama economia no profit. L’essenza di questo modello risiede nel fatto che l’elemento
umano non è più un fattore variabile e dipendente del
capitale, quindi ad esso assolutamente subordinato,
ma diventa invece l’elemento centrale. Questa centralità è manifestata a tre livelli: è una società di persone
anziché di capitali, il primo capitale considerato è quello umano, al quale viene assegnata una priorità in ogni
scelta gestionale, rispetto appunto al capitale finanziario, infine è la risorsa umana che prende in mano
le redini dell’azienda con l’autogestione. Si stabilisce
così anche un legame tra etica ed economia, un nesso
inscindibile che si è manifestato in tutta la sua portata
con la crisi finanziaria. Oggi pertanto la tesi dell’economia civile, propugnata da oltre vent’anni dal professor
Stefano Zamagni, che è anche stato docente a Parma,
ormai è la più accreditata. Tutti gli attori sociali sono
considerati portatori di interessi alla pari, compresi i
consumatori. Non basta più che esista sul mercato un
terzo settore con una funzione calmierante, si pensi
alle cooperative d’abitazione, occorre invece che tutta
l’economia sia ispirata da una diffusa responsabilità
sociale delle imprese. Una tesi che è stata accolta in
tutta la sua portata dall’ultima enciclica di Benedetto
XVI, e che è in definitiva il piano che ha illustrato il
presidente degli USA Obama nel suo discorso di insediamento, quando ha proposto come “nuova frontiera”
(per rifarsi a JFK) proprio il tema della responsabilità
sociale. Quindi diciamo che il modello che apparteneva
alle sole cooperative 150 anni fa, poco alla volta è
diventato il fattore trainante per l’economia mondiale».
piano casa emilia romagna
Ristrutturazioni al via:
c’è la legge regionale
Si concretizza anche in Emilia Romagna
l’ambizioso piano casa lanciato dal governo
alcuni mesi fa. La Regione ha infatti recepito
il quadro governativo e lo scorso 7 luglio, con
la legge 6. Il presidente Errani l’ha definita
una riforma seria e duratura, non uno spot. Le
principali novità introdotte riguardano la semplificazione burocratica e i tempi certi dell’iter
(se necessario con l’esproprio). Ampliamenti Piano casa:
per gli edifici realizzati entro marzo 2009 al uno spiraglio
20% (massimo 70 mq), che salgono al 35% di luce
se con adeguamento antisismico ed energetico. Ulteriore bonus fino al 50% in caso di
demolizione e ricostruzione con delocalizzazione di immobili
incongrui. Particolare rilievo è stato dato all’edilizia sociale con
aree definite all’interno di ogni nuovo intervento. Viene salvaguardata la pianificazione comunale, nel rispetto dei piani
regionali. [D.P.]
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[41]
Economia
TACCUINO
camera di commercio
industria
export
patto anticrisi
Internazionalizzazione, sinergia
tra Ente Camerale e associazioni
di categoria, sostegno al credito
e alla nuova imprenditorialità e poi
il grande progetto della telematica
applicata ai servizi alle imprese.
Questi sono i temi più importanti che hanno contrassegnato gli
ultimi dieci anni di attività della
Camera di Commercio di Parma,
corrispondenti al mandato del presidente Andrea Zanlari. L’esperienza è stata raccolta in un volume,
“Camera di Commercio di Parma.
Bilancio di mandato 1999- 2009”
a disposizione di chiunque sia interessato (chiamare lo 0521
210249).
Il cantiere è
stato inaugurato
dal presidente
Berlusconi
lo scorso 22
luglio. Il termine
dei lavori è previsto per il 2012.
Sono i dati temporali di una
delle infrastrutture più attese
dal mondo economico: stiamo
parlando dell’autostrada Brescia
Milano. Qualche numero? 1,6
miliardi di costo (in project
financing), 10 mila addetti, 62 km
tutti illuminati e con accesso free
flow. La notizia riguarda anche
Parma, perchè la costruzione
è stata affidata in sinergia ad
imprese emiliane: Pizzarotti di
Parma, Unieco di Reggio e CCC
di Bologna.
La Regione
Emilia-Romagna, la Fondazione Italia Cina
e Unioncamere
Emilia-Romagna, organizzano una missione
imprenditoriale in Cina nel periodo 14-22 novembre 2009, a
Shanghai e nella provincia dello
Zhejiang. La missione si pone
come obiettivo la creazione di
opportunità di business per le
imprese dell’Emilia Romagna
nei seguenti settori: meccanica
allargata; packaging; automotive; ambiente; moda e biomedicale. Secondo FMI nel 2009 il
Pil cinese crescerà del 6,5% .
Nel 2010 si terrà il Word Expo
di Shanghai.
A Bologna è
stato fatto un
primo bilancio
dei sei mesi di
crisi e delle iniziative in corso.
È stato in particolare analizzato
il patto sottoscritto dalla Regione e condiviso dalle associazioni
imprenditoriali e dai sindacati.
In sei mesi sono stati siglati
276 accordi per l´industria e
5000 per imprese artigiane, cooperative e commercio. Il sommarsi delle iniziative ha permesso di evitare circa 40mila
licenziamenti, grazie all´utilizzo
della cassa integrazione o della
riduzione dell’orario di lavoro.
L’attenzione è però ora rivolta
anche al credito alle imprese.
1999-2009 il decennio
di Andrea Zanlari
La BreBeMi ha
targa emiliana
Missione Cina in
vista dell’Expo 2010
Oltre 5.000 accordi
in tutta la Regione
IMPRESA IL GRUPPO DI VITTORIO DIVERSIFICA LA PROPRIA ATTIVITà IN NUOVI SETTORI
A Fidenza ...e con molto gusto
Dalle case al
turismo, ai
prodotti tipici.
La cooperazione
fidentina amplia
l’offerta, senza
dimenticare le origini
DI FABRIZIO FURLOTTI
Solidarietà e qualità. Sono
queste le parole chiave entro cui
si è sviluppato il percorso del
Gruppo Di Vittorio che, proprio
coniugando i due principi fondamentali della cooperazione, ha
conosciuto dai primi anni Settanta ad oggi, diversi momenti di
sviluppo facendo proprie le più
innovative pratiche della diversificazione aziendale.
Al vertice del Gruppo, che oggi
conta oltre 2500 soci, vi è la cooperativa Di Vittorio che conserva lo scopo sociale per il quale
fu costituita: realizzare, e quindi
assegnare, case per i propri soci.
Un obiettivo che sino ad oggi ha
consentito la costruzione di circa
400 alloggi a Fidenza e in altri
il progetto del villaggio del gusto
Comuni della provincia.
Dalla capofila hanno poi avuto origine altre cooperative del settore
e una (L’Airone) finalizzata all’offerta di servizi socio-assistenziali,
che segna il primo importante
momento di diversificazione.
Con la costituzione della srl Polis,
poi diventata spa, il Gruppo entra nel libero mercato dell’immobiliare e delle partecipazioni con
l’obiettivo di incentivare il business su diversi piani. Polis infatti
detiene quote di partecipazione
importanti su diversi progetti nel
[42] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
territorio di Fidenza, ma non solo.
Il più significativo è quello che
vede Polis controllare con il 75%
un’altra spa, Agrinascente, che si
candida alla realizzazione del “Villaggio del Gusto”, il primo centro
integrato per la valorizzazione e
la conoscenza delle produzioni
agroalimentari italiane di qualità
che dovrà sorgere in prossimità
del Fidenza Village, su una superficie di 18.000 mq coperti, di
cui 6.000 destinati a zona eventi.
Altra significativa partecipazione
di Polis, a sottolineare la volontà
di diversificazione in chiave innovativa del Gruppo Di Vittorio, è in
“Terre Emiliane”, la società costituita con Confesercenti Parma,
che controlla l’agenzia turistica
“Food Valley travel&leisure”, tour
operator e agenzia viaggi, specializzata nell’incoming per Parma
ed Emilia Romagna.
«Dopo la fusione avvenuta lo
scorso anno - spiega il direttore
Claudio Santoro - abbiamo iniziato un processo di riorganizzazione e riallineamento della strategia
di lungo periodo. Questo percorso dovrà portare il Gruppo ad
una maggiore competitività sui
fronti cui è impegnato. Così nel
settore immobiliare perseguiremo il maggior tasso qualitativo
possibile, con una particolare
attenzione all’impatto ambientale ed energetico degli edifici.
Nel settore alimentare, invece, il
percorso di servizio al consumatore inteso come valorizzazione
dei prodotti tipici e legame con il
territorio, troverà un compimento
definitivo nel Villaggio del Gusto,
un’iniziativa che non ha eguali in
Italia Ed il cui “atto primo”, un ristorante, uno spaccio di prodotti
enogastronomici di alta qualità
ed un forno per panificazione e
pasticceria, verrà inaugurato in
autunno».
L’INTERVISTA
La cooperazione? Più forte
della crisi. Parola di Costantino
«...Ma occorre comunicarlo con più forza». Tra innovazione e
alleanze, la nascita del Gruppo Servizi raccontata dal suo Presidente
previsione 2009 grazie ai notevoli sforzi del management nei primi
sei mesi dell’anno».
Come si fa innovazione oggi?
«Gli ingredienti sono tanti ma io
direi: mai adagiarsi sui risultati ottenuti e guardare sempre un po’
più avanti di dove si è arrivati. E
poi i giovani. Loro portano innovazione, non è retorica la mia».
I giovani: una risorsa
«Abbiamo sempre
puntato sui giovani. Il
management attuale si
basa su figure cresciute
e formate in azienda»
Antonio costantino
DI FABRIZIO FURLOTTI
La sede di PRO.GES E Ge.s.in
Carta d’identità
Antonio Costantino
Antonio Costantino, classe
1953, è un cooperatore da sempre. è Presidente della Cooperativa
Pro.ges. dalla sua nascita, di Pulixcoop, ora Ge.s.in., dal 2004 con le
quali ha costituito il Gruppo Paritetico Cooperativo “Gruppo Servizi”.
Presente in alcuni cda di società
legate alle attività professionali, dal
2009 fa parte anche di quelllo della Fondazione Cariparma.
Nata nel 1993 dalla fusione di
piccole realtà cooperative da tempo operanti nel servizio alla comunità, Pro.ges gestisce una gamma
articolata di servizi sociali, educativi e sanitari rivolti sia all’Ente Pubblico che alla singola persona. Antonio Costantino, alla guida della
cooperativa dal ‘93, nell’intervista
che segue ci spiega gli elementi di
innovazione di ieri e di oggi.
Costantino, il vostro punto di
forza, è “il gruppo”, la capacità di aggregazione. Era il progetto iniziale?
«L’importanza delle alleanze ci era
chiaro fin dall’inizio. Così Pulixcoop, ora Ge.s.in., ha contribuito a
far si che la nostra idea di sociale potesse realizzarsi attraverso
l’unione di due piccole realtà sociali quali erano “Gulliver” e “Cerchio”, le cooperative di partenza».
Qual è l’elemento d’innovazione
che, allora, avete introdotto?
«L’idea innovativa, vent’anni fa, era
quella di uscire da un legame quasi di “sudditanza” con i committenti pubblici ed entrare in un rapporto nel quale pubblico e privato
co-progettassero il sociale, nella
consapevolezza che, dopo anni
di esperienza, potevamo metterci
anche le idee e le risorse necessarie per la gestione dei servizi: questa era la nostra innovazione».
Come si è tradotta in pratica?
«Ci siamo dotati di strumenti imprenditoriali adatti. Prima è stato
creato il consorzio cooperativo
Zenit in grado di arricchire l’offerta
ai nostri clienti. Poi con la costituzione del Gruppo Cooperativo
Paritetico “Gruppo Servizi”, che,
tra i diversi vantaggi, offre una
solida base giuridica al Gruppo
Gesin-Proges. I risultati ci stanno
dando ragione. il 2008 si è chiuso con un valore della produzione
che supera i 57 milioni di euro e
un incremento del 29% rispetto al
2007. Le assunzioni di personale
sono aumentate del 21%. E abbiamo già raggiunto il budget di
Parliamo di giovani allora. Qual
è la strategia di Pro.Ges?
«Noi abbiamo sempre puntato sui
giovani. Il management di Proges
può contare su figure cresciute nella cooperativa, che hanno
assunto ruoli importanti grazie a
capacità e dinamismo. Anche il
nostro nuovo Consiglio di Amministrazione, oltre ad aver aumentato
la partecipazione femminile, ha visto abbassarsi l’età anagrafica».
La ricerca SWG recentemente
presentata riferisce che i giovani di Parma conoscono poco la
cooperazione. Cosa ne pensa?
«Mette sconforto perché significa
che la cooperazione non è capace
di comunicare, di far conoscere i
propri punti di forza e spesso, non
risponde efficacemente alle accuse
e agli attacchi. Gli effetti della crisi,
nella cooperazione, non sono così
profondi come nelle imprese di capitali, perchè invece di perseguire
il profitto, l’attività si concentra sulle persone, aggregando il loro potere di mercato e conducendo l’attività operativa su una base etica.
Anche l’Agenzia del Lavoro (ILO)
dell’ONU è giunta a queste conclusioni, dopo aver constatato che
le cooperative mostrano maggiori
capacità nel fronteggiare la crisi
rispetto ad altre forme di impresa.
Questo dovremmo comunicarlo
con più forza!»
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[43]
Economia
solidarietà nel progetto anche i ristoranti “romani” e “antichi sapori”
I ristoratori parmigiani in Abruzzo.
Il racconto de “Il Trovatore”
Una settimana
nelle terre colpite
dal terremoto per
garantire colazione,
pranzo e cena alla
popolazione dei
campi di assistenza
I dati
dal 27
giugno al 4
luglio
è la durata
dell’esperienza in Abruzzo di Lucia
Giordano del
ristorante “Il
Trovatore”
nel mese
di agosto
Fabio Romani
del ristorante
Romani e
Eliana Censi
di Antichi
Sapori proseguiranno
l’esperienza
di volontariato
DI VINCENZO PIRILLO
Ascom Parma ha dato il via nelle scorse settimane ad un’iniziativa di solidarietà per i terremotati
abruzzesi, in collaborazione con
la Protezione Civile. Ai ristoratori
della nostra città è stata chiesta
la disponibilità per trascorrere
alcuni giorni nelle cucine dei
campi d’assistenza allestiti nelle
zone colpite dal terremoto. Il 27
giugno è partita Lucia Giordano
del ristorante “Il Trovatore”, nel
corso del mese di agosto è prevista la partenza di Fabio Romani
del ristorante “Romani” e di Eliana Censi del ristorante “Antichi
Sapori”.
Lucia Giordano è rimasta in
Abruzzo dal 27 giugno al 4 luglio, nel campo di Villa Sant’Angelo. Partita da sola dalla città
ducale, si è inserita in un gruppo
di volontari provenienti da Ferrara. Insieme a loro si è impegnata
per garantire colazione, pranzo e
cena a tutta la popolazione del
campo.
«Era la prima volta che facevo una
simile esperienza e a pensarci
mi torna ancora la pelle d’oca»
testimonia la Giordano. «Quando
Ascom mi ha fatto la proposta,
ho subito dato la mia disponibilità, perché ero certa che in quei
posti ci fosse bisogno d’aiuto».
Tra la popolazione la ristoratrice
l’impegno dei volontari a villa sant’angelo
Duemila e seicento i pasti al
giorno per oltre mille persone
Lucia Giordano ha vissuto la propria esperienza nel campo di
Villa Sant’Angelo. A pieno regime il campo ha ospitato 1300
persone, per una media di 2600 pasti al giorno. Cinquanta
le unità della Protezione Civile sempre presenti nel campo,
diciotto dei quali nel settore della ristorazione. Attualmente
sono solo 350 le persone ospitate nel campo, che è in fase di
smantellamento (la chiusura è prevista per settembre). Anche
il campo dell’Aquila ospita oggi solo 550 sfollati. Ottanta sono
invece le unità della Protezione Civile attive durante la settimana, trentacinque delle quali nel settore della ristorazione.
[44] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
gruppo di volontari in cucina nei campi di assistenza
Un’iniziativa
realizzata in
collaborazione con la
Protezione Civile
di Parma ha trovato sentimenti
contrastanti. Si tratta di persone
che hanno perso ogni cosa ed
hanno bisogno dell’assistenza
dei volontari persino per avere
un bicchiere d’acqua. «In generale regna un sentimento di imbarazzo per il fatto di dipendere
totalmente dagli altri – continua
la Giordano -. C’è chi non finisce
di ringraziarti e chi invece è in
collera con tutto il mondo. I più
delusi di tutti sono però gli anziani».
Fondamentale per dare vita al
progetto è stato l’apporto logistico della Protezione Civile dell’Emilia Romagna, che è
l’unica regione italiana a gestire
due campi: uno in piazza d’Armi
a L’Aquila e l’altro nel paese di
Villa Sant’Angelo. Il primo ad essere amministrato è stato quello
del paesino di Villa Sant’Angelo,
dove è stata improntata una colonna mobile di soccorso, pronta
ad intervenire in tutti i settori dalla ristorazione al personale medico. In seguito è stato preso in
carico anche il campo di piazza
D’Armi.
«In queste situazioni quello che
serve principalmente è la capacità organizzativa per gestire
l’emergenza - afferma Claudio
Pattini, responsabile della Protezione Civile per il Comune di
Parma –. Non c’è mai stato un
problema di approvvigionamento, perché fin dall’inizio sono arrivate scorte da tutta Italia, tanto
che ad un certo punto abbiamo
dovuto limitarli e provvedere a
risolvere il problema principale,
quello dello stoccaggio nelle celle frigorifere».
Claudio Pattini ha collaborato con
Ascom per organizzare il viaggio
dei ristoratori di Parma, con la
volontà di soccorrere una popolazione in ginocchio. «La città di
Parma si è sempre contraddistinta per la solidarietà – conclude
Pattini - L’iniziativa di Ascom è
l’ennesima dimostrazione».
Contro la crisi e
per garantire un
servizio sociale.
Anche quest’anno
Ascom stila l’elenco
delle attività aperte
durante l’estate
DI ELEONORA VITI
Negozi aperti tutto l’anno.
Sembra ormai superata la vecchia abitudine di abbassare la
saracinesca durante il mese più
caldo. Un po’ per la crisi, un po’
perché le stesse famiglie optano per partenze più intelligenti,
anche quest’anno molti degli
esercenti aderenti ad Ascom
Confcommercio
garantiranno
per il periodo estivo il proprio
servizio, per chi rimarrà in città
e per chi sarà di passaggio o in
visita nella nostra città. L’associazione di categoria ha infatti
stilato l’elenco degli esercenti
che rimaranno aperti anche nel
mese di agosto. Ristoranti, pizzerie, bar, paninoteche, pasticcerie, gelaterie, pub, tabacchi,
alimentari, macellerie, gastronomia, panetterie, drogherie,
ortofrutta, supermercati, abbigliamento, calzature, pelleterie,
articoli sportivi, articoli sanitari,
profumerie, erboristerie, concessionarie, gioiellerie, oreficerie, orologierie, ottica, tessuti,
tendaggi, biancheria casa, tappeti, arredi, cartolerie e giocattoli, edicole, librerie, colorifici,
palestre, centri estetici, parruc-
oltre duecento gli esercenti associati ad ascom che non chiuderanno
Negozi aperti
in agosto: come,
dove, quando
chieri e ancora piante, fiori e
arredo giardinaggio: sono complessivamente oltre duecento le
attività commerciali associate ad
Ascom che garantiranno il proprio servizio.
«Le aperture durante i mesi estivi - spiega Claudio Franchini,
responsabile Area Servizi Associativi di Ascom - sono una
138
le attività
alimentari
ristoranti,
pizzerie, bar,
paninoteche,
gastronomie,
alimentari
garanzia sociale, soprattutto nei
confronti degli anziani, fascia
debole in termini di mobilità, e
che altrimenti dovrebbero percorrere lunghe distanze sotto il
sole per arrivare ad un negozio
aperto». Per conoscere l’elenco
delle attività aperte è possibile
visitare il sito di Ascom Parma
www.ascom.pr.it
64
le attività
non
alimentari
dalle librerie
alla palestre,
dagli ottici
agli articoli
sanitari
Festival Verdi: la festa per il Maestro sempre più tra la gente
la locandina
Dopo il successo dello scorso anno, il Festival
Verdi si appresta a diventare sempre più “evento” fondamentale per il nostro territorio. Concetto
rimarcato anche durante la conferenza stampa di
presentazione della manifestazione, avvenuta lo
scorso luglio, durante la quale è stato sottolineato
l’impegno organizzativo, produttivo-culturale e divulgativo degli enti coinvolti nell’iniziativa. Non solo
per il valore musicale, la manifestazione, cresciuta
negli anni, è diventata un appuntamento a trecentosessanta gradi per la città e la provincia con variegate iniziative parallele in grado di coinvolgere
gli appassionati, i turisti e i parmigiani partecipi alla
manifestazione. Dal 1 al 28 ottobre il festival si trasformerà in festa, riempiendo di verdianità, di colori, profumi e sapori, i borghi, le piazze, le vetrine,
abbracciando la città nell’entusiasmo per la musica
del Maestro con formule già apprezzate ed altre
nuove. Così anche i negozi, i ristoranti, gli alberghi
potranno studiare nuove formule di coinvolgimento
e di promozione utilizzando le vetrine, i menù, i
gadget: grandi o piccoli particolari che andranno
ad aumentare l’atmosfera di festival trasformando
l’esperienza culturale in un momento unico.
Per fornire ai visitatori e ai turisti la migliore accoglienza, anche Parma Incoming ha studiato appositi pacchetti turistici per far trascorrere a seconda
delle esigenzeun vero e proprio soggiorno “insieme a Verdi”.
Per chi fosse interessato si ricorda infine che sempre presso Parma Incoming è possibile acquistare
i biglietti delle singole opere del Festival.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[45]
Economia
SOPRA ESEMPIO DI VARCHI
ELETTRONICI, A LATO ZTL
A PARMA
commercio l’intervento dell’associazione in merito ai nuovi provvedimenti
Ztl: no a troppe limitazioni.
A rischio il centro storico
Ripensare la
progettazione delle
zone a traffico
limitato e mettere
a sistema l’accesso
alla città. Le
richieste di Ascom
IN BREVE
Cos’è un
varco
elettronico
Sono sistemi
di controllo
costituiti da
telecamere
che leggono
il numero
di targa
del veicolo
in transito
all’interno
delle Ztl
DI davide dacci
«Inopportuni e controproducenti». è la risposta di Ascom Parma
agli annunciati provvedimenti in
merito all’introduzione di varchi
elettronici in città. Una posizione che risolleva il problema della compatibilità delle Ztl (zone
a traffico limitato) con le attività
commerciali del centro storico.
Ascom lamenta l’assenza di confronti preventivi con l’amministrazione comunale. Il pericolo, se
non valutato in tempo, è quello di
trasferire in periferia tutte quelle
attività professionali e di servizio
altrimenti difficili da raggiungere
per la clientela, sostiene Ascom.
«è quel che accade, oggi, in via
Verdi» - spiega l’associazione:
già nel 2006 la scarsa accessibilità della strada aveva convinto
la Borsa Merci a trasferirsi in periferia, nel nuovo Centro Agroalimentare, con ovvi benefici in fatto
di affluenza e partecipazione dei
clienti. Questo esempio, secondo
Ascom, suggerisce una necessità:
ripensare la progettazione delle
Ztl in un’ottica di sistema. Le Ztl
[46] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
«Varchi elettronici?
Non compatibili con
l’idea di Centro
Commerciale Naturale»
sono infatti strumenti per regolare
e ridurre i flussi inutili di traffico
in centro storico, con lo scopo di
migliorare la viabilità e l’ambiente;
ma l’applicazione dei varchi elettronici in una città di dimensioni
come Parma, dove peraltro il centro storico è già regolamentato e
facilmente controllabile con metodi ordinari, può finire per creare
disaffezione alla frequentazione
delle vie del centro, a tutto beneficio dei grandi insediamenti commerciali in periferia.
Di recente - si vedano i casi di
via XXII Luglio, via Saffi e strada
Farini - anche i comitati dei residenti si sono schierati contro
ulteriori provvedimenti di pedonalizzazione o ampliamento
delle Ztl, oltreché inopportuni e
controproducenti in un momen-
to di crisi economica. Altri varchi
elettronici e limitazioni alla viabilità sarebbero in contraddizione con il mantenere vivo e vitale
il centro di Parma, obiettivo dei
recenti accordi con il Comune
per lo sviluppo del Centro Commerciale Naturale.
Ascom ritiene inoltre prioritaria
l’adozione da parte dell’amministrazione comunale di un piano
organizzato ed efficace per un facile accesso al centro storico, tramite un’adeguata segnaletica per
il raggiungimento dei parcheggi.
Perplessità arrivano anche a
proposito dei lavori per il teleriscaldamento in via Trento. Nel
tratto compreso tra via Palermo
e via Tonale, e tra quest’ultima
fino a strada Alessandria, è stato
interrotto il traffico veicolare nel
mese di luglio e buona parte del
mese di agosto. Ascom lamenta
il ritardo con cui i commercianti sono stati avvisati dei lavori
dall’amministrazione comunale e
chiede al Comune di poter conoscere con ampio anticipo i lavori
previsti in zone ad alta densità
commerciale.
è ancora tempo di
feste di charme.
Gli eventi in città
DI DIEGO DALLA COSTA
Tornano a settembre i nuovi
appuntamenti in città organizzati da Parma Viva, il marchio
di Ascom Confcommercio nato
per valorizzare e promuovere
il commercio in centro storico.
Tanti appuntamenti nei giorni di
festa, per incontrarsi e riappropriarsi della città, tra bancarelle,
attività ludiche e ricreative. Il
“bentornati” dalle vacanze estive lo darà la consueta festa di
San Lazzaro, domenica 6 settembre. è la fiera più lunga della
città, organizzata come sempre
in collaborazione con il quartiere San Lazzaro: un percorso di
due chilometri e mezzo lungo
l’asse della via Emilia Est, tra
grandi sorprese, musiche, bancarelle del consorzio Passaparola, esposizioni e tanti spazi
dedicati ai bambini.
Con i suoi colori, sapori e profumi, l’autunno sarà il protagoni-
Tornano a
settembre i mercati
del marchio
Parma Viva. Il 6
la Festa di San
Lazzaro, il 27
quella d’Autunno
“mercato” in via d’azeglio
sta della festa in via Trento e in
via San Leonardo, domenica 27
settembre. Con la partecipazione del quartiere e del comitato
San Leonardo, a salutare la nuova stagione saranno gli espositori, alimentari e non, ancora del
gruppo Passaparola, oltre alle
scuole di danza del quartiere. In
più, attività ludiche per i bambini e altro ancora.
Gli appuntamenti di Parma Viva
rallegreranno l’autunno in città
anche in ottobre: domenica 18
con “Pablo in festa” e domeni-
ca 25 con la prima edizione di
un momento tutto all’insegna
del gusto e delle specialità alimentari in via Duca Alessandro.
Poi gran finale, aspettando il
Natale. Nell’ultimo weekend di
novembre tornerà il “mercato
di charme natalizio” in piazza
Garibaldi. Le magiche atmosfere dell’Avvento rivivranno in via
D’Azeglio (6 dicembre), in via
Garibaldi e in via XX Settembre
(13 dicembre), alla ricerca del
regalo perfetto tra i mercatini
proposti dai commercianti.
15
i mercati
da marzo a
dicembre:
un calendario nel
rispetto della
tradizione,
dall’artigianato alla
gastronomia,
dal brocantage all’hobbystica
interessati i comuni della bassa e dell’appennino più salsomaggiore e medesano
Prorogato fino al 30 settembre il bando per ottenere
i finanziamenti europei destinati al turismo locale
Un’opportunità in più per il turismo nel
Parmense. Perché valorizzare un territorio e
il suo patrimonio storico e culturale significa dotarlo delle opere e dei servizi adeguati
all’accoglienza dei visitatori.
Anche per questo, la Provincia ha deciso
di prorogare al 30 settembre il termine per
partecipare al bando rivolto alle imprese del
turismo e del commercio: oltre due milioni
di euro messi a disposizione dal Programma
Operativo Regionale del Fondo Europeo (PorFesr) di sviluppo regionale 2007-2013.
Il bando si rivolge a tutte le imprese private
già esistenti o in fase di “start up”. Il territorio interessato dai finanziamenti comprende
diversi comuni della Bassa e dell’Appennino,
oltre a Salsomaggiore Terme e Medesano.
Potranno richiedere i finanziamenti le aziende che realizzano interventi a favore del
turismo: ricettività e ristorazione, ma anche
servizi per il miglioramento dell’accessibili-
valle in appennino
tà, per il cicloturismo e il turismo fluviale;
servizi per la fruizione del territorio (visite
guidate, eventi, manifestazioni, attività di
animazione); servizi di promozione e commercializzazione, in particolare per il ricorso a metodologie innovative e ai servizi di
incoming.
Altri progetti potranno riguardare parchi tematici e culturali, impianti sportivi non agonistici e impianti ricreativi, oltre a centri benessere e centri congressi.
Per quanto riguarda il commercio, potranno
beneficiare dei finanziamenti quei progetti
che contribuiranno a migliorare i servizi per i
turisti: in particolare, le botteghe e i mercati
storici e tutti gli esercizi dei Centri Commerciali Naturali definiti dai singoli Comuni del
territorio.
Per altre informazioni sul bando si può contattare STS CAT Centro Assistenza Tecnica
Ascom Parma tel. 0521 298816.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[47]
Sport
1
2
INTER-PARMA 13-09-09
Alla terza giornata
visita ai nerazzurri che
condannarono i crociati
alla B. Non ci sarà
il giustiziere di allora
Ibrahimovic, ma Eto’o...
PARMA-JUVE 6-01-2010
Per rivedere al Tardini
i bianconeri si dovrà
attendere la penultima
di andata, che sarà
anche la prima gara
del 2010. La più attesa
PARMA-MILAN 24-03-10
Undicesima di ritorno:
il Diavolo rossonero
tornerà a Parma dopo
due anni. Ronaldinho
e Pato valgono
l’abbonamento
3
Si riparte dall’Udinese
Alberto Paloschi è alla sua prima stagione ufficiale in A (Agenzia Grazia Neri). Sotto lo Stadio Friuli di Udine
La prima in
trasferta contro
i friulani, poi il
primo vero test
con il Catania
in casa. Tutto
il calendario
del Parma
DI MATTEO SARTINI
Il nuovo cammino del Parma
in serie A ricomincia dallo Stadio Friuli di Udine. L’esordio dei
crociati nel prossimo campionato sarà il 30 agosto contro i
bianconeri di Antonio Di Natale, già oggetto dei desideri di
Tommaso Ghirardi. Alla seconda
giornata il primo vero test: al
Tardini arriva il Catania, diret-
2009/2010 ANDATA
ta concorrente per la salvezza,
una partita da vincere, prima di
andare a San Siro contro l’Inter
e ospitare il Palermo di Walter
Zenga. Un avvio insidioso, dunque, ma, tra la sesta e la dodicesima giornata di andata, il Parma ospiterà consecutivamente
Cagliari, Siena, Bari e Chievo,
quattro scontri diretti in cui sarà
fondamentale sfruttare il fattore
campo per fare punti pesanti,
[48] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
intervallati dalle trasferte con
Sampdoria. Atalanta e Milan,
che si rivedrà al Tardini solo
nel 2010, come tutte le altre
“big”. La prima gara casalinga
“di cartello” sarà quella contro
la Juventus del 6 gennaio. L’ultima giornata il 16 maggoi contro
il Livorno di Lucarelli. Intanto, il
15 agosto i crociati esordiranno
in Coppa Italia, dal terzo turno:
possibile derby con il Modena.
23-08-09
Udinese - Parma
30-08-09
Parma - Catania
13-09-09
Inter - Parma
20-09-09
Parma - Palermo
23-09-09
Lazio - Parma
27-09-09
Parma - Cagliari
04-10-09
Sampdoria - Parma
18-10-09
Parma - Siena
25-10-09
Atalanta - Parma
28-10-09
Parma - Bari
01-11-09
Milan - Parma
08-11-09
Parma - Chievo
22-11-09
Fiorentina - Parma
29-11-09
Parma - Napoli
06-12-09
Genoa - Parma
13-12-09
Parma - Bologna
20-12-09
Roma - Parma
06-01-10
Parma - Juventus
10-01-10
Livorno - Parma
IL PUNTO
CALCIOMERCATO: LAVORI IN CORSO
Con Bojinov il Parma sogna.
Ora le operazioni in uscita
Gli investimenti che erano stati promessi sono arrivati: il
mercato del Parma nel mese di luglio non si è certo fermato. Ghirardi ha voluto anzi rilanciare il suo sforzo economico, completando la rosa in tutti i reparti, costruendo una
squadra competitiva e mettendo a segno il colpo di mercato annunciato per l’attacco: Valeri Bojinov. Con Paloschi,
Biabiany e Lanzafame, il bulgaro andrebbe a formare un
reparto tutto velocità e dinamismo che fa sognare, anche
perchè, se le condizioni fisiche saranno ottimali, Bojinov
è punta in grado di realizzare bottini importanti. Ma non
sarebbe finita quì, perchè in caso partissero Leon o Vantaggiato, potrebbe comunque arrivare un ariete: Pozzi, Bianchi
o Zalayeta. Sciolto il nodo del portiere: dalla Sampdoria è
arrivato Antonio Mirante, scuola Juventus, che si giocherà
il posto con Pavarini. In difesa, già puntellata con gli arrivi
degli argentini Dellafiore dal Torino e Fontanello, arrivato
a giugno, l’esperienza di Christian Panucci (al momento in
cui scriviamo manca solo l’ufficialità) potrebbe completare
il reparto. Il centrocampo è a posto con il cileno Nicolas
Andres Cordova, reduce da una bella stagione a Grosseto.
Come potrebbe cambiare il Parma formato 2009/10
Castellini
DI MAURO SIMONAZZI
VALERI
BOJINOV
Il 23enne
attaccante
bulgaro ha
giocato con
Lecce, Fiorentina, Juve
e Manchester
City
CHRISTIAN
PANUCCI
Classe 1973,
difensore di
esperienza,
può fare sia il
centrale che
il laterale e
non disdegna
segnare
Bojinov
(Lanzafame)
Morrone
Fontanello
Mirante
Panucci
Galloppa
(Cordova)
Paloschi
Mariga
Zenoni
BIabiany
pagine di sport
Libri per
vincere: Phelps
e Baldini
Quattro bracciate con Michael Phelps
o via di corsa con Stefano Baldini. Ecco
le letture consigliate da Donata Taddei,
commessa della libreria Fiaccadori,
Strada al Duomo, 8/A. Sarà l’estate, ma
un bel libro sul nuoto ci voleva proprio.
Ecco allora “No limits. Volere è vincere”
(Mondadori, 256 pp., 17 euro). L’unico
atleta capace di portarsi a casa otto ori
in una sola olimpiade - un anno fa, a Pe-
Qui sopra
Michael Phelps,
No Limits. Volere
è Vincere
Mondadori,
pagg. 256,
euro 17,00
15 AGOSTO
IN COPPA
L’esordio
del Parma in
Coppa Italia
avverrà il
15 agosto.
Possibile
derby contro
il Modena
Redattore Sport - [email protected]
è un paese per vecchi
Negli ultimi dieci anni la percentuale di chi ha trovato lavoro entro un anno dalla laurea è passata
dal 56,9% al 47%, i dirigenti d’impresa che hanno
meno di 40 anni sono passati dal 9,7% al 6,9%,
quelli nei quadri dal 17,8% al 12,3%. Ancora peggio tra i medici: sotto i 35 anni sono passati dal
21% all’11,9%. L’Università era già in una situazione drammatica, ma la situazione è comunque
peggiorata: i ricercatori e i professori universitari
sotto i 35 anni erano l’8,4% e oggi sono il 7,4%.
In politica va forse anche peggio: i consiglieri locali con meno di 35 anni sono passati dal 28%
al 19,2%, il Presidente della Repubblica ha 84
anni (contro i 48 di Obama e i 54 di Sarkozy) e
il Presidente del Consiglio 73 (Zapatero ne ha 49
e la Merkel 55). In Italia i giovani sotto i 30 anni
che vengono aiutati economicamente dalla famiglia
sono il 63% contro il 42% dei loro coetanei francesi. Da qualche tempo, ormai, il problema della gerontocrazia riguarda anche il calcio italiano. Fabio
Cannavaro, per esempio, di ritorno dalla disastrosa
Confederations Cup in Sudafrica, ha dichiarato che
pensa di poter giocare in Nazionale fino a 38 anni
e che non vede in circolazione giocatori migliori di
lui tra i giovani. L’ex Parma Giuseppe Rossi non è
riuscito a trovare un posto nei grandi club italiani
ed è dovuto emigrare in Spagna. Nell’ultimo anno
solo Mourinho, che infatti ha 46 anni, ha avuto
il coraggio di far esordire un giovane promettente come Santon in un grande club della massima
serie, nel Tempio del calcio. Il problema non è che
l’Italia non sia un Paese per giovani, ma che stia diventando un Paese per vecchi che non accettano di
invecchiare. E i vecchi che non accettano di invecchiare non permettono ai giovani di crescere. Come
scrisse Hebbel: «Alla gioventù si rimprovera spesso
di credere sempre che il mondo cominci solo con
essa. Ma la vecchiaia crede ancor più spesso che il
mondo cessi con lei».
chino -, Phelps, con Alan Abrahamson,
svela i segreti che l’hanno reso una macchina invincibile. Il filo narrativo del libro
sta proprio in quelle otto finali olimpiche
del 2008. Scoprite gli aneddoti sui metodi di allenamento di questo “cannibale
dell’acqua” e cosa deve mangiare per
soddisfare il suo fabbisogno quotidiano
di 10 mila calorie. Da un olimpionico a
un altro. Stefano Baldini insegna come
affrontare da professionisti i 42 chilometri che l’hanno visto vincitore ad Atene
2004. “Maratona per tutti” (Mondadori,
182 pp., 17 euro) è un manuale consigliato ai runners più ambiziosi. Si lavora
sul fisico e sulla mente, ma anche sulla
dieta e sull’abbigliamento, sugli esercizi
di stretching - illustrati in un ricco inserto
fotografico - e di tecnica. Non ci sono
segreti: servono solo metodo e costanza. Per il primo, leggetevi il libro. La seconda dovrete mettercela voi. [D.d.]
David Trueba
«Non sei più giovane
quando il tuo campione
ha meno anni di te»
Karl Heinz Schneider
«Nel calcio non vince
chi è forte…nel calcio
è forte chi vince»
Mauro Bellugi
«Trapattoni è il miglior
allenatore d’Europa e,
forse, anche d’Italia»
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[49]
Sport
Brevi
Una vita in pista...
1972
baseball giovanile
A Sala Baganza il
Memorial Fontana
1980
Nei giorni 5, 6, 7, 8 e 9 agosto si svolgerà a Sala Baganza la 25^ edizione del torneo
giovanile di baseball e softball
“Memorial Ermes Fontana”, riservato alle categorie minibaseball, ragazzi e cadetti, maschili
e femminili.
‘88/92
2005
2010
basket parma
Lavezzini in ritiro
dal 18 agosto
Agli ordini del nuovo coach,
Stefano Michelini, il Lavezzini
Basket Parma inizierà ufficialmente dal 18 agosto la preparazione alla prossima stagione,
che inizierà il 10 ottobre a Roma,
sede unica della prima giornata.
Avversario Pozzuoli.
coppa delle coppe
A Parma arriva il
softball europeo
Parma ospiterà, dal 17 al 22
agosto il poul A della Coppa
delle Coppe di Softball, grazie
all’organizzazione del Gruppo
Oltretorrente. Al “Quadrifoglio”
si affronteranno squadre da tutta Europa, dal Belgio alla Spagna
alla Repubblica Ceca.
RUGBY SUPER 10
Roberto Mandelli
alla Rugby Parma
Colpo di mercato clamoroso in
casa Rugby Parma: Roberto Mandelli, ormai ex-capitano del GRAN
Rugby, è passato in maglia gialloblu. «Ho rispettato il mio contratto» ha detto il giocatore «Ora
voglio un livello più alto»
Fonda a Varano Melegari
la “Dallara Automobili”
Progetta la sua prima F3,
che vincerà il titolo italiano
La sua BMS debutta in F1
per la Scuderia Italia
Diventa fornitore unico
delle monoposto GP2
Torna in F1 con Adrian
Campos. Accordo 3 anni + 2
L’ingegnere Gian Paolo Dallara.
Sotto, una Dallara F3
la Sfida monoposto parmigiane per il team iberico “campos meta”
Dallara ci riprova. In
Formula 1 dopo 18 anni
«La vettura sarà presentata a gennaio. Lavoreremo sui dettagli»
DI DIEGO DALLA COSTA
Ama le sfide. Quelle vere. Gian
Paolo Dallara la più grande l’ha
già vinta da un pezzo: nel 1972,
a Varano de’ Melegari, ha fondato
dal nulla la “Dallara Automobili”,
oggi la prima industria mondiale
di vetture da competizione. Ora si
riaffaccia in Formula 1 con il team
spagnolo “Campos Meta” dell’ex
pilota Adrian Campos. Un ritorno,
perché Dallara in F1 c’era già stato con la Scuderia Italia, dal 1988
al 1992. «Avevamo bisogno di
una sfida come questa, di misurarci con la vera concorrenza,
cosa che non accade nei campionati monomarca. La competizione ci farà bene», spiega
l’ingegnere.
a schia-monte caio
Campionati Italiani
di deltaplano
Otto giorni sull’Appennino per
gli amanti del volo libero: il Campionato Italiano Deltaplano Open
2009, si svolgerà dal 16 al 23
agosto tra Tizzano, Torrechiara e
il Monte Caio.
[50] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
«Con noi ci sono l’ex
Minardi Tredozi e
l’ex Red Bull
Agathangelou»
Il primo passo è stato di
Campos?
«Sì, con lui c’è da tempo un rapporto di stima reciproca. Ci ha
chiesto di sviluppare un progetto
tecnico per la sua nuova squadra
e noi abbiamo accettato subito.
Saremo insieme per tre anni, con
la possibilità di farne altri due. Poi
vedremo».
Come sarà la monoposto che
sta nascendo?
«Una vettura molto Dallara, fatta
tutta a Varano, nella nostra galleria del vento e con il contributo dei
nostri ingegneri, affiancati da gente con esperienza in F1: Gabriele
Tredozi, già capo tecnico Minardi,
e Ben Agathangelou, aerodinamico ex Red Bull e Honda».
A che punto siete?
«Abbiamo definito i dettagli per
l’architettura della monoposto. Ora
in galleria del vento lavoriamo allo
sviluppo aerodinamico. La vettura sarà presentata a gennaio, ma
nella prima parte dell’ anno ci sarà
spazio per nuove evoluzioni».
Quante persone ci lavorano?
«Ora 70. A regime saranno 80
sulle 180 in azienda. Nonostante l’impegno in F1, continueremo
con le forniture per le altre categorie: GP2, Irl, World Series Renault e a breve anche la GP3».
Con che budget partite?
«Per il primo anno 35 milioni di
euro, senza contare il motore Cosworth. Metà di questa cifra serve
solo per la costruzione della monoposto».
Insomma, il tetto ai budget vi
avrebbe fatto comodo?
«Certo, ma l’opportunità di rientrare in F1 era grande. Dovremo
essere competitivi sui dettagli,
nelle piccole evoluzioni e nell’ottimizzare le risorse».
Villa Bonelli:
dove nuotare è un
piacere senza fine...
La società ducale è una delle più attive e
titolate in regione nella categoria Master. Tra
le sue fila anche il noto Umberto Pelizzari
DI MATTEO BIANCHI
Parafrasando Lucio Dalla: ma
dove vanno i nuotatori quando
smettono di fare agonismo, ma
hanno ancora voglia di nuotare?
A Parma c’è una società che garantisce a questi sportivi, più numerosi di quanto si pensi, la possibilità di coltivare la passione per
il nuoto. E le gare. Si tratta di Villa
Bonelli, società ormai da anni
radicata sul territorio parmense,
che da semplice squadra di nuoto si è col tempo trasformata in
polisportiva. «Per questo la nostra
attività» spiega il professor Gino
Passigatti, presidente di Villa Bonelli «consiste, in sintesi, nell’acquisire la gestione di impianti
sportivi attraverso gare d’appalto, e avviare attività sportive, a
seconda della struttura, si tratti
di nuoto, di minibasket o volley.
Quando abbiamo a disposizione
un contenitore, noi lo riempiamo
di contenuti».
Il fiore all’occhiello, però, di Villa Bonelli è la squadra di nuoto
Master, di cui lo stesso Passigatti
è membro attivo. Per Master, si
intende quella fascia di atleti che
IN BREVE
26
sono i
tesserati in
attività
Vanno dai
18 ai 50 e
tra di loro
figura più di
un campione
nazionale,
come Manuel
Rigoni e
Silvia
Marchesini
12 AGOSTO
12 ORE
Villa Bonelli
organizza per
il 12 agosto
al Campus
una maratona
di nuoto non
competitiva,
aperta a tutti,
di 12 ore
consecutive
ha superato i 20 anni e, in genere, riprende a nuotare, allenarsi e
gareggiare dopo un periodo più
o meno lungo di inattività. In questo ambito agonistico Villa Bonelli
è tra le primissime società in Emilia Romagna. «Ormai - dice ancora
Passigatti - non ricordo più quanti
titoli abbiamo incamerato grazie
ai nostri 26 tesserati, che vanno dai 18 ai 50 anni di Stefano
Maluberti, tra le nostre punte di
diamante. Di sicuro, siamo la società parmigiana più attiva sul territorio nazionale: solo agli ultimi
Nazionali UISP di Ravenna, sono
arrivati 4 ori, 3 argenti e due
bronzi; mentre ai Nazionali FIN a
Riccione, Manuel Rigoni ha vinto
il titolo nazionale». Altri nomi di
Villa Bonelli da tenere d’occhio?
Stefano Terzi, il “golden boy” più
titolato della società, l’emergente
Giacomo Podavini, la campionessa UISP Silvia Marchesini e
“un certo” Umberto Pelizzari. Il
segreto del successo di Villa Binelli? «La passione, l’entusiasmo»
conclude Passigatti «e la capacità
di coinvolgere sportivi veramente
appassionati».
Info: [email protected]
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[51]
Provincia
UNA STRADA PER SA
La tangenziale
è realtà:
semplificata
la viabilità
provinciale.
Un nuovo
tassello
dell’asse
cispadano
è stato
completato
DI ERIKA FERRARI
Un altro tratto della Cispadana
è stato completato. Prosegue la
corsa verso la realizzazione di
una delle principali arterie di collegamento regionale est-ovest
di cui è parte fondamentale la
nuova tangenziale di San Secondo: una variante alla viabilità
ordinaria di congiunzione fra il
ponte Garibaldi sul fiume Taro e
la strada provinciale 10 per Cremona. Dopo poco più di un anno
di lavoro, la nuova infrastruttura
è ora realtà e potrà essere utilizzata da chiunque percorra la
direttrice viaria Parma-Cremona,
evitando l’attraversamento del
centro abitato. «La tangenziale
è un traguardo storico per San
Secondo» dichiara Roberto Bernardini, sindaco del Comune.
«Si tratta dell’opera pubblica più
grande degli ultimi decenni realizzata nel territorio comunale.
[52] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
Questo dimostra che quando vi
è sinergia fra gli enti locali e unità di intenti si possono raggiungere importanti risultati».
L’investimento richiesto è stato
pari a 8 milioni di euro, di cui 7
milioni finanziati dalla Provincia
di Parma tramite il programma
triennale della Regione Emilia
Romagna, e 1 milione erogato
dal Comune di San Secondo. Oltre che tratto della Cispadana, la
nuova strada permette di rispondere alle esigenze di mobilità
provinciale, semplificando la viabilità territoriale, convogliando il
traffico pesante all’esterno dei
paesi. «Questa è un’opera che si
inserisce anche all’interno della
viabilità della nostra provincia
- spiega il presidente Vincenzo Bernazzoli - nell’ambito del
collegamenti da San Secondo
verso Parma, con le tangenziali
di Ronco Campo Canneto e Viarolo, e anche verso Fontanellato,
Fontevivo e Noceto: interventi di
collegamento diretti con il ponte
tra Collecchio e Medesano».
La tangenziale di San Secondo
è lunga circa 2,2 chilometri, larga 10,50 metri ed è composta
da due corsie di marcia. Il progetto ha incluso la realizzazione
di opere compensative, rappresentate dai sovrappassi di: canale dei Tari Morti, Strada degli
Zoccollanti e Canale San Carlo.
Mentre i primi due sovrappassi
hanno richiesto accorgimenti
strutturali non particolarmente
complicati, la realizzazione del
ponte su Canale San Carlo è stata maggiormente articolata, in
Il Sindaco
Bernardini:«Un
traguardo storico
per San Secondo»
ALL’INTERNO DELLA SEZIONE
PRIMO PIANO
54
Firmato l’accordo di comarketing fra i Castelli del
Ducato e quelli della Loira.
Nel 2010 un grande evento
promozionale dei nostri
prodotti tipici in Francia
valorepaese
Turismo: in aumento i
visitatori della rocca e del
borgo di Fontanellato.
Quest’anno già registrati più
di 5.600 turisti rispetto allo
stesso periodo del 2008
56
LAVORI IN CORSO
58
A Collecchio nuovi
investimenti per scuole,
aree verdi e manutenzione
stradali. Nel frattempo
completato l’esterno del
polo socio-sanitario
Sociale
Riuniti in un unico
documento tutti i servizi
alla persona a disposizione
dei cittadini di Soragna.
Uno strumento che facilita
l’accesso all’assistenza
60
l’intervista
AN SECONDO
quanto l’opera ha dovuto sovrastare sia il canale, sia la via che
scorre parallela ad esso tramite
una strada rialzata di circa 7,5
metri per 700 metri. Chi proviene da Parma può immettersi
sulla tangenziale al termine del
ponte sul Taro e riprendere la
strada provinciale 10, in direzione Cremona, al termine dell’infrastruttura grazie alla nuova
rotatoria realizzata alle porte del
paese, all’altezza della Fornace
Giavarini. Per garantire un migliore accesso alla fornace si è
provveduto alla messa in sicurezza dell’intersezione con strada comunale delle Cinque Vie;
mentre, per agevolare l’accesso
alla tangenziale per chi proviene
da Parma, è stata ridimensionata l’immissione sulla rotatoria di
strada comunale di Mezzo e di
Martorano. La viabilità limitrofa
è stata ridefinita nei punti più
critici per permettere maggiore
62
Luigi Buriola, il sindaco
di Montechiarugolo,
presenta le priorità del
Comune. Fra i primi interventi
il completamento del
poliambulatorio di Monticelli
8
milioni di
euro
scorrevolezza della mobilità. è
stata chiusa la strada comunale
di Copezzato e aperto un nuovo
collegamento, oltre alla costruzione di una rotatoria intermedia
di accesso all’area artigianale.
Particolare attenzione è stata
posta anche agli interventi di mitigazione ambientale: ai lati della tangenziale sono stati piantumati alberi e cespugli per creare
il maggiore equilibrio possibile
con le caratteristiche della campagna circostante.
l’investimento. 7 milioni
finanziati
dalla Provincia, tramite il
programma
triennale della Regione, e
1 milioni dal
Comune
2,2
chilometri
la lunghezza
dell’infrastruttura composta da due
corsie
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[53]
Provincia
LA FIRMA DELL’ACCORDO.
AL CENTRO IL CASTELLO DI
TORRECHIARA e A DESTRA
UN CASTELLO DELLA LOIRA
Siglato il
gemellaggio fra
l’associazione di
Parma e Piacenza
e i manieri della
Loira. L’accordo
prevede azioni
di co-marketing
artistico e culturale
1
la strategia
Attuare sinergie di promozione
turistica diversificate in più anni.
Dopo la collaborazione iniziale
con i castelli di Amboise e ClosLucé, previsti progetti anche con
le altre realtà francesi.
2
il gemellaggio
Durante l’incontro del 3
luglio è stato consegnato
ai rappresentanti francesi
materiale illustrativo dei Castelli
del Ducato, che potrà essere
distribuito ai visitatori della Loira.
3
GRANDE EVENTO 2010
Dal 27 al 30 maggio, una
rassegna dei nostri prodotti
tipici in territorio d’Oltralpe. A
Versailles una mostra fotografica
che includerà un castello
parmense e uno piacentino.
I Castelli del Ducato,
nuovi protagonisti d’Europa
DI VINCENZO PIRILLO
Dallo scorso mese un ponte
ideale unisce i castelli della Loira e quelli del Ducato di Parma
e Piacenza. Un importante gemellaggio è stato concluso il 3
luglio con i castelli di Amboise
e Clos-Lucé. I proprietari dei castelli piacentini e parmensi hanno potuto presentare ai francesi
le bellezze dei ventidue manieri
che dal 1999 sono inseriti nel
circuito dell’Associazione dei
castelli del Ducato di Parma e
Piacenza, con sede a Fontanellato nella Rocca Sanvitale.
In questi anni il circuito ha permesso di valorizzare il patrimonio monumentale ereditato dalla
storia, offrendo ai turisti molte
possibilità di itinerari turistici ed
enogastronomici, proposte di
soggiorno, concerti e banchetti
a tema. La nuova iniziativa potrà
sicuramente dare una visibilità
internazionale mai raggiunta finora.
Il 3 luglio erano presenti molte
autorità francesi, tra cui il sindaco di Amboise, Christian Guyon,
il direttore del castello reale di
Amboise, Jean-Louis Sureau, e
l’ambasciatore del presidente
del castello di Clos, Lucé Bernard Saint Bris. Gli oltre 300 castelli situati nella valle della Loira
(dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco) ospitano ogni
anno decine di milioni di turisti e
formano il circuito di castelli più
grande del mondo.
Il gemellaggio prevede un accordo su diversi anni: dopo la sinergia da mettere in atto con le
prime due realtà rappresentate
[54] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
vincenzo bernazzoli
Bernazzoli:
«Siamo convinti di
avere un patrimonio
senza eguali»
da Amboise e Clos-Lucé, sono
previsti contatti con altri castelli
del circuito francese.
Nel corso dell’incontro, oltre a
far degustare i piatti tipici della
cucina ducale, la delegazione ha
presentato i depliant e i materiali
video (dvd e cd) che nei prossimi mesi saranno a disposizione
dei turisti dei castelli d’Oltralpe.
è già iniziata, quindi, la fase di
marketing artistico-culturale, ma
è nel 2010 che la campagna
promozionale entrerà nel vivo.
è stato infatti confermato l’evento-rassegna in programma dal
27 al 30 maggio del prossimo
anno, durante il quale verranno promossi i prodotti tipici
parmensi (prosciutto, culatello,
coppa, pancetta, parmigiano e
grana) e piacentini. In quel periodo dovrebbe essere coinvolta
i numeri
L’ASSOCIAZIONE del ducato
Dal gemellaggio trarre una
visibilità internazionale
Il presidente dell’Associazione dei
castelli del Ducato di Parma e Piacenza, il Conte Orazio Zanardi Landi, ha
espresso soddisfazione per la partnership: «I francesi sono stati molto contenti e non si aspettavano una partecipazione così organizzata e numerosa
da parte nostra. Ora che abbiamo conquistato la loro fiducia, dobbiamo pun- ORAZIO LANDI
tare a consolidare la nostra presenza il presidente
a partire dall’evento in programma nel dell’Associazione
maggio del prossimo anno. Per quella
data dovremo essere pronti a muovere un centinaio di persone tra produttori alimentari, musicisti, animatori. Da questo gemellaggio
guadagneremo di certo in visibilità internazionale. Essendo
una tipologia turistica molto simile alla nostra i visitatori dei
castelli della Loira potrebbero interessarsi alle nostre terre e
venire a farci visita».
21
i castelli
del Ducato
di cui 12 nel
parmense
e 9 nel
piacentino.
Bardi, Colorno, Compiano, Felino,
Fontanellato,
Montechiarugolo, Roccabianca, Sala
Baganza, San
Secondo,
Scipione,
Soragna,
Torrechiara.
Agazzano,
Castell’Arquato,
Grazzano
Visconti,
Gropparello, Olgisio,
Paderna,
Rivalta,
San Pietro
in Cerro,
Vigoleno
300
i castelli
della Loira
Il direttore del Castello di Amboise, Jean Luis Sureau, ha definito l’associazione emiliana «un
partner ideale, per la professionalità, le abilità organizzative e
soprattutto la capacità di saper
far vivere agli ospiti quello che i
francesi immaginano dello charme italiano».
Il Segretario di Stato per il
Commercio e Turismo francese
Hervé Novelli, oltre a confermare per il prossimo anno una
copertura mediatica nazionale
dell’evento previsto a maggio,
ha garantito all’Associazione dei
Castelli «un ruolo di prim’ordine
nel panorama turistico europeo», conferendole il merito di
aver affiancato al valore dei suoi
monumenti una grande dote
progettuale di organizzazione e
professionalità.
Sarà Busseto a inaugurare
il Festival Verdi 2009
Nel
parmense
Nel
piacentino
anche la Reggia di Versailles per
la mostra fotografica di un artista francese, che tra gli altri soggetti vorrebbe immortalare fra le
sue opere anche un castello di
Parma e uno di Piacenza.
Da parte dell’associazione dei
castelli del Ducato c’è grande
entusiasmo per il nuovo progetto, lo stesso manifestato dalle
autorità locali. «Siamo convinti
di avere in mano un patrimonio senza eguali - ha affermato Bernazzoli - e questo ci dà
una spinta ancora maggiore a
sostenere questo progetto per
raggiungere traguardi ancora
più grandi».
I rappresentanti francesi si sono
mostrati molto contenti del
modo in cui si è presentata la
delegazione e dei possibili sviluppi della nuova partnership.
News dal territorio
e delle valli
circostanti,
dichiarati
dall’Unesco
Patrimonio
dell’Umanità
Le sinergie messe in campo da Provincia di Parma, Comune di Busseto, Comune di Parma, Fondazione Teatro Regio e Sovrintendenza hanno permesso di confermare l’edizione 2009 del Festival
Verdi, che partirà il 28 settembre proprio da Busseto, paese natale del Gran Maestro. Nonostante
le limitazioni economiche, il programma presenta
esibizioni di alto livello qualitativo: nove appuntamenti che seguiranno all’eccezionale anteprima di
Busseto con la messa da Requiem diretta da Yuri
Temirkanov. «è positivo che nonostante le difficoltà
si sia riuscito a mantenere un festival con queste
caratteristiche di coinvolgimento territoriale» ha
sottolineato il presidente della Provincia Bernazzoli, il quale auspica, però, una legge che individui un
finanziamento pluriennale per l’evento. «Il festival
è il momento culturale più importante del nostro
territorio» ha aggiunto Luca Laurini, sindaco di Busseto. «Non si può prescindere dal fatto che Busseto
ne sia parte». Per maggiori informazioni sul Festival
Verdi consultare il sito www.teatroregioparma.org.
aree tutelate
Ridefiniti i confini dei
siti di Rete Natura 2000
Sono state recepite le
proposte avanzate dalla Provincia di Parma sulla riperimetrazione dei siti di Rete
Natura 2000. Il Ministero
dell’Ambiente ha infatti accolto la richiesta di aggiornamento dei siti parmensi,
escludendo dall’area tutelata 1.984 ettari di terreno,
pari al 27% della superficie
totale. La proposta è stata
elaborata dalla Provincia in
concerto con i sindaci e i comitati, tutelando le esigenze
dei cittadini e del territorio.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[55]
Provincia
ValorePaese
CRISI IL settore turistico resiste
I visitatori
scelgono
Fontanellato
Un più 5.600 ingressi alla rocca
nella prima metà del 2009
rispetto allo stesso periodo dello
scorso anno. In aumento
soprattutto i gruppi organizzati
il centro di Fontanellato e la rocca
FONTANELLATO
DI EUGENIO FEDOLFI
Investire nella Rocca Sanvitale
porta buoni frutti. I dati sugli accessi al castello di Fontanellato
registrano una significativa crescita rispetto al 2008.
Nei primi sei mesi del 2009
sono stati staccati oltre 59.000
biglietti, mentre nello stesso pe-
riodo dell’anno precedente i visitatori paganti erano stati meno
di 54.000: un incremento di
oltre 5.600 visitatori, che dimostra come il settore del turismo
a Fontanellato sia indirizzato, in
controtendenza con la crisi generale, verso risultati sempre più
positivi. Approfondendo i dati, si
nota un incremento maggiore nel
numero dei bambini delle scolaresche, dei gruppi organizzati e
delle comitive di adulti. Lombar-
dia, Liguria ed Emilia Romagna
sono le regioni di maggior provenienza di un flusso di turismo
che ruota intorno al museo ma
che ha, inevitabilmente, positive ripercussioni sull’economia
dell’intero territorio.
La quattrocentesca Rocca Sanvitale rappresenta, infatti, la principale attrattiva per i numerosi
turisti che ogni anno visitano
il comune della Bassa. Proprio
per non deludere i numerosi
turisti, l’amministrazione è impegnata in un lavoro di continua
promozione e riqualificazione
del castello. La valorizzazione dell’immagine del maniero
passa attraverso una serie di
iniziative e appuntamenti, fra i
quali spiccano la collaborazione
al percorso “L’Arte ai tempi del
Correggio” e la recente operazione di marketing culturale per
promuovere in maniera coordinata i castelli del Ducato e quelli
l’appuntamento dal 9 al 16 agosto nel paese pedemontano
A Felino sette giorni di divertimento
Stand
gastronomici,
musica, danze e
gare sportive.
Un cartellone
pensato per
grandi e piccoli
FELINO Spazio al buon cibo
e al divertimento con la Fiera
d’Agosto di Felino, la grande
festa estiva organizzata, dal 9
al 16 del mese, dall’amministrazione comunale in collaborazione con il Comitato Estate
Felinese.
Già nella mattinata di domenica
9 si entrerà nel vivo della Fiera con la gara di accelerazione
Vespa-Scooter, uno spettacolo
a due ruote per il divertimento di grandi e piccoli. Dopo un
anticipo “sportivo” della sette
giorni di festa, si potrà assistere all’inaugurazione ufficiale,
programmata sempre domenica, alle ore 19, quando il
gruppo bandistico strumentale
di Felino attraverserà il paese
invitando i presenti all’aperitivo
di apertura della rassegna. Da
quel momento sarà attivato lo
[56] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
spazio gastronomico al coperto, che resterà aperto tutti i
giorni della fiera, proponendo
delizie e ricette locali.
Durante la settimana, oltre a
gustare il buon cibo e i prodotti tipici del territorio come il
noto Salame di Felino, si potrà
assistere a svariate esibizioni,
dalla musica allo sport; gli appuntamenti con il ballo liscio si
alterneranno a quelli dedicati ai
ritmi più rock con le musiche
degli anni ‘70 e ‘80.
Una proposta, quella felinese,
dove le famiglie potranno trascorrere piacevoli serate.
59
mila
i turisti
nei primi
sei mesi di
quest’anno,
provenienti
in prevalenza
da Emilia
Romagna,
Lombardia e
Liguria
News dal territorio
A Roccabianca la barca
per i ciclisti del Po
9%
l’incremento
dei visitatori
attenzione alla conservazione e
della castelli della Loira.
al restauro del castello. Da qualFontanellato, con il territorio
che mese è in atto un importante
circostante, risulta una meta tuintervento di consolidamento del
ristica scelta anche dai campericolonnato superiore della Rocca.
sti: questo grazie alla realizzaUna complessa serie di operaziozione dell’area di sosta dotata di
ni che porterà il
servizi igienici
loggiato in piee possibilità di In atto il restauro del
noleggiare bici- colonnato. Attenzione tra arenaria a
ritrovare il suo
clette. Distante
alla conservazione
antico splendosolo 500 mere. I lavori comtri dal castello, del castello
porteranno un
negli oltre 15
consolidamento della struttura,
mila metri quadri possono trograzie all’utilizzo di speciali tecvare spazio non solo automobili
niche e materiali, come iniezioni
e corriere, ma anche numerosi
di silicato di etilene, impacchi
camper e roulotte.
con polpa di carta, trattamenti
Per non deludere il crescente
protettivi a resina e applicazioni
flusso di visitatori, l’amminidi carta giapponese.
strazione locale dedica grande
rispetto ai
dati registrati
nel primo
semestre
del 2008
area sosta
camper
A solo 500
metri dal
castello è
presente
una zona
di sosta attrezzata con
possibilità di
noleggio bici
ROCCABIANCA Per il secondo anno, l’associazione Aironi del Po di Legambiente, con l’aiuto
della Provincia di Parma, organizza un servizio
di trasporto gratuito per pedoni e biciclette tra
Stagno di Roccabianca e la sponda cremonese
di Motta Baluffi. «L’idea era nata per consentire
il trasporto delle biciclette da una sponda all’altra del Po, così da evitare il ponte di Ragazzola,
di difficile transito per i ciclisti. Ma traghettiamo
anche persone a piedi», spiega Massimo Gibertoni, esponente di Legambiente. «Nonostante sia
un servizio a chiamata, ogni domenica facciamo il
pieno, con 40-50 persone. La barca è a motore, a
fondo piatto, ideale per attraversare il Po: per ogni
viaggio possiamo trasportare 15 passeggeri e 6
biciclette. Basta poco meno di un quarto d’ora e
si arriva sull’altra sponda». L’iniziativa è abbinata
a “Viviamo il Po”, il tour di navigazione sul fiume
con la motonave Rigoletto - attiva dal 3 maggio al
12 luglio, e dal 30 agosto fino al 25 ottobre, per
tutte le domeniche, dalle 10 alle 18. [D.D.C.]
Mille visite all’acquario di Mezzani
MAIFESTAZIONI DAL 25 AGOSTO AL 1° SETTEMBRE
San Secondo: si fa festa
con fortanina e spalla
DI ERIKA FERRRARI
SAN SECONDO Ritorna dal
25 agosto al 1° settembre il tradizionale appuntamento con la Fiera
della fortanina e della spalla di San
Secondo. Oltre alla possibilità di
degustare i due prodotti enogastronomici simbolo del borgo, la
53° edizione della fiera offre incontri dedicati allo sport, alla musica,
al ballo e ai bambini. Nell’ambito
della manifestazione si svolgerà la
tradizionale gara ciclistica Trofeo
Memorial G.C. Pezzoni oltre agli
incontri gestiti dalle associazioni
locali.Per i più piccoli il 27 si terrà
lo spettacolo “I Racconti di Pippi”
della Fondazione Europa Teatri;
mentre gli appassionati di musica
potranno partecipare al concerto
di Silvia Ollari (31) e a “Una notte
a New Orleans” della Parma Brass
Quintet (1). Fra gli altri incontri anche l’esibizione di Milonga
(30) e “Invito all’opera: Madama
Butterfly” (28). Evento conclusivo
della fiera gli attesi giochi pirotecnici musicali (1).
MEZZANI Inaugurato lo
scorso 23 maggio, l’acquario di acqua dolce
del Po di Mezzani è già
stato visitato da oltre un
migliaio di persone. «è
un progetto partito come
una scommessa, ma vediamo con piacere che
sta dando buoni risultati»,
dice Romeo Azzali, sindaco di Mezzani. «Ora vorremmo mettere l’acquario
in sistema con gli altri siti turistici del Comune, per
fare un altro piccolo passo verso il mini-turismo
ambientale». L’acquario è gestito dalla cooperativa
Ardeola e si trova all’interno della riserva naturale
Parma Morta, in una delle tipiche abitazioni contadine della golena; è visitabile gratuitamente dal
pubblico il sabato pomeriggio e la domenica tutto
il giorno, mentre durante la settimana l’apertura è
riservata ai gruppi, solo su prenotazione. L’acquario è un sito d’interesse educativo e turistico; ad
esempio nel mese di luglio ha ospitato un centinaio di bambini dei centri estivi di Torrile, Sorbolo
e Trecasali, che sono stati accompagnati alla scoperta della natura con lo spettacolo d’animazione
“Il mostro della palude”. [Diego Dalla Costa]
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[57]
Provincia
Lavori in corso
VERDE LAVORI ANCHE A villa soragna
300 milioni
per le scuole
di Collecchio
Sopra l’esterno del polo socio-sanitario.
A destra Villa Soragna
COLLECCHIO
DI VINCENZO PIRILLO
Una politica di lavori pubblici
che preveda l’innesto di nuovi
progetti inseriti in un contesto
oggetto di continua manutenzione. Questo l’obiettivo del
Comune di Collecchio, che lo
scorso mese ha consegnato alla
popolazione il polo-sanitario
completamente
ristrutturato.
L’ultimo intervento ha interessato il parcheggio pubblico, la rete
dei percorsi pedonali e di pubblica illuminazione, un porticato
di servizio al centro diurno con
tetto giardino e una piazzetta
per la permanenza all’esterno
degli anziani. L’amministrazione
ha investito in questo secondo
stralcio dei lavori oltre 200mila
euro complessivi, che si aggiungono ai 50mila investiti nell’im-
Investimenti per nuove sezioni alla
Don Milani e per i tetti degli istituti
scolastici. Oltre 200 milioni per
completare con illuminazione esterna
e porticato il polo socio-sanitario
pianto di pannelli fotovoltaici sistemati sull’edificio e ai 2 milioni
e 200mila euro che sono stati
necessari per l’intera struttura.
Per un’opera completata ce ne
sono però molte altre che il
Comune di Collecchio si impegnerà a costruire nei prossimi
mesi. «Grande importanza nel
breve periodo verrà data alle
scuole dell’infanzia per eliminare le liste d’attesa troppo
lunghe», dichiara l’assessore ai
lavori pubblici Franco Ceccarini.
«Saranno spesi 150 milioni di
euro per aggiungere una nuova
sezione presso la scuola dell’infanzia “Don Milani”; altrettanti,
finanziati da Comune, Provincia
e Regione saranno, invece, diretti al rifacimento dei tetti delle
sedi scolastiche “Don Milani” e
“S. Allende”».
Già inserito in bilancio l’ampliamento delle scuole elementari
del territorio, da definire in ac-
RIQUALIFICAZIONE una rotatoria all’altezza del centro servizi
Restyling del centro di Sorbolo
Avviati i lavori di
via Gruppini, via
Garibaldi e via del
Donatore. Entro la
metà di novembre
completati i cantieri
DI ERIKA FERRARI
SORBOLO Prosegue la riqualificazione di via Gruppini a
Sorbolo, «un asse che unisce la
piazza principale, il centro civico, gli uffici comunali e il centro
sportivo: tutti luoghi di interesse
collettivo», spiega Sandro Fonta-
nesi, assessore ai Lavori Pubblici
del Comune. «È quindi doveroso
valorizzare questa parte centrale
della cittadina con interventi di
qualità. Si tratta di un progetto
della precedente amministrazione che quella attuale ha sostanzialmente condiviso, avviando
prontamente i lavori», prosegue
il sindaco, Angela Zanichelli. Il
progetto coinvolge via Gruppini fra piazza Libertà e l’incrocio con
via Beethoven fino all’accesso
con il Centro Sportivo - via Garibaldi e via del Donatore, nei tratti
compresi fra la scuola media e il
Centro Servizi del Comune dove,
all’intersezione fra le tre strade,
sarà realizzata una rotatoria con
[58] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
via Gruppini
aiuola centrale. L’intervento, dal
costo di 450mila euro, prevede
il rifacimento del manto stradale
e dei marciapiedi, la dotazione
di una nuova impiantistica, la sistemazione dell’arredo urbano.
Saranno inoltre piantumati nuovi
cespugli e collocate panchine
nelle aree verdi antistanti alla
Scuola Elementare e al parcheggio Pezzani. I lavori saranno conclusi entro la metà di novembre.
Lavori di rifacimento interessecordo con la dirigenza didattica
ranno la strada statale 62 tra
dell’Istituto Comprensivo.
Collecchio e Parma, che dovrà
L’estate vedrà anche l’amminicomprendere una pista ciclabistrazione al lavoro con opere di
le, rotatorie e piazzole di sosta
manutenzione straordinaria, per
per autobus; mentre la riqualifiun valore di 40mila euro; nello
cazione dell’area della stazione
specifico si tratta degli impianferroviaria servirà come occati sportivi che comprendono il
sione per dotare la zona cencampo da baseball, il palasport
trale del paese
“L. Leoni”, la
di altri servizi
palestra
“D. Franco Ceccarini:
di parcheggio
Ori” e i campi «Rendere la città
a sosta lunga,
da calcio fradi nuovi spazi
zionali e del sempre più sicura
e vivibile»
per le attività
capoluogo.
di comunità e
«In futuro altri
di nuove funzioni commerciali
lavori interesseranno il settocollegate al sistema viabilistico
re viabilità e quello del verde
provinciale.
pubblico - continua Ceccarini con l’intento di rendere la città
sempre più sicura e vivibile».
Nel parco Fortunato Nevicati e
nel Centro Culturale “Villa Soragna” verranno investiti 450 milioni euro, per ridisegnare alcuni
spazi tra cui il laghetto, l’area
giochi, gli ambienti degli animali
e l’impianto arboreo.
Per quanto riguarda la viabilità, entro fine anno, partiranno
i lavori per realizzare la nuova
rotatoria all’ingresso di Madregolo (300mila euro totali, di cui
250mila finanziati dalla Provincia). L’intervento sarà utile per
ridurre la velocità dei mezzi in
attraversamento del centro abitato.
a disposizione un’area di 600 mq
A Langhirano in arrivo 20 posti
auto per via Fanti d’Italia
LANGHIRANO È prossima la realizzazione a Langhirano di un nuovo
parcheggio, che sorgerà in via Fanti
d’Italia nella zona sud del capoluogo.
Grazie a una serie di accordi intercorsi
tra l’amministrazione comunale e alcuni soggetti privati, il Comune ha potuto acquisire un’area da adibire alla
sosta dei mezzi a motore.
STEFANO BOVIS
Il nuovo parcheggio, per circa 20 po- sindaco
sti auto, sorgerà in via Fanti d’Italia fra del Comune
il palazzo “Porta” e il bar “Gazzolo”, di Langhirano
su un’area di oltre 600 metri quadrati.
Questo intervento potrà dare risposta
alla domanda di parcheggio che si è presentata dopo la creazione del marciapiede in via Fanti d’Italia. I lavori dovrebbero
partire a breve e permetteranno di trasformare l’attuale campo in una zona asfaltata e dotata di idonea illuminazione.
La recinzione fatiscente, che attualmente ne circoscrive il
perimetro, sarà rimossa e sostituita con una delimitazione
provvisoria posta davanti al canale. Inoltre, nella prima fase
di copertura della pavimentazione, si provvederà all’inghiaiatura del fondo, per garantire l’utilizzo temporaneo della zona
in funzione di parcheggio, in attesa della sistemazione definitiva che avverrà in primavera.
«La realizzazione di parcheggi e marciapiedi nel centro abitato vanno di pari passo - spiega il sindaco Stefano Bovis
- e rientrano nella logica del piano di sicurezza stradale e
di completamento dell’arredo urbano e delle dotazioni urbanistiche, con cui si intende progressivamente riqualificare
il Comune. In quest’ottica, la soluzione di avere implementato i marciapiedi in via Fanti d’Italia e individuato un nuovo
parcheggio, situato in una posizione strategica a ridosso di
un esercizio pubblico, nelle vicinanze di un supermercato e
di una scuola, dà una risposta concreta in questo quartiere
del capoluogo».
LA SISTEMAZIONE ENTRO METà DI OTTOBRE
tre rampe complete di piante e illuminazione
Sulla palestra di Neviano
144 pannelli fotovoltaici
Una nuova scalinata per il parco
Zinelli di Monticelli Terme
NEVIANO Il tetto della palestra comunale dell’istituto comprensivo scolastico di via della
Chiesa, a Neviano degli Arduini, avrà presto un impianto fotovoltaico: una nuova copertura compatibile con l’ambiente.
Il progetto approvato dal Comune prevede due fasi d’intervento: la rimozione, già avviata,
della copertura esistente, comprese le lastre ondulate in fibrocemento contenenti amianto; la sistemazione, entro la prima metà di ottobre, di una
superficie fatta di pannelli solari e adeguata alla struttura
portante esistente, dotata di appositi elementi di fissaggio
per i moduli dei pannelli solari integrati nel tetto, per un
impatto visivo pressoché nullo.
L’impianto fotovoltaico garantirà 42 mila kWh all’anno
d’energia elettrica: sarà dotato di un generatore e 144 moduli per catturare la luce solare e soddisfare il fabbisogno
della palestra comunale. Il costo dei lavori, a carico del
Comune, è di 250mila euro. [Diego Dalla Costa]
MONTECHIARUGOLO A Monticelli Terme una nuova scalinata
offre un piavevole passaggio pedonale tra via Buozzi - la parte
“alta” del paese - e il parco Zinelli. «Non è stato possibile eliminare le barriere architettoniche»,
ha spiegato Angelo Scalvenzi,
vicesindaco di Montechiarugolo.
«Il dislivello del terreno è di 6
metri su una profondità di 4 e, in
base alla legge, avremmo dovuto
realizzare una rampa d’accesso
lunga 50 metri. Questo avrebbe compromesso l’area verde
circostante, che sarà arricchita
con servizi ludici e ricreativi. Una
volta fatto ciò, potremo valutare
l’abbattimento delle barriere architettoniche. Resta comunque
il vecchio percorso pedonale,
accessibile a tutti». Un’opera da
71 mila euro, realizzata con fondi del bilancio comunale, con una
piazzola di sosta attrezzata vicino a via Buozzi (i cui marciapiedi
sono stati risistemati) e tre rampe
di scale complete di illuminazione
pubblica e contornate da piante e
cespugli di rose. [D.D.C.]
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[59]
Provincia
Sociale
il documento uno strumento per i cittadini
La rete dei servizi alla
persona di Soragna
Redatto dal Comune il piano socio-assistenziale
2009/2011: un elenco completo degli aiuti a
disposizione di giovani, anziani, disabili e immigrati
SORAGNA
DI FABRIZIO FURLOTTI
Quanti e quali sono i servizi
che nell’ambito socio-assistenziale un Comune è in grado di
erogare? Come comunicarli alla
cittadinanza affinché ne usufruisca nella totalità? Un duplice
quesito al quale l’amministrazione di Soragna ha voluto dare
una risposta chiara e completa.
Inserito nel piano socio-assistenziale della Regione e della Provincia, il Comune di Soragna è
infatti in grado di erogare servizi
diretti, o attraverso il Distretto
Socio Sanitario di Fidenza, di alto
Una via del centro di Soragna
livello qualitativo, che sono stati
estrapolati, catalogati e messi
nero su bianco nel piano socioassistenziale 2009/2011.
Una mappatura resa possibile
grazie ad un lavoro durato diversi mesi, che presenta un vero
e proprio sistema integrato di
servizi sociali, che il vicesindaco
Stefano Sivelli non esita a definire, per alcune peculiarità, unico nel territorio provinciale. «Lo
scopo di questo lavoro - dice
Sivelli - è proprio quello di far
sapere che, in ambito socio assistenziale, il sostegno, la cura,
in una parola, il servizio di cui il
nostro concittadino ha bisogno,
esiste e siamo in grado di offrirglielo».
VOLONTARIATO il 6 settembre si celebra l’associazione
L’Avis di Sala, 50 anni di solidarietà
I primi volontari
nel 1959. Oggi
i donatori sono
462. Importante la
diffusione dei valori
soprattutto fra i
giovani
DI RITA FERRARI
Il nuovo logo del circolo
SALA BAGANZA L’Avis di
Sala Baganza, uno dei circoli più
storici della provincia di Parma,
compie 50 anni. Era il 6 luglio
del 1959, quando l’autoemoteca iniziava il prelievo di sangue
[60] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
del primo gruppo di volontari del
neonato circolo. Da allora, l’Avis
di Sala Baganza ha aumentato
il numero di soci, ampliando
la propria attività e inaugurando, nel 1989, la sede ufficiale.
«Siamo arrivati a 462 donatori;
facendo un bilancio, possiamo
dire di essere soddisfatti», afferma il presidente Valentino
Panazza. «Bisogna continuare a
spiegare, soprattutto ai giovani,
il valore di essere volontari».
Per celebrare i 50 anni della
sua fondazione, il circolo di Sala
ha organizzato per domenica 6
settembre una giornata di iniziative. Si parte alle ore 8 con la
deposizione della corona di fiori
al cimitero del paese in memoria dei donatori defunti. Seguirà la Santa Messa nella Chiesa
Parrocchiale S.S. Stefano e Lorenzo; il corteo verso piazza
Gramsci; la cerimonia di intitolazione della Sala Prelievi della
Sezione alla memoria del Dottor
Cav. Guido Ugolotti; la premiazione dei donatori. La mattinata
si chiuderà col pranzo sociale
presso il campo sportivo di Sala
Baganza.
La solidarietà diventa quindi un
momento di aggregazione, nel
quale una comunità si confronta nel segno della continuità di
un gesto così importante come
quello della donazione.
«Al di là di una consolidata politica a favore degli anziani, attraverso una serie di interventi che
oggi assicurano anche un’assistenza domiciliare per tutto
l’arco della giornata – continua
Sivelli -, l’amministrazione si è
fortemente impegnata sui minori e sui portatori di handicap, in
questo sopperendo ai notevoli
tagli operati dal Governo. Abbiamo messo in campo “New Media”, un progetto sperimentale
che sarà preso a modello da altri
Comuni. Numerosi ragazzi della
scuola media si sono cimentati
nella realizzazione di video, nei
quali ognuno ha potuto esprimere, senza condizionamenti esterIl documento, infatti, elenca
ni, le proprie doti e capacità di
un’infinità di servizi suddivisi
attore, regista o sceneggiatore,
per area di intervento: alla totain modo da creare un’equipe in
lità dei cittadini, a famiglie e migrado di collaborare e lavorare
nori, alla popolazione anziana, ai
insieme».
disabili e agli immigrati.
La versione integrale del corpoUna gamma di interventi resi
so documento sarà reperibile
possibili gradal sito del Cozie alla promune, quindi
grammazione Sivelli: «L’obiettivo è
regionale che far sapere al cittadino distribuita alle
Associazioni
assicura il soche il servizio di cui
del Volontariastegno, la colto e agli opelaborazione, la ha bisogno esiste»
ratori
socioprofessionalità
assistenziali. In seguito ne verrà
degli operatori del Distretto Soestrapolata una versione succincio-Sanitario di Fidenza, nonché
ta, una vera “carta dei servizi”,
alle iniziative direttamente gestiche sarà distribuita a ogni famite dall’amministrazione Comuglia del territorio comunale.
nale.
in autunno i weekend solidali di torrile
Un centro estivo pensato
per i giovani disabili
TORRILE Il Centro Estivo per
ragazzi disabili organizzato dal
Comune di Torrile, in collaborazione con le amministrazioni di
Colorno, Sorbolo e Mezzani, si
prepara ad un agosto ricco di
iniziative.
Dal lunedì al venerdì, dalle
8.30 alle 16.30, adolescenti
e giovani disabili si incontreranno per momenti di svago e
socializzazione, per trascorrere un tempo libero divertente
e organizzato. A gestire l’intero progetto sarà la coop “Terra
dei Colori”, che vanta anni di esperienza professionale nel
settore disabili. L’attenzione che il Comune di Torrile rivolge
al sociale e ai giovani prosegue con altri progetti.
Il 31 luglio si è concluse le attività del Centri Estivi dedicati ai
più piccoli e ai bambini di elementari e medie; da settembre
proseguiranno le attività per i ragazzi disabili con i Week-end
solidali: una serie di appuntamenti con cadenza quindicinale
che animeranno nei mesi dall’autunno, fino alla primavera
2010, i fine settimana dei ragazzi. [Eugenio Fedolfi]
I NUMERI
News dal territorio
15
i servizi per
famiglia e
minori
fra questi
rientrano
assegni familiari, sostegno
all’accesso
alle abitazioni
in locazione,
interventi di
prevenzione
al disagio
La speciale vacanza a
Noceto dei bimbi bielorussi
11
gli
interventi
per anziani
di cui fanno
parte taxi
sociale,
assistenza
domiciliare,
telesoccorso
6
i sostegni
per disabili
fra cui
inserimento
in strutture,
inserimento
lavorativo,
sostegno alla
domiciliarità
2
i servizi per
immigrati
rappresentati
da sportello
consulenza
e corsi di
alfabetizzazione
NOCETO A luglio sei ragazzini hanno trascorso una
vacanza un po’ speciale ospiti del Comune di Noceto
e della Cooperativa Il Giardino, promotori dell’iniziativa. Bambini orfani affetti dalla sindrome di Down,
provenienti dal brefotrofio di Ulukovye, cittadina bielorussa colpita dal disastro nucleare di Chernobyl del
1986. I piccoli hanno passato la loro vacanza tra la
piscina, le visite alle aziende agricole e l’accoglienza
di tante famiglie nocetane. Poi tutti al mare, su un
battello messo a disposizione della Capitaneria di
Porto di La Spezia per un tour delle Cinque Terre.
L’ospitalità offerta ai bambini «s’inserisce in un più
ampio quadro di progetti che hanno come comune
denominatore la solidarietà e la volontà di aiutare
quanti sono in difficoltà», ha spiegato l’ex sindaco
Fabio Fecci, ideatore un anno fa dell’iniziativa. Un
impegno confermato quest’anno dal primo cittadino di Noceto, Giuseppe Pellegrini: «Ancora una volta
sono stati tanti coloro che hanno dato la disponibilità
ad aiutarci, dimostrando la generosità che caratterizza il paese. Un grazie va a tutti».
La Casa Accoglienza di Casalbarbato
FONTANELLATO è stata inaugurata la Casa Accoglienza di Casalbarbato, la nuova sede dell’associazione onlus del paese che in undici anni di attività ha ospitato quasi 250 bimbi bielorussi. Grazie ai fondi raccolti
dall’associazione Aicc e al prezioso contributo erogato
dalla Fondazione Cariparma, la canonica - luogo in cui
i piccoli ospiti trovano accoglienza - è stata ristrutturata per un costo complessivo dei lavori di 500mila
euro, di cui la metà finanziati dalla stessa Fondazione.
Nel fienile sono stati ricavati i dormitori, i servizi e uno
spazio per i volontari; al piano terra si trova la cucina,
la sala da pranzo, i servizi e la segreteria.
Montecchio: Comune apertura serale
MONTECCHIO Questa estate oltre a usufruire della
consolidata apertura del Castello e dei servizi della
biblioteca comunale, i cittadini del Comune di Montecchio hanno l’opportunità di incontrare e dialogare,
anche in orario serale, con il Sindaco Paolo Colli e gli
assessori nella sede municipale di piazza della Repubblica. Gli appuntamenti serali con l’amministrazione sono iniziati a luglio e proseguiranno per tutti
i giovedì di agosto, quando, dalle 20.30 alle 23.00,
le luci del Municipio saranno accese e i cittadini potranno cogliere l’occasione per porre questioni, presentare proposte o anche solo conoscere la nuova
squadra di governo. Questa è la prima di una serie
di iniziative che il Comune di Montecchio intende
proporre per avvicinare cittadini e amministrazione,
e approfondire le esigenze della comunità.
IL MESE MAGAZINE agosto 2009
[61]
Provincia
L’INTERVISTA
Montechiarugolo, Buriola
traccia le nuove linee guida
Il Sindaco: «Obiettivo prioritario? Il poliambulatorio di Monticelli
Terme, per il quale i lavori sono già stati appaltati»
è intervenuta tramite accordi per
poter definire un progetto che
assicuri standard architettonici di
qualità. L’idea è quella di creare
una zona pedonale, allargando
eventualmente la piazza e prevedendo due parcheggi sotterranei
per le auto. I lavori potrebbero
partire già l’anno prossimo».
Il parco dello sport
«Col project financing
sarà completato il
campo sportivo con
attrezzature e volumi
commerciali»
Quali le altre opere pubbliche
più urgenti?
«Sicuramente la seconda fase del
parco dello sport di Monticelli.
Attraverso il project financing
sarà completato il campo sportivo con nuovi impianti. Al fine
di rendere sostenibile economicamente il progetto, il soggetto
attuatore ha chiesto che nell’area
siano trasferiti anche volumi commerciali: in questo modo si potrà
creare per Monticelli un moderno
comparto commerciale».
rocca di montechiarugolo
Sicurezza
«Insieme all’Unione
Pedemontana abbiamo
presentato in Provincia
un progetto integrato
di videosorveglianza»
Partecipazione
«Coinvolgere i cittadini
sul trasferimento
della nuova sede della
biblioteca-ludoteca
di Monticelli»
[62] agosto 2009 IL MESE MAGAZINE
LUIGI BURIOLA
DI ERIKA FERRARI
Luigi Buriola, il nuovo sindaco di Montechiarugolo, ha ben
chiaro le priorità del Comune
pedemontano. Dopo 14 anni di
attività nel consiglio comunale,
è pronto a ricoprire il ruolo di
primo cittadino.
Sindaco, quali le priorità della
sua amministrazione?
«La nostra sarà una politica incentrata sulla famiglia, che coinvolga sia i giovani che gli anziani.
Come è tradizione a Montechiarugolo, il nostro impegno sarà
rivolto allo sviluppo e al consoli-
damento dei servizi alla persona.
Abbiamo intenzione di portare
a termine il poliambulatorio per
i medici di gruppo a Monticelli
Terme, per il quale l’appalto è
già stata affidato».
Nel settore dei lavori pubblici
che interventi realizzerete?
«La priorità è la riqualificazione
dell’area dell’ex albergo centrale della piazza di Monticelli.
Anche se è un intervento di un
soggetto privato, il Comune si
è attivato affinché si possano
creare le condizioni che lo rendano fattibile. L’amministrazione
Un tema molto attuale è quello della sicurezza. Avete previsto degli interventi in questa direzione?
«Anche se la percentuale di criminalità nel nostro territorio è
piuttosto bassa, abbiamo ritenuto opportuno, insieme all’Unione
Pedemontana, presentare in Provincia un progetto di videosorveglianza integrato».
Uno dei punti del programma
elettorale era la partecipazione dei cittadini. Cosa può anticipare in merito?
«Uno dei primi progetti sul quale
vorremmo coinvolgere i cittadini è quello del trasferimento in
una nuova sede della bibliotecaludoteca di Monticelli Terme.
Sottoporremo alle persone delle
opzioni sulla nuova localizzazione, chiedendogli di esprimere la
loro preferenza».
il faro..Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca
Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca il faro
faro..Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca il
il faro..Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca
Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca il faro
faro..Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca il
il faro..Cerca il faro.. Cerca il faro..Cer
Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca il faro
faro..Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca il
il faro..Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca
Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca il faro
faro..Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca il
il faro..Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca
Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca il faro
faro..Cerca il faro..Cerca il faro..Cerca il
Cerca il faro..
Nasce
t
r
v
e
l
A
u
o
B
www.boulevartparma.it
[email protected]
[email protected]
Comune di Parma
Assessorato al Benessere
e Creatività Giovanile

Documenti analoghi