radical Matters

Commenti

Transcript

radical Matters
TUNE
Radical Matters
L’arte dei rumori fissati
Label tradizionale ma anche netlabel, di derivazione post-industrial, mescola
ricerca sonora ed artistica, ispirandosi alle avanguardie del ‘900. Abbiamo
raggiunto il suo fondatore Sandro Gronchi, che ci ha delineato e approfondito le
tematiche e le dinamiche d’azione del suo progetto artistico-musicale.
Testo: Nicolas Campagnari
Qua n t e e t i c h e t te in Italia nascono e muoiono
n el v o l g e r e d i un cam bio di stagione ? Tr opp e, e q u a n t i c r edono ancora che per me tte rn e i n p i e d i u na e aderire alla filos ofia sia
s uff i c i e n t e a v ere un P C e un collegame nto a
In t e r n e t ? Tr o p p i. E cco perché quando inc a pp i i n u n a l a b e l com e R adical Matter s, che
n o n n a s c e c o n l’idea di pubblicare qualche
d i s c o d i a m i c i m a con l’intento di dive nta r e
u n p u n t o d i r iferimento per tutto l’ unde rg r o u n d m u s i c ale – che mai come in questo
m o m e n t o si g u arda allo specchio e c e r c a di
cap i r e d o v e st a andando -, pensi che le din am i c h e c h e f a nno emergere una realtà piutt o s to c h e u n ’ a ltra non sono poi tan to c a mb i a t e d a q u a n do il computer era ancora un
l u s s o c h e s i p otevano permettere in pochi.
S e d o v e s s i m o incasellare Radical Matters,
che è si a l a b e l tradizionale ma anch e ne tla b el , b i so g n e r e bbe chiam are in causa la sc e n a p o st - i n d u st r ial che ha steso la sua ombr a
l u n g o g l i a n n i O ttanta e N ovanta e c he r e cen t e m e n t e h a conosciuto le luci d e lla r ib al ta . M a n o n temete, non c’è un bric iolo di
n o s ta l g i a e a marcord in R M, al contra r io, la
sua pr oposta sonor a c omposta da u n a s e tta n tina tr a usc ite f isic he e digita li me tte in s c e na c onte nuti sonor i a ll’ a va ngua r d ia r is p e tto
a l nostr o te mpo.
Un altro suo elemento che co l p i s c e è l a
c ommistione tr a r ic e r c a sonor a e d a r tis tic a ,
a ppa r e nta ta c on le a va ngua r die a r tis tic h e e
spe r ime nta li de l ‘ 900, c he dona n o a l p r o g e tto pr of ondità e multidime nsiona lità .
Un’operazione così ambiziosa – o v v e r o
unir e a va ngua ndie music a li a d a v a n g u a rdie a r tistic he – potr e bbe da r e l’imp r e s s io n e
dell’asetticità di un procedimen t o i n v i t r o ,
ma quello che sorprende dell’e s p e r i e n z a è
il f a tto di r iusc ir e a d unir e la p r o f e s s io n a lità c on una pa ssione pr of usa in tu tti i s u o i
a spe tti, da gli e la bor a ti pa c ka gin g h o me ma de a lla c ur a e ste tic a de l sito we b p a s s a n d o
a ttr a ve r so ma nif e sta z ioni pa r a ll e le , c o me le
insta lla z ioni a Piombino e Xpe r ime n ta 0 3 .
Pe r a ve r ne una pr ova ba sta imme rg e r e o c c h i
e orecchie nelle uscite “fisiche” , n e l l e q u a l i
è f a c ile nota r e un e vide nte sincr e tis mo s tilistic o c he na sc e c omunque da u n a ma tr ic e c omune . Abbia mo il post- ind u s tr ia lis mo
r e z n o r ia n o d i P T- R , la e b m te c h n o s p o r c a d i
C he e t a h, il q u a s i p o s t r o c k d i M o unt a in Of
The C a r dio d Sna ke , f in o a d a r r iv a r e a l c u lmin e d e lla p r o p o s ta mu s ic a le d i R M o v v e r o
il p r o g e tto s o n o r o o mo n imo c h e a l mo me n to
c o n ta b e n 8 d is c h i e a n c h e p e r q u e s to me r ita
u n d is c o r s o a p a r te .
È Sa ndro Gro nc hi, tito la r e d e ll’ e tic h e tta e
d e l p r o g e tto s o n o r o , c h e a r ma to d i u n a s tr u mentazione essenziale – ben documentata
d a lle n o te c h e a d o r n a n o g li a r tw o r k – f a tta d i g ir a d is c h i, f o n o g r a f i h o me ma d e , w a lk ma n , v in ili mo d if ic a ti, e ff e tti a p e d a le e
u n mix e r, r ie s c e a s p a z ia r e d a ll’ a b r a s iv a r is c r ittu r a e s e g u ita d a l v iv o s u o n a n d o v in ili
mo d if ic a ti d e l n o is e r a me r ic a n o A M K d e i
d u e He le g y /Y g e le h, p a s s a n d o a t t r a v e r s o l e
ma g lie d i u n a s o r ta d i d a r k a mb ie n t in tr e c c ia ta a mu s iq u e c o n c r e te d i D e mo no la tr y ,
P k Sug g e s tio n e G o e tia ( r e g is tr a te p r in c ip a lme n te in n e c r o p o li e s o tte r r a n e i c a r ic h i
d i s u g g e s tio n i p a r a n o r ma li) , f in o a d a r r iv a r e a lla r e c e n te c r u d e z z a e r u mo r o s ità d i M a c a b r e Rite s c h e r if le tte u n ’ a ttitu d in e b la c k
me ta l ma r ib a lta ta e tr a s f o r ma ta in u n g r id o
d i d o lo r e d e ll’ e r a c o n te mp o r a n e a .
Complessità, prospettive oblique, senso
d e ll’ e s tr e mo : c o mp o n e n ti e s s e n z ia li d i Ra dical Matters che la rendono al principio
d iff ic ilme n te a v v ic in a b ile e in te lle g ib ile ,
infatti solo uno sguardo attento, paziente
e c o n s a p e v o le p u ò s c h iu d e r e u n ’ e s p e r ie n z a
e s o te r ic a e d e n s a d i s ig n if ic a ti n a s c o s ti, s icuramente diretta a pochi, anche perché la
lu c e d e i r if le tto r i r is c h ie r e b b e d i s n a tu r a r n e
il senso. Abbiamo allora raggiunto via mail
il f o n d a to r e Sa n d r o G r o n c h i, c h e c i h a d e lineato e meglio approfondito le tematiche e
le d in a mic h e d ’ a z io n e d e l s u o p r o g e tto a r tis tic o - mu s ic a le .
I nna nz it ut t o v o r re i s a pe re c o s a t i ha s pint o a c re a re R a dic a l M a t t e r s .
S o n o s e m p r e s t a t o a ff a s c i n a t o d a l l a s c u o l a
te d e s c a d e l Ba u h a u s e d a q u e l l o c h e h a p ro d o tto n e lla n o s tr a c u lt u ra . Q u e s t a fa s c i n a z io n e , n e g li a n n i p o i, s i è s e m p re i n t re c c i a ta alla musica. Dopo un po’ di esperienze
nell’arte visiva e nella didattica dell’arte,
n a s c e l’ id e a d i f a r e E d i z i o n i d ’A rt e p e r i ru mo r i. Co s ì d a q u a lc h e t e m p o n e h o fa t t o u n a
priorità nelle mie giornate: registrare idee,
c o n c e tti, s e g n i, e me tte rl i i n s c e n a .
È e v ide nt e c o m e in R M l ’e s p e r i e n z a mu s i c a le r a ppre s e nt i s o lo u n a s p e tto d e l l ’e ti c he t t a , in e f f e t t i c o m p o n e n ti ti p i c h e d e l l e
a r t i s pe r im e nt a li s o no fa c i l me n te r a v v i s a bili (l’attenzione per l’oggetto-packaging,
la pro pe ns io ne a lle i n s ta l l a z i o n i s o n o re , c o m e a P io m bino e X p e r i me n ta l ’a n n o
s c o r s o ) . P uo i dirc i qu a l i mo v i me n ti a r ti stici, e non solo, ti hanno maggiormente
inf lue nz a t o ?
D i s ic u r o i g r u p p i d i r ice rc a v i s i v a d e l l a s e c o n d a me tà d e l s e c o lo s c o rs o , o p e re d i c o n fine tra design e arte visiva (come l’Optical
Art, il Movimento Arte Concreta, la Poesia
Vi s i v a e P e r f o r m a t i v a ) m a p i ù c h e o p e r e o
autori direi che ad avermi maggiormente
in f lu e n z a to s o n o le e s p e ri e n z e a c u i q u e s t e
v is io n i mi h a n n o in iz iat o , e i n q u e s t i t e rm i ni sono per me legate sinesteticamente al
r u mo r e , a ll’ a s c o lto c o m e e s p e ri e n z a e s o t e r ic a . L’ A s c o lto in f a tti, h a s e m p re c o s t i t u i t o
il comune denominatore di molte delle mie
esperienze trascorse, da qui nasce RM-ED/L.
L’ e s te tic a d e ll’ e s tr e mo è i l c a rd i n e d i q u e ste edizioni, è la fascinazione di percepire
f o r z a r e i c o n to r n i d e ll e i d e e e d e l l e c o s e .
Po i la mu s ic a p e r c h iu d e re i l c e rc h i o : s o n o
cresciuto ascoltando black-occult metal
( He llha m m e r , Ba t ho r y ), p o i i l d a rk (B a u ha us , Vir g in P r une s , D e a th I n J u n e , C u rre nt 9 3 ) , la p s ic h e d e lia (A mo n D ü ü l , H i g h
Tide ) , la d o d e c a f o n ic a (We b e r n , K u r ta g ) .
I n g e n e r a le mi a ff a s c in a l ’i d e a d e l l a re g i s tr a z io n e in te s o s ia c o m e s t ru m e n t o d i ri -
SA 21
TUNE
p ro d u z i o n e c h e com e strumento pretta me nte
c r e a t i v o , c o s ì per i dischi come per i libri.
D a i n a s t r i d i etnomusicologia dei rituali
t r a d i z i o n a l i d ell’Africa e del Tibet, ai Libri
Il l eg g i b i l i d i B runo Munari.
I l p ro g e t t o so n oro omon imo ti vede im pe g n a t o c o n g i r a dischi mod ificati, fo nogr af i ar t i g i a n a l i , locked grooves; ci racconti
c o m ’ è n a t a q uesta necessità di esprimersi
con d e l l a st r u m en tazion e che viene più f aci l m e n t e a sso ciata all’h ip -hop o alla dance?
P er q u a l c h e a nno dal 1997 al 2003, mi sono
d edi c a t o a l l a p roduzione di opere vis ive c he
and a v a n o d a l l ’ optical prim a alla poes ia visiv a e p e r f o r m a tiva poi, realizzando c on que s t e u l t i m e r i c e r che anche una tavola r otonda
o n l i n e su l t e ma A rte E N uove Tecn ologie .
D a t e m p o , i n oltre, mi occupo anche della
d i d a t t i c a d e l l ’ a rte, con particolare in te r e sse
p er l ’ a n a l i si dei modelli cibernetic i e c os t ru t t i v i st i n e llo studio dell’attività me nta l e e p e r c e t t i v a im plicata in questi pr oc e ssi.
Da q u e st e t r a c ce poi il passaggio e spr e ssiv o d a l “ g e st o al suono” è stato un p r oc e sso
n at u r a l e . L o strumento poi che più di tutti
m i p e r m e t t e v a di sperimentare un “sistema
ci be r n e t i c o - c o struttivista” nella co str uz ion e s o n o r a e r a la macchina-giradischi, dove
p o g g i a r e m a t e r iali diversi e per sfreg a me nto
o t t e n e r e su o n i con uno o più microf oni util i zza t i a l p o st o delle puntine, facendo inoltr e
i n t e r a g i r e q u e sto input anche con l’output
i n d i v e r se m a niere in m odo da otten e r e “ inf l u e n z e ” d i r e t te e controllabili. Solo dopo,
c e r c a n d o d i a pprofondire questa intuizione
h o sc o p e r t o c erti precedenti storici a c a va l-
lo tr a spe r ime nta z ione sonor a e a r te c o n te mpor a ne a da Ot om o Yoshihid e , a l B o y d
Ric e de gli a lbor i, da Philip Jec k a C hr ist ian M arc lay. La mia c ur iosità n e llo s p e r imentare è sempre stata più forte d e l l ’ a n a l i s i
de l la vor o di a ltr i a utor i pe r c ui, a n c h e s e in
buona c ompa gnia , in qua lc he mo d o h o c e rc a to di por ta r e a va nti que sto m io in te r e s s e
in ma nie r a a utoc tona e d or igina le . So n o n a ti
così bizzarri set-up basati sull ’ e s a l t a z i o n e
dei feedback dello stesso segn a l e , d o v e i l
c uor e r ima ne il siste ma “ gir a d is c h i- c a s s e /
diff usor i” modif ic a ti a ll’ oc c or re n z a f in o a
f a r li dive nta r e ve r i e pr opr i “ ogg e tti s o n o r i”
come in quelli implicati nelle r e g i s t r a z i o n i
di PK Sugge stion. Utiliz z o pun tin e , mic r o f oni, c a sse a c ustic he , disc hi a u to c o s tr u iti
con materiali eterogenei, vini l i p r e p a r a t i
sempre utilizzando la tecnica d e l “ f o r c e d
locked grooves”, tutto questo p e r ò h a u n a
forte componente elettroacusti c a , o v v e r o
spesso riesco a costruire set-u p d i q u e s t o
tipo senza l’utilizzo di nient’al t r o c h e n o n
un po’ di pile e a ttr e z z a tur e po r ta tili, p o iché per me è fondamentale cos a s u s c i t a u n
suono in un dato ambiente acus t i c o e c o m e
que sto ne inf lue nz a la c ontinuità , c o s a q u e sto “ smuove ” pe r “ simpa tia ” , qu a li f e n o me nologie a c c a dono.
c h é , a n c h e a d is c a p ito d i u n a c e r ta c o e r e n z a
c o mu n ic a tiv a , in q u e s ta s c e lta c ’ è imp lic ito
u n p u n to d i v is ta o p e r a tiv o , d o v e l’ u n o s i r iv e r s a n e ll’ a ltr o ; p o ic h é il s u o n o h a la s te s s a
n a tu r a d e lla lu c e , d e lla ma te r ia , c o n s id e r o
q u e llo c h e f a c c io u n a c o s a s o la . I n q u a lc h e
modo, questi due aspetti dell’etichetta si
s o mig lia n o mo lto a n c h e f is ic a me n te : le E d iz io n i s o n o mu ltip li d ’ a r te d i a lb u m c o n c e ttuali, pezzi unici in serie, curati e prodotti
in te r a me n te d a l s o tto s c r itto , a r tig ia n a lme n te , u n o p e r u n o ; c o s ì a n c h e le mie p u b b lic a z io n i s o n o r e s o n o in r e a ltà “ a s c o lti” , f is s a ti,
d i d in a mic h e a c u s tic h e c h e mi d iv e r to a d in n e s c a r e c o n me c c a n ic h e a r tig ia n a li, s e mp r e
d iv e r s e , u n ite d a ll’ e n tu s ia s mo e la me r a v ig lia d e ll’ e s p e r ime n to c o mp iu to .
Radical Matters è anche netlabel con le
We b E d i t i o n s / S o u n d s o u rc e s , c h e v a l o re
g li a t t r ibuis c i ne ll’ e c o no m ia de ll’ e t ic he t ta?
Co n s id e r o le We b E d itio n s u n a v e r a e p r o p r ia
c o lle z io n e p u b b lic a , u n p a r tic o la r e “ mu s e o ”
del rumore. La serie delle Soundsources
sono per me proprio il cuore della ricerca
s u l r u mo r e d i o g n i a r tis ta c o in v o lto . Sic u r a me n te q u e s to tip o d i e d iz io n i, in p a r tic o la r e
la s e r ie d e g li E P, h a a n c h e il p r e g io d i a ttir a r e g li a ff e z io n a ti d e i v a r i a u to r i c o in v o lti,
mentre la serie delle soundsources, per il
lo r o p a r tic o la r e f o r ma to , n o n d i c o s ì “ f a c ile ” f r u iz io n e , s o n o d a c o n s id e r a r s i o ltr e
che una curiosità, una vera e propria web
r e s o u r c e , u n a s o u n d lib r a r y in c o n tin u a imp le me n ta z io n e .
Come si concilia l’ultrafeticismo delle
Collectors Editions con la modernità usa
e g e t t a t ipic a de lle We b E d i ti o n s / S o u n ds o urc e s ?
Se prendiamo le Soundsources, in questo
caso la “modernità” diventa strumentale,
o v v e r o il f o r ma to d e l lo o p d ’a u t o re s i s p o s a
molto bene con il formato dell’archivio o
d e lla lib r e r ia d ig ita le , p o i c h é o l t re a re n d e re
p r a tic o l’ a s c o lto , q u e s te p a rt i c o l a ri re g i s t ra z io n i p o s s o n o d iv e n ta re s t ru m e n t o a c u s t i c o
s e s u o n a to in a ltr i c o n t e s t i , c o m e q u e l l o i n s ta lla tiv o , o mu s ic a le , s e p e n s a t i c o m e c a m p io n i d a s u o n a r e e ma ni p o l a re . D i v e rs a m e n t e l a s e r i e d e g l i E P We b E d i t i o n s p o s s o n o
rientrare nel concetto di “Multipli” d’arte,
in f a tti c o n f id a n d o n e lla p a s s i o n e d e l “ fa i d a
te ” d e i c o lle z io n is ti in t e re s s a t i , i l d o w n l o a d
d i q u e s ta s e r ie , p e r me t t e a c h i è i n t e re s s a t o
d i r ic o mp o r r e c o n i s u o i m e z z i (s t a m p a n d o ,
sagomando e incollando il packaging ed i
vari inserts e masterizzando il relativo cdr),
di creare una collezione “unica”, poiché ogni
c o p ia p r o d o tta s a r à c o s ì u n p e z z o u n i c o (s i
pensi anche solo alla stampa dell’artwork),
s e mp r e u g u a le n e l c o n t e n u t o m a s e m p re d i v e r s a n e lla s u a f is ic ità . O g n u n o a v rà l a s u a
c o lle z io n e , c r e a ta d a s e s t e s s o , a rt i g i a n a l me n te , c h ia ma n d o a p a rt e c i p a re a l p ro c e s s o
c r e a tiv o e d e d ito r ia le d i q u e s t e e d i z i o n i a n c h e il s e mp lic e a s c o lta t o re c h e c o s ì e n t re rà
a f a r p a r te d e l g io c o .
Rig u a r d o a lle Co lle c to r s Ed i t i o n s , n o n s o n o
a ltr o c h e e d iz io n i “ a p e rt e ” , l e d e fi n i re i re a d y - o n - d e m a n d , f o r s e i n q u e s t ’i d e a s t a l a
m o d e r n i t à ” d e l l a p r o p o s t a , d i ff e r e n t e m e n t e
d a lle p iù u s u a li L imited Ed i t i o n s s o n o re a liz z a te d i v o lta in v o lt a a s e c o n d a d e l l e ri chieste da parte di distributori ed acquirenti
Com e m ai hai de c iso di m ant e n e re la s t e s sa de nom inaz ione Radic al M a t t e r s pe r i
due proge t t i, que llo sonoro e que llo de lla
labe l?
I n r e a ltà na sc ono “ in sie me ” ma n o n “ in s ie me”. Ho deciso di mantenere il n o m e d e l l e
Ediz ioni a nc he pe r la pubblic a z io n e d i a lc uni pe r sona li la vor i in a mbito s o n o r o p e rSA 23
TUNE
(anc h e i n q u e sto cerco di lavorare tr a sve rs a l m e n t e , c o i nvolgendo negozi, rivenditori
o n l i n e , b o o k sh op di musei, gallerie) a nc or a
u n a v o l t a r e a lizzati artigianalmente come
m u l t i p l i d ’ a r t e , pezzi “quasi” unici, ma te o ri c a m e n t e se nza limitazione alle copie dis po n i b i l i .
tismo di St r ukt ur , Roc c he t t i, Ba d Se c t o r ,
l’ a r te c onc r e ta di AM K, Parodi , l’ a r te c o n c e ttua le di The Hat e r s, GX Ju pit t e r- La rse n, il c ubismo di c e r ti Te le phe rique o She e
Re t ina St im ulant s, l’ a ppr oc c io “ p e r f o r ma tivo” di Ze ro Kam a, M ic hae l W. F o r d, i l
supr e ma tismo di M Z412, e tc …
R a d i c a l M a t t ers fa riferimento ad una
s ort a d i i m m aginario P ost-Ind u strial c onf i n a n t e s p e s s o con il Black Metal (penso
a l l a re c e n t e w eb release d el nor ve ge se
Utar m e a l v enturo p rogetto “B la c k Ind u st r i a l G r i moire”). C osa p ensi de llo re c e n t e s d o g a n amento, di queste realtà, o
p er m e g l i o d i re, in che rap p orto cre di c he
s ti a n o c o n l a cu ltura pop olare?
H o s e m p r e i n terpretato “concettua lmente”
e m i h a n n o s empre interessato, forse per
u n v i z i o p r o f e ssionale, a certi gen e r i de ll a m u s i c a m o derna e contemporanea che se
i n t e r p r e t a t a i n chiave storiografica riporta
a l l e t e n d e n z e impostate dalle arti visive del
‘ 9 0 0 , a d e s e m pio autori come i pri missimi
Bath o r y , Ve n o m, mi hanno interessato per
l ’o ri g i n a l e i n terpretazione dell’imma gina ri o g o t i c o - si mbolista, inventando le tte r a lm e n t e i l “ s u o no” o per meglio dire i rumori
d i q u e l l ’ i m m a ginario fatto di “m ostr i” se nza v o c e c h e n ella tradizione mistic a oc c id ent a l e v i v o n o sulla soglia di m anosc r itti e
cat t e d r a l i , q u a li custodi di un infern o di de m o n i p si c h i c i e conoscenze ermetiche . Così
com e v e d o n e l la stessa chiave “visiva” molti
i m p o r t a n t i a u t o ri della scena experime nta l,
ad e se m p i o l o stretto legam e tra T he Loop
O rc h e st r a , P a n icsville, S .O.T.N .E. ecc…
c o n l e t e c n i c h e del surrealismo, il radicale
es pr e ssi o n i sm o (dichiaratam ente A z ionista )
di Su d d e n In fan t, R udolf E b.E r, l’ e spr e ss i o n i sm o a st r atto di A trax Morgu e , Whiteh o u se , l ’ i n f orm ale di D aniel Me nc he e
Lu c a s A b e l a , l’attitudine programmatica e
ci ne t i c a d i O t o L ab, K inetix, il dadaismo di
B i g C i t y O rc hestra, LT Mu rnau , l’ a str a t-
Per concludere vorrei sapere q u a l c o s a d i
più sui t uoi c ollabor at or i più s t re t t i, o v vero Pietro Riparbelli (sound a r t i s t c o n
parecchie uscite per RM) e An d re a S o z z i
( le sue t e ne brose e sugge st ive f o t o a do rnano spe sso gli ar t wor k di RM) .
Con tutti e due ho spe sso suona to n e g li a n n i
– oltr e c he a c r e sc e r e – insie me in v a r ie f o rmazioni, anche effimere, di ric e r c a s o n o r a
tr a il da r k, il bla c k e lo spe r ime n ta le , q u e s to
è stato un percorso comune pa r a l l e l o a l l a
strada che ognuno di noi ha p o i c o l t i v a t o
da solo, pe r que sto dive nta f a c ile la c o mu nic a z ione tr a di noi: Andr e a è u n f o to g r a f o
se nsibile c he c ontinua a sta mpa re a ma n o , a l
buio, le sue impressioni; sono ra p i t o d a c e r t i
f e nome ni c he r ie sc e a c a ttur a r e , p e r q u e s to
sono nati degli incontri anche t r a l e n o s t r e
produzioni: recentemente ho ut i l i z z a t o u n o
de i suoi sc a tti in Mac abre Rite s ma è s ta to a nc he c oinvolto, c ome a utor e - r e p o r te r, in
a lc une pa r tic ola r i pr oduz ioni (P. K. Sug g e stion, Goe tia) .
Con Pie tr o c ontinua da se mpr e u n a r e c ip r o c a c or r isponde nz a sugli svilupp i d e lle n o stre ricerche a volte anche co n d i v i d e n d o ,
c ome r e c e nte me nte , pr oge tti e c o lla b o r a z io ni sonor e . I l suo a ppr oc c io a l f a r e r ic e r c a
c on pr oge tti c ome PT- R e K11 ( c h e h o a v u to
il pia c e r e di pubblic a r e in va ri f o r ma ti) è
per me una garanzia di qualità e o r i g i n a l e
pe r sona lità inte r pr e ta tiva , da lla c o s tr u z io ne di harsh beat noise con mani p o l a z i o n i d i
c a mpioni sonor i r e gistr a ti e in d ir e tta d e l
pr imo, a lle a ttua li r ic e r c he in a m b ito r a d io noise del secondo, già sconfina t e i n n u o v i
or iz z onti sonor i.
WWW.AUDIOGLOBE.IT
VENDITA PER CORRISPONDENZA TEL. 055-3280121, FAX 055 3280122, [email protected]
DISTRIBUZIONE DISCOGRAFICA TEL. 055-328011, FAX 055 3280122, [email protected]
WAS (NOT WAS)
MARK STEWART
“Boo!”
“Edit”
CD
Rykodisc
Was (Not Was), il
seminale ed indistruttibile progetto
del produttore Don
Was con il fratello
David, torna dopo
una lunga ibernazione con un nuovo album, “Boo!”.
Coadiuvati
da
moltissimi ospiti, i
fratelli Was, hanno
creato un lavoro la cui struttura
si regge fra testi
tutt’altro che convenzionali, ritmiche Funk, metriche R&B, Zappa e
John Coltrane. Quasi come se non fosse cambiato nulla. Pazzesco
il lavoro in fase di produzione, curato dagli stessi David e Don Was.
Partecipano al disco: Kris Kristofferson e Bob Dylan.
PLANTLIFE
QUIET VILLAGE
“Time Traveller”
“Silent Movie”
CD Rapster
Usciva nel
2004 “The
Return
of
Jack Splash”,
l’acclamato debutto
dei Plantlife, risultato
poi
disco
dell’anno per la BBC Radio 1 di Gilles Petterson. Personaggi come Gnarls Barkley, Mos
Def, Pharell Williams, DJ Jazzy Jeff, The Chemical Brothers e RJD2 se ne sono innamorati sin da subito. Con “Time Traveller”, Jack
Splash e soci, continuano quella esplorazione
musicale che li ha resi grandi. Soul anni 70,
funk, rock, elettronica/disco anni ’80, hip-hop
anni ‘90 e caleidoscopici ideali futuristi.
JAY HAZE
"Love & Beyond"
CD/2LP
Tuning Spork
In un’epoca in
cui gli ascolti
sono velocissimi e schizofrenici, Jay
Haze realizza un disco che rivitalizza
il senso di un artist-album. Già dietro
i progetti Fuckpony, con tre acclamati singoli su Get Physical, BPicth
e Cocoon, e Sub Version con Michal
Ho e Paul St.Hilaire, Jay si occupa
anche delle etichette Contexterrior,
Junion e Futuredub. “Love & Beyond” è un doppio CD che si sviluppa tra una prima parte FuturisticPop ed una seconda strumentale
costruita su parti elettroniche.
CD Crippled Dick...
Concepito e registrato tra Londra,
Vienna, Bristol e
Berlino, “Edit” è il
6° lavoro di Mark
Stewart ed il suo
ritorno
solista
dopo le collaborazioni con Tricky,
Massive Attack,
Chicks on Speed, Adult e Primal
Scream. Unico ed
inimitabile, come
sempre radicale
e politicamente impegnato, Stewart alterna momenti astratti a ritmi
schizofrenici ed esplosivi che da sempre gli sono cari sin dai tempi di
The Pop Group. Contiene la cover di ‘Mr. You’re Better Man Than I’
degli Yardbirds alla quale partecipa anche Ari Up dei The Slits.
“Sexuality”
CD/LP !K7
Dopo 3 ricercati singoli
usciti per la
Whatever
We Want ed
alcuni remix
eseguiti per
Gorillaz, Cosmo Vitelli,
The Osmonds, François K, i Quiet Village arrivano al loro debutto. Formato da Joel Martin
e da Matt Edwards (aka Radio Slave) e con il
nome preso in prestito dal capolavoro exotic
di Martin Danny, il duo riesce elabora in maniera unica e personale le influenze legate alle
colonne sonore italiana, alla disco, all’acidrock ed al soul. Quando i suoni vintage diventano moderni, e viceversa.
THE VEGETABLE ORCHESTRA
"Remix"
CD Karmarouge
Gli strumenti
convenzionali
vi annoiano a
morte? Bene,
fate come The
Vegetable Orchestra ed avete risolto il problema.
Il collettivo di Vienna, infatti, usa una
strumentazione tutta sua: carote che
diventano flauti, zucche che fungono
da basso, porri come violini e cetriolipercussioni. Ne esce fuori un suono orchestrale in cui si fondono musica sperimentale contemporanea, Free Jazz,
Noise e Dub. Partecipano all’album
di remix: Ricardo Vilalobos, Luciano,
Gabriel Ananda, Frank Martiniq, Oliver
Hack, Märtini Brös, Anja Schneider...
SEBASTIEN TELLIER
CD Record
Makers
3° album in
studio
per
Sebastien
Tellier dopo
il debutto de
“L’Incroyable
Véritè” ed il
successivo
“Politics”. I suoni creati da Tellier si collocano
con l’usuale eleganza francese fra un Serge
Gainsbourg in chiave moderna ed un’immaginaria colonna sonora morriconiana. Il nuovo disco
“Sexuality” contiene 11 brani che confermano in
pieno il talento di Tellier, uno dei maggiori esponenti della musica francese moderna al pari di
Air e Daft Punk. Proprio Guy Manuel De HomemChristo dei Daft Punk ha prodotto il disco.
APPARAT "Remixes And
GREGOR SAMSA
CD Shitkatapult
A neanche un
anno di distanza dall’ottimo “Walls”,
Sascha Ring
aka Apparat,
raccoglie in un doppio CD una magnifica collezione di remix. Divisa in
due capitoli, Apparat Remixes e Remix Apparat, la selezione contiene
le rivisitazione fatte dallo stesso Apparat per altri produttori, nella prima
parte. Viceversa, i remix più riusciti
fatti da altri sui brani di Sascha, nella seconda. Fra una cosa e l’altra, i
migliori produttori ed i remix più introvabili, sono su questo doppio CD.
Non fatevelo sfuggire.
CD Own Recs.
I kafkiani Gregor Samsa,
provenienti
da Richmond,
Virginia, sono
stati
un’assoluta rivelazione nel 2006, anno in
cui è uscito il loro secondo album,
“55:12”. Il nuovo disco, “Rest”, è altro no è che una deliziosa conferma.
Il suono delle band è un qualcosa di
mistico ed obliquo di chiara matrice
post-rock. Parti Ambient dilatate,
atmosfere che ricordano quelle del
periodo d’oro di casa 4AD, struttura
che gioca fra implosioni ed esplosioni
stile Mogwai e Godspeed You! Black
Emperor, Codeine e Low. Grandiosi.
Parts To Be Frickled"
"Rest"
SA 25

Documenti analoghi