leggi tutta la storia

Transcript

leggi tutta la storia
«
XXXXXXXXXXXX
TUDOR PRESS RELEASE 2014
DA ANNI STO STUDIANDO
L A POSSIBILITÀ DI RE ALIZZARE OROLOGI
CHE I NOSTRI CONCESSIONARI POSSANO
VENDERE A UN PREZZO MINORE DEI NOSTRI
ROLE X, MA CHE POSSANO GODERE DELL A
STESSA TR ADIZIONALE FIDUCIA . HO DUNQUE
DECISO DI FONDARE UNA SOCIETÀ DISTINTA,
DEDITA ALL A CRE A ZIONE E ALL A VENDITA
DI QUESTI NUOVI OROLOGI.
QUESTA SOCIETÀ SI CHIAMA
MONTRES TUDOR S. A .
»
LA STORIA DI TUDOR
COM U NIC ATO STA MPA T U D OR 2 0 1 4
1926
LA NASCITA DEL MARCHIO
Nel febbraio del 1926, la casa di produzione e
vendita di orologi «Veuve de Philippe Hüther»
registra il marchio «The Tudor» per conto di
Hans Wilsdorf. Stabilitosi a Ginevra, Wilsdorf
acquisisce dal titolare i diritti in esclusiva di
utilizzo.
«
1932
I PRIMI OROLOGI TUDOR
IN AUSTRALIA
orizzontale della lettera T che si allunga sopra
le altre lettere. Esistono alcuni rari esemplari in
cui appare anche il nome Rolex accanto a quello
di Tudor. Rolex, infatti, garantirà la qualità tecnica
ed estetica degli orologi TUDOR fino a che il Marchio
non avrà ottenuto una propria autonomia in questo
campo. Gli orologi firmati TUDOR comprendono
modelli da uomo e da donna, sono per lo più
rettangolari, di forma tonneau o con i lati smussati.
Nel 1932 alcuni orologi TUDOR fabbricati per il
mercato australiano vengono forniti in esclusiva
alla società Willis, cui è affidato il compito di
distribuirli nelle migliori gioiellerie del Paese.
I primi orologi recano sul quadrante
semplicemente la firma TUDOR, con la barra
1 / 13
LAXXXXXXXXXXXX
STORIA DI TUDOR
TUDOR PRESSLE
RELEASE
ORIGINI2014
sua. È così che, il 6 marzo 1946, fonda la società
«Montres TUDOR S.A.», specializzata in modelli da
uomo e da donna. Le caratteristiche tecniche,
estetiche e funzionali saranno garantite da Rolex,
così come la distribuzione e il servizio post-vendita.
1947
EVOLUZIONE DEL LOGO
TUDOR «CATANACH’S»
L’orologio rettangolare in metallo cromato con i lati
smussati che si vede nell’immagine dà un’idea del
tipo di prodotto che TUDOR realizzava in questo
periodo iniziale. Ha un quadrante crema bicolore
a settori con numeri arabi luminescenti, lancette
a bastone in acciaio azzurrato con materiale
luminescente, minuteria chemin de fer e piccoli
secondi al 6. Il calibro è di forma tonneau,
riconoscibile grazie ai tre rubini rossi sulla platina
superiore. Catanach’s Jewellers, fondata nel 1874
a Melbourne, è una delle più antiche famiglie di
gioiellieri in Australia.
1936
HANS WILSDORF RILEVA IL
MARCHIO «THE TUDOR»
Il 15 ottobre 1936, la maison «Veuve de
Philippe Hüther» cede il marchio «The Tudor»
a Hans Wilsdorf. Nello stesso periodo, sui
quadranti degli orologi appare la rosa della
dinastia dei Tudor. Questo logo, inserito in uno
scudo, simboleggia l’invincibile unione della forza
– la robustezza dell’orologio – con la grazia –
la bellezza delle sue linee.
Poco alla volta, a partire dal 1947, un anno dopo
il lancio ufficiale di TUDOR, lo scudo scompare dal
logo. In seguito, sarà costituito solo dal nome
della Società e dalla rosa – finemente disegnata
o applicata in rilievo – andando così a porre
l’accento sull’eleganza e sullo stile del Marchio.
1952
NASCITA DEL
TUDOR OYSTER PRINCE
Nel 1952 viene lanciato il TUDOR Oyster Prince,
introdotto da una campagna pubblicitaria per
l’epoca molto intensa e originale, che non si limita,
come era allora consuetudine, a rappresentare
e a descrivere il prodotto. Le doti di resistenza,
affidabilità e precisione del modello vengono
infatti sottolineate, oltre che in un testo ricco di
dettagli, anche attraverso immagini di uomini che
operano in condizioni estreme con un TUDOR al
polso – una scelta meno convenzionale rispetto
alle rappresentazioni sportive. Queste immagini
forti, associate alla credibilità del prodotto,
contribuiscono a dare stile e personalità agli
orologi TUDOR, riflettendone il concetto di
modernità e affidabilità e lanciandoli ben oltre il
contesto specifico in cui vengono presentati.
1946
COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ
«MONTRES TUDOR S.A.»
È appena finita la Seconda Guerra Mondiale.
Hans Wilsdorf sa che è arrivato il momento di dare
impulso al Marchio e di conferirgli un’identità tutta
2 / 13
LAXXXXXXXXXXXX
STORIA DI TUDOR
TUDOR PRESSLE
RELEASE
ORIGINI2014
Hans Wilsdorf si serve di questa nuova campagna
per sancire il sodalizio tra i marchi Rolex e TUDOR,
dando il benestare a questo nuovo prodotto in cui
sta investendo la sua credibilità: «Ho deciso che il
TUDOR Prince merita di condividere con Rolex due
vantaggi che non permetterei a nessun altro
orologio di utilizzare: la celebre ed esclusiva cassa
Oyster impermeabile e l’originale meccanismo
automatico con «rotore» Perpetual. Tutti i TUDOR
Oyster Prince avranno queste due eccezionali
caratteristiche, finora un’esclusiva di Rolex.
Questo indica, a mio giudizio, il livello di fiducia
che riponiamo nel nuovo orologio. Sono fiero di
manifestare la mia personale approvazione.»
con numeri arabi applicati in oro sormontati da
delicati punti luminescenti, lancette luminescenti
dauphine e una grande lancetta dei secondi in
acciaio nero. Sul fondello si legge «Montres
TUDOR S.A. Geneva Switzerland Patented».
Il TUDOR Oyster Prince è dotato di un movimento
automatico, il calibro 390. Sviluppato da uno
sbozzo FEF (Fabrique d’Ébauches de Fleurier),
questo calibro da 12,5 linee batte a una frequenza
di 18 000 alternanze all’ora. È arricchito da un
rotore a V perforato, soprannominato «farfalla»
dai collezionisti e firmato «AUTO-PRINCE».
Queste prerogative tecniche aiuteranno il nuovo
orologio a ritagliarsi un proprio posto sul mercato.
Il successo arriverà nel giro di pochissimo tempo.
Nello stesso anno, 26 TUDOR Oyster Prince
parteciperanno alla spedizione scientifica
britannica in Groenlandia organizzata dalla Royal
Navy. Il Marchio dimostrerà così la resistenza,
l’affidabilità e la precisione dei suoi prodotti.
TUDOR OYSTER PRINCE 7909
Lanciato nel 1952, l’Oyster Prince è un orologio
impermeabile con dimensioni di cassa che vanno
da 31 mm per i modelli più piccoli a 34 mm per
quelli più massicci. Aumenta, inoltre, di spessore
per alloggiare il calibro automatico 390 in ottone
color rame, il cui rotore reca l’incisione «TUDOR
Swiss Patented AUTO-PRINCE». La referenza 7909
mostrata qui esibisce un quadrante color crema
3 / 13
LAXXXXXXXXXXXX
STORIA DI TUDOR
TUDOR PRESSLE
RELEASE
ORIGINI2014
10050. Nel 2011 questo leggendario orologiosveglia sarà rilanciato come referenza 79620T,
interamente rivisto e con un diametro di 8 mm più
grande (42 mm rispetto ai precedenti 34).
1953
PROVA DI ROBUSTEZZA
Nel 1953 Rolex lancia una campagna incentrata sui
test di robustezza del TUDOR Oyster Prince e sulla
sua resistenza in condizioni particolarmente difficili:
– orologio indossato da un minatore per 252 ore di
scavo manuale;
– orologio sottoposto alle vibrazioni di un
martello pneumatico per 30 ore;
– orologio indossato da un tagliapietre per 3 mesi;
– orologio indossato per un mese in cantieri edili
durante la rivettatura delle armature metalliche;
– orologio indossato da un pilota di motociclismo
su una distanza di 1 000 miglia.
L’accento è posto sull’elevata resistenza degli
orologi, la loro precisione, l’efficienza di carica
e l’impermeabilità, anche in condizioni di utilizzo
estreme.
1957
TUDOR ADVISOR:
IL PRIMO OROLOGIO-SVEGLIA
TUDOR ADVISOR 7926
Dal 1957 al 1968 viene realizzato un modello unico
ed estremamente raro, referenza 7926, raffigurato
qui con bracciale di cuoio. Ne saranno prodotti
solo qualche migliaia di esemplari. Sul TUDOR
Advisor referenza 7926 la cassa tipo Oyster viene
modificata per ottimizzare le vibrazioni della
funzione sveglia. Due corone, al 2 e al 4,
permettono di azionare, rispettivamente,
la funzione sveglia e la funzione orario.
Il suo movimento è il famoso A.S. (A. Schild)
1475 a carica manuale.
1969
NUOVA EVOLUZIONE
DEL LOGO
Dal 1969 in avanti, acquisiti definitivamente
i canoni di un’estetica di tipo classico e con
la produzione del Marchio che si sposta sempre
più verso prodotti tecnici e robusti, la rosa
scompare dal logo per essere sostituita dallo
scudo – simbolo di solidità e di affidabilità
costante.
L’orologio-sveglia TUDOR Advisor è uno dei
modelli più atipici del Marchio, l’unico nella sua
storia a proporre l’omonima funzione. Dal 1957 al
1977 ne vengono prodotte tre diverse versioni, due
con cassa tipo Oyster, referenze 7926 e 1537,
e l’ultima con una nuova cassa dedicata ,referenza
4 / 13
LAXXXXXXXXXXXX
STORIA DI TUDOR
TUDOR PRESSI SUBMARINER
RELEASE 2014
UN TUFFO NELLA
LEGGENDA
Nel 1954 TUDOR imbocca una strada nuova che
contribuirà a plasmare la sua leggenda. È in quel
preciso anno, infatti, che vede la luce il primo
orologio subacqueo del Marchio: il TUDOR Oyster
Prince Submariner referenza 7922. Progettato sin
dal principio per soddisfare criteri non comuni di
durevolezza, affidabilità, precisione e impermeabilità a un prezzo moderato, si posiziona rapidamente
ai primi posti nelle scelte dei professionisti. Nei
45 anni successivi, questo originale strumento-orologio continuerà a evolversi per rispondere con
efficacia ancora maggiore agli specifici requisiti
della variegata schiera di sub clienti del Marchio.
La prima generazione di TUDOR Submariner si
distingue per l’abbondanza delle versioni, cui
corrispondono progressi di notevole portata sul
piano prestazionale, tanto che, ad esempio, la
massima profondità di funzionamento, in origine
limitata a 100 metri, raggiungerà i 200 con
l’introduzione della referenza 7924 nel 1958.
In questo periodo viene realizzata una moltitudine
di esperimenti per stabilire quali debbano essere
le caratteristiche imprescindibili dell’orologio da
immersione ideale. Questo fa sì che ogni referenza
della serie 7900 si doti di caratteristiche geniali
che, recepite o no nello sviluppo del prodotto,
contribuiranno comunque a scriverne la leggenda.
utilizzati fino a quel momento sono sostituiti da
calibri automatici ETA. Sul piano estetico, il TUDOR
Submariner si presenta nel 1969 con un volto nuovo
destinato a rimanere celebre.
Sviluppato pensando alle esigenze specifiche dei
sub, è caratterizzato da quadranti inediti con indici
quadrati e lancette coordinate, che i collezionisti
chiameranno «snowflake». Rimane a catalogo fino
al 1981 e dal 1976 viene affiancato da alcuni modelli
di diametro ridotto.
Parallelamente al canale commerciale civile,
il TUDOR Submariner segue anche quello militare:
a supporto della marina francese, della marina
americana e di altre organizzazioni militari è
un attestato eloquente della robustezza e
dell’affidabilità dell’orologio.
È, infine, nella prima metà degli anni ‘60, con
l’ultima variazione della referenza 7928 (riconoscibile dalla protezione della corona di carica di forma
arrotondata), che si fissano le linee generali e le
specifiche tecniche costitutive dei TUDOR Submariner. Con il 1969 inizia il secondo «tempo» della
storia del TUDOR Submariner, che durerà fino al
1999, data della sua ultima apparizione a catalogo.
Gli elementi cardine del prodotto sono già stati
definiti con la serie 7900, ma la sua evoluzione
continua. Dal punto di vista tecnico, i movimenti
5 / 13
LAXXXXXXXXXXXX
STORIA DI TUDOR
TUDOR PRESSI SUBMARINER
RELEASE 2014
PRIMA SERIE:
I TUDOR SUBMARINER
DAL 1954 AL 1968
Anche se il primo orologio subacqueo TUDOR,
referenza 7922, risale al 1954, è necessario
attendere alcuni anni e la referenza 7928 per
trovare citato un TUDOR Submariner nel catalogo
generale della Marca. In questo «periodo di
latenza» TUDOR prova una serie di soluzioni
tecniche per perfezionare il suo strumento da
immersione ideale. L’assenza di documenti
commerciali non impedisce comunque ai modelli
della prima generazione di essere commercializzati
e di trovare fin da subito un pubblico caloroso,
in particolare tra le marine militari di importanti
Paesi.
Vengono così prodotte le referenze 7922, 7923,
7924 e 7925: hanno la caratteristica comune di
non essere dotate di protezioni della corona e di
avere una cassa di 37 mm. Ogni referenza off re
caratteristiche specifiche, risultato ed espressione
della ricerca condotta dal Marchio: la referenza
7922 è impermeabile sino a 100 metri di profondità,
la 7923 è alimentata da un movimento a carica
manuale, la 7924 è impermeabile sino a 200 metri
e la 7925 ha tutte le caratteristiche della 7924 salvo
per l’impermeabilità, limitata a 100 metri.
TUDOR OYSTER
SUBMARINER 7923
Il 7923 è l’unico TUDOR Submariner a essere
dotato di movimento a carica manuale, una scelta
tecnica che fa di questo modello un orologio
subacqueo estremamente piatto. Grazie al
fondello e alla corona a vite – caratteristiche
proprie della cassa Oyster – e al vetro bombato,
l’impermeabilità del TUDOR Oyster Submariner
è garantita sino a una profondità di 100 metri.
Il suo quadrante laccato nero non reca più
l’iscrizione «ROTOR», «SELF-WINDING» a ore 6,
in quanto il movimento utilizzato non è automatico.
Al posto di queste indicazioni si trovano le diciture
«SUBMARINER», «SHOCK-RESISTING».
Sul quadrante non è presente l’indicazione
dell’impermeabilità e le lancette utilizzate sono
a bastone, diverse da quelle dei Submariner di
prima generazione.
L’ultima referenza della serie 7900, la 7928,
è caratterizzata da spallette a protezione della
corona di carica, è garantita impermeabile fino
a una profondità di 200 metri ed è dotata di un
movimento automatico. Le caratteristiche appena
elencate costituiscono il patrimonio comune dei
Submariner che TUDOR produrrà fino alla fine degli
anni 90; da questo punto di vista, la referenza
7928 rappresenta la somma dell’esperienza
acquisita dal Marchio in numerosi anni di sperimentazione nel campo degli orologi subacquei.
La referenza 7923 è animata dal calibro ETA 1182
a carica manuale che ha una frequenza di 18 000
alternanze all’ora. Il bracciale tipo Oyster a maglie
rivettate, referenza 6636, reca il logo Rolex.
Nell’esemplare rappresentato nell’immagine, due
barrette cilindriche sostituiscono i fissaggi
arrotondati comunemente utilizzati per fissare il
bracciale alla cassa.
6 / 13
LAXXXXXXXXXXXX
STORIA DI TUDOR
TUDOR PRESSI SUBMARINER
RELEASE 2014
SECONDA SERIE
I TUDOR SUBMARINER
DAL 1969 AL 1999
Dalla fine degli anni ‘60 TUDOR inizia a presentare
versioni del Submariner che rispettano in tutto e
per tutto i canoni dell’orologio subacqueo ideale
definiti con l’ultima variazione, corrispondente alla
referenza 7928. Nel 1969 appaiono simultaneamente in catalogo due nuove referenze, la 7016
e la 7021, dotate di nuovi movimenti automatici e
di nuovi quadranti con gli indici e le lancette dalla
caratteristica forma quadrata, noti nell’ambiente
dei collezionisti con il nome di «snowflake».
Il 7021 è anche il primo TUDOR Submariner a
proporre una funzione calendario. Viene
introdotto, infine, un alternativo abbinamento
quadrante-lunetta in blu.
TUDOR OYSTER PRINCE
SUBMARINER 7016
Nel catalogo del 1969 appaiono due nuove referenze
del TUDOR Submariner, la 7016 e la 7021. Nasce con
loro la seconda generazione degli orologi subacquei
TUDOR. Nell’immagine del Submariner 7016
riportata qui (l’esemplare è del 1969) si notano
alcune caratteristiche tipiche del modello,
in particolare per quanto riguarda il quadrante
e le lancette. Il primo è punteggiato da grandi indici
quadrati ad alta visibilità e al posto del logo della
rosa, esibisce uno scudo, simbolo di resistenza
e di affidabilità. Le lancette, soprannominate
«snowflake» dai collezionisti, sono valorizzate
da quadrati luminosi per ottimizzare la leggibilità.
Questo nuovo aspetto è altamente riconoscibile
e concorrerà a definire l’identità di TUDOR.
A metà degli anni ‘70 compaiono a catalogo altre
varianti, tra cui una versione più piccola
dell’orologio da sub, il TUDOR Submariner Princess
Date, che farà da apripista a tutta una serie di
versioni ridotte che vedranno la luce negli anni
successivi: il TUDOR Submariner Prince Oysterdate,
il Prince Oysterdate Mini-Sub e il Princess
Oysterdate Lady-Sub.
Gli ultimi anni della linea TUDOR Submariner
vedranno, inoltre, il recepimento di innovazioni
significative: vetri zaffiro ad alta resistenza, lunette
girevoli dentate, ma anche variazioni stilistiche
concernenti il quadrante e la lunetta.
In totale, dal 1969 al 1999, saranno prodotte più di
20 referenze in numerose varianti. Ciascuna di esse
racchiude in sé le caratteristiche fondanti del
TUDOR Submariner.
L’altra importante modifica introdotta nella
referenza 7016 è la sostituzione del calibro
automatico 390, utilizzato fino a quel momento, con
un movimento ETA 2483 che ha la stessa frequenza
del suo predecessore, ossia 18 000 alternanze
all’ora. Le linee dell’orologio rimangono identiche
a quelle stabilite dalla generazione precedente:
cassa da 39 mm firmata Rolex, impermeabilità sino
a 200 metri, protezione della corona di carica di
forma arrotondata, corona a vite firmata Rolex,
lunetta girevole bidirezionale graduata 60 minuti,
con intervalli da 5 minuti e suddivisioni da un
minuto tra lo 0 e il 15, bracciale tipo Oyster a maglie
pieghevoli firmato Rolex. Il vetro in Plexiglass non
è più bombato ma piatto, spesso e prominente.
7 / 13
LAXXXXXXXXXXXX
STORIA DI TUDOR
TUDOR PRESSI SUBMARINER
RELEASE 2014
OROLOGI SUBACQUEI
A USO MILITARE
Per uno strumento destinato a una platea di
professionisti, il miglior sigillo di qualità è essere
adottato da organizzazioni ufficiali che ne fanno
un uso estremo. Il fatto che nella loro lunga storia i
TUDOR Submariner siano stati scelti dalla Marine
nationale française (MN), dalla US Navy (USN) e da
altre importanti organizzazioni militari in tutto il
mondo, ha permesso a questi orologi di
accrescere la propria reputazione in materia di
qualità e robustezza.
Questi orologi non erano né personalizzati né
sviluppati ad hoc. Si trattava semplicemente di
referenze a catalogo scelte dagli stessi interessati.
In linea generale, si differenziavano dalla
produzione standard unicamente per l’incisione
presente sul fondello a vite. Ad esempio, i TUDOR
Submariner utilizzati dalla Marine nationale
française riportavano le iniziali M.N.
accompagnate dalle ultime due cifre dell’anno
di fornitura.
TUDOR OYSTER PRINCE
SUBMARINER «MARINE
NATIONALE» 9401
Si sa che i sommozzatori della marina francese
confezionavano i cinturini degli orologi con le
cinghie dei paracadute, come nell’esemplare della
referenza 9401 risalente al 1977. Grazie all’elasticità
del materiale, l’orologio risultava comodo da
indossare e facilmente regolabile sulla muta.
Il retro della cassa di questo orologio reca
l’incisione M.N. 77.
Il cinturino mostrato nell’immagine non è stato
prodotto da TUDOR.
Considerando che per molti anni sono stati
utilizzati intensamente e in condizioni estreme,
è molto raro che gli esemplari sopravvissuti ai
giorni nostri siano ancora in perfetto stato.
Tuttavia, per la loro relativa rarità, per le storie che
raccontano e le immagini che evocano, questi
segnatempo sono altamente apprezzati sotto
il profilo collezionistico. Le pagine che seguono
contengono una serie di descrizioni particolareggiate di una selezione non esaustiva di
TUDOR Submariner impegnati in ruoli militari.
8 / 13
LAXXXXXXXXXXXX
STORIA DI TUDOR
TUDOR
I CRONOGRAFI
PRESS RELEASE 2014
UNO STILE UNICO
Per quasi mezzo secolo TUDOR ha lasciato la sua
impronta nella storia dei cronografi con prodotti
caratterizzati da una forte identità, da uno stile
unico e da una qualità senza compromessi.
Dimostrandosi sempre all’altezza, suscitando
passione, migliorando continuamente i suoi
prodotti e offrendo modelli calati nella loro epoca
eppure dalla forte identità, TUDOR si è guadagnato
un posto speciale nel campo dei cronografi
sportivi con lo sviluppo nel tempo di quattro
famiglie di prodotti.
Nel 1970, con il lancio del suo primo modello
meccanico a carica manuale, il cronografo
Oysterdate, il Marchio colpisce da subito
l’immaginario degli appassionati per l’uso
singolare dei colori vivaci e per la scelta dei
caratteristici indici pentagonali.
L’anno successivo, nel 1971, una seconda serie
di cronografi Oysterdate, oggi nota ai collezionisti
con il soprannome di «Montecarlo», si fa portatrice
di miglioramenti tecnici e di un’evoluzione
stilistica. Rimangono memorabili, in particolare,
le varianti con quadrante e lunetta blu introdotte
su questa serie.
Il 1976 vede il lancio della terza famiglia di
cronografi TUDOR, chiamati «Big Block» nei
circuiti dei collezionisti, e l’arrivo di un’importante
innovazione. Con i modelli Prince Oysterdate,
il Marchio presenta i suoi primi cronografi dotati
di movimento meccanico automatico e conferma
i criteri già impostati dalla famiglia Oysterdate.
TUDOR propone cronografi immediatamente
riconoscibili e dalle qualità tecniche eccellenti.
Il 1995, infine, segna l’inaugurazione della seconda
serie di cronografi Prince Oysterdate automatici:
vengono introdotti numerosi perfezionamenti
estetici e tecnici, come una cassa rielaborata e
affinata e un vetro zaffiro praticamente antigraffio.
Quattro famiglie di cronografi TUDOR per una
dozzina di referenze di rilievo, che di anno in anno
suscitano sempre maggiore entusiasmo.
Per rispondere a questo crescente interesse,
TUDOR decide di presentare una retrospettiva
della sua evoluzione attraverso una selezione
oculata di alcuni suoi segnatempo storici
di grande importanza.
9 / 13
LAXXXXXXXXXXXX
STORIA DI TUDOR
TUDOR
I CRONOGRAFI
PRESS RELEASE 2014
1970
PRIMA SERIE:
TUDOR OYSTERDATE
Il primo cronografo TUDOR viene chiamato
Oysterdate. Animato da un calibro meccanico a carica
manuale Valjoux 7734 con meccanismo cronometro
a camme, viene presentato nel 1970. Le dimensioni
della cassa sono importanti: con un diametro di
39 mm decisamente più imponente di molti standard
dell’epoca, il pronunciato e caratteristico bordo
smussato delle anse e le linee affilate e muscolose.
Anche lo stile grafico del quadrante è insolito.
Scommessa audace, ma riuscita, in quanto il modello
trova immediatamente il suo pubblico.
Di questo primo cronografo sportivo TUDOR esistono
tre varianti, che si differenziano tra loro per il tipo di
lunetta. Due sono prodotte in serie, la terza, invece,
non sarà mai commercializzata. L’estetica è unica
e aristocratica, le radici tecniche e sportive.
La referenza 7031/0 è caratterizzata da una lunetta
sormontata da un inserto in Plexiglas con scala
tachimetrica graduata fino a 500 unità, utile per
il calcolo delle velocità medie orarie tra due punti.
La referenza 7032/0 esibisce una lunetta in acciaio
satinato che reca anch’essa incisa una scala
tachimetrica graduata fino a 500 unità. L’ultima,
la referenza 7033/0, presenta una lunetta girevole
bidirezionale con inserto graduato da 12 unità in
alluminio anodizzato nero che non andrà mai oltre
lo stadio di prototipo.
cronografici consta di 45 minuti, una variante
inusuale rispetto al più comune contatore 30 minuti.
Grazie alle loro casse impermeabili tipo Oyster e alle
corone di carica a vite, questi cronografi sono
impermeabili sino a una profondità di 50 metri.
I pulsanti a vite impediscono l’azionamento
accidentale del cronografo.
TUDOR OYSTERDATE 7033/0
L’ultima versione del cronografo Oysterdate serie
7000 è la referenza 7033/0. Al contrario dei due
modelli precedenti, non sarà mai commercializzata.
Ricorda in tutto e per tutto le altre due, salvo per il
fatto che è dotata di un’eccezionale lunetta girevole
bidirezionale con inserto graduato da 12 unità in
alluminio anodizzato nero, che prefigura la referenza
7169/0 lanciata nel 1971.
I quadranti di queste prime tre referenze sono identici
tra loro e vestono tre colori: sfondo grigio, contatori
neri e minuteria su sfondo bianco. Possiedono,
inoltre, degli inconsueti indici luminosi dipinti di
forma pentagonale che negli ambienti dei collezionisti
si guadagneranno il soprannome di «Home Plate»,
in quanto ricordano la forma del piatto del campo da
baseball. Ultima particolarità, il contatore dei minuti
10 / 13
LAXXXXXXXXXXXX
STORIA DI TUDOR
TUDOR
I CRONOGRAFI
PRESS RELEASE 2014
1971
SECONDA SERIE: TUDOR
OYSTERDATE «MONTECARLO»
I cronografi TUDOR della seconda generazione
appaiono nel 1971 e rimangono a catalogo fino al
1977. Soprannominati dagli appassionati TUDOR
«Montecarlo», per i quadranti che ricordano il
disco della roulette dei casinò, i cronografi della
serie 7100 conservano la cassa dei predecessori
e lo spirito del relativo quadrante con indici dipinti,
ma cambiano il movimento. Al posto del calibro
Valjoux 7734, ad animare i cronografi TUDOR è ora
il Valjoux 234 a carica manuale. Questo nuovo
movimento off re a chi lo indossa una maggiore
precisione grazie alla frequenza più elevata –
21 600 alternanze all’ora contro le precedenti
18 000 – e possiede un meccanismo cronografo
più sofisticato, con frizione e ruota a colonne.
Viene, inoltre, introdotta in questa serie una
combinazione cromatica supplementare, con
un quadrante grigio e blu e due tipi di lunette
blu coordinate.
Tre cronografi vanno a costituire questa nuova
serie. La referenza 7149/0 con lunetta in Plexiglas
e scala tachimetrica graduata fino a 500 unità
all’ora sostituisce nel catalogo la referenza 7031/0.
La referenza 7159/0 con lunetta in acciaio satinato
e scala tachimetrica incisa sostituisce la referenza
7032/0, mentre la referenza 7169/0 diventa
l’incarnazione del prototipo 7033/0 con lunetta
girevole e da quel momento in poi sarà prodotta in
serie.
TUDOR OYSTERDATE
«MONTECARLO» 7169/0
Orologio prodotto in serie sulla base del prototipo
della gamma 7000, il cronografo TUDOR Oysterdate
referenza 7169/0 esibisce una lunetta girevole con
graduazione a 12 ore per leggere l’ora in un secondo
fuso orario. Questa referenza esiste in due
combinazioni cromatiche. Presentata qui con
quadrante blu e grigio, era disponibile anche in
nero e grigio. Come le altre referenze della serie
7100, la 7169/0 appare in catalogo dal 1971.
Nei primi anni della serie 7100, il bracciale in
acciaio rimane lo stesso dei primi cronografi
TUDOR. Si evolverà in seguito trasformandosi in
un bracciale sempre di tipo Oyster ma con maglie
piene, quello della referenza 78360.
11 / 13
LA STORIA DI TUDOR
I CRONOGRAFI
1976
TERZA SERIE:
TUDOR PRINCE OYSTERDATE
«BIG BLOCK»
Nel 1976 TUDOR lancia una nuova famiglia di
prodotti che rappresentano una piccola
rivoluzione per il Marchio. Questi nuovi orologi
Prince Oysterdate sono infatti i primi cronografi
nella storia di TUDOR a dotarsi di movimenti
automatici.
Catalogati come Prince Oysterdate, sono noti
anche con i nomi di «AUTOMATIC CHRONO TIME»
o «CHRONO TIME» per le diciture visibili sui
quadranti. La cassa, pur conservando le linee
generali delle famiglie precedenti, aumenta di
spessore per fare spazio al rotore del movimento
automatico, motivo per cui nell’ambiente dei
collezionisti il modello sarà soprannominato
«Big Block». Il nome «Big Block» perdura anche
nella serie successiva, la 79100, introdotta nel
1989, che prevede solo lievi modifiche.
TUDOR PRINCE OYSTERDATE
«BIG BLOCK» 9430/0
Malgrado la denominazione ufficiale, la serie dei
cronografi Prince Oysterdate non indica il proprio
nome sul quadrante. Al suo posto appaiono, invece,
le indicazioni «CHRONO TIME», come sul modello
del 1976 presentato qui, oppure «AUTOMATIC
CHRONO TIME», come avviene su altre varianti
di quadrante. La versione della referenza 9430/0
illustrata nella pagina successiva presenta un
quadrante nero con tre contatori bianchi dalle
striature molto pronunciate su due livelli.
L’introduzione del calibro cronografo automatico
Valjoux 7750 apporta un’ulteriore innovazione ai
cronografi Oysterdate attraverso la funzione data
con cambio istantaneo. Mentre nelle serie
precedenti occorreva far girare le lancette più volte
per regolare la data dopo un periodo di inutilizzo
dell’orologio, ora la posizione della corona di carica
consente l’accesso diretto al disco della data.
Come le generazioni precedenti, anche la serie
9400 comprende tre referenze, che si distinguono
l’una dall’altra per il tipo di lunetta utilizzato, una
caratteristica presente anche nei modelli «Big
Block» della serie 79100. Anche in questo caso,
sono disponibili diverse varianti di quadrante per
la stessa referenza. Due sono i filoni estetici che
caratterizzano questi orologi: uno s’ispira
liberamente allo spirito dei quadranti delle due
serie precedenti, talvolta chiamate «Exotic» dai
collezionisti; l’altro, molto più illustrato nel
catalogo, punta a un forte contrasto tra quadrante
e contatore con combinazioni bianco e nero
o argento e bianco.
Il movimento che anima questi nuovi cronografi è il
calibro Valjoux 7750. Dello stesso diametro del
Valjoux 234 a carica manuale (30,4 mm o 13 linee),
è di 1,5 mm più spesso di quest’ultimo e batte a una
frequenza di 28 800 alternanze all’ora. Il suo
meccanismo cronografo è un sistema a camma
e pignone oscillante estremamente affidabile.
L’architettura di questo nuovo movimento comporta
la riorganizzazione del quadrante, con l’aggiunta di
un contatore delle ore, il trasferimento del gruppo dei
contatori verso la sinistra del quadrante e lo
spostamento della finestrella della data al 3.
12 / 13
LA STORIA DI TUDOR
I CRONOGRAFI
1995
QUARTA SERIE:
TUDOR PRINCE OYSTERDATE
Nel 1995, con l’introduzione della serie di referenze
79200, l’aspetto del cronografo automatico Prince
Oysterdate viene rivisto in misura lieve, ma
significativa. In primo luogo, la cassa, che per tre
generazioni di cronografi aveva mantenuto in
sostanza la sua famosa figura imponente e severa,
ora si affina e si addolcisce. Pur conservando una
silhouette altamente riconoscibile, presenta
all’occhio linee più morbide fatte di curve e di
rotondità.
Tre cambiamenti di rilievo contraddistinguono,
inoltre, il design di questa quarta generazione:
viene introdotto un nuovo, caratteristico quadrante
argenté con contatori color crema, un inserto in
alluminio anodizzato nero con indici ricalcati
sostituisce l’inserto tradizionale in Plexiglas della
lunetta tachimetrica e un vetro zaffiro con ciclope
viene adottato in sostituzione del vetro in Plexiglas.
Il movimento continua a essere il calibro Valjoux
7750, proposto però in una versione
sostanzialmente migliorata. La finitura è
caratteristica, frutto di uno sforzo estetico
particolare. La decorazione, interamente
aggiornata, viene chiamata «spéciale TUDOR».
Il rotore non è più decorato con indici ricalcati,
ma è inciso e dorato. Le viti sono lucide invece
di essere opache.
TUDOR PRINCE
OYSTERDATE 79260
La referenza 79260 è quella che segna il passaggio
dalla lunetta tachimetrica con inserto in Plexiglas
a quella con inserto in alluminio anodizzato e indici
ricalcati. L’esemplare presentato qui è stato
prodotto nel 1996 e presenta la nuova variante di
quadrante cronografo con fondo argenté e
contatori color crema.
Nel 1996 la società Montres TUDOR S.A. celebra
il suo 50° anniversario. Il Marchio ha raggiunto
la maturità ed è ora conosciuto in tutti i mercati.
Dalle casse, dalle corone di carica e dai bracciali
degli orologi TUDOR scompaiono progressivamente
i riferimenti diretti a Rolex.
13 / 13

Documenti analoghi

I. DALLA TECNICA ALLO STILE - Italian Certificate Awards

I. DALLA TECNICA ALLO STILE - Italian Certificate Awards I nuovi orologi presentati da TUDOR in occasione di Baselworld 2010 effettivamente approfondiscono e ampliano le tematiche già avviate durante l’anno precedente, insistendo sul concetto di raffina...

Dettagli