pompei, napoli, costiera amalfitana e cassino

Transcript

pompei, napoli, costiera amalfitana e cassino
CIRCOLO DIPENDENTI CASSA RURALE ALTA VALLAGARINA
NIDO dell' AQUILA e BERCHTESDAGEN
05 ottobre 2013
Ore 05.00
Partenza da Rovereto con Pullman G.T. e inizio del viaggio verso la Germania.
Ore 10.00
Arrivo a Obersalzberg presso Berchtesgaden . Nei dintorni di Berchtesgaden si trova la zona
di Obersalzberg, famosa per la villeggiatura alpina, luogo ameno di cui si innamorò
Hitler negli anni '20 e dove costituì con i gerarchi del partito - Göring, Hess, Bormann,
Speer e Göbbels - una sorta di quartier generale-bunker per le vacanze.
Questo villaggio a circa 1.000 metri d'altezza, dove era ambitissimo essere invitati, è stato
bombardato alla fine del '45 e raso al suolo nel 1952. Nell'area si trova oggi un Centro di
documentazione sul nazismo. Hitler soggiornò qui con Eva Braun in una villetta da lui
battezzata "Berghof". Nel 1938 ebbe in dono dai gerarchi del partito per il suo 50.mo
compleanno (che compirà il 20 aprile 1939) il celeberrimo "Nido dell'Aquila", uno chaletfortezza costruito sul Kehlstein, un picco di 1.834 metri sovrastante il villaggio di
Obersalzberg.
Storico punto panoramico, aperto da maggio ad ottobre, che domina la valle di Berchtesgaden
e che offre una visibilità di 200 chilometri. L'opera è frutto di un'idea di Martin Bormann, che
desiderava rendere la cima del Kehlstein accessibile alle auto e che convinse Hitler ad
autorizzare il dispendioso progetto, dichiarandolo ufficialmente regalo del partito per il
cinquantesimo compleanno del „Führer". Il Nido non servi mai a scopi militari, ma venne
invece utilizzato soprattutto in oc-casione di visite ufficiale e Hitler non vi abitò mai, bensì vi
sali solo poche volte. L'attuazione del progetto richiese una gigantesca prestazi-one agli
ingegneri ed ai lavoratori. Enormi problemi dovettero venire superati per poter costruire una
strada sul ripido monte Kehlstein (1834 m) fino a 1.700 metri.
Trasferimento quindi con i Pullmini per la visita al luogo.
La strada è lunga circa 7 km, supera il dislivello di 700 m con un solo tornante e sfocia sullo
spiazzo attualmente adibito a parcheggio autobus. Da qui si procede nel tunnel lungo 124 m
ed alto circa 3. L'ascensore, mantenuto allo stato originale con il rivestimento in ottone ed i
sedili di pelle, è grande e spazioso e conduce diretta-mente nel cuore del Nido lasciandosi alle
spalle l'ultimo dislivello di 124 metri in soli 41 secondi. I lavori di costruzione del Nido e della
strada durarono in tutto solo 13 mesi. Secondo le fatture delle imprese edili, la costruzione del
Nido dell'Aquila costò 30 milioni di marchi dell'epoca. Dopa la guerra, gli alleati pensarono
di far saltare il Nido in aria, come le altre rovine all'Obersalzberg, ma, grazie alle trattative
avviate dal presidente della giunta provinciale e dal primo ministro di allora, si riuscì a
salvare la costruzione che oggi costituisce uno dei punti panoramici più suggestivi di
Berchtesgaden. Nel 1960 venne data vita alla „Fondazione Berchtesgadener Land" che affittò
la costruzione all'Ufficio del Turismo di Berchtesgaden. I guadagni vengono devoluti in
beneficenza per scopi di interesse collettivo nella regione
CIRCOLO DIPENDENTI CASSA RURALE ALTA VALLAGARINA
Ore 12.00
Rientro verso Berchtesgaden e trasferimento in ristorante riservato.
Ore 12.30
Pranzo presso Ristorante riservato con degustazione di piatti tipici locali.
Al termine breve passeggiata nel centro storico di Berchtesgaden.
Ore 15.00
Incontro con la guida per la visita della città di Berchtesgaden.
La città di Berchtesgaden (ca. 8.000 abitanti) è situata nel sud-est della Baviera, a pochi km dal
confine con l'Austria; fino al 1809 era sotto il dominio del potente principe-vescovo di
Salisburgo. E' una tipica città della Baviera, con un elegante e molto colorato centro storico:
case riccamente decorate da affreschi e fiori, negozi di tipici prodotti locali, birrerie...
Questa celebre località alpina si trova ai piedi del monte Watzmann (2.713 m) e vanta
un'antica e gloriosa storia: per secoli è stata infatti uno dei capisaldi della via del sale, grazie
alle miniere saline (Bergwerkstraße 83) che tuttora si possono visitare con un avventuroso
percorso guidato che comprende la visita ad un lago sotterraneo, ed un importante feudo
religioso.
Ancora oggi una parte del castello è abitata dai membri dell'ex famiglia reale bavarese
mentre una parte è aperta al pubblico. Dal 1922 al 1933 qui ha vissuto il principe ereditario
Rupprecht (1869-1955), figlio di re Ludwig III. Le visite guidate si svolgono da Pentecoste al
15 ottobre dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16 (tranne sabato) mentre dal 16 ottobre a Pentecoste
solo alle 11 e alle 14 (tranne sabato, domenica e festivi).
Da vedere inoltre la barocca Pfarrkirche, il Rathaus (municipio) e la Franziskanerkirche,
costruita nel 1480 per gli Agostiniani e passata ai Francescani nel 1695.
Ore 17.00
Inizio del viaggio di rientro con arrivo previsto a Rovereto in tarda serata.
QUOTA di PARTECIPAZIONE
Quota di partecipazione per persona ……………
Soci
Non Soci
LA QUOTA COMPRENDE:
-
-
Pullman G.T. andata e ritorno e a disposizione per tutto il giorno
Accompagnatrice per intera giornata
Biglietto per Pullmini a/r per trasferimento
Biglietto ascensore per il Nido dell' Aquila
Pranzo in Ristorante riservato con menù locale
Bevande al pranzo (birra piccola o soft-drink)
Servizio guida mezza giornata per Berchtesgaden
IVA e tasse
Assicurazione RCT
Euro 85,00.Euro 95,00.-
CIRCOLO DIPENDENTI CASSA RURALE ALTA VALLAGARINA
-
Materiale illustrativo

Documenti analoghi