http://www.sinedi.com/ Luglio/Agosto 2011 Dave Ulrich, Norm

Commenti

Transcript

http://www.sinedi.com/ Luglio/Agosto 2011 Dave Ulrich, Norm
http://www.sinedi.com/
Luglio/Agosto 2011
CODICE LEADERSHIP
5 REGOLE PER DIRIGERE
Dave Ulrich, Norm Smallwood, Kate Sweetman
Etas, 2009, 161 pagine, 17,50 €
Un primo sguardo
“Che cosa rende grande un leader?” In molti si sono posti questa domanda, alla ricerca di una
risposta che potesse essere utilizzata concretamente nel business. Migliaia di libri
propongono teorie, inquadramenti, modelli e pratiche sulla leadership. Ma dove sono le
risposte chiare di cui c’è bisogno nella vita di tutti i giorni?
Gli autori hanno posto tale domanda a migliaia di amministratori delegati, manager,
accademici e consulenti per sentirsi ripetere sempre la stessa cosa: il grande leader è quello
capace di forgiare il futuro, far succedere le cose, arruolare i talenti di oggi, costruire quelli di
domani e, naturalmente, investire su se stesso.
Queste cinque regole – declinate in questo volume in azioni quotidiane – costituiscono dunque
il nucleo essenziale dell’azione di ogni leader di successo, il Codice Leadership: uno strumento
semplice ed essenziale per cominciare sin dal prossimo lunedì mattina.
Cosa dice
L’obiettivo di questo libro è quello di riassumere in modo chiaro e conciso un vasto numero di
modelli, strumenti, ricerche e sistemi di leadership, individuando
le regole essenziali che guidano il modo di agire dei grandi leader, con un duplice scopo:
1. aiutare i leader a migliorarsi;
2. aiutare i leader a sviluppare una migliore capacità di leadership nella propria
organizzazione.
Gli autori, che nel primo capitolo descrivono cosa sia la leadership ed elencano le cinque
regole fondamentali per essere un buon leader, dedicano un capitolo ad ognuna di queste. Nel
dettaglio:
1. prima regola - immaginare il futuro: questa regola si traduce nella strategia che ogni
leader deve possedere. La strategia risponde alla domanda “dove stiamo andando?” e
fa sì che tutti comprendano questa direzione;
2. seconda regola - realizzare: il leader deve trasformare ciò che sa in ciò che fa. La
capacità di esecuzione di un leader risponde alla domanda “come possiamo assicurarci
di arrivare dove vogliamo?”. L’esecuzione traduce la strategia in azione;
3. terza regola - coinvolgere e gestire i talenti: i leader che sfruttano al meglio i talenti
rispondono alla domanda “chi ci accompagna nel nostro viaggio?”. Gestire dei talenti
significa identificare, far crescere e coinvolgere le persone di valore per ottenere
risultati subito;
4. quarta regola - formare i leader futuri: lo sviluppo del capitale umano risponde alla
domanda “chi sarà in futuro a sostenere l’azienda?”. La gestione dei talenti assicura
risultati di breve termine ottenuti grazie alle singole persone, mentre sviluppare il
capitale umano assicura all’azienda le competenze di lungo termine necessarie al
futuro successo strategico;
5. quinta regola - investire su se stessi: il cuore di Codice Leadership è la competenza
personale. Non è possibile ridurre i leader all’essere efficaci solo per ciò che sanno e
fanno: il loro valore come persone dipende molto da quanti risultati riescono a
raggiungere insieme e grazie agli altri.
Ciascun capitolo è poi arricchito da idee ed esempi pratici tratti dalla realtà del mondo
aziendale che ne facilitano la comprensione.