Uso del PC in Azienda

Commenti

Transcript

Uso del PC in Azienda
Uso del PC in Azienda
Volete verificare se quello che pensate circa l’uso dei computer nei luoghi di lavoro è vero o falso?
Dopo aver dedicato un articolo ad esaminare le questioni generali in gioco legate a questo tema, facciamo un test per fissare alcuni
punti fermi e sfatare alcuni luoghi comuni. Sei domande e sei rispo-ste, a bruciapelo, per approfondire sul piano pratico un argomento
nel quale gli interessi contrapposti di datore di lavoro e dipendenti spesso rischiano di generare conflitti e violazioni di legge. E ricordatevi che il segreto per rispondere in modo corretto alle domande è uno solo: affrontare sempre le questioni con vero equilibrio in modo
da consentire l’equa gestione delle esigenze reciproche nel ri-spetto dei principi generali.
Il PC messo a disposizione del dipendente è del tutto inaccessibile al datore di lavoro?
La risposta è no. Certamente esso è tutelato dalle norme sulla riservatezza ma resta, ovviamente, proprietà di chi lo ha acquistato.
L’uso di password e login ha la funzione di evitare l’accesso del datore di lavoro al computer del dipendente?
Anche qui la risposta è negativa. Parole d’ordine e identificativo personale servono solo a prevenire accessi non autorizzati ma non
trasformano il computer aziendale in un bene personale del dipen-dente; la sicurezza prevale sulla segretezza.
Per i computer aziendali in rete è sufficiente che l’Impresa informi preventivamente i dipendenti dell’uso di strumenti di
sorveglianza, per rendere legittime queste pratiche?
Qui la risposta è necessariamente articolata perché si tratta del cuore del problema. In realtà, l’informazione è necessaria, ma non
sufficiente per giustificare ad esempio il divieto assoluto di utilizzare Internet per fini non professionali. L’uso deve essere ragionevole,
tale da non mettere a rischio la sicurezza dell’impresa o dell’amministrazione né da compromettere la produttività. Imprese e amministrazioni possono, se lo ritengono compatibile con le esigenze lavorative, installare dispositivi at-ti, ad esempio, a filtrare l’accesso
a siti non autorizzati (pornografici, ad esempio) oppure prevedere, per esigenze di sicurezza, il divieto di scaricare programmi
informatici, di collegarsi a forum di discussione o chat.
Il divieto assoluto di utilizzare la posta elettronica è illecito?
Sì. Il criterio della ragionevolezza e dell’uso socialmente accettabile va tenuto sempre presente. Quello che può essere vietato è l’abuso,
sulla base di criteri predefiniti e accettati dal dipendente. Anche in questo caso, l’eventuale utilizzo da parte dell’impresa o
dell’amministrazione di dispositivi di controllo individuale comporta la necessità di notificare il trattamento e di conservare i dati per un
periodo non eccessivo. Inoltre consultare i rappresentanti del personale e gli organi di rappresentanza dei lavoratori.
Il datore di lavoro può conservare gli archivi delle connessioni (i cosiddetti file di log), che registrano tutti gli accessi e i
tentativi di connessione ad un sistema informatico?
Sì, purché usi questi dati per finalità eminentemente di sicurezza e non di controllo preventivo del lavoratore e di monitoraggio delle
attività dei singoli dipendenti. Il lavoratore deve comunque essere informato dell’esistenza di questo tipo di archivi, della loro finalità di
utilizzo da parte del datore di lavoro e della durata di conservazione dei dati.
È possibile delegare un soggetto al controllo dell’uso di Internet nei luoghi di lavoro?
Senz’altro: se le dimensioni e la struttura organizzativa dell’impresa lo consentono, è opportuno no-minare un Amministratore di
Sistema, responsabile dell’utilizzo dei computer nell’impresa. Avrà il compito di custodire i dati personali raccolti per ragioni di sicurezza
e sarà responsabile della prote-zione della vita privata del lavoratore per prevenire eventuali abusi.

Documenti analoghi