Principi di Scienza Politica Comparata

Commenti

Transcript

Principi di Scienza Politica Comparata
Elezioni e sistemi elettorali (1)
Elezioni: una panoramica
Praticamente ogni paese indipendente del mondo, a
regime democratico o autoritario, ha indetto elezioni in
un qualche momento
Al 2007, solo 6 paesi non hanno mai indetto elezioni legislative o
presidenziali:
Bhutan, Brunei, Cina, Eritrea, Qatar e Arabia Saudita
Perché le dittature indicono elezioni?
Alcune risposte
Per mantenere la parvenza di una competizione
democratica di fronte alla comunità internazionale
Per mantenere la stabilità
Per es., contribuendo a istituzionalizzare il predominio di un
singolo partito e creando un meccanismo stabile per la
successione nel regime
Oppure, fornendo al regime utili informazioni sulla forza relativa
di sostenitori e oppositori
Per cooptare gruppi di opposizione o per dividerli e
controllarli
Per incanalare nelle elezioni l’insoddisfazione dei
cittadini per il regime
Sistemi elettorali
Un sistema elettorale è un insieme di leggi che regolano la
competizione elettorale tra i candidati e/o partiti
Includono la formula elettorale, la struttura del voto, l’ampiezza
(magnitudine) del distretto
Gli scienziati politici in genere distinguono i sistemi
elettorali in base alla formula elettorale che utilizzano
Maggioritari
Proporzionali
Misti
La formula elettorale è il meccanismo attraverso il quale i
voti si traducono in seggi
Sistemi elettorali maggioritari
Un sistema elettorale maggioritario è quello in cui
vincono i candidati o i partiti che ottengono il maggior
numero di voti
Sistemi maggioritari uninominali a
turno unico
Il sistema maggioritario uninominale a turno unico
(single-member district plurality) è quello per cui gli
elettori esprimono un solo voto per un candidato in un
collegio uninominale. Il candidato che ottiene il maggior
numero di voti vince
Esempi: Regno Unito, India, Canada, Nigeria, Zambia
Sistemi maggioritari uninominali a
turno unico:
Vantaggi:
Semplicità
Accountability
Governi di maggioranza monocolore
Svantaggi (o crititche):
Risultati poco rappresentativi a livello di distretto
Risultati poco rappresentativi a livello nazionale
Inducono al voto strategico
Promuovono partiti etnici o di clan in paesi in cui gruppi etnici e
clan sono concentrati a livello regionale
Voto strategico
Votare sinceramente=> esprimere la preferenza per il
candidato o partito preferito
Votare strategicamente=> esprimere la preferenza per il
candidato che ha una probabilità realistica di vincere
ES. Se per un individuo LD>L>C:
Se vota sinceramente, vota per LD
Se vota strategicamente, vota per L
Voto alternativo
Il voto alternativo è un sistema di voto di preferenza
Il voto di preferenza comporta che gli elettori
classifichino, sulle schede elettorali, uno o più candidati
o partiti in base a un ordine di preferenza
Il voto alternativo, utilizzato in collegi uninominali, è un
sistema elettorale in cui gli elettori ordinano i candidati
secondo le loro preferenze
Un candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei
voti è eletto
Se nessun candidato ottiene la maggioranza assoluta,
allora il candidato con il minor numero di voti viene
eliminato e i suoi voti sono riassegnati fino a quando un
candidato ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi
rimanenti
Esempio: Le elezioni legislative in Australia e Fiji
Voto alternativo: Richmond, NSW 1990
Primo Conteggio
Stan Gibbs
4,346
6.3
Neville Newell
18,423
26.7
Gavin Baillie
Alan Sims
187
1,032
0.3
1.5
Ian Paterson
445
0.6
Dudley Leggett
279
0.4
Charles Blunt
28,257
40.9
Helen Caldicott
16,072
23.3
Ora riassegnamo i 187 voti di Baillie
Primo Conteggio Secondo Conteggio
Stan Gibbs
4,346
6.3
4,380
6.3
Neville Newell
18,423
26.7
18,467
26.7
Gavin Baillie
Alan Sims
187
1,032
0.3
1.5
1,053
1.5
Ian Paterson
445
0.6
480
0.7
Dudley Leggett
279
0.4
294
0.4
Charles Blunt
28,257
40.9
28,274
41
Helen Caldicott 16,072
23.3
16,091
23.3
Ora riassegnamo i 294 voti di Leggett
Stan Gibbs
Primo
Conteggio
4,346 6.3
Secondo
Conteggio
4,380 6.3
Terzo
Conteggio
4,420 6.4
Neville Newell
18,423 26.7 18,467 26.7
Gavin Baillie
187
0.3
Alan Sims
1,032
1.5
1,053
1.5
1,059
1.5
Ian Paterson
445
0.6
480
0.7
530
0.8
Dudley Leggett 279
0.4
294
0.4
18,484 26.8
Charles Blunt
28,257 40.9 28,274 41
28,303 41
Helen
Caldicott
16,072 23.3 16,091 23.3
16,237 23.5
Ora riassegnamo i 530 voti di Paterson
Primo Conteggio Quarto Conteggio
Stan Gibbs
4,346
6.3
Neville Newell
18,423 26.7
Gavin Baillie
187
0.3
Alan Sims
1,032
1.5
Ian Paterson
445
0.6
Dudley Leggett 279
0.4
4,504
6.5
18,544
26.9
1,116
1.6
Charles Blunt
28,257 40.9
28,416
41.2
Helen
Caldicott
16,072 23.3
16,438
23.8
Ora riassegnamo i 1,116 voti di Sims
Primo Conteggio
Quinto Conteggio
Stan Gibbs
4,346
4,683
6.8
Neville Newell
18,423 26.7
18,683
27.1
Gavin Baillie
187
0.3
Alan Sims
1,032
1.5
Ian Paterson
445
0.6
Dudley Leggett 279
0.4
6.3
Charles Blunt
28,257 40.9
28,978
42
Helen
Caldicott
16,072 23.3
16,658
24.1
Ora riassegnamo i 4,683 voti di Gibbs
Primo Conteggio
Stan Gibbs
4,346
Neville Newell
18,423 26.7
Gavin Baillie
187
0.3
Alan Sims
1,032
1.5
Ian Paterson
445
0.6
Dudley Leggett 279
0.4
Sesto Conteggio
6.3
20,238
29.4
Charles Blunt
28,257 40.9
29,778
43.2
Helen
Caldicott
16,072 23.3
18,903
27.4
Ora riassegnamo i 16,072 voti di Caldicott
Primo Conteggio
Stan Gibbs
4,346
6.3
Neville Newell
18,423
26.7
Gavin Baillie
187
0.3
Alan Sims
1,032
1.5
Ian Paterson
445
0.6
Dudley Leggett
279
0.4
Charles Blunt
28,257
40.9
Helen Caldicott
16,072
23.3
Settimo Conteggio
34,664
50.5
33,980
49.5
Newell vince anche se ha ottenuto solo il 26,7% delle prime
preferenze. Blunt ne aveva ottenute il 40,9%
Voto alternativo: Richmond, NSW 1990
Voto alternativo:
Vantaggi:
Accountability
Piena espressione delle preferenze degli elettori
Minori incentivi all’uso del voto strategico (ma non sua
scomparsa)
Induce i partiti a posizioni centriste
Svantaggi (o crititche):
Candidato vincente non ottiene una vera maggioranza
Sistema complicato(!)
Sistemi maggioritari a doppio turno
Un sistema a doppio turno (SDT) prevede la possibilità
di due turni elettorali
I candidati o i partiti vengono eletti automaticamente al
primo turno se superano una determinata soglia di voti,
di solito la maggioranza assoluta
Se nessun candidato o partito supera questa soglia di
voti, allora si svolge un secondo turno di elezioni
Quei candidati o partiti che ottengono il maggior numero
di voti al secondo turno sono eletti
Ci sono due tipi di sistemi a doppio turno
1. Sistemi maggioritari a doppio turno con ballottaggio
2. Sistemi maggioritari a doppio turno con soglia
SDT con ballottaggio
I SDT con ballottaggio sono sistemi incentrati su candidati in
collegi uninominali in cui gli elettori hanno un solo voto
Il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti al
primo turno è automaticamente eletto
Se nessun candidato ottiene la maggioranza assoluta dei voti,
allora i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero
di voti competono in un ballottaggio
Chi vince il maggior numero di voti (una maggioranza), nel
secondo turno viene eletto
Esempio: elezioni presidenziali francesi
SDT con soglia
I SDT con soglia sono sistemi incentrati su candidati in collegi
uninominali in cui gli elettori hanno un solo voto
Il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti al
primo turno è automaticamente eletto
Se nessun candidato ottiene la maggioranza assoluta dei voti,
allora tutti i candidati che hanno superano una soglia
prestabilita di voti può competere al secondo turno
Chi vince il maggior numero di voti al secondo turno viene
eletto
Esempio: elezioni legislative francesi
Soglia= 12,5%
Soglia= 12,5%

Documenti analoghi

Scarica qui il giornale in formato pdf

Scarica qui il giornale in formato pdf Per introdurre il ragionamento dobbiamo fare alcune considerazioni sulla identità dei Poteri Forti e su quella dei partiti. Entrambe le identità si traducono nel concetto che le idee camminano con ...

Dettagli