Guida all`esportazione negli Stati Uniti

Commenti

Transcript

Guida all`esportazione negli Stati Uniti
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
La Guida offre informazioni sull'interscambio commerciale e sulla normativa doganale e fiscale. Contiene, inoltre,
indicazioni sulle pubblicazioni disponibili, riviste settoriali, esposizioni di settore ed associazioni di settore
presenti negli Stati Uniti.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 1 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Articoli di abbigliamento
61-62
Aeromobili e parti
88
Agroalimentari: Oli e grassi animali o vegetali
15
Agroalimentari: Preparati di cereali, latte, farina
19
Agroalimentari: Vino, aceto e bevande
22
Agroalimentari: Latticini, uova, miele
04
Articoli in pelle e cuoio
42
Articoli di gioielleria
71
Calzature
64
Chimica organica
29
Editoria e stampati
49
Elettronica
85
Giochi, giocattoli ed accessori per lo sport
95
Gomma e articoli in gomma
40
Macchinari ed attrezzature meccaniche
84
Materiali da costruzione lavorati e semi
68
Mezzi di trasoporto su ruota
87
Mobili e complementi d’arredo
94
Opere d’arte
97
Ottica
90
Prodotti farmaceutici
30
Prodotti in plastica
39
Prodotti semilavorati, intermedi e finiti
Profumi e cosmetici
Tessile
Vetro
2
CODICE
72-73
33
50-55
70
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Articoli di Abbigliamento
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
3
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni........................................................................................... 6
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................... 9
3.
Dazi di importazione ........................................................................................................ 11
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 11
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 12
6.
Riviste ............................................................................................................................... 15
7.
Principali Fiere e esposizioni di settore ........................................................................... 17
8.
Associazioni di settore ..................................................................................................... 20
4
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 2 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Articoli di abbigliamento
5
CODICE
61 - 62
Abiti maschili
6203
Abiti femminili
6204
Maglieria
6110
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di articoli di abbigliamento sul mercato statunitense hanno
mostrato nel
periodo dal 1997 al 2008 un generale trend di crescita. Questo a
testimonianza della notorieta’ e dell’attrattivita` di cui il settore abbigliamento/moda
italiano gode.
A partire dal 1997 in cui il valore di articoli di abbigliamento esportati era pari a 1.354
milioni di euro si e` arrivati nel 2004 a 1.584 milioni, registrando quindi un incremento
del 17%. Nonostante qualche lieve flessione subita nel 2002 e nel 2006, i valori registrati
a fine novembre 2007 mostrano segnali di ripresa (1.490 milioni di dollari). Ad una rapida
crescita culminata nel 2004 (1.585 milioni di dollari), ha fatto seguito un calo che nel 2006
ha portato le esportazioni a toccare i 1.473 milioni di dollari.
Il 2007 ha rappresentato invece un caso isolato, raggiungendo un livello molto elevato, a
cui ha fatto da contraltare la crisi economica mondiale che ha riportato l’ammontare
dell’export settoriale ai livelli del 2005 nel 2008.
6
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1,650
1,600
1,550
1,500
1,450
1,400
1,350
1,300
1,250
1,200
Figure 1 Esportazioni articoli di abbigliamento italiani (mln di dollari)
Il confronto tra l’andamento delle esportazioni e il rapporto di cambio euro-dollaro
dimostra come l’andamento depressivo del dollaro a favore dell’euro possa aver
provocato un decremento delle esportazioni italiane di articoli di abbigliamento.
7
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
1,650
2009
1.60
1.40
mln dollar
1,600
1.20
1.00
1,550
0.80
1,500
0.60
0.40
1,450
0.20
1,400
0.00
2001
2002
2003
2004
Abbigliamento
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figure 2 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Focalizzando l’attenzione sulle componenti della categoria merceologica, si puó notare
come gli articoli maggiormente significativi, con valori di esportazione superiori ai 200
milioni di dollari, siano rappresentati dagli abiti, maschili e femminili. I prodotti che hanno
registrato una flessione negativa rientrano nella categoria merceologica della maglieria,
dove negli ultimi anni si e’ verificata una diminuzione delle esportazioni che nel 2008
hanno raggiunto i 190 milioni di dollari.
Il comparto italiano della moda dimostra vitalità specialmente in settori caratterizzati da
alto valore aggiunto in termini di design e qualità. In particolare il comparto tessile si
conferma come uno dei settori strategici dell’export italiano in USA.
8
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
450
400
350
300
Abiti maschili
250
Abiti femminili
200
Maglieria
150
100
Figure 3 Andamento esportazioni per categoria merceologica (in mln di dollari)
Nel 2008 le esportazioni italiane di prodotti di abbigliamento donna hanno registrato
una flessione di poco superiore al 10%, arrivando a determinare un giro d’affari di 312
milioni di dollari. Questo risultato consente all’Italia di guadagnarsi la 14ma posizione
nella classifica dei maggiori esportatori di abbigliamento femminile in USA. Va inoltre
considerato che il flusso di esportazioni verso gli USA di prodotti di abbigliamento uomo
ha segnato anch’esso una leggera flessione nel primo semestre 2008 (-12% pari a 23
milioni di dollari).
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), per l’entrata di ogni prodotto è necessario essere in
possesso di:
9
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
La documentazione per l’export e/o il visto – se il prodotto tessile è soggetto al
Multi-Fiber Arrangements (clausola che non vale per i prodotti fabbricati in Italia);
-
La dichiarazione del paese di origine – obbligatoria ogni qual volta il prodotto
importato negli Stati Uniti è composto da materiale tessile. Questa dichiarazione è
necessaria anche quando il paese di origine del prodotto in questione non è
soggeto al Multi-Fiber Arrangements (come è per il caso dei prodotti italiani).
Possono preparare questa dichiarazione sia il fabbricante, che il produttore, che
l’esportatore, che l’importatore del prodotto. Nel caso in cui risultano coinvolte
nell’importazione del prodotto due o più di questi soggetti, ciascuna delle parti in
causa deve preparare una distinta dichiarazione dove indicare il nome e l’indirizzo
della compagnia. L’ultimo paese da cui i prodotti tessili sono stati esportati negli
Stati Uniti non necessariamente rappresenta il paese di origine dei suddetti
prodotti. Sono infatti le operazioni di assemblaggio e di lavorazione a determinare
quale è il paese di origine. Nel caso di prodotti tessili e di abbigliamento assemblati
o fabbricati in due o più paesi, il paese di origine è determinato dal luogo in cui le
principali fasi di assemblaggio sono state effettuate, o, nel caso in cui ciò non fosse
possibile da stabilire, da dove l’ultima importante fase di lavorazione ha avuto
luogo;
-
Il modulo 6451 in duplice copia – nel caso di articoli contenenti lana, dove indicare
la percentuale e la qualit{ della lana, nonchè il nome e l’indirizzo dell’importatore;
-
Nel caso di articoli di abbigliamento in materiale tessile, la fattura di entrata deve
contenere anche le seguenti informazioni: 1) la percentuale in base al peso di tutte
le fibre presenti nel capo di vestiario; 2) nel caso di T-shirts e maglie bianche,
l’indicazione se il capo contiene tasche e ricami; 3) nel caso di sciarpe, l’indicazione
dell’esatta dimensione, la lunghezza e la larghezza del capo;
-
Nel caso di articoli in lana valutati più di 500 dollari e soggetti al Wool Products
Labeling Act (WPLA), è necessario includere nella fattura di entrata le stesse
10
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
informazioni richieste dalla WPLA per quanto riguarda l’etichettamento dei capi (si
veda più sotto) con in aggiunta l’indicazione del nome del produttore;
-
Nel caso di guanti, la fattura di entrata deve indicare se i guanti in questione sono
ricoperti in plastica da entrambi i lati;
-
Nel caso di capi di maglieria, la fattura di entrata deve indicare se il singolo filo di
lana/cotone utilizzato misura meno di 67 decitex, se il capo è a manica lunga o
corta, e se contiene pizzi o merletti;
-
Nel caso di fazzoletti, la fattura di entrata deve indicare l’esatta dimensione
(lunghezza e larghezza) dei capi in questione e se presentano orli, pizzi o ricami.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
abiti da donna in cotone (14,9%), in lana (14%); abiti da uomo in cotone (13,2%), in lana
(7,5%); cravatte (7,2%); guanti di lana (3.5%); camicie e bluse di cotone per bambini
(14,9%); camicie di cotone per ragazzi e uomini (8,7%); bluse e camicie per donne in seta
(6,9%); pigiami in cotone (8,9%); cappotti, mantelline, mantelli, e capi simili per uomo in
lana (16,3 cents% più 41cents/kg), in cotone (dal 4,4% al 9,4%); cappotti, mantelline,
mantelli, e capi simili per donna in lana (16.3% più 41 cents/kg), in cotone (4.4%); scialli,
veli, sciarpe etc. in lana (6,7%).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Infiammabilità: tutti gli articoli di abbigliamento, per poter essere importati negli
Stati Uniti, devono conformarsi agli standard in materia di infiammabilità stabiliti
11
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
dalla Consumer Product Safety Commission (CPSC) sulla base del Flammable
Fabrics Act (FFA)
-
Richieste di contrassegni – etichette per prodotti tessili: ogni prodotto composto da
materiale tessile deve essere etichettato sulla base delle disposizioni del Textile
Fiber Products Identification Act (TFPIA). In linea generale, le etichette devono
contenere le seguenti informazioni: 1) i nomi e le percentuali delle diverse fibre
contenute nel prodotto; 2) il nome del produttore; 3) il nome del paese dove il
prodotto è stato fabbricato
-
Richieste di contrassegni – etichette per prodotti di lana: ogni prodotto composto da
lana (con l’eccezione di quegli articoli fabbricati 20 anni prima dell’avvenuta
importazione negli Stati Uniti, dei tappeti, delle coperte, delle stuoie e della
tapezzeria) deve essere etichettato sulla base delle disposizioni del Wool Products
Labeling Act (WPLA). In linea generale, le etichette devono contenere le seguenti
informazioni: 1) la percentuale di lana, di ogni fibra che rappresenta più del 5% del
peso dell’articolo nonchè dell’aggregato di tutte le altre fibre contenute nel
prodotto (con l’esclusione di eventuali ornamenti); 2) il nome dell’importatore.
-
The Care Labeling Rule: ogni articolo di abbigliamento in tessuto deve contenere al
proprio interno istruzioni accurate su come lavare ed asciugare i capi in questione.
5. Pubblicazioni disponibili

La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
12
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area;
Tel.2: (866) 512 1800 toll free;
Fax: (202) 512 2104.
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
Pubblicazioni disponibili rivolgendosi direttamente agli Uffici della Federal Trade

Commission:
-
“What Every Member of the Trade Community Should Know About Textile &
Apparel Rules of Origin”
-
“What Every Member of the Trade Community Should Know About Nafta for
Textiles and Textile Articles”
-
“Fibers & Yarn Informed Compliance”
Per informazioni sull’importazione negli Stati Uniti di articoli di abbigliamento:

-
Questions and Answers Relating to the Textile Fiber Products Identification Act
and Regulations
-
Questions and Answers Relating to the Wool Products Labeling Act and
Regulations

Pubblicazioni disponibili rivolgendosi direttamente ai seguenti Uffici o consultando
i siti internet:
13
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Federal Trade Commission (FTC)
Division of Enforcement
600 Pennsylvania Avenue, NW
Washington, DC 20580
Tel.1: (202) 326-2222 – Reception
James A. Kohm, Associate Director
Tel.: (202) 326-2640
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.ftc.gov
U.S.Department of Commerce
International Trade Administration
Office of Textiles and Apparel (OTEXA)
1401 Constitution Ave NW,
Washington, DC 20230
Tel.: (202) 482-5078;
Fax: (202) 482-2331;
Janet Heinzen, Office Director
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://otexa.ita.doc.gov/
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344-3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
14
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
6. Riviste
Woman’s Day
Frequenza 17 uscite per anno
1633 Broadway, 42nd Floor
New York, NY 10019
Tel.: (212) 767-6000
Fax: (212) 767-5610
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.womansday.com/
MR
Frequenza: 8 uscite annuali
185 Madison Avenue
New York, NY 10016-4325
Tel.: (212) 686 4412
Fax: (212) 686 6821
Sito internet: http://www.mr-mag.com
Women’s Wear Daily
Frequenza giornaliera (da lunedì al venerdì)
7 W. 34th St., 3rd Floor
New York, NY 10001-8100
Tel.: (212) 630 3500
Fax: (212) 630 3566
15
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Edward Nardoza, Editorial Director
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.wwd.com
License! Global (on-line)
Frequenza settimanale
641 Lexington Avenue
New York, NY 10022
Tel.: (212) 951 6600
Fax: (212) 951 6714
Per informazioni: Sandy Sailes-Corbert
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.licensemag.com
Apparel News (on-line)
Frequenza settimanale
110 E 9th Street Suite A777
Los Angeles, CA 90079
Tel.: (213) 627 3737
Alison A. Nieder, Executive Director
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.apparelnews.net
The Apparel Strategist (on-line)
Frequenza mensile
12 Oak Way
Scarsdale, NY 10583
16
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (914) 713 4444
Sito Internet: http://www.apparelstrategist.com
Daily News Record
Frequenza: 3 uscite a settimana
231 South Liberty Street
P.O. Box 193
Harrisonburg, VA 22801
Tel.: (540) 574-6200
Sito internet: http://www.dailynewsrecord.com
Yates , Peter, Editor and General Manager
E-mail: [email protected]
7. Principali Fiere e esposizioni di settore
MAGIC - International Fashion Fabric Exhibition
Per informazioni:
Magic International
6200 Canoga Avenue, Ste. 303
Woodland Hills, CA 91367
Tel. (818) 593 5000; FAX (818) 593 5020
Sito internet: http://www.magiconline.com
E-mail: [email protected]
Date: 16 - 18 Febbraio 2010 (frequenza annuale),
Las Vegas NV
Convention Center
17
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Kid Show
Per informazioni:
Specialty Trade Shows, Inc.
3939 Hardie Road
Coconut Grove, FL 33133-6437
Tel.: (973) 340 6635
Fax: (973) 340 0256
Sito internet: http://www.wwinshow.com/
Date: 15 – 17 Febbraio 2010
Las Vegas, NV
Bally’s Hotel
Womens Wear in Nevada (WWIN)
Per informazioni:
Specialty Trade Shows, Inc.
3939 Hardie Road,
Coconut Grove, FL 33133-6437
Tel.: (702) 270 4651
Fax: (702) 896 0171
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.wwinshow.com/
Date: 15 – 18 Febbraio 2010
Las Vegas, NV
Rio Hotel
GTS Greensboro Expo
Per informazioni:
18
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
P.O. Box 4163
Alpharetta, GA 30023
Tel.: (770) 410 9771
Fax: (770) 410 9767
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.gtshows.com
Date: 7-9 agosto 2010
Greensboro, NC
Greensboro Coliseum Complex
The Accessories Show
Per informazioni:
1384 Broadway (38th Street), 11th Floor
New York, NY 10018
Tel.: (212) 686 4412
Fax: (212) 686 6821
Sharon Enright, Vice President Tradeshow Division
Tel.: (203) 663 7812
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.accessoriestheshow.com
Date: 16 - 18 Febbraio 2010
Las Vegas, NV
The Venetian
Date: 5 - 7 Gennaio 2010
New York City, NY
Jacob Javits Convention Center
19
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
International Swimwear Activewear Market
Per informazioni:
13351-D Riverside Dr. #658
Sherman Oaks, CA 91423
Tel.: (818) 986 2152
Fax: (818) 986 2637
Barbara Brady, ISAM Director
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.isamla.com
Date: 16 – 18 Febbraio 2010 (frequenza semestrale),
Los Angeles, California
Central Hall of the Las Vegas Convention Center
8. Associazioni di settore
American Apparel Producers' Network (AAPN)
P.O. Box 720693
Atlanta, Georgia - 30358
Tel.: (404) 843 3171
Fax: (404) 671 9456
Sue C. Strickland, Executive Director
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.aapnetwork.net
American Apparel & Footwear Association
1601 No. Kent Street, 12th floor,
Arlington, VA 22209
Tel.: (703) 524 1864
20
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (703) 522 6741
Sito internet: http://www.apparelandfootwear.org/
Kevin M. Burke, President and CEO
Tel.: (703) 797 9037
E-mail: [email protected]
American Fiber Manufacturers Association (AFMA)
1530 Wilson Boulevard, Suite 690
Arlington, VA 22209
Tel.: (703) 875 0432
Fax: (703) 875 0907
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.fibersource.com
Atlantic Apparel Contractors Association
107 E. Main Street Suite 202
Bath, PA 18014-1519
Tel.: (610) 837-4220
Fax: (610) 837-4224
Delin Arnold, Director Tradeshow Division
Email: [email protected]
21
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Aeromobili, parti e accessori
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
22
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni........................................................................................... 65
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................... 67
3.
Dazi di importazione .......................................................................................................... 68
4.
Proibizioni e restrizioni ...................................................................................................... 68
5.
Pubblicazioni disponibili..................................................................................................... 69
6.
Riviste ................................................................................................................................. 70
7.
Principali agenzie governative ........................................................................................... 71
8.
Principali Fiere e esposizioni di settore ............................................................................. 73
9.
Associazioni di categoria .................................................................................................... 75
23
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 3 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Aeromobili, parti e accessori
24
CODICE
88
Velivoli
8802
Parti e accessori
8803
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di aeromobili, parti e accessori per aeromobili sul mercato
statunitense, nel periodo tra il 2003 e il 2008, hanno registrato un trend molto variabile.
Infatti, mentre nel 1999 le esportazioni hanno raggiunto 623 milioni di dollari, nel 2003 si
e’ registrato un valore di 279 milioni di dollari, per raggiungere circa 608 milioni di dollari
nel 2008 (fig.1).
700
600
500
400
300
200
100
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 4 Esportazioni di aeromobili e parti e accessori (mln di dollari)
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, con un andamento del tasso di cambio
euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della valuta europea,
le vendite del settore sono comunque aumentate, a parte il drastrico calo del 2003, per
raggiungere circa 608 milioni di dollari nel 2008, con una crescita di piu’ del 100% nel
periodo 2003-2008 (fig. 2).
25
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
700
1.60
600
1.40
500
1.20
2009
1.00
400
0.80
300
0.60
200
0.40
100
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
Aeromobili
2004
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 5 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Analizzando le componenti della categoria merceologica, si puó notare come siano
principalmente due le categorie in evidenza: i velivoli e le parti di velivoli e accessori.
Entrambi gli andamenti delle categorie merceologiche mostrano dei trend molto variabili.
La categoria velivoli dopo un andamento estremamente altalenante nel 2005, ha
registrato un trend stabile negli ultimi due anni, mentre le parti e accesori sono in
aumento dal 2004, attestandosi a circa 385 milioni di dollari nel 2008 (fig.3).
26
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
450
400
350
300
250
200
150
100
50
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
velivoli
parti e accesori
Figura 3 Andamento delle esportazioni per categoria merceologica (milioni di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), per l’entrata di ogni prodotto è necessario essere in
possesso di:
-
Per ogni aereomobile e parte di aereomobile importata negli Stati Uniti, la
certificazione fornita dalla Federal Aviation Administration (FAA) o da analoga
amministrazione del paese di origine del prodotto, che attesti la conformità degli
articoli in questione agli standard stabiliti dalla stessa FAA.
-
La dichiarazione del paese di origine, nel caso il prodotto importato (in questo caso
i paracaduti) sia composto da materiale tessile. Questa dichiarazione è necessaria
anche quando il paese di origine del prodotto in questione non è soggeto al MultiFiber Arrangemets (come è per il caso dei prodotti italiani). Possono compilare
27
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
questa dichiarazione sia il fabbricante, che il produttore, che l’esportatore, che
l’importatore del prodotto. Nel caso in cui risultano coinvolte nell’importazione del
prodotto due o più di questi soggetti, ciascuna delle parti in causa deve preparare
una distinta dichiarazione
dove indicare il nome e l’indirizzo della propria
compagnia. L’ultimo paese da cui i prodotti tessili sono stati esportati negli Stati
Uniti non necessariamente rappresenta il paese di origine dei suddetti prodotti.
Sono infatti le operazioni di assemblaggio e di lavorazione a determinare quale è il
paese di origine. Nel caso di prodotti tessili e di abbigliamento assemblati o
fabbricati in due o più paesi, il paese di origine è determinato dal luogo in cui le
principali fasi di assemblaggio sono state effettuate, o, nel caso in cui ciò fosse
impossibile da stabilire, da dove l’ultima importante fase di lavorazione ha avuto
luogo.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
alianti (nessun dazio); elicotteri con un peso inferiore ai 2000 kg (nessun dazio); palloni
aereostatici (nessun dazio); aereoplani kg (nessun dazio); satelliti di comunicazione
(nessun dazio); paracaduti (3%); propulsori (nessun dazio); rotori (3%). Gli articoli e gli
accessori importati negli Stati Uniti direttamente dalla National Aeronautics and Space
Administration (NASA) o da suoi diretti fornitori, possono essere esentati dal pagamento
dei corrispondenti dazi.
4. Proibizioni e restrizioni
28
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Inquinamento: tutti gli articoli importati sul mercato americano devono soddisfare
gli standard in materia di impatto ambientale stabiliti dalla U.S.Environmental
Protection Agency (EPA).
-
Richieste di contrassegni – etichette per prodotti tessili: ogni prodotto composto da
materiale tessile deve essere etichettato sulla base delle disposizioni del Textile
Fiber Products Identification Act (TFPIA). In linea generale, le etichette devono
contenere le seguenti informazioni: 1) i nomi e le percentuali delle diverse fibre
contenute nel prodotto; 2) il nome del produttore; 3) il nome del paese dove il
prodotto è stato fabbricato.
-
Richieste di contrassegni – etichette per aereomobili e per parti-accessori di
aereomobili: ogni aereomobile e telaio per aereomobile deve essere etichettato in
modo indelebile con un numero di telaio. Tutte le parti di assemblaggio devono
possedere una etichetta che indichi chiaramente il numero ed il nome del
produttore.
-
Certificati per gli importatori: ogni operatore che voglia importare aereomobile e
parti/accessori di aereomobili, deve essere in possesso di un apposito certificato
rilasciato dalla FAA.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States é disponibile sul sito
http://hts.usitc.gov/ oppure presso il:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area;
29
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.2: (866) 512 1800 toll free;
Fax: (202) 512 2104.
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
6. Riviste
Air Transportation World
Frequenza mensile
The Blair Building
8380 Colesville Rd. - Suite 700
Silver Spring, MD 20910
Tel.: (301) 755 0200
Fax: (913) 514 3909
Perry Flint, Editorial Director
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.atwonline.com
Rotor & Wing
Frequenza mensile
4 Choke Cherry Road
Rockville, MD 20850-4024
Joy Finnegan, Editor
E-mail: [email protected]
Tel.: (301) 354 1830
Fax: (301) 291 4816
Sito internet: http://www.aviationtoday.com
30
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Aviation Week and Daily, and Business Aviation
Frequenza mensile
1200 G Street N.W. - Suite 900
Washington, D.C. 20005
Tel.: (202) 383 2374
Fax: (202) 383 2438
Anthony Velocci, Jr., Editorial Director
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.aviationweek.com
7. Principali agenzie governative
U.S. Department of Transportation (DOT)
1200 New Jersey Ave, SE
Washington, DC 20590
Tel.1: (202) 366 4000
Tel.2: (800) 877 8339
Sito Internet: http://www.dot.gov
Federal Aviation Administration (FAA)
Environmental and Energy Section
800 Independence Avenue SW
Washington, DC 20594
Tel.: 1-866-835-5322
Sito Internet: http://www.faa.gov
Federal Trade Commission (FTC)
31
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Division of Enforcement
600 Pennsylvania Avenue, NW
Washington, DC 20580
Tel.: (202) 326 2222 – Reception
James A. Kohm, Associate Director
Tel.: (202) 326 2640
Fax: (202) 326 2558
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.ftc.gov
U.S.Department of Commerce
International Trade Administration
Office of Textiles and Apparel (OTEXA)
1401 Constitution Ave NW,
Washington, DC 20230
Tel.: (202) 482 5078
Fax: (202) 482 2331
Janet Heinzen, Office Director
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://otexa.ita.doc.gov/
U.S.Department of Commerce
International Trade Administration
Transportation and Machinery Office
1401 Constitution Ave NW,
Washington, DC 20230
Tel.: (202) 482 0554
32
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://trade.gov/mas/manufacturing/OAAI/index.asp
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
8. Principali Fiere e esposizioni di settore
Helicopter Association International Heli-Expo
Pr informazioni:
Alex Dickey, VP Expo
1635 Prince St
Alexandria, VA 22314
Tel.: (703) 683 4646;
Fax: (703) 683 4745
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.rotor.com/
Date: 20 - 23 febbraio 2010 (frequenza annuale),
Houston, Texas.
International Air Cargo Forum & Expo
Per informazioni:
TIACA General Secretariat
5600 N.W. 36th Street Suite 620
Miami, FL 33122
33
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (786) 265 7011
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.tiaca.org/
Date: 2 - 4 Novembre 2010 (frequenza biennale),
Amsterdam, Netherlands.
Annual Meeting & Convention/National Business Aviation Association Convention
Kathleen M. Blouin, Senior Vice President, Conventions, Seminars & Forums
1200 18th St. NW, Ste. 400
Washington, DC 20036
Tel.: (202) 783-9364
Fax: (202) 862-5552
E-mail: [email protected]
Date: Ottobre 30–Novembre 1, 2012
Orlando, Florida
Orange County Convention Center
United States Strategic Space Symposium
Per informazioni:
Elizabeth Wagner, Sponsorships
310 S. 14th St.,
Colorado Springs, CO 80904
Tel.: (719) 576 8000 Ext. 110;
Fax: (719) 576 8801
Date: 2 – 4 Novembre 2009 (frequenza annuale),
Qwest Center Omaha
E-mail: [email protected]
34
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://spacefoundation.org
9. Associazioni di categoria
American Helicopter Society (AHS)
217 N.Washington St.
Alexandria, VA 22314-2538
Tel.: (703) 684-6777
Fax: (703) 739-9279
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.vtol.org/
M.E. Rhett Flater, Executive Director
E-mail: [email protected]
Aviation Distributors and Manufacturers Association (ADMA)
100 North 20th Street
Philadelphia, PA 19103-1443
Tel.: (215) 564 3484
Fax: (215) 963 9784
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.adma.org
Meg Taft, Executive Director
E-mail: [email protected]
Helicopter Association International (HAI)
1635 Prince St.
Alexandria, VA 22314-2818
35
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Matt Zuccaro, President
Tel.: (703) 683 4646 Ext.104
Fax: (703) 683 4745
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.rotor.com
General Aviation Manufacturers Association (GAMA)
1400 K St. NW, Ste. 801
Washington, DC 20005
Tel.: (202) 393 1500
Fax: (202) 842 4063
Sito internet: www.gama.aero
E-mail: [email protected]
Peter J. Bunce,President & CEO
Tel.: (202) 393 1500
E-mail: [email protected]
International Society of Transport Aircraft Trading (ISTAT)
401 N. Michigan Avenue, Suite 2200,
Chicago, Illinois 60611 USA
Tel.: (312) 321 5169
Fax: (312) 673 6579
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.istat.org
36
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Agroalimentare
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
37
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
INTRODUZIONE
In questa guida sono contenute informazioni sull’interscambio commerciale e sulla normativa
doganale e fiscale vigente nei legami commerciali Italia/Usa.
Contiene, inoltre, indicazioni sulle pubblicazioni disponibili, riviste settoriali, esposizioni di
settore ed associazioni di settore presenti negli Stati Uniti.
Categorie merceologiche trattate:










38
Latticini, uova e miele
Oli e grassi animali o vegetali
Preparati di cereali, latte, farina e amido
Pasta
Pane e pasticceria
Vino, aceto e bevande
Acqua naturale
Vermouth
Distillati
Caffe’
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 4 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Latticini, uova e miele
04
Coffee
09
Olio e grassi animali o vegetali
15
Preparati di cereali, latte, farina e amido
19
Pasta
1902
Pane e pasticceria
1905
Vino, aceto, bevande
39
CODICE
22
Acqua naturale
2201
Vino
2204
Vermouth
2205
Distillati
2206
Aceto
2209
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche vengono analizzate le seguenti caratteristiche:
1.
Andamento delle esportazioni
2.
Documentazione di entrata
3.
Dazi di importazione
4.
Proibizioni e restrizioni
5.
Pubblicazioni disponibili
6.
Riviste
7.
Principali leggi e regolamenti
8.
Principali agenzie governative
9.
Principali fiere e esposizioni di settore
10.
Associazioni di categoria
40
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Latticini, uova, miele
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari quali i latticini, le uova e il miele sul mercato
statunitense hanno mostrato negli ultimi 15 anni un trend quasi sempre crescente in valore
nominale dal 1993 al 2008 passando da un giro d’affari di poco piu’ di 120 milioni di dollari nel
1993 a 327 milioni nel 2008 (fig.1).
350
300
250
200
150
100
50
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 6 Esportazioni prodotti chimica organica (mln di dollari)
41
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
In particolare, il trend delle vendite dal 2001 al 2008 e’ stato di crescita tendenziale in valore
nominale, nonostante un trend del tasso di cambio euro/dollaro non certo favorevole, con un
continuo apprezzamento della valuta europea. Il 2002 e il 2005 hanno pero’ fatto registrare un
dato di stallo delle vendite rispetto all’anno precedente. Infatti mentre il 2001 si e’ chiuso con un
aumento delle esportazioni del 12.82% rispetto all’anno precedente, nel 2002 si registra un
aumento di solo l’ 1.5%. Nel 2003 si ha una ripresa accentuata delle vendite che raggiungono i 211
milioni di dollari che rappresentano un aumento del 27.27% rispetto al 2002. L’aumento delle
esportazioni si conferma anche nel 2004, con un livello di esportazioni di circa 226 milioni di
dollari (+6.88%), ma una lieve diminuzione nel 2005, che si e' chiuso con un totale di 222 milioni
di dollari (- 1.72%) (fig.2).
350
1.60
300
1.40
1.20
250
1.00
200
0.80
150
0.60
100
0.40
50
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
2005
Prodotti di Caseificio, Uova, Miele
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 7 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
42
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
La componente merceologica che influenza maggiormente l’andamento delle esportazioni e’
rappresentata dal formaggio, prodotto molto apprezzato dalla popolazione statunitense e che
negli ultimi anni e’ stato in alcuni casi oggetto di contraffazioni, dalle quali gli operatori italiani
pero’ possono difendersi registrando il marchio.
Nonostante i dati positivi, i margini di crescita dell’agroalimentare sono ancora molto elevati.
L’ICE calcola infatti che il mercato dei prodotti c.d. “Italian sounding” sia 10 volte quello dei
prodotti autenticamente italiani. I nostri prodotti agroalimentari soffrono poi per il mancato
riconoscimento americano delle Indicazioni Geografiche.
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei prodotti
importati negli Stati Uniti), è necessario essere in possesso di:
-
Il modulo di entrata “Form FD 701” - richiesto per tutte quelle importazioni regolate
dalla U.S.Food and Drug Administration (FDA) e che serve a certificare la conformità
dei prodotti importati agli standard di purezza, produzione, etc. stabiliti dalla FDA
sulla base di quanto previsto dal Federal Food, Drug and Cosmetic Act (FDCA).
-
Nel caso di latte, panna e di prodotti basati principalmente su latte o su panna è
necessario, in base a quanto previsto dall’Import Milk Act (IMA), essere in possesso di
uno specifico permesso per l’importazione (FDA Import Permits) rilasciato
direttamente dalla FDA.
-
Il modulo di entrata “Form 16-3” richiesto dall’Animal and Plant Health Inspection
Service (APHIS) del Dipartimento dell’Agricoltura Statunitense al fine di certificare la
conformità dei prodotti di latte, di pollame e delle uova importate sul mercato
americano nei confronti degli standard di sicurezza e di salute previsti dal
43
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
regolamento “9 CFR Part 94” (si veda oltre), dal Wholesome Poultry Act (WPA) e dal
Federal Poultry Inspection Act (FPIA).
-
In base al Bio Terrorism Act tutte le aziende che esportano prodotti agroalimentari
negli USA devono registrare i loro stabilimenti presso la FDA e ogni volta che
effettuano una spedizione ne devono dare comunicazione,
cinque giorni prima
dell’arrivo della merce nel porto americano. La registrazione e` gratuita e puo` essere
effettuata
facilmente
attraverso
il
sito
internet
della
FDA
(http://www.cfsan.fda.gov/~furls/ovffreg.html).
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione (sulla base
dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi: latte con un
contenuto di grasso non superiore all’1% (0,34 cents/litro); superiore all’1% (0,43 cents/litro);
latte in polvere od in forma solida con un contenuto di grasso non superiore all’1,5% (3,3
cents/kg); superiore al 3% ma inferiore al 35% (6,8 cents/kg); siero di latte (0,4 cents/litro); siero
fluido (0,34 cents/litro); prodotti di latte (14,5%); burro (12,3 cents/kg); formaggio fresco non
stagionato (10%); Parmigiano, Reggiano, Provolone, Provoletti grattuggiati (15%); formaggio
svizzero o Emmenthaler (6,4%); gruviera (10%); formaggio dolce (12%); miele naturale (1,9
cents/kg); uova (2,8 cents alla dozzina); tuorlo d’uovo essiccato (47,6 cents/kg).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Requisiti previsti dal FSIS: il Poultry Products Inspection Act (PPIA) richiede ai paesi
che esportano pollame negli Stati Uniti di adottare delle procedure di ispezione e di
controllo per lo meno uguali a quelle presenti sul mercato americano. Il Food Safety
and Inspection Service (FSIS) del Dipartimento dell’Agricoltura americano ha il
44
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
compito di riesaminare i suddetti sistemi di ispezione per assicurare la loro
conformità rispetto agli standard richiesti. Solamente i paesi che passano il controllo
del FSIS possono esportare pollame negli Stati Uniti. L’Italia rientra tra questi paesi.
-
Richieste di contrassegni – etichette: l’Import Milk Act (IMA) richiede la presenza di
un cartellino su ogni contenitore di latte o di panna importato dove indicare il tipo di
prodotto in questione, il nome e l’indirizzo del trasportatore ed il numero del
permesso. Il FSIS richiede che il paese di origine di tutti i prodotti di pollame (inluso
le uove) appaia sull’etichetta del prodotto.
-
Quote: i latticini (burro, latte, formaggio) nella loro grande maggioranza sono
soggetti ad un regime annuale di quote che sono assegnate dal Dipartimento
dell’Agricoltura americano. Questo significa che i latticini possono essere importati
negli Stati Uniti solo da chi è in possesso di una specifica licenza di importazione
rilasciata dallo stesso Dipartimento dell’Agricoltura. Per quanto riguarda, in
particolare, le quote applicate nei confronti dei formaggi, a seguito dell’Uruguay
Round è previsto entro l’anno 2000 un incremento di 30.992 tonnellate (che si
aggiungono alle 110.000 tonnelate di quota annuale in vigore attualmente).
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://usitc.gov/tata/hts o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
45
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per quanto riguarda
l’importazione di prodotti caseari:
-
Requirements of Laws and Regulations Enforced by the U.S. Food and Drug
Administration
-
Pubblicazione ottenibile su richiesta rivolgendosi direttamente agli Uffici della
FDA
 Per informazioni relative all’importazione di prodotti di caseificio:
-
Foreign Countries and Plants Certified to Export Meat and Poultry to the United
States
-
Pubblicazione ottenibile su richiesta rivolgendosi direttamente direttamente
agli Uffici del FSIS
 Per informazioni sulle linee guida adottate dal Dipartimento dell’Agricoltura
americano:
-
Travelers Tips on Bringing Food, Plant and Animal Products into the United
States
46
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Pubblicazione ottenibile su richiesta rivolgendosi direttamente direttamente agli Uffici del APHIS
6. Riviste
The Cheese Report
Frequenza settimanale
2810 Crossroads Drive, Suite 3000
Madison, WI 53704-3742
Tel.: (608) 246 8430
Fax: (608) 246 8431
Dick Groves, Publisher/Editor
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.cheesereporter.com
Cheese Market News
Frequenza settimanale
P.O.Box 620244
Middleton, WI 53562-0244
437 South Yellowstone Dr., Ste 107
Madison, WI 53719
47
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (608) 288 9090
Fax: (608) 288 9093
Kate Sander, Editorial Director
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.cheesemarketnews.com/
Dairy Foods
Frequenza mensile
1050 IL Route 83, Ste 200
Bensenville, IL 60106
Tel.: (630) 694 4341
Fax: (630) 227 0527
Jim Dudlicek, Editor
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.dairyfoods.com
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare latticini, uova e miele
negli Stati Uniti. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i regolamenti sono pubblicati
nel Code of Federal Regulations (CFR):
48
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di cibi,
cosmetici, medicinali e prodotti relativi.
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et seq.):
relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti utilizzati con
cibo, medicinali e cosmetici.
-
Import Milk Act (21 USC 141 et seq.): legge che stabilisce i requisiti sanitari, di
ispezione e di purezza necessari per importare latte negli Stati Uniti.
-
Agricultural Adjustment Act – AAA (7 USC 601 et seq.): legge che autorizza il
Segretario del Dipartimento dell’Agricoltura americano a stabilire e mantenere le
adeguate condizioni di mercato per i prodotti agricoli.
-
Regulations for Enforcement of AAA quotas (19 CFR Part 132): regolamenti che
concedeno alla Dogana degli Stati Uniti l’autorit{ di applicare le quote previste
dall’Agricultural Adjustment Act, ogni qual volta le indagini intraprese rivelano che le
adeguate condizioni di mercato sono state violate.
-
Regulations on Country-Specific Import Restrictions (9 CFR Part 94): regolamenti che
prescrivono ispezioni per motivi di sicurezza ed igiene al fine di prevenire
l’introduzione negli Stati Uniti di infezioni per gli animali.
-
Regulations on Animal Byproduct Quarantine Control (9 CFR 95.13 et seq.):
regolamenti che vietano l’importazione di prodotti alimentari per uso industriale
derivati da animali a meno che questi stessi prodotti non soddisfino determinati
standard e non contenghino alcuna infezione.
-
Egg Product Inspection Act (21 USC 1031 et seq.): legge che stabilisce i requisiti per
l’etichettamento e la lavorazione delle uova.
-
Regulations of USDA on Importing Eggs (7 CFR 59.900 et seq.): regolamenti che
regolano l’ispezione, l’importazione, il trasporto, l’etichettamento e la lavorazione
delle uova e dei prodotti derivati da uova.
49
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Regulations for U.S. Egg Shell Standards (7 CFR 56.1): regolamenti che regolano la
lavorazione delle uova domestiche ed importate al fine di assicurare la loro conformità
agli standard previsti per il consumo.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per l’importazione di
latticini, rivolgersi a:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 207403835
Toll free information: 1-888-723-3366
Tel.: (202) 547 9359
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/list.html
Center for Food Safety and Applied Nutrition
U.S. Food and Drug Administration
Office of Plant and Dairy Foods and Beverages
50
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
5100 Paint Branch Parkway
College Park, MD 20740-3835
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov
 Per informazioni relative alle richieste dell’USDA per quanto riguarda
l’importazione di latticini e per richiedere la documentazione necessaria per
ottenere il permesso di importare negli Stati Uniti latticini, rivolgersi a:
Animal and Plant Health Inspection Service (APHIS)
Veterinary Services (VS)
National Center for Imports and Export
4700 River Rd.
Riverdale, MD 20737
Tel.: (301) 734 8170
Fax: (301) 734 4300
Animal Product: (301) 734 3277
Animal and Plant Health Inspection Services (APHIS)
International Services, Import/Export
4700 River Rd.
Riverdale, MD 20737
51
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (301) 734 8892
 Per informazioni relative alle richieste del FSIS per quanto riguarda le
importazione di pollame e di prodotti di pollame, rivolgersi a:
U.S. Department of Agriculture (USDA)
Food Safety and Inspection Service (FSIS)
International Programs, Import Inspection Service
Rm. 3715, Franklin Court Bldg.
1099 14th St. NW
Washington, DC 20005
Tel.: (202) 501 7515
Fax: (202) 501 6981
Sito Internet: http://www.usda.gov/agency/fsis/homepage.html
U. S. Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pesticide Programs (Division Mail Code)
Ariel Rios Building
1200 Pennsylvania Ave. NW
Washington, D.C. 20460
Tel.: Tel.: (703) 308 8054, exporting pesticides
52
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Daniel Helfgott
E-mail: [email protected], [email protected]
Sito Internet: http://www.epa.gov/pesticides
 Per informazioni riguardanti le quote applicate per l’importazione di latticini,
rivolgersi a:
USDA Agricultural Marketing Service (AMS)
Dairy Division
P.O.Box 96456, Washington, DC 20090 6456
Tel.: (202) 720 4392
Dairy Import Group: (202) 720 9439
Sito Internet: http://www.usda.gov/ams
 Per informazioni più generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
53
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
World Dairy Expo
Per informazioni:
3310 Latham Dr.
Madison, WI 53713
Tel.: (608) 224 6455
Fax.: (608) 224 0300
E-mail: [email protected]
Mark Clarke, General Manager
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.world-dairy-expo.com
Date: 28 settembre – 2 ottobre , 2010 (frequenza annuale),
Alliant Energy Center of Dane County
Madison, WI
Dairy-Deli-Bake Seminar & Expo
Per informazioni:
International Dairy Deli Bakery Association
PO BOX 5528
54
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Madison, WI 53705 0528
Tel.: (608) 310 5000
Fax: (608) 238 6330
E-mail: [email protected]
Carol Christison, Executive Director
Sito internet: www.iddba.org
Date: 6 – 8 giugno 2010 (frequenza annuale),
George R. Brown Convention Center
Houston, TX
Dairy Farmers of America Annual Delegate Meeting
Per informazioni:
Dairy Farmers of America
10220 N. Ambassador Dr.
Kansas City, MO 64153
Tel.: (816) 801 6455
Fax: (816) 801 6456
Email:[email protected]
Date: 23 – 24 marzo 2010 (frequenza annuale)
Hyatt Regency Crown Center
55
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Kansas City, MO
56rd Summer Fancy Food Show
Per informazioni:
National Association for the Specialty Food
20 Wall Street, 27th Fl
New York, NY 10005
Tel.: (212) 482 6440 x144
Fax: (212) 482 6459
Lauren Turchio, contact for exhibition
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.specialtyfood.com/
Date: 27 – 29 giugno 2010 (frequenza annuale),
Jacob Javits Convention Center
New York, NY
35th International Winter Fancy Food & Confection Show (Fancy Food Show Winter)
Per informazioni:
National Association for the Specialty Food
120 Wall Street, 27th Fl
56
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
New York, NY 10005
Tel.: (212) 482 6440 (ext.144)
Fax: (212) 482 6459
Lauren Turchio, contact for exh.
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.specialtyfood.com/
Date: 17 – 19 gennaio 2010 (frequenza annuale),
Moscone Convention Center
San Francisco CA
Worldwide Food Expo
Per informazioni:
1250 H Street, NW, Suite 900
Washington, DC 20005
Tel.: (202) 737-4332
Fax: (202) 331-7820 (all staff)
Website: www.idfa.org, http://www.worldwidefood.com
Email: [email protected] (Communications Assistant, Tel.: (202) 220 3557)
Constance Tipton, President & CEO
Date: 28 - 31 ottobre 2009 (frequenza biennale),
57
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
McCormick Place
Chicago, IL
National Restaurant Association Hotel-Motel Show
Per informazioni:
National Restaurant Association Convention Office
150 N. Michigan Avenue, Suite 2000
Chicago, IL 60601
Tel.: (312) 853 2525
Fax: (312) 853 2548
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.restaurant.org/show/
Date: 22 – 25 maggio 2010 (frequenza annuale),
Mc Cormick Place
Chicago, IL
10.
Associazioni di categoria
Italian Wine and Food Institute (IWFI)
Lincoln Building
60 East 42nd Street Suite 1341
New York, NY 10165
58
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
P.O Box 789
New York, NY 10150
Lucio Caputo, Pres.
Tel.: (212) 867-4111
Fax: (212) 867 4114
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.italianwineandfoodinstitute.com
International Dairy-Deli-Bakery Association (IDDBA)
PO Box 5528
P.O. Box 5528
Madison, WI 53705-0528
Tel.: (608) 310 5000
Fax: (608) 238 6330
E-mail: [email protected]
Carol Christison, Executive Director
Sito internet: http://www.iddba.org/
American Cheese Society (ACS)
Marci Wilson, Executive Director
FSA Group
455 S. Fourth Street, Suite 650
Louisville, KY 40202
Tel.: (502) 574 9950
Fax: (502) 589 3602
E-mail: [email protected]
Marci Wilson, Executive Director
59
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.cheesesociety.org
American Dairy Association and Dairy Council(ADA)
9360 Castlegate Drive
Indianapolis, IN 46256
Tel. 1: (800) 225-6455
E-mail: [email protected]
Deb Osza, General Manager
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.indianadairycouncil.org/index.html
Cheese Importers Association of America (CIAA)
204 E Street NE
Washington, DC 20002
Tel.: (202) 547 0899
Fax: (202) 547 6348
Email: [email protected]
Christopher M. Franco, President
Email: [email protected]
International Dairy Food Association (IDFA)
1250 H St. NW, Ste. 900
Washington, DC 20005
Tel.: (202) 737 4332
Fax: (202) 331 7820
E-mail: [email protected]
60
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Constance Tipton, Pres.& CEO
Sito internet: http://www.idfa.org/
61
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Aeromobili, parti e accessori
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
62
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni........................................................................................... 65
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................... 67
3.
Dazi di importazione .......................................................................................................... 68
4.
Proibizioni e restrizioni ...................................................................................................... 68
5.
Pubblicazioni disponibili..................................................................................................... 69
6.
Riviste ................................................................................................................................. 70
7.
Principali agenzie governative ........................................................................................... 71
8.
Principali Fiere e esposizioni di settore ............................................................................. 73
9.
Associazioni di categoria .................................................................................................... 75
63
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 5 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Aeromobili, parti e accessori
64
CODICE
88
Velivoli
8802
Parti e accessori
8803
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
10.
2009
Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di aeromobili, parti e accessori per aeromobili sul mercato
statunitense, nel periodo tra il 2003 e il 2008, hanno registrato un trend molto variabile.
Infatti, mentre nel 1999 le esportazioni hanno raggiunto 623 milioni di dollari, nel 2003 si
e’ registrato un valore di 279 milioni di dollari, per raggiungere circa 608 milioni di dollari
nel 2008 (fig.1).
700
600
500
400
300
200
100
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 8 Esportazioni di aeromobili e parti e accessori (mln di dollari)
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, con un andamento del tasso di cambio
euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della valuta europea,
le vendite del settore sono comunque aumentate, a parte il drastrico calo del 2003, per
raggiungere circa 608 milioni di dollari nel 2008, con una crescita di piu’ del 100% nel
periodo 2003-2008 (fig. 2).
65
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
700
1.60
600
1.40
500
1.20
2009
1.00
400
0.80
300
0.60
200
0.40
100
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
Aeromobili
2004
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 9 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Analizzando le componenti della categoria merceologica, si puó notare come siano
principalmente due le categorie in evidenza: i velivoli e le parti di velivoli e accessori.
Entrambi gli andamenti delle categorie merceologiche mostrano dei trend molto variabili.
La categoria velivoli dopo un andamento estremamente altalenante nel 2005, ha
registrato un trend stabile negli ultimi due anni, mentre le parti e accesori sono in
aumento dal 2004, attestandosi a circa 385 milioni di dollari nel 2008 (fig.3).
66
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
450
400
350
300
250
200
150
100
50
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
velivoli
parti e accesori
Figura 3 Andamento delle esportazioni per categoria merceologica (milioni di dollari)
11.
Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), per l’entrata di ogni prodotto è necessario essere in
possesso di:
-
Per ogni aereomobile e parte di aereomobile importata negli Stati Uniti, la
certificazione fornita dalla Federal Aviation Administration (FAA) o da analoga
amministrazione del paese di origine del prodotto, che attesti la conformità degli
articoli in questione agli standard stabiliti dalla stessa FAA.
-
La dichiarazione del paese di origine, nel caso il prodotto importato (in questo caso
i paracaduti) sia composto da materiale tessile. Questa dichiarazione è necessaria
anche quando il paese di origine del prodotto in questione non è soggeto al MultiFiber Arrangemets (come è per il caso dei prodotti italiani). Possono compilare
67
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
questa dichiarazione sia il fabbricante, che il produttore, che l’esportatore, che
l’importatore del prodotto. Nel caso in cui risultano coinvolte nell’importazione del
prodotto due o più di questi soggetti, ciascuna delle parti in causa deve preparare
una distinta dichiarazione
dove indicare il nome e l’indirizzo della propria
compagnia. L’ultimo paese da cui i prodotti tessili sono stati esportati negli Stati
Uniti non necessariamente rappresenta il paese di origine dei suddetti prodotti.
Sono infatti le operazioni di assemblaggio e di lavorazione a determinare quale è il
paese di origine. Nel caso di prodotti tessili e di abbigliamento assemblati o
fabbricati in due o più paesi, il paese di origine è determinato dal luogo in cui le
principali fasi di assemblaggio sono state effettuate, o, nel caso in cui ciò fosse
impossibile da stabilire, da dove l’ultima importante fase di lavorazione ha avuto
luogo.
12.
Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
alianti (nessun dazio); elicotteri con un peso inferiore ai 2000 kg (nessun dazio); palloni
aereostatici (nessun dazio); aereoplani kg (nessun dazio); satelliti di comunicazione
(nessun dazio); paracaduti (3%); propulsori (nessun dazio); rotori (3%). Gli articoli e gli
accessori importati negli Stati Uniti direttamente dalla National Aeronautics and Space
Administration (NASA) o da suoi diretti fornitori, possono essere esentati dal pagamento
dei corrispondenti dazi.
13.
68
Proibizioni e restrizioni
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Inquinamento: tutti gli articoli importati sul mercato americano devono soddisfare
gli standard in materia di impatto ambientale stabiliti dalla U.S.Environmental
Protection Agency (EPA).
-
Richieste di contrassegni – etichette per prodotti tessili: ogni prodotto composto da
materiale tessile deve essere etichettato sulla base delle disposizioni del Textile
Fiber Products Identification Act (TFPIA). In linea generale, le etichette devono
contenere le seguenti informazioni: 1) i nomi e le percentuali delle diverse fibre
contenute nel prodotto; 2) il nome del produttore; 3) il nome del paese dove il
prodotto è stato fabbricato.
-
Richieste di contrassegni – etichette per aereomobili e per parti-accessori di
aereomobili: ogni aereomobile e telaio per aereomobile deve essere etichettato in
modo indelebile con un numero di telaio. Tutte le parti di assemblaggio devono
possedere una etichetta che indichi chiaramente il numero ed il nome del
produttore.
-
Certificati per gli importatori: ogni operatore che voglia importare aereomobile e
parti/accessori di aereomobili, deve essere in possesso di un apposito certificato
rilasciato dalla FAA.
14.
Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States é disponibile sul sito
http://hts.usitc.gov/ oppure presso il:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area;
69
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.2: (866) 512 1800 toll free;
Fax: (202) 512 2104.
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
15.
Riviste
Air Transportation World
Frequenza mensile
The Blair Building
8380 Colesville Rd. - Suite 700
Silver Spring, MD 20910
Tel.: (301) 755 0200
Fax: (913) 514 3909
Perry Flint, Editorial Director
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.atwonline.com
Rotor & Wing
Frequenza mensile
4 Choke Cherry Road
Rockville, MD 20850-4024
Joy Finnegan, Editor
E-mail: [email protected]
Tel.: (301) 354 1830
Fax: (301) 291 4816
Sito internet: http://www.aviationtoday.com
70
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Aviation Week and Daily, and Business Aviation
Frequenza mensile
1200 G Street N.W. - Suite 900
Washington, D.C. 20005
Tel.: (202) 383 2374
Fax: (202) 383 2438
Anthony Velocci, Jr., Editorial Director
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.aviationweek.com
16.
Principali agenzie governative
U.S. Department of Transportation (DOT)
1200 New Jersey Ave, SE
Washington, DC 20590
Tel.1: (202) 366 4000
Tel.2: (800) 877 8339
Sito Internet: http://www.dot.gov
Federal Aviation Administration (FAA)
Environmental and Energy Section
800 Independence Avenue SW
Washington, DC 20594
Tel.: 1-866-835-5322
Sito Internet: http://www.faa.gov
Federal Trade Commission (FTC)
71
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Division of Enforcement
600 Pennsylvania Avenue, NW
Washington, DC 20580
Tel.: (202) 326 2222 – Reception
James A. Kohm, Associate Director
Tel.: (202) 326 2640
Fax: (202) 326 2558
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.ftc.gov
U.S.Department of Commerce
International Trade Administration
Office of Textiles and Apparel (OTEXA)
1401 Constitution Ave NW,
Washington, DC 20230
Tel.: (202) 482 5078
Fax: (202) 482 2331
Janet Heinzen, Office Director
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://otexa.ita.doc.gov/
U.S.Department of Commerce
International Trade Administration
Transportation and Machinery Office
1401 Constitution Ave NW,
Washington, DC 20230
Tel.: (202) 482 0554
72
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://trade.gov/mas/manufacturing/OAAI/index.asp
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
17.
Principali Fiere e esposizioni di settore
Helicopter Association International Heli-Expo
Pr informazioni:
Alex Dickey, VP Expo
1635 Prince St
Alexandria, VA 22314
Tel.: (703) 683 4646;
Fax: (703) 683 4745
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.rotor.com/
Date: 20 - 23 febbraio 2010 (frequenza annuale),
Houston, Texas.
International Air Cargo Forum & Expo
Per informazioni:
TIACA General Secretariat
5600 N.W. 36th Street Suite 620
Miami, FL 33122
73
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (786) 265 7011
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.tiaca.org/
Date: 2 - 4 Novembre 2010 (frequenza biennale),
Amsterdam, Netherlands.
Annual Meeting & Convention/National Business Aviation Association Convention
Kathleen M. Blouin, Senior Vice President, Conventions, Seminars & Forums
1200 18th St. NW, Ste. 400
Washington, DC 20036
Tel.: (202) 783-9364
Fax: (202) 862-5552
E-mail: [email protected]
Date: Ottobre 30–Novembre 1, 2012
Orlando, Florida
Orange County Convention Center
United States Strategic Space Symposium
Per informazioni:
Elizabeth Wagner, Sponsorships
310 S. 14th St.,
Colorado Springs, CO 80904
Tel.: (719) 576 8000 Ext. 110;
Fax: (719) 576 8801
Date: 2 – 4 Novembre 2009 (frequenza annuale),
Qwest Center Omaha
E-mail: [email protected]
74
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://spacefoundation.org
18.
Associazioni di categoria
American Helicopter Society (AHS)
217 N.Washington St.
Alexandria, VA 22314-2538
Tel.: (703) 684-6777
Fax: (703) 739-9279
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.vtol.org/
M.E. Rhett Flater, Executive Director
E-mail: [email protected]
Aviation Distributors and Manufacturers Association (ADMA)
100 North 20th Street
Philadelphia, PA 19103-1443
Tel.: (215) 564 3484
Fax: (215) 963 9784
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.adma.org
Meg Taft, Executive Director
E-mail: [email protected]
Helicopter Association International (HAI)
1635 Prince St.
Alexandria, VA 22314-2818
75
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Matt Zuccaro, President
Tel.: (703) 683 4646 Ext.104
Fax: (703) 683 4745
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.rotor.com
General Aviation Manufacturers Association (GAMA)
1400 K St. NW, Ste. 801
Washington, DC 20005
Tel.: (202) 393 1500
Fax: (202) 842 4063
Sito internet: www.gama.aero
E-mail: [email protected]
Peter J. Bunce,President & CEO
Tel.: (202) 393 1500
E-mail: [email protected]
International Society of Transport Aircraft Trading (ISTAT)
401 N. Michigan Avenue, Suite 2200,
Chicago, Illinois 60611 USA
Tel.: (312) 321 5169
Fax: (312) 673 6579
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.istat.org
76
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Olio e grassi animali o vegetali
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di olio e grassi animali o vegetali sul mercato statunitense hanno
mostrato, nel periodo che va dal 1993 al 2008, un andamento di crescita costante in valore
nominale, fermandosi a circa 643 milioni di dollari nel 2008, con un aumento del 263 % negli
ultimi 15 anni (fig.1).
700
600
500
400
300
200
100
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 10 Esportazioni oli e grassi animali o vegetali (mln di dollari)
77
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Focalizzando l’attenzione sugli ultimi 6 anni, analizzando anche l’andamento del tasso di cambio,
le esportazioni sono aumentate del 131.47% (con una lieve flessione riscontrata nell’ultimo anno)
nonostante il sensibile apprezzamento dell’euro nei confronti del dollaro registrato negli ultimi 6
anni (fig.2).
Nonostante i dati positivi, i margini di crescita dell’agroalimentare sono ancora molto elevati.
L’ICE calcola infatti che il mercato dei prodotti c.d. “Italian sounding” sia 10 volte quello dei
prodotti autenticamente italiani. I nostri prodotti agroalimentari soffrono poi per il mancato
riconoscimento americano delle Indicazioni Geografiche.
700
600
500
400
300
200
100
0
1.60
1.40
1.20
1.00
0.80
0.60
0.40
0.20
0.00
2001
2002
2003
2004
2005
Olio e grassi animali o vegetali
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 11 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei prodotti
importati negli Stati Uniti), è necessario essere in possesso del modulo di entrata “Form FD 701” richiesto per tutte quelle importazioni regolate dalla U.S.Food and Drug Administration (FDA) e
78
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
che serve a certificare la conformità dei prodotti importati agli standard di purezza, produzione,
etc. stabiliti dalla FDA sulla base di quanto previsto dal Federal Food, Drug and Cosmetic Act
(FDCA).
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione (sulla base
dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi: lardo (3 cents/kg);
sego (2 cents/kg); olio di soia (19,1 %); olio di arachidi (7,6 cents/kg); olio vergine di oliva con un
peso, incluso il suo contenitore, inferiore ai 18 kg (5 cents/kg); olio di cartamo (2 cents/kg + 4%);
olio di sesamo (0,68 cents/kg); margarina (12,3 cents/kg); acido oleico (2,1 cents/kg + 3,2%);
cera vergine (3,8%); olio di granoturco (3,4%); olio di cocco (nessun dazio).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Residui di pesticidi: i prodotti agricoli destinati al consumo alimentare importati
negli Stati Uniti devono conformarsi ai livelli di residuo di pesticida ammissibili
stabiliti dalla U.S.Environmental Protection Agency (EPA) sulla base di quanto
previsto dal Federal Insecticide, Fungicide and Rodenticide Act (FIFRA) e dal Food
Quality Protection Act.
-
Olio per uso alimentare: l’olio raffinato od estratto non può essere qualificato come
olio di oliva. Gli altri oli vegetali devono mostrare nell’etichetta la loro origine.
-
Olio per uso non alimentare: gli oli di girasole, di oliva, di sesamo, di palma, qualora
destinati ad esclusivo uso industriale, possono essere importati senza sottostare ai
requisiti richiesti normalmente dal FDCA. In questo caso, gli oli in questione
devono possedere una documentazione che certifichi la loro non commestibilità.
79
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Olio di fegato di merluzzo: l’olio di fegato di merluzzo è classificato sia come
prodotto alimentare che come medicinale. E’ perciò soggetto ai requisiti previsti
dal FDCA sia per quanto riguarda i cibi che i medicinali.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://usitc.gov/tata/hts o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per quanto riguarda l’importazione di
oli e grassi animali o vegetali e’ disponibile anche Requirements of Laws and Regulations Enforced
by the U.S. Food and Drug Administration disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici della
FDA.
6. Riviste
Oil Mill Gazetteer
Frequenza mensile
80
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
P.O.Box 3489
Houston, TX 77259-0483
Champaign, IL 61826-3489
Tel.: (281) 480 7889
Fax: (281) 338 2345
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.iomsa.org/
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare oli e grassi animali e
vegetali negli Stati Uniti. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i regolamenti sono
pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a pratiche
ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di cibi, cosmetici,
medicinali e prodotti relativi.
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et seq.): relativo
agli standard, alla certificazione e alla importazione di prodotti utilizzati con cibo, farmaceutici
e cosmetici.
-
Federal Insecticide, Fungicide and Rodenticide Act – FIFRA (7 USC 135 et seq.): legge che vieta
l’importazione di prodotti esposti a certi pesticidi od ad altri prodotti che sono stati adulterati
in violazione da quanto prevsito dalla legge in questione.
-
Regulations on Pesticides (19 CFR 12; 40 CFR 162): regolamenti che stabiliscono le procedure
e le linee guida per l’importazione di prodotti che sono stati esposti a pesticidi.
81
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per l’importazione di oli
e grassi animali o vegetali, rivolgersi a:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 207403835
Toll free information: (888) 723 3366
Tel: (202) 547 9359
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/list.html
Center for Food Safety and Applied Nutrition
U.S. Food and Drug Administration
Office of Plant and Dairy Foods and Beverages
5100 Paint Branch Parkway
College Park, MD 20740-3835
Toll free information: (888) 723 3663
82
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/
 Informazioni relative alla regolamentazione del livello di pesticidi presenti in
prodotti alimentari:
U. S. Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pesticide Programs (Division Mail Code)
Ariel Rios Building
1200 Pennsylvania Ave. NW
Washington, D.C. 20460
Tel.: (703) 308 8054, exporting pesticides
Daniel Helfgott
E-mail: [email protected], [email protected]
Sito Internet: http://www.epa.gov/pesticides
 Per informazioni più generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
83
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
101st American Oil Chemists’ Society Annual Meeting & Expo
Per informazioni:
Valorie Decihman, Exhibit Information
American Oil Chemisits’ Society
P.O. BOX 17190
Urbana, IL 61803-7190
Tel.: (217) 359 2344
Fax: (217) 351 8091
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.aocs.org
Date: 16 – 19 maggio 2010 (frequenza annuale),
Phoenix Convention Center
Phoenix, AZ
56th Summer Fancy Food Show
Per informazioni:
84
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Lauren Turchio, contact for Exhibition
National Association for the Specialty Food
20 Wall Street, 27th Fl
New York, NY 10005
Tel.: (800) 627 3869 x144;
Fax: (212) 482 6459;
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.specialtyfood.com/
Date: 27 – 29 Giugno 2010 (frequenza annuale),
Jacob Javits Convention Center
New York, NY
International Winter Fancy Food Show (Fancy Food Show Winter)
Per informazioni:
Lauren Turchio, contact for Exhibition
National Association for the Specialty Food
20 Wall Street, 27th Fl
New York, NY 10005
Tel.: (800) 627 3869 x144;
Fax: (212) 482 6459;
85
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.specialtyfood.com/
Date: 17-19 gennaio 2010 (frequenza annuale),
Moscone Convention Center
San Francisco, CA
National Restaurant Association Hotel-Motel Show
Per informazioni:
Mary Pat Heftman, Sr. VP, Convention
E-mail: [email protected]
150 N Michican Avenue
Ste 2000
Chicago, IL 60601
Tel.: (312) 853 2525
Fax: (312) 853 2548
Sito internet: http://www.restaurant.org/show/
Date: 22 – 25 maggio 2010 (frequenza annuale),
McCormick Place
Chicago, IL
86
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
10.
2009
Associazioni di categoria
North American Olive Oil Association (NAOOA)
3301 Route 66 Suite 205, Building C
Neptune, NJ 07753
Bob Bauer, President, Association of Food Industries
Tel.: (732) 922 3008
Fax: (732) 922 3590
E-mail: [email protected]
Sito Internet: naooa.mytradeassociation.org/
Institute of Shortening and Edible Oils (ISEO)
1750 New York Avenue NW, Ste 120
Washington, DC 20006
Robert L. Collette, Pres.
Tel.: (202) 783 7960
Fax: (202) 393 1367
Sito internet: http://www.iseo.org
E-mail: [email protected]
87
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
National Institute of Oilseed Products (NIOP)
1156 Fifteenth Street, N.W., Suite 900
Washington, DC 20005
Richard E. Cristol, Exec. Dir.
Tel.: (202) 785 8450
Fax: (202) 223 9741
Sito internet: http://www.niop.org/
Richard Cristol, Executive Vice President
E-mail: [email protected]
Italian Wine and Food Institute (IWFI)
60 East 42nd Street Suite 1341
New York, NY 10165
P.O. Box 789
New York, NY 10150
Lucio Caputo, Pres.
Tel.: (212) 867 4111
Fax: (212) 867 4114
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.italianwineandfoodinstitute.com
88
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Preparati di cereali, latte, farina
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane sul mercato statunitense di prodotti agroalimentari come i preparati di
cereali, latte, farina e amido (pasta, pane, torte, pizze ecc.) hanno registrato una crescita quasi
continua in valore nominale dal 1993 al 2004 con una lieve flessione negli anni 1999-2000
passando da circa 100 milioni di dollari a 320 milioni nel 2008 (fig. 1).
350
300
250
200
150
100
50
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
89
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Figura 1 Esportazioni di preparati di cereali, latte, farina e amido (mln di dollari)
In particolare, il trend delle vendite dal 2001 al 2008 e’ stato in costante crescita, nonostante un
trend del tasso di cambio euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della
valuta europea. Indicativo e’ ad esempio il risultato del 2005 con un + 14.89% per un totale di 261
milioni di dollari (fig.2).
350
1.60
300
1.40
250
1.20
1.00
200
0.80
150
0.60
100
0.40
50
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
2005
2006
Preparati di Cereali, Latte, Farina, Amido
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 2 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Le principali componenti della categoria merceologica che guidano le esportazioni sono la pasta, il
pane e la pasticceria in generale, prodotti che dal pubblico statunitense sono molto apprezzati, e le
crescenti critiche alle diete “low-carb”.
90
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel periodo dal 1993 al 2008 tali categorie hanno seguito il trend evidenziato per tutto il settore.
In particolare la flessione delle esportazioni registrata dall’intero settore negli anni 1999-2000, e’
stata causata dalla diminuzione delle vendite di pasta negli stessi anni. Fra il 2002 e il 2005 si e'
verificata una crescita' delle vendite, con un considerevole aumento nell’ultimo anno (+16%)
(fig.3).
Sebbene le esportazioni di pane e pasticceria siano meno incisive dal punto di vista economico
rispetto a quelle della pasta, tale categoria merceologica negli ultimi dieci anni mostra un
andamento di costante crescita, triplicando il proprio giro d’affari e contribuendo in modo
significativo alla crescita del settore, seppur con un lieve calo nell’ultimo anno.
Nonostante i dati positivi, i margini di crescita dell’agroalimentare sono ancora molto elevati.
L’ICE calcola infatti che il mercato dei prodotti c.d. “Italian sounding” sia 10 volte quello dei
prodotti autenticamente italiani. I nostri prodotti agroalimentari soffrono poi per il mancato
riconoscimento americano delle Indicazioni Geografiche.
250
200
150
100
50
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
pasta
pane e pasticceria
Figure 3 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
91
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei prodotti
importati negli Stati Uniti), è necessario essere in possesso di:
-
Il modulo di entrata “Form FD 701” - richiesto per tutte quelle importazioni regolate dalla
U.S.Food and Drug Administration (FDA) e che serve a certificare la conformità dei prodotti
importati agli standard di purezza, produzione, etc. stabiliti dalla FDA sulla base di quanto
previsto dal Federal Food, Drug and Cosmetic Act (FDCA).
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione (sulla base
dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi: preparati destinati
alla alimentazione infantile, contenenti oltre il 10% di latte (17,5%); estratti di malto (3,2
cents/litro); latticini contenenti oltre il 10% di latte solido (16%); pasta all’uovo non
cucinata/preparata e non ripiena (nessun dazio); pasta ripiena e non cucinata/preparata (6,4%);
tapioca e suoi sostituti derivati dall’amido di cassava, di sagù o di fecola (nessun dazio); cibi
preparati ottenuti dalla cottura di cereali o di prodotti di cereali (1,1%); patatine e snack simili
(6,4%); pane dolce biscottato (nessun dazio); pane tostato e simili prodotti tostati (nessun dazio).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Residui di pesticidi: i prodotti agricoli destinati al consumo alimentare importati
negli Stati Uniti devono conformarsi ai livelli di residuo di pesticida ammissibili
stabiliti dalla U.S.Environmental Protection Agency (EPA) sulla base di quanto
92
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
previsto dal Federal Insecticide, Fungicide and Rodenticide Act (FIFRA) e dal Food
Quality Protection Act.
-
Richieste di contrassegni – etichette: ogni preparato importato deve presentare ua
etichetta che specifichi il tipo di prodotto, indicare ogni trattamento a cui è stato
sottoposto il preparato in questione e conformarsi a tutti i requisiti nutrizionali
indicati.
-
Quote: sebbene i preparati di cereali/di latte/di farina/di amido non siano
direttamente il bersaglio di una Quota, possono ciò non di meno subire delle
restrizioni a causa degli specifici prodotti in esso contenuti (cacao, latte, zucchero).
In questo caso è necessario consultare direttamente l’agenzia Quota Branch della
U.S.Customs Service.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://usitc.gov/tata/hts o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
93
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per quanto riguarda l’importazione di
preparati di cereali: Requirements of Laws and Regulations Enforced by the U.S. Food and Drug
Administration. Pubblicazione ottenibile rivolgersi direttamente agli Uffici della FDA.
6. Riviste
Baking Buyer
Frequenza mensile
4800 Main St., Ste. 100
Kansas City, MO 64112-2504
Tel.: (816) 756 1000
Fax: (816) 756 0494
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.sosland.com
Pasta Journal
Frequenza bimestrale
1156 Fifteenth St. NW Ste. 900
Washington, DC 20005
Tel.: (202) 637 5888
Fax: (202) 223 9741
94
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ilovepasta.org
Pizza Today
Frequenza mensile
908 South 8th Street
Suite 200
Louisville, KY 40203
Tel.: (502) 736 9500
Fax: (502) 736 9502
Toll Free: 800 489 8324
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.pizzatoday.com
Snack Foods & Wholesale Bakery
Frequenza mensile
155 Pfingsten Road Suite 205
Deerfield, IL 60015
Tel.: (847) 405 4000
Fax: (847) 405 4100
95
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Dan Malovany, Editor
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.snackandbakery.com
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare negli Stati Uniti
preparati di cereali/di latte/di farina/di amido. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC)
mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a pratiche
ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di cibi, cosmetici,
medicinali e prodotti relativi.
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et seq.):
relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti usati con cibo,
medicinale e cosmetici.
-
Regulations of FDA on Infant Formula - Part 107 -, Bakery Products - Part 136 - , Macaroni
and Noodle Products – Part 139 (21 CFR Parts 107, 136 e 139): regolamenti che
stabiliscono degli standard tecnici e di classificazione che devono essere rispettati da tutti i
preparati di cereali/di latte/di farina/di amido.
-
Federal Insecticide, Fungicide and Rodenticide Act – FIFRA (7 USC 135 et seq.): legge che
vieta l’importazione di prodotti esposti a certi pesticidi od ad altri prodotti che sono stati
adulterati in violazione della Legge in questione.
-
Regulations on Pesticides (19 CFR 12; 40 CFR 162): regolamenti che stabiliscono le
procedure e le linee guida per l’importazione di prodotti che sono stati esposti a pesticidi.
96
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per l’importazione di oli
e grassi animali o vegetali, rivolgersi a:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 207403835
Toll free information: (888) 723 3366
Tel: (202) 547 9359
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/list.html
Center for Food Safety and Applied Nutrition
U.S. Food and Drug Administration
Office of Plant and Dairy Foods and Beverages
5100 Paint Branch Parkway
College Park, MD 20740-3835
Toll free information: (888) 723 3663
97
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/
 Informazioni relative alla regolamentazione del livello di pesticidi presenti in
prodotti alimentari:
U. S. Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pesticide Programs (Division Mail Code)
Ariel Rios Building
1200 Pennsylvania Ave. NW
Washington, D.C. 20460
Tel.: (703) 308 8054, exporting pesticides
Daniel Helfgott
E-mail: [email protected], [email protected]
Sito Internet: http://www.epa.gov/pesticides
 Per informazioni più generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
98
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
National Association Pizza Operators (Pizza Expo)
908 S. 8th Street, Suite 200
Louisville, KY 40203
Tel.: (502) 736 9500
Fax: (502) 736 9502
Per informazioni:
Bobbie MacIntosh- VP Meetings and Conferences
E-mail: [email protected]
Tel.: (800) 489 8324
Sito internet: http://www.pizzatoday.com
Date: 2-4 Marzo 2010
Las Vegas Convention Center
Las Vegas, Nevada
Natural Products Expo 2008
Per informazioni:
99
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
New Hope Natural Media
Katharine Breaux, Exhibition Manager
1401 Pearl St. Ste. 200
Boulder, CO 80302
Tel.: (303) 998-9216
E-mail: [email protected]
Date: 11-14 marzo, 2010
Anaheim Convention Center
Anaheim, CA
56th Summer Fancy Food Show (2010)
Per informazioni:
Lauren Turchio, contact for exh.
National Association for the Specialty Food
20 Wall Street, 27th Fl
New York, NY 10005
Tel.: (212) 482 6440 x144
Fax: (212) 482 6459
E-mail: [email protected]
100
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito internet: http://www.specialtyfood.com/
Date: 27-29 Giugno 2010
Jacob K. Javits Center
New York, NY
35th Winter Fancy Food Show
Per informazioni:
Lauren Turchio, contact for exh.
National Association for the Specialty Food
20 Wall Street, 27th Fl
New York, NY 10005
Tel.: (212) 482 6440 x144
Fax.: (212) 482 6459
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.specialtyfood.com/
Date: 17- 19 Gennaio 2010
Moscone Center
San Francisco, CA
Baking Tech 2010
101
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Per informazioni:
Kerwin Brown, Executive Director
765 BaywoodDrive, Suite 339
Petaluma, CA 94954
Tel.: (707) 762 8800
Fax: (707) 762 9500
Date: 28 Febbraio - 3 Marzo 2010 (frequenza annuale)
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.asbe.org/
Downtown Marriot
Chicago, IL
10. Associazioni di categoria
Retail BakerS of America (RBA)
8400 Westpark Drive, 2nd Floor
McLean, VA 22102
Tel.: (703) 610 9035 Toll Free: (800) 638 0924
Fax: (703) 610 0239
Rick Bittner, Executive Director
E-mail: [email protected]
Tel.: (703) 610-0272
102
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.rbanet.com
Association of Food Industries (AFI)
3301 Route 66
Suite 205, Bldg. C
Neptune, NJ 07753
Tel.: (732) 922 3008
Fax: (732) 922 3590
Sito internet: www.afius.org
Italian Wine and Food Institute (IWFI)
Lincoln Building
60 East 42nd Street Suite 1341
New York, NY 10165
P.O Box 789
New York, NY 10050-0202
Lucio Caputo, Pres.
Tel.: (212) 867-4111
Fax: (212) 867 4114
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.italianwineandfoodinstitute.com
National Frozen Pizza Institute (NFPI)
2000 Corporate Ridge, Ste. 1000
McLean, VA 22102
E-mail: [email protected]
103
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Chuck Fuqua, Vice President, Communications
Tel.: (703) 821 0770
Fax: (703) 821 1350
Sito internet: www.affi.com
National Pasta Association (NPA)
750 National Press Building
529 14th St, NW
Washington, DC 20045
Tel.: (202) 637 5888
Fax: (202) 223 9741
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ilovepasta.org
National Association of Pizzeria Operators (NAPO)
908 S. 8th Street, Suite 200
Louisville, KY 40203
Tel.1: (800) 489 8324
Tel.2: (502) 736 9530, Fax: (502) 736 9531
Angela Hoskins, Membership Director
Tel.: (502) 736 9500
Email: [email protected]
Sito internet: www.napo.com
American Institute of Food Distribution
1 Broadway 2nd floor
Elmwood Park, NJ 07407
104
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (201) 791 5570
Fax: (201) 791 5222
E-mail: que[email protected]
Sito internet: www.foodinstitute.com
105
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Vino, aceto e bevande
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari quali vino, aceto e bevande in generale sul
mercato statunitense sono state in costante crescita nel corso degli ultimi 15 anni. In particolare le
esportazioni hanno registrato un aumento molto significativo in volumi che dal 1993 sono piu’ che
triplicati in valore, assestandosi a 1 miliardo 665 milioni nel 2008 (fig.1).
1,800
1,600
1,400
1,200
1,000
800
600
400
200
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 1 Esportazioni vino, aceto e bevande (mln di dollari)
In particolare, il trend delle vendite dal 2001 al 2008 e’ stato in costante crescita, nonostante un
trend del tasso di cambio euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della
106
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
valuta europea. Indicativo e’ ad esempio il risultato del 2005 con un + 12% per un totale di 1
miliardo 332 milioni di dollari (fig.2).
1,800
1.60
1,600
1.40
1,400
1.20
1,200
1.00
1,000
0.80
800
0.60
600
400
0.40
200
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
Vino, aceto e bevande
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 2 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Focalizzando l’attenzione sulle componenti della categoria merceologica, si puo’ notare come
l’articolo maggiormente significativo sia il vino con valori di esportazione di circa 1 miliardo 293
milioni di dollari nel 2008. Tale categoria ha incisivamente influenzato il trend di tutto il settore e
non ha mai registrato periodi di flessione (gli USA importano circa un terzo del vino consumato
annualmente nel Paese), anche se ultimamente si registra in tale mercato l’affermarsi di nuovi
concorrenti, primo tra tutti l’Australia (con il vino Shiraz). Sebbene in valore minore, anche le altre
principali componenti della categoria quali i distillati, l’acqua naturale, l’aceto e il vermouth hanno
contribuito alla costante crescita dal settore dal momento che hanno sempre mantenuto
esportazioni in crescita (fig.3).
Nonostante i dati positivi, i margini di crescita dell’agroalimentare sono ancora molto elevati.
L’ICE calcola infatti che il mercato dei prodotti c.d. “Italian sounding” sia 10 volte quello dei
107
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
prodotti autenticamente italiani. I nostri prodotti agroalimentari soffrono poi per il mancato
riconoscimento americano delle Indicazioni Geografiche.
1,400
1,200
1,000
800
600
400
200
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
vino
distillati
aceto
acqua naturale
vermouth
Figure 3 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei prodotti
importati negli Stati Uniti), è necessario essere in possesso di:
108
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Il modulo di entrata “Form FD 701” - richiesto per tutte quelle importazioni regolate
dalla U.S.Food and Drug Administration (FDA) e che serve a certificare la conformità
dei prodotti importati agli standard di purezza, produzione, etc. stabiliti dalla FDA
sulla base di quanto previsto dal Federal Food, Drug and Cosmetic Act (FDCA). Il
modulo è richiesto per tutte le bevande non alcoliche e per le bevande alcoliche che
hanno una percentuale di alcool inferiore ai 7 gradi.
-
Per l’importazione di vini è richiesto il “Certificato del paese di origine” (Certficate of
Origin) rilasciato da una Autorità competente del paese di provenienza in cui si
conferma l’identit{ del vino in questione e la sua adeguatezza rispetto alle leggi che
regolano la produzione di vino per il consumo domestico.
-
Per l’importazione di liquori e super-alcolici è richiesto il “Certificato di et{ e di
origine” (Certificate of Age and Origin) rilasciato da una Autorit{ competente del paese
di provenienza in cui si conferma l’identit{ del prodotto in questione, la sua età e la sua
adeguatezza rispetto alle leggi che regolano la produzione di liquori e super-alcolici
per il consumo domestico.
-
Nel caso dell’importazione di liquori o super-alcolici imbottigliati prima del 1 Gennaio
1980 o di vini imbottigliati prima del 1 Gennaio 1979, è richiesto un “Certificato di
imbottigliamento non standard” (Certificates of Non-Standard Fill) rilasciato da una
Autorit{ competente del paese di provenienza che certifichi l’et{ effettiva dei prodotti
in questione. In tutti gli altri casi, il U.S.Treasury Bureau of Alcohol, Tobacco and
Firearms (ATF) sulla base di quanto previsto dal Federal Alcohol Administration Act
(FAAA) stabilisce degli standard di imbottigliamento ben precisi per quanto riguarda
le dimensioni delle bottiglie, l’ammontare di liquido che può essere contenuto in una
bottiglia di una data dimensione ed il numero di bottiglie che possono essere
trasportate in una cassa.
-
Il “Certificato di approvazione dell’etichetta” (Certificate of Label Approval). L’ATF
prevede, infatti, regole specifiche per quanto riguarda l’etichettamento di tutte le
109
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
bevande alcoliche, regole che variano a seconda della categoria di prodotto alcolico
considerato (liquori, vini o bevande a base di malto). In questo caso è necessario
compilare il modulo “Form ATF-F-1649” per ottenere la pre-approvazione
dell’etichetta del prodotto in questione da parte del ATF. Una volta che l’etichetta è
stata approvata, si ottiene uno specifico “Certificate of Label Approval”.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione (sulla base
dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi: acqua minerale e
gassata (0,26 cents/litro); latte di cioccolato (17%); soft drink addizionati con anidride carbonica
(0,3 cents/litro); birra analcolica (0,3 cents/litro); birra (4,2 cents/litro); vino spumante (19,8
cents/litro); sherry e liquori simili (26,4 cents/litro); marsala e liquori simili (5,3 cents/litro);
vino non superiore ai 14 gradi (6,3 cents/litro); vino superiore ai 14 gradi (22,4 cents/litro);
vermouth (3,5 cents/litro); sidro (0,4 cents/litro); brandy il cui valore non supera i 2,38 dollari al
litro (nessun dazio); whiskey scozzese (nessun dazio); rum (23,7 cents/litro); gin (nessun dazio);
liquori (13,2 cents/litro); tequila (nessun dazio); vodka valutata a meno di 2,05 dollari al litro
(nessun dazio); aceto (0,5 cents/litro); amari (nessun dazio); alcool etilico utilizzabile per la
produzione di bevande (29,6 cents/litro). L’alcool etilico superiore agli 80 gradi, è soggeto ad un
ulteriore dazio di 18,9 cents/litro. Lo stesso accade per le bevande alcoliche fermentate e con una
graduazione alcolica inferiore al 7% (per esempio: sidro, sidro di pere, idromele) a cui è applicato
un ulteriore dazio del 100%. Tutte le bevande alcoliche, indipendentemente se prodotte
domesticamente od importate, sono infine soggette ad una accisa federale in aggiunta ai dazi
doganali. Alcuni esempi: 1,07 dollari per gallone sui vini non superiori ai 14 gradi; 3,4 dollari per
gallone sullo champagne e sugli spumanti; 18 dollari per ogni barile standard (31 galloni) di birra.
110
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tutte le bottiglie di liquore distillato inferiori al gallone devono avere affiso sull’esterno della
bottiglia lo stampo rosso del ATF che conferma l’avvenuto pagamento delle accise. Gli stampi in
questione possono essere richiesti gratuitamente direttamente al ATF, e possono essere applicati
sulla bottiglia indipendentemente dal produttore straniero, nel momento in cui l’Ufficio Doganale
ispeziona la merce, presso il deposito in cui è conservata la merce negli Stati Uniti, oppure, in
alcuni specifici casi, anche prima dell’avvenuto pagamento.
4. Proibizioni e restrizioni
-
Rivestitura di bottiglia composta da materiale di origine vegetale (legno, paglia, etc.):
certi materiali di origine vegetale (come è per il caso delle bottiglie di Chianti) usati
per la rivestitura delle bottiglie sono soggetti a speciali restrizioni sulla base della
regolamentazione prevista dall’Animal and Plant Health Inspection Service (APHIS)
del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.
-
Succhi di frutta: ogni prodotto destinato alla vendita come succo di frutta deve
presentare una etichetta che indichi le percentuali di ogni ingrediente in esso
contenuto. E’ proibito aggiungere acqua ad un prodotto presentato come succo di
frutta. E’ invece possibile aggiungere zucchero od altri agenti dolcificanti previa
adeguata dichiarazione nell’etichetta.
-
Bevande analcoliche non addizionate con anidride carbonica: le bevande analcoliche
non addizionate con anidride carbonica sono sottoposte agli standard per
l’etichettamento previsti dal regolamento 21 CFR 102Bevande analcoliche
addizionate con anidride carbonica: le bevande analcoliche addizionate con anidride
carbonica sono sottoposte agli standard previsti dal regolamento 21 CFR 102 per
quanto riguarda i prodotti denominati come “soda”. In questo caso gli estratti di
caffeina possono essere presenti nella bevanda ma non possono eccedere lo 0,02%
del volume del prodotto.
111
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Bottiglie d’acqua: la FDA ha stabilito degli standard sia per quanto riguarda la
produzione, sia per quanto riguarda l’imbottigliamento e la qualit{ che si applicano a
tutte le bottiglie d’acqua da bere. E’ vietato indicare nell’etichetta della bottiglia
d’acqua la presenza di prodotti che sono presenti in quantit{ insignificante nella
stessa così come indicare proprietà terapeutiche inesistenti.
-
Richieste di contrassegni – etichette per le bevande alcoliche: le richieste in termini di
etichette per i prodotti alcolici previste dalla FDA variano a secondo della tipologia
di prodotto considerato:
1. Liquori o super alcolici. Le etichette devono contenere le seguenti
informazioni: il nome della marca; il contenuto alcolico; gli ingredienti; il nome
e l’indirizzo dell’importatore; il paese di origine; l’et{; la presenza di colorante
e aromatizzanti se del caso
2. Vini. Le etichette devono contenere le seguenti informazioni: il nome della
marca; la percentuale di vino straniero, se la bottiglia contiene una miscela di
vino straniero e domestico; il contenuto alcolico (leggero o da tavola, a seconda
se la percentuale di vino è superiore od inferiore ai 14 gradi); gli ingredienti
contenuti; il nome e l’indirizzo dell’importatore
3. Bevande di malto. Le etichette devono contenere le seguenti informazioni: il
nome della marca; gli ingredienti contenuti; il nome e l’indirizzo
dell’importatore; il nome dell’imbottigliatore (se richiesto da legge straniera o
statale); il contenuto alcolico (se richiesto da legge statale)
-
L’uso della parola “light” o “lite” sulla etichetta delle bevande alcoliche deve essere
accompagnata dall’indicazione delle calorie, dei carboidrati, del grasso e delle
proteine contenute nella stessa bevanda. Ogni bevanda alcolica imbottigliata dopo il
18 Novembre 1989 deve includere, nella etichetta, la seguente avvertenza:
“GOVERNMENT WARNING: 1) According to the Surgeon General, women should not
drink alcoholic beverages during pregnancy because of the risks of birth defects; 2)
112
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Consumption of alcoholic beverages impairs your ability to drive a car or operate
machinery and may cause health problems”. Se, infine, il liquori od i super alcolici
sono imbottigliati fuori dagli Stati Uniti in contenitori con una capacità superiore ai
200 millilitri, questi contenitori devono essere permanentemente etichettati con le
parole “Liquor Bottle” e con l’indicazione dell’indirizzo del produttore o
dell’importatore.
-
Quote: alcune bevande basate sul latte possono essere soggette ad un regime di
Quota. In questo caso è necessario consultare direttamente l’agenzia Quota Branch
della U.S.Customs Service.
-
Licenze per importare alcolici: per poter importare qualsiasi bevanda alcolica negli
Stati Uniti è necessario ottenere una previa licenza (l’Importer’s Basic Permit)
direttamente dal ATF. In più è necessario conformarsi alle richieste di licenza
avanzate da ogni singolo stato degli Stati Uniti ed ai regolamenti previsti dalle
singole città e giurisdizioni locali.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://usitc.gov/tata/hts o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
113
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per quanto riguarda l’importazione di
oli e grassi animali o vegetali e’ disponibile anche Requirements of Laws and Regulations Enforced
by the U.S. Food and Drug Administration disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici della
FDA.
6. Riviste
Wine Spectator
M. Shanken Communications
387 Park Avenue South
New York, NY 10016
Tel.: (212) 684 4224
E-mail: [email protected]
Beverage Digest
Frequenza: 22 uscite annuali
P.O.Box 621
Bedford Hills. NY 10507-0621
Tel.: (914) 244 0700
Fax: (914) 244 0774
Sito internet: http://www.beverage-digest.com
114
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Beverage World
Frequenza mensile
90 Broad Street Suite 402
NewYork, New York 10004
Tel.: (646) 708 7300
Fax: (646) 708 7399
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.beverageworld.com
Jeff Cioletti, Editor-in-Chief
E-mail: [email protected]
Tel.: (646) 708 7303
Wine Business Monthly
Frequenza mensile
110 W. Napa St.
Sonoma, CA 95476
Tel.: (707) 939 0822
Fax: (707) 939 0833
E-mail: [email protected]
Cyril Penn, Editor
115
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.winebusiness.com/
Wines & Vines
Frequenza mensile
1800 Lincoln Avenue
San Rafael, CA 94901-1298
Tel.: (415) 453 9700
Fax: (415) 453 2517
E-mail: [email protected]
Jim Gordon, Editor
Sito internet: www.winesandvines.com
All About Beer
Frequenza bimestrale
501-H Washington Street
Durham, NC 27701
Tel. 800-977-2337, Fax (919) 530 8160
E-mail: [email protected]
116
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito internet: http://www.allaboutbeer.com
Beer, Wine & Spirits Industry
Jeffrey Pipes Guice - Editor & Publisher
2233 St. Charles Avenue, #313
New Orleans, Louisiana 70130
Cell.: (203) 667 3674
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.bwsnewsletter.com/index.html
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare bevande alcoliche ed
analcoliche negli Stati Uniti. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i regolamenti sono
pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di cibi,
cosmetici, medicinali e prodotti relative.
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et seq.):
relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti utilizzati con
cibo, medicinali e cosmetici.
-
Exportation of Armed Vessels, Arms, Liqour and Narcotics (18 USC 960 et seq.): legge
che concede alla Dogana l’autorit{ di proibire l’esportazione di armi, di liquori e di
narcotic.
117
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Marks and Labels on Packages of Liqour (18 USC 1263): legge che prevede
l’imposizione di una multa o l’arresto per chiunque tenti di importare negli Stati Uniti
liquore senza corrispettiva etichetta/marca.
-
Regulations on Labeling Alcoholic Beverages (19 CFR 12.37, 12.38; 27 CFR 251, Parts
1, 3-5, 7): regolamenti che prescrivono le richieste a cui le etichette delle bevande
alcoliche si devono adeguare.
-
Excise Tax on Alcohol (26 USC 5001 et seq.): legge che impone una tassa sui liquori,
super alcolici, vini e birre.
-
Regulations on Collection of Alcohol Excise Taxes (27 CFR 251.48, 251.173):
regolamenti che autorizzano la Dogana a risquotere direttamente le accise imposte sui
liquori, super alcolici, vini e birre.
-
Webb-Kenyon Act (27 USC 122): legge che autorizza la Dogana ad applicare i divieti
nei confronti dell’importazione di bevande alcoliche che sono in contrasto con le leggi
dei singoli stati.
-
Federal Alcohol Administration ACT – FAAA (27 USC 201 et seq.): legge che proibisce
l’importazione di liquori, super alcolici, vini e birre negli Stati Uniti senza previa
autorizzazione rilasciata dalla Secretary of the Treasury.
-
Regulations of Customs for Entry of Alcohol (19 CFR 12.37): regolamento che
stabilisce le procedure attraverso cui la Dogana applica quanto stabilito dalla FAAA.
-
Liquor Law Repeal and Enforcement Act (40 USC 304 - h - j - k): legge che stabilisce le
condizioni per il sequestro di bevande alcoliche ed le condizioni per il rilascio di quei
prodotti sequestrati od abbandonati.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per l’importazione di oli
e grassi animali o vegetali, rivolgersi a:
118
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms and Explosives
Alcohol Import Export Branch
650 Massachusetts Avenue
Washington, DC 20226
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.atf.treas.gov
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 207403835
Toll free information: (888) 723 3366
Tel: (202) 547 9359
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/list.html
Center for Food Safety and Applied Nutrition
U.S. Food and Drug Administration
119
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Office of Plant and Dairy Foods and Beverages
5100 Paint Branch Parkway
College Park, MD 20740-3835
Toll free information: (888) 723 3663
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/
 Informazioni relative alla regolamentazione del livello di pesticidi presenti in
prodotti alimentari:
U. S. Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pesticide Programs (Division Mail Code)
Ariel Rios Building
1200 Pennsylvania Ave. NW
Washington, D.C. 20460
Tel.: (703) 308 8054, exporting pesticides
Daniel Helfgott
E-mail: [email protected], [email protected]
Sito Internet: http://www.epa.gov/pesticides
 Per informazioni riguardanti le quote applicate per l’importazione di bevande
basate sul latte, rivolgersi a:
120
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
U.S. Customs and Border Protection
Office of Field Operations
1300 Pennsylvania Ave. NW
Washington, DC 20229
Tel.: (202) 345 1000, (202) 344 1320 (importing/trade enforcement)
Sito internet: www.cbp.gov
 Per informazioni più generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
67th Annual Convention and Exposition
Per informazioni:
Wine & Spirits Wholesalers of America
121
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
805 15th Street NW, Suite 430
Washington, DC 20005
Tel.: (202) 371 9792
Fax: (202) 789 2405
Kari Langerman, Manager, Convention and Meetings
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.wswa.org
Date: 6 – 8 Aprile 2010
Caesars Palace
Las Vegas, NV
InterBev 2008
Per informazioni:
Interbev Show Management
10474 Armstrong St.
Fairfax, VI 22030
Tel.: (703) 934 4700
Fax: (703) 934 4899
E Mail: [email protected]
Date: 22 - 24 Settembre, 2010
122
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Orlando, FL
56th Summer Fancy Food Show (2010)
Per informazioni:
Lauren Turchio, contact for exh.
National Association for the Specialty Food
20 Wall Street, 27th Fl
New York, NY 10005
Tel.: (212) 482 6440 (ext.144)
Fax: (212) 482 6459
E Mail: [email protected]
Sito internet: http://www.specialtyfood.com/
Date: 27 - 29 Giugno 2010
Jacob K. Javits Center
New York, NY
35th Winter Fancy Food Show
Per informazioni:
Lauren Turchio, contact for exh.
National Association for the Specialty Food
123
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
20 Wall Street, 27th Fl
New York, NY 10005
Tel.: (212) 482 6440 (ext.144)
Fax: (212) 482 6459
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.specialtyfood.com/
Date: 17-19 Gennaio 2010
Moscone Center
San Francisco, CA
10.
Associazioni di categoria
Italian Wine and Food Institute (IWFI)
Lincoln Building
60 East 42nd Street Suite 1341
New York, NY 10165
P.O Box 789
New York, NY 10150
Lucio Caputo, Pres.
124
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel. : (212) 867 4111
Fax : (212) 867 4114
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.italianwineandfoodinstitute.com/
The Vinegar Institute (VI)
5775 Peachtree-Dunwoody Rd., Building G Ste. 500
Atlanta, GA 30342
Pamela A. Chumley, President
Tel.: (404) 252 3663
Fax: (404) 252 0774
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.versatilevinegar.org
National Association of Beverage Importers (NABI)
932 Hungerford Dr. Unit 12A
Rockville, Maryland 20850
William T. Earle, President
Tel.: (240) 453 9998
Fax: (240) 453 9358
125
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.nabi-inc.org/
American Beverage Licensees (ABL)
5101 River Rd., Ste. 108
Bethesda, MD 20816
Harry G. Wiles., Exec. Dir.
Tel.: (301) 656 1494
Fax: (301) 656 7539
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ablusa.org/
Wine and Spirits Wholesalers of America (WSWA)
805 15th Street NW, Suite 430
Washington, DC 20005
Craig Wolf, President & CEO
Tel.: (202) 371 9792
Fax: (202) 789 2405
Sito internet: http://www.wswa.org/
126
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
International Bottled Water Association (IBWA)
1700 Diagonal Rd., Suite 650
Alexandria, VA 22314
Joseph K. Doss, President
Tel.: (703) 683 5213
Fax: (703) 683 4074
Sito Internet: http://www.bottledwater.org/
E-mail: [email protected]
127
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Pelle, cuoio e articoli in pelle
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
128
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni .......................................................................................... 131
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................... 133
3.
Dazi di importazione .......................................................................................................... 135
4.
Proibizioni e restrizioni ...................................................................................................... 135
5.
Pubblicazioni disponibili .................................................................................................... 136
6.
Riviste ................................................................................................................................ 137
7.
Principali leggi e regolamenti ............................................................................................ 138
8.
Principali Agenzie Governative .......................................................................................... 140
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore ............................................................................. 144
10. Associazioni di settore...................................................................................................... 145
129
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 6 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Pelle, cuio e articoli in pelle
130
CODICE
42
Abbigliamento
4202
Valigeria
4203
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di pelli, cuoio e articoli in pelle sul mercato statunitense hanno
mostrato, nell’ultimo decennio, un generale andamento di crescita, talvolta con leggere
flessioni come nel 1998 e nel 2002.
1,000
900
800
700
600
500
400
300
200
100
0
Figure 12 Esportazioni italiane di Pelle, cuoio e articoli in pelle (in mln di dollari)
Negli anni compresi tra il 2001 e il 2005, le esportazioni hanno seguito un andamento piu’
variabile. Nel 2001 il valore delle esportazioni rappresentava 762 milioni di dollari. Tale
valore nel 2002 ha subito un calo del 6.63% corrispondendo a una diminuzione delle
esportazioni di circa 50.5 milioni di dollari rispetto all’anno precedente. Nel 2003 vi e’
stato un aumento del 3.48% di tale valore, totalizzando un valore complessivo di 736
131
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
milioni di dollari. Nel 2004 si e’ registrato un valore di 797 milioni di dollari tale da
determinare un ulteriore aumento del 8.27%. Il valore continua ad aumentare con un
totale di 825 milioni nel 2005 (+ 3.45%). Da gennaio a maggio 2006, le esportazioni di
articoli in pelle e cuoio hanno raggiunto il livello di 347 milioni di dollari, 10.47% in piu
rispetto al primo semestre del 2005. Il 2007 è un anno positive in cui un aumento del
6,9% port ail livello delle esportazioni a sfiorare gli 800 milioni di dollari, mentre il 2008
mln dollar
ha registrato una leggera flessione, in linea con la congiuntura economica mondiale.
1,000
900
800
700
600
500
400
300
200
100
0
1.60
1.40
1.20
1.00
0.80
0.60
0.40
0.20
0.00
2001
2002
2003
Articoli in pelle
2004
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figure 13 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Il confronto tra l’andamento delle esportazioni e del tasso di cambio dal 2001 al 2008
permette di cogliere una certa indipendenza tra le due variabili. L’andamento delle
132
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
esportazioni non sembra infatti aver risentito piu’ di tanto del tasso di cambio sfavorevole
Thousands
all’export.
800
700
600
500
Abbigliamento
400
Valigeria
300
200
100
Figure 14 Esportazioni per categoria merceologica
Tra le singole categorie merceologiche, degne di nota sono la valigeria che negli ultimi
cinque anni ha piu’ che duplicato i propri flussi di esportazione, e l’abbigliamento per cui
invece si è avuto un andamento piuttosto piatto, a tratti negativo.
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), è nessario essere in possesso di:
- Nel caso dell’importazione di prodotti derivati da animali da allevamento:
1) un certificato veterinario che attesti l’assenza nei prodotti importati di possibili
malattie infettive pericolose per gli animali;
133
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
2) una dichiarazione da parte dell’importatore sulla base delle procedure richieste
dall’U.S.Department of Agriculture (USDA);
- Nel caso di importazione di prodotti derivati da specie esotiche od in pericolo di
estinzione:
1) il modulo 3-177 richiesto dalla U.S.Fish and Wildlife Service (FWS);
2) i permessi ed i certificati richiesti sulla base delle leggi e dei regolamenti
applicati dalla FWS in materia di importazione di articoli derivati da specie
esotiche od in pericolo di estinzione. Tra i più importanti in questo senso: la
Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora
(CITES) ed il Endangered Species Act (ESA);
3) la licenza concessa dalla FWS nel caso di importazioni di prodotti per un valore
superiore ai 25.000 dollari.
- Nel caso dell’importazione di prodotti (in particolare valigie) contenenti materiale
tessile:
1) la dichiarazione di entrata richiesta dalla Dogana degli Stati Uniti che attesti
l’adeguatezza del prodotto in questione rispetto alle regole ed alle procedure
dell’U.S.Department of Commerce (DOC) in campo tessile. Nella documentazione
deve essere presente anche la dichiarazione del paese di origine;
2) la documentazione per l’export e/o il visto – se il prodotto tessile è soggetto al
Multi-Fiber Arrangemets (clausola che non vale per i prodotti fabbricati in Italia);
E` necessario inoltre essere in possesso di:
-
Copia della polizza di carico;
-
Copia della fattura commerciale o della fattura pro forma nel caso di trasporti non
commerciali.
134
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
borsa in pelle non valutata oltre i 20$ (10%); valutata oltre i 20 $ (9%); articoli di
abbigliamento in pelle non di rettile (6%); di rettile (4,7%); guanti in pelle (4.9%); cinture
con o senza fibia (2,7%); collari, guinzagli, museruola per cani (2,4%); borsa in pelle di
rettile (5,3%); lacci per scarpe (nessun dazio).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Prodotti derivati da animali di allevamento: in questo caso i prodotti possono
essere soggetti a quarantena se provenienti da paesi che presentano malattie
infettive. Se gli ispettori dell’USDA stabiliscono che i prodotti in questione sono
infettati, l’entrata negli Stati Uniti è vietata;
-
Richieste di contrassegni – etichette per prodotti derivati da animali e da specie
esotiche
od
in
pericolo
di
estinzione:
ogni
contenitore
deve
essere
adeguatamemente etichettato ed indicare il paese di origine del prodotto in
questione, il nome e l’indirizzo dell’importatore e dell’esportatore, ed una accurata
identificazione delle specie in questione;
-
Richieste di contrassegni – etichette per prodotti tessili: ogni prodotto composto da
materiale tessile deve essere etichettato sulla base delle disposizioni del Textile
Fiber Products Identification Act (TFPIA). In linea generale, le etichette devono
contenere le seguenti informazioni: 1) i nomi e le percentuali delle diverse fibre
135
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
contenute nel prodotto; 2) il nome del produttore; 3) il nome del paese dove il
prodotto è stato fabbricato.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
 Per informazioni sul commercio e l’importazione di prodotti derivati da specie
esotiche o in pericolo di estinzione:
-
International Wildlife Trade: A CITES Sourcebook (1994)
-
Questions and Answers Relating to the Wool ProductsInternational Wildlife
Trade: Whose Business is it? (1989)
 Per ordinare queste pubblicazioni, contattare:
World Wildlife Fund
1250 24th Street NW
136
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
P.O. Box 97180
Washington, DC 20090-7180
Tel.: (202) 293 4800
Sito Internet: http://www.wwf.org
6. Riviste
World Leather
Frequenza: 8 uscite annuali
36 Crosby Road North, Liverpool L22 0QN, UK
Cambridge, MA 02140-0002
Tel.: +44 (151) 928 9288
Fax: +44 (151) 928 4190
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.worldleather.co.uk
Leather International Magazine
Frequenza mensile
Progressive Media Markets Ltd
Progressive House
2 Maidstone Road, Footscray, Sidcup
Kent DA14 5HZ (UK)
Tel.: +44 (0)20 8269 7700
Fax: +44 (0)20 8269 7840
Martin Ricker, Editor
Tel.: +44 (0)20 8269 7787
Email: mailto:[email protected]
Sito internet: http://leathermag.com
137
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di pelle, di cuoio e di articoli in pelle. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC)
mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Pork Promotion, Research and Consumer Information Act (7 USC 4801 et seq.):
legge che richiede agli importatori di prodotti di suino di dare previa
comunicazione agli Uffici Doganali;
-
Importation of Animals, Birds, Fish and Plants (18 USC 42 et seq.): legge che
stabilisce i termini ed i requisiti per l’importazione di uccelli, pesce, anfibi,
mammiferi e rettili negli Stati Uniti;
-
Importation of Cattle and Quarantine (21 USC 101 et seq.): legge che stabilisce i
requisiti per una eventuale sospensione dell’importazione di animali come
prevenzione alla diffusione di malattie;
-
Foot and Mouth Disease Memorandum of Understanding Disease Research Act (21
USC 113a): legge che autorizza lo studio di malattie di animali e che proibisce
l’importazione di virus patogeni ad eccezione di alcune ben determinate
circostanze;
-
Establishment of International Animal Quarantine Stations (21 USC 135): legge che
autorizza lo stabilimento di centri internazionali di quarantena;
-
Quarantine, Inspection and Licensing (42 USC 264 et seq.): legge che restringe le
importazioni di cani, gatti, scimmie, uccelli, tartarughe che non soddisfano gli
standard di sicurezza;
-
Regulations for Animal and Animal Product Entry (19 CFR 12.24 e 12.26):
regolamenti che stabiliscono i documenti, le procedure e le dichiarazioni di entrata
138
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
necessarie per quegli animali e prodotti soggetti ai regolamenti stabiliti dal FWS e
dal USDA;
-
Regulations on Animal Byproduct Quarantine Control (9 CFR Parts 91-96):
regolamenti promulgati dal USDA che proibiscono l’importazione di prodotti di
animali per uso industriale a meno che questi stessi prodotti soddisfino
determinati standard e che non siamo infettati con determinate malattie;
-
Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora
- CITES - e Endangered Species Act (16 USC 1531): relativo ai prodotti contenti
componenti o parti di specie animali protette;
-
Fish and Wildlife Act (16 USC 742a et seq.): legge che regola e proibisce
l’importazione di certe specie di animali ed uccelli;
-
Regulations of FWS for importing Wildlife and Fish (50 CFR Parts 10,13 e 16):
regolamenti che stabiliscono gli animali ed i prodotti da animali soggetti a
restrizioni ed a divieto di importazione;
-
Antartic Conservation Act (16 USC 2401): legge che proibisce l’importazione, in
assenza di uno speciale permesso, di qualsiasi flora o fauna nativa dell’Antartico;
-
Lacey Act (16 USC 3371 et seq.): legge che proibisce l’importazione di specie prese,
possedute, trasportate, vendute in violazione delle leggi di un paese straniero;
-
The Marine Mammal Protection Act (16 USC 1361 et seq.): legge che proibisce
l’importazione di mammiferi marini e di loro parti e/o prodotti;
-
The African Elephant Conservation Act (16 USC 4201): legge che proibisce
l’importazione di prodotti di avorio scolpito da qualsiasi paese;
-
Textile Trade Agreements (7 USC 1854): legge che istituisce il Textile Import
Program che è applicato dalla dogana Americana;
-
Regulations on Entry of Textiles (19 CFR 12.130 et seq.): regolamento che
stabilisce le procedure seguite dalla dogana degli Stati Uniti nell’applicare le
limitazioni sulle importazioni e l’entrata di prodotti tessili;
139
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Textile Fiber Products Identification Act – TFPIA (15 USC 70-77): legge che
prevede per tutti i prodotti conteneti fibre tessili importati negli Stati Uniti di
venire etichettati in accordo con le disposizioni stabilite dalla legge in questione;
-
Regulations on Labeling and Marking (19 CFR 11.12b; 16 CFR 303 et seq.):
regolamenti relativi alla tipologia di etichette da apporre ai prodotti tessili come
specificati dalla CPSC;
-
Regulations of Customs on TFPIA Entry Labeling (19 CFR 11.12b): regolamenti che
stabiliscono le procedure, incluso le richieste per quanto rigurda le fatture, che la
Dogana americana segue per applicare il Textile Fiber Products Identification Act;
-
Flammable Fabrics Act – FFA (15 USC 1191-1204): legge relativa agli standard in
materia di infiammabilita’;
-
Regulations on Flammable Fabric Standards (16 CFR 1610, 1611, 1615, 1616,
1630-1632): regolamenti che specificano gli standard per differenti tipi di prodotti
tessili in materia di infiammabilita’ adottati dalla CPCS sulla base del FFA;
-
Wild Bird Conservation Act of 1992 (16 USC 4901): legge che elimina la maggior
parte delle importazioni commerciali di uccelli che ricadono sotto la Convenzione
CITES.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative alle richieste dell’USDA per quanto riguarda
l’importazione di prodotti derivati da animali di allevamento, rivolgersi a:
Animal and Plant Health Inspection Service (APHIS)
Import – Animal Products
4700 River Road
Riverdale, MD 20737
140
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (301) 734 3277
Fax: (301) 734 8226
E Mail: [email protected]
Sito Internet: http://aphis.usda.gov
 Per informazioni relative all’importazione negli Stati Uniti di articoli contenenti
parti di specie esotiche o protette, rivolgersi a:
U.S. Fish and Wildlife Service (FWS)
Office of Management Authority
4401 N.Fairfax Dr., Rm. 700
Arlington, VA 22203
Tel.: (703) 358 2093
Fax: (703) 358 2280
Sito Internet: http://www.fws.gov
National Oceanic and Atmospheric Administration
1401 Constitution Avenue NW, Room 5128
Washington, DC 20230
Justin Kenney, Director
Tel.: (202) 482 6090
Fax: (202) 482 3154
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.noaa.gov/
141
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per informazioni relative alle diverse tipologie di etichettamento richieste sulla
base del TFPIA, rivolgersi a:
Federal Trade Commission (FTC)
Division of Enforcement
600 Pennsylvania Avenue, NW
Washington, DC 20580
Tel.1: (202) 326 2222 – Reception
James A. Kohm, Associate Director
Tel.: (202) 326 2640
Fax.: (202) 326 2558
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.ftc.gov
 Per informazioni relative ai regolamenti in materia di importazione di materiale
tessile, rivolgersi a:
U.S.Department of Commerce
International Trade Administration
Office of Textiles and Apparel (OTEXA)
1401 Constitution Ave NW,
Washington, DC 20230
Tel.: (202) 482 5078;
Fax.: (202) 482 2331;
Janet Heinzen, Office Director
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://otexa.ita.doc.gov
142
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla CPSA in materia di
infiammabilità:
U.S. Consumer Product Safety Commission (CPSC)
Office of Compliance and Field Operations
John “Gib” Mullan, Assistant Exec. Dir.
4330 E. West Highway
Bethesda, MD 20814
Tel: (301) 504 7912;
Fax: (301) 504 0008;
E Mail: [email protected]
Small Business Helpline: (888) 531 9070
E Mail: [email protected]
Sito internet: http://www.cpsc.gov
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
143
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
Leather Industries of America
Per informazioni:
3050 K St. NW, Ste. 400
Washington, DC 20007
Maggie Gustavson, Assistant Director
Tel.: (202) 342 8497;
Fax: (202) 342 8583;
E-mail: [email protected]
Date: 9 – 12 Febbraio 2010 (frequenza annuale)
Le Cuir - Hall 4
Paris, France
Material at WSA Expo & Conference
Per informazioni:
WSA Global Holdings, LLC
15821 Ventura Blvd., Ste 415,
Encino, CA 91436-2974
Tel.: (818) 379 9400
Fax: (818) 379 9410
Date: 2 – 4 Febbraio 2010
Mandalay Bay Convention Center
Las Vegas, NV
144
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
10.
2009
Associazioni di settore
Leather Apparel Association (LAA)
The Leather Apparel Association
4705 Center Blvd, Suite 806
Long Island City, NY 11109
Tel.: (718) 606 0767
Fax: (718) 606 6345
Richard Harrow, Executive Director
Email: [email protected]
Email: [email protected]
Sito Internet: http://www.leatherapparelassociation.com/
Leather Industries of America (LIA)
3050K St., NW, Suite 400,
Washington, DC 20007
Tel.: (202) 342 8497
Fax: (202) 342 8583
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.leatherusa.com/
Gemini Shippers Group
Fashion Accessories Shippers Association, Inc.
350 5th Avenue, Ste 2030
New York, NY 10118
Harold Sachs, contact
Tel.: (212) 947 3424
145
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (212) 629 0361
E-mail 1: [email protected]
E-mail 2: [email protected]
Sito Internet: http://www.nfaa-fasa.org/
146
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Calzature
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
147
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni......................................................................................... 150
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................. 152
3.
Dazi di importazione ........................................................................................................ 153
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 154
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 154
6.
Principali leggi e regolamenti........................................................................................... 155
7.
Principali Agenzie Governative ........................................................................................ 157
8.
Riviste ............................................................................................................................... 159
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore ........................................................................... 160
10. Associazioni di categoria ................................................................................................. 162
148
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 7 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Calzature
149
CODICE
64
Calzature in gomma o plastica
6402
Calzature in pelle
6403
Calzature in tessuto
6404
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di calzature sul mercato statunitense negli ultimi 15 anni ha
seguito un andamento di crescita fino al 1996 e in seguito ha mantenuto un andamento
piuttosto stabile con un tendenziale declino negli ultimi 4 anni.
1,400
1,200
1,000
800
600
400
200
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 15 Esportazioni italiane di calzature (mln di dollari)
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, a causa dell’andamento del tasso di
cambio euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della valuta
europea, le esportazioni sono diminuite sensibilmente. Il totale delle calzature italiane
esportate negli Stati Uniti nel 2001 ha raggiunto la quota di circa 1 miliardo 261 milioni di
dollari mentre nel 2007 soltanto 1 miliardo 128 milioni (- 11,8% in valore nominale).
Sicuramente determinante nel declino delle esportazioni e’ la concorrenza dei prodotti
150
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
cinesi che hanno messo in crisi tutti i produttori mondiali per prodotti di medio-basso
livello (fig. 2).
1,300
1.60
1.40
1,250
1.20
1,200
1.00
1,150
0.80
0.60
1,100
0.40
1,050
0.20
1,000
0.00
2001
2002
2003
Calzature
2004
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 16 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Le componenti piu’ significative della categoria merceologica sono indubbiamente le
calzature in pelle che durante gli ultimi 15 anni hanno mantenuto valori di esportazione
molto elevati, superando il miliardo di dollari a partire dal 1996; e' stato registrato un calo
dal 2003 come per tutto il settore calzature. Le calzature in gomma e plastica, e in tessuto
hanno mantenuto valori di esportazione pressoche’ costanti. I dati relativi a questi articoli
rimangono per tutto il decennio al di sotto dei 200 milioni di dollari: pertanto tali
categorie rappresentano un mercato secondario rispetto a quello delle calzature in pelle
(fig. 3).
151
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1,200
1,000
800
600
400
200
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Calzature in pelle
Calzature in tessuto
Calzature in gomma o plastica
Figure 17 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), per l’entrata di ogni prodotto è necessario essere in
possesso di:
-
Il modulo “Form 5523” – che serve a determinare le tariffe doganali da applicare
nei confronti della specifica calzatura in esame. Nel modulo deve essere indicata:
1) per la parte superiore della scarpa, la percentuale della superficie esterna che è
in vera pelle, in plastica e/o gomma, in tessuto, od in altro materiale: 2) per la suola
esterna della scarpa, la stessa distinzione di cui sopra.
-
La documentazione per l’export e/o il visto – se il prodotto tessile è soggetto al
Multi-Fiber Arrangemets (clausola che non vale per i prodotti fabbricati in Italia).
152
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
La dichiarazione del paese di origine – obbligatoria ogni qual volta il prodotto
importato negli Stati Uniti è composto da materiale tessile. Questa dichiarazione è
necessaria anche quando il paese di origine del prodotto in questione non è
soggeto al Multi-Fiber Arrangements (come è per il caso dei prodotti italiani).
Possono preparare questa dichiarazione sia il fabbricante, che il produttore, che
l’esportatore, che l’importatore del prodotto. Nel caso in cui risultano coinvolte
nell’importazione del prodotto due o più di questi soggetti, ciascuna delle parti in
causa deve preparare una distinta dichiarazione dove indicare il nome e l’indirizzo
della compagnia. L’ultimo paese da cui i prodotti tessili sono stati esportati negli
Stati Uniti non necessariamente rappresenta il paese di origine dei suddetti
prodotti. Sono infatti le operazioni di assemblaggio e di lavorazione a determinare
quale è il paese di origine. Nel caso di prodotti tessili e di abbigliamento assemblati
o fabbricati in due o più paesi, il paese di origine è determinato dal luogo in cui le
principali fasi di assemblaggio sono state effettuate, o, nel caso in cui ciò non fosse
possibile da stabilire, da dove l’ultima importante fase di lavorazione ha avuto
luogo.
-
Il modulo 6451 in duplice copia – nel caso di articoli contenenti lana, dove indicare
la percentuale e la qualit{ della lana, nonchè il nome e l’indirizzo dell’importatore.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
calzature con suola esterna di pelle e parte superiore con cinghie di pelle (nessun dazio);
calzature impermeabili con la suola esterna e la parte superiore di plastica o gomma
(37,5%); scarponi da sci (nessun dazio); calzature sportive la cui parte superiore è
153
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
composta per più del 50% da pelle (nessun dazio); suole di plastica o gomma (6%); parti
per calzature in materiale tessile (12,5%).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Infiammabilità: tutti i prodotti composti da materiale tessile per poter essere
importati negli Stati Uniti devono conformarsi agli standard in materia di
infiammabilità stabiliti dalla Consumer Product Safety Commission (CPSC) sulla
base del Flammable Fabrics Act (FFA).
-
Richieste di contrassegni – etichette per prodotti tessili: ogni prodotto composto da
materiale tessile deve essere etichettato sulla base delle disposizioni del Textile
Fiber Products Identification Act (TFPIA). In linea generale, le etichette devono
contenere le seguenti informazioni: 1) i nomi e le percentuali delle diverse fibre
contenute nel prodotto; 2) il nome del produttore; 3) il nome del paese dove il
prodotto è stato fabbricato.
-
Richieste di contrassegni – etichette per prodotti di lana: ogni prodotto composto da
lana (con l’eccezione di quegli articoli fabbricati 20 anni prima dell’avvenuta
importazione negli Stati Uniti, dei tappeti, delle coperte, delle stuoie e della
tapezzeria) deve essere etichettato sulla base delle disposizioni del Wool Products
Labeling Act (WPLA). In linea generale, le etichette devono contenere le seguenti
informazioni: 1) la percentuale di lana, di ogni fibra che rappresenta più del 5% del
peso dell’articolo nonchè dell’aggregato di tutte le altre fibre contenute nel
prodotto (con l’esclusione di eventuali ornamenti); 2) il nome dell’importatore.
5. Pubblicazioni disponibili
154
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
 Pubblicazioni disponibili rivolgendosi direttamente agli Uffici della FTC:
-
Questions and Answers Relating to the Textile Fiber Products Identification
Act and Regulations
-
Questions and Answers Relating to the Wool Products Labeling Act and
Regulations
 Pubblicazioni disponibili rivolgendosi direttamente agli Uffici del U.S. Custom
Service o consultando il suo sito internet http://www.cbp.gov/:
-
What Every Member of the Trade Community Should Know About Textile &
Apparel Rules of Origin
-
What Every Member of the Trade Community Should Know About Nafta for
Textiles and Textile Articles Fibers & Yarn Informed Compliance
6. Principali leggi e regolamenti
155
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di calzature. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i regolamenti
sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Textile Trade Agreements (7 USC 1854): legge che istituisce il Textile Import Program
che è applicato dalla dogana Statunitense.
-
Regulations on Entry of Textiles (19 CFR 12.130 et seq.): regolamento che stabilisce le
procedure seguite dalla dogana degli Stati Uniti nell’applicare le limitazioni sulle
importazioni e l’entrata di prodotti tessili.
-
Regulation on Additional Invoice Requirements (19 CFR 141.89): regolamento che
specifica ulteriori informazioni sull’importazione negli Stati Uniti di alcune tipologie di
merci – inlcuso calzature e prodotti tessili.
-
Wool Products Labeling Act – WPLA (15 USC 68-68j): legge che prevede per tutti i
prodotti conteneti lana importati negli Stati Uniti di venire etichettati in accordo con le
disposizioni stabilite dalla legge in questione.
-
Regulations on WPLA Labeling and Marking (19 CFR 11.12; 16 CFR 300 et seq.):
regolamenti relativi alla tipologia di etichette da apporre ai prodotti contenenti lana
come specificati dalla FTC.
-
Textile Fiber Products Identification Act – TFPIA (15 USC 70-77): questa legge richiede
per tutti i prodotti conteneti fibre tessili importati negli Stati Uniti di venire etichettati
in accordo con le disposizioni stabilite dalla legge in questione.
-
Regulations on Labeling and Marking (19 CFR 11.12b; 16 CFR 303 et seq.):
regolamenti relativi alla tipologia di etichette da apporre ai prodotti tessili come
specificati dalla CPSC.
-
Flammable Fabrics Act – FFA (15 USC 1191-1204): legge relativa agli standard in
materia di infiammabilita’.
156
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Regulations on Flammable Fabric Standards (16 CFR 1610, 1611, 1615, 1616, 16301632): regolamenti che specificano gli standard per differenti tipi di prodotti tessili in
materia di infiammabilita’ adottati dalla CPCS sulla base del FFA.
7. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative alle diverse tipologie di etichettamento richieste sulla
base del TFPIA e del WPLA, rivolgersi a:
Federal Trade Commission (FTC)
Division of Enforcement
600 Pennsylvania Avenue, NW
Washington, DC 20580
Tel.1: (202) 326 2222 – Reception
James A. Kohm, Associate Director
Tel.: (202) 326 2640
Fax.: (202) 326 2558
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.ftc.gov
 Per informazioni relativa ai Multi-Fiber Arrangements, rivolgersi a:
U.S. Department of Commerce
International Trade Administration
Office of Textiles and Apparel (OTEXA)
1401 Constitution Ave NW,
Washington, DC 20230
157
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (202) 482 5078
Fax: (202) 482 2331
Janet Heinzen, Office Director
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://otexa.ita.doc.gov/
U.S. Consumer Product Safety Commission (CPSC)
Office of Compliance and Field Operations
John “Gib” Mullan, Assistant Exec. Dir.
4330 E. West Highway
Bethesda, MD 20814
Tel.: (301) 504 7912;
Fax: (301) 504 0008;
E Mail: [email protected]
Small Business Helpline: (888) 531 9070
E Mail: [email protected]
Sito internet: http://www.cpsc.gov
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
158
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
8. Riviste
Footwear News
Frequenza settimanale
7 West 34th St.
New York, NY 10001-8191
Tel. (212) 630 3800
Fax (212) 630 3796
Michael Atmore, Footwear Group Editorial Director
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.footwearnews.com/
Outerwear
Frequenza: 8 uscite annuali
19 W. 21st St., Ste 403
New York, NY 10010-6805
Tel.: (212) 727 1210
Fax: (212) 727 1218
World Footwear
Frequenza bi-mensile
P.O.Box 1530
Arlington, MA 02140-0002
61 Massachusetts Avenue
Arlington, MA 02174-8612
Tel.: (514) 457 8787
Fax: (514) 457 5832
E-mail: [email protected]
159
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito internet: http://www.shoetrades.com
Footwear
Frequenza bi-mensile
P.O.Box 1530
Arlington, MA 02140-0002
61 Massachusetts Avenue
Arlington, MA 02174-8612
Tel.: (514) 457 8787
Fax: (514) 457 5832
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.shoetrades.com
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
World Shoe Association (WSA)
Per informazioni:
Leslie Gallin, Show Director
15821 Ventura Blvd., Ste. 415
Encino, CA 91436-2974
Tel.: (818) 379 9400
Fax: (818) 379 9410
Email 1: [email protected]
Email 2: [email protected]
Sito Internet: http://www.wsashow.com/
Date: 2 – 4 Febbraio 2010 (frequenza semestrale),
Mandalay Bay Convention Center
160
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Las Vegas, NV
Pedorthic Footwear Association Symposium & Expo
Per informazioni:
Pedorthic Footwear Association
2025 M St., NW, Suite 800
Washington, DC 20036
Tel.: (202) 673 8447
Fax: (202) 367 1145
Sito internet: www.pedorthics.org
Date: 18 – 21 novembre, 2010 (frequenza semestrale)
Hilton Walt Disney World Resort
Orlando, FL
Shoe Market of the Americas
Per informazioni:
1414 NW 107th Avenue, Suite 301
Miami, FL 33172
Tel.: (786) 331 9000
Fax: (786) 331 9955
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://smota.com/site/page.asp?id=28
Date: 7 – 9 Marzo 2010 (frequenza trimestrale),
Lauderdale/Broward County, Convention
Miami, FL
161
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
10.
2009
Associazioni di categoria
National Shoe Retailers Association (NSRA)
7150 Columbia Gateway Dr., Ste G
Columbia, MD 21046
William Boettge, Pres.
Tel.: (410) 381 8282
Fax: (410) 381 1167
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.nsra.org
162
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Prodotti in ceramica
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
163
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni....................................................................................... 166
2.
Documentazione di entrata ........................................................................................... 169
3.
Dazi di importazione ...................................................................................................... 170
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................. 170
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................. 171
6.
Riviste ............................................................................................................................. 171
7.
Principali leggi e regolamenti......................................................................................... 173
8.
Principali Agenzie Governative ...................................................................................... 173
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore: ........................................................................ 174
10. Associazioni di settore ................................................................................................... 175
164
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 8 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Prodotti in ceramica
165
CODICE
69
Statuette e ornamenti in ceramica
6913
Piastrelle in ceramica grezza
6907
Porcellane
6911
Piastrelle in ceramica
6905
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
L’andamento delle esportazioni italiane di prodotti in ceramica nel mercato statunitense
dal 1997 al 2006 sono quasi raddoppiate passando da 460 a 813 milioni di dollari.
L’intero periodo ha registrato dati in costante aumento, tranne negli anni 2000-01 in cui si
e’ avuta una lieve flessione delle vendite.
1,000
900
800
700
600
500
400
300
200
100
0
Figure 18 Esportazioni prodotti in ceramica (mln di dollari)
Infatti la differenza delle esportazioni tra il 2001 e il 2000 e’ stata del -3.1% pari a – 21
milioni di dollari circa, nei due anni successivi il trend e’ stato di forte crescita tanto che il
2002 si e’ concluso con vendite pari a 732 milioni di dollari (+ 12.24%) e il 2003 ha
confermato tale andamento con un ulteriore aumento rispetto all’anno precedente del
13.52% pari a 99 milioni di dollari. Anche il 2004 ha confermato il trend si crescita delle
166
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
esportazioni, che si sono attestate ad un valore di 877 milioni di dollari (+ 5,56%). Il
trend positivo continua nel 2005 con un livello di esportazioni di 897 milioni di dollari (+
2.27%). Nel 2006 si e` avuto un picco di esportazioni in valore pari a 907 milioni di
dollari, risultato che non e` stato confermato nel 2007, anno in cui si e` avuto un
decremento pari al 10,3%. Il 2008 ha segnato un’inversione netta di tendenza, con un
mln dollar
crollo del 25%.
1,000
900
800
700
600
500
400
300
200
100
0
1.60
1.40
1.20
1.00
0.80
0.60
0.40
0.20
0.00
2001
2002
2003
2004
Prodotti in ceramica
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figure 19 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Il grafico sotto riportato evidenzia quali sono le componenti della categoria merceologica
piu’ significative. L’andamento delle vendite delle piastrelle in ceramica, con piu’ di 150
milioni di dollari di esportazione, guida l’intero settore, infatti la flessione registrata da
167
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
tale categoria nel 2000/01 si riflette nella diminuzione delle esportazioni di tutti i
prodotti in ceramica in quegli anni.
Le altre tre principali componenti del settore, piastrelle in ceramica grezza, porcellana e
statuette e ornamenti mostrano andamenti molto diversi.
Dal 1998 le esportazioni sul mercato statunitense di piastrelle in ceramica grezza sono
fortemente aumentate,a discapito,pero’ , di quelle della porcellana che nello stesso anno
registra una flessione che si potrae per tutto il resto del decennio. Nonostante il valore
delle esportazioni di ceramica grezza in dieci anni sia aumentato di quasi il 100%, tale
componente contribuisce in misura poco rilevante all’andamento dell’intero settore che
risulta fortemente influenzato dalle piastrelle in ceramica.
I prodotti in porcellana e gli ornamenti in generali presentano un trend di vendite nel
decennio abbastanza costante con una leggera flessione delle vendite dal 1999 in poi dopo
un periodo d’incremento delle esportazioni. Entrambe le categorie non raggiungono in
valore i 100 milioni di dollari di esportazione.
Fra il 2002 e il 2007 tutte le vendite crescono gradualmente, tranne statuette e ornamenti
e articoli in porcellana che perdono rispettivamente il 25,9% e il 31,8%.
Il 2008 ha fatto registrare un’ulteriore flessione in tutte le categorie merceologiche.
168
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Millions
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
160
140
120
100
80
60
40
20
0
piastrelle ceramica
grezze
porcellana
statuette
Figure 20 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati), è necessario essere in possesso di:
-
Nel caso di prodotti di ceramica destinati all’utilizzo nel campo alimentare, il
modulo “Form FD 701” richiesto dalla U.S.Food and Drug Administration (FDA) che
stabilisce i limiti che non possono essere superati per quanto riguarda il livello di
cadmio e piombo presente nei prodotti in questione sulla base di quanto previsto
dal Federal Food, Drug and Cosmetic Act (FDCA);
169
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Nel caso delle piastrelle di ceramica, la fattura di entrata deve indicare la forma e le
dimensioni della singola piastrella, la loro quantità, e se le piastrelle sono smaltate
o non smaltate;
-
Nel caso di articoli in ceramica, in smalto di ceramica, in porcellana od in terracota
la fattura di entrata deve indicare: 1) nel caso di prodotti in serie, il tipo di articolo
presente in ogni serie; 2) l’esatto diametro massimo, espresso in cm, della
dimensione di ogni piatto; 3) il valore di ciascun piatto, bicchiere, sottocoppa, etc. .
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
piastrelle di ceramica non smaltate (10%); piastrelle di ceramica smaltate (10%); parti in
ceramica per macchinari (nessun dazio); lavandini e gabinetti (5,8%); grondaie in
ceramica (nessun dazio); vasellame da tavola in porcellana (25%); boccali in porcellana o
ceramica (14%); altri prodotti in ceramica o porcellana per uso alimentare (26%); articoli
per bagno (5,7%); statuette valutate ad un prezzo di oltre 2,5 dollari per pezzo (nessun
dazio); piastrelle in ceramica ad uso decorativo (13,5%).
4. Proibizioni e restrizioni
Prodotti destinati ad uso alimentare: al momento dell’entrata dei prodotti negli Stati Uniti,
la FDA può: 1) ritenere sufficiente la documentazione presentata (il modulo FD 701); 2)
prendere un campione per sottoporlo a test e rilasciare comunque la merce in questione;
3) prendere un campione per sottoporlo a test e trattenere la merce presso la dogana fino
a che i risultati dei test non siano risultati soddisfacenti. Gli articoli destinati al solo uso
170
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
decorativo e non anche ad uso alimentare (piatti commemorativi, souvenir, piatti decorati,
etc.) non sono soggetti ai controlli da parte della FDA, ma devono comunque presentare
una etichetta permanente sul retro del piatto che indichi la scritta: “Not for Food Use-Plate
May Poison Food. For Decorative Purposes Only”.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
6. Riviste
The American Ceramic Society
Frequenza mensile
600 N. Cleveland Ave., Suite 210
Westerville, Ohio 43082-8720
Tel.: (866) 721 3322
Fax: (301) 206 9789
171
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Scott Steen, Executive Director
Tel.: (614) 794 5855
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ceramics.org
Ceramic Industry
Frequenza mensile
2401 W. Big Beaver Road, #700
Troy, MI 48084-4903
Tel.: (248) 362 3700
Fax: (248) 244 6439
Susan Love, Publisher/Executive Editor
E-mail: [email protected]
Tel.: (641) 760 4221
Fax: (248) 502 2046
Sito internet: http://www.ceramicindustry.com
Tile & Decorative Surfaces
Frequenza mensile
22801 Ventura Blvd., Suite #115
Woodland Hills, California 91364
Tel.: (818) 224 8035
Fax: (818) 224 8042
Arpi Nalbandian, Editor
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.tilemagonline.com/
172
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di prodotti di ceramica. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i
regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di
cibi, cosmetici, medicinali e prodotti relative;
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et
seq.): relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti
utilizzati con cibo, medicinali e cosmetici.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla FDA per i prodotti di ceramica
destinati ad uso alimentare:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 207403835
Toll free information: 1-888-723-3366
Tel.: (202) 547 9359
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/list.html
173
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
American Ceramic Society Annual Meeting & Expo (MS&T'09)
Per informazioni:
600 N Cleveland Ave Ste 210
Westerville, OH 43086-6136
Patricia Janeway, Promo MGR
Tel.: (614) 794 5826;
Fax: (301) 206 9789;
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://matscitech.org/
Date: 17-21 ottobre, 2010
Houston, Texas
International Conference and Exposition on Advanced Ceramics and Composites
Per informazioni:
L-2625, PO Box 600001
Columbus, OH 43086-6136 USA
174
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (614) 794 5861
Fax: (301) 206 9789
Sito internet: http://ceramics.org/34th-international-conference-exposition-onadvanced-ceramics-composites/
Date: 24 – 29 gennaio 2010 (frequenza annuale),
Cocoa Beach FL
Hilton Daytona Beach Resort & Ocean Center
Daytona Beach, FL, USA
Glass & Ceramic Decorators Society, DECO 2010
47 N. Fourth Street
PO Box 2489,
Zanesville, OH 43702
Per informazioni:
Myra Warne, Executive Director
Tel.: (740) 588 9882
Fax: (740) 588 0245
E-mail.1: [email protected]
E-mail.2: [email protected]
Sito internet: http://www.sgcd.org
Date: 18 - 19 Aprile 2010, (frequenza annuale),
Sheraton Hotel (Downtown)
Nashville, TN
10.
Associazioni di settore
Ceramic Manufacturers Association
47 N. Fourth Street
175
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Zanesville, OH 43701
Myra Warne, Executive Director
Tel.: (740) 588 0828
Fax: (740) 588 0273
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.cerma.org/
Ceramic Tile Distributors Association (CTDA)
800 Roosvelt Rd.
Bldg. C, Ste. 312
Glen Ellyn, IL 60137
Robert Henry III, President
Tel.1: (630) 889 0800
Tel.2: (800) 938 2832 Toll free
Fax: (630) 790 3095
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.ctdahome.org
Glazing Industry Code Committee
2945 SW Wanamaker Dr., Ste A
Topeka, KS 66611-5321
Stanley L. Smith Exec. VP
Tel.: (785) 271 0208
Fax: (785) 266 0272
Sito internet: www.glasswebsite.com
E-mail: [email protected]
Tile Council of America (TCNA)
176
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
100 Clemson Research Blvd
Anderson, SC 29625
Eric Astrachan, Exec. Dir.
Tel.: (864) 646 8453
Fax: (864) 646 2821
E-mail.1: [email protected]
E-mail.2: [email protected]
Sito internet: http://www.tileusa.com/
Society of Glass and Ceramic Decorators (SGCD)
47 N. Fourth St. Box 2489
Zanesville, OH 43702
Sandra Nelson , Decoritalia.
Tel.1: (727) 773 8017
Myra Smitley, President
Tel.2: (740) 588 9882
Fax: (740) 588 0245
E-mail: [email protected]
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.sgcd.org
177
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Chimica organica
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
178
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni......................................................................................... 181
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................. 183
3.
Dazi di importazione ........................................................................................................ 184
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 184
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 184
6.
Riviste ............................................................................................................................... 185
7.
Principali leggi e regolamenti........................................................................................... 187
8.
Principali Agenzie Governative ........................................................................................ 188
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore ........................................................................... 190
10. Associazioni di categoria ................................................................................................. 192
179
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 9 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Chimica organica
29
Antibiotici
2941
Acidi Carbossilici
2918
Composti carboxiamidi
180
CODICE
2924-2925
Acidi nucleici e salini
2934
Composti eterociclici
2932-2933
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane negli Stati Uniti di prodotti relativi alla chimica organica hanno
seguito negli ultimi 15 anni un andamento tendenzialmente irregolare con delle punte di
crescita nel 1999 (circa 1 miliardo 63 milioni di dollari) e nel 2005 (1 miliardo 153
milioni), assestandosi a 894 milioni di dollari nel 2007 (fig 1).
1,400
1,200
1,000
800
600
400
200
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 21 Esportazioni prodotti chimica organica (mln di dollari)
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, a causa dell’andamento del tasso di
cambio euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della valuta
europea, le esportazioni sono rimaste stabili, registrando un aumento solo nel 2005 (1
181
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
miliardo 153 milioni), mentre sono in calo sensibilmente negli ultimi due anni (-29%)
(fig.2).
Incoraggiante, nel contesto della congiuntura economica mondiale, il dato del 2008, che
registra un sensibile aumento rispetto al 2007, riavvicinandosi ai livelli del 2006.
1,400
1.60
1,200
1.40
1.20
1,000
1.00
800
0.80
600
0.60
400
0.40
200
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
Chimica organica
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 22 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Focalizzando l’attenzione sulle componenti della categoria merceologica, si puó notare
come gli articoli maggiormente significativi siano i composti eterociclici e gli antibiotici.
Le esportazioni di antibiotici hanno mantenuto fino al 1998 i valori piu’ elevati rispetto
alle altre componenti, pur seguendo un andamento decrescente a partire dal 1996 tanto
che le quote di esportazione dei composti eterociclici hanno superato quelle degli
antibiotici nel 1999 ed oggi rappresentano la categoria piu' rilevante con un valore di 250
milioni di dollari circa. Gli acidi nucleici e salini hanno mantenuto un andamento
tendenzialmente costante, registrando una crescita sensibile negli anni 1998 – 1999,
attestandosi intorno ad un valore di circa 89 milioni di dollari. La categoria composti
182
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
carboxiamdi ha registato un decline continuo, attestandosi insieme agli acidi carbossilici
ad un valore costante inferiore ai 50 milioni di dollari (fig. 3).
350
300
250
200
150
100
50
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Antibiotici
Acidi nucleici e salini
Acidi Carbossilici
Composti eterociclici
Composti carboxiamidi
Figure 23 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati), è necessario essere in possesso di:
-
Nel caso di sostanze classificate come pericolose, il certificato richiesto
dall’U.S.Environmental Protection Agency (EPA) che attesti la conformit{ dei
183
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
prodotti in questione ai termini di sicurezza previsti dal Toxic Substances Control
Act (TSCA). E’ consigliabile, per accellerare i tempi di dogana, specificare nel
modulo i numeri di tutti gli elementi chimici contenuti nei prodotti importati così
come questi vengono riportati dal Chemical Abstracts Service (CAS).
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
stirolo (7,4%); clorometano (8,4%); cloromorfo (7,6%); acido citrico (6%); ampicillina
(nessun dazio); tetraciclina (nessun dazio); acido tartarico (nessun dazio); mentolo (2,1
cents/Kg); butano (nessun dazio); benzene (nessun dazio); nitrato di naftalina (6,9
cents/kg più 6,9%); metanolo per la produzione di gas (nessun dazio).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Richieste di contrassegni – etichette: il trasporto di qualsiasi prodotto contenente
materiale chimico classificato come “sostanza pericolosa”, deve conformarsi alle
richieste in termini di etichette e di imballaggio adottatate dalla Environmental
Protection Agency (46 CFR 147.30) e dal U.S.Department of Transportation (49
CFR 171 et seq.).
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
184
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
 Per informazioni relative all’importazione di prodotti di chimica organica
classificati come tossici o pericolosi:
-
Toxic Substances Control Act: A Guide for Chemical Importers/Exporters
(pubblicato dalla EPA)
-
TSCA Chemical Substance Inventory (edizione 1985: Doc.Code S/N 055-00000254-1)
-
Supplement to TSCA Chemical Substances Inventory (Doc.Code S/N 055-00000361-1)
6. Riviste
Biochemistry
Frequenza settimanale
1155 16th street NW,
Washington DC 20036
Tel.: (202) 872 4600 Worldwide
Tel.: (800) 227 5558 US
Fax: (202) 872 6067
E-mail: [email protected]
185
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Richard N. Armstrong, Editor
832 RRB
Nashville, Tennessee 37232-0146
Phone: (615) 343 3915
Fax: (615) 343 8366
Fax: (877) 522 7329 (toll-free in continental U.S. and Canada)
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://pubs.acs.org/
Chemical & Engineering News
Frequenza settimanale
1155 16th street NW,
Washington, DC 20036-48090
Tel.: (202) 872 4600 Worldwide
Tel.: (800) 227 5558
Fax: (202) 872 8727
E-mail: [email protected]
Rudy M. Baum, Editor-in-chief
Tel.: (202) 872 4491
Fax: (202) 872 8727 (Ext.6381)
E-Mail: [email protected]
Sito internet: http://pubs.acs.org/cen
Chemical Market Reporter
Frequenza settimanale
360 Park Avenue South, 12th floor
New York, NY 10010
Tel.: (212) 791 4200
186
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (212) 791 4310
E-mail: [email protected]
Joseph Chang, Editor-in-chief
New York, NY 10010
Tel.: (212) 791 4224
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.icis.com/chemicalbusiness
The Journal of Organic Chemistry
Frequenza bi-settimanale
1155 16th street NW,
Washington, DC 20036-4800
Tel.: (202) 872 4600 Worldwide
Tel.: (800) 227 5558 US
Fax: (202) 872 6067
E-mail: [email protected]
C. Dale Poulter, Editor-in-chief
Tel.: (801) 581-3368
Fax: (202) 513-8639
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://pubs.acs.org
7. Principali leggi e regolamenti
187
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli Stati
Uniti di prodotti di chimica organica. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i
regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Federal Hazardous Substances Act (15 USC 1261): legge che controlla
l’importazione di sostanze pericolose.
-
Hazardous Materials Regulations (49 CFR 170 et seq.): regolamento che classifica
tutte quelle sostanze ritenute pericolose e che fornisce regole per il trasporto, la
sicurezza, l’etichettamento.
-
Labeling of Hazardous Materials (46 CFR 147.30): regolamento che richiede
l’etichettamento dei contenitori di sostanze pericolose.
-
Carriage of Solid Hazardous Materials in Bulk (46 CFR 148 et seq.): regolamento
che governa il trasporto di sostanze solide pericolose.
-
Toxic Substances Control Act (15 USC 2601 et seq.): legge che autorizza l’EPA a
stabilire quando una sostanza e’ da ritenersi pericolosa e quando e’ necessario
restringerne l’importazione.
-
Toxic Substances Control Regulations (19 CFR 12.118 et seq.): regolamento che
richiede agli importatori di sostanze chimiche di certificare alla dogana che i
prodotti in questione soddisfano il Toxic Substances Control Act.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla TSCA e dalla EPA per
l’importazione di prodotti chimici:
Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pollution Prevention
1200 Pennsylvania Avenue, NW
188
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Mail Code 7409M
Washington, DC 20460
Tel.: (202) 564-8800
Fax: (202) 564-8899
Sito Internet: http://www.epa.gov/opptintr/p2home/
 Per informazioni relative al trasporto di sostanze pericolose:
U.S. Department of Transportation (DOT)
Pipeline and Hazardous Materials Safety Administration
East Building, 2nd Floor
1200 New Jersey Ave., SE
Washington, DC 20590
Tel.: (202) 366 4433
Fax: (202) 366 3666
Sito Internet: http://hazmat.dot.gov
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
La TSCA - Chemical Substance Inventory è disponibile rivolgendosi a:
National Technical Information Service (NTIS)
189
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito internet: http://www.ntis.gov
U.S. Department of Commerce
1401 Constitution Ave., NW
Washington, DC 20230
Tel.: (202) 482-2000
Sito Internet: www.commerce.gov
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
American Association Clinical Chemistry
Per informazioni:
Scherago International
525 Washington Blvd., Suite 3310,
Jersey City, NJ 07310
Tel.: (201) 653 4777
Fax: (201) 653 5705
E-mail: [email protected]
Date: 25 – 29 Luglio 2010 (frequenza annuale)
Convention Center
Anaheim, CA
American Oil Chemists Society Annual Meeting & Expo
Per informazioni:
Connie Hilson, AOCS Exhibits Specialist
2710 S. Boulder,
Urbana, IL 61802-6996
190
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (217) 639 4831
Fax: (217) 351 8091
Sito internet: http://www.aocs.org
E-mail: [email protected]
Date: 16 - 19 Maggio 2010 (frequenza annuale),
Phoenix Convention Center
Phoenix, Arizona USA
Informex
Per informazioni:
Jennifer Jessup, Show Director
212 Carnegie Center, Suite 203
Princeton, NJ 08540
Tel.: (609) 759 4707
Fax: (201) 720 2972
Sito internet: http://www.informex.org/
E-mail: [email protected]
Date: 16 – 19 Febbraio 2010 (frequenza annuale)
The Moscone Center West
San Francisco, CA
Electrochemical Soc
Per informazioni:
Stephanie Plassa, Director of Meetings and Exhibits
65 South Main St
Pennington, NJ 08534-2896
Tel.: (609) 737 1902 (ext.102)
191
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (609) 737 2743
Sito internet: http://www.electrochem.org/
E-mail: [email protected]
Date: 25 – 30 Aprile 2010
217th ECS Meeting
Vancouver Convention Center
Vancouver, CANADA
Chemical Process Industries Expo (Chem Show)
Per informazioni:
International Exposition Co.
15 Franklin St
Westport, CT 06880
Tel.: (203) 221 9232
Fax: (203) 221 9260
Sito internet: http://www.chemshow.com
Date: 17 – 19 Novembre 2009 (frequenza biennale)
Jacob Javits Convention Center
New York, NY
10.
Associazioni di categoria
American Chemistry Council
1300 Wilson Blvd.
Arlington, VA 22209
Tel.: (703) 741 5000
Fax: (703) 741 6000
Sito internet: www.americanchemistry.com
192
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Synthetic Organic Chemical Manufacturers Association (SOCMA)
1850 M Street NW, Suite 700
Washington, DC 20036
Joseph Acker, Pres.
Tel.: (202) 721 4100
Fax: (202) 296 8120
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.socma.org
193
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Materiale editoriale e stampati
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
194
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni......................................................................................... 197
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................. 199
3.
Dazi di importazione ........................................................................................................ 201
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 202
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 203
6.
Riviste ............................................................................................................................... 203
7.
Principali leggi e regolamenti........................................................................................... 205
8.
Principali Agenzie Governative ........................................................................................ 207
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore: .......................................................................... 208
10. Associazioni di settore: .................................................................................................... 211
195
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 10 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Materiale editoriale e stampati
196
CODICE
49
Libri
4901
Giornali
4902
Pubblicazioni per bambini
4903
Decalcomanie
4908
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di materiale editoriale (libri, riviste, periodici) e di stampati
(incluso fotografie, riproduzioni, poster, mappe geografiche) sul mercato statunitense
hanno registrato negli ultimi 15 anni una tendenza variabile, in tendenziale aumento fino
al 1998 (171,7 milioni di dollari). Nel 2001 si e’ rilevato un totale delle esportazioni di 147
milioni di dollari, e nel 2002 di 139,8 milioni, diminuzione di 5,15%, lo stesso trend
negativo viene registrato per il 2003 (- 2,36%), per il 2004 (- 7,5%) e per il 2005 (- 9,7%),
in diminuzione fino al 2007 (111 milioni) e un sostanziale stallo nel 2008.
200
180
160
140
120
100
80
60
40
20
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 24 Esportazioni di materiale editoriale e stampati (mln di dollari)
197
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, a causa anche dell’andamento del
tasso di cambio euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della
valuta europea, le vendite del settore sono in continua diminuzione. Dal 2001 al 2005 le
vendite sono passate da un valore di circa 147 milioni di dollari a circa 114 milioni di
dollari, attestandosi nell’ultimo anno a 111 milioni. (fig. 2).
160
1.60
140
1.40
120
1.20
100
1.00
80
0.80
60
0.60
40
0.40
20
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
Materiale editoriale e stampati
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 25 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Analizzando le
componenti che principalmente incidono
sull’andamento delle
esportazioni sul mercato statunitense dell’intero settore si nota come la principale sia
rappresentata dai libri. Il trend di vendite di libri e’ stato negli ultimi 15 anni discontinuo,
facendo registrare forti aumenti nel 1995 e nel 1998 e flessioni dal 1999 in poi, trainando
ovviamente l’andamento dell’intero settore. Anche le altre tre componenti del settore
(libri per bambini, decalcomanie e quotidiani e periodici) presentano andamenti
198
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
decrescenti e percio'non hanno contribuito in maniera molto significativa ad accrescere il
valore delle esportazioni della categoria negli Stati Uniti.
120
100
80
60
40
20
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
libri
giornali
pubblicazioni per bambini
decalcomanie
Figura 26 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
2. Documentazione di entrata
199
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), è nessario essere in possesso di:
-
Nel caso di valuta o titoli trasferibili valutati più di 10 mila dollari, il modulo di
entrata “Form 4790” sulla base di quanto previsto dal Currency and Foreign
Transactions Reporting Act (CTFR).
-
Nel caso di libri, nella fattura di ingresso od in foglio separato allegato alla fattura
bisogna indicare: 1) se si tratta di dizionari, enciclopedie, libri di testo, libri di
preghiera o di culto, libri scientifici, tecnici o professionali, libri d’arte o di
fotografia, guide, riviste rilegate oppure “altri libri”; 2) nel caso di “altri libri”, se
pubblicazioni dotate di copertina rigida oppure senza rilegatura; 3) nel caso di
“altri libri” non rilegati, il numero di pagine (con l’esclusione della copertina).
-
Nel caso di periodici, riviste, giornali, nella fattura di ingresso od in foglio separato
allegato alla fattura bisogna indicare: 1) se si tratta di pubblicazioni che escono
almeno quattro volte a settimana; 2) nel caso in cui non escano almeno quattro
volte a settimana, specificare se si tratta di supplementi di quotidiani stampati con
un procedimento a fotoincisione, se sono periodici, giornali di economia o
professionali, oppure “altro”.
-
Nel caso di pubblicazioni musicali, nella fattura di ingresso od in foglio separato
allegato alla fattura bisogna indicare se il materiale in questione è rilegato oppure
non rilegato.
-
Nel caso di mappe, cartine e mappamondi, nella fattura di ingresso od in foglio
separato allegato alla fattura bisogna indicare se il materiale in questione è in
rilievo oppure no.
-
Nel caso di riproduzioni, nella fattura di ingresso od in foglio separato allegato alla
fattura bisogna indicare se il materiale in questione è vitrificato o meno.
200
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Nel caso di di cartoline illustrate, nella fattura di ingresso od in foglio separato
allegato alla fattura bisogna indicare se si tratta di cartoline di auguri, cartoline
postali o “altro”.
-
Nel caso di calendari, nella fattura di ingresso od in foglio separato allegato alla
fattura bisogna indicare se i calendari sono stati stampati su carta attraverso un
processo litografico, e se sì lo spessore del foglio in millimetri.
-
Nel caso di di fotografie, litografie, immagini, dipinti stampati, nella fattura di
ingresso od in foglio separato allegato alla fattura bisogna indicare: 1) se il
materiale in questione è stato stampato da più di vent’anni al momento
dell’avvenuta importazione; 2) nel caso di materiale stampato da meno di 20 anni,
specificare se può essere ritenuto idoneo per la produzione di periodici, riviste o
giornali; 3) nel caso di materiale stampato da meno di 20 anni e che non può essere
ritenuto idoneo per la produzione di periodici, riviste o giornali, indicare se gli
articoli sono litografie pubblicate su carta o su cartone, il loro spessore in mm, e se
si tratta di poster; 4) in tutti i casi, indicare se si tratta di negativi di fotografie; 5)
in tutti i casi indicare se si tratta di poster.
-
Nel caso di carnet scritti in inglese o in francese, nella fattura di ingresso od in
foglio separato allegato alla fattura bisogna indicare se si tratta di materiale
stampato su carta in parte o completamente mediante un processo litografico.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
libri, brochures, volantini e simili materiali, di una o più pagine (nessun dazio);
supplementi di periodici (0,4%); periodici e riviste (nessun dazio); libri per bambini
(nessun dazio); mappamondi (nessun dazio); cartoline di auguri (0,8%); cataloghi
201
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
commerciali (nessun dazio); francobolli, banconote, assegni (nessun dazio). Tutti gli
articoli importati via posta, che esibiscono un adeguato marchio di copyright ed indirizzati
alla Library of Congress, al Copyright Office o al Register of Copyright, e tutti i titoli
trasferibili attualmente in vigore in qualsiasi paese ed importati negli Stati Uniti per scopi
monetari, sono esenti dal pagamento di dazi e passano direttamente attraverso la Dogana
senza sottostare ai normali controlli.
4. Proibizioni e restrizioni
-
Contenuto: sulla base di quanto previsto dal Tariff Act del 1930 e dai suoi
successivi emendamenti, è vietata l’importazione negli Stati Uniti di qualsiasi
pubblicazione o materiale che faccia propaganda a favore di attività di insurrezione
contro il governo degli Stati Uniti o che sostenga atti di violenza contro le leggi
statunitense. E’ inoltre vietata l’importazione di ogni libro, pubblicit{, figura,
disegni di natura oscena.
-
Copyrights: l’importazione di copie di un lavoro acquisito al di fuori degli Stati Uniti
senza previa autorizzazione del proprietario del copyright è vietata. L’agenzia
“Intellectual Property Rights” della dogana degli Stati Uniti applica le leggi relative
all’importazione dei prodotti soggetti a copyright.
-
Articoli contraffatti: tutti gli articoli che presentano marchi contraffatti, o marchi
che simulano marchi di imprese americane o straniere, non possono essere
importati legalmente negli Stati Uniti.
-
Articoli di filatelia: l’entrata negli Stati Uniti di facsimili di francobolli attualmente
in vigore è vietata, con l’eccezione dei francobolli importati per motivi storici,
educativi o filatelici.
202
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Richieste di contrassegni – etichette: i libri che entrano negli Stati Uniti devono
essere etichettati sulla base di quanto previsto dalla Sezione 42 del Trademark Act.
In particolare deve essere chiaramente indicato il paese dove il materiale in
questione è stato effettivamente pubblicato.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
6. Riviste
Book Links
Frequenza bimestrale
50 E.Huron St.
Chicago, IL 60611
Toll Free: (800) 545 2433
Laura Tillotson, Editor
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ala.org/booklinks
203
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
The Horn Book Magazine
Frequenza bimestrale
56 Roland St., Suite 200
Boston, MA 02129
Tel.: (617) 628 0225
Fax: (617) 628 0882
Toll free: (800) 325 1170
Roger Sutton, Editor
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.hbook.com
Editor & Publisher
Frequenza settimanale
770 Broadway
New York, NY 10003-9595
Tel.: (646) 654-5500
Fax: (646) 654-5370
Greg Mitchell, Editor
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.editorandpublisher.com
Communication Arts
Frequenza: otto uscite annuali
110 Constitution Dr.
Menlo Park, CA 94025
Tel.: (650) 326 6040
204
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (650) 326 1648
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.commarts.com
POB – Point of Beginning (per cartine/mappe)
Frequenza mensile
2401 W. Big Beaver Rd., Suite 700
Troy, MI 48084
Tel.: (248) 362 3700
Kimberly J. Schwartz, Senior Editor
Tel.: (586) 752 2971
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.pobonline.com/
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare materiale
editoriale e stampati negli Stati Uniti. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i
regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Trademark Act (15 USC 1051 et seq.): questa legge stabilisce che nessun articolo
importato negli Stati Uniti che contenga un marchio od un nome che possa indurre il
pubblico a ritenere che sia stato prodotto negli Stati Uniti, od in qualunque altro paese
diverso da quello in cui il prodotto è stato in realtà prodotto, può essere ammesso sul
mercato Americano.
-
Copyright Revision Act (17 USC 101 et seq., 602 a): questa legge stabilisce che
l’importazione negli Stati Uniti di copie di lavori acquisite fuori dagli Stati Uniti senza
previa autorizzazione del possessore del copyright, non possono essere ammesse.
205
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Criminal Penalties for Copyright Violations (8 USC 2319): legge che stabilisce le pene
per chi viola la legge americana sul copyright.
-
Regulations of Customs on Recordation of Copyrights, Trademark and Trade Names
(19 CFR 111.31 et seq.): regolamenti che stabiliscono le procedure per la registrazione
di un copyright, di un marchio di fabbrica o di un nome presso la dogana degli Stati
Uniti.
-
Currency and Foreign Transactions Reporting Act – CTFR (31 USC 1101 et seq.): legge
che regola l’importazione di valuta e di titoli trasferibili negli Stati Uniti e che richiede
la compilazione del modulo “Form 4790” nel caso di titoli di valore superiore ai 10
mila dollari.
-
Importation of Counterfeit or Forged Obbligations or Securities Act (18 USC 471 et
seq.): legge che proibisce l’importazione di obbligazioni, di titoli, di valuta e di gioielli
contraffatti.
-
Foreign Securities Act (18 USC 955): legge che vieta l’importazione di monete,
francobolli e titoli contraffatti.
-
Trafficking in Counterfeit Labels (18 USC 2318): legge che vieta l’importazione di
copie di film, di musicassette e di qualsiasi altro materiale audiovisivo contraffatto.
-
Trafficking in Counterfeit Goods or Services (18 USC 2320): legge che proibisce il
traffico di beni o servizi contraffatti.
-
Regulations of Customs on Enforcement of Counterfeit Laws (19 CFR 12.48):
regolamenti che descrivono la tipologia di pubblicazioni la cui importazione è vietata
sulla base delle restrizioni in vigore in materia di contraffazione e le eccezioni
ammesse.
-
Seizure and Forfeiture of Vessels, Vehicles and Aircraft Used to Transport Counterfeit
Coins, Obligations and Paraphernalia (31 CFR Part 401): regolamenti che autorizzano
il Direttore Distrettuale degll’Ufficio Doganale a detenere in custodia tutti i veicoli,
206
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
aerei e navi utilizzati per violare le leggi in vigore in materia di copyright e
contraffazione confiscati dagli ufficiali dell’U.S.Secret Service.
-
Conveyance of Bullion, Coin, Notes or Bonds for U.S. (46 USC App.98): legge che regola
il trasporto di titoli trasferibili statunitensi su navi nel tragitto tra i porti degli Stati
Uniti ed i porti stranieri.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni sui regolamenti applicati dalla Dogana degli Stati Uniti in materia
di copyright:
U.S. Customs Service
Office of Regulations & Rulings
1300 Pennsylvania Avenue, N.W
Washington, DC 20229
Tel.: (202) 572-8700
Sito Internet: http://www.cbp.gov
 Per maggiori dettagli su tutte le problematiche legate all’applicazione della
normativa in vigore sul copyright:
U.S. Copyright Office
101 Independence Avenue SE
Washington, DC 20559
Tel.: (202) 707 3000
Sito internet: www.copyright.gov
207
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
 Per
informazioni
relative
alle
restrizioni
che
si
applicano
2009
nel
caso
dell’importazione di facsimili di francobolli statunitensi:
U.S. Customs Service
Office of Public Affairs
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, DC 20229
Tel. (202) 344-1770
Sito Internet: http://www.cbp.gov
 Per informazioni più generali
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
American Library Association Annual Conference
Per informazioni:
50 E. Huron
Chicago, IL 60611
Tel.: (800) 545 2433
Sito internet: www.ala.org
208
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Karee Williams, Events Manager
Email: [email protected]
Date: 24 – 29 giugno 2010 (frequenza annuale),
Washington, D.C.
ACCM Conference
Per informazioni:
11 River Bend Dr. S.
Stamford, CT 06907
Tel.: (203) 358 9900
Fax: (203) 358 5816
Sharon Morabito, Group Show Director
Tel.: (203) 358 3732
Sito internet: www.accmshow.com
Date: 24 – 26 maggio 2010 (frequenza annuale),
Gaylord Palms Resort
Orlando, FL
Book Expo America
Reed Exhibitions
383 Main Ave.
Norwalk, CT 06851
Tel.: (203) 840 5507
Fax: (203) 840 9507
Sito internet: www.bookexpoamerica.com
Lance Fensterman, Industry Vice President
Email: [email protected]
209
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Date: 25 – 27 maggio 2010 (frequenza annuale),
Jacobs Javit Convention Center
New York City, NY
The Folio Show
Per informazioni:
FOLIO: Magazine
RED 7 MEDIA
10 Norden Place
Norwalk, CT 06855
Tel.: (203) 899 8430
Kelly Koenig, Exhibits and Sponsorship Manager
Tel.: (203) 262 6471
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.folioshow.com/virtual/
Date: 7-9 giugno 2010 (frequenza annuale),
Online
Post Card & Souvenir Distributors Association
2105 Laurel Bush Road
Suite 200
Bel Air, MD 21015
Tel.: (443) 640 1055
Fax: (443) 640 1031
E-mail: www.postcardcentral.org
Marci L. Hickey, Associate Director & Convention Manager
210
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (443) 640 1055 ext 104
Email: [email protected]
Date: 19-21 settembre 2010 (frequenza annuale)
Las Vegas, Nevada
NAMM Show
Tel.: (760) 438 8001
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.namm.org/thenammshow/2010
Date: 14 – 17 gennaio 2010 (frequenza annuale),
Anaheim Convention Center
Anaheim, CA
10.
Associazioni di settore
American Book Producers Association (ABPA)
160 Fifth Avenue
New York, NY 10010
Richard Rothschild, President
Tel.: (212) 645 2368
Free toll: 800 209 4575
Fax: (212) 242 6799
E-mail: [email protected]
Richard Rothschild, President
Sito Internet: http://www.abpaonline.org/
American Business Media
211
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
675 3rd Avenue
New York, NY 10017
Tel.: (212) 661 6360
Fax: (212) 370 0736
E-mail: [email protected]
Gordon T.Hughes II, President & CEO
Sito internet: http://www.americanbusinessmedia.com/
Association of American Publishers (AAP)
71 5th Avenue
New York, NY 10003-3004
Tom Allen, President & CEO
Tel.: (212) 255 0200
Fax: (212) 255 7007
Sito internet: http://www.publishers.org
Book Industry Study Group (BISG)
19 West 21st Street, Suite 905
New York, NY 10010
Michael Healy, Executive Director
Email: [email protected]
Tel.: (646) 336 7141
Fax: (646) 336 6214
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.bisg.org
Newspaper Association of America (NAA)
212
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
The Newspaper Center
1921 Gallos Rd.
Vienna, VA 22182
John Sturm, President & CEO
Email: [email protected]
Tel.: (703) 902 1600
Fax: (703) 917 0636
Sito internet: http://www.naa.org/
213
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Elettronica e componenti
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2010
214
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni......................................................................................... 217
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................. 218
3.
Dazi di importazione ........................................................................................................ 220
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 220
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 220
6.
Riviste ............................................................................................................................... 221
7.
Principali leggi e regolamenti........................................................................................... 223
8.
Principali Agenzie Governative ........................................................................................ 224
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore ........................................................................... 227
10. Associazioni di settore: .................................................................................................... 229
215
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 11 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Elettronica e componenti
216
CODICE
85
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni di componenti e prodotti elettrici ed elettronici sul mercato statunitense
nell’ultimo decennio hanno generato un andamento di crescita complessiva sebbene non
continua.
Dal 1993 al 2008 le vendite sono aumentate di quasi il 400% passando da poco piu’ di 400
milioni di dollari a 1,601 milioni nel 2008. Nell’ultimo anno 2008, come avvenuto in
precedenza nell’anno 2000, si registra una cospicua crescita assoluta rispetto alla media
per gli altri periodi (22,2%),
risultato molto significativo nonostante l’attuale crisi
economica. L’esportazione di elettronica e di componenti dall’Italia ha acquistato nel
tempo consistente importanza (fig.1).
1,800
1,600
1,400
1,200
1,000
800
600
400
200
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 27 Esportazioni di Elettronica e componenti (mln di dollari)
217
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Focalizzando l’attenzione sugli andamenti delle esportazione negli anni 2001/2003, anni
in cui abbiamo dei movimenti oscillatori della curva rispetto agli altri anni, si nota come il
2002 sia l’anno piu’ significativo. Il 2002 infatti presenta il piu’ alto valore delle
esportazioni se confrontato ai valori del 2001 e del 2003. Le vendite sono passate dal
2001 al 2002 da $1,047 milioni a $1,118 milioni segnando una crescita del 6,9 % , tale
andamento positivo viene arrestato nel 2003, anno in cui si registra una diminuzione delle
vendite del 5,6% (-62,499 milioni).
1,800
1.60
1,600
1.40
1,400
1.20
1,200
1.00
1,000
0.80
800
0.60
600
400
0.40
200
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
Elettronica
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 28 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Analizzando le due curve, esportazioni elettronica e tassi di cambio risultano molto simili
nel loro andamento, sebbene dei discostamenti relativi negli anni compresi tra il 2003 e il
2006 si evidenzino chiaramente. Le variazioni nel tasso di cambio influiscono
direttamente sulla crescita della curva delle esportazioni di Elettronica e componenti.
2. Documentazione di entrata
218
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), è nessario essere in possesso di:
-
Per ogni singolo articolo elettronico che produce radiazioni, i moduli di entrata
“Form FD 701” e “Form FD 2877” al fine di certificare l’adeguatezza dei prodotti
importati agli standard di sicurezza richiesti dalla Food and Drug Administration
(FDA) sulla base del “Radiation Control for Health and Safety Act”. Nel modulo
“Form FD 2877” è necessario specificare se l’articolo in questione è: 1) stato
fabbricato prima dell’entrata in vigore del corrispettivo standard federale: 2) si
conforma agli standard stabiliti; 3) non si conforma agli standard stabiliti, ma è
stato importato solo per fini di ricerca, studio o dimostrazione; 4) non si
conforma al momento agli standard richiesti ma al più presto subirà le
modificazioni richieste per adeguarsi.
-
Per ogni singolo articolo che emette frequenze radio, il modulo di entrata “Form
FCC 740” al fine di certificare l’adeguatezza dei prodotti importati agli standard di
sicurezza richiesti dalla Federal Communications Commission (FCC).
-
Nel
caso
di
materiale
o
attrezzature
radioattive,
l’autorizzazione
dell’importazione da parte della Nuclear Regulatory Commission (NRC).
-
Per tutte le attrezzature, i macchinari, gli apparecchi, nella fattura di ingresso è
necessario specificare l’utilizzo a cui ogni articolo importato è destinato.
-
Nel caso di parti di macchinari, nella fattura di ingresso è necessario specificare il
genere di macchinari per cui le parti importate sono necessarie.
-
Nel caso di laminatoi, nella fattura di ingresso è necessario indicare la
composizione di ogni rullo/cilindro ed il suo corrispettivo peso.
-
Nel caso di celle frigorifere e refrigeratori, nella fattura di ingresso è necessario
indicare il volume in litri delle celle frigorifere ed il loro tipo.
219
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
Motori elettrici (6,7%); generatori elettrici (2,5%); cambi elettrici (2,5%); convertitori
elettrici rotanti (3%); commutatori (2,4%); magneti elettrici (2,1%); batterie (2,7%);
tritatutto e robot da cucina (4,2%); distributori elettrici (2,5%); aspirapolveri (nessun
dazio); lampadine a flash (12,5%); Forni elettrici e a micronde (4,2%).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Articoli destinati al consumo familiare: sulla base dell’Energy Policy and
Conservation Act (EPCA), il U.S. Department of Energy (DOE) stabilisce gli standard
in temini di consumo di energia rispetto a cui gli articoli importati destinati al
consumo familiare devono conformarsi. La Federal Trade Commission regola la
tipologia di etichette da apporsi sugli articoli in questione. Ulteriori richieste, in
termini di standard da rispettare, sono stabilite dalla Consumer Product Safety
Commission (CPSC) sulla base del Consumer Product Safety Act (CPSA).
-
Articoli destinati ad uso industriale: la Occupational Safety and Health
Administration (OSHA) stabilisce ed applica le regolamentazioni in materia di
prodotti industriali, al fine di assicurare la massima sicurezza sul posto di lavoro. I
macchinari importati negli Stati Uniti devono perciò conformarsi con tutti gli
standard e le procedure previsti dalla OSHA.
-
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://usitc.gov/tata/hts o scrivendo a:
220
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
6. Riviste
Popular Photography & Imaging
Bonnier Corporation
460 N. Orlando Avenue, Suite 200,
Winter Park, FL 32789
Tel.: (407) 571 4711
Betty Dong, Production Manager
2 Park Avenue
New York, NY 10016
Tel.: (212) 779 5539
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.popphoto.com
Shutterbug
1415 Chaffee Drive, Suite #10
Titusville, Fl USA 32780
Tel.: (321) 269 3212
Fax: (321) 225 3149
221
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Ron Leach, Publisher
Tel.: (323) 782 2207
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.shutterbug.com/
Electronic House
EH Publishing, Inc.
111 Speen Street, Suite 200
P.O. Box 989
Framingham, MA 01701-2000
Tel.: (508) 663 1500
Fax: (508) 663 1599
Arlen Schweiger, Managing Editor
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.electronichouse.com/
Electronic Musician
Penton Media, Inc. Global Headquarters
249 W. 17th Street
New York, NY 10011
Tel.: (212) 204 4200
Tom Kenny, Editorial Director
E-mail: [email protected]
Joanne Zola, Director, Key Accounts
Tel.: (510) 985 3272
E-mail: [email protected]
222
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per per esportare negli
Stati Uniti macchinari ed attrezzature meccaniche. Le leggi sono contenute nel U.S.Code
(USC) mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di
cibi, cosmetici, medicinali e relativi prodotti.
-
Energy Policy and Conservation Act – EPCA (42 USC 6201 et seq.): legge che
prevede l’adozione di standard per il consumo di energia a cui i prodotti importati
devono adeguarsi
-
Regulations on EPCA (10 CFR Part 430): regolamenti che stabiliscono le procedure
e gli standard per la misurazione del consumo di energia dei rifregeratori, celle
frigorifere, lavastoviglie, lavatrici, condizionatori d’aria, televisioni, lampade
fluorescenti, caldaie.
-
Occupational Safety and Health Act (29 USC 651 et seq.): legge che prevede
l’adozione di standard di sicurezza per gli impiegati sul posto di lavoro, inclusi gli
standard per le attrezzature/macchinari utilizzati.
-
Regulations of OSHA (29 CFR Part 1926): regolamenti che specificano gli standard
di sicurezza e di salute nonchè le procedure di ispezione per determinate
attrezzature/apparecchi industriali.
-
Consumer Product Safety Act (15 USC 1263): legge che conferisce alla Consumer
Product Safety Commission l’autorita’ di stabilire standard di sicurezza, procedure
di controllo e richieste di documentazione al fine di assicurare la non dannosita’
dei prodotti per i consumatori.
223
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Dangerous Cargo Act (18 USC 831 et seq.): legge che restringe l’importazione di
fuochi d’artificio e di materiale nucleare.
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et
seq.): regolamenti relativi agli standard, alla certificazione e all’importazione dei
prodotti usati con cibi, cosmetici, medicinali e prodotti relativi.
-
Atomic Energy Act (42 USC 2077, 2111, 2122, 2131, 2155): leggi che restringono
l’importazione e l’esportazione di determinati materiali nucleari, di armi nucleari e
di prodotti derivati.
-
Radiation Control for Health and Safety Act (42 USC 263b-263n): legge che
impedisce l’entrata negli Stati Uniti di prodotti elettronici trovati non in regola con
gli standard prescritti.
-
Devices that Interfere with Radio Reception (47 USC 302a): legge che impedisce
l’entrata negli Stati Uniti di prodotti che non soddisfano i regolamenti promulgati
dalla FCC.
-
Importation of Certain Television Receivers (47 USC 303 e 330): leggi che
proibiscono l’importazione di ricevitori televisi incapaci di ricevere tutte le
frequenze.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni riguardanti l’importazione di prodotti che emettono radiazioni e
frequenze radio, rivolgeresi a:
Federal Communications Commission (FCC)
Compliance and Information Bureau
Enforcement Division, Investigations Branch
445 12th Street SW
224
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Washington, DC 20544
Tel.: (888) 225 5322
Fax: (202) 418 2830
Sito Internet: http://www.fcc.gov
 Per informazioni relative all’importazione di prodotti che emettono radiazioni,
rivolgersi a:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Devices and Radiological Health
Division of Small Manufacturers Assistance
10903 New Hampshire Avenue
WO66-5429
Silver Spring, MD 20993
Tel.: (800) 638 2041
Fax: (301) 796 3151
E-mail: [email protected]
Sito Intenet: http://www.fda.gov/MedicalDevices/default.htm
 Per domande relative agli standard di sicurezza richiesti per i prodotti destinati
all’uso familiare, rivolgersi a:
Federal Trade Commission (FTC)
601 Pennsylvania Ave. NW
Washington, DC 20580
Tel.: (202) 326 2222
Sito Internet: http://www.ftc.gov
225
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per informazioni relative agli standard in termini di consumo energetici richiesti
per i prodotti destinati all’uso domestico:
U.S. Department of Energy (DOE)
1000 Independence Ave., SW
Washington, DC 20585
Tel.: (202) 586 5000
Fax: (202) 586 4403
E- mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.doe.gov
 Per domande relative alle regolamentazioni esistenti per materiali radioattivi e
reattori nucleari, rivolgersi a:
Nuclear Regulatory Commission (CPSC)
Washington, DC 20555
Tel.: (301) 415 8200
Fax: (301) 415 2234
Sito Internet: http://www.nrc.gov
 Per domande relative alle richieste della CPSC nei confronti di macchinari ed
apparecchiature:
Consumer Product Safety Commission (CPSC)
4330 East West Highway
Bethesda, MD 20814
226
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (301) 504 7923
Fax: (301) 504 0124
Sito Internet: http://www.cpsc.gov
 Per informazioni più generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Charles E. Stallworth II, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
Military & Aerospace Electronics Forum
1421 S. Sheridan Road
Tulsa, Oklahoma 74112
Phone: (918) 835-3161
Toll-Free: (800) 331 4463
Jeff Gallagher, North American Sales
Tel: (603) 891 9147
Cell: (617) 921 2502
E-mail: [email protected]
Date: 3 – 4 Giugno 2010
Convention Center
San Diego, CA
227
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
47th EDAC (Electronic Design Automation Conference)
MP Associates, Inc.
1721 Boxelder St. Ste. 107
Louisville, CO 80027
Tel.: (303) 530 4562
Lee Wood, Co-President
E-mail: [email protected]
Date: 13 – 18 Luglio 2009
Moscone Center
San Francisco, CA
Electronics Assembly Show
Canon Communications LLC
11444 West Olympic Blvd.,
Los Angeles – 90064-1549 (United States)
Tel.1: (310) 445 4200
Tel.2: (310) 996 9423
Fax: (310) 445 4299
Date: 22 –24 Settembre 2009
Rosemont Convention Center
Rosemont, IL
Electronic House Expo
EH Publishing, Inc.
111 Speen Street, Suite 200
P.O. Box 989
228
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Framingham, MA 01701-2000
Tel.: (508) 663 1500
Fax: (508) 663 1599
Ken Moyes
President, EH Publishing
Tel.: (508) 663 1500 (ext.222)
E-mail: [email protected]
Date: 24 – 27 Marzo 2010
Orange County Convention Center
Orlando, FL
10. Associazioni di settore
Consumer Electronics Association (CEA)
1919 S. Eads St.
Arlington, VA 22202
Tel.: (508) 663 1500
Fax: (508) 663 1500 (ext.242)
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ce.org/
Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE)
3 Park Avenue, 17th Floor
New York, NY 10016-5997 USA
Tel.: (212) 419 7900
Fax: (212) 752 4929
Sito Internet: http://www.ieee.org/
229
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
AeANET : Advancing the Business of Technology
TechAmerica
601 Pennsylvania Avenue NW
Suite 600, North Building
Washington, DC 20004
Tel.: (202) 682 9110
Fax: (202) 682 9111
Sito Internet: http://www.aeanet.org/
E-mail: [email protected]
230
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Giochi, giocattoli e accessori per lo sport
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
231
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni......................................................................................... 234
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................. 236
3.
Dazi di importazione ........................................................................................................ 237
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 237
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 240
6.
Principali leggi e regolamenti........................................................................................... 241
7.
Principali Agenzie Governative ........................................................................................ 243
8.
Principali Fiere e esposizioni di settore: .......................................................................... 246
9.
Associazioni di settore: .................................................................................................... 247
232
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 12 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Giochi, giocattoli e accessori per lo sport
233
CODICE
95
Giocattoli, puzzle
9503
Giochi da tavolo
9504
Oggetti per feste
9505
Attrezzature sportive
9506
Giostre
9508
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di giochi, giocattoli e accessori per lo sport sul mercato
statunitense hanno seguito, nel corso degli anni dal 1993 al 2008, un andamento
discontinuo attestandosi nel 2008 a 126 milioni di dollari (fig. 1).
200
180
160
140
120
100
80
60
40
20
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 29 Esportazioni di giochi, giocattoli e accessori per lo sport (mln di dollari)
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, a causa anche dell’andamento del
tasso di cambio euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della
valuta europea, le vendite del settore sono in continua diminuzione. Nel 2001 le vendite
sul mercato statunitense hanno raggiunto il valore di circa 147 milioni di dollari, mentre
234
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
nell’anno successivo si e’ registrato un calo pari a 7.8%. Nel 2003 la situazione si e’
mantenuta inalterata (-0.31%) totalizzando un valore complessivo pari a quasi 136
milioni di dollari. Nel 2004 e’ proseguito il trend negativo (- 8,2%), con le vendite pari a
circa 125 milioni di dollari. Nel 2005 si e' verificato un aumento dell' 8,5% con un valore
pari a circa 135 milioni di dollari. Il 2006 ha registrato un incremento del 20% circa
rispetto al 2005, mentre nel 2007 le esportazioni sono tornate a 134 milioni di dollari. Il
2008 ha fatto registrare un ulteriore decremento, dovuto all’impatto del cambio e della
congiuntura economica mondiale. (fig.2).
180
1.60
160
1.40
140
1.20
120
1.00
100
0.80
80
0.60
60
40
0.40
20
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
2005
Giochi, giocattoli e accessori per lo sport
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 30 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Focalizzando l’attenzione sulle componenti della categoria merceologica, si puó notare
come gli articoli maggiormente significativi siano le attrezzature sportive, anche se dal
1998 l'andamento e' stato decrescente e nel 2008 il livello di esportazioni si e' attestato
intorno ai 56 milioni di dollari. Sotto i 40 milioni di dollari vi sono le esportazioni di
235
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
giocattoli e puzzle, giostre, giochi da tavolo e articoli di carnevale tutti con andamenti
negativi negli ultimi 2 anni (fig. 3).
100
90
80
70
60
50
40
30
20
10
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
giocattoli, puzzle
giochi da tavolo
giostre
oggetti per feste
attrezzature sportive
Figura 31 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), sono richiesti:
236
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Per ogni singolo articolo che produce radiazioni, i moduli di entrata “Form FD 701”
“Form FD 2877” necessari al fine di certificare l’adeguatezza dei prodotti importati
agli standard di sicurezza previsti dalla Food and Drug Administration (FDA) sulla
base del “Radiation Control for Health and Safety Act”
-
Per ogni singolo articolo che emette frequenze radio, il modulo di entrata “Form
FCC 740” al fine di certificare l’adeguatezza dei prodotti importati agli standard di
sicurezza richiesti dalla Federal Communications Commission (FCC)
-
Per articoli soggeti a copyright o a marchi di fabbrica, una autorizzazione valida da
parte del proprietario del copyright o del marchio di fabbrica
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
bambole (nessun dazio); vestiti ed accessori per bambole (nessun dazio); treni elettrici
(nessun dazio); video games (nessun dazio); palloni da gioco (nessun dazio); tavoli da
biliardo (nessun dazio); set da golf (4,9%); racchette da tennis (5,3%); articoli da pesca
(6%); macchine per esercizi (4,6%). L’attrezzatura da pesca è soggetta, oltre al pagamento
della tariffa doganale, ad una tassa addizionale del 10% da parte dell’Internal Revenue
Service (IRS).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Pericoli potenziali: I giochi, i giocattoli e gli accessori per sport ricadono sotto la
giurisdizione della Consumer Product Safety Commission (CPSC), che amministra
ed applica il Consumer Product Safety Act (CPSA). In generale, è proibita l’entrata
negli Stati Uniti di articoli per bambini che presentano dei potenziali rischi per la
salute degli stessi che possono derivare sia da un loro normale utilizzo che da un
237
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
loro utilizzo non appropriato. A questo fine, il regolamento 16 CFR 1500 (si veda
più avanti) prescrive dei rigidi test di sicurezza per quei giocattoli che sono
classificati come potenzialmente pericolosi. I test ed i regolamenti variano a
secondo della natura del gioco e dell’et{ dei bambini a cui il gioco è rivolto. I
giocattoli che possono essere classificati come “potenzialmente pericolosi” si
dividono in tre categorie:
giocattoli che presentano dei pericoli meccanici (esistenza di estremità
accuminate, di bordi in vetro od in metallo, di piccole parti che possono
essere accidentalmente rimosse dal bambino, di pulsanti che se premuti
emettono suoni superiori ai 138 decibel, etc.).
giocattoli che presentano pericoli legati all’elettricit{.
giocattoli che non sono elettrici, ma che presentano comunque un
pericolo elettrico o termico (ad esempio acquiloni che contengono parti
in poliestere o in aluminio).
E’ inoltre proibita l’importazione di giocattoli contenenti parti infiammabili o
rivestiti con piombo.
E’ obbligatorio, in particolare, per chi importa negli Stati Uniti giocattoli alimentati
con elettricità, mantenere un registro per tre anni che contenga le seguenti
informazioni: 1) la descrizione del prodotto, del materiale utilizzato e della sua
assicurazione; 2) i risultati dei test su di esso condotti; 3) il registro della sua
distribuzione e vendita .
-
Articoli che emettono radiazioni: sulla base del “Radiation Control for Health and
Safety Act”, al fine di proteggere il pubblico da una esposizione non necessaria a
radiazioni emesse da prodotti elettronici, gli articoli che entrano negli Stati Uniti
devono certificare la loro conformità rispetto agli standard di performance, in
termini di emessioni di radiazioni, stabiliti dalla FDA (moduli FD 701 e FD 2877).
238
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Articoli che emettono frequenze radio: sulla base del Communications Act, tutti gli
articoli ed i prodotti che emettono radiazioni sono soggetti agli standard stabiliti
dalla Federal Communications Commission (FCC). Tutti i video giochi ricadono
sotto questa legge. Per questi prodotti è richiesta la compilazione del modulo FCC
740.
-
Richieste di contrassegni – etichette: tutti quei giochi e giocattoli che per la loro
stessa natura presentano parti affilate, bordi in vetro o in altro metallo ma che
sono stati comuque autorizzati ad essere importati negli Stati Uniti, devono poter
essere identificabili come tali attraverso l’apposizione di una etichetta ben visibile,
leggibile e cospicua al momento della vendita. Tutti i giocattoli alimentati con
elettricità nonchè le loro confezioni devono presentare una etichetta dove sia
indicato: 1) l’intensit{ dell’elettricit{ utilizzata; 2) le dichiarazioni precauzionali
richieste (in particolare deve essere presente la scritta: “CAUTION-ELECTRIC TOY:
Not recommended for children under __ years of age. As with all electric products,
precautions should be observed during handling and use to prevent electric shock”.
Lo spazio lasciato libero deve essere compilato dal produttore dell’articolo in
questione. In nessun caso, ad ogni modo, il prodotto può essere raccomandato per
bambini inferiori agli 8 anni di età se il prodotto contiene parti che possono
riscaldarsi); 3) la data (mese e anno) di produzione (o il codice appropriato). Tutti
gli articoli che producono radiazioni o emettono frequenze radio devono mostrare
un’etichetta che testimoni la loro conformità agli standard richiesti dalla FDA e
dalla FCC.
-
Copyrights e marchi di fabbrica: tutti gli articoli che presentano marchi contraffatti,
o marchi che simulano marchi di imprese americane o straniere non possono
essere importati legalmente negli Stati Uniti. L’importazione di copie di un lavoro
acquisito al di fuori degli Stati Uniti senza previa autorizzazione del proprietario
del copyright o del marchio è vietata. L’Ufficio “Intellectual Property Right” della
239
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
dogana degli Stati Uniti applica le leggi relative all’importazione dei prodotti
soggetti a copyright e a marchi di fabbrica.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
 Per informazioni relative all’importazione di prodotti che emettono radiazioni:
-
Requirements of Laws and Regulations Enforced by the U.S. Food and Drug
Administration
Pubblicazione disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici della FDA.
 Per informazioni relative all’importazione di strumenti che emettono frequenze
radio:
240
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
FCC Equipment Authorization Program for Radio Frequency Devices (Bullettin
numero 61)
-
Importation of radio Frequency Devices (Field Operations Bullettin Numero 8)
Pubblicazione disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici della FCC.
6. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di giochi, giocattoli ed accessori per sport. Le leggi sono contenute nel U.S.Code
(USC) mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di cibi,
cosmetici, medicinali e prodotti relative.
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et seq.):
relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti usati con cibi,
cosmetici, medicinali e prodotti relativi.
-
Radiation Control for Health and Safety Act (42 USC 263b-263n): legge che impedisce
l’entrata negli Stati Uniti di prodotti elettronici trovati non in regola con gli standard
prescritti.
-
Devices that Interfere with Radio Reception (47 USC 302a): legge che impedisce
l’entrata negli Stati Uniti di prodotti che non soddisfano i regolamenti promulgati dalla
FCC.
-
Consumer Product Safety Act (15 USC 1263): legge che concede alla Consumer Product
Safety Commission l’autorita’ di stabilire standard di sicurezza, procedure di controllo
e richieste di documentazione al fine di assicurare la non dannosita’ dei prodotti per i
consumatori.
241
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Regulation of CPS on Banned Toys (16 CFR 1500.18): regolamento che indica i giochi
banditi dagli Stati Uniti per la loro pericolosita’.
-
Regulations on Testing Methods for Toys (16 CFR 1500.50 – 1500.53): regolamento
che prescrive le procedure di controllo attraverso cui la CPSC determina la pericolosità
potenziale dei giochi.
-
Regulations on Testing Toys for Ingestion, Choking, or Aspiration Hazards (16 CFR
Part 1501): regolamento che prescrive le procedure di controllo attraverso cui la CPSC
determina la pericolosita’ potenziale dei giocattoli indirizzati a bambini inferiori ai 3
anni.
-
Regulations on Substantial Product Hazard Reports (16 CFR Parts 1115, 1116):
regolamento che specifica le procedure per la compilazione della documentazione
richiesta nel caso di prodotti giudicati potenzialmente pericolosi.
-
Trademark Act (15 USC 1051 et seq.): questa legge stabilisce che nessun articolo
importato negli Stati Uniti che contenga un marchio od un nome che possa indurre il
pubblico a ritenere che sia stato prodotto negli Stati Uniti, od in qualunque altro paese
diverso da quello in cui il prodotto è stato in realta’ prodotto, puo’ essere ammesso sul
mercato Americano.
-
Copyright Revision Act (17 USC 101 et seq., 602 a): questa legge stabilisce che
l’importazione negli Stati Uniti di copie di lavori acquisite fuori dagli Stati Uniti senza
previa autorizzazione del possessore del copyright, non possono essere ammesse.
-
Criminal Penalties for Copyright Violations (8 USC 2319): legge che stabilisce le pene
per chi viola la legge americana sul copyright.
-
Regulations of Customs on Recordation of Copyrights, Trademark and Trade Names
(19 CFR 111.31 et seq.): regolamenti che stabiliscono le procedure per la registrazione
di un copyright, un marchio di fabbrica od un nome presso la dogana degli Stati Uniti.
-
Federal Hazardous Substances Act (15 USC 1261): legge che stabilisce i requisiti
previsti per l’importazione di sostanze pericolose.
242
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Regulations on Hazardous Materials (49 CFR 170 et seq.): regolamenti che elencano
tutte le sostanze ritenute pericolose e che forniscono regole per il trasporto,
l’etichettamento, la sicurezza.
7. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative all’importazione negli Stati Uniti di prodotti che
emettono radiazioni, rivolgersi a:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Devices and Radiological Health
Division of Small Manufacturers Assistance
10903 New Hampshire Avenue
WO66-5429
Silver Spring, MD 20993
Tel.: (800) 638 2041
Fax: (301) 796 3151
E-mail: [email protected]
Sito Intenet: http://www.fda.gov/MedicalDevices/default.htm
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 207403835
Toll free information: (888) 723 3366
Sito Internet: http://www.fda.gov/Food/default.htm
243
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per informazioni relative al Modulo FCC Form 740:
Federal Communications Commission (FCC)
Compliance and Information Bureau
Enforcement Division, Investigations Branch
445 12th Street SW
Washington, DC 20554
Tel.: (888) 225 5322
Fax: (202) 418 2830
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.fcc.gov
Federal Communications Commission (FCC)
Office of Engineering and Technology
445 12TH ST SW
Washington DC 20554
Tel.: (202) 418 2470
Fax: (202) 418 1944
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.fcc.gov/oet/
 Per domande relative alle richieste della CPSC nei confronti di giochi, giocattoli ed
accessori per sport:
Consumer Product Safety Commission (CPSC)
4330 East West Highway
244
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Bethesda, MD 20814
Tel.: (301) 504 7923
Fax: (301) 504 0124
Sito Internet: http://www.cpsc.gov
 Per informazioni relative alle leggi in vigore in materia di copyright e di marchi di
fabbrica:
U.S. Customs Service
Office of Regulations & Rulings, Trade Compliance Div.
Intellectual Property Rights Branch
Washington, DC 20229
Tel.: (202) 572 8700
 Per informazioni più generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
245
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
8. Principali Fiere e esposizioni di settore
SKI Dazzle-The Chicago Ski Show & Snowboard Expo
Per informazioni:
807 Laguna Canyon Rd.
Laguna Beach, CA 92651
Jim Foster, Corporate Affairs
Tel.: 949-497-4977 Ext. 61
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.skidazzle.com/
Date: 5 – 7 novembre 2010 (frequenza annuale)
Donald E. Stephens Convention Center
5555 N. River Road
Rosemont, IL 60018
Sportfishing Summit
Per informazioni:
225 Reinekers, Lane St. suite 420
Alexandria, VA 22314
Tel.: (703) 519 9691
Fax: (703) 519 1872
Maria Del Valle, ICAST Director
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.asafishing.org
Date: 26 – 28 Ottobre 2010 (frequenza annuale)
Westin Beach Resort
Fort Lauderdale, FL
246
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
American International Toy Fair
Per informazioni:
A TIA Event
1115 Broadway, STE 400
New York, NY 10010
Lindsay Bayliss, Meetings & Events Coordinator
Tel.: 646-520-4875
E-mail: [email protected]
Tel.: (212) 675 1141
Fax: (212) 645 3246
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.toy-tia.org
Date: 14 – 17 febbraio 2010 (frequenza annuale),
Jacob Javits Convention Center
New York, NY
9. Associazioni di settore
American Speciality Toy Retailing Association (ASTRA)
432 N. Clark Ave, Suite 401
Chicago, IL 60610
Kathleen McHugh, President
E-mail: [email protected] (This email address is being protected from spam bots,
you need Javascript enabled to view it)
Tel.: (312) 222 0984
247
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (312) 222 0986
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.astratoy.org/
Official International Toy Center Directory
177 Sound Beach Avenue
PO Box 173
Old Greenwich, CT 06870
Tel.: (203) 637 5466
Fax: (203) 637 8549
Toy Industry Association, Inc.
1115 Broadway, Ste 400
New York, NY 10010
Carter Keithley, President
Tel. 646-520-4841
E-mail: [email protected]
Tel.: (212) 675 1141
Fax: (212) 633 1429
Sito internet: http://www.toyassociation.org/
American Sportfishing Association
225 Reinekers Lane, suite 420
Alexandria, VA 22314
Mike Nussman, President
E-mail: [email protected]
Tel.: (703) 519 9691 ext. 233
248
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (703) 519 1872
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.asafishing.org
National Sporting Goods Association (NSGA)
1601 Feehanville Dr., Ste 300
Mount Prospect, IL 60056
Matt Carlson, President & CEO
Tel.1: (847) 296 6742
Tel.2: (800) 815 5422 ext. 103
Fax: (847) 391 9827
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.nsga.org
Sporting Goods Manufacturers Association (SGMA)
8505 Fenton St
Suite 211
Silver Spring, MD 20910
Tom Cove, President & CEO
Tel.1: (301) 495 6321 ext.410
Tel.2: (202) 775 1762
Fax: (202) 296 7462
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.sgma.com/index.html
249
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Articoli di gioielleria, pietre preziose e prodotti
relativi
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
250
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 13 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Articoli di gioielleria, pietre preziose e prodotti relativi
251
CODICE
71
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni....................................................................................... 253
2.
Documentazione di entrata ........................................................................................... 254
3.
Dazi di importazione ...................................................................................................... 255
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................. 256
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................. 257
6.
Riviste ............................................................................................................................. 257
7.
Principali leggi e regolamenti......................................................................................... 259
8.
Principali Agenzie Governative ...................................................................................... 260
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore: ........................................................................ 261
10. Associazioni di settore: ................................................................................................. 263
252
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di articoli di gioielleria, pietre preziose e prodotti relativi (ad es.
monete d’oro, monete d’argento, imitazioni di gioielli) sul mercato statunitense hanno
seguito un andamento di tendenziale crescita fino al 2000.
1,800
1,600
1,400
1,200
1,000
800
600
400
200
0
Figure 32 Andamento esportazioni di articoli di gioielleria (mln di dollari)
Analizzando nello specifico gli anni dal 2001 al 2008, si nota come l’andamento delle
esportazioni subisca una crescita nell’anno 2002 pari al 7.21% rispetto all’anno
precedente raggiungendo una valore pari a circa 1.567 milioni di dollari. Nel 2003 si e’
registrata una diminuzione pari al 16.94% rispetto al 2002 totalizzando un valore
complessivo delle esportazioni pari a circa 1.301 milioni di dollari. Il trend negativo e’
proseguito anche nel 2004, in cui si e’ registrato un valore di 1102 milioni di dollari circa (
253
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
-18%). E' stata registrata una ulteriore diminuzione del 4,13% nel 2005. Il 2006 è un
mln dollar
anno di lieve ripresa che non può dirsi confermata nel 2007.
1,800
1.60
1,600
1.40
1,400
1.20
1,200
1.00
1,000
0.80
800
0.60
600
400
0.40
200
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
2005
Articoli gioielleria
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figure 33 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
In particolate a partire dal 2002 le esportazioni di articoli di gioielleria subiscono un
andamento negativo che culmina nel 2008, con il dato piu’ negativo degli ultimi 10 anni, in
cui si registra un valore inferiore al miliardo di dollari, in diminuzione dunque del 60%
rispetto ai valori riporatati nel 2002.
2. Documentazione di entrata
254
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), è necessario essere in possesso di:
-
Nel caso di monete d’oro non a corso legale: una copia della dichiarazione legale in
base alla quale le monete sono state emesse od una dichiarazione ufficiale da parte
di una istituzione bancaria;
-
Nel caso di gioielli che contengono parti che sono state ottenute da specie animali
e/o vegetali protette: tutta la documentazione richiesta dai regolamenti in vigore
in materia di protezione di specie in pericolo od in via di estinzione (il “Endangered
Species Act”)
-
Nel caso si strumenti monetari valutati più di 10 mila dollari, il modulo di entrata
“Form 4790”.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
perle naturali (nessun dazio); perle artificiali (2,1%); pietre preziose lavorate (21%);
argento semilavorato (6%); articoli di argento (7%); articoli di gioielleria contenenti
pietre preziose (8%-11%); articoli di gioielleria in argento (7%); altri gioielli in argento
valutati non oltre i 18$ per dozzina (27,5%); collane e braccialetti d’oro (6,5%); coltelli
d’argento (5,5%); posate da tavola d’argento puro (6,6%); prodotti finiti contenenti perle
naturali (6,5%): prodotti finiti contenenti perle artificiali (1%); gioelli in materiale vile
valutati non oltre i 33 centesimi per metro (8%); gioelli in materiale vile valutati oltre i 33
centesimi per metro (11%); gioielleria religiosa (5,8%).
255
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
4. Proibizioni e restrizioni
-
Monete: le monete contraffatte od i mezzi per contraffarle non possono essere
legalmente importate negli Stati Uniti.
-
Richieste di contrassegni – etichette: deve essere accuratamente indicata la quantità
d’oro e d’argento contenuta nei diversi articoli. Sulla base del “National Stamping
Act”, gli articoli d’oro o contenenti leghe d’oro non possono infatti essere importati
negli Stati Uniti se la quantit{ d’oro in essi contenuta è inferiore di mezzo carato
rispetto all’indicazione esposta sull’articolo. Nel caso di articoli d’oro o contenenti
leghe d’oro che includono anche leghe di finezza inferiore, è permessa una
divergenza di 1 carato rispetto a quella indicata. Gli articoli certificati come
“argento puro” devono contenere per lo meno una percentuale dello 0,925% di
argento puro, con una possibile divergenza ammessa dello 0,004%. Gli articoli
certificati come “monete d’argento” devono contenere per lo meno una percentuale
dello 0,9000% di argento puro, con una possibile divergenza ammessa dello
0,004%. I prodotti contenenti le parole “United States Assay” sono proibite. Infine,
in base al “Hobby Protecion Act”, ogni articolo di numismatica deve contenere una
chiara e permanente indicazione che attesta il suo carattere di “copia”. Gli articoli
che non soddisfano questa richiesta sono soggetti a confisca. Le monete d’oro non
legali devono contenere l’indicazione del paese di provenienza.
-
Prodotti contenenti parti di specie animali protette: sulla base di quanto previsto
dalla “Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and
Flora” (CITES) e dal “Endangered Species Act”, l’importazione negli Stati Uniti di
prodotti contenenti al loro interno delle componenti o parti che derivano da specie
protette (ad es. avorio, certi tipi di pelli, etc.) è rigidamente regolata ed in molti casi
proibita.
256
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
6. Riviste
Accessories Magazine
Frequenza mensile
185 Madison Avenue, 6th Floor
New York, NY 10016
Tel.: (212) 686 4412
Fax: (212) 686 6821
Irenka Jakubiak (x432), Editor
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.accessoriesmagazine.com/
257
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Jewelers’ Circular-Keystone
Frequenza mensile
360 Park Avenue South
New York, NY 10010
Tel. 646-746-6440
Fax 646-746-7131
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.jckgroup.com
Modern Jeweler
Frequenza mensile
3 Huntington Quadrangle, Suite 301N
Melville, NY 11747-3601
Tel. (631) 845 2700
Fax (631) 845 7109
Cheryl Kremkow, Editor in Chief
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.modernjeweler.com/
National Jeweler
Frequenza quindicinale
770 Broadway
New York, NY 10003
Tel. (646) 654 4942
Fax (646) 645 4948
Teresa Novellino, Executive Editor
E-mail: [email protected]
258
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito internet: http://www.national-jeweler.com
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di gemme, gioielli e prodotti relativi. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC)
mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Hobby Protection Act – HPA (15 USC 2101): legge che contiene le richieste previste
per quanto riguarda l’etichettamento dei prodotti di numismatica;
-
National Stamping Act – NSA (15 USC 291-300): legge che contiene le richieste
previste per quanto riguarda la certificazione dei prodotti contenenti oro;
-
Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora
(CITES): trattato firmato da più di 100 Stati, inclusi gli Stati Uniti, che regola ed in
molti casi proibisce l’importazione e l’esportazione a fini commerciali di specie
animali o di piante in pericolo di estinzione;
-
Endangered Species Act (16 USC 1531): legge che proibisce l’importazione e le
esportazioni di piante e di semente classificate come in pericolo di estinzione;
-
Importation and Exportation of Gold and Silver (12 USC 95a): legge relativa
all’importazione od esportazione di monete d’oro o d’argento durante periodi di
guerra;
-
Gold Labeling Act of 1976 (15 USC 291-300): legge che restringe le importazioni di
monete d’oro o d’argento che recano la dicitura “United States Assay”;
-
Contraband Seizure Act (49 USC App. 781 et seq.): legge che stabilisce l’illegalit{
del trasporto, della ricettazione, del favoreggiamento di prodotti di contrabbando;
259
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Importation of Counterfeit or Forged Obligations or Securities Act (18 USC 471 et
seq.): legge che proibisce l’importazione di obbligazioni, azioni, valuta, monete e
prodotti contraffatti;
-
Seizure and Forfeiture of Vessels, Vehicles and Aircraft used to transport
Counterfeit Coins, Obligations and Paraphernalia (CFR Part 401): regolamenti che
autorizzano l’ufficio di dogana a detenere in custodia i mezzi di trasporto utilizzati
per violare la legge 49 USC 781.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative all’importazione negli Stati Uniti di gioelli contenenti
parti di specie protette, rivolgersi a:
U.S. Fish and Wildlife Service (FWS)
Office of Management Authority
4401 N.Fairfax Dr., Rm. 700
Arlington, VA 22203
Tel.: (800) 358 2104
Fax: (703) 358 2104
Sito Internet: http://www.fws.gov
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
260
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore:
The JA New York Summer Show
Per informazioni:
Drew Lawsky, Show Director
Tel.: (646) 654 4983
Sito internet: http://www.ja-newyork.com
E-mail: [email protected]
Date: 28 Febbraio - 2 Marzo 2008, 25 – 28 luglio 2010, 24 – 26 ottobre 2010
Jacob Javits Convention Center
New York, NY
Jewelers International Showcase
Per informazioni:
Jewelers International Showcase, Inc.
6421 Congress Avenue, Ste 105
Boca Raton, FL 33487 – 2827
Tel.: (561) 998 0205
Fax: (561) 998 0209
Michele Carter, Show Director
Tel.: (561) 998-0205 (ext. 4)
Sito internet: http://www.jisshow.com
E-mail: [email protected]
261
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Date: 30 Gennaio – 1 Febbraio 2010, 10 – 12 Aprile 2010, 8 – 11 Ottobre 2010
Convention Center
Miami Beach, FL
The JCK Las Vegas
Per informazioni:
Dave Bonaparte, Vice President, JCK Events
Tel.: (203) 840 5675
Fax: (203) 840 9675
Sito Internet: http://www.jcklasvegasshow.com/
E-mail: [email protected]
Date: 4 - 7 Giugno 2010 (frequenza annuale)
Sands Expo Convention Center, The Venetian Resort Hotel Casino
Las Vegas, NV
New York Numismatic Convention
Per informazioni:
Kevin Foley, Convention Chairman
P.O. Box 370650
Milwaukee, WI 53237
Tel. : (414) 421 3484
Fax: (414) 423 0343
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.nyinc.info
Date: 6 – 9 Gennaio 2010 (frequenza annuale),
Waldorf Astoria Hotel
New York, NY
262
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
10.
2009
Associazioni di settore:
American Gem Society (AGS)
8881 W.Sahara
Las Vegas, NV 89117
Tel.: (866) 805 6500
Sito internet: http://www.ags.org
Fashion Jewelry Trade Association
1486 Stony Lane
North Kingstown, RI 02852
Michael Gale
E-mail: [email protected]
Tel.: (401) 296 4564
Jewelers of America (JA)
52 Vanderbilt Ave. 19th Floor
New York, NY 10017
Matthew Runci, JA President
Tel.: (646) 658 0246
Toll free: (800) 223 0673
Fax: (646) 658 0256
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.jewelers.org
Jewelers Board of Trade (JBT)
263
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
95 Jefferson Blv.
Warvick, RI 02888 – 1046
P.O. Box 6928
Providence, RI 02940
Tel.: (401) 467 – 0055
Fax: (401) 467 - 1199
Sito Internet: http://www.jewelersboard.com/
Jewelry Information Center (JIC)
52 Vanderbilt Aven. 19th Fl
New York, NY 10017-2601
Tel.: (646) 658 0240
Fax: (646) 658 0245
Toll free no. 800 459 0130
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.jewelryinfo.org/
American Numismatic Association (ANA)
Jay Beton, PR
818 N. Cascade Avenue
Colorado Springs, CO 80903-3279
Tel.: (719) 632 2646
Fax: (719) 634 4085
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.money.org
264
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Gomma e prodotti in gomma
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
265
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni......................................................................................... 268
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................. 270
3.
Dazi di importazione ........................................................................................................ 272
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 272
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 273
6.
Riviste ............................................................................................................................... 274
7.
Principali leggi e regolamenti........................................................................................... 276
8.
Principali Agenzie Governative ........................................................................................ 278
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore: .......................................................................... 281
10. Associazioni di categoria ................................................................................................. 282
266
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 14 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Gomma ed articoli in gomma
267
CODICE
40
Pneumatici
4011
Gomma sintetica
4002
Tubature
4009
Cinghie di trasmissione
4010
Altri articoli in gomma naturale
4001
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Nel periodo compreso tra il 1993 e il 2008 il trend delle esportazioni relativo ai prodotti
in gomma e, piu’ in generale, alla gomma e’ stato variabile. In generale si nota che nel
corso di tale periodo il valore delle esportazioni non e’ aumentato sensibilmente. Si sono
verificate delle diminuzioni significative nel 1996, nel 2001, e negli ultimi due anni (fig. 1).
300
250
200
150
100
50
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 34 Esportazioni di giochi, giocattoli e accessori per lo sport (mln di dollari)
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, a causa anche dell’andamento del
tasso di cambio euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della
valuta europea, le vendite del settore sono comunque aumentate fino al 2005 per poi
calare nel biennio 2006-2007 e riacquistare insolito vigore nel 2008, tornando ai livelli
268
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
del 2005. Tra il 2001 e il 2002 e’ stata registrata una lieve variazione pari all’1.32%,
mentre nel 2003 si e’ avuto un incremento delle esportazioni pari al 13,17%, totalizzando
un valore complessivo di circa 223 milioni di dollari. Nel 2004 si sono registrate
esportazioni pari a 253 milioni di dollari circa, determinando un incremento del 13,3%.
Nel 2005 si e' verificato un ulterirore aumento e le esportazioni hanno raggiunto i 270
milioni di dollari, per poi stabilizzarsi nel 2007 a 214 milioni di dollari (fig. 2).
300
1.60
1.40
250
1.20
200
1.00
150
0.80
0.60
100
0.40
50
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
Gomma ed articoli in gomma
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 35 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Osservando l’andamento delle vendite delle principali componenti della categoria si puo’
notare l’elevato aumento delle quote di esportazioni di pneumatici a partire dal 1996.
Nell’arco di pochi anni le vendite di pneumatici sono cresciute di piu’ del 400% passando
da poco piu’ di 20 milioni di dollari nel 1996 a 120 milioni circa nel 2004, per poi crollare
negli anni precedenti al 2008, trainando tutto il settore. Le canalature e le cinghie di
trasmissione di gomma, gli altri articoli in gomma naturale e la gomma sintetica hanno
invece registrato un andamento costante, non incidendo particolarmente sull’andamento
del settore (fig. 3).
269
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Le tubature, invece partecipano al rimbalzo del settore incrementando la propria quota di
esportazioni di piu’ del 10%.
140
120
100
80
60
40
20
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
pneumatici
gomma sintetica
tubature
cinghie di trasmissione
Figura 3 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), sono richiesti:
-
Il modulo di ingresso “Form FD 701” - richiesto per quei prodotti importati che
ricadono sotto la giurisdizione della Food and Drug Administration (FDA): 1)
gomma naturale; 2) articoli igienici e farmaceutici; 3) guanti.
270
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Il modulo di ingresso “HS Form 7” in duplice copia - richiesto nel caso
dell’importazione di pneumatici e copertoni per moto ed autoveicoli sulla base di
quanto previsto dal “Federal Motor Vehicle Safety Standards” (FMVSS). Nella
suddetta dichiarazione deve essere indicato (regolamento 19 CFR 12.80): 1) se i
pneumatici o i copertoni importati sono soggetti agli standard FMVSS; 2) se i
pneumatici si conformano o verrano comunque resi conformi entro un periodo
prestabilito agli standard previsti; 3) se i pneumatici rientrano all’interno di una
delle categorie soggette ad eccezione. Un certificato originale del produttore del
pneumatico/copertone che attesti la conformit{ dell’articolo in questione agli
standard
previsti,
deve
inoltre
essere
direttamente
applicato
sul
pneumatico/copertone o sul contenitore in cui il pneumatico/copertone è
trasportato.
-
Il certificato TSCA (Toxic Substances Control Act) - richiesto nel caso
dell’importazioni di gomma non lavorata in forma primaria classificata come
“sostanza pericolosa o tossica” sulla base di quanto previsto dal U.S.Customs
Service TSCA Import Certification Rule TSCA (19 CFR 12.118 et seq.). Nel caso
dell’importazione di prodotti che sono classificati come sostanze pericolose ma che
sono al contempo parti di altri articoli, è necessario presentare un certificato TSCA
solamente se il certificato è specificatamente richiesto da un regolamento o da una
ingiunzione promulgata sulla base del TSCA. Nessun regolamento specifico è stato
al momento ancora adottato.
-
Nel caso dell’importazione di gomma ed articoli in gomma, nella fattura di entrata
bisogna indicare: 1) se gli articoli in gomma sono combinati con materiale tessile o
con altro materiale; 2) se la gomma è alveolare o meno, e se è vulcanizzata o non
vulcanizzata; 3) se vulcanizzata, se la gomma è dura o meno.
-
Nel caso dell’importazione di pneumatici/copertoni o di camere d’aria per
pneumatici, nella fattura di entrata bisogna specificare: 1) il genere di veicolo a cui
271
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
il pneumatico è destinato (ad es. bicicletta, bus, autoveicoli, motocicletta); 2) nel
caso di pneumatici per trattori o per altri macchinari agricoli, indicare se il
copertone è nuovo o ricostruito, e se è solido o meno.
-
Nel caso dell’importazione di articoli prodotti con materiale tessile e rivestiti o
laminati con gomma, nella fattura di entrata bisogna indicare se il tessuto è
rivestito o laminato su entrambi i lati, sulla superficie esterna o sulla superficie
interna.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
gomma in forma primaria non lavorata (nessun dazio); gomma in altra forma – es. aste,
tubi, profili di gomma naturale (2,5%); di altro tipo di gomma (5,3%); piatti, bicchieri,
nastri di gomma (nessun dazio); camere d’aria per autoveicoli (3,7%); per biciclette
(nessun dazio), pneumatico radiale per macchine (3,4%); succhiotto per neonato (3,1%);
guanti chirurgici (nessun dazio); giochi per animali (4,3%); gomma per cancellare
vulcanizzata (4,2%).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Copertoni per biciclette: i copertoni per biciclette importati devono conformarsi
agli standard di sicurezza per le biciclette promulagati sulla base del Consumer
Product Safety Act (CPSA) ed applicati dalla Consumer Product Safety Commission
(CPSC).
-
Sostanze chimiche pericolose: la spedizione di qualsiasi articolo o merce contenente
prodotti chimici che sono classificati come “sostanze pericolose” sulla base del
272
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
TSCA, deve conformarsi alle richieste in termini di marchio ed etichettamento
adottate dalla U.S. Environmental Protection Agency - EPA (46 CFR 147.30) e dal
U.S. Department of Transportation - –OT (49 CFR 171 et seq.).
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
Il seguente materiale informativo è disponibile gratuitamente su richiesta rivolgendosi
direttamente
all’Office
of
Vehicle
Safety
Compliance
dell’U.S.Department
of
Transportation:
1) The National Traffic and Motor Vehicle Safety Act of 1966; 2) 49 CFR 441: Procedural
Rules; 3) 49 CFR 574: Tire Identification and Recordkeeping; 4) 49 CFR 575.104: Uniform
Tire Quality Grading Standards; 5) 49 CFR 591: Importation of Vehicles & Equipment
Subject to Federal Motor Vehicle Safety Standards; 6) Where to Obtain Motor Vehicle
Safety Standards and Regulations; 7) Information for New Manufacturers of Motor
Vehicles and Motor Vehicle Equipment; 8) FMVSS No. 109: New Pneumatic Tires –
273
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Passenger Cars; 9) FMVSS No.117: Retreaded Pneumatic Tires; 10) FMVSS No. 119: New
Pneumatic Tires for Vehicles Other Than Passenger Cars; 11) FMVSS No. 129: New Non
Pneumatic Tires for Passenger Cars; 12) Application for a tire manufacturers
identification number.
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per quanto riguarda
l’importazione di gomma o di prodotti in gomma:
-
Requirements of Laws and Regulations Enforced by the U.S.Food and Drug
Administration
Pubblicazione disponibile su richiesta rivolgendosi direttamente agli Uffici della FDA.
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per quanto riguarda
l’importazione di gomma o di prodotti in gomma classificati come tossici o
pericolosi:
-
Toxic Substances Control Act: A Guide for Chemical Importers/Exporters
(pubblicato dalla EPA)
-
TSCA Chemical Substance Inventory (edizione 1985: Doc.Code S/N 055-00000254-1)
-
Supplement to TSCA Chemical Substances Inventory (Doc.Code S/N 055-00000361-1)
6. Riviste
Rubber & Plastics News
Frequenza bisettimanale
274
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1725 Merriman Road,
Akron, OH 44313-5251
Tel.: (330) 836 9180
Fax: (330) 836 2831
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.rubbernews.com/
Rubber World
Frequenza mensile
1867 W.Market St.
Akron, OH 44313-6901
Tel.: (330) 864 2122
Fax: (330) 864 5298
Job H. Lippincott, Publisher
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.rubberworld.com
Modern Tire Dealer
Frequenza mensile
3515 Massillon Rd. Suite 350
Uniontown, OH 44685
Tel.: (330) 899 2200
Fax: (330) 899-2209
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.mtdealer.com/
Tire Business
275
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Frequenza bisettimanale
Tel. 800-678-9595
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.tirebusiness.com
Tire Review
Frequenza mensile
Babcox Publications
3550 Embassy Parkway
Akron Ohio 44333
Tel.: (330) 670 1234
Fax: (330) 535 0874
Sito internet: www.tirereview.com
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare negli Stati
Uniti gomma ed articoli in gomma. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i
regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di cibi,
cosmetici, medicinali e prodotti relative.
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et seq.):
relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti utilizzati con
cibo, medicinali e cosmetici.
-
Consumer Product Safety Act (15 USC 1263): legge che concede alla Consumer Product
Safety Commission l’autorità di stabilire standard di sicurezza, procedure di controllo
276
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
e richieste di documentazione al fine di assicurare la non dannosità dei prodotti per i
consumatori.
-
National Traffic and Motor Vehicle Safety Act del 1966 - NTMVSA: legge che concede
alla National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) l’autorit{ di stabilire gli
standard di sicurezza per gli autoveicoli ed i motoveicoli nonchè di proibire la
produzione, la vendita, la consegna o l’importazione di quei veicoli che falliscono nel
rispettare i suddetti standard.
-
Regulations on Motor Vehicle Safety Standards (49 CFR 571): regolamenti che
stabiliscono gli standard di sicurezza che si applicano nei confronti della qualità degli
autoveicoli e dell’equipaggiamento per autoveicoli e motoveicoli che sono importati
negli Stati Uniti.
-
Regulations on Motor Vehicle Entry Declaration (19 CFR 12.80): regolamenti che
stabiliscono le procedure che si applicano per l’importazione di autoveicoli e
dell’equipaggiamento per autoveicoli e motoveicoli attraverso la Dogana degli Stati
Uniti.
-
Federal Hazardous Substances Act (15 USC 1261): legge che controlla l’importazione
di sostanze pericolose.
-
Hazardous Materials Regulations (49 CFR 170 et seq.): regolamento che classifica tutte
quelle sostanze ritenute pericolose e che fornisce regole per il trasporto, la sicurezza,
l’etichettamento.
-
Regulations on Labeling of Hazardous Materials (46 CFR 147.30): regolamento che
richiede l’etichettamento dei contenitori di sostanze pericolose.
-
Regulations on Hazardous Substances Safety Standards (16 CFR 1500 et seq.):
regolamenti che stabiliscono gli standard che si applicano alla produzione,
lavorazione, importazione ed etichettamento di tutte quelle sostanze classificate come
pericolose e destinate alla vendita al pubblico.
277
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Regulations on Carriage of Solid Hazardous Materials in Bulk (46 CFR 148 et seq.):
regolamento che governa il trasporto di sostanze solide pericolose.
-
Toxic Substances Control Act (15 USC 2601 et seq.): legge che autorizza l’
Environmental Protection Agency (EPA) a stabilire quando una sostanza è da ritenersi
pericolosa e quando è necessario restringerne l’importazione.
-
Toxic Substances Control Regulations (19 CFR 12.118 et seq.): regolamento che
richiede agli importatori di sostanze chimiche di certificare alla dogana che i prodotti
in questione soddisfino quanto previsto dal Toxic Substances Control Act.
8. Principali Agenzie Governative
 Per
informazioni
relative
alle
richieste
avanzate
dalla
FDA
nel
caso
dell’importazione negli Stati Uniti di gomma e prodotti in gomma:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 207403835
Toll free information: (888) 723 3366
Tel: (202) 547 9359
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/list.html
 Per informazioni relative all’importazione di pneumatici/copertoni per auto e
motoveicoli:
278
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
National Highway Traffic Safety Administration
Office of Vehicle Safety Compliance
Equipment & Import Division
400 7th St.SW
Washington, DC 20590
Tel. 1-888-327-4236
Sito Internet: http://www.nhtsa.dot.gov
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla Consumer Product Safety
Commission (CPSC) nel caso dell’importazione di copertoni per bicilette e di altri
prodotti in gomma:
Consumer Product Safety Commission (CPSC)
4330 East West Highway
Bethesda, MD 20814
Tel.: (301) 504 7923
Fax: (301) 504 0124
Small Business Helpline: (888) 531-9070
Sito internet: http://www.cpsc.gov
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla TSCA e dalla EPA per
l’importazione di prodotti chimici:
Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pollution Prevention and Toxics
1200 Pennsylvania Avenue, NW
Mail Code 7401-M
279
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Washington, DC 20460
Tel.: (202) 564 3810
Sito Internet: http://www.epa.gov
 Per informazioni relative al trasporto di sostanze pericolose:
U.S.Department of Transportation (DOT)
Pipeline and Hazardous Materials Safety Administration
East Building, 2nd Floor
Mail Stop: E21-317
1200 New Jersey Ave., SE
Washington, DC 20590
Tel.: (202) 366 0656
Fax.: (202) 366 5713
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.dot.gov/index.cfm
 Per informazioni più generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Charles E. Stallworth II, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
280
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
Technical Meeting and Rubber Expo
Per informazioni:
Rubber Division ACS
PO Box 499
Akron, OH 44309-0499 USA
Tel.: (330) 972 7814
Mr. Edward L. Miller, PE - Executive Director
Tel.: (330) 972 6527
Sito Internet: http://www.rubber.org
E-mail: [email protected]
Date: 12 – 14 Ottobre 2010 (frequenza annuale)
Midwest Airlines Center
Milwaukee, WI
Commercial Tire, Retread & Recycling Conference (OTR)
Per informazioni:
Tire Industry Association
1532 Pointer Ridge Place Suite G
Bowie, Maryland 20716- 1883
Tel.: (301) 430 7280
Fax: (301) 430 7283
Date: 17 – 20 Febbraio 2010
The Westin La Paloma Resort & Spa
Tucson, AZ
281
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
10.
2009
Associazioni di categoria
International Institute of Synthetic Rubber Producers (IISRP)
2077 S. Gessner Rd., Ste. 133
Houston, TX 77063
Tel. : (713) 783 7511
Fax (713) 783 7253
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.iisrp.com
Rubber Manufacturers Association (RMA)
1400 K St. NW, Ste. 900
Washington, DC 20005
Thomas E. Cole, Pres.
Tel. : (202) 682 4800
E- mail: [email protected]
Sito internet: http://www.rma.org
282
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Macchinari e attrezzature meccaniche
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
283
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni......................................................................................... 286
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................. 288
3.
Dazi di importazione ........................................................................................................ 289
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 290
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 290
6.
Riviste ............................................................................................................................... 291
7.
Principali leggi e regolamenti........................................................................................... 294
8.
Principali Agenzie Governative ........................................................................................ 296
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore: .......................................................................... 299
10. Associazioni di categoria ................................................................................................. 302
284
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 15 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Macchinari e attrezzature meccaniche
285
CODICE
84
Elettrodomestici
8422
Motori e turbine a gas
8411
Valvole e guarnizioni
8481
Motori a pistoni
8408
Alberi di trasmissione e cuscinetti
8483
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
La meccanica si conferma essere la voce principale dell’export italiano negli Stati Uniti. Un
trend positivo che si registra ormai da qualche anno e che conferma la posizione italiana
di leadership in questo settore. Solo nel 2002 si e’ verificata una lieve flessione, dove il
loro valore e’ diminuito del 4.59% rispetto all’anno precedente. Nel 2008 le esportazioni
hanno raggiunto un totale di circa 7,4 miliardi di dollari (fig.1).
8,000
7,000
6,000
5,000
4,000
3,000
2,000
1,000
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 36 Esportazioni di macchinari e attrezzature meccaniche (mln di dollari)
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, con un andamento del tasso di cambio
euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della valuta europea,
le vendite del settore sono comunque aumentate. Nel 2003 le esportazioni hanno
286
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
registrato un aumento del 15.26% rispetto all’anno precedente, totalizzando un valore
complessivo di esportazioni pari a 4,6 miliardi di dollari. Nel 2004 e’ stato confermato il
trend di crescita, con le vendite che si sono attestate intorno ai 5,4 miliardi. Anche il 2005
ha registrato un andamento positivo con un aumento dell'11,9%. Nel 2007 le esportazioni
hanno raggiunto un totale di circa 6,4 miliardi di dollari e nel 2008, nonostante la
congiuntura sfavorevole, i 7,4 miliardi di dollari (fig.2).
8,000
1.60
7,000
1.40
6,000
1.20
5,000
1.00
4,000
0.80
3,000
0.60
2,000
0.40
1,000
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
2005
Macchinari e attrezzature meccaniche
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 37 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Le componenti della categoria merceologica che hanno maggiormente guidato
l’andamento delle esportazioni del settore sono: elettrodomestici, motori e turbine a gas,
valvole e guarnizioni, motri a scoppio e alberi di trasmissione e cuscinetti. Tali
componenti hanno raggiunto un valore di vendite compreso tra i 300 e i 600 milioni di
dollari circa, con una crescita molto significativa negli ultimo 4 anni. L’andamento di
queste componenti ha trainato ovviamente l’andamento di tutto il settore (fig.3).
287
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
700
600
500
400
300
200
100
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
elettrodomestici
motori e turbine a gas
valvole e guarnizioni
motori a pistoni
alberi di trasmissione e cuscinetti
Figura 3 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), è nessario essere in possesso di:
-
Per ogni singolo articolo elettronico che produce radiazioni, i moduli di entrata
“Form FD 701” e “Form FD 2877” al fine di certificare l’adeguatezza dei prodotti
importati agli standard di sicurezza richiesti dalla Food and Drug Administration
(FDA) sulla base del “Radiation Control for Health and Safety Act”. Nel modulo
“Form FD 2877” è necessario specificare se l’articolo in questione è: 1) stato
fabbricato prima dell’entrata in vigore del corrispettivo standard federale: 2) si
288
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
conforma agli standard stabiliti; 3) non si conforma agli standard stabiliti, ma è
stato importato solo per fini di ricerca, studio o dimostrazione; 4) non si
conforma al momento agli standard richiesti ma al più presto subirà le
modificazioni richieste per adeguarsi.
-
Per ogni singolo articolo che emette frequenze radio, il modulo di entrata “Form
FCC 740” al fine di certificare l’adeguatezza dei prodotti importati agli standard di
sicurezza richiesti dalla Federal Communications Commission (FCC).
-
Nel
caso
di
materiale
od
attrezzature
radioattive,
l’autorizzazione
dell’importazione da parte della Nuclear Regulatory Commission (NRC).
-
Per tutte le attrezzature, i macchinari, gli apparecchi, nella fattura di ingresso è
necessario specificare l’utilizzo a cui ogni articolo importato è destinato.
-
Nel caso di parti di macchinari, nella fattura di ingresso è necessario specificare il
genere di macchinari per cui le parti importate sono necessarie.
-
Nel caso di laminatoi, nella fattura di ingresso è necessario indicare la
composizione di ogni rullo/cilindro ed il suo corrispettivo peso.
-
Nel caso di celle frigorifere e refrigeratori, nella fattura di ingresso è necessario
indicare il volume in litri delle celle frigorifere ed il loro tipo.
-
Nel caso di cuscinetti, nella fattura di ingresso è necessario indicare: 1) il tipo di
cuscinetto importato (a rulli o a sfera); 2) se a rullo, specificare se sferico,
cilindrico, a punta, od altro; 3) se a sfera, specificare se a raggi ed il rispettivo
diametro.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
caldaie (4,2%); condensatori (7%); turbine idrauliche con una potenza non superiore ai
289
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1000 kw (7,5%); turbine per aerei (5%); condizionatori d’aria (2,2%); convertitori
catalittici (3,9%); becchi a gas (3,4%); forni per panifici (5,7%); scaldabagni a gas (4%);
estintori (3,7%); presse per il vino (4,2%); macchine per la preparazione della carne
(3,5%); macchine per fotoincisioni (3,3%); macchine per la filatura di materiale tessile
(4,2%); lavatrici (3,9%); macchinari per la fabbricazione di calzature (nessun dazio);
attrezzature per la lavorazione del vetro (3%); stampanti ad inchiostro (3,7%); parti di
robot industriali (3,7%); valvole di trasmissione per pneumatici (3,7%); guarnizioni
(3,7%).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Articoli destinati al consumo familiare: sulla base dell’Energy Policy and
Conservation Act (EPCA), il U.S. Department of Energy (DOE) stabilisce gli standard
in temini di consumo di energia rispetto a cui gli articoli importati destinati al
consumo familiare devono conformarsi. La Federal Trade Commission regola la
tipologia di etichette da apporsi sugli articoli in questione. Ulteriori richieste, in
termini di standard da rispettare, sono stabilite dalla Consumer Product Safety
Commission (CPSC) sulla base del Consumer Product Safety Act (CPSA).
-
Articoli destinati ad uso industriale: la Occupational Safety and Health
Administration (OSHA) stabilisce ed applica le regolamentazioni in materia di
prodotti industriali, al fine di assicurare la massima sicurezza sul posto di lavoro. I
macchinari importati negli Stati Uniti devono perciò conformarsi con tutti gli
standard e le procedure previsti dalla OSHA.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
290
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.:1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.:2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
6. Riviste
American Association Textile, Chemists and Colorists (TCC)
P.O.Box 12215
Research Triangle Park, NC 27709
Maria Thiry, Managing Editor
Tel.: (919) 549 8141
Fax: (919) 549 8933
Sito internet: http://www.aatcc.org
Automotive Design & Production
Frequenza mensile
Gardner Publications, Inc.
6915 Valley Avenue
Cincinnati, OH 45244
291
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Gary Vasilash, Editor
Email: [email protected]
Tel.: (513) 527 8800
Fax: (513) 527 8801
Toll free: (800) 950 8020
Sito internet: http://www.autofieldguide.com/index.html
Industrial Heating
Frequenza mensile
Manor Oak One, #450
1910 Cochran Road, #450
Pittsbourgh, PA 15220
Reed Miller, Editor
Email: [email protected]
Tel.: (412) 306 4357
Fax: (412) 531 3375
Sito internet: http://www.industrialheating.com
Products Finishing
Frequenza mensile
6915 Valley Avenue
Cincinnati, OH 45244-3029
Jim Destefani, Editor
Tel.: (513) 527 8800
Fax: (513) 527 8801
Sito internet: http://www.pfonline.com/
292
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Industrial Maintenance & Plant Operation
Frequenza mensile
100 Enterprise Drive, Suite 600
Box 912
Rockaway, NJ 07866-0912
Anna Wells, Editor
Tel.: (973) 920 7786
Fax: (608) 274 6454
Sito internet: http://www.impomag.com
New Equipment Digest
Frequenza mensile
1300 East 9th Street
Cleveland, OH 44114-2518
Robert F. King, Editor
Tel.: (216) 931 9269
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.newequipment.com
Packaging Digest
Frequenza mensile
2000 Clearwater Drive
Oak Brook, IL 60523
John Kalkowski, Editor
Tel.: (630) 288 8000
Fax: (630) 288 8704
293
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.packagingdigest.com
Packaging World
Frequenza mensile
One IBM Plaza, Suite 2401
330 N.Wabash Ave.,
Chicago, IL 60611-3606
Anne Marie Mohan, Senior Editor
Tel.: (312) 222 1010
Fax: (312) 222 1310
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.packworld.com
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare negli Stati
Uniti macchinari ed attrezzature meccaniche. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC)
mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di
cibi, cosmetici, medicinali e relativi prodotti.
-
Energy Policy and Conservation Act – EPCA (42 USC 6201 et seq.): legge che
prevede l’adozione di standard per il consumo di energia a cui i prodotti importati
devono adeguarsi
-
Regulations on EPCA (10 CFR Part 430): regolamenti che stabiliscono le procedure
e gli standard per la misurazione del consumo di energia dei rifregeratori, celle
294
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
frigorifere, lavastoviglie, lavatrici, condizionatori d’aria, televisioni, lampade
fluorescenti, caldaie.
-
Occupational Safety and Health Act (29 USC 651 et seq.): legge che prevede
l’adozione di standard di sicurezza per gli impiegati sul posto di lavoro, incluso gli
standard per le attrezzature/macchinari utilizzati.
-
Regulations of OSHA (29 CFR Part 1926): regolamenti che specificano gli standard
di sicurezza e di salute nonchè le procedure di ispezione per determinate
attrezzature/apparecchi industriali.
-
Consumer Product Safety Act (15 USC 1263): legge che conferisce alla Consumer
Product Safety Commission l’autorita’ di stabilire standard di sicurezza, procedure
di controllo e richieste di documentazione al fine di assicurare la non dannosita’
dei prodotti per i consumatori.
-
Dangerous Cargo Act (18 USC 831 et seq.): legge che restringe l’importazione di
fuochi d’artificio e di materiale nucleare.
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et
seq.): regolamenti relativi agli standard, alla certificazione e all’importazione dei
prodotti usati con cibi, cosmetici, medicinali e prodotti relativi.
-
Atomic Energy Act (42 USC 2077, 2111, 2122, 2131, 2155): leggi che restringono
l’importazione e l’esportazione di determinati materiali nucleari, di armi nucleari e
di prodotti derivati.
-
Radiation Control for Health and Safety Act (42 USC 263b-263n): legge che
impedisce l’entrata negli Stati Uniti di prodotti elettronici trovati non in regola con
gli standard prescritti.
-
Devices that Interfere with Radio Reception (47 USC 302a): legge che impedisce
l’entrata negli Stati Uniti di prodotti che non soddisfano i regolamenti promulgati
dalla FCC.
295
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Importation of Certain Television Receivers (47 USC 303 e 330): leggi che
proibiscono l’importazione di ricevitori televisi incapaci di ricevere tutte le
frequenze.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni riguardanti l’importazione di prodotti che emettono radiazioni e
frequenze radio, rivolgeresi a:
Federal Communications Commission (FCC)
Compliance and Information Bureau
Enforcement Division, Investigations Branch
445 12th Street SW
Washington, DC 20544
Tel.: (888) 225 5322
Fax: (202) 418 2830
Sito Internet: http://www.fcc.gov
 Per informazioni relative all’importazione di prodotti che emettono radiazioni,
rivolgersi a:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Devices and Radiological Health
Division of Small Manufacturers Assistance
10903 New Hampshire Avenue
296
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
WO66-5429
Silver Spring, MD 20993
Tel.: (800) 638 2041
Fax: (301) 796 3151
E-mail: [email protected]
Sito Intenet: http://www.fda.gov/MedicalDevices/default.htm
 Per domande relative agli standard di sicurezza richiesti per i prodotti destinati
all’uso familiare, rivolgersi a:
Federal Trade Commission (FTC)
601 Pennsylvania Ave. NW
Washington, DC 20580
Tel.: (202) 326 2222
Sito Internet: http://www.ftc.gov
 Per informazioni relative agli standard in terimi di consumo energetici richiesti per
i prodotti destinati all’uso domestico:
U.S. Department of Energy (DOE)
1000 Independence Ave., SW
Washington, DC 20585
Tel.: (202) 586 5000
Fax: (202) 586 4403
E- mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.doe.gov
297
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per domande relative alle regolamentazioni esistenti per materiali radioattivi e
reattori nucleari, rivolgersi a:
Nuclear Regulatory Commission (CPSC)
Washington, DC 20555
Tel.: (301) 415 8200
Fax: (301) 415 2234
Sito Internet: http://www.nrc.gov
 Per domande relative alle richieste della CPSC nei confronti di macchinari ed
apparecchiature:
Consumer Product Safety Commission (CPSC)
4330 East West Highway
Bethesda, MD 20814
Tel.: (301) 504 7923
Fax: (301) 504 0124
Sito Internet: http://www.cpsc.gov
 Per informazioni più generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
298
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore:
American Gear Manufacturers Association Gear Expo
Per informazioni:
AGMA
500 Montgomery Street, Suite 350
Alexandria, VA 22314
Bill McGlade, Exhibitions manager
Tel.: (703) 683 8500 ext. 204
Fax: (703) 706 8234
Sito internet: http://www.gearexpo.com
E-mail: [email protected]
Date: 4 – 6 Marzo 2010 (frequenza biennale),
Loews Ventana Canyon Resort, Tucson, AZ
American Textile Machinery Exhibition International
Per informazioni:
ATMA
201 Park Washington Court
Falls Church, VA 22046-4527
Tel.: (703) 538 1789
Fax: (703) 241 5603
Judith O.Buzzerd, Meetings manager
Email: [email protected]
Sito internet: www.atmanet.org
299
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Date: 18 – 20 maggio 2010 (frequenza annuale),
Georgia World Congress Center
Atlanta, Georgia
IMTS-International Manufacturing Technology Show
Per informazioni:
AMT - The Association For Manufacturing Technology
7901 Westpark Dr
McLean, VA 22102 4206
Tel.: (800) 828 7469
Fax:. (703) 827 5250
Sito internet: www.imts.com
Date: 13 – 18 settembre 2010 (frequenza biennale),
Mc Cormick Place
Chicago, IL
International Fastener & Precision Formed Parts Manufacturing Expo
Per informazioni:
International Fastener Machinery & Suppliers Association
107 Mill Plain Road
Danbury, CT 06811
Tel.: (203) 794 0444
Fax: (203) 743 4810
E-mail: [email protected]
Ultima edizione: 27 – 30 aprile 2009 (frequenza biennale),
IX Center
Cleveland, OH
300
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
International Woodworking Machinery & Furniture Supply Fair – USA
Per informazioni:
The International Woodworking Fair
3520 Piedmont Rd., NE, Suite 350
Atlanta, Georgia 30305
Tel.: (404) 693 8333
Fax: (404) 693 8350
Sito internet: http://www.iwfatlanta.com/
E-mail: [email protected]
Date: 25 – 28 agosto 2010 (frequenza biennale),
Georgia World Congress
Atlanta, GA
National Industrial Fastener Show
Per informazioni:
34 North High Street
New Albany, Ohio 43054-8507
Tel.: (614) 895 8348
Fax: (614) 895 3466
Susan Hurley, Show Manager
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.fastenershows.com
Date: 25 – 26 maggio 2010 (frequenza annuale),
Greater Columbus Convention Center - Exhibit Hall C
Columbus, OH
301
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Design & Manufacturing Midwest
Per informazioni:
CANON COMMUNICATIONS LLC
11444 W. Olympic Blvd.
Los Angeles, CA 90064-1549
Tel: (310) 445 4200
Fax: (310) 996 9499
Sito internet: http://www.manufacturingweek.com
Date: 28 – 30 settembre 2009 (frequenza annuale),
Donald E. Stephens Center
Rosemont, IL
Pack Expo
Per informazioni:
Packaging Machinery Manufacturers Institute
4350 N. FairFax: Dr., Ste. 600
Arlington, VA 22203
Tel.: (703) 243 8555
Fax: (703) 243 8556
Sito internet: http://www.packexpo.com
Date: 31 ottobre – 3 novembre 2010(frequenza annuale),
McCormick Place
Chicago, IL
10.
Associazioni di categoria
American Boiler Manufacturers Association (ABMA)
302
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
8221 Old Courthouse Road, Suite 207
Vienna, Virginia 22182
Tel.: (703) 356-7172
Fax: (703) 356-4543
W. Randall Rawson, President & CEO
Sito internet: http://www.abma.com
American Gear Manufacturers Association (AGMA)
500 Montgomery Street, Suite 350
Alexandria, VA 22314-1581
Tel.: (703) 684 0211
Fax: (703) 684 0242
Email: [email protected]
Joe T.Franklin, Jr., President
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.agma.org/
American Machine Tool Distributors’ Association (AMTDA)
7361 Calhoun Place, Suite 320
Rockville, MD 20852
Tel.: (301) 738 1200
Fax: (301) 738 9499
Peter Borden, President
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.amtda.org/
Industrial Supply Association (ISA)
303
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
100 N. 20th St., 4th Floor
Philadelphia, PA 19103
Tel.: (215) 320-3862
Fax: (215) 963-9785
E-mail: [email protected]
John Buckley, Executive Vice President
Tel.: (718) 432 2113
Email: [email protected]
Sito internet: www.isapartners.org
American Textile Machinery Association (ATMA)
201 Park Washington Court
Falls Church, Virginia 22046
Tel.: (703) 538 1789
E-mail: [email protected]
Clay D. Tyeryar, President
Sito internet: http://www.atmanet.org
Fabricators and Manufacturers Association International (FMA)
833 Featherstone Rd.
Rockford, IL 61107
Tel.: (815) 399 8775
Fax: (815) 484 7701
E-mail: [email protected]
Gerald Shankel, President & CEO
Sito internet: www.fmanet.org
304
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fluid Power Distributors Association (FPDA)
The FPDA Motion & Control Network
105 Eastern Ave, Suite 104
Annapolis, MD 21403-3300
Tel.: (410) 263 1014
Fax: (410) 263 1659
Email: [email protected]
John Thornton, President
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.fpda.org/
North American Die Casting Association (NADCA)
241 Holbrook Dr
Wheeling, Illinois 60090-5809
Tel.: (847) 279 0001
Fax: (847) 279 0002
Sito internet: http://diecasting.org
305
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Materiali da costruzione
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
306
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni......................................................................................... 217
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................. 218
3.
Dazi di importazione ........................................................................................................ 220
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 220
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 220
6.
Riviste ............................................................................................................................... 221
7.
Principali leggi e regolamenti........................................................................................... 223
8.
Principali Agenzie Governative ........................................................................................ 224
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore ........................................................................... 227
10. Associazioni di settore: .................................................................................................... 229
307
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 16 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Materiali da costruzione
308
CODICE
68
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
11.
2009
Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di materiali da costruzione lavorati e semi-lavorati sul mercato
statunitense hanno seguito negli ultimi 15 anni un andamento di costante crescita,
nonostante un calo abbastanza sensibile nel 2007, con una diminuzione dell’11%,
raggiungendo i 676 milioni di dollari (fig. 1) con una quota sul totale import pari al 19,4%.
Nel 2008, l’inversione di tendenza e’ stata piu’ marcata, in linea con la congiuntura
economica internazionale non favorevole. L’Italia continua comunque ad essere al primo
posto tra i Paesi fornitori degli USA ma, come si sta verificando ormai da diversi anni, la
quota italiana continua a calare a favore delle importazioni provenienti da paesi in via di
sviluppo ed in particolare dal Brasile (18,5%), dalla Cina (15%) e dalla Turchia (14%).
800
700
600
500
400
300
200
100
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 38 Esportazioni di macchinari e attrezzature meccaniche (mln di dollari)
309
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, con un andamento del tasso di cambio
euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della valuta europea,
le vendite del settore sono comunque aumentate sensibilmente fino al 2008. Si nota come
i valori delle esportazioni relativi agli anni 2001 e 2002 non subiscano rilevanti variazioni
(3.10%) raggiungendo circa 566,6 milioni di dollari. Nel corso del 2003, tale valore
aumenta del 7.70% rispetto all’anno percedente, totalizzando un valore delle esportazioni
pari a circa 610 milioni di dollari. Nel 2004 le esportazioni fanno registrare un valore di
678 milioni di dollari (+ 11,12%). Nel 2005 si e' verificata un’ulteriore crescita fino a
raggiungere un valore di 733 milioni di dollari. Nel 2007 le esportazioni, in calo, hanno
raggiunto i 676 milioni di dollari, per scendere sotto i 650 milioni di dollari nel 2008
(fig.2).
800
1.60
700
1.40
600
1.20
500
1.00
400
0.80
300
0.60
200
0.40
100
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
2005
Materiali da costruzione
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 39 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
12.
310
Documentazione di entrata
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati), è necessario essere in possesso di:
-
La certificazione richiesta dalla U.S. Environmental Protection Agency (EPA) sulla
base di quanto stabilito dal Toxic Substances Control Act (TSCA) che ha il compito
di attestare la conformità ai termini di sicurezza previsti per i prodotti contenenti
amianto od altre sostanze classificate come pericolose. Questa certificazione deve
essere in forma di dichiarazione scritta e deve essere contenuta negli appositi
documenti di entrata o nella fattura commerciale.
13.
Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
granito con superficie liscia (4,2%); lastre di marmo (2,8%); ardesia per tetti (6,6%);
asfalto per copertura tetti (4,9%); condotte in amianto/cemento (0.3 cents/kg); articoli in
grafite o carbonio (4,9%); componenti per strutture pre-fabbricate (4,9%); pietra
naturale (4,2%); polvere abrasiva (2,5%); articoli in torba (nessun dazio); guarnizioni,
sifoni, componenti in amianto da utilizzare sugli aerei civili (nessun dazio); lamine e
striscie in mica (5,3%).
14.
-
Proibizioni e restrizioni
Richieste di contrassegni – etichette: il trasporto di qualsiasi prodotto contenente
sostanze classificate come pericolose o tossiche, deve conformarsi alle richieste in
termini di etichette e di imballaggio adottatate dalla Environmental Protection
Agency (46 CFR 147.30) e dal U.S. Department of Transportation (49 CFR 171 et
seq.).
311
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
15.
2009
Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
 Per informazioni sulle specifiche procedure da adottare nel caso dell’importazione
di materiali da costruzione lavorati o semi-lavorati contenenti sostanze pericolose:
- Toxic Substances Control Act: A Guide for Chemical Importers/Exporters
Pubblicazione disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici dell’EPA
 Per informazioni relative alle importazioni di materiali in marmo:
- What Every Member of the Trade Community Should Know About Marble
Pubblicazione disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici della U.S. Customs
312
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
16.
2009
Riviste
Building Stone Magazine
Frequenza trimestrale
Naylor, LLC
5950 NW 1st Place
Gainesville, FL 32607
Tel.: (800) 369 6220
Fax: (352) 331 3525
Colleen Raccioppi, Senior Editor
Tel.: (800) 369-6220 ext. 3418 (toll free)
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.buildingstonemagazine.com/
Stone World
Frequenza mensile
BNP Media
210 Route 4 East, Suite 203
Paramus, NJ 07652
Tel.: (201) 291 9001
Fax: (201) 291 9002
E-mail: [email protected]
Michael Reis, Editor/Associate Publisher
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.stoneworld.com
Contemporary Stone & Tile Design
313
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Frequenza trimestrale
210 Route 4 East, Suite 203
Paramus, NJ 07652
Tel.: (201) 291 9001
Fax: (201) 291 9002
E-mail: [email protected]
Michael Reis, Editor/Associate Publisher
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.cstdmag.com
17.
Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di di materiali da costruzione lavorati e semi-lavorati. Le leggi sono contenute
nel U.S.Code (USC) mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations
(CFR):
-
Federal Hazardous Substances Act (15 USC 1261): legge che controlla l’importazione
di sostanze pericolose.
-
Hazardous Materials Regulations (49 CFR 170 et seq.): regolamento che classifica tutte
quelle sostanze ritenute pericolose e che fornisce regole per il trasporto, la sicurezza,
l’etichettamento.
-
Labeling of Hazardous Materials (46 CFR 147.30): regolamento che richiede
l’etichettamento dei contenitori di sostanze pericolose.
-
Carriage of Solid Hazardous Materials in Bulk (46 CFR 148 et seq.): regolamento che
governa il trasporto di sostanze solide pericolose.
314
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Toxic Substances Control Act (15 USC 2601 et seq.): legge che autorizza
l’Environmental Protection Agency (EPA) a stabilire quando una sostanza è da
ritenersi pericolosa e quando e’ necessario restringerne l’importazione.
-
Toxic Substances Control Regulations (19 CFR 12.118 et seq.): regolamento che
richiede agli importatori di sostanze chimiche di certificare alla dogana che i prodotti
in questione soddisfano il Toxic Substances Control Act.
18.
Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla TSCA e dalla EPA per
l’importazione di sostanze classificate come tossiche o pericolose:
Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pollution Prevention
1200 Pennsylvania Avenue, NW
MailCode7409M
Washington, DC 20460
Tel.: (202) 564 8800
Fax: (202) 564 8899
Sito internet: http://www.epa.gov/opptintr/p2home/
 Per informazioni relative al trasporto di sostanze pericolose:
U.S. Department of Transportation (DOT)
400 7th St. SW
Washington, DC 20590
Tel.: (202) 366 4000
315
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito internet: http://www.dot.gov/index.cfm
 Per informazioni più generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
19.
Principali Fiere e esposizioni di settore
International Plastics Expo & Conference (NPE)
Per informazioni:
The Society of the Plastics Industry, Inc.
(SPI) 1667 K Street, NW, Suite 1000
Washington, DC 20006
Tel.: (800) 774 0015
(202) 974 5235
Fax: (202) 296 7243
E-mail: [email protected]
Gene Sanders, Senior Vice President Trade Shows
Sito internet: www.npe.org
Date: 1 – 5 Aprile 2012 (frequenza triennale),
Orlando, FL
316
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
International Association Plastics Distributors Annual Convention
Per informazioni:
6734 W. 121st Street
Overland Park, KS 66209
Tel.: (913) 345 1005
Fax: (913) 345 1006
E-mail: [email protected]
Laurie Warren, Meetings and Finance Manager
Date: 21- 25 settembre 2010 (frequenza annuale)
Indianapolis, IN
Annual Technical Conference
Per informazioni:
Society of Plastics Engineers
13 Church Hill Rd
P O Box 403
Newtown, CT 06470 USA
Tel.: (203) 775 0471
Fax: (203) 775 8490
E- mail: [email protected]
Sito internet: www.4spe.org
Date: 16 - 20 maggio 2010 (frequenza annuale),
Orlando World Center Marriott Resort & Convention Center
Orlando, FL
20.
317
Associazioni di settore
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
International Association of Plastics Distributors (IAPD)
6734 W. 121st Street
Overland Park, KS 66209
Tel.: (913) 345 1005
Fax: (913) 345 1006
E-mail: [email protected]
Susan Avery, CAE, Executive Director
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.iapd.org
Plastic and Metal Products Manufacturers Association (PMPMA)
145 W. 45th St. Suite 800
New York, NY 10036
Tel.: (212) 398 5400
Peter Campbell, President
Society of the Plastics Industry (SPI)
1667 K St., NW, Suite 1000
Washington, DC 20006
Tel.: (202) 974 5200
Fax: (202) 296 7005
Sito internet: http://www.socplas.org/
318
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Mezzi di trasporto su ruota
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
319
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni......................................................................................... 322
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................. 325
3.
Dazi di importazione ........................................................................................................ 327
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 328
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 328
6.
Riviste ............................................................................................................................... 329
7.
Principali leggi e regolamenti........................................................................................... 333
8.
Principali Agenzie Governative ........................................................................................ 334
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore: .......................................................................... 336
10. Associazioni di categoria ................................................................................................. 338
320
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 17 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Mezzi di trasporto su ruota
87
Parti e accessori per veicoli a motore
8708
Moto e motocicli a motore
8711
Trattori e altri veicoli da lavoro
321
CODICE
8709, 8701
Automobili
8703
Parti e accessori per cicli
8714
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di mezzi di trasporto su ruota sul mercato statunitense, nel corso
del periodo dal 1993 al 2008, hanno registrato un andamento di crescita costante.
Soltanto a cavallo tra il 1994-1995, tra il 1998-1999 e tra il 2000-2001 si notano delle fasi
di stallo nella crescita delle esportazioni, che comunque hanno raggiunto i 2,3 miliardi di
dollari nel 2008 (fig.1).
2,500
2,000
1,500
1,000
500
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 40 Esportazioni di mezzi di trasporto su ruota (mln di dollari)
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, con un andamento del tasso di cambio
euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della valuta europea,
le vendite del settore sono comunque aumentate sensibilmente. Infatti nel 2002 si e’
registrato un aumento delle esportazioni pari al 19.09% rispetto all’anno precedente. Nel
322
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
2003 il valore complessivo delle esportazioni e’ stato pari a circa 1,26 miliardi di dollari
registrando un aumento del 10.06% rispetto al 2002. Nel 2004 si e’ registrato un ulteriore
incremento delle esportazioni, fino a raggiungere un livello di 1,52 miliardi di dollari circa
(+ 20,7%). Anche nel 2005 l'andamento e' stato positivo raggiungendo un valore delle
esportazioni pari a 1,73 miliardi di dollari circa. Nel 2007 le esportazioni hanno raggiunto
la quota di 1,87 miliardi di dollari, con un incremento del 5,7% circa rispetto al 2006
(fig.2). Il 2008, come gia’ detto, ha visto un’ulteriore incremento a quota 2,3 miliardi di
dollari, in crescita del 20%.
2,500
1.60
1.40
2,000
1.20
1.00
1,500
0.80
1,000
0.60
0.40
500
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
Mezzi di trasporto su ruota
2005
2006
2007
Euro/Dollaro
Figura 41 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Analizzando l’andamento delle esportazioni delle componenti principali del settore, tutte
le categorie hanno seguito un andamento tendenzialmente crescente durante tutto
l’ultimo decennio. Le due componenti che hanno maggiormente influenzato il trend sono
state le parti e accessori per veicoli a motore e le automobili che hanno fatto registrare un
forte incremento delle vendite a partire dal 2001: mentre le parti e accessori per veicoli a
motore sono stabili dal 2004, le esportazioni di automobili crescono sensibilmente
323
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
raggiungendo i 907 milioni nel 2008, con un +12% rispetto all’anno precedente. Anche le
categorie trattori e motocicli hanno registrato degli incrementi, anche se piu’ contenuti
(fig.3).
Relativamente alla voce autoveicoli e parti, l’Italia è il decimo fornitore degli Stati Uniti,
con meno dell’1% del totale dell’import USA del settore (dopo Canada: 30%, Giappone:
26%, Messico: 15%, Germania:10%). Da notare, tuttavia, un tasso di crescita significativo
per questo comparto che si rispecchia nell’analoga crescita dell’export USA verso l’Italia di
autoveicoli pari all’81%. Si ricorda, peraltro, che negli USA sono distribuiti solo i marchi
Ferrari e Maserati, mentre è stata annunciata l'intenzione di ritornare, nel medio termine,
anche con il marchio Alfa Romeo.
Un dato positivo risulta anche dall’import statunitense di motocicli. Nel 2007, laddove le
importazioni totali statunitensi hanno fatto registrare una flessione del 4,3%, le
importazioni dall’Italia di motocicli sono cresciute del 21,8%, per una quota di mercato
del 5,5%, dato particolarmente importante per l’industria italiana in un momento di stasi
economica globale. L’Italia è al secondo posto in graduatoria dopo il Giappone, seguita da
Germania e Cina.
Il settore delle biciclette rappresenta un’area dove si è pienamente realizzato il fenomeno
del decentramento produttivo, soprattutto per quanto riguarda le biciclette complete
destinate ai consumatori meno sofisticati. La produzione si è via via spostata dai paesi
industrializzati a quelli in via di sviluppo ed in particolare in Cina e Taiwan, che coprono
oggi il 98% delle importazioni USA di biciclette. Cio’ non sta a significare che il mercato
USA non sia un mercato ricettivo per il prodotto italiano, ma che la produzione italiana si è
specializzata in quella nicchia di mercato piu’ sofisticata indirizzata agli sportivi praticanti
ed agli amatori che ricercano telai, selle, parti ed accessori di particolare valore. I prodotti
maggiormente richiesti dall’Italia continuano ad essere le selle, di cui il nostro è il secondo
paese fornitore, ed i telai che si attestano al terzo posto dopo Taiwan e Cina. Altro
segmento di particolare importanza per le nostre esportazioni è quello dell’abbigliamento
324
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
per il ciclismo. La nostra produzione è riconosciuta come la migliore sul mercato e
costituisce un vero “status symbol” per gli appassionati.
1,000
900
800
700
600
500
400
300
200
100
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
parti e accessori per veicoli a motore
moto e motocicli a motore
trattori e altri veicoli da lavoro
automobili
parti e accessori per cicli
Figura 3 Andamento delle esportazioni per categoria merceologica (milioni di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti), per poter importare veicoli negli Stati Uniti è necessario essere in possesso di:
-
Il modulo di ingresso “HS Form 7” richiesto dalla National Highway Traffic Safety
Administration (NHTSA) del U.S. Department of Transportation (DOT) e dalla U.S.
Environmental Protection Agency (EPA) che ha il compito di attestare: 1)
325
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
l’adeguatezza dei veicoli (nuovi od usati) importati negli Stati Uniti agli standard di
sicurezza – i “Federal Motor Vehicle Safety Standards” (FMVSS) - previsti dal
National Traffic and Motor Vehicle Safety Act (NTMVSA), dal Motor Vehicle
Information Cost Savings Act (MVICSA) e dall’Imported Vehicle Safety Compliance
Act (IVSCA); 2) la conformità dei veicoli (nuovi od usati) importati negli Stati Uniti
agli standard in termini di emessione di gas/smog previsti dal Clean Air Act (CAA).
-
Nel caso di veicoli che non soddisfano gli standard stabiliti dall’U.S.Department of
Transportation, è necessario il modulo “Form HS-474 (1-90)” che implica il
deposito di una cauzione pari al 150% del valore del veicolo soggetto a dazio
presso il porto di entrata dell’articolo. Questa cauzione ha lo scopo di assicurare
che la conformità agli standard richiesti venga raggiunta entro e non oltre 120
giorni dall’entrata del veicolo stesso negli Stati Uniti. L’entrata sul mercato
americano di qualsiasi veicolo che non soddisfa gli standard del DOT può avvenire
solo attraverso uno specifico importatore registrato presso il DOT. Questo
importatore ha il compito di assicurarsi che le modifiche richieste dal veicolo per
conformarsi agli standard vengano effettivamente realizzate. Un volta avvenuta
questa certificazione, la cauzione viene riconsegnata. Nel caso di veicoli che non
soddisfano gli standard del DOT ma che sono importati negli Stati Uniti solo
temporaneamente, è richiesta solamente una autorizzazione scritta da parte del
DOT.
-
Nel caso di veicoli che non soddisfano gli standard stabiliti dalla U.S.
Environmental Protection Agency, è necessario il modulo “Form 3520-1” che
implica il deposito di una cauzione pari in linea generale al valore del veicolo
soggetto a dazio da depositare presso il porto di entrata dell’articolo. Questa
cauzione ha lo scopo di assicurare che la conformità agli standard richiesti da parte
del veicolo venga raggiunta entro e non oltre 120 giorni dall’entrata del veicolo
stesso negli Stati Uniti. L’entrata sul mercato americano di qualsiasi veicolo che
326
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
non soddisfa gli standard dell’EPA può avvenire solo attraverso un “Independent
Commercial Importer” registrato presso l’EPA. Questo specifico importatore ha il
compito di effettuare tutte le modifiche necessarie per conformare il veicolo agli
standard richiesti e successivamente di rilasciare un certificato di conformità. Un
volta avvenuta la suddetta certificazione, la cauzione è rilasciata. Nel caso di veicoli
che non soddisfano gli standard previsti dall’EPA ma che sono importati negli Stati
Uniti solo per: 1) riparazione o modificazione; 2) per effettuare dei test; 3) a scopo
di esposizione; 4) per ragioni di sicurezza nazionale, oppure quando sono
importati da individui soggetti a gravi handicap, è richiesta solamente
un’autorizzazione scritta da parte del DOT.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
trattore stradale con rimorchio (4%); veicoli a diesel adibiti al trasporto di 16 o più
persone (2%); autoveicoli (nessun dazio); autoveicoli con una cilindrata superiore ai 3000
cc (2,5%); autoambulanze con una cilindrata superiore ai 2500 cc (2,5%); veicoli per
pompieri (nessun dazio); betoniere (3,7%); telai per autoveicoli (2,5%); paraurti (2,5%);
airbags (2,5 %); marmitte per automobili e autocarri (2,5%); motociclette con una
cilindrata superiore ai 50cc ma inferiore ai 250cc (nessun dazio); biciclette con un
diametro di ruota superiore ai 63,5cm e con un peso superiore ai 16,3kg (5,5%); sedili per
motociclette (nessun dazio); telai di biciclette valutati 600$ (3,9%); cerchioni di ruota
(6%); cambi di velocità (3,1%); rimorchio per camper (nessun dazio); sedie a rotelle
(5,3%).
327
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
4. Proibizioni e restrizioni
-
Richieste di contrassegni – etichette: tutti i veicoli importati negli Stati Uniti che si
conformano agli standard previsti dal DOT devono esibire il marchio originale
della casa produttrice scritto in inglese. I veicoli che si conformano agli standard
previsti dalla EPA devono avere una etichetta che testimoni la loro adeguatezza
rispetto agli standard di emessione di sostanze nocive/inquinanti.
-
Importazione di biciclette: le biciclette e le parti/accessori di biciclette introdotte
sul mercato americano, devono conformarsi alle richieste di sicurezza previste
dalla Consumer Product Safety Commission (CPSC). Queste richieste consistono in:
1) richieste generali; 2) richieste per specifiche componenti (ad es. catena, pedali,
sellini, etc.). Ogni bicicletta deve inoltre possedere un manuale di istruzioni
applicato direttamente sulla sua struttura od incluso nello specifico imballaggio
nonchè un’etichetta che attesti la sicurezza dell’articolo.
5. Pubblicazioni disponibili
 Per informazioni sull’importazione di veicoli negli Stati Uniti:
-
Automotive Imports Fact Sheet
Pubblicazione disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici dell’EPA
-
Importing a Car
Pubblicazione disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici dalla Customs Service
328
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Internet: http://www.access.gpo.gov
6. Riviste
Velonews
Frequenza mensile
1830 North 55 Street
Border, Colorado 80301
Tel.: (303) 440 0601
Fax: (303) 444 6788
John Wilcockson, Editor
Sito internet: www.velonews.com
Bicycle Retailer and Industry News
Frequenza: 18 uscite annuali
25431 Cabot Road, Suite 204
Laguna Hills, California 92653
Tel.: (949) 206 1677
329
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (949) 206 1675
Megan Tompkins, Editor
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.bicycleretailer.com
Automotive Industries
Frequenza mensile
Automotive Industries
4901 Northwestern Highway, Suite 318, Southfield, MI 48075
Tel.: (248) 350 8199
Fax: (248) 350 2692
Ed Richardson, Editor
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ai-online.com
Automotive News
Frequenza settimanale
1155 Gratiot Avenue
Detroit, MI 48207- 2997
Tel.: (313) 446 6000
Fax: (313) 446 0383
Keith Crain, Publisher and Editor-in-Chief
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.autonews.com
Ward’s Auto World
Frequenza mensile
330
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
3000 Town Center, #2750
Southfield, MI 48075-1212
Tel.: (248) 799 2617
David E. Zoia, Editorial Director
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://waw.wardsauto.com
American Trucker
Frequenza mensile
7355 N. Woodland Drive
Indianapolis, IN 46278-1769
Tel.: (800) 827 7468
Fax: (317) 299 1356
Sean Kilcarr, Editor
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.trucker.com
Truck Parts & Service
Frequenza mensile
3200 Rice Mine Road
NE Tuscaloosa, Alabama 35406
Tel.: (800) 633 5953
Email: [email protected]
Derek Smith, Editor
Email: [email protected]
Tel.: (800) 767 5662
Sito internet: http://www.konacommunications.com
331
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Motorcycle Industry Magazine
Frequenza mensile
1521 Church Street
Gardnerville, NV 89410
Tel.: (775) 782 0222
Fax: (775) 782 0266
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.mimag.com/
Motorcycle Product News
Frequenza mensile
4130 Lien Rd.
Madison, WI 53704
Tel.: (800) 722-8764
Fax: (608) 249 1153
Colleen Malloy Brousil, Editor
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.mpnmag.com
Farm Journal’s Implement & Tractor
Frequenza bimestrale
P.O Box 958
Mexico, MO 65265
Tel.: (573) 581 8689
Margy Fischer, Editor
332
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.implementandtractor.com/
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di mezzi di trasporto su ruota. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC)
mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Automobile Information Disclosure Act (15 USC 1231): legge che istituisce le regole
per l’etichettamento degli autoveicoli applicate dalla dogana degli Stati Uniti.
-
National Traffic and Motor Vehicle Safety Act del 1966 (15 USC 1319-1431): legge che
proibisce la fabbricazione, la vendita e l’importazione di veicoli che non rispettano gli
standard stabiliti dalla National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA).
-
National Traffic and Motor Vehicle Safety Act – Bumber Standards (15 USC 19011949): legge che proibisce la fabbricazione, la vendita e l’importazione di veicoli con
paraurti che non rispettano gli standard stabiliti dalla National Highway Traffic Safety
Administration (NHTSA).
-
National Traffic and Motor Vehicle Safety Act – Theft Prevention (15 USC 2021-2034):
legge che proibisce la fabbricazione, la vendita e l’importazione di veicoli che non
rispettano gli standard stabiliti dal Secretary of Transportation.
-
Motor Vehicles (18 USC 511-512): legge che proibisce l’alterazione o la rimozione dei
numeri di identificazione degli autoveicoli.
-
Stolen Motor Vehicles (18 USC 553): legge che proibisce l’importazione e
l’esportazione di autoveicoli, navi ed aerei rubati.
-
Transportation, Sale or Receipt of Stolen Vehicles (18 USC 2312 e 2313): legge che
proibisce il trasporto e la vendita di veicoli rubati.
333
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Importation of Vehicles and Euipment Subject to Federal Safety, Bumber and Theft
Preventon Standards (49 CFR 591): regolamenti che stabiliscono i requisiti per
l’importazione di autoveicoli.
-
Clean Air Act (42 USC 7521-7543): legge che limita l’importazione di veicoli che non
soddisfano gli standard di emissione di gas nocivi/inquinanti stabiliti a livello federale.
-
Consumer Product Safety Act (15 USC 1263): legge che concede alla Consumer Product
Safety Commission l’autorita’ di stabilire standard di sicurezza, procedure di controllo
e richieste di documentazione al fine di assicurare la non dannosita’ dei prodotti per i
consumatori.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla EPA per l’importazione di
veicoli:
Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Mobile Sources (OMS)
20100 Pennsylvania Avenue NW #6401-A
Washington, DC 20460
Tel.: (202) 564 1682
Sito Internet: http://www.epa.gov/OTAQ
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dal DOT per l’importazione di veicoli:
National Highway Traffic Safety Administration
400 7th St. SW
Washington, DC 20590
334
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (888) 327 4236
Sito Internet: http://www.nhtsa.dot.gov
 Per informazioni sui regolamenti previsti per le biciclette:
Consumer Product Safety Commission (CPSC)
4330 East West Highway
Bethesda, MD 20814
Tel.: (301) 504 7923
Fax: (301) 504 0124
Sito Internet: http://www.cpsc.gov
 Per ulteriori informazioni sull’importazione di veicoli
U.S. Department of Commerce
International Trade Administration
1401 Constitution Ave. NW,
Washington, DC 20230
Tel.: (202) 482 2000
Sito Internet: http://www.ita.doc.gov/
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
335
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore:
North America International Show (NAIAS)
Per informazioni:
1900 W Big Beaver
Troy, MI 48084
Tel.: (248) 643 0250
Fax: (248) 643 0784
Sito internet: www.naias.com
E-mail: [email protected]
Date: 11 - 24 gennaio 2010 (frequenza annuale),
Cobo Conference/Exhibition Center
Detroit MI 48226
SAE Commercial Vehicle Engineering Congress & Exhibition
Per informazioni:
SAE World Headquarters
400 Commonwealth Drive
Warrendale, PA 15096-0001 USA
Tel.: (724) 776 4841
Fax: (724) 776 0790
Sito internet: www.sae.org
Date: 6 – 7 ottobre 2009 (frequenza annuale),
336
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Donald E. Stephens Convention Center
Rosemont (Chicago), Illinois
Interbike-International Bicycle Expo
Per informazioni:
Miller Freeman, Inc.
310 Broadway
Laguna Beach, CA 92651
Tel.: (800) 486 2701
E-mail: [email protected]
Andy Tomkins, Group Show Director
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.interbike.com
Date: 21 – 22 settembre 2009 (frequenza annuale),
Sands Convention Center
Las Vegas, NV
California Farm Equipment Show & International Exposition
Per informazioni:
Trilby Barton, Show Mgr
4450 S. Laspina Street
Tulare, CA 93275- 1475
Tel.: (559) 688 1751
Fax: (559) 686 5065
E-mail: [email protected]
Katy Young
Email: [email protected]
337
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito internet: http://www.worldagexpo.com
Date: 9 – 11 febbraio 2010 (frequenza annuale),
International Agri-Center
Tulare, CA
10.
Associazioni di categoria
National Automobile Dealer Association
8400 Westpark Drive
McLean, VA 22102
Tel.: (703) 821 7000
E- mail: [email protected]
Sito internet: www.nada.org
Auto International Association (AIA)
7101 Wisconsin Ave, Suite 1300
Bethesda, MD 20814
Tel.: (301) 654 6664
Fax: (301) 654 3299
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.aiaglobal.org
National Truck Equipment Association (NTEA)
37400 Hills Tech Dr.
Farmington Hills, MI 48331-3414
Tel.: (248) 489 7090
Fax: (248) 489 8590
338
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Toll free: (800) 441 – NTEA
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ntea.com
Truck Trailer Manufacturers Association (TTMA)
1020 Princess St.
Alexandria, VA 22314- 2247
Richard P. Bowling, Pres.
Tel.: (703) 549 3010
E- mail: [email protected]
Sito internet: www.ttmanet.org
339
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Mobili e complementi d’arredo
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
340
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni......................................................................................... 343
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................. 345
3.
Dati di importazione ........................................................................................................ 346
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................... 346
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................... 347
6.
Riviste ............................................................................................................................... 348
7.
Principali leggi e regolamenti........................................................................................... 349
8.
Principali Agenzie Governative ........................................................................................ 350
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore: .......................................................................... 351
10. Associazioni di categoria ................................................................................................. 352
341
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 18 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Mobili e complementi d'arredo
342
CODICE
94
Sedute
9401
Mobili in generale
9403
Illuminazione
9405
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di mobili e complementi d’arredo sul mercato americano hanno
seguito, dal 1993 al 2007, un andamento di crescita costante fino al 2003, subendo poi
una pesante flessione negli ultimo 5 anni, per un totale di poco piu’ di 1 milardo di dollari
nel 2007. Il 2008 ha segnato un’ulteriore riduzione sotto al miliardo di dollari, ai livelli
sostanzialmente del 1999 (fig.1).
1,600
1,400
1,200
1,000
800
600
400
200
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
Figura 42 Esportazioni di mobili e complementi di arredo (mln di dollari)
Analizzando il trend delle vendite dal 2001 al 2008, con un andamento del tasso di cambio
euro/dollaro non certo favorevole, con un continuo apprezzamento della valuta europea,
le vendite del settore sono diminuite sensibilmente. Si nota come nel 2002 c’e’ stata una
343
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
crescita delle vendite rispetto all’anno precedente (+2.85% ), che hanno raggiunto 1,38
miliardi di dollari. Nel 2003 tale aumento ha raggiunto il 5.05%, totalizzando un valore
complessivo di esportazioni pari a circa 1,45 miliardi. Nel 2004 si e’ verificato un cambio
di direzione: le esportazioni sono diminuite dell’ 8,5%, attestandosi ad un livello di 1,32
miliardi di dollari. Una ulteriore diminuzione del 10,4% si e' registrata nel 2005. Nel 2006
hanno registrato una diminuzione del 23%, mentre nell’ ultimo anno le esportazioni sono
calate solo del 2,3%, attestandosi a poco piu’ di 1 miliardo di dollari. Nel 2008 la relazione
inversamente proporzionale tra i due dati si accentua ulteriormente (fig.2).
1,600
1.60
1,400
1.40
1,200
1.20
1,000
1.00
800
0.80
600
0.60
400
0.40
200
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
Mobili e complementi d'arredo
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figura 43 Confronto tra esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Focalizzando l’attenzione sulle principali componenti della categoria merceologica, si puó
notare come gli articoli maggiormente significativi siano le sedute (sedie, poltrone e
divani), i mobili in generale e gli articoli di illuminazione. Il segmento sedie, poltrone e
divani, da sempre elemento cardine del settore, sta registrando una profonda crisi, dovuta
sia all’apprezzamento dell’euro sia alla crisi che il settore affronta in Italia, con la
344
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
concorrenza dei paesi a basso costo della mano d’opera. I mobili e i complementi d’arredo
in generale hanno mantenuto nel corso dell’ultimo decennio un andamento tendenziale di
crescita, mentre per quanto concerne gli articoli di illuminazione l’andamento delle
esportazioni ha mostrato un lieve increment costante.
900
800
700
600
500
400
300
200
100
0
1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008
sedute
mobili in generale
illuminazione
Figura 3 Andamento delle esportazioni per categoria merceologica (milioni di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), tutte le fatture di merci che contengono fibre tessili
devono anche indicare:
-
l’elenco delle fibre contenute nel prodotto (fibre sia naturali che artificiali).
-
la percentuale di ogni fibra in esso presente.
-
il nome del fabbricante del prodotto.
-
il nome del paese dove il prodotto è stato fabbricato.
345
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
3. Dati di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
sedie (3,2%); sedie in materiale tessile (5,6%); arredamento in legno per ufficio (2,5%);
arredamento in legno per cucina (6,6%); materassi (6%); cuscini e simili (6%); tavoli,
scrivanie, lampade, pavimenti di metallo (7,6%); materiale edile prefabbricato di metallo
o di plastica (5,7%); candelabri e lampadari (5,7%).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Culle per bambini: i mobili ed i complementi di arredi per bambini devono
soddisfare gli standard richiesti dalla Consumer Product Safety Commission (CPCS)
sulla base di quanto previsto dal Consumer Product Safety Act (CPSA). Per quanto
riguarda le culle, sono state adottati degli standard estremamente dettagliati per
quanto riguarda le loro dimensioni interne, i loro componenti, le rifiniture, l’altezza
delle sbarre, etc.
-
Materassi e loro imbottitura: sulla base del Flammable Fabrics Act (FFA), ogni
materasso per essere venduto negli Stati Uniti deve certificare la sua conformità
nei confronti degli standard stabiliti in materia di infiammibilit{. E’ obbligatorio
per chi importa materassi negli Stati Uniti mantenere un registro per tre anni che
contenga le seguenti informazioni: 1) la descrizione del prodotto; 2) i risultati dei
test effettuati per verificare il rispetto degli standard previsti.
-
Lampade ed impianti luce: la Consumer Product Safety Commission (CPCS) non
richiede nessuna speciale procedura o documentazione per l’importazione negli
Stati Uniti di lampade od impianti luce. E’ però possibile scegliere di adeguarsi
volontariamente allo standard UL (Underwriters’ Laboratory) monitorato dalla
346
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
CPCS. In questo caso si potrà direttamente apporre sul prodotto venduto un
marchio che assicuri al consumatore americano che il prodotto in questione
soddisfa gli standard richiesti. In alcuni stati degli Stati Uniti la conformità allo
standard UL è obbligatoria.
-
Richieste di contrassegni – etichette: ogni prodotto che include al proprio interno
materiale tessile deve essere etichettato sulla base delle disposizioni del Textile
Fiber Products Identification Act (TFPIA). In linea generale, le etichette devono
contenere le seguenti informazioni: 1) i nomi e le percentuali delle diverse fibre
contenute nel prodotto; 2) il nome del produttore; 3) il nome del paese dove il
prodotto è stato fabbricato.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.:1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.:2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
 Per informazioni sull’importazione negli Stati Uniti di prodotti contenenti
materiale tessile:
347
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Questions and Answers Relating to the Textile Fiber Products Identification Act
and Regulations
Pubblicazione disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici della FTC
6. Riviste
Home furnishing News ( HFN)
Frequenza: settimanale
333 Seventh Ave
New York NY 10001
Tel.: (212) 979 4800
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.hfnmag.com
Cabinet Maker
Frequenza: 8 uscite annuali
303 N. Main St., Suite 500
Rockford, IL 61101
Tel.: (815) 966 5517
Fax: (815) 734 5649
Greg Watt President, CEO
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.cabinetmakeronline.com
Furniture Style
Frequenza mensile
348
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
400 Knightsbridge Parkway
Lincolnshire, IL 60069-3613
Tel.: (847) 634 2600
Fax: (847) 634 7885
Julie M. Smith, Editor
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.furniturestyle.com
Furniture Today
Frequenza settimanale
P.O.Box 2754
High Point, NC 27261-2754
Tel.: (336) 605 0121
Fax: (336) 605 1143
Ray Allegrezza, Editor in Chief
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.furnituretoday.com
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di mobili e complementi di arredi. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC)
mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Consumer Product Safety Act - CPSA (15 USC 1263): questa legge concede alla CPSC
l’autorit{ di stabilire degli standard per assicurare la sicurezza dei prodotti.
349
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Textile Fiber Products Identification Act – TFPIA (15 USC 70-77): questa legge richiede
per tutti i prodotti contenenti fibre tessili importati negli Stati Uniti di venire
etichettati in accordo con le disposizioni stabilite dalla legge in questione.
-
Regulations on Labeling and Marking (19 CFR 11.12b; 16 CFR 303 et seq.):
regolamenti relativi alla tipologia di etichette da apporre ai prodotti tessili come
specificati dalla CPSC.
-
Flammable Fabrics Act – FFA (15 USC 1191-1204): legge relativa agli standard in
materia di infiammabilità a cui tutti gli articoli importati negli Stati Uniti devono
conformarsi.
-
Regulations on Flammable Fabric Standards (16 CFR 1610, 1611, 1615, 1616, 16301632): regolamenti che specificano gli standard per differenti tipi di prodotti tessili in
materia di infiammabilità adottati dalla CPCS sulla base del FFA.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative alle diverse tipologie di etichettamento richieste sulla
base della TFPIA:
Federal Trade Commission (FTC)
600 Pennsylvania Ave. NW
Washington, DC 20580
Tel.: (202) 326 2222
Sito Internet: http://www.ftc.gov
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla FFA e/o dalla CPSA
Consumer Product Safety Commission (CPSC)
350
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Washington, DC 20207
Tel.: (301) 504 7923
Fax: (301) 504 0124
Sito Internet: http://www.cpsc.gov
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
Las Vegas Furniture Show
Per informazioni:
Barbara Rhea, Retail Relations Manager
495 S. Grand Central Pkwy, Suite 2203
Las Vegas, NV 89106 USA
Tel.: (702) 599 3071
Fax: (702) 599 9622
E- mail: [email protected]
Date: 2 – 6 Agosto 2010
World market Center
Las Vegas, NV
351
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
International Home Furnishings Market
Per informazioni:
Brian Casey, President
101 South Main Street, Suite 801
High Point, NC 27260
Tel.1: (336) 869 1000
Tel.2: (800) 874 6492
E- mail: [email protected]
Sito internet: http://www.highpointmarket.org/default2.aspx
Date: 17 - 22 Aprile 2010 (frequenza semestrale),
Downtown High Point Market & Thomasville
High Point, NC
International Home & Housewares Show
Per informazioni:
Mia Rampersad, Vice President Trade Show
Tel.: (847) 692 0107
Sito internet: http://www.housewares.org
E-mail: [email protected]
Date: 14 - 16 Marzo 2010 (frequenza annuale),
Mc Cormick Place
Chigaco, IL
10.
Associazioni di categoria
Home Furnishings International Association (HFIA)
352
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
World Trade Center
P. O BOX 420807
Dallas, TX 75342
Mary Frye, Pres.
Tel.: (800) 942 4663
Fax: (214) 742 9103
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.hfia.com
International Home Furnishings Representatives Association (IHFRA)
209 S.Main Street
PO BOX 670
High Point, NC 27261
Tel.: (336) 889 3920
Fax: (336) 499 6489
Sito internet: http://www.ihfra.org
National Home Furnishings Association (NHFA)
3910 Tinsley Dr., Suite 101
High Point, NC 27265
Tel.: (800) 888 9590
Fax: (336) 801 6102
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.nhfa.org
353
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Opere d’arte, articoli da collezione e antiquariato
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
354
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni .......................................................................................... 357
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................... 360
3.
Dazi di importazione .......................................................................................................... 362
4.
Proibizioni e restrizioni ...................................................................................................... 362
5.
Pubblicazioni disponibili .................................................................................................... 363
6.
Riviste ................................................................................................................................ 363
7.
Principali leggi e regolamenti ............................................................................................ 365
8.
Principali Agenzie Governative .......................................................................................... 366
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore ............................................................................. 368
10. Associazioni di settore ...................................................................................................... 369
355
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 19 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Opere d’arte, articoli da collezione e antiquariato
356
CODICE
97
Dipinti
9701
Stampe e litografie
9702
Sculture e statue
9703
Monete e francobolli
9704
Reperti storici e archeologici
9705
Oggetti di antiquariato
9706
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni di opere d’arte, articoli da collezione e antiquariato italiani verso il
mercato statunitese hanno sostanzialmente mantenuto nel corso dell’ultimo decennio, un
andamento di crescita. Nel 2000 le vendite hanno raggiunto circa 400 milioni di dollari
per poi subire nel 2001 una diminuzione del 14%, con un decremento in valore di circa 56
milioni di dollari. Dopo un periodo di rallentamento tra il 2002 e il 2004, il 2005 registra
una ripresa tale per cui le esportazioni raggiungono un valore di 451 milioni di dollari.
Nel corso di dieci anni il valore di opere d’arte esportate è triplicato, raggiungendo nel
2007 un valore pari a 602 milioni di dollari.
Nel 2008 si registra, invece, un’inversione di tendenza del 20%, a quota 551 milioni di
dollari.
357
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
700
600
500
400
300
200
100
0
Figure 44 Esportazioni di opere d'arte, articoli da collezione e antiquariato (mln di dollari)
Focalizzando l’attenzione sugli ultimi cinque anni, si nota come le esportazioni abbiano
seguito un andamento piuttosto positivo, eccetto il 2008, dove il decremento è dovuto in
maniera massiccia all’attuale crisi economica, che non consente di fare previsioni su
un’eventuale ripresa. Nel 2005, infatti, si è verificato un aumento del 26% rispetto al
2004 per un valore di circa 94 milioni di dollari, per poi rimanere stabile fino al 2006 con
un valore di 461 milioni di dollari.
Il trend positivo iniziato nel 2005 registra una forte accelerazione nel 2007 con un
aumento del 30,5% rispetto all’anno precedente.
358
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
700
2009
1.60
1.40
mln dollar
600
1.20
1.00
500
0.80
400
0.60
0.40
300
0.20
200
0.00
2001
2002
2003
2004
Opere d'arte
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figure 45 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
All’interno della categoria opere d’arte gli articoli più esportati sono i dipinti per i quali
nel 2008 si è avuto un flusso verso gli USA pari a 324 milioni di dollari, seguono gli oggetti
di antiquariato con un valore pari a 139,9 milioni di dollari e le sculture e le statue,
esportate in valore pari a 73 milioni di dollari.
359
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Millions
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
400
350
300
250
200
150
100
50
0
Dipinti
Monete e francobolli
Stampe e litografie
Reperti storici e archeologici
Sculture e statue
Oggetti di antiquariato
Figure 46 Andamento esportazioni per categoria merceologica
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), è necessario essere in possesso di:
-
Nel caso di opere d’arte, una dichiarazione che attesti l’autenticità dell’opera in
questione da parte: 1) sia dell’artista o, nel caso in cui ciò non fosse possibile, da
parte del venditore o di una competente autorità/istituzione; 2) sia da parte
dell’importatore. Questa dichiarazione è di particolare importanza ai fini del
pagamento dei dazi doganali. Le opere d’arte (definite come “articoli originali, unici
e fatti a mano”) sono infatti esenti dal pagamento di dazi. Gli articoli prodotti in
360
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
grandi quantità per motivi commerciali, anche se decorati o rifiniti a mano, non
rientrano in questa categoria e sono perciò soggetti alle consuete tariffe doganali;
-
Nel caso di opere d’arte importate da un museo o da una qualsiasi altra
riconosciuta istituzione per esclusivi motivi di esposizione, i moduli “Form 3325” e
“Form 301”;
-
Nel caso di articoli di antiquariato, una adeguata documentazione che certifichi
che l’articolo in questione abbia più di 100 anni. Anche in questo caso la
documentazione richiesta è importante perchè gli articoli di antiquariato destinati
ad uso personale sono esenti dal pagamento di dazi. I dazi vengono invece applicati
nel caso dell’importazione di articoli di antiquariato destinati poi ad essere
rivenduti all’interno degli Stati Uniti;
-
Nel caso di articoli di antiquariato che sono stati sottoposti ad un restauro, è
necessario specificare sia la quantità del nuovo materiale aggiunto (che è soggetto
al pagamento dei dazi) sia indicare fino a che punto l’articolo in questione abbia
subito
una
trasformazione.
Nel caso
di
trasformazioni
particolarmente
significative, la Dogana può anche riclassificare l’articolo e quindi sottoporlo alle
normali tariffe doganali;
-
Nel caso di prodotti che contengono parti che sono state ottenute da specie animali
e/o vegetali protette, tutta la documentazione richiesta dai regolamenti in vigore in
materia di protezione di specie in pericolo od in via di estinzione (il “Endangered
Species Act”). I suddetti articoli devono inoltre entrare negli Stati Uniti attraverso i
porti specificatamente disegnati a questo scopo dal U.S.Fish and Wildlife Service
(FWS);
-
Nel caso di antiche armi da fuoco, una specifica autorizzazione da parte del Bureau
of Alcohol, Tobacco and Firearms (ATF);
-
Nel caso di articoli specifici (antiche armi da fuoco, prodotti ottenuti da specie in
pericolo di estinzione, articoli soggetti al Convention on Cultural Property
361
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Implementation Act) è richiesta una certificazione da parte del paese da cui è
effettuata l’esportazione che attesti la legalit{ dell’operazione.
Per
ulteriori
specificazioni
si
raccomanda
la
consultazione
del
sito
www.customs.treas.gov.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Tutti gli articoli
che ricadono all’interno del Capitolo 97 dell’HTSUS (opere d’arte, articoli di collezione,
antiquariato) sono esenti dal pagamento di dazi doganali. Data questa facilitazione, una
dettagliata documentazione che certifichi le caratteristiche e la natura dell’articolo
importato è pertanto richiesta dagli Uffici Doganali.
4. Proibizioni e restrizioni
-
Proprietà culturale: sulla base del Convention on Cultural Property Implementation
Act (CCPIA), l’importazione di artefatti pre-colombiani o di articoli che sono
classificati come “propriet{ culturale” di uno specifico paese e che appartengono
all’inventario di un museo, di un monumento pubblico o di una istituzione analoga,
non possono essere importati negli Stati Uniti in mancanza di una adeguata
certificazione che attesti come l’esportazione dei suddetti articoli sia stata
autorizzata dalle autorità competenti del paese di provenienza.
-
Articoli di filatelia: l’entrata negli Stati Uniti di facsimili di francobolli attualmente
in vigore è vietata, con l’eccezione dei francobolli importati per motivi storici,
educativi o filatelici.
362
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Richieste di contrassegni – etichette: gli articoli di antiquariato e le opere d’arte
sono esentate dall’indicare sulla propria etichetta il paese di provenienza. Il paese
di provenienza deve invece essere adeguatamente indicato sulla confezione di
imballaggio con cui questi stessi articoli sono trasportati.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
710 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.gpo.gov/
6. Riviste
Antiques West
Frequenza mensile
Box 6218
211 Fernwood Drive, Moraga, CA 94570
Cell: (925) 759 4618
J.D. O'Connor, Owner
E-mail: [email protected]
363
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://www.antiqueswest.com/
Antiques and the Arts Weekly
Frequenza settimanale
P.O. 5503
5 Church Hill Road
Newton, CT 06470
David Smith, Print Editorial
Tel.: (203) 426 3141
Fax: (203) 426 1394
Email: [email protected]
Sito internet: http://antiquesandthearts.com/
Artnet Worldwide (on-line)
61 Broadway, 23rd Floor
New York, NY 10006-2701
Tel.: (212) 497 9700
Fax:. (212) 497 9707
Sito internet: http://www.artnet.com
Art Calendar (on-line)
1500 Park Center Drive
Orlando, FL 32835
Tel.: (407) 563 7000
Fax: (407) 563 7099
364
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Kim Hall, Editore
Email: [email protected]
Sito internet: http://artcalendar.com
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare negli Stati
Uniti opere d’arte, articoli da collezione e antiquariato. Le leggi sono contenute nel
U.S.Code (USC) mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations
(CFR):
-
Regulations of Customs for Entry as Works of Art (19 CFR 10.48): regolamenti che
specificano le condizioni che devono essere soddisfatte per poter certificare un
articolo come opera d’arte;
-
Regulation on Importation of Pre-Columbian Act (19 CFR 2091 et seq.):
regolamento che richiede, per tutte le importazione di artefatti pre-colombiani, la
presenza di una adeguata certificazione che attesti che l’esportazione dei suddetti
articoli sia stata autorizzata dalle autorità competenti del paese di provenienza;
-
Convention on Cultural Property Implementation Act (CCPIA): legge che applica
quanto previsto dalla “Convention on the Means of Prohibiting and Preventing the
Illicit Import, Export and Transfer of Ownership of Cultural Property” dell’Unesco
ratificata da più di 70 paesi, tra cui anche gli Stati Uniti;
-
Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora
(CITES): trattato firmato da più di 100 Stati, inclusi gli Stati Uniti, che regola ed in
molti casi proibisce l’importazione e l’esportazione a fini commerciali di specie
animali o di piante in pericolo di estinzione;
-
Endangered Species Act (16 USC 1531): legge che proibisce l’importazione e le
esportazioni di piante e di semente classificate come in pericolo di estinzione;
365
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
The Marine Mammal Protection Act (16 USC 1361 et seq.): legge che proibisce
l’importazione di mammiferi marini nonchè di prodotti contenenti loro parti;
-
Regulations on Importation of Wild Animals (19 CFR 12.26 et seq.): regolamenti
che elencano gli animali ed i prodotti di animali la cui importazione è proibita o che
richiedono specifici permessi per essere importati;
-
Regulations of FWS for Importing Wildlife and Fish (50 CFR Parts 10, 13 and 16):
regolamenti che elencano gli animali ed i prodotti di animali la cui importazione è
proibita o regolata;
-
Lacey Act (16 USC 3371 et seq.): legge che proibisce l’importazione di specie prese,
possedute, trasportate o vendute in violazione delle leggi del paese di provenienza;
-
The African Elephant Conservation Act (16 USC 4201): legge che proibisce
l’importazione di avorio intagliato da qualsiasi paese e che autorizza la sola
importazione di zanne di elefante legalmente cacciato in Africa.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla ATF per quanto riguarda
l’importazione di armi da fuoco antiche:
Bureau of Alcohol, Tobacco and Firearms and Explosives (ATF)
Office of Liaison and Public Information
650 Massachusetts Avenue, NW Room 8290
Washington, DC 20226
Tel.: (202) 927 8500
Fax: (202) 927 8868
E Mail: [email protected]@atf.treas.gov/
Sito internet: http://www.atf.treas.gov/index.htm
366
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FWS per quanto riguarda
l’importazione negli Stati Uniti di opere d’arte o antiquariato contenenti parti di
specie protette, rivolgersi a:
U.S. Fish and Wildlife Service (FWS)
Office of Management Authority
4401 N.FairFax: Dr., Rm. 420C
Arlington, VA 22203
Tel.: (800) 358 2104 o (703) 358 2348
Fax: (703) 358 2280
E-mail: [email protected] o [email protected]
Sito Internet: http://www.fws.gov
 Per
informazioni
relative
alle
restrizioni
che
si
applicano
nel
caso
dell’importazione di francobolli statunitensi:
U.S. Customs and Border Protection
Office of Regulations & Rulings, Trade Compliance Div.
Intellectual Property Rights Branch (IPR)
1300 Pennsylvania Ave. NW
Washington, DC 20229
Sandra Bell, Acting Assistant Commissioner
Tel.: (202) 572 8700
E mail: [email protected]
Sito internet: http://www.cbp.gov
367
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per informazioni più generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
Birchwood Manor Antiques Show
Per informazioni:
Allison Kohler, Show Mgr.
JMK Shows
6 Pilgrim Drive
Saccasunna, NJ 07876
Tel.: (973) 927 2794
Fax: (973) 927 2795
Sito internet: http://jmkshows.com
E-mail: [email protected]
Date: 1 – 3 Gennaio 2010
Whippany, NJ
Birchwood Manor
Art Chicago
368
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Per informazioni:
222 Merchandise Mart Plaza, Suite 470
Chicago, IL 60654
Tel.: (312) 527 63701
Tony Karman, Vice President
Sito Internet: http://www.artchicago.com/
Email: [email protected]
Date: 30 Aprile – 3 Maggio 2010 (frequenza annuale)
Merchandise Mart Properties
Chicago, IL
New York International Gift Fair
Per informazioni:
Cate Salvatore
E-mail address: [email protected]
Tel.1: (914) 421 3313
Tel.2: (212) 216 2000
Sito internet: http://www.glmshows.com
Data prossimo evento:
30 Gennaio – 4 Febbraio 2010 (frequenza semestrale)
Jacob Javits Convention Center
New York City, NY
10.
Associazioni di settore
National Antique & Art Dealers Association of America
220 East 57th Street
369
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
New York, NY 10022
Tel: (212) 826 9707
Fax: (704) 832 9493
Sito internet: http://www.naadaa.org/
370
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Ottica, fotografia e strumenti di precisione
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
371
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni .......................................................................................... 374
2.
Documentazione di entrata ............................................................................................... 376
3.
Dazi di importazione .......................................................................................................... 377
4.
Proibizioni e restrizioni ...................................................................................................... 377
5.
Pubblicazioni disponibili .................................................................................................... 380
6.
Riviste ................................................................................................................................ 382
7.
Principali leggi e regolamenti ............................................................................................ 385
8.
Principali Agenzie Governative .......................................................................................... 386
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore ............................................................................. 387
10. Associazioni di settore ...................................................................................................... 394
372
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 20 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Ottica, fotografia e strumenti di precisione
Ottica ed elementi ottici
373
CODICE
90
9001, 9002
Fotagrafici
9006
Strumenti medici
9018
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane riguardanti il settore dell’ottica, della fotografia e degli strumenti
di precisione sul mercato statunitense hanno mostrato, nel periodo dal 1997 al 2008, un
trend di crescita fino all’anno 2000, subendo poi una lieve flessione tra il 2001 e il 2003,
per poi tornare a correre nel quinquennio 2003-2007. Nel 2008 si è registrata una
riduzione a quota 1200 milioni di dollari, in linea con la congiuntura economica
internazionale.
1,400
1,200
1,000
800
600
400
200
0
Figure 47 Esportazioni articoli di ottica, fotografia e strumenti di precisione
374
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
In particolare , negli anni compresi tra il 2001 e il 2004, le esportazioni hanno seguito un
andamento piu’ variabile. Nel 2001, le esportazioni hanno subito una diminuzione del
2.99% rispetto all’anno precedente corrispondente ad un valore di 24 milioni di dollari.
Nel 2002 tale valore ha continuato a diminuire raggiungendo un valore di circa 775
milioni di dollari. Nel 2003 si e’ registrata una ripresa delle esportazioni del 12.91%, per
un valore complessivo pari a circa 875 milioni di dollari. Nel 2004 sono state registrate
esportazioni per 995 milioni di dollari (+ 13,71%) e nel 2005 e nel 2006 il trend di
crescita è continuato con una variazione positiva delle vendite pari rispettivamente a
11,4% e a 12,3%. Nel 2007 si è avuto invece un aumento con esportazioni pari a 1.332
milioni di dollari (+7%). Flessione importante, invece, nel 2008, dove si registrano
mln dollar
esportazioni per 1214 milioni di dollari.
1,400
1.60
1,200
1.40
1.20
1,000
1.00
800
0.80
600
0.60
400
0.40
200
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
Ottica
2004
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figure 48 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
375
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
L’intero settore dell’ottica e’ stato guidato per tuto il periodo di riferimento
dall’andamento delle esportazioni della strumentazione medica che, a partire dal 2001,
hanno superato gli 80 milioni di dollari, arrivando nel 2005 addirittura a duplicare tale
valore. In seguito ad una flessione netta nel 2006, si e’ assistito ad un nuovo trend positivo
negli anni 2007 e 2008. Gli strumenti ottici e fotografici hanno invece mantenuto un
Millions
andamento piuttosto stabile nel periodo 1997-2008.
200
180
160
140
120
100
80
60
40
20
0
elementi ottici e occhiali
Strumenti fotografici
Strumentazione medica
Figure 49 Andamento esportazioni per categoria merceologica
Tutte le principali componenti della categoria hanno fatto registrare nel decennio un
aumento delle vendite, tranne le montature per occhiali che però mantengono elevati
valori di vendita.
2. Documentazione di entrata
376
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti) sono richiesti:
-
Il modulo di entrata “Form FD 701” - richiesto per tutte quelle importazioni
regolate dalla U.S.Food and Drug Administration (FDA) sulla base di quanto
previsto dal Federal Food, Drug and Cosmetic Act (FDCA);
-
Per ogni singolo articolo che produce radiazioni, i moduli di entrata “Form FD 701”
e “Form FD 2877”, necessari al fine di certificare l’adeguatezza dei prodotti
importati agli standard di sicurezza previsti dalla Food and Drug Administration
(FDA) sulla base del “Radiation Control for Health and Safety Act”;
-
Per ogni singolo articolo che emette frequenze radio, il modulo di entrata “Form
FCC 740” al fine di certificare l’adeguatezza dei prodotti importati agli standard di
sicurezza richiesti dalla Federal Communications Commission (FCC);
Alcuni prodotti, come ad esempio gli strumenti terapeutici ad ultrasuoni e gli apparecchi
telericeventi, ricadono sotto la giurisdizione sia della FDA che della FCC e devono perciò
conformarsi con tutte le regolamentazioni previste da entrambe le Amministrazioni.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
fibre ottiche (6,7%); lenti a contatto (2%); occhiali da sole (2%); montature di plastica per
occhiali (2,5%-dozzina); montature per occhiali di altri materiali (nessun dazio); parti e
accessori per macchine fotografiche (5,8%); lenti per occhiali da vista (2%); telecamere
(nessun dazio); proiettori (7%); macchine mediche a raggi X (nessun dazio).
4. Proibizioni e restrizioni
377
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Strumentazione medica (incluso gli occhiali sia da vista che non da vista): il Federal
Food, Drug and Cosmetic Act (FDCA), come emandato dal Medical Device
Amendments del 1976 (MDA), prevede che la U.S. Food and Drug Administration
(FDA) classifica tutti gli strumenti e gli articoli utilizzabili a fini medici in tre
categorie soggette a tipologie di controlli differenti:
o Classe Prima: i prodotti inseriti in questa categoria sono soggetti solo a
controlli generali, che includono la registrazione dei prodotti, la loro
certificazione, etc.;
o Classe Seconda: i prodotti inseriti in questa classe devono soddisfare anche
gli standard di performance che la FDA ha stabilito al fine di assicurare un
maggior livello di sicurezza per i consumatori. Questi standard possono
specificare direttamente i materiali, le componenti, la certificazione e le
altre proprietà che gli articoli in questione devono presentare;
o Classe Terza: nel caso di articoli inseriti in questa categoria, i produttori
devono fornire alla FDA una documentazione (la 510-k- submission) che
certifichi la sicurezza e l’effettivit{ dell’articolo in questione. L’articolo non
può essere commercializzato fino a che la FDA, entro e non oltre 90 giorni
dall’avvenuta
consegna
dell’applicazione,
non
abbia
approvato
la
documentazione. La suddetta documentazione deve includere le seguenti
informazioni: il nome dell’articolo, una descrizione del suo uso, la sua
classificazione, la descrizione delle somiglianze e differenze dell’articolo in
questione rispetto ad altri articoli ad esso assimilabili già presenti sul
mercato, accompagnata da dati di supporto. Il modulo “510-k-submission” è
richiesto ogni qual volta che: 1) un produttore straniero intende esportare
della strumentazione medica negli Stati Uniti che lo stesso produttore non
ha mai prima di allora esportato sul mercato americano; 2) il produttore
378
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
straniero o il distributore sul mercato americano modifica il normale
utilizzo a cui una specifica strumentazione medica, il cui marchio è già
legalmente commercializzato negli Stati Uniti, è destinata; 3) in caso di
cambiamenti o modifiche di strumentazioni mediche già legalmente
commercializzate sul mercato americano che possono incidere in modo
significativo sulla loro sicurezza od effettività;
-
Strumentazione medica adulterata: sulla base di quanto previsto dal Food, Drug
and Cosmetic Act (FDCA), è proibita l’importazione e la distribuzione di articoli che
sono considerati adulterati. Un articolo è considerato adulterato se una o più delle
seguenti condizioni è riscontrata: 1) il prodotto è stato fabbricato, imballato o
conservato in condizioni non igieniche; 2) il suo contenitore è composto da
sostanze pericolose; 3) contiene un additivo di colore non sicuro; 4) la sua qualità
si dimostra inferiore rispetto a quella che lo stesso prodotto pretende di
possedere; 5) non soddisfa gli standard in vigore in termini di performance; 6) è un
articolo vietato; 7) non è fabbricato in conformità con gli standard di qualità
previsti dai Good Manufacturing Practice Regulations (CGMP) per quanto riguarda
la strumentazione medica. Sulla base di quanto previsto dal FDCA, è proibita anche
l’importazione e la distribuzione di articoli che: 1) presentano sulla propria
etichetta delle informazioni false od ingannevoli per il consumatore; 2) non
indicano sulla propria etichetta il nome e l’indirizzo del produttore,
dell’imballatore o del distributore nonchè una accurata descrizione delle qualit{
del suo contenuto; 3) nel caso in cui le informazioni richieste non sono scritte in
lingua inglese ed in modo leggibile e visibile sulla etichetta; 4) nel caso in cui non
sono presenti adeguate istruzioni per l’utilizzo dell’articolo ed adeguati
avvertimenti sui pericoli nel caso di un suo utilizzo non appropriato; 5) nel caso in
cui l’articolo non si conforma con le richieste previste dagli standard di
etichettamento;
379
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Articoli che emettono radiazioni: sulla base del “Radiation Control for Health and
Safety Act”, al fine di proteggere il pubblico da una esposizione non necessaria a
radiazioni emesse da prodotti elettronici, gli articoli che entrano negli Stati Uniti
devono certificare la loro conformità nei confronti degli standard di performance,
in termini di emissioni di radiazioni, stabiliti dalla FDA (moduli “FD 701” e “FD
2877”). La FDA richiede ai distributori ed ai commercianti di prodotti elettronici di
mantenere un registro che faciliti la localizzazione dei prodotti venduti. I seguenti
articoli destinati ad utilizzo medico sono al momento soggetti a quanto previsto dal
“Radiation Control for Health and Safety Act”: 1) apparecchi telericeventi; 2)
strumentazione diagnostica a raggi X; 3) prodotti laser; 4) lampade a raggi
ultravioletti; 5) prodotti ad ultrasuoni per uso terapeutico;
-
Articoli che emettono frequenze radio: sulla base del Communications Act, tutti gli
articoli ed i prodotti che emettono radiazioni sono soggetti agli standard stabiliti
dalla Federal Communications Commission (FCC). Per questi prodotti è richiesta la
compilazione del modulo FCC 740.
5. Pubblicazioni disponibili
 La Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
380
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Intenet: http://www.gpo.gov/
 Per informazioni relative all’importazione di strumenti medici:
-
“Import of Medical Devices – A Workshop Manual” (HS Publication 93-4228; $
50.00).
 Per informazioni relative all’importazione di strumenti ottici, medici, di precisione
e prodotti relative:
-
“Requirements of Laws and Regulations Enforced by the U.S. Food and Drug
Administration” (Pubblicazione disponibile rivolgendosi direttamente agli
Uffici della FDA).
 Per informazioni relative alle procedure richieste nel caso della compilazione del
documento 510-k-Submission:
-
“Notification: 510 (k), Regulatory Requirements for Marketing a Device 510(k)
Review Program” (Pubblicazione disponibile rivolgendosi direttamente agli
Uffici della FDA).
 Per informazioni relative agli standard di qualità previsti dai Good Manufacturing
“Practice Regulations” (CGMP) ed applicati alla strumentazione medica:
-
381
“Federal Register” (October 6, 1996, Vol.61, No.195, pp. 52601-52662).
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per informazioni relative all’importazione di strumenti che emettono frequenze
radio:
-
“FCC Equipment Authorization Program for Radio Frequency Devices” (OET
Bulletin num. 61)
-
“Importation of radio Frequency Devices” (Field Operations Bulletin num. 8)
Pubblicazioni disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici della FCC.
6. Riviste
Contact Lens Spectrum
Frequenza mensile
1300 Virginia Drive, #400
Fort Washington, PA 19034-3221
Tel.: (215) 643 8000
Fax: (215) 643 3902
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.clspectrum.com
Eyecare Business
Frequenza mensile
1300 Virginia Drive, #400
Fort Washington, PA 19034-3221
Tel.: (215) 643 8000
Fax: (215) 643 1705
Sito internet: http://www.eyecarebiz.com
382
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Vision Monday
Frequenza bi-settimanale
100 Avenue of the Americas
New York, NY 10013-1678
Tel.: (212) 274 7000
Fax: (212) 274 0392
E-mail: [email protected]
Customer Service: (800) 825 4696
Sito internet: www.visionmonday.com
American journal of ophthalmology
Frequenza mensile
4500 San Pablo Rd.
Jacksonville, FL 32224-1865
Sarah Duncan, Managing Editor
Tel.: (904) 953 2555
Fax: (904) 953 2551
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.ajo.com
Journal of the American Optometric Association
Frequenza mensile
243 N. Lindberg Blv. 1st. Fl.
St. Louis MO 63141-7851
Tel.: (800) 365-2219
Fax: (314) 991-4101
383
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Stephen Wasserman, Communication Group Director
Tel: (314) 983 4212
Sito internet: www.aoanet.org
Homecare
Frequenza mensile
17383 Sunset Bvl Ste. A220
Pacific Palisades, CA 90272
Tel.: (310) 317 4522
Fax: (310) 2320 7168
Gail Walker, Editor-in-Chief
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.homecaremag.com
Medical Design Technology
Frequenza mensile
100 Enterprise Drive, Suite 600
Box 912
Rockaway, NJ 07866-0912
Tel.: (973) 920 7000
Fax: (973) 920 7542
Sean Fenske, Editor-in-Chief
Tel.: (973) 920 7054
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.mdtmag.com
Photo Industry Reporter, Inc.
384
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Frequenza: 21 uscite annuali
7600 Jericho Turnpike
Woodbury, NY 11797-1723
Tel.: (516) 364 0016
Fax: (516) 364 0140
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.photoreporter.com
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di strumenti ottici, medici, di precisione e prodotti relativi. Le leggi sono
contenute nel U.S.Code (USC) mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal
Regulations (CFR):
- Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di
cibi, cosmetici, medicinali e prodotti relative;
- Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et
seq.): relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti
usati con cibi, cosmetici, medicinali e prodotti relative;
- Radiation Control for Health and Safety Act (42 USC 263b-263n): legge che
impedisce l’entrata negli Stati Uniti di prodotti elettronici trovati non in regola con
gli standard prescritti;
- Devices that Interfere with Radio Reception (47 USC 302a): legge che impedisce
l’entrata negli Stati Uniti di prodotti che non soddisfano i regolamenti promulgati
dalla FCC.
385
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative all’importazione negli Stati Uniti di strumenti ottici,
medici e di precisione, rivolgersi a:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Devices and Radiological Health
Division of Small Manufacturers Assistance
10903 New Hampshire Avenue
WO66-4521
Silver Spring, MD 20993
Tel.: (800) 638 2041
Fax: (301) 796 7100
E-mail: [email protected]
Sito Intenet: http://www.fda.gov/AboutFDA/CentersOffices/CDRH/default.htm
 Per informazioni relative al Modulo FCC 740:
Federal Communications Commission (FCC)
Compliance and Information Bureau
Enforcement Division, Investigations and Hearings Branch
445 12St, SW
Washington, DC 20554
Tel.:(202) 418 1420
Fax: (202) 418 2080
386
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.fcc.gov
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov
9. Principali Fiere e esposizioni di settore:
Occhiali e prodotti affini:
International Vision Expo & Conference East
Per informazioni:
E Mail: [email protected] (general information)
Event producer/manager (Reed Exhibitions)
383 Main Avenue
Norwalk, CT 06851
Courtney Muller, Event Management
Tel.: (203) 840 5426
Fax: (203) 840 9426
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.visionexpoeast.com/
387
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Date: 19 - 21 Marzo 2010 (frequenza annuale), New York NY
Jacob Javits Convention Center
International Vision Expo & Conference West
Per informazioni:
E Mail: [email protected] (general information)
Event producer/manager (Reed Exhibitions)
383 Main Avenue
Norwalk, CT 06851
Courtney Muller, Event Management
Tel.: (203) 840 5426
Fax: (203) 840 9426
Email: [email protected]
Sito : http://www.visionexpowest.com/
Date: 7 – 9 Ottobre 2010 (frequenza annuale), Las Vegas
NV, Sands Expo & Conference Center
Contact Lens Association Ophthalmologists Annual Meeting
Per informazioni:
John S.Massare, Exec Dir
2025 Woodlane Dr.
St. Paul, MN 55125
Tel.: (877) 501 3937
Fax: (651) 731 0410
E-mail: [email protected]
Sito: http://www.clao.org
Date: 24 – 26 settembre 2009 (frequenza annuale)
388
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Hyatt Regency Montreal
Montreal, Canada
Fotografia:
Photo Marketing Association International Convention & Trade Show
Per informazioni:
Jeff Frazine, Trade Exhs Sales
3000 Picture PL
Jackson, MI 49201
Tel.: (517) 788 8100
Fax: (517) 788 8371
E-mail: [email protected]
Sito: www.pmai.org
Date: 21 - 23 Febbraio 2010 (frequenza annuale), Las Vegas, NV, USA.
Anheim Convention Center
Southern California USA
Strumentazione medica:
American Association Clinical Endocrinologists, Annual Meeting
Per informazioni:
245 Riverside Avenue, S.te 200
Jacksonville, FL 32202
Contact: Melissa Morgan, Tina Kisner
Tel.: (904) 353 7878
Fax: (904) 353 8185
E-mail: [email protected], [email protected]
389
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito internet: www.aace.com
Date: 21 – 25 aprile 2010 (frequenza annuale)
John B. Hynes Veterans Memorial Convention Center and the Sheraton Boston Hotel
Boston, MA
American College Cardiology Annual Scientific Session
Per informazioni:
Sue Sears, Dir Mtg Svcs
9111 Old Georgetown RD
Bethesda, MD 20814 1699
Tel.: (301) 897 5400
Fax: (301) 897 9745
Sito internet: http://www.acc.org
Date: 14 - 16 marzo 2010 (frequenza annuale)
Georgia World Congress Center
Atlanta, GA
American College Sports Medicine
Per informazioni:
Steven J. Keteyian ,First VP of
American College of Sports Medicine
401 W. Michigan St
Indianapolis, IN 46202-3233
Tel.: (317) 637 9200
Fax: (317) 634 7817
Sito internet: www.acsm.org
Date: 2 – 5 giugno 2010 (frequenza annuale)
390
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Baltimora, Maryland
American Institute of Ultrasound in Medicine (AIUM)
Per informazioni:
Carmine Valente, CEO
14750 Sweitzer Lane Suite 100
Laurel, MD 20707 – 5906
Tel.: (301) 498 4100
Fax: (301) 498 4450
Sito internet: www.aium.org
Date: 24 – 27 Marzo 2010 (frequenza annuale)
San Diego Marriott
San Diego, CA
American Roentgen Ray Society Annual Scientific Meeting
Per informazioni:
1891 Preston Whiye Drive
Reston, VA 20191 - 4326
Tel.: (800) 347 7748 / (703) 648 8900 (from outside USA)
Fax: (703) 729-5913
Email: [email protected]
Sito internet: www.arrs.org
Date: 2 – 7 Maggio 2010 (frequenza annuale),
Manchester Grand Hyatt San Diego
San Diego, CA
Cincinnati Sports Medicine -Advances on the Knee & Shoulder Conference
391
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Per informazioni:
Cincinnati Sports Medicine Administration
10663 Montgomery Road
Cincinnati, OH 45246
Tel.: (513) 346 7292
Fax: (513) 792 3230
Sito internet: www.cincinnatisportsmed.com
Date: 30 maggio – 2 giugno 2010 (frequenza annuale),
Westin Hotel Resort
Hilton Head, SC
Endocrine Society Annual Meeting
Per informazioni:
Teresa Favero
Tel.: (301) 941 0229
E-mail: [email protected]
8401 Connecticut Ave. Ste. 900
Chevy Chase, MD 20815
Tel.: (888) 363 6274
Fax: (301) 941 0259
Email: [email protected]
Sito internet: www.endo-society.org
Date: 19 – 22 Giugno 2010
San Diego, CA
Florida International Medical Expo (FIME)
Per informazioni:
392
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Expositions Unlimited
3348 17th St
Sarasota, FL 34235
Tel.: (941) 366 2554
Fax: (941) 366 9861
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.fimeshow.com
Date: 11 – 13 Agosto 2010 (frequenza annuale)
Miami Beach Convention Center
Miami Beach, FL
Society Nuclear Medicine Annual Meeting
Per informazioni:
1850 Samuel Morse Dr
Reston, Va 20190-5316
Tel.: (703) 708 9000
Fax: (703) 708 9015
Email: [email protected] (Rebecca Maxey, communication director)
Sito internet: http://www.snm.org
Date: 5 – 9 Giugno 2010 (frequenza annuale)
Salt Lake City, Utah
Radiological Society of North America Scientific Assembly & Annual Meeting
Per informazioni:
E Mail: [email protected]
820 Jorie BlvdOak Brook, IL 60523 – 2251
Tel.: (630) 571 2670
393
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (630) 571 7837
Sito internet: http://www.rsna.org
Date: 28 novembre – 3 dicembre 2010 (frequenza annuale),
McCormick Place
Chicago, IL
10.
Associazioni di settore
Contact Lens Society of America (CLSA)
441 Carlisle Dr.
Herndon, VA 20170
Michael S. Gzik, Pres.
Tel.: (800) 296 9776
Fax: (703) 437 0727
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.clsa.info
Optical Society of America (OSA)
2010 Massachusetts Avenue, NW
Washington, DC 20036
Elizabeth A. Rogan, Exec. Dir.
Tel.: (202) 223 8130
Fax: (202) 223 1096
E Mail: [email protected]
Sito internet: http://www.osa.org
The Vision Council
394
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1700 Diagonal Road, Suite 500
Alexandria, VA 22314
Tel.: (703) 548 4560
Fax: (703) 548 4580
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.thevisionalcouncil.org/
Photo Marketing Association International (PMA)
3000 Picture Place
Jackson, MI 49201
Tel.: (517) 788 8100
Fax: (517) 788 8371
Sito internet: http://www.pmai.org/
Professional Photographers of America (PPA)
229 Peachtree St. NE, Suite 2200
Atlanta, GA 30303
Ron Nichols, President
Tel.: 800 786 6277 o (404) 522 8600
Fax: (404) 614 6400
Sito internet: http://www.ppa.com
Medical Device Manufacturers Association (MDMA)
1350 I Street NW, Suite 540
Washington, DC 20005
Tel.: (202) 354 7171
Joe E. Kiani, Chairman & CEO
395
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.medicaldevices.org
Health Industry Distributors Association (HIDA)
310 Montgomery Street
Alexandria, VA 22314-1516
Matthew J. Rowan, President & CEO
Tel.: (703) 549 4432
Fax: (703) 549 6495
E-mail: [email protected]da.org
Sito internet: http://www.hida.org/
American Association for Home Care
2011 Crystal Drive, Suite 725
Arlinghton, VA 22202
A.J. Filippis, President & CEO
E-mail: [email protected]
Tel.: (703) 836 6263
Fax: (703) 836 6730
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.aahomecare.org
396
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Plastica e prodotti in plastica
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
397
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni....................................................................................... 400
2.
Dazi di importazione ...................................................................................................... 403
3.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................. 404
4.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................. 404
5.
Riviste ............................................................................................................................. 405
6.
Principali leggi e regolamenti......................................................................................... 407
7.
Principali Agenzie Governative ...................................................................................... 408
8.
Principali Fiere e esposizioni di settore ......................................................................... 410
9.
Associazioni di settore ................................................................................................... 412
398
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 21 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Plastica e prodotti in plastica
CODICE
39
3901– 3902–
Polimeri, vinile
3903-3904-39053906
Polieteri, poliesterere
3907-3908-3909
Piatti, teli, pellicole
3919-3920-3921
Altri prodotti
3926
Contenitori
3923
399
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane della plastica e dei prodotti in plastica sul mercato statunitense
hanno mostrato, nel corso dell’ultimni decennio, un generale andamento di crescita,
seppur con periodi di stallo nel 1999 e nel 2001.
600
500
400
300
200
100
0
Figure 50 Esportazioni articoli di abbigliamento italiani (mln di dollari)
Focalizzando l’attenzione sui valori relativi alle esportazioni degli ultimi otto anni, si nota
come vi sia una costante crescita di tale valore, passando dai circa 353 milioni di dollari
nel 2001, ad un aumento del 5.74% nel 2002, per poi riscontrare nel 2003 un valore
complessivo delle esportazioni pari a circa 404.6 milioni di dollari con un aumento dell’
8.31% rispetto all’anno precedente. Quindi nel 2004 viene confermato il trend di crescita
del livello delle esportazioni, che si attestano a 439 milioni di dollari (+ 8,51%).
400
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
600
2009
1.60
1.40
500
mln dollar
1.20
400
1.00
300
0.80
0.60
200
0.40
100
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
Plastica e pdt in plastica
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figure 51 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Il trend positivo continua fino al 2005 con un livello di esportazioni di 458 milioni di
dollari (+ 4.36%). Il 2006 é un anno particolarmente positivo durante il quale il valore
della plastica e degli articoli in plastica esportati raggiunge un valore pari a 521 milioni di
dollari per poi subire nel 2007 un rallentamento, con un decremento del 5%. Il trend
negativo é confermato nel 2008, dove si registra una riduzione comunque minima.
401
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Millions
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
140
120
100
80
60
40
20
0
Polimeri, vinile
Polieteri, poliestere
Contenitori
Piatti, teli, pellicole
Altri prodotti in plastica
Figure 52 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
Analizzando le componenti della categoria merceologica, si puó notare come gli articoli
maggiormente significativi siano: piatti, teli, pellicole e altri articoli in plastica. Le
esportazioni di tali articoli si mantegono al di sopra dei 70 milioni di dollari con
andamenti di tendenziale crescita; si registra un picco nel 2006 con un livello di
esportazioni di 128 milioni, ma il 2007 si chiude con una lieve diminuzione. Una caduta
importante della categoria “Piatti, teli, pellicole” si registra nel 2008, mentre le altre
categorie rimangono su posizioni sostanzialmente invariate.
402
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati), è necessario essere in possesso di:
-
Nel caso di plastica non trattata e contenente sostanze tossiche o pericolose: il
certificato richiesto dall’U.S.Environmental Protection Agency (EPA) che attesta la
conformità del materiale in questione ai termini di sicurezza previsti dal Toxic
Substances Control Act (TSCA);
-
Nel caso di lastre, lamiere o pellicole in plastica, sulla fattura di entrata è
necessario indicare anche le seguenti informazioni: 1) tipo di plastica utilizzata; 2)
specificare se la plastica utilizzata è flessibile od inflessibile e se è stata combinata
con materiale tessile od altro materiale;
-
Nel caso di articoli in materiale tessile e rivestiti o laminati con plastica, sulla
fattura di entrata è necessario aggiungere una descrizione che indichi se il prodotto
è rivestito o laminato su entrambi i lati, sulla superficie esterna od interna;
-
Nel caso di borse fabbricate con una rivestitura in plastica, sulla fattura di entrata
deve essere indicata la capacità e la misura della stessa rivestitura
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
silicone non trattato (3%); clorulo di polivinile mischiato con altre sostanze (5,8%);
polistirene espandibile (6,5%); clorulo di vinile (6,8%); bottiglie di plastica (3%); lavabi e
bagni (6,3%); piatti, tazze, bicchieri (6,5%); vassoi (5,3%); cornici di plastica (3,4%);
guanti medici di plastica (nessun dazio); tubature e condotte in colorulo di vinile (3,1%);
piastrelle di vinile (5,3%).
403
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
4. Proibizioni e restrizioni
-
Nel caso di articoli o prodotti in plastica: se i prodotti sono destinati all’uso
medicinale, sanitario od alimentare, devono soddisfare i requisiti ed i certificati di
entrata stabiliti dalla U.S.Food and Drug Administration (FDA);
-
Nel caso di prodotti destinati al consumo: i prodotti importati destinati al consumo
devono conformarsi agli standard in materia di sicurezza stabiliti dalla U.S.Federal
Trade Commission (FTC) e dalla Consumer Product Safety Commission (CPSC).
L’importazione di qualunque articolo destinato al consumo dichiarato “sostanza
pericolosa vietata” sulla base di quanto stabilito dal Consumer Product Safety Act
(CPSA) è proibita;
-
Richieste di contrassegni – etichette: il trasporto di qualsiasi prodotto contenente
sostanze classificate come pericolose o tossiche, deve conformarsi alle richieste in
termini di etichette e di imballaggio adottatate dalla Environmental Protection
Agency (46 CFR 147.30) e dal U.S.Department of Transportation (49 CFR 171 et
seq.) .
5. Pubblicazioni disponibili
 Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
404
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.gpo.gov/
 Per informazioni relative all’importazione di plastica e di prodotti di plastica
classificati come tossici o pericolosi:
-
“Toxic Substances Control Act: A Guide for Chemical Importers/Exporters”
(pubblicato dalla EPA);
-
“TSCA Chemical Substance Inventory” (edizione 1985: Doc.Code S/N 055-00000254-1);
-
“Supplement to TSCA Chemical Substances Inventory” (Doc.Code S/N 055-00000361-1).
 Per informazioni relative alle richieste della FDA in materia di importazioni di
plastica e di prodotti di plastica destinati all’uso sanitario:
-
“Requirements of Laws and Regulation Enforced by the U.S.Food and Drug
Administration”, volume pubblicato dalla FDA e disponibile su richiesta
direttamente dagli uffici della FDA.
6. Riviste
Plastics Technology
Frequenza mensile
2 West 46th Street, Suite 205
New York, NY 10036
Tel.: (646) 827 4848
405
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (513) 527 8801
Sito internet: http://www.plasticstechnology.com
Plastic News
Frequenza settimanale
1725 Merriman Road
Akron, OH 44313-5283
Tel.: (330) 836 9180
Fax: (330) 836 2322
Don Loepp, Managing Editor
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.plasticsnews.com
Journal of Vinyl & Additive Technology
Frequenza bimestrale
P.O. Box 403
Brookfield, CT 06804
14 Fairfield Drive
Brookfeld, CT 06804
Tel.: (203) 775 0471
Fax: (203) 775 8490
406
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di plastica e di prodotti in plastica. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC)
mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Consumer Product Safety Act (15 USC 1263): legge che concede alla Consumer
Product Safety Commission (CPSC) l’autorita’ di stabilire standard di sicurezza,
procedure di controllo e richieste di documentazione al fine di assicurare la
non dannosita’ dei prodotti destinati ai consumatori;
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso
a pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione
di cibi, cosmetici, medicinali e prodotti relative;
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et
seq.): relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti
utilizzati con cibo, medicinali e cosmetici;
-
Federal Hazardous Substances Act (15 USC 1261): legge che controlla
l’importazione di sostanze pericolose;
-
Hazardous Materials Regulations (49 CFR 170 et seq.): regolamento che
classifica tutte quelle sostanze ritenute pericolose e che fornisce regole per il
trasporto, la sicurezza, l’etichettamento;
-
Labeling of Hazardous Materials (46 CFR 147.30): regolamento che richiede
l’etichettamento dei contenitori di sostanze pericolose;
-
Carriage of Solid Hazardous Materials in Bulk (46 CFR 148 et seq.):
regolamento che governa il trasporto di sostanze solide pericolose;
-
Toxic Substances Control Act (15 USC 2601 et seq.): legge che autorizza
l’Environmental Protection Agency (EPA) a stabilire quando una sostanza è da
ritenersi pericolosa e quando è necessario restringerne l’importazione;
407
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Toxic Substances Control Regulations (19 CFR 12.118 et seq.): regolamento
che richiede agli importatori di sostanze chimiche di certificare alla dogana che
i prodotti in questione soddisfano il Toxic Substances Control Act.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla FDA per prodotti di plastica:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 20740-3835
Toll free information: (888) 723 3366
Tel.: (202) 547 9359
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/list.html
 Per informazioni relative agli standard richieste dalla Consumer Product Safety
Commission (CPSC) per quanto riguarda i prodotti di plastica:
U.S. Consumer Product Safety Commission (CPSC)
Office of Compliance and Field Operations
John “Gib” Mullan, Assistant Exec. Dir.
Tel.: (301) 504 7912
4330 East West Highway
Bethesda, MD 20814
408
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel: (301) 504 7923
Fax: (301) 504 0124
E Mail: [email protected]
Sito internet: http://www.cpsc.gov
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla TSCA e dalla EPA per
l’importazione di prodotti chimici:
Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pollution Prevention and Toxics
1200 Pennsylvania Avenue, NW
Mail Code 7401-M
Washington, DC 20460
Tel.: (202) 564 8800
Fax: (202) 564 8899
Sito Internet: http://www.epa.gov/opptintr/p2home
· Per informazioni relative al trasporto di sostanze pericolose:
U.S. Department of Transportation (DOT)
Pipeline and Hazardous Materials Safety Administration (PHMSA)
Hazardous Materials Safety
1200 New Jersey Avenue
East Building, 2nd Floor
Washington, DC 20590
Tel.: (202) 366 0656
Fax: (202) 366 5713
409
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E mail: [email protected]
Sito internet: http://www.phmsa.dot.gov/about/contact
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
National Plastics Expo & Conference (NPE)
Per infromazioni:
Contacts: The Society of the Plastic Industry, Inc.
1600 K Street, NW, Suite 1000
Washington, DC 20006
Tel.: (202) 974 5235
Fax: (202) 296 7243
E-mail: [email protected]
Sito: http://www.npe.org/
Date: 22 – 26 giugno 2009 (frequenza triennale)
McCormick Place
Chicago, IL
410
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
International Association Plastics Distributors Annual Meeting
Per informazioni:
Susan Avery, CAE, Exec. Dir.
E-mail: [email protected]
6734 W. 121st Street
Overland Park, KS 66209
Tel.: (913) 345 1005
Fax: (913) 345 1006
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.iapd.org
Date: 21 - 25 Settembre 2010 (frequenza annuale)
Indianapolis , IN
Plastics Engineering Society Annual Spring Technical Conference
Per informazioni:
13 Church Hill Road
Newton, CT 06470
Tel.: (203) 775 0471
Fax: (203) 775 8490
E-mail: [email protected]
Date: 16 - 20 Maggio 2010 (frequenza annuale),
Orlando World Center Marriott Resort & Convention Center
Orlando, FL
411
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
10.
2009
Associazioni di settore
International Association of Plastics Distributors (IAPD)
6734 W. 121st Street
Overland Park, KS 66209
Susan Avery, Exec. Dir.
E-mail: [email protected]
Tel.: (913) 345 1005
Fax: (913) 345 1006
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.iapd.org
Plastic and Metal Products Manufacturers Association (PMPMA)
145 W. 45th St.
Suite 800
New York, NY 10036
Tel.: (212) 398 5400
Fax: (212) 398 3141
Sito: http://www.arcat.com
Society of the Plastics Industry (SPI)
1667 K St., NW, Suite 1000
Washington, DC 20006
Tel.: (202) 974 5200
Fax: (202) 296 7005
Sito internet: http://www.plasticsindustry.org/
412
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Prodotti farmaceutici
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
413
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni....................................................................................... 416
2.
Documentazione di entrata ........................................................................................... 418
3.
Dazi di importazione ...................................................................................................... 419
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................. 419
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................. 422
6.
Riviste ............................................................................................................................. 423
6.
Principali leggi e regolamenti......................................................................................... 425
7.
Principali Agenzie Governative ...................................................................................... 427
8.
Principali Fiere e esposizioni di settore: ........................................................................ 432
9.
Associazioni di settore ................................................................................................... 434
414
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 22 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Prodotti farmaceutici
415
CODICE
30
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di prodotti farmaceutici nel mercato statunitense nell’ultimo
decennio si sono presentate molto irregolari. Fino al 1999 il trend ha evidenziato una
crescita continua e alquanto sostenuta, negli anni 1999/2000 le vendite sono raddoppiate
passando da poco piú di 600 milioni di dollari a piú di 1 miliardo. Tale risultato rimane
alquanto singolare, infatti nel 2001 le vendite diminuiscono drasticamente per tornare a
valori vicini ai 600 milioni di dollari.
2,500
2,000
1,500
1,000
500
0
Figure 53 Esportazioni di prodotti farmaceutici (mln di dollari)
Fino al 2003 il trend non si e’ di molto discostato dal risultato raggiunto nel 2001,
registrando una lieve diminuzione delle vendite nel 2002, mentre nel 2005 si e’ verificato
416
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
un importante incremento delle esportazioni che invece negli ultimi due anni sono
diminuite o rimaste stabili.
2,500
1.60
1.40
mln dollar
2,000
1.20
1.00
1,500
0.80
1,000
0.60
0.40
500
0.20
0.00
2001
2002
2003
2004
Pdt Farmaceutici
2005
2006
2007
2008
Euro/Dollaro
Figure 54 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
In particolar modo il 2001 si chiude con un crollo delle vendite rispetto al 2000 del
42.74% (- $463 milioni); anche il 2002 rappresenta un anno negativo per le esportazioni:
si registra, infatti, un’ulteriore diminuzione del 9.03% (- $56 milioni). Nel 2003 si assiste
ad una lieve ripresa: le vendite raggiungono i 644 milioni di dollari segnando un aumento
rispetto al 2002 del 14.04%. Nel 2004 si e’ verificato un incremento significativo delle
esportazioni, arrivando ad un livello di circa 919 milioni di dollari (+ 42.8%). Il trend
positivo continua nel 2005 con un livello di esportazioni di 1,447 miliardi di dollari (+
57.28). Nel 2006 e nel 2007 si è avuto un simile valore di prodotti farmaceutici esportati,
intorno ai 1300 milioni di dollari. Importante il risultato conseguito nel 2008 che, in
controtendenza rispetto alla congiuntura economica, ha visto aumentare le esportazioni
di quasi il 50% a quota 1485 milioni di dollari.
417
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Millions
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1,600
1,400
1,200
1,000
800
600
400
200
0
Tonsille ed Eparina
Medicamenti senza dosagio
Bendaggi
Sangue umano ed animale, vaccini
Medicamenti in dosagio
Prodotti farmaceutici e varie
Figure 55 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
In particolar modo, osservando la composizione per singola categoria merceologica, i
prodotti maggiormente esportati rientrano nella categoria dei composti farmaceutici, il
cui andamento ha inciso significativamente sull’ insieme dei prodotti considerati.
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), sono richiesti:
418
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Il modulo “Form FD 701” - richiesto per tutte quelle importazioni regolate dalla
U.S.Food and Drug Administration (FDA) sulla base di quanto previsto dal Federal
Food, Drug and Cosmetic Act (FDCA);
-
Il certificato TSCA (Toxic Substances Control Act) per tutti i prodotti contenti
sostanze chimiche classificate come pericolose;
-
L’autorizzazione del U.S.Department of Agriculture (USDA) per tutti i prodotti
biologici destinati ad uso veterinario;
-
L’autorizzazione del U.S.Public Health Service Centers for Disease Control (CDC)
per tutti i prodotti contenenti agenti/vettori di malattie umane.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
medicinali contenenti antibiotici (nessun dazio); medicinali contenenti penicillina (nessun
dazio); pastiglie per la tosse (nessun dazio); materiale sterile per suture (nessun dazio);
vaccini per medicine umane (nessun dazio); vaccini contro il mal di gola (nessun dazio);
materiale da sutura sterile (nessun dazio); spugna di laparatomia (nessun dazio).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Nuovi medicinali: il Federal Food, Drug and Cosmetic Act (FDCA) proibisce
l’adulterazione di qualsiasi medicinale e richiede che ogni nuovo medicinale sia
controllato ed approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) prima di essere
immesso sul mercato. Un medicinale che è stato utilizzato al di fuori degli Stati Uniti
ma mai all’interno del mercato americano viene comunque considerato alla stregua
419
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
di un “medicinale nuovo” sulla base del FDCA. Per ottenere l’approvazione da parte
della FDA occorre che lo sponsor del medicinale (di solito, anche se non sempre, il
produttore del medicinale stesso) compili una “New Drug Application” (sulla base di
quanto previsto dal regolamento 21 CFR 314). Questo documento serve infatti ad
attestare presso la FDA, sulla base di effettivi dati scientifici, la sicurezza del
medicinale e la sua effettività. Una volta che uno specifico medicinale è approvato, la
sua formula, il suo processo di fabbricazione, la sua etichetta, il suo dosaggio e la sua
confezione non possono più essere cambiati in mancanza di una nuova
approvazione da parte della FDA. I nuovi medicinali che vengono importati negli
Stati Uniti per esclusivo uso investigativo da parte di esperti qualificati, devono
invece conformarsi con quanto previsto dal “Investigational New Drug Regulations”
(21 CFR 312) adottato dalla FDA.
-
Prodotti biologici: sulla base del Public Health Service Act (PHSA), per importare
negli Stati Uniti prodotti biologici è necessario ottenere una specifica licenza (sulla
base del regolamento 21 CFR 600-680,211) che attesti la conformità del prodotto in
questione nei confronti degli standard di sicurezza, effettività, purezza previsti dal
PHSA. Il Center for Biological Evaluation and Research (CBER) della FDA è l’ufficio
che monitora l’importazione di prodotti biologici. In alcuni casi, per l’importazione
di prodotti biologici derivati da organismi viventi, è obbligatoria una previa
autorizzazione da parte dello stesso CBER. Per ottenere la suddetta autorizzazione
occore sottomettere all’attenzione del CBER la seguente documentazione: 1) un
campione del prodotto in questione; 2) un dettagliato resoconto del suo processo di
fabbricazione; 3) i risulati dei test richiesti dal CBER per la tipologia di prodotti
importati;
-
Prodotti biologici ad uso veterinario: per poter importare negli Stati Uniti prodotti
biologici destinati all’uso veterinario, è necessario essere in possesso di una licenza
(il “Veterinay Services permit – VS”) rilasciata direttamente dall’Animal and Plant
420
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Health Inspection Service’s Veterinary Biologics Staff (APHIS) del Dipartimento
dell’Agricoltura del governo americano, sulla base di quanto previsto dal Virus
Serum Toxic Act (VSTA). Esistono tre tipi di licenze: 1) licenza per ricerche e
valutazioni; 2) licenza per la distribuzione e la vendita; 3) licenza per il trasporto.
L’APHIS regola anche l’importazione negli Stati Uniti di tutti quei prodotti di origine
animale che possono rappresentare dei rischi di malattia per gli allevamenti presenti
in America. In questa categoria rientrano non solamente i prodotti animali, ma
anche il materiale biologico che contiene o è stato a diretto contatto con materiale
animale (inlcuse tutte le colture di cellule). In questi casi è necessario compilare il
modulo “Form 16-3” e “Form 16-7” (ottenibile dal Veterinary Services Office) per
conseguire l’autorizzazione da parte dell’APHIS;
-
Farmaci per animali: nessun nuovo medicinale per animali può essere importato
negli Stati Uniti senza previa approvazione da parte della FDA. Per richiedere
l’approvazione è necessario compilare la New Animal Drug Application (FDA 356V).
Il modulo in questione deve attestare, sulla base di dati scientifici, l’effettivit{ e la
sicurezza dei prodotti in questione. Nel caso dell’importazione di prodotti alimentari
trattati con medicinali, è necessario inoltrare al Centro per la Medicina Veterinaria
(Center for Veterinary Medicine) della FDA il modulo “Form FDA-1900” (“Medicated
Feed Application”) per ottenere l’autorizzazione per la distribuzione commerciale
dei prodotti in questione. Tutti i preparati di pesticida (come gli insetticidi ed i
fungicidi) sono soggetti a quanto previsto dal Federal Insecticide, Fungicide and
Rodenticide Act (FIFRA) amministrato dal Pesticide Registration Division del
Environmental Protection Agency (EPA);
-
Richieste di contrassegni – etichette: il trasporto di qualsiasi prodotto contenente
materiale chimico classificato come sostanza pericolosa, deve conformarsi con le
richieste in termini di etichette e di imballaggio adottate dalla Environmental
Protection Agency (46 CFR 147.30) e dal U.S.Department of Transportation (49 CFR
421
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
171 et seq.). Per quanto riguarda i medicinali, ogni etichetta deve indicare (in lingua
inglese) le seguenti informazioni: 1) il nome e l’indirizzo del produttore o
distributore; 2) l’indicazione del dosaggio; 3) la quantit{ del contenuto; 4) l’elenco
degli ingredienti; 5) la data di scadenza; 6) il nome e la quantità di tutte quelle
sostanze che possono indurre dipendenza; 7) l’indicazione della quantit{ o della
proporzione dei seguenti elementi (se presenti nel medicinale) e loro derivati:
alcool, cloroformo, etere, bromido, acetanilide, afenacetina, amidofirina, arsenico,
mercurio, stricnica, ioscina, strofantina, tiroidina. Nel caso di medicinali che
richiedono una ricetta medica, l’etichetta deve contenere: 1) la legenda: “Caution:
Federal law prohibits dispensing without prescription”; 2) l’indicazione se il
medicinale è da assumersi per via orale o diversamente; 3) se il medicinale è da
assumersi per via endovenosa, l’indicazione del nome e della quantit{ di ciascun
ingrediente; 4) l’indicazione del dosaggio consigliato. Le etichette non devono
inoltre contenere nessuna dichiarazione che sia falsa o possa essere considerata
ingannevole per il consumatore. Nel caso di prodotti biologici, il Public Health
Service Act richiede che nelle etichette siano contenute le seguenti informazioni: 1)
il nome, l’indirizzo ed il numero di licenza del produttore; 2) la data di scadenza del
prodotto. Nel caso di prodotti biologici destinati ad uso veterinario, il Dipartimento
dell’Agricoltura Americano richiede che nelle etichette siano contenute le seguenti
informazioni: 1) il nome del prodotto; 2) il numero della licenza (VS) rilasciata dallo
stesso Dipartimento dell’Agricoltura; 3) il numero seriale affisso dal produttore per
identificare il prodotto in questione; 4) la data di riconsegna.
5. Pubblicazioni disponibili
 Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
422
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.gpo.gov/
 Per informazioni relative all’importazione di prodotti farmaceutici tossici o
pericolosi:
-
“Toxic Substances Control Act: A Guide for Chemical Importers/Exporters”
(pubblicato dalla EPA)
-
“TSCA Chemical Substance Inventory” (edizione 1985: Doc.Code S/N 055-00000254-1)
-
“Supplement to TSCA Chemical Substances Inventory” (Doc.Code S/N 055-00000361-1)
 Per informazioni relative all’importazione di prodotti farmaceutici:
-
“Requirements of Laws and Regulations Enforced by the U.S. Food and Drug
Administration”, disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici della FDA.
6. Riviste
Biopharm International Magazine
423
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Frequenza mensile
Suggy S. Chrai, President & CEO
859 Willamette St.
Eugene, OR 97401-2918
Tel.: (541) 343 1200
Fax: (541) 344 3514
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.biopharm-mag.com
Chain Drug Review
Frequenza bi-settimanale
Kevin Burke, Vice President/Group Advertising Director
220 Fifth Ave., 18th Floor
New York, NY 10001
Tel.: (212) 699 2335
Fax: (212) 725 4594
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.chaindrugreview.com/
Drug Store News
Frequenza bi-settimanale
425 Park Avenue
New York, NY 10022
Tel.: (212) 756 5220
Fax: (212) 756 5250
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.drugstorenews.com/
424
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Global Cosmetic Industry
Frequenza mensile
336 Gundersen Drive, Suite A
Carol Stream, IL 60188-2403 USA
Tel. : (630) 653 2155
Fax: (630) 653 2192
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.allured.com/
The Journal of Clinical Pharmacology
Frequenza mensile
Marjory M. Spraycar, Editorial Manager
1275 York Ave.
New York, New York 10021
Tel.: (212) 639 8488
Fax: (212) 717 3624
Sito internet: http://jcp.sagepub.com/
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di prodotti farmaceutici. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i
regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di
cibi, cosmetici, medicinali e prodotti relative;
425
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et
seq.): relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti
farmaceutici;
-
Federal Hazardous Substances Act (15 USC 1261): legge che controlla
l’importazione di sostanze pericolose;
-
Hazardous Materials Regulations (49 CFR 170 et seq.): regolamento che classifica
tutte quelle sostanze ritenute pericolose e che fornisce regole per il trasporto, la
sicurezza, l’etichettamento;
-
Labeling of Hazardous Materials (46 CFR 147.30): regolamento che richiede
l’etichettamento dei contenitori di sostanze pericolose;
-
Carriage of Solid Hazardous Materials in Bulk (46 CFR 148 et seq.): regolamento
che governa il trasporto di sostanze solide pericolose;
-
Toxic Substances Control Act (15 USC 2601 et seq.): legge che autorizza l’EPA a
stabilire quando una sostanza e’ da ritenersi pericolosa e quando e’ necessario
restringerne l’importazione;
-
Toxic Substances Control Regulations (19 CFR 12.118 et seq.): regolamento che
richiede agli importatori di sostanze chimiche di certificare alla dogana che i
prodotti in questione soddisfino il Toxic Substances Control Act;
-
Virus Serum Toxin Act (21 USC 151 et seq.): legge che proibisce la preparazione, la
vendita e l’importazione di qualunque virus, siero, tossina da utilizzare sugli
animali senza previa autorizzazione;
-
Licensing of Biological Products (42 USC 262): legge che richiede alle persone che
trattano in prodotti biologici, incluso importatori ed esportatori, di aderire a
standard specifici e di essere in posseso di relativa licenza;
-
Regulations on Biological Products (9 CFR 101 et seq.; 19 CFR 12.17 et seq.; 45 CFR
204; 21 CFR 5,7,25,50,58,433 e 510): regolameti che specificano le procedure e ed i
426
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
requisiti per l’importazione, esportazione, trasporto, etichettamento di prodotti
biologici;
-
Public Health Service Act (42 USC 201 et seq.): legge che stabilisce i meccanismi di
controllo per i prodotti biologici a difesa dei consumatori americani;
-
Federal Insecticide, Fungicide and Rodenticide Act – FIFRA (7 USC 135 et seq.):
legge che vieta l’importazione di prodotti esposti a certi pesticidi od ad altri
prodotti che sono stati adulterati in violazione della Legge in questione;
-
Regulations on Pesticides (19 CFR 12; 40 CFR 162): regolamenti che stabiliscono le
procedure e le linee guida per l’importazione di prodotti che sono stati esposti a
pesticide.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative all’importazione negli Stati Uniti di prodotti farmaceutici,
rivolgersi a:
Food and Drug Administration (FDA)
Division of drug information (CDER)
10903 New Hampshire Avenue
Silver Spring, MD 20993
Tel.: (301) 796 3400
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.fda.gov/cder
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
427
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 20740-3835
Toll free information: (888) 723 3366
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/list.html
 Per informazioni relative alle licenze ed ai moduli di registrazione per quanto
riguarda prodotti biologici destinati agli uomini:
U.S. Food and Drug Administration (FDA)
Center for Biologics Evaluation and Research (CBER)
Office of Compliance
1401 Rockville Pike
Rockville, MD 20852-1448
Tel.1: (301) 827 1800
Tel.2: (800) 835 4709
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.fda.gov
 Per informazioni relative all’importazione di prodotti biologici destinati ad uso
veterinario:
Animal and Plant Health Inspection Service (APHIS)
Veterinary Services (VS)
National Center for Import and Export
4700 River Rd.
428
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Riverdale, MD 20737
Tel.: (301) 734 3277
Fax: (301) 734 6402
Veterinary biologics: (515) 232 5785
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.aphis.usda.gov/
Animal and Plant Health Inspection Service (APHIS)
International Services, Import/Export
4700 River Rd.
Riverdale, MD 20737
Tel.: (301) 734 8892
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.aphis.usda.gov/
 Per informazioni relative all’importazione di insetti od agenti eziologici:
Centers for Disease Control (CDC)
1600 Clifton Rd.
Atlanta, GA 30333
Tel.: (800) 232 4636
Tel.: (888) 232 6348
E-mail: [email protected]
Sito Intenet: http://www.cdc.gov
 Per informazioni relative alla registrazione ed allo status dei prodotti animali:
429
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
U.S. Food and Drug Administration (FDA)
Center for Veterinary Medicine
Office of Surveillance and Compliance
7519 Standish Place
Rockville, MD 20855
Tel.: (240) 276 9200
Fax : (240) 276 9241
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.fda.gov/cvm/
 Per informazioni relative alla regolamentazione dei pesticidi:
Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pesticide Programs
Debbie Edwards, Office Director
1200 Pennsylvania Ave. NW
Washington, D.C. 20460
Tel.: (703) 305 7090
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.epa.gov/pesticides/
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla TSCA e dalla EPA per
l’importazione di prodotti chimici:
Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Prevention, Pesticides, and Toxic Substances (OPPTS)
TSCA Non confidential Information Center
430
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Susan B. Hazen, acting assistant administrator
East Building 1201 Pennsylvania Avenue, NW
Mail Code 7401M
Washington, DC 20004
Tel.: (202) 564 8800
Fax: (202) 564 8899
Sito Internet: http://www.epa.gov/opptintr/p2home/
 Per informazioni relative al trasporto di sostanze pericolose:
U.S. Department of Transportation (DOT)
Pipeline and Hazardous Materials Safety Administration (PHMSA)
1200 New Jersey Avenue, SE
Washington, DC 20590
Tel.: (202) 366 4433
Fax: (202) 366 3666
Sito internet: http://www.dot.gov/dotagencies.htm
 Per informazioni piú generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
431
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 La TSCA Chemical Substance Inventory e’ disponibile richiedendola a:
National Technical Information Service (NTIS)
U.S.Department of Commerce
5285 Port Royal Road
Springfield, VA 22161
Tel.: (703) 605 6000
TTY: (703) 487 4639
Sito Internet: http://www.fedworld.gov
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
American Association Pharmaceutical Scientists Annual Meeting & Expo
2107 Wilson Blvd., Ste. 700
Arlington, VA 22201
Tel.: (703) 243 2800
Fax: (703) 243 9650
Email: [email protected]
Sito Internet: www.aapspharmaceutica.com/annualmeeting/
Date: 14 - 12 novembre 2009 (frequenza annuale),
Los Angeles Convention Center
Los Angeles, CA
American Pharmacist Association Annual Meeting & Exhibit
Per informazioni:
2215 Constitution Avenue, NW
Washington, DC 20037 – 2975
432
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Lindsay Mace, General Assistance
Tel.: (202) 429 7593
Fax: (202) 737 3211
Sito internet: www.pharmacist.com
Date: 12 - 15 marzo 2010 (frequenza annuale)
Walter E. Washington Convention Center
Washington, DC
American Society Health System Pharmacists Midyear Clinic Meeting
Per informazioni:
Krystal Stotz, General exhibit questions and Special assistance
7272 Wisconsin Avenue
Bethesda, MD 20814
Tel.: (301) 664 8602
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.ashp.org
Date: 5 - 9 dicembre 2010 (frequenza annuale)
Orange County Convention Center
Anaheim, CA
Parenteral Drug Association Annual Meeting & Expo
Per infromazioni:
James Brown, Programs Manager
Phone: (301) 656 5900
E-mail: [email protected]
Breteshda Towers, 4350 East West Highway, Suite 150
Bethesda, MD 20814
433
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (301) 656 5900
Fax: (240) 482 1659
Sito internet: www.pda.org
Date: 15 – 19 Marzo 2010 (frequenza annuale)
Gaylord Palms Resort and Convention Center
Orlando, FL
10. Associazioni di settore
Drug, Chemical & Associated Technologies Association
One Washington Blvd., Suite 7
Robbinsville, NJ 08691
Phone: 609-448-1000
Toll Free: 800-640-DCAT (3228)
Fax: 609-448-1944
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.dcat.org
National Pharmaceutical Council (NPC)
1894 Preston White Dir.
Reston, VA 20191-5433
Tel.: (703) 620 6390
Fax: (703) 476 0904
Dan Leonard, Pres.
Tel.: (703) 715 2750
Ann Menninger, Assistant to the president
Tel.: (703) 715 2758
434
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.npcnow.org/
Consumers Health Products Association (CHPA)
900 19th Street, NW, Suite 700
Washington, DC 20006
Tel: (202) 429-9260
Fax: (202) 223-6835
Elizabeth Funderburk, Director of communications and media relations
Tel.: (202) 429 3520
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.chpa-info.org
435
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Prodotti non lavorati, intermedi e finiti
in ferro e acciaio
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
436
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
L’andamento delle esportazioni italiane di prodotti non lavorati, intermedi e finiti nel
mercato statunitense nel periodo 1997/2008 si presenta molto variabile.
Il 2008 è stato l’anno che ha fatto registrare il valore piú alto delle vendite con 1.461
milioni di dollari, più del doppio rispetto alla cifra d’affari registrata nel 1997, pari a 618
milioni.
1,600
1,400
1,200
1,000
800
600
400
200
0
Figure 56 Esportazioni di prodotti semilavorati, intermedi e finiti in acciaio e ferro (mln di dollari)
Il trend degli ultimi anni è stato caratterizzato da una diminuzione fino al 2003 e da una
rapida ripresa proseguita poi fino al 2007. In particolare il 2002 si è concluso con una
perdita di giro d’affari pari al 11.35% (- $66 milioni) rispetto al 2001; nel 2003 le nostre
437
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
esportazioni hanno fatto registrare un valore delle pari a 458 milioni di dollari che
rappresenta un’ulteriore diminuzione del 11.1% rispetto al 2002. Il 2004 ha fatto, invece,
registrare un aumento dell’ 95.21%, con esportazioni pari ad un valore di circa 894
milioni di dollari. Il valore delle esportazioni è raddoppiato fra il 2003 e il 2004, e
continua ad aumentare nel 2005 con un livello di esportazioni di 992 milioni di dollari
pari ad un incremento del 10.88%.
Nel 2006 e nel 2007 si è avuto un aumento
rispettivamente del 28,2% e del 31,5%. Nel 2008 si è registrata un’ulteriore crescita, in
mln dollar
controtendenza rispetto alla congiuntura economica, con un aumento del 2%.
1,600
1.60
1,400
1.40
1,200
1.20
1,000
1.00
800
0.80
600
0.60
400
0.40
200
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
2004
Prodotti ferro e acciaio
2005
2006
2007
2008
Euro-Dollaro
Figure 57 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Analizzando le componenti della categoria merceologica, si puó notare come gli articoli
maggiormente significativi siano le barre in acciaio, i prodotti in acciaio inossidabile e le
438
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
viti e i bulloni. Le esportazioni di tali articoli si mantegono intorno ai 50 milioni di dollari
con andamenti variabili negli ultimo dieci anni, ma comunque di tendenziale crescita. In
particolare, le barre in acciaio nel 2007 hanno registrato un aumento del 138% rispetto al
2004, con un valore pari a 205 milioni di dollari. I prodotti in acciaio inossidabile hanno
conosciuto un buon trend nel periodo 2005-2007 per poi subire un crollo significativo nel
Millions
2008, tornando al di sotto della quota di 50 milioni di dollari.
250
200
150
100
50
0
Barre in acciaio
Viti e bulloni
Figure 58 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati), è necessario essere in possesso di:
439
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Il certificato richiesto dall’U.S.Environmental Protection Agency (EPA) che attesta
la conformità ai termini di sicurezza previsti dal Toxic Substances Control Act
(TSCA) per i prodotti non lavorati ed intermedi di ferro ed acciaio – qualora i
materiali importati siano classificati come pericolosi;
-
Nel caso di prodotti/articoli finiti in ferro o acciaio destinati all’utilizzo nel campo
alimentare, il modulo “Form FD 701” richiesto dalla U.S.Food and Drug
Administration (FDA) sulla base di quanto previsto dal Federal Food, Drug and
Cosmetic Act (FDCA);
-
La fattura di entrata, contenente la percentuale in base al peso di carbonio e di ogni
altro elemento metallico contenuto nei prodotti ed articoli importati. Questa
disposizione è sempre valida quando si importano prodotti non lavorati ed
intermedi di acciaio e ferro; nel caso di prodotti finiti, la disposizione è valida nel
caso di quegli articoli che rientrano nei capitoli dal 7301 al 7307 sulla base della
classificazione dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS
(tubazioni e condutture con un diametro esterno superiore ai 406,4 mm; parti per
tubazioni e condutture; materiale da costruzione per linee ferroviarie e tranviarie;
lamine per pianificazioni di sostegno).
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
palificazioni in acciaio (0,8%); sbarre in lega di acciaio (1,2%); tubazioni in ferro (1,5%);
tubazioni in ferro o acciaio per oleodotti di gas o petrolio (1,6%); tubazioni in ferro o
acciaio per la perforazione (1%); tubazioni in lega di acciaio per le perforazioni (7,5%);
ponti e parti di ponti (1,1%); impalcature (1,1%); cisterne in acciaio (nessun dazio);
ancore (nessun dazio); radiatori (nessun dazio); cucine (nessun dazio); viti per legno
440
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
(12,5%); cavi galvanizzati (4%); ghisa speculare (0,2%); fosforo (nessun dazio); silicone
(3%); polvere di lega d’acciaio (4%); prodotti semifiniti di acciaio e ferro contenenti lo
0,25% o piú di carbonio (4,2%).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Richieste di contrassegni – etichette: il trasporto di qualsiasi prodotto contenente
sostanze classificate come pericolose o tossiche, deve conformarsi alle richieste in
termini di etichette e di imballaggio adottatate dalla Environmental Protection
Agency (46 CFR 147.30) e dal U.S.Department of Transportation (49 CFR 171 et
seq.); nel caso dell’importazione di specifici prodotti (tubi e condotti in acciaio e
ferro; ghiere per bocche di accesso; telai; coperture; cilindri compressi per gas) è
inoltre obbligatorio apportare una etichetta che attesti il paese di provenienza del
prodotto in questione;
-
Misure anti-dumping: nel caso di comprovata vendita negli Stati Uniti di prodotti in
acciaio e ferro ad un costo od ad un prezzo inferiore rispetto a quello prevalente
nel paese di provenienza del prodotto in questione (politiche di dumping), è
possibile l’adozione da parte del governo americano di misure miranti a
proteggere i prodotti in acciaio e ferro americani (mediante restrizioni alle
importazioni, dazi punitivi, etc.).
5. Pubblicazioni disponibili
 Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
441
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.gpo.gov/
6. Riviste
American Metal Market
Frequenza giornaliera (da lunedì a venerdì)
1250 Broadway, 26th Floor
New York, NY 10001
Editorial Offices: (212) 213 6202
Subscriber Services: (212) 224 3577 Toll Free: (877) 638 2856
Customer Service: (646) 274 6267
E-mail: [email protected]
Jo Isenberg-O'Loughlin, Senior Managing Editor
Tel: (646) 274-6230
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.amm.com
Modern Metals
Frequenza mensile
625N. Michigan Ave. Ste. 1100
442
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Chicago, IL 60611
Tel.: (312) 654 2300
Fax: (312) 654 2323
Lauren Duensing, Editor-in-Chief
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.modernmetals.com/
Iron Age Scrap Price Bulletin
Frequenza mensile
P.O. Box 15127
North Hollywood, CA 91615-5577
John Ambrosia, Editor
Tel.: (708) 784 1043
E-mail: [email protected]
Customer Service: (646) 274 6267
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.scrappricebulletin.com/
Modern Machine Shop
Frequenza mensile
Mark D. Albert, Editor
6915 Valley Avenue
Cincinnati, OH 45244-3029
Tel.: (513) 527 8800
Fax: (513) 527 8801
Sito internet: http://www.mmsonline.com/
443
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
American Machinist
Frequenza mensile
Robert Brooks, Editor-in-Chief
1300 E. 9th St.
Cleveland, Ohio 44114-1503
Tel.: (216) 696 7000
Fax: (216) 931 9524
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.americanmachinist.com/
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per le esportazioni negli
Stati Uniti di prodotti non lavorati, intermedi e finiti in ferro ed acciaio. Le leggi sono
contenute nel U.S.Code (USC) mentre i regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal
Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di
cibi, cosmetici, medicinali e prodotti relativi;
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et
seq.): relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti
utilizzati con il cibo, i medicinali ed i cosmetici;
-
Federal Hazardous Substances Act (15 USC 1261): legge che controlla
l’importazione di sostanze pericolose;
444
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Hazardous Materials Regulations (49 CFR 170 et seq.): regolamento che classifica
tutte quelle sostanze ritenute pericolose e che fornisce regole per il trasporto, la
sicurezza, l’etichettamento;
-
Labeling of Hazardous Materials (46 CFR 147.30): regolamento che richiede
l’etichettamento dei contenitori di sostanze pericolose;
-
Carriage of Solid Hazardous Materials in Bulk (46 CFR 148 et seq.): regolamento
che governa il trasporto di sostanze solide pericolose;
-
Toxic Substances Control Act (15 USC 2601 et seq.): legge che autorizza
l’Environmental Protection Agency (EPA) a stabilire quando una sostanza è da
ritenersi pericolosa e quando è necessario restringerne l’importazione;
-
Toxic Substances Control Regulations (19 CFR 12.118 et seq.): regolamento che
richiede agli importatori di sostanze chimiche di certificare alla dogana che i
prodotti in questione soddisfano il Toxic Substances Control Act.
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla FDA per prodotti in ferro ed
acciaio destinati ad utilizzo con alimenti:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 207403835
Toll free information: (888) 723 3366
Tel: (202) 547 9359
445
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito Internet: http://www.cfsan.fda.gov/
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla TSCA e dalla EPA per
l’importazione di sostanze classificate come tossiche o pericolose:
Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pollution Prevention and Toxics
TSCA System Information
1200 Pennsylvania Avenue, NW
Mail Code 7401M
Washington, DC 20460
Tel.: (202) 564 8805
Fax: (202) 564 8899
E-mail: [email protected]
Sito Internet http://www.epa.gov/opptintr/p2home/
 Per informazioni relative al trasporto di sostanze pericolose:
U.S. Department of Transportation (DOT)
Pipeline and Hazardous Materials Safety Administration (PHMSA)
Hazardous Materials Safety
1200 New Jersey Ave., SE
Washington, DC 20590
Tel.: (202) 366 4831
Fax: (202) 366 5713
E mail: [email protected]
Sito internet: http://www.phmsa.dot.gov/home
446
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per informazioni piú generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
International Die Casting Congress & Expo
Per informazioni:
North American Die Casting Association
241 Holbrook Dr.
Wheeling, IL 60090-5809
Tel.: (847) 279 0001
Fax: (847) 279 0002
Sito internet: http://www.diecasting.org
E-mail: [email protected]
Date: (frequenza triennale), prossimo evento 2011
Iron & Steel Technology Conference and Expo
Per informazioni:
Shannon Kiley, Events Planner
447
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (724) 814 3064
E-mail: [email protected]
Assciation for Iron & Steel Technology (AIST)
186 Thorn Hill Rd.
Warrendale, PA 15086-7528
Tel.: (724) 814 3000
Fax: (724) 814 3001
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.aist.org/
Date: 3 - 6 maggio 2010 (frequenza annuale)
David L. Lawrence Convention Center
Pittsburgh, PA
Materials Science & Technologies Expo
Per informazioni:
Kelly Thomas
E-mail: [email protected]
Tel.: (480) 338 1733
ASM International
9639 Kinsman RD
Materials PK, OH 44073-0002
Tel.: (440) 338 5151
Fax: (440) 338 4634
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.asminternational.org/
Date: 17 – 21 Ottobre 2010 (frequenza annuale)
Houston, Texas
448
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Metal Powder Industries Fed Powder Metallurgy (PowderMet)
Per informazioni:
Jessica Tamasi, Dir Mtgs
105 College Rd, East
Princeton, NJ 08540
Tel.: (609) 452 7700
Fax: (609) 987 8523
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.mpif.org
Date: 27 – 30 Giugno 2010 (frequenza annuale)
The Westin Diplomat
Hollywood (Ft. Lauderdale), FL
National Ornamental Miscellaneous Metals Assn
Per informazioni:
Martha Pennington, Mtg & Expo Mgr
1535 Pennsylvania Avenue
McDonough, GA 30253
Tel.: (888) 516 8585
Fax: (888) 516 8585
Sito internet: http://www.nomma.org/
E-mail: [email protected]
Date: 3 – 6 Marzo 2010 (frequenza annuale)
Tulsa, OK
449
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
10. Associazioni di settore
American Iron and Steel Association (AISI)
1140 Connecticut Ave., NW, Suite 705
Washington, D.C. 20036
Andrew G. Sharkey, Pres. & Ceo
Tel.: (202) 452 7100
Fax: (202) 463 6573
Sito internet: http://www.steel.org
Forging Industry Association (FIA)
Landmark Office Towers
25 W. Prospect Avenue, Ste. 300
Cleveland, OH 44115
Charles H. Hageman, Exec. VP
Tel.: (216) 781 6260
Fax: (216) 781 0102
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.forging.org/
Metal Powder Industries Federation (MPIF)
105 College Rd. E.
Princeton, NJ 08540-6692
C. James Trombino, Exec. Dir/CEO
Tel.: (609) 452 7700
Fax: (609) 987 8523
450
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.mpif.org
Steel Tank Institute/Plate Fabricators Association (SPFA)
994 Donata Ct.
Lake Zurich, Illinois 60047
Tel.: (847) 438 8265
Fax: (847) 438 8766
Wayne B. Geyer, Executive Vice President
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.steeltank.com/
Metals Service Center Institute (MSCI)
M. Robert Weidner III, Pres & CEO
4201 Euclid Ave.
Rolling Medows, IL 60008
Tel.: (847) 485 3000
Fax: (847) 485 3001
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.msci.org
American Concrete Pipe Association (ACPA)
Matt Childs, Pres.
E-mail: [email protected]
1303 W. Walnut Hill Lane, Ste. 305
Irving, TX 75038-3008
451
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (972) 506 7216
Fax: (972) 506 7682
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.concrete-pipe.org/
American Pipe Fittings Association (APFA)
201 Park Washington Ct.
Falls Church, VA 22046
Contact: Clay D. Tyeryar
Phone (703) 538 1786
Fax: (703) 241 5603
E-mail: [email protected]
452
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Profumi e cosmetici
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
453
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni....................................................................................... 456
2.
Documentazione di entrata ........................................................................................... 458
3.
Dazi di importazione ...................................................................................................... 459
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................. 460
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................. 462
6.
Riviste ............................................................................................................................. 463
7.
Principali leggi e regolamenti......................................................................................... 465
8.
Principali Agenzie Governative ...................................................................................... 466
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore ......................................................................... 469
10. Associazioni di settore ................................................................................................... 471
454
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 23 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Profumi e cosmetici
455
CODICE
33
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di profumi e cosmetici nel mercato statunitense nell’ultimo
decennio hanno registrato una sostanziale crescita. Il giro d’affari negli ultimi dieci anni e’
cresciuto di circa il 600% raggiungendo nel 2008 un valore di 450 milioni di dollari.
500
450
400
350
300
250
200
150
100
50
0
Figure 59 Andamento delle esportazioni di profumi e cosmetici (mln di dollari)
Il 2001 si e’ concluso in maniera molto positiva rispetto all’anno precedente registrando
un aumento delle esportazioni del 22.26%, pari a $217 milioni. Il 2002 ha mantenuto dei
valori di esportazioni pressochè in linea rispetto al 2001, mentre nel 2003 si e’ registrato
un incremento delle vendite del 11.38% pari a $25 milioni. Il 2004 ha invece fatto
registrare un notevole aumento delle esportazioni (+ 35.82%), con valori che si aggirano
intorno ai 327 milioni di dollari. Il 2005 chiude con un valore di 384 milioni di dollari in
esportazioni (+ 17.57%), confermando il trend positivo.
Il 2006 è l’anno in cui le
importazioni di prodotti cosmetici italiani raggiungono il valore più elevato, che non è
456
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
confermato nel 2007, anno in cui si ha una variazione percentuale negativa pari al 4,6%
rispetto all’anno precedente. Un fenomeno che potrebbe essere in parte ricondotto
mln dollar
all’andamento positivo del rapporto di cambio euro-dollaro.
500
450
400
350
300
250
200
150
100
50
0
1.60
1.40
1.20
1.00
0.80
0.60
0.40
0.20
0.00
2001
2002
2003
2004
2005
2006
Pdt Farmaceutici
2007
2008
Euro/Dollaro
Figure 60 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro - dollaro
Le componenti che guidano tale categoria merceologica sono principalmente tre: i
profumi e acqua di colonia, prodotti di bellezza e trucchi e prodotti per capelli. Con meno
di 20 milioni di valore esportato negli ultimi dieci anni seguono gli oli essenziali, i prodotti
per l’igiene orale altri prodotti per l’igiene personale.
457
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Millions
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
200
180
160
140
120
100
80
60
40
20
0
Oli essenziali
Profumi e acqua di colonia
Prodotti per capelli
Prodotti per l'igiene personale
Composti profumati
Prodotti di bellezza e cosmetici
Prodotti per l'igiene orale
Figure 61 Andamento esportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
Il trend delle componenti principali e’ stato in crescita costante fino al 2005, tale dato
rispecchia anche l’andamento del settore che in otto anni ha quadruplicato le sue vendite.
Cambio di rotta, invece, per la categoria “Prodotti per capelli” nel 2008 che registra un
ritorno sotto la quota degli 80 milioni.
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), sono richiesti:
458
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Il modulo di ingresso “Form FD 701” - richiesto per tutti quei prodotti importati
che ricadono sotto la giurisdizione della Food and Drug Administration (FDA) e che
serve a certificare la conformità dei prodotti importati agli standard di purezza,
produzione, etc. stabiliti dalla FDA sulla base di quanto previsto dal Federal Food,
Drug and Cosmetic Act (FDCA);
-
Il certificato TSCA (Toxic Substances Control Act) - richiesto per tutti quelle merci
contenti prodotti chimici classificati come “sostanze pericolose o tossiche” sulla
base di quanto previsto dal U.S.Customs Service TSCA Import Certification Rule
TSCA (19 CFR 12.118 et seq.). Nel caso dell’importazione di prodotti che sono
classificati come sostanze pericolose ma che sono al contempo parti di altri articoli,
è necessario presentare un certificato TSCA solamente se il certificato è
specificatamente richiesto da un regolamento o da una ingiunzione promulgata
sulla base del TSCA. Nessun regolamento specifico è stato al momento ancora
adottato.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
shampoo (nessun dazio); preparati per manicure o pedicure (nessun dazio); trucco per
occhi, rossetti e trucco per labbra (nessun dazio); profumi contenti alcool (nessun dazio);
essenza di rose (nessun dazio); olio essenziale di limone (3,8%); soluzioni per la rasatura
con o senza alcool (4,9%); prodotti per l’igiene orale (nessun dazio).
459
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
4. Proibizioni e restrizioni
-
Cosmetici contenenti sostanze medicinali: tutti i prodotti cosmetici che contengono
anche sostanze medicinali (ad esempio: dentifricio con fluoro; creme con ormoni;
shampoo anti-forfora) devono conformarsi, sia alla normativa vigente che si
applica nel caso dell’importazione di cosmetici, sia alla normativa vigente che si
applica nel caso dell’importazione di medicinali. Per informazioni più dettagliate
sui regolamenti in vigore nel caso dell’importazione di prodotti farmaceutici, si
veda la scheda dedicata ai “Prodotti Farmaceutici”;
-
Cosmetici adulterati: sulla base di quanto previsto dal Food, Drug and Cosmetic Act
(FDCA), è proibita l’importazione e la distribuzione di cosmetici che sono
considerati adulterati. Un prodotto è considerato adulterato se una o più delle
seguenti condizioni è riscontrata: 1) il prodotto contiene una sostanza che può
rivelarsi dannosa per la salute del consumatore; 2) il prodotto contiene una
sostanza decomposta, scaduta, putrida; 3) il prodotto è stato fabbricato o
conservato in condizioni non igieniche. La FDCA proibisce anche l’importazione e
la distribuzione di cosmetici che presentano sulla propria etichetta delle
informazioni false od ingannevoli per il consumatore;
-
Sicurezza dei cosmetici: sulla base di quanto previsto dalla FDCA, non è richiesto ai
produttori o ai distributori di cosmetici di controllare direttamente la sicurezza dei
propri prodotti. Ciò non di meno, la FDA suggerisce caldamente ai produttori di
cosmetici di condurre tutti i test tossicologici necessari per dimostrare la sicurezza
dei prodotti in questione. Un prodotto la cui sicurezza non è stata adeguatamente
provata può infatti essere considerato alla stregua di un prodotto adulterato a
meno che non presenti una etichetta con la seguente dicitura: “Warning: The safety
of this product has not been determined”. Con l’eccezione degli additivi di colore e
di pochi altri ingredienti, un produttore di cosmetici può, a proprio rischio,
460
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
utilizzare qualsiasi materiale grezzo come ingrediente per la fabbricazione di
cosmetici senza previa approvazione da parte della FDA. Un prodotto cosmetico
qualora contenga un additivo di colore non approvato dalla FDA è considerato
adulterato ed il suo utilizzo è soggetto alle regolamentazioni del caso;
-
Ingredienti soggetti a restrizioni: l’utilizzo dei seguenti ingredienti in prodotti
cosmetici è soggetto a restrizioni od è direttamente proibito: bitionolo; composti e
miscele di mercurio; clorulo di vinile; cloromorfo; composti di zirconio;
cloroflorocarbonio; esaclorofene. Gli smalti per unghie contenenti monomero di
metile metacrilato o più del 5% di formaldeide sono considerati prodotti adulterati
sulla base di quanto previsto dal FDCA;
-
Confezioni anti-alterazione: tutti i prodotti destinati all’igiene orale ed all’igiene
intima quando sono destinati alla vendita al dettaglio devono essere contenuti in
confezioni anti-alterazioni. Una confezione è considerata anti-alterazioni se
possiede un indicatore od una qualche barriera di entrata (ad es. un sigillo, un
contenitore di cartone sigillato, un tubetto) che, se mancante o se danneggiato,
avverte il consumatore che una possibile alterazione del prodotto ha avuto luogo. I
suddetti indicatori devono potersi distingure per il disegno o per l’aspetto;
-
Richieste di contrassegni – etichette: i cosmetici distribuiti negli Stati Uniti devono
conformarsi alle richieste in termini di etichettamento stabilite dalla FDA sulla
base di quanto previsto dal FDCA e dal Fair Packaging and Labeling Act (FPLA). In
particolare, sulle etichette devono essere incluse le seguenti informazioni: il nome
del prodotto, l’illustrazione del suo uso, la quantit{ netta del prodotto, il nome e
l’indirizzo del distributore. Qualora il distributore non coincida con il produttore
dell’articolo in questione, la suddetta informazione deve essere accuratamente
specificata sulla etichetta. Tutti i cosmetici destinati alla vendita al dettaglio
devono inoltre possedere una etichetta in cui siano indicati tutti gli ingredienti, in
ordine di importanza, con cui gli stessi prodotti sono composti. Questa etichetta
461
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
deve essere di dimensioni adeguate in modo da essere visibile al momento
dell’acquisto. Le lettere della etichetta non devono essere inferiori ad 1/16 di
pollice (1 pollice = 2,54 cm) in altezza; se la superficie della confezione del
prodotto è inferiore ai 12 pollici quadrati, le lettere non devono essere inferiori a
½ pollice in altezza. I cosmetici che possono rivelarsi pericolosi per i consumatori
quando usati in modo non appropriato devono contenere un etichetta di
avvertimento ed adeguate istruzioni che spieghino l’utilizzo corretto del prodotto;
-
Sostanze chimiche pericolose: la spedizione di qualsiasi articolo o merce contenente
prodotti chimici che sono classificati come “sostanze pericolose” sulla base del
TSCA, deve conformarsi alle richieste in termini di marchio ed etichettamento
adottate dalla U.S. Environmental Protection Agency - EPA (46 CFR 147.30) e dal
U.S. Department of Transportation - –OT (49 CFR 171 et seq.).
5. Pubblicazioni disponibili
 Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.gpo.gov/
462
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
 Per informazioni relative all’importazione di ingredienti contenuti in prodotti
cosmetici classificati come tossici o pericolosi:
-
“Toxic Substances Control Act: A Guide for Chemical Importers/Exporters”
(pubblicato dalla EPA)
-
“TSCA Chemical Substance Inventory” (edizione 1985: Doc.Code S/N 055-00000254-1)
-
“Supplement to TSCA Chemical Substances Inventory” (Doc.Code S/N 055-00000361-1)
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla FDA per quanto riguarda
l’importazione di cosmetici e profumi:
-
“Requirements of Laws and Regulations Enforced by the U.S. Food and Drug
Administration” disponibile rivolgendosi direttamente agli Uffici della FDA
6. Riviste
American Salon
Frequenza mensile
827 Cypress St.
Thousand Oaks, CA 91320
Kelley Donahue, Beauty Editor
Tel.: (805) 376 9592
Fax: (805) 376 9073
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.americansalonmag.com/
463
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Beauty Fashion
Frequenza mensile
286 Madison Avenue
Suite 700
New York, NY 10017
Tel.: (212) 840 8800
Fax: (212) 840 7246
Editorial: Adelaide Farah: ext 225
E- mail: [email protected]
Sito internet: www.beautyfashion.com
Cosmetic World
Frequenza settimanale
286 Madison Avenue
Suite 700
New York, NY 10017
Tel.: (212) 840 8800
Fax: (212) 840 7246
Group Editorial Director: Geoff Weiss: ext. 236
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.cosmeticworld.com
The Rose Sheet
Frequenza settimanale
685 Route 202/206
Bridgewater, New Jersey 08807
Tel.: (800) 332 2181
464
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Cole Werble, Editorial Director
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.therosesheet.com
Perfumer & Flavorist
Frequenza bimestrale
336 Gundersen Drive, Suite A
Carol Stream, IL 60188
Tel.: (630) 653 2155
Fax: (630) 653 2192
Editor: Jeb Gleason - Allured
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.allured.com
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare negli Stati
Uniti cosmetici e profumi. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i
regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di
cibi, cosmetici, medicinali e prodotti relativi;
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et
seq.): relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti
utilizzati con cibo, medicinali e cosmetici;
-
Federal Hazardous Substances Act (15 USC 1261): legge che controlla
l’importazione di sostanze pericolose;
465
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
-
2009
Hazardous Materials Regulations (49 CFR 170 et seq.): regolamento che classifica
tutte quelle sostanze ritenute pericolose e che fornisce regole per il trasporto, la
sicurezza, l’etichettamento;
-
Regulations on Labeling of Hazardous Materials (46 CFR 147.30): regolamento che
richiede l’etichettamento dei contenitori di sostanze pericolose;
-
Regulations on Carriage of Solid Hazardous Materials in Bulk (46 CFR 148 et seq.):
regolamento che governa il trasporto di sostanze solide pericolose;
-
Toxic Substances Control Act (15 USC 2601 et seq.): legge che autorizza l’EPA a
stabilire quando una sostanza e’ da ritenersi pericolosa e quando e’ necessario
restringerne l’importazione;
-
Toxic Substances Control Regulations (19 CFR 12.118 et seq.): regolamento che
richiede agli importatori di sostanze chimiche di certificare alla dogana che i
prodotti in questione soddisfino il Toxic Substances Control Act.
8. Principali Agenzie Governative
 Per
informazioni
relative
alle
richieste
avanzate
dalla
FDA
nel
caso
dell’importazione negli Stati Uniti di cosmetici e profumi:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Drug Evaluation and Research
Office of Cosmetics and Colors
10903 New Hampshire Avenue
Silver Spring, MD 20993
Tel.: (301) 796 3400
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.fda.gov
466
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Food Safety and Applied Nutrition (CFSAN)
Office of Field Programs
Division of Enforcement, Imports Branch
5100 Paint Branch Parkway
College Park MD 20740
Toll free information: (888) 723 3366
Sito Internet: http://vm.cfsan.fda.gov/list.html
 Per
informazioni
relative
alle
richieste
avanzate
dalla
FDA
nel
caso
dell’importazione di prodotti che sono anche medicinali:
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Drug Evaluation and Research
Office of Compliance
10903 New Hampshire Avenue
Bldg. 51, Rm 5271
Silver Spring, MD 20993
Tel.: (301) 796 3100
Fax: (301) 847 8747
Sito internet: http://www.fda.gov/cder
 Per informazioni relative alle richieste avanzate dalla Consumer Product Safety
Commission (CPSC) nel caso dell’importazione di cosmetici:
467
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
U.S. Consumer Product Safety Commission (CPSC)
Office of Compliance and Field Operations
John “Gib” Mullan, Assistant Exec. Dir.
4330 East West Highway
Bethesda, MD 20814
Tel. : (301) 504 7912
Fax : (301) 504 0008
E-mail: [email protected], [email protected]
Sito internet: http://www.cpsc.gov
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla TSCA e dalla EPA per
l’importazione di prodotti chimici:
Environmental Protection Agency (EPA)
Office of Pollution Prevention and Toxics
1200 Pennsylvania Avenue, NW
Mail Code 7401M
Washington, DC 20460
Tel.: (202) 564 8800
Fax: (202) 564 8899
Sito Internet: www.epa.gov/opptintr/p2home/
 Per informazioni relative al trasporto di sostanze pericolose:
U.S. Department of Transportation (DOT)
Pipeline and Hazardous Materials Safety Administration (PHMSA)
468
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Hazardous Materials Safety
400 7th St. SW, Room 8241
Washington, DC 20590
Tel.: (202) 366 0656
Fax: (202) 366 5713
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.dot.gov/dotagencies.htm
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
Cosmoprof North America
Per informazioni:
Jen Burns, Manager - Trade Shows
E-mail: [email protected]
15825 North 71st Street, Suite 100
Scottsdale, AZ 85254
Tel.: (480) 281 0424
Fax: (480) 905 0708
469
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.probeauty.org/
Date: 18 – 20 luglio 2010 (frequenza annuale),
Mandalay Bay Resort and Casino
Las Vegas, NV
HBA Global Expo
Per informazioni:
Jill Birkett, Event Director
E-mail: [email protected]
Tel.: (212) 600 3322
UBM International Media/HBA Global
11 West 19th Street, 3rd floor
New York, NY 10011
Tel.: (212) 600 3000
Fax: (347) 962 3889
Sito Internet: http://www.hbaexpo.com
Date: 28 – 30 settembre 2010 (frequenza annuale),
Jacob Javits Convention Center, NYC
New York, NY
International Beauty Show – New York
Per informazioni:
Kim Heywood, Conference Manager
Tel.: (212) 895 8223
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.ibsnewyork.com
470
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Date: 7 – 9 marzo 2010 (frequenza annuale)
Jacob Javits Convention Center, NYC
New York, NY
10.
Associazioni di settore
Professional Beauty Association (PBA)
15825 North 71st Street, Ste 100
Scottsdale, AZ 85254
Tel.: (480) 281 0424
Fax: (480) 905 0708
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.probeauty.org
Cosmetic, Toiletry and Fragrance Association (CTFA)
1101 17th St. NW, Ste. 300
Washington, DC 20036
Tel.: (202) 331 1770
Fax: (202) 331 1969
Sito internet: www.personalcarecouncil.org
471
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Tessile: seta, lana, cotone, fibre artificiali e vegetali
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
472
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni....................................................................................... 475
2.
Documentazione di entrata ........................................................................................... 478
3.
Dazi di importazione ...................................................................................................... 481
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................. 482
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................. 483
6.
Riviste ............................................................................................................................. 484
7.
Principali leggi e regolamenti......................................................................................... 485
8.
Principali Agenzie Governative ...................................................................................... 487
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore ......................................................................... 490
10. Associazioni di settore ................................................................................................... 491
473
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 24 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Tessile: lana, cotone, seta, fibre artificiali e
vegetali
474
CODICE
50-51-5253-54-55
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
Le esportazioni italiane di prodotti tessili quali seta, lana, cotone, fibre artificiali e vegetali
nel mercato statunitense nell’ultimo decennio sono in lieve diminuzione.
Il 2000 segna l’anno con la piu’ forte flessione delle vendite, tale andamento persiste nei
due anni successivi, per segnare successivamente una lieve ripresa.
600
500
400
300
200
100
0
Figure 62 Esportazioni di prodotti tessili (mln di dollari)
In particolare il 2001 chiude con una diminuzione delle esportazioni del 16.05% pari a 79
milioni di dollari e nel 2002 si registra un’ulteriore diminuzione del 2.8%. Dal 2003 è in
atto una lieve ripresa, infatti tale anno si chiude con un aumento delle vendite del 9.2% e il
giro d’affari registrato risulta pari a 436 milioni di dollari. Il 2004 ha fatto registrare
esportazioni pari a 508 milioni di dollari, dato che determina un aumento di 16,28 punti
percentuali. Il 2005 chiude con una diminuzione del 5.05%, con un livello di esportazioni
475
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
di 482 milioni di dollari. Nel 2006 si e` avuto un ulteriore decremento del 7,4%,
recuperato poi nel 2007, anno in cui il giro d’affari registrato è stato pari a 485 milioni di
dollari. Nel 2008, in linea con la congiuntura economica, si registra una flessione delle
esportazioni che riporta il valore generale vicino ai 400 milioni di dollari.
600
1.60
1.40
500
mln dollar
1.20
400
1.00
300
0.80
0.60
200
0.40
100
0.20
0
0.00
2001
2002
2003
Prodotti tessili
2004
2005
2006
2007
2008
Euro-Dollaro
Figure 63 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Il confronto tra l’andamento depressivo del dollaro a favore dell’euro non sembra aver
inciso negativamente sulle esportazioni di articoli tessili che, negli ultimi due anni,
piuttosto che diminuire hanno registrato segnali di ripresa.
Focalizzando l’attenzione sulle componenti della categoria merceologica, si puo’ notare
come gli articoli maggiormente significativi siano rappresentati da quelli in cotone, con
valori di esportazione superiori ai 140 milioni di dollari e in tendenziale crescita dal 2006
476
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
rispetto alle altre componenti della categoria. L’andamento generale del settore riflette
quello delle sue componenti, nel periodo 1997/2003 è stata registrata una forte
diminuzione delle esportazioni dovute ad un calo cospicuo delle vendite dei prodotti in
seta e in tessuti in fibra artificiale.
Di rilievo l’aumento della correlazione nel 2008, dove ad una sfavorevole situazione sul
Millions
fronte del cambio, corrisponde una netta diminuzione della quota export.
200
180
160
140
120
100
80
60
40
20
0
Tessuti in seta
Tessuti in cotone
Tessuti in fibra artificiale
Tessuti in lana
Tessuti in fibra vegetale
Altri tessuti in fibra artificiale
Figure 64 Andamento peresportazioni per categoria merceologica (mln di dollari)
Anche le altre categorie evidenziano un decennio segnato dalla flessione sebbene piu’
moderata, l’andamento delle componenti dal 2003 e confermato nel 2004 sembra essere
rivolto alla stabilitá che potrá permettere all’intero settore di recuperare il suo giro
d’affari. Le categorie tessuti in seta e altri tessuti artificiali sono cresciuti gradualmente
477
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
nel periodo 2002/05, mentre la categoria tessuti in fibra artificale ha avuto un picco di
crescita nel 2004 con 89 milioni di dollari in esportazioni, e nel 2005 ha subito un crollo. A
partire dal 2007 le categorie che sembrano testimoniare una ripresa sono i tessuti in fibra
artificiale, il cotone, e i tessuti in seta. Ripresa che pero’ non resiste alla congiuntura e fa
registrare decrementi lievi in alcune categorie, e significativi per le categorie “Altri
tessuti” e “Tessuti in cotone”.
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati negli Stati Uniti), per l’entrata di ogni prodotto è necessario essere in
possesso di:
-
La documentazione per l’export e/o il visto – se il prodotto tessile è soggetto al
Multi-Fiber Arrangements o soggetto al regime di “absolute quotas” previsto
dall’Agricultural Adjustment Act per quanto riguarda l’importazione negli Stati
Uniti di cotone grezzo (clausole che non valgono per i prodotti fabbricati in Italia);
-
La dichiarazione del paese di origine – obbligatoria ogni qual volta il prodotto
importato negli Stati Uniti è composto da materiale tessile. Questa dichiarazione è
necessaria anche quando il paese di origine del prodotto in questione non è
soggeto al Multi-Fiber Arrangements (come è per il caso dei prodotti italiani).
Possono compilare questa dichiarazione sia il fabbricante, che il produttore, che
l’esportatore, che l’importatore del prodotto. Nel caso in cui risultano coinvolte
nell’importazione del prodotto due o più di questi soggetti, ciascuna delle parti in
causa deve preparare una distinta dichiarazione dove indicare il nome e l’indirizzo
della propria compagnia. L’ultimo paese da cui i prodotti tessili sono stati esportati
negli Stati Uniti non necessariamente rappresenta il paese di origine dei suddetti
prodotti. Sono infatti le operazioni di assemblaggio e di lavorazione a determinare
478
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
quale è il paese di origine. Nel caso di prodotti tessili e di abbigliamento assemblati
o fabbricati in due o più paesi, il paese di origine è determinato dal luogo in cui le
principali fasi di assemblaggio sono state effettuate, o, nel caso in cui ciò fosse
impossibile da stabilire, da dove l’ultima importante fase di lavorazione ha avuto
luogo;
-
Il modulo “Customs Form 6451” in duplice copia – nel caso di articoli contenenti
lana, dove indicare la percentuale e la qualità della lana, nonchè il nome e
l’indirizzo dell’importatore;
-
Nel caso di prodotti tessili con un valore stimato superiore ai 500 dollari e soggetti
al Textile Fiber Products Identification Act (TFPIA), la fattura di ingresso deve
contenere anche le seguenti informazioni: 1) i nomi e le percentuali delle diverse
fibre contenute nel prodotto; 2) il nome del produttore; 3) il nome del paese dove il
prodotto è stato fabbricato;
-
Nel caso di articoli in lana valutati più di 500 dollari e soggetti al Wool Products
Labeling Act (WPLA), è necessario includere nella fattura di ingresso le stesse
informazioni richieste dalla WPLA per quanto riguarda l’etichettamento dei capi (si
veda più sotto) con in aggiunta l’indicazione del nome del produttore;
-
Nel caso dell’importazione negli Stati Uniti di lana grezza, una copia aggiuntiva del
modulo di ingresso “Form 7501”;
-
Nel caso di lana grezza soggetta ad una tariffazione doganale per chilo netto (si
veda più sotto), la fattura di ingresso deve contenere anche le seguenti
informazioni: 1) la condizione della lana grezza (cioè se lavata, grassa, battuta,
etc.); 2) se presenta o meno materiale vegetale; 3) la sua lunghezza; 4) il paese di
origine, e, se possibile, anche la provincia e la località di produzione; 5) il simbolo
della lana utilizzato nel paese di origine; 7) il peso netto di ciascuna partita di lana
grezza trasportata. La maggior parte della lana grezza che è importata negli Stati
Uniti è soggetta ad un sistema di tariffazione per chilogrammo netto (clean kg), con
479
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
tariffe che aumentano quanto più diventa fine la qualit{ della lana. Per peso “clean”
di una merce si intende il peso della merce che è attribuibile esclusivamente al suo
contenuto di lana e non anche a qualche altro material;
-
Nel caso di cotone grezzo, nella fattura di ingresso devono essere contenute anche
le seguenti informazioni: 1) la categoria della quota da applicare (non necessario
nel caso di prodotti provenienti dall’Italia); 2) il paese di origine e, se possibile,
anche la provincia in cui il cotone è stato coltivato; 3) la varietà del cotone in
questione;
-
Nel caso di cascame di cotone, nella fattura di ingresso devono essere contenute
anche le seguenti informazioni: 1) il nome con cui il cascame di cotone è
riconosciuto; 2) la lunghezza del cascame di cotone, indicando se a) è inferiore ai
3,016 cm o b) superiore ai 3,016 cm;
-
Nel caso di tessuti di cotone, nella fattura di ingresso devono essere contenute
anche le seguenti informazioni: 1) il marchio presente sull’imballaggio della merce
trasportata; 2) il numero applicato all’imballaggio; 3) l’esatta larghezza della
merce; 4) una dettagliata descrizione della merce; 5) il numero delle singole fibre
per cm; 6) l’esatto peso per m espresso in grammi; 7) la media del numero di filati;
8) l’indicazione se i filati di cotone sono pettinati o cardati; 9) il numero di colori
nella trama del tessuto; 10) l’indicazione se il tessuto è o meno felpato; 11) il tipo
di tessuto; 12) il tipo di macchina con cui il tessuto è stato fabbricato;
-
Tutte le fatture di ingresso per filati (sia di cotone che di fibre artificiali) devono
contenere le seguenti informazioni: 1) il contenuto di fibra per peso; 2)
l’indicazione se il filato è lavorato o semplice; 3) l’indicazione se il filato è destinato
alla vendita al dettaglio; 4) l’indicazione se il filato è destinato all’utilizzo come
cucirino . In aggiunta a ciò, nel caso di filati di cotone, la fattura di ingresso deve
indicare anche: 1) se il cotone è pettinato o meno; 2) il numero metrico. Nel caso di
filati in fibra artificiale, la fattura di ingresso deve indicare anche: 1) il numero del
480
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
filato in decitex; 2) se il filato è un monofilamento, un filamento multiplo od una
banda; 3) nel caso di monofilamenti, la dimensione della sezione in mm; 4) nel caso
di bande, l’ampiezza della banda in mm.
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
seta grezza non trattata (nessun dazio); filati di seta non destinati alla vendita al dettaglio
(nessun dazio); destinati alla vendita al dettaglio (nessun dazio); cascame di seta il cui
contenuto di seta supera l’85% del peso del cascame (0,8%); tessuti di seta diversi dai
cascami il cui contenuto di seta supera l’85% del peso del tessuto (3,9%); filati di lana
pettinata non destinata alla vendita al dettaglio (6%); cascame di seta cardata (2,5%);
cascami di lana (2,6 cents/kg); arazzo tessuto il cui contenuto di lana cardata supera
l’85% del peso dell’articolo e con un peso complessivo non superiore ai 140 g/m (7%);
tessuti di lana cardata con un contenuto di seta superiore al 30% del peso dell’articolo e
valutati oltre i 33 dollari per chilo (6,9%); tessuto di cachemire non processato (5,1
cents/clean kg); lana, non pettinata o cardata, e non più fine di 40 (nessun dazio); più fine
di 40 ma inferiore a 44 (nessun dazio); più fine di 44 (nessun dazio); fibra di cotone non
cardato o pettinato non più lunga di 28,575 nanometri (nessun dazio); più lunga di 28,575
nanometri ma inferiore a 34.925 mm (4,4 cents/kg); filati di cotone pettinato il cui
contenuto di cotone supera l’85% del peso del filato, non destinati alla vendita al dettaglio
e con fibre che non eccedono i 14 mn per ogni singolo filato (5,8%); che eccedono i 43 mn
ma inferiore ai 52 mn (8,6%); superiori ai 80 mn (12%); filati di iuta (nessun dazio); filati
di lino (nessun dazio); tessuto di lino il cui contenuo di lino supera l’85% del peso del
tessuto (nessun dazio) tessuto di lino il cui contenuto di lino è inferiore all’85% del peso
del tessuto ed in cui il contenuto di lana supera il 17% del peso (14,5%); filamenti sintetici
481
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
non destinati alla vendita al dettaglio di nylon o di altri poliamidi (8,8%); di poliestere
(8,8%), filamenti artificiali destinati alla vendita al dettaglio (7,5%); tessuti di nylon, di
altri poliamidi o di poliestere (13,6%).
4. Proibizioni e restrizioni
-
Infiammabilità: tutti i prodotti tessili, per poter essere importati negli Stati Uniti,
devono conformarsi agli standard in materia di infiammabilità stabiliti dalla
Consumer Product Safety Commission (CPSC) sulla base del Flammable Fabrics Act
(FFA).
-
Richieste di contrassegni – etichette per prodotti tessili: ogni prodotto composto da
materiale tessile deve essere etichettato sulla base delle disposizioni contenute nel
Textile Fiber Products Identification Act (TFPIA). In linea generale, le etichette
devono contenere le seguenti informazioni: 1) i nomi e le percentuali delle diverse
fibre contenute nel prodotto; 2) il nome del produttore; 3) il nome del paese dove il
prodotto è stato fabbricato.
-
Richieste di contrassegni – etichette per prodotti di lana: ogni prodotto composto da
lana (con l’eccezione di quegli articoli fabbricati 20 anni prima dell’avvenuta
importazione negli Stati Uniti, dei tappeti, delle coperte, delle stuoie e della
tapezzeria) deve essere etichettato sulla base delle disposizioni contenute nel Wool
Products Labeling Act (WPLA). In linea generale, le etichette devono contenere le
seguenti informazioni: 1) la percentuale di lana, di ogni fibra che rappresenta più del
5% del peso dell’articolo nonchè dell’aggregato di tutte le altre fibre contenute nel
prodotto (con l’esclusione di eventuali ornamenti); 2) il nome dell’importatore.
-
The Care Labeling Rule: ogni articolo di abbigliamento in tessuto deve contenere al
proprio interno istruzioni accurate su come lavare ed asciugare i capi in questione.
482
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
5. Pubblicazioni disponibili
 Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.access.gpo.gov
 Per informazioni sull’importazione negli Stati Uniti di prodotti e fibre tessili:
-
“Questions and Answers Relating to the Textile Fiber Products Identification
Act and Regulations”;
-
“Questions and Answers Relating to the Wool Products Labeling Act and
Regulations”. Pubblicazioni disponibili rivolgendosi direttamente agli Uffici
della FTC.
-
“What Every Member of the Trade Community Should Know About Textile &
Apparel Rules of Origin”;
-
“What Every Member of the Trade Community Should Know About Nafta for
Textiles and Textile Articles”;
-
“Fibers Yarn Informed Compliance”;
-
“What Every Member of the Trade Community Should Know About Raw Cotton:
Tariff Classification and Import Quotas”
483
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Pubblicazioni disponibili rivolgendosi direttamente agli Uffici del U.S.Custom Service o
consultando il suo sito internet.
6. Riviste
Textile Industries Media Group
Frequenza mensile
2100 Powers Ferry Road, Suite 300
Atlanta, GA 30339
Tel.: (770) 955 5656
Fax: (770) 952 0669
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.textileindustries.com
Industrial Fabric Products Review
Frequenza mensile
1801 County Road B West
Roseville, MN 55113-4052
Galynn Nordstrom, Senior Editor
Tel.1: (651) 225 6928
Tel.2: (800) 225 4324
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://specialtyfabricsreview.com/
International Fiber Journal
Frequenza bimestrale
6000 Fairview Road, Suite 1200
Charlotte, North Carolina 28210 USA
484
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (704) 552 3708
Fax: (704) 552 3705
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ifj.com
The Cotton Digest International
Frequenza mensile
P.O.Box 820768
Houston, TX 77282-0768
10311 Olympia
Houston, TX 77042-2955
Tel.: (713) 977 1644
Fax: (713) 467 6935
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare negli Stati
Uniti fibre tessili. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i regolamenti sono
pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Textile Trade Agreements (7 USC 1854): legge che istituisce il Textile Import
Program che è applicato dalla dogana Statunitense;
-
Regulations on Entry of Textiles (19 CFR 12.130 et seq.): regolamento che
stabilisce le procedure seguite dalla dogana degli Stati Uniti nell’applicare le
limitazioni sulle importazioni e l’ingresso di prodotti tessili;
-
Regulation on Additional Invoice Requirements (19 CFR 141.89): regolamento che
specifica informazioni aggiuntive per quanto riguarda l’importazione negli Stati
Uniti di certe tipologie di merci (incluso calzature e prodotti tessili) Wool Products
485
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Labeling Act – WPLA (15 USC 68-68j): questa legge richiede per tutti i prodotti
conteneti lana importati negli Stati Uniti di venire etichettati in accordo con le
disposizioni stabilite dalla legge in questione;
-
Agricultural Adjustment Act – AAA (7 USC 601 et seq.): legge che autorizza il
Segretario del Dipartimento dell’Agricoltura americano a stabilire e mantenere le
adeguate condizioni di mercato per i prodotti agricoli, incluso il cotone;
-
Regulations for Enforcement of AAA quotas (19 CFR Part 132): regolamenti che
concedeno alla Dogana degli Stati Uniti l’autorit{ di applicare le quote previste
dall’Agricultural Adjustment Act, ogni qual volta le indagini intraprese rivelano che
le adeguate condizioni di mercato sono state violate:
-
Regulations on WPLA Labeling and Marking (19 CFR 11.12; 16 CFR 300 et seq.):
regolamenti relativi alla tipologia di etichette da apporre ai prodotti contenenti
lana come specificati dalla FTC;
-
Textile Fiber Products Identification Act – TFPIA (15 USC 70-77): questa legge
richiede per tutti i prodotti contenenti fibre tessili importati negli Stati Uniti di
venire etichettati in accordo con le disposizioni stabilite dalla legge in questione;
-
Regulations on Labeling and Marking (19 CFR 11.12b; 16 CFR 303 et seq.):
regolamenti relativi alla tipologia di etichette da apporre ai prodotti tessili come
specificati dalla CPSC;
-
Flammable Fabrics Act – FFA (15 USC 1191-1204): legge relativa agli standard in
materia di infiammabilità;
-
Regulations on Flammable Fabric Standards (16 CFR 1610, 1611, 1615, 1616,
1630-1632): regolamenti che specificano gli standard per differenti tipi di prodotti
tessili in materia di infiammabilitá adottati dalla CPCS sulla base del FFA;
-
Care Labeling Rule (16 CFR 423): regolamento che richiede la presenza nei capi di
abbigliamento di etichette contenenti informazioni sulla composizione delle fibre
degli articoli in questione ed adeguate istruzioni per il loro lavaggio.
486
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
8. Principali Agenzie Governative
 Per informazioni relative alle diverse tipologie di etichettamento richieste sulla
base del TFPIA e del WPLA, rivolgersi a:
Federal Trade Commission (FTC)
Division of Enforcement
600 Pennsylvania Ave. N.W.,
Washington, DC 20580
Tel.: (202) 326 2222
Fax: (202) 326 3197
Sito internet: http://www.ftc.gov/
 Per informazioni relativa ai Multi-Fiber Arrangements, rivolgersi a
U.S.Department of Commerce
International Trade Administration
Office of Textiles and Apparel
14th and Constitution Ave. NW, Rm. H3100
Washington, DC 20230
Tel.: (202) 482 5078
Fax: (202) 482 2331
International Agreements Division: (202) 482 4212
Sito Internet: http://otexa.ita.doc.gov/
 Per informazioni relative ai requisiti richiesti dalla CPSA in materia di
infiammabilità:
487
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
U.S. Consumer Product Safety Commission (CPSC)
Office of Compliance and Field Operations
John “Gib” Mullan, Assistant Exec. Dir.
4330 E. West Highway
Bethesda, MD 20814
Tel.: (301) 504 7912
Fax: (301) 504 0008
Small Business Helpline: (888) 531 9070
E-mail: [email protected], [email protected]
Sito internet: http://www.cpsc.gov
 Per informazioni sulle quote applicate ai prodotti tessili, rivolgersi a:
U.S. Customs and Border Protection
Office of Field Operations
1300 Pennsylvania Ave. NW
Washington, DC 20229
Tel.1: (202) 345 1000
Tel.2: (202) 344 1320 (importing/trade enforcement)
Sito internet: www.cbp.gov
 Per informazioni sulle quote applicate alle importazioni di cotone grezzo:
USDA Foreign Agricultural Service (FAS)
Tobacco, Cotton and Seed Division
1400 Independence Avenue SW
488
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Washington, DC 20250
Tel.: (202) 720 9516
Fax: (202) 690 1171
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.fas.usda.gov/
USDA Agricultural Marketing Service (AMS)
Cotton Division
1400 Independence Avenue SW
Room 2641 – South, Stop 0224
Washington, DC 20250
Darryl Earnest, Deputy Administrator
Tel.: (202) 720-2145
Fax: (202) 690-1718
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ams.usda.gov/cotton/
 Per informazioni piu’ generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
489
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
American Sheep Industry Association Convention & Trade Show
Per informazioni:
9785 Maroon Circle, Ste 360
Englewood, CO 80112
Tel.: (303) 771 3500
Fax: (303) 771 8200
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.sheepusa.org
Date: 20 – 23 gennaio 2010 (frequenza annuale)
Sheraton Nashville Downtown
Nashville, TN
Expo Industrial Fabric Exposition
Per informazioni:
Industrial Fabrics Association International
1801 County Rd. B W.
Roseville, MN 55113
Tel.: (651) 222 2508
Fax: (651) 631 9334
Email: [email protected]
Sito internet: www.ifaiexpo.info
Date: 27 – 29 Ottobre 2010 (frequenza annuale)
Orange County Convention Center
Orlando, FL
490
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
International Fashion Fabric Exhibition
Per informazioni:
MAGIC International
6200 Canoga Ave. 2nd Fl.
Woodland Hills, CA 91367
Tel.: (818) 593 5000
Fax: (818) 593 5020
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://lv.fabricshow.com
Date: 16 – 18 Febbraio 2010 (frequenza annuale)
Las Vegas Convention Center
Las Vegas, NV
10.
Associazioni di settore
American Wool Council (AWC)
1111 Nineteenth Street, NW, Suite 800
Washington, DC 20036
Tel.: (202) 463 2766
Fax: (202) 463 2791
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.awc.org/index.html
Cotton Warehouse Association of America
479 South Capitol Street, SW
Suite 408
Washington, DC 20003
491
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Tel.: (202) 479 4371
Fax: (202) 479 4375
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.cottonwarehouse.org/
Industrial Fabrics Association International (IFAI)
1801 County Rd. B W
Roseville, MN 55113-4061
Stephen M. Warner, CEO and President
Tel.: (651) 222 2508
Fax: (651) 631 9334
Toll free: (800) 225 4324
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.ifai.com
Institutional and Service Textile Distributors Association (ISTDA)
1609 Connecticut Avenue, Suite 200
Washington, DC 20009
Kathleen Ewing, Exec. Sec.
Tel.: (202) 986 0105
Fax: (202) 986 0448
E-mail: [email protected]
International Silk Association (ISA)
C/o Seritex
1 Madison St. E
E. Rutherford, NJ 07073
492
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Contact Name: Kattermann Bill
Tel.: (973) 472 4200
Fax: (973) 472 0222
National Textile Association (NTA)
6 Beacon Street, Suite 1125
Boston, Mass. 02108
Tel.: (617) 542 8220
Fax: (617) 542 2199
Sito internet: http://www.nationaltextile.org/
United States Association of Importers of Textiles and Apparel (USA-ITA)
1140 Connecticut Avenue, Suite 950
Washington DC, 20036
Laura E. Jones, Exec. Dir.
Tel.: (202) 419 0444
Fax: (202) 783 0727
Sito Internet: http://www.usaita.com/
493
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Guida all’esportazione negli Stati Uniti
Vetro e articoli in vetro
A cura della
Italy-America Chamber of Commerce Inc.
Edizione 2009
494
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Indice
1.
Andamento delle esportazioni....................................................................................... 497
2.
Documentazione di entrata ........................................................................................... 500
3.
Dazi di importazione ...................................................................................................... 501
4.
Proibizioni e restrizioni .................................................................................................. 509
5.
Pubblicazioni disponibili................................................................................................. 502
6.
Riviste ............................................................................................................................. 510
7.
Principali leggi e regolamenti......................................................................................... 511
8.
Principali Agenzie Governative ...................................................................................... 511
9.
Principali Fiere e esposizioni di settore ......................................................................... 512
10. Associazioni di settore .................................................................................................. 507
495
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Nel considerare le categorie merceologiche si fa riferimento alla classificazione adottata
dal US Bureau of the Census: Foreign Trade Division USA Trade
(http://usatradeonline.gov).
Table 25 Classificazione doganale Foreign Trade Division USA Trade
PRODOTTI
Vetro e prodotti in vetro
496
CODICE
70
Specchi
7009
Contenitori in vetro
7010
Cristalleria da tavola
7013
Fibra di vetro
7019
Pavimentazione in vetro
7016
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
1. Andamento delle esportazioni
L’andamento delle esportazioni italiane di vetro e articoli in vetro nel mercato
statunitense è stato in continua crescita nel periodo 1997/2007.
200
180
160
140
120
100
80
60
40
20
0
Figure 65 Esportazioni vetro e articoli in vetro (mln di dollari)
Solo nel 2001 si registra una lieve flessione delle vendite (-4.25%) pari a $6 milioni di
dollari. Tale dato rimane isolato poichè nei due anni successivi i valori registrati
evidenziano un continuo aumento delle esportazioni italiane. Il 2002, infatti, si chiude con
un aumento del giro d’affari del 12.94% ($17 milioni), e il 2003 segue tale andamento
positivo registrando un’ulteriore crescita del 5.26%, chiudendosi con un totale di
esportazioni pari a 161 milioni di dollari circa. Nel 2004 continua il trend positivo fino ad
497
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
un livello di esportazioni di 168 milioni di dollari (+ 4.32%). Questo trend positivo è
continuato nel 2005 con un livello di esportazioni di 170 milioni di dollari (+0.81%). Il
2007 è un anno di forte crescita in cui i prodotti in vetro esportati raggiungono un valore
pari a 188 milioni di dollari, in aumento del 12,2% rispetto all’anno precedente. Nel 2008
si nota una lieve flessione, ma di per sè non abbastanza significativa da suggerire una
mln dollar
netta inversione di tendenza.
200
180
160
140
120
100
80
60
40
20
0
1.60
1.40
1.20
1.00
0.80
0.60
0.40
0.20
0.00
2001
2002
2003
2004
Vetro e prodotti in vetro
2005
2006
2007
2008
Euro-Dollaro
Figure 66 Confronto esportazioni e tasso di cambio euro-dollaro
Le principali componenti della categoria merceologica presentano andamenti abbastanza
diversi tra di loro. Con piú di 70 milioni di dollari di valore delle esportazioni nel 1998, è
la cristalleria da tavola l’articolo maggiormente significativo che guida l’andamento
dell’intero settore. Tale componente ha avuto un trend molto positivo, in cui ha piú che
498
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
duplicato le sue vendite, fino al 1998; in seguito ha registrato forti flessioni soprattutto tra
il 2000 e il 2001. Tale flessione, seppure contrastata dall’aumento delle vendite delle altre
componenti, si è riflessa nell’andamento dell’intero settore.Il trend manifestatosi dal 2003
in poi nelle varie componenti è molto diverso: da un lato la cristalleria da tavola sembra
essersi stabilizzata con dei valori di esportazione di poco inferiori ai 60 milioni di dollari, i
contenitori di vetro e le pavimentazioni in vetro fanno registrare dati in buona crescita,
dall’altro le fibre di vetro e gli specchi sono articoli che subiscono un periodo di flessione.
Tali diversi andamenti si traducono in un generale andamento positivo del settore
Millions
trascinato da componenti che crescono maggiormente rispetto a quelle che diminuiscono.
80
70
60
50
40
30
20
10
0
Specchi
Contenitori in vetro
Cristalleria da tavola
Pavimentazione in vetro
Fibra di vetro
Figure 67 Andamento esportazioni per categoria merceologica
499
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
La cristalleria da tavola ha fatto registrare una diminuzione raggiungendo un livello di 57
milioni dollari nel 2007, in seguito ad un periodo di recessione iniziato nel 2002. Le fibre
di vetro registrano un periodo di flessione fra il 2002 e il 2007, mentre la categoria
contenitori in vetro mantiene un andamento pressochè costante intorno ai 40 milioni di
dollari, per poi registrare un aumento nell’ultimo anno del 17,43%. Durante il periodo
2002-2007 le pavimentazioni in vetro seguono un trend positivo passando da 7,5 a 23
milioni di dollari nel 2007. Nel 2008 significativa discesa in tutte le categorie ad eccezione
dei “Contenitori in vetro”, che vedono una crescita dell’export di piú del 20%.
2. Documentazione di entrata
Oltre alla normale documentazione per la dogana (che attesta le caratteristiche dei
prodotti importati), è necessario essere in possesso di:
-
La fattura di entrata per gli articoli e prodotti in vetro deve contenere una
dichiarazione che indichi separatamente il valore di ciascun articolo importato
negli Stati Uniti;
-
La fattura di entrata per gli articoli di cristallo deve contenere una dichiarazione
che certifichi che i prodotti in questione contengano non meno del 24% di
litargirio. Ai fini della Dogana è infatti importante distinguere tra articoli in
cristallo ed in vetro, dato che gli articoli in cristallo sono soggetti a tariffe doganali
più basse;
-
La fattura di entrata per perle e perline di vetro deve indicare: 1) le dimensioni
delle perline in mm; 2) il materiale di cui è composta ciascuna perla o perlina.
500
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
3. Dazi di importazione
I dazi di importazione variano a seconda della classificazione del prodotto in questione
(sulla base dell’Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS). Alcuni esempi:
bicchieri di cristallo di valore non superiore ad 1 dollaro ciascuno (16%); di valore
superiore a 5 dollari (3%); bicchieri di vetro valutati più di 3 dollari ma meno di 5 (7,3%);
articoli in vetro decorati con metallo (20%); lenti per occhiali da vista (nessun dazio);
lenti non per occhiali (4,1%); perle di vetro (4%); materiali isolanti (3,9 %); microsfere di
vetro (17,5%); ampolle di vetro (nessun dazio); specchietti retrovisori per autoveicoli
(3,9%); tubi di vetro non lavorato (7,8%); specchi con una superficie superiore ai 929 cm
(7,8%).
4. Proibizioni e restrizioni
Tutti i prodotti in vetro destinati all’utilizzo nel campo alimentare, sono soggetti alle
regolamentazioni previste dal Federal Food Drug and Cosmetic Act (FDCA) ed applicate
dalla U.S.Food and Drug Administration (FDA). Qualora la FDA riscontrasse negli articoli e
nei prodotti in vetro destinati ad entrare sul mercato statunitense un livello di cadmio o di
piombo superiore a quello consentito, gli articoli in questione possono essere importati
negli Stati Uniti solamente dopo essere stati resi inutilizzabili per l’uso alimentare. Ci sono
principalmente due strade per raggiungere questo obiettivo: 1) modificare gli articoli in
modo tale da renderli direttamente inutilizzabili per l’uso alimentare (ad es. mediante
l’apportazione di fori sulla superficie dell’articolo); 2) affiggere sugli articoli in questione
in modo permanente una etichetta che contenga le frasi: “Not for Food Use” e “Article May
Poison Food”. Gli articoli destinati al solo uso decorativo e non anche ad uso alimentare
sono esenti dai suddetti controlli da parte della FDA, ma devono comunque presentare
501
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
una etichetta permanente che indichi la scritta: “Not for Food Use-Plate May Poison Food.
For Decorative Purposes Only”.
5. Pubblicazioni disponibili
 Harmonized Tariff Schedule of the United States – HTSUS, disponibile sul sito
internet: http://hts.usitc.gov/ o scrivendo a:
U.S. Government Printing Office
732 North Capitol St. NW
Washington, DC 20401
Tel.1: (202) 512 1800 DC metro Area
Tel.2: (866) 512 1800 toll free
Fax: (202) 512 2104
Sito Intenet: http://www.gpo.gov/
6. Riviste
Glass Patterns Quarterly
Frequenza trimestrale
8300 Hidden Valley Road
PO Box 69
Westport, KY 40077-9706
Tel.: (502) 222 5631 o 800 719 0769
Fax: (502) 222 4527
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.glasspatterns.com
502
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Glass: The Urban Glass Art Quarterly
Frequenza: 4 uscite annuali
647 Fulton St.
Brooklyn, NY 11217-1112
Tel.: (718) 625 3685
Fax: (718) 625 3889
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.urbanglass.com
7. Principali leggi e regolamenti
Le leggi ed i regolamenti che seguono possono essere rilevanti per esportare negli Stati
Uniti vetro ed articoli in vetro. Le leggi sono contenute nel U.S.Code (USC) mentre i
regolamenti sono pubblicati nel Code of Federal Regulations (CFR):
-
Food, Drug and Cosmetic Act (21 USC 301 et seq.): legge che proibisce il ricorso a
pratiche ingannevoli e che regola la fabbricazione, la vendita e l’importazione di
cibi, cosmetici, medicinali e prodotti relativi;
-
Regulations on Food, Drugs and Cosmetics (19 CFR 12.1 et seq.; 21 CFR 1.83 et
seq.): relativo agli standard, alla certificazione e alla importazione dei prodotti
utilizzati con cibo, medicinali e cosmetici.
8. Principali Agenzie Governative
 Per
informazioni
relative
alle
richieste
avanzate
dalla
FDA
nel
caso
dell’importazione negli Stati Uniti di cosmetici e profumi:
503
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Food and Drug Administration (FDA)
Center for Drug Evaluation and Research
Office of Cosmetics and Colors
10903 New Hampshire Avenue
Silver Spring, MD 20993
Tel.: (301) 796 3400
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.fda.gov
 Per informazioni piú generali:
U.S. Customs and Border Protection
1300 Pennsylvania Avenue, N.W.
Washington, D.C. 20229
Allen Gina, International Affairs Director
Tel.: (202) 344 3000
Sito Internet: http://www.cbp.gov/
9. Principali Fiere e esposizioni di settore
Glass & Ceramic Decorators Society
Per informazioni:
Society of Glass & Ceramic Decorators
PO Box 249
Zanesville, OH 43702
Tel.: (740) 588 0245
504
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Fax: (740) 588 0245
Email: [email protected]
Sito internet: http://www.sgcd.org
Date: 18 - 19 aprile 2010 (frequenza annuale)
Sheraton Downtown Hotel
Nashville, TN
The Art Glass Show
Per informazioni:
Lisa Phomer
Offinger Management Co.
1100-H Brandywine Blvd., P.O.Box 3388
Zanesville, OH 43702-3388
Tel.: (740) 452 4541
Fax: (740) 452 2552
Date: 27 - 28 marzo 2010 (frequenza annuale)
Alliant Energy Center, Exhibition Hall
Madison, WI
Glass Craft Expo 2010
Per informazioni:
Patty Cerajewski
Las Vegas Management
2408 Chapman Dr.
Las Vegas, NV 89104
Tel.: (702) 734 0070
Fax: (702) 734 0636
505
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.glasscraftexpo.com
Date: 7 – 11 aprile 2010 (frequenza annuale),
South Coast Hotel and Casino
Las Vegas, NV
Western New York Gift Show
Per informazioni:
Patty Cartwright, Show Manager
American Gift & Art Shows
100 Bickford St.
Rochester, NY 14606
Tel.: (585) 254 2580
Fax: (585) 458 1511
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.coralproductions.com
Date: 24 - 26 luglio 2010 (frequenza semestrale),
Dome Center/Minett Hall (Fair & Expo Center)
Henrietta, NY
New York International Gift Fair
Per informazioni:
Dorothy Belshaw, Senior Vice President & Show Director
Tel.: (914) 421 3345
George Little Management
10 Bank St.
White Plains, NY 10606-1954
506
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
Sito inetrnet: http://www.nyigf.com
Date: 30 gennaio – 4 febbraio 2010 (frequenza semestrale),
Jacob Javits Convention Center
New York, NY
10.
Associazioni di settore
Art Glass Association
PO Box 2537
Zanesville, OH 43702-2537
Steve Shupper, Chairman
Tel.: (740) 450 6547
Fax: (661) 264 5277
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.artglassassociation.info
Society of Glass and Ceramic Decorators (SGCD)
Box 2489
Zanesville, OH 43702
For Informations: Myra Warne
Tel.: (740) 588 9822
Fax: (740) 588 0245
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.sgcd.org/
Glass Association of North America (GANA)
Stanley L. Smith
507
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.
Guida all’esportazione negli Stati Uniti.
2009
2945 SW. Wanamaker Drive, Suite A
Topeka, KS 66614-5321
William M. Yanek, Exec. VP
Tel.: (785) 271 0208
Fax: (785) 271 0166
Sito Internet: http://www.glasswebsite.com/
National Glass Association (NGA)
8200 Greensboro Dr., Suite 302
Mc Lean, VA 22102-3881
Philip J. James CAE, NGA President & CEO
Tel.: (703) 442 4890 o 866-342-5642
Fax: (703) 442 0630
E-mail: [email protected]
Sito internet: http://www.glass.org
508
I contenuti della presente pubblicazione sono di proprieta’ della Italy-America Chamber of Commerce Inc.. La copia,
distribuzione e riproduzione sono consentiti solo previa autorizzazione della stessa.

Documenti analoghi