Guida introduttiva di Pro Tools HD

Commenti

Transcript

Guida introduttiva di Pro Tools HD
Guida introduttiva
di Pro Tools HD
Versione 6.0 per i sistemi TDM per Macintosh
Versione 5.3.3 per i sistemi TDM per Windows
Versione 5.3.1 per sistemi TDM per Macintosh
Digidesign
2001 Junipero Serra Boulevard
Daly City, CA 94014-3886 USA
tel.: 650·731·6300
fax: 650·731·6399
Supporto tecnico (USA)
tel.: 650·731·6100
fax: 650·731·6384
Informazioni sui prodotti (USA)
tel.: 650·731·6102
tel.: 800·333·2137
Uffici internazionali
Visitare il sito Web di Digidesign
per informazioni e assistenza
Sito Web
www.digidesign.com
Copyright
La presente Guida è protetta da copyright ©2002 di
Digidesign, una divisione di Avid Technology, Inc. (d'ora in poi
chiamata Digidesign), con tutti i diritti riservati. In base alle
disposizioni dei trattati internazionali sul copyright, la presente
guida non può essere copiata, per intero o in parte, senza
autorizzazione scritta di Digidesign.
DIGIDESIGN, AVID e PRO TOOLS sono marchi o marchi
registrati di Digidesign e/o di Avid Technology, Inc. Tutti
gli altri marchi appartengono ai rispettivi proprietari.
Tutte le caratteristiche e le specifiche sono soggette
a modifiche senza preavviso.
PN 910610782-02 REV A 12/02
sommario
Capitolo 1. Benvenuti a Pro Tools|HD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Sistemi Pro Tools TDM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Requisiti di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Registrazione Digidesign . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Informazioni sulle Guide di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Capitolo 2. Configurazione dei sistemi Windows . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Installazione di Windows XP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Configurazione del computer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Impostazioni di sistema per Windows . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Panoramica sull'hardware Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Installazione dell'hardware Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Installazione del software Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Installazione di QuickTime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Utilizzo di MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Installazione di ProControl o di Control|24 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Installazione delle sessioni demo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Controllo del sistema HD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Avvio di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Configurazione di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Capitolo 3. Configurazione dei sistemi Macintosh. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Panoramica sull'hardware Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Installazione dell'hardware Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Impostazioni di sistema Apple . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Installazione del software Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
Installazione delle sessioni demo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Controllo del sistema HD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Avvio di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Configurazione di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Sommario
iii
Capitolo 4. Collegamento dell'impianto di registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
Configurazione dell'impianto di registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
Esempio di configurazione di un impianto di registrazione con console di missaggio. . . . . . . . 72
Esempio di configurazione di un impianto di registrazione senza console di missaggio . . . . . . 73
Collegamento dell'apparecchiatura con gli ingressi e le uscite audio digitali . . . . . . . . . . . . . 74
Collegamento delle unità per effetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Collegamento dei dispositivi MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
Collegamento dei dispositivi di sincronizzazione SMPTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
Capitolo 5. Utilizzo di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
Nozioni di base sulle sessioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
Controlli di trasporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
Navigazione in una sessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
Tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
Elenchi delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
Importazione di audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Registrazione di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
Montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Missaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
Plug-in. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Automazione del missaggio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Missaggio finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
Appendice A. Collegamento delle unità SCSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
Requisiti SCSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
Collegamento delle unità SCSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Formattazione rapida delle unità SCSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Informazioni generali sulla manutenzione del disco rigido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Utilizzo di unità Macintosh su sistemi Windows . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
iv
Guida introduttiva di Pro Tools HD
Appendice B. Codici di errore DigiTest . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
Appendice C. Configurazione di OMS (solo Mac OS 9). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
Appendice D. Configurazione di AMS (solo Mac OS X) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
Appendice E. Driver Digidesign ASIO (solo Windows). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
Prodotti software compatibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
Installazione del driver ASIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
Modifica delle impostazioni del driver ASIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
Indice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
Sommario
v
vi
Guida introduttiva di Pro Tools HD
capitolo 1
Benvenuti a Pro Tools|HD
Benvenuti a Pro Tools|HD. Le schede e le
interfacce audio della serie Pro Tools|HD
consentono di svolgere in Pro Tools operazioni
di registrazione, modifica, elaborazione del
segnale, missaggio e I/O di audio digitale ad alta
definizione.
• Cavo DigiLink (per il collegamento della
scheda HD a un'interfaccia audio)
Nella presente guida vengono illustrate
l'installazione e la configurazione dell'hardware
Pro Tools|HD e del software Pro Tools nelle
piattaforme Macintosh e Windows. Vengono
forniti test di sistema e di installazione, nonché
una presentazione del software Pro Tools.
I sistemi Pro Tools|HD 1 forniscono
registrazione e riproduzione dei file audio
a 16 bit e 24 bit con i seguenti conteggi di tracce:
• Cavo TDM FlexCable (per il collegamento
di due schede HD), uno per ciascuna scheda
Process (HD 1 non include alcun cavo TDM
FlexCable)
• Fino a 96 tracce a 44,1 kHz o 48 kHz
• Fino a 48 tracce a 88,2 kHz o 96 kHz
• Fino a 12 tracce a 176,4 kHz o 192 kHz
Sistemi Pro Tools TDM
Pro Tools 6.0 per Macintosh, Pro Tools 5.3.3
per Windows e Pro Tools 5.3.1 per Macintosh
supportano i seguenti sistemi:
I sistemi Pro Tools|HD 2 e HD 3 forniscono
registrazione e riproduzione dei file audio a
16 bit e 24 bit con i seguenti conteggi di tracce:
• Fino a 128 tracce a 44,1 kHz o 48 kHz
• Fino a 64 tracce a 88,2 kHz o 96 kHz
Pro Tools|HD 1, HD 2 e HD 3
• Fino a 24 tracce a 176,4 kHz o 192 kHz
Un sistema Pro Tools|HD include:
Tutti i sistemi Pro Tools|HD forniscono:
• Scheda HD Core
• Ambiente di missaggio TDM digitale
e plug-in DSP
• Scheda HD Process; i sistemi HD 2 e HD 3
vengono forniti rispettivamente con una
e due schede Process (HD 1 non comprende
alcuna scheda Process)
• Software TDM Pro Tools
• Montaggio non lineare, ad accesso causale
e automazione del missaggio
• Registrazione, riproduzione
e montaggio MIDI
• Interfaccia audio Digidesign (venduta
separatamente)
Capitolo 1: Benvenuti a Pro Tools|HD
1
Interfacce audio
Interfaccia audio 192 Digital I/O
Per la registrazione e la riproduzione audio
è necessaria almeno una delle seguenti
interfacce audio Digidesign:
• Supporta frequenze di campionamento fino
a 192 kHz. Per poter eseguire la registrazione,
l'elaborazione e la riproduzione a 192 kHz,
almeno un'interfaccia 192 I/O o
192 Digital I/O deve essere collegata al
sistema Pro Tools|HD.
Interfaccia audio 192 I/O
• Supporta frequenze di campionamento fino
a 192 kHz. Per poter eseguire la registrazione,
l'elaborazione e la riproduzione a 192 kHz, è
necessario che sia collegata al sistema al
sistema Pro Tools|HD almeno un'interfaccia
192 I/O o 192 Digital I/O.
• Supporta collegamenti analogici e digitali,
inclusi AES/EBU, S/PDIF, TDIF e ADAT ottico:
• Digitale (scheda I/O digitale): otto canali,
DB-25 (AES/EBU e TDIF) oppure una
coppia di connettori Lightpipe (ADAT
ottico). Espandibile fino a 16 canali digitali
I/O mediante l'aggiunta della scheda di
espansione 192 Digital.
• Analogico: otto canali, connettori DB-25
(bilanciati), ingressi selezionabili tra
+4 dBu o –10 dBV, uscite +4 dBu soltanto.
Espandibile fino a 16 ingressi o a 16 uscite
analogiche mediante una scheda di
espansione facoltativa 192 AD o 192 DA
rispettivamente.
• Digitale (châssis): due canali, connettori
XLR (AES/EBU); due canali, connettori
RCA (S/PDIF).
• Ottico (châssis): otto canali, una coppia
di connettori Lightpipe (ADAT ottico)
(convertibili in due canali, S/PDIF).
• L'ingresso e l'uscita Word Clock ricevono
o inviano 1x Word clock (configurabile
a 256x per il supporto Legacy, vedere
"Interfacce audio facoltative I/O Legacy"
a pagina 3).
2
Guida introduttiva dei sistemi HD
• Supporta i collegamenti digitali, inclusi
AES/EBU, S/PDIF, TDIF e ADAT ottico:
• Digitale (2 schede I/O digitale): 16 canali,
DB-25 (AES/EBU e TDIF) oppure due coppie
di connettori Lightpipe (ADAT ottico).
• Digitale (châssis): due canali, connettori
XLR (AES/EBU); due canali, connettori
RCA (S/PDIF).
• Ottico (châssis): otto canali, una coppia
di connettori Lightpipe (ADAT ottico)
(selezionabili su due canali, S/PDIF).
• L'ingresso e l'uscita Word Clock ricevono
o inviano 1x Word clock (configurabile
a 256x per il supporto Legacy, vedere
"Interfacce audio facoltative I/O Legacy"
a pagina 3).
Interfaccia audio 96 I/O
• Supporta frequenze di campionamento fino
a 96 kHz.
• Supporta collegamenti analogici e digitali,
inclusi AES/EBU, S/PDIF e ADAT ottico:
• Analogico: otto canali, connettori TRS da
1/4 di pollice (bilanciati o non bilanciati),
+4 dBu oppure -10 dBV.
• Digitale: due canali, connettori XLR
(AES/EBU); due canali, connettori RCA
(S/PDIF).
• Ottico: otto canali, una coppia di
connettori Lightpipe (ADAT ottico)
(selezionabili su due canali, S/PDIF).
• L'ingresso e l'uscita Word Clock ricevono
o inviano 1x Word clock (configurabile
a 256x per il supporto Legacy, vedere
"Interfacce audio facoltative I/O Legacy"
a pagina 3).
Interfacce audio facoltative I/O Legacy
Per ottenere canali di ingresso e di uscita
aggiuntivi, le interfacce audio Digidesign
meno recenti (dette I/O Legacy) possono essere
collegate alle interfacce 192 I/O, 192 Digital I/O
o 96 I/O. È possibile utilizzare le interfacce
Legacy soltanto con sessioni a 44,1 o 48 kHz.
Le interfacce sono:
Interfaccia audio I/O 888|24
• Analogico: otto canali, connettori XLR
(bilanciati o non bilanciati), selezionabili
tra +4 dBu oppure -10 dBV.
• Digitale: otto canali, connettori
XLR (AES/EBU); due canali, connettori
RCA (S/PDIF).
Interfaccia audio 1622 I/O
• Analogico: sedici canali di ingresso e due
canali di uscita, connettori TRS da 1/4 di
pollice (bilanciati o non bilanciati). Gli
ingressi sono selezionabili con livelli di linea
compresi tra +4 dBu e –10 dBV e valori
superiori in intervalli di guadagno di 2 dB; le
uscite sono selezionabili tra +4 dBu o -10 dBV.
• Digitale: due canali, connettori RCA (S/PDIF).
ADAT Bridge I/O Digidesign a 24 bit e Original
ADAT Bridge I/O
• Ottico: sedici canali, una coppia di connettori
Lightpipe (ADAT).
• Uscita analogica: due canali, connettori TRS
da 1/4 di pollice (bilanciati), selezionabili tra
+4 dBu e-10 dBV.
• Digitale: due canali, connettori XLR
(AES/EBU); due canali, connettori RCA
(S/PDIF).
Le interfacce originali 888 I/O e 882 I/O
non sono supportate da Pro Tools|HD.
Interfaccia audio I/O 882|20
• Analogico: otto canali, connettori TRS da
1/4 di pollice (bilanciati o non bilanciati),
selezionabili tra +4 dBu oppure -10 dBV
• Digitale: due canali, connettori RCA (S/PDIF).
Capitolo 1: Benvenuti a Pro Tools|HD
3
Requisiti di sistema
Informazioni sulla compatibilità
Digidesign è in grado di garantire la
compatibilità e fornire il supporto unicamente
per il materiale hardware e software collaudato
e approvato. Per un elenco dei computer,
dei sistemi operativi e dei dispositivi di altri
produttori approvati da Digidesign, consultare
le ultime informazioni sulla compatibilità nel
sito Web di Digidesign (www.digidesign.com).
• RAM aggiuntiva necessaria per:
• Sessioni con densità di montaggi elevate,
grandi quantità di automazione o plug-in
real-time e aggiunta di opzioni quali
MachineControl, DigiTranslator e
AVoption|XL: almeno 384 MB di RAM.
• Sessioni più grandi della dimensione
standard: almeno 384 MB, consigliati
512 MB. Le dimensioni standard delle
sessioni corrispondono a 64 tracce a
44,1/48 kHz, 32 tracce a 88,2/96 kHz e 12
tracce a 176,4/192 kHz.
• Pro Tools TDM 5.3.3 (incluso).
Requisiti del computer
• Unità CD-ROM o unità ottica equivalente
I sistemi Pro Tools|HD possono essere utilizzati
con un computer Windows o Macintosh
approvato da Digidesign e provvisto del
software Pro Tools TDM, se sono presenti
i seguenti requisiti:
• Scheda video AGP
Windows
• 2 slot PCI contigui non utilizzati per sistemi
Pro Tools|HD 2 (slot a 64 bit consigliato)
• Computer monoprocessore Pentium III
o Pentium 4 approvato da Digidesign
(consigliato Pentium 4)
• Chipset VIA Apollo Pro133 o Intel 440BX
(per Pentium III) oppure chipset Intel 860
o Intel 850 (per Pentium 4)
• BIOS Phoenix o Award
• Windows XP Professional o Home Edition
• Monitor a colori con risoluzione minima
1024 x 768
• 1 slot PCI non utilizzato per sistemi
Pro Tools|HD (slot a 64 bit consigliato)
• 3 slot PCI contigui non utilizzati per sistemi
Pro Tools|HD 3 (slot a 64 bit consigliato)
Sistemi espansi
• Con uno châssis di espansione è necessario
uno slot PCI singolo non utilizzato nel
computer; tutte le schede Pro Tools vengono
collocate nello châssis.
• Almeno 256 MB di RAM
Ciascun châssis di espansione supporta fino
a sette schede della serie HD. Vi potrebbero
essere ulteriori restrizioni a seconda del
sistema operativo in uso e del modello
specifico dello châssis di espansione.
Per ulteriori informazioni, visitare il sito
Web di Digidesign (www.digidesign.com).
4
Guida introduttiva dei sistemi HD
Macintosh
Alcuni requisiti di sistema per i computer
Macintosh variano a seconda che si utilizzi
Mac OS X o Mac OS 9. Altri requisiti sono validi
per tutti i sistemi Macintosh.
In Mac OS X:
• Power Macintosh G4 approvato da Digidesign
• Mac OS X 10.2.2
• Almeno 384 MB di RAM (consigliati 512 MB)
• RAM aggiuntiva necessaria per:
• Sessioni con densità di montaggi elevate,
grandi quantità di automazione o plug-in
real-time e aggiunta di opzioni quali
MachineControl e DigiTranslator.
• Sessioni con dimensioni superiori a quelle
standard. Le dimensioni standard delle
sessioni corrispondono a 64 tracce a
44,1/48 kHz, 32 tracce a 88,2/96 kHz e 12
tracce a 176,4/192 kHz.
• Per l'autorizzazione di alcuni plug-in è
necessaria una chiave hardware iLok
• Pro Tools TDM 6.0 (incluso)
• Utility disco ATTO ExpressStripe (inclusa con
Pro Tools 6.0)
In Mac OS 9:
• Sessioni più grandi della dimensione
standard: almeno 384 MB di RAM,
consigliati 512 MB e l'impostazione
dell'opzione di allocazione di memoria
"Preferred" su 225 MB nell'applicazione
Pro Tools. Le dimensioni predefinite delle
sessioni corrispondono a 64 tracce a
44,1/48 kHz, 32 tracce a 88,2/96 kHz e
12 tracce a 176/192 kHz.
• Unità floppy approvata da Digidesign,
con il software driver appropriato (incluso
nel CD-ROM Installer di Pro Tools);
necessaria per autorizzare alcuni plug-in
• Pro Tools TDM 5.3.1 (incluso)
• Le seguenti utility (incluso in Pro Tools 5.3.1):
• Software OMS (Open Music System)
versione 2.3.8
• Estensione di sistema Apple QuickTime
versione 5.0.2
• ATTO ExpressPro-Tools versione 2.3.2
In tutti i sistemi Macintosh:
• Unità CD-ROM o unità ottica equivalente.
• Monitor a colori con risoluzione minima
1024 x 768.
• Uno slot PCI non utilizzato per sistemi
Pro Tools|HD 1 (slot a 64 bit consigliato).
• Mac OS 9.2.2
• Due slot PCI contigui non utilizzati per
sistemi Pro Tools|HD 2 (slot a 64 bit
consigliati).
• Almeno 256 MB di RAM; la memoria virtuale
non è supportata
• Tre slot PCI contigui non utilizzati per sistemi
Pro Tools|HD 3 (slot a 64 bit consigliati).
• Power Macintosh approvato da Digidesign
• RAM aggiuntiva necessaria per:
• Sessioni con densità di montaggi elevate,
grandi quantità di automazione o plug-in
real-time e aggiunta di opzioni quali
MachineControl, DigiTranslator e
AVoption|XL: almeno 384 MB di RAM.
Capitolo 1: Benvenuti a Pro Tools|HD
5
Sistemi espansi:
Dischi rigidi SCSI
• Con uno châssis di espansione è necessario
uno slot PCI singolo non utilizzato nel
computer; tutte le schede Pro Tools vengono
collocate nello châssis.
Per prestazioni di registrazione e riproduzione
ottimali, Digidesign consiglia l'utilizzo di unità
disco rigido SCSI approvate e di una scheda
approvata HBA (Host Bus Adapter) SCSI
(Macintosh o Windows) o di una scheda
approvata HBA (Host Bus Adapter) direttamente
sulla scheda madre (Windows).
Ciascun châssis di espansione supporta fino
a sette schede della serie HD. Vi potrebbero
essere ulteriori restrizioni a seconda del
sistema operativo in uso e del modello
specifico dello châssis di espansione. Per
ulteriori informazioni, visitare il sito Web
di Digidesign (www.digidesign.com).
Requisiti del disco rigido
Le unità SCSI approvate forniscono i seguenti
conteggi di tracce con audio a 24 bit, fino al
numero massimo di tracce consentito dalla
configurazione del sistema:
• 32 tracce per unità a 44,1 kHz o 48 kHz
• 16 tracce per unità a 88,2 kHz o 96 kHz
• 6 tracce per unità a 176,4 kHz o 192 kHz
Per la registrazione e la riproduzione ottimale di
audio, tutti i sistemi Pro Tools TDM richiedono
una o più unità disco rigido approvate da
Digidesign.
Una sessione da 128 tracce a 44,1 kHz o 48 kHz
richiederà quattro unità SCSI.
Formati delle unità
Unità disco rigido FireWire
Windows I sistemi Windows XP dovranno
utilizzare unità disco formattate con il file
system FAT32 o NTFS (preferibilmente NTFS).
Le unità FireWire sono approvate con
determinate configurazioni di sistema e fino
a un massimo di quattro unità.
Macintosh I sistemi Macintosh dovranno
utilizzare unità formattate esclusivamente
con il file system HFS o HFS+.
Le unità FireWire approvate forniscono i
seguenti conteggi di tracce con audio a 24 bit,
fino al numero massimo di tracce consentito
dalla configurazione del sistema:
• 24 tracce per unità a 44,1 kHz o 48 kHz
Il file system UNIX (UFS, UNIX File
System) non è supportato con Pro Tools
su Mac OS X.
Le prestazioni dell'unità disco rigido dipendono
da fattori quali la configurazione del sistema,
il numero di tracce, la frequenza di
campionamento, la densità di operazioni di
montaggio e l'utilizzo di crossfade e di altri
processi quali Beat Detective in una sessione.
6
Guida introduttiva dei sistemi HD
• 12 tracce per unità a 88,2 kHz o 96 kHz
• 6 tracce per unità a 176,4 kHz o 192 kHz
Una sessione da 96 tracce a 44,1 kHz o 48 kHz
richiederà quattro unità FireWire.
Unità disco rigido IDE/ATA
Quando viene utilizzata come unità audio
dedicata, un'unità disco rigido IDE/ATA può
fornire fino a 32 tracce di audio a 24 bit a
44,1 kHz o 48 kHz.
Per prestazioni ottimali si raccomanda
l'utilizzo di unità disco rigido SCSI. Le unità
disco rigido IDE offrono prestazioni
apprezzabili con un numero di tracce
limitato e non sono supportate quando
si utilizzano châssis di espansione.
Per ulteriori informazioni riguardo le
procedure operative con châssis di
espansione, consultare la Guida di
espansione dei sistemi di Pro Tools.
Visitare il sito Web di Digidesign
(www.digidesign.com) per l'elenco di unità
disco rigido e schede HBA SCSI approvati da
Digidesign.
Registrazione Digidesign
Completare e inviare la scheda di registrazione
fornita con il sistema Pro Tools|HD.
Gli utenti registrati riceveranno notizie
sugli aggiornamenti del software. La scheda
di registrazione contiene informazioni relative
al supporto tecnico.
Informazioni sulle Guide di
Pro Tools
Oltre alle guide su stampa fornite con il sistema,
le versioni PDF delle guide di Pro Tools vengono
installate automaticamente con il programma e
sono disponibili nel menu Pro Tools (Mac OS X)
o dal menu Pro Tools Help (Mac OS 9 e
Windows). Per visualizzare o stampare le guide
PDF è possibile installare Acrobat Reader
(fornito nel CD-ROM di installazione di
Pro Tools).
Requisiti MIDI
Le interfacce USB e MIDI seriale sono supportate
da Pro Tools.
I plug-in seriali PCI di tipo Expander non
funzionano con interfacce MIDI seriali nei
sistemi Macintosh. Per le interfacce MIDI seriali
è necessario un adattatore per porta modemseriale. Per l'elenco degli adattatori approvati,
visitare il sito Web Digidesign
(www.digidesign.com).
Convenzioni utilizzate nella
presente guida
Nelle guide Digidesign vengono utilizzate le
seguenti convenzioni per indicare le scelte di
menu e i comandi principali:
Convenzione
Azione
File > Save
Session
Scegliere Save Session dal menu
File
Ctrl+N
Tenere premuto il tasto Control e
contemporaneamente premere il
tasto N
Opzione e clic
Tenere premuto il tasto Opzione e
fare clic col pulsante del mouse
Clic destro
(Windows)
Fare clic con il pulsante destro del
mouse
Capitolo 1: Benvenuti a Pro Tools|HD
7
I seguenti simboli sono utilizzati per evidenziare
informazioni importanti:
I suggerimenti per gli utenti sono dei consigli
utili che consentono di ottenere il massimo
dal sistema.
Le avvertenze importanti riportano
informazioni che potrebbero influire sui
dati e sulle prestazioni del sistema.
Questo simbolo indica i tasti di scelta
rapida per la selezione mediante tastiera
o mouse.
I riferimenti incrociati rimandano a sezioni
correlate in altre guide Digidesign.
8
Guida introduttiva dei sistemi HD
capitolo 2
Configurazione dei sistemi Windows
L'installazione di un sistema della serie
Pro Tools|HD in un computer Windows include
le seguenti fasi:
1 Installazione di Windows XP (Vedere
"Installazione di Windows XP" a pagina 9).
2 Configurazione del computer (Vedere
"Configurazione del computer" a pagina 10).
3 Configurazione delle impostazioni software
del sistema Windows (Vedere "Impostazioni di
sistema per Windows" a pagina 12).
Se si sostituisce il sistema operativo, Digidesign
raccomanda di eseguire una nuova installazione
di Windows su un'unità o una partizione
appena formattata, anziché aggiornare il
sistema operativo.
Prima di cambiare o aggiornare il
sistema operativo, accertarsi di annullare
l'autorizzazione dei plug-in autorizzati con
disco chiave, per evitare la perdita delle
autorizzazioni.
4 Installazione dell'hardware Pro Tools (Vedere
"Installazione dell'hardware Pro Tools" a
pagina 16).
5 Installazione del software Pro Tools TDM
(Vedere "Installazione del software Pro Tools" a
pagina 23).
6 Verifica del sistema Pro Tools (Vedere
"Controllo del sistema HD" a pagina 25).
7 Configurazione del proprio sistema Pro Tools
(Vedere "Configurazione di Pro Tools" a
pagina 27).
Installazione di Windows XP
Se Windows XP non è installato nel computer, è
necessario installare Windows XP Home Edition
o Windows XP Professional Edition. Pro Tools
richiede una versione attivata di Windows XP.
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
9
Configurazione del computer
Per ottenere prestazioni ottimali con Pro Tools,
è necessario configurare il computer prima di
installare il software Pro Tools.
Prima di modificare le impostazioni di
sistema, eseguire una copia di salvataggio
del registro di configurazione, in cui sono
contenute molte delle impostazioni di base.
In questo modo sarà possibile ripristinare le
impostazioni di sistema originali nel caso si
verificassero dei problemi. Per informazioni
dettagliate, consultare la documentazione
di Windows XP.
Se il computer in uso non dispone delle
opzioni di configurazione del BIOS incluse
in questa sezione o se non si è certi di volere
modificare i parametri di sistema, rivolgersi
a un amministratore di sistema Windows o
al rivenditore o produttore del computer per
assistenza.
Configurazione del BIOS
Per modificare le impostazioni del BIOS:
1 Avviare o riavviare il computer.
2 Durante l'avvio entrare in BIOS Setup
premendo l'apposito tasto sulla tastiera
(generalmente indicato nel messaggio d'avvio).
In genere vengono utilizzati i tasti F1, F2 o Canc.
3 Nell'apposita pagina dell'utilità BIOS Setup,
disattivare PCI Parity. Se l'opzione PCI Parity
non è disponibile, saltare questo passaggio.
4 Se si prevede di utilizzare unità o dispositivi
SCSI e il computer è provvisto di hardware
SCSI incorporato, attivare il supporto SCSI.
I parametri di supporto SCSI si trovano
generalmente nella pagina Devices & I/O
Options dell'utilità di configurazione del BIOS.
Se pur non disponendo di hardware SCSI
incorporato si utilizza una scheda host SCSI,
questa impostazione non è necessaria.
5 Disattivare Power Management, se presente.
6 Attivare PCI Dynamic Bursting, se presente.
7 Salvare le nuove impostazioni del BIOS.
8 Uscire dall'utilità di configurazione del BIOS
I parametri del BIOS (Basic Input/Output
System) variano a seconda del produttore
e del modello del computer. Per ulteriori
dettagli consultare la documentazione
fornita con il computer.
I vari produttori di BIOS spesso utilizzano nomi
diversi per descrivere le stessa funzionalità di
sistema. Alcuni, inoltre, non forniscono alcuna
configurazione facoltativa. Pertanto i nomi
e le opzioni presenti nel BIOS del computer
potrebbero differire da quelli descritti in
questa sezione.
Le impostazioni del BIOS che seguono
non sono valide per computer Compaq Evo
W8000 e a IBM Intellistation M Pro 6850.
10
Guida introduttiva dei sistemi HD
e riavviare il computer.
Configurazione del BIOS SCSI
Se si utilizzano unità o dispositivi SCSI
sarà necessario modificare le impostazioni
dell'hardware SCSI incorporato o della scheda
HBA (Host Bus Adapter) SCSI, per consentire il
corretto funzionamento delle unità disco SCSI
con Pro Tools. Questa procedura differisce
da computer a computer. Consultare la
documentazione fornita con il computer.
Per modificare le impostazioni del BIOS SCSI:
3 Spegnere il computer.
1 Avviare o riavviare il computer.
4 Scollegare le unità disco rigido collegate alla
2 In fase di avvio, quando viene visualizzato
il messaggio relativo al BIOS SCSI, premere la
combinazione di tasti visualizzata per accedere
all'unità di configurazione del BIOS SCSI.
3 Consultare la documentazione della scheda
SCSI HBA per informazioni su come impostare i
seguenti parametri:
• Per ciascun canale SCSI ID e SCSI collegato
alle unità audio, impostare il parametro
Maximum Sync Transfer Rate su 20 MB/sec
per le schede ATTO EPCI-DC o su Ultra 160
per le schede Ultra 160.
• Se si utilizza una scheda HBA ATTO
impostare PCI Burst Size su 128 Bytes e
Burst Length Selection Timeout su 16 ms
(solo UL3D).
• Se si utilizza una scheda HBA Adaptec,
selezionare l'opzione Host Adapter BIOS.
scheda SCSI.
5 Avviare il computer con il disco floppy
inserito nell'apposita unità.
6 Quando viene richiesto, premere Control+Z.
7 Premere Invio.
8 Selezionare Adapter Menu.
9 Selezionare Update Flash ROM.
10 Premere Invio due volte.
Il BIOS SCSI verrà aggiornato. L'operazione
potrebbe richiedere alcuni minuti.
Non interrompere il processo per evitare
potenziali danni al sistema.
11 Selezionare Configure Adapter Channels.
12 Impostare Host Adapter BIOS su Scan Only.
4 Salvare le nuove impostazioni del BIOS SCSI.
13 Premere il tasto Esc due volte.
5 Uscire dall'utilità di configurazione del BIOS
14 Selezionare Save Parameters and Exit, quindi
premere Invio.
SCSI e riavviare il computer.
Aggiornamento del BIOS SCSI
Se si utilizza una scheda HBA SCSI ATTO,
potrebbe essere necessario aggiornare il BIOS
SCSI. All'avvio del computer, verificare la
versione del BIOS SCSI ATTO installato nella
scheda SCSI. Se la versione non è 1.6.6 o
successive, sarà necessario aggiornare il BIOS
SCSI ATTO a tale versione (tramite flash.bat).
Per aggiornare il BIOS nella scheda SCSI ATTO:
1 Inserire un disco floppy per PC ad alta densità
formattato nell'unità disco floppy.
2 Dalla cartella ATTO contenuta nel CD-ROM
Installazione dei driver SCSI
Per ottenere prestazioni ottimali nell'esecuzione
di Pro Tools con unità e schede HBA SCSI,
installare il driver SCSI approvato da Digidesign
(ATTO o Adaptec, in base alla scheda utilizzata).
Per un elenco di computer approvati da
Digidesign e di versioni di driver SCSI
supportate, consultare la documentazione
Digidesign relativa alla compatibilità.
I documenti relativi alla compatibilità
sono disponibili nel sito Web Digidesign
(www.digidesign.com).
del programma di installazione di Pro Tools,
copiare la cartella DOS sul disco floppy.
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
11
Installazione del driver SCSI Adaptec
12 Fare clic su Avanti.
Se occorre installare il driver Adaptec, consultare
la documentazione fornita dal produttore
del driver.
13 Fare clic su Disco driver.
Il nome completo dei driver Adaptec
per IBM M Pro o Compaq Evo W8000 è:
14 Fare clic su Sfoglia e individuare la cartella
ATTO nel CD-ROM del programma di
installazione di Pro Tools.
15 Selezionare EXPRESS.INF e fare clic su Apri.
Adaptec
AHA290/291/294x/394x/4944/AIC78xx
16 Fare clic su OK.
Installazione dei driver SCSI ATTO
18 Fare clic su Fine.
Il nome completo del driver ATTO è:
ATTO ExpressPCI
Per installare il driver di periferica ATTO per
Windows:
1 Avviare il computer. Annotare la versione del
BIOS SCSI ATTO all'avvio. Se la versione è 1.6.6,
procedere con il passaggio successivo. Se non si
tratta della versione 1.6.6, aggiornare la ROM
della scheda SCSI ATTO (vedere
"Aggiornamento del BIOS SCSI" a pagina 11).
2 Inserire il CD-ROM Installer di Pro Tools
nell'unità CD-ROM.
17 Fare clic su Avanti.
19 Fare clic su Chiudi.
20 Se si dispone di una scheda SCSI
a doppio canale, ripetere i punti 8-20 per
il secondo canale.
21 Fare clic su OK.
Impostazioni di sistema
per Windows
Per garantire prestazioni ottimali con Pro Tools,
è necessario configurare alcune impostazioni del
Pannello di controllo della versione di
Windows XP utilizzata.
3 Aprire il Pannello di controllo del sistema.
4 Fare clic sulla scheda Hardware.
Attivazione del DMA
5 Fare clic su Gestione periferiche.
L'attivazione del DMA (Direct Memory Access,
accesso diretto della memoria) per qualsiasi
unità disco rigido IDE/ATA libera larghezza
di banda della CPU e consente una miglior
esecuzione delle attività di Pro Tools.
6 Selezionare i controller SCSI e RAID.
7 Fare doppio clic sulla scheda LSI PCI SCSI.
8 Fare clic sulla scheda Driver.
9 Fare clic su Aggiorna driver.
10 Selezionare Install from specified location
(Installa dalla posizione specificata).
11 Selezionare Don’t search, I'll choose the
driver to install (Non cercare, scelgo il driver
da installare).
12
Guida introduttiva dei sistemi HD
In molti casi l'opzione DMA è già impostata
correttamente, in quanto in Windows XP la
modalità DMA viene rilevata e attivata per
impostazione predefinita.
Per attivare il DMA
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse
su Risorse del computer e scegliere Gestione.
2 In Utilità di sistema, scegliere Gestione
8 Fare clic su OK per chiudere la finestra di
dialogo Effetti e salvare le impostazioni.
9 Fare clic su OK per chiudere la finestra
di dialogo Proprietà dello schermo.
periferiche.
3 Nella finestra Gestione periferiche fare doppio
clic sui controller IDE ATA/TAPI, quindi doppio
clic sul Canale IDE primario per l'unità
disco IDE.
Altro software e hardware che
può influire sulle prestazioni
del sistema
"DMA se disponibile" e scegliere OK.
Le prestazioni del software Pro Tools possono
essere influenzate anche da altri prodotti
software o driver hardware installati nel
computer. Per ottenere le prestazioni ottimali
si consiglia di:
6 Ripetere i passaggi 3–5 per gli eventuali canali
IDE aggiuntivi.
• Non eseguire altre applicazioni Windows
contemporaneamente a Pro Tools.
7 Chiudere la finestra Gestione computer.
• Chiudere tutte le utilità software che vengono
eseguite in background, quali calendari
e programmi antivirus.
4 Fare clic sulla scheda Impostazioni avanzate.
5 Impostare la Modalità di trasferimento su
Impostazione degli effetti
di visualizzazione
Sebbene non obbligatoria, questa impostazione
fornisce una miglior visualizzazione dei font
e migliora le prestazioni grafiche in Pro Tools.
Per configurare gli effetti di visualizzazione:
1 Dal menu Start scegliere Impostazioni >
Pannello di controllo.
2 Fare doppio clic su Schermo.
3 Fare clic sulla scheda Aspetto.
4 Fare clic su Effetti.
5 Selezionare "Usa il seguente metodo per
smussare gli angoli dei caratteri dello schermo".
6 Dal menu a comparsa dello strumento
Trimmer, selezionare ClearType.
7 Disattivare "Mostra contenuto della finestra
durante l'operazione di trascinamento".
• Disattivare l'audio in Windows. Nel Pannello
di controllo fare clic sull'icona e impostare
il Suono su Nessuno.
• Se la scheda video supporta la modalità Bus
Mastering, attivarla nel pannello di controllo
del produttore.
• Disattivare le schede di rete (salvo la scheda
FireWire eventualmente utilizzata per il
collegamento di un'unità disco esterna
al sistema).
Per disattivare una scheda di rete:
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse
su Risorse del computer e scegliere Gestione.
2 In Utilità di sistema, selezionare Gestione
periferiche.
3 Nella finestra Gestione periferiche,
fare doppio clic su Schede di rete, quindi fare
doppio clic sulla scheda di rete che si desidera
disattivare.
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
13
4 Nella scheda Generali, scegliere "Non
utilizzare questa periferica (disattiva)" dal menu
a comparsa Utilizzo periferica, quindi
scegliere OK.
5 Chiudere la finestra Gestione computer.
Disattivazione del software
antivirus
Se si utilizza un software antivirus, disattivarlo
o disinstallarlo temporaneamente, quindi
riavviare il computer. Si consiglia di non
eseguire il programma antivirus durante
l'utilizzo di Pro Tools poiché riduce le
prestazioni del sistema.
Altre ottimizzazioni delle
prestazioni
Le seguenti ottimizzazioni del sistema non sono
obbligatorie, ma possono consentire un miglior
funzionamento di Pro Tools su alcuni sistemi.
Applicare le ottimizzazioni soltanto in caso
di necessità, in quanto potrebbero limitare
o disattivare la funzionalità di altri programmi
nel sistema.
Per ottimizzare la risposta delle applicazioni:
1 Fare clic con il pulsante destro del mouse
su Risorse del computer e scegliere Proprietà.
2 Fare clic sulla scheda Avanzate.
3 Nel riquadro Prestazioni fare clic su
Disattivazione di Standby e di
Risparmio energia
Impostazioni.
4 Fare clic sulla scheda Avanzate.
Per configurare il Risparmio energia in Windows:
5 In Pianificazione processore, selezionare
1 Dal menu Start scegliere Impostazioni >
l'opzione Servizi in background.
Pannello di controllo.
6 In Utilizzo memoria, selezionare Cache
2 Fare doppio clic sul Opzioni risparmio
sistema.
energia.
7 Fare clic su OK due volte. Per applicare le
3 Fare clic sulla scheda Combinazioni
modifiche sarà necessario riavviare il computer.
risparmio energia.
Per disattivare gli elementi di Avvio del sistema:
4 Scegliere Sempre attivo dal menu a comparsa
Combinazioni risparmio energia.
5 Fare clic sulla scheda Sospensione e disattivare
Attiva sospensione.
6 Fare clic su OK.
In tal modo le opzioni Standby, Sospensione
e Disattiva i dischi rigidi vengono impostate su
Mai. Queste impostazioni sono consigliate per
passaggi di registrazione di lunga durata.
14
Guida introduttiva dei sistemi HD
1 Dal menu Start scegliere Esegui.
2 Digitare "msconfig" e scegliere OK.
3 Nella scheda Generali, scegliere Avvio
selettivo.
4 Disattivare Carica elementi di avvio e
scegliere OK.
5 Fare clic su Riavvia per riavviare il computer.
6 Dopo il riavvio del computer, viene
visualizzata una finestra di messaggio di
Configurazione di sistema. Prima di selezionare
l'opzione "Non visualizzare più questo
messaggio", si consiglia di verificare il
miglioramento delle prestazioni di Pro Tools.
Se le prestazioni non cambiano, eseguire
nuovamente "msconfig" e riportare l'opzione
Avvio selettivo del computer all'impostazione
predefinita Avvio normale.
Panoramica sull'hardware
Pro Tools
Il numero di schede Pro Tools TDM del sistema
varia in base alla configurazione del sistema
stesso. Le schede utilizzate nelle varie
configurazioni vengono elencate di seguito.
Per aumentare il numero di schede in
sistemi con châssis di espansione, fare
riferimento alla Guida per l'espansione dei
sistemi fornita con il sistema Pro Tools.
Hardware Pro Tools|HD
L'hardware Pro Tools|HD è disponibile nelle
seguenti configurazioni:
Pro Tools|HD 1 Include soltanto una scheda
HD Core.
Pro Tools|HD 2 Include una scheda HD Core,
una scheda HD Process e un cavo TDM
FlexCable per collegare la scheda HD Core
alla scheda HD Process.
Pro Tools|HD 3 Include una scheda HD Core,
due schede HD Process e due cavi TDM
FlexCable per il collegamento tra le schede.
È possibile aggiungere schede HD Process
supplementari per espandere il sistema
Pro Tools. Un sistema Pro Tools|HD
supporta fino a sette schede HD.
Scheda HD Core
La scheda HD Core forniscefino a 96 tracce di
registrazione e riproduzione diretta su disco,
nonché funzionalità DSP per l'elaborazione del
missaggio e dei plug-in. Questa scheda supporta
sessioni fino a 24 bit con una frequenza
massima di 192 kHz.
Porta
DigiLink
Porta
DigiSerial
Scheda HD Core
La scheda HD Core include una porta DigiLink,
che consente il collegamento di un massimo di
32 canali di ingresso e uscita audio al sistema
Pro Tools|HD.
La porta DigiSerial della scheda HD Core viene
utilizzata per il collegamento di Digidesign
SYNC I/O. Si tratta di un connettore mini-DIN
a 8 pin.
La porta DigiSerial delle schede
HD Core non supporta i collegamenti
a MachineControl. Utilizzare Digidesign
SYNC I/O per Pro Tools MachineControl
a 9 pin. Per la modalità MC Remote (solo
per questa modalità) è necessaria una porta
COM (non una porta DigiSerial).
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
15
Scheda HD Process
La scheda HD Process fornisce fino a 32 tracce
aggiuntive di registrazione e riproduzione
diretta su disco (fino a un massimo di 128
tracce), nonché funzionalità DSP per
l'elaborazione del missaggio e dei plug-in.
Questa scheda supporta sessioni fino a 24 bit
con una frequenza massima di 192 kHz.
Il cavo TDM FlexCable è in realtà un
circuito stampato flessibile con tracce
sottili. Evitare di applicare al cavo torsioni,
pieghe pronunciate o perforazioni. Ciò
potrebbe provocare un funzionamento
anomalo di Pro Tools, nonché arrecare
danni al sistema.
PORT A
PORT B
Porta
DigiLink
Cavo TDM FlexCable
Scheda HD Process
La scheda HD Core include una porta DigiLink,
che consente il collegamento di un massimo di
32 canali aggiuntivi di ingresso e uscita audio al
sistema Pro Tools|HD (fino a un massimo di
96 canali).
La porta DigiSerial delle schede HD Process non
ha nessuna funzionalità.
Cavo TDM FlexCable
Il cavo TDM FlexCable viene utilizzato per
collegare una coppia di schede nel sistema
Pro Tools per la condivisione dei dati mediante
il bus TDM. Per il collegamento di altre schede
sono necessari cavi FlexCable aggiuntivi.
Ciascuna scheda HD Process viene fornita con
un cavo FlexCable.
Installazione dell'hardware
Pro Tools
Disattivazione dell'opzione
Firma driver
Prima di procedere all'installazione delle schede
Pro Tools, disattivare temporaneamente
l'opzione di avviso Firma driver. Questa
operazione consente di velocizzare e
automatizzare gran parte del processo di
installazione. Se si trascura di deselezionare
temporaneamente l'opzione, messaggi di avviso
indicanti l'installazione di un driver senza firma
verranno visualizzati per ciascuna scheda
rilevata durante l'installazione del software.
Per disattivare l'opzione di avviso:
1 Aprire il Pannello di controllo del sistema.
2 Selezionare la scheda Hardware nel pannello
di controllo.
3 Fare clic sul pulsante Firma driver.
4 Selezionare "Ignora. Installa il software
comunque, senza chiedere conferma".
16
Guida introduttiva dei sistemi HD
5 Fare clic su OK due volte.
6 Spegnere il computer.
7 Installare le schede Pro Tools.
Installazione delle schede
Pro Tool|HD
In questa sezione viene illustrato come installare
le schede Pro Tools HD in un computer
Windows. Se si installano le schede in uno
châssis di espansione, vedere la Guida per
l'espansione dei sistemi.
Per installare le schede Pro Tools:
1 Spegnere il computer e tutte le periferiche.
Lasciare il cavo di alimentazione del sistema
collegato per conservare la messa a terra.
2 Staccare tutti i cavi collegati al computer
(quali i collegamenti delle unità disco rigido,
del o dei monitor, USB e FireWire) ad eccezione
del cavo di alimentazione.
3 Aprire il coperchio del computer.
Prima di maneggiare qualsiasi tipo di
scheda, scaricare l'elettricità statica
presente sui propri vestiti o sul corpo
toccando una superficie metallica con
messa a terra, quale la parte esterna
dell'alimentatore all'interno del computer.
6 Se non occorre installare altre schede,
procedere nel modo seguente:
• Fissare in posizione la scheda utilizzando la
vite della porta d'accesso precedentemente
rimossa.
• Chiudere il coperchio del computer.
• Ignorare i punti successivi e passare alla
sessione "Collegamento di interfacce
audio" a pagina 19.
7 Installare la prima scheda HD Process
(se presente) nel secondo slot PCI (64 bit,
se disponibile).
8 Installare le restanti schede HD Process nei
rimanenti slot PCI in sequenza (64 o 32 bit).
9 Se si installa una scheda HBA SCSI, collocarla
nello slot rimanente contrassegnato dal numero
più alto.
Verificare che le schede siano installate
nell'ordine seguente:
• Scheda HD Core (slot a 64 bit)
• Scheda HD Process (slot a 64 bit)
• Schede HD Process aggiuntive (slot a 64
o 32 bit)
• Scheda HBA (Host Bus Adapter) SCSI
• Scheda video per il monitor del computer
Le linee guida precedenti possono includere
schede facoltative non presenti nel sistema
utilizzato.
4 Rimuovere lo sportello metallico della porta
di accesso dietro lo slot di espansione che
si desidera utilizzare, rimuovendo la vite
e facendolo scorrere dalla porta di accesso.
5 Installare la scheda HD Core nel primo slot
PCI (64 bit, se disponibile).
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
17
10 Fissare in posizione ciascuna scheda
utilizzando le viti delle porte d'accesso rimosse
in precedenza.
IBM Intellistation M Pro 6850 potrebbe non
venire avviato dopo l'aggiornamento del
BIOS o la modifica dell'ordine delle schede
Pro Tools. Qualora si verifichi questo
problema, rimuovere tutte le schede plug
and play in modo che sia possibile avviare
Windows; quindi arrestare il sistema e
reinstallare le schede attenendosi alle
istruzioni riportate nella sezione
"Installazione delle schede Pro Tool|HD"
a pagina 17. A questo punto dovrebbe
essere possibile avviare Windows.
Collegamento delle schede
Pro Tools|HD
Se si installa un sistema Pro Tools|HD 2, HD 3
o HD espanso, collegare le schede HD mediante
cavi TDM FlexCable.
Per collegare schede HD con il cavo TDM
FlexCable:
1 Modellare il cavo FlexCable prima di
installarlo sulle schede HD, tenendolo per le
estremità e spostando l'estremità Port B del cavo
verso di sé e verso l'interno, come visualizzato di
seguito. Non piegare il cavo più del necessario,
per evitare di danneggiare le tracce.
PORT A
PORT A
Preparazione del cavo TDM FlexCable per l'installazione
2 Fare scorrere il cavo FlexCable nell'incavo
della prima scheda, in modo che il connettore
Port B del cavo risulti allineato all'etichetta Port
B della prima scheda e il connettore Port A del
cavo sia allineato all'etichetta Port A della
seconda scheda, come mostrato di seguito.
PORT A
PORT B
PORT A
Ciascuna scheda HD presenta due porte sulla
parte superiore, contrassegnate dalle etichette
Port A e Port B. Il trasferimento di dati tra più
schede HD si ottiene collegando la porta B della
prima scheda alla porta A della scheda
successiva tramite un cavo TDM FlexCable.
Il cavo FlexCable dispone di due connettori,
contrassegnati a loro volta con le etichette Port
A e Port B, per semplificarne il collegamento.
18
Guida introduttiva dei sistemi HD
PORT B
PORT B
PORT A
PORT A
PORT B
PORT B
PORT A
PORT B
Inserimento del cavo TDM FlexCable
3 Collegare il connettore Port A del cavo alla
porta Port A della seconda scheda. Premere con
cautela finché il cavo non è completamente
inserito nella scheda. Quindi, collegare l'altra
estremità del cavo (contrassegnata dall'etichetta
Port B) alla porta Port B della prima scheda.
PORT B
PORT A
Vista dall'alto di due schede HD collegate mediante il
cavo TDM FlexCable
4 Verificare che le schede siano collegate come
mostrato di seguito.
PORT A
PORT A
Collegamento di più schede mediante il
cavo TDM FlexCable femmina-femmina
In alcuni computer la distanza tra gli slot PCI
è superiore alla lunghezza del cavo TDM
FlexCable. In tali computer (ad esempio, IBM
IntelliStation E Pro 6846) è necessario uno
speciale cavo adattato (cavo TDM FlexCable
femmina-femmina più due cavi TDM FlexCable
normali) per collegare più schede HD Process
consecutive a distanza. Per ottenere il cavo TDM
FlexCable femmina-femmina, contattare il
supporto tecnico di Digidesign.
Collegamento di interfacce audio
Ciascuna interfaccia audio della serie
Pro Tools|HD fornisce al sistema fino a 16 canali
di ingresso e di uscita.
PORT B
PORT B
PORT B
PORT A
PORT B
Vista laterale di due schede HD collegate mediante
cavo TDM FlexCable
5 Nei sistemi con più di due schede è necessario
che ciascuna scheda aggiuntiva venga collegata
a quella che la precede. Per collegare le coppie di
schede, utilizzare cavi FlexCable come descritto
sopra, fino a quando tutte risultano collegate.
Ciascuna scheda HD Process è corredata di un
cavo FlexCable.
Pro Tools|HD supporta fino a un massimo
di otto interfacce 192 I/O, 192 Digital I/O
o 96 I/O.
Ciascuna scheda HD supporta fino a 32 canali.
Per utilizzare tutti i 32 canali I/O di una scheda,
è possibile collegare o concatenare a margherita
una seconda interfaccia HD I/O a 16 canali con
la prima HD I/O collegata direttamente alla
scheda HD.
6 Chiudere il coperchio del computer.
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
19
Per alcuni esempi di collegamento di più
interfacce HD I/O, vedere la Figura 1 e la
Figura 2 a pagina 21.
Le interfacce audio HD necessitano di
spazio libero lateralmente, per consentire la
circolazione dell'aria e il raffreddamento.
Pertanto è importante lasciare spazio per
le prese d'aria e la ventilazione ai lati
dell'unità. Non bloccare le parti laterali
dell'unità e non staccare la ventola interna.
Se le unità sono racchiuse in un involucro,
rimuovere tutti i coperchi e/o gli sportelli
prima di azionare il sistema. In caso
contrario le unità potrebbero surriscaldarsi
rapidamente causando danni permanenti ai
componenti sensibili.
È inoltre possibile collegare alle interfacce
192 I/O, 192 Digital I/O o 96 I/O le seguenti
interfacce meno recenti: 888|24 I/O, 882|20 I/O,
1622 I/O, ADAT Bridge I/O a 24 bit e l'originale
ADAT Bridge I/O. Le interfacce originali 888 I/O
e 882 I/O non sono supportate da Pro Tools|HD.
Se si collegano al sistema entrambe le interfacce
audio 192 I/O (o 192 Digital I/O) e 96 I/O,
collegare il modello 192 I/O (o 192 Digital I/O)
alla scheda HD Core, quindi eventuali interfacce
192 I/O (o 192 Digital I/O) aggiuntive alle
successive schede con priorità superiore. Infine
collegare le interfacce 96/20 I/O alle schede
successive.
È anche possibile collegare una sola interfaccia
HD I/O a ciascuna scheda HD del sistema
utilizzando i cavi DigiLink forniti. Questa
configurazione non presenta nessun vantaggio
rispetto al collegamento a margherita delle
interfacce I/O.
3 Se si utilizzano due o più interfacce audio HD,
collegare l'uscita Loop Sync Out di ciascuna
interfaccia all'ingresso Loop Sync In
dell'interfaccia successiva mediante i cavi BNC
inclusi nella confezione HD I/O. Infine collegare
l'uscita Loop Sync Out dell'ultima interfaccia
all'ingresso Loop Sync In dell'interfaccia
primaria.
4 Se si collega un'interfaccia audio Digidesign
Per collegare le interfacce audio HD:
1 Se si utilizza una singola interfaccia 192 I/O,
192 Digital I/O o 96 I/O, collegarla alla scheda
HD Core tramite il cavo DigiLink fornito con
la scheda HD Core. Per consentire l'avvio di
Pro Tools è necessario collegare al sistema
almeno un'interfaccia 192 I/O, 192 Digital I/O
o 96 I/O.
Se nella configurazione del sistema è
presente almeno un'interfaccia 192 I/O o
192 Digital I/O, è necessario collegarla alla
scheda HD Core come interfaccia primaria.
2 Collegare le interfacce audio HD alle
successive schede audio Digidesign oppure
concatenare le interfacce I/O a margherita
(collegando l'I/O secondaria all'I/O primaria).
20
Guida introduttiva dei sistemi HD
Legacy (ad esempio 888|24 I/O, 882|20 I/O,
1622 I/O o ADAT Bridge I/O Digidesign), vedere
la sezione "Collegamento di 16 canali audio
aggiuntivi a interfacce audio Legacy"
a pagina 22.
HD Core
Cavo DigiLink da
360 cm
Cavo DigiLink
da 46 cm
Cavi Loop Sync
Figura 1. Due interfacce 96 I/O (sistema a 32 canali)
HD Core
Cavo DigiLink da
360 cm
Cavo DigiLink
da 46 cm
Cavi Loop Sync
Cavo TDM FlexCable
Cavi Loop Sync
HD Process
Cavo DigiLink da 360 cm
Figura 2. Tre interfacce 96 I/O (sistema a 48 canali)
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
21
Collegamento di 16 canali audio
aggiuntivi a interfacce audio Legacy
Ciascuna interfaccia 192 I/O, 192 Digital I/O
e 96 I/O può supportare 16 canali di audio a e da
interfacce audio Digidesign Legacy, o I/O Legacy.
Tali interfacce includono 888|24 I/O,
882|20 I/O, 1622 I/O, ADAT Bridge I/O a 24 bit
e l'originale ADAT Bridge I/O. Le interfacce
originali 888 I/O e 882 I/O non sono supportate
da Pro Tools|HD.
Per collegare le interfacce audio
Digidesign Legacy:
1 Collegare l'estremità "MIX card" del cavo di
periferica fornito con l'interfaccia audio Legacy
(lato a 60 pin) alla Legacy Port dell'interfaccia
audio HD primaria. Collegare l'altra estremità
alla Computer Port dell'interfaccia audio Legacy.
2 Collegare in modo analogo le interfacce
audio Legacy aggiuntive a interfacce audio HD
collegate direttamente a schede HD Process.
–o–
Se si utilizza un cavo a Y (un adattatore per cavo
di periferica a 16 canali) collegare prima questo
cavo alla porta Legacy, quindi collegare i cavi di
periferica delle interfacce audio a Port A e Port B
del cavo a Y.
"A" alla prima
I/O Legacy
"B" alla seconda
I/O Legacy
a Legacy Port
dell'interfaccia
audio HD
Cavo di periferica a 16 canali (facoltativo)
22
Guida introduttiva dei sistemi HD
3 Per sincronizzare correttamente l'unità
Legacy, è necessario collegare la porta d'uscita
Ext. Clock dell'interfaccia HD I/O all'ingresso
Slave Clock IN dell'interfaccia audio Legacy.
L'interfaccia audio Legacy entra in modalità
Slave una volta che viene inviato il segnale di
clock corretto dall'interfaccia HD I/O. Utilizzare
sempre la porta Ext. Clock Out della stessa
interfaccia I/O a cui è collegata l'interfaccia
audio Legacy.
Se si utilizzano più interfacce audio della
serie MIX, collegare l'uscita del clock slave
dell'interfaccia primaria all'ingresso del clock
slave dell'interfaccia secondaria mediante il
cavo BNC fornito in dotazione. Entrambe le
interfacce audio della serie MIX devono essere
collegate alla porta Legacy dell'interfaccia HD
I/O tramite un cavo di periferica a 16 canali.
Non è possibile subordinare più di due
interfacce audio della serie MIX a un'unica
interfaccia audio della serie HD. Se si dispone
di una terza interfaccia audio della serie MIX,
questa riceverà il clock 256x dall'interfaccia
HD I/O alla quale è collegata.
Per garantire il corretto funzionamento delle
interfacce audio Legacy (quali 888|24 I/O
o 882|20 I/O), avviare Pro Tools e
impostare le interfacce audio Legacy nella
finestra di dialogo Hardware Setup prima di
alimentarle. Quindi uscire da Pro Tools,
spegnere il computer, alimentare le
interfacce audio e riaccendere il computer.
Prima di accendere e configurare le
interfacce audio Legacy, abbassare il
volume dei dispositivi di uscita in quanto
prima dell'inizializzazione dell'interfaccia
audio Legacy potrebbero essere emessi
rumori molto forti.
Installazione del software
Pro Tools
Per installare il software Pro Tools:
1 Accedere a Windows come amministratore.
Per informazioni dettagliate sui privilegi di
amministratore, consultare la documentazione
di Windows.
2 Attendere che venga visualizzata la finestra di
dialogo Installazione guidata nuovo hardware,
quindi lasciarla aperta.
3 Inserire il CD-ROM del programma di
installazione di Pro Tools per Windows
nell'unità CD-ROM. Fare doppio clic sull'icona
Setup (situata nella cartella Pro Tools Installer).
4 Fare clic su Avanti per iniziare l'installazione.
5 Selezionare la posizione di installazione.
Per garantire la massima affidabilità installare
Pro Tools sull'unità di avvio. Fare clic su Avanti.
6 Selezionare un tipo di installazione.
Si consiglia di scegliere l'opzione Typical Install.
Se si sceglie Custom Install sarà possibile
selezionare componenti da installare
unitamente a Pro Tools. Fare clic sul nome
di ciascun componente, per visualizzare una
descrizione del contenuto.
7 Fare clic su Avanti.
Una versione demo di MacOpener
è inclusa nel CD-ROM del programma di
installazione di Pro Tools e richiede una
procedura di installazione distinta.
MacOpener è necessario soltanto se occorre
utilizzare le unità disco rigido formattate
HFS o HFS+.
8 Selezionare un ambiente di lavoro. Questa
operazione determina il caricamento di un set
iniziale di preferenze di Pro Tools, che include
alcune tra le impostazioni più diffuse per la
postproduzione, l'audio o l'audio con MIDI.
Le impostazioni delle preferenze possono
essere personalizzate in qualsiasi momento
in Pro Tools. Per ulteriori informazioni sulle
preferenze consultare la Guida di riferimento
di Pro Tools.
9 Fare clic su Avanti.
10 Selezionare se installare il plug-in Surround
Mixer. Questo plug-in è necessario per il
missaggio, il mastering e il monitoraggio
surround.
• Selezionare "Yes – Monitor in Pro Tools
Film Format" se il monitoraggio è
configurato per il surround Film Format.
• Selezionare "Yes – Monitor in ProControl
(DTS Format)" se si utilizza un controller
ProControl dedicato.
• Selezionare "No – Stereo mixing only" se il
monitoraggio è configurato per Stereo.
11 Dopo aver selezionato un'opzione, fare clic
su Avanti.
Prima di eseguire l'operazione successiva,
attendere il completamento dell'installazione
di tutti i componenti software, i driver e i file
di sistema PACE.
12 Se QuickTime non è installato, verrà chiesto
di eseguire l'installazione "Scelta consigliata"
(vedere "Installazione di QuickTime"
a pagina 24). Seguire le istruzioni visualizzate
per completare la procedura di installazione di
QuickTime.
13 Una volta completata l'installazione, fare clic
su Fine per riavviare il computer.
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
23
Driver Digidesign ASIO
(facoltativo)
Il driver Digidesign ASIO è un driver audio
multimediale e multicanale che consente a
programmi audio di terze parti che supportano
lo standard ASIO di eseguire registrazioni e
riproduzioni tramite l'hardware Digidesign.
Il driver Digidesign ASIO non è necessario per
utilizzare Pro Tools.
Per informazioni dettagliate sull'utilizzo
del driver Digidesign ASIO, vedere
Appendice E, "Driver Digidesign ASIO (solo
Windows)".
Rimozione di Pro Tools
È possibile rimuovere Pro Tools dal computer,
tramite Installazione applicazioni.
Per rimuovere Pro Tools dal computer:
1 Scegliere Start > Impostazioni > Pannello
di controllo.
Installazione di QuickTime
Per Pro Tools, è consigliata l'installazione di
QuickTime 5.0.2 o versioni successive. Installare
la versione più recente di QuickTime per
Windows (disponibile sul CD Pro Tools Installer
o sul sito www.apple.com). Eseguire
l'installazione "Scelta consigliata" di QuickTime
altrimenti Pro Tools non sarà in grado di gestire
correttamente i filmati QuickTime.
Utilizzo di MIDI
Pro Tools utilizza le impostazioni multimediali
di Windows per la configurazione dei dispositivi
MIDI e delle relative proprietà. Per eseguire una
configurazione corretta, consultare la
documentazione sull'installazione e sull'utilizzo
del dispositivo.
Installazione di ProControl
o di Control|24
2 Fare doppio clic sull'icona Installazione
applicazioni.
Per installare il supporto Ethernet di Digidesign
per ProControl o Control|24:
3 Nell'elenco Programmi attualmente installati,
1 Sul desktop fare clic con il pulsante destro
selezionare Digidesign Pro Tools.
del mouse sull'icona Risorse di rete e scegliere
Proprietà.
4 Fare clic sul pulsante Cambia/Rimuovi.
2 Fare clic con il pulsante destro del mouse
5 Selezionare Rimuovi, quindi fare clic
su Avanti.
sull'icona di connessione alla rete locale
desiderata, quindi scegliere Proprietà.
6 Scegliere OK per rimuovere Pro Tools.
3 Fare clic su Installa, selezionare Protocollo
7 Fare clic su Fine.
e fare clic su Aggiungi.
4 Fare clic su Disco driver.
24
Guida introduttiva dei sistemi HD
5 Selezionare il file DigiNet.inf nella directory
ProControl o Control|24 (nel CD Pro Tools
Installer in Additional Files\Controllers\
Controllers), quindi scegliere OK.
I file DigiNet.inf vengono installati nella
directory ProControl o Control|24 in
Digidesign\DAE\Controllers.
Controllo del sistema HD
Prima di avviare Pro Tools, avviare il sistema
ed eseguire l'utility diagnostica DigiTest,
per verificare che tutte le schede TDM del
sistema vengano riconosciute, siano installate
nell'ordine appropriato e dispongano
di collegamenti TDM FlexCable validi.
6 Fare clic su Chiudi.
Avvio del sistema
Installazione delle
sessioni demo
A ogni avvio del sistema, attivare tutti i
componenti del sistema in un ordine definito.
(facoltativo)
Per avviare il sistema Pro Tools:
Il CD Pro Tools Installer include sessioni demo,
utilizzabili per verificare il corretto
funzionamento del sistema.
1 Accertarsi che tutte le apparecchiature,
Per installare una sessione demo:
1 Inserire il CD Installer di Pro Tools nell'unità
CD-ROM. Individuare l'icona di installazione
della sessione demo e fare doppio clic
sull'icona stessa.
2 Selezionare la sessione demo che si desidera
installare.
3 Impostare il percorso di installazione
sull'unità audio e fare clic su Install.
4 Al termine dell'installazione fare clic sul
pulsante di uscita.
computer incluso, siano spente.
2 Nei sistemi TDM con châssis di espansione,
accendere lo châssis di espansione.
3 Accendere gli eventuali dischi rigidi esterni.
Attendere all'incirca dieci secondi affinché
questi raggiungano la velocità di rotazione
di esercizio.
4 Accendere i dispositivi e le interfacce MIDI
o le periferiche di sincronizzazione.
5 Abbassare il volume di tutti i dispositivi di
uscita, quindi accendere le interfacce audio di
Pro Tools. Lasciar trascorrere almeno quindici
secondi per consentire l'inizializzazione
dell'interfaccia audio e attendere che i LED
di stato smettano di lampeggiare.
6 Accendere il computer.
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
25
Esecuzione di DigiTest
Errori e schede non rilevate
DigiTest viene installato con Pro Tools e si trova
nella cartella Digidesign Utilities sul disco
rigido; il percorso è
Digidesign/Pro Tools/Pro Tools Utilities.
Seguire i passaggi sottostanti se:
Prima di eseguire DigiTest, abbassare il
volume di tutti i dispositivi di uscita. Nel
corso del test può venire emesso un livello
elevato di rumore digitale.
Per eseguire DigiTest:
1 Chiudere Pro Tools, se è in esecuzione.
–o–
Una scheda supportata è installata ma non
viene rilevata automaticamente durante
l'esecuzione di DigiTest.
2 Abbassare il volume di tutti i dispositivi
Se una scheda supportata è installata ma non
viene rilevata automaticamente:
di uscita del sistema.
1 Chiudere DigiTest.
3 Fare clic su Start > Programmi > Digidesign >
2 Spegnere l'intero sistema Pro Tools.
Pro Tools > DigiTest.
4 Effettuare una verifica delle scheda del
sistema, con una delle seguenti operazioni:
• Per provare soltanto una delle schede
Digidesign presenti nel sistema, fare clic
sul pulsante corrispondente alla scheda.
• Per provare contemporaneamente tutte le
schede Digidesign, fare clic sul pulsante
Test All Cards.
5 Quando viene richiesto, spegnere e
riaccendere tutte le periferiche Pro Tools
del sistema. Fare clic su Continue.
6 Selezionare la casella di controllo Test I/O Box.
I LED delle interfacce digitali potrebbero
accendersi durante l'esecuzione del test.
Si tratta di un fenomeno normale.
7 Uscire da DigiTest facendo clic sulla casella
di chiusura nell'angolo superiore destro della
finestra dell'applicazione.
8 Riavviare il computer.
26
È stato rilevato un problema con un
componente del sistema e in DigiTest è stato
visualizzato un messaggio di errore relativo
a una scheda.
Guida introduttiva dei sistemi HD
3 Reinstallare le schede (vedere "Installazione
delle schede Pro Tool|HD" a pagina 17).
4 Verificare il corretto inserimento della scheda.
5 Verificare i collegamenti dei cavi TDM
FlexCable.
6 Accendere il sistema.
7 Eseguire nuovamente DigiTest.
Per le descrizioni di tutti i codici di errore, fare
riferimento a Appendice B, "Codici di errore
DigiTest" Per informazioni dettagliate sul test,
fare clic sul pulsante Info a destra dell'errore
segnalato, quindi fare clic su Failures nel menu
a comparsa e scegliere Detailed.
Se una scheda continua a non superare il test
DigiTest, contattare il supporto tecnico di
Digidesign.
Avvio di Pro Tools
Quando si avvia Pro Tools per la prima volta,
viene richiesto di immettere il codice di
autorizzazione per convalidare il software.
Per convalidare il software Pro Tools:
1 Fare doppio clic sull'applicazione Pro Tools
nella cartella Pro Tools all'interno della cartella
Digidesign.
2 Quando richiesto, immettere il codice
di autorizzazione nella finestra di dialogo,
rispettando la presenza di spazi, quindi fare
clic su Validate.
Il codice di autorizzazione è riportato nella
copertina interna della presente guida.
Configurazione di Pro Tools
Impostazioni del sistema
Pro Tools
Numero di voci
L'impostazione Number of Voices consente di
controllare il numero di voci disponibile nel
sistema. Ad esempio, su un sistema HD 1 sono
disponibili per impostazione predefinita 48 voci
con un DSP (a frequenze di campionamento di
44,1 kHz o 48 kHz).
La modifica del numero di voci ha delle
ripercussioni anche sull'utilizzo del DSP,
sul numero totale delle tracce di
condivisione voci e sulle prestazioni generali
del sistema.
A seconda della frequenza di campionamento
corrente e del numero di schede HD Core e HD
Process di cui è dotato il sistema, saranno
disponibili scelte diverse. Per i limiti di voci nei
vari sistemi HD consultare la Guida di riferimento
di Pro Tools.
Per modificare il numero di voci:
1 Scegliere Setups > Playback Engine.
Pro Tools consente di regolare le prestazioni del
sistema mediante la modifica delle impostazioni
di sistema che controllano la capacità di
elaborazione, di riproduzione e di registrazione.
Nella maggior parte dei casi le impostazioni
predefinite garantiscono prestazioni ottimali.
Tuttavia, è possibile che si rendano necessarie
alcune modifiche nel caso, ad esempio,
di sessioni Pro Tools di grandi dimensioni
o che richiedono un alto grado di elaborazione.
Finestra di dialogo Playback Engine del sistema
Pro Tools|HD
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
27
2 Selezionare il numero di voci e di DSP da
destinare all'assegnazione delle voci scegliendo
un valore nel menu a comparsa Number
of Voices.
• Selezionare un elevato numero di voci
quando sul computer utilizzato sono
presenti soltanto schede PCI Digidesign
oppure quando viene utilizzato uno châssis
di espansione per l'esecuzione di un
numero di tracce elevato (ad esempio 64
tracce a 96 kHz) e si desidera disporre di più
voci per ciascun DSP (ad esempio 16 voci
per DSP a 96 kHz).
• Selezionare una quantità media di voci
quando si utilizzano schede Digidesign in
uno châssis di espansione oppure quando
si utilizzano altre schede PCI insieme alle
schede Digidesign.
• Selezionare un basso numero di voci se
si utilizzano schede PCI con larghezza
di banda elevata (come le schede di
acquisizione video) oltre alle schede
Digidesign.
3 Fare clic su OK.
Hardware Buffer Size
Hardware Buffer Size (H/W Buffer Size) controlla
le dimensioni della cache hardware utilizzata
per la gestione di operazioni basate sull'host,
come i plug-in RTAS (Real-Time AudioSuite).
L'impostazione di valori bassi consente di
ridurre la latenza di monitoraggio, una funzione
particolarmente utile durante le registrazioni di
ingressi live.
28
Guida introduttiva dei sistemi HD
Valori più elevati di Hardware Buffer Size
consentono un maggior numero di effetti e una
maggior potenza di elaborazione audio e sono
particolarmente utili per il missaggio e l'utilizzo
di diversi plug-in RTAS.
Oltre a rallentare le funzioni di risposta
dello schermo e la latenza di monitoraggio,
un buffer di dimensioni superiori può
influire negativamente sulla precisione
dell'automazione per i parametri del plug-in
e i dati di silenziamento, nonché sulla
sincronizzazione delle tracce MIDI.
Per modificare la dimensione del buffer hardware:
1 Scegliere Setups > Playback Engine.
2 Dal menu a comparsa H/W Buffer Size,
scegliere la dimensione del buffer audio in
campioni.
3 Fare clic su OK.
CPU Usage Limit
La funzione CPU Usage Limit consente di
stabilire la percentuale di risorse della CPU
destinate alle attività di elaborazione host
di Pro Tools.
Valori meno elevati di CPU Usage Limit
consentono di ridurre gli effetti
dell'elaborazione Pro Tools su altre operazioni
che prevedono un utilizzo intenso della CPU
(come gli aggiornamenti dello schermo) e sono
particolarmente utili in caso di rallentamenti
dei tempi di risposta del sistema o quando sono
in esecuzione altre applicazioni.
L'impostazione di valori elevati per questa
funzione consente di potenziare la capacità di
elaborazione di Pro Tools e può essere utile per
la riproduzione di sessioni di grandi dimensioni
o per utilizzare un maggior numero di plug-in
real-time.
Per cambiare l'impostazione di DAE Playback
Buffer Size:
1 Scegliere Setups > Playback Engine.
L'incremento di CPU Usage Limit può
contribuire a rallentare ulteriormente la
funzione di risposta dello schermo nei
computer più lenti.
Per modificare il parametro CPU Usage Limit
1 Scegliere Setups > Playback Engine.
Finestra di dialogo Playback Engine per Pro Tools|HD
2 Dal menu a comparsa CPU Usage Limit,
2 Selezionare un valore dal menu a comparsa
selezionare la percentuale massima delle risorse
della CPU da assegnare a Pro Tools.
DAE Playback Buffer. I requisiti di memoria
corrispondenti a ciascun valore sono visualizzati
nella parte inferiore della finestra di dialogo
Playback Engine.
3 Fare clic su OK.
DAE Playback Buffer Size
L'opzione DAE Playback Buffer Size determina la
quantità di memoria utilizzata da DAE per la
gestione dei buffer dei dischi e può pertanto
avere ripercussioni sulle prestazioni del sistema.
3 Fare clic su OK.
Se Pro Tools richiede una quantità di memoria
maggiore per il buffer DAE Playback, apparirà
un messaggio con la richiesta di riavviare il
computer.
L'assegnazione di un buffer più piccolo può
migliorare la velocità iniziale di riproduzione
e registrazione ma potrebbe compromettere la
riproduzione e la registrazione delle tracce sui
dischi rigidi più lenti.
L'assegnazione di un buffer DAE Playback
di dimensioni maggiori può consentire una
maggiore densità di operazioni di montaggio
nella sessione; tuttavia, questo potrebbe causare
un ritardo all'inizio della riproduzione o della
registrazione. Un analogo tempo di attesa
potrebbe verificarsi anche quando si effettua
il montaggio durante la riproduzione.
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
29
Impostazioni hardware per
Pro Tools
In Pro Tools è possibile impostare la frequenza
di campionamento e la sorgente di clock
predefiniti del sistema, nonché una gamma
di controlli specifici per ciascun tipo di
interfaccia audio.
Frequenza di campionamento
predefinita
L'impostazione di Sample Rate viene indicata
come frequenza di campionamento predefinita
nel momento in cui viene creata una nuova
sessione. Questa impostazione è disponibile
nella finestra di dialogo Hardware Setup,
a condizione che non sia aperta alcuna sessione.
Al momento della creazione di una nuova
sessione Pro Tools, questo valore può essere
modificato selezionando un nuovo valore
nella finestra di dialogo New Session.
(Vedere la sezione "Apertura di una sessione"
a pagina 79.)
Per modificare il valore Sample Rate predefinito:
1 Verificare che non sia aperta alcuna sessione di
Pro Tools.
2 Scegliere Setups > Hardware Setup.
3 Scegliere la frequenza di campionamento dal
menu a comparsa Sample Rate.
4 Fare clic su OK.
Clock Source
Nella finestra di dialogo Hardware Setup di
Pro Tools è possibile selezionare la sorgente di
clock per il sistema (opzione Clock Source).
30
Guida introduttiva dei sistemi HD
Internal Per la registrazione di un segnale
analogico direttamente in Pro Tools, si utilizza
in genere la sorgente di clock interna di
Pro Tools (Internal).
External Per il trasferimento in Pro Tools di
materiale proveniente da un dispositivo digitale
esterno, sarà in genere necessario sincronizzare
Pro Tools con tale dispositivo. A seconda
dell'interfaccia audio, le opzioni esterne
possono includere AES/EBU [Encl], S/PDIF,
Optical [Encl], AES/EBU 1–8, TDIF, ADAT e
Word Clock. Per informazioni dettagliate,
consultare la Guida di riferimento di Pro Tools
o il manuale dell'interfaccia audio.
Per selezionare la sorgente di clock:
1 Scegliere Setups > Hardware Setup.
2 Scegliere la sorgente di clock dal menu
a comparsa Clock Source.
3 Fare clic su OK.
Per sincronizzare Pro Tools con il
dispositivo di ingresso digitale, questo deve
essere collegato e acceso. Se il dispositivo di
ingresso non è acceso, mantenere Internal
come impostazione di Clock Source.
Configurazione delle interfacce audio
Identificazione delle interfacce audio
Le interfacce audio Pro Tools|HD supportano
16 canali di I/O simultaneo e formati di I/O
multipli (tra i quali i formati analogico,
AES/EBU, ADAT Optical, S/PDIF e TDIF).
Se al sistema sono collegate più interfacce audio
dello stesso tipo, prima di creare connessioni
audio sarà necessario verificare l'identità di
ciascuna interfaccia. In tal modo sarà possibile
scegliere l'interfaccia appropriata nell'elenco
Peripherals, al momento della definizione degli
ingressi e delle uscite nella finestra di dialogo
Hardware Setup.
Per identificare le interfacce audio nel sistema:
1 Scegliere Setups > Hardware Setup.
2 Nell'elenco Peripherals, selezionare
un'interfaccia audio collegata al sistema.
Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia
192 I/O, scheda Main
Nella scheda Main della finestra di dialogo
Hardware Setup è possibile definire quali
ingressi e uscite fisici dell'interfaccia audio
devono essere indirizzati agli ingressi e alle
uscite disponibili in Pro Tools. Si immagini
questa finestra come un quadro incrociato in cui
è possibile indirizzare qualsiasi ingresso o uscita
delle interfacce audio della serie HD ai canali del
mixer Pro Tools.
La pagina Main fornisce inoltre controlli atti
a definire se le periferiche Expansion Port
o Legacy Port sono attive.
È possibile configurare le interfacce nel sistema
selezionando ciascuna interfaccia nell'elenco
Peripherals e impostando i parametri
corrispondenti.
Per scorrere l'elenco delle periferiche nella
finestra di dialogo Hardware Setup,
utilizzare i tasti Freccia su e Freccia giù.
3 Selezionare la scheda Main.
4 Selezionare l'opzione Identify, posta
nell'angolo inferiore sinistro della finestra
di dialogo Hardware Setup. Tutti i LED del
pannello anteriore dell'interfaccia audio
selezionata si illumineranno.
5 Annotare quale interfaccia della
configurazione dell'impianto corrisponde
all'interfaccia identificata.
6 Ripetere i passaggi precedenti per tutte
le interfacce audio aggiuntive della
configurazione.
Per essere identificate, le interfacce
audio Legacy devono essere inizializzate
nell'elenco Peripherals.
Vedere "Configurazione delle interfacce
audio Legacy" a pagina 35.
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
31
Per configurare le interfacce audio HD:
1 Scegliere Setups > Hardware Setup.
2 Nell'elenco Peripherals, selezionare
un'interfaccia audio collegata al sistema.
3 Selezionare la scheda Main.
4 Dal menu a comparsa Clock Source
selezionare la sorgente di clock adatta
all'interfaccia.
5 Per inviare clock in uscita ad altri dispositivi
collegati all'interfaccia audio, scegliere l'output
appropriato dal menu a comparsa Ext.
Clock Output.
Se la porta Legacy I/O (e non la porta
Expansion I/O) è attivata, l'opzione Ext. Clock
Output viene impostata automaticamente
su Slave256x. Per reimpostare l'opzione Ext.
Clock Output su Word Clock, reimpostare
Expansion I/O in Port Settings, quindi
selezionare l'interfaccia audio Legacy nell'elenco
Peripherals e impostarla su No Interface nel
menu a comparsa Interface.
e uscita, selezionare le porte fisiche (come
Analog 1-2 o Optical 1-2) che verranno
indirizzate ai corrispondenti canali di ingresso
e uscita Pro Tools (ad esempio Ch 1-2 o Ch 3-4)
elencati sul lato sinistro della scheda Main.
Gli ingressi e le uscite di formato simile vengono
distinti nei menu a comparsa dei canali di
ingresso e di uscita. Ad esempio, gli ingressi e
le uscite AES/EBU nello châssis 192 I/O sono
elencati come AES/EBU [Encl], mentre gli
ingressi e le uscite AES/EBU presenti sulla
scheda Digital I/O installata al momento della
spedizione vengono visualizzati, a coppie, come
AES/EBU 1–2, AES/EBU 3–4, AES/EBU 5–6 e
AES/EBU 7–8. Per le interfacce 192 I/O dotate
di scheda Digital I/O, le porte AES/EBU I/O
opzionali sono visualizzate come AES/EBU 9–10,
AES/EBU 11–12, AES/EBU 13–14
e AES/EBU 15–16.
Per dettagli e limitazioni specifiche di
configurazione, consultare la guida della
periferica selezionata. Ad esempio, i canali
Optical 1–8 (sul contenitore 192 I/O)
non sono disponibili per frequenze di
campionamento di sessione pari a 88,2 kHz
o superiori (mentre le porte della scheda
192 I/O Digital I/O lo sono).
6 Selezionare la porta I/O digitale dello châssis
dell'interfaccia audio attiva, selezionando
un'opzione nella sezione Digital Format.
Le opzioni disponibili sono le seguenti:
AES/EBU, S/PDIF e Optical (S/PDIF).
Selezionando Optical (S/PDIF), la porta fisica
Optical I/O (che per impostazione predefinita
è a otto canali ADAT Optical I/O) viene
ripristinata su due canali S/PDIF Optical I/O.
Per ulteriori informazioni sulle porte delle
schede e i contenitori HD, fare riferimento
alla guida relativa all'interfaccia I/O in uso.
9 Configurare i controlli per l'interfaccia audio
7 Per garantire la compatibilità S/PDIF con
scegliere il nome dell'interfaccia dall'elenco
Peripherals, quindi ripetere i punti precedenti.
i registratori DAT Tascam DA30, selezionare
l'opzione Tascam nella sezione S/PDIF Format.
32
8 Dai menu a comparsa dei canali di ingresso
Guida introduttiva dei sistemi HD
HD. Vedere anche le sezioni "Configurazione dei
controlli delle interfacce 192 I/O e
192 Digital I/O" a pagina 33 e "Configurazione
dei controlli dell'interfaccia 96 I/O" a pagina 34.
10 Per aggiungere altre interfacce della serie HD,
Configurazione dei controlli delle interfacce
192 I/O e 192 Digital I/O
Per configurare i controlli dell'interfaccia 192 I/O:
1 Dopo avere selezionato 192 I/O nell'elenco
Peripherals, fare clic sulla scheda Analog In
per impostare le opzioni seguenti:
• È possibile impostare il livello operativo
canale per canale, selezionando Reference
Level +4 dBu o –10 dBV. Tali impostazioni
corrispondono a due connettori di ingresso
diversi posti sul retro della 192 I/O. Per
ulteriori informazioni sull'impostazione
dei livelli operativi, consultare la Guida
di 192 I/O.
• Ciascun canale analogico dell'interfaccia
192 I/O presenta due Input Trims,
contrassegnati dalle etichette A e B,
che consentono una calibrazione e uno
scambio precisi dei livelli. È possibile
selezionare Input Trim A o B canale per
canale. Per informazioni sull'impostazione
dei trim del pannello posteriore, consultare
la Guida all'interfaccia audio 192 I/O.
• È possibile selezionare Soft Clip canale per
canale. Il limitatore Soft Clip consente di
attenuare il segnale analogico in entrata,
fornendo ulteriore protezione contro
transienti di clipping temporanei che
possono provocare una distorsione digitale
quando superano il livello massimo di
entrata dell'unità. Se Soft Clip è attivato,
l'interfaccia 192 I/O supporta un margine
di sicurezza aggiuntivo di 4 dB
arrotondando di altri 4 dB il punto di clip.
Questa operazione risulta utile se si
desidera eliminare transienti casuali
o emulare la saturazione del nastro
analogico.
Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia 192
I/O, scheda Analog In
2 Fare clic sulla scheda Analog Out per
impostare le seguenti opzioni:
• Ciascun canale analogico dell'interfaccia
192 I/O presenta due Output Trims,
contrassegnati rispettivamente dalle
etichette A e B. È possibile selezionare
Output Trim A o B canale per canale.
Finestra Hardware Setup per 192 I/O, scheda
Analog Out
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
33
Per configurare i controlli per un'interfaccia
192 Digital I/O o per un'interfaccia 192 I/O
con una scheda Digital I/O opzionale:
Configurazione dei controlli
dell'interfaccia 96 I/O
Nell'interfaccia 192 Digital I/O o 192 I/O
con scheda Digital I/O opzionale, fare clic sulla
scheda Digital per impostare Input Format
(AES/EBU, TDIF o ADAT Optical) e attivare la
conversione della frequenza di campionamento
in tempo reale (a coppie di canali, tramite
l'opzione SR Conversion).
Per configurare i controlli dell'interfaccia 96 I/O:
34
1 Dopo avere selezionato l'interfaccia 96 I/O
nell'elenco Peripherals, dal menu a comparsa
Meters configurare i meter del pannello frontale
dell'interfaccia I/O per gli ingressi e le uscite.
2 Fare clic sulla scheda Analog In per impostare
la seguente opzione:
A frequenze di campionamento di sessione
superiori a 48 kHz, la conversione della
frequenza di campionamento per gli ingressi
TDIF e Optical (ADAT) della scheda Digital
I/O viene attivata automaticamente su tutti
e otto gli ingressi del formato selezionato.
• È possibile impostare il livello operativo
canale per canale, selezionando Reference
Level +4 dBu o –10 dBV. Per ulteriori
informazioni sull'impostazione dei livelli
operativi, consultare la Guida
dell'interfaccia audio 96 I/O.
Finestra Hardware Setup per 192 I/O, scheda Digital
Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia 96
I/O, scheda Analog In
Guida introduttiva dei sistemi HD
3 Fare clic sulla scheda Analog Out
5 L'opzione "No Interface" appare due volte
per impostare le seguenti opzioni:
nell'elenco Peripherals, esattamente sotto
l'interfaccia audio primaria. Fare clic sulla prima
delle due indicazioni "No Interface". Nella
finestra di dialogo Hardware Setup viene
visualizzato il menu a comparsa Interface, in cui
sono elencate tutte le interfacce I/O supportate
disponibili.
• È possibile impostare il livello di output
canale per canale, selezionando Reference
Level +4 dBu o –10 dBV. Per ulteriori
informazioni sull'impostazione dei livelli
operativi, consultare la Guida
dell'interfaccia audio 96 I/O.
6 Dal menu a comparsa Interface selezionare il
tipo di interfaccia audio Legacy cui si è collegati.
Dopo la selezione del tipo di interfaccia audio
Legacy, la scheda Main viene aggiornata con
controlli configurabili.
7 Ripetere la procedura per tutte le interfacce
audio Legacy.
Finestra Hardware Setup per 96 I/O, scheda Analog Out
Configurazione delle interfacce audio Legacy
Prima di configurare un'interfaccia audio
Legacy, è necessario inizializzarla nella finestra
Hardware Setup.
Per inizializzare un'interfaccia audio Legacy:
1 Assicurarsi di aver abbassato il volume
dei dispositivi di uscita in quanto prima
dell'inizializzazione dell'interfaccia audio
Legacy potrebbero essere emessi rumori
molto forti.
2 Accendere l'interfaccia audio Legacy.
3 Nell'elenco Peripherals, scegliere l'interfaccia
Per ulteriori informazioni sui parametri
Hardware Setup per ciascuna interfaccia
I/O, fare riferimento alla guida della
periferica utilizzata.
Periferiche offline
Se sono presenti una periferica audio Legacy
e una periferica HD collegate alla periferica
HD primaria, solo una periferica alla volta può
essere in stato online. Una periferica offline
è indicata tra parentesi nell'elenco Peripherals
della finestra di dialogo Hardware Setup.
Ad esempio, se vi sono le periferiche 96 I/O
e 882|20 collegate a 192 I/O, e la periferica
96 I/O è offline, apparirà nell'elenco Peripherals
come [96 I/O].
audio primaria, ossia quella a cui è collegata
l'interfaccia audio meno recente.
4 Nella scheda Main (sezione Port Settings) della
finestra di dialogo Hardware Setup, selezionare
l'opzione Legacy I/O.
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
35
Configurazione della finestra I/O Setup
La finestra di dialogo I/O Setup fornisce una
rappresentazione grafica del routing dei segnali
di tutte le interfacce audio collegate e contiene
i controlli che consentono l'indirizzamento
delle porte fisiche ai punti di ingresso e di uscita
Pro Tools. Questi controlli rispecchiano
i controlli di routing presenti nella finestra
di dialogo Hardware Setup; tutte le modifiche
apportate all'impostazione del routing in una di
queste due finestre vengono sempre applicate
anche nell'altra. Nella finestra di dialogo I/O
Setup è inoltre possibile etichettare e assegnare
gli ingressi, le uscite, gli insert e i percorsi dei
segnali di Pro Tools.
4 Per cambiare la destinazione di un percorso
o sottopercorso di ingresso o uscita, fare clic
direttamente su un selettore di ingresso o uscita,
corrispondente a una coppia di canali
dell'interfaccia e posto sotto l'icona
dell'interfaccia audio.
5 Dal menu a comparsa, selezionare la coppia di
porte fisiche, ad esempio Analog 1–2, che verrà
indirizzata alla coppia di canali di Pro Tools
corrispondente, ad esempio A 1–2, nella
colonna Path Name, a sinistra.
6 Ripetere la procedura per tutte le coppie
di canali.
7 Fare clic su OK.
Pro Tools viene fornito con impostazioni I/O
Setup predefinite che consentono di cominciare
a utilizzare il sistema. È necessario andare alla
finestra I/O Setup soltanto nel caso in cui si
desideri riassegnare o rinominare i percorsi I/O
predefiniti o apportare qualsiasi modifica
all'hardware di sistema (ad esempio
aggiungendo una scheda di espansione
all'interfaccia 192 I/O).
Per ulteriori informazioni sull'impostazione
dei percorsi I/O, consultare la Guida di
riferimento di Pro Tools.
Per configurare il routing I/O nella finestra
di dialogo I/O Setup:
1 Scegliere Setups > I/O Setup.
2 Fare clic sulla scheda Input o Output per
visualizzare i collegamenti corrispondenti.
3 Per modificare il nome di un percorso o di un
sottopercorso, fare doppio clic direttamente
su Path Name, immettere il nuovo nome del
percorso e premere Invio.
36
Guida introduttiva dei sistemi HD
Finestra di dialogo I/O Setup
Routing di una coppia di uscite
Pro Tools a più destinazioni
La finestra di dialogo Hardware Setup consente
di indirizzare le coppie di canali Pro Tools
a numerose uscite dell'interfaccia audio
Digidesign.
Il nome dell'uscita verrà aggiornato e davanti
a esso verrà visualizzato il segno più (+) per
indicare che sono state selezionate diverse porte
di uscita. Nel menu a comparsa, tutte le coppie
di porte fisiche assegnate a quella coppia di
uscite Pro Tools sono contrassegnate da un
segno di spunta.
Ad esempio, se le uscite dell'interfaccia Analog
1–2 e Analog 3–4 vengono assegnate alla coppia
di uscite Pro Tools 1–2, un segnale inviato alle
uscite Pro Tools 1–2 verrà contemporaneamente
indirizzato a entrambe le coppie di uscite
dell'interfaccia audio.
Questa operazione consente di inviare lo stesso
segnale (coppia stereo, missaggio di gruppo o
missaggio multicanale) a più destinazioni,
ad esempio a dispositivi di mastering multipli.
Per indirizzare una coppia di canali di
uscita Pro Tools a più porte di uscita
dell'interfaccia audio:
1 Scegliere Setups > Hardware Setup.
Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia
96 I/O, scheda Main
6 Ripetere la stessa procedura per selezionare
nuove destinazioni di uscita. La scelta delle
uscite è limitata dal numero di uscite disponibili
nel sistema.
2 Dall'elenco Peripherals selezionare
un'interfaccia.
3 Fare clic sulla scheda Main.
4 Selezionare una coppia di uscite dal menu
a comparsa Output.
5 Premere Start e fare clic sullo stesso menu
a comparsa, quindi scegliere una coppia
di uscite aggiuntiva.
Capitolo 2: Configurazione dei sistemi Windows
37
38
Guida introduttiva dei sistemi HD
capitolo 3
Configurazione dei sistemi Macintosh
L'installazione di un sistema della serie
Pro Tools|HD in un computer Macintosh
include le seguenti fasi:
1 Installazione dell'hardware Pro Tools
(Vedere "Installazione dell'hardware Pro Tools"
a pagina 41).
2 Configurazione delle impostazioni software
del sistema Apple (Vedere "Impostazioni di
sistema Apple" a pagina 49).
3 Installazione del software Pro Tools TDM
(Vedere "Installazione del software Pro Tools"
a pagina 50).
4 Verifica del sistema Pro Tools (Vedere
"Controllo del sistema HD" a pagina 53).
5 Configurazione del proprio sistema Pro Tools
(Vedere "Configurazione di Pro Tools"
a pagina 57).
Panoramica sull'hardware
Pro Tools
Il numero di schede Pro Tools|HD del sistema
varia in base alla configurazione del sistema
stesso. Le schede utilizzate nelle varie
configurazioni vengono elencate di seguito.
Per aumentare il numero di schede in
sistemi con châssis di espansione, fare
riferimento alla Guida per l'espansione dei
sistemi fornita con il sistema Pro Tools.
Hardware della serie Pro Tools|HD
L'hardware Pro Tools|HD è disponibile nelle
seguenti configurazioni:
Pro Tools|HD 1 Include soltanto una scheda
HD Core.
Pro Tools|HD 2 Include una scheda HD Core,
una scheda HD Process e un cavo TDM
FlexCable per collegare la scheda HD Core
alla scheda HD Process.
Pro Tools|HD 3 Include una scheda HD Core,
due schede HD Process e due cavi TDM
FlexCable per il collegamento tra le schede.
È possibile aggiungere schede HD Process
supplementari per espandere il sistema
Pro Tools. Un sistema Pro Tools|HD
supporta fino a sette schede HD.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
39
Scheda HD Core
Scheda HD Process
La scheda HD Core forniscefino a 96 tracce di
registrazione e riproduzione diretta su disco,
nonché funzionalità DSP per l'elaborazione del
missaggio e dei plug-in. Questa scheda supporta
sessioni fino a 24 bit con una frequenza
massima di 192 kHz.
La scheda HD Process fornisce fino a 32 tracce
aggiuntive di registrazione e riproduzione
diretta su disco (fino a un massimo di 128
tracce), nonché funzionalità DSP per
l'elaborazione del missaggio e dei plug-in.
Questa scheda supporta sessioni fino a 24 bit
con una frequenza massima di 192 kHz.
Porta
DigiLink
Porta
DigiSerial
Porta
DigiLink
Scheda HD Core
La scheda HD Core include una porta DigiLink,
che consente il collegamento di un massimo di
32 canali di ingresso e uscita audio al sistema
della serie HD.
La porta DigiSerial della scheda HD Core viene
utilizzata per il collegamento di Digidesign
SYNC I/O. Si tratta di un connettore mini-DIN
a 8 pin.
La porta DigiSerial delle schede HD
Core non supporta i collegamenti a
MachineControl. Utilizzare Digidesign
SYNC I/O per Pro Tools MachineControl a
9 pin. Per la modalità MC Remote (solo per
questa modalità) è necessaria una porta
seriale (non una porta DigiSerial). Per
l'elenco di adattatori per porte seriali
approvati, visitare il sito Web Digidesign
(www.digidesign.com).
40
Guida introduttiva dei sistemi HD
Scheda HD Process
La scheda HD Core include una porta DigiLink,
che consente il collegamento di un massimo di
32 canali aggiuntivi di ingresso e uscita audio al
sistema Pro Tools|HD (fino a un massimo di
96 canali).
La porta DigiSerial delle schede HD Process
non ha nessuna funzionalità.
Cavo TDM FlexCable
Per installare le schede Pro Tools:
Il cavo TDM FlexCable viene utilizzato per
collegare una coppia di schede nel sistema
Pro Tools per la condivisione dei dati mediante
il bus TDM. Per il collegamento di altre schede
sono necessari cavi FlexCable aggiuntivi.
Ciascuna scheda HD Process viene fornita
con un cavo FlexCable.
1 Spegnere il computer e tutte le periferiche.
Il cavo TDM FlexCable è in realtà un
circuito stampato flessibile con tracce
sottili. Evitare di applicare al cavo torsioni,
pieghe pronunciate o perforazioni. Ciò
potrebbe provocare un funzionamento
anomalo di Pro Tools, nonché arrecare
danni al sistema.
Lasciare il cavo di alimentazione del sistema
collegato per conservare la messa a terra.
2 Staccare tutti i cavi collegati al computer
(quali i collegamenti delle unità disco rigido,
del o dei monitor, USB e FireWire) ad eccezione
del cavo di alimentazione.
3 Aprire il coperchio del computer.
Prima di maneggiare qualsiasi tipo di
scheda, scaricare l'elettricità statica
presente sui propri vestiti o sul corpo
toccando una superficie metallica con
messa a terra, quale la parte esterna
dell'alimentatore all'interno del computer.
4 Rimuovere lo sportello metallico della porta
di accesso dietro allo slot di espansione che si
desidera utilizzare, rimuovendo la vite e
facendolo scorrere dalla porta di accesso.
Cavo TDM FlexCable
Installazione dell'hardware
Pro Tools
Per installare componenti hardware della
serie HD, si installano innanzitutto le schede
Pro Tools|HD, quindi (per i sistemi con più
schede) si collegano le schede tra loro tramite
cavi TDM FlexCable.
Installazione delle schede
Pro Tools|HD
5 Installare la scheda HD Core nello slot PCI del
computer contrassegnato dal numero inferiore,
come mostrato nelle immagini seguenti.
Modelli Power Macintosh G4 con porte
a specchio
Nel Power Macintosh G4 con porte a specchio,
i coperchi degli alloggiamenti delle unità sono
a specchio e la parte frontale presenta quattro
fori. Se ci si pone di fronte al computer aperto,
i numeri degli slot PCI sono in ordine
crescente da sinistra a destra.
In questa sezione viene illustrato come installare
le schede Pro Tools|HD in un Macintosh.
Se si installano le schede in uno châssis
di espansione, vedere la Guida per l'espansione
dei sistemi.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
41
Osservare che la numerazione degli slot PCI nel
nuovo G4 con porte a specchio va in senso
opposto rispetto a quella dei precedenti
modelli G4.
Prestare particolare attenzione all'apertura
o chiusura del coperchio di un computer G4
con porte a specchio. Se le schede PCI
installate negli slot con i numeri più elevati
toccano la superficie superiore della scatola,
potrebbero subire danneggiamenti.
Slot PCI 4
Slot PCI 3
Slot PCI 2
Slot AGP 1
(scheda video)
Power Macintosh G4 biprocessore "QuickSilver"
Slot AGP 1 (scheda video)
Slot PCI 2
Slot PCI 3
Slot PCI 4
Slot PCI 5
Slot PCI 4
Slot PCI 3
Slot PCI 2
Slot PCI 1
(scheda video)
Power Macintosh G4 biprocessore con porte a specchio
Power Macintosh "QuickSilver" e modelli
G4 precedenti
Il Power Macintosh "QuickSilver" e i modelli G4
precedenti presentano un'unica griglia di
altoparlante o un unico foro nella parte frontale.
Se ci si pone di fronte al computer aperto,
i numeri degli slot PCI sono in ordine crescente
da destra a sinistra.
Power Macintosh G4 monoprocessore
6 Se non occorre installare altre schede,
procedere nel modo seguente:
• Fissare in posizione la scheda utilizzando
la vite rimossa in precedenza e chiudere il
computer.
• Ignorare i punti successivi e passare alla
sessione "Collegamento di interfacce
audio" a pagina 45.
7 Installare tutte le schede HD Process in slot
adiacenti, in ordine numerico crescente.
42
Guida introduttiva dei sistemi HD
8 Se si installa una scheda di acquisizione video,
installarla dopo tutte le schede HD Process.
9 Se si installa una scheda HBA SCSI, collocarla
nello slot rimanente contrassegnato dal numero
più alto.
Non utilizzare schede hardware SampleCell
nei sistemi Pro Tools|HD.
La direzione di collegamento delle schede
dipende dalla numerazione degli slot PCI nel
computer. Consultare di seguito le istruzioni
relative al modello di computer utilizzato.
Per collegare le schede HD con il cavo TDM
FlexCable sul Power Macintosh G4 con porte
a specchio:
1 Modellare il cavo FlexCable prima di
Verificare che le schede vengano installate
nell'ordine seguente, a partire dallo slot
contrassegnato dal numero inferiore:
• Scheda video per il monitor del computer
• Scheda HD Core
installarlo sulle schede HD, tenendolo per le
estremità e spostando l'estremità Port B del cavo
verso di sé e verso l'interno, come visualizzato di
seguito. Non piegare il cavo più del necessario,
per evitare di danneggiare le tracce.
• Schede HD Process
• Scheda per acquisizione video approvata
da Digidesign
PORT A
PORT A
PORT B
PORT B
• Scheda HBA (Host Bus Adapter) SCSI
Le linee guida precedenti possono includere
schede facoltative non presenti nel sistema
utilizzato.
10 Fissare in posizione ciascuna scheda
utilizzando le viti delle porte d'accesso rimosse
in precedenza.
Collegamento delle schede
Pro Tools|HD
Se si installa un sistema Pro Tools|HD 2, HD 3
o HD espanso, collegare le schede HD mediante
cavi TDM FlexCable.
Ciascuna scheda HD presenta due porte sulla
parte superiore, contrassegnate dalle etichette
Port A e Port B. Il trasferimento di dati tra più
schede HD si ottiene collegando la porta B della
prima scheda alla porta A della scheda
successiva tramite un cavo TDM FlexCable.
Il cavo FlexCable dispone di due connettori,
contrassegnati a loro volta con le etichette Port
A e Port B, per semplificarne la connessione.
Preparazione del cavo TDM FlexCable per l'installazione
2 Fare scorrere il cavo FlexCable nell'incavo
della prima scheda, in modo che il connettore
Port B del cavo risulti allineato all'etichetta Port
B della prima scheda e il connettore Port A del
cavo sia allineato all'etichetta Port A della
seconda scheda, come mostrato di seguito.
PORT A
PORT B
PORT A
PORT A
PORT A
PORT B
PORT B
PORT A
PORT B
Inserimento del cavo TDM FlexCable
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
43
3 Collegare il connettore Port A del cavo
FlexCable alla porta Port A della seconda scheda.
Premere con cautela finché il cavo non è inserito
completamente nella scheda. Quindi, collegare
l'altra estremità di FlexCable (contrassegnata
dall'etichetta Port B) alla porta Port B della
prima scheda.
Per collegare le schede HD con il cavo TDM
FlexCable sul Power Macintosh G4 "QuickSilver"
e sui modelli di computer G4 precedenti:
1 Modellare il cavo FlexCable prima di
installarlo sulle schede HD, tenendolo per le
estremità e spostando l'estremità Port A del cavo
verso di sé e verso l'interno, come visualizzato di
seguito. Non piegare il cavo più del necessario,
per evitare di danneggiare le tracce.
PORT B
PORT A
PORT B
PORT A
PORT A
PORT B
Vista dall'alto di due schede HD collegate mediante
il cavo TDM FlexCable
Preparazione del cavo TDM FlexCable per l'installazione
4 Verificare che le schede siano collegate come
2 Fare scorrere il cavo FlexCable nell'incavo
mostrato di seguito.
PORT A
PORT A
PORT B
PORT B
PORT B
PORT A
PORT B
della seconda scheda, in modo che il connettore
Port B del cavo risulti allineato all'etichetta Port
B della prima scheda e il connettore Port A del
cavo sia allineato all'etichetta Port A della
seconda scheda, come mostrato di seguito.
PORT B
PORT A
Vista laterale di due schede HD collegate mediante
cavo TDM FlexCable
PORT A
PORT A
PORT B
PORT B
PORT A
PORT B
5 Nei sistemi con più di due schede è necessario
che ciascuna scheda aggiuntiva venga collegata
a quella che la precede. Per collegare le coppie di
schede, utilizzare cavi FlexCable come descritto
sopra, fino a quando tutte risultano collegate.
Ciascuna scheda HD Process è corredata di un
cavo FlexCable.
44
Guida introduttiva dei sistemi HD
Inserimento del cavo TDM FlexCable
3 Collegare il connettore Port A del cavo alla
porta Port A della seconda scheda. Premere
con cautela fino a quando il cavo non
è completamente inserito nella scheda.
Quindi, ollegare l'altra estremità del cavo
(contrassegnata dall'etichetta Port B) alla
porta Port B della prima scheda.
PORT A
PORT B
PORT A
PORT B
Vista dall'alto di due schede HD collegate mediante il
cavo TDM FlexCable
4 Verificare che le schede siano collegate come
mostrato di seguito.
PORT A
PORT
PO
RTAA
Collegamento di interfacce audio
Ciascuna interfaccia audio della serie
Pro Tools|HD fornisce al sistema fino a 16 canali
di ingresso e di uscita.
Pro Tools|HD supporta fino a un massimo
di otto interfacce 192 I/O, 192 Digital I/O
o 96 I/O.
Ciascuna scheda HD supporta fino a 32 canali.
Per utilizzare tutti i 32 canali I/O di una scheda,
è possibile collegare o concatenare a margherita
una seconda interfaccia HD I/O a 16 canali con
la prima HD I/O collegata direttamente alla
scheda HD.
Per alcuni esempi di collegamento di più
interfacce HD I/O, vedere la Figura 3 e la
Figura 4 a pagina 48.
PO
PORT
RT B
B
PORT B
PORT A
PORT B
Vista laterale di due schede HD collegate mediante
cavo TDM FlexCable
5 Nei sistemi con più di due schede è necessario
che ciascuna scheda aggiuntiva venga collegata
a quella che la precede. Per collegare le coppie di
schede, utilizzare cavi FlexCable come descritto
sopra, fino a quando tutte risultano collegate.
Ciascuna scheda HD Process è corredata di un
cavo FlexCable.
6 Chiudere il coperchio del computer.
Le interfacce audio HD necessitano di
spazio libero lateralmente, per consentire la
circolazione dell'aria per il raffreddamento.
Pertanto è importante lasciare spazio per
le prese d'aria e la ventilazione ai lati
dell'unità. Non bloccare le parti laterali
dell'unità e non staccare la ventola interna.
Se le unità sono racchiuse in un involucro,
rimuovere tutti i coperchi e/o gli sportelli
prima di azionare il sistema. In caso
contrario le unità potrebbero surriscaldarsi
rapidamente causando danni permanenti ai
componenti sensibili.
È inoltre possibile collegare alle interfacce
192 I/O, 192 Digital I/O o 96 I/O le seguenti
interfacce meno recenti: 888|24 I/O, 882|20 I/O,
1622 I/O, ADAT Bridge I/O a 24 bit e l'originale
ADAT Bridge I/O. Le interfacce originali 888 I/O
e 882 I/O non sono supportate da Pro Tools|HD.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
45
Per collegare le interfacce audio HD:
1 Se si utilizza una singola interfaccia 192 I/O,
192 Digital I/O o 96 I/O, collegarla alla scheda
HD Core tramite il cavo DigiLink fornito con la
scheda HD Core. Per consentire l'avvio di
Pro Tools è necessario collegare al sistema
almeno un'interfaccia 192 I/O, 192 Digital I/O
o 96 I/O.
Se nella configurazione del sistema è
presente almeno un'interfaccia 192 I/O
o 192 Digital I/O, è necessario collegarla
alla scheda HD Core come interfaccia
primaria.
2 Collegare le interfacce audio HD alle
successive schede audio Digidesign oppure
concatenare le interfacce I/O a margherita
(collegando l'I/O secondaria all'I/O primaria).
Se si collegano al sistema entrambe le interfacce
audio 192 I/O (o 192 Digital I/O) e 96 I/O,
collegare il modello 192 I/O (o 192 Digital I/O)
alla scheda HD Core, quindi eventuali interfacce
192 I/O (o 192 Digital I/O) aggiuntive alle
successive schede con priorità superiore. Infine
collegare le interfacce 96/20 I/O alle schede
successive.
È anche possibile collegare una sola interfaccia
HD I/O a ciascuna scheda HD del sistema
utilizzando i cavi DigiLink forniti. Questa
configurazione non presenta nessun vantaggio
rispetto al collegamento a margherita delle
interfacce I/O.
3 Se si utilizzano due o più interfacce audio HD,
collegare l'uscita Loop Sync Out di ciascuna
interfaccia all'ingresso Loop Sync In
dell'interfaccia successiva mediante i cavi BNC
inclusi nella confezione HD I/O. Infine collegare
l'uscita Loop Sync Out dell'ultima interfaccia
all'ingresso Loop Sync In dell'interfaccia
primaria.
46
Guida introduttiva dei sistemi HD
4 Se si collega un'interfaccia audio Digidesign
Legacy (ad esempio 888|24 I/O, 882|20 I/O,
1622 I/O o ADAT Bridge I/O Digidesign), vedere
la sezione "Collegamento di 16 canali audio
aggiuntivi a interfacce audio Legacy"
a pagina 46.
Collegamento di 16 canali audio
aggiuntivi a interfacce audio Legacy
Ciascuna interfaccia 192 I/O, 192 Digital I/O e
96 I/O può supportare 16 canali di audio a e da
interfacce audio Digidesign Legacy, o I/O Legacy.
Tali interfacce includono 888|24 I/O,
882|20 I/O, 1622 I/O, ADAT Bridge I/O a 24 bit
e l'originale ADAT Bridge I/O. Le interfacce
originali 888 I/O e 882 I/O non sono supportate
da Pro Tools|HD.
Per collegare le interfacce audio Digidesign
Legacy:
1 Collegare l'estremità "MIX card" del cavo di
periferica fornito con l'interfaccia audio Legacy
(lato a 60 pin) alla Legacy Port dell'interfaccia
audio HD primaria. Collegare l'altra estremità
alla Computer Port dell'interfaccia audio Legacy.
2 Collegare in modo analogo le interfacce audio
Legacy aggiuntive a interfacce audio HD
collegate direttamente a schede HD Process.
–o–
Se si utilizza un cavo a Y (un adattatore per cavo
di periferica a 16 canali) collegare prima questo
cavo alla porta Legacy, quindi collegare i cavi di
periferica delle interfacce audio a Port A e Port B
del cavo a Y.
"A" alla prima
I/O Legacy
"B" alla seconda
I/O Legacy
a Legacy Port
dell'interfaccia
audio HD
Cavo di periferica a 16 canali (facoltativo)
Non è possibile subordinare più di due
interfacce audio della serie MIX a un'unica
interfaccia audio della serie HD. Se si dispone
di una terza interfaccia audio della serie MIX,
questa riceverà il clock 256x dall'interfaccia
HD I/O alla quale è collegata.
Per garantire il corretto funzionamento delle
interfacce audio Legacy (quali 888|24 I/O
o 882|20 I/O), avviare Pro Tools e
impostare le interfacce audio Legacy nella
finestra di dialogo Hardware Setup prima di
alimentarle. Quindi uscire da Pro Tools,
spegnere il computer, alimentare le
interfacce audio e riaccendere il computer.
Prima di accendere e configurare le
interfacce audio Legacy, abbassare il
volume dei dispositivi di uscita in quanto
prima dell'inizializzazione dell'interfaccia
audio Legacy potrebbero essere emessi
rumori molto forti.
3 Per sincronizzare correttamente l'unità
Legacy, è necessario collegare la porta d'uscita
Ext. Clock dell'interfaccia HD I/O all'ingresso
Slave Clock IN dell'interfaccia audio Legacy.
L'interfaccia audio Legacy entra in modalità
Slave una volta che viene inviato il segnale di
clock corretto dall'interfaccia HD I/O. Utilizzare
sempre la porta Ext. Clock Out della stessa
interfaccia I/O a cui è collegata l'interfaccia
audio Legacy.
Se si utilizzano più interfacce audio della
serie MIX, collegare l'uscita del clock slave
dell'interfaccia primaria all'ingresso del clock
slave dell'interfaccia secondaria mediante il
cavo BNC fornito in dotazione. Entrambe le
interfacce audio della serie MIX devono essere
collegate alla porta Legacy dell'interfaccia HD
I/O tramite un cavo di periferica a 16 canali.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
47
HD Core
Cavo DigiLink
da 360 cm
Cavi Loop Sync
Cavo DigiLink
da 46 cm
Figura 3. Due interfacce 96 I/O (sistema a 32 canali)
HD Core
Cavo DigiLink
da 360 cm
Cavi Loop Sync
Cavo DigiLink da 46 cm
Cavo TDM FlexCable
Cavi Loop Sync
HD Process
Cavo DigiLink da 360 cm
Figura 4. Tre interfacce 96 I/O (sistema a 48 canali)
48
Guida introduttiva dei sistemi HD
Impostazioni di sistema Apple
Per garantire prestazioni ottimali con Pro Tools,
prima di installare il software Pro Tools
configurare le seguenti impostazioni per
la versione di Mac OS utilizzata.
Impostazioni di sistema per
Mac OS X
Le seguenti impostazioni garantiscono
prestazioni e compatibilità ottimali per i sistemi
che eseguono Mac OS X.
Evitare di utilizzare la funzionalità
automatica Aggiornamento Software di
Mac OS X, in quanto potrebbe aggiornare
il sistema a una versione di Mac OS non
ancora approvata per l'utilizzo con
Pro Tools. Per informazioni sulle versioni
approvate di Mac OS, consultare le
informazioni aggiornate relative alla
compatibilità sul sito Web Digidesign
(www.digidesign.com).
Per configurare Mac OS X per Pro Tools:
1 Accendere il computer.
2 Verificare di disporre dell'accesso come
6 Disattivare l'opzione che consente la verifica
automatica degli aggiornamenti quando si
dispone di un collegamento in rete.
7 Chiudere la finestra di dialogo
Aggiornamento Software.
Impostazioni di sistema per
Mac OS 9
Le seguenti impostazioni garantiscono
prestazioni e compatibilità ottimali per i sistemi
che eseguono Mac OS 9.
Per configurare Mac OS X per Pro Tools:
1 Accendere il computer.
2 Nel Pannello di Controllo Memoria effettuare
le seguenti impostazioni:
• Impostare la Memoria virtuale su Off.
• Impostare Disco Ram su Off.
• Impostare la Memoria Tampone su
Impostazioni ad hoc 512K.
3 Nel Pannello di controllo Risparmio energia,
nel riquadro Metti il sistema in stop se rimane
inattivo per, selezionare Mai.
4 Nel Pannello di Controllo Ambiente effettuare
le seguenti impostazioni:
amministratore all'account in cui si desidera
installare Pro Tools. Per informazioni dettagliate
sui privilegi di amministratore in Mac OS X,
consultare la documentazione Apple OS X.
• Fare clic sulla scheda Font e impostare Font
di sistema grande su Chicago. Inoltre
deselezionare Arrotonda i font sullo
schermo.
3 Scegliere Preferenze di sistema dal menu
• Fare clic sulla scheda Suoni e selezionare
Nessuno dal menu a comparsa
Effetti sonori.
Apple e fare clic su Risparmio energia.
4 Fare clic sulla scheda Stop e disattivare la
funzionalità Risparmio di energia impostando
la modalità di stop su Mai.
5 Tornare alle Preferenze di sistema e fare clic
su Aggiornamento Software.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
49
5 Nel pannello di controllo Gestione Estensioni,
scegliere il set "Mac OS 9.2.2 Base" dal menu a
comparsa del set selezionato.
Installazione di Pro Tools
su Mac OS X
Per installare Pro Tools su Mac OS X:
1 Verificare di disporre dell'accesso come
amministratore all'account in cui si desidera
installare Pro Tools. Per informazioni dettagliate
sui privilegi di amministratore in Mac OS X,
consultare la documentazione Apple OS X.
2 Inserire il CD-ROM Installer di Pro Tools 6.0
Pannello di Controllo Gestione Estensioni
6 Fare clic sull'opzione che consente di
duplicare il set, assegnare al nuovo set il nome
"Pro Tools", quindi scegliere OK.
7 Fare clic su Riavvia per riavviare il computer.
Dopo l'installazione di Pro Tools, verranno
aggiunte al nuovo set di estensioni
"Pro Tools" varie estensioni Digidesign.
Verificare che il set di estensioni "Pro Tools"
sia sempre attivato quando si utilizza
Pro Tools.
Installazione del software
Pro Tools
Dopo la configurazione delle impostazioni
software di sistema Apple, è possibile procedere
con l'installazione di Pro Tools.
50
Guida introduttiva dei sistemi HD
nell'unità CD-ROM. Fare doppio clic su "Install
Pro Tools".
3 Immettere la password di amministratore
e scegliere OK per autenticare l'installazione.
4 Selezionare Pro Tools 6.0 Installer. È possibile
selezionare vari componenti aggiuntivi da
installare con Pro Tools. Fare clic sul pulsante
delle informazioni accanto a ciascun elemento
per visualizzare la descrizione del contenuto.
5 Fare clic su Installa.
6 Selezionare un ambiente di lavoro. Questa
operazione determina il caricamento di un
set iniziale di preferenze di Pro Tools, che
includono alcune tra le impostazioni più diffuse
per la postproduzione, l'audio o l'audio
con MIDI.
Le impostazioni delle preferenze possono
essere personalizzate in qualsiasi momento
in Pro Tools. Per ulteriori informazioni sulle
preferenze consultare la Guida di
riferimento di Pro Tools.
7 Selezionare se installare il plug-in Surround
3 Immettere la password di amministratore
Mixer. Questo plug-in è necessario per il
missaggio, il mastering e il monitoraggio
surround.
e scegliere OK per autenticare l'installazione.
• Selezionare "Yes – Monitoring in Standard
Pro Tools (Film Format)" se il monitoraggio
è configurato per il surround Film Format.
4 Nella finestra Installer scegliere Uninstall dal
menu a comparsa, quindi fare clic su Uninstall.
5 Fare clic su Quit per chiudere la finestra
Installer.
• Selezionare "Yes – Monitoring in
ProControl (DTS Format)" se si utilizza un
controller ProControl dedicato.
Installazione di Pro Tools su
Mac OS 9
• Selezionare "No – Stereo mixing only" se
il monitoraggio è configurato per Stereo.
Per installare Pro Tools su Mac OS 9:
8 Fare clic su Continue.
1 Inserire il CD-ROM Installer di Pro Tools 5.3.1
9 Al termine dell'installazione fare clic
nell'unità CD-ROM. Fare doppio clic su "Install
Pro Tools".
su Restart.
–o–
Fare clic su Continue per installare gli elementi
di software o documentazione aggiuntivi
desiderati, quindi riavviare il computer.
Se si prevede di utilizzare dispositivi MIDI con
Pro Tools, impostare la configurazione MIDI
con l'utility Apple Audio MIDI Setup (AMS).
Vedere l'Appendice D, "Configurazione di AMS
(solo Mac OS X)."
2 Selezionare un'unità disco dal menu a
comparsa Install Location. Per garantire la
massima affidabilità installare Pro Tools
sull'unità di avvio.
3 Selezionare Pro Tools 5.3.1 Installer.
È possibile selezionare vari componenti
aggiuntivi da installare con Pro Tools. Fare
clic sul pulsante delle informazioni accanto a
ciascun elemento per visualizzare la descrizione
del contenuto.
4 Fare clic su Install.
Rimozione di Pro Tools da Mac OS X
Per rimuovere Pro Tools dal computer, utilizzare
il CD-ROM Installer.
Per rimuovere Pro Tools dal computer:
1 Verificare di disporre dei privilegi di
amministratore per l'account in cui è installato
Pro Tools. Per informazioni dettagliate sui
privilegi di amministratore in Mac OS X,
consultare la documentazione Apple OS X.
2 Inserire il CD-ROM Installer di Pro Tools 6.0
nell'unità CD-ROM. Fare doppio clic su "Install
Pro Tools".
5 Selezionare un ambiente di lavoro. Questa
operazione determina il caricamento di un set
iniziale di preferenze di Pro Tools, che include
alcune tra le impostazioni più diffuse per la
postproduzione, l'audio o l'audio con MIDI.
Le impostazioni delle preferenze possono
essere personalizzate in qualsiasi momento
in Pro Tools. Per ulteriori informazioni sulle
preferenze consultare la Guida di
riferimento di Pro Tools.
6 Dopo aver selezionato un'impostazione,
fare clic su Continue.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
51
7 Selezionare se installare il plug-in Surround
Mixer. Questo plug-in è necessario per il
missaggio, il mastering e il monitoraggio
surround.
• Per i sistemi surround, selezionare "Yes –
Monitor in Pro Tools Film Format" se il
monitoraggio è configurato per il surround
Film Format.
• Selezionare "Yes – Monitoring in
ProControl (DTS Format)" se si utilizza
un controller ProControl dedicato.
• Selezionare "No – Stereo mixing only" se
il monitoraggio è configurato per Stereo.
Installazione di OMS
(Solo Mac OS 9)
Per poter utilizzare Pro Tools in Mac OS 9
occorre installare e configurare Open Music
System (OMS). OMS è disponibile nel CD
Installer di Pro Tools.
Anche se non si prevede di utilizzare il
formato MIDI nelle sessioni Pro Tools,
è comunque necessario installare OMS.
Se OMS non è installato, Pro Tools non
verrà avviato.
8 Dopo aver selezionato un'opzione, fare clic
Per installare OMS:
su Continue.
1 Inserire il CD-ROM Installer di Pro Tools 5.3.1
9 Al completamento dell'installazione, eseguire
una delle seguenti operazioni:
• Fare clic sul pulsante di uscita e installare
OMS (vedere "Installazione di OMS"
a pagina 52) se non è già installato nel
sistema.
nell'unità CD-ROM.
2 Aprire la cartella OMS Installer e fare doppio
clic sul programma di installazione di OMS.
3 Nella finestra Install selezionare l'opzione Easy
Install e impostare la posizione di installazione
sul disco rigido di avvio. Fare clic su Install.
• Fare clic su Restart.
4 Seguire le istruzioni visualizzate sullo
Rimozione di Pro Tools da Mac OS 9
Per rimuovere Pro Tools dal computer, utilizzare
il CD-ROM Installer.
Per rimuovere Pro Tools dal computer:
1 Inserire il CD-ROM Installer di Pro Tools 5.3.1
nell'unità CD-ROM. Fare doppio clic su "Install
Pro Tools".
2 Nella finestra Installer scegliere Uninstall dal
menu a comparsa, quindi fare clic su Uninstall.
3 Fare clic su Quit per chiudere la finestra
Installer.
52
Guida introduttiva dei sistemi HD
schermo.
5 Una volta completata l'installazione, riavviare
il Macintosh.
Per ulteriori informazioni sulla
configurazione di OMS, vedere
Appendice C, "Configurazione di OMS (solo
Mac OS 9)".
Installazione delle
sessioni demo
(facoltativo)
Il CD Pro Tools Installer include sessioni
demo, utilizzabili per verificare il corretto
funzionamento del sistema.
2 Nei sistemi TDM con châssis di espansione,
accendere lo châssis di espansione.
3 Accendere le eventuali unità disco rigido
esterne. Attendere all'incirca dieci secondi
affinché questi raggiungano la velocità di
rotazione di esercizio.
4 Accendere i dispositivi e le interfacce MIDI
o le periferiche di sincronizzazione.
Per installare una sessione demo:
1 Inserire il CD Installer di Pro Tools nell'unità
CD-ROM. Individuare l'icona di installazione
della sessione demo e fare doppio clic
sull'icona stessa.
2 Selezionare la sessione demo che si desidera
installare.
5 Abbassare il volume di tutti i dispositivi di
uscita, quindi accendere le interfacce audio di
Pro Tools. Lasciar trascorrere almeno quindici
secondi per consentire l'inizializzazione delle
interfacce audio e attendere che i LED di stato
smettano di lampeggiare.
6 Accendere il computer.
3 Impostare il percorso di installazione
sull'unità audio e fare clic su Install.
Esecuzione di DigiTest (Mac OS X)
4 Al termine dell'installazione fare clic
DigiTest per Mac OS X viene installato con
Pro Tools 6.0 e si trova nella cartella
Applications/ Digidesign/Pro Tools 6/Pro Tools
Utilities sul disco rigido.
sul pulsante di uscita.
Controllo del sistema HD
Prima di avviare Pro Tools, avviare il sistema
ed eseguire l'utility diagnostica DigiTest per la
versione di Mac OS utilizzata, per verificare che
tutte le schede TDM del sistema vengano
riconosciute, siano installate nell'ordine
appropriato e dispongano di collegamenti
TDM FlexCable validi.
Prima di eseguire DigiTest, abbassare
il volume di tutti i dispositivi di uscita.
Nel corso del test può venire emesso
un livello elevato di rumore digitale.
Per eseguire DigiTest:
1 Chiudere Pro Tools, se è in esecuzione.
2 Fare doppio clic sull'icona dell'applicazione
DigiTest.
Avvio del sistema
A ogni avvio del sistema, attivare tutti
i componenti del sistema in un ordine definito.
DigiTest viene avviato e presenta un elenco
di schede supportate rilevate nel sistema
e la corrispondente posizione di slot.
Per avviare il sistema Pro Tools:
1 Accertarsi che tutte le apparecchiature,
computer incluso, siano spente.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
53
Se si dispone di un numero elevato di schede o
interfacce audio, la visualizzazione della finestra
DigiTest può richiedere un certo tempo,
in quanto viene eseguita la scansione di tutte
le schede e le interfacce collegate al sistema.
4 Nella finestra DigiTest fare clic su Run.
Se le schede non sono installate nell'ordine
previsto, nella casella Status di ciascuna scheda
posizionata in modo errato verranno
visualizzati dei codici di errore.
La durata del test dipende dal numero di schede
e di interfacce audio presenti nel sistema.
5 Al termine del test è possibile visualizzare
i risultati eseguendo una delle seguenti
operazioni:
• Fare clic sul pulsante Get Results accanto
al nome di una scheda.
• Fare clic sulla scheda Results e scegliere uno
slot di scheda dal menu a comparsa.
6 Nella pagina Results della finestra DigiTest,
Finestra DigiTest (Mac OS X)
3 Se una scheda supportata è installata ma non
viene rilevata automaticamente, eseguire le
seguenti operazioni:
• Uscire da DigiTest.
fare clic su Show Failures Only per visualizzare
i test non riusciti per la scheda selezionata
oppure su Show All Results per visualizzare
i risultati di tutti i test per la scheda.
Per la descrizione dei codici di errore, vedere
Appendice B, "Codici di errore DigiTest".
• Spegnere l'intero sistema Pro Tools.
• Reinstallare le schede (vedere "Installazione
delle schede Pro Tools|HD" a pagina 41).
Identificazione delle schede Digidesign
con DigiTest
• Verificare il corretto inserimento della
scheda.
DigiTest consente di identificare quali schede si
trovano in ciascuno slot del sistema. Ciò risulta
particolarmente utile se si dispone di più schede
Digidesign dello stesso tipo installate nel
sistema.
• Verificare i collegamenti dei cavi TDM
FlexCable.
• Accendere il sistema.
• Avviare di nuovo DigiTest.
Per identificare le schede Digidesign con DigiTest:
1 Chiudere Pro Tools, se è in esecuzione.
2 Fare doppio clic sull'icona dell'applicazione
DigiTest.
DigiTest viene avviato e presenta un elenco
di schede supportate rilevate nel sistema e la
corrispondente posizione di slot.
54
Guida introduttiva dei sistemi HD
3 Aprire il coperchio del computer o lo châssis
3 Fare clic sulla scheda Firmware.
di espansione, per visualizzare la parte superiore
delle schede installate nel sistema.
4 Scegliere uno slot di scheda dal menu
4 Nella finestra DigiTest, selezionare la casella di
controllo ID accanto al nome di una scheda.
Il LED verde posto sopra la scheda
corrispondente lampeggia.
Visualizzazione di informazioni della
scheda con DigiTest
In DigiTest è possibile visualizzare informazioni
di identificazione quali numero di serie, data di
produzione e versione della ROM firmware per
ciascuna scheda del sistema. Questi dati sono
utili per contattare il Supporto tecnico
Digidesign riguardo all'hardware Pro Tools.
Per visualizzare informazioni su una scheda
del sistema:
1 Chiudere Pro Tools, se è in esecuzione.
a comparsa. Se alla scheda sono collegate
interfacce audio HD, le opzioni Primary
o Secondary risulteranno disponibili nella
sezione HD Peripheral della pagina Firmware.
Se le interfacce collegate non vengono
riconosciute, verificare i collegamenti e
l'alimentazione di ciascuna interfaccia e fare
clic su Re-Scan.
5 In HD Peripheral, selezionare Primary
o Secondary per visualizzare la versione
del firmware dell'interfaccia corrispondente.
La versione del firmware viene visualizzata sotto
la sezione HD Peripheral nella pagina Firmware.
6 Se la versione del firmware non è aggiornata,
fare clic su Begin Update per aggiornare il
firmware nell'interfaccia audio selezionata.
DigiTest.
Lo stato dell'aggiornamento del firmware viene
visualizzato nell'area di stato, nella parte
inferiore della pagina Firmware.
3 Fare clic sulla scheda Slot Info.
7 Dopo il completamento del processo di
4 Scegliere uno slot di scheda dal menu
aggiornamento, fare clic su Quit per chiudere
DigiTest.
2 Fare doppio clic sull'icona dell'applicazione
a comparsa.
Aggiornamento del firmware delle
periferiche audio con DigiTest
Se risulta necessario aggiornare il firmware di
una qualsiasi interfaccia audio della serie HD
(192 I/O, 192 Digital I/O o 96 I/O), è possibile
eseguire l'aggiornamento tramite DigiTest.
Per aggiornare il firmware in un'interfaccia audio
della serie HD:
Esecuzione di DigiTest (Mac OS 9)
DigiTest per Mac OS 9 viene installato con
Pro Tools 5.3.1 e si trova nella cartella
Digidesign Utilities sul disco rigido.
Prima di eseguire DigiTest, abbassare il
volume di tutti i dispositivi di uscita.
Nel corso del test può venire emesso
un livello elevato di rumore digitale.
1 Chiudere Pro Tools, se è in esecuzione.
2 Fare doppio clic sull'icona dell'applicazione
DigiTest.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
55
Per eseguire DigiTest:
• Accendere il sistema.
1 Chiudere Pro Tools, se è in esecuzione.
• Avviare di nuovo DigiTest.
2 Fare doppio clic sull'icona dell'applicazione
DigiTest.
DigiTest viene avviato e presenta un elenco
di schede supportate rilevate nel sistema e la
corrispondente posizione di slot.
Se si dispone di un numero elevato di schede o
interfacce audio, la visualizzazione della finestra
principale DigiTest può richiedere un certo
tempo, in quanto viene eseguita la scansione
di tutte le schede e le interfacce collegate
al sistema.
4 Dal menu SlotArrangement selezionare il
computer utilizzato. Il numero di slot per le
schede del computer viene aggiornato nella
finestra principale per riflettere il modello
del computer.
Se si seleziona un tipo di computer, si apre una
seconda finestra dove viene visualizzato lo slot
del computer con il numero più basso.
5 Se si utilizza uno châssis di espansione,
selezionarlo dal menu SlotArrangement.
Il numero di slot per schede dello châssis
di espansione viene aggiornato nella finestra
principale per riflettere il tipo di châssis
utilizzato.
6 Nella finestra DigiTest fare clic su Run.
Se le schede non sono installate nell'ordine
previsto, nella casella Status di ciascuna scheda
posizionata in modo errato verranno
visualizzati dei codici di errore.
La durata del test dipende dal numero di schede
e di interfacce audio presenti nel sistema.
Finestra DigiTest (Mac OS 9)
3 Se una scheda supportata è installata ma non
viene rilevata automaticamente, eseguire le
seguenti operazioni:
• Uscire da DigiTest.
• Spegnere l'intero sistema Pro Tools.
• Reinstallare le schede (vedere "Installazione
delle schede Pro Tools|HD" a pagina 41).
• Verificare il corretto inserimento
della scheda.
• Verificare i collegamenti dei cavi
TDM FlexCable.
56
Guida introduttiva dei sistemi HD
Per le descrizioni dei codici di errore, fare
riferimento all'Appendice B, "Codici di errore
DigiTest". Per informazioni dettagliate sul test,
fare clic sul pulsante Info a destra dell'errore
segnalato, quindi fare clic su Failures nella
finestra visualizzata e selezionare Detailed.
7 Al termine della verifica della disposizione
delle schede, tramite DigiTest viene verificata
la funzionalità delle schede. La casella Status di
ogni scheda sottoposta a test indicherà lo stato
Passed oppure Failed.
In DigiTest vengono segnalati soltanto
i risultati di test validi eseguiti sugli slot
contenenti schede Digidesign.
8 Se tutte le schede Digidesign superano il test,
chiudere DigiTest e riavviare il computer.
Se una scheda non supera il test, per analizzare
i dettagli del test, fare clic sul pulsante Info
relativo alla scheda. Quindi uscire da DigiTest,
spegnere il sistema, reinstallare le schede e
verificare il corretto inserimento delle schede
e dei cavi TDM FlexCable. (Vedere "Installazione
dell'hardware Pro Tools" a pagina 41)
Se una scheda continua a non superare il test
DigiTest, contattare il supporto tecnico di
Digidesign.
Configurazione di Pro Tools
Assegnazione di memoria
supplementare a Pro Tools e DAE
(Solo Mac OS 9)
In Mac OS 9 è consigliabile assegnare RAM
supplementare sia alle applicazioni Pro Tools
che alle applicazioni DAE.
Per assegnare memoria supplementare
a Pro Tools:
1 Se Pro Tools è in esecuzione, chiuderlo.
Avvio di Pro Tools
Quando si avvia Pro Tools per la prima volta,
viene richiesto di immettere il codice di
autorizzazione per convalidare il software.
Per convalidare il software Pro Tools:
1 Fare doppio clic sull'applicazione Pro Tools
nella cartella Pro Tools all'interno della cartella
Digidesign.
2 In Mac OS 9, se OMS non è stato
precedentemente configurato, verrà chiesto di
configurare un nuovo New Studio Setup. Vedere
Appendice C, "Configurazione di OMS (solo
Mac OS 9)".
2 Nel Finder selezionare Informazioni su questo
computer dal menu Apple.
3 Se la memoria disponibile, indicata nella
sezione Max. RAM Contigua della finestra
visualizzata, è uguale o superiore a 3 megabyte,
portarsi al punto 4 di questa procedura.
Se invece si dispone di meno di 3 megabyte
(3.000 KB), non andare oltre: non assegnare
memoria supplementare a Pro Tools prima di
aver installato memoria RAM aggiuntiva nel
computer.
4 Individuare l'applicazione Pro Tools nel disco
rigido, selezionarla e scegliere Informazioni dal
menu file del Finder.
5 Dal menu Mostra scegliere Memoria.
3 Quando richiesto, immettere il codice
6 Immettere la quantità di memoria desiderata
di autorizzazione nella finestra di dialogo,
rispettando la presenza di spazi, quindi fare
clic su Validate.
oltre il valore minimo visualizzato nel campo
Assegnata. Ad esempio, se il campo Assegnata
indica 30410k e si desidera assegnare
60 megabyte di memoria supplementare
(1 megabyte equivale a 1024 kilobyte),
immettere 90410 nel campo Assegnata.
Il codice di autorizzazione è riportato nella
copertina interna della presente guida.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
57
7 Chiudere la finestra di dialogo Informazioni.
Al successivo avvio di Pro Tools, l'applicazione
Pro Tools utilizzerà la nuova allocazione di
memoria.
Per allocare memoria aggiuntiva a DAE:
1 Avviare Pro Tools in modo che DAE possa
calcolare l'allocazione di memoria di base.
2 Attivare il Finder e scegliere Info su Macintosh
dal menu Apple.
3 Se la memoria disponibile, indicata nella
sezione Max. RAM Contigua della finestra
visualizzata, è uguale o superiore a 3 megabyte,
portarsi al punto 4 di questa procedura. Se
invece si dispone di meno di 3 megabyte
(3.000 KB), non andare oltre: allocare memoria
aggiuntiva a DAE solamente dopo aver
installato della RAM supplementare nel
computer.
4 Uscire da Pro Tools.
5 Aprire la sottocartella DAE nella cartella
Sistema, selezionare DAE e scegliere
Informazioni dal menu Archivio del Finder.
6 Dal menu Mostra scegliere Memoria.
7 Immettere la quantità di memoria desiderata
oltre il valore minimo visualizzato nel campo
Assegnata. Ad esempio, se il campo Assegnata
indica 30410k e si desidera assegnare
30 megabyte di memoria supplementare
(1 megabyte equivale a 1024 kilobyte),
immettere 60410 nel campo Assegnata.
8 Chiudere la finestra di dialogo Informazioni.
Al successivo avvio di Pro Tools, in DAE verrà
utilizzata la nuova allocazione di memoria.
58
Guida introduttiva dei sistemi HD
Impostazioni del sistema
Pro Tools
Pro Tools consente di regolare le prestazioni del
sistema mediante la modifica delle impostazioni
di sistema che controllano la capacità di
elaborazione, di riproduzione e di registrazione.
Nella maggior parte dei casi le impostazioni
predefinite garantiscono prestazioni ottimali.
Tuttavia, è possibile che si rendano necessarie
alcune modifiche nel caso, ad esempio, di
sessioni Pro Tools di grandi dimensioni o che
richiedono un alto grado di elaborazione.
Numero di voci
L'impostazione Number of Voices consente di
controllare il numero di voci disponibile nel
sistema. Ad esempio, su un sistema HD 1 sono
disponibili per impostazione predefinita 48 voci
con un DSP (a frequenze di campionamento
di 44,1 kHz o 48 kHz).
La modifica del numero di voci ha delle
ripercussioni anche sull'utilizzo del DSP,
sul numero totale delle tracce di
condivisione voci e sulle prestazioni
generali del sistema.
A seconda della frequenza di campionamento
corrente e del numero di schede HD Core e
HD Process di cui è dotato il sistema, saranno
disponibili scelte diverse. Per i limiti di voci nei
vari sistemi HD consultare la Guida di riferimento
di Pro Tools.
Per modificare il conteggio voci:
Hardware Buffer Size
1 Scegliere Setups > Playback Engine.
Hardware Buffer Size (H/W Buffer Size) controlla
le dimensioni della cache hardware utilizzata
per la gestione di operazioni basate sull'host,
come i plug-in RTAS (Real-Time AudioSuite).
L'impostazione di valori bassi consente di
ridurre la latenza di monitoraggio, una funzione
particolarmente utile durante le registrazioni di
ingressi live.
Finestra di dialogo Playback Engine del sistema
Pro Tools|HD
2 Selezionare il numero di voci e di DSP da
destinare all'assegnazione delle voci scegliendo
un valore nel menu a comparsa Number of
Voices.
• Selezionare un elevato numero di voci
quando sul computer utilizzato sono
presenti soltanto schede PCI Digidesign
oppure quando viene utilizzato uno châssis
di espansione per l'esecuzione di un
numero di tracce elevato (ad esempio 64
tracce a 96 kHz) e si desidera disporre di più
voci per ciascun DSP (ad esempio 16 voci
per DSP a 96 kHz).
• Selezionare una quantità media di voci
quando si utilizzano schede Digidesign in
uno châssis di espansione oppure quando
si utilizzano altre schede PCI insieme alle
schede Digidesign.
Valori più elevati di Hardware Buffer Size
consentono un maggior numero di effetti e una
maggior potenza di elaborazione audio e sono
particolarmente utili per il missaggio e l'utilizzo
di diversi plug-in RTAS.
Oltre a rallentare le funzioni di risposta
dello schermo e la latenza di monitoraggio,
un buffer di dimensioni superiori può
influire negativamente sulla precisione
dell'automazione per i parametri del plug-in
e i dati di silenziamento, nonché sulla
sincronizzazione delle tracce MIDI.
Per modificare la dimensione del buffer hardware:
1 Scegliere Setups > Playback Engine.
2 Dal menu a comparsa H/W Buffer Size,
scegliere la dimensione del buffer audio in
campioni.
3 Fare clic su OK.
• Selezionare un basso numero di voci se
si utilizzano schede PCI con larghezza
di banda elevata (come le schede di
acquisizione video) oltre alle schede
Digidesign.
3 Fare clic su OK.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
59
CPU Usage Limit
DAE Playback Buffer Size
La funzione CPU Usage Limit consente di
stabilire la percentuale di risorse della CPU
destinate alle attività di elaborazione host
di Pro Tools.
L'opzione DAE Playback Buffer Size determina
la quantità di memoria utilizzata da DAE per
la gestione dei buffer dei dischi e può pertanto
avere ripercussioni sulle prestazioni del sistema.
In Pro Tools 5.3.1, il limite massimo di
utilizzo della CPU è l'85%.
Pro Tools 6.0 consente un limite massimo
di utilizzo della CPU di 85% per computer
dotati di un unico processore, e di 99% per
computer con più di un processore (con
l'impostazione del 99% uno dei processori
viene dedicato interamente a Pro Tools).
Per modificare il parametro CPU Usage Limit:
1 Scegliere Setups > Playback Engine.
2 Dal menu a comparsa CPU Usage Limit,
selezionare la percentuale massima delle
risorse della CPU da assegnare a Pro Tools.
3 Fare clic su OK.
L'impostazione di valori elevati per questa
funzione consente di potenziare la capacità di
elaborazione di Pro Tools e può essere utile per
la riproduzione di sessioni di grandi dimensioni
o per utilizzare un maggior numero di plug-in
real-time.
Valori meno elevati di CPU Usage
Limit consentono di ridurre gli effetti
dell'elaborazione Pro Tools su altre operazioni
che prevedono un utilizzo intenso della CPU
(come gli aggiornamenti dello schermo) e sono
particolarmente utili in caso di rallentamenti
dei tempi di risposta del sistema o quando sono
in esecuzione altre applicazioni.
L'incremento di CPU Usage Limit può
contribuire a rallentare ulteriormente la
funzione di risposta dello schermo nei
computer più lenti.
60
Guida introduttiva dei sistemi HD
L'assegnazione di un buffer DAE Playback
di dimensioni maggiori può consentire una
maggiore densità di operazioni di montaggio
nella sessione; tuttavia, questo potrebbe causare
un ritardo all'inizio della riproduzione o della
registrazione. Un analogo tempo di attesa
potrebbe verificarsi anche quando si effettua
il montaggio durante la riproduzione.
L'assegnazione di un buffer più piccolo può
migliorare la velocità iniziale di riproduzione
e registrazione ma potrebbe compromettere la
riproduzione e la registrazione delle tracce sui
dischi rigidi più lenti.
Per cambiare l'impostazione di DAE Playback
Buffer Size:
1 Scegliere Setups > Playback Engine.
Finestra di dialogo Playback Engine del sistema
Pro Tools|HD
2 Selezionare un valore dal menu a comparsa
DAE Playback Buffer. I requisiti di memoria
corrispondenti a ciascun valore sono visualizzati
nella parte inferiore della finestra di dialogo
Playback Engine.
3 Fare clic su OK.
4 Se Pro Tools richiede una quantità di memoria
maggiore per il buffer DAE Playback, apparirà
un messaggio con la richiesta di riavviare il
computer.
Assegnazione della memoria di sistema
(Solo Pro Tools 6.0)
All'avvio del computer, Pro Tools riserva
automaticamente una parte della memoria
del sistema per il buffer di riproduzione DAE.
Questa parte di memoria non potrà essere
utilizzata da altre applicazioni, anche quando
Pro Tools non sia attivo.
Pro Tools può essere impostato in modo che
venga riservata solo la quantità di memoria
minima necessaria, e che risulti disponibile
una maggior quantità di memoria per le altre
applicazioni.
Per ridurre al minimo la quantità di memoria
assegnata:
1 Scegliere Setups > Playback Engine.
Frequenza di campionamento
predefinita
L'impostazione di Sample Rate viene indicata
come frequenza di campionamento predefinita
nel momento in cui viene creata una nuova
sessione. Questa impostazione è disponibile
nella finestra di dialogo Hardware Setup,
a condizione che non sia aperta alcuna sessione.
Al momento della creazione di una nuova
sessione Pro Tools, questo valore può essere
modificato selezionando un nuovo valore
nella finestra di dialogo New Session.
(Vedere la sezione "Apertura di una sessione"
a pagina 79.)
Per modificare il valore Sample Rate predefinito:
1 Verificare che non sia aperta alcuna sessione
di Pro Tools.
2 Scegliere Setups > Hardware Setup.
3 Scegliere la frequenza di campionamento
dal menu a comparsa Sample Rate.
4 Fare clic su OK.
2 Selezionare l'opzione Minimize System
Memory Allocation.
3 Fare clic su OK.
4 Riavviare il computer.
Impostazioni hardware per
Pro Tools
In Pro Tools è possibile impostare la frequenza
di campionamento e la sorgente di clock
predefiniti del sistema, nonché una gamma
di controlli specifici per ciascun tipo
di interfaccia audio.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
61
Clock Source
Configurazione delle interfacce audio
Nella finestra di dialogo Hardware Setup di
Pro Tools è possibile selezionare la sorgente di
clock per il sistema (opzione Clock Source).
Le interfacce audio Pro Tools|HD supportano
16 canali di I/O simultaneo e formati di I/O
multipli (tra i quali i formati analogico,
AES/EBU, ADAT Optical, S/PDIF e TDIF).
Internal Per la registrazione di un segnale
analogico direttamente in Pro Tools, si utilizza
in genere la sorgente di clock interna di
Pro Tools (Internal).
External Per il trasferimento in Pro Tools di
materiale proveniente da un dispositivo digitale
esterno, sarà in genere necessario sincronizzare
Pro Tools con tale dispositivo. A seconda
dell'interfaccia audio, le opzioni esterne
possono includere AES/EBU [Encl], S/PDIF,
Optical [Encl], AES/EBU 1–8, TDIF, ADAT
e Word Clock. Per informazioni dettagliate,
consultare la Guida di riferimento di Pro Tools
o il manuale dell'interfaccia audio.
Per selezionare la sorgente di clock:
1 Scegliere Setups > Hardware Setup.
2 Scegliere la sorgente di clock dal menu
a comparsa Clock Source.
3 Fare clic su OK.
Per sincronizzare Pro Tools con il
dispositivo di ingresso digitale, questo deve
essere collegato e acceso. Se il dispositivo di
ingresso non è acceso, mantenere Internal
come impostazione di Clock Source.
62
Guida introduttiva dei sistemi HD
Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia
192 I/O, scheda Main
Nella scheda Main della finestra di dialogo
Hardware Setup è possibile definire quali
ingressi e uscite fisici dell'interfaccia audio
devono essere indirizzati agli ingressi e alle
uscite disponibili in Pro Tools. Si immagini
questa finestra come un quadro incrociato in cui
è possibile indirizzare qualsiasi ingresso o uscita
delle interfacce audio della serie HD ai canali del
mixer Pro Tools.
La pagina Main fornisce inoltre controlli atti
a definire se le periferiche Expansion Port
o Legacy Port sono attive.
È possibile configurare le interfacce nel sistema
selezionando ciascuna interfaccia nell'elenco
Peripherals e impostando i parametri
corrispondenti.
Identificazione delle interfacce audio
Per configurare le interfacce audio HD:
Se al sistema sono collegate più interfacce audio
dello stesso tipo, prima di creare connessioni
audio sarà necessario verificare l'identità di
ciascuna interfaccia. In tal modo sarà possibile
scegliere l'interfaccia appropriata nell'elenco
Peripherals, al momento della definizione degli
ingressi e delle uscite nella finestra di dialogo
Hardware Setup.
1 Scegliere Setups > Hardware Setup.
Per identificare le interfacce audio nel sistema:
5 Per inviare clock in uscita ad altri dispositivi
1 Scegliere Setups > Hardware Setup.
2 Nell'elenco Peripherals, selezionare
un'interfaccia audio collegata al sistema.
Per scorrere l'elenco delle periferiche
nella finestra di dialogo Hardware Setup,
utilizzare i tasti Freccia su e Freccia giù.
3 Selezionare la scheda Main.
4 Selezionare l'opzione Identify, posta
nell'angolo inferiore sinistro della finestra
di dialogo Hardware Setup. Tutti i LED del
pannello anteriore dell'interfaccia audio
selezionata si illumineranno.
5 Annotare quale interfaccia della
configurazione dell'impianto corrisponde
all'interfaccia identificata.
6 Ripetere i passaggi precedenti per tutte
le interfacce audio aggiuntive della
configurazione.
Per essere identificate, le interfacce
audio Legacy devono essere inizializzate
nell'elenco Peripherals.
Vedere "Configurazione delle interfacce
audio Legacy" a pagina 66.
2 Nell'elenco Peripherals, selezionare
un'interfaccia audio collegata al sistema.
3 Selezionare la scheda Main.
4 Dal menu a comparsa Clock Source
selezionare la sorgente di clock adatta
all'interfaccia.
collegati all'interfaccia audio, scegliere l'output
appropriato dal menu a comparsa Ext.
Clock Output.
Se la porta Legacy I/O (e non la porta
Expansion I/O) è attivata, l'opzione Ext. Clock
Output viene impostata automaticamente su
Slave256x. Per reimpostare l'opzione Ext. Clock
Output su Word Clock, reimpostare
Expansion I/O in Port Settings, quindi
selezionare l'interfaccia audio Legacy nell'elenco
Peripherals e impostarla su No Interface nel
menu a comparsa Interface.
6 Selezionare la porta I/O digitale dello châssis
dell'interfaccia audio attiva, selezionando
un'opzione nella sezione Digital Format.
Le opzioni disponibili sono le seguenti:
AES/EBU, S/PDIF e Optical (S/PDIF).
Selezionando Optical (S/PDIF), la porta fisica
Optical I/O (che per impostazione predefinita
è a otto canali ADAT Optical I/O) viene
ripristinata su due canali S/PDIF Optical I/O.
Per ulteriori informazioni sulle porte delle
schede e i contenitori HD, fare riferimento
alla guida relativa all'interfaccia I/O in uso.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
63
7 Per garantire la compatibilità S/PDIF con
i registratori DAT Tascam DA30, selezionare
l'opzione Tascam nella sezione S/PDIF Format.
8 Dai menu a comparsa dei canali di ingresso
e uscita, selezionare le porte fisiche (come
Analog 1-2 o Optical 1-2) che verranno
indirizzate ai corrispondenti canali di ingresso
e uscita Pro Tools (ad esempio Ch 1-2 o Ch 3-4)
elencati sul lato sinistro della scheda Main.
Gli ingressi e le uscite di formato simile vengono
distinti nei menu a comparsa dei canali di
ingresso e di uscita. Ad esempio, gli ingressi
e le uscite AES/EBU nello châssis 192 I/O sono
elencati come AES/EBU [Encl], mentre gli
ingressi e le uscite AES/EBU presenti sulla
scheda Digital I/O installata al momento della
spedizione vengono visualizzati, a coppie, come
AES/EBU 1–2, AES/EBU 3–4, AES/EBU 5–6 e
AES/EBU 7–8. Per le interfacce 192 I/O dotate
di scheda Digital I/O, le porte AES/EBU I/O
opzionali sono visualizzate come AES/EBU 9–10,
AES/EBU 11–12, AES/EBU 13–14 e
AES/EBU 15–16.
Per dettagli e limitazioni specifiche di
configurazione, consultare la guida della
periferica selezionata. Ad esempio, i canali
Optical 1–8 (sul contenitore 192 I/O)
non sono disponibili per frequenze di
campionamento di sessione pari a 88,2 kHz
o superiori (mentre le porte della scheda
192 I/O Digital I/O lo sono).
9 Configurare i controlli per l'interfaccia audio
HD. Vedere anche le sezioni "Configurazione dei
controlli delle interfacce 192 I/O e
192 Digital I/O" a pagina 64 e "Configurazione
dei controlli dell'interfaccia 96 I/O" a pagina 66.
64
Guida introduttiva dei sistemi HD
10 Per aggiungere altre interfacce audio della
serie HD, scegliere il nome dell'interfaccia
dall'elenco Peripherals, quindi ripetere i punti
precedenti.
Configurazione dei controlli delle interfacce
192 I/O e 192 Digital I/O
Per configurare i controlli dell'interfaccia 192 I/O:
1 Dopo avere selezionato 192 I/O nell'elenco
Peripherals, fare clic sulla scheda Analog In
per impostare le opzioni seguenti:
• È possibile impostare il livello operativo
canale per canale, selezionando Reference
Level +4 dBu o –10 dBV. Tali impostazioni
corrispondono a due connettori di ingresso
diversi posti sul retro della 192 I/O.
Per ulteriori informazioni
sull'impostazione dei livelli operativi,
consultare la Guida di 192 I/O.
• Ciascun canale analogico dell'interfaccia
192 I/O presenta due Input Trims,
contrassegnati dalle etichette A e B,
che consentono una calibrazione e uno
scambio precisi dei livelli. È possibile
selezionare Input Trim A o B canale per
canale. Per informazioni sull'impostazione
dei trim del pannello posteriore, consultare
la Guida all'interfaccia audio 192 I/O.
• È possibile selezionare Soft Clip canale per
canale. Il limitatore Soft Clip consente di
attenuare il segnale analogico in entrata,
fornendo ulteriore protezione contro
transienti di clipping temporanei che
possono provocare una distorsione digitale
quando superano il livello massimo di
entrata dell'unità. Se Soft Clip è attivato,
l'interfaccia 192 I/O supporta un margine
di sicurezza aggiuntivo di 4 dB
arrotondando di altri 4 dB il punto di clip.
Questa operazione risulta utile se si
desidera eliminare transienti casuali
o emulare la saturazione del nastro
analogico.
Per configurare i controlli per un'interfaccia
192 Digital I/O o per un'interfaccia 192 I/O
con una scheda Digital I/O opzionale:
Nell'interfaccia 192 Digital I/O o 192 I/O
con scheda Digital I/O opzionale, fare clic sulla
scheda Digital per impostare Input Format
(AES/EBU, TDIF o ADAT Optical) e attivare la
conversione della frequenza di campionamento
in tempo reale (a coppie di canali, tramite
l'opzione SR Conversion).
A frequenze di campionamento di sessione
superiori a 48 kHz, la conversione della
frequenza di campionamento per gli ingressi
TDIF e Optical (ADAT) della scheda Digital
I/O viene attivata automaticamente su tutti
e otto gli ingressi del formato selezionato.
Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia
192 I/O, scheda Analog In
2 Fare clic sulla scheda Analog Out per
impostare le seguenti opzioni:
Finestra Hardware Setup per 192 I/O, scheda Digital
• Ciascun canale analogico dell'interfaccia
192 I/O presenta due Output Trims,
contrassegnati rispettivamente dalle
etichette A e B. È possibile selezionare
Output Trim A o B canale per canale.
Finestra Hardware Setup per 192 I/O, scheda
Analog Out
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
65
Configurazione dei controlli
dell'interfaccia 96 I/O
Per configurare i controlli
dell'interfaccia 96 I/O:
1 Dopo avere selezionato l'interfaccia 96 I/O
nell'elenco Peripherals, dal menu a comparsa
Meters configurare i meter del pannello frontale
dell'interfaccia I/O per gli ingressi e le uscite.
3 Fare clic sulla scheda Analog Out per
impostare le seguenti opzioni:
• È possibile impostare il livello di output
canale per canale, selezionando Reference
Level +4 dBu o –10 dBV. Per ulteriori
informazioni sull'impostazione dei livelli
operativi, consultare la Guida
dell'interfaccia audio 96 I/O.
2 Fare clic sulla scheda Analog In per impostare
la seguente opzione:
• È possibile impostare il livello operativo
canale per canale, selezionando Reference
Level +4 dBu o –10 dBV. Per ulteriori
informazioni sull'impostazione dei
livelli operativi, consultare la Guida
dell'interfaccia audio 96 I/O.
Finestra Hardware Setup per 96 I/O, scheda Analog Out
Configurazione delle interfacce audio Legacy
Prima di configurare un'interfaccia audio
Legacy, è necessario inizializzarla nella finestra
Hardware Setup.
Per inizializzare un'interfaccia audio Legacy:
1 Assicurarsi di aver abbassato il volume
Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia
96 I/O, scheda Analog In
dei dispositivi di uscita in quanto prima
dell'inizializzazione dell'interfaccia audio
Legacy potrebbero essere emessi rumori
molto forti.
2 Accendere l'interfaccia audio Legacy.
3 Nell'elenco Peripherals, scegliere l'interfaccia
audio primaria, ossia quella a cui è collegata
l'interfaccia audio meno recente.
4 Nella scheda Main (sezione Port Settings) della
finestra di dialogo Hardware Setup, selezionare
l'opzione Legacy I/O.
66
Guida introduttiva dei sistemi HD
5 L'opzione "No Interface" appare due volte
nell'elenco Peripherals, esattamente sotto
l'interfaccia audio primaria. Fare clic sulla prima
delle due indicazioni "No Interface". Nella
finestra di dialogo Hardware Setup viene
visualizzato il menu a comparsa Interface, in cui
sono elencate tutte le interfacce I/O supportate
disponibili.
6 Dal menu a comparsa Interface, selezionare il
tipo di interfaccia audio Legacy cui si è collegati.
Dopo la selezione del tipo di interfaccia audio
Legacy, la scheda Main viene aggiornata con
controlli configurabili.
7 Ripetere la procedura per tutte le interfacce
audio Legacy.
Per ulteriori informazioni sui parametri
Hardware Setup per ciascuna interfaccia
I/O, fare riferimento alla guida della
periferica utilizzata.
Periferiche offline
Se sono presenti una periferica audio Legacy
e una periferica HD collegate alla periferica
HD primaria, solo una periferica alla volta può
essere in stato online. Una periferica offline
è indicata tra parentesi nell'elenco Peripherals
della finestra di dialogo Hardware Setup.
Ad esempio, se vi sono le periferiche 96 I/O
e 882|20 collegate a 192 I/O, e la periferica
96 I/O è offline, apparirà nell'elenco Peripherals
come [96 I/O].
Configurazione della finestra I/O Setup
La finestra di dialogo I/O Setup fornisce una
rappresentazione grafica del routing dei segnali
di tutte le interfacce audio collegate e contiene
i controlli che consentono l'indirizzamento
delle porte fisiche ai punti di ingresso e di uscita
Pro Tools. Questi controlli rispecchiano
i ontrolli di routing presenti nella finestra
di dialogo Hardware Setup; tutte le modifiche
apportate all'impostazione del routing in una di
queste due finestre vengono sempre applicate
anche nell'altra. Nella finestra di dialogo I/O
Setup è inoltre possibile etichettare e assegnare
gli ingressi, le uscite, gli insert e i percorsi dei
segnali di Pro Tools.
Pro Tools viene fornito con impostazioni I/O
Setup predefinite che consentono di cominciare
a utilizzare il sistema. È necessario andare alla
finestra I/O Setup soltanto nel caso in cui si
desideri riassegnare o rinominare i percorsi
I/O predefiniti o apportare qualsiasi modifica
all'hardware di sistema (ad esempio
aggiungendo una scheda di espansione
all'interfaccia 192 I/O).
Per ulteriori informazioni sull'impostazione
dei percorsi I/O, consultare la Guida di
riferimento di Pro Tools.
Per configurare il routing I/O nella finestra
di dialogo I/O Setup:
1 Scegliere Setups > I/O Setup.
2 Fare clic sulla scheda Input o Output per
visualizzare i collegamenti corrispondenti.
3 Per modificare il nome di un percorso o di
un sottopercorso, fare doppio clic direttamente
su Path Name, immettere il nuovo nome del
percorso e premere Invio.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
67
4 Per cambiare la destinazione di un percorso
o sottopercorso di ingresso o uscita, fare clic
direttamente su un selettore di ingresso o uscita,
corrispondente a una coppia di canali
dell'interfaccia e posto sotto l'icona
dell'interfaccia audio.
Routing di una coppia di uscite
Pro Tools a più destinazioni
La finestra di dialogo Hardware Setup consente
di indirizzare le coppie di canali Pro Tools
a numerose uscite dell'interfaccia audio
Digidesign.
5 Dal menu a comparsa, selezionare la coppia di
porte fisiche, ad esempio Analog 1–2, che verrà
indirizzata alla coppia di canali di Pro Tools
corrispondente, ad esempio A 1–2, nella
colonna Path Name, a sinistra.
6 Ripetere la procedura per tutte le coppie
di canali.
7 Fare clic su OK.
Ad esempio, se le uscite dell'interfaccia Analog
1–2 e Analog 3–4 vengono assegnate alla coppia
di uscite Pro Tools 1–2, un segnale inviato alle
uscite Pro Tools 1–2 verrà contemporaneamente
indirizzato a entrambe le coppie di uscite
dell'interfaccia audio.
Questa operazione consente di inviare lo stesso
segnale (coppia stereo, missaggio di gruppo
o missaggio multicanale) a più destinazioni,
ad esempio a dispositivi di mastering multipli.
Per indirizzare una coppia di canali di uscita
Pro Tools a più porte di uscita
dell'interfaccia audio:
1 Scegliere Setups > Hardware Setup.
2 Dall'elenco Peripherals selezionare
un'interfaccia.
3 Fare clic sulla scheda Main.
4 Selezionare una coppia di uscite dal menu
a comparsa Output.
Finestra di dialogo I/O Setup per un sistema
Pro Tools HD
68
Guida introduttiva dei sistemi HD
5 Premere Control e fare clic sullo stesso menu
a comparsa, per scegliere una coppia di uscite
aggiuntiva.
Il nome dell'uscita verrà aggiornato e davanti
a esso verrà visualizzato il segno più (+) per
indicare che sono state selezionate diverse porte
di uscita. Nel menu a comparsa, tutte le coppie
di porte fisiche assegnate a quella coppia di
uscite Pro Tools sono contrassegnate da un
segno di spunta.
Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia
192 I/O, scheda Main
6 Ripetere la stessa procedura per selezionare
nuove destinazioni di uscita. La scelta delle
uscite è limitata dal numero di uscite disponibili
nel sistema.
Capitolo 3: Configurazione dei sistemi Macintosh
69
70
Guida introduttiva dei sistemi HD
capitolo 4
Collegamento dell'impianto di registrazione
In questo capitolo vengono fornite
informazioni generali sul collegamento
di Pro Tools all'impianto di registrazione,
comprendente apparecchiature digitali, unità
per effetti, dispositivi MIDI e dispositivi di
sincronizzazione SMPTE.
Consultare la Guida dell'interfaccia audio 192 I/O,
la Guida dell'interfaccia audio 192 Digital I/O o la
Guida dell'interfaccia audio 96 I/O per dettagli
specifici riguardanti:
• Connettori e indicatori dei pannelli frontale
e posteriore
Configurazione dell'impianto
di registrazione
La Figura 5 mostra una configurazione tipica
dell'impianto di registrazione con l'interfaccia
192 I/O collegata a una console di missaggio,
a dispositivi per effetti e ad altre
apparecchiature.
La Figura 6 mostra una configurazione senza
console di missaggio, dove le unità per gli effetti
e l'apparecchiatura di controllo vengono
collegate direttamente all'interfaccia 96 I/O.
• Specifiche tecniche
• Solo per l'interfaccia 192 I/O, installazione
di schede aggiuntive
Le interfacce audio HD necessitano di
spazio libero lateralmente, per consentire la
circolazione dell'aria per il raffreddamento.
Non bloccare le parti laterali dell'unità e
non staccare la ventola interna. Se le unità
sono racchiuse in un involucro, rimuovere
tutti i coperchi e/o gli sportelli prima di
azionare il sistema. In caso contrario le
unità potrebbero surriscaldarsi rapidamente
causando danni permanenti ai componenti
sensibili.
Capitolo 4: Collegamento dell'impianto di registrazione
71
Esempio di configurazione di
un impianto di registrazione
con console di missaggio
Ingresso/uscita
ottico
a ADAT
Ingressi analogici
Ingressi/uscite digitali
a registratore DAT
Uscite analogiche
Dispositivo per gli effetti digitali
(impostato su sincronizzazione esterna)
Dispositivi per gli effetti
Uscite
canale
Strumenti
collegati alla console
Ritorni nastro
o ingressi
Amplificatore
di potenza
e altoparlanti
Figura 5. Tipica configurazione di un impianto di registrazione con un'interfaccia 192 I/O e con collegamento a una
console di missaggio.
72
Guida introduttiva dei sistemi HD
Esempio di configurazione di
un impianto di registrazione
senza console di missaggio
Preamplificatore di microfono,
direct box, sintetizzatore
Ingressi analogici
Ingressi/uscite digitali
a registratore DAT
Ingresso/uscita
ottico
a ADAT
Uscite
analogiche
Dispositivo per gli effetti digitali
(impostato su sincronizzazione esterna)
Dispositivi per gli effetti
Amplificatore di potenza
e altoparlanti
Figura 6. Tipica configurazione di un impianto di registrazione con un'interfaccia 96 I/O e senza collegamento a una
console di missaggio.
Capitolo 4: Collegamento dell'impianto di registrazione
73
192 I/O
L'interfaccia 192 I/O presenta due connettori di
ripartizione DB-25 per due set di otto ingressi
ciascuno, rispettivamente a +4 dBu e –10 dBV.
Non vi sono, tuttavia, uscite a –10 dBV; le uscite
analogiche vengono ripartite da un'unica uscita
DB-25 a livelli operativi di +4 dBu.
Quando si indirizzano linee non bilanciate
sulla scheda di uscita dell'interfaccia
192 I/O, scollegare i terminali negativi "–".
In caso contrario, le uscite risulteranno
rumorose.
L'interfaccia 192 I/O richiede un cavo snake
DB-25 personalizzato. Digidesign fornisce
diversi cavi DigiSnake (DB-25) a questo scopo.
Per maggiori informazioni rivolgersi al proprio
rivenditore di fiducia o a Digidesign.
192 Digital I/O
L'interfaccia 192 Digital I/O presenta due
connettori di ripartizione DB-25 per due set di
otto ingressi e uscite AES/EBU o TDIF, oltre a
una coppia di porte ADAT Optical.
L'interfaccia 192 Digital I/O richiede un cavo
snake DB-25 personalizzato. Digidesign fornisce
diversi cavi DigiSnake (DB-25) a questo scopo.
Per maggiori informazioni rivolgersi al proprio
rivenditore di fiducia o a Digidesign.
96 I/O
I connettori audio analogici dell'interfaccia
96 I/O sono connettori TRS (tip, ring, sleeve) da
1/4 di pollice con PUNTA (tip) cablata su "+",
ANELLO (ring) cablato su "–" e MANICOTTO
(sleeve) collegato a terra. Per il collegamento di
carichi non bilanciati, utilizzare cavi TS non
bilanciati.
74
Guida introduttiva dei sistemi HD
È presente un banco di otto ingressi (impostabili
linea per linea mediante software su livelli di
linea compresi tra +4 dBu e –10 dBV).
È presente un banco di otto uscite (che
utilizzano livelli di linea di +4 dBu).
Collegamento
dell'apparecchiatura con gli
ingressi e le uscite audio
digitali
Ciascuna interfaccia audio Pro Tools HD
comprende le opzioni digitali AES/EBU, S/PDIF e
ADAT. L'interfaccia 192 I/O presenta inoltre una
porta AES/EBU aggiuntiva, porte ottiche e TDIF,
AES/EBU a doppio filo a 192 kHz e convertitori
della frequenza di campionamento.
L'esempio seguente fornisce linee guida per
il collegamento a un registratore DAT. Per
informazioni dettagliate sulla registrazione
da e verso un dispositivo ADAT, vedere
"Registrazione da e verso dispositivi digitali"
a pagina 94.
Per collegare il sistema Pro Tools a un registratore
DAT:
1 Collegare l'uscita AES/EBU o S/PDIF del
contenitore all'ingresso AES/EBU o S/PDIF del
registratore DAT. Per impostazione predefinita
questa porta è assegnata alle uscite 1-2 (Output
1-2) di Pro Tools.
2 Collegare l'ingresso AES/EBU o S/PDIF del
contenitore all'uscita AES/EBU o S/PDIF del
registratore DAT. Indirizzare l'ingresso digitale
verso gli ingressi digitali di Pro Tools nella
finestra Hardware Setup.
È possibile indirizzare qualsiasi coppia
fisica di ingressi o uscite a qualsiasi canale
di ingresso e di uscita della console di
missaggio di Pro Tools. Consultare la
Guida di riferimento di Pro Tools.
Collegamento delle unità
per effetti
Le interfacce 192 I/O, 192 Digital I/O e 96 I/O
consentono di collegare al sistema Pro Tools
unità per effetti analogiche o digitali da
utilizzare come insert o come unità di
destinazione per mandate e ritorni di effetti.
Su ciascun canale audio sono disponibili cinque
insert. Ciascun insert può essere hardware
(o plug-in software) mono o stereo.
Quando si utilizza un insert hardware,
è possibile collegarlo agli ingressi e alle uscite
corrispondenti del sistema. Ad esempio, un
insert stereo potrebbe utilizzare le uscite 7-8 per
le mandate e gli ingressi 7-8 per i ritorni.
Il routing degli ingressi e delle uscite fisici
dell'interfaccia verso gli ingressi e le uscite
di Pro Tools può essere eseguito nella finestra
Hardware Setup o I/O Setup. Nella finestra
I/O Setup è anche possibile definire gli insert
e assegnare i relativi canali ai canali
dell'interfaccia audio. Per ulteriori informazioni
consultare la Guida di riferimento di Pro Tools.
È inoltre possibile collegare le unità per effetti
al sistema utilizzando qualsiasi ingresso e uscita
analogica o digitale come ingresso e uscita
ausiliare per mandate e ritorni di effetti. Dopo
aver collegato un'unità per effetti in questo
modo, è possibile inviare una quantità variabile
di uscite della traccia all'unità per effetti
utilizzando un fader di mandata di Pro Tools.
Cinque controlli mandate distinti su ogni
traccia di Pro Tools consentono di indirizzare
l'audio a una delle uscite disponibili collegate al
sistema o attraverso uno dei 64 bus interni del
mixer TDM di Pro Tools. Le uscite possono
essere restituite a ingressi ausiliari mono o stereo
per il missaggio o l'elaborazione automatizzata.
Quando si utilizza un effetto in questo tipo di
configurazione a mandata e ritorno, assicurarsi
che il missaggio interno dell'unità o il
bilanciamento tra il segnale direct (non
elaborato) e wet (con effetti) sia impostato in
modo che solo il segnale elaborato sia restituito
a Pro Tools. Nella maggior parte delle unità per
effetti un'impostazione di bilanciamento al
100% (completamente wet) rappresenta
l'impostazione appropriata.
Se sono state utilizzate unità per effetti in
un'impostazione per strumenti, ad esempio
un rack per effetti chitarra, l'impostazione del
bilanciamento potrebbe essere inferiore al 50%.
Se l'unità dispone di manopole distinte per il
livello dry (senza effetti) e degli effetti, spegnere
il controllo del livello dry. Se non si esegue
questa operazione, il segnale dry non elaborato
sarà presente nell'uscita dell'effetto insieme
al suono elaborato desiderato e si avranno
problemi nel controllo accurato del
bilanciamento dell'effetto nel missaggio finale.
Capitolo 4: Collegamento dell'impianto di registrazione
75
Collegamento digitale di unità
per effetti
Per utilizzare gli ingressi e le uscite
dell'interfaccia audio come mandate e ritorni
di effetti verso dispositivi digitali, impostare la
sorgente di clock dell'interfaccia su Internal
nella finestra Hardware Setup (a meno che non
si faccia riferimento ad altra sorgente di clock
o periferica). È necessario quindi impostare
i dispositivi per effetti in modo che accettino
un clock digitale esterno e si sincronizzino
automaticamente con Pro Tools. Assicurarsi
di impostare la coppia di canali verso l'ingresso
digitale nella finestra Hardware Setup
(o I/O Setup).
Collegamento dei
dispositivi MIDI
Aggiungendo al sistema un'interfaccia MIDI
compatibile, è possibile avvantaggiarsi di tutte
le funzionalità MIDI di Pro Tools, incluse
la registrazione e la modifica delle tracce,
la sincronizzazione con il timecode MIDI
o con il beat clock MIDI.
• Per i sistemi Macintosh che eseguono
Mac OS X, vedere Appendice D,
"Configurazione di AMS (solo Mac OS X)"
per informazioni sulla configurazione di
Audio MIDI Setup e dei dispositivi MIDI.
• Per i sistemi Macintosh che eseguono
Mac OS 9, vedere Appendice C, "Configurazione
di OMS (solo Mac OS 9)" per informazioni sulla
configurazione di Open Music System e dei
dispositivi MIDI.
Per informazioni sulla configurazione
di una superficie di controllo MIDI da
utilizzare con Pro Tools, consultare la
versione elettronica in formato PDF del
manuale Guida delle superfici di controllo
MIDI di Pro Tools.
Per collegare i dispositivi MIDI al sistema:
1 Collegare l'interfaccia MIDI al computer
attenendosi alle istruzioni fornite nella
documentazione dell'interfaccia MIDI.
2 Installare il software dei driver MIDI
necessario per l'interfaccia MIDI. (Una volta
installati l'hardware e il software dell'interfaccia
MIDI, verificarne il corretto funzionamento
seguendo la procedura fornita con la
documentazione dell'interfaccia.)
3 Collegare l'ingresso MIDI OUT del dispositivo
o del controller MIDI all'uscita MIDI IN
dell'interfaccia MIDI.
4 Collegare l'ingresso MIDI IN del dispositivo
o del controller MIDI all'uscita MIDI OUT
dell'interfaccia MIDI.
Collegamento dei dispositivi
di sincronizzazione SMPTE
Se si desidera sincronizzare Pro Tools con
dispositivi esterni con SMPTE utilizzando il time
code MIDI, il sistema deve essere collegato in
modo appropriato. Per ulteriori informazioni su
SMPTE e sulla sincronizzazione, consultare la
Guida di riferimento di Pro Tools o Guida di
SYNC I/O.
76
Guida introduttiva dei sistemi HD
SYNC I/O Digidesign
SYNC I/O di Digidesign è un dispositivo di
sincronizzazione polivalente, che fornisce
tutte le funzioni e le connessioni necessarie
per la sincronizzazione di vari dispositivi con
Pro Tools.
SYNC I/O consente di sincronizzare Pro Tools
con dispositivi LTC, VITC e Bi-Phase/Tach
o interni per il riferimento posizionale
(timecode) oltre a supportare tutti i principali
riferimenti di clock.
SYNC I/O è integrato nella configurazione
Loop Sync dei sistemi della serie HD
e offre un bloccaggio estremamente rapido,
una sincronizzazione approssimata al
campione e un clock a variazione di
frequenza estremamente bassa. Queste
funzioni forniscono prestazioni professionali
e massima fedeltà audio in una vasta gamma
di condizioni di sincronizzazione.
Per ulteriori informazioni fare riferimento
alla Guida di SYNC I/O.
Capitolo 4: Collegamento dell'impianto di registrazione
77
78
Guida introduttiva dei sistemi HD
capitolo 5
Utilizzo di Pro Tools
Questa presentazione di Pro Tools illustra
le funzionalità e le finestre principali del
programma e include una descrizione passo
a passo della registrazione audio (vedere
"Registrazione di base" a pagina 92).
Tutte le funzionalità descritte in questo capitolo
vengono spiegate in dettaglio nella Guida di
riferimento di Pro Tools. Per visualizzare una
versione elettronica (in formato PDF) della
Guida di riferimento, scegliere il file della Guida
dal menu Application (Pro Tools 6) o dal menu
Help (Pro Tools 5). Consultare la guida e l'indice
per informazioni più approfondite sulle
funzionalità di Pro Tools.
Nozioni di base sulle sessioni
I progetti Pro Tools vengono creati e salvati
come sessioni. Nelle sessioni vengono
memorizzati le tracce, l'audio, i dati MIDI e altre
informazioni di sessione. La cartella di sessione
contiene, in cartelle separate, i file audio e i file
delle attenuazioni.
Cartella di sessione contenente il file di sessione e le
cartelle Audio Files e Fade Files
Apertura di una sessione
Per creare una nuova sessione:
1 Avviare Pro Tools.
2 Scegliere File > New Session.
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
79
3 Nella finestra di dialogo New Session
impostare la frequenza di campionamento,
la profondità di bit e le altre opzioni della
sessione.
Finestre principali
Le finestre Mix, Edit e Transport sono le
principali aree di lavoro di Pro Tools.
È possibile visualizzare ciascuna di queste
finestre scegliendola dal menu Windows.
Premere Comando+uguale (=) in Macintosh
o Ctrl+uguale (=) in Windows per alternare
tra le finestre Edit e Mix.
Finestra Mix Consente di visualizzare la console
di missaggio di Pro Tools con i noti controlli
delle file di fader necessari per la regolazione del
volume e per l'esecuzione di panning, assoli,
silenziamenti e routing del segnale.
Finestra di dialogo New Session
4 Selezionare il percorso di salvataggio della
sessione. Se si utilizzano unità disco rigido
esterne, assicurarsi di scegliere l'unità
appropriata nella finestra di dialogo
New Session.
5 Digitare il nome della sessione.
6 Fare clic su Save. Vengono visualizzate le
finestre Mix, Edit e Transport della nuova
sessione (vedere la Figura 7 a pagina 81).
80
Guida introduttiva dei sistemi HD
Finestra Edit Consente di visualizzare le tracce
della sessione lungo la timeline per l'esecuzione
del montaggio audio e MIDI e l'automazione
dei dati.
Transport Consente di visualizzare i tradizionali
controlli di trasporto per Play, Stop, Rewind,
Fast-Forward, Pause e Record. Nella finestra
Transport possono anche essere visualizzati
i display Counter e MIDI Control.
Session Setup Consente di visualizzare lo
stato di importanti impostazioni di sessione
Pro Tools, tra cui frequenza di frame e di
campionamento, sorgente di clock e formato di
file. Contiene inoltre il contatore del timecode
corrente e i controlli per il riferimento di clock,
il riferimento posizionale e altre caratteristiche
del timecode per Digidesign SYNC I/O.
S
Finestra Edit
Finestra Mix
Righelli
Tracce
Tracce
Finestra Transport
Finestra Session Setup
Figura 7. Principali finestre di una sessione
Righelli
In Pro Tools sono disponibili vari righelli che
consentono di selezionare la timebase della
sessione. I righelli timebase, visualizzati nella
parte superiore della finestra Edit, includono
Bars:Beats, Minutes:Seconds, Samples, Time Code
e Feet.Frames. La timebase corrente determina
il formato del contatore principale e fornisce
la base per la griglia della finestra Edit.
Per la postproduzione, selezionare come
timebase della sessione Time Code
o Feet.Frames nella vista Rulers.
Per selezionare un righello Timebase:
Fare clic sul nome del righello nell'angolo
superiore sinistro della finestra Edit (Bars:Beats,
Minutes:Seconds, Samples, Time Code
o Feet.Frames).
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
81
Impostazione di un tempo metrico
Utilizzo di Click
È possibile impostare il tempo metrico per la
sessione tramite gli eventi tempo metrico
o tramite i controlli MIDI del tempo metrico
nella finestra Transport espansa.
Pro Tools dispone di un'opzione MIDI Click
che consente di utilizzare un dispositivo MIDI
esterno per riprodurre un click audio. Questa
funzionalità può essere attivata e disattivata
nella finestra Transport e viene configurata nella
finestra di dialogo MIDI Click Options.
Per inserire un evento tempo metrico:
1 Scegliere Windows > Show Tempo/Meter.
2 Nella parte superiore della finestra
Tempo/Meter Change, scegliere Tempo Change
dal menu a comparsa.
Per configurare e attivare il click di Pro Tools:
1 Scegliere MIDI > Click Options.
2 Configurare i parametri del click in base alla
sorgente sonora MIDI utilizzata.
3 Durante la registrazione o la riproduzione è
possibile attivare e disattivare il click mediante
il pulsante Metronome nella sezione MIDI
Controls della finestra Transport.
Metronomo
Finestra Tempo/Meter Change
3 Immettere il valore BPM da utilizzare per
la sessione e impostare l'opzione Location su
1|1|000 (in modo che l'evento tempo metrico
inserito sostituisca quello predefinito).
4 Per basare il valore BPM su un valore di nota
diverso (ad esempio su una croma anziché sulla
semiminima predefinita), selezionare un valore
di nota.
5 Fare clic su Apply per inserire il nuovo evento
di tempo metrico.
Controlli del tempo metrico
Controlli Click e Tempo nella finestra Transport
Salvataggio delle sessioni
Mentre si crea una sessione, aggiungendo tracce
e modificando i controlli della sessione, può
risultare necessario salvare di volta in volta il
lavoro svolto. In Pro Tools è possibile salvare
le sessioni in tre modi.
Per salvare una sessione:
Scegliere File > Save Session, Save Session As
o Save Session Copy In.
Save Session Questa opzione salva il file
sessione aperto, lasciandolo aperto per
consentire la continuazione del lavoro.
82
Guida introduttiva dei sistemi HD
Save Session As Questa opzione crea un file
sessione duplicato con il nome desiderato e lo
lascia aperto per consentire la continuazione del
lavoro. In questo caso non viene creata una
nuova cartella Audio Files o Fade Files. Questo
tipo di salvataggio risulta utile se si desiderano
provare arrangiamenti diversi della sessione
senza alterare l'originale.
Save Session Copy In Questa opzione salva
copie del file sessione e dei file utilizzati nella
sessione corrente. È utile quando si desidera
creare una copia finale di una sessione senza
includervi i file audio o di dissolvenza non più
utilizzati.
Impostazioni e risorse del sistema
Per configurare le risorse di sistema:
Scegliere Setups > Playback Engine.
Per ulteriori informazioni, vedere "Impostazioni
del sistema Pro Tools" a pagina 58 (Macintosh)
o "Impostazioni del sistema Pro Tools"
a pagina 27 (Windows).
Finestra System Usage
La finestra System Usage visualizza informazioni
sui carichi di lavoro della CPU, l'utilizzo dei DSP
e le prestazioni generali del disco e consente
di verificare in tempo reale le capacità di
elaborazione del sistema. Verificare i carichi
della CPU se si utilizzano plug-in RTAS;
verificare l'utilizzo di DSP se si utilizzan
o plug-in TDM.
Per ottimizzare le prestazioni del sistema,
è possibile modificare molte impostazioni
del sistema Pro Tools nella finestra di dialogo
Playback Engine.
Finestra di dialogo Playback Engine
La finestra di dialogo Playback Engine consente
di impostare le dimensioni dei buffer di sistema
e di assegnare capacità di elaborazione della
CPU a Pro Tools.
Meter nella finestra System Usage
Per visualizzare le risorse e l'utilizzo del sistema:
Scegliere Windows > Show System Usage.
Finestra di dialogo Playback Engine del sistema
Pro Tools serie HD
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
83
I/O Setup, finestra di dialogo
Nella finestra di dialogo I/O Setup è possibile
personalizzare la console di missaggio Pro Tools
in relazione al proprio stile di lavoro e alle
esigenze dei progetti. È possibile rinominare
i percorsi I/O e assegnare i canali Pro Tools
agli ingressi e alle uscite hardware.
Controlli di trasporto
La finestra Transport consente l'accesso a tutti
i comandi transport di Pro Tools. In questa
finestra è possibile visualizzare o nascondere
vari controlli transport.
Per visualizzare la finestra Transport:
Scegliere Window > Show Transport Window.
Return to Zero
Fast Forward (Avanzamento veloce)
Rewind
(Riavvolgimento)
Online
Play
Go to End
Stop
Record
(Registra)
Finestra Transport
Finestra di dialogo I/O Setup
Per configurare la finestra Transport:
Per modificare le impostazioni della finestra
I/O Setup:
Scegliere Setups > I/O Setup. Per ulteriori
informazioni sulla ridenominazione dei percorsi
e la riassegnazione dei canali Pro Tools,
consultare la Guida di riferimento di Pro Tools.
84
Guida introduttiva dei sistemi HD
Scegliere Display > Transport Window Shows,
quindi selezionare le opzioni di visualizzazione
desiderate.
Nella vista standard della finestra Transport
vengono visualizzati i controlli di trasporto
standard quali Play, Stop e così via. Nella vista
espansa vengono visualizzati gli indicatori di
pre-roll, post-roll, inizio, fine e lunghezza della
timeline e il selettore del master transport.
Nella stessa finestra è anche possibile
visualizzare i seguenti controlli MIDI: Wait for
Note, Click, Countoff, MIDI Merge, Conductor,
Meter e Tempo.
Click
Wait for Note
Countoff
MIDI Merge
Navigazione in una sessione
In Pro Tools sono disponibili numerose
modalità di navigazione all'interno di una
sessione, tra cui l'utilizzo del mouse e
l'immissione di una posizione mediante
contatori.
Per spostarsi nella posizione desiderata nella
finestra Edit:
Controlli del tempo
metrico
1 Selezionare Operations > Link Edit and
Timeline Selection.
2 Attivare lo strumento Selector nella parte
Conductor
Meter
Controlli MIDI della finestra Transport
Per avviare e interrompere la riproduzione:
superiore della finestra Edit facendo clic su
di esso.
Strumento Selector
1 Fare clic sul pulsante Play nella finestra
Transport per avviare la riproduzione.
2 Fare clic sul pulsante Stop nella finestra
Transport per interrompere la riproduzione.
Premere il tasto Barra spaziatrice della
tastiera del computer per avviare e
interrompere la riproduzione.
In Pro Tools la riproduzione avviene a
partire dal punto in cui è posizionato il
cursore o dall'inizio della selezione corrente.
La riproduzione viene anche influenzata
dall'impostazione corrente del comando
Link Edit/Timeline nel menu Operations.
Per ulteriori informazioni, consultare la
Guida di riferimento di Pro Tools.
Strumenti di montaggio della finestra Edit
3 Fare clic in una traccia o in un righello
Timebase. Il cursore viene visualizzato nella
posizione selezionata e i contatori visualizzano
la posizione temporale corrente.
Clic su una traccia o su righello Timebase
Clic con lo strumento Selector nella finestra Edit
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
85
Per navigare utilizzando i contatori:
1 Fare clic all'interno del contatore Main,
2 Scegliere le impostazioni per la posizione
di memoria, quindi fare clic su OK.
quindi immettere la posizione digitandola
con la tastiera del computer.
2 Premere il tasto A capo (Macintosh) o Invio
(Windows).
Navigazione mediante il contatore
In alternativa al clic nel contatore, premere
il tasto * del tastierino numerico.
Posizioni di memoria
Le posizioni di memoria rappresentano un'altra
modalità di navigazione all'interno delle
sessioni. Le posizioni di memoria appaiono
come indicatori sotto i righelli Timebase.
Per definire una posizione di memoria:
1 Premere il tasto Invio del tastierino numerico
nel corso della riproduzione o in fase di arresto.
Viene visualizzata la finestra New Memory
Location nella quale è possibile definire un
indicatore, memorizzare una selezione o
qualsiasi combinazione di altre impostazioni
disponibili, tra cui altezza di traccia, attivazione
di gruppi, valori di pre- e post-roll e stato di
visualizzazione delle tracce.
86
Guida introduttiva dei sistemi HD
Finestra di dialogo New Memory Location
Per spostarsi in una posizione di memoria
archiviata:
1 Scegliere Windows > Show Memory
Locations.
2 Nella finestra Memory Locations, fare clic
sul nome della posizione di memoria.
Visualizzazione e zoom
Per ingrandire un'area di una traccia nella
finestra Edit:
Quando nella finestra Edit sono visualizzate
delle tracce, è possibile regolarne l'altezza ed
eseguire lo zoom in verticale e orizzontale
utilizzando il selettore dell'altezza di traccia
(Track Height selector) e gli strumenti Zoomer.
Preimpostazioni
di zoom
Selettore
altezza traccia
Pulsanti Zoom
Zoomer
1 Selezionare Zoomer facendovi clic sopra.
2 Fare clic o trascinare con lo strumento Zoomer
per effettuare lo zoom avanti orizzontale in una
traccia o in un righello.
Per eseguire lo zoom in avanti o indietro in modo
incrementale:
Fare clic sul pulsante Zoom desiderato:
• Freccia a sinistra (zoom orizzontale
indietro)
• Freccia a destra (zoom orizzontale
in avanti)
• Pulsanti Waveform e MIDI per
incrementare o ridurre lo zoom verticale
rispettivamente delle tracce audio e MIDI.
Strumenti Zoom e Track Height della finestra Edit
Per modificare l'altezza di una traccia:
Fare clic sul Track Height Selector e scegliere
un'altezza di traccia dal menu a comparsa.
Molti comandi, tra cui la selezione
dell'altezza, possono essere applicati a più
tracce contemporaneamente. Per applicare
un'operazione a tutte le tracce, tenere
premuto il tasto Opzione (in Macintosh)
o Alt (in Windows) mentre si esegue
l'operazione desiderata. Per applicare
un'operazione a tutte le tracce selezionate,
tenere premuti i tasti maiuscole e Opzione
(in Macintosh) o Maiusc e Alt (in Windows)
mentre si esegue l'operazione desiderata.
In Pro Tools sono disponibili anche cinque
pulsanti di preimpostazione di Zoom.
Questi pulsanti consentono di ripristinare
immediatamente i livelli di zoom preimpostati
(definibili per ciascun pulsante sessione per
sessione).
Per utilizzare una preimpostazione di Zoom:
Fare clic sull'apposito valore di
preimpostazione da 1 a 5.
Per memorizzare una nuova preimpostazione
di Zoom:
Premere il tasto Comando (Macintosh)
o Ctrl (Windows) e fare clic su un numero
di preimpostazione di Zoom per memorizzare
i valori di zoom orizzontale e verticale
corrispondenti.
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
87
Utilizzo delle posizioni di memoria per
il controllo di zoom
Le posizioni di memoria di Pro Tools
consentono di memorizzare diversi attributi
in ciascun indicatore o posizione di memoria,
incluse l'altezza di traccia e le impostazioni di
zoom. Creando posizioni di memoria che non
siano né indicatori né selezioni, ma in cui
siano attivate opzioni quali altezza di traccia,
impostazioni di zoom o altro, è possibile
eseguire lo zoom avanti e indietro mediante
tali posizioni di memoria, utilizzando
semplicemente il tastierino numerico.
Tracce
In Pro Tools è possibile creare tracce audio
o MIDI per la registrazione audio e MIDI, il
missaggio secondario, il routing, l'automazione
e il montaggio.
Per creare una traccia:
1 Scegliere File > New Track.
Finestra di dialogo New Track
2 Specificare il numero e il tipo di tracce
e la modalità mono o stereo (per tutti i tipi
salvo MIDI).
3 Fare clic su Create.
Nella finestra Mix le tracce audio, gli ingressi
ausiliari, i master fader e le tracce MIDI vengono
visualizzate come file di canali verticali. Il tipo
della traccia è indicato dalle icone Track Type
sotto i fader e dal colore dei nomi delle tracce.
In Pro Tools sono disponibili quattro tipi di
tracce: tracce audio, ingressi ausiliari, master
fader e MIDI. Le tracce audio, gli ingressi
ausiliari e i master fader possono essere mono,
stereo o di un qualsiasi formato multicanale
supportato per il missaggio surround.
Tracce audio Consentono di registrare e
riprodurre audio da e verso l'unità disco rigido,
monitorare l'ingresso audio quando è attivato
per la registrazione e modificare le
regioni audio.
Ingressi ausiliari Canali audio del mixer,
utilizzati per l'input, il routing e il missaggio
secondario.
Master Fader Forniscono controlli master dei
canali e opzioni per i percorsi di bus o di uscita.
Tracce MIDI Consentono di registrare,
riprodurre e modificare dati MIDI.
88
Guida introduttiva dei sistemi HD
Traccia
audio
Ingresso
Aux
Traccia Master
fader
MIDI
Tracce nella finestra Mix
Nella finestra Edit le tracce vengono visualizzate
orizzontalmente lungo la timeline. L'audio di
ciascuna traccia viene visualizzato nell'area
dell'ordine di riproduzione.
Le tracce audio, gli ingressi aux, i master fader
e le tracce MIDI possono essere automatizzate.
Per ulteriori informazioni, vedere "Automazione
del missaggio" a pagina 105.
Vista Righelli
Timeline
Traccia audio
Righelli della Timeline e una traccia audio stereo nella
finestra Edit
Insert
Mandate
Ingresso
Uscita
Modalità Automation
Dispositivi di
scorrimento pan
Solo
Pulsante Mute
Record Enable
Selettore voci
Finestra Open Output
Fader del
volume
Indicatore di clipping
(luce rossa)
Meter di livello
Attivazione gruppi
Volume
Nome traccia
Area commenti traccia
Figura 8. Traccia audio stereo nella finestra Mix
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
89
Tracce audio
Le tracce audio, gli ingressi Aux e i master fader
hanno in comune molti controlli identici.
La Figura 8 visualizza i controlli presenti in una
traccia audio o in una traccia di ingresso Aux.
I master fader presentano le stesse caratteristiche
delle tracce audio e degli ingressi Aux, con le
seguenti eccezioni:
Selettore di ingresso L'assegnazione di un'uscita
master fader ne determina il relativo ingresso
o sorgente.
Mandate Le tracce master fader non forniscono
mandate. Per inviare un'uscita a un'altra
destinazione, utilizzare un ingresso Aux.
Tracce MIDI
Elenchi delle regioni
Tutte le regioni registrate, importate o create
durante la fase di montaggio sono visualizzate
negli elenchi Audio e MIDI. È possibile
trascinare le regioni da uno dei due elenchi sulle
tracce e disporle secondo l'ordine preferito.
È inoltre possibile ascoltare le regioni audio
direttamente dagli elenchi: premere il tasto
Opzione (Macintosh) o Alt (Windows) e fare
clic sul nome della regione audio. I menu
a comparsa Regions List forniscono varie
funzionalità utili per la gestione di regioni e file
(quali ordinamento, selezione, importazione
ed esportazione di file).
Trascinare il bordo per cambiare
la larghezza degli elenchi regioni
Fare clic sui
nomi degli
elenchi
per visualizzare
i menu a
comparsa
Le tracce MIDI offrono funzionalità quali
volume, assolo e silenziamento oltre a controlli
per ingressi, uscite, canali e programmi (patch)
MIDI. Inoltre è possibile automatizzare la
regolazione di volume, silenziamento e pan
MIDI mediante le funzionalità di automazione
di Pro Tools (per ulteriori informazioni vedere
"Automazione del missaggio" a pagina 105).
Trascinare il
bordo per
modificare
l'altezza degli
elenchi regioni
Fare clic per nascondere gli elenchi
Elenchi delle regioni Audio e MIDI
Per ulteriori informazioni sugli elenchi di
regioni, consultare la Guida di riferimento
di Pro Tools.
90
Guida introduttiva dei sistemi HD
Importazione di audio
In Pro Tools è possibile importare file esistenti
da dischi e importare tracce da un CD audio
(solo Macintosh). Ciò risulta particolarmente
utile se si dispone di file audio già registrati
su disco o di librerie di campioni su CD e si
desidera utilizzarli in una nuova sessione.
Il file audio importato viene visualizzato
nell'elenco delle regioni audio, da dove sarà
possibile trascinare la regione su una traccia
della sessione corrente.
Per importare una traccia audio di un CD
(Pro Tools 5.3.1):
1 Inserire il CD audio nell'unità CD-ROM.
2 Scegliere Movie > Import Audio From
Per importare file o regioni audio da un disco:
Scegliere File > Import Audio to Track.
Le regioni e i file vengono importati in
nuove tracce audio e visualizzati come
regioni nell'elenco delle regioni audio.
–o–
Scegliere Import Audio dal menu a comparsa
Audio Regions List per importare file e regioni
soltanto nell'elenco Audio Regions List.
Per ulteriori informazioni sull'importazione
di audio nelle sessioni, consultare la Guida
di riferimento di Pro Tools.
Other Movie.
3 Nel CD audio individuare e selezionare la
traccia audio da importare, quindi fare clic
su Convert.
4 Nella finestra di dialogo Save, fare clic
su Options.
5 Nella finestra di dialogo Options, selezionare
la frequenza di campionamento, la risoluzione
bit e il formato canale (mono o stereo) dell'audio
importato.
Per importare una traccia audio di un CD
(Mac OS 6.0):
1 Inserire il CD audio nell'unità CD-ROM.
2 Scegliere Movie > Import Audio From
Other Movie.
3 Individuare e selezionare la traccia audio
da importare, quindi fare clic su Open.
4 Fare clic su OK nella finestra Track Import.
5 Posizionarsi su una destinazione e fare clic su
Choose.
Finestra di dialogo Audio CD Import Options
In Pro Tools vengono convertiti il formato,
la profondità di bit e la frequenza di
campionamento della traccia audio del CD in
modo che risultino uguali a quelli del file audio
della sessione, quindi la traccia viene salvata sul
disco rigido.
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
91
6 Nella parte inferiore della finestra di dialogo
Options, impostare l'intervallo della traccia CD
che si desidera importare regolando l'ora di
inizio (Start) e l'ora di fine (End), quindi fare clic
su OK.
Per ascoltare una traccia prima di importarla,
utilizzare i pulsanti Play e Stop. Regolare il
volume di riproduzione con il dispositivo di
scorrimento verticale. Per accedere a un punto
preciso della traccia, trascinare il dispositivo di
scorrimento orizzontale.
7 Quando si è pronti per eseguire l'importazione
dell'audio, scegliere OK.
8 Specificare una destinazione o un'unità audio
per la traccia audio importata e fare clic su Save.
La traccia audio del CD viene importata come
filmato QuickTime e memorizzata nell'unità
disco audio.
Registrazione di base
In questa sezione viene spiegato come registrare
tracce audio e MIDI in Pro Tools.
Indirizzamento del segnale audio
a una traccia
Per indirizzare il segnale audio a una traccia:
1 Verificare i collegamenti degli strumenti.
Per ulteriori informazioni sulla configurazione
dell'impianto di registrazione, fare riferimento
alla guida dell'interfaccia audio in uso.
2 Scegliere File > New Track e specificare 1,
Mono, Audio Track, quindi fare clic su Create.
3 Nella finestra Mix fare clic sul selettore di
ingresso sulla nuova traccia.
9 Quando viene visualizzata la finestra di
dialogo Track Import, fare clic su OK.
La traccia audio viene convertita nella frequenza
di campionamento e nella risoluzione di bit
della sessione e le tracce audio selezionate
vengono importate nell'elenco delle regioni
audio. Da questo elenco è possibile trascinare le
regioni su tracce esistenti.
Ingressi analogici
Ingressi digitali
Indirizzamento di un ingresso verso una traccia mono
Dal menu a comparsa selezionare l'ingresso che
si desidera registrare. Ad esempio, selezionare
A 1 se la sorgente audio è collegata al primo
ingresso analogico dell'interfaccia audio.
Nel menu vengono visualizzati i nomi degli
ingressi definiti nella finestra I/O Setup.
92
Guida introduttiva dei sistemi HD
Livelli di impostazione
3 Nella sezione Interface fare clic sulla scheda
Analog In.
Per impostare i livelli di registrazione in
Pro Tools, regolare il livello di ingresso alla
sorgente (strumento musicale, preamplificatore
di microfono o console di missaggio). La chiave
per l'impostazione corretta dei livelli in ingresso
consiste nella creazione di un segnale molto
forte senza produrre clipping digitale. I segnali
che si avvicinano ai valori più elevati del meter
in Pro Tools utilizzano una parte maggiore della
gamma di bit completa (i 16 o 24 bit che
compongono ciascun campione audio).
Maggiore è il livello di utilizzo della gamma
di bit senza clipping, migliore sarà la qualità
dell'audio risultante.
Il clipping digitale viene prodotto quando si
invia a un dispositivo audio un segnale più
forte di quello supportato dalla circuiteria.
Per evitare il clipping, osservare i meter di
Pro Tools durante la regolazione dei livelli
di ingresso.
Impostazione dei livelli di riferimento
Finestra Hardware Setup, impostazione degli ingressi
Analog In dell'interfaccia 96 I/O
4 Impostare il livello di riferimento desiderato
per ciascun canale di ingresso.
5 Fare clic su OK.
Per configurare i livelli di uscita
dell'interfaccia 96 I/O:
1 In Pro Tools scegliere Setups > Hardware.
2 Se si utilizzano più interfacce audio,
selezionare quella desiderata dall'elenco
Peripherals.
3 Nella sezione Interface fare clic sulla scheda
Per configurare i livelli di ingresso
dell'interfaccia 96 I/O:
Analog Out.
1 In Pro Tools scegliere Setups > Hardware.
2 Se si utilizzano più interfacce audio,
selezionare quella desiderata dall'elenco
Peripherals.
Finestra Hardware Setup, impostazione delle uscite
Analog Out dell'interfaccia 96 I/O
4 Impostare il livello di riferimento desiderato
per ciascun canale di uscita.
5 Fare clic su OK.
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
93
Registrazione di una traccia audio
Registrazione da e verso
dispositivi digitali
Per registrare una traccia audio:
1 Fare clic sul pulsante Record Enable della
traccia, assegnarne l'ingresso e impostare i livelli
di ingresso appropriati.
2 Scegliere Windows > Show Transport per
visualizzare la finestra Transport. Fare clic su
Return To Zero per avviare la registrazione
dall'inizio della sessione. È inoltre possibile
registrare in base a una selezione o alla posizione
del cursore nella finestra Edit.
3 Fare clic sul pulsante di registrazione nella
finestra Transport per attivare la registrazione.
4 Fare clic su Play oppure premere la barra
spaziatrice per registrare su tutte le tracce
attivate per la registrazione.
5 Registrare la performance.
6 Fare clic su Stop nella finestra Transport
oppure premere la barra spaziatrice al termine
della registrazione.
Per riprodurre una traccia registrata:
Se si utilizza una sola interfaccia audio 96 I/O,
è possibile trasferire digitalmente fino a otto
tracce per volta da e verso un dispositivo digitale
(ad esempio ADAT). Un'interfaccia 192 I/O
consente il trasferimento digitale di un massimo
di 16 tracce, mentre con più interfacce 192 I/O
si possono trasferire fino a 96 tracce.
Impostazione del formato digitale e
della sorgente di clock
Prima di cominciare la registrazione da una
sorgente digitale, assicurarsi di avere attivato
la sorgente di clock e il formato digitale
appropriati nella finestra Hardware Setup.
Il formato digitale predefinito è AES/EBU,
ciò significa che l'interfaccia HD I/O farà
riferimento alla porta AES/EBU (Encl) In per
il clock digitale. Se si desidera registrare da un
dispositivo DAT collegato agli ingressi S/PDIF
RCA, selezionare S/PDIF Format. Se si utilizzano
più interfacce HD, configurare l'interfaccia
appropriata nella finestra di dialogo
Hardware Setup.
1 Fare di nuovo clic sul pulsante Record Enable
della traccia per uscire dalla modalità di
registrazione.
2 Fare clic sul pulsante Play nella finestra
Transport oppure premere la barra spaziatrice
per avviare la riproduzione.
3 Fare clic sul pulsante Stop nella finestra
Transport oppure premere la barra spaziatrice
per interrompere la riproduzione.
94
Guida introduttiva dei sistemi HD
Dopo avere attivato il formato digitale
appropriato, nel selettore della sorgente di clock
saranno disponibili gli appositi segnali di clock.
Se si utilizzano più interfacce, scegliere la
sorgente di clock appropriata per ciascuna
HD I/O.
Utilizzo di coppie di uscite
In base al funzionamento delle uscite in
Pro Tools, ciascuna traccia cerca una coppia di
uscite stereo. Per registrare su otto tracce ADAT,
occorre inviare 4 coppie di tracce Pro Tools
(ciascuna coppia impostata con pan tutto a
sinistra e tutto a destra) a 4 coppie di uscite
ADAT ottiche digitali.
Utilizzo di 88,2 kHz o di frequenze
di campionamento superiori
Se la frequenza di campionamento della
sessione è 88,2 kHz o superiore, è ancora
possibile utilizzare le sorgenti di ingresso ADAT
e TDIF con l'interfaccia Digidesign 192 I/O, ma
occorre attivare l'opzione di conversione della
frequenza di campionamento. Le interfacce
audio 96 I/O non supportano la conversione
della frequenza di campionamento, pertanto
con frequenze di campionamento superiori ai
48 kHz la porta ADAT entra in modalità offline.
Tutte le porte di uscita ADAT e TDIF entrano
in modalità offline con frequenze di
campionamento superiori a 48 kHz.
Quando l'opzione di conversione della
frequenza di campionamento non è attivata,
il segnale non passa attraverso il convertitore
di frequenza di campionamento.
L'interfaccia 96 I/O fornisce otto canali di
ingresso e di uscita ADAT. Per impostazione
predefinita tali ingressi e uscite sono
contrassegnati dalle etichette Optical 1–8 e
ADAT 1–8 nelle finestre Hardware Setup e I/O
Setup di Pro Tools.
Per registrare tracce ADAT in Pro Tools:
1 Collegare il connettore Optical Out del
dispositivo ADAT al connettore Optical In
sul retro dell'interfaccia audio Pro Tools|HD.
2 Aprire o creare una sessione di Pro Tools.
3 Attivare per la registrazione fino a otto tracce
audio.
4 Per ciascuna traccia fare clic sul selettore di
ingresso e assegnare gli ingressi 9–16 alle
otto tracce.
Per attivare la conversione della frequenza
di campionamento nell'interfaccia 192 I/O:
Ingressi analogici
1 Scegliere Setups > Hardware in Pro Tools.
Ingressi ottici (ADAT)
2 Nell'elenco Peripherals selezionare
l'interfaccia audio 192 I/O primaria.
3 Fare clic sulla scheda Digital.
4 Selezionare un formato di ingresso (AES/EBU
1–8, ADAT 1–8 o TDIF 1–8).
5 Attivare l'opzione SR Conversion per coppie
di canali.
Routing di una coppia di ingressi ottici verso una
traccia stereo
5 Verificare che Pro Tools sia sincronizzato su
Optical nella finestra di dialogo Hardware Setup
e che Optical Format sia impostato su ADAT.
6 Fare clic sul pulsante Record nella finestra
Transport.
Registrazione verso e da un dispositivo
ADAT
L'interfaccia 192 I/O fornisce 16 canali di
ingresso e di uscita ADAT (otto sullo châssis
e otto sulla scheda digitale). Per impostazione
predefinita tali ingressi e uscite sono numerati
da 9 a 16 e da 17 a 24 nelle finestre Hardware
Setup e I/O Setup di Pro Tools.
7 Fare clic su Play nella finestra Transport per
cominciare la registrazione, quindi premere Play
sul dispositivo ADAT.
8 Al termine della riproduzione dal nastro
ADAT, fare clic su Stop nella finestra Transport
oppure premere la barra spaziatrice.
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
95
Per registrare tracce Pro Tools in un
dispositivo ADAT:
Registrazione MIDI
1 Collegare il connettore Optical Out
dell'interfaccia audio di Pro Tools|HD al
connettore Optical In sul retro del
dispositivo ADAT.
Per configurare una traccia MIDI per
la registrazione:
2 Aprire la sessione che si desidera registrare
sul nastro ADAT.
3 Attivare per la registrazione fino a 8 tracce sul
1 (Solo Macintosh) Scegliere MIDI > Input
Devices e verificare che il dispositivo di ingresso
sia selezionato nella finestra MIDI Input Enable.
2 Scegliere File > New Track e specificare
1 MIDI Track, quindi fare clic su Create.
dispositivo ADAT.
3 Nella finestra Mix fare clic sul selettore di
4 Sul dispositivo ADAT attivare Digital In.
dispositivo/canale MIDI della traccia e assegnare
un dispositivo e un canale dal menu a comparsa.
5 In Pro Tools eseguire il pan delle quattro
coppie di tracce che si desidera registrare sul
nastro ADAT in modo che ciascuna sia
impostata su pan stereo (una traccia per coppia
è impostata con il pan tutto a sinistra e l'altra
è impostata con il pan tutto a destra).
6 Indirizzare ciascuna coppia di tracce verso una
coppia distinta di uscite ottiche selezionando
una coppia di uscite per ciascuna traccia dal
menu a comparsa Output.
7 Verificare che Pro Tools sia sincronizzato
su Internal nella finestra di dialogo
Hardware Setup.
8 Iniziare la registrazione sul nastro ADAT,
quindi fare clic su Play nella finestra Transport
di Pro Tools. Al termine della registrazione
arrestare entrambi i sistemi.
96
Guida introduttiva dei sistemi HD
Selettore dispositivo/canale MIDI
4 È possibile assegnare alla traccia un
cambiamento di programma predefinito
facendo clic sul pulsante Program della finestra
Mix ed effettuando le selezioni necessarie per la
selezione del banco e del programma, quindi
facendo clic su Done. I cambiamenti di
programma predefiniti vengono inviati
durante la riproduzione di una traccia.
5 Nella finestra Mix attivare per la registrazione
la traccia MIDI.
6 Verificare che il comando MIDI > MIDI Thru
sia selezionato, quindi riprodurre alcune note
sul controller MIDI. Lo strumento MIDI
assegnato alla traccia dovrebbe suonare e
i meter della traccia dovrebbero registrare
l'attività MIDI.
6 Una volta terminata la registrazione, fare clic
su Stop nella finestra Transport oppure premere
la barra spaziatrice. I dati MIDI appena registrati
vengono visualizzati come regione MIDI sulla
traccia nella finestra Edit e nell'elenco delle
regioni MIDI.
Per riprodurre la traccia MIDI registrata:
1 Fare clic sul pulsante Record Enable per
Per registrare in una traccia MIDI:
1 Verificare che la traccia MIDI che si desidera
registrare sia attivata per la registrazione e riceva
i dati MIDI.
2 Nella finestra Transport fare clic su Return To
Zero per far iniziare la registrazione dall'inizio
della sessione. È inoltre possibile registrare in
base a una selezione o alla posizione del cursore
nella finestra Edit
3 Fare clic sul pulsante Record nella finestra
Transport.
escludere la traccia MIDI dalla modalità di
attivazione per la registrazione.
2 Nella finestra Transport fare clic su Return To
Zero per far iniziare la riproduzione dall'inizio
della traccia. È anche possibile eseguire la
riproduzione a partire da una selezione o dal
punto in cui è posizionato il cursore nella
finestra Edit.
3 Fare clic sul pulsante Play nella finestra
Transport per avviare la riproduzione. I dati
MIDI registrati vengono riprodotti attraverso
il canale e lo strumento assegnato della traccia.
4 Fare clic su Play nella finestra Transport
oppure premere la barra spaziatrice per avviare
la registrazione.
–o–
Se si utilizza la funzione Wait for Note, i pulsanti
Play, Record e Wait for note lampeggiano.
La registrazione inizia quando viene ricevuto
il primo evento MIDI.
–o–
Monitoraggio degli strumenti MIDI senza un
mixer
Per il monitoraggio dell'uscita analogica dello
strumento MIDI, è possibile utilizzare un
ingresso Aux. Gli ingressi ausiliari funzionano
come ingressi per segnali inviati internamente
mediante bus e per sorgenti audio esterne.
Per configurare un ingresso ausiliario (Aux) per
il monitoraggio MIDI:
Se si utilizza l'opzione Countoff, fare clic su Play.
I pulsanti di registrazione e riproduzione
lampeggiano durante il conteggio, dopodiché
ha inizio la registrazione.
1 Collegare l'uscita audio dello strumento MIDI
agli ingressi appropriati dell'interfaccia audio.
5 Riprodurre le note sullo strumento MIDI.
ingresso Aux mono o stereo, quindi fare clic
su Create.
2 Scegliere File > New Track e specificare un
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
97
3 Fare clic sul selettore dell'ingresso del canale
dell'ingresso ausiliario e scegliere l'ingresso al
quale è collegato lo strumento MIDI.
4 Fare clic sul selettore di uscita del canale
dell'ingresso ausiliario e scegliere un'uscita.
5 Regolare il livello dell'ingresso ausiliario con
il fader del volume.
Montaggio
Strumenti di montaggio
Modalità e strumenti di montaggio (modalità Slip
con strumenti SmartTool attivati)
Il montaggio delle tracce audio e MIDI
generalmente serve a:
• Correggere o sostituire parti errate.
• Eseguire riarrangiamenti di brani e progetti.
• Regolare la sincronizzazione e il ritmo delle
tracce con l'allineamento ai valori Grid, quali
battute e battiti, timecode o altri componenti
della timebase.
• Creare tracce finali mediante selezioni
di take multipli (operazione detta anche
traccia comp).
98
In Pro Tools sono disponibili quattro modalità
Edit: Shuffle, Spot, Slip e Grid. Per selezionare
la modalità desiderata, fare clic sul pulsante
corrispondente in alto a sinistra nella
finestra Edit.
Pulsanti delle modalità Edit
In Pro Tools sono disponibili numerosi
strumenti per il montaggio audio e MIDI. Nella
finestra Edit è possibile montare le tracce audio
e MIDI in regioni, o duplicarle in posizioni
diverse, per creare loop, modificare la
disposizione di sezioni o di interi brani oppure
per assemblare le tracce utilizzando materiale
proveniente da numerosi take.
Modalità di montaggio
Modalità Edit
Guida introduttiva dei sistemi HD
In alternativa, per impostare la modalità
Edit desiderata è possibile premere i tasti F1
(Shuffle), F2 (Slip), F3 (Spot) e F4 (Grid).
Le modalità Edit influiscono sullo spostamento
e l'inserimento delle regioni audio e MIDI
(e delle singole note MIDI), nonché sul
funzionamento di comandi quali Copy e Paste
e di vari strumenti di montaggio (Trimmer,
Selector, Grabber e Pencil).
Per informazioni dettagliate sulle modalità
Edit, consultare la Guida di riferimento di
Pro Tools.
Strumenti di montaggio
Montaggio di regioni
In Pro Tools sono disponibili sette strumenti di
montaggio: Zoomer, Trimmer, Selector, Grabber,
Scrubber, Pencil e Smart Tool. Selezionare uno
strumento di montaggio facendo clic sullo
strumento stesso nella finestra Edit.
Gli strumenti Zoomer, Trimmer, Grabber
e Pencil dispongono di modalità multiple,
selezionabili in un menu a comparsa quando
si fa clic sullo strumento.
Gli strumenti di montaggio di Pro Tools
consentono il montaggio delle regioni nella
finestra Edit. Per regione si intende un gruppo
di dati audio o MIDI che può disporre di dati di
automazione associati. Ad esempio, una regione
può essere un loop, un riff di chitarra, un verso
di canzone, un effetto sonoro, un brano di
conversazione o un intero file audio.
In Pro Tools le regioni vengono create a partire
da file audio o MIDI e possono essere disposte
negli ordini di riproduzione delle tracce audio
e MIDI.
Trimmer
Grabber
Selector
Zoomer
Smart Tool
Scrubber
Pencil
Strumenti di montaggio della finestra Edit
Regione audio
Trimming delle regioni
Per selezionare in sequenza gli strumenti
di montaggio, premere più volte il tasto Esc.
Per descrizioni dettagliate degli strumenti
di montaggio, consultare la Guida di
riferimento di Pro Tools.
Dopo la registrazione di una traccia audio,
su tale traccia sarà disponibile una regione
audio. Se all'inizio della regione è presente del
silenzio o alla fine della regione è presente audio
extra, è possibile ridurre l'inizio o la fine della
regione tramite lo strumento Trimmer in
modalità Slip.
Regione audio su una traccia
Per eseguire il trimming di una regione audio:
1 Selezionare la modalità Slip.
2 Selezionare lo strumento Trimmer.
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
99
3 Spostare il cursore vicino all'inizio della
regione audio (osservare che il cursore assume la
forma di una parentesi quadra aperta, "[").
Per creare e arrangiare una traccia ritmica:
1 Aprire o creare una sessione di Pro Tools.
2 Specificare il meter (MIDI > Change Meter)
e il tempo metrico (MIDI > Change Tempo)
della sessione.
3 Selezionare la modalità Grid.
Trimming dell'inizio di una regione
4 Prepararsi a registrare con un click MIDI
4 Fare clic all'inizio della regione e trascinare
(vedere "Utilizzo di Click" a pagina 82).
verso destra per accorciare la regione.
5 Registrare una traccia di percussioni (vedere
5 Spostare il cursore vicino alla fine della
"Registrazione di una traccia audio" a pagina 94)
tenendo presente che si desidera utilizzare
soltanto la battuta (misura) migliore.
La registrazione dovrà adattarsi alla griglia,
con il tempo metrico e il meter specificati.
regione audio (osservare che il cursore assume
la forma di una parentesi quadra chiusa, "]").
–o–
Trimming della fine di una regione
6 Fare clic alla fine della regione e trascinare
verso sinistra per accorciare la regione.
Importare un file audio esistente, quale
un loop di percussioni, da una libreria
di campionamento e posizionarlo in una
traccia audio (vedere "Importazione di audio"
a pagina 91).
6 Trascinare sulla forma d'onda tramite
Regione con trimming
È inoltre possibile estendere una regione con lo
strumento Trimmer se sono presenti dati audio
oltre i limiti correnti della regione stessa.
Per estendere l'inizio della regione trascinare
verso sinistra; per estendere la fine della regione,
trascinare verso destra.
il selettore, per creare una selezione
corrispondente a una battuta. Osservare
che la selezione viene ancorata alla griglia
specificata.
Creazione di una selezione in modalità Grid
7 Creare una nuova traccia audio scegliendo
100
Arrangiamento delle regioni
File > New Track.
È possibile montare e arrangiare le regioni
in vari modi; l'esempio che segue illustra
la creazione e l'arrangiamento di un loop
di percussioni per la composizione di una
traccia ritmica.
8 Dal menu a comparsa Grabber, scegliere
Guida introduttiva dei sistemi HD
lo strumento Separation Grabber.
9 Con Separation Grabber, trascinare la
selezione all'inizio della nuova traccia audio.
Viene creata una nuova regione, visualizzata
all'inizio della nuova traccia.
Trascinamento di una selezione con lo strumento
Separation Grabber
10 Mentre è selezionata la nuova regione,
scegliere Edit > Repeat.
Ordini di riproduzione e montaggio non
distruttivo
Gli ordini di riproduzione consentono di creare
e recuperare molteplici versioni di montaggi di
tracce. Un ordine di riproduzione può consistere
in un take completo, in un overdub o in una
particolare disposizione di selezioni di take
multipli. Per salvare lo stato corrente di un
montaggio, è possibile duplicare l'ordine di
riproduzione corrente, quindi continuare
a eseguire montaggi nel nuovo ordine di
riproduzione con la consapevolezza di potere
sempre ripristinare la versione precedente.
Per creare più ordini di riproduzione da montare:
1 Iniziare con una traccia sulla quale si desidera
sperimentare diversi montaggi.
2 Dal menu a comparsa Playlist Selector,
Finestra di dialogo Repeat
scegliere Duplicate.
11 Nella finestra di dialogo Repeat immettere un
numero di ripetizioni, quindi scegliere OK.
Si dispone ora di una nuova traccia ritmica,
con una frase ripetuta (loop). Gli strumenti
di montaggio consentono operazioni di
elaborazione delle regioni molto più complessi.
Ad esempio è possibile separare i battiti o hit in
regioni individuali e disporli in modalità Grid
o Shuffle per produrre ritmi innovativi e
interessanti.
Duplicazione di un ordine di riproduzione
3 Assegnare un nome all'ordine di riproduzione
duplicato e scegliere OK.
4 Applicare le prime operazioni di montaggio.
5 Tornare all'ordine di riproduzione originale
scegliendolo dal menu a comparsa Playlist
Selector.
6 Ripetere i punti 2–5 per le altre operazioni
di montaggio.
In tal modo è possibile tentare vari montaggi
di una traccia e alternare tra gli ordini
di riproduzione per effettuare confronti.
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
101
Missaggio
L'ambiente di missaggio di Pro Tools contiene
molti dei tradizionali controlli presenti sulle file
dei canali per l'impostazione di volume, pan,
assoli e silenziamenti. È possibile visualizzare
i controlli I/O e della console di missaggio in
entrambe le finestre Mix e Edit.
Per visualizzare la finestra Mix:
Selezionare Windows > Show Mix.
Premere Comando+uguale (=) in Macintosh
o Ctrl+uguale (=) in Windows per alternare
tra le finestre Edit e Mix.
Utilizzo dei controlli Channel Strip
(file di canali)
Volume Aumentare o diminuire il volume della
traccia trascinando il fader Volume verso l'alto
o verso il basso.
Pan Per eseguire il pan di una traccia verso
destra o verso sinistra nel missaggio, trascinare
il dispositivo di scorrimento Pan della traccia
verso destra o verso sinistra.
Solo Per eseguire in assolo una traccia
(silenziando tutte le altre), fare clic sul pulsante
Solo della traccia.
Mute Per silenziare una traccia, fare clic sul
pulsante Mute della traccia.
102
Guida introduttiva dei sistemi HD
Routing di base del segnale
Il routing del segnale viene eseguito mediante
l'assegnazione degli ingressi e delle uscite delle
tracce. Gli ingressi di tracce audio possono
derivare da qualsiasi input hardware o percorso
bus. Una volta registrato, l'ingresso di una
traccia audio corrisponde al file audio della
traccia su disco. Gli ingressi Aux possono essere
qualsiasi input hardware o percorso bus interno.
Per tutti i tipi di tracce audio, è possibile
indirizzare le uscite su qualsiasi uscita hardware
o percorso bus interno.
L'insieme di queste funzionalità di
indirizzamento del segnale consente di
realizzare numerose architetture di missaggio,
inclusi missaggio secondario, mandate e ritorni
per l'elaborazione di effetti e missaggio
multicanale surround.
Missaggio secondario di mandata
e ritorno per l'elaborazione degli effetti
Quando si esegue un missaggio secondario per
l'elaborazione del riverbero, del delay e di effetti
simili, utilizzare le mandate e gli ingressi Aux
per ottenere un bus di mandata/ritorno
tradizionale. È possibile utilizzare un plug-in
real-time (vedere "Plug-in" a pagina 105)o un
insert di ingresso/uscita hardware (vedere
"Collegamento delle unità per effetti"
a pagina 75) come risorsa condivisa per tutte
le tracce incluse in un missaggio secondario.
È possibile controllare il bilanciamento wet/dry
del missaggio utilizzando i fader delle tracce
(livello dry) e il fader dell'ingresso Aux (livello
wet o ritorno di effetti).
Creazione di una mandata
Creazione di un ritorno
In Pro Tools sono disponibili fino a cinque
mandate per traccia audio. Una mandata può
essere mono o stereo, indirizzata a un'uscita
o a un percorso di bus interno tra i 64
disponibili.
Gli ingressi Aux possono essere creati e per
funzionare come canali di ritorno per bus
e per ingressi di sorgenti hardware.
Finestra Send
Mandata
ai bus 9–10
Plug-in real-time
Per assegnare una mandata a una traccia:
1 Verificare che nella finestra Mix sia attivata
la vista Sends (Display > Mix Window Shows >
Sends View).
2 Fare clic sul pulsante Sends di una traccia
audio e scegliere un percorso dal menu
a comparsa.
Ingresso Aux
ingresso dai bus 9–10
Assegnazione di una mandata a un percorso di bus
stereo
Tracce audio di ingresso Aux configurate per una
mandata e un ritorno
3 Impostare il livello di uscita della mandata.
Per creare un ritorno:
È possibile impostare il livello di mandata su
zero premendo il tasto Opzione (Macintosh)
o Alt (Windows) e facendo clic sul fader della
mandata.
È possibile configurare il livello predefinito
delle nuove mandate su –∞ o sul valore
di guadagno unitario (0 dB) attivando
o disattivando l'opzione Sends Default
To "–INF" in Operation Preferences.
1 Scegliere File > New Track e specificare un
ingresso Aux mono o stereo, quindi fare clic
su Create.
2 Fare clic sul selettore di ingresso dell'ingresso
Aux e impostarla sul percorso di bus assegnato
alle mandate sulle tracce sorgente.
3 Fare clic sul selettore di uscita dell'ingresso
Aux e scegliere un percorso di uscita.
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
103
Master fader
I master fader sono utilizzati come master
di uscita e di bus e possono controllare
qualsiasi percorso bus o di uscita mono, stereo
o multicanale di una sessione. È quindi possibile
utilizzare i controlli del master fader per
controllare il volume, l'assolo e il silenziamento
o per applicare insert in tali percorsi.
Durante il mastering del missaggio finale,
si consiglia di utilizzare un plug-in dither
sul master fader che controlla le uscite principali
(vedere "Utilizzo del dither nel missaggio"
a pagina 107).
Plug-in dither applicato al missaggio finale
Uscita assegnata al controllo
del missaggio principale
Master fader che controlla le uscite principali
Per creare un master fader:
1 Scegliere File > New Track e specificare
una traccia mono o stereo del master fader,
quindi fare clic su Create.
2 Nella finestra Mix, fare clic sul selettore
di uscita del master fader e scegliere il percorso
di uscita che si desidera controllare. È possibile
scegliere uscite o bus interni.
104
Guida introduttiva dei sistemi HD
Per utilizzare un master fader come controllo
di volume stereo principale per tutte le tracce
di una sessione:
1 Scegliere File > New Track e specificare una
traccia stereo del master fader, quindi fare clic
su Create.
2 Impostare le uscite di tutte le tracce audio
della sessione sulle uscite 1–2 e impostare il pan
di ogni traccia.
3 Impostare l'uscita del master fader sul percorso
di uscita principale (uscite 1-2).
Per inserire un plug-in in tempo reale in una
traccia:
Plug-in
I plug-in offrono numerosi tipi di elaborazione
di effetti, quali EQ, elaborazioni dinamiche,
ritardi e molti altri.
I plug-in possono funzionare sia in tempo reale
sia non in tempo reale. I plug-in TDM e RTAS
non sono distruttivi e vengono inseriti sulle
tracce per l'elaborazione audio in tempo reale,
analogamente a processori hardware esterni
(durante la riproduzione). Al contrario, i plug-in
AudioSuite sono distruttivi ed elaborano i file
audio su disco in tempo non reale.
I plug-in real-time vengono assegnati alle tracce
dalla vista Inserts della finestra Mix o Edit.
Una volta assegnati alle tracce, i plug-in
vengono visualizzati nella vista Inserts
di ciascuna traccia e possono essere aperti
facendo clic sul pulsante Insert.
Pulsante Insert
Plug-in
1 Verificare che la vista Inserts sia visualizzata
nella finestra Mix o Edit.
2 Fare clic sul selettore di insert della traccia
e selezionare il plug-in che si desidera utilizzare.
Pro Tools viene fornito con una serie completa
di plug-in DigiRack; molti altri plug-in sono
disponibili presso Digidesign e i partner di
sviluppo.
Per ulteriori informazioni sui plug-in,
vedere la Guida dei Plug-In DigiRack,
la Guida dei Plug-In Digidesign e il capitolo
sui plug-in della Guida di riferimento di
Pro Tools.
Automazione del missaggio
L'automazione del missaggio consente
di registrare o automatizzare le modifiche
apportate a livelli di tracce e mandate, assoli,
pan e plug-in. È tuttavia possibile automatizzare
soltanto il volume, il pan e il silenziamento
delle tracce MIDI.
Per scrivere automazione:
1 Nella finestra Automation Enable
(Windows > Show Automation Enable)
attivare un tipo di automazione (volume, pan,
silenziamento, livello di mandata, pan di
mandata, silenziamento di mandata o qualsiasi
automazione di plug-in).
2 Selezionare una modalità di automazione per
Plug-in Compressor
la tracce che si desidera automatizzare (modalità
Write, Touch, Latch o Trim).
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
105
3 Avviare la riproduzione e iniziare a creare
l'automazione, regolando i fader e gli altri
controlli durante la riproduzione stessa.
In Pro Tools vengono memorizzate tutte le
operazioni effettuate sui parametri attivati.
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di
una superficie di controllo MIDI, vedere
la Guida delle superfici di controllo MIDI.
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo
di ProControl o Control|24, vedere le
rispettive guide.
Missaggio finale
Attivazione dell'automazione (a sinistra) e scelta di una
modalità di automazione della traccia (a destra)
Una volta creata, l'automazione può essere
riscritta nuovamente o visualizzata e modificata
graficamente nella finestra Edit.
Il comando Bounce to Disk consente di scrivere
un missaggio finale su disco, creare un nuovo
loop, stampare effetti o effettuare il bouncing
di qualsiasi missaggio secondario. Una volta
eseguito il bouncing del missaggio finale su
disco, è possibile utilizzare un altro programma
per masterizzare il risultato su CD.
Quando si effettua il bouncing su disco
di una traccia, il missaggio ottenuto include
quanto segue:
Vista traccia impostata su Volume
Punto di interruzione dell'automazione del volume
Automazione del volume di una traccia nella
finestra Edit
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo
dell'automazione, consultare la Guida
di riferimento di Pro Tools.
Missaggio con una superficie di
controllo
Per missaggi più efficaci, anziché utilizzare
il mouse, regolando un fader alla volta,
può risultare più pratico avvalersi di una
superficie di controllo MIDI (quale Motor Mix
di CM Labs) o di una superficie di controllo
Ethernet (quale ProControl o Control|24).
106
Guida introduttiva dei sistemi HD
Tracce udibili Tutte le tracce udibili sono
incluse nel bouncing. Le tracce silenziate non
compaiono nel bouncing. Se si applica l'assolo
a una traccia o una regione, soltanto gli
elementi a cui è stato applicato l'assolo
compaiono nel missaggio ottenuto.
Modalità di automazione Tutta l'automazione
attivata per la lettura viene riprodotta
e incorporata nel missaggio ottenuto.
Insert e mandate Tutti gli insert attivi, inclusi
i plug-in in tempo reale e gli insert hardware,
vengono applicati al missaggio ottenuto.
Lunghezza della selezione o della traccia
Se si effettua una selezione in una traccia,
il missaggio di cui è stato effettuato il bouncing
sarà della stessa lunghezza della selezione.
Se non vi è alcuna selezione in nessuna traccia,
il bouncing sarà della lunghezza della traccia
udibile più lunga della sessione.
Per effettuare il bouncing su disco:
1 Scegliere File > Bounce to Disk.
2 Selezionare un percorso di bus o uscita mono,
stereo o multicanale qualsiasi come sorgente per
il bouncing.
3 Selezionare valori per File Type (ad esempio
WAV), Format (mono o stereo), Resolution
(ad esempio 16 bit) e Sample Rate (ad esempio
44,1 kHz).
4 Fare clic su Bounce.
Utilizzo del dither nel missaggio
È consigliabile utilizzare un plug-in dither per
l'utilizzo del comando Bounce To Disk per
il mastering su un dispositivo esterno.
Il comando Bounce to Disk non applica
automaticamente il dither. Per effettuare il
dither di un file di bouncing, inserire il plug-in
Dither di Digidesign incluso, o un altro plug-in
di dithering, in un master fader assegnato
al percorso della sorgente di bouncing. I master
fader sono spesso da preferire agli ingressi Aux
perché gli insert master fader sono post-fader
(opzione migliore per le applicazioni
di dithering).
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo del
dither, consultare la Guida di riferimento
di Pro Tools.
Capitolo 5: Utilizzo di Pro Tools
107
108
Guida introduttiva dei sistemi HD
appendice a
Collegamento delle unità SCSI
Le unità disco rigido SCSI sono il supporto
di registrazione consigliato per i sistemi
Pro Tools TDM.
Sebbene con Pro Tools sia possibile registrare
dall'unità di sistema, solitamente questa
procedura è sconsigliata. Le prestazioni per
la registrazione e la riproduzione sulle unità
di sistema risultano infatti peggiori rispetto alle
unità non di sistema, con un numero inferiore
di tracce e di plug-in.
Le unità disco rigido SCSI presentano numerosi
vantaggi rispetto alle unità ATA/IDE o FireWire
dedicate. In primo luogo le unità SCSI possono
essere anche esterne e quindi rappresentano
uno strumento di memorizzazione audio
portatile che può essere spostato facilmente
da un sistema all'altro. In secondo luogo,
le unità SCSI consentono di ottenere prestazioni
migliori per quanto riguarda la registrazione su
un numero elevato di tracce; se si registra un
numero elevato di tracce con un'unità ATA/IDE,
si verificherà un breve ritardo prima dell'inizio
della registrazione.
Requisiti SCSI
Per prestazioni di registrazione e riproduzione
ottimali, Digidesign consiglia l'utilizzo di unità
disco rigido SCSI approvate e di una scheda
approvata HBA (Host Bus Adapter) SCSI o (per
sistemi Windows) di un controller SCSI HBA
(Host Bus Adapter) approvato incorporato sulla
scheda madre.
Le unità SCSI approvate forniscono i seguenti
conteggi di tracce con audio a 24 bit, fino al
numero massimo di tracce consentito dalla
configurazione del sistema:
• 32 tracce per unità a 44,1 kHz o 48 kHz
• 16 tracce per unità a 88,2 kHz o 96 kHz
• 6 tracce per unità a 176,4 kHz o 192 kHz
Una sessione da 128 tracce a 44,1 kHz o 48 kHz
richiederà quattro unità SCSI.
Le unità SCSI devono fornire una velocità di
trasmissione dati di almeno 9 MB per secondo
di velocità sostenuta.
L'elenco delle unità disco rigido SCSI e delle
schede SCSI HBA approvate è disponibile nel
sito Web Digidesign (www.digidesign.com).
Il software RAID non è supportato per
le unità audio.
Appendice A: Collegamento delle unità SCSI
109
Cavi SCSI
Spazio su disco per tracce audio
Utilizzare cavi SCSI più corti per migliorare
l'affidabilità. Nella tabella 1 vengono fornite le
linee guida per le lunghezze massime dei cavi
a seconda del tipo di scheda SCSI.
Una traccia audio mono registrata a una
risoluzione di 24 bit con una frequenza di
campionamento a livello CD di 44,1 kHz
richiede all'incirca 7,5 MB di spazio su disco
rigido al minuto. La stessa traccia registrata a
una risoluzione di 16 bit richiede circa 5 MB
al minuto. Le tracce stereo richiedono circa
il doppio di tale spazio su disco rigido.
Nella seguente tabella la lunghezza massima
dei cavi si riferisce alla lunghezza complessiva
di tutti i cavi utilizzati nei collegamenti e non
semplicemente alla distanza da un'estremità
all'altra dei cavi.
Tabella 1: Lunghezza massima del cavo e numero di
unità supportate a seconda del tipo di scheda SCSI
110
Tipo di scheda
SCSI e velocità
di trasferimento
Lunghezza
massima
del cavo
N. massimo
di unità
Fast SCSI
10 MB al sec.
3 metri
8
Wide SCSI
20 MB al sec.
3 metri
16
Ultra SCSI
20 MB al sec.
narrow a 8 bit
3 metri
5
Ultra SCSI
40 MB al sec.
wide a 16 bit
3 metri
5
Ultra SCSI
20 MB al sec.
narrow a 8 bit
1,5 metri
6–8
Ultra SCSI
40 MB al sec.
wide a 16 bit
1,5 metri
6–8
Ultra2 SCSI
LVD (Low Voltage
Differential)
80 MB al sec.
1,2 metri
16
Guida introduttiva dei sistemi HD
Sulla base di tali linee guida:
• 128 tracce audio mono a 44,1/48 kHz, 24 bit
richiedono circa 969 MB (44,1 kHz)
o 1055 MB (48k Hz) di spazio su disco
al minuto.
• 128 tracce audio mono a 44,1/48 kHz, 16 bit
richiedono circa 646 MB (44,1 kHz) o 703 MB
(48 kHz) di spazio su disco per minuto.
• 64 tracce audio mono a 88,2 o 96 kHz,
24 bit richiedono circa 969 MB (88,2 kHz)
o 1055 MB (96 kHz) di spazio su disco
al minuto.
• 64 tracce audio mono a 88,2 o 96 kHz, 16 bit
richiedono circa 646 MB (88,2 kHz) o 703 MB
(96 kHz) di spazio su disco al minuto.
• 24 tracce audio mono a 176,4 o 192 kHz,
24 bit richiedono circa 727 MB (176,4 kHz)
o 791 MB (192 kHz) di spazio su disco
al minuto.
Distribuzione dell'audio su più unità
Per ottenere migliori prestazioni di registrazione
e di riproduzione non registrare o riprodurre
tutti i file audio in una sessione dalla stessa
unità. Utilizzare invece le funzioni di
assegnazione del disco di Pro Tools per
distribuire i file audio tra più unità. Per ulteriori
informazioni consultare la Guida di riferimento
di Pro Tools.
4 Collegare le unità aggiuntive tramite catena
a margherita da un'unità all'altra. Mantenere
al minimo la lunghezza del cavo (vedere
Tabella 1).
5 Verificare che la terminazione dell'ultima
periferica SCSI della catena sia appropriata.
(Vedere "Terminazione SCSI" a pagina 112.)
6 Collegare i cavi di alimentazione alle unità
disco rigido.
Separazione dei file video e audio
Se si sta operando con QuickTime, i file di
filmati devono trovarsi su un bus SCSI diverso
da quello dei file audio. Se i file audio si trovano
su dischi collegati alla scheda SCSI HBA, i dati
video devono trovarsi su unità collegate a un
bus SCSI diverso.
Schede SCSI HBA a doppio canale
Se si utilizza una scheda SCSI HBA a doppio
canale, per ottimizzare le prestazioni è
necessario assegnare nella stessa misura i file
audio alle unità collegate a ognuno dei due bus
presenti sulla scheda.
Se si utilizzano file video, assicurarsi di collocare
i file video su un bus e i file audio sull'altro bus.
SCSI
accelerator
card
Scheda
SCSI
to SCSI hard
drive
al disco
SCSI
Collegamento di un cavo SCSI a una scheda SCSI HBA
Collegamento delle unità
SCSI
to SCSIscheda
acceleratorSCSI
card
alla
Per collegare un'unità SCSI esterna:
1 Spegnere sia il computer, sia il disco rigido.
2 Collegare il cavo SCSI dalla porta SCSI del
Collegamento di un disco rigido SCSI esterno
disco rigido alla porta SCSI della scheda SCSI
HBA o del computer.
3 Fissare i connettori del cavo al disco rigido
e al computer.
Appendice A: Collegamento delle unità SCSI
111
Terminazione SCSI
Requisiti per Windows
Per il corretto funzionamento del sistema,
è necessario che la catena SCSI del computer sia
terminata in modo appropriato. Solo l'ultima
periferica collegata alla catena deve essere
terminata utilizzando il tipo di terminazione
consigliato dal produttore del disco rigido.
Le unità disco rigido SCSI utilizzate per la
registrazione audio su sistemi TDM devono
essere formattate con file system FAT32 o NTFS.
In Windows 2000 e Windows XP le partizioni
NTFS del disco possono essere di dimensioni
quasi illimitate, mentre il limite delle partizioni
FAT32 è di 32 GB.
È necessario che l'unità sia dotata di una presa
esterna di terminazione o che i terminatori
interni siano attivati. Se si utilizza una presa di
terminazione, Digidesign consiglia di acquistare
e utilizzare un terminatore attivo.
Evitare di attivare la terminazione interna
e installare una presa di terminazione sulla
stessa unità. In questo modo si verificano
errori SCSI. Per le informazioni relative al
tipo di terminazione utilizzata dal disco
rigido, consultare la relativa
documentazione.
I sistemi TDM per Windows necessitano
del software Microsoft Windows Disk
Administration per la formattazione e la
partizione del disco. Utilizzare soltanto
un'utility disco per tutte le unità di sistema.
Inizializzazione di un'unità
Macintosh
Per inizializzare una nuova unità Macintosh:
1 Accendere le unità disco rigido, il computer
e tutte le altre periferiche.
Formattazione rapida delle
unità SCSI
Requisiti per Macintosh
Nei sistemi Macintosh le unità disco rigido SCSI
utilizzate per la registrazione audio su sistemi
TDM devono essere formattate o inizializzate
per entrambi i file system HFS e HFS+.
È possibile utilizzare partizioni di unità di fino
a 2 terabyte (2000 gigabyte).
I sistemi TDM richiedono l'impiego delle utility
ExpressPro-Tools (Mac OS 9) o ExpressStripe
(Mac OS X) di ATTO (incluse nel CD Installer
di Pro Tools) per tutte le operazioni di
formattazione e partizionamento delle unità
disco. Utilizzare soltanto un'utility disco per
tutte le unità di sistema.
112
Guida introduttiva dei sistemi HD
2 Eseguire una delle seguenti operazioni:
• In Mac OS 9, inizializzare e partizionare le
nuove unità disco rigido mediante l'utility
ExpressPro-Tools inclusa nel CD Installer di
Pro Tools.
• In Mac OS X, inizializzare e partizionare le
nuove unità disco rigido mediante l'utility
ExpressStripe inclusa nel CD Installer di
Pro Tools.
Per informazioni sull'impiego delle utility
di formattazione dischi, consultare la
documentazione in linea delle utility.
Se si dispone di unità disco già formattate
con l'utility di formattazione FWB, non
istallare le estensioni ATTO ExpressProTools o Express Stripe. Tali estensioni non
sono necessarie per la formattazione delle
nuove unità.
Inizializzazione di un'unità
Windows
Per formattare una nuova unità Windows:
1 Accendere le unità disco rigido, il computer
e tutte le altre periferiche.
2 Utilizzare il software Microsoft Disk
Management che si trova nel pannello di
controllo Strumenti di amministrazione in
Gestione computer > Archivio.
Per informazioni su come utilizzare Disk
Management, consultare il manuale e la guida
in linea di Windows.
Informazioni generali sulla
manutenzione del disco rigido
Se si utilizzano unità Macintosh in sistemi
Windows, fare riferimento alla sezione
"Utilizzo di unità Macintosh su sistemi
Windows" a pagina 116.
Formattazione delle unità
Esistono due tipi diversi di formattazione:
formattazione di alto livello e formattazione
di basso livello.
Formattazione di alto livello
(Inizializzazione)
La formattazione di alto livello
o l'inizializzazione di un'unità sostituisce la
directory dell'unità, la mappa di partizione del
volume e le unità. Vengono create informazioni
relative all'unità e vengono installati driver che
comunicano tali informazioni alla CPU host.
L'unità stessa non viene cancellata e non
viene eseguito un controllo.
Quando è necessario eseguire una
formattazione di alto livello?
Generalmente è necessario eseguire la
formattazione di alto livello del disco rigido
in uno dei casi seguenti:
Se viene installata una nuova unità da
utilizzare su un computer per la prima volta
e tale unità non è ancora stata formattata con
formattazione di alto livello.
Se si ritiene che le directory contenenti
le informazioni sull'unità abbiano subito
danneggiamenti.
Se l'unità viene trasferita da una piattaforma
a un'altra. Ad esempio, se si passa da un sistema
Macintosh a uno Windows o viceversa,
sarà necessario riformattare l'unità con
formattazione di alto livello nel nuovo
sistema operativo.
Digidesign sconsiglia l'utilizzo della
formattazione di basso livello.
Appendice A: Collegamento delle unità SCSI
113
Formattazione di basso livello (fisica)
Partizionamento di unità disco
Eseguendo la formattazione di basso livello il
disco rigido viene cancellato completamente
e viene riscritto ogni indirizzo di settore
sull'unità. Con la formattazione di basso livello
gli indirizzi di settore e di traccia, i codici di
correzione degli errori e altri dettagli vengono
scritti sui dischi del disco rigido sotto forma di
un modello magnetico. La formattazione di
basso livello cancella in modo permanente tutti
i dati presenti sull'unità.
La partizione divide un'unità fisica in più
volumi univoci, quasi come se si creassero unità
disco rigido virtuali. La partizione viene
generalmente eseguita quando l'unità viene
formattata con partizione di alto livello
(Macintosh) o inizializzata (Windows).
Quando è necessario eseguire la formattazione
di basso livello?
In effetti tutte le unità vengono fornite dal
produttore già preformattate. La formattazione
di basso livello generalmente non è necessaria
salvo in rare circostanze. Ovvero:
Se si desidera modificare le dimensioni del
blocco dell'unità. Digidesign consiglia di non
eseguire questa operazione. I sistemi Digidesign
riconoscono solo i blocchi a 512 byte.
Se si desidera eseguire l'eliminazione
permanente dei dati.
Se si desidera pulire un'unità che è stata
trasferita da un sistema operativo a un altro,
ad esempio da UNIX a Macintosh.
Se si ritiene necessario eseguire la formattazione
di basso livello, tenere presente che può
richiedere fino a tre o più ore a seconda delle
dimensioni dell'unità. Evitare le interruzioni
di alimentazione e le reimpostazioni del bus
del computer durante le operazioni di
formattazione per evitare di causare un danno
permanente all'unità. Inoltre, accendere l'unità
almeno 30 minuti prima di eseguire la
formattazione in modo che disponga del tempo
necessario per eseguire le necessarie operazioni
di regolazione termica o ricalibrazione.
114
Guida introduttiva dei sistemi HD
In Mac OS è possibile visualizzare unità
di dimensioni superiori a 4096 MB come
volumi interi. Le unità devono essere
inizializzate con un'utility che riconosca il
limite di 2 terabyte. I singoli file audio di
Pro Tools non possono superare i 2048 MB.
Windows XP consente di visualizzare le
unità formattate con file system NTFS
o FAT32 come volumi interi. I singoli file
audio di Pro Tools non possono superare
i 2048 MB.
Tempi di posizionamento delle unità
partizionate
I tempi di posizionamento sono effettivamente
più rapidi su unità con partizioni (supponendo
che le letture e le scritture vengano eseguite su
una singola partizione), dal momento che le
testine del disco devono essere posizionate
solo entro i limiti della partizione e non
sull'intera unità.
Inoltre, le partizioni più piccole sono più rapide.
Tuttavia, ciò va a scapito dello spazio di
archiviazione contiguo. Quando si esegue la
partizione di un'unità, è necessario trovare il
compromesso che meglio si addice ai requisiti
di prestazioni e archiviazione.
Evitare di distribuire i file audio di una
sessione su diverse partizioni della stessa
unità, per non influire negativamente sulle
prestazioni dell'unità.
Come evitare la frammentazione
dei file
Ottimizzazione delle unità
(deframmentazione)
Per ottenere la massima efficienza di
registrazione e di riproduzione, è necessario
che i dati vengano scritti su disco rigido in
modo contiguo, minimizzando i requisiti di
posizionamento per la riproduzione dei dati.
Purtroppo il sistema non sempre può
memorizzare in questo modo i file audio, che di
conseguenza vengono scritti su disco dovunque
vi sia spazio disponibile.
Per impedire la frammentazione è possibile
ottimizzare l'unità riordinando i file in un
formato contiguo. La maggior parte dei software
di ottimizzazione consente di eseguire un
controllo sull'unità per verificare la percentuale
di frammentazione. Se l'unità presenta una
frammentazione moderata o più accentuata,
è necessario eseguire l'ottimizzazione.
Nella registrazione multitraccia le tracce audio
vengono scritte in file discreti, distribuite
uniformemente nel disco. Nonostante la
frammentazione dei singoli file possa essere
pari a zero, le tracce possono trovarsi
sufficientemente separate, in modo che, per la
riproduzione degli stessi, sia necessario un
elevato numero di posizionamenti della testina.
Inoltre, il rimanente spazio libero su disco non
sarà contiguo, aumentando la possibilità di
frammentazione del file sui successivi passaggi
di registrazione.
Un incremento della frammentazione aumenta
le possibilità di errori su disco che possono
interferire con la riproduzione dell'audio
determinando errori di esecuzione.
In Windows per evitare la frammentazione
formattare le unità con cluster di
dimensione superiore (quale 32K).
Se il sistema viene utilizzato per eseguire
modifiche intensive o se si eliminano di
frequente file audio o sfumature dal disco rigido,
è necessario eseguire l'ottimizzazione delle unità
su base settimanale, o anche più volte alla
settimana, dal momento che il processo di
frammentazione non richiede molto tempo
anche per dischi rigidi di grandi dimensioni.
Backup dei dati prima
dell'ottimizzazione
Il processo di ottimizzazione riscrive i file,
di conseguenza è necessario eseguire sempre
una copia di backup dei dati contenuti nel disco
rigido prima di eseguire l'ottimizzazione.
È necessario inoltre utilizzare un'utility del disco
rigido per trovare e riparare eventuali problemi
prima dell'ottimizzazione dei dati. Se sono
presenti danni alle directory del disco rigido
prima dell'ottimizzazione, è possibile che grandi
quantità di dati vengano perse.
In Macintosh, se si dispone di Norton
Utilities, è necessario utilizzare Norton
Utilities 4.0 o versioni successive per
garantire la compatibilità con le
unità HFS+.
Appendice A: Collegamento delle unità SCSI
115
Utilizzo di unità Macintosh su
sistemi Windows
Pro Tools per Windows consente di registrare e
riprodurre le sessioni direttamente da un'unità
formattata per Macintosh (HFS o HFS+)
collegata a un sistema Windows. Questa
funzionalità richiede che tutte le sessioni
Macintosh e i file audio siano memorizzati
su unità formattate per Macintosh.
Attivazione del driver MacOpener
Dopo aver installato MacOpener, è necessario
attivare il driver di MacOpener per montare
le unità HFS e HFS+.
Per attivare le impostazioni del driver
di MacOpener:
1 Scegliere Start > Programmi > MacOpener >
MacOpener Driver Preferences.
2 In Driver Settings selezionare l’opzione Enable
Per montare le unità HFS o HFS+ su un sistema
Windows, è necessario utilizzare l'utility
software MacOpener™ di DataViz. Il programma
di installazione della versione demo di
MacOpener viene incluso come opzione di
installazione in Pro Tools.
Per ulteriori informazioni sulla condivisione
delle sessioni tra i sistemi Macintosh
e Windows, consultare la Guida di
riferimento di Pro Tools.
Installazione dell'utility
MacOpener
Per installare MacOpener:
1 Chiudere Pro Tools, se è aperto.
2 Individuare il file eseguibile macopener (.exe)
nel percorso sopra riportato e fare doppio clic
per avviare il programma di installazione.
3 Per installare MacOpener, seguire le istruzioni
visualizzate.
4 Al termine dell’installazione riavviare il
computer.
116
Guida introduttiva dei sistemi HD
MacOpener Driver.
3 In Extension Mapping selezionare Do not add
the PC extension to the Mac file name.
Montaggio delle unità HFS
Se l'utility MacOpener è installata e attivata,
non è necessario eseguire ulteriori operazioni
per montare le unità HFS. Dopo averle collegate
e dopo avere riavviato il computer, vengono
visualizzate come normali unità di sistema.
Formattazione e aggiornamento
delle unità HFS e HFS+
Sebbene sia possibile utilizzare MacOpener per
formattare le unità HFS e HFS+ da un computer
Windows, questa operazione è sconsigliata con
Pro Tools. Si consiglia di collegare le unità disco
a un computer Macintosh (se possibile) e di
utilizzare il software ExpressPro-Tools (per
Mac OS 9) o ExpressStripe (per Mac OS X) di
ATTO, incluso nel CD Installer di Pro Tools
per Macintosh.
appendice b
Codici di errore DigiTest
Per la versione più recente di DigiTest, visitare il
sito Web di Digidesign (www.digidesign.com).
Codici di errore DigiTest
Codice
Descrizione
Err5
Nel sistema è installato un
numero eccessivo di schede di
questo tipo. Per informazioni sulla
compatibilità, fare riferimento al
sito Web di Digidesign:
Err6
Una scheda è installata in uno
slot riservato. Ad esempio, una
scheda Digidesign è installata
nello slot riservato alla scheda di
interfaccia host dello châssis di
espansione. Fare riferimento ai
capitoli sulla configurazione e alle
relative guide di installazione.
Err1220
La scheda acceleratore SCSI è
installata nello slot errato. Per la
posizione corretta della scheda,
vedere i capitoli relativi alla
configurazione.
Err1221
La scheda interfaccia host
dello châssis di espansione
è installata nello slot errato.
Per la posizione corretta della
scheda, vedere la Guida per
l'espansione dei sistemi.
Codici di errore DigiTest
Codice
Descrizione
Err3
Le schede di differenti sistemi
Pro Tools non sono disposte
correttamente. Vedere i capitoli
sulla configurazione.
Err4
Le schede contrassegnate da
questo errore sono installate
nell'ordine errato. Vedere i
capitoli sulla configurazione.
Appendice B: Codici di errore DigiTest
117
118
Guida introduttiva dei sistemi HD
appendice c
Configurazione di OMS (solo Mac OS 9)
Pro Tools su Mac OS 9 richiede l'applicazione
Open Music System (OMS), inclusa nel
CD Installer di Pro Tools.
OMS dispone delle seguenti funzionalità:
• Consente di sapere quali dispositivi MIDI
sono in uso, come sono collegati e quali patch
vengono utilizzati
• Consente all'hardware MIDI di comunicare
con le applicazioni musicali
• Fornisce servizi di sincronizzazione
e di comunicazione tra le applicazioni
In OMS viene memorizzata una descrizione
dell'impianto MIDI nei documenti Studio Setup
modificabili nell'applicazione OMS Setup.
Una volta configurato OMS, le applicazioni
musicali utilizzate sono in grado di sapere
quali dispositivi MIDI vengono usati facendo
riferimento al documento Studio Setup
corrente.
Configurazione di una nuova
impostazione (New Studio Setup)
(Solo utenti che utilizzano OMS per
la prima volta)
Prima di configurare OMS, verificare che le
interfacce e i dispositivi MIDI siano collegati
in conformità con le istruzioni del produttore
e che siano accesi.
Per configurare una nuova impostazione
New Studio Setup in OMS:
1 Avviare l'applicazione OMS Setup. Se OMS
non è stato ancora configurato, verrà chiesto
di configurare una nuova impostazione New
Studio Setup. Fare clic su OK.
2 Specificare se l'interfaccia MIDI è collegata alla
porta del modem o della stampante. Se si
utilizza un'interfaccia MIDI di tipo USB o PCI,
non selezionare le due porte. Fare clic su Search.
Le sezioni successive forniscono istruzioni
di base relative alla configurazione di OMS.
Per ulteriori informazioni consultare il manuale
in linea OMS Guide installato con Pro Tools.
Porte per la ricerca del driver OMS
Appendice C: Configurazione di OMS (solo Mac OS 9)
119
Vengono così cercati e visualizzati le interfacce
MIDI, le schede MIDI e i driver OMS.
Se l'interfaccia utilizzata non viene individuata,
fare clic su Troubleshoot. Una volta individuata
la propria interfaccia, viene chiesto di cercare gli
strumenti MIDI collegati all'interfaccia stessa.
3 Fare clic su OK per cercare i dispositivi
MIDI collegati all'interfaccia MIDI. Per essere
individuato, il dispositivo deve essere acceso ed
entrambe le porte MIDI devono essere collegate
all'interfaccia MIDI.
I dispositivi non riconosciuti da OMS vengono
visualizzati con un punto di domanda rosso
e viene assegnato loro un nome in base
all'interfaccia o alla porta alla quale sono
collegati. Questi dispositivi possono essere
definiti come necessari all'interno
dell'applicazione OMS Setup (vedere la sezione
"Definizione dei dispositivi MIDI in OMS"
a pagina 120).
4 Fare clic su OK per salvare il documento
Studio Setup.
Definizione dei dispositivi MIDI in OMS
Per definire un dispositivo MIDI in OMS Setup:
1 Fare doppio clic sull'icona del dispositivo
desiderato nella finestra Studio Setup.
2 Nella finestra di dialogo MIDI Device Info
Schermata OMS Driver Setup
I dispositivi MIDI vengono ora cercati e quelli
individuati vengono visualizzati. Può darsi che
alcuni degli strumenti meno recenti, nonché
alcuni di quelli più nuovi, non vengano
riconosciuti dalle routine automatiche di
individuazione di OMS.
selezionare il produttore e il modello del
dispositivo dai menu a comparsa. Se il
dispositivo non è elencato, lasciare
l'impostazione (other) per il modello
e immettere il nome del dispositivo.
Definizione di un dispositivo MIDI
Dispositivo OMD non riconosciuto
120
Guida introduttiva dei sistemi HD
3 Selezionare il canale ricevente per il
Per modificare il nome del driver IAC:
dispositivo. Se si ricevono più canali, selezionare
l'opzione Is Multitimbral.
1 Fare doppio clic sull'applicazione OMS Setup.
4 Se si registra utilizzando il dispositivo in
Pro Tools, selezionare l'opzione Is Controller.
Se il dispositivo sarà una sorgente o una
destinazione per MIDI Time Code, Beat Clock
o MMC, selezionare l'opzione adatta.
2 Nella finestra Studio Setup, fare doppio clic sul
driver IAC.
5 Fare clic su OK.
Disattivazione di Serial DMA in OMS
In Pro Tools è necessario deselezionare l'opzione
Use Apple Serial DMA Driver When Available
in OMS Setup. Se non si disattiva l'opzione,
si verificheranno problemi con le funzioni
di sincronizzazione e MIDI di Pro Tools.
Per disattivare il driver seriale DMA in OMS:
1 Fare doppio clic sull'applicazione OMS Setup.
Finestra Studio Setup con driver IAC
2 Scegliere Edit > Preferences.
3 Deselezionare l'opzione Use Apple Serial DMA
3 Ridenominare "∞ IAC bus #1" come "MMC"
e scegliere OK.
Driver When Available e fare clic su OK.
4 Uscire da OMS Setup.
5 Riavviare il computer.
MIDI Machine Control e driver IAC
Se si desidera utilizzare MIDI Machine Control
(MMC) per la sincronizzazione di Pro Tools
con altri dispositivi o applicazioni MMC,
è necessario rinominare il Driver IAC OMS
e rimuovere il simbolo infinito (∞) dal relativo
nome. Se non si esegue questa procedura,
MMC non funzionerà in modo appropriato.
Ridenominazione del driver IAC
4 Salvare le modifiche.
5 Uscire da OMS Setup.
Appendice C: Configurazione di OMS (solo Mac OS 9)
121
122
Guida introduttiva dei sistemi HD
appendice d
Configurazione di AMS (solo Mac OS X)
In Pro Tools 6.0 le porte dell'interfaccia MIDI
vengono riconosciute come porte generiche.
In Mac OS X, l'utilità Apple Audio MIDI Setup
(AMS) consente di identificare i dispositivi
MIDI esterni collegati all'interfaccia MIDI e di
configurare l'impianto MIDI per l'utilizzo con
Pro Tools.
2 Fare clic sulla scheda MIDI Devices. Verrà
eseguita la scansione del sistema, per la ricerca di
interfacce MIDI collegate. Se l'interfaccia MIDI
è collegata correttamente, verrà visualizzata con
tutte le porte numerate nella finestra.
Per configurare l'impianto MIDI in AMS:
1 Avviare Audio MIDI Setup (disponibile
in Applications/Utilities).
–o–
In Pro Tools scegliere Setups > Edit MIDI
Studio Setup.
Audio MIDI Setup (scheda MIDI Devices)
3 Per i dispositivi MIDI collegati
all'interfaccia MIDI, fare clic su Add Device.
Viene visualizzata l'icona del nuovo dispositivo
esterno, con l'immagine della tastiera MIDI
predefinita.
4 Trascinare l'icona del nuovo dispositivo
in una posizione appropriata nella finestra.
Appendice D: Configurazione di AMS (solo Mac OS X)
123
5 Collegare il dispositivo MIDI all'interfaccia
MIDI facendo clic sulla freccia corrispondente
alla porta di uscita appropriata del dispositivo
e trascinando un collegamento o "cavo" alla
freccia di ingresso della porta corrispondente
dell'interfaccia MIDI.
Icona del dispositivo esterno
2 Selezionare il produttore e il modello
del nuovo dispositivo nei menu a comparsa
corrispondenti. Se i menu a comparsa
Manufacturer e Model non includono il nome
del dispositivo, è possibile digitare un nome.
Creazione di collegamenti di ingresso e uscita MIDI
6 Fare clic sulla freccia corrispondente alla
porta di ingresso appropriata del dispositivo
e trascinare un "cavo" fino alla freccia di uscita
della porta corrispondente dell'interfaccia MIDI.
Per rimuovere un collegamento, selezionare
il cavo e premere Canc. Per eliminare tutti
i collegamenti, fare clic su Clear Cables.
7 Ripetere i punti 3–6 per ciascun dispositivo
MIDI nella configurazione MIDI.
Per configurare un dispositivo MIDI esterno:
1 Selezionare l'icona del dispositivo esterno
e fare clic su Show Info (o fare doppio clic
sull'icona del nuovo dispositivo).
124
Guida introduttiva dei sistemi HD
Assegnazione del nome a un dispositivo MIDI
AMS registra i nomi di modelli e produttori
in uno o più file con estensione ".middev"
nella directory Root/Library/Audio/MIDI
Devices. Pro Tools installa due file di questo
tipo contenenti vari dispositivi MIDI
in commercio. I file sono Legacy
Devices.middev e Digidesign
Devices.middev. Se i nomi del produttore
e del modello corrispondenti ai dispositivi
MIDI esterni utilizzati non sono disponibili
nei menu a comparsa AMS Manufacturer
e Model, è possibile aggiungerli modificando
i file .middev correnti in un qualsiasi editor
di testi (ad esempio TextEdit).
3 Fare clic sulla freccia More Properties
per espandere la finestra di dialogo, quindi
selezionare i canali MIDI appropriati (1–16)
per le opzioni Transmits e Receives. Questa
impostazione definisce i canali utilizzati
dal dispositivo per l'invio e la ricezione
di materiale MIDI.
Selezione dell'icona del dispositivo
Attivazione dei canali MIDI
4 Fare clic sull'immagine del dispositivo.
La finestra viene ingrandita e visualizza le
immagini di vari dispositivi MIDI (quali tastiere,
moduli, interfacce e mixer). Selezionare l'icona
corrispondente al dispositivo.
Per utilizzare icone personalizzate,
è possibile inserire file immagine TIFF nella
directory /Library/Audio/MIDI
Devices/Generic/Images.
Le immagini appariranno come opzioni
selezionabili nella finestra del
dispositivo AMS.
5 Fare clic su OK.
I nomi dei dispositivi specificati appariranno
come scelte di ingresso e uscita MIDI in
Pro Tools.
Appendice D: Configurazione di AMS (solo Mac OS X)
125
126
Guida introduttiva dei sistemi HD
appendice e
Driver Digidesign ASIO (solo Windows)
Introduzione
Prodotti software compatibili
Il driver Digidesign ASIO è un driver audio
multimediale e multicanale che consente
a programmi audio di terze parti che
supportano lo standard ASIO di eseguire
registrazioni e riproduzioni tramite
l'hardware Digi 001.
Le seguenti applicazioni sono state collaudate
con il driver ASIO:
Visitare il sito Web di Digidesign
(www.digidesign.com) per ottenere i driver
di terze parti più aggiornati per l'hardware
Pro Tools LE e le informazioni sui
problemi noti.
Per funzionare correttamente con il driver
ASIO, alcuni programmi di terze parti
devono essere utilizzati nella versione più
recente. Ad esempio, è necessario utilizzare
Steinberg Nuendo v1.5 o successive,
Propellerhead Reason v1.0.1 o successive,
Vaz2010 v1.0.3 o successive e VirSyn
TERRA v1.1R1 o successive.
• Ableton LIVE v1.5
La registrazione full duplex e la riproduzione
di audio a 24 e 16 bit sono supportate alle
frequenze di campionamento riconosciute
dall'hardware e dal programma ASIO utilizzato.
• Arturia Storm v2.0
• Image-Line Fruityloops v3.4
• Native Instruments Reaktor v3.0.5
• Native Instruments Absynth v1.3.2
(modalità standalone supportata
esclusivamente da AudioMedia III)
• Propellerhead Reason v2.0
• Sonic Foundry Acid v4.0
• Steinberg Nuendo v1.5.2
• Steinberg Wavelab v4.0
• STL Vaz2010 v1.0.3
• Virsyn Tera v1.1R1
Per modifiche all'elenco corrente, visitare
il sito Web Digidesign
(www.digidesign.com/download/asio).
Appendice E: Driver Digidesign ASIO (solo Windows)
127
Installazione del driver ASIO
Il driver ASIO viene installato per impostazione
predefinita durante l'installazione di Pro Tools.
Rimozione del driver ASIO
Per rimuovere il driver ASIO dal computer,
eseguire la seguente procedura.
Modifica delle impostazioni
del driver ASIO
È possibile modificare le impostazioni del driver
ASIO nel programma ASIO di terze parti.
Consultare la documentazione fornita con
l'applicazione. Ad esempio, in Propellerhead
Reason, fare clic sul pulsante ASIO Control
Panel (visualizzato di seguito).
Per rimuovere il driver ASIO:
1 Scegliere Start > Impostazioni > Pannello
di controllo.
2 Fare doppio clic sull'icona Installazione
applicazioni.
3 Nell'elenco Programmi attualmente installati,
selezionare Digidesign Pro Tools LE 5.3.3.
Pulsante ASIO
Control Panel
4 Fare clic sul pulsante Cambia/Rimuovi.
5 Modificare l'installazione deselezionando
soltanto l'opzione Digidesign ASIO Driver.
Esempio di modifica delle impostazioni
in Propellerhead Reason
128
Guida introduttiva dei sistemi HD
Pannello di controllo del
driver ASIO
• 1024 campioni
• 2048 campioni
I buffer di dimensioni limitate presentano
il vantaggio di offrire una latenza ridotta nel
percorso di monitoraggio della registrazione.
I buffer più grandi presentano il vantaggio di
ridurre l'incidenza di cadute audio nel driver
ASIO durante la riproduzione e la registrazione.
Pannello di controllo ASIO Digidesign
Il pannello di controllo del driver Digidesign
ASIO non è accessibile nei seguenti casi:
• Quando Pro Tools è in esecuzione.
• Quando si eseguono riproduzioni
o registrazioni in un programma audio
che non supporta il driver ASIO.
• Quando il programma audio di terze parti
utilizzato include un'opzione che consente
di mantenere aperto il driver ASIO anche
quando non si stanno eseguendo
registrazioni o riproduzioni. In tal caso,
per poter aprire il pannello di controllo
del driver ASIO è necessario chiudere
il programma audio.
In alcuni programmi audio di terze parti
l'esecuzione di varie operazioni quali,
l'ingrandimento o la riduzione delle finestre,
causa l'interruzione dell'esecuzione del driver
ASIO e produce imperfezioni nell'audio. Questo
inconveniente può essere ridotto mediante la
scelta di buffer di dimensioni medie o grandi
(ad esempio 256–1024).
La modifica delle dimensioni del buffer per il
driver ASIO non ha effetto sulle impostazioni
H/W Buffer Size della finestra di dialogo
Pro Tools Playback Engine.
Device
Il tipo di dispositivo è sempre impostato
sull'hardware Pro Tools installato.
Controllo Buffer Size
Quando si riproduce un file da un programma
audio client, il file viene suddiviso in buffer e
i buffer vengono inviati al driver ASIO. Il driver
ASIO copia i buffer del programma client nei
buffer dell'hardware Digidesign, con uno
schema di doppio buffering. Il controllo Buffer
Size di questa finestra di dialogo consente di
impostare le dimensioni di ciascuno dei due
buffer utilizzati dal driver ASIO nell'hardware
Digidesign. È possibile selezionare tra le
seguenti dimensioni di buffer:
Pulsante Advanced
Il pulsante Advanced apre la finestra di dialogo
Hardware Setup del sistema Digidesign.
• 128 campioni
• 256 campioni
• 512 campioni
Appendice E: Driver Digidesign ASIO (solo Windows)
129
130
Guida introduttiva dei sistemi HD
indice
Numeri
C
1622 I/O 3
192 Digital I/O 2
192 I/O 2, 33, 64
882|20 I/O 3
888|24 I/O 3
96 I/O 2, 34, 66
cavo adattatore di periferica a 16 canali 22, 47
Channel Strip, controlli
Mute 102
Pan 102
Solo 102
Volume 102
châssis di espansione
configurazione dei sistemi Macintosh 39
configurazione dei sistemi Windows 15
click (metronomo) 82
codice di autorizzazione
Macintosh 57
Windows 27
codici di errore
DigiTest 117
collegamento
dispositivi di sincronizzazione SMPTE 76
dispositivi per effetti 75
impianto di registrazione 71
registratori digitali 74
unità SCSI esterna 111
collegamento di interfacce audio
configurazione dei sistemi Macintosh 45
configurazione dei sistemi Windows 19
configurazione dell'impianto di registrazione
con un mixer 72
senza mixer 73
configurazione di AMS 123
configurazione di OMS 119
convalida del software Pro Tools
configurazione dei sistemi Macintosh 57
configurazione dei sistemi Windows 27
creazione di una nuova traccia 88
A
ADAT
registrazione da Pro Tools 96
registrazione in Pro Tools 95
ADAT Bridge I/O 3
ADAT Bridge I/O 24 bit, interfaccia audio 3
altezza delle tracce
modifica 87
alto livello, formattazione 113, 116
AMS
configurazione 123
Apple, impostazioni software del sistema 49
ASIO, driver 24, 127
audio
importazione 91
indirizzamento 92, 102
tracce 88
automazione 105
creazione 105
modifica 106
avvio del sistema
configurazione dei sistemi Macintosh 53
configurazione dei sistemi Windows 25
B
basso livello, formattazione 114
BIOS SCSI
configurazione dei sistemi Windows 10
BIOS, configurazione 10
Bounce To Disk, comando 106
Indice
131
D
G
DAE, allocazione di memoria aggiuntiva 58
DAT, registratore
collegamento a Pro Tools 74
DigiSerial, porta
configurazione dei sistemi Macintosh 40
configurazione dei sistemi Windows 15
DigiTest
codici di errore 117
configurazione dei sistemi Macintosh 55
dischi rigidi
manutenzione 113
ottimizzazione 115
requisiti 6
requisiti per Macintosh 6
requisiti per Windows 6
Grabber, strumento 99
Grid, modalità 98
E
Edit, finestra 80
Edit, modalità 98
Grid 98
selezione 98
Shuffle 98
Slip 98
Spot 98
Edit, pulsanti della modalità 98
effetti di visualizzazione
configurazione dei sistemi Windows 13
elenco regioni audio 90
elenco regioni MIDI 90
eventi tempo metrico 82
F
fader del volume 102
file delle attenuazioni 79
finestre 80
finestra Edit 80
finestra Mix 80, 102
finestra Session Setup 81
finestra Transport 80, 84
formattazione di unità disco rigido
alto livello 113
basso livello 114
frammentazione 115
132
Guida introduttiva di Pro Tools HD
H
HD Core, scheda
configurazione dei sistemi Macintosh 40
configurazione dei sistemi Windows 15
HD Process, scheda
configurazione dei sistemi Macintosh 40
configurazione dei sistemi Windows 16
I
I/O Setup, finestra di dialogo 84
configurazione dei sistemi Macintosh 67
configurazione dei sistemi Windows 36
IAC, driver
configurazione dei sistemi Macintosh 121
importazione di audio 91
impostazioni di sistema
Macintosh 49
Pro Tools 83
Windows 12
infinito, simbolo
rimozione dal nome del bus IAC 121
ingressi Aux 88, 90, 97, 102
inizializzazione
unità disco Macintosh 112
unità Windows 113
installazione del software Pro Tools
configurazione dei sistemi Macintosh 50
configurazione dei sistemi Windows 23
installazione delle schede Pro Tools
configurazione dei sistemi Macintosh 41
configurazione dei sistemi Windows 17
interfacce audio
collegamento ai sistemi Macintosh 45
collegamento ai sistemi Windows 19
Legacy 3
serie HD 2
L
Legacy, interfacce audio
configurazione dei sistemi Macintosh 46, 66
configurazione dei sistemi Windows 35
livelli in ingresso 93
M
Macintosh
requisiti di sistema
computer 5
dischi rigidi 6
MacOpener 116
mandate 90, 103
assegnazione 103
master fader 88, 90, 104
creazione 104
MIDI 97
collegamenti 76
MIDI Machine Control
configurazione dei sistemi Macintosh 121
MIDI, click 82
MIDI, controlli 82
MIDI, dispositivi
definizione in OMS 120
MIDI, superficie di controllo 106
MIDI, tracce 88, 90
missaggio 102
missaggio secondario 102
Mix, finestra 80, 102
monitoraggio 97
MIDI 97
montaggio di regioni 99
Mute, pulsante 102
O
OMS 52
configurazione 119
definizione dei dispositivi MIDI 120
driver IAC 121
Open Music System (OMS) 119
ordini di riproduzione 101
ottimizzazione delle unità disco rigido 115
P
Pan, dispositivo di scorrimento 102
partizionamento di unità disco rigido 114
Pencil, strumento 99
Playback Engine, finestra di dialogo 83
plug-in 105
posizioni di memoria 86, 88
definizione 86
richiamo 86
Preferences 23, 50, 51
preimpostazioni di zoom
memorizzazione 87
richiamo 87
Pro Tools
apertura di una sessione 79
assegnazione di memoria 57
automazione 105
configurazione dei sistemi Macintosh 57
configurazione dei sistemi Windows 27
controlli di trasporto 84
creazione di una traccia 88
finestre principali 80
impostazioni e risorse del sistema 83
montaggio 98
nozioni di base 79
plug-in 105
registrazione audio 94
registrazione MIDI 96
routing del segnale 102
salvataggio delle sessioni 82
tracce 88
Pro Tools|HD, sistemi 1
R
regioni 99
arrangiamento 100
creazione 99
montaggio 99
trimming 99
registrazione 7
ADAT 95
MIDI 97
su tracce ADAT 96
tracce audio 94
requisiti di sistema 3
Macintosh
computer 5
dischi rigidi 6
Windows
computer 4
dischi rigidi 6
righelli 81
riproduzione
avvio e interruzione 85
ritorni 103
creazione 103
Indice
133
S
Scrubber, strumento 99
SCSI
collegamento delle unità 111
formattazione delle unità 112
lunghezza dei cavi 110
requisiti 109
terminazione 112
Selector, strumento 99
selezioni
Bounce to Disk 106
Session Setup, finestra 81
sessioni 79
creazione 79
duplicazione 83
navigazione 85
salvataggio 79, 82
salvataggio di copie 83
Shuffle, modalità 98
Slip, modalità 98
Smart Tool 99
Solo, pulsante 102
Spot, modalità 98
strumenti di montaggio 99
Grabber 99
Pencil 99
Scrubber 99
Selector 99
Smart Tool 99
Trimmer 99
Zoomer 99
SYNC I/O 77
System Usage, finestra 83
T
TDM FlexCable, cavo
configurazione dei sistemi Macintosh 41
configurazione dei sistemi Windows 16
tempo metrico 82
impostazione 82
terminazione delle unità SCSI 112
tracce
audio 88
creazione 88
ingressi Aux 88, 90, 102
master fader 88, 90, 104
MIDI 88, 90
134
Guida introduttiva di Pro Tools HD
registrazione 94
registrazione MIDI 97
riproduzione 94
riproduzione MIDI 97
tipi 88
Transport, finestra 80, 84
Trimmer, strumento 99
trimming delle regioni 99
W
Windows
configurazione del BIOS 10
configurazione del BIOS SCSI 10
effetti di visualizzazione 13
impostazioni di sistema 12
requisiti di sistema
computer 4
dischi rigidi 6
utilizzo di MIDI 24
Z
Zoomer, strumento 99

Documenti analoghi