LIBERTA DI CRITICA E CONFRONTO

Commenti

Transcript

LIBERTA DI CRITICA E CONFRONTO
COME TORNARE A UN CLIMA CIVILE
Libertà di critica e confronto leale - S.Romano - Corriere della Sera - 16-12-09
Vi sono attentati, per quanto insani e feroci, che hanno un disegno e rispondono alla strategia di una
forza politica. Così furono gli attentati anarchici contro re, regine e presidenti fra l’Ottocento e il
Novecento, da quello di Sante Caserio contro il presidente francese Carnot nel 1894 a quelli di Luigi
Lucheni e Gaetano Bresci contro l’imperatrice Elisabetta e Umberto I nel 1898 e nel 1900. Ma ve ne sono
altri che sono soltanto opera di un folle, prigioniero delle proprie ossessioni. Anche questi, tuttavia,
possono essere pericolosi quando, pur senza padri, hanno un gran numero di complici involontari. Il
presidente della Repubblica ha ragione quando ci richiama all’ordine e ci ricorda che abbiamo tutti
l’obbligo di essere in questo momento «allarmati». Nessuno ha guidato la mano dell’attentatore di piazza
del Duomo, ma molti sono coloro che hanno concorso a creare il clima in cui la violenza è diventata
possibile.
Occorre quindi che tutti facciano un esame di coscienza e controllino d’ora in poi le loro parole. Esistono
maggiori responsabilità da una parte o dall’altra? Può darsi, ma il compito di accertarlo toccherà ad altri,
più tardi. Oggi ciò che conta non è la puntigliosa rivendicazione delle proprie ragioni, ma la restaurazione
di un clima civile. A giudicare da ciò che è accaduto ieri alla Camera, prevale invece, sia nell’opposizione
che in certi settori della maggioranza, il desiderio di utilizzare politicamente l’attentato per dimostrare le
colpe e le responsabilità del «nemico ». Assistiamo così a un nuovo paradosso. Tutte le forze politiche
nazionali condannano il gesto di piazza del Duomo e si rallegrano del suo fallimento. Ma parecchi lo usano
per continuare il pericoloso gioco delle accuse reciproche e rischiano di preparare in questo modo altri
scoppi di violenza.
La tregua ha un senso naturalmente soltanto se costruita su un’intesa. Nessuno può chiedere alla
maggioranza e all’opposizione di rinunciare ai loro rispettivi programmi sull’agenda politica del momento,
dai modi per fronteggiare la crisi alle misure sull’immigrazione, dal testamento biologico alla riforma del
sistema scolastico e universitario. Su questi temi è giusto che governo e opposizione si combattano e si
contraddicano, anche duramente. Ma esistono altre questioni — il federalismo, il nuovo Senato, la
riduzione dei parlamentari, i poteri del premier, la nomina e la revoca dei ministri, la riforma dell’ordine
giudiziario — su cui devono lavorare insieme.
Il presidente del Consiglio sostiene che la Costituzione è invecchiata, e ha ragione, anche se dovrebbe
evitare di attaccarne duramente gli organi. Ma esiste davvero qualcuno, nella maggioranza, che voglia
ripetere l’esperienza del precedente governo Berlusconi, quando una riforma votata soltanto dalla
coalizione di governo è stata bocciata dal Paese? Invocare la riforma della Costituzione senza creare le
condizioni perché divenga possibile è un inutile esercizio retorico e, peggio, una pericolosa perdita di
tempo. Berlusconi avrebbe detto a Fedele Confalonieri, dopo l’attentato, che vi sono situazioni in cui da
un male può sortire un bene. Se da questa brutta storia potesse venire un accordo per la riforma delle
istituzioni, tutti, per una volta, ne usciremmo vincenti.

Documenti analoghi