Misure antislot, Consiglio regionale approva proposta di legge al

Commenti

Transcript

Misure antislot, Consiglio regionale approva proposta di legge al
Misure antislot, Consiglio regionale
approva proposta di legge al Parlamento
Tra le novità richieste ulteriori divieti per minori e per la pubblicità, inasprimento del
prelievo fiscale a carico dei concessionari, limitazione delle future licenze alle sole
sale da gioco e più poteri ai sindaci
Milano, 16 aprile 2014 - Via libera da parte del Consiglio regionale alla proposta di
legge al Parlamento per il contrasto alla ludopatia e la razionalizzazione dei punti di
rivendita di gioco pubblico. L’Aula, dopo un dibattito di diverse ore che ha visto l’intervento
dei rappresentanti di tutti i Gruppi, ha approvato con 59 voti favorevoli e 8 astenuti la
proposta uscita la scorsa settimana dalla Commissione Attività Produttive e che, nel
campo del gioco d’azzardo, si aggiunge alla legge regionale in vigore approvata nei mesi
scorsi e già operativa.
In dichiarazione di voto i gruppi di maggioranza e minoranza si sono espressi
favorevolmente. Il Movimento 5 Stelle ha annunciato invece il voto di astensione “perché il
provvedimento prima di approdare all’Aula avrebbe dovuto passare al vaglio della
Commissione Antimafia, passaggio fondamentale per una proposta che va a
regolamentare un settore che attira gli appetiti della criminalità organizzata. Così invece si
delegittima la Commissione antimafia”. Rilievo, questo, respinto dal relatore: “Non è
previsto il passaggio consultivo alla Commissione Antimafia. In ogni caso diversi
componenti che hanno partecipato al gruppo di lavoro sono componenti della stessa
Commissione Antimafia, dunque non è mancata collegialità e informazione sul
provvedimento”.
Cosa si chiede al Parlamento
La proposta di normativa nazionale introduce alcune novità, tra cui l’obbligo per i gestori di
esporre materiale informativo sulle patologie legate alla dipendenza da gioco elettronico.
Vengono irrigidite le misure per vietare il gioco ai minori, a partire dall’accesso stesso
alle sale. Ed e’ vietata la pubblicità in fasce orarie protette, sui mezzi pubblici, a meno di
500 metri dai luoghi sensibili e vengono vietati banner su applicazioni e siti Internet. La
Proposta di legge chiede di inserire il “Gap” nei Livelli essenziali di Assistenza (Lea) e di
istituire un Fondo per la prevenzione, cura e riabilitazione del gioco d’azzardo patologico.
Sale anche il prelievo fiscale a carico dei concessionari “non inferiore al 27% del monte
complessivo delle entrate”. In base a quanto richiesto dai sindaci e da Anci, spetterà ai
Comuni rilasciare l’autorizzazione per l’apertura di sale e l’installazione di videoterminali. Il
testo sottolinea il ruolo dell’Agenzia delle dogane e dei Monopòli per il contrasto al gioco
illegale e alle infiltrazioni criminali e poi vincoli rigidi per la tracciabilità dei flussi finanziari
legali al gioco. La Proposta di legge vieta, inoltre, l’utilizzo di colori, disegni e suoni che
stimolino la continuazione del gioco e il pagamento con carte di debito.
Durante la discussione è stato approvato anche un ordine del giorno presentato dal PD
col quale si impegna la Giunta regionale “a farsi portavoce in Conferenza Stato-Regioni
affinché venga rivista la fiscalità generale del gioco d’azzardo al fine di essere almeno
autosufficiente a sostenere le spese di prevenzione, cure e riabilitazione dei giocatori
ludopatici e delle relative famiglie e non dover ricorrere di conseguenza ad altri fonti di
entrate”