Martedì 02 Settembre

Commenti

Transcript

Martedì 02 Settembre
Un grande romanzo storico ambientato nella Sicilia dell'Inquisizione
FRA
DIEGO
LA MATINA
di Luigi Natoli
(William Galt)
( IHui trazioni di Andre» Carist)
...e non fare sciocchezze.
I n t u i v a e -e ne spaventava ma
non comunicò i suoi dubbi ne le Mie
•f
NI nerbava di interrogar»,
investigare, .-coprire quali fo&aaro gli
. m u l t i Intendimenti di Ortiltna. Ma
non in più Mura.r d padre don \
urlo ,> meglio M persila.-* cnr i
• una '«•CHINI» mi AUO piano ma non
penetrarlo
i.» fiinclullA a 09111 domandi» aor•• ilCpunOrv
. ! • • s««n» pit' i II lumi » .11 i, ,1-11, • ,. , ,
< hr er.« dnveir uno fare felice la
aita inninnvu K coal ora I» parti si
io invertite chi avevu luaMbV
putirà di quelle BOXO» era làaboMa.
Piidrv don Atur*Ki Inuuila. «m
• io « I-KOB RUM ron Parto 41 MB
«maral» che partita pe
umaaa bultailla vMb> al auo
moatraraj fucalrr i
• a
nella
• *
• «'mi' in un
•intlr* »,
(II
i-
dnii ™
. • .lili III»
II
Ml'i
hi I l l l l n
i i n il I c i l n di tenru b u i ' » ' "
. . i |. . . i , i
M " ' III
r
dullallru
I
pi»na»
uo
i«
in.iiuirrla, mili» quale trp purlil libri
i 01 cotrve ai levava un pi ero lo
d avorio eoo In croce d
,'jlU pnrHe dietro U acri»»
e .M qnell» laterale erano uppoe•r piene di libri dald
parte oppoote un pea&nie arni
un Iniflnocahjatulo Inuunirlnl di munti ne erano du par tutto, u l > •"•
MI . ii<- d i l ti-inpii t-ntio cornici i* • <t\
.1.» . i . i t r mindMViiiio pulluli r oti • i n
llflf.VIl
l'idilninn.-t a <r unti
O a mononllobt t
l prete senza preamboli le domando
- Avete parlalo?
— Ho parlato
— Ebbene'
- Non vuole sentirne di
n u i limonio piangi- si dispera, supplirà
- Fanciullaggini' Fin otto giorni mìo nipote le porterà (anello
I
- Pia otto ciuiiii" COM presto?
- Fi a ire mesi M celebreranno le
no/ye Avrete denaro .«-ufficiente per
prepararle un corredo conveniente
•ila sua condizione
- Ma lasci almeno che la i>i< < ii» M allietatela ali idea di qne.vto
matrimonio' Non p i e r i p i t i
- Che >ienlflca rio? CnstuiR ha
QUA-i diciannove anni ora e voi - >prie i l e i m u i i del testamento Io
ubbidisco alla volontà di vostro padre che dovrebbe e.ssere più >acra
per voi che per me '
— La volontà di ouo padre 1 —
proruppe Isabella con amarezza —
dica piuttosto la su.« Imposizione, sopra un vecchio debole
— Io ho (atto il mio dovere
- Dita che hj rutilalo la sua
lendotla. E non paco di averta e*er•'Lala «opra di me ora vnolr larla
' icadere «opra mia figli*
— Dandole un nome onorato e
una ricchezza. 1T in »enu una vendetta Mrutolar»
Dite piuttosto eh*
mi conduco genertava/nml* e da emulasi o
- oh M" — «riama UabeUa non
ronienrndijfU - * da frullano «pò»
(Ilare una povera donna pnv.i di elibaaf
- Voi avevuie prtdulo II dintlo
di ereditare < u i r u padre, nrnnlulevene vi aveva «acciaia
deità.
- C voMlcnoria da bunn
no i n v r < f rii influì In a perdonare,
ha nulamente m u t i ' "•• l« venilnU patema
- V oalro padre vi ha benadeila.
per inlercoMunr mia
— Ma a quitti condì/ioni'
— A quelle rhr erano nere*"ai1e
• nndLtiunl IJTI impedirai un «Uro
peaao incoiuiderntu e dlauBUlvvolc
- Oca pili Alncr rumente a quel!• che aatlruraao O paaaagglo d»li»
nelle uè
- Voi Don paaait le Borei*
rl eacono dalla bacca e eie »ff<
no U mio carature aanardotale
thè ut non UICBW quei
Lo loecnorè aun uioou t la
eoa* ttuu n mete dJlMnde do
tona e non fa -he quello*he
"•'
v . i i- PI. un U*
I» «1 bo iajljg.
HUD-
» ullu minuti, ti.
Credi- rhr pux-ii piegai*! a fare da
boia aJ proprio .sangue, neuza nbelIRJ-N!' Ma v i n i E' pretendere trupP" e --pliiRcre la crudeltà alno ali
e-iiemo Non M rorvfcvsa, voulguorm?
E non le pare un peccato mor1
MI i) &uo?
- Ora mi leolotMi/ate! - «li--* 1
pa di e Angelo ->aiTa.sfico • - Pero ho
una volonlu da far eseeuire e ndemplo x.Tiipolasnnu'nte il mio dovere.
S'alzo per andor-ene Isabella lo
lermo.
- Appelli. non x ne viida
!" non uiuliii opponili voglio *olche appettiate ancora, e m u r o
- E Voi non .nevulr dii-iotto anni allorché vi nacque Cretina"1 A
fUi uumove mi pare che non -.1 MB
troppo giovimi Mm madre ando spo•sn a quattordici a n n i
L ANELLO DELLO SPOSO
Padre don Angelo resto meravinel trovare Cretina arrendevole e .toltomeliut Era andato il (torno dopo al monastero, declao a v m rerr la rrsL->Lcn/j» della fanciulla con
lo spavento ne non bastavano le
blandizie > ide uurrr dinanzi a •>
una pecorella timida, che rispondeva a monuMllabi e che «i uniforma
va alla volontà di lui
Che OOM diceva tu* madre,
che tu non \ o l r v i acnlirne r pianar
vi e l i dimoravi Prn h« m e n t i v a '
No ooo m e n t i t a la inanima
Varajiianle quella noliua a un mi<•• mi h* (allo una (rande panni
I torte or»
Non • r da awe paura il
mondo • eoa) L» lajn tulle ranno a
marito rai u\< nuunrii che i genitori con M«|e»«a M-rlgiioo • Di» br
iMÉMv IM loro uniunr
Iti. padrr
Vedrai i'hr t i in»vermi «xino-n.
U d avare ohbidllo
V*d amn un
im <*nt\ * %abaa«i: u*n«. a»bjUA a
-«li li dar» I «nello vnra con
me rVn/« pompa rou frm noi ui
tua madre In «pò» e
Brava! co»i u vvgtto ora andrò a rantolar* tua madre ih* irn
IHoCUiava chi aa che » anche lo
Din ti t>aiio<hoi'
i Grtauno non pareva l'ora che
«e ne andoaae, oan una laraa
di fotoni* a) ora |m
• i «•Ulva; aonpeiarr di oolloaa e él
dolore e quando »i utm» «lo. oMa«* i iMcni non un pattai ottno il
rum* to
lilo M» «
di «M n
l l P II i | i | i l l l M
MTvInllllll
di
. i . . i n . i i i ' t j i i l l f i i a l i • u m i l i i ' • •• .rio I
.ininoblglliunenin di quella camora.
nell.i quale al aenttva un i..nfo ipe' I ile di rlnchiuao. di vei • nin di poi
vrroao odore di curia U M I U I " • -\
pavimento graman di candele acreae
Pudie don Angelo »w>detie nel aefuiolonc dietro Li ncrlvuiiia e aapetl/i
Non molto Lu porta si upn e un»
voce im po' struaclcMLu diaae
- Deo gratuu
- Enlru don Alonao
Benedicite' - duvae don AlooAO entrando In punta di piedi oau( . u n e n t e rome uno che abbia paura
d) Dentare qualche coca
E f » uno spilungone che poteva
nvere venti o trentanni, tnnlo era
Indefinibile 11 tuo volto magro. »p •mio con un te.itone reao più enorme
d.i unii aelva di capelli bruni arrufi i l i con due b.tffl enormi, un plizo
Irto come un auffo di radici Sorrideva, aggrinzando le gote nigll zigomi oon ruuhe che inuformavano
quel volto in una maacheni
Sdirebbe stalo vano ricercare un
pò di carne in quel corpo che apurtvu dentro ut bella casacca di rascia fine, nelle gambe perdute dentro le colze nondimeno e erano pretensioni di eleganza neirabblgllamento I pizzi del collare e delle
iiuiiuclie erano finitomi e le fibbie
e I bottoni d'oro erano arricchiti di
•emme rn.i don Alonao aveva, con
tulio ciò, un orpello ridicolo
E»;II si avvicino .il prele con quel
p.uxvi lieve e guardingo, e ripete
Beiìfdtntf
- Siedi
gli ordino padre don
Angelo
Don MI in <«• aedeite piano piana
come ai avaaae avuto paun» di afondare la aedla. i ^ileae che II prete
- Don AlonJu lo non ti ho dello
rn.ii fin oggi che tu bai un gran dovare d.i < utnpiere
— Slangnore
- SUaignore che cuo» ae non aai
nulla •>
Appunto dicevo ataaignure rhe
non ao nulU Erru
inni
i,..n intvrrumptrTiu e
•i ani mi a pMitlre. t «oprai i ut lu non
dire • nuii fare aclocchono.
Siwiignnrr
- Dnnuue. U -luwrv che lu hai •
di inunandMre1 I) tuo BOOM nella pò
«lari;» Zitti»
Nella pontenia Tu
mt I unico Alvarrt. dal ramo dogli
alrarw j Cimerò* do PodrquUla v
i«ji famiglia antica I oui amonati ujmbaitBrnnu .•antro i inon al
lompu del Cid Campoadur L'na (a
riuglu tarlo amica e illusi r* non
può eaimciieiM tnjoi e |y non puoi
• i mi) dovi viwrv eorao OD 0Kocon.«
noaoatanle i inni pud • i tuul Iwx
tool, eh» Mino la mia «radila IBMTU
la da lun paore t miti Iraiplln H»
- ti Imi pvrprtM ivi ••'
rwpua* canlllonando don Alonau
dunque C*M tu
• >'"
Duo Alonoo ria*
Ibi ih' in'
Oh ine
In' U'
l.ulfl Natoli
•
nONt

Documenti analoghi