DUILIO CAMBELLOTTI - accademia nazionale d`arte antica e

Commenti

Transcript

DUILIO CAMBELLOTTI - accademia nazionale d`arte antica e
Matteo Maglia
CAMBELLOTTI
LEGGENDE ROMANE
con il Patrocinio di:
Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico del Comune di Roma
d'intesa con:
Archivio Cambellotti
auspice:
Unione Europea Esperti d'Arte
Si ringraziano:
Marco Cambellotti
Albertina Cristini
Patrizio Gagliardi
Angelica Maglia
Enrico Trimarchi
La civiltà romana, i suoi miti, la sua campagna sono sempre stati fonte d'ispirazione per Duilio Cambellotti. L'epopea delle Origini
e della Fondazione, con lo sbarco del pio Enea a Lavinio, affascinano Duilio sin da bambino. Osservare le Leggende romane, nella loro forma
preparatoria come bozzetto a grafite e/o tempera o nella veste finale di opera xilografica, vuol dire lasciarsi prendere dalla sua poetica,
entrare in quella speciale macchina del tempo che ci riconduce al panteon romano, ai miti pagani delle origini della civiltà di Roma, come
uno dei pilastri della civiltà occidentale. Ecco i neonati gemelli del Fato salvati dalle acque con l'approdo miracoloso sulla riva del Tiber,
mentre una mandria di cavalli selvatici tutt'attorno li guarda con curiosità e persino forse con tenerezza, ed il Fiume si snoda serpentiforme
sullo sfondo. L'antefatto ci narra della discesa del Mamors, dio etrusco della guerra e della coltivazione dei campi (elmo, asta, parma e
vomere le sue insegne), scortato da branchi di lupi. Più avanti nel tempo il suo nome volgerà nella forma sincopata del dio latino Mars, padre
della discendenza romana secondo il mito. Il suo incontro con Silvia vestale, colpevole (Rea) solo d'aver ceduto al fascino carismatico del
dio, è scritto sul libro fatale ed il mito della Lupa (che sovrasta l'immagine della visita di Mamors a Rea Silvia) si mescola fra quest'ultima ed
Acca Larentia: la balia di Romolo e Remo, infatti, è Lupa anch'ella, secondo le fonti, nell'accezione lata del termine latino.
Il messaggio iconografico è esaltato dalla forma tecnica prescelta dall'Artista, una forma che magnifica la potenza del gesto
artistico, nell'escavazione del legno di pero o di bosso, di testa (nelle opere di piccole dimensioni) o di filo (nelle grandi), con la sgorbia ed il
bulino: si tratta dell'incisione con tecnica xilografica. L'invenzione di questa tecnica di stampa la si fa risalire all'anno Mille circa, in Corea od
in Cina. La sua diffusione (per alcuni autori, invenzione autonoma) in Europa, ha luogo a far data dal sec. XV, in particolare in Italia e
Germania, ad esempio con artisti del calibro di Andrea Mantegna ed Albrecht Dürer. A differenza delle tecniche incisorie su metallo (rame,
zinco, ecc.) nelle quali la stampa ha luogo al negativo, ossia l'inchiostro riempie i solchi formati dalla morsura od a secco, lasciando chiara la
parte non incisa, nell'incisione su legno la sgorbia ed il bulino asportano volumi di materia lignea che rimarranno chiari sul supporto di
stampa, in genere cartaceo, mentre l'impressione ha luogo al positivo, con l'inchiostrazione delle superfici lignee superstiti, ed il trasferimento
dell'immagine rovesciata sul supporto cartaceo, tramite torchio. L'apparente bitonalità dell'incisione xilografica, nel drammatizzare il
significato del messaggio semantico tramite l'esasperazione dell'alternarsi di luci ed ombre, nulla toglie alla dolcezza del gesto materno nel
carezzare il capo del bimbo, come ne Le Carmente, o del cerchio protettivo dei cavalli selvatici intorno a Romolo e Remo neonati, in Pater
Tiberinus, prestandosi egregiamente alla narrazione di allegorie tanto di contenuto civile che religioso, sentimentale o bellico.
Duilio Cambellotti (Roma, 14 maggio 1876 - 30 gennaio 1960), è uno fra i maggiori artisti italiani del Novecento. Spirito creativo di
multiforme ingegno, si accosta inizialmente all'Art Nouveau, accogliendone però gli aspetti squisitamente originari e sociali, espressi dalle
idee di William Morris. Egli, come Morris, vede nell'arte una finalità pedagogica e morale al fine di renderla fruibile a tutti. Diventa l'esempio
lampante di artista-artigiano per eccellenza. Viene infatti considerato uno dei massimi esponenti dello Stile Floreale, come quella nuova
avanguardia fu chiamata in Italia e che ha caratterizzato l'Europa tra la fine del XIX Secolo e l'inizio del successivo. Il suo naturale eclettismo
ne fa un brillante incisore, pittore, illustratore, scultore, scenografo, architetto, decoratore, ebanista. Fra il 1893 e il 1897 è allievo presso
l'Accademia di Belle Arti a Roma e vince il concorso per la realizzazione dei pali di sostegno delle tramvie romane (1896). Completati gli
studi, inizia la sua attività artistica come designer; progetta lampade, in stile Liberty, specchi, cofanetti, cornici. Partecipa a numerosi
concorsi, tra cui quello per il manifesto della Esposizione Nazionale di Torino (1898) dove presenta vari progetti (uno dei più famosi è
“Incandescenza”, realizzato per propagandare i primi sistemi di illuminazione pubblica ad energia elettrica). Egli crea le sue opere
utilizzando elementi naturali portati all'estrema linearità e realizza arredamenti di grande semplicità dove l'elemento decorativo è parte
integrante dell'oggetto e la cui forma egli adegua alle proprietà ed alle caratteristiche dei materiali utilizzati.
Il Maestro si avvicina al teatro per il tramite di Alessandro Marcucci, funzionario del Ministero della Pubblica Istruzione, che
svolge un ruolo rilevante di interlocutore e facilitatore nell'ambito burocratico. Comprende subito le enormi prospettive che il teatro può
aprire al suo impeto creativo, e infatti, per tutta la vita, vi si dedica a più riprese come scenografo. La sua collaborazione con il Teatro stabile
di Roma, e con l'Inda (Istituto Nazionale del Dramma Antico, che ha lo scopo di far rivivere le opere drammatiche dell'antichità nel Teatro
greco di Siracusa) ha grande successo. Per l'Inda realizza l'apparato scenografico per l'Agamennone di Eschilo, la cui memorabile
rappresentazione inaugura nel 1914 l'attività dell'istituto. Ancora tramite Marcucci ha l'opportunità d'incontrare un gruppo di amici
intellettuali e artisti, quali Giacomo Balla. Anche questo incontro si rivela fondamentale per la sua crescita artistica.
Fondamentale è il suo legame col mondo contadino, ed infatti temi di origine rurale (come la celebre spiga di grano presente a
fianco al monogramma in guisa di firma di quasi tutte le sue opere), sono ricorrenti in tutto il suo percorso artistico. Profondo conoscitore
della civiltà contadina, ritrova in queste radici la genuinità di un mondo che la civiltà dell'incipiente urbanesimo industriale andava
dimenticando, ma allo stesso tempo egli è cosciente dell'arretratezza, delle fatiche e della miseria che troppo spesso caratterizzano quel
7
mondo. Successivamente iniziano le sue battaglie sociali e si dedica con Giovanni Cena, Sibilla Aleramo, Giacomo Balla, Giovanni Prini ed
altri artisti ed intellettuali romani, alla riqualificazione dell'agro Romano e delle paludi Pontine, fondando nel 1905 le prime scuole per
contadini ai margini delle paludi laziali. Lo stesso gruppo denuncerà lo stato di abbandono delle campagne ed organizzerà, in occasione
dell'Esposizione universale del 1911, la Mostra delle scuole dell'Agro Romano. In quel periodo incontra Massimo Gor'kij, venuto a Roma
anche allo scopo di divulgare la dottrina sociale e pedagogica di Leone Tolstoij, del quale ultimo sia egli che Balla disegnano alcuni ritratti. Il
nostro versatile Artista svolge anche attività d'illustratore. Cura infatti dapprima l'illustrazione dei sillabari e dei manuali delle Scuole
dell'Agro Romano per poi dedicarsi all'illustrazione della Divina Commedia, dei Fioretti di S. Francesco e di alcune riviste: “La Lettura”,
“Rapiditas”, “La Casa”, “Fantasio”, “Italia ride”, “L'Avanti della Domenica”. Da architetto si dedica al progetto di case coloniche, restaura
e realizza alcune residenze signorili, come il villino De Grossi, a Marino. A queste molteplici attività Cambellotti associa quella di pittore e
lavora a fresco con l'intento di trasferire sull'architettura le immagini del paesaggio circostante. Si dedica alla realizzazione di vetrate artistiche,
tra le più belle quelle della Casina delle Civette di Villa Torlonia a Roma. Esegue, inoltre, i bozzetti di molte vetrate come quelle della Cappella
della Flagellazione a Gerusalemme, e collabora anche all'organizzazione della prima mostra delle vetrate artistiche italiane (1912).
Per quanto riguarda la sua evoluzione stilistico-formale, ben presto passa ad un genere di grafica più adatto alla diffusione in
quanto moltiplicabile nonché avente come medium una materia calda, vivente: il legno, più vicina al temperamento dell'Artista: la xilografia.
Le prime incisioni da lui eseguite sono però cinque puntasecche, databili tra il 1900 e il 1910. Esaminando le cinque puntasecche iniziali, si
avverte come preannuncino motivi ricorrenti nelle successive incisioni e nei differenti versanti dell'opera del Maestro, motivi che formano
temi narrativi precisi. Il genio ad un tempo realistico e visionario di Cambellotti è tutto concentrato sulla potenza dell'uomo, artefice del proprio
destino. La scenografia dell'umano coincide con una natura suggestiva, perché primordiale e pura insieme, mentre si avverte, nell'intreccio
della semplice e ad un tempo complessa poetica cambellottiana, la presenza del mito e del panteon romano, in tutte le sue sfaccettature e
radici. La sua attitudine narrativa disegna un'allegoria di immagini tradotte in simboli dell'umana esperienza e s'innesta sulla sua capacità di
osservare con ampiezza, di tradurre in sintesi un vasto numero di esperienze visive poggiando la sua concezione dell'arte sull'idea che essa
ha una funzione sovrattutto educativa. Lo scopo è quello di avvicinare le classi lavoratrici all'arte attraverso la diffusione della cultura, da più
parti vagheggiata, e per la quale il Nostro mette a disposizione la propria natura solida e popolare e quel suo “vigore inventivo” misto di
significante, stile e significato. È ben comprensibile allora la sua predilezione per l'illustrazione e decorazione del libro, creando attorno ad
esso un'aspettativa che può giungere al di là della qualità letteraria del testo, come altresì l' interesse per l'incisione, e l'aspirazione di vedere
largamente diffuse le xilografie che formano il ciclo delle Leggende Romane.
°
°
°
Le Romanae Fabulae o Leggende Romane, costituiscono un ciclo di 35 tavole più due varianti, una rigettata e l'altra incisa anche in
formato ridotto. Il ciclo, quasi certamente incompleto rispetto alle intenzioni progettuali dell'Autore, (aveva egli forse in animo, come
taluno sostiene, di sviluppare ancora i miti della Roma arcaica e del regno, per poi dedicarsi alle fabulae d'età repubblicana e quindi all'era
imperiale? In assenza di fonti formali in tal senso, tale suggestiva ipotesi è destinata a giacere nel limbo delle congetture) fu realizzato fra il
1926 ed il 1957. Alcune xilografie riproducono disegni a tempera su carta, eseguiti in anni precedenti, dal 1908/10, e che come riferì il figlio
Lucio, promotore col nipote Marco della tiratura unica e postuma del 1980, che presentiamo in questa mostra ne rappresentano “anche
tecnicamente la premessa, perché Cambellotti […] lavorava in essi di scavo: invece di riportare nero su bianco, egli stendeva su un fondo scuro
la tempera bianca, a corpo, per cavarne i chiari, come nella xilografia la sgorbia scava i chiari e lascia emergere gli scuri”. I sei disegni
preparatori ed il modellato in cera rossa, gentilmente forniti dall'Archivio Cambellotti, costituiscono un importante contributo per una
corretta lettura, anche sotto il profilo filologico, dell'opus Leggende Romane, consentendo di seguire tutte le fasi del processo creativo, dalla
primidea all'opera compiuta.
Matteo Maglia
8
Le Madri (1935). Xilografia originale, mm 496x490, monogramma in matrice in basso a sx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di
50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. La parola
all'Autore: Lambisce il Velabro e il Capitolio la turbinosa onda del Tevere, che, quale colubro mastodontico, inimaginabile, si snoda in mille curve fantastiche verso
il lontano mare. La lupa sabina, che nutre i sette lupatti sacri a Mamors, il nume guerriero, vigila dal Quirinale. Lungi, verso il Velabro, la giovane lupa allatta la
prole gemina di Rea, sacra ai destini di Roma. Secondo l'autografo di Duilio Cambellotti, l'opera sarebbe stata inserita nella sezione delle Leggende
intitolata i Progenitori -la Razza. Q s61-t79.
9
Pater Tiberinus (1935). Matrice originale, in legno di bosso, di filo, intagliata a sgorbia, mm 497x497. Arch. Cambellotti, n. 2940.
10
Pater Tiberinus (1935). Xilografia originale, mm 497x497, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e
postuma di 50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio
Lucio Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Opera
destinata dall'A. alla sezione delle Leggende relativa all'ambiente naturale. E' Cambellotti stesso che descrive così la sua opera: Dannata a morte è
la vestale Silvia, infedele ai voti; dannata a morte è anche la prole gemina, destinata ai gorghi tiberini. Ma il Tevere sarà benigno con le piccole vittime e, al quietarsi di
una sua collera, lascerà in secco il piccolo cesto col suo carico infantile. I cavalli selvaggi all'abbeverata vedranno stupiti il prodigio nuovo del cesto rimasto in secco. (In:
Gente nostra, 1943, pag.8). Q s64-t75.
11
Rea Silvia (1929). Disegno originale (bozzetto), a matita su carta burro, mm 500x500. Non firmato. Raffigura una giovane donna seduta su
un gradone, con aria impaurita, mentre un uomo armato fa il gesto di ghermirla; sullo sfondo un branco di lupi con i gemelli che si allattano a
una lupa. Arch. Cambellotti, n. 1707.
12
Rea Silvia (1929). Xilografia originale, mm 495x502, monogramma in matrice in basso a sx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di
50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Così
Cambellotti chiosa la sua stessa opera: Scende dal cielo il Mamors e sorprende Rea Silvia, la vestale custode del fuoco. Dall'amplesso divino verranno Romolo e
Remo, i gemelli fatidici, destinati a iniziare la nuova epopea di Roma. I gemelli, i giovani lupi, che dovranno, adulti, cimentarsi colla prole sabina del Quirinale, per poi
fraternizzare con quelli alla formazione della gente romana. Secondo l'autografo cambellottiano, la xilografia era destinata alla sezione dedicata alle
Vestali, delle Leggende Romane. Q s50-t91.
13
Numa (1930). Xilografia originale, mm 531x501, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di 50
ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Numa
Pompilio, secondo re di Roma, di origine sabina, divise l'anno in dodici mesi, riformò la religione dei romani, eresse il tempio di Giano, istituì
gli Auguri e le Vestali. Secondo la leggenda, riceveva consigli dalla Ninfa Egeria. Per tale motivo, Cambellotti colloca l'opera nella sezione
Sacra delle Leggende Romane. Q s55-t103.
14
Caput Oli (1935). Xilografia originale, mm 501x501, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di
50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Secondo
Duilio Cambellotti, l'opera avrebbe dovuto far parte del capitolo delle Leggende Romane intitolato Sacra. Il tema è tratto dalla leggenda
sull'origine del nome Campidoglio (Capitol in inglese): Caput Oli ossia testa di Olus, ritrovata intatta durante gli scavi tra le fondazioni del
Tempio di Giove Capitolino (cfr.: T. Livio, Ab urbe condita, I,55 - Plinio Seniore, Naturalis historia , XXVIII,2,4). Q s66-t104.
15
Gli Auspici (1927). Xilografia originale, mm 499x500, monogramma in matrice in basso a sx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma
di 50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980.
Quest'opera appartiene alla sezione delle Leggende Romane dedicate alla Fondazione. Q s40-t82.
16
Dolor Tiberis (1956-57). Xilografia originale, mm 495x490, monogramma in matrice in basso a sx DC e spiga di grano, al centro: LXXX
SE-A MCMLVI.VII. Tiratura unica e postuma di 50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani,
stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell’
editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Si tratta di un'allegoria delle conseguenze della guerra, il genius loci nasconde il viso nel mostrare il
proprio cordoglio per le vittime. (mm). Q s136-t109.
17
Le Carmente (1920). Disegno originale (bozzetto) a matita su carta burro, mm 500x660. Non firmato. Raffigura tre donne sedute,
ammantate; una di esse accarezza il capo di un bimbo. Arch. Cambellotti, n. 1727.
18
Le Carmente (1936-37). Xilografia originale, mm 492x500, monogramma in matrice in basso a sx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di
50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio Cambellotti
a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Secondo le indicazioni lasciate
da Cambellotti, quest'opera sarebbe stata collocata nella sezione Sacra delle Leggende Romane. Il nome Carmenta ha nella sua radice il carmen, vaticinio o
responso di un oracolo. Secondo taluni autori è il nome di una Ninfa latina, onorata come divinità fatidica e madre di Evandro, venuta col figlio
dall'Arcadia nel Lazio. Le sue feste, Carmentalia, celebrate dalle donne, cadevano l'11 e 15 gennaio. Altri considerano le Carmente come ninfe delle
fonti e protettrici delle partorienti, coi nomi di Prorsa e Postvorta, a seconda della postura del feto alla nascita. Q s79-t100.
19
Il Sublicio (1910). Disegno originale definitivo a china, a pennello e biacca su cartone, mm 510x580. Monogramma e spiga in rosso in alto a
dx. Montato su passepartout. Rappresenta un uomo nell'atto di posizionare sui pilastri le travi di un ponte di legno. Arch. Cambellotti, n. 227.
20
Il Sublicio (1926). Xilografia originale, mm 500x490, monogramma in matrice in basso al centro DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di
50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio Cambellotti
a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Si tratta, probabilmente, della
prima xilografia incisa da Cambellotti per il ciclo Leggende Romane o Romanae Fabulae, costituito da 35 tavole più due varianti, una rigettata dal
medesimo Autore e l'altra incisa anche in formato ridotto. Il ciclo, quasi certamente incompleto rispetto alle intenzioni progettuali dell'Autore fu
realizzato da Cambellotti fra il 1926 ed il 1957. Alcune xilografie, come questa, riproducono disegni a tempera su carta, eseguiti dall'Artista in anni
precedenti, dal 1908/10, e che come riferì Lucio Cambellotti in nota all'edizione Quasar, figlio di Duilio e promotore col nipote Marco della tiratura
unica e postuma del 1980, che presentiamo in questa mostra ne rappresentano “anche tecnicamente la premessa, perché Cambellotti […] lavorava
in esse di scavo: invece di riportare nero su bianco, egli stendeva su un fondo scuro la tempera bianca, a corpo, per cavarne i chiari, come nella xilografia la
sgorbia scava i chiari e lascia emergere gli scuri”. Il Sublicio appartiene al capitolo delle Leggende Romane intitolato La Propulsione. Q s36-t107.
21
Anna Perenna (1926). Xilografia originale, mm 492x480, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e
postuma di 50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio
Lucio Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980.
Ovidio riferisce che Anna Perenna era una anziana donna di Boville, cittadina ai piedi del monte Albano, che - durante la ritirata della plebe
sul Monte Sacro -aveva sfamato i ribelli nutrendoli con pane cotto da lei stessa. Altri considerano Anna Perenna una divinità romana,
probabilmente dea della luna e personificazione delle fasi di essa. Alle Idi di Marzo si celebrava in suo onore una festa con giochi e
gozzoviglie, il che confermerebbe l'ipotesi di Ovidio, accolta anche da Cambellotti, che comprende quest'opera tra quelle delle Leggende
Romane intitolate le Rivoluzioni. Q s37-t99.
22
Tarqnas (1930). Xilografia originale, mm 501x500, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di
50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Secondo le
indicazioni ritrovate nell'Archivio Cambellotti, quest'opera avrebbe dovuto far parte del capitolo Sacra delle Leggende Romane. (mq) Q s57t105.
23
Bellum m (1939). Xilografia originale, mm 500x485, monogramma in matrice in basso a sx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di
50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Quest'opera
sarebbe dovuta appartenere alla sezione La Propulsione nel ciclo delle Leggende Romane. Q s83-t106.
24
L'Apoteosi di Romolo (1930-31). Xilografia originale, mm 501x501, monogramma in matrice in basso a sx DC e spiga di grano. Tiratura
unica e postuma di 50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati
dal figlio Lucio Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma
1980. Nel ciclo delle Leggende Romane questa incisione appartiene alla sezione Le rivoluzioni. Q s60-t96.
25
Navis Alvia (1927). Xilografia originale, mm 500x500, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma
di 50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Nel ciclo
delle trentacinque Leggende Romane questa incisione appartiene alla sezione Le Vestali. Una Vestale, accusata ingiustamente, per provare la sua
innocenza, prodigiosamente disincaglia una nave. (Cfr. Fiducia, S., 1960). Q s41-t93.
26
Mamors (1929). Xilografia originale, mm 500x476, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di
50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Nel ciclo
delle trentacinque Leggende Romane questa incisione appartiene alla sezione dedicata ai Progenitori e alla razza.. “Il nume della guerra e della
pace, cinto di bronzo, vibra l'asta minacciosa, stringe il vomere possente, discende dai monti a valle, scortato dai lupi. E' il Marte che Sabini e
Latini, già prima di Roma, invocano sia per l'impresa pacifica del solco fecondo, come per l'impresa cruenta che serve a proteggerlo da ogni
insidia. E' il sacro nume che inizia la Gente romana”. (Cfr. Cambellotti, D., in Gente nostra, 1943). Q s53-t76.
27
Servio (1928). Disegno originale definitivo a biacca e china, a pennello su cartoncino chiaro, mm 530x620. Non firmato. Rappresenta un
uomo corazzato mentre installa la chiave di volta di un arco, facente parte delle mura di cinta di una città visibile sullo sfondo. Arch.
Cambellotti, n. 1432.
28
Servio (1928). Xilografia originale, mm 500x500, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di 50
ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Nel ciclo
delle trentacinque Leggende Romane questa incisione appartiene alla sezione dedicata a la Fondazione. Servio Tullio, sesto re di Roma, sincretizzato nell'opera di C. con la chiave di volta d'un arco che mostra di sorreggere con una mano - constata l'ampliamento dell'urbe, da lui
propugnato e la cinge con nuove, possenti mura megalitiche, che passeranno alla storia come mura serviane. Q s42-t85.
29
Acca Larentia I (1940). Disegno originale (bozzetto), a matita su carta lucida, mm 540x530. Monogramma e spiga in basso a dx. Montato su
passepartout. Raffigura A.L. inginocchiata e protesa in avanti, nell'atto di offrire il seno ad una moltitudine di piccoli poppanti affamati; sullo
sfondo una lupa ululante ed un villaggio etrusco. Arch. Cambellotti, n. 1772..
30
Acca Larentia I (1940). Xilografia originale, mm 500x495, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di 50
ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio Cambellotti a lapis
in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Nel ciclo delle trentacinque Leggende
Romane questa incisione appartiene alla sezione dedicata ai Progenitori - la Razza . Secondo Ovidio e Plinio Senior, Acca Larentia fu moglie di Faustolo,
pastore di Numitore, e nutrì ed allevò Romolo e Remo scampati dalle acque del Tevere. Data la sua straordinaria prolificità - prima d'adottare i Gemelli
fatidici aveva già dodici figli si mormorava che fosse di facili costumi e per tale motivo fu soprannominata lupa che in latino sta per prostituta. Secondo
altre fonti fu una moglie fedele e fertilissima e per tale motivo si prendeva cura anche di bimbi altrui come balia, ciò che fece anche con R&R. Q s86-t77.
31
La Messe Tarquinia (1936). Xilografia originale, mm 501x501, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e
postuma di 50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio
Lucio Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Nel
ciclo delle trentacinque Leggende Romane questa incisione appartiene alla sezione intitolata le Rivoluzioni . Secondo la leggenda, i Romani
gettarono nel Tevere il raccolto dei Tarquini che s'insabbiò, formando l'Isola Tiberina. (mq). Q s78-t98.
32
Le Carine (1927). Xilografia originale, mm 501x495, monogramma in matrice in basso a sx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di
50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. L'opera che
raffigura carene di navi strappate ai nemici, come trofeo bellico, fu destinata da C. alla sezione delle Leggende, devoluta alla Propulsione, ossia
agli eventi bellici. Q s38-t108.
33
I Semoni I (1950). Xilografia originale, mm 492x500, monogramma in matrice in alto a sx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di
50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Alcuni
commentatori delle tradizioni religiose latine ritengono i Semoni genii appartenenti ai Lari (cfr.: Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, Fratres
Arvales e Chant des Frères Arvales, I,1,p.452,1)ed invocati insieme a questi per il buon esito del raccolto. Altri - e Cambellotti, inserendo la
tavola nella sezione Sacra delle Leggende Romane, mostra di preferire questa interpretazione - accostano i Semoni ai Penati ed ai Mani come
gruppo di forze divine che presiedevano alla germinazione del grano ed alla prosperità delle sementi. (mq). Q s108-t101.
34
I Semoni II (1952). Xilografia originale, mm 495x500, monogramma in matrice in basso a sx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma
di 50 ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Nel ciclo
delle trentacinque Leggende Romane questa incisione appartiene anch'essa alla sezione intitolata Sacra . (mq). Q s111-t102.
35
Volc II (1935). Disegno originale (bozzetto) a matita e matita grassa su carta burro, mm 500x500. Non firmato. Rappresenta tre tori al
galoppo con un vulcano in eruzione sullo sfondo. Arch. Cambellotti, n. 1715.
36
Volc II (1935). Xilografia originale, mm 500x500, monogramma in matrice in basso a dx DC e spiga di grano. Tiratura unica e postuma di 50
ess. su carta Japon Kawashi, di cui 43 numerati in numeri arabi e 7 in numeri romani, stampati a mano e siglati e datati dal figlio Lucio
Cambellotti a lapis in basso a dx, tiratura e titolo a lapis in basso a sx, sigillo a secco dell' editore Quasar in basso a dx, Roma 1980. Nelle
indicazioni lasciate da Duilio Cambellotti, quest'opera - che descrive tre tori spaventati in fuga per l'eruzione d'un vulcano avrebbe dovuto
far parte, nel ciclo delle Leggende Romane, della sezione dedicata all'ambiente naturale. (mq - mm). Q s63-t74.
37
BIBLIOGRAFIA
1. AA.VV. “L’architettura di Roma capitale”, Edizioni Golem, Roma 1971, pp. 291 (ripr.), 535.
2. AA.VV. “Artisti e cultura visiva del novecento”, ctg. Della mostra, Officine San Giorgio, Pistoia 1980, pp. 19, 25, 49, 59; figg. 64,65.
3. AGOSTINONE, E. “L’arte della ceramica nella seconda biennale”, in “Le arti decorative”, anno III, N.9, Milano settembre 1925, p.20.
4. AGOSTINONI, E. Duilio Cambellotti in “Il Secolo XX”, N. 3, Milano marzo 1908, pp. 176 – 192 con ripr.
5. AMANTEA F., “Come le nuvole”, Crippa, Cosenza 1905, pp 45- 46, 254.
6. ANGELI D., “Lo scenografo della Nave: Duilio Cambellotti in “Il Marzocco”, n 52, Firenze 29 dicembre 1907, p.2
7. ANSALDI G.R., “La mostra della campagna romana al circolo artistico, in “Orientamenti culturali”, vol. 1, fasc. 6, Roma dicembre 1945, pp. 338 – 340.
8. ANTONELLI L., “La vanga e il libro, in “La Donna”, n. 229, Torino 5 Luglio 1914, p. 24 con ripr.
9. APULEO V., “Manifesti fra due secoli. Sogni e sogni dell’ Italietta, in “Il Messaggero”, anno 101, n. 312, Roma 24 novembre 1979, p.5
10. ARICHIVI DEL DIVISIONISMO, a cura di Fiori T. e Bellonzi F., Officina, Roma 1968, Vol. I, pp. 45, 425, 428, 440, 442, 455; vol. II tavv. alle pp. 516- 522.
11. ARGAN G.C. “L’arte moderna 1770/1970”, Sansoni, Firenze 1970, p. 258, tav. 268.
12. ARGAN G.C. introduzione al volume “Il buttero cavalca Ippogrifo, Duilio Cambellotti, a cura di Pallottino P., Cappelli, Bologna 1978, pp. 5-9.
13. BALLO., G. “La linea dell’arte italiana dal simbolismo alle opere moltiplicate, Ed. Mediterranee, Roma 1964, vol. I, pp. 39, 43 (ripr), 61.
14. BARILLI R., “Aspetti del simbolismo italiano, in “Arte illustrata”, anno II, nn. 22 – 24, Milano ottobre, dicembre 1969, p. 37 (ripr).
15. BAROSSO M., “L’opera di Giovanni Cena per le scuole dell’agro romano, in “La donna”, anno XVIII, n. 366, Roma – Torino 20 gennaio 1922, p. 21 con ripr.
16. BATTISTI E., in ctg. Mostra Art Nouveau Liberty Jugend Still, Roma 1964.
17. BELLONZI F., Duilio Cambellotti: tradizione e modernità di un maestro dell’arte italiana, in “Notiziario d’arte”, nn. 9-10, Roma settembre – ottobre 1964, pp 164 – 168
18. BELLONZI F., Duilio Cambellotti in “Il dramma antico” anno XI, nn. 5-6, Roma maggio- giugno 1964, pp. 23-25.
19. BELLONZI F., Lineamento della scultura italiana contemporanea, in catalogo “Scultori italiani contemporanei”, La Gradiva, Firenze 1970, pp. 34-35 (ripr), 36.
20. BELLONZI F. La grafica fra le due guerre: Duilio Cambellotti, in catalogo II Il Biennale della grafica, Firenze 1970.
21. BELLONZI F. Sulle arti e le lettere del Liberty, in catalogo “Mostra del Liberty italiano”, Palazzo della Permanente, Milano 1972/73.
22. BELLONZI F., Architettura pittura scultura dal Neo- classicismo al Liberty, Edizioni Quasar, Roma 1978, pp. 16, 121, 124, 236 (ripr.) 930 – 932 ( ripr.)
23. BELLONZI F., Duilio Cambellotti in “Il Veltro”, anno XXII, NN. 5-6, Roma settembe- dicembre 1978, pp. 558- 561, con ripr.
24. BELLONZI F., Duilio Cambellotti, prefazione all’edizione delle “Leggende Romane- 35 xilografie”, Edizioni Quasar, Roma 1979.
25. BELLONZI F., Presentazione al ctg. Duilio Cambellotti: pitture, sculture, opere grafiche, vetrate e scenografie, Edizioni Quasar, Roma 1982.
26. BENEDETTI A., Cartelli artistici di Duilio Cambellotti e Adolfo de Karolis, in “Vita d’arte”, n. 30, Siena maggio 1910, pp. 194, 195 (ripr.)
27. BENEZIT, Dictionnaire des peintres, Libraire Gründ, Paris 1949, vol. II, P. 272.
28. BERTIERI R., Duilio Cambellotti artista del libro, in “Il Risorgimento grafico”, anno XIII, n.6, Milano giugno 1916, pp 129-136, 127 (ripr.) 128 (ripr.), 5 tavv. f.t.
29. BERTIERI R., Il libro di Stato e la tipografia, in “Il risorgimento grafico”, n.9, Milano settembre 1931, pp. 461, 462.
30. BIGNOZZI T., Le vetrate di Duilio Cambellotti per la chiesa italiana della Flagellazione in Gerusalemme, in “Rassegna della istruzione artistica”, anno I, n.1,
Urbino febbraio 1930, pp. 44-46 con ripr.
31. BILARDELLO E., Duilio Cambellotti in “Il Corriere della Sera”, Milano 22 marzo 1979, p. 16.
32. BOCCA G., I manifesti italiani tra Belle Epoque e fascismo, Milano 1971, p. 126 (ripr.)
33. BOCCIONI U., Scritti editi e inediti, a cura di Birolli Z., Feltrinelli, Milano 1971, pp. 299, 342, 461, 463.
34. BONAIUTO V., Il teatro dell’aperto, Sindacato italiano Arti Grafiche, s.d., pp. 51,52,54 (ripr.) 55 (ripr.), 56 (ripr.), 57 (ripr.), 59,61,62,64,67, 74-80, 81,82,83 tavv. f.t.
35. BONAIUTO V., I Fioretti illustrati da Duilio Cambellotti, in “Il Giornale dell’Isola”, il 18 febbraio 1927.
36. BOSSAGLIA R., Testimonianze critiche dell’età Liberty in Italia, in “Arte in Europa”, Milano 1966, pp. 927, 936, 939, 940, 943.
37. BOSSAGLIA R., Il liberty in Italia, Il Saggiatore, Milano 1968, pp. 109, 110, 142, 143, 156.
38. BOSSAGLIA R., Il liberty: storia e fortuna del liberty in Italia, Sansoni, Firenze 1974, pp. 11-12, scheda p. 122, fig. 30 p. 72
39. BOSSAGLIA R., Cambellotti Duilio in “Dizionario Biografico degli italiani”, Roma 1974, vol. XVII, pp. 88-90.
40. BOSSAGLIA R., Il Dèco italiano fisionomia dello stile 1925 in Italia, Rizzoli, Milan 1975, pp. 17,65, tavv. 16 e 85, scheda p. 82.
41. BOSSAGLIA R., Arte e socialità in Italia dal realismo al simbolismo 1865- 1915, Palazzo della Permanente, Milano 1979, pp. 67, 91-92, 388- 389 (ripr.)
42. BOSSAGLIA R., Il manifesto: avanguardia e simbolo del Liberty, in catalogo “Mitologia e iconografia del XX secolo dal 1895 al 1914”, De Luca Editore, Roma 1979, p. 11.
43. BOSSAGLIA R., Arti decorative e Dèco, in catalogo “La Metafisica: gli anni venti”, Bologna 1980, II volume, p. 147.
44. BRANCA R., Breviario di xilografia, Editrice Sarda Fossataro, Cagliari 1967, p. 108, tavv. 196, 197.
45. B.V., Il nuovo cartellone di Duilio Cambellotti, in “Rappresentazioni classiche al teatro greco di Siracusa”, anno V, n.4, Siracusa, marzo aprile 1924, pp. 17-18.
46. CABASINO S., Il figurino nel teatro contemporaneo italiano, Danesi, Roma 1945, pp. 16,18 (ripr.), 19 (ripr.), 21 (ripr.), tavv. f.t.
47. CALABI A., I caratteri artistici del Libro di Stato, in “Il Risorgimento grafico”, n.9, Milano settembre 1931, pp. 449- 450, 451 (ripr.), 453 (ripr.), 2 tavv. f.t.
48. CALDERINI G., Duilio Cambellotti in “I diritti della scuola”, anno XXI, n.11, Roma 4 Gennaio 1920, pp. 82-83
49. CALLARI L., Storia dell’arte contemporanea italiana, Loescher, Roma 1909, p. 417.
50. CALLARI L., Duilio Cambellotti in “Thieme U. u. Becker F.”, vol V, Leipzig 1911, p. 426.
51. CAMBELLOTTI A., Ricordo di mio padre, in “C.S.E.P.”, quaderno 3°, Borgo Montenero maggio 1973, pp. 19-22 (ripr.)
52. CAMBELLOTTI D., Leggende romane, il sacro convegno capitolino, in “Storia”, Tuminelli e C. Editori, anno II,n. 23, Roma 10 maggio 1939, pp. 434, 435 (ripr.),
436, 437 (ripr.), 438, 439 (ripr.), 440.
53. CAMBELLOTTI D., Paesi e genti, Terracina, in “Storia”, anno I, n. 11, Roma 10 novembre 1938, pp. 499 (ripr.), 599-501 (ripr.), 502-503 (ripr.), 504-505 (ripr.), 506.
54. CARDANO N., La mostra dell’agro romano, in ctg. “Roma 1911”. De Luca editore, Roma 1980, pp. 178 (ripr.), 180-188,190 (ripr.), 193, 195 (ripr.), 196 (ripr.), 197 (ripr.)
55. CARDANO N., TANTARELLI P., Immagini dell’agro romano agli inizi del novecento ctg. Mostra Libreria Adria, Roma 1981.
56. CARRA’ C., L’arte decorativa contemporanea, Alpes Milano 1923, pp. 24 (ripr.), 27 (ripr.), 28 (ripr.), 59- 60, 81.
57. CARTON F., La scuola dell’agro romano, in “Capitolium”, anno I, N.12, Roma marzo 1926, pp. 734, 735 (ripr.)
58. CATALDI, VILLARI F., Biografia e schede in ctg. Artisti scenografi italiani 1915/1930. De Luca, Roma 1981, pp. 86-90 (ripr.)
39
59. CECCARIUS, Cronaca minima della prima de La Nave al Teatro Argentina, in “Ricordi romani di Gabriele D’Annunzio”, Palombi Editori, Roma 1938, pp. 167 (ripr.), 171, 173
(ripr.)
60. CECCHI D., Ricordo di Cambellotti, in “Il Messaggero”, Roma 4 febbraio 1960, p.3.
61. CECCHI E., La mostra dell’agro, in “Il Marzocco”, n. 44, Firenze 29 ottobre 1911, pp. 3-4.
62. AA.VV., Cento anni a Roma 1870/1970. F.lli Palombi editori, Roma 1970, copertina.
63. CEVERSATO A., Latina Tellus, Voghera, Roma 1922, pp. IX, XVI.
64. CHERUBINI, L., La Roma di Balla e Cambellotti, in “L’Avanti”, Roma 4 Marzo 1979, p.12 con ripr.
65. CHIBBARO L., Primavera classica in Sicilia”, in “Il Giornale d’Italia”, Roma 27 aprile 1930,p. 3
66. AA.VV., Chi è? Dizionario degli italiani d’oggi, III ed., Roma 1936, p. 161.
67. COLONNA B., Gli scenografi italiani nel teatro contemporaneo, in “Il Giornale d’Italia”, Roma 1938, p.3.
68. COMANDUCCI A.M., I Pittori italiani dell’ Ottocento, Milano 1934, p. 110.
69. COMANDUCCI A.M., Dizionario illustrato dei pittori, disegnatori e incisori italiani e moderni e contemporanei, L. Patuzzi Editore Editore, Milano 1945, p. 114.
70. CONTI B – MORINO A., Sibilla Aleramo e il suo tempo, Feltrinelli, Milano 1981, pp. 45 (ripr.), 339.
71. CONTINI E., Duilio Cambellotti scenografo, in “Il Messaggero”, Roma 19 aprile 1928, p.3 con ripr.
72. CORNAZZA M., Il Giulio Cesare di E. Corradini, in “La Tribuna”, 1 maggio 1928, p.3 con ripr.
73. CORPACI F.M., Le rappresentazioni classiche al teatro greco di Siracusa, in “Il Mondo”, 22 aprile 1922, p.3
74. CORSI, M., Le rappresentazioni classiche di Siracusa, in “Il Giornale della Domenica”, anno IV, n. 15 Roma 9-10 aprile 1933, p.1 (ripr.)
75. CORSI, M., Il teatro all’aperto in Italia, Rizzoli, Milano 1939, pp. 63, 68, 71, 76.78, 83-84, 92, 120, 122, 132, 134, e tavv. a pp. 63, 68- 71, 73-75, 78-79, 83-85, 93, 95, 97, 99.
76. COZZANI E., Duilio Cambellotti, in “L’Eroica”, nn. 231-232, Milano novembre- dicembre 1937, pp. 35-38 con ripr.
77. CREMONA I., Il tempo dell’Art Noveau, Vallecchi, Firenze 1964, pp. 125, 188, 193.
78. CRESPI D., Le “scene” del Nerone, in “Brillante”, Roma 28 febbraio 1928, p.3.
79. CRESTI C., Nel nome di Dante tra conformismo e modernismo, in catalogo. “… E nell’idolo suo si trasmutava – La Divina Commedia novamente illustrata da artisti italiani,
Concorso Alinari 1900 – 1902”, Galleria d’arte Moderna, Bologna 1979, pp. 16,18.
80. CRISPOLTI E., Vicende dell’immagine fra secessione e simbolismo, in “L’Arte moderna”, XXII, Fabbri, Milano 1967, p. 64.
81. CRISPOLTI E., Il mito della macchina e altri temi del futurismo, Celebes Editore, Trapani 1971, pp. 63, 331, 341.
82. D’ALBA L., Il mito d’Ifigenia, in “Il Popolo di Roma”, ivi 1 aprile 1930, p.3.
83. D’AMICO S., Medea e il Ciclope di Euripide nel teatro greco di Siracusa, in “La Tribuna”, Roma 23 aprile 1927, p.3 (ripr.)
84. D’AMICO S., Boccadifuoco e noi, in “La Tribuna”, Roma 25 marzo 1930, p.3.
85. D’AMICO S., Boutet e il sogno della Stabile, in “Scenario”, n.7, Milano luglio 1935, pp. 368, 369, 370 con ripr.
86. D’AMICO S., Panorama del Teatro di D’Annunzio, in “Rivista italiana nel dramma”, n.2, 1940.
87. D’AMICO., Storia del teatro drammatico, Garzanti, Milano 1953, vol. IV, p. 272, tav. 310 a p. 309.
88. D’AMICO S., Dal capocomico al regista, in “Cinquanta anni di teatro in Italia”, C. Bestetti, Roma 1954, p.19.
89. DAMIGELLA A,M., Idealismo e socialismo nella cultura figurativa romana del primo 900: Duilio Cambellotti, Cronache di archeologia e storia dell’arte, n.8, Caltanissetta 1969,
pp. 119 – 173 con ripr.
90. DAMIGELLA A,M, e PIANTONI G. (a cura di), Duilio Cambellotti, opere grafiche, De Luca, Roma 1970, con ripr.
91. DAMIGELLA A,M., in catalogo Aspetti dell’arte a Roma dal 1870 al 1914, De Luca, Roma 1972, pp. XLIII- LXIII, 49- 57 con ripr.
92. DAMIGELLA A,M., La pittura simbolista in Italia 1885- 1900, Einaudi, Torino 1981, pp. 4, 207 – 209, 214; ill. 73-77, 92-94.
93. DE ANGELIS A., Teatro Reale dell’Opera, Sindacato Italiano Arti Grafiche, Roma 1928, p. 129 (ripr.)
94. DE ANGELIS A., Scenografi italiani di ieri e di oggi, Cremonese, Roma 1938, pp. 59,60 tavv. XIX, XXII.
95. DEBENEDETTI E., Aspetti di Duilio Cambellotti, in “Nuova scienza”, anno XVII, n.5, Roma maggio 1976, pp. 52 (ripr.), 53 (ripr.)
96. DE GRADA R., Cambellotti Duilio, in “Enciclopedia Le Muse”, vol. VIII, Novara 1965, p.8.
97. DELOGU G., Duilio Cambellotti, in “La Voce Repubblicana”, anno I, n.61, Roma 27 marzo 1921.
98. DIDACUS, Gli illustratori di libri, “Novissima”, Roma 1906, p.5.
99. DI PUOLO M., Duilio Cambellotti, in “Il Messaggero”, Roma 27 febbraio 1979, p.3 (ripr.)
100. DONATI- PETTENI G., Il teatro greco di Siracusa, in “Il Secolo XX”, anno XX, n.4, Milano 1 aprile 1921, pp. 245 - 252.
101. AA.VV. Dizionario enciclopedico Italiano, vol. II, Roma 1970, p. 651.
102. DURBE’ D., Prefazione catalogo Aspetti dell’arte a Roma dal 1870 al 1914, De Luca, Roma 1972, pp. XII, XIII, XVII.
103. DURBE’ D., Situazione romana, in catalogo “La grafica dal realismo al simbolismo”, IV Biennale internazionale della grafica, Firenze 1974, pp. 30,31,32.
104. EGO SUM, Il tappeto in “La Casa bella”, n.2, Milano febbraio 1928, pp. 42 (ripr.), p. 45.
105. ELEUTERI E.M., I “25” della Campagna Romana, in “Selezione d’arte”, anno I, n.0, Roma novembre – dicembre 1978, p.44.
106. EL HIDALGO, All’esposizione di Belle Arti per la medaglia di Roma, in “Sancio pancia”, anno I, n.83, Roma 8 maggio 1906, pp. 1-2.
107. AA.VV. Enciclopedia italiana, Vol VIII, Roma 1949, p. 498, tavv. XCV, XCVI.
108. AA.VV. “…E nell’idolo suo si trasmutava” – La Divina Commedia novamente illustrata da artisti italiani, Concorso Alinari 1900 – 1902, Galleria D’Arte Moderna, Bologna
1979, pp. 68-78 con ripr.
109. AA.VV. Esposizioni di Roma, Torino e Firenze (Le), Treves, Milano 1911, p.13.
110. AA.VV. Esposizione Internazionale di Lipsia, Relazione sulla partecipazione ufficiale dell’Italia alla Esposizione Internazionale del libro e d’arte grafica, Comitato Nazionale per
le Esposizioni italiane all’estero, Milano 1915, pp. 18 (ripr.) 22.
111. FAETI A., Guardare le figure, Einaudi, Torino 1972, pp 226 (ripr. n.61), 231 – 232, 383, 383- 384.
112. FAGIOLO Dell’Arco M., Duilio Cambellotti, raccogliere una forma attorno a un pensiero, in catalogo “Duilio Cambellotti: mobili, oggetti progetti”, Galleria dell’Emporio
Floreale, Roma 1975.
113. FAGIOLO Dell’Arco M., Cambellotti, Accademici di San Luca n.7, Editalia, Roma 1976.
114. FAGIOLO Dell’Arco M., Un’utopia socialista, in “Il Messaggero”, Roma 18 settembre 1976, p.3
115. FAGIOLO Dell’Arco M., Innocenti, Editalia, Roma 1977, pp. 8, II.
116. FALENA U., La prima rappresentazione della Nave, in “Almanacco del teatro italiano” a cura di Benvenuti B., Contemporanea, Arezzo 1931, pp. 35, 36,37.
117. FALLANI G., L’arte di Duilio Cambellotti, in “L’Osservatore della Domenica”, anno 44, n. 17, Roma 24 aprile 1977, p. 17.
118. FANELLI G., Il disegno Liberty, Editori Laterza, Roma-Bari 1981, pp. 25, 99-101; figg. 658 – 665. 696.
40
119. AA.VV. Fede e arte, Rivista d’arte sacra, anno III, n. IX, Città del Vaticano settembre 1955, p. 285 (ripr.)
120. FEDERICI R., Pittori della Roma umbertina, in “Paese Sera” – Il nuovo corriere”, Firenze 17 ottobre 1975, p.5.
121. FELICE C,A., La sezione del teatro alla mostra di Monza, in “Le arti decorative”, anno 3°, n.8, Milano agosto 1925, pp. 34-36 con ripr.
122. FIDUCIA S., In catalogo mostra postuma, Enal, Ragusa 1960.
123. FIUMI M.L., Le rappresentazioni classiche al teatro greco di Siracusa, in “La Tribuna”, 22 marzo 1922, p.3.
124. FIUMI M.L., Il ritorno di Dioniso, in “La Tribuna”, 25 aprile 1922, p.3 (ripr.)
125. FIUMI M.L., Dopo l’Edipo, in “La Tribuna”, 30 aprile 1922, p.3.
126. FOSSATI P., Non dimentichiamo gli illustratori, in “La Stampa”, Torino 28 luglio 1978.
127. FRANCO G., La 90° Mostra degli Amatori e Cullatori, in “Il Popolo Romano”, Roma 31 marzo 1922.
128. FRASCHETTI V., Origine e sviluppo della xilografia in Italia, I parte, in “Lignum”, anno IV, n. 1, Roma gennaio 1938, p.13 (ripr.), 14.
129. FRASCHETTI V., Visita a Duilio Cambellotti, in “Auditorium”, anno VII, n.,10, Roma ottobre 1958, pp. 6-7 (ripr.)
130. FRASCHETTI V., Duilio Cambellotti, Tipografia della Pace, Roma 1961.
131. FRASCHETTI V., In catalogo Onoranze a Giovanni Pascoli, Matera 1962/63, pp. 3, 13.
132. FRASCHETTI V., Duilio Cambellotti, in catalogo “IV rassegna di arti figurative di Roma e del Lazio”, Ateneo, Roma 1963, p.38, tavv. 1-3.
133. GALASSI PALUZZI C., “I XXV” della campagna romana, Alfieri & Lacroix, Roma 1922, pp. 52, 55-60, 2 tavv. f.t.
134. GHILARDI A., Duilio Cambellotti, in “L’Osservatore della Domenica”, anno 44, n. 17, Roma 24 aprile 1977, pp. 15-19 con ripr.
135. GIUBILEI M.F. scheda in ctg. Mostra “Il Liberty italiano e ticinese”, Edizioni Quasar 1981, p. 62.
136. GONZALES-PALACIOS A., I mobili che tentano di superare il Liberty, in “Il Mondo”, n. 24, Roma 12 giugno 1975, p.80.
137. GREGORI M.G., Teatro e scenografia, in ctg. “Gli Annitrenta”, Mazzotta, Milano 1982, p. 360; scheda a p. 608.
138. GRITA. L’esposizione a Roma: (IV) Il bianco e nero, in “Fantasio”, n. 5, Roma 26 aprile 1902, p. 14.
139. GUERRIERI G., L’interpretazione di Shakespeare dal 700 al 900, in “Cinquanta anni di teatro in Italia”, C. Bestetti, Roma 1954, p. 86.
140. GUZZI V., La linea della ricerca figurativa in Italia dal verismo dell’ultimo Ottocento al 1935, in catalogo “X Quadriennale Nazionale d’Arte”, Palazzo delle Esposizioni, Roma
1972/73, p. 253.
141. JANNATTONI L., D’Annunzio lo ribattezzò Duilius Romanus, in “Il Tempo”, Roma 21 marzo 1960, p.3.
142. LALIA A., Tecnica del cartellone, Istituto di publicismo , Roma 1950/51, p.8.
143. LAMBERTINI L., Seppe raccogliere forme attorno ai pensieri, in “Il Gazzettino”, 6 marzo 1979, con ripr.
144. LAMBERTINI L., Quando l’arte s’indirizza al popolo, in “L’Unione Sarda”, Cagliari 14 marzo 1979, con ripr.
145. LANCELLOTTI A., Storia aneddottica della rèclame, Quinteri, Milano 1912, pp. 45, 48 (ripr.), 49 (ripr.), 50.
146. LANCELLOTTI A., Giornalismo eroico, Edizioni di Fiamma, s.l. 1924, pp. 64,65 (ripr.), 72 (ripr.), 86 (ripr.), 140, 141.
147. AA.VV. La Tribuna, Roma 17 febbraio 1932, ripr.
148. LAVAGNINO E., L’arte moderna dai neoclassici ai contemporanei Utet, Torino 1956, vol. II, pp – 685 (ripr.) 695, 996, 998.
149. AA.VV. Le ombre di Cambellotti in “La Repubblica”, Roma 26 febbraio 1979, ripr.
150. LIPINSKY A., Erst internazionale Ausstellung für christliche Kunst”, anno XXVIII, n.I, Monaco ottobre 1931, pp. 8,9 (ripr.)
151. LOMBARDI G., Testimonianza a Duilio Cambellotti in “La Festa”, anno XX, n.42, Assisi 19 ottobre 1941, con ripr.
152. LUSINI A., Duilio Cambellotti e il Palio di Siena, in “La Diana”, fasc. 2, Siena 1932, pp 106- 108, tavv. f.t.
153. MAMMUCCARI R., Poesia della campagna romana nell’arte dei “XXV”, Editrice Vela, Velletri 1979, pp. 17, 23, 95 (ripr.), 98 (ripr.)
154. MARAINI A., I Mostra Internazionale del Cartellone e della Grafica pubblicitaria, Pizzi & Pizio, Roma- Milano 1936, p.7
155. MARANGONI G., La seconda mostra internazionale delle arti decorative, Notizie rilievi risultati, Casa Ed. Alpes, Milano s.d. (1925), pp. 12 (ripr.), 36, 89, 93 (ripr.)
156. MARANGONI G., Enciclopedia delle moderne arti decorative: Le arti del fuoco, Ceschina, Milano 1927, tav. 140.
157. MARANGONI G., Arredo e abbigliamento, Editrice Libraria, Milano 1938, vol. II, pp. 244, 357 (ripr.), 404, 424,449.
158. MARCUCCI A., La scuola di Giovanni Cena, Paravia, Torino 1948, pp. 27, 33-35, 40, 58, 103, 165, 167, 170, 177, 179.
159. MARCUCCI G., I cinquant’anni delle scuole per i contadini: 1907-1957, in “I diritti della scuola”, nn. 2-3, 20 ottobre 5 novembre 1957, (estratto), pp- 2 (ripr.), 3.
160. MARIANI V., Storia della scenografia italiana, Il Rinascimento del libro, Firenze 1930, pp. 102, 104, tavv. alle pp. CX-CXIV, CXVI-CXVII.
161. MARIANI V., Vetrate italiane moderne in Palestina, in “Bollettino d’arte”, fasc. 10, aprile 1930, pp. 432-437, tavv. f.t.
162. MARIANI V., Cambellottiana – Note alla mostra di Palazzo Doria, in “Rassegna della istruzione artistica”, anno III, N.2, Urbino aprile 1932, pp. 97 (ripr.), 98 (ripr.),
100 (ripr.), 101(ripr.), 1 tav. f.t.
163. MARIANI V., Scenografia, in “Enciclopedia Italiana”, vol. XXXI, p. 27.
164. MARIANI V., Scenografia dannunziana, in “Scenario”, n.4, Milano aprile 1938, pp. 181, 188 (ripr.)
165. MARONI LUMBROSO M., Duilio Cambellotti e l’agro romano, in “L’Urbe”, n.1, Roma gennaio-febbraio 1960, pp. 27-30 con ripr.
166. MARTINI F.M., Eschilo e Sofocle al teatro di Siracusa, in “La Tribuna”, 1 maggio 1924, p.3 con ripr.
167. MARTINI F,M ., Il trionfale successo del Giulio Cesare di E. Corradini a Taormina, in “Il Giornale d’Italia”, Roma 1 maggio 1928, p.3.
168. MASINI L.V., Art Nouveau, Giunti – Marzocco, Firenze 1976, pp. 320 (ripr.), 340 (ripr.), 373.
169. MELANI A., L’arte nell’industria, Vallardi, Milano s.d. (1910), p. 613.
170. MENEGAZZI L., Il manifesto italiano 1882- 1925, Electa, Milano s.d. (1970), pp. 42, 219, 333 (ripr.). 370 (ripr.)
171. MONTI R., Artisti italiani del primo Novecento, in catalogo Galleria Michelucci, Firenze 1973.
172. MONTI R., 1900 Archeologia-attualità, ctg. Galleria Michaud, Firenze 1981, pp. 3, 6, 17-19 (ripr.)
173. MULE’ F,P., Il teatro greco di Siracusa…, in “Il Mondo”, anno I, n. 77, Roma 25 aprile 1922, p.3 con ripr.
174. MULE’ F,P., Nozze romane, in “Capitolium”, anno VI, n.2, Roma febbraio 1930, pp. 91-96 con ripr.
175. MURATORI S., Il palazzo Grande di Livorno, in “Architetti”, anno III, n. 14, Firenze 1952, p. 15 (ripr.)
176. NAVA-CELLINI A., Note e ricordi sull’ambiente artistico e sulla “Società degli amatori e cultori di belle arti”, in “L’Urbe”, nuova serie n.4, Roma luglio-agosto 1971, p. 15
(ripr.)
177. NEPPI A., Duilio Cambellotti, in “Echi d’Italia”, anno III,n.1, Roma 1956, pp. 17-20 con ripr.
178. NEPPI A., Manifestazione d’arte sacra a Roma, in “Studium”, anno XLII, n.10, Roma ottobre 1946, p. 307.
179. ORSOLINI CENCELLI V.,Le paludi pontine, Opera Nazionale Combattenti, Bergamo 1934, pp. 5, 283, 285, 287, 288, 290, 292, 296, 298.
180. ORTONA U., Duilio Cambellotti pittore dell’agro romano, in “L’Italia agricola”, anno XCVIII, n.2, Roma 1962, pp. 129-131.
181. ORTONA U., Gli illustratori Duilio Cambellotti in “Rassegna grafica”, anno II, n. 19, Roma ottobre 1927, copertina, pp. 17 (ripr.) – 18.
41
182. ORTONA U., Ricordi di Duilio Cambellotti, in “Brutium”, n.2, Roma marzo-aprile 1960, p.3.
183. PACUVIO G., Teatro all’aperto, in “Cinquanta anni di teatro in Italia”, C. Bestetti, Roma 1954, p. 45.
184. PALLOTTINO P., Il buttero cavalca Ippogrifo – Duilio Cambellotti, Cappelli, Bologna 1978.
185. PALLOTTINO P., Viaggio in una mostra di illustrazioni del 1900 in catalogo “… E nell’idolo suo si trasmutava, ecc”, Galleria d’Arte Moderna, Bologna 1979, p. 32.
186. PALLOTTINO P., I figli della lupa sotto l’elmo di Minerva, in “Pompei e il recupero del classico”, ctg. Mostra Galleria d’Arte Moderna, Ancona 1980, p. 154.
187. PAPINI R., Vetrate, in “Architettura e arti decorative”, fasc. V., Milano-Roma gennaio-febbraio 1922, pp. 446 (ripr.), 467 (ripr.), 468 (ripr.), 469 (ripr.), 470, 471.
188. PAPINI R., La 90° Esposizione degli Amatori e Cultori, in “Il Mondo”, anno I, Roma 28 marzo 1922, p. 3 (ripr.)
189. PAPINI R., Il gruppo di artisti romani a Monza, in “Il Mondo”, Roma 29 aprile 1923, p.3.
190. PAPINI R., Le arti a Monza nel MCMXXIII, Istituto di Arti Grafiche, Bergamo 1923, pp. 23 (ripr.), 25, 43,46 (ripr.), 48, 53 (ripr.), 59,60,64 (ripr.), 65,(ripr.), 73,76,87
(ripr.), 90, 115, 120, 125 (ripr.)
191. PASQUALI M., Tra simbolo e metafora, in catalogo “… E nell’idolo suo si tramutava ecc”, Galleria D’Arte Moderna, Bologna 1979, pp. 35-36.
192. PASTELLI E., Per i ragazzi piccoli e grandi, in “Il Marzocco”, n.2, Firenze 8 gennaio 1911, p.3.
193. PATERNOSTRO C., “Raccogliere una forma attorno a un’idea”. L’opera di Duilio Cambellotti, in “L’Osservatore Romano”, Roma 9 luglio 1976, p.3 con ripr.
194. PAVOLINI C., Scenografia e arti figurative, in “Cinquanta anni di teatro in Italia”, C. Bestetti, Roma 1954, p.98.
195. PETRUCCI A., Belle infedeli, in “Il Messaggero”, Roma 1940, p.3.
196. PETRUCCI C.A., Die Moderne Italienische Graphik, in “Die Graphischen Kunste”, anno LVI, n.4, Vienna 1933, pp. 65 (ripr.), 68.
197. PETRUCCI C.A., Incisione, in “Enciclopedia Universale dell’Arte”, vol VII, Sansoni, Firenze 1967, p. 255.
198. PIANTONI DE ANGELIS G. (a cura di), catalogo Mitologia e iconografia del XX secolo nel manifesto italiano dal 1895 al 1914, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma
1979, schede e ripr. p. 29 (tav. 86), p. 48 (tav. 28), p. 52 (tav. 38), p. 73 (tav. 76), p. 79 (tav. 85), p. 85 (tav. 98), biografia pp. 97-98.
199. PIANTONI G.,(a cura di), catalogo Roma 1911. Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma 1980, schede e ripr. pp. 195 196 e 197.
200. PICA V., I cartelloni illustrati, in “Attraverso gli alibi e le cartelle”, Ist. It. D’arti grafiche Ed., Bergamo 1904, Serie I, pp. 369, 3 70 (ripr.)
201. PICA A., Storia della Triennale 1918- 1957, Milione, Milano 1957, pp. 14, 18, 84, tavv. VII, IX.
202. PICA V., L’arte murale odierna, in “L’arte all’esposizione del 1898”, n. 19, p. 152 (ripr.)
203. PICA V., Tre concorsi, in “Emporium”, n. 80, Bergamo febbraio 1901, pp. 145, 148 (ripr.) 150.
204. PICCHIARINI C., Tra vetri e diamantii, Scuola Tip., Amatrice 1935, pp. 102, 103, 105, 106, 108, 127, 163-169.
205. PIZZUTO G., Duilio Cambellotti in “Gebrauchsgraphik”, n.2, Berlino 1941, pp. 48 (ripr.) 49 (ripr.), 50 (ripr.), 51 (ripr.), 52-56 con ripr.
206. POVOLEDO E., Cambellotti Duilio, in “Enciclopedia dello spettacolo”, vol. II, Roma 1957, pp. 1547- 1548, tavv. CCX, CCXI, 28.
207. PRAMPOLINI E., Scenotecnica, Quaderni della Triennale, Hoepli, Milano 1940, pp. 6,14,49 (ripr.)
208. PRAMPOLINI E., Lineamenti di scenografia italiana, Bestetti, Roma 1950, pp. 10, 14, tavv. 35-36.
209. AA.VV. Premiazione al Museo Artistico Industriale (La), “La Tribuna”, Roma 13 gennaio 1899.
210. PUGLIA S., Le scuole per i contadini dell’agro romano. In ctg. “Roma 1911”, De Luca Editore, Roma 1980, pp. 202, 204 (ripr.)
211. QUESADA M., Aspetti del Simbolismo, Il Segno, Roma 1977; Cesarea, Genova 1977-78.
212. QUESADA M., Symbolister, Konsthall, Malmö 1978.
213. QUESADA M., Raoul Dal Molin Ferenzona – Indagare il mistero, Galleria dell’Emporio Florea-le, Roma 1978, p. 13.
214. QUESADA M., Duilio Cambellotti illustratore, catalogo dei libri, delle riviste, delle copertine e delle cartoline illustrate, Libreria Giulia, Roma 1979; Libreria Novecento, Palermo
1979.
215. QUESADA M., L’illustrazione italiana agli inizi del secolo, in catalogo “Alberto Martini illustratore”, Libreria Giulia, Roma 1979, p.3.
216. QUESADA M., Bibliografia recente, in catalogo “Duilio Cambellotti alla Biennali di Monza”, Galleria dell’Emporio Floreale. Roma 1979.
217. QUESADA M., Grafica italiana: le tecniche e gli artisti, Tyler School of art in Rome, 1981.
218. QUESADA M., Le illustrazioni di Aleardo Terzi dal 1891 al 1921, in catalogo “Aleardo Terzi 1870-1943”, Galleria dell’Emporio Floreale, Roma 1981.
219. QUESADA M., Il segreto di Ferrazzi, in ctg. “Ferruccio Ferrazzi, opere dal 1916 al 1965”, Galleria dell’Oca, Roma 1982, p.3.
220. QUESADA M., Schede, biografia e bibliografia in ctg. Duilio Cambellotti: pitture, sculture, opere grafiche, vetrate e scenografie, Edizioni Quasar, Roma 1982.
221. AA.VV. Rassegna della istruzione artistica, anno III, n.5, Urbino settembre 1932, p. 266 (ripr.)
222. RATTA C., La decorazione del libro moderno e sua influenza nell’arte della stampa, Scuola di arte tipografica, Bologna 1922, p. 55 (ripr.), 103 (ripr.), 137 (ripr.)
223. RATTA C., Gli adornatori del libro in Italia, Bologna 1923, vol. I, tavv. 15-16, vol. III,ivi, 1924, tavv. 141-162,199,216; vol. IV,ivi, 1926, tavv. 42-44, 114-120; vol. V, ivi, 1926,
tavv. 75, 131-137; vol. VI, ivi, 1927, tavv. 22-27, 100; vol. VII, ivi, 1927, tavv. 178-180; vol. IX, ivi, 1927, tav. 9.
224. RATTA C., L’arte del libro e della rivista nei paesi d’Europa e d’America, Ratta,Bologna 1927, vol. I, pp. 74 (ripr.), 145 (ripr.), 172-175 (ripr.), vol. II, pp. 28-29 (ripr.), 323 (ripr.).
225. RATTA C., 103 incisioni di 38 artisti, “Quaderno Ratta”, nn 8-9, Ratta, Bologna 1935.
226. RECUPERO J., Prefazione al volume di E. Metalli, Usi e costumi della campagna romana, con disegni originali di D. Cambellotti, Edizioni Quasar, Roma 1982, p. 10.
227. RIGANTI T., Duilio Cambellotti, in “La Ceramica”, n.10, Milano ottobre 1953, pp. 16-19.
228. ROCCA P., Preludio alla Primavera Siciliana, in “Corriere Padano”, Padova 17 marzo 1933, p. 5
229. AA.VV. Roma Liberty, (parziale reprint degli album di Novissima), Alfieri & Lacroix, Milano 1967.
230. ROSCI M., in catalogo “Mostra del Liberty italiano”, Palazzo della Permanente, Milano 1972/73, pp. 216, 217, 218, tav. 76.
231. ROSCI M., Le arti decorative e industriali del Liberty-Floreale, in catalogo “Mostra del Liberty italiano”, Palazzo della Permanente, Milano 1972/73, pp. 52, 63 (n.4).
232. ROSCI M., Populismo e mito nell’artigiano”, Cambellotti, in “L’Italia liberty – Arredamento e arti decorative”, Görlich, Milano 1973, pp. 204-213.
233. RUBETTI G., La pubblicità nei prestiti italiani di guerra, Risorgimento grafico, Milano 1918, pp. 61 (ripr.), 76,124; dopo p. 144 contiene il fascicolo illustrato da D.C. “Venne il
dì nostro e vincere bisogna” edito dal Credito Italiano per il Quarto prestito di Guerra, 1917.
234. AA.VV. Ruota (La), Rivista mensile illustrata per i giovani, diretta da A.G. Bragaglia, anno II, n.2m Roma 25 febbraio 1916, II di copertina, sommario.
235. R.V. di Cambellotti, in “Il Corriere della Sera”, Milano 29 marzo 1976, p.7.
236. SALERNO L., Propaganda e Pubblicità, in “Enciclopedia Universale dell’Arte”, vol XI, Sansoni, Firenze 1967, p.7.
237. SALERNO L., Romanismo, in “Enciclopedia Universale dell’arte”, vol XII, Sansoni, Firenze 1967, p. 3.
238. SAPORI F., Artisti contemporanei, Duilio Cambellotti, in “Emporium”, n. 290, Bergamo febbraio 1919, pp. 75-85 con ripr.
239. SAPORI F., L’allestimento scenico di Duilio Cambellotti per le Coefere di Eschilo, in “Rassegna d’arte antica e moderna”, anno VIII, fasc. 3, Roma marzo 1921, pp. 101-103
con ripr.
240. SAPORI F., Duilio Cambellotti, in “Il Circeo”, anno II, n, 18, Roma 6 maggio 1922, p. 3 (ripr.)
241. SAPORI F., La seconda esposizione internazionale della arti decorative a Monza, in “Emporium”, vol. CCXLIII serie VI, Bergamo settembre 1925, pp. 108, 109.
42
242. SAPORI F., Roma ha risposto all’appello di Monza, in “Le arti decorative”, anno III, nn. 11-12, Milano 1925, pp.. 14-15 con ripr., 17.
243. SAPORI F., Mostra dell’Istituto Nazionale del dramma antico, in catalogo “XCII Esposizione di Belle Arti”, Soc. Amatori e Cultori di Belle Arti, Roma 1926, pp. 36-37.
244. SAPORI F., Duilio Cambellotti, in “Gazzetta del Popolo”, 11 febbraio 1929, p.3.
245. SAPORI F., L’amico degli artisti, Sapientia, Roma 1931, pp. 61-70 tavv. XII-XIII.
246. SAPORI F., Le aquile di Duilio Cambellotti, in “Rassegna Nazionale”, maggio-giugno 1931.
247. SAPORI F., L’arte e il Duce, Mondadori, Milano 1933, pp. 22 (ripr.), 24 (ripr.),, 38, 253.
248. SAPORI F., Scultura italiana moderna, La libreria dello Stato, Roma 1949, pp. 36-37, 52 (ripr.), 54, 283 (ripr.)
249. SAPORI F., I maestri di Terracina, in “Studi Romani”, Istituto di studi romani, anno I, n.5, Roma settembre-ottobre 1953, pp. 541-543.
250. SAPORI F., in catalogo Ex libris dei paesi latini, Calcografia Nazionale, Roma 1955, pp. 8,16, 31 (ripr.)
251. SCARPA P., Un artista eclettico- Duilio Cambellotti, in “Il Messaggero Meridiano”, Roma 1921, p. 3 (ripr.)
252. SCARPA P., La seconda mostra della vetrata, in “Italia”, anno VI, n.2, Roma 1922, pp. 29-31 (ripr.)
253. SCARPA P., Il cartellone murale italiano ed il suo rapido cammino, in catalogo “I Mostra nazionale del cartellone e della grafica pubblicitaria”, Pizzi e Pizio, Roma-Milano 1936,
p.10
254. AA.VV. Scilla e Cariddi, Associazione della Stampa Periodica Italiana, Roma 1909, p. 50 (ripr.)
255. AA.VV. Septimanie, n.7, Narbonne 1931, pp. 79-81.
256. SERVOLINI L., Incisione italiana di cinque secoli, Görlich, Milano 1951, pp. 58, 75, tav. LXXXIII.
257. SERVOLINI L., Dizionario degli incisori italiani moderni, Görlich, Milano 1955, pp. 147-148.
258. SERVOLINI L., Gli incisori d’Italia, Edizioni del Liocorno, Milano 1960, ripr.
259. SERVOLINI RATTA., L’incisione originale su legno in Italia, Ratta, Bologna 1925, tav. 110.
260. SEVERINI G., Tutta la vita di un pittore, Garzanti, Cernusco sul Naviglio 1946, p. 24.
261. S.G. Confessioni su Duilio Cambellottim in “Il Risveglio”, anno I, n.39, Roma 28 novembre-5 dicembre 1945, p. 3 (ripr.)
262. SINISI S., Spazio figurativo e spazio scenico, in ctg. “Artisti scenografi italiani 1915/1930”. De Luca, Roma 1981, pp. 5-6, 21.
263. SPADINI P., Biografia e bibliografia in catalogo “Duilio Cambellotti: mobili,oggetti, progetti”, Galleria dlel’Emporio Floreale, Roma 1975.
264. SPADINI P, Duilio Cambellotti, materiali inediti, Galleria dell’Emporio Floreale, Roma 1979,
265. SPADINI P., Duilio Cambellotti alle Biennali di Monza, Galleria dell’Emporio Floreale, Roma 1979.
266. AA.VV. Spettacoli classici nel teatro greco di Siracusa, in “Scenario”, anno VIII,n.3, Roma marzo 1939, p. 105 (ripr.)
267. SPROVIERI G., Cronaca d’arte per la nostra arte decorativa: la mostra della vetrata, in “Vita d’arte”, n. 60, Siena dicembre 1912, pp. 203, 204 (ripr.), 205.
268. SPROVIERI G., La mostra della vetrata a Roma, in “Emprorium”, n. 211, Bergamo luglio 1912, pp. 71,72 (ripr.), 74, 75 (ripr.)
269. SPROVIERI G., Mobili e arredi di una piccola casa, in “La Casa Bella”, n. 1, Milano gennaio 1929, pp. 46-48 con ripr.
270. SPROVIERI G., Duilio Cambellotti, in “Pubblicità e vendite”, n.6, Milano marzo-aprile 1954, pp. 71-73.
271. SPROVIERI G.,Testimonianza su Matalani, in catalogo “Mitologia e iconografia del XX secolo nel manifesto italiano dal 1895 al 1914”, De Luca editore, Roma 1979, p. 94
272. S.R. La medaglia alla mostra sindacale romana di belle arti, in “Numismatica e scienze affini”, Ed. Santamaria, anno III, n.3, Roma 1937.
273. STEFANELLI TOROSSI L., (a cura di ), Dipinti firmati tra 1870 e 1914, De Luca, Roma 1981, prefazione di M. Calvesi (p.4), pp 50-52 (ripr.)
274. TASCIOTTI V., Giovanni Cena e le scuole per i contadini, in “C.S.E.P.”, quaderno 3°, Borgo Montenero maggio 1973, p. 7 (ripr.) p 11.
275. AA.VV. Teatro Stabile a Roma (Il), in “Avanti della Domenica”, n. 43, Roma 5 novembre 1905, p.3.
276. TELLOLI FIORI T., Suppellettile, in “Enciclopedia Universale dell’Arte”, vol. XIII, Sansoni, Firenze 1967, p. 444.
277. TIRINCANTI G., Il teatro Argentino, F.lli Palombi Editori, Roma 1971, pp. 304 (tav. 316), 306, 307 (tav. 319), 308, 309 (tav. 323), 310,311 (tavv. 326, 327, 328).
278. TOSCANI I., Duilio Cambellotti, in “Avanti!”, anno XVI, n. 102, Milano 29 aprile 1922.
279. TOSI B., (a cura di), Millenni e natura. Duilio Cambellotti e il Teatro di Siracusa, Bulzoni Roma 1978.
280. TRIDENTI C., La VI mostra del sindacato laziale, in “Il Giornale d’Italia”, 2 febbraio 1936, p. 3.
281. TRUCCHI L., Cambellotti, in “Momento Sera”, Roma 21-22 maggio 1975, p.7.
282. TURATI G., L’Esposizione mondiale del libro a Lipsia: la partecipazione italiana, in “Emporium”, n. 237, Bergamo settembre 1914, pp. 231 (ripr.), 237.
283. VAGNETTI L., La ricostruzione del centro di Livorno e eil Palazzo Grande, in “Rivista di Livorno”, n.6, ivi, s.d. p. 12 (ripr.)
284. VAN OVEN D.R. Duilio Cambellotti, in “Overgedrukruit Elsevier’s Geillustreerd Maandschift”, anno LXVII, n.5, pp 297-302.
285. VARONI PASQUINI O., La scuola rurale dell’agro romano, in “Latina Gens”, anno IX, n. 12, dicembre 1931, p. 379.
286. VERONESI G., Stile 1925, Vallecchi, Firenze 1966, pp. 59, 116, 177.
287. VICHI SANTOVITO N., Opere di pregio del Novecento e riproduzioni in Accademie e Biblioteche d’Italia, Biblioteche d’Italia, Biblioteca d’Arte Editrice, anno VIII, n. ¾,
maggio-agosto 1934, p. 317.
288. VIGNOLINI M.P., Duilio Cambellotti: sua formazione e sua attività di illustratore, Università degli Studi-Facoltà di Lettere e Filosofia, Siena 1977-78, tesi di laurea inedita.
289. VILLANI D., Storia del manifesto pubblicitario, Omnia, Milano 1964.
290. VINCITORIO F., in “L’Espresso”, Roma 4 marzo 1979.
291. VOLLMER H., Künstler- Lexikon, vol. I,, Leipzig 1956, p. 376.
292. ZATTI S., D.C., in ctg. “La Metafisica e gli anni venti”, Bologna 1980, II vol., pp. 155-157.
293. ZUCCA G.,La prima campana laica, in “Il Marzocco”, anno XVII, n.28, Firenze 14 luglio 1912, p. 4.
294. ZUCCA G.,Un decoratore nostro: Duilio Cambellotti, in “Architettura e arti decorative”, fasc. 2, Milano-Roma, luglio agosto 1921, pp. 161-174 con ripr.
295. ZUCCA G., Per un’educazione estetica del popolo italiano. Le arti decorative, in “Myricae”, anno III,n.1, Ferrara 5 gennaio 1915, pp. 1-2.
43
Servio (1908). Modellato originale in cera rossa su legno, diam.: mm 170. Modello per medaglione. Non firmato. Raffigura un uomo ignudo,
di spalle, nell'atto di posizionare la chiave di volta di un arco. Arch. Cambellotti, n.7443
Enoteca Aperitivi After dinner
Aperto fino alle ore 01,00 AM
COLOPHON
©2011 Matteo Maglia
Tutti i diritti riservati - Vietata qualsiasi riproduzione anche parziale dei testi e delle immagini
Stampato in Roma presso gli Stabilimenti Rotastampa
Settembre 2011

Documenti analoghi