CITAZIONI TRATTE DAI LIBRI DI TERZANI “Facciamo più quello

Commenti

Transcript

CITAZIONI TRATTE DAI LIBRI DI TERZANI “Facciamo più quello
CITAZIONI TRATTE DAI LIBRI DI TERZANI
“Facciamo più quello che è giusto, invece di quello che ci conviene.
Educhiamo i figli ad essere onesti, non furbi. […] Solo se riusciremo
a vedere l’universo come un tutt’uno in cui ogni parte riflette la
totalità e in cui la grande bellezza sta nella sua diversità,
cominceremo a capire chi siamo e dove stiamo”.
(da “Lettere contro la guerra”).
“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i
libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole
silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno
moltissimo, senza chiedere nulla”.
(da “Un indovino mi disse”).
“L’educazione dovrebbe cominciare con l’insegnare il valore della
non violenza, che ha a che fare poi con tutto: col rispettare il
mondo, col pensare che questa terra non te l’han data a te, che è di
tutti e tu non puoi impunemente metterti a tagliare e fare buchi”.
(da “La fine è il mio inizio”)
“In India si dice che l’ora più bella è quella dell’alba, quando la
notte aleggia ancora nell’aria e il giorno non è ancora pieno, quando
la distinzione fra tenebra e luce non è ancora netta e per qualche
momento l’uomo, se vuole, se sa fare attenzione, può intuire che
tutto ciò che nella vita gli appare in contrasto, il buio e la luce, il
falso e il vero non sono che due aspetti della stessa cosa. Sono
diversi, ma non facilmente separabili, sono distinti, ma non sono
due”.
(da “Un altro giro di giostra. Viaggio nel male e nel bene del nostro
tempo”)